CORSI SICUREZZA CATALOGO MAGGIO DICEMBRE 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSI SICUREZZA CATALOGO MAGGIO DICEMBRE 2015"

Transcript

1 CORSI SICUREZZA CATALOGO MAGGIO DICEMBRE 2015 Formazione obbligatoria prevista dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Nuovo accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011 (entrato in vigore dal 26 gennaio 2012) REGGIO Aop.it - wwwecoop.it LAF2124 Reggio Emiliatel fax - I corsi saranno attivati con la presenza minima di 8/10 partecipanti. Gli attestati verranno rilasciati dall I.R.E.COOP. V.d.A. La partecipazione ai corsi è subordinata alla trasmissione della scheda di iscrizione ed al pagamento (se confermato il corso) entro 5 gg. dall inizio dello stesso.

2 SOMMARIO FORMAZIONE Formazione dei lavoratori - Formazione generale dei lavoratori (4 ore) - Formazione specifica dei lavoratori a rischio basso (4 ore) - Formazione specifica dei lavoratori a rischio medio (8 ore) - Formazione specifica dei lavoratori a rischio alto (12 ore) Responsabili e addetti del Servizio di Prevenz. e Protezione (RSPP ASPP) - RSPP - Titolare d'azienda: rischio basso medio alto ( ore) - La valutazione del rischio stress lavoro correlato (8 ore) Preposti - Formazione preposti (8 ore) Dirigenti - Formazione dirigenti (16 ore) Se de eggioemilicoop.it - Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) - RLS - Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (32 ore) Antincendio - Formazione Antincendio Basso Rischio (4 ore) - Formazione Antincendio Medio Rischio (8 ore) - Formazione Antincendio Alto Rischio (16 ore) Primo Soccorso - Formazione per Addetti al Primo Soccorso (12 16 ore) Formazione Libretto Sanitario - HACCP - Idoneità Sanitaria 1 livello (8 ore) - Idoneità Sanitaria 2 livello (4 ore) Formazione corsi ON LINE Corsi di Informatica GRATUITI

3 SOMMARIO AGGIORNAMENTI Aggiornamento dei lavoratori - Aggiornamento quinquennale per lavoratori (6 ore) Aggiornamento Responsabili e addetti del Servizio di Prevenz. e Protezione (RSPP ASPP) - RSPP - Aggiornamento quinquennale per titolare d'azienda basso rischio 5 ore - RSPP - Aggiornamento quinquennale per titolare d'azienda medio rischio 10 ore - RSPP Aggiornamento quinquennale per titolare d'azienda alto rischio 14 ore Aggiornamento Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) - RLS Aggiornamento annuale Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (meno di 50 dipend. 4 ore / piu di 50 dipendenti 8 ore) Aggiornamento Preposti - Aggiornamento quinquennale per preposti (6 ore) Aggiornamento Dirigenti - Aggiornamento quinquennale per dirigenti (6 ore)di REGGIO 0522/ de eggioemilicoop.it - Aggiornamento Antincendio - Aggiornamento triennale in attività a rischio incendio basso (2 ore) - Aggiornamento triennale in attività a rischio incendio medio (5 ore) - Aggiornamento triennale in attività a rischio incendio alto (8 ore) Aggiornamento di Primo Soccorso - Aggiornamento triennale per Addetti al Primo Soccorso (aziende B/C 4 ore aziende A 6 ore) Aggiornamento Idoneità Sanitaria - HACCP - Aggiornamento triennale (2 ore)di REGGIO

4 FORMAZIONE DIPENDENTI Codice corso FG-D FORMAZIONE GENERALE DIPENDENTI Lavoratori definiti secondo l art.2 del Dlgs 81/08 L'obiettivo della formazione generale dei lavoratori, nel rispetto dell'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012, è fornire conoscenze generali sui concetti di danno, rischio, prevenzione, fornire conoscenze rispetto alla legislazione e agli organi di vigilanza in materia di sicurezza e salute sul lavoro. La formazione deve essere completata entro 60 giorni dall assunzione. 1.Concetto di rischio. 2.Concetto di danno. 3.Concetto di prevenzione. 4.Concetto di protezione. 5.Organizzazione delle prevenzione aziendale. 6.Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali. 7.Organi di vigilanza, controllo e assistenza. Metodologia didattica Saranno privilegiate metodologie di apprendimento e insegnamento interattive, anche in modalità e- learning 4 ore Attestato di FREQUENZA - frequenza di almeno il 90% del monte ore e superamento della prova di verifica finale (colloquio o test). 1 data MER dalle h alle h data GIO dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 40,00+ iva - non aderenti Federation 60,00 + iva

5 Codice corso FD-R1 FORMAZIONE DIPENDENTI SETTORE RISCHIO BASSO Lavoratori definiti secondo l art.2 del Dlgs 81/08 di aziende classificate di rischio basso (es. commercio, uffici e servizi, artigianato, turismo). In rispetto dell'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 l obiettivo è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per conoscere i rischi dello specifico lavoro del lavoratore di aziende di rischio basso; conoscere l utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il quadro normativo che disciplina la sicurezza e salute sul lavoro; sviluppare capacità analitiche (individuazione dei rischi), comportamentali (percezione del rischio). La formazione deve essere completata entro 60 giorni dall assunzione. 1.Rischi infortuni. 2.Meccanici generali. 3.Elettrici generali.4.macchine. 5.Attrezzature. 6.Cadute dall'alto. 7.Rischi da esplosione. 8.Rischi chimici, Nebbie - Oli - Fumi - Vapori Polveri. 9.Etichettatura. 10.Rischi cancerogeni. 11.Rischi biologici. 12.Rischi fisici, Rumore. 13.Rischi fisici, Vibrazione. 14.Rischi fisici, Radiazioni. 15.Rischi fisici, Microclima e illuminazione. 16.Videoterminali. 17.DPI. 18.Organizzazione del lavoro. 19.Ambienti di lavoro. 20.Stress lavoro-correlato. 21.Movimentazione manuale carichi. 22.Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto). 23.Segnaletica. 24.Emergenze. 25.Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico. 26.Procedure esodo e incendi. 27.Procedure organizzative per il primo soccorso. 28.Incidenti e infortuni mancati. 29.Altri Rischi. Metodologia didattica Saranno privilegiate metodologie di apprendimento e insegnamento interattive 4 ore Attestato di FREQUENZA 1 data MER dalle h alle h data GIO dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 40,00+ iva - non aderenti Federation 60,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI

6 Codice corso FD-R2 FORMAZIONE DIPENDENTI SETTORE RISCHIO MEDIO Lavoratori definiti secondo l art.2 del Dlgs 81/08 di aziende classificate di rischio medio (es. agricoltura, pesca, PA, istruzione, magazzinaggio). La formazione deve essere completata entro 60 giorni dall assunzione In rispetto dell'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 l obiettivo è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per conoscere i rischi dello specifico lavoro del lavoratore di aziende di rischio medio; conoscere l utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il quadro normativo che disciplina la sicurezza e salute sul lavoro; sviluppare capacità analitiche (individuazione dei rischi), comportamentali (percezione del rischio). La formazione deve essere completata entro 60 giorni dall assunzione 1. Rischi infortuni. 2.Meccanici generali. 3.Elettrici generali. 4.Macchine.5.Attrezzature. 6.Cadute dall'alto. 7.Rischi da esplosione. 8.Rischi chimici, Nebbie - Oli - Fumi - Vapori Polveri. 9.Etichettatura. 10.Rischi cancerogeni. 11.Rischi biologici. 12.Rischi fisici, Rumore. 13.Rischi fisici, Vibrazione. 14.Rischi fisici, Radiazioni. 15.Rischi fisici, Microclima e Illuminazione. 16.Videoterminali. 17.DPI. 18.Organizzazione del lavoro. 19.Ambienti di lavoro. 20.Stress lavoro-correlato. 21.Movimentazione manuale carichi. 2.Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto). 23.Segnaletica. 24.Emergenze. 25.Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico. 26.Procedure esodo e incendi. 27.Procedure organizzative per il primo soccorso. 28.Incidenti e infortuni mancati. 29.Altri Rischi Metodologia didattica Saranno privilegiate metodologie di apprendimento e insegnamento interattive 8 ore Attestato di FREQUENZA 1 Incontro VEN dalle h alle h dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 100,00 + iva - non aderenti Federation 120,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI

7 Codice corso FD-R3 FORMAZIONE DIPENDENTI SETTORE RISCHIO ALTO Lavoratori definiti secondo l art.2 del Dlgs 81/08 di aziende classificate di rischio alto In rispetto dell'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 l obiettivo è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per conoscere i rischi dello specifico lavoro del lavoratore di aziende di rischio alto; conoscere l utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il quadro normativo che disciplina la sicurezza e salute sul lavoro. La formazione dei lavoratori a rischio alto vuole inoltre sviluppare capacità analitiche (individuazione dei rischi), comportamentali (percezione del rischio). La formazione deve essere completata entro 60 giorni dall assunzione 1. Rischi infortuni. 2.Meccanici generali. 3.Elettrici generali. 4.Macchine.5.Attrezzature. 6.Cadute dall'alto. 7.Rischi da esplosione. 8.Rischi chimici, Nebbie - Oli - Fumi - Vapori Polveri. 9.Etichettatura. 10.Rischi cancerogeni. 11.Rischi biologici. 12.Rischi fisici, Rumore. 13.Rischi fisici, Vibrazione. 14.Rischi fisici, Radiazioni. 15.Rischi fisici, Microclima e Illuminazione. 16.Videoterminali. 17.DPI. 18.Organizzazione del lavoro. 19.Ambienti di lavoro. 20.Stress lavoro-correlato. 21.Movimentazione manuale carichi. 2.Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto). 23.Segnaletica. 24.Emergenze. 25.Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico. 26.Procedure esodo e incendi. 27.Procedure organizzative per il primo soccorso. 28.Incidenti e infortuni mancati. 29.Altri Rischi. Metodologia didattica Saranno privilegiate metodologie di apprendimento e insegnamento interattive 12 ore Attestato di FREQUENZA 1 Incontro MAR dalle h alle h dalle h alle h MER dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 150,00 + iva - non aderenti Federation 170,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI

8 FORMAZIONE R.S.P.P. RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Datori di lavoro che svolgono la funzione di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP). Il corso rispetta quanto previsto dall'accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 (Gazzetta Ufficiale dell'11 gennaio 2012) che disciplina la formazione dei datori di lavoro che svolgono le funzioni di Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione, suddividendo le aziende in tre macro-categorie di rischio (basso, medio, alto). Fornire ai partecipanti gli strumenti professionali necessari per lo svolgimento dei compiti che sono stati loro affidati, nel loro ruolo di Titolare Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, per la gestione del Sistema di Sicurezza Aziendale, implementando e sistematizzando le competenze già in parte acquisite nella propria esperienza lavorativa o scolastica. Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa La "responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle assicurazioni, anche prive di responsabilità giuridica" ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i. Il sistema istituzionale della prevenzione I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità Il sistema di qualificazione delle imprese I criteri e gli strumenti per l'individuazione e la valutazione dei rischi La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori Il documento di valutazione dei rischi (contenuti, specificità e metodologie) I modelli di organizzazione e gestione della sicurezza Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d'opera o di somministrazione Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza La gestione della documentazione tecnico amministrativa L'organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione Il rischio da stress lavoro-correlato I rischi ricollegabili al genere, all'età e alla provenienza da altri paesi I dispositivi di protezione individuale La sorveglianza sanitaria L'informazione, la formazione e l'addestramento Le tecniche di comunicazione Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

9 Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Metodo di valutazione dei rischi. I concetti di prevenzione, protezione, pericolo, rischio, danno Rischi infortuni: rischio elettrico Rischio meccanico e Direttiva Macchine La Movimentazione manuale carichi Rischio elettrico e prevenzione incendi Rischi da esplosione: atmosfere esplosive Il rischio rumore Il rischio vibrazioni Videoterminali, microclima, illuminazione e ergonomia I rischi chimico, cancerogeno e biologico I dispositivi di protezione individuale. Aziende rischio basso 16 ore Aziende rischio medio 32 ore Aziende rischio alto 48 ore La frequenza al corso è obbligatoria. Attestato di Frequenza, previo superamento positivo della verifica di apprendimento e frequenza di almeno il 90% del monte ore Codice corso RS-01 RSPP RISCHIO BASSO DESTINATARI: Uffici e servizi, Commercio, Artigianato, Turismo. Formazione obbligatoria 16 h. 1 DATA 2 DATA MER dalle h alle h dalle h alle h VEN dalle h alle h dalle h alle h MAR dalle h alle h dalle h alle h MER dalle h alle h dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 220,00+iva / non aderenti Federation 300,00+iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI

10 Codice corso RS-02 RSPP RISCHIO MEDIO DESTINATARI: Agricoltura, Pesca, P.A., Istruzione, Trasporti, Magazzinaggio. Formazione obbligatoria 32 h. 1 Incontro MER dalle h alle h dalle h alle h Incontro VEN dalle h alle h dalle h alle h Incontro LUN dalle h alle h Incontro MAR dalle h alle h dalle h alle h Incontro MER dalle h alle h COSTO aderenti alla Fédération 500,00+iva / non aderenti Federation 600,00+iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI Codice corso RS-03 RSPP RISCHIO ALTO DESTINATARI: Costruzioni, Industria alimentare, Tessile, Legno, Manufatturiero, Energia, Rifiuti, Raffinerie, Chimica, Sanità, Servizi residenziali. Formazione obbligatoria 48 h. 1 Incontro MER Incontro VEN dalle h alle h dalle h alle h dalle h alle h dalle h alle h Incontro LUN dalle h alle h Incontro MAR dalle h alle h dalle h alle h Incontro MER dalle h alle h Incontro 7 Incontro VEN MER dalle h alle h dalle h alle h dalle h alle h dalle h alle h COSTO aderenti alla Fédération 800,00+iva / non aderenti Federation 900,00+iva DATE e ORARI: IL CORSO VERRÀ ORGANIZZATO SU RICHIESTA SPECIFICA. DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI

11 Codice corso FP-01 FORMAZIONE DEL PREPOSTO Tutti coloro che ricadono nel ruolo di preposto secondo la definizione dell'art. 2 Dlgs 81/08 La formazione del Preposto deve ricomprendere quella prevista per i lavoratori e deve essere integrata da una formazione aggiuntiva in relazione ai compiti da lui esercitati in materia si sicurezza sul lavoro.il corso è rivolto a coloro che in ragione delle competenze professionali sovrintendono all attività lavorativa. Nel rispetto dell'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012, l obiettivo è fornire ai preposti conoscenze sui rischi e metodi ritenuti indispensabili per affrontare e risolvere le problematiche connesse all'attuazione e alla gestione della sicurezza e salute sul lavoro. Sviluppare capacità analitiche (individuazione dei rischi), progettuali (studio per la riduzione o l eliminazione dei rischi), percezione del ruolo di preposto. (Rif. D.Lgs. 81/08, D.M ; D.Lgs. 195/03) 1.Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità. 2.Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione. 3.Definizione e individuazione dei fattori di rischio. 4.Incidenti e infortuni mancati. 5.Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri. 6.Valutazione dei rischi dell'azienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera. 7.Individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione. 8.Modalità di esercizio della funzione di controllo dell'osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione. 8 ore (oltre alla formazione prevista per i lavoratori) Attestato di FREQUENZA - frequenza di almeno il 90% del monte ore e superamento della prova di verifica finale (colloquio o test). 1 Incontro MAR dalle h alle h dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 120,00 + iva / non aderenti Federation 150,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI

12 Codice corso FDIR-01 FORMAZIONE DEL DIRIGENTE Dirigenti definiti secondo l'art. 2 comma 1 lettera d del dlgs 81/08 Il corso si propone di fornire ai partecipanti una formazione che copre gli ambiti giuridici e normativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro, approfondendo la gestione e l organizzazione in azienda della salute e sicurezza sul lavoro, in riferimento alle indicazioni definite nell accordo stato-regioni, approvato il 21/12/2011. Saranno inoltre trattate le tematiche relative alla valutazione dei rischi, alla comunicazione, formazione e consultazione dei lavoratori. Modulo 1 Giuridico Normativo Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori; Gli organi di vigilanza e le procedure ispettive; I soggetti del sistema di prevenzione aziendale (Dlgs 81/08, compiti, obblighi, responsabilità e tutela assicurativa);delega di funzioni; la responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa; la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (Dlgs 231/01); I sistemi di qualificazione delle imprese e la patente a punti in edilizia. Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza I modelli di organizzazione e di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (art. 30 Dlgs 81/08); Gestione della documentazione tecnica amministrativa; Obblighi connessi ai contratti di appalto o d opera o di somministrazione; Organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze; Modalità di organizzazione e di esercizio della funzione di vigilanza delle attività lavorative e in ordine all adempimento degli obblighi previsti art. 18 comma 3 bis Dlgs 81/08; Ruolo del RSPP/ASPP Modulo 3 Criteri e strumenti per la valutazione dei rischi Il rischio da stress lavoro correlato; Rischio ricollegabile alle differenze di genere, età, provenienza da altri paesi e dalla tipologia contrattuale; Il rischio interferenziale e la gestione del rischio nello svolgimento di lavori in appalto; Misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio; Considerazione degli infortuni mancati e delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori e dei preposti; I DPI (Dispositivi di Protezione Individuale);La sorveglianza sanitaria. Modulo 4 Comunicazione, informazione, consultazione Competenze relazionali e consapevolezza del ruolo; Importanza strategica dell informazione, della formazione e dell addestramento quali strumenti di conoscenza della realtà aziendale; Tecniche di comunicazione; Lavoro di gruppo e gestione dei conflitti; Consultazione e artecipazione degli RLS; Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione degli RLS 16 ore - Il corso verrà attivato al raggiungimento di un minimo di 12 partecipanti Attestato di FREQUENZA - frequenza di almeno il 90% del monte ore e superamento della prova di verifica finale (colloquio o test). COSTO: - aderenti alla Fédération 250,00+ iva - non aderenti Federation 300,00+ iva DATE e ORARI: IL CORSO VERRÀ ORGANIZZATO SU RICHIESTA SPECIFICA. DURATA VALIDITA FORMAZIONE 5 ANNI

13 Codice corso RLS-01 FORMAZIONE R.L.S. RAPPRESENTANTE per la SICUREZZA dei LAVORATORI Tutti coloro che ricadono nel ruolo di RLS secondo la definizione del Dlgs 81/08 Offrire, a chi ricopre il ruolo di RLS, una formazione tecnica delle specificità lavorative e dei rischi propri del comparto produttivo ateco. ASPETTI NORMATIVI DELL ATTIVITÀ DELL RLS (4 ore) PRINCIPI GIURIDICI COMUNITARI E NAZIONALI; LEGISLAZIONE GENERALE IN MATERIA DI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (4 ore) DEFINIZIONE E INDIVIDUAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E VALUTAZIONE DEI RISCHI (4ore) TECNICHE DI COMUNICAZIONE (4 ore) INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE TECNICHE E ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (4 ore) Igiene del lavoro e prevenzione delle malattie professionali. INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE TECNICHE E ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (4 ore) Sorveglianza sanitaria. PRINCIPALI SOGGETTO COINVOLTI E RELATIVI OBBLIGHI (4 ore) INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE TECNICHE E ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (4 ore) Prevenzione degli infortuni. ESAME 32 ore Attestato di FREQUENZA - previo superamento della prova di verifica finale (colloquio o test). COSTO: - aderenti alla Fédération 400,00 + iva / non aderenti Federation 450,00 + iva DATE e ORARI: IL CORSO VERRÀ ORGANIZZATO SU RICHIESTA SPECIFICA. DURATA VALIDITA FORMAZIONE 1 ANNO

14 FORMAZIONE PREVENZIONE INCENDI Codice corso FAI-01 FORMAZIONE ADDETTO ALLA PREVENZIONE INCENDIO BASSO RISCHIO Lavoratori che all interno dell azienda ricoprono il ruolo di addetti alla prevenzione incendi e gestione emergenze, sulla base della normativa vigente in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro con riferimento al D.Lgs 81/08. Fornire agli addetti, designati dal Datore di lavoro al servizio Antincendio, le informazioni di tipo teorico-pratico sulla gestione delle emergenze e sull estinzione degli incendi in aziende a rischio incendio basso Parte teorica (2 ore) - Incendio e prevenzione Principi della combustione; Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio; Il triangolo della combustione; Le principali cause d incendio; Rischi alle persone in caso d incendio; Principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi. - Protezione antincendio e procedura da adottare in caso di incendio Principali misure di protezione incendi; Evacuazione in caso di incendio; Procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme; Procedure per l evacuazione; Rapporti con i V.V.F. - Attrezzature e impianti di estinzione Sistemi di allarme; Segnaletica di sicurezza; Illuminazione d emergenza - Esercitazioni pratiche (2 ore) Istruzioni operative su estintori portatili; sulle attrezzature di protezione individuale, sull'utilizzo di estintori portatili 4 ore Attestato di FREQUENZA 1 Incontro GIO dalle h alle h COSTO: - aderenti alla Fédération iva / non aderenti Federation iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 3 ANNI

15 Codice corso FAI-02 FORMAZIONE ADDETTO ALLA PREVENZIONE INCENDIO MEDIO RISCHIO Ai Lavoratori dipendenti, datori di lavoro, professionisti, consulenti sulla sicurezza, dirigenti, ingegneri, architetti, geometri, periti Il corso ha lo scopo di fornire agli addetti, designati dal Datore di lavoro al servizio Antincendio, le informazioni di tipo teorico-pratico sulla gestione delle emergenze e sull estinzione degli incendi nelle aziende a rischio incendio medio Parte teorica (5 ore) Schema di Innesco della combustione e le principali cause di incendio Prevenzione incendi I DPI e la segnaletica di sicurezza La gestione delle emergenze L estinzione degli incendi. Esercitazioni pratiche (3 ore) Presa visione e chiarimenti sui mezzi di estinzione più diffusi Presa visione e chiarimenti sulle attrezzature di protezione individuale Esercitazioni sull uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo dei naspi e idranti 8 ore Attestato di FREQUENZA 1 Incontro MAR dalle h alle h Teoria dalle h alle h Pratica Costo Indicativo: - aderenti alla Fédération 240,00 + iva / non aderenti Federation 260,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 3 ANNI

16 Codice corso FAI-03 FORMAZIONE ADDETTO ALLA PREVENZIONE INCENDIO ALTO RISCHIO Lavoratori che all interno dell azienda ricoprono il ruolo di addetti alla prevenzione incendi e gestione emergenze, sulla base della normativa vigente in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro con riferimento al D.Lgs 81/08. Fornire agli addetti, designati dal Datore di lavoro al servizio Antincendio, le informazioni di tipo teorico-pratico sulla gestione delle emergenze e sull estinzione degli incendi in aziende a rischio incendio alto L incendio e la prevenzione incendi (4 ore): Principi della combustione; le principali cause d incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro; le sostanze estinguenti; i rischi alle persone ed all ambiente; specifiche misure comportamentali per prevenire gli incendi, accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi; l importanza del controllo degli ambienti di lavoro; l importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio La protezione antincendio (4 ore): Misure di protezione passiva; vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti; attrezzature ed impianti di estinzione; sistemi di allarme; segnaletica di sicurezza; illuminazione di sicurezza Procedure da adottare in caso di incendio (4 ore): Procedure da adottare quando si scopre un incendio; procedure da adottare in caso di allarme; modalità di evacuazione; modalità di chiamata dei servizi di soccorso; collaborazione con i vigili del fuoco in caso di intervento Esercitazioni pratiche (4 ore): Presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti di spegnimento; presa visione delle attrezzature di protezione individuale (maschere, autorespiratori, tute, etc.); esercitazioni sull uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale. 16 ore Attestato di FREQUENZA Costo Indicativo: - aderenti alla Fédération 500,00 + iva / non aderenti Federation 550,00 + iva DATE e ORARI: IL CORSO VERRÀ ORGANIZZATO SU RICHIESTA SPECIFICA. DURATA VALIDITA FORMAZIONE 3 ANNI

17 Codice corso FPS-01 FORMAZIONE ADDETTO AL 1 SOCCORSO (D.M. 388/2003) Il D. Lgs. 81/2008, e s.m.i., dispone la formazione per addetti al pronto soccorso aziendale, in modo da affrontare le situazioni di emergenza e di primo intervento sanitario a tutela della salute di eventuale personale esposto ad eventi dannosi e che presenti lesioni fisiche o che si trovi in uno stato di difficoltà e in pericolo di vita, in attesa dell arrivo degli operatori del campo medico competenti. La normativa prevede che l addetto al primo soccorso riceva, a seguito di quello che è un assolvimento agli obblighi di legge da parte del datore di lavoro, adeguata formazione sulla capacità di intervenire con le idonee tecniche di primo soccorso nelle situazioni di pericolo per lo stato fisico del personale coinvolto a seguito di eventi dannosi e nocivi. L addetto al primo soccorso deve quindi saper attuare le azioni previste in situazioni di emergenza a fronte di un successivo intervento medico. Le aziende sono classificate, tenuto conto della tipologia di attività svolta, del numero dei lavoratori occupati e dei fattori di rischio, in tre gruppi (D.M. 388/03): Gruppo A Aziende o unità produttive con attività industriali, soggette all obbligo di dichiarazione o notifica, di cui all articolo 2, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, aziende estrattive ed altre attività minerarie definite dal decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 624, lavori in sotterraneo di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 320, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni; Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, quali desumibili dalle statistiche nazionali INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno. Le statistiche nazionali INAIL sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale; Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell agricoltura. Gruppo B aziende o unità produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A. Gruppo C aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A. Obiettivi Migliorare le competenze pratiche per permettere a chi è incaricato di attuare gli interventi di primo soccorso in un ruolo di "attesa attiva" dei soccorsi specializzati, limitandosi ad evitare l'aggravarsi dei danni. I contenuti del percorso formativo rispettano quanto previsto nell'allegato 4 - modulo C del D.M. 15 luglio 2003, n Il corso è tenuto da personale medico qualificato Corso base aziende classe A 16 ore Corso base aziende classi B e C 12 ore

18 Codice corso FPS-01 PRIMO SOCCORSO - Aziende Gruppo A Formazione obbligatoria 16h 1 Incontro VEN dalle h / dalle h MAR dalle h / dalle h COSTO:- aderenti alla Fédération iva - non aderenti Federation iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 3 ANNI Codice corso FPS-02 PRIMO SOCCORSO - Aziende Gruppi B/C Formazione obbligatoria 12h 1 Incontro GIO dalle h / dalle h MAR dalle h / dalle h COSTO: - aderenti alla Fédération 170,00 + iva - non aderenti Federation 200,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 3 ANNI

19 FORMAZIONE DIPENDENTI IDONEITA SANITARIA Codice corso LIS-01 SOSTITUZIONE LIBRETTO IDONEITA SANITARIA 1 LIVELLO 8 ore OBIETTIVI: Il corso intende fornire ai dipendenti del settore agroalimentare (caseifici, macelli, cantine sociali trasformazione, cucina, pasta fresca, gelateria ecc.) presenti in Valle d Aosta, la formazione professionale obbligatoria richiesta. D.Lgs. n. 81/08. 1 DATA 2 DATA GIO dalle h alle h dalle h alle h GIO dalle h alle h dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 90,00 + iva / non aderenti Federation 120,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 3 ANNI Codice corso LIS-02 SOSTITUZIONE LIBRETTO IDONEITA SANITARIA 2 LIVELLO 4 ore DESTINATARI: Il corso è rivolto ai dipendenti del settore agroalimentare che assolvono incarichi meramente esecutivi (bar, fast food, personale di sala, addetti alla cassa o allo stoccaggio, trasporto alimenti deperibili ecc). 1 DATA 2 DATA GIO dalle h alle h GIO dalle h alle h COSTO: aderenti alla Fédération 60,00 + iva - non aderenti Federation 80,00 + iva DURATA VALIDITA FORMAZIONE 3 ANNI

20 FORMAZIONE CORSI ON LINE Corso Formazione Lavoratori parte generale e-learning Numero attivazioni per singola azienda Iscrizione tramite IRECOOP.VDA Prezzo totale Formazione lavoratori parte generale 1 49,00 Corso Preposti on line (limitato ai punti da 1 a 5 del corso completo, come da accordo stato regioni) ha un costo di 59,00 + Iva. PS oltre i nove partecipanti il costo decresce in base al numero di iscritti Numero attivazioni per singola azienda Iscrizione tramite IRECOOP.VDA Prezzo totale Formazione PREPOSTI punti ,00 - Corso Preposti on line (limitato ai punti da 1 a 5 del corso completo, come da accordo stato regioni) ha un costo di 59,00 + Iva. - PS oltre i nove partecipanti il costo decresce in base al numero di iscritti Altre tipologie di corsi possono essere attivate in base alle richieste. CORSI DI INFORMATICA GRATUITI Destinatari: Tutti i soci di cooperative aderenti alla Fédération des Coopératives Vald. Soc.coop. Durata formazione: 8h suddivisi in 4 incontri di 2 h. Sede: presso l aula Informatica dell IRECOOP V.D.A. in Saint Christophe DATE E ORARI INCONTRI DA DEFINIRE

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2015 (punto N 33 ) Delibera N 251 del 16-03-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli