Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali"

Transcript

1 Corso di Formazione Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali delle associazioni Sportive Brindisi 5 febbraio 2014

2 LO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA In sede di conversione del DL n. 72/2004 (per effetto della Legge n. 128/2004), è stata inserita una disposizione nell art. 4, che, modificando l art. 90 della L. n. 289/2002, prevede alcune novità, tra cui: l individuazione dei requisiti statutari per le società/associazioni sportive dilettantistiche, senza necessità di attendere l emanazione dei regolamenti attuativi; la possibilità di usufruire delle agevolazioni relative allo sport dilettantistico anche per le cooperative; l abrogazione delle norme (commi 20, 21 e 22 dell art. 90) concernenti l istituzione presso il CONI di un apposito registro delle società/associazioni sportive dilettantistiche.

3 Condizioni per avvalersi delle agevolazioni previste dalla legge n. 398/91 1) Affiliazione alle Federazioni sportive nazionali o agli enti di promozione sportiva riconosciuti ai sensi delle vigenti leggi, per le associazioni o società sportive dilettantistiche. 2) Realizzazione di proventi derivanti dall esercizio di attività commerciali per un importo non superiore a 250 mila euro (rapportati a giorni - Ris. 16 maggio 2006, n. 63/E) 3) Esercizio dell opzione

4 Nell importo di non vanno ricomprese quelle entrate che non costituiscono reddito imponibile per espresse disposizioni legislative, tra cui quelle realizzate nello svolgimento di attività commerciali connesse agli scopi istituzionali; quelle realizzate mediante raccolta pubblica di fondi, sempreché si riferiscano ad un numero di eventi complessivamente non superiore a due per ciascun anno e per un importo non superiore ad ,69 (art. 25, co.2, L. 133/99 e DM ); il premio di addestramento e formazione tecnica

5 OPZIONE PER LA LEGGE N. 398/91 1. Comunicazione prima dell inizio dell anno solare con lettera alla SIAE e all Agenzia delle Entrate competente (art. 9, comma 2, DPR n. 544/99) 2. Chi inizia l attività esprime l opzione nella dichiarazione di inizio attività dandone comunicazione alla SIAE VALIDA FINO A REVOCA E VINCOLANTE PER 5 ANNI se non si è obbligati alla presentazione della dichiarazione IVA si comunica l opzione inserendo nel mod. UNICO il quadro VO del mod. IVA. (art. 4, DPR n. 404/2001)

6 VANTAGGI DELLA LEGGE N. 398/91 A. Esonero dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili ai fini delle IIDD ed IVA (art. 2, co.1, l. 398/91) B. Esonero dagli obblighi di fatturazione tranne che per le prestazioni di sponsorizzazione, cessione diritti radio-tv e prestazioni pubblicitarie (art. 74, co. 6, DPR 633/72) C. Esonero dagli obblighi di registrazione (art. 2, co.4, l. 398/91) D. Esonero dall obbligo di dichiarazione IVA(art. 74,co. 6, DPR 633/72) E. Tassazione forfettaria IRES ed IRAP (art. 2, co 5, l. 398/91 ed art. 25, co. 3, l. 133/99) F. Esclusione dal reddito imponibile di specifici proventi commerciali (art. 25, co. 1, l. 133/99)

7 OPZIONE PER LA 398/91 Se nel corso del periodo d imposta viene superato il limite di le disposizioni della l. 398/91 vengono meno con effetto dal mese successivo a quello in cui il limite è superato Risoluzione , n. 123/E DISTINZIONE DI DUE PERIODI D IMPOSTA

8 SUPERAMENTO LIMITE R.M. 123/E/06 PRIMO PERIODO dall inizio del periodo d imposta fino al mese in cui si è verificato il superamento del limite, il reddito è determinato con le modalità forfetarie, così come l IVA è applicata e gli adempimenti contabili sono posti in essere secondo quanto previsto dalla Legge n. 398/91 SECONDO PERIODO dal mese successivo a quello in cui si è verificato il superamento del limite fino alla fine del periodo d imposta, si applicano le regole ordinarie ai fini sia della determinazione del reddito e dell IVA che degli adempimenti contabili

9 ADEMPIMENTI CONTABILI: Dall' i corrispettivi e proventi commerciali, i proventi che non concorrono a formare reddito, le plusvalenze patrimoniali e le operazioni intracomunitarie devono essere annotate entro il 15 del mese successivo sul prospetto di cui al D.M opportunamente integrato (art. 9, D.P.R. 544/1999 e C.M , n. 247/E). Tutti i pagamenti non inferiori a 516,46 (importo fissato dall'art. 37, co. 2, L. 342/2000; prima era 51,65) effettuati devono avvenire tramite c/c bancario o postale, bancomat o carta di credito, pena la loro indeducibilità (art. 25,co. 5, L. 33/1999 e art. 4, D.M ,n. 473 ).

10 La tassazione IRES Il reddito assoggettabile ad IRES (27,5%) è costituito dal 3% dei proventi conseguiti nell esercizio di attività commerciali AUMENTATO dell intero importo delle eventuali plusvalenze patrimoniali REDDITO IMPONIBILE IRES PROVENTI COMMERCIALI (al netto dei proventi esclusi) per 3% più LE PLUSVALENZE PATRIMONIALI

11 Esempio tassazione IRES Proventi da sponsorizzazione (non collegata a eventi) e come da annotazioni su modello DM ) = (netto IVA) x 3% = 600 = reddito imp. IRES da versare = 600 x 27,5% = 165,00

12 Esempio tassazione IRES con eventi istituzionali L associazione sportiva tennistica dilettantistica Tennis x ha organizzato 2 tornei nel corso del 2013, per i quali ha incassato i seguenti proventi commerciali (dalla somministrazione di alimenti e bevande nonché dalla vendita di gadgets pubblicitari): 1 evento 8.990; 2 evento Dal momento che risulta rispettato sia il limite quantitativo ( ,69) che quello numerico (2), i proventi non dovranno essere assoggettati ad IRES.

13 Secondo esempio tassazione IRES con eventi istituzionali L associazione sportiva tennistica dilettantistica Tennis x ha organizzato 3 tornei nel corso del 2013, per i quali ha incassato i seguenti proventi commerciali 1 evento 8.800; 2 evento evento Totale = Dal momento che risulta superato il limite numerico (2), anche se non quello quantitativo ( ,69), vi sarà tassazione Ires come segue:

14 Secondo esempio tassazione IRES con eventi istituzionali per 3% = 300 per 27,5% (Ires) = 82,5 Se l associazione avesse anche prodotto una plusvalenza pari a il calcolo dell Ires sarebbe il seguente per 3% = 300 più = per 27,5% (Ires) = 357,50

15 L IRAP TRE DIFFERENTI IPOTESI DI DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE 1.Enti che svolgono esclusivamente attività istituzionale; 2.Enti che svolgono attività istituzionale ed occasionalmente attività commerciale, se hanno optato per la legge n. 398/91 3.Enti che svolgono attività istituzionale ed occasionalmente attività commerciale, ma non hanno optato per la legge n. 398/91

16 L IRAP IPOTESI 1 Per gli enti che svolgono esclusivamente attività istituzionale, la base imponibile IRAP si determina con riferimento al cosiddetto metodo retributivo, ed è costituita dall ammontare degli interessi sommati a: retribuzioni spettanti al personale dipendente; compensi per il personale assimilati al reddito di lavoro dipendente; compensi erogati per collaborazioni coordinate e continuative; compensi erogati per attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente. NON CONCORRONO A FORMARE BASE IMPONIBILE I COMPENSI, PREMI ED INDENNITA (Art. 90, Comma 10, legge 289/02)

17 Esempio tassazione IRAP Ipotesi 1 Compensi occasionali: Compensi da prestazioni coordinate e continuative: TOTALE IMPONIBILE: x 4,82% = = IRAP da versare N.B. Nell esempio non è riportata la deduzione base; Se esistono redditi da lavoro dipendente sussistono alcune detrazioni

18 L IRAP IPOTESI 2 Per gli enti che svolgono attività istituzionale ed occasionalmente attività commerciale, se hanno optato per la legge n. 398/91, la base imponibile IRAP si determina : Le retribuzioni come sopra individuate + Reddito forfettario + Interessi passivi

19 Esempio tassazione IRAP ente con attività commerciale occasionale che ha optato per la legge n. 398/91 Ipotesi 2 Compensi occasionali: Compensi da prestazioni coordinate e continuative: Totale : Prestazione da sponsorizzazione : Coefficiente di redditività 3% x 3% = 750 Interessi passivi bancari: 250 Imponibile IRAP: = x 4,82% = 2.458,20 = IRAP da versare N.B. Nell esempio non è riportata la deduzione base; Se esistono redditi da lavoro dipendente sussistono alcune detrazioni

20 L IRAP IPOTESI 3 Per gli enti che svolgono attività istituzionale ed occasionalmente attività commerciale, E NON HANNO optato per la legge n. 398/91, la base imponibile IRAP si determina con il cosiddetto metodo misto che richiede che le due attività siano individuabili Per l attività istituzionale, l Irap si applica con il metodo retributivo di cui sopra, tenendo presente che non vanno considerati i compensi e le retribuzioni relativi al impiegato nell attività commerciale. Per la parte commerciale, invece, la base imponibile si determina applicando le regole proprie previste per le imprese commerciali.

21

22 ADEMPIMENTI DICHIARATIVI - Entro il nono mese successivo alla chiusura del periodo d imposta (generalmente ) spedire telematicamente: - Dichiarazione redditi e - Dichiarazione IRAP

23 VERSAMENTI IRES ed IRAP Entro il GIORNO 16 del sesto mese successivo alla chiusura del periodo d imposta (generalmente 16.06) versare (modello F24 telematico): - Saldo IRES ed IRAP anno precedente + - I Acconto anno corrente (2013= 40% del 100%) ESEMPIO: - Ires dovuta anno precedente = I Acconto = x 100% x 40% = 400 (minimo 103 )

24 VERSAMENTI IRES ed IRAP Entro l ULTIMO GIORNO dell undicesimo mese successivo alla chiusura del periodo d imposta (generalmente 30.11) versare (modello F24): - II Acconto anno corrente (per il 2013: 102,5% del debito d imposta anno precedente al netto di quanto già versato) ESEMPIO: - Ires dovuta anno precedente = I Acconto = x 100% x 40% = 400 (minimo 103 ) - II Acconto = x 102,5% = meno 400 = 625 (min. 20,66 ) TOTALE VERSATO = 1.025

25 L IVA PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Gli enti non commerciali sono soggetti passivi d imposta ai fini Iva solo per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nell esercizio di attività commerciali o agricole. Sono in ogni caso considerate commerciali le seguenti attività: cessione di beni nuovi prodotti per la vendita; erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore; gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale; gestione di spacci aziendali, gestione di mense e somministrazione di pasti; trasporto e deposito (merci e persone); organizzazione di viaggi e soggiorni turistici; prestazioni alberghiere o di alloggio; servizi portuali e aeroportuali; pubblicità commerciale; telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari.

26

27 Regime speciale Iva (Art. 2 Legge n. 398/91 che conferma art. 74 DPR n. 633/72) Per i soggetti ammessi a tale regime, l Iva si determina forfetariamente. All Iva incassata sui corrispettivi relativi alle si applicano le seguenti detrazioni forfetarie: Prestazioni di sponsorizzazione: 10% Cessioni/concessioni di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica: 33,33% Proventi commerciali generici (vendita di biglietti, prestazioni pubblicitarie, ecc.): 50% (C.M , n.165/e)

28 Esempio Liquidazione IVA n. 1 A. Corrispettivi commerciali Iva incassata Detrazione forf. 50% 500 Iva a debito 500 B. Fatture per sponsorizzazione Iva incassata Detrazione forf. 10% 200 Iva a debito C. Fatture per diritti radio-tv Iva incassata Detrazione forf. 33,33% 333 Iva a debito 667 TOTALE IVA DA VERSARE 2.967

29 Esempio Liquidazione IVA n. 2 Nel primo trimestre 2006 l associazione sportiva dilettantistica Alfa ha conseguito i seguenti corrispettivi: dall organizzazione di una manifestazione sportiva (n ingressi a 10 cadauno), comprensivi di IVA 10% pari a 909,09 ( diviso 110 per 10) (IVA 22%) per cartelloni pubblicitari nel luogo dell evento; dalla vendita di cappellini, magliette, ecc. durante l evento, comprensivi di IVA 22% pari a 180,32 (1.000 diviso 122 per 22)./.

30 Continua esempio Liquidazione IVA n. 2 Sono state sostenute le seguenti spese: come compenso agli atleti partecipanti all evento sportivo; per la stampa dei cartelloni pubblicitari; per l acquisto di cappellini, magliette, ecc.. L IVA dovuta è così determinata: 909, ,32 = 1.529,42 737,88 (detrazione 50%) = 764,71

31 Erogazione dei compensi Sui compensi comunque denominati, comprese le indennità di trasferta, rimborsi forfetari, premi nel periodo d'imposta allo stesso soggetto (anche non residente R.M , n. 142/E) erogati dalle associazioni per un importo non superiore a (fino al ,57), il sostituto d'imposta non effettua alcuna ritenuta, ma si limita a rilasciare la certificazione delle somme erogate (andrà comunque presentato il mod. 770) DUE CONDIZIONI 1 - Che il soggetto erogante sia una società o una associazione sportiva dilettantistica riconosciuta dal CONI, dalle FSN, dall UNIRE, dagli EPS o da qualsiasi organismo, comunque denominato, che persegua attività sportive dilettantistiche; 2 Che ci si trovi nell esercizio di attività sportive dilettantistiche (esempio)

32 Erogazione dei compensi In presenza di più sostituti d'imposta il percipiente dovrà autocertificare all'atto del pagamento, eventuali compensi della stessa natura già percepiti, al fine di consentire la verifica del raggiungimento del suddetto limite.

33 Erogazione dei compensi Per i compensi superiori a (franchigia) l Associazione dovrà operare: Una ritenuta a titolo d imposta sugli ammontari successivi fino a ,28 (scaglione tra e ,28 = ,28 Ai fini della determinazione delle aliquote la parte assoggettata a ritenuta d imposta concorre a formare il reddito complessivo art. 25 L. n. 133/99 ) Una ritenuta a titolo di acconto sugli ammontari eccedenti la soglia di ,28

34 Erogazione dei compensi ESEMPIO 1: Soggetto con compensi annui per Fino a Non soggetto a tassazione; - Successivi 500 Ritenuta d imposta 23% + Add. Locali Euro 115 COMPENSO NETTO ( ) = 7.885

35 Erogazione dei compensi ESEMPIO 2: Soggetto con compensi annui per Fino a Non soggetto a tassazione; - Successivi Ritenuta d imposta 23% + Add. Locali Euro COMPENSO NETTO ( ) =

36 Erogazione dei compensi ESEMPIO 3: Soggetto con compensi annui per Fino a Non soggetto a tassazione; - Successivi ,28 Ritenuta d imposta 23% + Add. Locali Euro 4.751,40 - Successivi 1.841,72 (in ex 740) Ritenuta d acconto 23% + Add. Locali Euro 423,60 COMPENSO NETTO ( ,40 423,60) =

37 PREMIO DI ADDESTRAMENTO E FORMAZIONE TECNICA E esente IVA per tutte le associazioni sportive dilettantistiche ivi comprese per quelle che non optano per la L. 398/91 (art. 2, co. 1, DL 485/96 conv. nella L , n. 586) Tassabile ai fini IIDD per chi non ha optato per la legge 398/91 NON Tassabile ai fini IIDD per chi ha optato per la legge 398/91

38 IVA sugli INGRESSI degli SPETTACOLI SPORTIVI: Generalmente si applica l aliquota del 20% prevista per le attività di spettacolo. Tuttavia, dall , viene stabilita l aliquota Iva del 10% per gli ingressi agli spettacoli sportivi fino a 12,91 (art. 6, co. 11, L. 133/1999). In pratica: per il prezzo d ingresso al netto dell Iva fino a 12,91, si applica l Iva del 10%; per il prezzo d ingresso al netto dell Iva superiore a 12,91, si applica l Iva del 20%.

39 INGRESSI GRATUITI dall non sono imponibili Iva le prestazioni di servizi relative agli spettacoli e alle altre attività elencate nella Tabella C, D.P.R. 633/1972 rese ai possessori di titoli di accesso (biglietti) gratuiti. Gli organizzatori possono usufruire della non imponibilità Iva nel limite massimo del 5% dei posti totali disponibili.

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche

Associazioni Sportive Dilettantistiche http://www.amministrazioneaziendale.com/associazioni-sportive-dilettantistiche.php Associazioni Sportive Dilettantistiche Negli ultimi anni l attività sportiva dilettantistica ha ricevuto particolare attenzione

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.24/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 aprile 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Sanatorie fiscali Associazioni sportive dilettantistiche, associazioni senza fini

Dettagli

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO La legge 398/91 a cura di: Introduzione Associazione sportiva dilettantistica con personalità giuridica Associazione sportiva dilettantistica senza personalità giuridica Società

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV CORSO DI FORMAZIONE 2014 Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV LEGGE 398 DEL 16/12/1991 REQUISITI OGGETTIVI Esercizio dell opzione Rispetto del limite dimensionale non superiore

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie A cura del Settore Affiliazioni della FCI Che cos è un Associazione

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE ASPETTI PREVIDENZIALI E INAIL Art. 81, c. 1, lett. m) D.P.R.

Dettagli

LEGGE N. 398 DEL 1991

LEGGE N. 398 DEL 1991 LEGGE N. 398 DEL 1991 A CHI SI APPLICA LA LEGGE a) A tutte le associazioni sportive dilettantistiche non riconosciute, ex art. 36 del codice civile, affiliate alle federazioni sportive nazionali o agli

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

LA NORMATIVA FISCALE RIGUARDANTE LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

LA NORMATIVA FISCALE RIGUARDANTE LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE SPORT: OLTRE IL GESTO TECNICO Corso di formazione base per dirigenti sportivi, allenatori e appassionati Area giuridico fiscale 22 ottobre 2007 GIACOMO MAURINI LA NORMATIVA FISCALE RIGUARDANTE LE ASSOCIAZIONI

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

Il punto su sport dilettantistico e fisco

Il punto su sport dilettantistico e fisco Il punto su sport dilettantistico e fisco 5 /7/ 2011 09:30 14:30 Sarmeola di Rubano Villa Borromeo Il contratto di sponsorizzazione sportiva : aspetti fiscali Dott. Luca Caramaschi 2 Definizione Concessione,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Legge 16 dicembre 1991 n. 398. Normativa riservata alle associazioni. Permette di determinare a forfait. Reddito di Impresa. Altre agevolazioni

Legge 16 dicembre 1991 n. 398. Normativa riservata alle associazioni. Permette di determinare a forfait. Reddito di Impresa. Altre agevolazioni Legge 16 dicembre 1991 n. 398 Normativa riservata alle associazioni Permette di determinare a forfait Reddito di Impresa IVA Altre agevolazioni 1 Art. 1 - Esercizio dell' opzione Le associazioni sportive

Dettagli

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio Gli Enti Associativi - definizione Un ente associativo è una persona giuridica privata, ossia un complesso organizzato di persone

Dettagli

Fiscalità delle A.S.D. Dott.Federico Pascale Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Modena

Fiscalità delle A.S.D. Dott.Federico Pascale Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Modena Fiscalità delle A.S.D. Dott.Federico Pascale Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Modena 1 Forme giuridiche Attività istituzionali - commerciali ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA Regimi fiscali

Dettagli

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 Funzionari relatori: DE LUCA VALERIA ORLANDO STEFANO MODELLO EAS 1 LA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE

ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE Circolare informativa per la clientela n. 18/2013 del 6 giugno 2013 ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE In questa Circolare 1. Enti associativi Norme del D.P.R. 917/1986 2.

Dettagli

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista Livorno, 9 Maggio 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista ENTE SPORTIVO DILETTANTISTICO La natura di Ente Sportivo Dilettantistico si acquisisce: 1. l affiliazione ad

Dettagli

Regime fiscale agevolato, compensi ed obblighi dichiarativi delle associazioni sportive dilettantistiche

Regime fiscale agevolato, compensi ed obblighi dichiarativi delle associazioni sportive dilettantistiche Regime fiscale agevolato, compensi ed obblighi dichiarativi delle associazioni sportive dilettantistiche 1 Sommario 3. Il regime fiscale agevolato (legge n. 398/1991) 3.1 Presupposti soggettivi di applicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

PAGAMENTO COMPENSI MAESTRI

PAGAMENTO COMPENSI MAESTRI 1 PAGAMENTO COMPENSI MAESTRI La Legge Finanziaria per il 2005 ha portato, finalmente, la modifica dell art.67 del Tuir ; modifica che consente di trattare come redditi diversi i compensi erogati ai maestri

Dettagli

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE - a cura Federico Gavioli - Prima di inoltrarsi nell analisi relativa alle esenzioni dal pagamento

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

Roma 19 gennaio 2011 prot. n. 11.942. Spett.le

Roma 19 gennaio 2011 prot. n. 11.942. Spett.le Roma 19 gennaio 2011 prot. n. 11.942 Spett.le LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE A LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B LEGA PRO LEGA NAZIONALE DILETTANTI UFFICIO AMMINISTRAZIONE F.I.G.C. LORO SEDI Si

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche.

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche. Enti no profit (associazioni) Una organizzazione no profit si caratterizza per il fatto che, non avendo scopo di lucro e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente

Dettagli

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli

PUBBLICITA E SPONSORIZZAZIONI.

PUBBLICITA E SPONSORIZZAZIONI. PUBBLICITA E SPONSORIZZAZIONI. Comma 8 Art.90 Il corrispettivo in denaro o in natura in favore di, associazioni sportive dilettantistiche.omissis. riconosciuta dalle federazioni sportive nazionali o da

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA INDICE INTRODUZIONE 5 1. L ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA 6 Associazioni e società sportive dilettantistiche 6 L iscrizione al

Dettagli

LA PERSONALITA GIURIDICA

LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA delle Associazioni RICONOSCIUTE (ARTT. 12 35 CODICE CIVILE) dotate di personalità giuridica - rispondono solo con il patrimonio sociale - il riconoscimento

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA 1 l agenzia in f orma 2007 LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA 1 l agenzia in f orma 2007 LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA INDICE

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

Scadenziario Febbraio 2015

Scadenziario Febbraio 2015 Studio Creanza & Partners Creanza rag. Flavio D Onofrio rag. Loredana Stramazzo dott.ssa Caterina Scadenziario Febbraio 2015 1 Domenica Soggetti con partita Termine iniziale per la presentazione telematica

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche DISPOSIZIONI E ADEMPIMENTI FISCALI PER L ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA 1 REQUISITI FORMALI la COSTITUZIONE Ai sensi dell art. 90 L. 289/2002 e

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI.

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. Franca Della Pietra Dottore Commercialista - Revisore legale dei conti - Trento Via

Dettagli

RISOLUZIONE N. 45/E. Roma, 6 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 45/E. Roma, 6 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 45/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Obbligo di tracciabilità dei pagamenti e versamenti delle Associazioni sportive dilettantistiche - Vigenza

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

REGIMI CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILRTTANTISTICHE

REGIMI CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILRTTANTISTICHE REGIMI CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILRTTANTISTICHE 1 Regimi contabili e di determinazione dell imponibile Sostanzialmente, in base alla normativa in

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi Riforma Biagi 1 Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi - Dott. Roberto Bresci - Riforma Biagi 2 Ambito normativo Legge 133/1999 Legge 342/2000 Legge 289/2002 (Finanziaria 2003) D. Lgs.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Le Associazioni Sportive Dilettantistiche

Le Associazioni Sportive Dilettantistiche Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna Le Associazioni Sportive Dilettantistiche Aspetti fiscali ed operativi Week end formativo in bicicletta con lo IUS Bologna Cortina d Ampezzo

Dettagli

Corso di Aggiornamento per Dirigente Societario Area Nord Aspetti Fiscali

Corso di Aggiornamento per Dirigente Societario Area Nord Aspetti Fiscali Corso di Aggiornamento per Dirigente Societario Area Nord Aspetti Fiscali 06/11/2015 1 SOMMARIO 1. Inquadramento generale 2. La disciplina fiscale degli Enti non commerciali 3. Il regime fiscale agevolato

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 123/E Roma, 07 novembre Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. 2006/155146 OGGETTO: Istanza di interpello Art.1 della legge n. 398 del 1991 Superamento nel periodo d imposta del

Dettagli

CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna

CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna lunedì 6 marzo 2006 Relatore: Dott.ssa Roberta Gaudenzi, Consulente

Dettagli

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014 INFORMAT N. 329 29 DICEMBRE 2014 Si riportano di seguito le principali scadenze del PRIMO TRIMESTRE 2015. A seguito dell entrata in vigore delle semplificazioni contenute nel D.Lgs. n. 175/2014 alcuni

Dettagli

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali 1 AMBITO CIVILISTICO AMBITO TRIBUTARIO FINALITA perseguimento di uno scopo di natura ideale non valutabile economicamente OGGETTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo)

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo) SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 Entro martedì 3 (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 è festivo) DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi gli enti associativi che abbiano

Dettagli

Le associazioni sportive e il fisco

Le associazioni sportive e il fisco Capitolo II Le associazioni sportive e il fisco 1 - ATTIVITA ISTITUZIONALE Le associazioni sportive in possesso dei requisiti indicati nel paragrafo 2.1 si qualificano come enti non commerciali di tipo

Dettagli

ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI

ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI - IMPOSTE SUL REDDITO (IRES) - OBBLIGHI DICHIARATIVI - IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (IRAP) - AGEVOLAZIONI/ESENZIONI

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI DICEMBRE 2014

SCADENZE DEL MESE DI DICEMBRE 2014 SCADENZE DEL MESE DI DICEMBRE 2014 Entro lunedì 1 dicembre (il 30 novembre è festivo) LAVORO/COMMITTENTI. DICHIARAZIONI E 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi gli enti associativi che abbiano instaurato

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano.

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano. Cos è l Irap? E una sorta di tassa sul costo del lavoro. Se l associazione ha personale dipendente, un collaboratore a progetto o delle prestazioni di lavoro autonomo occasionale deve pagare l Irap su

Dettagli

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale I rapporti con collaboratori e tecnici Le possibili soluzioni rispetto alla normativa attuale A cura di Maurizio Annitto La Spezia 10 maggio 2014 Circolare del

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE SCADENZARIO PER LE ASD Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così come stabilito dall art.7

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE ASSOCIZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE ASSOCIZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE ASSOCIZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INDICE INTRODUZIONE 1. L ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA Associazioni e società sportive dilettantistiche L iscrizione al CONI I primi

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Società Sportive Dilettantistiche a Responsabilità Limitata senza fine di lucro. Aspetti economici, contabili e modelli dichiarativi

Società Sportive Dilettantistiche a Responsabilità Limitata senza fine di lucro. Aspetti economici, contabili e modelli dichiarativi Società Sportive Dilettantistiche a Responsabilità Limitata senza fine di lucro Aspetti economici, contabili e modelli dichiarativi Rag. Comm. Giacomo Camerota ODCEC Latina Aspetti fondamentali per il

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2015

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2015 SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2015 Entro lunedì 1 giugno (il 31 è festivo) LAVORO/COMMITTENTI. DICHIARAZIONI E COMUNICAZIONI. IMPOSTE E TARIFFE. Entro venerdì 5 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi

Dettagli

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006).

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006). PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 agosto 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala che

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO

DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO Il Diritto annuale è dovuto da tutte le imprese iscritte o annotate nel Registro delle imprese della Camera di commercio. PER L ANNO 2012 Il D. Lgs. n. 23/2010 ha introdotto

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

LE NUOVE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

LE NUOVE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE NUOVE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Con i decreti delegati approvati dal Governo nella seconda metà del 97 e con la finanziaria 98 il sistema fiscale italiano è

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 23 del 30 settembre 2009 Enti associativi e società sportive dilettantistiche - Comunicazione all Agenzia delle Entrate dei dati fiscalmente rilevanti - Approvazione

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.45 del 25 Marzo 20 Lo scadenziario di Aprile 20 Ai gentili clienti Loro sedi Gentile cliente, con la presente desideriamo fornirle uno scadenziario dei principali adempimenti

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

Studio Aldrovandi. Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013

Studio Aldrovandi. Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 marzo 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala

Dettagli

Rag. VITO MAURIZIO CULICCHIA - Commercialista - Revisore dei Conti

Rag. VITO MAURIZIO CULICCHIA - Commercialista - Revisore dei Conti Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2014 AL 15 MARZO 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2014 al 15 2014, con il commento

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2011

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2011 Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2011 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 dicembre 2011, con il commento

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

MODELLO 770 SEMPLIFICATO Dichiarazione dei Sostituti di Imposta per l anno 2009

MODELLO 770 SEMPLIFICATO Dichiarazione dei Sostituti di Imposta per l anno 2009 MODELLO 770 SEMPLIFICATO Dichiarazione dei Sostituti di Imposta per l anno 2009 PER COMUNICARE IN VIA TELEMATICA: ritenute operate nell anno 2009 dati contributivi dati assicurativi E DUNQUE DOVRA CINTENERE

Dettagli