GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI. LA HOLDING DI DIRITTO IRLANDESE Brevi cenni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI. LA HOLDING DI DIRITTO IRLANDESE Brevi cenni"

Transcript

1 GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI LA HOLDING DI DIRITTO IRLANDESE Brevi cenni

2 Irlanda: La Holding di diritto Irlandese e possibili strategie di investimento Premessa Nonostante la sua reputazione innovatrice nel campo della tassazione delle società, l Irlanda non è mai stata considerata una prima scelta per la localizzazione di società holding. Il governo Irlandese,fin dai primi anni 50, si è sempre concentrato sull incentivazione occupazionale e quindi sull apertura di mercati quali il manifatturiero e quello del export. Avendo mancato la fase della rivoluzione industriale nel corso del diciottesimo e diciannovesimo secolo, e non essendo sede di società multinazionali domestiche, a metà del ventesimo secolo, il governo aveva priorità ben più imminenti che quelle di gareggiare con giurisdizioni più benevoli sul tema holding, quali la Svizzera, i Paesi Bassi e il Lussemburgo. L obiettivo delle riforme fiscali era dunque quello di attrarre investimenti stranieri diretti, favorendo occupazione e formazione del personale. Certo è che negli ultimi anni, si è assistito ad una tendenza fortemente riformatrice in campo fiscale e finalizzata ad incentivare tutti i tipi di investimento. Fermo restando quanto appena affermato, non si è giunti ad una compiuta disciplina in tema di holding. Tutto ciò considerato, in questo breve excursus si vuole delineare la disciplina applicabile alle società holding di diritto irlandese ed analizzare, sommariamente, le possibilità di investimento offerte da questo Paese. In modo particolare si porrà l accento sulle cosidette trading company Le società Holding non necessitano di adottare forme giuridiche particolari. Tutte le società possono essere costituite secondo il Companies Act del periodo ed assumere il ruolo di holding per l esercizio dell attività di detenzione di partecipazioni. La costituzione di una società, è una procedura relativamente semplice e richiede,normalmente, dalle quattro alle sei settimane. Nel quadro di una sempre più vasta globalizzazione dell economia e di un accesa concorrenza transnazionale anche la valutazione degli aspetti fiscali e della loro incidenza

3 sul reddito prodotto possono essere considerati determinanti fattori nelle scelte di localizzazione dei piani strategici aziendali a lungo termine. Il conveniente sistema fiscale irlandese, rispetto ad altri in vigore nell area Ue, offre, in tal senso, opportunità d'investimento allettanti. Vediamole in dettaglio. L'attuale situazione economica internazionale spinge sempre più i singoli Stati ad evitare il trasferimento verso l estero di insediamenti produttivi o, in senso opposto, a cercare di attirare, con regimi fiscali meno «pressanti», investimenti stranieri. Il rapporto di forza Stato-impresa e la tendenza a definire dannosa la concorrenza di alcuni Paesi, che mirano a risanare o rilanciare le proprie economie domestiche attraverso la creazione di regimi fiscali appetibili, ha generato un turbinio di reazioni a livello internazionale, nonché l inasprimento dei rapporti diplomatici tra gli Stati a regime fiscale ordinario e gli altri, dotati di un sistema di tassazione sui redditi delle persone giuridiche cosiddetto privilegiato. Pur tuttavia, la concorrenza fiscale internazionale non ha rappresentato un fenomeno dal quale l Unione Europea è uscita indenne. Infatti, il consiglio Ecofin ha più volte individuato in alcuni sistemi fiscali di paesi membri elementi distintivi di quel fenomeno definito appunto «concorrenza fiscale sleale». Tra gli Stati dell'unione Europea posti sotto la lente d ingrandimento del consiglio Ecofin vi è stata anche la Repubblica di Irlanda, la quale della riforma del sistema tributario ha fatto il proprio cavallo di battaglia per rilanciare lo sviluppo economico ed il settore occupazionale. Infatti, i dati macroeconomici dimostrano come gli interventi strutturali sul sistema fiscale irlandese abbiano permesso al paese di raggiungere livelli soddisfacenti di sviluppo al di sopra della media europea. Questo non consente di annoverare l Irlanda tra gli Stati denominati «paradisi fiscali», più volte classificati ed elencati con decreti del Ministero delle Finanze (ad esempio: Bahamas, Montecarlo, Liechtestein), che consentono la costituzione di società esenti da imposte, le quali successivamente effettuano, anche grazie alle moderne tecnologie, investimenti finanziari in ogni parte del mondo oppure percepiscono compensi per l uso di brevetti, marchi o diritti di licenza. L opportunità di localizzare in Irlanda un investimento produttivo al fine di beneficiare di un regime fiscale «normale» appare oggi motivo per una scelta strategica del tutto lecita, in linea con le direttive comunitarie in tema di fiscalità d impresa e non in contrasto con le recenti normative nazionali in tema di elusione. Quadro fiscale generale in tema di holding L Irlanda ha un sistema fiscale completo, comprendente l imposta sul reddito delle persone fisiche, l imposta sul reddito delle società, l imposta sui capital gains, l imposta sull acquisto di capitali, l imposta sul valore aggiunto e l imposta di bollo. L imposta sul reddito delle società si applica sul reddito worlwide ed ai capital gains conseguiti da una società residente, considerata tale se costituita ex diritto irlandese, o se la gestione della stessa e il di lei controllo sono qui concentrati. Tale presunzione è superata se la società è controllata o diretta da uno o più soggetti residenti in un altro stato membro della UE od altro paese con cui l Irlanda ha concluso un Trattato contro le doppie imposizioni.

4 Appare utile in questo contesto, analizzare, senza alcuna pretesa di esaustività, la normativa fiscale applicabile alle holding di diritto irlandese. Per scopo precipuo delle stesse, l attenzione verrà posta sull imposizione inerente capital gains ed utili In base a quanto fin qui esposto constatiamo come l aliquota del 12,5% si considerata aliquota standard e si applichi ai redditi promananti dalla conduzione di affari in tutto o parte dell Irlanda. Il reddito speculativo ed di alcune attività d affari ( expected operations) scontano l imposta ad un aliquota superiore pari al 25%. Trattasi di particolari attività riferite al commercio, sviluppo dei terreni, alla lavorazione dei minerali ed all attività petrolifera. Per i soci, assumono rilievo l imposta sui redditi e sui capital gains e l imposta di bollo. Le distribuzioni di utili e di dividendi da parte di società residenti sono sottoposte ad imposta sul reddito; le persone fisiche sono soggette ad un aliquota del 20% fino a e del 41% per gli importi superiori. Trova altresì applicazione una ritenuta d acconto del 20% che costituisce pagamento in acconto da scomputarsi nelle dichiarazioni dei contribuenti il cui reddito si colloca nello scaglione più elevato. Molti contribuenti/soci possono evitare tale ritenuta ove soddisfino le condizioni in appresso. Le persone fisiche residenti in uno stato con il quale l Irlanda abbia stipulato dei Trattati contro le doppie imposizioni possono evitare l applicazione della ritenuta consegnando alla società erogante un certificato di residenza fiscale in quello stato. Le società non residenti possono evitare l applicazione della stessa consegnando alla società erogante una certificato emesso da revisori dello loro casa madre, che attesti che le azioni di quest ultima sono quotate e scambiate presso una Borsa Valori Ufficiale, o presentando un certificato che attesti che la casa madre è residente fiscalmente in uno Stato con cui L Irlanda abbia stipulato dei Trattati. In alternativa, una società fiscalmente residente in un Paese aderente Ue, che detenga una partecipazione del 5% o superiore del capitale sociale della società irlandese, può ricevere i dividendi lordi, i.e. senza ritenuta, in ossequio alla applicazione della direttiva Madre-Figlia. I capital gains realizzati a seguito delle vendita di azioni o quote in una società, indipendentemente dal fatto che sia incorporata in Irlanda o se ivi fiscalmente residente, sono tassabili nel Paese con l applicazione di un aliquota secca del 20% se le azioni o quote fanno dipendere il loro valore o la maggior parte del loro valore da terreni nazionali o minerali di provenienza irlandese. La distribuzione di dividendi ed utili, nonché ogni altro rapporto qualificante ai fini fiscali come assimilati ai dividendi effettuati da una società residente sono esenti dall imposta. Tale esenzione non si applica in caso di dividendi ricevuti da società non residente tassati con aliquota al 25%, cui va scomputata una ritenuta pari al prelievo già subito nello stato 2erogante, Le deducibilità delle spese, operante per le società che esercitano attività di impresa vera e propria, non trova applicazione invece per le holding, in cui la deducibilità è confinata alle spese di gestione, salvo che il titolare del reddito non sia una società di investimento. Come già riferito, i dividendi ricevuti da una società soggetta ad imposta irlandese differenti dalle distribuzioni da società residente, sono incisi a tassazione all aliquota del 25%

5 Tuttavia per il caso pocanzi evidenziato, cioè a dire una partecipazione detenuta per almeno il 5%, l impatto effettivo è mitigato da un credito di imposta. Il foreign tax comprende ogni ritenuta d acconto applicata dallo stato della fonte sul dividendo oltre ad una parte proporzionale costituita dall onere impositivo nazionale o locale, sopportato dalla stessa società erogante sui profitti nello stato di residenza ed all imposta applicata da un paese terzo riconducibile ai profitti che hanno generato il dividendo. I principi fondamentali in tema di credito di imposta sono annoverati negli artt del Corporate tax law, nonché nello schema 24 del Taxes Consolidation Act La regola è che ogni qual volta si in vigore un trattato tra Irlanda e stato estero fonte è riconosciuto un credito di imposta da fare valere nei confronti di ogni imposta irlandese applicabile rispetto ad ogni tipologia di reddito... tale credito è limitato al minore fra l aliquota effettiva irlandese, da una parte, e l aliquota d imposta estera riconducibile al dividendo di provenienza estera, dall altra. La fattispecie de qua fu estesa anche a fattispecie non coperte da Trattato, ad opera del Finance Act Tale orma di incentivo fiscale, fu confinata a dividendi ricevuti da partecipazioni del 25% o più, ovvero da una consociata di una casa madre residente in un paese Ue. Qualora il requisito della partecipazione fosse verificato, a prescindere dal trattato, l imposta accreditabile deve includere non soltanto la ritenuta alla fonte sul dividendo, ma anche una parte proporzionale delle imposte sui profitti della società erogante, assolte nello stato della fonte. Tale diritto continua verso il basso, interessando le eventuali consociate con una partecipazione detenuta sempre di almeno il 25%, creando presupposti per un accesso illimitato al credito di imposta per le imposte assolte all estero all interno di gruppi multi-livello. Il finance act 2004 introdusse ulteriori approfondimenti, mediante la riduzione della percentuale di possesso dal 25% al 5% e l estensione della portata del credito di imposta alle imposte statali e locali assolte all estero, il permettere di riguardare l imposta irlandese sostenuta dalla società partecipata come assolta all estero ai fini fiscali per il riconoscimento del credito, il facilitare l onshore pooling del credito stesso. Con tale termine si intende la miscelazione delle imposte applicate da più di una giurisdizione estera. In sintesi i dividendi ricevuti da una società holding irlandese da fonte estera sarebbero incisi al 25% (12,5% nel caso di attività commerciali). Prima del 2004 il meccanismo operava su una base source by source, con il credito per imposte assolte all estero ristretto all imposta irlandese applicabile sul dividendo. Ove il credito avesse ecceduto tale imposta, il credito residuo sarebbe andato perduto. Con il finance act 2004 venne modificato tale approccio, potendo ora assoggettare tutti i crediti sui dividendi stranieri ricevuti senza limitazioni. Sebbene i dividendi ricevuti da fonte estera siano generalmente tassabili al 25% il credito di imposta derivante dalla ritenuta subita e dalle imposte applicate sui profitti nello stato della fonte ridurrebbe o eliminerebbe tale carico fiscale, estendo la possibilità di portare in compensazione in successivi esercizi l eventuale residuo. Tale beneficio è applicabile, nel caso delle holding,

6 per ovvie ragione maggiormente interessate alla norma, solamente nel caso in cui si tratti di società correlata alla holding, i.e da quel soggetto nel quale il percipiente il dividendo ha una partecipazione maggiore o uguale al 5% del capitale, sia essa diretta o indiretta. Prima dell emendamento 2004, tale meccanismo si poteva ugualmente raggiunge solo per il tramite di una società olandese mixer. Non si nega che tale escamotage generasse un incremento degli oneri gestionali. Al tema dei capital gains è legato il meccanismo della partecipation exemption, esteso nella sua applicazione dal Finance act 2005, e sicuramente meno stringente rispetto al regime previsto dal nostro Tuir all art 87. Ai fini applicativi si richiede la residenza della partecipate in uno stato ue, o in un paese con cui l Irlanda ha concluso dei trattati e la detenzione per un periodo non inferiore a 12 mesi, di partecipazioni che rappresentino almeno il 5% del capitale sociale o del diritto di partecipazione agli utili. La legislazione contiene misure antielusive per evitare, che nei casi di esenzione del capital gaing, sia dia luogo a minusvalenze deducibili. La detenzione di partecipazioni ai fini iva è attività esente. L applicazione di un aliquota al 21% è prevista nel caso in cui tale società presti servizi di gestione a favore di terzi, solo nel caso in cui il fatturato superi i L imposta di bollo (Stamp Duty) dell 1% si applica al valore delle transazioni in azioni. A tale scopo si aggiunge che la normale attività di impresa è soggetta ad aliquota del 21%. Sono altresì previste aliquote agevolate (vedi aliquota al 4,8% per commercio ovini, bovini ecc..) Non esistono tasse sulla ricchezza ma è prevista un imposta sulle successioni e donazioni (Capital Acquisition Tax) che trova applicazione sulle acquisizioni perfezionatesi ad una prezzo inferiore a quello dei mercati dei beni, ovvero ad un corrispettivo nullo da una società irlandese o a favore di essa o da una persona fisica fiscalmente residente. Lo stesso accade in caso di soggetti non residenti. L aliquota è del 20%, pagabile da soggetto destinatario della donazione o dell eredità Nota: le società che vengono create con residenza in Irlanda sono soggette a tassazione per quanto riguarda la totalità dei proventi ottenuti mentre le società non domiciliate fiscalmente in Irlanda ma che operano attraverso una filiale o un agenzia sono soggette all imposizione soltanto per la parte di utili generate da tali filiali o agenzie. Nota Iva: Normalmente il periodo base di determinazione dell Iva dovuta è bimestrale e il pagamento va effettuato entro il giorno 19 del mese successivo alla scadenza del periodo. Si può pagare con bonifico bancario oppure in via telematica tramite il Revenue Online Service (Ros). La base imponibile corrisponde al corrispettivo pagato o dovuto dal cessionario e include tutte le tasse, i costi e le commissioni applicabili tranne la Vat che grava su tali costi aggiuntivi. Normalmente la Vat si rende esigibile con l emissione della fattura che ne espone l importo dovuto, tuttavia alcuni contribuenti possono optare di far coincidere l esigibilità con il momento del pagamento del corrispettivo. I soggetti Vat hanno il diritto di sottrarre l imposta che è stata loro addebitata per acquisti inerenti la loro attività sottraendola da quella dovuta in ragione delle vendite effettuate mentre tale diritto non spetta se lo scopo degli acquisti non riguarda l attività.

7 Scelta della Struttura giuridica delle società e aspetti particolari della normativa La disciplina fiscale che ha introdotto in Irlanda la Coorporation Tax, con un'aliquota pari al 12,5% degli utili prodotti da società di capitali, non prevede particolari limitazioni circa la forma giuridica che devono assumere i soggetti che intendono avvalersi di detto beneficio. Una prassi, oramai consolidata, ha suggerito ai numerosi investitori, nazionali e stranieri, di adottare la forma della Limited Liability Company una sorta di società a responsabilità limitata con la quale si ottengono numerosi vantaggi, soprattutto in termini di: 1) tempi di costituzione e ammontare del capitale sociale versato; 2) responsabilità degli amministratori; 3) facilitazioni nella costituzione da parte di soggetti, persone fisiche non residenti. Approfondendo l elencazione dei vantaggi connessi all utilizzo della veste giuridica del tipo L.L.C. emerge, prima facie, che i tempi di costituzione di quest ultima sono di dieci giorni lavorativi e il capitale sociale «versato» può essere figurativamente pari a 1 euro se trattasi di società a socio unico; in tutti gli altri casi (due o più soci) il capitale richiesto per legge deve essere pari a un minimo di 2 euro. Inoltre, la condizione della presenza nel consiglio di amministrazione della L.L.C. di soggetti residenti in Irlanda può essere comodamente aggirata fornendo alle autorità fiscali competenti una fideiussione del valore di ,00 euro. Lo scopo del rilascio di questa fideiussione, che può essere bancaria e/o assicurativa, è quello di garantire, in parte, le eventuali obbligazioni di pagamento derivanti dalla comminazione, da parte delle autorità fiscali irlandesi, di sanzioni amministrative nei confronti della società per inosservanza delle disposizioni contenute nel Companies Act o nel Taxes Consolidation Act. Struttura dell investimento e opportunità fiscali L introduzione dell aliquota del 12,5% sul reddito prodotto dalle persone giuridiche residenti nel territorio irlandese è stata subordinata al rispetto di alcune condizioni, di fatto e di diritto, il mancato verificarsi delle quali comporta l automatica esclusione dalla categoria dei soggetti che possono beneficiare del particolare livello di tassazione appena descritto. Infatti, l Amministrazione finanziaria irlandese si è più volte pronunciata sull appartenenza di alcuni contribuenti alla categoria dei soggetti ai quali le disposizioni in commento riservano l aliquota del 12,5% sui profitti. Il trattamento fiscale riservato a questi contribuenti, i quali dovranno avere come oggetto sociale lo svolgimento di attività cosiddette di trading, non sempre è facile da applicare a causa dei dubbi interpretativi generati dalla normativa di riferimento. Le frequenti verifiche delle condizioni di appartenenza alla categoria delle società di trading da parte dell Amministrazione finanziaria sono sovente caratterizzate da severe sanzioni amministrative. Per questo motivo, l istituto dell interpello (i.e. tax opinion) appare una formula di autotutela suggerita dalle stesse autorità fiscali. Infatti, l Amministrazione finanziaria, attraverso l emanazione di numerosi circolari, ha più volte esortato i contribuenti a richiedere pareri agli esperti del Ministero delle Finanze per meglio definire la tipologia di attività posta in essere e l appartenenza di questa alla categoria delle «trading company». Talvolta, la difficoltà di catalogare una certa attività d impresa come «trading» suggerisce,

8 soprattutto all investitore straniero, di rivolgersi alle autorità fiscali irlandesi, al fine di meglio comprendere la natura e gli scopi ai quali il soggetto giuridico di futura costituzione dovrà ispirarsi per poter beneficiare del regime fiscale del 12,5%. L esame della normativa di riferimento può essere un utile strumento di analisi a descrizione dei principali requisiti che una «nuova società» deve rispettare per poter essere definita, appunto, «trading company». La Sezione 3 del Taxes Consolidation Act del 1997 descrive in maniera puntuale le attività che possono essere giuridicamente incluse nel «trade» come «every trade, manifacture or concern in the nature of trade». L esperienza di common law e le raccolte giurisprudenziali rappresentano un ulteriore linea guida per il contribuente. Infatti, le regole derivanti dai cases law inclusi nella relazione della Royal Commision on Taxation of Profit and Income, accettati ed approvati come vincolanti dalle Corti Irlandesi, rappresentano un naturale commentario alla già snella normativa fiscale sulle trading company. Secondo alcune statistiche elaborate dal Ministero delle Finanze irlandese, il numero delle controversie sulla effettiva classificazione ed inclusione di società nella categoria delle trading company non supera il 2,5% dei casi esaminati. La normativa, inoltre, include in questo gruppo le società manifatturiere che trattano articoli di qualsiasi genere, incluse le commodities, nonché le società di servizi; anche queste attività secondo l Amministrazione finanziaria irlandese «meets the requirements of these regime qualified for the 12,5% tax rate». Nonostante l assoluta assenza di controversie tra l Amministrazione finanziaria irlandese e i contribuenti sulla «vexata questio» della trading company, le autorità di Dublino hanno voluto precisare alcuni casi particolari sui quali maggiori sono stati i dubbi dei contribuenti circa l esatta collocazione delle attività poste in essere da questi ultimi. Presupposti dell attività di trading La stretta correlazione tra il reddito prodotto e l attività svolta è la prima condizione richiesta dalla normativa fiscale irlandese per poter considerare una società rientrante nella categoria delle trading company. La prima essenziale condizione affinché l attività posta in essere dal contribuente sia definibile «trading activity» è che «the company concerned must carry on business activities from which its income derives». La stretta correlazione tra il reddito prodotto e l attività svolta è la prima condizione richiesta dalla normativa fiscale irlandese per poter annoverare una società tra le trading company. Trattasi di questione non di rango secondario, poiché l effettiva operatività nel settore dichiarato ed indicato sia nell atto costitutivo sia dalle autorità fiscali irlandesi rappresenta uno degli elementi importanti per evitare che la stessa Amministrazione fiscale italiana intraveda, nella localizzazione «extra moenia», una manovra elusiva per ridurre la pressione fiscale, sottraendo ricavi a tassazione. Pertanto, vi deve essere una valida ragione economica alla base dell operazione di localizzazione all estero di una società di tal genere, imponendosi, inoltre, l effettiva sussistenza in Irlanda di una struttura operativa che giustifichi la presenza della compagine sociale in quel paese. L Amministrazione finanziaria ha, altresì, individuato nella natura del «trade» posto in essere e nella specifica professionalità degli amministratori, soprattutto se soggetti non residenti in Irlanda, l ulteriore principio distintivo tra «trading and non trading company». Inoltre, la prevalenza di forza lavoro esterna alla società (i.e. outsourcing) può comportare

9 un ulteriore verifica delle condizioni di appartenenza della società alla categoria specificata. Ove l outsourcing dovesse costituire, sulla forza lavoro della società, una percentuale preponderante, la normativa propone l inversione dell onere della prova a carico del contribuente, il quale dovrà dimostrare come «the company conducts, manages and controls the outsourced part of its business». Principali differenze tra trading e investimenti non produttivi Accade spesso che alcuni contribuenti, per la maggior parte società multinazionali straniere, decidano di costituire nuovi soggetti giuridici residenti in Irlanda al solo scopo di trasferire, ad esempio, singoli cespiti altamente indipendenti da uno specifico ambito territoriale oppure royalty companies attraverso le quali generare profitto dallo sfruttamento dei brevetti, marchi e opere dell ingegno o ancora, cash companies, le quali hanno come compito l'effettuazione di finanziamenti infragruppo. In questi casi, tuttavia, non è sempre agevole comprendere se l attività svolta sia palesemente in contrasto con le disposizioni contenute nel Taxes Consolidation Act del 1997 oppure se esista un oggetto d impresa che possa configurarsi quale attività principale rispetto a quella apparentemente fuori campo di applicazione della disciplina delle trading company: in quest ultimo caso quella di natura sussidiaria o ancillare viene inclusa tra le trade activities in virtù di un principio di assorbimento. La dottrina si è più volte ispirata al famoso caso «Noddy Subsidiary Rights Company Ltd» per meglio dipanare i dubbi esistenti sui concetti di income passive (redditi da cespiti) e tax deferral6, precisando che la giurisprudenza delle Corti Irlandesi ha più volte ribadito che la mera detenzione di un asset con percezione di royalty «can be defined a trade».. In questo specifico caso, infatti, è stata fornita la prova di una prevalenza della attività di ricerca, sviluppo e rivalutazione dei marchi, anche in concorrenza con terze parti, su quelle di protezione e sfruttamento degli stessi. Corporation tax Interpretazione di trading company La giurisprudenza delle Corti Irlandesi si è pronunciata in numerose circostanze sui ricorsi proposti dalle autorità fiscali per la mancata osservanza delle disposizioni in materia di tassazione delle L.L.C. operanti nel settore del trading. Ne è scaturita una corrente giurisprudenziale interpretativa dalla quale i maggiori commentatori hanno desunto ulteriori principi, nonché individuato requisiti soggettivi ed oggettivi, in mancanza dei quali non è possibile applicare il regime di tassazione agevolata del 12,5%. Potrà collocarsi tra le società che svolgono in Irlanda attività di trading quella Limited Liability Company che: 1. pone in essere, in un anno solare, un numero di transazioni commerciali/finanziarie significative; 2. è detenuta dalla medesima compagine sociale per un periodo di tempo coincidente almeno con un quinquennio; 3. svolge attività complementari a quelle principali (ad esempio: presenza di costi di pubblicità e/o sviluppo a supporto del core business).

10 Inoltre, i motivi e le circostanze per le quali i soggetti detentori del pacchetto azionario della L.L.C. sono stati spinti a costituire la società rappresentano elementi d indagine ed analisi da parte delle autorità fiscali irlandesi. Per tali ragioni sembra opportuno produrre tutta la documentazione societaria necessaria per meglio illustrare le effettive ragioni economiche di tale costituzione. La presenza di un corretto e ben costruito shareholder agreement e, se del caso, la possibilità di disporre di un valuation report, nelle ipotesi di fusioni e/o joint venture, sembrano essere due punti essenziali: se detti documenti sono elaborati da auditor indipendenti e non direttamente dagli imprenditori interessati all investimento, allora essi potranno godere di maggiore considerazione presso le autorità fiscali destinatarie degli stessi. È di tutta evidenza che la rispondenza ai requisiti soggettivi ed oggettivi, sopra specificati, escluderà i profitti derivanti dall attività di impresa dalla categoria dei passive income, la cui tassazione è operata sulla base di un aliquota del 25% in luogo di quella ordinaria pari alla metà. Anche nel reclutamento della forza lavoro la prassi giurisprudenziale richiede alcuni requisiti essenziali. Infatti, si osserva la necessaria presenza di personale impiegatizio e/o dirigenziale che abbia maturato significative esperienze nel settore in cui dovrà operare la neo costituita società. Questa condizione non rientra nell elencazione dei requisiti oggettivi, ma rappresenta un elemento induttivo per le autorità fiscali irlandesi, al fine di valutare l effettiva operatività della L.L.C. in osservanza delle disposizioni sopra richiamate. Holding irlandese e tassazione consolidata Casi Olanda e Lussemburgo: principali differenze con l esperienza irlandese Esistono numerosi casi in Europa di trattamenti fiscali privilegiati che possono offrire a soggetti non residenti vantaggi non di scarsa entità in termini di risparmio di imposta. Nei casi di Olanda, Lussemburgo e Svizzera le autorità fiscali non operano sconti d imposta determinando un minor livello delle aliquote, poiché questo comportamento sarebbe evidente ad osservatori esterni, i quali percepirebbero ciò come una concorrenza fiscale sleale. Piuttosto, mantenendo invariate le aliquote ordinarie, si agisce sulla determinazione dell imponibile, riducendolo, spesso in via amministrativa, ad una frazione modestissima dei ricavi effettivi.7 Al contrario, lo schema adottato dalla normativa in tema di Coorporation Tax dal Legislatore irlandese, appare sensibilmente diverso da quello ormai consolidato e collaudato di Olanda e Lussemburgo. Le principali differenze tra la Legge del 1929, la normativa in tema di holding olandesi e la disciplina irlandese si fonda sul sistema di determinazione dell imponibile: nei primi due casi si agisce per ridurlo, nell ipotesi «irlandese» l imposta sugli utili conseguiti da holding finanziarie di gruppi internazionali dovrà considerarsi raddoppiata rispetto alla normale tassazione degli utili delle L.L.C. (la tassazione delle holding è in genere pari al 25% degli utili conseguiti ante imposte rispetto alla normale aliquota del 12,5%). Armonizzazione delle aliquote secondo la disciplina del Tax Consolidation Act Fallita l esperienza di alcune legislazioni europee nel consolidamento degli imponibili per

11 gruppi multinazionali, nonché il tentativo di concentrare in capo ad un unica amministrazione finanziaria le pretese impositive maturate in relazione ad attività economiche esercitate sul territorio di più Stati, è emersa anche in Irlanda la necessità di disciplinare il trattamento dei redditi derivanti da attività di trading di società appartenenti a gruppi internazionali. L Amministrazione finanziaria ha più volte precisato che l applicazione della tassazione del 12,5% sui redditi prodotti dalla controllata residente in Irlanda potrà avvenire solo nel caso in cui la stessa provi che le altre società del gruppo svolgano un attività classificabile come «trade». Detta prova potrà essere offerta con qualsiasi mezzo, anche per facta concludentia e la verifica della veridicità dei dati forniti sarà riservata all Amministrazione finanziaria, la quale potrà richiedere al contribuente informazioni suppletive per meglio chiarire le attività del gruppo e la posizione che la controllata occupa all interno dello stesso. Sistema Bancario Brevi cenni Il sistema bancario irlandese è considerato solido Per l apertura di un conto corrente bancario è necessario presentare: Nel caso di società un attestazione apostillata ed avente valore legale Certificato di incorporazione in copia autentica Generalità di ogni amministratore Nel caso di una società costituita fuori irlanda una conferma scritta da parte degli istituti di credito concernete lo specmiemdelle firme delle persone firmatarie dei nuovi conti Dettagli in merito ai beneficiari economici della società Consenso scritto al trattamento dei dati ai fini della privacy Identificazione di coloro che detengono partecipazioni superiori al 10% Anche in Irlanda opera una stringente normativa antiriciclaggio in recepimento della direttiva UE, avvenuta nel Criminal Jusice Act Nota di approfondimento: Principali tipi societari Secondo la legislazione irlandese sono previste le seguenti forme di società: private limited company - Società a responsabilità limitata, è il tipo di società più frequentemente usato per i privati, aziende ed imprese. La qualificazione esatta sarebbe quella di società per azioni in cui la responsabilità dei soci è limitata al capitale sociale sottoscritto.

12 guarantee company - utilizzata dagli enti di beneficienza a fini scolastici o religiosi, associazioni sportive, ed altre operazioni non - benefit unlimited company - Società utilizzate per operazioni di poco rischio, la responsabilità illimitata dei soci comunque può essere limitata al secondo stadio, quando gli azionisti sono società a responsabilità limitata. public limited company (PLC) Società finalizzate alla quotazione in borsa. societas europaea company (SE) - La Società Europea (SE) è una società per azioni costituita in base al Regolamento UE adottato da tutti gli stati membri.

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

10. Panoramica del sistema fiscale svizzero.

10. Panoramica del sistema fiscale svizzero. 10. Panoramica del sistema fiscale svizzero. Il sistema fiscale svizzero riflette l assetto federale del Paese, composto da 26 cantoni sovrani con circa 2 551 comuni indipendenti (al 1º gennaio 2011).

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli