Aprile Newsletter. Scenario macroeconomico e mercato immobiliare. A cura dell Ufficio StudiI DeA FIMIT sgr

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aprile 2013. Newsletter. Scenario macroeconomico e mercato immobiliare. A cura dell Ufficio StudiI DeA FIMIT sgr"

Transcript

1 Aprile 2013 Newsletter Scenario macroeconomico e mercato immobiliare A cura dell Ufficio StudiI DeA FIMIT sgr

2 Sommario 1. Scenario macroeconomico Quadro economico europeo Attività creditizia ed andamento dei tassi Mercato immobiliare Mercato immobiliare in Europa Mercato immobiliare in Italia Fondi immobiliari retail: patrimonio e andamento quotazioni /09/2013 1

3 1. Scenario macroeconomico 1.1. Quadro economico Europeo Nonostante gli interventi di politica monetaria della Banca Centrale Europea (BCE) abbiano scongiurato scenari di crisi estremi, ad oggi l economia dell Eurozona resta debole e le previsioni di ritorno alla crescita continuano ad essere rinviate. Fig. 1.1: Crescita prevista del Pil dei principali paesi dell Eurozona (YoY %) Fig. 1.2: Previsioni storiche di crescita del Pil per il 2013(%) 1,5 1,0 0,5 0,0-0,5-1,0-1,5 Previsioni (Consensus) Pil 2013 Europa Previsioni (BCE) Pil 2013 Europa Previsioni (Consensus) Pil 2013 Italia 4Q12A 1Q13E 2Q13E 3Q13E 4Q13E 1Q14E 1,5 1,0 0,5 0,0-0,5-1,0-1,5 - -2,5-3,0-3,5-2,8 0 0,1-1,0-1,3-1,5-1,6-2,1-1,9-1,8-1, ,3-0,3 Fonte: Bloomberg, aggiornato al 28 marzo ,7 0,4 0,4 0,4 0,2 0,3 Gli ultimi dati sull economia reale continuano ad essere poco incoraggianti (Tab. 1.1). Per l Eurozona la produzione industriale ha continuato a ridursi anche a gennaio, così come l indice manifatturiero sulle piccole medie imprese. Tab. 1.1: Ultimi dati sulle variazioni della produzione industriale e delle vendite al dettaglio -0,3 Italia Spagna Francia Germania 1,7 1,3 Indicatore Mese Atteso Effettivo Precedente Eurozona Fiducia dei consumatori Feb -23,2-23,6-23,9 Indice manifatturiero PMI Feb 48,5 47,8 47,9 Produzione industriale wda (YoY) Gen -% -1.3% -2.4% Vendite al dettaglio (YoY) Gen -2.9% -1.3% -3.4% Produzione industriale wda (YoY) Dic -2.3% -2.4% -3.7% Vendite al dettaglio (YoY) Dic -1.4% -3.4% -2.6% Italia Indice manifatturiero PMI Feb 47,6 45,8 47,8 Produzione industriale wda (YoY) Gen -5,6% -3,6% -6,6% Ordini industriali n.s.a. (YoY) Gen -5,0% - -15,3% Vendite al dettaglio (YoY) Gen -3,0% - -3,8% Produzione industriale wda (YoY) Dic -6.9% -6.6% -7.6% Ordini industriali n.s.a. (YoY) Dic -9.5% -15.3% -6.7% Vendite al dettaglio (YoY) Dic -3.2% -3.8% -3.1% Fonte: Bloomberg Le misure di austerità introdotte nei diversi paesi europei, hanno avuto effetti recessivi oltre le attese. Questo ha richiesto la revisione a ribasso delle stime di crescita del Pil per il Fonte: Bloomberg, BCE, aggiornato al 28 marzo 2013 Nel corso dell ultima conferenza stampa della Banca Centrale Europea dello scorso 7 marzo, il presidente Mario Draghi ha prospettato una fase di ulteriore indebolimento della congiuntura economica e successivamente una graduale ripresa nella seconda parte dell anno in corso. Questo scenario ha indotto la BCE a ridurre le previsioni sulla crescita del Pil dell Eurozona da -0.3% a -0.5% nel 2013 e da +1.2% a +1.0% nel Sebbene non vi siano stati recenti interventi sui tassi di interesse, che restano invariati allo 0,75%, non è stata esclusa la possibilità di un ulteriore taglio dei tassi in futuro. Il presidente della BCE ha rassicurato gli investitori garantendo che la politica monetaria rimarrà accomodante finché sarà necessario. Le elezioni politiche italiane non hanno consegnato un quadro di governo stabile. Tuttavia, questo esito incerto, ha generato solo qualche tensione di breve termine sui mercati finanziari europei. Sebbene l indice di borsa italiano presenti performance relativamente peggiori da inizio anno rispetto agli indici degli altri principali paesi europei, sembra che la crisi di governo non preoccupi eccessivamente gli investitori. Fig. 1.3: Andamento da inizio anno dei principali mercati azionari europei 10% 5% 0% -5% -10% -15% Italia Francia Germania Spagna Regno Unito Rischio politico Italia Fonte: Bloomberg, aggiornato al 28 marzo 2013 L impressione è che le misure anti spread Outright Monetary Transactions (OMT) introdotte lo scorso settembre, 10/09/2013 2

4 apr-10 giu-10 ago-10 ott-10 dic-10 feb-11 apr-11 giu-11 ago-11 ott-11 dic-11 feb-12 apr-12 giu-12 ago-12 ott-12 dic-12 feb-13 A cura dell Ufficio Studi rappresentino una garanzia sufficiente per gli investitori, anche se la richiesta di aiuti da parte dell Italia è improbabile perché il primo partito del paese, il Movimento 5 Stelle, sarebbe difficilmente disposto ad approvare in parlamento i vincoli che comporterebbe la richiesta di aiuti all UE. Le nuove elezioni rappresentano uno scenario probabile, ma lo scudo anti-spread OMT di Draghi, pur rimanendo uno strumento che difficilmente verrà attivato, rimane comunque un supporto credibile al debito sovrano dell'italia. Supporto che ha di fatto annullato la probabilità che gli investitori stessi tornino ad essere così pessimisti come a novembre 2011 e luglio. L effetto negativo dell'incertezza politica rimane confinato a debito e investimenti in Italia, ma non rappresenta più un fattore di rischio "sistemico" capace di trascinare verso il basso i listini di borsa europei. Da questo punto di vista sembra essersi creata una divergenza tra l andamento dell economia reale e l ottimismo dei mercati finanziari, che dopo la fase di stress legata al rischio politico italiano, hanno intrapreso un trend positivo. Tuttavia, ad oggi, recenti notizie sul salvataggio delle banche cipriote attraverso una tassa sui depositi dei correntisti e rumors su ulteriori downgrade del rating dell Italia legati alle prospettive di instabilità del governo, stanno generando nuove tensioni sui listini di borsa europei e sugli spread. Con riferimento all Italia, la situazione si presenta decisamente critica soprattutto in relazione alle minori aspettative di crescita. Recenti dati diffusi da Banca d Italia indicano una riduzione del Pil del 7% dall inizio della crisi nel 2008 che continuerà ad aumentare anche nell anno in corso. L elevato rapporto Debito/Pil pari a 126% nel è atteso ancora in crescita per il 2013, e si confronta con il range di valori dell 80-89% di Germania, Francia, Regno Unito e Spagna. Inoltre la disoccupazione sembra aumentare più velocemente di quanto previsto (per gli under 24 si attesta al 38,7%) riducendo ulteriormente il potere reale di acquisto delle famiglie. Nel i consumi sono calati del -4,3% in termini reali, mentre gli investimenti del -8,0%.L Eurostat nel quarto trimestre del indica una variazione negativa degli investimenti in costruzioni del -4,4% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, diversamente da Germania e Francia che registrano una leggera crescita. L assenza di un governo, continua a ritardare gli interventi necessari a riequilibrare le misure di austerità e rilanciare lo sviluppo del paese. Tab. 1.2: Principali Indicatori economici Italiani Indicatori principali 2011 Q113 Q213 Q313 Q Crescita reale del Pil (YoY%) 0,40-2,40-2,10-2,60-2,60-2,80-1,20 0,30 Inflazione (YoY%) 2,91 3,31 5 1,60 1,80 5 1,95 1,90 Disoccupazione (%) 8,42 10,63 11,70 11,70 11,85 11,85 11,80 11,60 Budget (% of Pil) -3,90-2, ,30-1,85 Rendimenti Btp decennali (%) 7,03 4, , ,30 Euribor 3M (%) 1,36 0,19 0,24 0,25 0,30 0,53 0,53 0,41 IRS 10Y (%) 2,38 1,57 1,63 1,70 1,76 1,83 1,83 1,90 Fonte: Bloomberg, aggiornato al 28 marzo 2013 Ad oggi la curva dei titoli di stato italiani continua a presentare rendimenti inferiori rispetto agli altri paesi periferici, ma perde terreno rispetto alla curva spagnola. Lo spread BTP-Bund è notevolmente aumentato passando da un range pre-elezioni di punti base al range attuale di punti base. A confermare le preoccupazioni degli investitori lo scorso 7 marzo, l agenzia di rating Fitch ha declassato il rating dell Italia da A- a BBB+ con outlook negativo ad indicare la possibilità di ulteriori downgrade. Secondo l agenzia, i risultati inconcludenti delle elezioni rendono improbabile che l Italia possa avere un governo stabile nelle prossime settimane ed il probabile freno alle riforme strutturali costituisce un ulteriore fattore di criticità per l economia reale. Fitch ha contestualmente ridotto le stima di crescita del Pil nel 2013 al -1,8% ed ha aumentato al 130% il rapporto Debito/Pil atteso. Fig. 1.4: Andamento dei rendimenti dei titoli di stato decennali 8,0 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 1,0 0,0 Spread Btp-Bund Italia Germania Francia Regno Unito Spagna Fonte: Bloomberg, aggiornato al 28 marzo 2013 Misure anti spread Al momento delle quattro primarie agenzie di rating: Fitch, S&P, Moody s e Dbrs, soltanto quest ultima con A (low), tiene l Italia nel campo delle A. L onerosità dei finanziamenti BCE per le banche italiane, è subordinata al miglior rating tra le quattro agenzie per lo stato di appartenenza, un eventuale downgrade di Dbrs, implicherebbe un costo del funding maggiore per le banche italiane e quindi per l accesso al credito delle imprese in Italia. Inoltre recenti rumors di mercato indicano che l agenzia di rating Moody s, che attualmente attribuisce all Italia un rating Baa2 (appena due livelli sopra la categoria definita junk dagli investitori), sia in procinto di procedere con un downgrade del rating dell Italia, proprio a causa dell instabilità del governo, che secondo l agenzia continuerà a sussistere anche in caso di nuove elezioni Attività creditizia ed andamento dei tassi Il sistema creditizio continua a rappresentare il problema principale per l economia italiana e per il proprio settore immobiliare. Sebbene gli spread si siano allontanati dai livelli di allarme della scorsa estate, l offerta di credito alle imprese continua a ridursi e lo stesso accade anche ai nuovi mutui 10/09/2013 3

5 gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 A cura dell Ufficio Studi erogati alle famiglie, in riduzione di circa il 30% rispetto al Fig. 1.5: Variazione dei prestiti alle imprese non finanziarie (YoY %) Fonte: BCE Italia Francia Germania Spagna Grecia Le banche italiane sembrano continuare a destinare la propria liquidità all acquisto di titoli di stato domestici, beneficiando dei rendimenti elevati e del minore assorbimento di capitale che richiedono rispetto ai prestiti alle imprese. I dati della BCE evidenziano una vendita significativa di titoli di stato da parte di banche italiane soltanto nel mese di dicembre (Fig. 1.6), probabilmente finalizzata all incasso delle plusvalenze per migliorare i bilanci di fine anno. Fig. 1.6: Acquisto di titoli di stato italiani da parte di banche italiane ( mld) Fig. 1.7: Sofferenze delle banche italiane 150,0 130,0 110,0 90,0 70,0 50,0 30,0 41,0 Sofferenze lorde ( mld) Sofferenze lorde / Impieghi escluso interbancario (%) 59,0 78,0 107,2 Fonte: Banca d Italia, ABI 7,5 125,0 126,1 7,0 Grazie alla liquidità immessa dalla BCE, all incremento dei depositi da inizio anno (+6,2% a gennaio e +6,8% a febbraio rispetto al 2011) e al miglioramento dello spread, oggi il problema del funding degli istituti di credito italiani è secondario rispetto ai problemi di patrimonializzazione. Nonostante la nuova normativa Basilea 3 sia stata rinviata al 2015, prevedendo un introduzione graduale dei nuovi requisiti di liquidità, tutti gli istituti stanno operando per rafforzare gli indici di solvibilità e, a causa dello scenario recessivo, adottano criteri sempre più rigidi per la concessione dei prestiti. La riduzione degli spread non ha ancora avuto effetti sul tasso medio dei nuovi prestiti alle imprese: il divario tra i tassi di prestito alle imprese per Spagna e Italia e quelli di Francia e Germania continua a crescere (Fig. 1.8). 6,5 6,0 5,5 5,0 4,0 22,6 23,1 24,1 6,1 12,3 5,2 1,1 4,8 10,5 2,1 18,5 Fig. 1.8: Tasso medio sui prestiti alle società non finanziarie (%) -2,3-6,2-13,4 Italia Francia Germania Spagna Fonte: BCE Questo meccanismo continua a non consentire che i flussi di liquidità a basso costo della BCE raggiungano l economia reale, impedendo la ripresa. I problemi di adeguatezza del patrimonio sono ancora gravi per gli istituti italiani e le continue rettifiche di valore delle attività finanziarie rappresentano un fattore di rischio significativo. I crediti in sofferenza e la relativa incidenza sugli impieghi continuano ad aumentare, segnando un aumento del 18% da dicembre 2011.Si prevede che gli accantonamenti siano destinati ad aumentare ancora nel corso dell anno. 4,0 3,5 3,0 2,5 Fonte: BCE 2. Mercato Immobiliare 2.1. Mercato immobiliare in Europa 1 Nomisma, I Rapporto 2013 sul mercato immobiliare Gli investimenti diretti in immobili non residenziali in Europa nel sono in linea con l anno precedente a quota 120,4 miliardi di euro. Si registra un segnale molto positivo nel quarto trimestre con un totale di 41,5 miliardi di euro di transazioni (+16% rispetto al 4Q 2011 e +48% rispetto al 10/09/2013 4

6 trimestre precedente) 2. Per Germania e Norvegia il quarto trimestre costituisce il trimestre con il maggior volume di transazioni dal Il quarto trimestre segna anche il ritorno di interesse degli investitori esteri, tranquillizzati dalle misure anti spread introdotte dalla BCE. Nel si registra un incremento pari al 36% negli investimenti netti in Europa da parte di investitori esterni alla regione, rispetto al In Europa si sono avuti otto contratti cross-border di valore superiore a 500 milioni di euro, nel quarto trimestre del. Tali volumi testimoniano l interesse degli investitori per le opportunità immobiliari, in particolare nei mercati core come Regno Unito, Germania, Francia ed i paesi nordici, in particolare Svezia e Norvegia. Fig. 2.1: Andamento delle compravendite non residenziali in Germania, Francia e Regno Unito ed i paesi nordici. 22,8 5,6 5,6 5,7 5, ,6% Fonte: CBRE 25,2 5,1 4,3 5,1 10,7 14,8 1,9 2,8 3,6 6, ,3% 14,0 1,7 3,8 Così come sui mercati obbligazionari si registra una spiccata preferenza per strumenti ritenuti sicuri, quali i titoli di stato statunitensi e tedeschi, anche nel mercato immobiliare sono premiati i prodotti con un profilo di rischio basso e penalizzati i mercati ritenuti meno liquidi. Nei mercati core, ovvero i mercati con un profilo di rischio - paese più basso e un corrispondente minore rendimento delle obbligazioni statali (Germania, Gran Bretagna e Paesi Scandinavi), lo spread fra i rendimenti del mercato immobiliare e i rendimenti dei titoli di stato, storicamente considerato un benchmark dell attrattività del mercato immobiliare, sta raggiungendo livelli record. Al contrario nei mercati periferici, come il mercato italiano, l incremento dei rendimenti dei titoli di stato riduce a zero ovvero a valori negativi tale spread. Gli investitori hanno preferito spostare i propri investimenti nei paesi più stabili e dal mercato più attivo per minimizzare i rischi, nonostante i rendimenti più bassi. Il settore degli uffici ha registrato un anno molto positivo nel, con un incremento di attività pari al 24% su base annua; quasi il 60% delle attività nel settore degli uffici nel ha avuto luogo a Londra, Parigi e nelle 5 principali città della Germania. Questo ha contribuito a consolidare le 2 CBRE, European Investment Quarterly 4Q 3,1 5,4 35,3 11,6 7,6 7,7 8, Q1 +14,8% Germania Francia UK 40,6 8,5 9,2 11,8 11,1 Q2 Q3 16,9 3,4 3,7 5, ,4% Q4 20,5 5,1 4,2 3,5 7,5 Paesi nordici posizioni di Londra e Parigi fra le 10 principali città con maggiori volumi di investimenti a livello globale, con Londra ben stabile in prima posizione nel. Nonostante la costante domanda di immobili di ottima qualità per centri commerciali, come evidenziato da svariati contratti di grandi dimensioni nel quarto trimestre, i volumi degli investimenti nel settore retail nel corso dell'intero hanno subito una contrazione su base annua. I volumi degli investimenti nel mercato immobiliare del retail (high street escluse) in Europa sono stati pari a 19,4 miliardi di euro, inferiori ai livelli di 31,3 miliardi di euro del 2011, a causa della carenza di prodotti sul mercato. Il quarto trimestre ha fatto registrare un balzo degli investimenti che hanno raggiunto i 7,6 miliardi di euro, quasi il 40% del controvalore dell anno. Anche nel settore retail i mercati principali sono Regno Unito, Germania e Francia, con quote di mercato rispettivamente del 30%, del 23% e del 10%, mentre a seguire troviamo Norvegia e Svezia. Tab. 2.1: Compravendite retail nei principali paesi Europei ( mln) Paese Q4 12 % Q4 11 Var. a/a Regno Unito % % Germania % % Francia % % Norvegia % % Svezia % % Olanda % % Spagna % % Belgio % % Italia* % % Danimarca % 17 82% *Non include la cessione del 49% delle quote di Simon Property in Gallerie Commerciali Italiane per 490 milioni di euro Fonte: CBRE I forti investimenti che hanno caratterizzato l ultimo trimestre hanno riguardato anche economie deboli come quelle di Spagna e Irlanda per cui si è registrato un incremento significativo, che potrebbe segnare l inizio di una ripresa. In Italia, il volume degli investimenti retail ha registrato un sensibile calo nel corso dell anno. Con riferimento al nuovo stock di GLA offerto, il settore ha subito una contrazione del 24% rispetto al 2011, mentre relativamente ai soli centri commerciali, la contrazione è stata più contenuta, pari all 11,4% rispetto al A fine la densità di offerta di centri commerciali, secondo le stime di CBRE, è in leggera crescita grazie alla riduzione della popolazione e si attesta a 276 mq ogni 1000 abitanti. A dicembre risultano in costruzione 26 progetti retail (con superficie maggiore ai mq) per un totale di mq con consegna prevista tra il 2013 ed il Mercato immobiliare in Italia Rispetto allo scorso anno per l Italia si evidenzia una spinta recessiva superiore agli altri paesi e, al contempo, anche un 10/09/2013 5

7 crescente rischio politico che alimenta i rischi di uscita dall euro. Inoltre l introduzione dell IMU, ha contribuito ad allontanare ulteriormente l interesse dei potenziali investitori. Nel il mercato italiano degli investimenti in immobili non residenziali non ha raggiunto il livello del primo semestre dell anno precedente, attestandosi a 1,7 3 miliardi di euro circa, mentre l incidenza sul totale investito in Europa si riduce dal 3,6% all 1,4%. Nel quarto trimestre del, soltanto 458 milioni di euro sono stati investiti. Questi dati rappresentano il peggior livello registrato in Italia negli ultimi dieci anni. Fig. 2.2: Andamento delle compravendite non residenziali in Italia e dell incidenza sul totale europeo 4,0 3,5 3,0 2,5 1,5 1,0 0,5 0,0 Fonte: CBRE Investimenti Italiani 4,1 4,2 4,3 5,9% 4,4% incidenza su Investimenti Europei 3,7% Con riferimento alla tipologia di investimenti, anche nel gli uffici si confermano la destinazione d uso prevalente ed aumenta l incidenza del settore turistico, che raggiunge il 16% rispetto al 3% del Tuttavia è importante evidenziare che il segmento retail è quello che attira la quasi totalità degli investimenti esteri. 1, ,4% 7,0% 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% % 1,0% 0,0% superato i 500 milioni di euro di transazioni. Nel corso del quarto trimestre, il volume di assorbimento si è attestato intorno ai m², portando il totale annuo a m². Se la flessione trimestrale è del 12%, su base annuale il mercato ha registrato una diminuzione del 29% rispetto al L attività nel mercato degli investimenti a Roma è stata piuttosto bassa, con 150 milioni di euro, portando il totale annuo a 622 milioni di euro, in diminuzione del 25% rispetto al 2011 e del 50% rispetto al Nel corso del quarto trimestre, m² di uffici sono stati assorbiti, portando il totale annuo a soltanto m². La tendenza iniziata nella seconda metà del 2011 è continuata anche in questo trimestre, facendo registrare il volume più basso degl ultimi sette anni 4 a Roma. Occorre sottolineare che negli ultimi mesi si registrano diverse transazioni di notevole entità, la maggior parte delle quali nel segmento uffici (due delle principali vedono IDeA FIMIT come venditore). Tab. 2.2: Principali compravendite immobiliari non residenziali degli ultimi sei mesi in Italia Immobile Data Località Tipologia Four Seasons Firenze Corso d Italia 41-43/via Tevere 50 Palazzo Biandrà Portafoglio IREN Prezzo ( mln) Venditore Acquirente Firenze Alberghi 160,0 Fintecna, Fingen Al Mirqab Viale Sturzo Roma, Corso d Italia / via Tevere 50 Milano, Piazza Cordusio, Via Mercanti, Via Grossi Uffici 106,0 IDeA Fimit Antirion SGR Uffici 100,0 IDeA Fimit Cattolica Assicurazioni Genova Uffici 9 Iren Ream Sgr Milano, Viale Don Luigi Sturzo 35 Uffici 83,0 Generali Real Estate Antirion SGR Fig. 2.3: Scomposizione delle compravendite non residenziali per destinazione d uso nel Stazione Tiburtina Corso Vittorio Emanuele Roma, Stazione Tiburtina Milano, Corso Vittorio Emanuele Uffici 73,2 Ferrovie dello Stato Bnp Paribas Real Estate Italia Beni Stabili Gestioni Retail 67,6 Passarella S.r.l. SGR S.p.A. 16% 4% 9% 44% Uffici Commerciale* Industriale e Logistica Turistico Via Piemonte Roma, Via Piemonte Uffici 40,6 Piazza Duomo NH Hotel Verdi Grand Hotel Baglioni Santa Croce Milano,Piazza Duomo 25 Milano, Via Melchiorre Gioia 6-8 Firenze, Grand Hotel Baglioni Firenze Venezia, Santa Croce, Retail 39,0 Alberghi 38,0 Beni Stabili S.p.A. SIIQ Damiani (Immobiliare Miralto) Deka Immobilien Investment Alberghi Compagnia Italiana 30,0 Alberghi Investire Uffici 25,0 Immobiliare SGR S.p.A. Sator Gruppo Statuto Hines Italia sgr Qatar Holding INAIL 1% 27% Misti Altri Via Nazionale - Via Venezia Roma, Via Nazionale angolo via Venezia Fonte: Il Quotidiano Immobiliare Altri Immobili 21,9 UniCredit Banca Immobiliare Caltagirone IVG Institutional Amundi RE Italia Via Temolo Milano, Via Temolo 6 Uffici 21,7 Funds GmbH SGR Viale Fulvio Milano, Viale Fulvio European Property Uffici 18,0 Torre SGR S.p.A. Testi 327 Testi 327 Investments LLC *Non include la quota del 49% di GCI ceduta da Simon Property ad Auchan Fonte: BNP RE Per quanto concerne i mercati principali, a Milano, con soltanto 140 milioni di euro nel Q4, il volume del non ha 3 Il volume totale degli investimenti non include alcune operazioni che non sono investimenti immobiliari in senso stretto. Tra queste troviamo l acquisizione de parte di Qatar Holding di Smeralda, società proprietaria di hotel di lusso in Costa Smeralda per un valore di 600 milioni di euro e l acquisizione per circa 490 milioni di euro da parte di Auchan della quota del 49% detenuta da Simon Property La scomposizione per categoria di investitori, conferma una forte incidenza dei fondi immobiliari, circa il 39% in leggera flessione rispetto al 2011,mentre è in crescita la mole di investimenti da parte di imprese. Dal lato dell offerta, invece, con circa 360 milioni di transazioni, IDeA FIMIT rappresenta oltre il 20% del totale transato nel. 4 JLL, Global Capital Markets Research 4Q 10/09/2013 6

8 Fig. 2.4: Scomposizione delle compravendite immobiliari non residenziali in Italia per tipologia di investitore nel 100% 80% 60% 40% 20% 0% Fondi immobiliari italiani Aziende Fondi aperti tedeschi ed altri Assicurazioni e fondi pensione Fonte: BNP RE 19% 7% 14% 29% 16% 10% Investitori privati Banche, settore pubblico e altro Società immobiliari 15% 21% 41% 39% Anche per quanto concerne il numero delle compravendite, nel si registra una forte contrazione che riguarda, in maniera omogenea, sia il segmento non residenziale che quello residenziale. Il quarto trimestre del presenta il peggior dato trimestrale dal 2004, con una riduzione del - 29,6% del numero complessivo di transazioni rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Mentre la contrazione su base annuale è pari al -24,8% con un ammontare complessivo di transazioni pari a , di cui circa residenziali 5. Il rallentamento dell economia ha portato gli operatori a rivedere a ribasso le previsioni future, Nomisma stima che il numero di transazioni residenziali continuerà a ridursi il prossimo anno portandosi a , per poi avviare una lenta inversione di tendenza l anno successivo. A causa delle aspettative recessive le banche italiane continuano a ridurre l offerta di credito verso il settore e diventa sempre più difficile finanziare le operazioni. Inoltre il mancato allineamento tra domanda ed offerta in termini di prezzo continua ad alimentare l illiquidità del mercato. Per gli investitori diventa sempre più necessario un adeguamento dei prezzi alle nuove condizioni di mercato. Il repricing si traduce in opportunità di acquisire immobili con rendimenti più elevati, richiesti proprio in virtù del rischio paese. 5 Nota Trimestrale Agenzia del Territorio, IV trimestre 6% 28% Fig. 2.5: Andamento del rapporto canoni su prezzi a Milano e Roma rispetto al rendimento del BTP decennale Nomisma IDeA FIMIT BTP 10yr Uffici Milano 7,0 5,8 4,9 5,0 5,7 5,8 4,9 5,1 2H H 2H Uffici Roma 7,0 5,6 6,1 5,6 6,2 5,8 6,4 5,6 2H H 2H Retail Milano 6,5 7,0 6,1 6,4 6,0 5,8 6,4 6,5 2H H 2H Retail Roma 7,5 7,9 8,7 8,8 7,0 7,4 7,5 5,8 Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi IDeA FIMIT, Nomisma, Bloomberg Parallelamente alle stime di crescita economica anche le stime sull andamento dei prezzi continuano a ridursi, prospettando il concretizzarsi del repricing atteso dagli investitori. Nel la media dei prezzi delle tredici principali città italiane, si è ridotta del -4,2% per gli uffici e del -3,3% per i negozi. Nomisma prevede che nel 2013 i prezzi di uffici e negozi scenderanno ancora rispettivamente del -5,2% e del - 4,9%, contro la precedente stima dello scorso novembre del - 4,7% e -4,1% Fondi immobiliari retail: patrimonio e andamento quotazioni Il patrimonio dei fondi immobiliari retail nel corso del si è ridotto significativamente, sia in termini di patrimonio immobiliare, -6,4% sia in termini di Nav, -7,5%. Molto hanno influito le minusvalenza registrate nel corso dell anno, infatti a perimetro omogeneo le variazioni di patrimonio immobiliare restano significative, in alcuni casi anche superiori al 10%. Tab. 2.3: Andamento dei fondi immobiliari retail italiani Fondi retail SGR Patrimonio immobiliare detenuto direttamente a fine ( mln) 2H H 2H Variazione del patrimonio immobiliare diretto su anno precedente Variazione del patrimonio NAV immobiliare ( mln) a perimetro omgeneo Investieco Aedes BPM RE 200,8-3,0% -3,0% 165,0-6,2% Amundi RE Europa Amundi Re Italia 174,0 9,3% -4,3% 182,8-2,5% Amundi RE Italia Amundi Re Italia 219,1-4,9% -4,9% 162,5-7,0% Immobilium 2001 Beni Stabili Gestioni 99,4-6,0% -6,0% 110,5-13,4% Invest Real Security Beni Stabili Gestioni 141,7-7,4% -7,4% 125,6-6,2% Securfondo Beni Stabili Gestioni 117,0-15,3% -6,1% 146,2-8,4% Bnl Portfolio Immobiliare BNP Paribas Reim 156,3-10,4% -10,4% 206,4-13,4% Estense Grande Distr.ne BNP Paribas Reim 380,6-3,1% -3,1% 230,9-5,2% Immobiliare Dinamico BNP Paribas Reim 349,7-4,2% -4,2% 348,4-7,1% Socrate Fabrica Immobiliare 139,5-6,4% -6,4% 139,4 8,9% Atlantic 1 IDeA FIMIT 631,8-3,6% -2,5% 281,4-5,2% Atlantic 2 Berenice IDeA FIMIT 396,7-23,5% -5,2% 225,9-6,8% Fondo Alpha IDeA FIMIT 407,0-3,5% -3,5% 384,4-2,6% Fondo Beta IDeA FIMIT 164,8-1,1% -0,9% 149,2 1,2% Fondo Delta IDeA FIMIT 325,0-5,1% -5,1% 204,1-2,7% Obelisco Investire Immobiliare 206,2-2,3% -2,3% 131,7-7,0% Medionalum Re Mediolanum Gestioni 306,4 -% -% 343,7 -% Risparmio Imm.re Uno EnergiaPensPlan Invest 165,9-5,9% -5,9% 54,0-18,7% Polis Polis 274,0-2,5% -2,5% 259,4-2,2% Olinda Fondo Shops Prelios 472,7-5,2% -5,2% 242,8-14,6% Tecla Fondo Ufficio Prelios 409,4-9,5% -6,4% 230,1-19,1% Dolomit RREEF 119,4-4,9% -4,9% 79,5-4,7% Valore Imm.re Globale RREEF 111,7-16,0% -8,4% 121,6-13,9% Unicredito Imm.re Uno Torre 354,2-7,5% -2,6% 497,1-6,7% Europa Immobiliare Uno Vegagest 174,4-12,5% -12,5% 174,3-20,5% Somma / media 6.497,8-6,4% -5,1% 5.196,8-7,5% Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi IDeA FIMIT su dati di rendiconto dei fondi Variazione del NAV su anno precedente 10/09/2013 7

9 Per quanto riguarda l andamento dei fondi retail sui mercati finanziari, nel i 23 fondi immobiliari quotati hanno fatto registrare performance molto negative, anche se da inizio anno sembra essere iniziata un inversione di tendenza. Tab. 2.4: Andamento dei fondi immobiliari quotati Fondo Mkt Cap mln Fonte: Bloomberg aggiornato al 28 marzo 2013 % Sconto Perf YTD Perf Si confermano i problemi collegati alla scarsa liquidità del settore e all elevato sconto dei valori di quotazione in borsa dei fondi rispetto al Nav. Negli ultimi sei mesi la media giornaliera degli scambi nel mercato dei fondi chiusi quotati è stata pari a 118 quote, in aumento rispetto alle circa 90 quote dello scorso dicembre, mentre lo sconto sul Nav medio continua ad essere prossimo al 60%. Molti dei fondi retail sono prossimi alla scadenza: nel 2013 dovranno essere liquidati immobili per 1,2 miliardi, per un totale di circa miliardi entro il Tab. 2.5: Patrimonio in scadenza dei fondi immobiliari retail Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi IDeA FIMIT su dati da rendiconto Volume medio ultimi 6m Volume medio ultimi 6m ( ) UNICREDITO IMMOBILIARE UNO 23 11% 56,4% 1,5% -22,3% MEDIOLANUM B 197,2 9% 45,2% -13,8% 0,0% n.a. n.a. ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE 156,7 7% 35,7% 23,3% -10,5% BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE 126,2 6% 57,5% 39,7% -44,6% ATLANTIC 1 120,2 6% 49,6% 22,3% -1,0% ALPHA IMMOBILIARE 105,8 5% 73,2% -3,7% -30,2% ATLANTIC 2 105,1 5% 56,6% 7,9% -45,7% TECLA - FONDO UFFICI 96,0 5% 66,3% -6,7% -48,0% AMUNDI RE EUROPA 92,5 4% 75,3% 6,2% -27,4% IMMOBILIARE DINAMICO 92,4 4% 50,7% 16,7% -25,8% INVESTIETICO 88,8 4% 39,8% 4,9% -33,5% POLIS FUND 86,0 4% 51,1% 2,6% -26,4% BETA IMMOBILIARE 84,6 4% 68,1% 8,4% -30,5% SECURFONDO 72,7 3% 54,4% 11,1% -31,3% AMUNDI RE ITALIA 67,1 3% 61,6% 8,8% -30,0% DELTA IMMOBILIARE 60,3 3% 71,2% -5,8% -3% OLINDA FONDO SHOPS 57,9 3% 56,8% % -3,7% INVEST REAL SECURITY 55,6 3% 80,5% -2,3% -61,1% VEGAGEST EUROPA IMMOBILIARE 51,1 2% 76,7% -3,6% -37,2% VALORE IMMOBILIARE GLOBALE 47,0 2% 66,8% 8,2% -25,9% OBELISCO IMMOBILIARE 46,4 2% 67,1% -11,5% -22,7% IMMOBILIUM ,7 2% 70,5% -5,3% -38,4% RISPARMIO IMMOB UNO ENERGIA 30,7 1% 53,8% -6,6% -26,3% Media 2.109,9 100% 60,2% 4,7% -28,5% Media ponderata 57,3% 6,0% -25,7% Scadenza Scadenza corrente Patrimonio immobiliare % # fondi Scadenza Massima* Patrimonio immobiliare % # fondi ,7 18% 3,0 156,3 2% 1, ,6 30% 7,0 882,1 14% ,8 21% 6,0 561,4 9% ,9 8% 3,0 1154,0 18% 3, ,9 4% 499,5 8% ,9 3% 1,0 681,0 10% 3, ,0 0% 0 219,1 3% 1, ,7 5% 1,0 829,5 13% 5,0 > ,5 11% 1514,8 23% 6,0 Totale 6497,8 100% ,8 100% 25 *La scadenza massima include eventuali periodi di proroga e di grazia richiedibili come previsto da regolamento del fondo Il problema della scadenza riguarda anche i fondi immobiliari non retail; includendo anche i fondi riservati, secondo la Consob, il numero dei fondi in scadenza nei prossimi 5 anni raggiunge quota 117 per un controvalore complessivo, in termini di patrimonio immobiliare, pari a 20 miliardi di euro. Tutto questo in uno scenario di stagnazione del mercato, dove il totale acquisti dei fondi immobiliari retail è stato di appena 21 milioni di euro nel, mentre le dismissioni sono state pari a 195 milioni di euro, rispetto ai 325 milioni di euro del Le soluzioni allo studio per ovviare al problema delle scadenze senza svendere gli immobili, prevedono: - il ricorso al periodo di grazia - il prolungamento della durata dei fondi attraverso la modifica del regolamento - il conferimento del patrimonio dei fondi in fondi di nuova costituzione - operazioni straordinarie tra fondi - la trasformazione dei fondi immobiliari in SIIQ Oltre al problema delle scadenza dei fondi immobiliari, a peggiorare le cose, si aggiungono il processo di deleveraging delle banche e le dismissioni delle società non finanziarie in ristrutturazione. Alcuni recenti esempi sono quelli di Monte dei Paschi che ha recentemente dichiarato di voler mettere sul mercato 240 immobili di proprietà ed RCS che ha pianificato dismissioni immobiliari per un controvalore tra i 200 ed i 300 milioni di euro. Inoltre procede anche il processo di valorizzazione del patrimonio pubblico, da tutti considerato l unica arma efficace per abbattere il rapporto debito/pil. Il problema è molto serio: considerando la congiuntura economica debole, l incertezza del quadro politico e la stretta creditizia delle banche, il mercato immobiliare italiano sarà caratterizzato nei prossimi anni da un eccesso di offerta difficilmente assorbibile, soprattutto senza l ausilio di investimenti esteri. Disclaimer Le informazioni contenute nel presente documento (di seguito il Documento ) sono riservate al soggetto al quale vengono fornite e non dovranno mai essere, in tutto o in parte, divulgate a terzi, né copiate, distribuite, trasferite o riprodotte, inalcun caso, senza il preventivo consenso scritto di IDeA FIMIT.Le informazioni contenute nel Documento sono aggiornate alle date indicate nello stesso e IDeA FIMIT ritiene in buona fede che a tali date dette informazioni siano corrette. IDeA FIMIT, i suoi amministratori, dirigenti ed impiegati, tuttavia, non forniscono alcuna garanzia, espressa o implicita, sulla veridicità, accuratezza o completezza di tali informazioni e, pertanto, non potranno essere ritenute in alcun modo responsabili per perdite, danni, costi o spese derivanti dall'uso delle informazioni fornite nel Documento.Il contenuto del Documento non costituisce un offerta né una sollecitazione all investimento nelle quote dei fondi gestiti da IDeA FIMIT. 6 Nomisma, I Rapporto 2013 sul mercato immobiliare 10/09/2013 8

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

UniCredito Immobiliare Uno. prevalentemente non residenziali

UniCredito Immobiliare Uno. prevalentemente non residenziali UniCredito Immobiliare Uno Fondo chiuso per investimenti immobiliari prevalentemente non residenziali RENDICONTO AL 31 DICEMBRE 2013 1 Sommario Relazione degli amministratori sull andamento della gestione

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli