COMUNE DI COLLECORVINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI COLLECORVINO"

Transcript

1 COMUNE DI COLLECORVINO Provincia di Pescara GESTIONE DEI SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI Disciplinare Prestazionale degli Elementi Tecnici di Esecuzione del Servizio Allegato al Capitolato d Oneri Aprile 2014

2 INDICE PREMESSA...3 OBIETTIVI E ORGANIZZAZIONE SERVIZI...3 RIFIUTO SECCO RESIDUO...4 Frazione secca residua - Utenze in Area alta densità...4 Frazione secca residua - Utenze in Area vasta...5 RACCOLTA FRAZIONE ORGANICA...5 Frazione organica - Utenze domestiche in Area alta densità ed Utenze non domestiche...5 Frazione organica - Utenze domestiche in Area vasta...6 RACCOLTA DELLE FRAZIONI VALORIZZABILI...6 Carta e Cartone, Plastica, Vetro e Metalli - Utenze in Area alta densità...6 Carta e Cartone, Plastica, Vetro e Metalli - Utenze in Area vasta...7 RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI PERICOLOSI (Ex RUP)...8 RACCOLTA RIFIUTI INGOMBRANTI E RAEE...8 RACCOLTA RIFIUTI VERDI...9 RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI ABBANDONATI...9 RIFIUTI CIMITERIALI...10 RACCOLTA DEI RIFIUTI DI MERCATI, FIERE, SAGRE E MANIFESTAZIONI...10 PRONTO INTERVENTO...10 PIANO DI COMUNICAZIONE, NUMERO VERDE E CARTA DEI SERVIZI...11 SERVIZI GENERALI AMMINISTRATIVI E TECNICI...11 Centro servizi...11 Ecosportello...12 ALLEGATI A. Dati territoriali B. Elenco personale in servizio C. Standard servizi raccolta D. Elenco prezzi unitari Disciplinare Tecnico - pagina 2

3 PREMESSA L obiettivo primario dei Comune di Collecorvino, di seguito denominato Ente, è di realizzare una gestione efficace, efficiente ed economica del servizio di igiene urbana dei rifiuti per l intero territorio, coinvolgendo l utenza e l I.A. (Impresa Aggiudicataria), prevedendo quindi un sistema in cui le responsabilità di risultato siano condivise tra i diversi soggetti coinvolti nel buon esito del servizio. Il presente Disciplinare, che costituisce parte integrante del Capitolato d Oneri, rappresenta il documento tecnico che deve guidare la redazione dell offerta, da redigersi a cura delle Ditte per l assegnazione dei servizi oggetto dell appalto da svolgersi nel territorio comunale. Il Disciplinare è stato redatto in base ai dati riguardanti le caratteristiche socio-demografiche, urbanistiche, morfologiche e produttive del territorio comunale, e definite in base alle utenze attualmente servite sul territorio- allegato (A). Tutti i dati riportati nel presente documento e negli altri documenti di gara, pur se sufficientemente analitici, devono essere considerati dalle Ditte come puramente indicativi e minimali e non esimono le Ditte stesse dalla verifica e dall approfondimento sul campo preliminarmente alla stesura dell offerta. Pertanto non potranno essere richieste integrazioni contrattuali o maggiori costi a carico dell Ente e/o degli utenti per errate valutazioni della Ditta rispetto alla dimensione ed alle caratteristiche del territorio da servire. La tempistica di avvio dei servizi migliorativi Nelle more dell attivazione dei servizi previsti nel presente Disciplinare, che dovrà avvenire entro 3 (tre) mesi a partire dalla data di avvio dell appalto, formalizzata con verbale di consegna del servizio da redigersi tra le parti, la Ditta dovrà garantire i servizi con le modalità attualmente in essere, senza che questo comporti oneri aggiuntivi per l Ente. Rimane a carico delle Ditte partecipanti provvedere ad una verifica delle modalità operative della gestione attuale. OBIETTIVI E ORGANIZZAZIONE SERVIZI Le scelte organizzative descritte nel presente Disciplinare hanno come priorità il raggiungimento di una raccolta differenziata media annua non inferiore al 65% a partire dall anno 2014 e seguenti (art. 15 del Capitolato d Oneri). La RD verrà calcolata secondo previsto dalla Regione Abruzzo (D.G.R. n.474 del 26/05/2008). Nell organizzazione del servizio di raccolta dovrà essere posta particolare cura a minimizzare i disagi al traffico veicolare e ciclo-pedonale, preferendo l utilizzo di mezzi leggeri; nell offerta tecnica dovrà essere evidenziata la rispondenza dei mezzi utilizzati alle diverse realtà territoriali dell Ente, con particolare riferimento alla capacità dei mezzi in rapporto alla dimensione delle strade; in particolare gli autocompattatori di tipo medio/pesante (PTT superiore a 14 ton) andranno utilizzati solo sulle strade di ampiezza che lo consenta, mentre per le vie di minori dimensioni (Centro Storico) dovranno essere utilizzati mezzi più piccoli. Disciplinare Tecnico - pagina 3

4 I veicoli per la raccolta potranno essere del tipo a compattazione o a vasca semplice, purché l allestimento del veicolo garantisca la perfetta tenuta nel caso di presenza di liquidi. Sarà cura dell I.A. del servizio provvedere affinché nella fase di raccolta e di trasporto dei rifiuti, gli stessi non cadano residui lungo le strade; qualora ciò avvenisse, sarà obbligo dell I.A. rimuovere immediatamente qualunque residuo. Contestualmente alla raccolta dovrà garantirsi la pulizia dell area pubblica utilizzata dall utenza quale sito di deposito del rifiuto fino alla raccolta da parte dell I.A. Il servizio di raccolta dei rifiuti dovrà iniziare entro e non oltre le ore 6.00 è dovrà concludersi in un orario compatibile con gli orari di chiusura dei siti di conferimento; il mancato rispetto dei termini di cui sopra non potrà essere invocato dall I.A. per il riconoscimento di maggiori oneri o pretese economiche. Per esigenze derivanti dall Ente, lo stesso si riserva di modificare i giorni e/o gli orari di ritiro che comunque dovrà avvenire nel rispetto delle modalità di svolgimento del servizio. Il servizio di raccolta domiciliare dovrà essere effettuato attraverso contenitori monoutenza e quindi per singola utenza, distinti per tipologia di rifiuto. Qualora l utenza del servizio di raccolta domiciliare in argomento sia localizzata in palazzine o agglomerati di alloggi regolarmente costituiti in condomini od afferenti ad un unica strada privata, lo svolgimento del servizio potrà avvenire con la dislocazione di appositi contenitori pluriutenza di adeguata capacità volumetrica. Sarà obbligo da parte del condominio provvedere all esposizione sulla pubblica via dei contenitori condominiali, da ubicare nei pressi della recinzione con la strada pubblica, o in alternativa, il condominio dovrà consentire l accesso alla proprietà condominiale, nelle immediate vicinanze dell ingresso; in quest ultimo caso la Ditta appaltatrice sarà obbligata all effettuazione del servizio in conformità a quanto sopra riportato, prevedendo a sue spese le necessarie coperture assicurative. L I.A. dovrà procedere al ritiro dei rifiuti, senza pretendere maggiori oneri. Durante le operazioni di svuotamento sarà compito dell I.A. verificare eventuali errori di conferimento da parte degli utenti. In tali casi non si dovrà procedere al ritiro e dovrà essere apposto sui contenitori e/o sacchi, a cura degli addetti alla raccolta, un talloncino indicante la ragione del mancato ritiro. I contenitori rigidi e i sacchetti previsti per la raccolta domiciliare dovranno essere consegnati all utenza a carico dell I.A. coerentemente con il cronoprogramma approvato dall Ente attraverso gli eco-sportelli od altri front office appositamente costituiti e gestiti dall I.A. stessa. Per eventuali utenze con particolari disagi o difficoltà l I.A. dovrà attrezzarsi per consegnare direttamente a domicilio i sacchetti richiesti dall utente al Numero Verde. Nelle tabelle ALLEGATO C sono riepilogati gli standard minimi dei servizi oggetto del bando. RIFIUTO SECCO RESIDUO Frazione secca residua - Utenze in Area alta densità La raccolta della frazione secca residua dei rifiuti solidi urbani per le utenze domestiche e non domestiche ubicate nell area alta densità, corrispondente almeno all 80% del territorio oggetto di gara (espresso in termini di utenze), dovrà essere garantita con il sistema domiciliare porta a porta, mediante prelievo dei contenitori, forniti dall I.A., che dovranno essere posizionati a cura dell utenza nelle immediate vicinanze dell accesso privato su suolo pubblico o di libero accesso. Disciplinare Tecnico - pagina 4

5 Sono a carico dell I.A. la fornitura e la consegna all utenza domestica e non dei contenitori di colore conforme al documento dell Unione Europea TC 183 WI :2011 avente per oggetto Waste Visual Elements, con riportato il logo dell Ente e le istruzioni sul conferimento, previsti nell appalto. La frequenza del prelievo dovrà essere garantita come da Allegato C. Frazione secca residua - Utenze in Area vasta La raccolta della frazione secca dei rifiuti solidi urbani dovrà essere garantita, nell area vasta corrispondente alla parte restante del territorio comunale, con il sistema domiciliare tipo poker mediante prelievo dei contenitori, forniti dall I.A., che dovranno essere posizionati su suolo privato, nelle immediate vicinanze della strada pubblica, senza che questo comporti alcun costo aggiuntivo per l Ente, o tipo condominio orizzontale mediante svuotamento di contenitori di volumetria adeguata forniti a cura dell I.A., e che dovranno essere ad accesso limitato mediante sistema informatizzato da parte di alcune utenze preventivamente individuate ed essere posizionati all interno di box/casette opportunamente realizzati/e a carico dell I.A., su spazi e strade pubbliche (in maniera tale da non costituire intralcio per il pubblico transito), previa autorizzazione del Comune. Nel caso di sistema tipo poker la Ditta è tenuta a svolgere il servizio accedendo per brevi tratti (max 100 metri) anche su strade e/o aree private, prevedendo quindi eventuali assicurazioni integrative a suo esclusivo onere. Nel caso del sistema poker le utenze afferenti lo stesso contenitore non potranno superare il numero di 6 (sei) unità, mentre per il sistema condominio orizzontale le utenze afferenti la stessa struttura non potranno superare il numero di 40 (quaranta) unità. Sono a carico dell I.A. la fornitura e, per il sistema tipo poker, la consegna all utenza domestica e non dei contenitori di colore conforme al documento dell Unione Europea TC 183 WI :2011 avente per oggetto Waste Visual Elements, con riportato il logo dell Ente e le istruzioni sul conferimento, previsti nell appalto, di volumetria adeguata alle frequenze di progetto. La frequenza del prelievo dovrà essere garantita come da Allegato C. RACCOLTA FRAZIONE ORGANICA Frazione organica - Utenze domestiche in Area alta densità ed Utenze non domestiche La raccolta della frazione umida dei rifiuti solidi urbani per tutte le utenze non domestiche del territorio oggetto di gara e per quelle domestiche ubicate nell area alta densità, corrispondente almeno all 80% del territorio oggetto di gara (espresso in termini di utenze), dovrà essere garantita con il sistema domiciliare porta a porta, mediante prelievo dei contenitori forniti dall I.A., che dovranno essere posizionati a cura dell utenza nelle immediate vicinanze dell accesso privato su suolo pubblico o di libero accesso. Sono a carico dell I.A., la fornitura e la consegna all utenza, dei diversi materiali (i sacchi per l intero periodo contrattuale). La consegna dei sacchi biodegradabili (i sacchi devono essere conformi allo standard europeo UNI EN del 2002) successivamente al primo anno potrà avvenire anche presso punti concordati con l Amministrazione comunale (es.: ecosportelli). Verranno consegnati all utenza domestica dall I.A. n. 2 contenitori rigidi, uno aerato di capacità volumetrica di 10 litri ad ogni utenza, e l altro di capacità variabile a seconda della caratteristica abitativa dell utenza, di colore marrone. Disciplinare Tecnico - pagina 5

6 Verranno consegnati all utenza non domestica (ristoranti, mense, pescherie, negozi ortofrutta e similari) dall I.A. uno o più bidoni carrellati di colore conforme al documento dell Unione Europea TC 183 WI :2011 avente per oggetto Waste Visual Elements, di capacità volumetrica da 120 o 360 litri a seconda delle esigenze dell attività interessata. Tutte le attrezzature, i materiali e quanto altro occorre per la loro corretta esecuzione, saranno a totale carico dell I.A. Tutti i contenitori inoltre dovranno essere provvisti delle dotazioni segnaletiche a norma di legge. Sui contenitori inoltre dovranno essere ben visibili il logo dell Ente, le istruzioni per il conferimento ed il numero verde per le chiamate da parte degli utenti all I.A. Il ritiro avverrà mediante prelievo del sacchetto, in plastica biodegradabile od in carta, fornito dall I.A., inserito all interno dell apposito contenitore rigido, dato in dotazione, che dovrà essere posizionato a cura dell utenza su spazi e strade pubbliche e/o su marciapiede (in maniera tale da non costituire intralcio per il pubblico transito) nelle immediate vicinanze dell accesso privato. Ciascun utente avrà l obbligo di posizionare davanti alla propria abitazione il contenitore rigido assegnatogli in comodato d uso gratuito, e di provvedere alla pulizia dello stesso. La frequenza del prelievo dovrà essere garantita come da Allegato C. Frazione organica - Utenze domestiche in Area vasta Nella zona denominata area vasta la Ditta dovrà prevedere la fornitura di composter a tutte le utenze domestiche garantendo l informazione sulle modalità d uso degli stessi. RACCOLTA DELLE FRAZIONI VALORIZZABILI Carta e Cartone, Plastica, Vetro e Metalli - Utenze in Area alta densità Il servizio di raccolta delle frazioni di rifiuto recuperabili carta, cartone, plastica, vetro e metalli per le utenze domestiche e non domestiche ubicate nell area alta densità, corrispondente almeno all 80% del territorio oggetto di gara (espresso in termini di utenze), dovrà essere garantito con il sistema domiciliare porta a porta, mediante prelievo dei contenitori forniti dall I.A. Il servizio di raccolta della frazione del rifiuto denominato imballi in metallo (alluminio, acciaio, banda stagna) potrà essere svolto, a discrezione della Ditta, in modo congiunto con il servizio domiciliare della plastica o con il servizio domiciliare della frazione vetro. L utenza dovrà depositare i rifiuti oggetto della raccolta opportunamente confezionati all interno dei sacchi e/o contenitori rigidi di varia volumetria depositato presso l ingresso della propria abitazione su spazi e strade pubbliche e/o su marciapiede (in maniera tale da non costituire intralcio per il pubblico transito), nei giorni e nelle fasce orarie prefissate che verranno comunicate alla cittadinanza e compatibili con l espletamento del servizio di raccolta. L operatore della raccolta provvederà al ritiro del materiale depositato ed avrà l obbligo di pulire il punto di conferimento. Verranno consegnati all utenza dall I.A. contenitori rigidi per la raccolta del vetro di colore conforme al documento dell Unione Europea TC 183 WI :2011 avente per oggetto Waste Visual Elements, a scelta dell I.A., contenitori rigidi o sacchi di plastica per la raccolta della plastica (i sacchi per l intero periodo contrattuale) di colore conforme al documento dell Unione Europea TC 183 WI :2011 avente per oggetto Waste Visual Elements, ed, a scelta dell I.A., contenitori rigidi di colore conforme al documento dell Unione Europea TC 183 WI :2011 avente per oggetto Disciplinare Tecnico - pagina 6

7 Waste Visual Elements, o buste di carta per la raccolta della carta/cartone (i sacchi per l intero periodo contrattuale). I contenitori avranno capacità variabile a seconda della caratteristica abitativa dell utenza od a seconda delle esigenze dell utenza non domestica. E assolutamente fatto divieto di deposito del vetro in sacchi. Tutte le attrezzature, i materiali e quanto altro occorre per la loro corretta esecuzione, saranno a totale carico dell I.A. Tutti i contenitori dovranno essere nuovi di fabbrica, provvisti delle dotazioni segnaletiche a norma di legge. Sui contenitori inoltre dovranno essere ben visibili il logo dell Ente, le istruzioni per il conferimento ed il numero verde per le chiamate da parte degli utenti all I.A. Qualora il contenuto fosse difforme, l operatore non effettuerà la raccolta e lascerà presso l utenza una segnalazione, concordata con l Ente (es. adesivo), recante le motivazioni della mancata raccolta. Le utenze dovranno avere cura di piegare e schiacciare gli imballaggi di grandi dimensioni per limitare l ingombro (escluso il vetro). La frequenza del prelievo dovrà essere garantita come da Allegato C. Per gli uffici pubblici e le scuole, dovrà essere effettuato dall I.A. il ritiro dei rifiuti presso aree interne alle utenze, eventualmente localizzando all interno delle recinzioni di tali utenze i necessari e relativi contenitori, senza pretesa alcuna di maggiori compensi da parte dell I.A. In caso di grossi quantitativi di uffici pubblici, si potrà concordare un servizio apposito su chiamata, senza pretesa alcuna di maggiori compensi da parte dell I.A. Carta e Cartone, Plastica, Vetro e Metalli - Utenze in Area vasta Il servizio di raccolta delle frazioni di rifiuto recuperabili carta, cartone, plastica, vetro e metalli per le utenze domestiche e non domestiche dovrà essere garantito, nell area vasta corrispondente alla parte restante del territorio comunale, con il sistema domiciliare tipo poker mediante prelievo dei contenitori, forniti dall I.A., che dovranno essere posizionati su suolo privato, nelle immediate vicinanze della strada pubblica, senza che questo comporti alcun costo aggiuntivo per l Ente, o tipo condominio orizzontale mediante svuotamento di contenitori di volumetria adeguata forniti a cura dell I.A. Il servizio di raccolta della frazione del rifiuto denominato imballi in metallo (alluminio, acciaio, banda stagna) potrà essere svolto, a discrezione della Ditta, in modo congiunto con il servizio domiciliare della plastica o con il servizio domiciliare della frazione vetro. Nel caso di sistema tipo poker la Ditta è tenuta a svolgere il servizio accedendo per brevi tratti (max 100 metri) anche su strade e/o aree private, prevedendo quindi eventuali assicurazioni integrative a suo esclusivo onere. Nel caso del sistema poker le utenze afferenti lo stesso contenitore non potranno superare il numero di 6 (sei) unità, mentre per il sistema condominio orizzontale le utenze afferenti la stessa struttura non potranno superare il numero di 40 (quaranta) unità. Sono a carico dell I.A. la fornitura e, per il sistema tipo poker, la consegna all utenza domestica e non dei contenitori di colore conforme al documento dell Unione Europea TC 183 WI :2011 avente per oggetto Waste Visual Elements, con riportato il logo dell Ente e le istruzioni sul conferimento, previsti nell appalto, di volumetria adeguata alle frequenze di progetto. La frequenza del prelievo dovrà essere garantita come da Allegato C. Disciplinare Tecnico - pagina 7

8 RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI PERICOLOSI (Ex RUP) Il servizio di raccolta della frazione del rifiuto denominato Pile esauste, farmaci scaduti, T/F, neon, etc, (ex RUP) dovrà essere garantito con il sistema dei contenitori specifici presso le utenze commerciali che commerciano tali tipologie di rifiuto o in altri localizzazioni stabilite dall Ente, mediante prelievo degli stessi, eseguito con cadenza minima mensile, e comunque ogni qualvolta il contenitore dovesse risultare pieno, anche con contenitori solo parzialmente riempiti, tramite apposito veicolo furgonato e/o cassonato allestito con contenitori in polietilene (HDPE), debitamente autorizzato, e successivo trasporto verso impianti di smaltimento autorizzati. Inoltre fa parte del servizio la manutenzione ordinaria e straordinaria dei contenitori, nonché la periodica pulizia ed igienizzazione degli stessi. Sarà cura dell I.A. provvedere affinché nella fase di raccolta e di trasporto dei rifiuti, non cadano residui di rifiuti lungo le strade; qualora ciò avvenisse, sarà cura dell I.A. rimuovere immediatamente qualunque residuo. RACCOLTA RIFIUTI INGOMBRANTI E RAEE Si intendono quei rifiuti voluminosi e ingombranti prodotti nell ambito domestico, quali materassi, mobili, divani ecc. ed altri ingombranti, comprendenti anche i beni durevoli (RAEE), identificati dall art. 227, lettera a), del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. quali sono i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche che per un corretto funzionamento dipendono dall'energia elettrica e appartengono a una delle seguenti categorie: grandi elettrodomestici; piccoli elettrodomestici; apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni; apparecchiature di consumo; apparecchiature di illuminazione; strumenti elettrici ed elettronici (ad eccezione degli utensili industriali fissi di grandi dimensioni); giocattoli e apparecchiature per lo sport e per il tempo libero ed altri. Il servizio verrà effettuato mediante raccolta a domicilio su chiamata con evasione delle richieste entro quindici giorni, in giornate prefissate da indicare nell offerta della Ditta e che dovrà essere garantita come da Allegato C. E responsabilità dell I.A. prevedere un servizio che garantisca il ritiro di tutte le richieste nel rispetto dei tempi sopra indicati. La richiesta dell utenza per singolo ritiro non potrà eccedere il numero di tre pezzi. E previsto che il ritiro venga eseguito direttamente presso l abitazione dell utente a piano strada, qualora per problemi legati all orario del servizio non fosse possibile reperire l utenza, verrà richiesto il deposito dell ingombrante sul suolo stradale in adiacenza all abitazione. In questo caso farà parte del servizio la pulizia del punto di conferimento. Durante le fasi di raccolta la Ditta dovrà prestare la massima attenzione affinché, soprattutto per alcune tipologie di RAEE, non sia causata la rottura dell apparecchiatura con conseguente perdita di sostanze pericolose. Per il servizio dovrà essere messo a disposizione un numero telefonico verde con risposta diretta da parte di un operatore nella fascia oraria dalle 9.00 alle 13.00, nonchè un numero fax e un indirizzo e- mail gestiti direttamente dall I.A., che dovranno essere utilizzati anche per tutte le segnalazioni da Disciplinare Tecnico - pagina 8

9 parte degli utenti di necessità, anomalie, ecc., connesse al servizio di igiene urbana, nonché un numero relativo ad una segreteria telefonica attiva 24 ore su 24. L ingombrante e/o il RAEE raccolto verrà successivamente selezionato nelle diverse tipologie (strutture metalliche, mobili, materassi, apparecchiature elettroniche R1-R2-R3-R4-R5, altri ingombranti, etc.) e stoccato in distinti container scarrabili, da ubicarsi a cura e spese dell I.A. presso il proprio cantiere o centro servizi od altra area nel rispetto delle normative vigenti. Il servizio comprende anche la fase di trasporto agli impianti di stoccaggio/deposito, di smaltimento o trattamento. RACCOLTA RIFIUTI VERDI Si intendono quei rifiuti derivanti da attività di manutenzione del verde privato (sfalci, potature, eccetera), esclusi quelli provenienti dalla manutenzione del verde svolta dell Ente. Il servizio verrà effettuato mediante raccolta a domicilio, su prenotazione da parte dell utenza al numero verde, in una giornata prefissata ed indicata nel calendario proposto dalla Ditta in sede offerta. Gli sfalci dovranno essere confezionati in sacchi da massimo 20 kg a cura dell utente mentre le potature in fascine legate. L I.A. dovrà prevedere un servizio garantendo il ritiro a tutte le utenze prenotate sulla base delle frequenze minime di cui all allegato C). E previsto che il ritiro venga eseguito direttamente presso l abitazione dell utente a piano strada. La richiesta dell utenza per singolo ritiro non potrà eccedere il numero di quattro sacchi da 100 litri cadauno o 400 litri complessivi. Le modalità di prenotazione da parte dell utente sono le stesse indicate per i rifiuti ingombranti. Il servizio comprende anche la fase di trasporto agli impianti di smaltimento o trattamento. RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI ABBANDONATI La Ditta aggiudicataria dovrà provvedere alla rimozione di rifiuti ingombranti e di qualunque altro rifiuto abbandonato sul suolo pubblico, classificato come urbano ai fini della raccolta, entro e non oltre le 24 ore successive alla segnalazione da parte dell Ente. Le modalità e condizioni di espletamento di tale servizio dovranno essere definite dalla Ditta concorrente in sede di offerta. La Ditta aggiudicataria dovrà in ogni caso utilizzare mezzi ed attrezzature per l asporto idonei alla tipologia di rifiuti da trasportare. In particolare l I.A., appositamente contattata, dovrà effettuare la raccolta dei rifiuti abbandonati (fino ad un massimo di volume di 5 metri cubi per abbandono) composti di cumuli costituiti da materiale inerte, piccoli rottami, polvere e fanghiglia, materiale cartaceo, materiale vegetale, immondizie varie (anche se non contemplate nel presente elenco). Il servizio comprende anche la fase di trasporto agli impianti di smaltimento o trattamento, esclusi costi di smaltimento/trattamento che sono a carico dell Ente. Qualora tra il materiale rinvenuto si riscontrassero rifiuti classificabili come speciali e/o pericolosi (rifiuti quindi non smaltibili negli impianti per urbani) la Ditta dovrà provvedere a propria cura e Disciplinare Tecnico - pagina 9

10 spese per la raccolta ed il trasporto (anche eventualmente a mezzo di ditte appositamente iscritte nell A.N.G.A.) mentre l Ente si accollerà i soli costi relativi allo smaltimento. Ove l area o le aree risultassero di frequente smaltimento abusivo, la Ditta potrà richiedere all Ente l installazione di sistemi di video sorveglianza. Fermo restando, ove richiesto, che i relativi dati dovranno essere affidati alla Polizia Municipale per azioni di competenza, le spese di installazione, autorizzazione e gestione del sistema saranno a carico dell Ente. RIFIUTI CIMITERIALI L I.A. dovrà provvedere per rifiuti urbani, in tutti i cimiteri ubicati nel territorio dell Ente: a) alla consegna in numero sufficiente e secondo le richieste dell Ente, di contenitori conformi a quelli che verranno utilizzati per le stesse frazioni merceologiche nella raccolta differenziata urbana (bidoni o cassonetti), da posizionarsi all interno delle aree cimiteriali; b) al ritiro, trasporto e recupero delle frazioni secco residuo e fiori/sfalci ed alla raccolta e trasporto delle frazioni non recuperabili inviate all impianto di smaltimento e trattamento, con la frequenza prevista nei servizi di raccolta sopra descritti. RACCOLTA DEI RIFIUTI DI MERCATI, FIERE, SAGRE E MANIFESTAZIONI La raccolta dei rifiuti nelle aree dei mercati dovrà essere effettuata al termine delle attività di vendita ed a zona di mercato sgombra. Nel corso di vigenza dell Appalto, l Ente avrà la facoltà di variare l ubicazione del/dei mercato/i settimanale (sempre comunque nel territorio dell Ente); l Impresa sarà tenuta alla raccolta dei rifiuti nella nuova ubicazione senza richieste di maggiori compensi, indennizzi, risarcimenti. Tutti i mercati dovranno essere interessati da attività di raccolta differenziata con le modalità che la Ditta deve indicare nel progetto offerta. Oltre alla raccolta nelle aree mercatali l I.A. dovrà provvedere alla raccolta nelle aree interessate da sagre, fiere, manifestazioni, feste o mercatini occasionali previa apposita comunicazione, in cui si specificano i tempi e le date dell'evento, da parte dell'ente. In occasione delle fiere, feste, manifestazioni in genere l I.A. è tenuto a fornire e svuotare un congruo numero di contenitori provvisori per la raccolta dei rifiuti in maniera differenziata. La raccolta dei rifiuti nelle aree interessate da tali eventi potrà essere effettuata anche durante lo svolgimento dello stesso, nel caso in cui la durata fosse prevista in più giorni consecutivi. L I.A. dovrà garantire il servizio per tutte le manifestazioni promosse dall Ente o dallo stesso patrocinate con oneri compresi quindi nel canone d appalto, ciò anche se alcuni interventi sono da eseguirsi in giornate festive o in turno notturno, per un numero complessivo di 20 giorni anche non consecutivi (a scelta dell Ente), ma ubicate in unico luogo/frazione. PRONTO INTERVENTO Almeno un addetto ai servizi, nel turno dalle ore 6.00 alle ore 18.00, dovranno essere dotati di un telefono cellulare portatile, così che siano in grado di intervenire prontamente a fronte di segnalazioni operative coordinate tra la Ditta e l Ente. Disciplinare Tecnico - pagina 10

11 PIANO DI COMUNICAZIONE, NUMERO VERDE E CARTA DEI SERVIZI Il progetto proposto dal concorrente, oltre a quanto previsti all art. 29 del Capitolato d Oneri, dovrà prevedere la descrizione della campagna di comunicazione contenente il progetto di comunicazione a regime, comprensivo di caratteristiche dei vettori da produrre distinti in materiali, forniture e contatti con le utenze; il cronoprogramma verrà concordato con l amministrazione. L'impresa appaltatrice si impegna, inoltre, ad attivare uno specifico numero verde con risposta diretta da parte di un operatore nella fascia oraria dalle 9.00 alle per sei giorni alla settimana e segreteria telefonica in orari differenti, e un indirizzo e numero fax gestito direttamente dall I.A. All Impresa spetta anche la redazione della carta dei servizi con lo scopo di informare in modo esaustivo i cittadini sulle prestazioni erogate nella gestione dei rifiuti urbani in esecuzione del presente appalto, attraverso contenuti semplici e chiari e, al tempo stesso, precisi e completi, non tralasciando la particolare cura della presentazione grafica. Essa dovrà comprendere la trattazione almeno dei seguenti argomenti: a) validità e diffusione della carta; b) profilo aziendale; c) principi fondamentali; d) standard di qualità del servizio; e) raccolta rifiuti indifferenziati; f) raccolta rifiuti differenziati; g) centri comunali di raccolta (ecocentri); h) comportamento del personale; i) tutela dell utente e procedure di reclamo e di ristoro/rimedio; j) valutazione del grado di soddisfazione dell utente. SERVIZI GENERALI AMMINISTRATIVI E TECNICI Centro servizi All atto dell avvio dei servizi l I.A. avrà l obbligo di dotarsi di idonea sede logistica localizzata all interno del territorio oggetto di gara, ove, ad ogni effetto, eleggerà il proprio domicilio. Presso tale sede sarà localizzato, tra l altro, il locale ospitante la sede degli uffici che saranno dotati di impianto telefonico con numero verde attivo 24 ore su 24 grazie ad apposito personale addetto, durante il normale turno di lavoro, e segreteria telefonica per le restanti ore, con numero fax e personal computer con apposito indirizzo di posta elettronica. Tale sede rappresenterà il punto di riferimento aziendale e dovrà garantire, costantemente, almeno le seguenti funzioni: 1. Consentire il rapido contatto con l I.A. da parte dei cittadini per richiedere informazioni relative ai servizi di igiene urbana, interventi su chiamata, solleciti e quant altro connesso con la comunicazione permanente con l utenza; Disciplinare Tecnico - pagina 11

12 2. Fornire all'ente un riferimento per ogni comunicazione riguardante il servizio e/o questioni di natura amministrativo-contabile, coordinamento e controllo delle attività aziendali. Nel centro operativo dovrà essere realizzata tutta la logistica necessaria per il coordinamento dei servizi. Il tutto ovviamente nel rispetto delle normative vigenti in materia ambientale e di sicurezza nei luoghi di lavoro. Ecosportello All atto dell avvio dei servizi l I.A. avrà l obbligo di attivare almeno un punto di relazione con l utenza definito ecosportello. Presso tale sede le utenze potranno ricevere informazioni e materiali relativi al servizio di raccolta dei rifiuti, ed in particolare: a) ottenere informazioni sui servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti in merito a modalità di conferimento dei rifiuti, orari, tipi di materiali oggetto di raccolta; b) richiedere l assegnazione o la sostituzione di contenitori; c) prenotare i servizi a chiamata; d) ottenere informazioni sull ubicazione e sugli orari di un eventuale apertura dell Ecocentro; e) segnalare eventuali disservizi e presentare reclami. Presso gli sportelli, negli orari di ricevimento del pubblico dovrà essere presente personale della Ditta. Il calendario della presenza di addetti della Ditta dovrà garantire almeno 12 ore complessive alla settimana distribuite su non meno di due giorni. Tale calendario verrà concordato con l Ente. La gestione del servizio deve essere eseguita con il supporto di un software che consenta: a) di registrare l apertura della richiesta dell utente e la sua chiusura (a seguito della avvenuta esecuzione, da parte dell Impresa, dell attività per rimediare al disservizio o per l esecuzione del servizio richiesto); b) di archiviare le informazioni sulle richieste: dati identificativi dell utente, disservizio lamentato, tipo di informazioni richieste; c) di produrre statistiche sulle richieste con riferimento a: tipologia di utenza (domestiche e non domestica), tipologia dei disservizi o altri eventi (indicando quali) segnalati e di informazioni richieste; d) l accesso da remoto agli archivi da parte dell Ente. Alle segnalazioni di disservizi, l Impresa deve dare rimedio entro ventiquattro ore dalla richiesta dell utente, salvo il caso in cui, la natura del disservizio sia tale da richiedere un intervento urgente, immediato, tempestivo. I servizi su chiamata devono essere eseguiti con le frequenze e le modalità definite nella scheda ad essi dedicata nel presente Disciplinare. Tutti i costi di gestione delle sedi sono a carico dell Ente, ad esclusione dei costi del personale che sono a carico dell I.A. Disciplinare Tecnico - pagina 12

13 ALLEGATO (A) DATI DIMENSIONALI TERRITORIO Tutti i dati riportati nel presente allegato, pur se sufficientemente analitici, devono essere considerati dalle Ditte come puramente indicativi e minimali e non esimono le Ditte stesse dalla verifica e dall approfondimento sul campo preliminarmente alla stesura dell offerta. Informazione Valore Numero di abitanti totali residenti 5999 Numero di famiglie 2191 Produzione rifiuti anno 2013 (ton) Disciplinare Tecnico - pagina 13

14 ALLEGATO (B) ELENCO PERSONALE ATTUALMENTE IN SERVIZIO Elenco personale in forza nelle imprese cessanti addetto in via ordinaria all appalto in applicazione a quanto disposto all art. 6 del vigente CCNL. Numero Soggetto Livello 1 C. M. 3A 2 C. A. 3A 3 D A. N. 3A 4 C. F. 3B ALLEGATO (C) RIEPILOGO STANDARD MINIMI SERVIZI Disciplinare Tecnico - pagina 14

15 C - STANDARD RACCOLTA UTENZE DOMESTICHE E NON DOMESTICHE Frazione/Servizio Zona Frequenza Modalità Dotazione indicativa alle nuove utenze Frazione secco residuo Area alta densità 1 g/sett Porta a porta Contenitori da lt. 40 a lt in base allo stabile ed al tipo di utenza non domestica Frazione secco residuo Area vasta 1 g/sett Porta a porta con sistema tipo condominio orizzontale o poker Dotazione contenitori a singola utenza (o per più utenze in box chiusi ad accesso limitato), in base alle singole esigenze e necessità N. 1 biopattumiera aerata da lt 12 per ogni utenza domestica Frazione organica Area alta densità utenze domestiche 2 gg/sett Porta a porta Minimo n. 150 sacchi biodegradabili da lt 12 ad ogni utenza domestica servita, per l intero periodo contrattuale Contenitori da lt. 25 a lt. 360 in base allo stabile (i bidoni carrellati dovranno essere provvisti di pedale in metallo per apertura) Frazione organica Intero territorio utenze non domestiche 3 gg/sett Porta a porta Minimo n. 150 sacchi biodegradabili di volumetria adeguata ad ogni utenza non domestica servita, per l intero periodo contrattuale Contenitori da lt. 25 a lt. 360 in base allo stabile od al tipo di utenza non domestica (i bidoni carrellati dovranno essere provvisti di pedale in metallo per apertura) Frazione organica Area vasta - Autocompostaggio obbligatorio N. 1 composter da lt 300 o lt 600 per ogni utenza Carta / Cartone (raccolta congiunta) Area alta densità 2gg/mese Porta a porta Contenitori da lt. 40 a lt. 660 in base allo stabile od al tipo di utenza non domestica Carta / Cartone (raccolta congiunta) Area vasta 1 g/mese Porta a porta con sistema tipo condominio orizzontale o poker Dotazione contenitori a singola utenza (o per più utenze in box chiusi ad accesso limitato), in base alle singole esigenze e necessità Disciplinare Tecnico - pagina 15

16 Frazione/Servizio Zona Frequenza Modalità Dotazione indicativa alle nuove utenze Cartone (raccolta selettiva) Area alta densità 2 gg/mese Porta a porta Sfuso o in roller davanti esercizio Plastica Area alta densità 1 g/sett Porta a porta Plastica Area vasta 2 gg/mese Porta a porta con sistema tipo condominio orizzontale o poker Per le utenze domestiche contenitori da lt. 40 a lt in base allo stabile ed al tipo di utenza od in alternativa n. 60 sacchi/anno da lt. 80 ad ogni utenza; per le utenze non domestiche contenitori da lt. 360 a lt. 660 in base al tipo di utenza Dotazione contenitori a singola utenza (o per più utenze in box chiusi ad accesso limitato), in base alle singole esigenze e necessità Vetro Area alta densità 2 gg/mese Porta a porta Contenitori da lt. 40 a lt. 360 in base allo stabile od al tipo di utenza non domestica Vetro Area vasta 1 g/mese Rifiuti Ingombranti e RAEE Porta a porta con sistema tipo condominio orizzontale o poker Dotazione contenitori a singola utenza (o per più utenze in box chiusi ad accesso limitato), in base alle singole esigenze e necessità Intero territorio 1 g/mese a chiamata Prenotazione al numero verde Scarti verde Intero territorio 1 g/mese a chiamata Prenotazione al numero verde Pile, farmaci Intero territorio 1 g/mese Mercati Manifestazioni, sagre, fiere, ecc. Pannolini e pannoloni Nei luoghi indicati dall Ente Nei luoghi indicati dall Ente Secondo frequenze indicate dall Ente Max 20 gg/anno anche non consecutivi Presso rivenditori od altre aree indicate dal Comune Nei giorni indicati dall Ente Nei giorni indicati dall Ente N. 6 contenitori per tipologia per le pile N. 4 contenitori per i farmaci n. 4 contenitori per i T/F Contenitori alla bisogna Contenitori alla bisogna Intero territorio 1 g /sett ( ) Porta a porta Contenitori da lt. 40, n.100 bidoni l anno Disciplinare Tecnico - pagina 16

17 ALLEGATO (D) ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI SOGGETTI A RIBASSO DESCRIZIONE (minimo tre ore di intervento) EURO/ora AUTOCARRO LEGGERO A VASCA (PUT < 3,5 TON) senza autista 15,00 (quindici) AUTOCARRO CON COMPATTATORE (3,5 TON < PUT < 6,0 TON) senza autista 30,00 (trenta) AUTOCARRO CON COMPATTATORE (PUT > 6,0 TON) senza autista 38,00 (trentotto) AUTOCARRO CON CASSONE E GRU' senza autista 27,00 (ventisette) AUTOCARRO LEGGERO A PIANALE senza autista 13,00 (tredici) SPAZZATRICE DA 2 MC senza autista 25,00 (venticinque) SPAZZATRICE DA 4 MC senza autista 30,00 (trenta) SPAZZATRICE DA 5 O 6 MC senza autista 35,00 (trentacinque) AUTOSPURGO senza autista 35,00 (trentacinque) MOTOCARRO A VASCA (MC 2) senza autista 10,00 (dieci) AUTISTA 34,00 (trentaquattro) OPERAIO 30,00 (trenta) DESCRIZIONE (servizi spazzamento ed igiene urbana) EURO/km SPAZZAMENTO MECCANICO CON SPAZZATRICE DA 2 MC 22,00 (ventidue) SPAZZAMENTO MECCANICO CON SPAZZATRICE DA 4 MC 25,00 (venticinque) SPAZZAMENTO MECCANICO CON SPAZZATRICE DA 6 MC 30,00 (trenta) SPAZZAMENTO MISTO CON SPAZZATRICE DA 2 MC 40,00 (quaranta) SPAZZAMENTO MISTO CON SPAZZATRICE DA 4 MC 45,00 (quarantacinque) SPAZZAMENTO MISTO CON SPAZZATRICE DA 6 MC 50,00 (cinquanta) SPAZZAMENTO MANUALE CON PORTER 50,00 (cinquanta) RACCOLTA FOGLIE 150,00 (centocinquanta) ESTIRPAZIONE, SFALCIO MANUALE 100,00 (cento) DISERBO 15,00 (quindici) DESCRIZIONE (servizi vari) EURO/cad. ESPOSIZIONE CONTENITORI E RIPRISTINO (costo a contenitore, minimo 50 contenitori nella stessa giornata) 2,00 (due) SPURGO POZZETTI E PULIZIA CADITOIE (costo a punto, minimo di 150 punti a chiamata) 5,00 (cinque) LAVAGGIO BIDONI E/O CASSONETTI DA LT 80 A LT 1100 (per un minimo di 20 lavaggi a chiamata) CADAUNO 25,00 (venticinque) NOLEGGIO MENSILE CASSONI SCARRABILI (MC > 20) CADAUNO (minimo tre mesi noleggio, compreso posizionamento e ritiro) 80,00 (ottanta) NOLEGGIO ANNUO PRESS CONTAINER (MC 20-25) CADAUNO (minimo due anni noleggio, compreso posizionamento e ritiro) 4.000,00 (quattromila) TRASPORTO CASSONI ENTRO 80 KM DI VIAGGIO (A/R) DA CONFINE COMUNALE - VIAGGIO CADAUNO 180,00 (centottanta) N.1000 Sacchi PET con laccetti da LT ,00 (novanta) N.1000 Sacchi biodegradabili con laccetti da LT ,00 (quarantacinque) FORNITURA PATTUMIERA AERATA DA LT 12 2,00 (due) FORNITURA PATTUMIERA DA LT 25 4,00 (quattro) FORNITURA MASTELLO IMPILABILE DA LT 40 6,00 (sei) BIDONE CARRELLATO DA LT 80 20,00 (venti) BIDONE CARRELLATO DA LT ,00 (ventotto) BIDONE CARRELLATO DA LT ,00 (quaranta) BIDONE CARRELLATO DA LT ,00 (cinquanta)

18 BIDONE CARRELLATO DA LT 240 con pedale CASSONETTO quattro ruote (LT <= 1000) CASSONETTO quattro ruote (LT > 1000) CONTAINER SCARRABILE (15 MC) CONTAINER SCARRABILE (25-30 MC) CONTAINER SCARRABILE con coperchio a chiusura idraulica (25-30 MC) DESCRIZIONE (trasporti) COSTO PER TONNELLATA PER KM PER TRASPORTO RIFIUTO SECCO INDIFFERENZIATO E/O RIFIUTI URBANI INDIFFERENZIATI OLTRE I 200 KM DI VIAGGIO (A/R) DA CONFINE TERRITORIO SERVITO (RIF. ART. 16 CAPITOLATO) COSTO PER TONNELLATA PER KM PER TRASPORTO RIFIUTO ORGANICO E VERDE OLTRE I 200 KM DI VIAGGIO (A/R) DA CONFINE TERRITORIO SERVITO (RIF. ART. 16 CAPITOLATO) COSTO PER TONNELLATA PER KM PER TRASPORTO RIFIUTO INGOMBRANTE E RAEE O ALTRI RIFIUTI NON ESPLICITATI SOPRA OLTRE I 200 KM DI VIAGGIO (A/R) DA CONFINE TERRITORIO SERVITO (RIF. ART. 16 CAPITOLATO) DESCRIZIONE (integrazione servizi domiciliari) PREZZO ANNUO AD UTENZA, IN AREA ALTA DENSITA, PER LA VARIAZIONE DELLA FREQUENZA SETTIMANALE DOMICILIARE IN PIU O IN MENO (importo annuale per utenza servita per un passaggio domiciliare settimanale in più o in meno) PER OGNI SERVIZIO DOMICILIARE DI CUI ALL ART. 1 DEL CAPITOLATO D ONERI, COMMA 1 (è escluso l acquisto e/o la fornitura di eventuali attrezzature o sacchi) (in caso di aumento di frequenza minimo 500 utenze) 50,00 (cinquanta) 150,00 (centocinquanta) 200,00 (duecento) 3.000,00 (tremila) 4.000,00 (quattromila) 4.500,00 (quattromilacinquecento) EURO/(ton. x km) 0,30 (zero virgola trenta) 0,30 (zero virgola trenta) 0,50 (zero virgola cinquanta) EURO/(ut x freq) + o - 30,00 (trenta) I prezzi unitari sono compresivi di spese indirette, generali ed utili di impresa Disciplinare Tecnico - pagina 18

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli