La valorizzazione delle identità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valorizzazione delle identità"

Transcript

1 Atto di Indirizzo del Dirigente con le linee di intervento e gli standard da perseguire per l anno scolastico 2014/2015 e la proposta degli obiettivi del Dirigente per l adeguamento del POF per l anno scolastico Relazione Annuale del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto nella fase di predisposizione del Programma Annuale Il Dirigente Scolastico Visto Il DPR n. 275/99 Regolamento dell autonomia scolastica. Visto L art. 21 co. 16 della L. n. 59/97 che prevede il conferimento della qualifica dirigenziale ai capi d Istituto e l attribuzione alle scuole della personalità giuridica autonoma; Visto L art. 25-bis, co. 2 del D.lgs. n. 29/93, che prevede per il Dirigente Scolastico la gestione unitaria dell Istituzione scolastica, di cui è anche il legale rappresentante; Visto Il D.lgs. n. 165/2001 recante il nuovo assetto della dirigenza scolastica; Visto Il D.I. n. 44 del 1 /02/2001; Visto Il Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133; Visto Il Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti tecnici ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133; Emana Il presente Atto d indirizzo per l a.s. 2014/2015, cui gli Organi Collegiali e il personale docente ed ATA dovranno attenersi per gli ambiti di rispettiva competenza, le funzioni e i profili professionali individuati dalla normativa vigente. Premessa Con il presente Atto d indirizzo, conformemente al D. L.vo 165/2011, vengono diffuse le direttive di massima e obiettivi da conseguire, sulla base dei criteri generali stabiliti dal Collegio dei Docenti per l a.s. 2014/15 e su quanto necessario per l attuazione del vigente Piano dell Offerta Formativa, nonché le linee di fondo e gli orientamenti per la riscrittura e l adeguamento dello stesso P.O.F. nella previsione della nuova organizzazione della Scuola avviata e da completare nel corrente anno scolastico, nella notazione che lo stesso è in fase di redazionale e stampa per la recente determina del C. D. e nella data odierna del C.d.I. Si ritiene opportuna la presentazione del documento nell utilità di raccogliere i contributi, le riflessioni, i suggerimenti e le proposte da parte di tutte le componenti per consegnare nel seguito un Atto che possa pienamente rispondere alle esigenze della scuola, dei nostri alunni, delle famiglie e delle componenti sociali. Per questo il documento sintetizza le priorità e necessità proponendo una mission e i possibili ulteriori percorsi che la scuola può considerare base di discussione per il progress del Piano dell Offerta Formativa. Tanto, ribadendo che il Piano dell Offerta Formativa è il documento identificativo di un istituzione scolastica e rappresentativo delle finalità del processo educativo che l Istituto intende perseguire. E tanto, nell insistenza che il P.O.F., nella specificità di scuola di istruzione superiore di Nuoro Città composita in diversi indirizzi e delle aggregate sezioni di Gavoi, deve rispondere, per quanto possibile, a consecutivi processi di razionalizzazione della rete scolastica, al pieno realizzarsi del processo di riforma nelle classi secondo le indicazioni di nuovo ordinamento e ad esigenze e aspettative sempre perseguite di: scuola inserita nel territorio nel compito di rinforzarne l identità culturale coniugandola con il quadro nazionale dell istruzione; scuola inserita nel territorio nel compito di rispondere pedagogicamente alle esigenze delle famiglie in flessibilità progettuale e di arricchimento dell offerta formativa; scuola di corresponsabilità nel compito di trasparenza e concorso delle e fra le componenti dalla fase di progettazione sino alla condivisione degli esiti. Il Consiglio d Istituto, organo di indirizzo politico-amministrativo (D. Lvo 150/2009), riceve l Atto quale relazione del Dirigente nella finalità di evitare la moltiplicazione di Atti che potrebbero altrimenti apparire od essere percepiti diversi e per questo nella sua dichiarata connotazione è aperto alla discussione e alle proposte in apposita seduta di Consiglio dedicato. 1

2 Il tempo e le condizioni operative non possono fare schermo o giustificare devianza dal principio di Scuola che educa, istruendo, lo studente e il cittadino, accompagnandone il processo di crescita nelle sue molteplici dimensioni. Principio che si concretizza nella pedagogica quotidianità ponendo lo studente al centro delle decisioni e delle scelte e perseguendo, progressivamente, la dinamica dei processi di costruzione delle conoscenze, di acquisizione di capacità, di abilità e di competenze trasferibili; stimolando il saper fare, il saper essere, il saper stare con gli altri; promuovendo l integrazione delle differenze. Su questa base, condivisibile, restano valide le originarie Linee guida indicate nel P.O.F.: L Istituto di Istruzione Superiore Francesco Ciusa è un Istituzione scolastica di Istruzione Artistica e Tecnica nelle percorrenze liceali e tecnologiche. In una realtà sociale ed economica in continua e forte trasformazione e di crescente e generalizzata sofferenza sul versante del lavoro e delle prospettive e, tuttavia, alla ricerca di coerenti riferimenti civili, culturali, etici, dobbiamo offrire percorsi formativi che si arricchiscono della riflessione critica e risposte efficaci per una formazione capace di guardare al futuro senza dimenticare le radici. La strategia formativa dell'istituto deve collocare lo studente al centro del processo educativo, coordinando in maniera ottimale risorse interne ed esterne che permettono di potenziare conoscenze, abilità e competenze. La scuola deve rendere l'apprendimento interessante e significativo incoraggiando i giovani a considerare il proseguimento degli studi come valida alternativa al lavoro. L'Istituto deve inoltre rafforzare la cooperazione internazionale, mediante la partecipazione e progetti europei in rete con altre Istituzioni scolastiche dell Unione. E d obbligo puntare: sull integrazione tra una solida base di istruzione generale e la cultura professionale che consente agli studenti di sviluppare i saperi e le competenze necessari ad assumere ruoli tecnici operativi nei settori produttivi e di servizio di riferimento, considerati nella loro dimensione sistemica; sulla promozione di un insieme di competenze, anche professionalizzanti, descritte nel profilo educativo, culturale e professionale sia generale, sia relativo ai singoli indirizzi. Per l assolvimento dell obbligo formativo, si farà riferimento a: Gli assi culturali dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale e alle relative competenze di base; Le competenze chiave di cittadinanza: imparare ad imparare, progettare, comunicare, collaborare e partecipare, agire in modo autonomo e responsabile, risolvere problemi, individuare collegamenti e relazioni, acquisire e interpretare l informazione. E per questo: Dobbiamo continuare ad operare per prevenire e contrastare la dispersione scolastica e gli abbandoni, motivando gli studenti, rinforzando gli importanti risultati conseguiti. Dobbiamo valorizzare le diverse identità e competenze degli studenti, quale valore e risorsa da far emergere per la loro crescita educativa globale. Dobbiamo utilizzare e potenziare i metodi induttivi, le metodologie partecipative, la didattica di laboratorio, le metodologie progettuali e lavoro di gruppo. La valorizzazione delle identità La valorizzazione delle identità costituisce per il nostro Istituto la dimensione trasversale che permea tutto l impianto educativo e culturale. In tale prospettiva, le problematiche interculturali assumono rilevanza particolare. Il nostro Istituto deve confermare la particolare attenzione all integrazione/inclusione degli alunni diversamente abili in quanto ne accoglie al suo interno un numero sempre crescente. Per questi alunni, sono stati da sempre individuati interventi e progetti che, condivisi, approvati, sono parte integrante delle azioni positive che il nostro Istituto ha inteso mettere in atto, ormai da diversi anni, nella consapevolezza che l integrazione è una ricchezza per tutti. Pertanto obiettivo principale è orientare l alunno verso un percorso scolastico adeguato alle proprie potenzialità, attraverso la costruzione di un programma formativo individuale orientato all acquisizione di competenze didattico/professionali che possono agevolare il suo ingresso, dove è possibile, nel mondo del lavoro o semplicemente agevolarne l inserimento sociale. I nostri alunni devono vivere una scuola aperta, che realizza una integrazione solidale, nella sua dimensione sociale e civile prima ancora che didattica e organizzativa vincendo le resistenze conservative ai vincoli dell aula e anche dell indirizzo; facendo forza delle migliori prassi che hanno ricevuto il consenso dell on.le assessore alla Pubblica Istruzione della R.A.S. In quest ambito ha primaria importanza e va realizzato nella dimensione più ampia il progetto Laboratori del fare che, nell anno in corso, coniugando e integrando tutte le possibili 2

3 direttrici in materia, deve diventare punto definitivo e indicatore di qualità del servizio offerto e nell ambito di intervento e nella diffusione di una metodologia e procedura di riferimento per tutti gli ambiti disciplinari. L alternanza scuola lavoro L alternanza scuola lavoro mira a (D. lgs. 77/05, Art. 2): arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro; favorire l orientamento dei giovani per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali. L Alternanza si propone anche di realizzare risultati positivi per il sistema: realizzare un organico collegamento delle istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro e la società civile; correlare l offerta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio. L alternanza scuola lavoro è una modalità didattica per la realizzazione dei percorsi del secondo ciclo dell istruzione e formazione professionale. E un modo per conseguire il profilo formativo proprio del curriculum, si realizza in: modalità di apprendimento flessibili e equivalenti sotto il profilo culturale ed educativo; periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro e non, che fanno parte integrante dei percorsi formativi personalizzati, volti alla realizzazione del profilo educativo, culturale e professionale del corso di studi e degli obiettivi generali e specifici di apprendimento stabiliti a livello nazionale e regionale. L Alternanza Scuola Lavoro si attua in collaborazione fra scuola e aziende per offrire ai giovani competenze spendibili nel mercato del lavoro e favorire l orientamento. Il giovane impara in contesti diversi, sia a scuola sia in azienda. Le competenze acquisite in azienda concorrono alla valutazione intermedia e finale. L alternanza scuola lavoro si sviluppa nell intero percorso dei cinque anni di studio e si realizza nelle forme di: visite di istruzione in aziende in stage di osservazione, particolarmente indicati per le classi prime per cui gruppi di studenti, guidati da uno o più docenti, possono vivere l atmosfera di un azienda, osservando aspetti dell organizzazione aziendale, singole attività, macchine, processi e approfondendo caratteristiche e ruoli di una o più figure professionali. inserimento nel flusso operativo (dalla classe seconda alla classe quinta) per cui l inserimento di uno studente nelle attività di lavoro di un ufficio/reparto produttivo con affiancamento da parte di un lavoratore esperto permette un contatto più diretto e approfondito con l organizzazione del lavoro e l acquisizione di specifiche competenze tecniche. L esperienza richiede una fase di preparazione a cura della scuola, la costruzione di un progetto individuale, un attento monitoraggio e una valutazione finale di tutti i soggetti che hanno partecipato, dallo studente al tutor scolastico e al tutor aziendale; progetto scuola lavoro per alunni diversamente abili per cui si possono offrire percorsi didattici complementari e/o alternativi all insegnamento curriculare al fine di favorire l orientamento e l inserimento nel mondo del lavoro. Lo scopo è quello di realizzare una buona pratica per favorire l effettivo scambio di esperienze e la diffusione di soluzioni che vanno nella direzione di un progetto di vita dello studente con disabilità. L istituzioni scolastica rilascia, a conclusione dei percorsi di Alternanza, una certificazione relativa alle competenze acquisite nei periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro, tenendo conto delle valutazioni del tutor aziendale. Al riguardo e sempre come buone prassi si sottolineano le positive esperienze realizzate in rete associativa per stage formativi esterni, la realizzazione dei progetti in ambito C.A.T. con l Amm.ne Comunale di Nuoro, i percorsi integrativi con l Associazionismo realizzati dagli studenti del Floris e ultimo, solo in ordine di tempo, l azione di guida svolto in accompagnamento del gruppo dell Università di Hong Kong in visita in Sardegna e nei luoghi deleddiani. Deve costituire obiettivo da realizzare in corso d anno la definizione di un protocollo d intesa e collaborazione e, nel realizzarsi della possibilità, il percorso di formazione in stage di impresa avanzato con il manager della ditta di importanza nazionale, e non solo, Liu Jo. Le aree progettuali Le aree progettuali individuate nel presente atto di indirizzo sono funzionali al raggiungimento delle finalità dell Istituto e sono le seguenti: Sviluppare e potenziare le competenze culturali e professionali con particolare riferimento alle aree di indirizzo; 3

4 Sviluppare e potenziare competenze con riguardo a tematiche che non trovano un specifico spazio nelle attività curriculari ma sono pregnanti per la formazione del cittadino. Sviluppare e potenziare competenze culturali e professionali al fine di costruire un ambiente scolastico in cui gli studenti possano esprimere e vedano valorizzate le proprie potenzialità. Oltre il predicato, che va riflettuto e interpretato per le linee delle discussioni e determinazioni negli OO.CC., il paragrafo vuole nominare oltre quanto declinato nell articolazione del presente atto di indirizzo un ambito progettuale trasversale mirato ad investimenti in conto capitale, attingendo alle risorse possibili, per un aggiornamento e adeguamento delle dotazioni informatiche e multimediali funzionale ad un ancor più elevato livello in ambito di insegnamento, di studio, di metodologia, in tutta sostanza di quotidianità negli indirizzi: Informatico attraverso una nuova installazione di laboratorio informatico performantequanto richiedono i docenti, i programmi e gli alunni, con un numero di postazioni commisurato alle possibilità di accogliere in decoro e assolvere ai bisogni classi sempre più numerose, qui comprendendo anche i bisogni e le richieste dell esterno. In questo processo di rinnovo e reimpiego di strumenti sempre validi va concretizzata la divisione e la realizzazioni di autonome entità di laboratorio per Sistemi ed Elettronica; Liceo Artistico attraverso l acquisizione dei nuovi locali si deve operare per una dislocazione razionale e funzionale di tutti i laboratori, prevedendo in specifico per quelli di Progettazione la dotazione di una Lim e un rinnovo progressivo del laboratorio informatico di indirizzo da realizzare nella prima fase con nuove unità di pc e di tutti i monitor video; Costruzioni Ambiente e Territorio nella sistemazione e adeguamento del laboratorio con unità funzionali a consentire il pieno utilizzo dei programmi di disegno e nel concretizzare la sperimentazione della dotazione di tablet a gruppi classe completi, inizialmente riservando l intervento alle classi 3^ e 4^, tanto in promozione delle eccellenze e nel concorso delle famiglie, contemperando nell intervento una riduzione nella dotazione dei libri in adozione e/o nel ricorso ai benefit delle collaborazioni esterne e di possibili sponsorizzazioni; Sezioni del Floris nel dare risposta alle richieste di docenti e alunni in termini di priorità nell adeguamento di un laboratorio polifunzionale e nel completare lo spazio Auditorium di dotazioni indispensabile e che allo stato ne condizionano pesantemente le possibilità di utilizzo, che nella realtà acquisiscono consistenza di risposta e inclusione al e nel sociale. Per tutte le aule prevedere la progressiva presenza di LIM, anche per interventi di risistemazioni, nelle situazioni verificate in controllo di gestione, di utilizzo parziale o di mancanza e nel reclamo di apertura a laboratori e spazi che in realtà costituiscono aule di fatto. Uffici e spazi di ingresso perché il tempo fa sentire gli effetti e vanno concretizzati interventi di adeguamento e soprattutto punti di informazione agli studenti e all utenza razionalizzando le procedure di lavoro e nella finalità di rispondere meglio nei criteri di trasparenza, di circolazione e completezza dell informazione, in tempestività e, non ultimo, anche di sicurezza e ben essere e ben stare a scuola. C.T.S. che per le linee di svulippo concordate con gli uffici sovraordinati va disegnato a nuova operatività con l adeguamento dei programmi e degli strumenti già individuati nella misurazione in drawboard dell operatività e dei risultati. Promozione della scuola L area della promozione della scuola è finalizzata all operazione di marketing dell Istituto che deve realizzarsi nella partecipazione alle attività e alle proposte progettuali interne ed esterne e al perseguimento del confronto e al lavoro in rete con altre scuole. Sul punto le partecipazioni si sono sempre dimostrate premiate e vincenti e si ricordano a titolo esemplificativo le eccellenze dei parlamentarium a Roma e Bruxelles, il Job&Orienta di Verona, i Certamen deleddiani, il Bicentenario dell Arma dei Carabinieri. La memoria e l elenco più esaustivo sono negli atti della scuola su tutti i versanti e nelle diverse particolarità: dal decoro murale alla sede dell I.C.-Media Borrotzu al dare vivacità alla Via Ballero, passando per il Progetto Generazione Verde. Costituisce obiettivo primario la stampa e la diffusione del Piano di Offerta Formativa nella forma che si va definendo nella fattiva collaborazione di disponibilità e, soprattutto, del Direttore dei SS. GG. e AA., per una realizzazione di qualità, leggibile, rispondente alla particolarità del nostro Istituto e per quando possibile in contenimento di costi. Saranno punto importante di riferimento l installazione ex novo di punti informatici di comunicazione, la realizzazione di una nuova modalità di collegamento telefonico e il potenziamento dell area di cablaggio nell adeguamento alle crescenti necessità di accesso alla 4

5 rete e all utilizzo del Registro elettronico e delle Lim per rispondere in pieno ai bisogni, superando lo stato attuale di sottodimensionamento. Sviluppo organizzativo L avvio dell anno scolastico è stato pesantemente condizionato dalla situazione di assegnazione del plesso Biscollai, a lungo incerto fino a costringere in fase di avvio alla modifica di determinazioni appena assunte. Le situazioni di alta percentuale di studenti pendolari, in tutte le sedi, e le necessità di interventi di manutenzione e di ristrutturazione frenano ancora le potenzialità in termini di frequenza e quindi di profitto e di qualità. E tuttavia l Ufficio sostiene la via di ricerca e di cambiamento proposta a livello di sperimentazione con l introduzione della settimana corta nelle classi del Liceo Artistico per i dati progressivamente raccolti a confermare che la sperimentazione costituisce una risposta adeguata ai bisogni e alle attese anche degli studenti di Città nell obiettivo di questa dirigenza verso il miglioramento e la qualità nella ricerca dell eccellenza e nella garanzia di sostenere tutti senza lasciare un alunno indietro. Deve essere nel nostro modo di operare la visione di: centralità dell'interesse verso lo studente e della soddisfazione delle attese dell utenza; prevenzione della dispersione scolastica e prospettiva crescente del pieno successo formativo; la costanza nel perseguire il ruolo che ci è proprio in ambito territoriale; il passaggio verso una scuola formatrice di competenze culturali e professionalizzanti; la valorizzazione delle risorse umane; il miglioramento costante del clima relazionale e delle condizioni di lavoro. Costituisce e viene perseguito costantemente come obiettivo di funzione il promuovere un sistema organizzativo e di gestione della qualità delle procedure, basato su un utilizzo razionale delle risorse umane e materiali e sulla condivisione di prassi didattiche e valutative, nella valorizzazione delle risorse professionali. L obiettivo è individuato fondamentale nel disegno di scuola-comunità educante, per cui a tutti è richiesto di porre attenzione ancor più agli aspetti relazionali nel rispetto delle regole di convivenza civile e dei Regolamenti e coinvolge tutto il personale della scuola nella convinzione e nel dato di esperienza che percorrenze diverso non sono costruttive, non possono essere vantate come aspetto professionalizzante e marciano contro l obiettivo di innalzamento della qualità e l interesse generale che si concretizza nella già richiamata risposta ai bisogni e alle attese degli studenti e quindi anche della preferenza e delle scelte che ci sono accordate e riconosciute in numeri progressivamente crescenti. A prescindere dalle motivazioni, percorrenze contrarie all interesse generale e alle determinazioni degli organi collegiali e al realizzarsi saranno contrastate con gli strumenti di diritto e sindacali, nel riaffermare che tutte le competenze, tutte le idee e i pensieri debbano concorrere ad una organizzazione propositiva, progettuale ed esecutiva come nei dettami istitutivi della scuola dell autonomia. In questa prospettiva di indirizzo si deve impegnare il personale della scuola e agli stessi, negli spazi di ascolto, di determinazione e di intervento, si vuole coinvolta la famiglia nel ruolo di partner fondamentale nel patto di corresponsabilità e nella valorizzazione della dimensione educativa e di guida significativa degli adulti. Tanto nella finalità di declinare al valore più elevato lo stesso Patto di corresponsabilità, esaltando spazi e momenti di collaborazione. Ne consegue che le risorse economiche e finanziarie che confluiranno alla scuola saranno finalizzate alla realizzazione degli obiettivi previsti nel POF che trovano concretezza nelle progettazioni specifiche, nella relazione sindacale e nella Contrattazione integrativa d Istituto affinché vengano valorizzate le professionalità e riconosciuti gli impegni lavorativi del personale, nell ottica dell equità e della trasparenza. In merito all organizzazione e funzionamento dei servizi generali e amministrativi, ai sensi dell art. 25 del D.Lgs n. 165/2001, per quest Atto di indirizzo, si confermano al Direttore dei SS.GG. e AA., nel rispetto della discrezionalità propria dell ambito della sua direzione e per quanto stabilito nel Piano delle attività del personale ATA, le condivise direttive di massima che costituiscono linee guida, di condotta e di orientamento preventivo sullo svolgimento della sua diretta attività e del restante personale ATA, posto alle sue dirette dipendenze. Il presente Atto, tipico delle gestione delle istituzioni Scolastiche autonome viene acquisito agli atti della scuola, affisso all Albo della scuola, pubblicato sul sito web delle scuola e reso noto ai competenti organi collegiali. Nuoro 26 Novembre 2014 Il Dirigente Scolastico Francesco Cucca 5

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Prot. n.6128 A/19a, 24 Settembre 2015 Atto di Indirizzo del Dirigente scolastico al Collegio dei docenti per l elaborazione del Piano dell offerta formativa Triennio 2016-2019 Il Dirigente Scolastico VISTO

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE FEDERICO CAFFÈ (CON SEZIONI ASSOCIATE : I.T.C.G. FEDERICO CAFFE - I.T.I.S.

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE 2016-2019

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE 2016-2019 ISTITUTO COMPRENSIVO MORTEGLIANO-CASTIONS DI STRADA Via Leonardo da Vinci, 11-33050 MORTEGLIANO (UD) Tel. 0432/761917 Fax 0432/760037 UDIC83900A - C.F. 80005260304 Scuola dell Infanzia Mortegliano, Scuole

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PINO TORINESE Provincia di Torino Via Molina, 21 10025 Pino Torinese (TO) Tel. 011/8117260 Fax 011/8117202 www.pinoscuola.gov.it E-mail: toic85500g@istruzione.it icpino@pinoscuola.it

Dettagli

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO DOSOLO-POMPONESCO-VIADANA Via Colombo 2, 46030 San Matteo delle Chiaviche (MN). Tel. 0375 800041 Fax: 0375 80216 Sito: : www.icdosolopomponescosanmatteo.gov.it

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso (PV) Tel. 0382 969143 0382 960306-fax. 038 2972315 e-mail uffici : sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

Prot. n.4127/a32 Genova, lì 12 ottobre 2015

Prot. n.4127/a32 Genova, lì 12 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALDO Via L. Montaldo, 8 16137 GENOVA Tel. 010/8392409 Fax 010/ 8393429 e.mail geic83000d@istruzione.it www.icmontaldo-genova.gov.it Prot. n.4127/a32 Genova, lì 12 ottobre 2015

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Liceo Classico MEGARA Sezione Scientifica annessa Augusta (SR) Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2014/2015 Il Liceo MEGARA è una scuola profondamente radicata nella realtà territoriale di Augusta

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015

Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015 Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015 Al Collegio dei Docenti E p.c. al Consiglio di Circolo, ai Genitori e al Personale ATA Atti Albo Oggetto: Atto di indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI. All. n.9 IeFP

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI. All. n.9 IeFP ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI Viale Italia n.18-83100 Avellino Sede centrale: Tel.0825 1643184 Fax: 0826 1643182 Succursale: Via Ferrante - tel e fax 0825 36581

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Andrea Mantegna Via G. Gonzaga, 8 MANTOVA Tel.: 0376 320688 Fax: 0376 310580 Cod. Mecc. MNTE01000B www. itetmantegna.it Mail: itetmantegna@itetmantegna.it mnte01000b@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Legnago ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing - Relazioni Internazionali per il Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - Turismo LICEO ARTISTICO PER LA GRAFICA

Dettagli

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N. Prot. n. 3258/A04a Verona, 12 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2014/2015

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2014/2015 PRESENTAZIONE Il Programma Annuale rappresenta lo strumento esecutivo fondamentale per il passaggio dalla fase programmatica all attuazione del Piano dell Offerta Formativa, attraverso l individuazione

Dettagli

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali PROGETTO IL PONTE PROTOCOLLO OPERATIVO PER L ATTIVAZIONE E LA GESTIONE DEI PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO E DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA DEI SOGGETTI CON DISABILITÀ MENTALE LIEVE E MEDIO LIEVE Obiettivi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO Via Roma, 80 80018 MUGNANO DI NAPOLI Telefono/Fax 081-7451142 Distretto 26 Codice NAEE15100R Codice fiscale 80101770636 @-mail: naee15100r@istruzione.it web site: www.cdsequino.gov.it

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Verdellino Scuole dell Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado Largo Cartesio, 1-24040 Verdellino (BG) Tel. 035 884516

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

Prot. n. 2528/A3a Castrovillari, 24 settembre 2015

Prot. n. 2528/A3a Castrovillari, 24 settembre 2015 I.I.S. PITAGORA - CALVOSA SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA.MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI IINFORMATIVI AZIENDALI SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO: COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO ARTICOLAZIONE

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Norme generali per la ridefinizione dell assetto organizzativo didattico dei Centri d istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, ai sensi dell articolo 64, comma

Dettagli

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO LEGISLATIVO Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 15 Maggio 2010, N.88, recante il Riordino

Dettagli

www.retescuole.net RIORDINO DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA

www.retescuole.net RIORDINO DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA www.retescuole.net RIORDINO DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA Riordino degli istituti professionali Introduzione Per il momento sono

Dettagli

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri The object of education is to prepare the young,to educate themselves throughout their

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

PIANO DEL SISTEMA GESTIONE QUALITA

PIANO DEL SISTEMA GESTIONE QUALITA PIANO DEL SISTEMA GESTIONE QUALITA Piano della performance a.s. 2012/2013 Per dare senso al fare della scuola, per rilevare la coerenza tra le dichiarazioni strategiche e politiche, la progettazione dell

Dettagli

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. Alberti INDIRIZZI : AREA ECONOMICA:Amministrazione Finanza e Marketing / IGEA Turismo/ ITER LICEO SCIENTIFICO: Scienze Applicate/Liceo ScientificoTecnologico

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

CONTRATTO DI ISTITUTO A.S. 2010/2011 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTRATTO DI ISTITUTO A.S. 2010/2011 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO CONTRATTO DI ISTITUTO A.S. 2010/2011 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Art. 54 D.lgs. 150/09 Premessa Il Contratto integrativo di istituto per l a.s. 2010/2011 è stato siglato in data 23

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2013/2014

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2013/2014 PRESENTAZIONE Il Programma Annuale rappresenta lo strumento esecutivo fondamentale per il passaggio dalla fase programmatica all attuazione del Piano dell Offerta Formativa, attraverso l individuazione

Dettagli

Prot. n. 7467/H1 Vercelli, 30 settembre 2015

Prot. n. 7467/H1 Vercelli, 30 settembre 2015 Prot. n. 7467/H1, 30 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE

Dettagli

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O GALLICANO scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di I grado Via dei Cipressi, 55027 Gallicano (Lucca) 0583 74019 /74010 e-mail.: luic82400r@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PREMESSA Il Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri è da intendersi quale parte integrante dell assetto regolamentare dell ENAIP Trentino.

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Montebelluna 2 LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Accertata IL CONSIGLIO DI ISTITUTO il DPR 275/99

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015

Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015 Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata. Fasi fondamentali della progettazione

Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata. Fasi fondamentali della progettazione Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata Premessa Fasi fondamentali della progettazione Sulla base di quanto stabilito nel D.Lgs 77 del

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA.

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. UN MODELLO UN MODELLO MARGHERITA LAI SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. Cosa è l Alternanza MODELLI: L alternanza scuola lavoro: UN NUOVO MODO DI FARE SCUOLA SEMINARIO PROVINCIALE

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale CONVENZIONE QUADRO tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Consiglio Regionale della Toscana L', P.I. 80022410486, con sede legale in Firenze, via Mannelli n. 113, rappresentato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Prot. n. 5478/B02 Foggia 09/12/2015 ATTO D INDIRIZZO

Prot. n. 5478/B02 Foggia 09/12/2015 ATTO D INDIRIZZO C.M. FGIC856004 ISTITUTO COMPRENSIVO TEL. 0881-721318 C.F. 94090760714 " ALFIERI - GARIBALDI " FAX 0881-316619 Sito: icalfierigaribaldi.gov.it via Galliani - 71121 Foggia e-mail: FGIC856004@istruzione.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Denominazion ScuoLavoro Alternanza Scuola-Lavoro

Denominazion ScuoLavoro Alternanza Scuola-Lavoro POLO PROFESSIONALE PROVINCIALE ALA PONZONE CIMINO - FORTUNATO MARAZZI Via Gerolamo da Cremona, 23 26100 Cremona Tel. 0372/35179 Fax 0372/457603 C.F. 80003480193 http://www.poloapcmarazzi.gov.it/ email

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo

RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo Piano delle attività (Ai sensi della comunicazione n Prot. n A00DRFR/16 dell 8 gennaio 20010 dell Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia.

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione:

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione: Magenta, 10.11.2015 Circ. n. 58 Al personale docente in anno di formazione in servizio presso l ICS Via S. Caterina Ai docenti con funzione di tutori neo - assunti Oggetto: indicazioni su attività di formazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO Ai Revisori dei Conti Alle RSU dell Istituto Sede Spett.le A.R.A.N. Via del Corso, 476 00186 Roma integrativo@pec.aranagenzia.it Spett.le C.N.E.L. Viale Davide Lubin, 2 00196 Roma trasmissionecontratti@cnel.it

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) C. F. 90016560923 Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/854078 Fax 0781/855471

Dettagli

VISTO l art. 3, DPR 275/99, così come novellato dai commi 14-16, articolo unico L. 107/2015;

VISTO l art. 3, DPR 275/99, così come novellato dai commi 14-16, articolo unico L. 107/2015; Prot. N. 5438/A07 del 28/10/2015 Roma 28 ottobre 2015 Al Collegio dei Docenti Alla Commissione POF Al Consiglio d Istituto Oggetto: Indirizzi del DS per le attività e le scelte di gestione e di amministrazione

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 4726/A19 Calolziocorte, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi Prot. n. 4233 A/19 del 29 settembre 2015 Al Collegio dei Docenti e P.C. Al Consiglio di Istituto Ai Genitori Agli Alunni Al Personale A.T.A. ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

Roma, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3410 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Roma, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3410 AL COLLEGIO DEI DOCENTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO " AUGUSTO " Via Gela, 14-00182 Roma Distretto 17 Cod. Fiscale 80219690585 - Cod.Mec.

Dettagli

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI ISTITUTO DI ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA CAVALESE (TN) INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI REDATTO A.S. 2012-2013 PREMESSA Ai sensi

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.)

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) e CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO (da ora in avanti C.S.V. ) Protocollo d intesa

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO "L. LUZZATTI" SAN POLO DI PIAVE Via Roma, 38-31020 San Polo di Piave (TV) Tel. 0422/855062 C. F.: 80012450260 - C. M.: TVIC86000B - E-mail: tvic86000b@istruzione.it Prot. 5521/C16

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Prot. n 5575/A32 Gabicce Mare, 27 novembre 2010

Prot. n 5575/A32 Gabicce Mare, 27 novembre 2010 I S T I T U TO S T AT A L E CO M P R E N S I VO G. Lanfranco 6 1 0 1 1 - G A B I C C E M A R E (PU) C o n p l e s s i : S c u o l a d e l l i n f a n z i a e p r i m a r i a d i G a b i c c e M a r e e

Dettagli

R.10 Carta della qualità

R.10 Carta della qualità R10 Rev. 01 del 1 settembre 2009 R.10 Carta della qualità 1 CONTENUTO 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. LIVELLO STRATEGICO I. MISSION DELL ISTITUTO II. OBIETTIVI ED IMPEGNI RISPETTO ALLA QUALITA III.

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

vista la legge 15.3.1997, n. 59, con la quale si attribuiscono autonomia e personalità giuridica alle istituzioni scolastiche;

vista la legge 15.3.1997, n. 59, con la quale si attribuiscono autonomia e personalità giuridica alle istituzioni scolastiche; REGIONE PIEMONTE BU8 26/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 febbraio 2015, n. 19-1085 Approvazione schema di Accordo triennale con l'u.s.r. per il Piemonte per la realizzazione a partire dagli

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli