(a.a. 2004/2005) I. Chiari. La mente virtuale. Corso di Informatica umanistica Informatica e comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(a.a. 2004/2005) I. Chiari. La mente virtuale. Corso di Informatica umanistica Informatica e comunicazione"

Transcript

1 La mente virtuale Corso di Informatica umanistica Informatica e comunicazione Il testo di questa dispensa è una selezione di alcuni paragrafi del libro: Nardone e Cagnoni, Perversioni in rete. Le psicopatologie da internet e il loro trattamento, Ponte delle Grazie, 2002 e ove specificato da Cantelmi e Grifo, La mente virtuale. L'affascinante ragnatela di Internet, San Paolo edizioni, PERVERSIONI IN RETE La storia ci fornisce da sempre due versioni riguardanti qualunque tipo di scoperta scientifica e forma di progresso: una miracolistica e una apocalittica. Da un lato c'è chi accoglie con entusiasmo il progresso tecnologico vedendovi un grande sviluppo sociale; dall'altra, c'è chi non può fare a meno di scorgervi temibili insidie per lo sviluppo della civiltà umana. Dal nostro punto di vista, intraprendere oggi un'analisi critica della tecnologia elettronica non ha più senso: sarebbe come criticare l'uso dell'energia elettrica o dei trasporti aerei. Per quanto riguarda l aspetto di beneficio «sociale» di Internet, si può considerare come emblematico il caso di New York: a partire dall'esplosione del fenomeno Internet, nella sola città americana è stata stimata una riduzione del 14.5% dei crimini e una riduzione ancora maggiore dei suicidi. Questi dati ci danno una chiara idea del potenziale positivo di questo strumento. Internet rappresenta una grande opportunità per chi la sa cogliere e un grande rischio per chi non sa adeguarsi. Allo stesso modo di un medicinale, infatti, il rifiuto a priori di un suo utilizzo può trasformarsi in pericolosa arretratezza, ma un suo sovradosaggio può divenire un potente veleno. Dare un nome a questo fenomeno non è semplice, qualcuno lo ha etichettato «Internet Addiction Disorder» (ovvero Disturbo da Dipendenza da Internet) e ha trovato una folta schiera di sostenitori; altri si oppongono decisamente a questa definizione, preferendo parlare di «Uso patologico di Internet». Ma le diagnosi non si fermano qui «navigando» troviamo chi parla di «dipendenza da cyberspazio» o «dipendenza da computer», sottolineando comunque sempre come si tratti (in qualunque forma voglia essere espressa) di una vera e propria dipendenza.(addiction). Stiamo effettivamente assistendo a numerosi fenomeni psicopatologici legati all'uso erroneo di Internet. I1 dottor Goldberg è uno psichiatra dell'upper East Side che passa circa due ore al giorno a «navigare» all'interno dei «bullettin boards» del sito PsyCom.Net, un cyberclub per «strizzacervelli» che egli stesso ha fondato nell 986. Nel 1995 decise di fare un piccolo scherzo ai membri di questo sito inviando a tutti una contenente la parodia dell'ultima versione del DSM (Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali), ovvero del Vangelo della psichiatria. Per dimostrare la complessità e la rigidità del manuale, si inventò un disturbo chiamato «Internet Addiction Disorder» (ovvero «disturbo da dipendenza da Internet») di cui elenchiamo i criteri diagnostici nella seguente tabella: Errato uso di Internet che provoca danno o sofferenza clinicamente significativi, manifestati da tre o più dei seguenti sintomi comparsi in uno stesso periodo nell arco di dodici mesi. TOLLERANZA, come definita dai seguenti sintomi: 1. Aumento significativo del tempo trascorso in Internet per ottenere soddisfazione. 1

2 2. Riduzione significativa degli effetti derivanti dall'uso continuo delle medesime quantità di tempo trascorso in Internet. ASTINENZA, manifestata dall'insieme dei seguenti sintomi: 1. Sindrome di astinenza caratteristica: a) Cessazione o pesante diminuzione dell'uso di Internet b) Dopo il criterio a) si sono sviluppati, in un arco di tempo da diversi giorni a un mese, due o più dei seguenti sintomi: bl) agitazione psicomotoria b2) ansia b3) pensieri ossessivi focalizzati su cosa sta succedendo in Internet b4) movimenti volontari e involontari di typing con le dita b5) uso di Internet o di servizi on-line intrapresi pei alleviare l'astinenza. (I sintomi del criterio b causano danno o dolore in aree del funzionamento sociale, occupazionale o in altri ambiti importanti). 2. Accesso a Internet sempre più frequente o per periodi di tempo più prolungati rispetto all'intenzione iniziale. a) Desiderio persistente o sforzo infruttuoso di interrompere o tenere sotto controllo l'uso di Internet b) Dispendio della maggior parte del tempo in attività correlate all'uso di Internet (acquisto di libri, ricerca di nuovi siti, organizzazione di file, ecc.). c) Perdurare dell uso di Internet nonostante la consapevolezza dei problemi fisici, sociali, lavorativi o psicologici persistenti o ricorrenti verosimilmente causati o esacerbati dall'uso di Internet (de privazione di sonno, difficoltà coniugali, ritardo agli appuntamenti, trascuratezza nei confronti dei propri doveri occupazionali, sensazione di abbandono dei propri cari). Con sua enorme sorpresa, molti colleghi ammisero d'aver riscontrato l esistenza di questo disturbo in diversi pazienti e scrissero al dottor Goldberg chiedendo aiuto. Questo bastò a far nascere immediatamente il gruppo di supporto on-line per il disturbo da dipendenza da Internet. Secondo un articolo del 1999 presentato dal dottor David Greenfield a un incontro dell'associazione Psichiatrica Americana, circa undici milioni di persone possono oggi essere definite dipendenti da Internet. Sono quindi nati i primi gruppi di auto-aiuto on-line; siti fondati da studenti, casalinghe, impiegati o dirigenti di azienda che, con l'intenzione di aiutarsi reciprocamente attraverso la Rete, si scrivono settimanalmente centinaia di manifestando tutto il loro disagio, ma contemporaneamente tutto il loro supporto, per poter uscire dalla trappola che paradossalmente devono utilizzare per poter comunicare! I retomani, però, non dipendono da una macchina, ma dalle sensazioni e dalle esperienze vissute mentre usano quella macchina. Negli ultimi vent'anni gli psicologi hanno cominciato a riconoscere che è possibile sviluppare dipendenze non solo da sostanze chimiche e le hanno definite «comportamentali» (come nel caso della dipendenza dal gioco d'azzardo): le persone sviluppano dipendenza da quello che fanno e da ciò che provano mentre lo fanno. (Cantelmi-Grifo, 2002) 2

3 II «COME SE» NELLA RETE La letteratura scientifica ha già da vari anni dimostrato che la presenza di un mezzo tecnologico non determina l annullamento degli aspetti emotivo-cognitivi di una situazione. E esperienza comune arrabbiarsi o gioire al telefono, emozionarsi durante la proiezione di un film, identificarsi con passione nei personaggi della televisione. Anche collegandosi a Internet è possibile provare emozioni, che hanno tutte le caratteristiche di quelle reali e che a volte risultano indistinguibili da quelle provate in ambienti pii tradizionali: come distinguere per esempio la delusione per un mancato appuntamento, fissato nella realtà, dalla tristezza per una mancata chat notturna, fissata virtualmente? Le nuove tecnologie ci permettono dunque di vivere esperienze in ambienti più o meno virtuali che poi hanno ripercussioni e influenze sulla realtà giornaliera. II rovescio di tale medaglia è che nel caso di navigazioni on-line, i soggetti, interagendo con altri utenti, soprattutto con gli ultimi shared hypermedia tools, ovvero gli strumenti ipermediatici condivisibili (es. NetMeeting o PalTalk), comunicano e vivono situazioni relazionali «appaganti» che possono condurre a un disinteresse verso le modalità interattive reali. In altre parole, il virtuale con i suoi «reali» effetti personali e interpersonali si sostituisce al reale. La Young sintetizza nel modello ACE (Accessibility, Control, Excitement) i principali fattori che facilitano e/o predispongono l'insorgere dei disturbi correlati con Intemet: accessibilità: l'introduzione e la diffusione della Rete ha consentito di ridurre enormemente i tempi di accesso ai singoli servizi, in tal modo rendendo possibile la gratificazione immediata di ogni minimo bisogno; controllo personale: l'individuo può esercitare sulle proprie attività telematiche un controllo molto elevato, spesso superiore a quello che gli è consentito nella vita reale. Né bisogna sottovalutare il controllo che ha modo dì operare sulle reazioni degli interlocutori on-line; eccitazione: navigare in Rete è un'esperienza densa di emozioni per l'enorme quantità di stimoli presenti (colori vivaci, immagini che lasciano stupefatti, suoni coinvolgenti). In breve, ciò che risulta fattibile in Internet, grazie anche alla possibilità di mantenere l'anonimato, non sempre é realizzabile al di fuori del cyberspazio. Da Cantelmi-Grifo, 2002 COSA RENDE INTERNET COSÌ ATTRAENTE? Matrimoni falliti, perdita del posto di lavoro, esami non superati e bocciature scolastiche sono solo alcune delle esperienze riportate in letteratura come effetto della comunicazione interpersonale che avviene attraverso Internet. Sembra che sia proprio l'aspetto sociale e socializzante di tutti i tipi di comunicazione mediata dal computer a far sì che anche persone completamente «profane» vi si avvicinino e comincino in breve tempo a farne uso. Una comunità on-line rappresenta la via più semplice e veloce per incontrare e conoscere altre persone, aggiungendo alle solite modalità di incontro sociale elementi di diversità da qualcuno considerati molto attraenti. La comunicazione è estremamente informale e le caratteristiche che solitamente inibiscono le persone riguardo a un eventuale contatto sociale vis-à-vis sono assenti. Tutto si basa sulla percezione del ricevente e sull'abilità del mittente di entrare nell'immaginario altrui attraverso caratteristiche che non siano direttamente percepibili ai nostri sensi. 3

4 II controllo della formazione delle impressioni è facilitato dal mezzo di comunicazione offerto dalla scrittura, che permette varie modalità di auto-presentazione e conseguenti idealizzazioni. Questo spiegherebbe, per esempio l'elevata percentuale di relazioni intime nate in Rete e terminate, nella maggior parte dei casi, al momento del primo incontro «reale». In generale, comunque, il fattore disinibente fornito da qualunque tipo di attività on-line gioca un ruolo fondamentale nell utilizzo di internet. Vi è un altro aspetto rilevante: quello voyeuristico. Stiamo parlando di quelle persone che si limitano a una sola attività di «lettura» all'interno di chat room o di gruppi di discussione, divenendo testimoni di idee, sentimenti pensieri e interazioni di altri partecipanti attivi. Non deve infatti passare in secondo piano un'ulteriore caratteristica della Rete: l'improbabilità di ripercussioni a livello «reale». Questo aspetto rende lo strumento molto attraente non solo per ciò che riguarda eventuali contatti sociali, ma quasi per tutto ciò che attraverso di esso è possibile fare ed esperire. II DISTURBO DA DIPENDENZA DA INTERNET Secondo la Young i soggetti da lei selezionati quali dipendenti hanno tutti in comune le due fasi tipiche di tutti i processi di dipendenza fisica: una prima fase di tolleranza, in cui il soggetto aumenta in maniera mai pienamente soddisfacente la «dose» giornaliera del proprio comportamento disfunzionale, e una fase di astinenza, con veri e propri accessi di irritazione, disagio e ansia a ogni tentativo di interruzione. Parla perciò di un «vero e proprio comportamento tossicomanico», del tutto paragonabile ad «altre abitudini quali il vizio per le scommesse, la bulimia cronica, i comportamenti sessuali di tipo compulsivo e il guardare la televisione in modo ossessivo». Internet, inoltre, verrebbe usato come mezzo per sfuggire ai propri problemi o per alleviare sensazioni di impotenza, colpa, ansia o depressione. I primi, collocati all inizio della catena dei fattori causali e quindi lontano dai sintomi, riguardano una preesistente vulnerabilità, per esempio da una psicopatologia soggiacente, a cui si viene ad aggiungere un evento, appunto l'avvicinamento a Internet. L esposizione al mezzo tecnologico, in un particolare momento della propria vita, rappresenterebbe quindi la causa distale necessaria per lo scatenamento della specifica sintomatologia. L'esperienza di queste tecnologie agirebbe come un catalizzatore per lo sviluppo dei sintomi, che, però, hanno una base in caratteristiche preesistenti del soggetto. I fattori «prossimali», posizionati verso la fine della catena causale, sono invece relativi a pensieri disfunzionali, interpretazioni cognitive riferite a se stessi o al mondo circostante, e comportamenti specifici dell'individuo; questi possono essere cause sufficienti per sviluppare il quadro sintomatologico dell'utilizzo patologico di Internet. E vero, quindi, che si può parlare di un comportamento compulsivo, così come tanti autori hanno voluto sottolineare, ma con l importante differenza che questo tipo di compulsione si basa sul piacere anziché su una fobia. Ed è proprio perché il sintomo si basa sul piacere, anziché sul disagio e sulla sofferenza, che eliminarlo risulta particolarmente impegnativo. 4

5 CHI È IL RETE- DIPENDENTE? Secondo uno studio italiano (Siracusano A. e coll., 1997) i soggetti più a rischio per lo sviluppo dell Internet Addiction Disorder hanno un'età compresa tra i 15 e i 40 anni, e hanno difficoltà di comunicazione causate da problemi psicologici, psichiatrici o familiari. Aguglia E. e coll. (1996) hanno invece evidenziato come le personalità più vulnerabili al disturbo siano quelle caratterizzate da tratti ossessivo-compulsivi e tendenti al ritiro sociale. Cantelmi (Cantelmi e coll., 2000) distingue sostanzialmente due tipi di retomani: quelli con una patologia pregressa e quelli senza una patologia pregressa. Per questi ultimi il rischio psicopatologico deriverebbe dalle caratteristiche stesse della Rete che ispirano al soggetto una sensazione di onnipotenza. Secondo le ricerche effettuate dalla Young (1996a) allo scopo di fornire un profilo di retomane, il Retedipendente è un recente utilizzatore di questo strumento: 1'83% naviga da meno di un anno. Questo dimostrerebbe come la dipendenza si manifesti piuttosto rapidamente una volta effettuato il pruno accesso alla Rete. Inoltre, il 54% degli Internet-dipendend ha riferito una precedente storia di depressione, un altro 34% pregressi sintomi di ansia e molti altri hanno parlato di una bassa autostima divenuta poi cronica. II 52% ha ammesso di seguire programmi di recupero per alcolismo e ha manifestato un certo sgomento all'idea che una nuova dipendenza avesse preso il posto di quella precedente. Sempre la Young (1998) afferma d'aver trovato differenze di genere relative all'uso di Internet. In particolare, gli uomini sono alla ricerca di potere, affermazione sociale e dominio: sono quindi maggiormente attratti dalle fonti di informazione, dai giochi interatdvi di tipo aggressivo e da spazi chat esplicitamente sessuali. Per le donne, le chat rappresentano invece un modo per allacciare amicizie che fungano da sostegno, da storia romantica o da canale di sfogo. Le donne, inoltre, vivono con entusiasmo il fatto che nessuno in Rete possa vedere il loro aspetto fisico. LO SHOPPING COMPULSIVO ON- LINE Non stiamo sicuramente parlando di qualcosa di totalmente nuovo, se già nel 1915 Emil Kraepelin aveva descritto casi di una malattia da lui definita «oniomania», ovvero la mania di comprare di tutto seguendo un impulso incontenibile. Anche in questo caso, appare evidente la concezione del disturbo in funzione della dipendenza, o meglio, della necessità di compiere il rituale in funzione della cessazione di qualcosa di negativo. Ciò suggerisce che lo shopping compulsivo sia concepito come un disturbo ossessivo-compulsivo. Prosciugato il proprio conto corrente, e dopo essere magari anche ricorsi al fido e a prestiti ottenuti qua e là, subentrano disagio e vergogna, talvolta anche un profondo senso di colpa nei confronti dei propri familiari. ON-LINE GAMBLING, OVVERO LE SCOMMESSE IN RETE 5

6 In base al modello ACE (accessibilità, controllo ed eccitazione) della Young, il gioco d'azzardo on-line rappresenta una delle forme di «cyberaddiction» più comuni. I segni clinici da lei identificati consistono, tra gli altri, nella necessità di somme di denaro sempre maggiori per raggiungere l'eccitazione desiderata, una forte preoccupazione riguardo al gioco, l'utilizzazione del gioco per sfuggire ai propri problemi, la compromissione di almeno una relazione significativa e il ricorso ad azioni illegali allo scopo di finanziare il gioco. La maggior parte degli studi effettuati e citati in letteratura riguarda esclusivamente il gioco d'azzardo inteso quale casinò virtuale in cui entrare e giocare, ma a nostro avviso ne esiste un secondo, forse ritenuto più «lecito», rappresentato dal «trading on-line», il gioco in borsa in Rete. II meccanismo è, ancora una volta, basato sul piacere, sulla soddisfazione ottenuta mediante le vincite, su quella vampata di calore da cui lo scommettitore si sente accendere ogniqualvolta vede la propria puntata raddoppiarsi. Spesso entrano a far parte del quadro anche tratti depressivi, dovuti a una attività frenetica seguita da una perdita di cospicue somme di denaro, e un notevole nervosismo che viene sfogato nei confronti della famiglia o di chiunque tenti di distrarre il giocatore dalla sua attività. LA CHAT DIPENDENZA E LE RELAZIONI NATE IN RETE Al di là delle tematiche trattate, è l'aspetto relazionale quello che porta ad avvicinarsi a questi programmi. Ogni utente è libero di usare la fantasia, sia nel presentarsi agli altri che nell'immaginarli. E normale incontrare persone che dichiarano un'identità sessuale diversa da quella reale, così come caratteristiche fisiche, età, occupazione, stato civile ecc. Ma ancora più intrigante risulta il fatto di poter dare di sé un'immagine diversa da quella effettiva, suscitando negli altri interesse e curiosità insperabili nella vita di tutti i giorni. Questo potrebbe far nascere delle perplessità, ma chi chatta su questo tipo di programmi sembra non esserne particolarmente preoccupato. Mentire non è l'unica modalità relazionale presente in questi gruppi, anzi. Vi sono soggetti che, liberi dal dover soddisfare determinati «standard fisici», attraverso la chat sperimentano, a volte per la prima volta in vita loro, l'ebbrezza del sentirsi «affascinanti» mostrando lati della propria persona che, solo in un contesto privo di riscontri visivi, sentono di poter disvelare ed esaltare. È proprio al momento dell'incontro che, la maggior parte delle volte, il sogno finisce. Per almeno uno dei due la realtà non rispecchia le aspettative; l'illuso insoddisfatto diventa un disilluso, quello soddisfatto, ma respinto, diviene un depresso. Al di là di quello che può essere l'evolversi delle relazioni, questo tipo di modalità di ricerca di contatto può avere diverse conseguenze sull'individuo che ne abusa. Se già prima la persona coinvolta non possedeva grandi capacità relazionali, a forza di evitare contatti «reali» arriva ad atrofizzarle del tutto, finché il contatto a tu per tu potrà addirittura diventare fonte d'ansia e, di conseguenza, verrà evitato il più possibile. Si è portati a pensare che persone di questo tipo siano per forza single o abitino sole, ma in realtà non è così. Sono infatti proprio il partner o i familiari i primi a lanciare l'allarme e a riuscire, nella maggior parte dei casi, a portare il soggetto in terapia. Anche in questo caso dopo averle tentate un po' tutte. 6

7 II partner è solitamente la persona che entra più in crisi, minaccia di interrompere la relazione, pone divieto assoluto a qualunque tipo di chat o mezzo di comunicazione tramite computer, mette in atto strategie di controllo che il più delle volte vengono scoperte dal «chattatore», il quale profondamente risentito e violato nella propria privacy, reagisce altrettanto aggressivamente. La chat infatti non è solo luogo di incontri virtuali, ma può portare alla nascita di relazioni che assumono tutti gli aspetti di una qualunque altra relazione nata in ambienti reali, ma che poi falliscono. Per queste persone la Rete diventa una perfetta e diabolica tentata soluzione. Uno dei primi tentativi messi in atto da queste persone per «stare meglio» consiste infatti nel ricominciare (se mai avessero smesso) a frequentare i gruppi di discussione in cui avevano conosciuto il partner. Quello che ottengono da questa «mossa», fatta nel tentativo di rillacciare i rapporti o di controllare i movimenti dell'altro, è solitamente ancor più doloroso della perdita già avvenuta. Possono diventare testimoni di nuovi contatti dell ex con altre persone, leggerne i messaggi e quindi essere sempre più portati a «spiarne» i movimenti. Questo innesca una vera spirale ossessiva basata sul controllo, in cui più si controlla più si sente il bisogno di controllare fino a non poterne più fare a meno. Altri invece trovano nella chat un canale di sfogo per la propria amarezza e depressione, e passano ore a raccontare ad ascoltatori anonimi la propria storia: si tratta di quello che la maggior parte delle persone abbandonate cerca di fare al termine di una relazione, rimanendo così sempre più legate al passato e all'immagine del proprio partner. Parlare continuamente di un problema non è un sollievo, ma rende il problema stesso ancora più grande e concreto. I CYBERSEX- DIPENDENTI La cyberpornografìa è divenuta, negli ultimi anni, fonte di estremo interesse da parte dei media. Inizialmente è stata strumentalizzata per far passare la Rete come il punto di incontro di violenza e perversione, ora viene osservata come un fenomeno degno di particolare «curiosità». Sembra che la pornografia su Internet sia diventata quasi normale. Tra le varie patologie che compongono la Internet Related Psychopathology, ovvero la psicopatologia legata all uso di Internet, vi è anche la cybersexual addiction (Cantelmi, 2001) che consiste in una vera e propria forma di dipendenza da sesso virtuale. Secondo Cantelmi, «i dipendenti dal cybersex utilizzano il computer alla ricerca di materiale sessuale per un numero di ore superiore alle 11 a settimana, passando un totale di ore connessi che va dalle 35 alle 45». Secondo i risultati da lui presentati al Congresso della Società italiana di psicopatologia, i cybermaniaci sono tutti uomini, di cultura medio-alta, diplomati e laureati, fra i trenta e i quarant'anni. Soli, ma anche fidanzati o sposati. Passano intere giornate davanti al computer, non riescono a fare a meno di collegarsi a siti a luci rosse e a chat erotiche. In totale, gli eros-dipendenti che navigano tra i siti a luce rosse sarebbero stimati tra il 6 e l'8 per cento del complesso degli internauti. La ricerca avrebbe rivelato anche, sempre all'interno di questo contesto, una diversa tipologia di approccio tra uomini e donne. I primi sono più interessati alle immagini sessuali, mentre le seconde preferiscono di gran lunga intraprendere vere e proprie relazioni virtuali. L 80% delle donne, contro il 33% degli uomini, ha affermato che la propria attività on-line le ha portate a reali incontri sessuali. Tra tutte le patologie che abbiamo descritto, questa è sicuramente quella più collegata al concetto di perversione, più che di dipendenza. Qui più che mai la principale caratteristica di Internet, quella di disinibitore, rivela i suoi effetti. Durante la navigazione si incontrano e si conoscono altri viaggiatori, a volte per caso, altre volte volontariamente. 7

8 Solitamente, infatti, il «cybernauta sessuale» è alla ricerca di un partner con cui condividere determinate esperienze o, almeno, di uno scambio di posta elettronica erotica. Proprio la possibilità di descrivere e comunicare rende questo tipo di esperienza estremamente «intrigante». La possibilità di essere espliciti, offerta dall'anonimato e dalla distanza visiva caratteristici di Internet, porta la persona a scoprire forme di eccitazione a cui, fino a quel momento, non aveva «osato» avvicinarsi. II fascino del proibito e l eccitazione data dal riuscire a lasciarsi andare oltre ogni limite - cose consentite proprio dal rapporto «virtuale» - possono venire rovinati dall ncontro. La perversione, infatti, consiste proprio nell'andare, a parole, molto oltre ai fatti. LA «INFORMATION OVERLOADING ADDICTION», OVVERO QUANDO LE INFORMAZIONI NON BASTANO MAI Si manifesterebbe con una ricerca estenuante e protratta nel tempo di informazioni, nel tentativo di raggiungere il massimo aggiornamento possibile tramite il «Web surfing», cioè passando continuamente da un sito all'altro, o attraverso indagini su materiali custoditi in varie banche dati. Una delle ricerche più citate riguardante questo problema, e che ha fatto sì che il tema divenisse fonte di tanto interesse, è quella svolta dalla Reuters nel 1997 su un campione di 1000 soggetti in diversi Paesi, da cui è emerso che oltre il 50% degli intervistati ricerca freneticamente informazioni in Rete e prova una sorta di eccitazione euforica nel momento in cui trova l informazione che stava cercando. Un altro 50% afferma che, se le informazioni potessero essere paragonate a una droga, allora potrebbero dire di conoscere persone definibili drogati. Bisogna prima di tutto ammettere che la quantità «materiale-spazzatura» in circolazione in Rete è decisamente eccessiva. Questo porta anche i meglio intenzionati a passare molto tempo connessi a Internet. Ma non è questo, dal nostro punto di vista, il punto cruciale della situazione. TRANCE DISSOCIATIVA DA VIDEOTERMINALE Da Cantelmi-Grifo, 2002 Caratteristica fondamentale di questi disturbi è la sconnessione delle funzioni - di norma integrate - della coscienza, della memoria, dell'identità e della percezione dell ambiente: durante la trance si rileva un'alterazione dello stato di coscienza simile al sonno, ma con caratteristiche elettroencefaliche non dissimili da quelle dello stato di veglia; l'individuo perde consapevolezza della realtà fino al ritorno alla condizione normale, accompagnata da amnesia. I disturbii si manifestano come uno stato involontario di trance che, non previsto dalla cultura della persona quale parte normale di una pratica culturale o religiosa, causa disagio clinicamente significativo o menomazione funzionale. Attualmente non si correla il disturbo da trance dissociativa con la patologia conseguente alla dipendenza da Intemet o dai videogame, tuttavia la sua configurazione induce a considerare nosologici i disturbi della coscienza indotti dalle nuove applicazioni della telematica. La trance dissociativa da videoterminale è infatti uno stato involontario di trance imputabile alla dipendenza patologica dal computer e dalle realtà virtuali; è caratterizzata da: 8

9 alterazione temporanea e marcata dello stato di coscienza; depersonalizzazione; perdita del senso abituale dell identità personale, rimpiazzata o no da un'identità alternativa che influenza e dissolve quella abituale. Dipendenza Regressione Dissociazione Ipercoinvolgimento di tipo ritualistico con il computer e le sue applicazioni. Tendenza a costruire relazioni immaginarie, compensatorie dell impoverimento delle relazioni oggettuali. Labilità dei confini dell Io. Relazione di tipo ossessivocompulsivo con le esperienze e le realtà virtuali. Ritiro artistico. Dispersione de Sé. Tendenza a sognare a occhi aperti come modalità prevalente sull azione nei rapporti reali. Fantasia artistica, come modalità difensiva predominante dell Io. Diffusione dell identità, con la conseguenza della depersonalizzazione (cioè del distacco e dell estraniamento da se stessi), fino alla perdita di contatto vitale con la realtà. Vergogna conscia o inconscia come tratto peculiare di debolezza dell Io. Tendenze fobiche nei confronti della vita sociale. Tabella 1 - I tre livelli evolutivi della trance dissociativa da videoterminale (da Cantelmi-Grifo, 2002) 9

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi di Chiara Ratto Un ossessione vissuta alla sazietà si annulla nei suoi stessi eccessi. E. M. Cioran Al giorno d oggi, leggendo le riviste, i quotidiani,

Dettagli

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal Sommario Presentazione del problema Criteri diagnostici Conseguenze

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine:

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine: 2. Definizioni In considerazione della grande variabilità di linguaggio, anche per la presenza delle diverse discipline coinvolte nella discussione scientifica sul gioco d azzardo patologico (GAP), prima

Dettagli

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Profili psicologici e psicopatologici della cyberdipendenza Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Incontro di studio Uso dei social

Dettagli

Cyberpsicologia, Seconda Scuola di Specializzazione in Psichiatria, Università di Roma «La Sapienza»

Cyberpsicologia, Seconda Scuola di Specializzazione in Psichiatria, Università di Roma «La Sapienza» Articolo originale/original article Contributo allo studio di variabili psicopatologiche correlate all uso-abuso di Internet A contribution to the study of Internet use/abuse-related psychopathological

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

PROGETTO SALUTE E LAVORO. Dipendenze da Web

PROGETTO SALUTE E LAVORO. Dipendenze da Web PROGETTO SALUTE E LAVORO Dipendenze da Web Marzo 2014 Internet Internet relazionale policentrica a-gerarchica Lo sviluppo sta procedendo verso una direzione rispondente a bisogni e aspirazioni personali

Dettagli

IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE

IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE IL CONCETTO DI DIPENDENZA E COMPLESSO ED IMPLICA NON SOLO ASPETTI NEUROBIOLOGICI, MA ANCHE COMPORTAMENTALI, PSICHICI, SOCIALI, CULTURALI. LE NUOVE

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE

LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE Savona Aula Vigiola 10 novembre 2012 Dr.ssa Nicoletta Conio Dirigente Psicologo Area Dipendenze - Dipartimento di Salute Mentale Paziente maschio

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

INTERVISTA A KIMBERLY YOUNG

INTERVISTA A KIMBERLY YOUNG INTERVISTA A KIMBERLY YOUNG Kimberly Young, psicologa, direttrice del Center for On-Line Addiction ed editorial board di CyberPsychology and Behavior, è docente di Psicologia presso l'università di Pittsburgh.

Dettagli

Le nuove dipendenze nei giovani e l intervento nella scuola

Le nuove dipendenze nei giovani e l intervento nella scuola Le nuove dipendenze nei giovani e l intervento nella scuola Cosa è la dipendenza? Secondo l OMS la dipendenza patologica o la sindrome della dipendenza è quella condizione psichica e talvolta anche fisica,

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Crescere con i nostri figli

Crescere con i nostri figli Crescere con i nostri figli Sala Baganza, 30 Marzo 2007 Le nuove tecnologie della comunicazione: internet e telefono cellulare. Conoscerli per non subirli. Andrea Scrimieri a.scrimieri@xnet-solutions.it

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS PROPOSTA DI ATTIVAZIONE SPORTELLO DI ASCOLTO/SOSTEGNO GENITORI Soggetto proponente: Associazione Nardone - Watzlawick Problem versus Solution

Dettagli

ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura

ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura La cosa principale è il gioco medesimo, giuro che non è la brama di vincere del danaro, sebbene ne abbia

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

cellulare, videogiochi, computer e televisione: rischio dipendenza? Dott.ssa Micaela Grazzini

cellulare, videogiochi, computer e televisione: rischio dipendenza? Dott.ssa Micaela Grazzini cellulare, videogiochi, computer e televisione: rischio dipendenza? Dott.ssa Micaela Grazzini GLI ADULTI E LA TECNOLOGIA Internet videogiochi e cellulare... che cosa hanno in comune?? CONOSCENZA MESSA

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

L intervento psicoterapeutico nei disturbi sessuali Dott.ssa Valentina Selbmann

L intervento psicoterapeutico nei disturbi sessuali Dott.ssa Valentina Selbmann L intervento psicoterapeutico nei disturbi sessuali Dott.ssa Valentina Selbmann Attualmente uno dei temi più discussi a livello di mass media, capace di attrarre l attenzione della maggior parte di persone,

Dettagli

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri E noto che la principale comorbidità dell abuso/dipendenza di qualsiasi sostanza è un altro abuso/dipendenza da sostanze di una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso,

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, condannato ad una schiavitù involontaria, essendo obbligato

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 di Maria Pia Bianchi 2 Il Sorriso - Telefono Giovani, è un centralino di ascolto ed aiuto telefonico rivolto alle nuove

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Psicoterapia. Che cos è? Quando è indicata? A chi serve? Da chi è offerta? www.psychologie.ch

Psicoterapia. Che cos è? Quando è indicata? A chi serve? Da chi è offerta? www.psychologie.ch Psicoterapia Che cos è? Quando è indicata? A chi serve? Da chi è offerta? www.psychologie.ch Föderation der Schweizer Psychologinnen und Psychologen FSP Fédération Suisse des Psychologues FSP Federazione

Dettagli

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO Pag. 1 di 5 IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO INDICE: Premessa Il Giocatore Patologico Il sistema relazionale del Giocatore Patologico I Giocatori d'azzardo Patologici sono recuperabili?

Dettagli

DISTURBI DA ADDICTION

DISTURBI DA ADDICTION UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Corso di laurea in Servizio Sociale DISTURBI DA ADDICTION PSICOLOGIA CLINICA Prof. Giovanni Belluardo Classificazione secondo

Dettagli

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto.

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Disturbi d ansia Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Molte persone che soffrono di depressione, hanno anche problemi di ansia. Esempi comuni di problemi d ansia comprendono

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona

MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona Relazione di Maria Rocca Al Convegno del 16 Marzo 2012 Buon pomeriggio a tutti i presenti e grazie agli organizzatori

Dettagli

La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici. Dr. Enza Sansone

La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici. Dr. Enza Sansone La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici Dr. Enza Sansone L IVG, oltre a costituire un trauma legato alla perdita stessa, rappresenta un momento di particolare sofferenza psichica

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA

CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA Dott.ssa Annalisa Barbier, PhD Psicologo - Indirizzo Clinico e di Comunità Dottore di Ricerca in Neuropsicologia Socio Fondatore dell Associazione «La

Dettagli

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO 1 N el corso degli ultimi anni il gioco d azzardo ha assunto un volume di enormi proporzioni sociali ed economiche. Pur essendo una pratica antica, è

Dettagli

Dipendenza da internet, Facebook e iphone: una malattia ormai accertata La legge per tutti.it

Dipendenza da internet, Facebook e iphone: una malattia ormai accertata La legge per tutti.it Dipendenza da internet, Facebook e iphone: una malattia ormai accertata La legge per tutti.it Angelo Greco I nuovi social network e gli strumenti di telecomunicazione possono arrivare ad essere una malattia

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Nuove Dipendenze: complessità e possibilità di intervento

Nuove Dipendenze: complessità e possibilità di intervento Nuove Dipendenze: complessità e possibilità di intervento di Rosa Mininno Il concetto di dipendenza è un concetto complesso che implica non solo aspetti neurobiologici, ma anche comportamentali, psichici,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo L attacco di panico sembra essere per il malato una duplice condanna: da un lato i sintomi che imperversano, dall altro quasi la ferma certezza

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

Le nuove dipendenze. Dott. Paolo Cardoso (psicologo-psicoterapeuta); dott.sa Chiara Malandrini (psicologa); dott.sa Elisa Romolini (psicologa)

Le nuove dipendenze. Dott. Paolo Cardoso (psicologo-psicoterapeuta); dott.sa Chiara Malandrini (psicologa); dott.sa Elisa Romolini (psicologa) Le nuove dipendenze Dott. Paolo Cardoso (psicologo-psicoterapeuta); dott.sa Chiara Malandrini (psicologa); dott.sa Elisa Romolini (psicologa) L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito il

Dettagli

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D)

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) SEGNALI PREMONITORI IN ETA PRESCOLASTICA Laura Barbirato Mamma di tre figli Psicologa dell apprendimento Dirigente Scolastica 1 Normalità o patologia?

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Adolescenti, dipendenza da internet, gioco e possibili strategie preventive di scuola e famiglia Carlo Cenedese SerDAzienda ULSS 7 Regione

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Attività di prevenzione 2002. Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico. Tematica

Attività di prevenzione 2002. Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico. Tematica 1 Attività di prevenzione 2002 Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico Tematica Introduzione: L Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.) stima che 400 milioni di persone siano

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Fuga dalla sessualità: la dipendenza dalla pornografia

Fuga dalla sessualità: la dipendenza dalla pornografia Fuga dalla sessualità: la dipendenza dalla pornografia di Carla Anna Durazzi Il sito 1 del Centro di Aiuto Psicologico, centro di cui sono la responsabile, offre una sezione nella quale le persone possono

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Istituto Santelia Cantù

Istituto Santelia Cantù 30 gennaio 2012; primo incontro (Riccardo) Istituto Santelia Cantù Classe 1 f liceo scientifico Brain storming DIPENDENZA: droga, alcool, farsi figo, fumare, monotonia, dimenticare, gioco, isolamento,

Dettagli