GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI. LA HOLDING DI DIRITTO IRLANDESE Brevi cenni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI. LA HOLDING DI DIRITTO IRLANDESE Brevi cenni"

Transcript

1 GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI LA HOLDING DI DIRITTO IRLANDESE Brevi cenni

2 Irlanda: La Holding di diritto Irlandese e possibili strategie di investimento Premessa Nonostante la sua reputazione innovatrice nel campo della tassazione delle società, l Irlanda non è mai stata considerata una prima scelta per la localizzazione di società holding. Il governo Irlandese,fin dai primi anni 50, si è sempre concentrato sull incentivazione occupazionale e quindi sull apertura di mercati quali il manifatturiero e quello del export. Avendo mancato la fase della rivoluzione industriale nel corso del diciottesimo e diciannovesimo secolo, e non essendo sede di società multinazionali domestiche, a metà del ventesimo secolo, il governo aveva priorità ben più imminenti che quelle di gareggiare con giurisdizioni più benevoli sul tema holding, quali la Svizzera, i Paesi Bassi e il Lussemburgo. L obiettivo delle riforme fiscali era dunque quello di attrarre investimenti stranieri diretti, favorendo occupazione e formazione del personale. Certo è che negli ultimi anni, si è assistito ad una tendenza fortemente riformatrice in campo fiscale e finalizzata ad incentivare tutti i tipi di investimento. Fermo restando quanto appena affermato, non si è giunti ad una compiuta disciplina in tema di holding. Tutto ciò considerato, in questo breve excursus si vuole delineare la disciplina applicabile alle società holding di diritto irlandese ed analizzare, sommariamente, le possibilità di investimento offerte da questo Paese. In modo particolare si porrà l accento sulle cosidette trading company Le società Holding non necessitano di adottare forme giuridiche particolari. Tutte le società possono essere costituite secondo il Companies Act del periodo ed assumere il ruolo di holding per l esercizio dell attività di detenzione di partecipazioni. La costituzione di una società, è una procedura relativamente semplice e richiede,normalmente, dalle quattro alle sei settimane. Nel quadro di una sempre più vasta globalizzazione dell economia e di un accesa concorrenza transnazionale anche la valutazione degli aspetti fiscali e della loro incidenza

3 sul reddito prodotto possono essere considerati determinanti fattori nelle scelte di localizzazione dei piani strategici aziendali a lungo termine. Il conveniente sistema fiscale irlandese, rispetto ad altri in vigore nell area Ue, offre, in tal senso, opportunità d'investimento allettanti. Vediamole in dettaglio. L'attuale situazione economica internazionale spinge sempre più i singoli Stati ad evitare il trasferimento verso l estero di insediamenti produttivi o, in senso opposto, a cercare di attirare, con regimi fiscali meno «pressanti», investimenti stranieri. Il rapporto di forza Stato-impresa e la tendenza a definire dannosa la concorrenza di alcuni Paesi, che mirano a risanare o rilanciare le proprie economie domestiche attraverso la creazione di regimi fiscali appetibili, ha generato un turbinio di reazioni a livello internazionale, nonché l inasprimento dei rapporti diplomatici tra gli Stati a regime fiscale ordinario e gli altri, dotati di un sistema di tassazione sui redditi delle persone giuridiche cosiddetto privilegiato. Pur tuttavia, la concorrenza fiscale internazionale non ha rappresentato un fenomeno dal quale l Unione Europea è uscita indenne. Infatti, il consiglio Ecofin ha più volte individuato in alcuni sistemi fiscali di paesi membri elementi distintivi di quel fenomeno definito appunto «concorrenza fiscale sleale». Tra gli Stati dell'unione Europea posti sotto la lente d ingrandimento del consiglio Ecofin vi è stata anche la Repubblica di Irlanda, la quale della riforma del sistema tributario ha fatto il proprio cavallo di battaglia per rilanciare lo sviluppo economico ed il settore occupazionale. Infatti, i dati macroeconomici dimostrano come gli interventi strutturali sul sistema fiscale irlandese abbiano permesso al paese di raggiungere livelli soddisfacenti di sviluppo al di sopra della media europea. Questo non consente di annoverare l Irlanda tra gli Stati denominati «paradisi fiscali», più volte classificati ed elencati con decreti del Ministero delle Finanze (ad esempio: Bahamas, Montecarlo, Liechtestein), che consentono la costituzione di società esenti da imposte, le quali successivamente effettuano, anche grazie alle moderne tecnologie, investimenti finanziari in ogni parte del mondo oppure percepiscono compensi per l uso di brevetti, marchi o diritti di licenza. L opportunità di localizzare in Irlanda un investimento produttivo al fine di beneficiare di un regime fiscale «normale» appare oggi motivo per una scelta strategica del tutto lecita, in linea con le direttive comunitarie in tema di fiscalità d impresa e non in contrasto con le recenti normative nazionali in tema di elusione. Quadro fiscale generale in tema di holding L Irlanda ha un sistema fiscale completo, comprendente l imposta sul reddito delle persone fisiche, l imposta sul reddito delle società, l imposta sui capital gains, l imposta sull acquisto di capitali, l imposta sul valore aggiunto e l imposta di bollo. L imposta sul reddito delle società si applica sul reddito worlwide ed ai capital gains conseguiti da una società residente, considerata tale se costituita ex diritto irlandese, o se la gestione della stessa e il di lei controllo sono qui concentrati. Tale presunzione è superata se la società è controllata o diretta da uno o più soggetti residenti in un altro stato membro della UE od altro paese con cui l Irlanda ha concluso un Trattato contro le doppie imposizioni.

4 Appare utile in questo contesto, analizzare, senza alcuna pretesa di esaustività, la normativa fiscale applicabile alle holding di diritto irlandese. Per scopo precipuo delle stesse, l attenzione verrà posta sull imposizione inerente capital gains ed utili In base a quanto fin qui esposto constatiamo come l aliquota del 12,5% si considerata aliquota standard e si applichi ai redditi promananti dalla conduzione di affari in tutto o parte dell Irlanda. Il reddito speculativo ed di alcune attività d affari ( expected operations) scontano l imposta ad un aliquota superiore pari al 25%. Trattasi di particolari attività riferite al commercio, sviluppo dei terreni, alla lavorazione dei minerali ed all attività petrolifera. Per i soci, assumono rilievo l imposta sui redditi e sui capital gains e l imposta di bollo. Le distribuzioni di utili e di dividendi da parte di società residenti sono sottoposte ad imposta sul reddito; le persone fisiche sono soggette ad un aliquota del 20% fino a e del 41% per gli importi superiori. Trova altresì applicazione una ritenuta d acconto del 20% che costituisce pagamento in acconto da scomputarsi nelle dichiarazioni dei contribuenti il cui reddito si colloca nello scaglione più elevato. Molti contribuenti/soci possono evitare tale ritenuta ove soddisfino le condizioni in appresso. Le persone fisiche residenti in uno stato con il quale l Irlanda abbia stipulato dei Trattati contro le doppie imposizioni possono evitare l applicazione della ritenuta consegnando alla società erogante un certificato di residenza fiscale in quello stato. Le società non residenti possono evitare l applicazione della stessa consegnando alla società erogante una certificato emesso da revisori dello loro casa madre, che attesti che le azioni di quest ultima sono quotate e scambiate presso una Borsa Valori Ufficiale, o presentando un certificato che attesti che la casa madre è residente fiscalmente in uno Stato con cui L Irlanda abbia stipulato dei Trattati. In alternativa, una società fiscalmente residente in un Paese aderente Ue, che detenga una partecipazione del 5% o superiore del capitale sociale della società irlandese, può ricevere i dividendi lordi, i.e. senza ritenuta, in ossequio alla applicazione della direttiva Madre-Figlia. I capital gains realizzati a seguito delle vendita di azioni o quote in una società, indipendentemente dal fatto che sia incorporata in Irlanda o se ivi fiscalmente residente, sono tassabili nel Paese con l applicazione di un aliquota secca del 20% se le azioni o quote fanno dipendere il loro valore o la maggior parte del loro valore da terreni nazionali o minerali di provenienza irlandese. La distribuzione di dividendi ed utili, nonché ogni altro rapporto qualificante ai fini fiscali come assimilati ai dividendi effettuati da una società residente sono esenti dall imposta. Tale esenzione non si applica in caso di dividendi ricevuti da società non residente tassati con aliquota al 25%, cui va scomputata una ritenuta pari al prelievo già subito nello stato 2erogante, Le deducibilità delle spese, operante per le società che esercitano attività di impresa vera e propria, non trova applicazione invece per le holding, in cui la deducibilità è confinata alle spese di gestione, salvo che il titolare del reddito non sia una società di investimento. Come già riferito, i dividendi ricevuti da una società soggetta ad imposta irlandese differenti dalle distribuzioni da società residente, sono incisi a tassazione all aliquota del 25%

5 Tuttavia per il caso pocanzi evidenziato, cioè a dire una partecipazione detenuta per almeno il 5%, l impatto effettivo è mitigato da un credito di imposta. Il foreign tax comprende ogni ritenuta d acconto applicata dallo stato della fonte sul dividendo oltre ad una parte proporzionale costituita dall onere impositivo nazionale o locale, sopportato dalla stessa società erogante sui profitti nello stato di residenza ed all imposta applicata da un paese terzo riconducibile ai profitti che hanno generato il dividendo. I principi fondamentali in tema di credito di imposta sono annoverati negli artt del Corporate tax law, nonché nello schema 24 del Taxes Consolidation Act La regola è che ogni qual volta si in vigore un trattato tra Irlanda e stato estero fonte è riconosciuto un credito di imposta da fare valere nei confronti di ogni imposta irlandese applicabile rispetto ad ogni tipologia di reddito... tale credito è limitato al minore fra l aliquota effettiva irlandese, da una parte, e l aliquota d imposta estera riconducibile al dividendo di provenienza estera, dall altra. La fattispecie de qua fu estesa anche a fattispecie non coperte da Trattato, ad opera del Finance Act Tale orma di incentivo fiscale, fu confinata a dividendi ricevuti da partecipazioni del 25% o più, ovvero da una consociata di una casa madre residente in un paese Ue. Qualora il requisito della partecipazione fosse verificato, a prescindere dal trattato, l imposta accreditabile deve includere non soltanto la ritenuta alla fonte sul dividendo, ma anche una parte proporzionale delle imposte sui profitti della società erogante, assolte nello stato della fonte. Tale diritto continua verso il basso, interessando le eventuali consociate con una partecipazione detenuta sempre di almeno il 25%, creando presupposti per un accesso illimitato al credito di imposta per le imposte assolte all estero all interno di gruppi multi-livello. Il finance act 2004 introdusse ulteriori approfondimenti, mediante la riduzione della percentuale di possesso dal 25% al 5% e l estensione della portata del credito di imposta alle imposte statali e locali assolte all estero, il permettere di riguardare l imposta irlandese sostenuta dalla società partecipata come assolta all estero ai fini fiscali per il riconoscimento del credito, il facilitare l onshore pooling del credito stesso. Con tale termine si intende la miscelazione delle imposte applicate da più di una giurisdizione estera. In sintesi i dividendi ricevuti da una società holding irlandese da fonte estera sarebbero incisi al 25% (12,5% nel caso di attività commerciali). Prima del 2004 il meccanismo operava su una base source by source, con il credito per imposte assolte all estero ristretto all imposta irlandese applicabile sul dividendo. Ove il credito avesse ecceduto tale imposta, il credito residuo sarebbe andato perduto. Con il finance act 2004 venne modificato tale approccio, potendo ora assoggettare tutti i crediti sui dividendi stranieri ricevuti senza limitazioni. Sebbene i dividendi ricevuti da fonte estera siano generalmente tassabili al 25% il credito di imposta derivante dalla ritenuta subita e dalle imposte applicate sui profitti nello stato della fonte ridurrebbe o eliminerebbe tale carico fiscale, estendo la possibilità di portare in compensazione in successivi esercizi l eventuale residuo. Tale beneficio è applicabile, nel caso delle holding,

6 per ovvie ragione maggiormente interessate alla norma, solamente nel caso in cui si tratti di società correlata alla holding, i.e da quel soggetto nel quale il percipiente il dividendo ha una partecipazione maggiore o uguale al 5% del capitale, sia essa diretta o indiretta. Prima dell emendamento 2004, tale meccanismo si poteva ugualmente raggiunge solo per il tramite di una società olandese mixer. Non si nega che tale escamotage generasse un incremento degli oneri gestionali. Al tema dei capital gains è legato il meccanismo della partecipation exemption, esteso nella sua applicazione dal Finance act 2005, e sicuramente meno stringente rispetto al regime previsto dal nostro Tuir all art 87. Ai fini applicativi si richiede la residenza della partecipate in uno stato ue, o in un paese con cui l Irlanda ha concluso dei trattati e la detenzione per un periodo non inferiore a 12 mesi, di partecipazioni che rappresentino almeno il 5% del capitale sociale o del diritto di partecipazione agli utili. La legislazione contiene misure antielusive per evitare, che nei casi di esenzione del capital gaing, sia dia luogo a minusvalenze deducibili. La detenzione di partecipazioni ai fini iva è attività esente. L applicazione di un aliquota al 21% è prevista nel caso in cui tale società presti servizi di gestione a favore di terzi, solo nel caso in cui il fatturato superi i L imposta di bollo (Stamp Duty) dell 1% si applica al valore delle transazioni in azioni. A tale scopo si aggiunge che la normale attività di impresa è soggetta ad aliquota del 21%. Sono altresì previste aliquote agevolate (vedi aliquota al 4,8% per commercio ovini, bovini ecc..) Non esistono tasse sulla ricchezza ma è prevista un imposta sulle successioni e donazioni (Capital Acquisition Tax) che trova applicazione sulle acquisizioni perfezionatesi ad una prezzo inferiore a quello dei mercati dei beni, ovvero ad un corrispettivo nullo da una società irlandese o a favore di essa o da una persona fisica fiscalmente residente. Lo stesso accade in caso di soggetti non residenti. L aliquota è del 20%, pagabile da soggetto destinatario della donazione o dell eredità Nota: le società che vengono create con residenza in Irlanda sono soggette a tassazione per quanto riguarda la totalità dei proventi ottenuti mentre le società non domiciliate fiscalmente in Irlanda ma che operano attraverso una filiale o un agenzia sono soggette all imposizione soltanto per la parte di utili generate da tali filiali o agenzie. Nota Iva: Normalmente il periodo base di determinazione dell Iva dovuta è bimestrale e il pagamento va effettuato entro il giorno 19 del mese successivo alla scadenza del periodo. Si può pagare con bonifico bancario oppure in via telematica tramite il Revenue Online Service (Ros). La base imponibile corrisponde al corrispettivo pagato o dovuto dal cessionario e include tutte le tasse, i costi e le commissioni applicabili tranne la Vat che grava su tali costi aggiuntivi. Normalmente la Vat si rende esigibile con l emissione della fattura che ne espone l importo dovuto, tuttavia alcuni contribuenti possono optare di far coincidere l esigibilità con il momento del pagamento del corrispettivo. I soggetti Vat hanno il diritto di sottrarre l imposta che è stata loro addebitata per acquisti inerenti la loro attività sottraendola da quella dovuta in ragione delle vendite effettuate mentre tale diritto non spetta se lo scopo degli acquisti non riguarda l attività.

7 Scelta della Struttura giuridica delle società e aspetti particolari della normativa La disciplina fiscale che ha introdotto in Irlanda la Coorporation Tax, con un'aliquota pari al 12,5% degli utili prodotti da società di capitali, non prevede particolari limitazioni circa la forma giuridica che devono assumere i soggetti che intendono avvalersi di detto beneficio. Una prassi, oramai consolidata, ha suggerito ai numerosi investitori, nazionali e stranieri, di adottare la forma della Limited Liability Company una sorta di società a responsabilità limitata con la quale si ottengono numerosi vantaggi, soprattutto in termini di: 1) tempi di costituzione e ammontare del capitale sociale versato; 2) responsabilità degli amministratori; 3) facilitazioni nella costituzione da parte di soggetti, persone fisiche non residenti. Approfondendo l elencazione dei vantaggi connessi all utilizzo della veste giuridica del tipo L.L.C. emerge, prima facie, che i tempi di costituzione di quest ultima sono di dieci giorni lavorativi e il capitale sociale «versato» può essere figurativamente pari a 1 euro se trattasi di società a socio unico; in tutti gli altri casi (due o più soci) il capitale richiesto per legge deve essere pari a un minimo di 2 euro. Inoltre, la condizione della presenza nel consiglio di amministrazione della L.L.C. di soggetti residenti in Irlanda può essere comodamente aggirata fornendo alle autorità fiscali competenti una fideiussione del valore di ,00 euro. Lo scopo del rilascio di questa fideiussione, che può essere bancaria e/o assicurativa, è quello di garantire, in parte, le eventuali obbligazioni di pagamento derivanti dalla comminazione, da parte delle autorità fiscali irlandesi, di sanzioni amministrative nei confronti della società per inosservanza delle disposizioni contenute nel Companies Act o nel Taxes Consolidation Act. Struttura dell investimento e opportunità fiscali L introduzione dell aliquota del 12,5% sul reddito prodotto dalle persone giuridiche residenti nel territorio irlandese è stata subordinata al rispetto di alcune condizioni, di fatto e di diritto, il mancato verificarsi delle quali comporta l automatica esclusione dalla categoria dei soggetti che possono beneficiare del particolare livello di tassazione appena descritto. Infatti, l Amministrazione finanziaria irlandese si è più volte pronunciata sull appartenenza di alcuni contribuenti alla categoria dei soggetti ai quali le disposizioni in commento riservano l aliquota del 12,5% sui profitti. Il trattamento fiscale riservato a questi contribuenti, i quali dovranno avere come oggetto sociale lo svolgimento di attività cosiddette di trading, non sempre è facile da applicare a causa dei dubbi interpretativi generati dalla normativa di riferimento. Le frequenti verifiche delle condizioni di appartenenza alla categoria delle società di trading da parte dell Amministrazione finanziaria sono sovente caratterizzate da severe sanzioni amministrative. Per questo motivo, l istituto dell interpello (i.e. tax opinion) appare una formula di autotutela suggerita dalle stesse autorità fiscali. Infatti, l Amministrazione finanziaria, attraverso l emanazione di numerosi circolari, ha più volte esortato i contribuenti a richiedere pareri agli esperti del Ministero delle Finanze per meglio definire la tipologia di attività posta in essere e l appartenenza di questa alla categoria delle «trading company». Talvolta, la difficoltà di catalogare una certa attività d impresa come «trading» suggerisce,

8 soprattutto all investitore straniero, di rivolgersi alle autorità fiscali irlandesi, al fine di meglio comprendere la natura e gli scopi ai quali il soggetto giuridico di futura costituzione dovrà ispirarsi per poter beneficiare del regime fiscale del 12,5%. L esame della normativa di riferimento può essere un utile strumento di analisi a descrizione dei principali requisiti che una «nuova società» deve rispettare per poter essere definita, appunto, «trading company». La Sezione 3 del Taxes Consolidation Act del 1997 descrive in maniera puntuale le attività che possono essere giuridicamente incluse nel «trade» come «every trade, manifacture or concern in the nature of trade». L esperienza di common law e le raccolte giurisprudenziali rappresentano un ulteriore linea guida per il contribuente. Infatti, le regole derivanti dai cases law inclusi nella relazione della Royal Commision on Taxation of Profit and Income, accettati ed approvati come vincolanti dalle Corti Irlandesi, rappresentano un naturale commentario alla già snella normativa fiscale sulle trading company. Secondo alcune statistiche elaborate dal Ministero delle Finanze irlandese, il numero delle controversie sulla effettiva classificazione ed inclusione di società nella categoria delle trading company non supera il 2,5% dei casi esaminati. La normativa, inoltre, include in questo gruppo le società manifatturiere che trattano articoli di qualsiasi genere, incluse le commodities, nonché le società di servizi; anche queste attività secondo l Amministrazione finanziaria irlandese «meets the requirements of these regime qualified for the 12,5% tax rate». Nonostante l assoluta assenza di controversie tra l Amministrazione finanziaria irlandese e i contribuenti sulla «vexata questio» della trading company, le autorità di Dublino hanno voluto precisare alcuni casi particolari sui quali maggiori sono stati i dubbi dei contribuenti circa l esatta collocazione delle attività poste in essere da questi ultimi. Presupposti dell attività di trading La stretta correlazione tra il reddito prodotto e l attività svolta è la prima condizione richiesta dalla normativa fiscale irlandese per poter considerare una società rientrante nella categoria delle trading company. La prima essenziale condizione affinché l attività posta in essere dal contribuente sia definibile «trading activity» è che «the company concerned must carry on business activities from which its income derives». La stretta correlazione tra il reddito prodotto e l attività svolta è la prima condizione richiesta dalla normativa fiscale irlandese per poter annoverare una società tra le trading company. Trattasi di questione non di rango secondario, poiché l effettiva operatività nel settore dichiarato ed indicato sia nell atto costitutivo sia dalle autorità fiscali irlandesi rappresenta uno degli elementi importanti per evitare che la stessa Amministrazione fiscale italiana intraveda, nella localizzazione «extra moenia», una manovra elusiva per ridurre la pressione fiscale, sottraendo ricavi a tassazione. Pertanto, vi deve essere una valida ragione economica alla base dell operazione di localizzazione all estero di una società di tal genere, imponendosi, inoltre, l effettiva sussistenza in Irlanda di una struttura operativa che giustifichi la presenza della compagine sociale in quel paese. L Amministrazione finanziaria ha, altresì, individuato nella natura del «trade» posto in essere e nella specifica professionalità degli amministratori, soprattutto se soggetti non residenti in Irlanda, l ulteriore principio distintivo tra «trading and non trading company». Inoltre, la prevalenza di forza lavoro esterna alla società (i.e. outsourcing) può comportare

9 un ulteriore verifica delle condizioni di appartenenza della società alla categoria specificata. Ove l outsourcing dovesse costituire, sulla forza lavoro della società, una percentuale preponderante, la normativa propone l inversione dell onere della prova a carico del contribuente, il quale dovrà dimostrare come «the company conducts, manages and controls the outsourced part of its business». Principali differenze tra trading e investimenti non produttivi Accade spesso che alcuni contribuenti, per la maggior parte società multinazionali straniere, decidano di costituire nuovi soggetti giuridici residenti in Irlanda al solo scopo di trasferire, ad esempio, singoli cespiti altamente indipendenti da uno specifico ambito territoriale oppure royalty companies attraverso le quali generare profitto dallo sfruttamento dei brevetti, marchi e opere dell ingegno o ancora, cash companies, le quali hanno come compito l'effettuazione di finanziamenti infragruppo. In questi casi, tuttavia, non è sempre agevole comprendere se l attività svolta sia palesemente in contrasto con le disposizioni contenute nel Taxes Consolidation Act del 1997 oppure se esista un oggetto d impresa che possa configurarsi quale attività principale rispetto a quella apparentemente fuori campo di applicazione della disciplina delle trading company: in quest ultimo caso quella di natura sussidiaria o ancillare viene inclusa tra le trade activities in virtù di un principio di assorbimento. La dottrina si è più volte ispirata al famoso caso «Noddy Subsidiary Rights Company Ltd» per meglio dipanare i dubbi esistenti sui concetti di income passive (redditi da cespiti) e tax deferral6, precisando che la giurisprudenza delle Corti Irlandesi ha più volte ribadito che la mera detenzione di un asset con percezione di royalty «can be defined a trade».. In questo specifico caso, infatti, è stata fornita la prova di una prevalenza della attività di ricerca, sviluppo e rivalutazione dei marchi, anche in concorrenza con terze parti, su quelle di protezione e sfruttamento degli stessi. Corporation tax Interpretazione di trading company La giurisprudenza delle Corti Irlandesi si è pronunciata in numerose circostanze sui ricorsi proposti dalle autorità fiscali per la mancata osservanza delle disposizioni in materia di tassazione delle L.L.C. operanti nel settore del trading. Ne è scaturita una corrente giurisprudenziale interpretativa dalla quale i maggiori commentatori hanno desunto ulteriori principi, nonché individuato requisiti soggettivi ed oggettivi, in mancanza dei quali non è possibile applicare il regime di tassazione agevolata del 12,5%. Potrà collocarsi tra le società che svolgono in Irlanda attività di trading quella Limited Liability Company che: 1. pone in essere, in un anno solare, un numero di transazioni commerciali/finanziarie significative; 2. è detenuta dalla medesima compagine sociale per un periodo di tempo coincidente almeno con un quinquennio; 3. svolge attività complementari a quelle principali (ad esempio: presenza di costi di pubblicità e/o sviluppo a supporto del core business).

10 Inoltre, i motivi e le circostanze per le quali i soggetti detentori del pacchetto azionario della L.L.C. sono stati spinti a costituire la società rappresentano elementi d indagine ed analisi da parte delle autorità fiscali irlandesi. Per tali ragioni sembra opportuno produrre tutta la documentazione societaria necessaria per meglio illustrare le effettive ragioni economiche di tale costituzione. La presenza di un corretto e ben costruito shareholder agreement e, se del caso, la possibilità di disporre di un valuation report, nelle ipotesi di fusioni e/o joint venture, sembrano essere due punti essenziali: se detti documenti sono elaborati da auditor indipendenti e non direttamente dagli imprenditori interessati all investimento, allora essi potranno godere di maggiore considerazione presso le autorità fiscali destinatarie degli stessi. È di tutta evidenza che la rispondenza ai requisiti soggettivi ed oggettivi, sopra specificati, escluderà i profitti derivanti dall attività di impresa dalla categoria dei passive income, la cui tassazione è operata sulla base di un aliquota del 25% in luogo di quella ordinaria pari alla metà. Anche nel reclutamento della forza lavoro la prassi giurisprudenziale richiede alcuni requisiti essenziali. Infatti, si osserva la necessaria presenza di personale impiegatizio e/o dirigenziale che abbia maturato significative esperienze nel settore in cui dovrà operare la neo costituita società. Questa condizione non rientra nell elencazione dei requisiti oggettivi, ma rappresenta un elemento induttivo per le autorità fiscali irlandesi, al fine di valutare l effettiva operatività della L.L.C. in osservanza delle disposizioni sopra richiamate. Holding irlandese e tassazione consolidata Casi Olanda e Lussemburgo: principali differenze con l esperienza irlandese Esistono numerosi casi in Europa di trattamenti fiscali privilegiati che possono offrire a soggetti non residenti vantaggi non di scarsa entità in termini di risparmio di imposta. Nei casi di Olanda, Lussemburgo e Svizzera le autorità fiscali non operano sconti d imposta determinando un minor livello delle aliquote, poiché questo comportamento sarebbe evidente ad osservatori esterni, i quali percepirebbero ciò come una concorrenza fiscale sleale. Piuttosto, mantenendo invariate le aliquote ordinarie, si agisce sulla determinazione dell imponibile, riducendolo, spesso in via amministrativa, ad una frazione modestissima dei ricavi effettivi.7 Al contrario, lo schema adottato dalla normativa in tema di Coorporation Tax dal Legislatore irlandese, appare sensibilmente diverso da quello ormai consolidato e collaudato di Olanda e Lussemburgo. Le principali differenze tra la Legge del 1929, la normativa in tema di holding olandesi e la disciplina irlandese si fonda sul sistema di determinazione dell imponibile: nei primi due casi si agisce per ridurlo, nell ipotesi «irlandese» l imposta sugli utili conseguiti da holding finanziarie di gruppi internazionali dovrà considerarsi raddoppiata rispetto alla normale tassazione degli utili delle L.L.C. (la tassazione delle holding è in genere pari al 25% degli utili conseguiti ante imposte rispetto alla normale aliquota del 12,5%). Armonizzazione delle aliquote secondo la disciplina del Tax Consolidation Act Fallita l esperienza di alcune legislazioni europee nel consolidamento degli imponibili per

11 gruppi multinazionali, nonché il tentativo di concentrare in capo ad un unica amministrazione finanziaria le pretese impositive maturate in relazione ad attività economiche esercitate sul territorio di più Stati, è emersa anche in Irlanda la necessità di disciplinare il trattamento dei redditi derivanti da attività di trading di società appartenenti a gruppi internazionali. L Amministrazione finanziaria ha più volte precisato che l applicazione della tassazione del 12,5% sui redditi prodotti dalla controllata residente in Irlanda potrà avvenire solo nel caso in cui la stessa provi che le altre società del gruppo svolgano un attività classificabile come «trade». Detta prova potrà essere offerta con qualsiasi mezzo, anche per facta concludentia e la verifica della veridicità dei dati forniti sarà riservata all Amministrazione finanziaria, la quale potrà richiedere al contribuente informazioni suppletive per meglio chiarire le attività del gruppo e la posizione che la controllata occupa all interno dello stesso. Sistema Bancario Brevi cenni Il sistema bancario irlandese è considerato solido Per l apertura di un conto corrente bancario è necessario presentare: Nel caso di società un attestazione apostillata ed avente valore legale Certificato di incorporazione in copia autentica Generalità di ogni amministratore Nel caso di una società costituita fuori irlanda una conferma scritta da parte degli istituti di credito concernete lo specmiemdelle firme delle persone firmatarie dei nuovi conti Dettagli in merito ai beneficiari economici della società Consenso scritto al trattamento dei dati ai fini della privacy Identificazione di coloro che detengono partecipazioni superiori al 10% Anche in Irlanda opera una stringente normativa antiriciclaggio in recepimento della direttiva UE, avvenuta nel Criminal Jusice Act Nota di approfondimento: Principali tipi societari Secondo la legislazione irlandese sono previste le seguenti forme di società: private limited company - Società a responsabilità limitata, è il tipo di società più frequentemente usato per i privati, aziende ed imprese. La qualificazione esatta sarebbe quella di società per azioni in cui la responsabilità dei soci è limitata al capitale sociale sottoscritto.

12 guarantee company - utilizzata dagli enti di beneficienza a fini scolastici o religiosi, associazioni sportive, ed altre operazioni non - benefit unlimited company - Società utilizzate per operazioni di poco rischio, la responsabilità illimitata dei soci comunque può essere limitata al secondo stadio, quando gli azionisti sono società a responsabilità limitata. public limited company (PLC) Società finalizzate alla quotazione in borsa. societas europaea company (SE) - La Società Europea (SE) è una società per azioni costituita in base al Regolamento UE adottato da tutti gli stati membri.

Fiscalità d'impresa Fiscalità internazionale

Fiscalità d'impresa Fiscalità internazionale STUDIO INTERPROFESSIONALE Saronno (VA) 21047, Vicolo del Caldo 30 * Milano 20123, Via della Posta 8 (Piazza Affari) Como 22100, Via Milano 138 Tel. 02.967.048.43 - Fax 02.967.048.09 www.interprofessionale.net

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986)

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) (Roberto M. Cagnazzo) CAMERA AVVOCATI TRIBUTARISTI DI TORINO Torino, 10 Ottobre 2012 DISCIPLINA

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Tassazione dei redditi di fonte estera e redditi dei non residenti Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito I II PARTE 1 Tassazione

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Rinnovabili e Sviluppo

Rinnovabili e Sviluppo Rinnovabili e Sviluppo Investimenti e fiscalità Stefano Cervo 24 novembre 2011 Agenda Carve out del progetto e strutture di acquisizione Fiscalità delle operations 1 Premessa La variabile fiscale può influenzare

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX RISOLUZIONE N. 17/E Roma, 27 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2005/180472 OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX Con l interpello specificato

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A.

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. RISOLUZIONE N. 170/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2005 OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. Con l interpello specificato in oggetto,

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.345/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Trasferimento in Italia della sede legale

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA

STATI UNITI D'AMERICA STATI UNITI D'AMERICA Negli Stati Uniti d America, la potestà impositiva fiscale si articola su tre livelli: federale, statale, e municipale Principali trattati sottoscritti con l Italia Convenzione contro

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Irrilevanza fiscale delle erogazioni ai beneficiari e trust non residenti

Irrilevanza fiscale delle erogazioni ai beneficiari e trust non residenti Irrilevanza fiscale delle erogazioni ai beneficiari e trust non residenti di Alberto Righini, Raffaello Lupi, Dario Stevanato La mancanza della titolarità della fonte del reddito in capo ai beneficiari

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI PROVENTI DERIVANTI

TRATTAMENTO FISCALE DEI PROVENTI DERIVANTI www.bsp.lu ww TRATTAMENTO FISCALE DEI PROVENTI DERIVANTI DA PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN LUSSEMBURGO MEMORANDUM LUSSEMBURGO, 21/05/2013 Avocats 2, rue Peternelchen I Immeuble C2 I L-2370 Howald I Luxembourg

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE CIRCOLARE N. 8 - SETTEMBRE 2012: LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE COMUNICAZIONE DEI DATI DEI CONTI CORRENTI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE La Manovra Monti ha previsto l obbligo, da parte degli

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INTRODUZIONE La qualificazione dei redditi prodotti all estero nell ordinamento fiscale italiano 1. La tassazione dei redditi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori INDICE PREMESSA... 9 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori 1. Premessa: le riforme che hanno interessato la disciplina dei

Dettagli

La disciplina delle CFC

La disciplina delle CFC La disciplina delle CFC Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO La CFC (Controlled Foreign Companies) e quella tecnica con la quale: un soggetto residente in un Paese ad alta fiscalità fa svolgere

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE

LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE Di seguito illustreremo le normative italiane che, riferendosi alle cosiddette blacklists hanno conseguenze importanti, in termini di oneri burocratici e perdita di

Dettagli

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 04.12.2013 Cessione di partecipazioni estere Potestà impositiva Categoria: Imposte dirette Sottocategoria: Varie La tassazione della plusvalenza

Dettagli

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali RISOLUZIONE N. 29/E Roma, 18 marzo 2015 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali Con l interpello specificato in oggetto, concernente l

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE NORMATIVA FISCALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Tassazione delle società a Singapore Le società registrate a Singapore (Private Limited Companies, Sole Proprietorships e Partnerships)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 167/E Roma, 21 aprile 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212.- Applicabilità della Convenzione dello Stato di

Dettagli

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza.

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 305/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING

INDICE. Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING 1. La scelta del tipo di società... pag. 13 1.1 Introduzione... pag. 13 1.2 Il problema della commercialità... pag. 13 1.3 L utilizzo

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND

Dettagli

Modalità di acquisto della proprietà immobiliare negli USA. A cura dell avv. Federico Galgano Bologna Firenze Genova Udine Miami

Modalità di acquisto della proprietà immobiliare negli USA. A cura dell avv. Federico Galgano Bologna Firenze Genova Udine Miami Modalità di acquisto della proprietà immobiliare negli USA A cura dell avv. Federico Galgano Bologna Firenze Genova Udine Miami Come può essere realizzato l investimento immobiliare negli USA Acquisto

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

L eliminazione della doppia imposizione

L eliminazione della doppia imposizione L eliminazione della doppia imposizione by Paolo Battaglia - Wednesday, September 23, 2015 http://www.ascheri.net/2015/09/23/leliminazione-della-doppia-imposizione/ L applicazione del World Wide Taxation

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Nuovi regimi. Fisco & Tributi

Nuovi regimi. Fisco & Tributi PUNTO pantano imp 11-03-2005 9:58 Pagina 38 Nuovi regimi a cura dello studio Pantano 38 Fisco & Tributi Le novità più rilevanti della riforma, in tema di dividendi, sono costituite dall'abolizione delle

Dettagli

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale Redditi di capitale Redditi di capitale - art. 44, co. 1 L art. 44 individua i redditi di capitale con una elencazione esaustiva, ma al tempo stesso si chiude (alla lett. h) del comma 1) con una fattispecie

Dettagli

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Introduzione L articolo 87 del DPR n.917/86 prevede un esenzione

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie

Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Tassazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

MALUQUER ADVOCATS. Le ETVE, ovvero le Holdings in Spagna Curiosità e FAQ

MALUQUER ADVOCATS. Le ETVE, ovvero le Holdings in Spagna Curiosità e FAQ MALUQUER ADVOCATS 02/2015 Le ETVE, ovvero le Holdings in Spagna Curiosità e FAQ La ETVE è una forma societaria speciale? Quali sono i principali benefici fiscali concessi ad una ETVE? Quali sono i requisiti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società 7 Siegfried Mayr Dottore Commercialista in Milano Docente alla Scuola Superiore

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv)

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) Il presente Supplemento forma parte integrante e necessaria dei Fascicoli informativi QUALITY

Dettagli

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto condivide l iniziativa

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

Finanziare lo sviluppo con i Minibond

Finanziare lo sviluppo con i Minibond Finanziare lo sviluppo con i Minibond Implicazioni fiscali dello strumento Minibond Luca Luigi Tomasini dottore commercialista revisore legale STUDIO TOMASINI I vantaggi fiscali di emissione dei minibond

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE Milano, 5 aprile 2013 Informazioni tributarie 1.4/04/2013 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE 1. PEX REGIME DI PARTECIPATION EXEMPTION. NUOVI CHIARIMENTI. (CIRCOLARE N. 7/E DELL

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

Quando una società estera può ritenersi esterovestita in Italia e quando invece può configurarsi stabile organizzazione

Quando una società estera può ritenersi esterovestita in Italia e quando invece può configurarsi stabile organizzazione Stampa Quando una società estera può ritenersi esterovestita in Italia e quando invece può configurarsi stabile organizzazione admin in (clicca QUI per vedere la seconda parte dell'intervento... - riservato

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 48/E. Roma, 8 luglio 2013

RISOLUZIONE N. 48/E. Roma, 8 luglio 2013 RISOLUZIONE N. 48/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Uffici dell'amministrazione finanziaria Riduzione imposta estera ex art. 165, comma 10, del TUIR Redditi

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Il principio di trasparenza. IRPEF. IRES. REGIME DELLE CFC Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Dott.ssa Barbara Gilardi Titolo della lezione Schema I PARTE

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi Contrasto alla delocalizzazione dei redditi Giusta repressione o fobia anti-elusiva?

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 16698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it DL 6.7.2011 n. 98 convertito nella L. 15.7.2011

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA Fabio Landuzzi 14 ottobre 2014 www.pirolapennutozei.it Fiscalità nell internazionalizzazione dell impresa LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli