1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO"

Transcript

1

2 1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 2. I MODELLI DI SISTEMI SANITARI IN EUROPA 2.1 IL MODELLO BISMARCK 2.2 IL MODELLO BEVERIDGE 3. ANALISI DEI SISTEMI SANITARI EUROPEI 3.1 UNO SGUARDO GENERALE 3.2 ANALISI DI DUE SISTEMI SANITARI EUROPEI - IL SISTEMA SANITARIO TEDESCO - IL SISTEMA SANITARIO INGLESE

3 Le condizioni di salute della popolazione di uno Stato sono influenzate dal modello di Sistema Sanitario adottato Insieme delle organizzazioni, delle istituzioni e delle risorse che sono dedicate alla produzione di azioni sanitarie (Fonte: OMS) Caratteristiche: Ø Sistema di finanziamento Meccanismo di reperimento delle risorse Ø Protezione dai rischi Tipo di protezione Grado di protezione

4 Sistema di finanziamento Può essere: Meccanismo finalizzato al reperimento ed alla distribuzione delle risorse destinate all erogazione di prestazioni sanitarie Pubblico: le risorse sono acquisite mediante la fiscalità generale e/o contributi obbligatori da redditi da lavoro Privato: le risorse sono acquisite mediante spesa diretta degli utenti per beni e servizi e polizze assicurative sanitarie private Pubblico/Privato: le risorse sono acquisite mediante integrazione delle due forme

5 Protezione dai rischi Può essere: Tipo e Grado di tutela assicurata alla popolazione nella manifestazione di un stato di salute precario Differenziata: tipo e grado di tutela differente da individuo ad individuo sulla base di determinate circostanze (es: in base alla copertura fornita dalla polizza sottoscritta) Universale: tipo e grado di tutela indiscriminato da individuo ad individuo

6 I sistemi sanitari in Europa possono essere ricondotti a due modelli fondamentali: Il Modello BISMARCK (Mutualistico o delle assicurazioni sociali) Il Modello BEVERIDGE (Universalistico o del Servizio Sanitario Nazionale)

7 ORIGINI Nasce nel 1883 in Germania ad opera del cancelliere tedesco Otto Von Bismarck, di cui ancora oggi conserva il nome, che introdusse il primo sistema previdenziale al mondo CARATTERISTICHE Sistema di finanziamento PUBBLICO Protezione dai rischi DIFFERENZIATA

8 SISTEMA DI FINANZIAMENTO PUBBLICO Viene anche definito modello delle assicurazioni sociali Perché caratterizzato da un sistema di finanziamento basato su contribuzioni obbligatorie prelevate dalle retribuzioni a carico: per una certa quota dei datori di lavoro (un terzo) per un altra quota degli operai (due terzi)

9 PROTEZIONE DAI RISCHI DIFFERENZIATA Viene anche definito modello mutualistico Perché i contributi prelevati sulle retribuzioni vengono gestiti da Casse Sociali (anche dette Casse Mutue) - Enti senza finalità di lucro - Organizzate in genere per settori produttivi - Di conseguenza differenti casse di malattia a seconda della categoria lavorativa (dipendenti, operai, autonomi ecc) di appartenenza del lavoratore - Ogni cassa mutua è caratterizzata da livelli di contribuzione e livelli di copertura differenti

10 Viene anche definito modello del Terzo pagante Perché le casse mutue, chiamate a gestire i contributi dei cittadini, sono tenute a rimborsare i costi alla struttura nel momento in cui i cittadini usufruiscono del servizio Cittadino (lavoratore dipendente) Erogazione della prestazione sanitaria al cittadino MODELLO DEL TERZO PAGANTE Versamento contributi prelevati sulla retribuzione Erogatore della prestazione Sanitaria Cassa Sociale di appartenenza Rimborso dei costi della prestazione erogata al cittadino

11 VANTAGGI Tale modello può essere considerato, una risposta alle insufficienze del sistema assicurativo privato Garantisce la copertura dai rischi di malattia di tutti i lavoratori dipendenti Garantisce la copertura dai rischi di malattia di quei lavoratori dipendenti che non potrebbero, per incapacità economica, pagare i premi assicurativi corrispondenti al loro rischio individuale o non si assicurerebbero SVANTAGGI Si tratta di un modello che non garantisce universalità nella tutela della salute Trattamento dei lavoratori discriminato dalla cassa sociale di appartenenza Le diverse casse sono caratterizzate da aliquote contributive, livelli di copertura, modalità di erogazione delle prestazioni anche molto differenziate.

12 ORIGINI Nasce nel 1948 in Inghilterra ad opera del lord, scienziato sociale britannico, William Beveridge, che nel 1939 aveva ricevuto dal governo inglese l incarico di studiare un sistema di protezione sociale capace di coprire tutte le classi sociali e tutte le persone CARATTERISTICHE Sistema di finanziamento PUBBLICO Protezione dai rischi UNIVERSALE

13 SISTEMA DI FINANZIAMENTO PUBBLICO Viene anche definito modello del Sistema Sanitario Nazionale o Pubblicistico Perché rilancia in forma innovativa il ruolo dello Stato come imprenditore sociale e garante del benessere dei cittadini, mediante l utilizzo di risorse provenienti dalla fiscalità generale Eroga in forma gratuita o semigratuita tutte le prestazioni sanitarie ritenute efficaci

14 PROTEZIONE DAI RISCHI UNIVERSALE Viene anche definito modello universalistico Poiché il modello si basa su tre pilastri: - Un sistema di previdenza sociale capace di intervenire in tutti i momenti critici della vita di una persona (la disoccupazione, gli incidenti sul lavoro, la malattia, la vecchiaia) - Un sistema di assistenza sanitaria universale e accessibile gratuitamente a tutti - Riconosce a tutti i cittadini, senza alcuna discriminazione, il diritto alla tutela della salute e si ispira al principio secondo il quale paga chi può a favore di chi ha bisogno prescindendo da qualunque considerazione circa la disponibilità a pagare dei singoli cittadini.

15 Dal volantino che annunciava ai cittadini inglesi la nascita del National Health Service Il tuo nuovo Servizio Sanitario Nazionale inizia il 5 luglio Esso ti fornirà tutti i servizi medici, odontoiatrici e infermieristici. Ognuno, ricco o povero, donna o bambino, lo può usare. Non ci sono pagamenti da fare, se non per qualche prestazione speciale. Non ci sono iscrizioni da fare all assicurazione. Ma non è una forma di carità. Tutti noi stiamo già pagando per questo, soprattutto attraverso le tasse.

16 VANTAGGI Tale modello risolve il problema della mancanza di equità che caratterizza un modello di tipo Bismarck Garantisce l'accesso al sistema che viene concesso a tutti senza distinzioni di reddito E più semplice il controllo della spesa sanitaria, soprattutto grazie alla centralizzazione delle decisioni presso lo Stato SVANTAGGI Tale modello è esposto al rischio di sotto-finanziamento Rigidità e poca flessibilità dovuti alla necessità di pianificazione, attuata al fine di controllare l'ammontare della spesa sanitaria totale

17 MODELLO BISMARCK MODELLO BEVERIDGE FINANZIAMENTO Contributi obbligatori sul reddito da lavoro (stabilito per legge) Fiscalità generale ACCESSO Contribuenti Tutta la popolazione PROTEZIONE DAI RISCHI Differenziata in base alla categoria occupazionale o al settore produttivo Universale (a tutti i cittadini) e comprensiva (tutte le prestazioni) PRESTAZIONI GARANTIRE Definite dalla società mutualistica Tutte le prestazioni

18 3. ANALISI DEI SISTEMI SANITARI EUROPEI

19 Molti dei Paesi Europei che inizialmente hanno adottato un modello basato sulle assicurazioni sociali ( Bismarck) hanno progressivamente modificato il loro sistema passando ad un sistema universale finanziato attraverso la fiscalità (Beveridge) PAESI ORIGINI CAMBIAMENTO DEL SISTEMA Evoluzione a: Anno DANIMARCA BEVERIDGE 1973 ITALIA MODELLO BEVERIDGE 1978 SPAGNA MUTUALISTICO (BISMARCK) BEVERIDGE 1986 REGNO UNITO BEVERIDGE 1948 FRANCIA GERMANIA Mantenimento con modifiche Mantenimento con modifiche

20 SITUAZIONE ATTUALE Negli Stati facenti parte dell Unione Europea si rilevano notevoli differenze nelle modalità di organizzazione, regolamentazione, finanziamento, erogazione e utilizzo dei servizi sanitari. Ogni Stato si ispira ad uno dei due modelli (Bismarck-Beveridge) inserendo, talvolta, significative sfumature PAESI CHE SI ISPIRANO AL MODELLO BISMARCK GERMANIA FRANCIA OLANDA AUSTRIA LUSSEMBURGO SVIZZERA PAESI CHE SI ISPIRANO AL MODELLO BEVERIDGE INGHILTERRA ITALIA FINLANDIA NORVEGIA DANIMARCA IRLANDA ISLANDA SVEZIA

21 GERMANIA INGHILTERRA VS Paese promotore del modello Bismarck Paese promotore del modello Beveridge Entrambi hanno mantenuto nel tempo l impostazione originaria dei modelli apportando però delle modifiche

22 I caratteri e il funzionamento del modello dell assicurazione sanitaria obbligatoria, nel contesto storico, attuale e nel confronto con i modelli alternativi, emergono con buona evidenza dall esame del sistema sanitario ancora vigente nella GERMANIA FEDERALE (suddivisa in 16 Länder) Stato promotore del modello Bismarck introdotto dal cancelliere Otto von Bismarck, che attuò fra il 1881 e il 1889 il primo sistema previdenziale al mondo, che servì da modello a tutti gli altri paesi. Nel 1883 istituì l'assicurazione contro le malattie Nel 1884 istituì l'assicurazione contro gli infortuni Nel 1889 realizzò un progetto di assicurazione per la vecchiaia

23 In GERMANIA vige, dunque, un Sistema prevalentemente Mutualistico, poiché l impostazione originaria del Sistema ha subito nel tempo modifiche ed integrazione con altre forme di protezione Alla protezione sociale si accede attraverso il versamento di contributi sociali (sulle retribuzioni) a favore di circa 253 Casse malattia (Casse sociali, Casse mutue) 54% del totale lavoratori, per il 46% datori di lavoro Enti autonomi senza finalità di lucro, gestiti da rappresentanti dei lavoratori e da datori di lavoro casse locali, (prevalentemente lavoratori dipendenti) casse dei minatori e dei marinai, gestite a livello statale da un unico ente casse degli agricoltori casse corporative, per lavoratori dipendenti che lavorano in imprese artigiane ecc.

24 Tali Casse di Malattia sono tenute a rimborsare all erogatore della prestazione sanitaria i costi per la prestazione erogata al cittadino (Terzo pagante) Sono tenute a richiedere alle strutture sanitarie l offerta di un catalogo identico di prestazioni sanitarie che è vincolante per tutti i Fondi, e per tutti le strutture sanitarie su tutto il territorio Federale Tale catalogo delle prestazioni rappresenta quindi la lista delle prestazioni sanitarie coperte dall assicurazione obbligatoria. Specifiche prestazioni sanitarie escluse dal catalogo, sono pagate o privatamente dagli assistiti ( out of pocket ) oppure dai bilanci pubblici quando l assistito dimostra di non avere mezzi economici sufficienti

25 Caratteristiche: Ø la copertura dai rischi di malattia è obbligatoria per tutti i lavoratori dipendenti, fino una data soglia di reddito (3.900 euro mensili circa); Ø l assicurazione è estesa ai famigliari a carico (coniuge non occupato, figli fino al 18 anni o studenti) e per essi non si versano contributi; Ø ai lavoratori dipendenti con reddito superiore a tale soglia (tecnici, funzionari, dirigenti) è offerta l opzione tra - l assicurarsi presso il sistema sociale generale, - assicurarsi presso una società privata, - non assicurarsi. Dunque il sistema sanitario tedesco è caratterizzato da due circuiti assicurativi differenti Mutualistico (che garantisce copertura di determinate categorie di cittadini Privato, a cui può accedere la parte di popolazione con reddito elevato

26 Distribuzione della popolazione per tipologia di copertura 0,2 9,7 90,1 Contributiva obbligatoria Assicurativa volontaria Nessuna copertura La copertura assicurativa, obbligatoria o volontaria, risulta vicina al 100%, Nel 2010 il 9,7% della popolazione risulta assicurata privatamente, fuori dal sistema generale, lo 0,2% non assicurata. La quota assicurata privatamente è composta sostanzialmente da chi ha rinunciato alla copertura sociale e da lavoratori indipendenti esclusi dall assicurazione sociale

27 Organizzazione del Sistema: Pur non avendo un ruolo né come finanziatore né come proprietario di strutture sanitarie, governa il sistema definendone le regole Stato Livello Federale (Assemblea federale; Consiglio federale; Ministero della salute) Obbligo di trattamento Ambulatori med Libertà di scelta Paziente Libertà di scelta Finanziamento Obbligo di trattamento Ospedali Supervisione Negoziazione Casse mutue/ Assicurazioni private Negoziazione

28 Nell impostazione originaria del modello delle assicurazioni sociali obbligatorie ( Bismarck ) sono stati introdotti, nel tempo, elementi solidaristici che ridimensionano l originaria concezione mutualistica Principali elementi solidaristici : Ø I contributi sociali sono prelevati in proporzione al reddito di lavoro fino ad una data soglia di reddito (3.900 euro mensili circa) oltre la quale restano costanti Ø Il bilancio pubblico provvede alla copertura finanziaria (attraverso la fiscalità generale) del 7,8% della spesa Ø Le aliquote delle contribuzioni sociali non possono essere differenziate in base alla età, al sesso al luogo di residenza e al rischio di malattia (sono, quindi, superati alcuni problemi tipici dell assicurazione privata) Ø l assicurazione sanitaria sociale è gratuita per i membri non occupati della famiglia del lavoratore assicurato

29 Tema della riforma del Sistema Sanitario E sul tappeto del confronto politico a livello mondiale Negli Stati Uniti il dibattito è rivolto, sostanzialmente, al confronto tra il modello basato sull assicurazione privata volontaria oppure sull assicurazione sociale obbligatoria In Germania, come in altri Paesi d Europa, il confronto avviene tra un modello di assicurazione obbligatoria riferita al rapporto di lavoro(modello Bismarck) e il modello del servizio sanitario pubblico (modello Beveridge)

30 Al modello sanitario mutualistico (tipo Bismarck ) è stata tradizionalmente avanzata la critica che esso differenzia l assistenza sanitaria in funzione della specifica posizione professionale Ma nel modello oggi vigente in Germania: Ø L uguaglianza obbligatoria del catalogo delle prestazioni sanitarie offerte a tutti gli assicurati fa cadere tale critica Rimane tuttavia: Ø La differenziazione dell offerta sanitaria tra chi è obbligatoriamente assicurato al regime generale e chi, invece, in funzione del suo maggiore reddito, opta per l assicurazione privata Riflessione: La possibilità di assicurarsi privatamente è aperta in tutti i Paesi industrializzati, anche in quelli aventi il servizio sanitario pubblico universale. La differenza è che nel modello tedesco attuale chi opta fuori dall assicurazione sociale non ne sopporta i costi (non avendone i benefici), mentre nel modello del servizio sanitario pubblico universale la scelta di acquistare un assicurazione sanitaria privata non esime dall obbligo di pagare le imposte che finanziano il servizio sanitario pubblico

31 Il Regno Unito è uno tra gli Stati Europei che inizialmente ha adottato un modello basato sulle assicurazioni sociali ( Bismarck) per poi passare ad un sistema universale finanziato attraverso la fiscalità (Beveridge) Stato promotore del modello Beveridge ad opera del lord William Beveridge, scienziato sociale britannico, che aveva ricevuto dal governo inglese l incarico di studiare un sistema di protezione sociale obbligatoria capace di coprire tutte le classi e tutte le persone indipendentemente dalla categoria lavorativa di appartenenza Il 20 Novembre del 1942, nel pieno della seconda guerra mondiale, venne data alle stampe una proposta di riforma dell assistenza sociale denominata Beveridge Report Nel 1948 è stato così introdotto il servizio sanitario nazionale (National Health Service - NHS)

32 Nel Regno Unito vige, dunque, un Sistema prevalentemente Universalistico (pubblicistico) poiché l impostazione originaria del Sistema ha subito nel tempo modifiche ed integrazione con altre forme di protezione E stato costituito per realizzare obiettivi espliciti, riconducibili a principi equitativi : l accessibilità di tutti coloro che hanno bisogno di assistenza sanitaria al servizio pubblico, indipendentemente alla loro capacità contributiva l offerta da parte del NHS di tutte le prestazioni necessarie ai bisogni di salute; l utilizzo gratuito delle prestazioni, finanziate attraverso la fiscalità generale Ha rappresentato un importante progresso dell organizzazione sociale

33 Caratteristiche: Ø Ha introdotto il principio di responsabilità collettiva da parte dello Stato per un servizio sanitario, che doveva essere gratuito al punto di utilizzo per tutta la popolazione Ø Ha introdotto la logica del Quasi - Mercato Ø Finanziamento attraverso la fiscalità generale (esclusiva all origine) integrata oggi con altre forme di protezione Dunque: Riconoscimento del diritto alla tutela della salute per qualunque individuo indipendentemente dalla propria capacità contributiva attraverso l accentramento nelle mani dello Stato della gestione del sistema finanziato attraverso la fiscalità generale

34 Il Quasi Mercato Separazione tra: Strutture acquirenti delle prestazioni per conto dei pazienti (purchasers) Unità sanitarie locali (Health Authorities) oppure da associazioni di medici di base; sono dotati di un certo budget, di solito una quota fissa per paziente, e di autonomia gestionale Domanda Strutture erogatrici del servizio (providers) Ospedali e medici specialistici Offerta Il soggetto che effettua l acquisto (purchasers) non coincide con il beneficiario della prestazione sanitaria, il quale finanzia l erogazione attraverso la tassazione Beneficiario

35 Il Quasi Mercato Tale funzionamento del sistema innesca un meccanismo di concorrenza Tra gli acquirenti, in quanto i pazienti possono scegliere, in prima battuta, a chi affidare tutto ciò che riguarda le loro cure mediche Tra gli erogatori del servizio, i quali sono spinti a migliorare la qualità di ciò che offrono, col fine di attrarre il maggior numero di risorse Una volta scelto un acquirente di prestazioni, i clienti saranno inseriti in un Raggruppamento Omogeneo Diagnostico (ROD o DRG), ove, cioè, i pazienti sono classificati in gruppi a seconda della diagnosi loro associata; ad ogni gruppo viene attribuito un budget differente, a seconda della gravità della diagnosi e della quantità di cure necessarie

36 Finanziamento del Sistema Ø Tasse (come avviene nel sistema italiano) Ø Contributi obbligatori per tutti i cittadini NHS Due circuiti di finanziamento Sistema sanitario pubblico (fiscalità generale) Mercato assicurativo privato, che l'utente deve acquistare obbligatoriamente

37 Finanziamento del Sistema Le tasse versate dai cittadini, a differenza del sistema italiano, sono uniti al premio, richiesto dalle assicurazioni private per la copertura sanitaria Uguale per tutti gli utenti del servizio Modello assicurativo Pooling Coverage Ø I clienti ad alto e basso rischio pagano lo stesso premio ed hanno la stessa copertura assicurativa Ø Il premio richiesto dalle compagnie assicurative è a metà strada tra quanto pagherebbero i clienti ad alto rischio e quelli a basso rischio

38 Organizzazione del Sistema: Fiscalità generale/ contributi Il sistema presenta un elevata centralizzazione, con poteri direzionali collocati presso il governo centrale Governo (Ministero della sanità) NHS (8 uffici regionali) Autorità Sanitaria Locale, Associazioni medici di base Vi sono otto uffici regionali che finanziano un centinaio di Autorità Sanitarie Locali (Health Authorities) per l'acquisto di servizi sanitari primari, servizi ospedalieri e servizi di strutture sanitarie extra-ospedaliere Ospedali Assistenza specialistica Paziente

39 La copertura sanitaria nel sistema inglese viene, quindi, fornita anche da compagnie assicurative private, ma essendo un'assicurazione obbligatoria per tutti i cittadini (copertura sanitaria universale) ed essendo il servizio offerto attraverso strutture e medici che fanno parte del NHS, il sistema è più vicino ad un sistema sanitario di tipo pubblico Il modello del servizio pubblico universale Ø Supera le disuguaglianze generate dai mercati assicurativi privati, Ø Supera quello che era considerato il limite principale delle assicurazioni sociali obbligatorie, costituito dalla conseguente frattura nel sistema sanitario tra l offerta destinata agli assicurati in base al rapporto di lavoro (e alle retribuzioni imponibili), e le offerte rivolte alle altre categorie di cittadini

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura IL Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura Che cos è il modello Beveridge? Il 20 Novembre del 1942, nel pieno della seconda guerra mondiale, in Inghilterra venne data alle stampe una proposta

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA ( O. M. S. ) WORLD HEALTH ORGANIZATION ( W. H. O. ) AGENZIA SPECIALIZZATA DELL O.N.U.

Dettagli

Il sistema sanitario degli Stati Uniti. pag. 1

Il sistema sanitario degli Stati Uniti. pag. 1 Il sistema sanitario degli Stati Uniti pag. 1 pag. 2 pag. 3 pag. 4 Spesa Sanitaria USA 1960-2001 e percentuale su PIL $1,600 $1,400 13.4% 13.2% 13.3% 13.1% 13.1% 14.10% 16.0% 14.0% $1,200 $1,000 $800 7.0%

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Modelli di organizzazione di un sistema sanitario (a) Si differenziano

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Il Sistema Sanitario Tedesco: Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73 Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Caratteristiche generali dei sistemi assicurativi e dei Sistemi Sanitari Nazionali

Dettagli

I MODELLI DI SISTEMA SANITARIO. Cattedra di Igiene Università di Catanzaro

I MODELLI DI SISTEMA SANITARIO. Cattedra di Igiene Università di Catanzaro I MODELLI DI SISTEMA SANITARIO MODELLO BEVERIDGE SSN BASATI SULL UNIVERSALITÀ DI ACCESSO E IL FINANZIAMENTO ATTRAVERSO LA FISCALITÀ GENERALE LIVELLO DI GOVERNO (ACCENTRAMENTI/DECENTRAMENTI) ASSETTO DEL

Dettagli

La comparazione tra sistemi sanitari

La comparazione tra sistemi sanitari La comparazione tra sistemi sanitari Le diverse risposte possibili 3 diversi modelli Pubblico Privato Misto ELEMENTI DI DISTINZIONE: Strutture di offerta finanziamento Caratteristiche comuni: Aumento vita

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Le relazioni tra finanziamento e produzione in un sistema sanitario

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA Rosario Cunsolo Dir. Medico Direzione Medica di Presidio

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

Le politiche sanitarie

Le politiche sanitarie Corso di Sociologia generale Parte seconda Le politiche sanitarie 1 Le politiche sanitarie Sottoinsieme delle politiche sociali che hanno l obiettivo di promuovere la salute, la cura dei malati e la ricerca

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Lo stato sociale Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Motivazioni Fallimenti informativi e ruolo dei due teoremi dell economia del benessere

Dettagli

I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità

I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità Facoltà di Psicologia Corso di Medicina Sociale I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità Prof. Plinio Fabiani 20/11/2008 L evoluzione Un sistema sanitario è l insieme delle organizzazioni,

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Le esperienze europee di co-payment: LA SVIZZERA

Le esperienze europee di co-payment: LA SVIZZERA Le esperienze europee di co-payment: LA SVIZZERA SISTEMA SANITARIO SVIZZERO È fondato sulle assicurazioni sociali (Bismarck). L`assicurazione malattia è obbligatoria e garantisce a tutti i residenti un

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Sistema Sanitario. S. S. Nazionale. S. S. Regionale

Sistema Sanitario. S. S. Nazionale. S. S. Regionale Sistema Sanitario S. S. Nazionale S. S. Regionale 1 INDICE 1. Sistema Sanitario 2. Servizio Sanitario Nazionale 3. Servizio Sanitario Nazionale Italiano 4. Servizio Sanitario Regionale Lombardo 2 Sistema

Dettagli

Elementi di previdenza complementare e assistenza sanitaria integrativa

Elementi di previdenza complementare e assistenza sanitaria integrativa Elementi di previdenza complementare e assistenza sanitaria integrativa di Daniele Grandi Previdenza sociale La definizione minimalistica di previdenza è accantonamento di reddito da lavoro attuale (contribuzione)

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ Alceste SANTUARI P&D.IT SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT Qualche tempo fa su questo sito ci siamo chiesti che ne fosse stato del federalismo. Le recenti indagini pubblicate su il Sole 24 Sanità testimoniano

Dettagli

Sistema Sanitario S. S. Nazionale S. S. Regionale Dr. Stefano Lottaroli

Sistema Sanitario S. S. Nazionale S. S. Regionale Dr. Stefano Lottaroli Sistema Sanitario S. S. Nazionale S. S. Regionale Dr. Stefano Lottaroli IRCCS Policlinico San Donato Università degli Studi di Pavia 1 INDICE 1. Sistema Sanitario 2. Servizio Sanitario Nazionale 3. Servizio

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Il sistema sanitario degli Stati Uniti

Il sistema sanitario degli Stati Uniti Il sistema sanitario degli Stati Uniti Finanziamento Nel 2000: 13,1% del PIL; 55% finanziamento privato Chi paga nel sistema USA Datori di lavoro (grandi e medie imprese) Governo Federale (contributi obbligatori

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Dr. Atanasio Kiriazopulos 20/06/2010 1 Argomenti della discussione Generalità Finanziamento Ospedali Medicina di Base Personale Medico Personale Infermieristico

Dettagli

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano 1 Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Il peso dell assicurazione

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti.

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Per quanto necessari, anche i riscatti, in particolare per i

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

Interventi per la non autosufficienza e relativa finanziabilitàin Europa?

Interventi per la non autosufficienza e relativa finanziabilitàin Europa? Interventi per la non autosufficienza e relativa finanziabilitàin Europa? Prof. Bernhard Güntert Institut für Management und Ökonomie im Gesundheitswesen (IMÖG) UMIT, Hall in Tirol Indice dei contenuti

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Ipoteche. Finanziamenti su misura

Ipoteche. Finanziamenti su misura Ipoteche Finanziamenti su misura Verso l acquisto di una casa di proprietà? Il sogno di una casa tutta propria ha inizio con la ricerca di un immobile adeguato. Un analisi accurata delle vostre esigenze

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 La voce amministrativa in periodo di Spending Review Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 Welfare state Il Welfare State (o Stato Sociale) è un sistema di norme con il quale lo stato cerca di eliminare

Dettagli

La situazione dell ospedalit

La situazione dell ospedalit Sistemi sanitari a confronto: ospedali in Europa La situazione dell ospedalit ospedalità privata accreditata nell Unione Europea Alberta Sciachi UEHP UNION EUROPÉENNE ENNE DE L HOSPITALISATION L PRIVÉE

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

LA REGIONE del Veneto

LA REGIONE del Veneto SANE SINERGIE Al via in Veneto un tavolo tecnico con proposte concrete per integrare i servizi erogati dai fondi contrattuali con quelli del Ssn. Due le linee guida: efficienza e complementarietà Pietro

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati SISTEMA SANITARIO Insieme delle istituzioni, attori e risorse (umane e materiali) che concorrono alla promozione, al recupero ed al mantenimento della salute. Finalità di questo sistema è produrre salute.

Dettagli

F.A.Q. OdV e Aps a confronto

F.A.Q. OdV e Aps a confronto Cosa hanno in comune le Odv e le Aps? Le Organizzazioni di Volontariato (OdV) e le Associazioni di Promozione Sociale (APS) hanno la caratteristica comune di avere nel fine solidaristico la propria dimensione

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Economia delle Istituzioni

Economia delle Istituzioni Economia delle Istituzioni LEZIONE 5 Federico Biagi federico.biagi@unipd.it L ISTRUZIONE 1 Contenuto della lezione Natura del servizio Ragioni dell intervento pubblico nella spesa per istruzione Modelli

Dettagli

PREVIDENZA SOCIALE OBBLIGATORIA MINIMA E COMPLEMENTARE VOLONTARIA

PREVIDENZA SOCIALE OBBLIGATORIA MINIMA E COMPLEMENTARE VOLONTARIA PROGETTO DI LEGGE DELEGA IN MATERIA DI PREVIDENZA SOCIALE OBBLIGATORIA MINIMA E COMPLEMENTARE VOLONTARIA PREMESSA SITUAZIONE Attualmente il sistema previdenziale italiano poggia su due pilastri: 1. la

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali della Concessione di Roma supplemento ad Informazioni-Fisac OTTOBRE 2000 Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 PREMESSA Le analisi dell'innocenti Report Card 9 coprono una gamma limitata ma significativa di indicatori del benessere dell'infanzia

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC La recente pubblicazione del rapporto Censis/Unipol Welfare, Italia 214 propone alcuni spunti e temi di riflessione su

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013 La Sanità Raffaele Lagravinese 18 Novembre 2013 Argomenti della lezione Aspetti demografici e Sanità Le Giustificazioni dell intervento pubblico in Sanità Sistemi Sanitari a confronto La Spesa sanitaria

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Finanziamento pubblico e contributi sociali Il finanziamento della protezione sociale nei paesi dell Unione europea

Finanziamento pubblico e contributi sociali Il finanziamento della protezione sociale nei paesi dell Unione europea L Osservatorio per le politiche sociali in Europa è un iniziativa dell INCA CGIL Nazionale e dell INCA Belgio Rue de la Loi, 26/20-1040 Bruxelles Tel. +32 2 2335432-2801439 osservatorio@osservatorioinca.org

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

Confronto internazionale e

Confronto internazionale e CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Confronto internazionale e suggestioni di policy Francesco Longo Francesco Longo 09/11/2010 Agenda 1. Confronto internazionale

Dettagli

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Introduzione Il presente opuscolo spiega a quale finanziamento potreste avere diritto se siete normalmente residenti nella regione del

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

FILT-CGIL. Finalità del Fondo. Le prestazioni del Fondo. Elaborazione a cura della Filt-Cgil

FILT-CGIL. Finalità del Fondo. Le prestazioni del Fondo. Elaborazione a cura della Filt-Cgil Elaborazione a cura della Filt-Cgil Finalità del Fondo Il Fondo per il perseguimento di politiche attive per il sostegno del reddito e dell occupazione dei lavoratori dipendenti dalle società del Gruppo

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

Il ruolo dell'industria. della previdenza

Il ruolo dell'industria. della previdenza Il ruolo dell'industria assicurativa nello sviluppo della previdenza La sfida del sistema previdenziale italiano: necessità di adeguare il regime pensionistico alle dinamiche sociali ed economiche in atto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

Scienza delle finanze 30018 Cleam2

Scienza delle finanze 30018 Cleam2 1 Scienza delle finanze 30018 Cleam2 La tassazione delle rendite finanziarie (1) Tassazione delle attività finanziarie Quadro generale 1. Problemi tradizionali. 2. Problemi nati dalla crescente integrazione

Dettagli

Misure urgenti in materia di previdenza complementare

Misure urgenti in materia di previdenza complementare Misure urgenti in materia di previdenza complementare Il Consiglio dei Ministri di venerdì 10 novembre 2006 ha approvato il decreto legge in materia di previdenza complementare in coerenza con l anticipo

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari in Europa negli anni 80-90 Il paradiso dei riformatori

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie

La tassazione delle attività finanziarie La tassazione delle attività finanziarie Integrazione al libro di testo Le attività finanziarie sono le diverse forme di impiego del capitale, come ad esempio: acquisto di azioni o quote di capitale di

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli