Fondazione di Comunità Vicentina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione di Comunità Vicentina"

Transcript

1 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita - Onlus II Annuario Anno 2007 Montecchio Precalcino (VI). Febbraio 2008

2

3 1 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Sommario Fondazione CariVerona...4 Presentazione...5 L assetto istituzionale...9 Consiglio di Amministrazione... 9 Collegio dei Probiviri... 9 Collaboratori...10 I progetti finanziati con il secondo bando (gennaio 2006) Buona Giornata Signora Maria Formazione e Supporto alle Famiglie con Malati di Alzheimer Binario 9 e 3/ Reti d Incontro Giovanilità Una Finestra sul Mondo dei Giovani Scuole in Coro Music in the Dark Un Viaggio Extraordinario Macramé - Una Esperienza di Cooperative Learning Pensare con il Corpo, Muoversi con il Cuore Vado a Scuola con Mamma e Papà Metti in Circolo il tuo Amore Scuola Genitori A.Ge. - per Crescere Liberi, Autonomi, Responsabili... 22

4 II Annuario 2 Corso di Autonomia Oltre il Giardino I progetti finanziati con il terzo bando (marzo 2007) Carpe Diem Centri Avviamento Sport Estivi Creati il Tempo Educare alla Relazione Educarsi con lo Sport Estate Alternativa Festival Benefico di Arte di Strada Dedicato ai Bambini. 5 a edizione Educare al Volontariato e alla Solidarietà Grest Colori dell Arte, Colori dell Integrazione Integrazioni Multiple Laboratorio Musicale e Multimediale a Favore dei Giovani del Quartiere S. Pio X di Vicenza Le Sei Facce di un Uragano...40 Promozione del Benessere a Scuola Prova il Gioco della Pallavolo Semplicemente Noi Smalti Culturali Sportivamente Insieme Star Bene Ti Passo il Testimone Una Rete Solidale a Camisano, Paese del Mondo Un treno per Pechino... 54

5 3 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Centro diurno, tempo libero di pazienti psichiatrici Il bilancio consuntivo Introduzione del Presidente della Fondazione Il bilancio consuntivo Il bilancio consuntivo Introduzione del Presidente della Fondazione Il bilancio consuntivo

6 II Annuario 4 Fondazione CariVerona Si ringrazia la Fondazione CariVerona per il sostegno dato alla nostra attività, per aver permesso in particolare di aumentare il nostro patrimonio e di realizzare i bandi del 2006 e del È stato, fin dalla nostra nascita, un rapporto importante: siamo stati incoraggiati e o- rientati in modo serio, dalla competenza dello staff tecnico e dalla fiducia del Consiglio di Amministrazione. Questo aiuto ci ha consentito di avere il tempo di muoverci nel territorio, di farci gradualmente conoscere e, speriamo, apprezzare.

7 5 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Presentazione La pubblicazione del secondo annuario, anno 2008, avviene in coincidenza con il compimento dei primi tre anni di attività della Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita - Onlus e con il rinnovo del Consiglio di Amministrazione. Nell assumere l incarico di Presidente della Fondazione, sento il dovere di ringraziare il nuovo Consiglio di Amministrazione per la fiducia accordatami e il Consiglio Generale dei Soci fondatori e partecipanti per il sostegno dato alla Fondazione in questi anni. Sento, altresì, il dovere di rivolgere un vivo ringraziamento ai componenti del C.d.A. uscente e, in particolare, al Presidente Sig. Ermenegildo Zaccaria per l impegno e la dedizione profusi nel triennio di avvio della Fondazione, e a quanti hanno collaborato con spirito di volontariato alle attività di segreteria, di promozione e organizzazione di eventi. La pubblicazione dell annuario costituisce l occasione per fare un bilancio dei primi tre anni di attività e di tracciare le linee guida di azione per il secondo triennio. Gli interventi di sostegno della Fondazione a favore della Comunità e la partecipazione attiva dei cittadini e delle organizzazioni no profit hanno prodotto, in questi primi tre anni, risultati significativi ed hanno permesso alla Fondazione, fin dai suoi primi passi, di qualificarsi sul territorio come strumento erogatore di risorse solidali nelle mani dei cittadini, ciò che rappresenta l essenza e il fine istituzionale di una Fondazione di Comunità. Nel biennio , come appare nelle pagine seguenti, sono stati finanziati 38

8 II Annuario 6 progetti che, insieme ai 15 del 2005, portano a più di 50 il numero totale degli interventi, con erogazione di complessivi euro. Queste risorse hanno consentito, secondo le linee di indirizzo dei Soci fondatori e partecipanti, di sostenere attività di Centri giovanili, iniziative didattiche di alcune scuole, attività riabilitative per disabili, interventi di aiuto per anziani soli e attività per il tempo libero dei giovani. I progetti finanziati sono stati semplici ma concreti ed hanno permesso di rispondere a condizioni di reale bisogno, contribuendo in maniera significativa a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Questi interventi sono stati resi possibili da proventi derivanti dal capitale iniziale della Fondazione e dall apporto economico della Fondazione CariVerona e di istituti bancari locali (Banca S. Giorgio Valle dell Agno), oltre che di imprese e di singoli cittadini. Per il secondo triennio la Fondazione intende operare secondo tre direttrici: 1. avviare una campagna di promozione della propria immagine sul territorio, che consenta alla Fondazione di radicarsi sempre più nella realtà sociale della Comunità vicentina (cittadini, Istituzioni, Associazioni, Imprese, ecc.) e di stimolarne la partecipazione alle attività della Fondazione condividendone finalità e obiettivi; 2. aumentare ed estendere i propri interventi per migliorare il benessere e la qualità della vita dei propri cittadini, sostenendo, in particolare, progetti provenienti dal mondo della scuola, dei giovani e del lavoro, nonché iniziative a tutela dei cittadini svantaggiati, in favore della cultura e a difesa dell ambiente; 3. studiare ed avviare un progetto finalizzato alla costituzione di un fondo patrimoniale dedicato per dare risposta alla crescente domanda di residenzialità da parte di persone svantaggiate: progetto Dopo di Noi. Per raggiungere questi obiettivi la Fondazione intende raccogliere fondi dal territorio, dai cittadini (dedicando, ad esempio, nella dichiarazione dei redditi il 5 dell IRPEF alla

9 7 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Fondazione), da Istituzioni, imprese, banche, ecc., da destinare direttamente a interventi di sostegno alla comunità e/o alla costituzione di fondi patrimoniali i cui frutti vengono destinati perennemente a progetti di utilità sociale. In una prospettiva più ampia la Fondazione si propone di conseguire i seguenti obiettivi: istituire una rete di referenti locali che consenta di stabilire un dialogo continuo e diretto con la popolazione per conoscerne le necessità; promuovere la collaborazione dei cittadini, favorendo una maggior consapevolezza dei propri problemi, delle proprie potenzialità e delle opportunità presenti nel proprio territorio; stimolare lo spirito di iniziativa dei cittadini e la loro capacità propositiva, al fine di individuare le soluzioni dei propri problemi; conseguire la copertura finanziaria del programma sociale mediante una raccolta di fondi che sia espressione di fiducia e di condivisione nei confronti della Fondazione. La Fondazione intende, in questo modo, attivare un circolo virtuoso finalizzato, da una parte, a raccogliere fondi dal territorio e, dall altra, a distribuirli ai cittadini sotto forma di finanziamenti di progetti sociali. Il cittadino assume, in questo modo, il ruolo di protagonista propositivo, beneficiario e proprietario vero della Fondazione, e la Fondazione quello di raccoglitore ed erogatore di risorse, vero intermediario di solidarietà. Il Presidente della Fondazione Dr. Michele Negri

10 II Annuario 8

11 9 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus L assetto istituzionale Consiglio di Amministrazione Michele Negri (presidente) Valerio Lanaro (vicepresidente) Michele Negri (presidente) Valerio Lanaro (vice presidente) Franco Balzi Antonio Benetti Don Livio Destro Nazzareno Leonardi Alberto Leoni Alessandro Pigatto Stevan Maria Nives Giorgio Xoccato Collegio dei Probiviri Egidio Dal Cortivo (presidente) Ermenegildo Zaccaria Luigi Rigon

12 II Annuario 10 Collaboratori La Fondazione si avvale della consulenza contabile gratuita dello studio Garbin & Maule Commercialisti associati di Schio e dell apporto del lavoro volontario di numerose persone (tra le quali ringraziamo in particolare Egidio Fortuna e Serena Dettin) impegnate nelle attività di segreteria, di promozione e nella organizzazione di eventi. La banca d appoggio della Fondazione è la Banca S. Giorgio e Valle Agno, Credito Cooperativo di Fara Vicentino, Società Cooperativa a responsabilità limitata con sede in San Giorgio di Perlena, Frazione di Fara Vicentino (VI), fondata nel 1896 e aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo.

13 11 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus I progetti finanziati con il secondo bando (gennaio 2006) Buona Giornata Signora Maria Soggetto proponente... Società Cooperativa Sociale Il Faggio a.r.l. Importo finanziato Località di realizzazione... Altopiano di Asiago Target... Persone anziane che vivono sole L obiettivo del progetto è stato quello di rompere la solitudine di molte persone anziane o disabili che vivono una situazione di emarginazione dovuta all età oppure a uno stato di disagio psichico e fisico. Ha inteso creare un contatto costante che possa generare un rapporto di fiducia e migliorare la qualità della vita delle persone sole. Il progetto ha previsto l intervento a domicilio, in stretto contatto con i Servizi Domiciliari dei Comuni dell Altopiano, di operatori qualificati che hanno seguito costantemente da un punto di vista psicologico e sociale, anziani che vivono da soli nell Altopiano e che vogliono restare nella propria casa anche se questa è isolata.

14 II Annuario 12 L attività degli operatori è stata molto concreta ed ha compreso l aiuto domestico, il sostegno negli acquisti e nelle spese o la fornitura a domicilio della spesa, la presenza settimanale, a domicilio, per un concreto sostegno umano e per verificare eventuali problemi di ordine sanitario. Formazione e Supporto alle Famiglie con Malati di Alzheimer Soggetto proponente... AMAD - Ass. Malattia di Alzheimer e altre demenze Importo finanziato Località di realizzazione... Bassano e Comuni del territorio Ulss n. 3 Target... Famiglie con malati di Alzheimer Il progetto è partito dalla constatazione che circa 80% dei malati di Alzheimer vengono assistiti a domicilio da familiari che spesso sono in gravi difficoltà nell accudire i congiunti malati. Ha inteso pertanto fornire a coloro che assistono i malati tutta l informazione e la formazione che possono risultare utili a migliorare il livello dell assistenza, dato che questo è un fattore essenziale nella gestione difficile della malattia. È stato un percorso formativo molto intenso, basato su lezioni teoriche e pratiche e soprattutto sulla creazione di gruppi di auto-aiuto per familiari, supportato da esperti. Questi gruppi, stabili nel tempo, sono stati uno dei sostegni fondamentali ai familiari, al lavoro dei sumi territoriali (S.A.D. e A.D.I.). La durata del progetto (annuale), con coinvolgimento di esperti che hanno aiutato ma non hanno sostituito la famiglia, la stabile ripetizione nel tempo dell attività informativa, formativa e di supporto, la creazione di una rete di auto-aiuto tra famiglie che vivono

15 13 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus una situazione di vita molto delicata, sono stati elementi di un azione efficace ed e- semplare in questa area di bisogno della comunità locale. Binario 9 e 3/4 Soggetto proponente... La Locomotiva Cooperativa Sociale a.r.l. Importo finanziato Località di realizzazione... Cogollo del Cengio Target... Bambini dai 3 agli 11 anni Il progetto ha previsto la realizzazione di uno spazio di aggregazione per bambini del Comune di Cogollo del Cengio e della Comunità Montana anche con inserimento di bambini disabili. In questo spazio sono stati proposti, per cinque pomeriggi settimanali, attività di gioco organizzato e libero (seguiti da due educatori), con la riscoperta di antichi giochi della comunità locale, con la stimolazione nei bambini di attività costruttive del materiale necessario al gioco: il tutto in una visione attiva e non passiva del gioco stesso. Il nuovo centro di aggregazione ha acquistato un particolare valore in quanto inserito in una zona a basso indice di dipendenza giovanile e minorile, con poche strutture per i minori.

16 II Annuario 14 Reti d Incontro Soggetto proponente... Circolo Don Massimo Maso Importo finanziato Località di realizzazione... S. Tomio di Malo presso centro parrocchiale Target... Giovani 14/21 anni Il progetto ha inteso perseguire attraverso il gioco, lo sport e la rete di internet obiettivi educativi e formativi, tipici di un moderno centro giovanile. I vari momenti sportivi hanno coinvolto i giovani di diversa provenienza e ha permesso loro situazioni di incontro con altri giovani, oltre a garantire la già esistente interazione con i frequentatori abituali del centro parrocchiale. È stato un progetto molto concreto che si è articolato: 1. nel potenziamento delle strutture e delle sue attrezzature, dell organizzazione; 2. nell organizzazione puntuale e stabile di attività sportive, ludiche, culturali rivolte a giovani tra i 14 e i 21 anni; 3. nell attivazione di una postazione internet, quale moderna modalità di comunicazione e conoscenza, su eventi organizzati in ambito nazionale e internazionale. Giovanilità Una Finestra sul Mondo dei Giovani Soggetto proponente... Il Mosaico Cooperativa a.r.l. Importo finanziato Località di realizzazione... Comune di Dueville e limitrofi Target... Intera comunità Si è trattato di un percorso formativo ed organizzativo in vista della prossima apertura

17 15 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus di un centro giovanile a Dueville. Il corso ha voluto offrire strumenti e stimoli alla comunità per avvicinare e conoscere il mondo giovanile al fine di eliminare o perlomeno ridurre i pregiudizi che spesso portano a criticare e giudicare i giovani in maniera prevenuta. È stato un percorso rivolto agli adulti della comunità e, articolandosi in varie fasi di apprendimento, di conoscenza e competenza sulla realtà giovanile di Dueville e comuni limitrofi, ha voluto essere propedeutico ad un forte coinvolgimento attivo e concreto della comunità locale all apertura e alla gestione del nuovo centro giovanile. Si è articolato nell approfondimento, durante il 2006 (primavera e autunno) di temi importanti (la relazione, i valori, il senso odierno della buona educazione, la comunicazione, la gestione del tempo e dello spazio) necessari per sensibilizzare la comunità locale e mettere la base per una buona organizzazione dell attività del centro. Scuole in Coro Soggetto proponente... Ass. Culturale Coro giovanile di Thiene Importo finanziato Località di realizzazione... Alto Vicentino Target... Allievi degli istituti scolastici superiori Il progetto ha mirato a diffondere l amore per il canto corale ai ragazzi proponendolo nelle scuole. Attraverso percorsi appositamente studiati i giovani partecipanti hanno potuto affinare il loro gusto estetico, aumentare la capacità di lettura critica dei messaggi mediali. Il progetto ha voluto avvicinare i giovani, soprattutto dell area thienese, al canto corale. Sono stati proposti, nelle scuole superiori, percorsi specifici di sensibilizzazione ed

18 II Annuario 16 apprendimento del canto, condotti da esperti, per un periodo consistente (tutto l anno scolastico), in modo da affinare il gusto estetico, le capacità di lettura dei testi musicali. Sono stati poi organizzati alcuni viaggi-studio allo scopo di fare attivamente e- sperienza di canto nel coro di Thiene. Music in the Dark Soggetto proponente... Istituto comprensivo A. Fusinato di Schio Importo finanziato Località di realizzazione... Schio Target... Minori 11/14 anni È stato progetto pilota per lo sviluppo e la realizzazione di musica d insieme in una classe ad indirizzo musicale che ha accolto allievi non vedenti. Sono stati prodotti elaborati ed esecuzioni musicali tramite la preparazione di partiture adeguate all ensemble di volta in volta interessato con relativa traduzione in braille. È stato un progetto innovativo che ha puntato alla realizzazione di attività di musica d insieme, in una scuola che accoglie anche allievi non vedenti. È stato previsto un percorso, al cui centro ovviamente (come si evidenzia nel titolo) c è stata la musica come strumento di apprendimento, comunicazione e relazione e, in particolare, di integrazione di ragazzi non vedenti o ipovedenti.

19 17 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Questo percorso si è articolato: 1. nell acquisizione della strumentazione musicale necessaria; 2. nella preparazione di partiture musicali adeguate all ensemble, di volta in volta interessato, con relativa traduzione in braille; 3. nella conseguente finale esecuzione musicale che vede l integrazione dei ragazzi non vedenti nel gruppo. Un Viaggio Extraordinario Soggetto proponente... Istituto Comprensivo Monte Pasubio di Torrebelvicino Importo finanziato Località di realizzazione... Torrebelvicino e Valli di Pasubio (9-11 anni) Target... Alunni delle scuole primarie di Torre e Valli di Pasubio Il progetto ha voluto valorizzare, nei ragazzi, le capacità relazionali e le abilità culturali all insegna della convivenza civile. Tale valorizzazione si è delineata nella creazione di spazi di osservazione, confronto tra i ragazzi, spazi di attività concreta nei quali misurare le proprie abilità; spazi di confronto delle diverse culture di appartenenza. Ha coinvolto tre scuole (due di Torrebelvicino, uno di Valli del Pasubio), 130 alunni della classe IV e V elementare, di cui 17 stranieri e 3 disabili. Nove insegnanti e quattro collaboratori scolastici hanno gestito l attività, svolta in parte nell orario scolastico, ma soprattutto in orario aggiuntivo. Uno spazio costante è stato destinato, in orario serale, ai genitori per stimolare l adesione ai contenuti proposti.

20 II Annuario 18 Macramé - Una Esperienza di Cooperative Learning Soggetto proponente... Margherita Soc. Coop. sociale a.r.l. Importo finanziato Località di realizzazione... Monticello C. Otto, Dueville Target... Minori 6/14 anni Il progetto ha mirato a costruire nell anno scolastico un intervento per sei gruppi-classe per migliorare il clima scolastico promuovendo atteggiamenti cooperativi. In questo modo si è voluto favorire l inserimento di minori disabili, stranieri e/o svantaggiati attraverso una esperienza di valorizzazione della differenza allo scopo di prevenire comportamenti di bullismo. Si è articolato in: 1. attività di discussione, osservazione sul gruppo, su di sé, sulla differenza dei comportamenti e delle abilità dei componenti; 2. attività concrete di laboratorio, di gioco organizzato e autogestito, di esplorazione ambientale; 3. supporto agli insegnanti e ai genitori. La conduzione, oltre al coinvolgimento dei docenti, è stata affidata agli educatori della cooperativa.

21 19 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Pensare con il Corpo, Muoversi con il Cuore Soggetto proponente... Direzione didattica di Rosà Importo finanziato Località di realizzazione... Rosà Target... Bambini scuole elementari Questo progetto ha inteso offrire agli alunni gli strumenti per riconoscersi nella propria identità. La scuola ha voluto insegnare ai bambini ad essere felici della propria identità. Sono stati creati dei percorsi didattici per promuovere l educazione affettiva; inoltre ci sono stati degli incontri con i genitori. Il corso è stato condotto con l ausilio di una esperta e sensibile scrittrice di libri per ragazzi. È stato un progetto volto a stimolare, in bambini definiti un po troppo competitivi, l espressione delle proprie emozioni, la consapevolezza delle proprie abilità, l importanza delle relazioni e della cooperazione con gli altri. Un progetto, dunque, educativo, che si è articolato: 1. nella attivazione di laboratori cooperativi (dove vengono sviluppate attività di osservazione, di attività comuni fatte insieme dai bambini, di elaborazioni di pensieri, disegni, fotografie, produzioni video incentrate sulle relazioni, poi rivisitati dagli insegnanti con l intento attivo di una scrittrice esperta in letteratura infantile; 2. nella restituzione ai genitori, con specifici incontri, del lavoro svolto.

22 II Annuario 20 Vado a Scuola con Mamma e Papà Soggetto proponente... Direzione didattica 3 circolo Bassano del Grappa Importo finanziato Località di realizzazione... Bassano del Grappa Target... Minori in età 6/10 anni, genitori Il progetto si è proposto di migliorare l integrazione di un quartiere di Bassano in cui sono presenti vari immigrati. Ha utilizzato la scuola come centro di cultura e punto di riferimento per la crescita sociale del quartiere. La didattica è stata varia e si è articolata in lezioni che si sono tenute il sabato di ogni settimana da febbraio a maggio e ha coinvolto bambini del quartiere e i loro genitori. Il progetto ha inteso migliorare l integrazione scolastica e sociale in un quartiere di Bassano in cui vive un alta percentuale di famiglie immigrate. Ha previsto che la scuola possa essere oltre che un centro educativo e didattico, anche centro di cultura e crescita sociale nel quartiere.

23 21 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Il progetto, è stato previsto come attività strutturate e stabili nel futuro, si è articolato in varie azioni, svolte soprattutto al sabato ogni settimana: 1. laboratori linguistici per minori extracomunitari/italiani; 2. laboratori manuali dove si incrociano tradizioni italiane con quelle di altri Paesi e- xtraeuropei; 3. laboratori di esplorazione per i bambini degli usi e costumi delle varie etnie che vivono a Bassano; 4. incontri tra genitori (immigrati e locali) per affrontare concreti problemi educativi. Il progetto ha coinvolto gli alunni della classi elementari e i loro genitori, puntando ad una presenza attiva di questi ultimi (da cui l apertura al sabato dell attività). Metti in Circolo il tuo Amore Soggetto proponente... Istituto civico musicale scledense ICIMUS Importo finanziato Località di realizzazione... Schio Target... Bambini dagli 8 ai 10 anni Il progetto si è proposto di utilizzare la musica e la danza come strumenti di aggregazione, di espressione ed anche di terapia. Consisteva in un corso di musicoterapia (da novembre a maggio per 2 ore settimanali) destinato a bambini, strutturato secondo le nuove metodiche della disciplina e pertanto con metodi passivi (ascolto di suoni e musiche) e con metodi attivi (produzione di suoni-musiche da parte del bambino, con l ausilio di strumenti musicali vari, semplici o complessi, fino al pianoforte). È stato previsto, nel progetto, un corso di danceability, destinato a 30 bambini (compresi disabili), articolato in lezioni settimanali per un

24 II Annuario 22 totale di 60 ore, nel corso del 2006, condotta da esperti nell area. La dance-ability promuove una forte integrazione del sé del bambino, con il proprio corpo, sostenendo la comunicazione con l esterno, aiutando ad esprimere emozioni e, a volte, quando manca l abilità linguistica, anche pensieri. Scuola Genitori A.Ge. - per Crescere Liberi, Autonomi, Responsabili Soggetto proponente... Ass. Genitori di Thiene Importo finanziato Località di realizzazione... Thiene Periodo di realizzazione... Primavera-Autunno 2006 Target... Genitori nei 3 corsi È stato costituito da tre corsi modulati in tre specifici temi (comprensione, relazione, valori), articolati in sei incontri ciascuno di due ore, riservati ai genitori per approfondire tematiche e affrontare problemi comuni. Si è proposto di far nascere, nel confronto, un efficace auto-aiuto al fine di favorire la coesione. Le lezioni sono state guidate dall Équipe Veneta in Educazione Familiare dell A.Ge.. La scuola genitori, attività ormai strutturata e stabile nel tempo, non vuol creare genitori perfetti ma vuol attivare capacità di ascolto, abilità comunicative, abilità di comprensione delle proprie dinamiche verso i figli.

25 23 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus Corso di Autonomia Soggetto proponente... Associazione contro l Esclusione di Schio Importo finanziato Località di realizzazione... Schio Target... Persone disabili (nove) Il corso per l autonomia è stato strutturato in tre anni e si è articolato in incontri pomeridiani (di tre ore ciascuno) da ottobre a maggio. È stato rivolto a nove persone disabili (con deficit di media-lieve gravità) e si è incentrato su cinque aree: comunicazione (saper chiedere, usare il telefono, ecc.), orientamento (leggere i segnali stradali, fermate bus, ecc.), comportamento stradale (attraversamento, semafori), uso del denaro (conteggio, ecc.), uso dei sensi (negozi, bar, posta, ecc.). È stato un corso molto concreto, condotto da tre operatori, che ha permesso, dato il rapporto 1:3 di personalizzare l apprendimento di importanti autonomie sociali. È stato considerato come un percorso strutturato e integrato con l attività scolastica. Oltre il Giardino Soggetto proponente... Associazione Ritrovarsi (gruppo A.M.A. di Thiene) Importo finanziato Località di realizzazione... Thiene Target... Giovani degli istituti scolastici medie superiori Il progetto ha voluto diffondere, nel mondo giovanile, coinvolgendo ragazzi degli istituti medi superiori dell area thienese, una attenzione ai problemi della salute mentale ed ai fattori che possono comprometterli.

26 II Annuario 24 Attraverso l azione di un registro teatrale e dei suoi collaboratori, particolarmente e- sperti nella comunicazione, il progetto ha previsto: 1. incontri formativi ed informativi, nelle classi superiori, sul concetto della salute mentale, sugli eventi che possono comprometterla, sulla labilità del confine tra normalità e follia ; 2. preparazione ed allestimento di una rappresentazione teatrale Oltre il Giardino, fatta da giovani studenti, volontari, pazienti psichiatrici e familiari, dopo un lungo percorso di conoscenza reciproca e di condivisione del tema; 3. messa in scena della rappresentazione (8 giugno 2006) all Auditorium Fonato di Thiene. La scelta del teatro è sembrata la più utile per integrare uno staff così diverso, per e- sprimere emozioni diverse dei personaggi, ma soprattutto per dare un messaggio forte alla comunità locale sul tema della salute mentale.

27 25 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus I progetti finanziati con il terzo bando (marzo 2007) Carpe Diem Soggetto proponente... Cooperativa il Faggio Importo finanziato Località di realizzazione... Asiago Target... Giovani L obiettivo principale del progetto Carpe Diem è stato di agganciare il maggior numero di ragazzi adolescenti, dell Altopiano di Asiago, coinvolgendoli in un percorso concreto e creativo dove hanno potuto esprimersi in piena libertà: in tale percorso sono stati coinvolti i gruppi formali ed informali esistenti. La finalità è stata la costruzione, con le relative fasi, di eventi in cui i ragazzi sono stati i protagonisti. Attraverso un concorso fotografico e di poesie i giovani hanno potuto scrutare ed immortalare momenti particolari del loro mondo adolescenziale, della loro terra, delle loro relazioni. Un gruppo di animatori ha provveduto ad illustrare e fornire il materiale adeguato ai ragazzi e, al termine dell attività, una giuria formata da ragazzi ed esperti ha individuato i lavori migliori che sono stati pubblicati dai ragazzi stessi presso le

28 II Annuario 26 scuole ed i Comuni dell Altopiano. Il progetto non è stato isolato ma è stata un azione connessa ad altre esistenti nell Altopiano. Un progetto semplice, molto operativo, che fa lavorare, pensare e discutere i ragazzi; ne stimola la creatività e la riflessione e l appartenenza ad un territorio meraviglioso. Ha coinvolto Centri giovanili di Asiago, istituti superiori, gruppi ed associazioni sportive: alcuni esperti in fotografia ed in letteratura hanno aiutato i ragazzi, mentre il lavoro di raccordo è stato affidato agli animatori della cooperativa e a giovani volontari del paese. Centri Avviamento Sport Estivi 2007 Soggetto proponente... Cooperativa Centro del Movimento Importo finanziato Località di realizzazione... Malo Target... Bambini delle scuole elementari I C.A.S. estivi hanno proposto ai bambini delle scuole elementari di Malo, S. Tomio, la pratica dell attività sportiva ed il gioco-sport, anche comunicativa e relazionale dei bambini che hanno potuto sperimentare se stessi, migliorare lo stile di vita, divertirsi in ambienti sicuri, attraverso lo sport inteso prevalentemente come gioco. I C.A.S. proposti hanno avuto inizio subito dopo la fine della scuola e sono terminati il 7 settembre (con la sospensione della sola settimana di ferragosto). Sono stati attivi quattro ore al mattino e, nel mese di luglio, due ore nella frazione di S. Tomio. Le attività proposte hanno riguardato molti sport (pallavolo, pallacanestro, pallamano, tennis, calcio, atletica, nuoto ed altri). In un contesto sociale dove spesso, anche nei bambini, prevale la sedentarietà, la vi-

29 27 Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus sione ossessiva della TV, l obesità, l inattività, la proposta progettuale, semplice ma concreta, ha voluto avvicinare il maggior numero di bambini al movimento, allo star insieme, al rispetto del gruppo e delle regole, al divertimento sano. L attività è stata svolta dagli operatori della Cooperativa ed è in rete con altre Associazioni ed Istituzioni (Comune di Malo). Il costo del progetto è stato prevalentemente legato all acquisizione di materiale per le attività. Creati il Tempo Soggetto proponente... Parrocchia S. Michele Arcangelo Importo finanziato Località di realizzazione... Arsiero Target... Giovani È stato un progetto di estrema semplicità ed efficacia: ha puntato ad avere alcune risorse per potenziare e valorizzare l Oratorio Patronato Don Bosco, come luogo di aggregazione, dove i giovani possono sentirsi liberi di esprimere la propria creatività,

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli