DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2015"

Transcript

1 DELLA PROVINCIA DI TRENTO ANNO XIII - N. 2 - II TRIMESTRE 2015 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN A.P. D.L. 353/2003 (CONV. IN L N. 46) ART. 1, COMMA 1 - DCB TRENTO AUT. TRIB. TRENTO N DEL PER. TRIM. LE news DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2015 STRUMENTI DI GESTIONE DEL RISCHIO NEGLI USA E NELLA UE LA CONVENIENZA DI ASSICURARSI MISSION CONDIFESA E NUOVI FONDI MUTUALISTICI PRINCIPALI NOVITÀ 2015 POLIZZA DI ASSICURAZIONE 2015 PRODUZIONE ORDINARIA, SOGLIA E COSTI

2 Proteggi il Tuo Lavoro con l Assicurazione Agevolata Bestiame Protezione da tutti i rischi dei bovini da latte compresi: alpeggio, fiere, mercati e pascoli con il contributo della Provincia Autonoma di Trento Compagnie convenzionate: Itas Mutua, Cattolica Assicurazioni, Fata Assicurazioni, Generali Assicurazioni Trento Via Giusti n Tel. 0461/ Telefax 0461 /

3 Periodico del Consorzio Difesa Produttori Agricoli Co.Di.Pr.A. LA GESTIONE DEI RISCHI PER UN AGRICOLTURA FORTE E COMPETITIVA ANNO XIII - N. 2 Co.Di.Pr.A. periodico dell Associazione IN QUESTO NUMERO Esercente l impresa giornalistica: Agriduemila s.r.l. - Via Giusti, TN Direttore responsabile: Piero Flor Direttore editoriale: Andrea Berti Consulente editoriale: Francesca Negri Costo abbonamento annuo 2,00 Pagamento assolto tramite versamento quota associativa. Redazione e Segreteria: Via Giusti, Trento - tel. 0461/915908, fax 0461/ Progetto grafico e impaginazione: Curcu & Genovese Associati S.r.l. Stampa: Litografia Amorth - Via Crosare - Gardolo di Trento Strumenti di gestione del rischio negli USA e nella UE...pag. 4 La convenienza della gestione del rischio...pag. 8 Mission Condifesa...pag. 10 Antitrust...pag. 12 Copertura assicurativa agevolata per danni alle strutture e agli impianti produttivi...pag. 14 Principali novità pag. 15 Fonti di finanziamento...pag. 16 Assicurarsi, come funziona...in pillole...pag. 18 Polizza di assicurazione collettiva Sintesi principali condizioni di assicurazione...pag. 19 Esempio pratico di calcolo del danno in parole povere...pag. 24 Ambiti normativi assicurazione agevolata pag. 27 Produzione ordinaria: come si calcola la resa assicurata...pag. 29 Principali obblighi a carico degli assicurati...pag. 32 Soglia di accesso al risarcimento Fondo di mutualità...pag. 34 Costo a carico del Socio: termini di pagamento...pag. 35 Possibilità di adottare diversi livelli di prezzo mercuriale...pag. 36 Allegato ai certificati di Assicurazione Agevolata Anno pag. 38 Percentuali per il calcolo del contributo associativo a carico dei soci per il pag. 40 Percentuali per il calcolo del contributo associativo su produzioni dotate di impianto di difesa attiva...pag. 47 3

4 Strumenti di gestione del rischio negli USA e nella UE di Paola Grossi, Presidente del gruppo Gestione dei rischi agricoli Copa-Cogeca e Responsabile legislativo Coldiretti Roma U n recente studio del Parlamento europeo (Policy department structural and cohesion policies Comparative analysis of risk management tools supported by the 2014 Farm Bill and the CAP ) contiene degli spunti interessanti sulla gestione del rischio, sia sotto il profilo dell applicazione della nuova PAC, sia per avviare delle opportune riflessioni in vista della revisione di medio termine. La gestione del rischio è un fattore strategico delle politiche agricole non solo perché eventi avversi possono compromettere la sussistenza delle imprese, ma altresì perché la variabilità del reddito influisce sulle decisioni aziendali, sull efficienza ed efficacia degli investimenti. Decisioni sbagliate a livello delle singole imprese comportano perdita di competitività per tutto il settore in termini di riduzione delle produzioni e inefficienza nella capacità di innovare. A livello macroeconomico, gli errori nella politica in materia hanno effetti in termini di minor valore aggiunto, diminuzioni dell approvvigionamento di cibo e pericolo per la sicurezza alimentare. Lo studio svolge un analisi comparata fra il sostegno alla gestione del rischio negli USA, in particolare nel Farm Bill 2014 (che è il principale strumento di politica agricola e alimentare a livello federale) e la nuova PAC per il Storicamente negli Stati Uniti il reddito agricolo è stato sostenuto attraverso compensazioni pagate ai produttori pari a tutta o parte della differenza fra prezzo garantito e prezzo di mercato. In passato la PAC utilizzava invece, allo stesso scopo, soprattutto l intervento sui prezzi, le restituzioni alle importazioni, le quote produttive, gli aiuti allo stoccaggio. La gestione del rischio è un fattore strategico delle politiche agricole perché eventi avversi possono compromettere la sussistenza delle imprese e perché la variabilità del reddito influisce sulle decisioni aziendali, nonché sull efficienza ed efficacia degli investimenti 4

5 Secondo lo studio ciò ha comportato in Europa una diffusa confusione fra sostegno al reddito e gestione dei rischi, quasi fossero la stessa cosa, confusione che non pare superata anche ora, dato che i pagamenti diretti sono ancora considerati in pratica una sorta di strumenti di gestione del rischio. In seguito all accordo del 1994 sull agricoltura dell Organizzazione mondiale del Commercio (WTO), il commercio globale è divenuto più competitivo, comportando per gli agricoltori europei un accresciuta volatilità dei prezzi e dei redditi, cui si sono aggiunti fattori esterni di shock quali i cambiamenti climatici, le crisi economiche e le speculazioni finanziarie sulle commodity. La politica agricola europea deve peraltro continuare a mantenere delle reti di sicurezza per contrastare i disastri naturali che influiscono sulla produzione agricola e sul reddito delle imprese e gli altri fattori di macro disturbo dei mercati, che influenzano gli approvvigionamenti e la domanda alimentare. L analisi considera gli strumenti di gestione dei rischi che dovrebbero essere utilizzati per gestire la maggior parte dei rischi che vanno fra una normale soggezione, che rientra nel rischio d impresa, o incide in modo puntuale sulle singole produzioni, e il livello catastrofale : in essi dovrebbero ricomprendersi i contratti di finanziamento, le polizze assicurative private, il coordinamento e la gestione verticale Da Marzo a Giugno aperto anche il sabato dalle ore 8.00 alle PRODOTTI PER AGRICOLTURA, UTENSILERIA, BRICOLAGE, GIARDINAGGIO E... FAI DA TE! Emporio Verde - Sede legale Via 4 novembre, Mezzocorona (TN) Tel.: Fax: Sito web:

6 e orizzontale delle filiere. E ancora il mercato, dei futures e dei derivati, che costituiscono altri strumenti importanti da sviluppare per la gestione della variabilità dei prezzi infra annuale. Lo studio ritiene che il sostegno pubblico per questi strumenti dovrebbe essere limitato alla formazione e informazione degli imprenditori, per ridurre le asimmetrie informative, con strumenti quali lo studio ed il monitoraggio dei prezzi e dei costi per le imprese, che supportino le scelte degli agricoltori in modo affidabile. Il sostegno diretto dovrebbe essere invece maggiormente focalizzato sui rischi con componenti sistemiche derivanti da eventi climatici o sanitari di tipo grave, con potenzialità realmente incidenti sulla sopravvivenza delle imprese. Esaminando la diversa situazione al di qua e al di là dell Oceano, si evidenzia che il peso degli strumenti di gestione del rischio negli USA e nella UE è stimato nel modo seguente: USA, 60% assicurazioni, 40% reti di sicurezza, 0% sostegno al reddito con pagamenti diretti; UE, 1% assicurazioni, 39% reti di sicurezza, 60% sostegno al reddito con pagamenti diretti. La proporzione fra i tre tipi di strumenti che contribuiscono alle strategie di gestione del rischio, incluso il credito, comportano che negli USA le politiche risultano più dinamiche e integrate di quanto non sia nella UE. L assicurazione negli USA è fortemente sostenuta con contributi pubblici, con la conseguenza che sono molto aumentati la superficie e il valore assicurato, si è parlato addirittura di polizze Cadillac per la protezione dei redditi (Babcock ). Deve però considerarsi che quello assicurativo è un settore dinamico, che coinvolge attori pubblici e privati, basato su dati statistici per l assunzione dei rischi 6

7 e per la loro valutazione, su perizie in campo che stimano il danno delle singole imprese ma altresì su valori indice che stimano le perdite, anche per ridurre i casi di frode. Un nuovo programma per i danni minori è stato proposto nel Farm Bill 2014 basato su indici di area a livello di contea utilizzato per polizze che coprono danni alla produzione intermedi fra il 20 ed il 50%. La produzione agricola che può essere assicurata è in continuo aumento: il Farm Bill prevede ricerche per sviluppare polizze su produzioni biologiche, produzioni bioenergetiche e speciali, malattie animali, danni per blocco delle attività economiche, La integrazione fra gli strumenti di tutela del reddito negli USA comporta peraltro che le reti di sicurezza hanno molto punti di contatto con le assicurazioni del raccolto, utilizzando in modo coordinato gli stessi parametri di intervento. Anche il nuovo programma anti-ciclico per adattare la copertura del reddito agricolo (ARC), a livello individuale o di area, utilizza parametri simili a quelli dei programmi assicurativi. Lo studio ritiene invece che nella UE gli strumenti risultino scarsamente coordinati. Le risorse per la gestione del rischio sono troppo ridotte e non coordinate con le reti di sicurezza, come è dimostrato anche dalla recente crisi derivante dal blocco delle esportazioni verso la Russia, che avrebbe richiesto una maggiore conoscenza, ad esempio, sui dati delle perdite di reddito degli agricoltori, dati che si sarebbero potuti acquisire se ci fosse stata maggiore esperienza nella gestione assicurativa. Lo studio conclude esprimendo una serie di suggerimenti per rendere più efficiente lo strumento, alcuni dei quali peraltro già realizzabili, si ritiene, sfruttando specifiche misure della nuova PAC. Introdurre parametri trasparenti per la valutazione del danno individuale, sia per le assicurazioni che per i fondi di mutualizzazione; realizzare un coordinamento nell uso dell IST, che dovrebbe prevedere anche un supporto per le assicurazioni e non solo come fondo di mutualizzazione, in partnership con le organizzazioni dei produttori, le quali dispongono di dati adeguati sulle produzioni commercializzate; favorire, anche con lo strumento fiscale, la creazione di riserve creditizie nelle imprese. Al di là di quello che lo studio indica per il futuro deve però rilevarsi che alcune misure utili sono già previste dai regolamenti della riforma della PAC, sia dello sviluppo rurale che dell OCM unica. Si tratta delle possibilità di finanziamento per progetti coordinati innovativi, i cui risultati siano direttamente verificabili dagli agricoltori; della cosiddetta misura cooperazione, che incentiva il coordinamento fra soggetti privati e pubblici, università e centri di ricerca, per la realizzazione di progetti integrati. Tutte queste iniziative possono essere dirette a servizi di consulenza mirati sulle tematiche specifiche della gestione del rischio, non di carattere esclusivamente assicurativo, quali il recupero di valore nella filiera, lo sviluppo di reti di impresa, la riduzione dei costi di gestione. Possono inoltre sviluppare l applicazione di indici per ridurre i costi delle perizie, la individuazione di sistemi di quantificazione dei danni e delle produzioni a partire dai dati di area, modelli di riferimento per il calcolo dei redditi degli agricoltori, trasferimento di conoscenza e domanda di ricerca applicata, scambio di esperienze. Misure che possono essere attivate e devono essere sfruttate dalle realtà organizzate delle imprese agricole, quali i consorzi di difesa, in coordinamento con le amministrazioni pubbliche, che è auspicabile dimostrino adeguata sensibilità per realizzare i necessari coordinamenti nel Programma nazionale di sviluppo rurale e nei PSR. 7

8 La convenienza della gestione del rischio L di Andrea Berti, Direttore Co.Di.Pr.A. e imprese agricole possono beneficiare di un vantaggio competitivo: una contribuzione comunitaria per gestire i fattori di rischio che possono generare perdite alla produzione e più in generale drastici cali di reddito. La nuova PAC incentiva e sostiene gli strumenti per la gestione del rischio aziendale con rilevanti finanziamenti certi fino al I Condifesa permettono agli agricoltori di confrontarsi con forza con le società di assicurazione e di agevolare l accesso ai meccanismi virtuosi delle coperture assicurative e dei fondi di mutualità per proteggere il patrimonio degli associati dai rischi dell attività agricola. Sintetizziamo i punti di forza: la gestione consortile permette di gestire unitariamente enormi masse di valori e questo determina forza contrattuale. Tale forza è misurabile nei risultati tariffari che si riescono ad ottenere. Il costo delle coperture assicurative in Trentino viene calcolato avendo a riferimento un incidenza dei sinistri del 70-75% rispetto ai premi complessivi. Poche altre tipologie di polizza (incendio, vita, infortuni, etc.) sono così convenienti; la contribuzione pubblica permette un grosso risparmio alle imprese agricole: il 65% del costo viene coperto dal contributo pubblico; la conoscenza di tutti i dati storici permette una valutazione corretta dell incidenza di rischio di tutti i prodotti e Comuni. Questo permette di applicare una tariffa parimenti economicamente vantaggiosa a tutte le combinazioni di prodotto in tutti i Comuni. È evidente che il vantaggio deve essere considerato su un arco temporale di 20/10 anni. Quindi le aziende che si sono assicurate negli ultimi anni e non hanno subito danni indennizzabili, non devono considerare il costo assicurativo una perdita perché probabilmente nel medio periodo saranno interessate da sinistri. Il costo assicurativo è proporzionato ai minori, poco frequenti, danni storicamente accaduti al prodotto nel Comune. Alla figura 4) sono indicati i risultati dell ultimo quinquennio: gli agricoltori hanno complessivamente pagato 46 milioni di euro per coprire le produzioni agricole, incassandone 136 milioni. Il meccanismo di tariffazione determina che la convenienza nel lungo periodo Assicurarsi è molto conveniente: gli agricoltori negli ultimi cinque anni hanno complessivamente pagato 46 milioni di euro per coprire le produzioni agricole, incassando 136 milioni di indennizzi. Il contributo pubblico determina che il costo a carico degli agricoltori risulti notevolmente inferiore ai risarcimenti 8

9 sia parimenti mantenuta su tutti i Comuni e in riferimento a tutti i prodotti. Sono innumerevoli i Comuni in cui dopo 10 anni di assenza di danni, gli agricoltori percepiscono l assicurazione come un costo non conveniente, il rimanifestarsi di fenomeni calamitosi è stata la conferma della necessità di essere assicurati. Nei Comuni a Figura 4 - Risultati storici basso rischio i costi sono molto inferiori rispetto ad altri Comuni, questo determina che anche a fronte di fenomeni con tempo di ritorno di 10/15 anni sia assolutamente conveniente assicurarsi. Tale condizione di favore è possibile grazie alla contribuzione pubblica che copre il 65% dei costi. Attraverso la nuova PAC verranno attivati ulteriori forme di copertura per le imprese TOT Premi , , , , , ML Q.ta soci , , , , ,27 46 ML Risarcimenti , , , , , ML Contributo 65% 180 ML 73 ML 136 ML Contributi associativi Fondo Risarcimenti Fondo , , , , , , , , , ,14 Acc. Fondi , ,70 Patrimonio Co.Di.Pr.A ,52 La convenienza rimane ottima anche applicando un contributo del 65% anziché del 80%. Nel riquadro a destra sono indicati i risultati che avrebbe determinato tale aliquota. 9

10 Mission Condifesa G a cura della Redazione li obiettivi della Nuova PAC e del Ministero in ambito della gestione del rischio determinano la necessità di una crescente responsabilità degli organismi associativi ai quali è richiesto un sempre maggiore contributo per lo sviluppo di nuove misure articolate per la salvaguardia del reddito delle imprese. Non è sufficiente che gli organismi associativi si limitino alla gestione del contributo pubblico, è indispensabile che siano determinati nel permettere alle imprese associate di attivare i nuovi strumenti previsti dalla normativa e nell utilizzare ed ottenere le risorse comunitarie. La figura 1) descrive gli obiettivi del Mipaaf. La forza dell associazione Co.Di.Pr.A. è determinata dai numeri: agricoltori associati, l importante patrimonio pari ad euro , la dotazione dei Fondi Mutualistici pari ad euro ed un valore assicurato pari ad euro ma ancor più dei numeri è indispensabile che gli assicurati siano responsabilmente convinti dell opportunità del fare sistema. In questi anni i risultati confermano che i soci sono stati coesi, convinti e disponibili all innovazione come sistema. Co.Di.Pr.A., con importanti vantaggi per le imprese agricole, ha costituito negli scorsi anni tre fondi mutualistici i cui Regolamenti sono scaricabili dal sito internet Fondo Mutualistico per la gestione del rischio sotto soglia; Fondo Mutualistico a copertura dei danni catastrofali d area derivanti da manifestazioni calamitose, alle produzioni dei conferenti di cooperative agricole; Fondo Mutualistico per Comuni ad alto indice di rischio. In collaborazione con Assessorato, Ministero, Ismea ed Apot verranno attivati due nuovi Fondi sperimentali: IST (Income Stabilization Tool); Fondo Mutualistico per danni da fitopatie (scopazzi, sharka, flavescenza dorata, ). Figura 1 Fonte Ministero Politiche Agricole, Alimentari e Forestali IST (Income Stabilization Tool) Co.Di.Pr.A., quale soggetto coordinatore e gestore di questi nuovi strumenti, ha promosso dei tavoli di lavoro con Apot ed Assessorato per analizzare le soluzioni adottabili. Queste dovranno articolarsi ed essere condivise con tutti gli enti che si occupano della valorizzazione dei prodotti agricoli e con l ente pubblico. Grazie all Assessorato è possibile favorire l azione di coordinamento delle varie associazioni e cooperative nonché avere la possibilità di un rapporto istituzionale privilegiato con il Ministero e la Commissione Europea. La presenza di Apot nel gruppo di lavoro è la condizione necessaria per rendere sinergiche e coerenti le soluzioni di gestione del rischio con gli obiettivi complessivi. Tali soluzioni devono infatti essere a supporto e dare forza al sistema. È assolutamente da evitare la condizione che tali misure favoriscano economicamente comportamenti di aziende agricole nel momento in 10

11 cui non adottano le disposizioni definite dal sistema, stabilite per un interesse collettivo. L adesione all IST è prevista su un piccolo campione sperimentale di aziende agricole, quelle che sottoscrivono una polizza nel 2015 per il prodotto ciliegie e/o piccoli frutti. Il Fondo, complementarmente alla garanzia assicurativa, presterà la garanzia nel caso di drastici cali di reddito subiti dalle imprese. Il reddito considerato è pari agli effettivi introiti dell azienda agricola detratti i costi produttivi, che si è richiesto al Ministero possano essere calcolati con indici standard specifici per ogni prodotto. Il costo di adesione è compreso nella quota associativa riferita all adesione assicurativa ed è pari al 3% del premio assicurativo (polizza ciliegie e piccoli frutti). Non appena il Ministero approverà il Decreto attuativo, verrà definito il Regolamento e pubblicato sul portale di Co.Di.Pr.A.. Purtroppo il Ministero è in ritardo e la ripresa vegetativa è alle porte. Per non perdere un anno di tempo ci troviamo nella condizione di attivare il Fondo senza poter stabilire e definire da subito tutte le regole del gioco. È un opportunità cha va colta e che essendo la prima sperimentazione in Italia, ci permetterà di coinvolgere Mipaaf ed Ismea. Questo potrà essere un valore aggiunto per il territorio trentino in quanto la nostra esperienza sarà analizzata e considerata nella definizione della norma. Ancora una volta il Trentino sarà esempio di virtuosità e di spirito innovativo; un piccolo territorio con grandi eccellenze. Fondo Mutualistico per danni da Fitopatie Il secondo Fondo Mutualistico che verrà attivato è riferito ai danni da fitopatie che possono compromettere gli impianti produttivi delle aziende agricole della Provincia di Trento. Le fitopatie che verranno ricomprese sono tutte quelle ammissibili ai sensi del Decreto in fase di approvazione. L ipotesi di lavoro che stiamo analizzando con il Ministero, parte dall impianto previsto dalla Delibera della Giunta Provinciale per la concessione dei contributi a seguito dell espianto di meli infetti dalla fitopatia scopazzi degli anni scorsi. È nostro obiettivo definire dei criteri che permettano di stimare la perdita di reddito per l impresa agricola. Qualora tale perdita superi del 30% quella ordinaria si procederà con il riconoscimento di una compensazione all impresa ai sensi del Regolamento e nei limiti delle disponibilità del Fondo Mutualistico. Anche in questo caso è fondamentale partire già nel 2015 come primo territorio attento e dinamico nell innovazione. È stato stabilito un contributo di adesione pari allo 0,05% del valore assicurato da applicarsi a tutte le aziende che aderiscono alle coperture assicurative. Co.Di.Pr.A. per favorire la convenienza ha già destinato a tali Fondi ,00 euro derivanti da competenze Questi Fondi permettono di intercettare la contribuzione comunitaria che sarà pari al 65% di quanto effettivamente risarciranno agli agricoltori. Co.Di.Pr.A. ha accantonato oltre 10 ml di euro di dotazioni nel corso degli anni; avere capacità di spesa significa essere nella condizione di pagare compensazioni agli agricoltori e quindi avere diritto alle importanti risorse comunitarie. Maggiore è la capacità di spesa, maggiore può essere il contributo ottenibile. La Provincia auspica che il mondo agricolo sappia cogliere tali opportunità garantendo tutto il supporto tecnico ed istituzionale possibile per facilitare l avvio. Il bilancio dell Assessorato e della Provincia non è più quello dei tempi passati, non è materialmente possibile attendersi le medesime risposte contributive; con responsabilità e lungimiranza l Assessorato è disponibile a fare la propria parte, al fianco del sistema, come soggetto qualificato per cogliere tutte le opportunità del bilancio comunitario. Uniti per essere leader nell innovazione a favore delle imprese associate 11

12 Antitrust N el 2013 l Antitrust ha stabilito che l articolo del Decreto Ministeriale 102/04 che prevede la limitazione del riconoscimento regionale dei Condifesa deve essere cassato. Di conseguenza a cura della Redazione ogni Condifesa può estendere l operatività sull intero territorio nazionale. A onor del vero, vi è da sottolineare che la condizione di monopolio degli organismi associativi si è interrotta dal 1996 in quanto la normativa ha introdotto la possibilità della richiesta di contributo da parte delle singole imprese agricole. Al fine di limitare la possibilità di cancellazione dal Condifesa degli associati, tutti gli organismi associativi, tranne Co.Di.Pr.A., hanno previsto un vincolo statutario che preveda la facoltà di recesso purché comunicate entro il 31/12 dell anno precedente, l obbligo di restituire il contributo che verrà liquidato dagli Organismi Pagatori al Socio entro giugno dell anno successivo e la restituzione dell integrazione statale liquidabile oltre tale data. Co.Di.Pr.A. non ha inteso forzare gli associati nella possibilità di adesione ad altri organismi associativi. Il recesso deve essere comunicato entro il 30/04 e comunque Co.Di.Pr.A. chiederà la restituzione del contributo alla data del 1 luglio 2015, salvo imposizioni normative. Ciò nonostante nel 2014 sono recessi meno dello 0,25% dei soci. In considerazione del patrimonio e della dotazione dei Fondi Mutualistici, l Assemblea Generale 2014 ha deliberato l aggiornamento delle quote di ammissione, che erano pari a 20,00 euro, non sufficienti a coprire i costi amministrativi per la gestione della pratica. La quota di adesione è stata aumentata e rapportata all effettiva dimensione dell azienda agricola (da 100,00 a 600,00 euro), ad eccezione dei giovani agricoltori relativamente ai quali rimane pari a 20,00 euro. Spesso si ha la percezione che quello che costa poco non valga niente. Co.Di.Pr.A. è convinto del valore aggiunto che offre agli associati e delle opportunità che questo comporta e ritiene positiva e stimolante la concorrenza ed il confronto con altre realtà. Indispensabile è che la base sociale sia convinta dei vantaggi ed informata delle opportunità ma non obbligata o forzata. Siamo la Provincia con il tasso di aggregazione e cooperazione più alto d Italia e del Mondo, i vantaggi che questa condizione ha determinato sono riscontrabili in ogni settore: Melinda, Cavit, Mezzacorona, Astro, Trentingrana ne sono degli esempi. Co.Di.Pr.A. ha sempre avuto l ambizione di tendere a queste situazioni e non a condizioni di forzatura. La nostra mission è essere determinati per una vera gestione del rischio con strumenti efficienti per le imprese associate, con una propensione all innovazione ed a cogliere tutte le opportunità previste dalla normativa. Questo è ottenibile solo con una base associativa matura, informata e convinta nella forza dell aggregazione. Rispetto ad altri Condifesa Co.Di.Pr.A. anticipa ogni contributo (salvo liquidazioni in tranche degli O.P.) per il tempo necessario all incasso. L integrazione statale può essere incassata anche tre anni dopo aver liquidato il premio alla compagnia. Co.Di.Pr.A., nella percentuale indicata per il calcolo della quota associativa, considera ogni costo, compresi gli interessi che rappresentano oltre la metà dei costi complessivi di funzionamento. Sono grosse cifre pur riuscendo ad ottenere i finanziamenti bancari a condizioni straordinariamente positive (ultimi finanziamenti sottoscritti all 1,5%). Tale notevole anticipazione è possibile grazie all importante patrimonio di cui dispone Co.Di.Pr.A., 10,4 milioni di euro. Siamo il Consorzio più conveniente d Italia, suggeriamo ai soci di verificare i 12

13 bilanci e non ascoltare le chiacchiere. Il Consorzio concorrente sostiene non sia conveniente l anticipazione per il semplice fatto che non è nelle condizioni di poterlo offrire. Sempre dai bilanci è verificabile la problematica del Consorzio concorrente al quale l istituto che finanziava l attività consortile ha unilateralmente richiesto il rientro con atto giudiziario provvisoriamente esecutivo. Le somme erano riferite ad un contributo che la Regione Veneto ha ritenuto non concedibile e che ha comportato ingenti problematiche alle imprese: perdita del contributo e mancato pagamento degli indennizzi nei termini contrattuali. Alcuni degli agricoltori che sono passati a Cop.Di. ci hanno orgogliosamente mostrato i conteggi proposti e la millantata convenienza. Agli stessi abbiamo evidenziato che la contribuzione stimata non è corretta, come non è corretto il prospetto di confronto dal quale si evince tale presunta e non reale convenienza. Abbiamo ricevuto richieste da numerose realtà fuori Provincia che chiedono la possibilità di associarsi a Co.Di.Pr.A. senza aver cercato opportunità. Complessivamente rappresentano qualche decina di centinaia di ettari. Non è nostra intenzione né obiettivo espandere oggi in altri territori l attività. Questo per due fondamentali motivi: aumentare in territori diversi il volume gestito comporterebbe una minor incidenza ai soci trentini degli effetti positivi derivanti dal patrimonio e dalle dotazioni finanziarie oggi a bilancio; Co.Di.Pr.A. è inoltre parte attiva di un organizzazione nazionale che ha la responsabilità ed è impegnata a sviluppare iniziative legislative ed operative volte a favorire l utilizzo e l estensione di strumenti assicurativi e mutualistici a favore delle imprese agricole. Sarebbe una follia pensare che il Trentino possa permettersi di non mantenere un rapporto collaborativo e corretto con gli altri territori. Comporterebbe sicuramente problematiche di stanziamenti riservati al Trentino per la gestione del rischio. Oggi alla nostra Regione è destinato il 25% dell intero capitolo nazionale riferita alla gestione del rischio. 13

14 E Copertura assicurativa agevolata per danni alle strutture e agli impianti produttivi videnziamo ai Soci che la contribuzione pubblica è prevista anche a parziale copertura dei costi assicurativi riferiti a polizze che coprono i danni alle strutture ed agli impianti produttivi. Queste tipologie di prodotto, sono caratterizzate da una bassa frequenza di danno. Questo, pur determinando un irrisorio costo assicurativo, comporta una bassa percezione del rischio in capo all Agricoltore e quindi una scarsa adesione alle coperture. Suggeriamo a tutti gli associati di prendere in considerazione tali soluzioni e di aderirvi. 14

15 PRINCIPALI NOVITÀ 2015 Il Piano Assicurativo 2015 stabilisce come unica tipologia la polizza sulle rese; L aliquota contributiva è pari al 65% della spesa ammessa; Sono previste quattro tipologie di polizza: a) Polizze che coprono l insieme delle avversità catastrofali (alluvione, siccità, gelo e brina), delle avversità di frequenza (eccesso di neve, eccesso di pioggia, grandine e venti forti) e delle avversità accessorie (sbalzi termici, colpo di sole e vento caldo) di cui all art. 3 comma 2.a. del PAAN 2015; b) Polizze che coprono l insieme delle avversità catastrofali (alluvione, siccità, gelo e brina) e delle avversità di frequenza (eccesso di neve, eccesso di pioggia, grandine e venti forti) di cui all art. 3 comma 2.b. del PAAN 2015; c) Polizze che coprono l insieme delle avversità di frequenza (eccesso di neve, eccesso di pioggia, grandine e venti forti) di cui all art. 3 comma 2.c. del PAAN 2015; d) Polizze che coprono l insieme delle avversità catastrofali (alluvione, siccità, gelo e brina) di cui all art. 3 comma 2.d. del PAAN 2015; La formula decretata dal Ministero per il calcolo dei parametri prevede come limite massimo di ammissione a contributo: il 25% per la polizza sulle rese tipologia a); massimo 20% per la frutta, 15% per tabacco e orticole, 10% per gli altri prodotti e 8% per i cereali, per la polizza sulle rese tipologie b), c) e d). In considerazione di questo è stato indispensabile stoppare le tariffe assicurative al limite massimo. Questa condizione ha comportato, per i Comuni a maggior rischio climatico e storicamente sinistrati, l obbligo di applicazione della franchigia minima di 15 punti percentuali, anziché di 10 punti percentuali per la tipologia di polizza a), ed addirittura, in riferimento alle tipologie di polizza b) e c) franchigia minima 15, 20 e 30 punti percentuali nei Comuni ad alto indice di rischio. Al fine di limitare tale condizione peggiorativa dei risarcimenti, nell ottica mutualistica, il Consiglio di Amministrazione di Co.Di.Pr.A. ha ritenuto opportuno costituire un Fondo Mutualistico con una dotazione finanziaria prevista pari a circa ,00 euro. Tale Fondo concorrerà, nei limiti della dotazione, ad abbassare la franchigia. Statisticamente, abbiamo riscontrato che tale dotazione è sufficiente a coprire mediamente il 51,3% del fabbisogno complessivo. Negli anni in cui, tale dotazione non risultasse sufficiente, gli indennizzi verranno proporzionalmente riparametrati. Nel 2014 si è liquidato il 62,87% degli importi complessivi. In riferimento ad eventuali danni da gelo la denuncia di sinistro deve essere riferita alle singole partite che abbiano subito un danno, intendendo per tale le partite con fiori e/o gemme che presentano fenomeni di allessamento almeno pari al 10% dei fiori e/o gemme complessive presenti nell appezzamento. 15

16 Fonti di finanziamento a cura della Redazione Nella figura 2) che segue sono indicate, per tipologia di polizza e prodotto, le fonti di finanziamento: COLTURE STRUTTURE PRODUZIONI AGRICOLE C Soglia 30% Eventi assimilabili a calamità naturali UVA DA VINO Senza Soglia Avversità atmosferiche + Fitopatie e Inf.Parass. e/o perdite animali Selvatici Esclusa da PAAN 2015 ALTRE COLTURE Soglia 30% Eventi assimilabili a calamità naturali. Fitopatie e Inf. Parass. Emergenze Ambientali Misure Direttiva 2000/29/CE Senza Soglia Soglia 30% Produz. Agricole non ricomprese nel PAAN 2015 Zootecnia OCM Vino art 49 Reg.UE1308/2013 (fino a 20 ML di - 65%) Per la parte non finanziaria: Art. 37 Reg.UE 1305/2013 (fino a 65%) OCM Vino art 49 Reg.UE 1308/2013 (fino a 20 ML di - 50%) Art. 37 Reg. UE 1305/2013 (fino a 65%) Contributo nazionale D.Lgs.102/2004 (fino a 50%) Art. 37 Reg. UE 1305/2013 (fino a 65%) Figura 2 - Fonti di finanziamento Con l applicazione della PAC 2020 l intero fabbisogno contributivo verrà coperto da risorse comunitarie al 65%. Questo permette di avere la certezza dei finanziamenti fino al Inoltre essendo, la gestione del rischio, dal 2015 misura del secondo pilastro non verranno più applicate riduzioni di contributo per la disciplina finanziaria e per la modulazione. Dal 2015 sarà necessario reimpostare l impianto della gestione del rischio al fine di contenere l aumento medio al 25%. La nuova gestione del contributo prevede un informatizzazione dell intero flusso dati; partendo dai dati del fascicolo aziendale Ismea elabora il P.A.I. (Piano Assicurativo Individuale), documento che conterrà tutte le informazioni necessarie per l identificazione dei terreni, del prodotto e della resa da utilizzarsi per la predisposizione dei certificati (gli intermediari avranno accesso alla piattaforma informatica); anche i Condifesa implementeranno tale documento informatico. Questo eviterà tutte le anomalie in quanto dati non coerenti verranno filtrati dal sistema. Nel 2015 non essendo ultimato tale nuovo sistema, si opererà in regime transitorio. I C.A.A. convocheranno gli agricoltori non appena disponibile il sistema per la sottoscrizione del P.A.I., indispensabile per l attivazione della domanda di contributo. Nella figura 3) è illustrato il flusso del sistema a regime. 16

17 Figura 3 - Flussi del sistema di funzionamento del P.A.I. 17

18 L Assicurarsi, come funziona...in pillole Agricoltore che intende assicurarsi dovrà predisporre e sottoscrivere il P.A.I. (Piano Assicurativo Individuale) presso i C.A.A. (Centri di Assistenza Agricola). Per tale richiesta è necessario concordare appuntamento con gli uffici dei C.A.A.. Co.Di.Pr.A. ed i C.A.A. si faranno carico di ogni ulteriore adempimento. Sottolineiamo che i dati delle produzioni e delle superfici oggetto di copertura assicurativa devono trovare corrispondenza con quanto risultante dal Fascicolo Aziendale aggiornato (l aggiornamento è effettuabile presso i C.A.A. Centri di Assistenza Agricola). Ai fini dell ammissibilità a contributo i certificati di assicurazione, stipulati in base alle polizze collettive devono essere sottoscritti entro i seguenti termini dell anno a cui si riferisce la campagna assicurativa. da ricordare quindi: ENTRO IL 20 APRILE 2015 Sottoscrizione dei certificati di assicurazione relativamente alle colture a ciclo autunno-primaverili e permanenti; entro il 30 maggio 2015 Sottoscrizione dei certificati di assicurazione relativamente alle colture a ciclo primaverile; entro il 15 luglio 2015 Sottoscrizione dei certificati di assicurazione relativamente alle colture estive, di secondo raccolto e trapiantate; Ogni ulteriore adempimento verrà gestito da Co.Di.Pr.A. 18

19 Polizza di assicurazione collettiva Sintesi principali condizioni di assicurazione N el testo allegato sono riportate integralmente le condizioni contrattuali TIPOLOGIA DI POLIZZA 2.A. E 2.B. La garanzia decorre dalle ore 12,00 del sesto giorno successivo dall adesione dell Agricoltore (notifica). Percentuale di contribuzione pubblica 65% del premio ammesso a contributo per i contratti con soglia di accesso al risarcimento. Riduzione del prodotto assicurato Qualora la produzione assicurata subisca una diminuzione per partita assicurata di almeno un quinto per qualsiasi evento diverso da quelli garantiti, l Assicurato, sempre che la domanda sia fatta almeno 15 giorni prima dell epoca di raccolta e sia validamente documentata, ha diritto alla riduzione del quantitativo indicato nel certificato di assicurazione, con conseguente proporzionale riduzione del premio. Soglia di accesso all indennizzo franchigia contrattuale Il diritto all indennizzo si attiva esclusivamente quando le avversità previste nell oggetto di garanzia, abbiano distrutto più del 30% del risultato della produzione assicurata, per prodotto nel medesimo Comune, al netto di eventuali detrazioni di prodotto. Superato detto limite verrà applicata, per partita assicurata, la franchigia contrattuale come segue: DANNO Dal 40 al 100 FRANCHIGIA min 10% FRANCHIGIA min 15% FRANCHIGIA min 20% FRANCHIGIA min 30% Al fine di contenere la tariffa nel limite del parametro contributivo massimo stabilito dal Piano Assicurativo Agricolo 2015 nei Comini, a tal scopo evidenziati nell elenco tariffe, è prevista l applicazione di una franchigia minima del 15%, 20% o 30% in dipendenza dall effettivo indice storico di rischio. Limite di indennizzo - scoperto In nessun caso la Società pagherà per uno o più eventi garantiti, importo superiore all 80% per 19

20 partita, al netto della franchigia e dell eventuale scoperto. Qualora il prodotto assicurato sia stato danneggiato esclusivamente o prevalentemente dagli eventi diversi dalla grandine e dal vento forte per danni risarcibili verrà applicato uno scoperto al danno pari al 20% per partita assicurata. Per prevalente sono da intendersi i casi in cui i danni complessivi da gelo e brina e/o colpo di sole e vento caldo e/o eccesso di neve e/o siccità e/o sbalzo termico e/o alluvione ed eccesso pioggia siano maggiori al danno complessivo da grandine e/o venti forti. PRODOTTO FRUTTA Determinazione del danno di qualità Il danno complessivo sarà determinato sommando all eventuale perdita di quantità il degrado di qualità, considerato per partita assicurata, calcolato in base alle classificazioni e relativi coefficienti della TABELLA DI LIQUIDAZIONE C FRUTTA. comunque superare le seguenti percentuali: Classificazione riferita al numero di acini presenti per grappolo, o parte di grappolo alla raccolta metà ed oltre di acini danneggiati meno della metà di acini danneggiati Coefficiente % massimo 50 percentuale di deprezzamento non superiore all aliquota di acini danneggiati Qualora il prodotto venga danneggiato da/anche da altri eventi atmosferici previsti nell oggetto di garanzia che abbiano a verificarsi dopo le seguenti date: 30 luglio per le uve Chardonnay e per il gruppo dei Pinot; 10 agosto per tutte le altre varietà. Il coefficiente per il danno di qualità può essere aumentato del 30% in considerazione di effettive perdite qualitative riscontrabili sul prodotto destinato alla produzione di vini di particolare pregio. PRODOTTO UVA DA VINO Determinazione del danno di quantità e qualità Il danno complessivo sarà determinato, per partita assicurata, sommando alla perdita di quantità (peso) causata dalle avversità oggetto di garanzia il danno da qualità da calcolarsi sul prodotto residuo in relazione alla valutazione dell effettiva perdita delle caratteristiche organolettiche della produzione assicurata alle eventuali penalizzazioni applicate dalla Cantina Sociale all Assicurato, Socio della Cantina stessa. I coefficienti così determinati non potranno Eccesso di pioggia in prossimità della vendemmia È compreso in garanzia anche il danno di qualità dovuto esclusivamente all insorgenza di marcescenza e successivi aggravamenti, quando tale evento abbia a verificarsi e comporti un danno nei trenta giorni precedenti la data di inizio della vendemmia delle diverse varietà di uva da vino. Tale data di inizio della vendemmia è convenzionalmente stabilita per ogni area geografica ed altimetrica omogenea. La Provincia di Trento convenzionalmente è stata suddivisa come indicato nella seguente tabella: FASCIA 1: fino a 350 mt FASCIA 2: da 350 a 550 mt FASCIA 3: oltre 550 mt AREA A: Alto Garda (fino e compreso Dro) Val d Adige (a Sud di Serravalle) AREA B: Val d Adige (a Nord di Serravalle fino e compreso Aldeno) AREA C: Trento - Rotaliana AREA D: Cembra Valsugana AREA E: Bus de Vela Valle dei Laghi (fino e compreso Pietramurata) 20

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI RETE RURALE NAZIONALE Commissione Europea 2 0 0 7-2 0 1 3 LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli