Sistemi di connessione wireless

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di connessione wireless"

Transcript

1 Capitolo 2 Sistemi di connessione wireless 2.1 Il sistema GSM Il Global System for Mobile Communication (GSM) è indubbiamente il sistema radio digitale per telefonia mobile che ha riscontrato il maggior successo [43]. La sua costante evoluzione e quella dei suoi derivati (DCS-1800 e PCS-1900) sono una delle chiavi dell impressionante crescita che ormai da 10 anni lo caratterizza. In questo paragrafo vedremo una descrizione del sistema GSM: partendo da qualche nozione storica vedremo i principali aspetti dei servizi forniti, le caratteristiche tecniche e l organizzazione della rete Introduzione Si può far coincidere la nascita delle comunicazioni mobili con l invenzione della modulazione FM da parte di E.H. Armstrong nel 1935 [34]. Negli anni 40 vennero creati i primi sistemi di telefonia mobile riservati, però, ad una stretta cerchia di enti, come polizia o vigili del fuoco, utilizzanti la tecnica FM. La svolta, però, si ebbe con l avvento dei sistemi cellulari: concepiti negli anni 40 vennero sperimentati negli anni 60 e introdotti in sistemi commerciali negli anni 80. L idea alla base di questi sistemi è quella di suddividere l area che deve essere coperta dal servizio in celle di dimensione limitata, in modo da permettere il riutilizzo delle frequenze [33]: ogni cella è coperta da una stazione radio che trasmette su un certo set di canali radio, differenti da quelli delle stazioni adiacenti. Nei sistemi non cellulari la trasmissione è di tipo broadcast (TV, radio,...): si utilizzano stazioni ad elevata potenza per coprire aree anche vaste, ma se il numero di utenti da servire è molto elevato ecco praticamente impedita la realizzazione a causa dell elevato numero di canali necessari. Generalmente si cerca di usare celle con forme regolari 42

2 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 43 (si possono immaginare di forma esagonale), anche se in realtà la non omogenea propagazione del segnale radio (dovuta ad ostacoli) provoca distorsioni nella forma delle celle. Inoltre la dimensione della cella viene scelta in base a diversi criteri. Non può superare un certo valore a causa dei tempi di propagazione ed ai tempi di risposta del sistema utilizzato, ma non può neanche scendere troppo: mentre da un lato, infatti, si aumenterebbe la capacità del sistema (numero di utenti che possono essere serviti), dall altro diminuirebbe il riuso delle frequenze, ed inoltre sarebbe necessario gestire un numero maggiore di handover (cioè passaggi da una cella ad una adiacente; si veda ). I primi sistemi cellulari introdotti (in America prima ed in Europa poi) erano di tipo analogico: utilizzando una modulazione FM permettevano l uso di un canale ad un solo utente alla volta, non erano per nulla sicuri (l identificazione dell utente era effettuata tramite un numero di serie trasmesso dall apparato mobile che quindi non risultava difficile da clonare), e non erano adatti alla trasmissione di dati. I primi di questa famiglia di sistemi furono l AMPS (Advanced Mobile Phone Standard) nel 1979 in America seguito dall NMT (Nordic Mobile Telephone) nel 1981 prima in Svezia e poi in altri paesi. Successivamente in Inghilterra, nel 1985 venne introdotto il TACS (Total Access Communications System), a cui fece seguito l ETACS (Extended TACS). All inizio degli anni 80, ogni paese era caratterizzato da un proprio sistema e non esisteva possibilità di roaming internazionale, con conseguente limitazione del mercato della telefonia mobile [32]. Nel 1982 durante un congresso CEPT (Conférence Européenne des Postes et des Télélecommunications) venne istituito un gruppo di esperti con il compito di sviluppare un sistema comune ai paesi dell Europa Occidentale, con caratteristiche non banali come: Buona qualità della conversazione Basso costo per terminali e gestione risorse Possibilità di effettuare roaming internazionale Buona efficienza in banda Compatibilità con il sistema ISDN Dopo alcuni anni passati per decidere quale tecnica utilizzare, nel 1989 il compito passò all ETSI (European Telecommunication Standards Institute), e finalmente, nel 1990 venne pubblicata la prima parte delle specifiche del nuovo standard (PHASE

3 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 44 1), che nel frattempo aveva assunto il nome attuale: Global System for Mobile Communications. A metà dell anno seguente iniziano i primi servizi commerciali basati sul GSM, che dopo pochi mesi (1993) conta già 36 reti in 22 paese. La grande innovazione del GSM fu quella dell introduzione del digitale, grazie alla crescente fiducia nei nuovi DSP dotati di potenze inimmaginabili sino a poco tempo prima. Le specifiche dettate dall ETSI danno luogo ad uno standard aperto, ma molto potente ed intelligente, che garantisce l interoperabilità tra sistemi di costruttori differenti grazie alle oltre 6000 pagine di standard in cui si descrivono le caratteristiche che devono avere le varie unità funzionali facenti parte dell archittetura GSM. Oggi, tramite l introduzione di nuovi servizi come il GPRS, stiamo vivendo la cosidetta PHASE 2+ cioè la fase intermedia tra la telefonia di seconda generazione (GSM) e quella di terza generazione (UMTS). Infine va ricordato che il GSM, anche se nato in Europa, è divenuto di gran lunga il sistema più utilizzato al mondo, così come le sue estensioni, cioè il DCS (in Europa) ed il PCS-1900 (in America), che lavorando a frequenze maggiori permettono di diminuire la dimensione di una cella ed aumentare il numero di utenti serviti GSM: Architettura del sistema Una generica rete GSM è costituita da molte entità funzionali, che però possono essere raggruppate in quattro gruppi fondamentali [32]: Mobile Station (MS): è il terminale mobile utilizzato dall abbonato. E formato dal telefono vero e proprio e dalla SIM card; Base Station SubSystem (BSS): Sottosistema che si occupa della gestione del link radio con il terminale. Al suo interno si distingue tra BTS (Base Transceivers Station) e BSC (Base Station Controller); Network SubSystem (NS): è il sottosistema con il compito di effettuare le commutazioni per mettere in contatto utenti mobili tra di loro, utenti fissi con quelli mobili e viceversa; il componente principale è l MSC (Mobile services Switching Center); Operation and Support Subsystem (OSS): sottosistema che soprintende al corretto funzionamento e al settaggio della rete. Nella figura 2.1 è possibile avere una visione d insieme di una tipica rete GSM. Le varie unità funzionali, così come i sottosistemi, comunicano tra di loro attraverso

4 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 45 interfacce indicate anch esse nella figura 2.1, come per esempio Um che è l interfaccia tra l unità mobile e la stazione base. D ora in poi, per facilitare la stesura, useremo gli acronimi per individuare le parti della rete a cui si fa riferimento, e quindi l unità mobile diventerà MS, e così via. Figura 2.1: Architettura ed interfacce di un sistema GSM Mobile Station (MS) Come detto la MS rappresenta la stazione mobile, attraverso la quale l utente può accedere ai servizi GSM. E costituita da due parti: una smart-card detta SIM Card (Subscriber Identify Module) e da un terminale mobile (ME: Mobile Equipment). La prima è rimovibile dal terminale stesso e permette di identificare il propietario di un qualsiasi terminale GSM. Vediamo in dettaglio. SIM Card La SIM Card è sostanzialmente costituita da un piccolo processore, una ROM che contiene il sistema operativo e gli algoritmi, una RAM di piccole dimensioni per il temporaneo salvataggio di dati ed una E 2 PROM usata per memorizzare dati non

5 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 46 volatili dell abbonato (come numeri di telefono o SMS oppure PIN). Le prestazioni e le possibilità offerte possono variare da carta a carta, anche se le funzionalità di base sono specificate dall ETSI [6]. Ogni SIM card contiene un codice utente chiamato IMSI (International Mobile Subscriber Identity), una chiave segreta Ki (Individual subscribers authentication key), un algoritmo di autenticazione (detto A3) ed uno di criptatura detto A8. Più in là verrà spiegato come questi dati risultino fondamentali per l utilizzo dei servizi GSM. Un problema che può affliggere le SIM è l utilizzo limitato della E 2 PROM. Il continuo leggere/scrivere, infatti, comporta un usura della memoria, e fino a qualche tempo fa, per esempio, si garantiva il corretto funzionamento per circa due anni (in media cicli scrittura/lettura). Ultimamente, però, tale limite è stato portato a circa cicli. La piedinatura della SIM è specificata anch essa nelle specifiche ETSI [6], ed è visibile nella figura 2.2 Figura 2.2: PIN-Out SIM CARD Mobile Equipment (ME) Il terminale mobile è identificato univocamente da un numero seriale chiamato IMEI (International Mobile Equipment Identify), di 15 cifre. In qualsiasi momento, come vedremo più in la nel capitolo, il gestore dei servizi GSM è in grado di stabilire se il numero IMEI corrisponde ad un terminale valido oppure ad uno non abilitato ad usufruire dei servizi (per esempio perchè rubato). Gli ME sono classificati in 5 classi in base al livello della loro potenza trasmissiva, che tra l altro possono variare, previo accordo con il BSC (vedere più in là GSM: Radio Link), tra 15 livelli Base Station SubSystem (BSS) Il sottosistema BSS è composto da due unità funzionali che si occupano della gestione del collegamento radio tra MS ed il resto della rete (figura 2.1): BTS (Base Transceiver Station) e BSC (Base Station Controller). L interfaccia utente-bts è

6 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 47 chiamata Um, di cui abbiamo già detto qualcosa in precedenza, mentre quella che permette di comunicare tra BTS e BSC è chiamata Abis. Per poter permettere la comunicazione tra unità di diversi fornitori e non essere legati a soluzioni propietarie, questa interfaccia è stata standardizzata. Base Transceiver Station (BTS) Con tale nome indichiamo l entità funzionale che ospita i radio transceivers che definiscono una cella. Esistono svariate configurazioni di BTS, a seconda del luogo che esse devono coprire. Per esempio, esistono BTS a configurazione clover, oppure a configurazione diversity: quest ultime consistono di due antenne riceventi poste ad un multiplo dispari di un quarto di lunghezza d onda (30cm per i 900MHz del GSM). Essendo l elemento presente in tutte le celle il BTS deve avere dei requisiti molto importanti: innanzitutto il costo, che deve essere il minor possibile visto l alto numero di BTS necessarie per garantire il servizio; robustezza ed affidabilità, poi non sono affatto da trascurare. Come già detto, le BTS gestiscono la comunicazione radio con le MS, e in dettaglio i loro compiti sono: Gestione del Frequency Hopping Gestione Trasmissione Discontinua (DTX) Controllo dinamico della potenza (DPC) Gestione algoritmi di cifratura Misura della qualità della trasmissione ed invio informazioni alla BSC che prenderà le adeguate decisioni. Questi aspetti verranno discussi nelle prossime sezioni del capitolo, in particolare nella sezione Base Station Controller (BSC) Controlla ed amministra le risorse radio per una o più BTS. Infatti per un grosso centro urbano, solitamente, sono necessarie molte BTS, ma bastano pochi (se non addirittura uno) BCS. I compiti principali sono la gestione del settaggio dei canali radio, il Frequency Hopping e l handover. Il BSC è l unità che fornisce l anello di connessione tra il centro di commutazione (MSC) e la stazione mobile.

7 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 48 Essendo difficilmente nella stessa locazione fisica, BTS e BSC sono collegate da una linea dedicata a 2 Mbs, che mette a disposizione 32 canali a 64Kbs. Qualora invece esse siano co-locate, non si necessita della linea dedicata Network SubSystem (NS) Nella figura 2.1 questo sottosistema viene chiamato Intelligent Network, in quanto è la parte dell architettura GSM che ha il compito di instradare le telefonate, verificare l autenticità dei terminali mobili che richiedono l accesso alla rete, identificare gli utenti che utilizzano la rete per poter effettuare il calcolo della tariffa da applicare. Per fornire tutti questi servizi si ha bisogno di diverse unità funzionali che sono descritte di seguito. Naturalmente la distinzione non è sempre così netta: molti gestori preferiscono inglobare vari apparati in uno, così da poter utilizzare interfacce propietarie, e non dover quindi implementare quelle interfacce specificate nel protocollo SS#7 (Signalling System Number 7)[32] utilizzato per le linee principali ISDN (vedere 1.4.1) e correntemente usato per molte linee telefoniche pubbliche. Mobile services Switching Center (MSC) E l unità funzionale più importante del sottosistema in esame ed a tutti gli effetti funziona come un nodo di switch di una normale rete telefonica fissa. Esso gestisce l instaurazione del collegamento, la tariffazione ed il controllo dello stesso, avvalendosi di altre unità funzionali come per esempio l AuC (si veda oltre). Naturalmente esistono più MSC distribuiti sull intera superficie coperta dalla rete. Ogni MSC serve una determinata area, e permette il collegamento alle linee fisse, sia quelle di dati (PSPDN e CSPDN) che a quelle classiche come ISDN e PSTN. L MSC ha in carico un certo numero di celle secondo una struttura gerarchica (vedere 2.1.3), e deve servire tutte le MS in quell area. Per farlo si appoggia al VLR, database che memorizza temporaneamente informazioni (come il numero MSISDN degli utenti, un numero con un massimo di 15 cifre composto dal Country Code, dal National Destination Code e dal Subscriber Number) relative alle MS presenti in quel momento nell area di interesse dell MSC. Come detto in precedenza, la quasi totalità degli operatori realizza MSC e VLR come un unica entità funzionale, e si parla allora di MSC/VLR area. Gateway Mobile Switching Center (GMSC) Si tratta di un particolare MSC che costituisce il punto di accesso ad una rete GSM. Tutte le chiamate provenienti da reti fisse o da reti di altri operatori vengono

8 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 49 passate a questo particolare MSC, contenente una lista di numeri MSISDN (Mobile Station ISDN) con relativo HLR. Il GMSC interroga allora l HLR relativo all utente desiderato per ottenere le informazioni necessarie all instaurazione della chiamata. Da notare che per semplicità solitamente c è un GMSC per gestore, e che, sebbene la funzione svolta dal GMSC sia differente da quella dell MSC, essa è quasi sempre implementata in quest ultimo. Home Location Register (HLR) Insieme con il VLR e l MSC esso provvede a fornire le informazioni necessarie all instradamento della telefonata. Si tratta di un database in cui il gestore della rete immagazzina in modo permanente i dati di un utente: il numero MSISDN, i servizi attivati dallo stesso, l IMSI (contenuto anche nella SIM). Sebbene logicamente esista un unico HLR relativo ad una rete di un operatore, esso può essere realizzato come unità distribuita. Nell HLR, sotto forma di indirizzo, è mantenuta traccia dell ultimo VLR in cui è stata registrata la MS. Associato ad un HLR solitamente si trova anche un AuC per effettuare l autenticazione dell utente. Visitor Location Register (VLR) Il VLR mantiene temporaneamente informazioni relative agli utenti che si trovano correntemente nella sua area d interesse (vedi 2.1.3), e prelevate dall HLR. Quando una MS cambia zona ed entra in un area servita da un MSC/VLR diversa da quella in cui si trovava prima, il nuovo VLR memorizza la presenza dell MS interrogando l HLR per ottenere i dati necessari, e contemporaneamente viene aggiornato anche l HLR sulla posizione corrente della MS all interno della rete. I principali dati memorizzati dal VLR sono: stato della MS (accesa, spenta,...); servizi attivati dall utente; IMSI, MSISDN e altri parametri di sicurezza; indicativo della Local Area in cui si trova la MS. Autentication Center (AuC) E l unità funzionale incaricata di verificare la legittimità della richiesta di accesso all rete da parte di un utente. Ogni volta che la MS riceve o effettua una chiamata, oppure durante i location updates effettuati dalla rete, o ancora quando l utente attiva o consulta servizi offerti dal gestore, l AuC entra in gioco. Tramite sofisticati algoritmi chiamati A3 e A8, e con l ausilio della chiave Ki e IMSI contenute nella SIM Card dell utente, l AuC oltre a verificare la vera identità dell utente, si occupa anche

9 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 50 di cifrare l informazione sul canale radio, per proteggere gli abbonati da eventuali intercettazioni. L AuC è l unico database protetto perchè in esso sono contenute informazioni vitali sia per l utente che per il gestore. Equipment Identify Register (EIR) Per verificare la validità di un terminale mobile (ME) che si connette alla rete, si sfrutta questo database. In esso sono contenuti i numeri IMEI che caratterizzano i terminali mobili, classificati in tre liste: White List (ME omologati ed in regola), Black List (ME bloccati perchè rubati o non autorizzati), Gray List (tutti gli IMEI non omologati o appartenenti a ME difettosi). Sebbene esso sia un unità logicamente unica, non è raro trovarlo realizzato in modo distribuito. Inoltre è preferibile separarlo dagli altri registri. Attualmente i vari gestori si stanno attrezzando per la creazione di un registro EIR globale in modo da identificare tutti gli ME non autorizzati in tutte le reti GSM Operation and Support SubSystem (OSS) Attraverso l Operation and Maintenance Center (OMC) e il Network Management Center (NMC), questo sistema si occupa della supervisione dell intero sistema, coordinando le varie attività. L OMC è un unità funzionale che permette al gestore di sorvegliare e controllare il corretto funzionamento di una parte del sistema: ad un OMC, infatti, corrispondono diversi MSC e le BSC e BTS ad esso associate. Il compito di ogni OMC è quello di gestire allarmi e guasti e fornire strumenti di test per analizzare le prestazioni della rete, raccogliere tutte le informazioni necessarie alla fatturazione delle chiamate per un utente. A livello globale, poi, subentra l NMC, che gestisce tutti gli OMC di un network GSM: Network services areas La necessità di assicurare la funzione di roaming sia nazionale che internazionale richiede di immagazzinare dati in appositi registri in modo che i gestori sappiano sempre dove sono i loro abbonati, come ampiamente descritto in precedenza. Per facilitare questo compito l area geografica del sistema GSM viene suddivisa in modo gerarchico in sotto-aree. La figura 2.3 mostra la gerarchia di cui sopra. Con PLMN indichiamo Public Land Mobile Network che in pratica è l area coperta da un unico gestore. In Italia, per esempio, esistono quattro PLMN, date da

10 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 51 Figura 2.3: Organizzazione area PLMN TIM, Wind, Omnitel e Blu. Tutte le PLMN dei paesi che adottano il GSM, allora, danno la rete GSM totale, detta GSM Area. Ogni PLMN è univocamente individuata da un codice di nazione MCC (Mobile Country Code) e da un codice gestore MNC (Mobile Network Code). Per esempio la Wind in Italia è identificata da MCC MNC Ogni PLMN area è ulteriormente scomposta in sotto-aree chiamate MSC/VLR area, in quanto ognuna di queste aree è coperta da un unico MSC a cui è abbinato anche il VLR. Raramente è possibile trovare aree in cui MSC e VLR sono separate e ci si riferisce come MSC e VLR area rispettivamente. Nella figura 2.4 viene raffigurata la scomposizione dell area PLMN in varie aree MSC/VLR. Figura 2.4: MSC/VLR service Areas Ogni area MSC/VLR è scomposta ulteriormente in aree chiamate Location Areas (LAs), nelle quali una MS può muoversi liberamente, senza che il VLR e quindi l HLR debbano essere modificati. Quando la MS sta per ricevere una telefonata, tramite un apposito canale radio, viene trasmessa un informazione all interno della sola LA in cui la MS si trova. Se questa MS cambia Location Area, invia un messaggio chiamato Location Updating che procede aggiornando il VLR (e di conseguenza l HLR se si cambia VLR). Anche le LAs sono identificate da un codice detto Location Area Identify (LAI), strutturato come segue

11 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 52 dove LAC sta per Location Area Code. LAI = MCC / MNC / LAC Figura 2.5: Location Areas Infine l elemento fondamentale è la cella, che tra l altro da il nome ai sistemi cellulari. Ogni cella è servita da un unica BTS, ed è identificata da un codice detto Cell Global Identify (CGI), composto dai vari sottocampi visti in precedenza. CGI = MCC / MNC / LAC / CI dove CI sta per Cell Identify, che indica la cella all interno della LA. Più celle geograficamente adiacenti sono raggruppate in una LA, come illustrato nella figura 2.6. Figura 2.6: Celle GSM: Radio Link In questa sezione vedremo quali sono le caratteristiche fisiche del collegamento radio utilizzato dal GSM [3] [4]. International Telecommunication Union (ITU) ha assegnato le seguenti bande per il sistema GSM: MHz per l uplink, cioè il collegamento dall MS alla BTS; MHz per il downlink, cioè per la comunicazione da BTS verso MS.

12 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 53 Successivamente vennero aggiunti 10 MHz in ogni banda realizzando il cosiddetto E-GSM (Extended GSM). Lo studio del sistema, negli ultimi anni, ha portato alla realizzazione di sistemi GSM compatibili, che funzionano, però a frequenze diverse da quelle specificate dal GSM: tali sistemi sono meglio noti come DCS-1800 e PCS Il primo è tipicamente europeo e funziona ad una frequenza doppia rispetto al GSM normale ( MHz per l uplink e MHz per il downlink), permettendo vantaggi non indifferenti soprattutto nelle città (maggior penetrazione negli edifici, celle più piccole e quindi maggior numero di utenti serviti). Il secondo è un sistema americano che funziona a 1900 MHz ( MHz per l uplink e MHz il Downlink). Nella tabella 2.1 sono riassunti i parametri dei principali sistemi GSM. L acronimo ARFCN significa Absolute Radio Frequency Channel Number, ed è un numero assegnato ad ogni portante per identificare univocamente il canale fisico. UpLink (MHz) DownLink (MHz) Canali (ARFCN ) GSM-P (Primary) E-GSM (Extended) e DCS PCS GSM-R (RailWay) GSM GSM GSM Tabella 2.1: Bande riservate ai principali sistemi GSM Multiplazione FDMA/TDMA La banda GSM (parliamo del GSM primario) viene suddivisa in tanti canali per sfruttare la tecnica del riuso delle frequenze. Come si deduce dalla 2.1 nel caso di GSM-P i canali sono 124 ed hanno un ampiezza di 200 KHz. Una o più di queste portanti, o canali che dir si voglia, vengono assegnate ad ogni stazione base. Sappiamo che celle adiacenti non possono usare le stesse frequenze ed è per questo motivo che viene definito cluster l insieme delle M celle adiacenti necessarie ad esaurire gli N canali disponibili. Ogni singola portante viene suddivisa in 8 time slots ognuno della durata di ms seguendo uno schema TDMA (Time Division Multiple Access), la cui unità fondamentale è appunto il time slot, chiamato burst period ed equivalente a 15/26 ms. Otto burst periods vengono raggruppati nella TDMA frame, l unità

13 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 54 fondamentale per la creazione di canali logici. Questa TDMA frame ha la durata di ms. I canali di traffico sono organizzati in multiframe da 26 TDMA frames (120 ms) mentre quelli di controllo in gruppi da 51 frames (circa 236 ms). A loro volta questi sono inseriti in superframe (1326 frame) della durata di 6.12 secondi. Infine 2048 superframe formano un hyperframe, composta da 2 22 TDMA frame, numerate progressivamente (FN: frame number). Queste definizioni sono cicliche e si ripetono ogni tre ore circa (la durata di un hyperframe). Un canale fisico, allora, è individuato dalla trama (FN), dal time slot (TS) e dalla frequenza portante Canali Logici I canali individuati possono essere suddivisi in dedicated channels, allocati alla MS, e in common channels, usati dalla MS nello stato inattivo (idle mode). In totale i canali fisici risultano essere 992 per ogni cluster (124x8), ed i canali logici devono essere inseriti nella struttura TDMA. Nella figura 2.7 si può notare il riassunto dei canali utilizzati dal GSM. Figura 2.7: Canali logici nel GSM Un canale TCH (Traffic CHannel) è utilizzato pe trasportare voce e dati. Esso è formato da una multitrama di 26 TDMA frames (quindi 120 ms). Di queste 26 frames, 24 sono utilizzate effettivamente per i dati da trasportare, mentre una è usata per il SACCH (Slow Associated Control Channel), canale che in uplink trasporta informazioni per un corretto monitoraggio del collegamento, come la potenza del segnale, ed in downlink trasporta eventuali SMS ed informazioni in eccesso del canale BCCH che altrimenti andrebbero perse. La rimanente non è utilizzata. Tra downlink ed uplink i canali TCH sono divisi da 3 time slots, in modo da semplificare

14 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 55 l elettronica. Così una MS che riceve al time slot T k sulla portante F i ritrasmetterà all istante T k+3 sulla portante F i 45MHz. Nei restanti time slot la MS può ascoltare in modo da gestire i possibili handovers che si verificano. Nella figura 2.8 è possibile vedere la struttura TDMA di un canale TCH. Figura 2.8: Struttura TDMA per un canale TCH I Common Channels sono accessibili sia ad una MS in modalità inattivo (idle) oppure ad una MS in modalità dedicato: nel primo caso sono utilizzati per portare la MS nella modalità dedicata, mentre nel secondo caso la MS utilizza i canali di controllo per gestire gli handovers oppure per scambiare informazioni con le base stations adiacenti. La struttura è quella descritta precedentemente e formata da 51 TDMA frames. Questi canali possono essere raggruppati come segue: Broadcast Channel (BCH): Canali che trasmettono informazioni generali da BTS a MS (punto-multipunto). BCCH (Boadcast Control Channel) trasmette informazioni come l identificazione della BTS, le sequenze per il frequency hopping. FCCH (Frequency Correction Channel) e SCH (Synchronization Channel) sono usati per sincronizzare la MS alla struttura di time slot della cella, e ogni cella trasmette un solo FCCH ed un solo SCH nei time slot numero 0. Common Control CHannels (CCCH): Sono canali usati per operazioni di controllo. Sono tutti monodirezionali, ma non tutti downlink. Il canale PCH (Paging Channel) è usato per informare una MS dell arrivo di una chiamata,

15 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 56 ed è downlink in tutte le celle di una Location Area (vedere sezione 2.1.3). Il canale RACH (Random Access Channel) è monodirezionale uplink, ed è usato dalla MS per accedere alla rete. Infine AGCH (Access Grant Channel) viene utilizzato per allocare il canale richiesto dalla MS tramite RACH. Dedicated Control CHannels (DCCH): Canali usati durante una connessione per scambiare informazioni che altrimenti andrebbero perse. Per esempio SACCH (Slow Associated Control Channel) è usato per trasmettere, in downlink, SMS durante una chiamata, mentre in uplink è usato per trasmettere le misurazioni effettuate dalla MS per mantenere un buon contatto radio Struttura Burst Esistono quattro tipi differenti di burst usati per trasmissioni in GSM. Di seguito se ne da una breve descrizione. Normal Burst(NB): La struttura è quella della figura 2.8. Si nota che questo pacchetto è lungo bit, e occupa ms approssimativamente, il che porta ad una velocità di trasmissione di Kbs. L informazione viene trasmessa in due tranche di 57 bit l una. I bit di guardia (in numero pari a 8.25) non sono realmente trasmessi, ma costituiscono il tempo necessario per non far sovrapporre burst appartenenti a time slot differenti (corrisponde a circa 30µs, e quindi circa 9 Km). Il Normal Burst è usato da TCH e dai canali BCCH, SACCH, FACCH, SDCCH. Frequency correction burst (FB): Usato dal canale FCCH. Ha una struttura differente rispetto al burst normale, anche se la durata è la medesima. Synchronization burst(sb): Come per FB anche questo burst ha la stessa durata del burst normale ma differente struttura interna. E utilizzato dal canale SCH. Access burst(ab): Utilizzato dal canale RACH è il burst più corto, con soli 88 bit. Infine esisterebbe un ulteriore burst, però banale, chiamato Dummy Burst (DB), usato quando nessun altro canale richiede informazioni. Esso non trasporta alcun tipo di informazioni.

16 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS Codifica vocale Il metodo utilizzato nell ISDN per digitalizzare la voce, e cioè il PCM, non può essere applicato anche nel GSM, per via della mole di dati da trasmettere (64 Kbs). Partendo dai requisiti necessari (buona qualità, poco consumo di potenza per l implementazione, piccolo tempo di delay necessario per l elaborazione) e dal fatto che il parlato è molto ridondante, il gruppo di studio adottò un codificatore a tre stadi chiamato RPE-LPC-LTP (Regular Pulse Excited - Linear Predictive Coder with Long Term Predictor), in grado di fornire una qualità maggiore rispetto ai sistemi analogici in soli 13 Kbps. Il parlato è diviso in frame di 20 ms, ognuno codificato in 260 bit (da qui i 13 Kbps totali) Codifica di canale e modulazione Per ovviare al problema dato dal rumore che si somma all informazione utile trasmessa, il sistema GSM adotta una codifica di canale effettuata da un codificatore convoluzionale, ed in più effettua un interleaving dei blocchi trasmessi. L algoritmo usato è diverso per i dati e per la voce, ma qui verrà descritto solo quello per il parlato. Da analisi e test effettuati è stato notato che dei 260 bits usati per codificare 20 ms di voce (vedere ), non tutti sono affetti da disturbi allo stesso modo. Si sono infatti individuate tre classi di bit: Classe Ia: 50 bits molto sensibili agli errori. Classe Ib: 132 bits mediamente sensibili. Classe II: 78 bits poco sensibili. Alla classe Ia vengono aggiunti tre bit di CRC (Cyclic Redundance Code) ottenendo una sequenza di 53 bit. Questa, insieme con i 132 bit della classe Ib ed a 4 bit di coda (189 bit in tutto), viene fatta passare per un codificatore convoluzionale 1/2, ottenendo 378 bits ai quali vanno aggiunti i 78 della classe II senza protezione, ottenendo così 456 bit per ogni 20 ms di parlato, che da un bit rate di 22.8 Kbs. Come detto in precedenza questi 456 bits sono separati in otto gruppi da 57 bits, e trasmessi in otto periodi di burst. Siccome ogni burst può portare due blocchi da 57 bits, ogni burst porta dati di due campioni differenti (interleaving). Ogni burst è trasmesso alla velocità di Kbs, ed il segnale digitale corrispondente viene modulato usando GMSK (Gaussian-filtered Minimum Shift Keying), una modulazione scelta per i buoni compromessi tra efficienza in banda e semplicità del trasmettitore.

17 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS Equalizzazione A causa del fenomeno dei cammini multipli, la qualità della trasmissione radio può venire alquanto degradata. Il GSM, all interno di un Normal Burst, trasmette sempre una sequenza nota di 26 bit. Il ricevitore conosce anch esso la sequenza e considerando le modifiche da essa subite durante il tragitto ricostruisce la funzione di trasferimento del canale e ne ricava l inverso così da ottenere un canale prossimo all ideale (funzione di trasferimento ideale) Frequency Hopping Per ovviare a problemi come quello dell interferenza di canale o dei cammini multipli visti in precedenza (dipendenti dalla frequenza alla quale si trasmette), il GSM utilizza un algoritmo di Frequency Hopping (salto in frequenza): i messaggi successivi di una stessa comunicazione vengono trasmessi su portanti diverse mantenendo lo stesso time-slot assegnato all inizio della comunicazione stessa. L algoritmo necessario viene trasmesso sul canale BCCH (quindi broadcast), e per questo motivo il time-slot 0 non è soggetto a frequency hopping Trasmissione/Ricezione discontinua E stato verificato che durante una normale conversazione una persona parla effettivamente per meno del 40% del tempo. La trasmissione discontinua (Discontinuous Transmission, DTX), si avvale di questa importante conoscenza per ridurre l interferenza di co-canale e per risparmiare potenza, disattivando la trasmissione nei momenti di silenzio. Il problema, non banale, diventa allora distinguere adeguatamente tra rumore di fondo e parlato: infatti se si confonde il parlato con il rumore di fondo al ricevitore vi è una fastidiosa situazione di clipping, mentre viceversa i vantaggi della DTX diminuirebbero vistosamente. E stato altresì rilevato, poi, che la totale assenza di rumore di fondo al ricevitore non è una situazione gradevole per l ascoltatore. Si è pensato bene, allora, di ricostruire al ricevitore un rumore di fondo, detto comfort noise, durante le effettive pause di silenzio. Per ridurre ulteriormente la potenza sprecata dalla MS (fino al 90%), durante due operazioni di paging da parte della BTS la MS può andare in sleep-mode. Infatti la MS deve monitorare solo il suo sottocanale di paging, e leggendo il valore di 4 bit trasmesso dal canale BCCH che indicano il multiplo di 51 frame (un valore di 3 fornisce 3 x 51 = 707 ms circa), risalire al tempo necessario per effettuare un

18 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 59 altra operazione di paging: durante questo tempo la MS può tranquillamente andare in sleep-mode. Tale tecnica è chiamata Discontinuous Reception (DRX) Controllo dinamico della potenza In base alla potenza massima con cui le MS possono trasmettere sul canale radio, esse sono raggruppate in cinque classi illustrate nella tabella 2.2. Per minimizzare l interferenza di co-canale e per non sprecare troppa energia delle batterie, sia la MS che la BTS trasmettono al minor livello di potenza necessario per mantenere una determinata qualità del servizio (Dynamic Power Control, DPC). Classe 900 MHz 1800 MHz 1900 MHz 1 20 Watt 1 Watt 1 Watt 2 8 Watt 0.25 Watt 0.25 Watt 3 5 Watt 4 Watt 2 Watt 4 2 Watt Watt Tabella 2.2: Classi in cui sono raggruppate le MS in base al loro picco massimo di trasmissione. La MS misura la qualità del segnale (basata sul Bit Error Ratio) e passa l informazione alla BSC che è l unica candidata a decidere se e quando aumentare il livello di potenza. Bisogna agire con cura per non creare instabilità nel sistema. Le trasmissioni sul canale RACH avvengono sempre al massimo della potenza concessa in quella cella [3][4] GSM: Network Aspects La rete GSM è a tutti gli effetti una rete di telecomunicazioni, in cui, al contrario della rete fissa, è richiesto di controllare alcune funzioni come l interfaccia radio e la mobilità degli utenti. Per funzionare correttamente è necessario che le varie unità funzionali collaborino alacremente, scambiandosi molte informazioni (soprattutto MSC-VLR-HLR) per gestire i vari handover e l instradamento delle chiamate. Il GSM, come si è già accennato in precedenza, utilizza un protocollo utilizzato nelle linee ISDN per provvedere a questo scambio di informazioni. Tale protocollo prende il nome di Common Channel Signalling System number 7 (SS7).

19 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS Struttura del protocollo di segnalazione nel GSM Nella figura 2.9 viene indicata la stratificazione del protocollo usato dal GSM nelle principali unità funzionali. Il protocollo è strutturato in tre livelli generali, che variano a seconda dell unità funzionale. Figura 2.9: Strati protocollo GSM Layer 1: E il Physical Layer. Abbiamo visto che attraverso l interfaccia Um (quella tra MS e BTS) esso deve gestire la sincronizzazione, la modulazione e la codifica di canale, come descritto nella sezione Nel caso delle interfacce di terra (A e A-bis), invece, il physical layer assume l aspetto di un canale PCM. Layer 2: E il Data Link Layer. Tra MS e BTS si utilizza una versione modificata dello stesso strato utilizzato nelle linee ISDN chiamato LAPD. Nel caso GSM esso assume il nome di LAPDm. Attraverso l interfaccia A, invece, viene utilizzato MTP layer 2 dell SS#7 (Message Transfert Part). Layer 3: Questo livello è scindibile in tre sottoparti: 1. Radio Resource Management (RR): Si occupa del settaggio, mantenimento e chiusura di una connessione. Inoltre gestisce gli handovers (tranne quelli esterni). 2. Mobility Management (MM): Gestisce la localizzazione e le procedure di registrazione ed autenticazione delle MS. 3. Communication Management (CM): Si occupa del controllo delle chiamate, della gestione dei servizi supplementari e provvede a fornire il servizio SMS (Short Message Service).

20 CAPITOLO 2. SISTEMI DI CONNESSIONE WIRELESS 61 La comunicazione attraverso entità come HLR e VLR avviene utilizzando Mobile Application Part (MAP). MAP è costruito sulla parte alta di Transaction Capabilities Application Part (TCAP, lo strato più alto dell SS#7). Le specifiche del MAP sono abbastanza complicate, e ricoprono una buona parte delle specifiche del GSM Gestione risorse radio Lo strato RR sovrintende la creazione di un collegamento, sia esso radio o fisso, tra la MS e la MSC. Esso si occupa della configurazione dei canali radio e dell allocazione dei canali dedicati. Una sessione RR (il tempo in cui la MS rimane nella modalità dedicated) è sempre iniziata dalla MS, sia per una chiamata in uscita che per una risposta ad un messaggio di paging. Inoltre RR si occupa degli handovers (interni), della DTX/DRX e della gestione dinamica della potenza (DPC). Handovers E una delle funzioni principali del protocollo RR ed inoltre e una peculiarità dei sistemi cellulari: mantenere attiva una connessione anche se la MS si sposta significa dover cambiare cella di servizio o canali di trasmissione per continuare a garantire il servizio. Esistono quattro tipi di handover in un sistema GSM, che coinvolgono il trasferimento di una chiamata tra: Canali (o TDMA time-slot) nella medesima cella. Celle (BTS) sotto il controllo della medesima BSC. Celle sotto il controllo di differenti BSC ma appartenenti all area di interesse dello stesso MSC. Celle controllate da differenti MSC. I primi due tipi sono chiamati handovers interni e sono gestiti dalla BSC, che comunica l avvenuto handover alla MSC solo ad operazione effettuata, per non sovraccaricare la rete. Gli ultimi due tipi di handovers, invece, vengono chiamati esterni. E da notare che nell ultimo caso l MSC di partenza (anchor MSC) rimane responsabile di molte funzioni legate alla telefonata, mentre il nuovo MSC (relay MSC) deve occuparsi dei soli handover interni che eventualmente si verificano. Gli handovers possono essere richiamati sia dalla MS che dall MSC (per bilanciare il traffico della rete). Durante l inattività (idle-mode) la MS sonda i Broadcast Control Channel delle celle a lei vicine (fino ad un massimo di 16) e stila una lista delle migliori 6 celle candidate per un possibile handover, in base alla potenza del

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Torino, novembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Tecnologie Industriali ad indirizzo Economico e Organizzativo Dipartimento di Ingegneria Elettrica Gestionale e

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE

OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE 1) Ovviamente anche su quelle GPRS, inoltre il tuo modello supporta anche l'edge. Si tratta di un "aggiornamento" del GPRS, quindi è leggermente più veloce ma in

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

222X IT Manuale d uso

222X IT Manuale d uso 222X IT Manuale d uso INDICE 1 INTRODUZIONE 2 1.1 Benvenuto 2 1.2 Contatti per il servizio 2 1.3 Cosa fare se il vostro veicolo viene rubato 3 1.4 Autodiagnostica periodica del vostro dispositivo 4 1.5

Dettagli

Programmazione TELXXC

Programmazione TELXXC Manuale Programmazione Versione 5.0 Programmazione TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE Programmazione e comandi... 2 Messaggio comando multiplo.. Formato... 3 Messaggi

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI Articolo 1 (Definizioni)... 2 Articolo 2 (Disposizioni Generali)... 3 Articolo 3 (Soluzioni tecniche

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System A.R.I. Sezione di Reggio Emilia presenta: Introduzione al sistema A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System *APRS è un marchio depositato da Bob Bruninga, WB4APR Copyright 2002-03 Alessandro Bondavalli

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 INTRODUZIONE Vodafone Omnitel B.V. adotta la presente Carta dei Servizi in attuazione delle direttive e delle delibere

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Materiale di radiocomunicazione

Materiale di radiocomunicazione BevSTitelSeite PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Materiale di radiocomunicazione Ricetrasmittente SE-125 UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Febbraio 2004 1503-00-1-02-i.doc Indice Ricetrasmittente

Dettagli