(a.a. 2004/2005) I. Chiari. La mente virtuale. Corso di Informatica umanistica Informatica e comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(a.a. 2004/2005) I. Chiari. La mente virtuale. Corso di Informatica umanistica Informatica e comunicazione"

Transcript

1 La mente virtuale Corso di Informatica umanistica Informatica e comunicazione Il testo di questa dispensa è una selezione di alcuni paragrafi del libro: Nardone e Cagnoni, Perversioni in rete. Le psicopatologie da internet e il loro trattamento, Ponte delle Grazie, 2002 e ove specificato da Cantelmi e Grifo, La mente virtuale. L'affascinante ragnatela di Internet, San Paolo edizioni, PERVERSIONI IN RETE La storia ci fornisce da sempre due versioni riguardanti qualunque tipo di scoperta scientifica e forma di progresso: una miracolistica e una apocalittica. Da un lato c'è chi accoglie con entusiasmo il progresso tecnologico vedendovi un grande sviluppo sociale; dall'altra, c'è chi non può fare a meno di scorgervi temibili insidie per lo sviluppo della civiltà umana. Dal nostro punto di vista, intraprendere oggi un'analisi critica della tecnologia elettronica non ha più senso: sarebbe come criticare l'uso dell'energia elettrica o dei trasporti aerei. Per quanto riguarda l aspetto di beneficio «sociale» di Internet, si può considerare come emblematico il caso di New York: a partire dall'esplosione del fenomeno Internet, nella sola città americana è stata stimata una riduzione del 14.5% dei crimini e una riduzione ancora maggiore dei suicidi. Questi dati ci danno una chiara idea del potenziale positivo di questo strumento. Internet rappresenta una grande opportunità per chi la sa cogliere e un grande rischio per chi non sa adeguarsi. Allo stesso modo di un medicinale, infatti, il rifiuto a priori di un suo utilizzo può trasformarsi in pericolosa arretratezza, ma un suo sovradosaggio può divenire un potente veleno. Dare un nome a questo fenomeno non è semplice, qualcuno lo ha etichettato «Internet Addiction Disorder» (ovvero Disturbo da Dipendenza da Internet) e ha trovato una folta schiera di sostenitori; altri si oppongono decisamente a questa definizione, preferendo parlare di «Uso patologico di Internet». Ma le diagnosi non si fermano qui «navigando» troviamo chi parla di «dipendenza da cyberspazio» o «dipendenza da computer», sottolineando comunque sempre come si tratti (in qualunque forma voglia essere espressa) di una vera e propria dipendenza.(addiction). Stiamo effettivamente assistendo a numerosi fenomeni psicopatologici legati all'uso erroneo di Internet. I1 dottor Goldberg è uno psichiatra dell'upper East Side che passa circa due ore al giorno a «navigare» all'interno dei «bullettin boards» del sito PsyCom.Net, un cyberclub per «strizzacervelli» che egli stesso ha fondato nell 986. Nel 1995 decise di fare un piccolo scherzo ai membri di questo sito inviando a tutti una contenente la parodia dell'ultima versione del DSM (Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali), ovvero del Vangelo della psichiatria. Per dimostrare la complessità e la rigidità del manuale, si inventò un disturbo chiamato «Internet Addiction Disorder» (ovvero «disturbo da dipendenza da Internet») di cui elenchiamo i criteri diagnostici nella seguente tabella: Errato uso di Internet che provoca danno o sofferenza clinicamente significativi, manifestati da tre o più dei seguenti sintomi comparsi in uno stesso periodo nell arco di dodici mesi. TOLLERANZA, come definita dai seguenti sintomi: 1. Aumento significativo del tempo trascorso in Internet per ottenere soddisfazione. 1

2 2. Riduzione significativa degli effetti derivanti dall'uso continuo delle medesime quantità di tempo trascorso in Internet. ASTINENZA, manifestata dall'insieme dei seguenti sintomi: 1. Sindrome di astinenza caratteristica: a) Cessazione o pesante diminuzione dell'uso di Internet b) Dopo il criterio a) si sono sviluppati, in un arco di tempo da diversi giorni a un mese, due o più dei seguenti sintomi: bl) agitazione psicomotoria b2) ansia b3) pensieri ossessivi focalizzati su cosa sta succedendo in Internet b4) movimenti volontari e involontari di typing con le dita b5) uso di Internet o di servizi on-line intrapresi pei alleviare l'astinenza. (I sintomi del criterio b causano danno o dolore in aree del funzionamento sociale, occupazionale o in altri ambiti importanti). 2. Accesso a Internet sempre più frequente o per periodi di tempo più prolungati rispetto all'intenzione iniziale. a) Desiderio persistente o sforzo infruttuoso di interrompere o tenere sotto controllo l'uso di Internet b) Dispendio della maggior parte del tempo in attività correlate all'uso di Internet (acquisto di libri, ricerca di nuovi siti, organizzazione di file, ecc.). c) Perdurare dell uso di Internet nonostante la consapevolezza dei problemi fisici, sociali, lavorativi o psicologici persistenti o ricorrenti verosimilmente causati o esacerbati dall'uso di Internet (de privazione di sonno, difficoltà coniugali, ritardo agli appuntamenti, trascuratezza nei confronti dei propri doveri occupazionali, sensazione di abbandono dei propri cari). Con sua enorme sorpresa, molti colleghi ammisero d'aver riscontrato l esistenza di questo disturbo in diversi pazienti e scrissero al dottor Goldberg chiedendo aiuto. Questo bastò a far nascere immediatamente il gruppo di supporto on-line per il disturbo da dipendenza da Internet. Secondo un articolo del 1999 presentato dal dottor David Greenfield a un incontro dell'associazione Psichiatrica Americana, circa undici milioni di persone possono oggi essere definite dipendenti da Internet. Sono quindi nati i primi gruppi di auto-aiuto on-line; siti fondati da studenti, casalinghe, impiegati o dirigenti di azienda che, con l'intenzione di aiutarsi reciprocamente attraverso la Rete, si scrivono settimanalmente centinaia di manifestando tutto il loro disagio, ma contemporaneamente tutto il loro supporto, per poter uscire dalla trappola che paradossalmente devono utilizzare per poter comunicare! I retomani, però, non dipendono da una macchina, ma dalle sensazioni e dalle esperienze vissute mentre usano quella macchina. Negli ultimi vent'anni gli psicologi hanno cominciato a riconoscere che è possibile sviluppare dipendenze non solo da sostanze chimiche e le hanno definite «comportamentali» (come nel caso della dipendenza dal gioco d'azzardo): le persone sviluppano dipendenza da quello che fanno e da ciò che provano mentre lo fanno. (Cantelmi-Grifo, 2002) 2

3 II «COME SE» NELLA RETE La letteratura scientifica ha già da vari anni dimostrato che la presenza di un mezzo tecnologico non determina l annullamento degli aspetti emotivo-cognitivi di una situazione. E esperienza comune arrabbiarsi o gioire al telefono, emozionarsi durante la proiezione di un film, identificarsi con passione nei personaggi della televisione. Anche collegandosi a Internet è possibile provare emozioni, che hanno tutte le caratteristiche di quelle reali e che a volte risultano indistinguibili da quelle provate in ambienti pii tradizionali: come distinguere per esempio la delusione per un mancato appuntamento, fissato nella realtà, dalla tristezza per una mancata chat notturna, fissata virtualmente? Le nuove tecnologie ci permettono dunque di vivere esperienze in ambienti più o meno virtuali che poi hanno ripercussioni e influenze sulla realtà giornaliera. II rovescio di tale medaglia è che nel caso di navigazioni on-line, i soggetti, interagendo con altri utenti, soprattutto con gli ultimi shared hypermedia tools, ovvero gli strumenti ipermediatici condivisibili (es. NetMeeting o PalTalk), comunicano e vivono situazioni relazionali «appaganti» che possono condurre a un disinteresse verso le modalità interattive reali. In altre parole, il virtuale con i suoi «reali» effetti personali e interpersonali si sostituisce al reale. La Young sintetizza nel modello ACE (Accessibility, Control, Excitement) i principali fattori che facilitano e/o predispongono l'insorgere dei disturbi correlati con Intemet: accessibilità: l'introduzione e la diffusione della Rete ha consentito di ridurre enormemente i tempi di accesso ai singoli servizi, in tal modo rendendo possibile la gratificazione immediata di ogni minimo bisogno; controllo personale: l'individuo può esercitare sulle proprie attività telematiche un controllo molto elevato, spesso superiore a quello che gli è consentito nella vita reale. Né bisogna sottovalutare il controllo che ha modo dì operare sulle reazioni degli interlocutori on-line; eccitazione: navigare in Rete è un'esperienza densa di emozioni per l'enorme quantità di stimoli presenti (colori vivaci, immagini che lasciano stupefatti, suoni coinvolgenti). In breve, ciò che risulta fattibile in Internet, grazie anche alla possibilità di mantenere l'anonimato, non sempre é realizzabile al di fuori del cyberspazio. Da Cantelmi-Grifo, 2002 COSA RENDE INTERNET COSÌ ATTRAENTE? Matrimoni falliti, perdita del posto di lavoro, esami non superati e bocciature scolastiche sono solo alcune delle esperienze riportate in letteratura come effetto della comunicazione interpersonale che avviene attraverso Internet. Sembra che sia proprio l'aspetto sociale e socializzante di tutti i tipi di comunicazione mediata dal computer a far sì che anche persone completamente «profane» vi si avvicinino e comincino in breve tempo a farne uso. Una comunità on-line rappresenta la via più semplice e veloce per incontrare e conoscere altre persone, aggiungendo alle solite modalità di incontro sociale elementi di diversità da qualcuno considerati molto attraenti. La comunicazione è estremamente informale e le caratteristiche che solitamente inibiscono le persone riguardo a un eventuale contatto sociale vis-à-vis sono assenti. Tutto si basa sulla percezione del ricevente e sull'abilità del mittente di entrare nell'immaginario altrui attraverso caratteristiche che non siano direttamente percepibili ai nostri sensi. 3

4 II controllo della formazione delle impressioni è facilitato dal mezzo di comunicazione offerto dalla scrittura, che permette varie modalità di auto-presentazione e conseguenti idealizzazioni. Questo spiegherebbe, per esempio l'elevata percentuale di relazioni intime nate in Rete e terminate, nella maggior parte dei casi, al momento del primo incontro «reale». In generale, comunque, il fattore disinibente fornito da qualunque tipo di attività on-line gioca un ruolo fondamentale nell utilizzo di internet. Vi è un altro aspetto rilevante: quello voyeuristico. Stiamo parlando di quelle persone che si limitano a una sola attività di «lettura» all'interno di chat room o di gruppi di discussione, divenendo testimoni di idee, sentimenti pensieri e interazioni di altri partecipanti attivi. Non deve infatti passare in secondo piano un'ulteriore caratteristica della Rete: l'improbabilità di ripercussioni a livello «reale». Questo aspetto rende lo strumento molto attraente non solo per ciò che riguarda eventuali contatti sociali, ma quasi per tutto ciò che attraverso di esso è possibile fare ed esperire. II DISTURBO DA DIPENDENZA DA INTERNET Secondo la Young i soggetti da lei selezionati quali dipendenti hanno tutti in comune le due fasi tipiche di tutti i processi di dipendenza fisica: una prima fase di tolleranza, in cui il soggetto aumenta in maniera mai pienamente soddisfacente la «dose» giornaliera del proprio comportamento disfunzionale, e una fase di astinenza, con veri e propri accessi di irritazione, disagio e ansia a ogni tentativo di interruzione. Parla perciò di un «vero e proprio comportamento tossicomanico», del tutto paragonabile ad «altre abitudini quali il vizio per le scommesse, la bulimia cronica, i comportamenti sessuali di tipo compulsivo e il guardare la televisione in modo ossessivo». Internet, inoltre, verrebbe usato come mezzo per sfuggire ai propri problemi o per alleviare sensazioni di impotenza, colpa, ansia o depressione. I primi, collocati all inizio della catena dei fattori causali e quindi lontano dai sintomi, riguardano una preesistente vulnerabilità, per esempio da una psicopatologia soggiacente, a cui si viene ad aggiungere un evento, appunto l'avvicinamento a Internet. L esposizione al mezzo tecnologico, in un particolare momento della propria vita, rappresenterebbe quindi la causa distale necessaria per lo scatenamento della specifica sintomatologia. L'esperienza di queste tecnologie agirebbe come un catalizzatore per lo sviluppo dei sintomi, che, però, hanno una base in caratteristiche preesistenti del soggetto. I fattori «prossimali», posizionati verso la fine della catena causale, sono invece relativi a pensieri disfunzionali, interpretazioni cognitive riferite a se stessi o al mondo circostante, e comportamenti specifici dell'individuo; questi possono essere cause sufficienti per sviluppare il quadro sintomatologico dell'utilizzo patologico di Internet. E vero, quindi, che si può parlare di un comportamento compulsivo, così come tanti autori hanno voluto sottolineare, ma con l importante differenza che questo tipo di compulsione si basa sul piacere anziché su una fobia. Ed è proprio perché il sintomo si basa sul piacere, anziché sul disagio e sulla sofferenza, che eliminarlo risulta particolarmente impegnativo. 4

5 CHI È IL RETE- DIPENDENTE? Secondo uno studio italiano (Siracusano A. e coll., 1997) i soggetti più a rischio per lo sviluppo dell Internet Addiction Disorder hanno un'età compresa tra i 15 e i 40 anni, e hanno difficoltà di comunicazione causate da problemi psicologici, psichiatrici o familiari. Aguglia E. e coll. (1996) hanno invece evidenziato come le personalità più vulnerabili al disturbo siano quelle caratterizzate da tratti ossessivo-compulsivi e tendenti al ritiro sociale. Cantelmi (Cantelmi e coll., 2000) distingue sostanzialmente due tipi di retomani: quelli con una patologia pregressa e quelli senza una patologia pregressa. Per questi ultimi il rischio psicopatologico deriverebbe dalle caratteristiche stesse della Rete che ispirano al soggetto una sensazione di onnipotenza. Secondo le ricerche effettuate dalla Young (1996a) allo scopo di fornire un profilo di retomane, il Retedipendente è un recente utilizzatore di questo strumento: 1'83% naviga da meno di un anno. Questo dimostrerebbe come la dipendenza si manifesti piuttosto rapidamente una volta effettuato il pruno accesso alla Rete. Inoltre, il 54% degli Internet-dipendend ha riferito una precedente storia di depressione, un altro 34% pregressi sintomi di ansia e molti altri hanno parlato di una bassa autostima divenuta poi cronica. II 52% ha ammesso di seguire programmi di recupero per alcolismo e ha manifestato un certo sgomento all'idea che una nuova dipendenza avesse preso il posto di quella precedente. Sempre la Young (1998) afferma d'aver trovato differenze di genere relative all'uso di Internet. In particolare, gli uomini sono alla ricerca di potere, affermazione sociale e dominio: sono quindi maggiormente attratti dalle fonti di informazione, dai giochi interatdvi di tipo aggressivo e da spazi chat esplicitamente sessuali. Per le donne, le chat rappresentano invece un modo per allacciare amicizie che fungano da sostegno, da storia romantica o da canale di sfogo. Le donne, inoltre, vivono con entusiasmo il fatto che nessuno in Rete possa vedere il loro aspetto fisico. LO SHOPPING COMPULSIVO ON- LINE Non stiamo sicuramente parlando di qualcosa di totalmente nuovo, se già nel 1915 Emil Kraepelin aveva descritto casi di una malattia da lui definita «oniomania», ovvero la mania di comprare di tutto seguendo un impulso incontenibile. Anche in questo caso, appare evidente la concezione del disturbo in funzione della dipendenza, o meglio, della necessità di compiere il rituale in funzione della cessazione di qualcosa di negativo. Ciò suggerisce che lo shopping compulsivo sia concepito come un disturbo ossessivo-compulsivo. Prosciugato il proprio conto corrente, e dopo essere magari anche ricorsi al fido e a prestiti ottenuti qua e là, subentrano disagio e vergogna, talvolta anche un profondo senso di colpa nei confronti dei propri familiari. ON-LINE GAMBLING, OVVERO LE SCOMMESSE IN RETE 5

6 In base al modello ACE (accessibilità, controllo ed eccitazione) della Young, il gioco d'azzardo on-line rappresenta una delle forme di «cyberaddiction» più comuni. I segni clinici da lei identificati consistono, tra gli altri, nella necessità di somme di denaro sempre maggiori per raggiungere l'eccitazione desiderata, una forte preoccupazione riguardo al gioco, l'utilizzazione del gioco per sfuggire ai propri problemi, la compromissione di almeno una relazione significativa e il ricorso ad azioni illegali allo scopo di finanziare il gioco. La maggior parte degli studi effettuati e citati in letteratura riguarda esclusivamente il gioco d'azzardo inteso quale casinò virtuale in cui entrare e giocare, ma a nostro avviso ne esiste un secondo, forse ritenuto più «lecito», rappresentato dal «trading on-line», il gioco in borsa in Rete. II meccanismo è, ancora una volta, basato sul piacere, sulla soddisfazione ottenuta mediante le vincite, su quella vampata di calore da cui lo scommettitore si sente accendere ogniqualvolta vede la propria puntata raddoppiarsi. Spesso entrano a far parte del quadro anche tratti depressivi, dovuti a una attività frenetica seguita da una perdita di cospicue somme di denaro, e un notevole nervosismo che viene sfogato nei confronti della famiglia o di chiunque tenti di distrarre il giocatore dalla sua attività. LA CHAT DIPENDENZA E LE RELAZIONI NATE IN RETE Al di là delle tematiche trattate, è l'aspetto relazionale quello che porta ad avvicinarsi a questi programmi. Ogni utente è libero di usare la fantasia, sia nel presentarsi agli altri che nell'immaginarli. E normale incontrare persone che dichiarano un'identità sessuale diversa da quella reale, così come caratteristiche fisiche, età, occupazione, stato civile ecc. Ma ancora più intrigante risulta il fatto di poter dare di sé un'immagine diversa da quella effettiva, suscitando negli altri interesse e curiosità insperabili nella vita di tutti i giorni. Questo potrebbe far nascere delle perplessità, ma chi chatta su questo tipo di programmi sembra non esserne particolarmente preoccupato. Mentire non è l'unica modalità relazionale presente in questi gruppi, anzi. Vi sono soggetti che, liberi dal dover soddisfare determinati «standard fisici», attraverso la chat sperimentano, a volte per la prima volta in vita loro, l'ebbrezza del sentirsi «affascinanti» mostrando lati della propria persona che, solo in un contesto privo di riscontri visivi, sentono di poter disvelare ed esaltare. È proprio al momento dell'incontro che, la maggior parte delle volte, il sogno finisce. Per almeno uno dei due la realtà non rispecchia le aspettative; l'illuso insoddisfatto diventa un disilluso, quello soddisfatto, ma respinto, diviene un depresso. Al di là di quello che può essere l'evolversi delle relazioni, questo tipo di modalità di ricerca di contatto può avere diverse conseguenze sull'individuo che ne abusa. Se già prima la persona coinvolta non possedeva grandi capacità relazionali, a forza di evitare contatti «reali» arriva ad atrofizzarle del tutto, finché il contatto a tu per tu potrà addirittura diventare fonte d'ansia e, di conseguenza, verrà evitato il più possibile. Si è portati a pensare che persone di questo tipo siano per forza single o abitino sole, ma in realtà non è così. Sono infatti proprio il partner o i familiari i primi a lanciare l'allarme e a riuscire, nella maggior parte dei casi, a portare il soggetto in terapia. Anche in questo caso dopo averle tentate un po' tutte. 6

7 II partner è solitamente la persona che entra più in crisi, minaccia di interrompere la relazione, pone divieto assoluto a qualunque tipo di chat o mezzo di comunicazione tramite computer, mette in atto strategie di controllo che il più delle volte vengono scoperte dal «chattatore», il quale profondamente risentito e violato nella propria privacy, reagisce altrettanto aggressivamente. La chat infatti non è solo luogo di incontri virtuali, ma può portare alla nascita di relazioni che assumono tutti gli aspetti di una qualunque altra relazione nata in ambienti reali, ma che poi falliscono. Per queste persone la Rete diventa una perfetta e diabolica tentata soluzione. Uno dei primi tentativi messi in atto da queste persone per «stare meglio» consiste infatti nel ricominciare (se mai avessero smesso) a frequentare i gruppi di discussione in cui avevano conosciuto il partner. Quello che ottengono da questa «mossa», fatta nel tentativo di rillacciare i rapporti o di controllare i movimenti dell'altro, è solitamente ancor più doloroso della perdita già avvenuta. Possono diventare testimoni di nuovi contatti dell ex con altre persone, leggerne i messaggi e quindi essere sempre più portati a «spiarne» i movimenti. Questo innesca una vera spirale ossessiva basata sul controllo, in cui più si controlla più si sente il bisogno di controllare fino a non poterne più fare a meno. Altri invece trovano nella chat un canale di sfogo per la propria amarezza e depressione, e passano ore a raccontare ad ascoltatori anonimi la propria storia: si tratta di quello che la maggior parte delle persone abbandonate cerca di fare al termine di una relazione, rimanendo così sempre più legate al passato e all'immagine del proprio partner. Parlare continuamente di un problema non è un sollievo, ma rende il problema stesso ancora più grande e concreto. I CYBERSEX- DIPENDENTI La cyberpornografìa è divenuta, negli ultimi anni, fonte di estremo interesse da parte dei media. Inizialmente è stata strumentalizzata per far passare la Rete come il punto di incontro di violenza e perversione, ora viene osservata come un fenomeno degno di particolare «curiosità». Sembra che la pornografia su Internet sia diventata quasi normale. Tra le varie patologie che compongono la Internet Related Psychopathology, ovvero la psicopatologia legata all uso di Internet, vi è anche la cybersexual addiction (Cantelmi, 2001) che consiste in una vera e propria forma di dipendenza da sesso virtuale. Secondo Cantelmi, «i dipendenti dal cybersex utilizzano il computer alla ricerca di materiale sessuale per un numero di ore superiore alle 11 a settimana, passando un totale di ore connessi che va dalle 35 alle 45». Secondo i risultati da lui presentati al Congresso della Società italiana di psicopatologia, i cybermaniaci sono tutti uomini, di cultura medio-alta, diplomati e laureati, fra i trenta e i quarant'anni. Soli, ma anche fidanzati o sposati. Passano intere giornate davanti al computer, non riescono a fare a meno di collegarsi a siti a luci rosse e a chat erotiche. In totale, gli eros-dipendenti che navigano tra i siti a luce rosse sarebbero stimati tra il 6 e l'8 per cento del complesso degli internauti. La ricerca avrebbe rivelato anche, sempre all'interno di questo contesto, una diversa tipologia di approccio tra uomini e donne. I primi sono più interessati alle immagini sessuali, mentre le seconde preferiscono di gran lunga intraprendere vere e proprie relazioni virtuali. L 80% delle donne, contro il 33% degli uomini, ha affermato che la propria attività on-line le ha portate a reali incontri sessuali. Tra tutte le patologie che abbiamo descritto, questa è sicuramente quella più collegata al concetto di perversione, più che di dipendenza. Qui più che mai la principale caratteristica di Internet, quella di disinibitore, rivela i suoi effetti. Durante la navigazione si incontrano e si conoscono altri viaggiatori, a volte per caso, altre volte volontariamente. 7

8 Solitamente, infatti, il «cybernauta sessuale» è alla ricerca di un partner con cui condividere determinate esperienze o, almeno, di uno scambio di posta elettronica erotica. Proprio la possibilità di descrivere e comunicare rende questo tipo di esperienza estremamente «intrigante». La possibilità di essere espliciti, offerta dall'anonimato e dalla distanza visiva caratteristici di Internet, porta la persona a scoprire forme di eccitazione a cui, fino a quel momento, non aveva «osato» avvicinarsi. II fascino del proibito e l eccitazione data dal riuscire a lasciarsi andare oltre ogni limite - cose consentite proprio dal rapporto «virtuale» - possono venire rovinati dall ncontro. La perversione, infatti, consiste proprio nell'andare, a parole, molto oltre ai fatti. LA «INFORMATION OVERLOADING ADDICTION», OVVERO QUANDO LE INFORMAZIONI NON BASTANO MAI Si manifesterebbe con una ricerca estenuante e protratta nel tempo di informazioni, nel tentativo di raggiungere il massimo aggiornamento possibile tramite il «Web surfing», cioè passando continuamente da un sito all'altro, o attraverso indagini su materiali custoditi in varie banche dati. Una delle ricerche più citate riguardante questo problema, e che ha fatto sì che il tema divenisse fonte di tanto interesse, è quella svolta dalla Reuters nel 1997 su un campione di 1000 soggetti in diversi Paesi, da cui è emerso che oltre il 50% degli intervistati ricerca freneticamente informazioni in Rete e prova una sorta di eccitazione euforica nel momento in cui trova l informazione che stava cercando. Un altro 50% afferma che, se le informazioni potessero essere paragonate a una droga, allora potrebbero dire di conoscere persone definibili drogati. Bisogna prima di tutto ammettere che la quantità «materiale-spazzatura» in circolazione in Rete è decisamente eccessiva. Questo porta anche i meglio intenzionati a passare molto tempo connessi a Internet. Ma non è questo, dal nostro punto di vista, il punto cruciale della situazione. TRANCE DISSOCIATIVA DA VIDEOTERMINALE Da Cantelmi-Grifo, 2002 Caratteristica fondamentale di questi disturbi è la sconnessione delle funzioni - di norma integrate - della coscienza, della memoria, dell'identità e della percezione dell ambiente: durante la trance si rileva un'alterazione dello stato di coscienza simile al sonno, ma con caratteristiche elettroencefaliche non dissimili da quelle dello stato di veglia; l'individuo perde consapevolezza della realtà fino al ritorno alla condizione normale, accompagnata da amnesia. I disturbii si manifestano come uno stato involontario di trance che, non previsto dalla cultura della persona quale parte normale di una pratica culturale o religiosa, causa disagio clinicamente significativo o menomazione funzionale. Attualmente non si correla il disturbo da trance dissociativa con la patologia conseguente alla dipendenza da Intemet o dai videogame, tuttavia la sua configurazione induce a considerare nosologici i disturbi della coscienza indotti dalle nuove applicazioni della telematica. La trance dissociativa da videoterminale è infatti uno stato involontario di trance imputabile alla dipendenza patologica dal computer e dalle realtà virtuali; è caratterizzata da: 8

9 alterazione temporanea e marcata dello stato di coscienza; depersonalizzazione; perdita del senso abituale dell identità personale, rimpiazzata o no da un'identità alternativa che influenza e dissolve quella abituale. Dipendenza Regressione Dissociazione Ipercoinvolgimento di tipo ritualistico con il computer e le sue applicazioni. Tendenza a costruire relazioni immaginarie, compensatorie dell impoverimento delle relazioni oggettuali. Labilità dei confini dell Io. Relazione di tipo ossessivocompulsivo con le esperienze e le realtà virtuali. Ritiro artistico. Dispersione de Sé. Tendenza a sognare a occhi aperti come modalità prevalente sull azione nei rapporti reali. Fantasia artistica, come modalità difensiva predominante dell Io. Diffusione dell identità, con la conseguenza della depersonalizzazione (cioè del distacco e dell estraniamento da se stessi), fino alla perdita di contatto vitale con la realtà. Vergogna conscia o inconscia come tratto peculiare di debolezza dell Io. Tendenze fobiche nei confronti della vita sociale. Tabella 1 - I tre livelli evolutivi della trance dissociativa da videoterminale (da Cantelmi-Grifo, 2002) 9

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli