BIESSE Group Policy di gestione del rischio cambio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIESSE Group Policy di gestione del rischio cambio"

Transcript

1 Marzo 2010

2 Indice Premessa Linee guida della risk policy Strutture organizzative coinvolte Attribuzione di mission e responsabilità e relativo sistema di deleghe Modalità di formazione delle esposizioni Il modello standard Modalità di monitoraggio del rischio di cambio Monitoraggio delle esposizioni Indicatori per la misurazione dei rischi Gli strumenti eleggibili per la copertura del rischio cambio Requisiti generali delle operazioni di copertura per la gestione del rischio cambio Gli strumenti eleggibili per la copertura dei rischi...19 Allegato 1: Dettaglio degli strumenti eleggibili...24 A1.1 Forward su cambi...24 A1.2 Requisiti formali obbligatori del contratto Forward...26 A1.3 Cross Currency Option...27 A1.4 Requisiti formali obbligatori dei contratti di Currency Option...30 A1.5 Strategie di copertura Zero Cost

3 A1.6 Requisiti formali di un contratto Cylinder...33 Allegato 2: Esempi di strategie di hedging...34 A2.1 Gestione dei flussi in valuta in entrata tramite FORWARD34 A2.2 Gestione dei flussi in uscita tramite FORWARD...35 A2.3 Gestione dei flussi in entrata tramite Opzioni...37 A2.4 Gestione dei flussi in uscita tramite Opzioni

4 Premessa La presente Policy definisce le linee guida relative alla gestione del rischio cambio generato dal core business del Gruppo Biesse. Il modello di gestione dei rischi è di tipo accentrato: la capogruppo Biesse S.p.A. garantisce un costante presidio del valore aziendale attraverso un monitoraggio attivo delle esposizioni al rischio cambio e la definizione di strategie finalizzate ad una loro mitigazione. Il documento è strutturato come segue: nel Capitolo 1 sono descritte le linee guida della risk policy a cui le unità organizzative coinvolte nel processo di gestione dei rischi si devono conformare; nel Capitolo 2 sono individuate le strutture organizzative coinvolte nel processo di gestione del rischio cambio, le mission/responsabilità di ciascuna struttura ed il relativo sistema delle deleghe. Vengono altresì riportate le modalità di formazione delle esposizioni con riferimento ai modelli di business adottati da Biesse; nel Capitolo 3 sono descritte le misure utilizzate per la gestione del rischio di cambio. Inoltre, è definito il concetto di fair value 1 degli strumenti e gli indicatori di rischio delle esposizioni; nel Capitolo 4 dopo una sintetica definizione del rischio cambio, sono descritti gli strumenti finanziari plain vanilla 2 che nell ambito della presente policy vengono considerati eleggibili ai fini della copertura del rischio cambio. In tale Capitolo è altresì descritto il modus operandi nella costruzione di coperture efficienti. Tale Policy è stata redatta sulla base della struttura organizzativa, della Corporate Governance, delle metodologie e delle procedure per la gestione del rischio cambio attualmente in uso presso il Gruppo, nel rispetto delle Best Practice di mercato. Al fine di garantire un sistema di governo dei rischi in linea con la migliore prassi di mercato ed integrato per le varie classi di rischio, la presente Policy è suscettibile di future integrazioni ed estensioni dovute allo sviluppo: della struttura organizzativa di Biesse S.p.A., attraverso l individuazione di mission e responsabilità delle unità organizzative coinvolte, anche in relazione alle strategie di gestione della finanza di azienda (es. ottimizzazione della struttura del debito, razionalizzazione delle fonti di indebitamento, scelte di allocazione del capitale), 1 Il Fair Value di uno strumento finanziario ne indica il valore di mercato equo definito al momento della valutazione. Per gli strumenti per i quali non sia disponibile un mercato, tale valore è determinato attraverso l applicazione di modelli finanziari. 2 Con il termine Plain Vanilla si indicano gli strumenti derivati tradizionali, caratterizzati da un basso livello di complessità finanziaria (che per loro natura presentano caratteristiche di coerenza rispetto alle caratteristiche dei sottostanti da coprire). 4

5 alla pianificazione finanziaria ed alla gestione del rischio tasso di interesse; delle modalità di gestione del sistema dei pagamenti in valuta tra Capogruppo e Filiali estere, al fine di ottimizzare la gestione dei rischi per l intero Gruppo; del sistema di limiti operativi, che permetta di identificare le linee di responsabilità e di competenza nella gestione del rischio di cambio coerentemente con il modello organizzativo individuato; delle unità organizzative dedicate al monitoraggio dei rischi (Internal Audit/Controllo di Gestione). 5

6 1 Linee guida della risk policy La policy prevede una gestione accentrata sulla Capogruppo del rischio cambio. L ambito di applicabilità della medesima è circoscritto alla gestione dell esposizione al rischio di cambio avente impatto a livello di Bilancio Individuale di Biesse S.p.A. Tale esposizione è derivante da: deal intercompany intercorsi fra Biesse Spa e Filiali Estere Commerciali; vendite dirette di Biesse Spa alla clientela finale; deal intercompany intercorsi fra HSD Spa (Società facente controllata da Biesse S.p.A.) e la relativa Filiale Commerciale Estera americana 3. In ogni caso non è obiettivo della policy la stabilizzazione dei flussi valutari derivanti dalle vendite effettuate dalle Filiali Estere alla clientela finale, ossia non è obiettivo della policy disciplinare la gestione/stabilizzazione dei margini commerciali generati dalle Filiali Estere. Le singole Filiali Commerciali estere che generano le esposizioni in valuta si incaricano di fornire alla Capogruppo in modo tempestivo, completo ed accurato tutte le informazioni gestionali necessarie a supportare un efficiente processo di mitigazione dei rischi a livello accentrato. Di seguito si riepilogano le linee guida a cui si devono conformare le unità organizzative coinvolte nel processo di gestione dei rischi: La Capogruppo Biesse S.p.A. garantisce un costante presidio del valore aziendale attraverso un monitoraggio attivo delle esposizioni al rischio cambio e la definizione di strategie finalizzate ad una loro mitigazione (i.e. active hedge). La Capogruppo Biesse S.p.A. ha l obiettivo strategico di stabilizzare i flussi di cassa (cash flow hedge) rivenienti da vendite dirette e da operazioni commerciali/finanziarie intercompany (prestiti in valuta intercompany). L orizzonte temporale del processo di copertura dei rischi di cambio coincide con l orizzonte temporale derivante dal portafoglio ordini e/o del sottostante oggetto di copertura. La strategia di copertura di Biesse S.p.A. non prevede la copertura di flussi di budget. Nell ordinaria attività di monitoraggio e gestione del rischio di cambio, la 3. HSD S.p.A. ha 2 filiali estere: HSD USA e HSD Deutschland (entrambi operano autonomamente nelle vendite e nel servizio di assistenza tecnica). Le sole transazioni commerciali fra HSD Spa e HSD USA generano esposizione al rischio di cambio. 6

7 capogruppo Biesse S.p.A. ha l obiettivo di minimizzare l esposizione al rischio e le perdite correlate. In una logica di continua riduzione dei rischi di perdita, la Capogruppo ha l obiettivo di minimizzare i costi legati all utilizzo degli strumenti di copertura indipendentemente dalla congiuntura economica, dalla visibilità e dalle aspettative di mercato della Direzione Amministrazione Finanza e Controllo. Le singole Filiali Estere non hanno facoltà di negoziare strumenti derivati a copertura del rischio cambio, salvo le eccezioni di seguito individuate. Nell ambito dei processi di monitoraggio dei rischi, la capogruppo Biesse S.p.A. adotta una logica di misurazione quantitativa dei rischi, sia nell analisi delle esposizioni valutarie, sia nella valutazione di efficienza di operazioni in strumenti derivati negoziati per finalità di copertura. 7

8 2 Nell ambito del presente capitolo si riporta la descrizione dei ruoli e delle mission delle varie strutture organizzative coinvolte nel processo di gestione dei rischi cambio, il sistema di deleghe, nonchè la descrizione delle modalità di formazione delle esposizioni a partire dalla struttura del business del Gruppo Biesse. 2.1 Strutture organizzative coinvolte Le strutture organizzative coinvolte nel processo di gestione del rischio di cambio sono: Consiglio di Amministrazione. Comitato governance. Management meeting Direzione Amministrazione Finanza e Controllo, con particolare riferimento al servizio Finanza. Amministrazione (Contabilità/Bilancio). Internal Auditing. Controllo di Gestione. 2.2 Attribuzione di mission e responsabilità e relativo sistema di deleghe Sono di seguito rappresentate le mission e le responsabilità, in relazione alla gestione del rischio cambio, delle strutture aziendali precedentemente individuate: Strutture organizzative Capogruppo Consiglio di Amministrazione Funzioni Definisce le linee guida per la gestione del rischio di cambio Delega al Comitato rischi il controllo della gestione del rischio di cambio Autorizza l adozione della Policy e delle relative deleghe operative. Responsabilità Definizione degli obiettivi strategici per la gestione del rischio di cambio del Gruppo Autorizza l adozione della Policy quale strumento di gestione, monitoraggio e controllo del rischio. Delega al Comitato rischi l adozione delle strategie ritenute più consone per la gestione, il monitoraggio ed il controllo del rischio in linea con gli 8

9 Strutture organizzative Capogruppo Funzioni Responsabilità obiettivi strategici prefissati. Ratifica l operato del Comitato Rishi sulla base del Reporting predisposto dalla Direzione Amministrazione Finanza e Controllo. Comitato Governance Supervisiona e indirizza l operatività finanziaria per la gestione del rischio cambio. Il comitato si compone di: Amministratore Delegato Direzione Amministrazione Finanza e Controllo - CFO Definisce operativamente le linee guida strategiche da inserire nella policy da sottoporre all autorizzazione del Consiglio di Amministrazione; Analizza gli impatti operativi; Definisce le regole di gestione e le modalità di controllo. - Responsabile Finanza Responsabile Internal Audit Management meeting Top Management di riferimento operativo per l applicazione della policy Supervisione operativamente la corretta applicazione della policy analizzando periodicamente la reportistica finanziaria di riferimento Il comitato si compone di: Amministratore Delegato; Direzione Amministrazione Finanza e Controllo; Top Management di riferimento operativo per l applicazione della policy Sulla base del Reporting elaborato dalla Direzione Finanza, analizza la struttura finanziaria e l esposizione al rischio di cambio relativamente al periodo di osservazione. Definisce, sulla base delle indicazioni della Direzione Amministrazione Finanza e Controllo e coerentemente con le linee guida e gli obiettivi strategici della Policy, le strategie di copertura del rischio di cambio relativamente al periodo di osservazione. Verifica, in occasione di ogni convocazione e sulla base del Reporting predisposto dalla Direzione Amministrazione Finanza e Controllo, le operazioni di copertura poste in essere e validate dal Servizio Controllo di Gestione e Internal Audit per il controllo interno e le ratifica. 9

10 Strutture organizzative Capogruppo Funzioni Responsabilità Direzione Amministrazione Finanza e Controllo Rende operative le indicazioni strategiche dell amministratore delegato riportate nelle linee guida della policy Gestisce e coordina le attivita del Servizio: - Finanza - Controllo di Gestione - Amministrazione Presidia i flussi di cassa valutari di gruppo ed è responsabile della gestione del rischio cambio correlato. Sottopone all attenzione del Comitato rischi le operazioni di copertura effettuate mensilmente Recepisce i risultati delle analisi relative agli indicatori per la misurazione del rischio cambio sulle esposizioni in essere. Finanza Gestisce la liquidità (cash management), e l indebitamento a breve, a medio e lungo termine in valuta. Gestisce le operazioni di copertura del rischio di cambio al fine di perseguire una struttura finanziaria ottimale, coerentemente con gli obiettivi definiti nella Policy. Predispone la policy per la gestione del rischio di cambio per l approvazione del Comitato rischi e, quindi, del Consiglio di Amministrazione. Sottopone (o propone) al CFO le strategie di copertura e le differenti forme tecniche utilizzabili, sulla base delle analisi e delle informazioni di mercato. Garantisce l esecuzione (execution) delle operazioni di copertura del rischio cambio approvate. Responsabile dei processi di valutazione periodica del fair value degli strumenti finanziari derivati in posizione e del processo di stima delle variazioni di fair value generate dalle oscillazioni del tasso di cambio spot e delle variazioni di fair value generate dalle oscillazioni dei punti a termine (per finalità di hedge accounting). Responsabile dei processi di verifica dei profili di efficacia delle operazioni di copertura in ottica ex-ante ed expost, sulla base dei modelli di hedge accounting del cash flow hedge e di copertura del net investment. Trasmissione al servizio amministrazione di tutti i dati quantitativi necessari per le scritture contabili connesse alla 10

11 Strutture organizzative Capogruppo Servizio Amministrazione (Contabilità/Bilancio) Funzioni Responsabilità rappresentazione contabile dei derivati. Responsabile dell associazione contabile tra ogni derivato in posizione e le esposizioni oggetto di copertura ed al successivo monitoraggio delle relazioni stesse al fine di identificare per ogni data di reporting la percentuale di relazione di copertura oggetto di discontinuing Elabora i report sulle misure di rischio e le sottopone al CFO, ed al Comitato Rischi. Definisce le regole di contabilizzazione degli strumenti di copertura del rischio cambio, previa condivisione con il Servizio Internal Audit. Verifica le posizioni in essere ed effettua la quadratura tra le posizioni censite nel sistema di position keeping della Finanza con il sistema di contabilità e con le confirmation delle operazioni inviate dalla controparte finanziaria. Recepisce dal servizio Finanza la documentazione formale a supporto delle relazioni di hedge accounting. Controllo di Gestione Verifica periodicamente che l entità dei rischi di cambio assunti dal Gruppo siano coerenti con gli obiettivi strategici in materia di rischio definiti dall alta direzione. Verifica la corretta alimentazione delle operazioni per la gestione del rischio cambio nel sistema di Finanza (position keeping) e nel sistema di contabilità /gestionale e la conformità delle conferme (confirmation) ricevute dalle controparti con le singole operazioni di copertura realizzate dal Servizio Finanza. Analizza le caratteristiche delle operazioni e degli strumenti finanziari negoziati dal Servizio Finanza, gli algoritmi di pricing, le posizioni in essere e l esposizione al rischio di cambio, verificando la correttezza delle elaborazioni sulla base dei dati di pianificazione finanziaria e dei dati di mercato a disposizione. Recepisce dal Servizio Finanza il dettaglio delle esposizioni in cambi e dei rispettivi derivati di copertura, verificando che il rischio residuo aperto sia al di sotto delle soglie di tolleranza definite dal Comitato Rischi. 11

12 Strutture organizzative Capogruppo Funzioni Responsabilità Servizio Audit Internal Controllo della corretta applicazione delle Policy e delle procedure applicate per la gestione del rischio cambio Verifica la corretta applicazione della Policy approvata dal CdA da parte delle strutture operative, con particolare riferimento ai requisiti formali. Biesse S.p.A. conviene di attribuire, nel rispetto e nei limiti previsti nella presente policy, i seguenti poteri di delega definiti in rapporto alla tipologia di strumenti. Nominativi abilitati Società Funzione Strumenti di copertura Dott. S.Porcellini Biesse S.p.A. CFO Tutti gli strumenti eleggibili Dott. A.Amurri Biesse S.p.A. Responsabile Servizio Finanza Tutti gli strumenti eleggibili Gli strumenti di copertura eleggibili definiti in tabella sono negoziabili con un limite di quantità nozionale tale da garantire un livello di copertura delle esposizioni al rischio cambio generate dall attività industriale del Gruppo Biesse (ordini-fatturefinanziamenti) compreso tra il 70% ed il 120%. Nei limiti dei rispettivi poteri di delega sopra riportati, il CFO ed il Responsabile del Servizio Finanza hanno la facoltà di: definire i parametri di prezzo e di contratto nel rispetto dei principi definiti dalla Policy in materia di rischio cambio; procedere alla chiusura delle operazioni telefonicamente, attraverso conferma elettronica via o attraverso sistemi informatici dedicati. L eventuale modifica relativa all attribuzione dei suddetti poteri di delega alla contrattazione e chiusura delle operazioni deve essere autorizzata ed approvata dal Chief Executive Officer (CEO) e deve essere successivamente inclusa a corredo della presente Policy. 12

13 2.3 Modalità di formazione delle esposizioni Le esposizioni in cambi in capo a Biesse S.p.A. sono di natura finanziaria / transattiva e sono generate sulla base di due differenti modelli di vendita: Vendita diretta di ricambi e/o macchinari al cliente finale ad un prezzo espresso in una valuta diversa dalla valuta di conto di Biesse S.p.A. Vendita indiretta di ricambi e macchinari al cliente finale mediante l intermediazione di una Filiale estera. La vendita diretta genera rischio di cambio in capo a Biesse S.p.A. in quanto le transazioni sono effettuate nella valuta funzionale del paese compratore, sulla base di un tasso di cambio rispetto all euro fissato al momento della ricezione dell ordine. Nell ambito della vendita indiretta, Biesse S.p.A. si avvale di una serie di società commerciali controllate che seguono la vendita dei ricambi e dei macchinari nei rispettivi mercati locali. In particolare, di seguito si riporta l elenco delle società che originano per la Capogruppo un esposizione al rischio di cambio: 1 Biesse Canada 2 Biesse America 3 Biesse Group Uk 4 Biesse Group New Zealand 5 Biesse Group Australia 6 Biesse Manufacturing India* 7 Biesse Asia 8 Biesse Schweiz GmbH Il modello standard Le Filiali Biesse America, Biesse UK, Biesse Canada, Biesse Australia, Biesse New Zealand, e Biesse Schweiz GmbH presentano una struttura di costi e ricavi denominati nelle rispettive valute di riferimento. Biesse S.p.A. provvede a fatturare le forniture di 13

14 macchinari e ricambi in valuta locale. Pertanto, esse sono da considerarsi neutrali al rischio di cambio. Biesse S.p.A. stipula con le suddette società dei contratti di vendita (internal deal) di ricambi e macchinari. Relativamente al comparto ricambi, le transazioni con le Filiali Estere sono frequenti e generalmente hanno ad oggetto importi limitati. La Direzione Finanza accede all informazione dei crediti in essere e relativi tassi di cambio applicati attraverso il sistema di contabilità (Formula). Il fixing del tasso di cambio applicato alla vendita di ricambi è rivisto su base mensile. Relativamente al comparto macchinari, le vendite si caratterizzano per transazioni meno frequenti aventi importi più rilevanti. La procedura di vendita, che può avvenire per finalità di vendita diretta o per finalità di stock, prevede la predisposizione del Modulo Trasmissione Ordine (MTO), documento attraverso il quale la Filiale Estera comunica a Biesse S.p.A. i dettagli dell ordine concordato con il cliente finale, ovvero di un ordine trasmesso per finalità di stock. Il prezzo delle transazioni per la compravendita di ricambi e macchinari viene determinato nella valuta locale della società acquirente al momento della stipula del contratto di acquisto sulla base del livello del cambio spot. In questo modo Biesse S.p.A. accentra presso di se il rischio di oscillazione dei tassi di cambio delle valute estere nei confronti dell euro per il periodo che va dalla fissazione del prezzo fino alla data di incasso dalla Filiale o da clienti finale (nel caso di vendita diretta). Le Filiali Estere non hanno pertanto alcun titolo per la gestione e la mitigazione del rischio cambio, in quanto le strutture di costi e ricavi sono espresse nella medesima divisa funzionale. Eccezione al modello standard Per quanto riguarda la gestione del rischio di cambio relativo alle transazioni che coinvolgono la società Biesse Manufacturing Bangalore (India), pur avendo anch essa una struttura di costi e ricavi denominati nella sua divisa di riferimento (rupia indiana), per la sua specifica attività rappresenta un eccezione rispetto al modello standard. In particolare la società indiana oltre a ricevere prodotti finiti e componentistica dall Italia venderà a sua volta macchinari, sia sul mercato locale sia verso altri paesi creando così differenti situazioni di rischio potenziale. I principali paesi coinvolti in questa attività sono al momento: Australia New Zealand Cina 14

15 Singapore U.S.A. Canada Italia Centro-Sud America I flussi di vendita della società indiana, così come quelli di acquisto, saranno denominati in Rupie evitando così l assunzione di ogni rischio di cambio in capo alla stessa società. Al contrario gli acquirenti non-indiani avranno un potenziale rischio di cambio da neutralizzare (es. aud/inr-usd/inr). L atipicità e la difficoltà di accedere ad operazioni di hedging verso la Rupia Indiana oltre la cronica e storica debolezza della stessa potranno consentire alle Filiali interessate di non porre in essere specifiche coperture se non a fronte di ben determinate casistiche o fasi di elevata volatilità dei mercati. Tutte le entità coinvolte nei flussi in rupie indiane dovranno fornire specifica reportistica volta a monitorare la tipologia del rischio in essere ed il relativo ammontare espresso nelle singole divise di riferimento. Il saldo netto dei flussi determinato dalle vendite/acquisti espressi in rupie indiane contro euro sarà gestito in maniera organica da Biesse S.p.A. Italia che, discrezionalmente, potrà effettuare efficaci operazioni di copertura all interno delle tipologie precedentemente stabilite. Il listino di riferimento relativo al rapporto di cambio euro/inr verrà inizialmente fissato con valenza semestrale. All interno dello stesso periodo, eventuali variazioni della quotazione euro/inr potranno essere motivo di specifiche valutazioni/revisioni solo al superamento del range +/- 10% rispetto al cambio di listino inizialmente stabilito. 3 Modalità di monitoraggio del rischio di cambio Coerentemente alle modalità di formazione delle esposizioni definite nell ambito del capitolo 2, si dettagliano nel seguito i criteri di monitoraggio: 3.1 Monitoraggio delle esposizioni Nell ambio della Direzione Amministrazione Finanza e Controllo, il Servizio Finanza è incaricato di effettuare il monitoraggio periodico delle esposizioni finalizzato all attivazione di idonee strategie di copertura. Di seguito si riportano i dettagli delle attività di monitoraggio: Monitoraggio delle esposizioni Settimanalmente il servizio Finanza produce uno scadenziario dei flussi di cassa in valuta, uno per ogni divisa, in cui confluiscono le informazioni relative a: 15

16 1 Fatture emesse relative alla vendita di ricambi e macchinari 2 Ordini esistenti non ancora fatturati, sulla base di tutti gli MTO esistenti alla data 3 Posizioni aperte in strumenti derivati 4 Saldo conti correnti valutari 5 Saldo finanziamenti intercompany in valuta (attivi e passivi) Il Servizio Finanza provvede inoltre a comunicare all Internal Audit/Controllo di Gestione ed al Comitato Rischi l elenco delle esposizioni al rischio cambio e l elenco degli strumenti derivati in posizione su base mensile Amministrazione e Finanza ed all Internal Audit/Controllo di Gestione di Biesse S.p.A. riportante almeno: il livello di esposizione in divisa diversa dalla divisa funzionale (Euro) il riepilogo di tutte le operazioni in strumenti derivati negoziati nel corso della settimana precedente (con copia delle fiches/contabili bancarie) nonché della posizione complessiva del totale degli strumenti derivati in portafoglio 2 Biesse S.p.A con apposita delega nominativa autorizza un apposito responsabile della Filiale estera alla negoziazione di strumenti derivati sulla base di un sistema di limiti in termini di importi nominali 3 La filiale estera deve fornire a Biesse S.p.A. indicazione delle controparti con cui stipula contratti derivati di copertura, nonché eventuali modifiche ai contratti quadro con esse stipulate 3.2 Indicatori per la misurazione dei rischi Con riferimento alle modalità di monitoraggio delle esposizioni descritte nel capitolo 3.1, Biesse S.p.A. implementa modelli di calcolo per la stima del Fair Value e Stress Test, provvedendo al calcolo degli indicatori quantitativi previsti nell ambito della disciplina dell Hedge Accounting (IAS 39) sia in ottica ex-ante, sia in ottica ex-post Analisi del Fair Value Il Fair Value di una posizione in valuta ad una determinata data consente di quantificare attraverso un unico importo il valore ad oggi di una posizione in cambi. Il fair value 16

17 della posizione in valuta sintetizza infatti il valore di mercato dei singoli flussi di cassa espressi in valuta lungo tutte le date di manifestazione dei flussi. In particolare il dettaglio relativo al Valore Attuale (Net Present Value o NPV) dei flussi, abbinato al fair value dei derivati negoziati a fini di copertura, può fornire utili indicazioni circa l efficacia delle coperture implementate. Tale efficacia è monitorata mensilmente dalla Direzione Amministrazione Finanza e Controllo attraverso l analisi della variazione di fair value registrata sul valore in Euro dei flussi in valuta e la variazione di segno opposto sulla posizione in derivati Analisi delle misure di Sensitivity, Scenario e Stress Test Le misure di Sensitivity consentono la produzione di analisi di scenario condotte a partire da una variazione marginale dei parametri di mercato. In particolare, le misure di sensitivity sintetizzano la variazione del valore della posizione a fronte di una variazione al margine nel tasso di cambio. Tali misure possono essere calcolate in maniera numerica, imprimendo una variazione additiva ai parametri di mercato che influenzano il controvalore delle esposizioni e quindi ricalcolando il fair value di queste ultime nel nuovo scenario discrezionale generato. Pertanto, una misura di sensitivity è pari alla variazione di fair value registrata sulle posizioni di rischio a fronte di una variazione pari a un basis point di shift parallelo della curva dei tassi uno per cento additivo sul parametro di volatilità. Le analisi di scenario sono calcolate a partire dalla medesima metodologia implementata per condurre le analisi di sensitivity. Rispetto a queste ultime, le analisi di scenario prevedono nella formulazioni di shock discrezionali, non marginali, sui fattori di rischio rilevanti. Tali analisi consentono al Risk Manager di stimare la possibile evoluzione del fair value della posizione valutaria netta a fronte di variazioni ragionevoli imposte sui parametri di mercato. Le analisi di stress test hanno la finalità di stimare l impatto di eventi estremi sul fair value del portafoglio. Esse pertanto sono stimate a partire da scenari estremi imposti sui parametri di mercato. 17

18 4 Gli strumenti eleggibili per la copertura del rischio cambio 4.1 Requisiti generali delle operazioni di copertura per la gestione del rischio cambio La Direzione Amministrazione Finanza e Controllo della capogruppo Biesse S.p.A. presidia i flussi di cassa valutari di gruppo ed è responsabile della gestione del rischio cambio correlato. In tale contesto la Direzione Amministrazione Finanza e Controllo, effettua operazioni di copertura finanziaria del rischio cambio nel rispetto dei principi del cd. cash flow hedge, consistente nel neutralizzare gli effetti indotti da una variazione del tasso di cambio sul valore in Euro di un cash flow denominato in valuta estera 4. Secondo tali principi ciascuna posizione in derivati: è da riferirsi ad una specifica sorgente di rischio; non sono consentite compensazioni interne tra posizioni in derivati ai fini della neutralizzazione del rischio cambio assolve ad una specifica finalità di copertura presuppone l esistenza di un sottostante di segno opposto e di ammontare pari o superiore, documentabile da una procedura di stima dei flussi in valuta è da considerarsi statica e non soggetta a modificazioni totali o parziali in ogni suo elemento contrattuale Non sarà possibile pertanto negoziare, ristrutturare o chiudere in tutto o in parte una posizione originariamente aperta per finalità di copertura al fine di sfruttare un aspettativa favorevole nei movimenti di mercato (trading con finalità speculativo), fatto salvo il caso in cui si abbia notizia che cash flow ritenuti originariamente altamente probabili subiscano un ritardo nella manifestazione finanziaria o non si verifichino del tutto. In tal caso: l operazione può essere ristrutturata provvedendo a chiudere l operazione originale (unwinding) sostituendola con una equivalente che abbia i requisiti della precedente, ma compatibile con un differente grado di probabilità associato al flusso sottostante); 4 Nell ambito della presente Policy, per Cash Flow Hedge si intende l insieme delle operazioni di copertura allestite al fine di neutralizzare gli impatti che la volatilità del tasso di cambio potrebbe esercitare sul valore in Euro di un flusso di cassa denominato in valuta. Una strategia di Cash Flow Hedge ha pertanto la finalità di stabilizzare il valore economico in Euro dei flussi di cassa denominati in valuta estera. 18

19 l operazione può essere cancellata nel caso di mancata manifestazione del flusso. Le politiche di copertura che possono essere allestite possono sfruttare esclusivamente l utilizzo di contratti forward (vendite/acquisto a termine di valuta) ed opzioni su cambi plain vanilla (diritto a comprare/vendere valuta a termine). 4.2 Gli strumenti eleggibili per la copertura dei rischi Esistenza di Conti Correnti Valutari Le operazioni di copertura che Biesse S.p.A. pone in essere per proteggersi dal rischio cambio insistono su sottostanti rappresentati da previsioni di flusso generate nell ambito delle attività commerciali e finanziarie del gruppo. Le scadenze relative agli incassi ed ai pagamenti legati alle operazioni commerciali sono definite sulla base di una stima di flussi finanziari aggiornati tempestivamente a seguito di una modifica della data di scadenza degli MTO, incasso di flussi in valuta, fatturazione e di ogni evento suscettibile di modificare l esposizione ai tassi di cambio. Possono pertanto sussistere sfasamenti temporali derivanti dalla negoziazione della divisa a termine rispetto agli incassi/pagamenti effettivi di valuta. Eventuali eccedenze di liquidità prodotte da incassi anticipati (o pagamenti posticipati) rispetto alle corrispondenti scadenze, sono assorbite attraverso specifici Conti Correnti Valutari denominati nella medesima valuta dei flussi attesi. In particolare le coperture dovranno essere costruite in modo che siano tendenzialmente rispettate le seguenti fattispecie: I flussi in entrata abbiano scadenza anticipata rispetto alla scadenza del derivato: qualora l incasso in valuta abbia manifestazione antecedente alla scadenza del derivato, l eccedenza del conto valutario derivante dall incasso consentirà il successivo versamento di quanto dovuto alla scadenza dei contratti di copertura. Gli esborsi in valuta abbiano scadenza successiva rispetto alla scadenza del derivato: qualora il pagamento in valuta di un fornitore abbia manifestazione successiva alla scadenza del derivato, l eccedenza del conto valutario derivante dall incasso di valuta dalla copertura consentirà il successivo pagamento di quanto dovuto al fornitore Gli strumenti derivati Il rischio di cambio può essere definito come la possibilità che le attività/passività in valuta registrino un incremento o un decremento di valore a causa dei movimenti del tasso di cambio. Il concetto di rischio di cambio, pertanto, racchiude in sé la possibilità che si verifichino sia eventi favorevoli sia eventi sfavorevoli. 19

20 Il concetto di rischio si deve legare a quello di esposizione al rischio, per cui il rischio esiste per il soggetto che lo deve gestire solo se esso ha effetti sulle sue attività/passività. Biesse S.p.A. assume un rischio di cambio generato dalla struttura valutaria di costi e ricavi delle operazioni commerciali effettuate mediante vendita diretta in valuta ai clienti finali o vendita a Filiali Estere. L utilizzo di contratti derivati viene incontro all esigenza di mitigare e, ove possibile, neutralizzare gli effetti legati ai movimenti dei tassi di cambio sulle attività/passività sottoposte a tale rischio: tali contratti, infatti, consentono di fissare oggi il tasso a cui verranno scambiate le attività/passività che avranno manifestazione finanziaria nel futuro, neutralizzando in questo modo gli effetti dei movimenti negativi del tasso di cambio sulle attività finanziarie sottostanti. Esistono contratti derivati in grado di annullare completamente il rischio legato al movimento dei cambi (Forward) ed altri contratti che annullano la sola componente di rischio sfavorevole, previo pagamento di un premio (Opzioni). Nel seguito si descrivono gli strumenti derivati che, nell ambito della presente Policy, sono considerati eleggibili per la copertura del rischio cambio. Tali strumenti sono rappresentati in particolare da: Currency swap; Forward in acquisto o vendita; acquisto di opzioni; strategie zero cost realizzate tramite combinazioni di opzioni (cylinder); Tali strumenti sono stati identificati in virtù della semplicità nella struttura dei pagamenti e dell efficienza nel chiudere le posizioni di rischio esistenti. Currency swaps Nell ambito dei processi di gestione dei rischi, la Direzione Amministrazione Finanza e Controllo è abilitata alla negoziazione di currency swaps i quali generano un acquisto/vendita di valuta a pronti e una contestuale vendita/acquisto a termine al fine di neutralizzare esposizioni al rischio cambio derivanti da esborsi/incassi futuri. L operatività mediante currency swaps è fondamentale al fine di allineare eventuali differenziali tra la data di manifestazione finanziaria dei flussi coperti con la data di regolamento di uno strumento derivato di copertura. 20

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice Indice 1. Premessa. pag.3 2. Il rischio cambio in Xxxx. pag.3 3. Strutture coinvolte nella gestione del rischio cambio. pag.5 4. Identificazione del rischio cambio oggetto di copertura. pag.8 5. Strategia

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing

Policy di Valutazione e Pricing Policy di Valutazione e Pricing Regole Interne per la Negoziazione ed Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Alto Vicentino Credito Cooperativo di Schio e Pedemonte Società Cooperativa

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

I derivati Contabilità, bilancio e fisco

I derivati Contabilità, bilancio e fisco I derivati Contabilità, bilancio e fisco Milano,20/10/2005 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di alcuni derivati di copertura e di quelli speculativi; Novità della nota integrativa

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO DEFINIZIONE DEI RISCHI L esigenza per le Corporate di ricorrere ad un adeguato processo di gestione dei rischi finanziari di mercato (Corporate Financial

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C.

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. _ Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. (Adottata ai sensi delle "Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ.

Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ. BANCA DON RIZZO CREDITO COOPERATIVO DELLA SICILIA OCCIDENTALE Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ. In conformità

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Strumenti finanziari derivati

Strumenti finanziari derivati OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Strumenti finanziari derivati xx BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il 31 maggio 2016 all

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 365 del 10/02/2011

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 3 IAS 37: Accantonamenti, passività e attività potenziali Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione delle

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI COMPENSI BASATO SU AZIONI (PHANTOM STOCK OPTION PLAN) PROPOSTO ALL APPROVAZIONE DELL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 22 APRILE 2008 (redatto ai sensi dell art.

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Convegno Gli strumenti derivati di copertura Genova, 13 maggio 2010 Auditorium Confindustria Dott. Marcello Pollio ODCEC Genova Studio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Premium Plan Fund 2 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO Mediolanum International Life Ltd., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al GRUPPO MEDIOLANUM,

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO -DIREZIONE II Circolare 31 gennaio 2007 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 5/02/2007 n. 29. Legge 27 dicembre 2006, n. 296 recante

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

INFORMAZIONI INTEGRATIVE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI E POLITICHE DI GESTIONE DEI RISCHI

INFORMAZIONI INTEGRATIVE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI E POLITICHE DI GESTIONE DEI RISCHI INFORMAZIONI INTEGRATIVE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI E POLITICHE DI GESTIONE DEI RISCHI CLASSI DI STRUMENTI FINANZIARI Di seguito si riporta il dettaglio delle attività e passività finanziarie richiesto

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul LE NOVITA NEL SISTEMA DI POST-TRADING Le Novità nel sistema di post-trading La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul mercato tramite l abbinamento di ordini

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale

RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale GESTIRE IL RISCHIO DI CAMBIO IN UNO SCENARIO IN CONTINUA EVOLUZIONE RISK MANAGEMENT di Giovanni Segato e Davide Giovanelli Estero >> Commercio internazionale Il continuo rafforzamento dell euro sul dollaro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione

Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione di Giovanni Segato e Davide Giovanelli I l continuo rafforzamento dell euro sul dollaro impone alle aziende esportatrici di considerare

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli