LAVORI DI PULIZIA DEI LITORALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAVORI DI PULIZIA DEI LITORALI"

Transcript

1 COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA Provincia di Olbia Tempio Piazza Villamarina n S.TERESA GALLURA tel fax Settore Opere Pubbliche e Informatica RELAZIONE TECNICA APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LITORALI STAGIONE BALNEARE 2014 Il Responsabile del Settore Geom. Giovanni Brozzu LAVORI DI PULIZIA DEI LITORALI

2 SOMMARIO Premessa Informazioni generali sul territorio comunale Descrizione dei lavori da eseguire Definizione delle aree d intervento Organizzazione e descrizione dei lavori Dimensionamento del personale e mezzi da utilizzare nelle varie fasi Computo metrico dei lavori da eseguire

3 1.0 - Premessa La presente relazione rappresenta il documento tecnico che deve guidare il servizio di pulizia dei litorali di libera fruizione presenti nel territorio comunale di Santa Teresa Gallura. La relazione stabilisce le linee-guida tecniche per l esecuzione dei servizi in cui sono specificati i requisiti minimali che devono ritenersi parte integrante del Capitolato Speciale d Appalto, presentato in elaborato separato. La relazione individua, inoltre, un organizzazione del servizio allo scopo di individuare le necessità di mezzipersonale-attrezzature e quindi di stimare l importo necessario per l effettuazione del servizio. La ditta incaricata avrà la facoltà di stabilire una differente organizzazione, implementando frequenze di esecuzione ed adottando mezzi ed attrezzature ritenute le più idonee per le finalità del servizio, fatti salvi i requisiti minimali e l adozione delle tecniche richieste per la raccolta delle varie frazioni di rifiuto e per la pulizia manuale delle spiagge, da ritenersi vincolante Informazioni generali sul territorio comunale Santa Teresa Gallura é situata sull estremità della costa settentrionale della Sardegna, affacciata sullo stretto delle bocche di Bonifacio, è lo scalo dei traghetti che giornalmente collegano la Sardegna alla Corsica (Francia), dalla quale dista circa 9 miglia marine. La cittadina è facilmente raggiungibile, dal porto e dall aeroporto di Olbia, in meno di un ora di macchina; dal porto di Porto Torres poco più di novanta minuti e circa due ore dall aeroporto di Alghero. A chi arriva via terra, Santa Teresa Gallura si presenta collocata in fondo al lungo rettilineo della via Nazionale e sembrerebbe a prima vista uno dei pochi paesi di pianura della Sardegna. In realtà, e se ne accorge subito chi invece arriva dal mare, si stende su un tavolato roccioso, a 44 m. sul livello del mare, proteso verso il canale delle bocche, in un tratto in cui la costa è molto frastagliata. La cittadina attualmente conta abitanti residenti, mentre durante la stagione estiva la popolazione fluttuante,legata al massiccio movimento turistico che investe tutto il territorio comunale, raggiunge punte di oltre unità.- Le frazioni sono: San Pasquale situato nei pressi della costa nord orientale della Sardegna ed a sud rispetto al centro capoluogo, centro turistico che nel periodo estivo vede aumentare notevolmente la popolazione; Porto Pozzo posta ad sud-est rispetto al centro capoluogo e Ruoni che si trova a sud rispetto al centro capoluogo, ed entrambe poste lungo la strada che porta a Palau. Il territorio del Comune di S.Teresa Gallura ha una estensione di kmq 101,00, ed è il lembo di Sardegna più prossimo alla Corsica, isole minori a parte. Ai romani, non sfuggì questo approdo così strategico, oltretutto situato ad un'esigua distanza dalla Corsica, altra colonia dell'impero. In principio furono fondati due porti, Porto Longone e Tibula (la cui reale ubicazione è a tutt'oggi oggetto di discussione). Il primo nacque nei pressi dell'attuale centro abitato di Santa Teresa; il secondo sorgeva nel lato sud di Capo Testa. Alla dominazione spagnola appartiene invece la Torre di Longonsardo, costruita per scongiurare la piaga dei pirati. Fin'oltre l'unità d'italia, la Gallura fu terra di avventurieri, contrabbandieri e banditi, si arrivò ad estremi come l'eversione o lo storico ammutinamento della Gallura. La mancanza d'insediamenti umani sulla costa facilitava inoltre il contrabbando, proprio per opporsi a tutto ciò venne favorita la nascita di Santa Teresa, sul progetto pianificato dall'ufficiale piemontese Pietro Francesco Maria Magnon agli inizi dell'ottocento e disegnato dal re Vittorio Emanuele I in persona. Superati i conflitti nazionali, con gli anni sessanta Santa Teresa, insieme alla Costa Smeralda, Palau e La Maddalena, divenne uno dei centri mediterranei del turismo d'elite. Il centro storico: I quartieri originari sono tutti compresi tra l'attuale Piazza Vittorio Emanuele e la Piazza San Vittorio. Tra gli abitanti di Santa Teresa e del circondario sopravvive il nome antico del borgo, difatti la cittadina viene familiarmente chiamata Lungoni ; il nome attuale del paese fu imposto dal re Vittorio Emanuele I, in onore della moglie Maria Teresa d Austria e, nella Casa Comunale sita in piazza Villamarina, si può ammirare una copia del progetto originario del paese disegnato da Vittorio Emanuele. A nord della chiesa di San Vittorio e sulla sinistra della torre di Longonsardo, si trova la bella spiaggia di Rena Bianca (da anni glorificata con l attribuzione della Bandiera Blu ); Il punto di riferimento cittadino è la piazza Vittorio Emanuele, sulla quale troviamo l'ufficio Turistico Comunale e, nella vicina piazza San Vittorio sorge la chiesa omonima (XIX sec.), nella quale si può visitare anche il museo della fondazione, in cui è narrata la storia del santuario, infine a nord sul promontorio posto all imboccatura del porto troviamo l'imponente Torre di Longonsardo e, dalla sua terrazza sono perfettamente visibili le candide scogliere della vicina Corsica. Per lunghi anni il porto è stato utilizzato solo come appoggio per i pescherecci, dal 1925 però lo scalo aprì rotte verso la penisola italiana e verso la Corsica. Proprio nella rada di Longosardo è sorto il Porto turistico, una moderna struttura con circa 700 posti barca, con bar, ristoranti ed esercizi commerciali. Cenni Storici :-Il porto di Longosardo è ritenuto l antico Portus Tibulis. Nell Itinerario d Antonino si parla della stazione di Longones, e Tolomeo accenna ai Tibulazi come i popoli più settentrionali dell isola. Anticamente conosciuta col nome di Longosardo o Longo Sardo, era già in periodo romano un porto di notevole importanza per i traffici commerciali e dal quale veniva portato a Roma il granito estratto nei dintorni; queste informazioni la rendono una localizzazione plausibile dell'antica città di Tibula. Le cave di Capo Testa hanno fornito colonne per il Duomo e il Battistero di Pisa e, si racconta, anche per il Pantheon di Roma. Dopo le invasioni Saracene,la località 3

4 passò sotto i giudici di Arborea, che vi costruirono un imponente castello del quale abbiamo oggi solo dei miseri resti. Sorgeva esso sulla sponda di levante del porto in forma quadrilatera irregolare, con un appendice difensiva dalla parte di terra, ove il terreno poteva favorire gli assalitori, dalla parte del porto il castello era munito di una grossa torre ed, oltrecchè solidissimo, poteva contenere un buon numero di truppe. Nel 1383 la celeberrima Eleonora di Arborea, vincitrice degli Arboresi repubblicani, che avevano ucciso suo fratello Ugone, mosse guerra agli Aragonesi e non depose le armi che nel 1388 quando si venne alle conferenze preliminari per la pace; in quei patti troviamo la prima menzione del castello di Longone. Il maniero fu distrutto dai genovesi che vollero così vendicare l'assedio mosso alla fortezza di Bonifacio (Corsica), nel 1422 ad opera di Francesco Spinola che, con una squadra di sette galee, assalì Longone, saccheggiò la ricca borgata, che vi fioriva vicino e trasportò in Genova un ingente bottino. Alfonso re d Aragona, stanco oramai delle spese che gli costava il castello, ne ordinava la demolizione, la quale fu eseguita nel 1423 non senza che vi rimanessero ruderi in gran numero. Alla distruzione del castello seguì lo spopolamento della borgata e la zona divenne rifugio preferito di corsari, banditi e contrabbandieri. Un luogo storico di particolare interesse è la Torre di Longosardo (edificata attorno al XV secolo per ordine del re di Spagna Filippo II) situato sul lembo di roccia piu estremo del paese. Quando nel 1720 l'isola passò ai Savoia venne inviato come comandante della torre Francesco Maria Magnon, che capì la necessità di creare un centro abitato nei pressi della fortezza. Il 12 agosto 1808 un decreto di Vittorio Emanuele I diede inizio alla fondazione di Santa Teresa, fu lo stesso re che che disegnò la pianta del paese e decise il nome in onore di sua moglie: la regina Maria Teresa d'asburgo-este; il marchese di Villamarina ed il cav. Pietro Cabras-Misorro, possessori di estesi terreni in quella località, ne accordarono gratuitamente l uso ai pastori di quei dintorni, che vi si stabilissero. Cinque anni dopo un nucleo di case accoglieva una popolazione discreta, ed il comandante savoiardo Magnon, accordò facilitazioni a quanti bramavano abitarvi, incoraggiando la popolazione a sempre più progredire. A 3 km circa dal centro urbano, troviamo la Chiesa del Buoncammino, costruita nel XVII secolo, circondata da una pineta e da olivastri secolari.inoltre, di particolare interesse sono le batterie militari Giulio Ferrero, Garassini, Decaroli e M17 : ruderi della prima e seconda guerra mondiale, con postazioni di artiglieria, bunker, caserme, miniere a cielo aperto e collegamenti ferroviari costruiti principalmente per il trasporto di materiale bellico e roccia granitica. Di notevole importanza archeologica sono i siti nuragici di Lu Brandali e La Testa risalenti all'età del bronzo (villaggio nuragico e tombe di giganti).- La cittadina di Santa Teresa Gallura è storicamente nota per la sua vocazione turistica. Oltre ad avere numerose spiagge ed acque note per la limpidezza, possiede un patrimonio storico, architettonico e culturale che la contraddistinguono e la rendono un peculiare punto di riferimento nel panorama turistico del Mediterraneo. A differenza di altre località balneari sarde, l ambito urbano è di medie dimensioni (con abitanti circa nel periodo invernale, fino in quello estivo), e la rete stradale è articolata in strade locali, locali interzonali e di quartiere. Numerose sono le spiagge fruibili, la più nota è direttamente inserite nel centro abitato(la Rena Bianca) ed altre più esterne quali: la spiaggia dei due mari o anche rena di ponente a Capotesta, dove inoltre troviamo la spiaggia denominata rena di levante e le due spiaggette più piccole dell istmo e delle fornaci. Oltre alle suddette spiagge poste nella parte nord del territorio comunale, nella parte ovest è presente l a spiaggia di santa Reparata e la spiaggia di Lu Pultiddolu, sempre ad ovest del territorio comunale troviamo la spiaggia di La Niculina, sulla quale non sono stati previsti interventi in quanto la spiaggia non è servita da strade di accesso; nella parte est del territorio troviamo la spiaggia di Porto Quadro, la spiaggia della Mormorata, la spiaggia di Valle dell Erica ( Lu Padulacciu), la spiaggetta di Conca Verde, La spiaggia di Porto Pozzo ed infine la spiaggia di La Sciumara, posta sulla foce del fiume Liscia;sempre sul alto est del territorio troviamo la spiaggia di Cala Sambuco, la spiaggia di La Barcaccia, la spiaggia di La Licciola e la spiaggia di Macchia Mala, che non sono oggetto di intervento in quanto non facilmente raggiungibili via terra o perché servite solo da stradine interpoderali in pessime condizioni manutentive oppure perché delimitate da proprietà private dove sono presenti solo dei tratturi quasi impercorribili Descrizione dei lavori da eseguire I lavori da eseguire sono generalmente inquadrabili come lavori di pulizia dei litorali per la parte relativa alla libera fruizione. Per raggiungere tale obiettivo si prevede l esecuzione di: 1. un primo intervento iniziale di pulizia straordinaria con rimozione di rifiuti e asportazione ed accatastamento della posidonia spiaggiata mediante l'impiego di mezzi meccanici; 2. interventi periodici di pulizia degli arenili consistente nella pulizia operata mediante apposite macchine vagliatrici ( pulispiagge ); 3. interventi manuali per la pulizia ordinaria degli arenili, con il posizionamento e lo svuotamento dei cestini 4

5 portarifiuti (con effettuazione della raccolta differenziata almeno per la plastica e alluminio); il conferimento dei sacchi in prossimità delle aree di stoccaggio provvisorio; 4. raccolta dei sacchi dei rifiuti per il loro successivo conferimento da effettuarsi presso i siti autorizzati. 5. pulizia e gestione dei servizi igienici pubblici ubicati lungo gli arenili di: spiaggia Rena Bianca, spiaggia Rena di Levante e Istmo di Capotesta.- Nell eventualità di ritrovamento di rifiuti speciali, pericolosi o ingombranti quali batterie e accumulatori, rifiuti ingombranti, laterizi, seguirà una segnalazione al Servizio Ambiente del Comune di S.Teresa Gallura ed alla Ditta incaricata del Servizio d'igiene Urbana, la quale provvederà alla rimozione degli stessi con l utilizzo di mezzi adeguati. L intervento con mezzo gommato per l asportazione meccanica della posidonia dovrà avvenire con modalità e tecniche che rispettino le indicazioni riportate nella Determinazione del Direttore Generale Enti Locali e Finanze n. 942 del 07/04/2008, della Regione Autonoma della Sardegna. In particolare nella rimozione della posidonia la pala meccanica dovrà operare al profondità minima dal livello della sabbia (comunque non inferiore a 10 cm), in modo tale da asportare il minor quantitativo possibile di sabbia. 4.0 Definizione delle aree d intervento I sopralluoghi effettuati nelle spiagge oggetto dei lavori, hanno permesso d individuare e di verificare: la localizzazione, le caratteristiche morfologiche, le principali dimensioni, l accessibilità da parte dei mezzi da impiegare. Per l organizzazione del servizio si ipotizza la suddivisione degli arenili presenti nel Comune di S.Teresa Gallura, in grandi macro-aree geografiche, come evidenziato nella tabella seguente. Macro zona Nome Estensione mq Lunghezza m Profondità m Superficie in concessione mq Superficie libera mq Pulizia meccanica mq Zona NORD Rena Bianca m-30m SI 90% Zona Capo Testa Zona OVEST Zona EST Fraz. Porto Pozzo mq % sul totale Rena Levante m-30m SI 96% Rena Ponente m-30m SI 83% ISTMO-Fornaci m-20m NO 93% S.Reparata m-35m SI 95% Pultiddolu m-20m NO 100% Marmorata m-35m SI 75% Porto Quadro m-20m NO 94% Valle dell Erica m-30m NO 90% Conca Verde m->15m NO 82% Porto Pozzo m-20m SI 100% Zona SUD La Sciumara m-30m SI 90% Tabella n 1 Definizione degli ambiti di interven to TOTALE Per la determinazione delle aree oggetto d intervento, dopo aver provveduto alla quantificazione generale delle superfici delle spiagge tramite l utilizzo di sistemi GIS e CAD, si è provveduto a decurtare le aree dati in concessione demaniale. L elenco delle concessioni in essere nel Comune di Santa Teresa Gallura, con specifica indicazione delle superfici, è stato fornito al Comune dal Servizio territoriale demanio e patrimonio per la provincia di Olbia-Tempio della Regione Autonoma della Sardegna. Le aree sono meglio specificate nel relativo elaborato grafico. In base ai dati disponibili si è quantificato che l area libera oggetto dei lavori è complessivamente pari a circa mq. L area delle spiagge interessate dalla pulizia meccanica, mediante trattore con pulispiaggia, è pari a circa mq Si evidenzia che a causa della particolare esposizione all erosione di un tratto d arenile sito in località Lu Pultiddolu (vedi planimetrie poste in allegato alla presente relazione) non si provvederà, per questa parte di spiaggia, alla rimozione t o t a l e delle banquette di posidonia per non comportare un indebolimento della struttura difensiva dell arenile. Tale conservazione della posidonia dovrebbe consentire il mantenimento della struttura difensiva dell arenile e, pertanto, la conseguente protezione delle spiagge dall azione di eventuali mareggiate che possono verificarsi anche durante il periodo estivo. 5

6 5.0 - Organizzazione e descrizione dei lavori Nel periodo di durata del servizio s individuano quattro fasi operative a cui corrispondono differenti tipologie di lavorazioni da eseguire. I periodi relativi a ciascuna delle fasi di seguito riportate sono da intendersi passibili di eventuali modifiche o aggiornamenti in base alle condizioni climatiche e/o ambientali che saranno riscontrate prima dell inizio dei lavori. Le stesse sono pertanto da ritenersi indicative e oggetto di possibile ridefinizione nel rispetto delle risorse economiche computate, e previa accordo con il Settore Opere Pubbliche ve Informatica, Servizio Ambiente. La definizione temporale delle fasi e la programmazione delle attività da eseguire, sono meglio visualizzate nell allegato 1, attraverso il Diagramma di Gantt. - PRIMA FASE dal 1 aprile al 30 aprile Il servizio sarà effettuato quotidianamente in modo da garantire una maggiore potenzialità d intervento. Il servizio sarà articolato come segue: 1.1) intervento straordinario di raccolta e smaltimento dei rifiuti (ivi compresi ingombranti) presenti lungo tutti i litorali in questione; 1.2) intervento di un mezzo gommato con pala per l asportazione meccanica della posidonia depositatasi durante il periodo invernale; la raccolta ed il deposito della posidonia dovrà avvenire secondo le modalità e tecniche impartite dall Assessorato degli Enti Locali, Finanze, ed Urbanistica (rif. Determinazione n. 942 del 07/04/2008). Nella rimozione della posidonia il mezzo gommato con pala dovrà operare in modo tale da asportare il minor quantitativo di sabbia. La Posidonia raccolta dovrà essere depositata in tre siti di stoccaggio provvisorio, anche mediante l utilizzo di autocarri; 1.3) intervento di operatori per la rimozione puntuale delle alghe dai tratti non accessibili ai mezzi meccanici. 1.4) intervento di pulizia meccanica delle spiagge da effettuarsi mediante mezzo pulispiaggia. Tale intervento si configura come un primo iniziale periodo di pulizia meccanica straordinaria (sgrossamento iniziale) per tutti i tratti di arenile individuati; 1.5) inizio installazione di trespoli porta sacco e/o bidoncini su ruote con capacità di almenno 125 litri inj numero di due per ognuna delle spiagge indicate al punto A1, per offrire un adeguato servizio per il periodo delle festività pasquali; 1.6) passaggio a giorni alterni per la pulizia della battigia di quanto rinvenuto come, con elenco non esaustivo ma solo indicativo, plastiche,buste,bottiglie, cartacce,ect.; - SECONDA FASE dal 01 maggio al 31 maggio 2.1) avvio della raccolta manuale, tre volte la settimana, dei rifiuti abbandonati sulle aree adiacenti gli arenili; 2.2) completamento dell intervento d installazione dei trespoli lungo tutti i tratti di arenile individuati. I trespoli dovranno essere collocati ai margini della spiaggia, ma posizionati sulla sabbia, secondo le indicazioni che verranno date dal personale del Servizio Ambiente (a livello indicativo ad una distanza di circa 50 metri uno dall altro); 3.2) intervento trisettimanale(lunedì, giovedì e sabato) degli operatori per la sostituzione dei sacchi dei trespoli posti lungo tutti i litorali, ed accumulo degli stessi nei punti di raccolta prestabiliti. I sacchi dovranno avere una colorazione diversa rispetto ai sacchi abitualmente utilizzati dalla ditta appaltatrice del servizio d igiene urbana. 4.2) completamento della pulizia di sgrosso ed effettuazione di interventi di vagliatura meccanica dei rifiuti dalla sabbia. Per tale periodo si dovranno garantire, per i tratti di arenile in questione, i passaggi settimanali indicati nell allegato ) intervento di operatori per la pulizia manuale di tipo puntuale (con utilizzo di punzoni e rastrelli) dei tratti di spiaggia che giornalmente non sono stati interessati dal passaggio dei mezzi meccanici; 6.2) posa in opera dei passaggi mobili per disabili lungo le spiagge di Rena Bianca,Capotesta e la Marmorata (pedane fornite dall Amministrazione).- -TERZA FASE dal 1 giugno al 22 settembre Durante tale periodo si dovrà provvedere giornalmente ad un intervento di asportazione di tutti i rifiuti depositati sulle spiagge (posidonia compresa) da effettuarsi mediante: 1.3) vagliatura meccanica dei rifiuti dalla sabbia. Per tale periodo si dovranno garantire, per i tratti di arenile in questione, i passaggi settimanali indicati nell allegato ) intervento d installazione di ulteriori 50 trespoli specifici, in aggiunta a quelli precedentemente collocati, lungo tutti i tratti di arenile individuati (ad esempio con coperchio colorato) per la raccolta differenziata di plastica e alluminio. I trespoli dovranno essere collocati ai margini della 6

7 spiaggia (ma posizionati sulla sabbia) secondo le indicazioni che verranno impartite dal personale del Servizio Ambiente (a livello indicativo, ad una distanza di circa 50 metri uno dall altro). 3.3) intervento di operatori per la pulizia manuale di tipo puntuale (con utilizzo di punzoni e rastrelli) dei tratti di spiaggia che giornalmente non sono stati interessati dal passaggio dei mezzi meccanici; 3.4) intervento giornaliero degli operatori per la sostituzione dei sacchi dei trespoli posti lungo tutti i litorali, ed accumulo degli stessi sacchi nei punti di raccolta. Tali punti di raccolta dovranno essere preventivamente concordati con il Servizio Ambiente del Comune di Santa Teresa Gallura, e comunque oggetto di specifica individuazione e comunicazione da parte della ditta appaltatrice; 3.5) intervento di raccolta e smaltimento dei rifiuti e del materiale valorizzabile mediante impiego di mezzo autorizzato. Al termine della stagione estiva, la ditta incaricata dei lavori dovrà provvedere alla rimozione e rimessaggio presso i propri depositi dei trespoli. I servizi come sopra individuati, dovranno essere estesi a tutti gli arenili indicati nell apposita tabella. - QUARTA FASE dal 23 settembre al 20 ottobre Nell ultimo periodo, corrispondente all incirca alla fine della stagione balneare, si dovrà provvedere alla ridistribuzione delle alghe sulle spiagge. La ricostituzione della copertura a banquettes assume infatti molta importanza per la difesa dall erosione diretta del moto ondoso durante i periodi invernali. Il servizio sarà articolato come segue: 4.1) intervento di raccolta e smaltimento dei rifiuti raccolti mediante impiego di mezzo autorizzato; 4.2) rimozione dei trespoli e loro accatastamento presso deposito della ditta appaltatrice. La sostituzione dei sacchi avverrà con frequenza giornaliera ad opera degli operatori appiedati nei rispettivi tratti di competenza. 4.3) intervento di un mezzo gommato con pala per la ridistribuzione meccanica della posidonia con eventuale utilizzo di autocarri; si prevede l utilizzo sia di mezzi di dimensioni grandi sia di medie dimensioni in funzione delle caratteristiche degli arenili e dell accessibilità alle macchine; 4.4) intervento in appoggio di due operatori appiedati, per la ridistribuzione puntuale delle alghe e per la sistemazione manuale dei punti di raccolta provvisori. Il periodo d esecuzione di quest ultima fase è da intendersi indicativo, in quanto lo stesso potrà essere di maggior o minor durata in rapporto all esecuzione completa della lavorazione richiesta, nonché in funzione dell opportunità di eseguire i lavori in relazione alle condizioni climatiche del momento. Nella tabella seguente vengono riassunte le lavorazioni da eseguire. PERIODO FASE TIPO DI LAVORAZIONE DA ESEGUIRE FREQUENZA PERSONALE MEZZI 1 aprile / 30 aprile 1 maggio 31 maggio 31 maggio 22 settembre 23 settembre 20 ottobre 1.1 Raccolta smaltimento rifiuti 6/7 Operatore Compattatore 1.2 Rimozione e accatastamento alghe 6/7 Operatore + autisti Pala Meccanica Autocarro 1.3 Rimozione puntuale alghe e accatastamento 6/7 Operatore Pulizia meccanica spiagge 1/7 Autista Trattore con pulispiaggia 1.5 Collocazione trespoli porta rifiuti su tutte le spiagge 1/7 Operatore + autista Autocarro 1.6 Sostituzione sacchi rifiuti e deposito 1/7 Operatori Raccolta/smaltimento sacchi rifiuti 1/7 Autista Compattatore 2.1 Pulizia meccanica spiagge 2/7 Autista Trattore con pulispiaggia 2.2 Collocazione trespoli porta rifiuti su tutte le spiagge 2/7 Operatore + autista Autocarro 2.3 Pulizia manuale spiagge 2/7 Operatori Sostituzione sacchi rifiuti e deposito 2/7 Operatori Raccolta/smaltimento sacchi rifiuti 2/7 Autista Compattatore 3.1 Pulizia meccanica spiagge 6/7 Autista Trattore con pulispiaggia 3.2 Sostituzione sacchi rifiuti e deposito 6/7 Operatori Raccolta/smaltimento sacchi rifiuti 6/7 Autista Compattatore 3.5 Rimozione trespoli 1/7 Operatore + autista Autocarro 4.1 Ridistribuzione alghe 6/7 Autisti Pala Meccanica Autocarro 4.2 Ridistribuzione puntuale alghe e sistemazione dei punti di raccolta 6/7 Operatori Vedi: - comunicazione del 25/02/2008, prot. n. 7496, della Regione Autonoma della Sardegna Servizio territoriale demanio e patrimonio di Sassari; - La rimozione della Posidonia dalle spiagge. Conseguenze sulla stabilità dei litorali. Centro Marino Internazionale. 7

8 6.0 - Dimensionamento del personale e mezzi da utilizzare nelle varie fasi Il dimensionamento del personale e dei mezzi da impiegare nel progetto in oggetto, tiene conto delle diverse esigenze connesse alle lavorazioni da eseguire. Per quanto attiene la pulispiaggia si è preso quale riferimento una macchina con capacità di lavoro di almeno metri quadri orari dotata di comandi per il caricamento e scaricamento dei rifiuti. Per quanto attiene alle esigenze della manodopera si è preso come riferimento quanto indicato nel precedente progetto relativo alla pulizia degli arenili per l anno 2012 e precedenti, allor quando il servizio di pulizia dei litorali era all interno dell appalto relativo ai servizi di rr.ss.uu..- Nella prima fase si prevede che sia necessario impiegare almeno due operatori e due autisti (uno per autocarro ed uno per pala meccanica) il cui costo è incluso nel nolo. L orario di lavoro degli operatori durante tale periodo sarà dalle 7.00 alle Inoltre sarà necessario un autista per la pulispiaggia il cui costo è incluso nel nolo. Nella seconda fase si prevede che sia necessario di almeno due operatori e di un autista per la pulispiaggia il cui costo è incluso nel nolo. L orario di lavoro degli operatori durante tale periodo sarà dalle 7.00 alle Nella terza fase si prevede che sia necessario l impiego di almeno sei operatori e di un autista per la pulispiaggia il cui costo è incluso nel nolo. L orario di lavoro degli operatori durante tale periodo sarà dalle 6.00 alle Per le operazioni di pulizia mediante la pulispiaggia, si ipotizza che l orario di lavoro avvenga dalle ore 6.00 alle 9.00 del mattino. Nella quarta fase si prevede che sia necessario l impiego di almeno due operatori e di due autisti (uno per pala meccanica e per autocarro) il cui costo è incluso nel nolo. L orario di lavoro degli operatori durante tale periodo sarà dalle 7.00 alle Relativamente al servizio di pulizia e gestione dei servizi igienici pubblici posti lungo l arenile della spiaggia La Rena Bianca, e sulle spiagge della località di Capotesta(Rena di Levante e Istmo),la ditta aggiudicataria nel periodo compreso tra il 15 maggio ed il 30 settembre, dovrà garantire il servizio richiesto con l impiego di n.3 operatori di 1 livello, per i quali si ipotizza che l orario di lavoro avvenga al mattino dalle ore 10,00 alle ore 13,00 ed al pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 18, Computo metrico dei lavori da eseguire. Il computo dei lavori da eseguire è stato redatto prendendo come riferimento il costo degli operai indicati nell ultima tabella disponibile (aprile 2013) predisposta e pubblicata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro (Costo medio orario,a livello nazionale, del personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia,disinfestazione,servizi integrati/multi servizi). Per quanto attiene invece ai costi per il noleggio a caldo degli automezzi, si è preso come riferimento il costo indicato nel prezzario regionale dei lavori pubblici della Regione Sardegna. Altri costi sono stati desunti in base ad indagini di mercato inerenti all espletamento degli stessi servizi o alla fornitura di analoghe attrezzature. Il costo connesso alla raccolta e smaltimento dei rifiuti provenienti dalla pulizia delle spiagge, è relativo ai rifiuti conferiti presso i trespoli da parte degli utenti, nonché ai rifiuti provenienti dalle operazioni di pulizia manuale e meccanica da parte della ditta incaricata dei lavori. Per il calcolo degli oneri della sicurezza, in conformità a quanto stabilito dall art. 7 del D.P.R. 222/2003, si è provveduto a redigere specifico computo. Di seguito è riportato il quadro economico dei lavori. 8

9 QUADRO ECONOMICO A) LAVORI DA ESEGUIRE 1) Spese per personale 2) Noleggio a caldo macchinari 3) Spese per acquisto attrezzature varie 4) Spese per raccolta specifica dei rifiuti raccolti e trasporto Totale importo dei lavori da eseguire 5) Oneri per la sicurezza , , , , , ,15 TOTALE di A) ,38 B SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE 6) Spese per IVA (10%) ,94 7) Spese di pubblicazione avvisi di gara-tassa Autorità 6.500,00 9) Oneri ex art.92 D.Lgs. 163/ ,79 TOTALE di B) ,73 TOTALE GENERALE ,

10 IMMAGINI SATELLITARI DELLE AREE OGGETTO D INTERVENTO LA RENA BIANCA 11

11 CAPOTESTA 2 MARI RENA DI PONENTE 12

12 CAPOTESTA RENA di LEVANTE 13

13 SANTA REPARATA 12

14 LA MARMORATA 13

15 PORTO QUADRO 14

16 VALLE DELL ERICA 15

17 CONCA VERDE 16

18 LA SCIUMARA ( Porto Liscia) 17

19 PORTO POZZO 18

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SETTORE: URBANISTICA ED EDILIZIA SERVIZIO: DEMANIO MARITTIMO Formici lì, N. DETERMINAZIONE OGGETTO: - AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ORGANIZZAZIONE DELLE SPIAGGE LIBERE

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

TITOLO VI ALTRI USI TITOLO VI

TITOLO VI ALTRI USI TITOLO VI TITOLO VI 167 Capitolo primo PRESTAZIONI D OPERA VARIE E DI SERVIZIO (nessun uso accertato) Capitolo secondo USI MARITTIMI (nessun uso accertato) 169 Capitolo terzo USI NEI TRASPORTI TERRESTRI TRASPORTI

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli