- Lo stato di disoccupazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Lo stato di disoccupazione"

Transcript

1 Indice La disoccupazione - Lo stato di disoccupazione - Che cos è - Disoccupati: una categoria trasversale - La dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro - Immediatamente disponibili - La perdita dello stato di disoccupazione - L indennità di disoccupazione - Che cos è - Come, dove, quanto - La durata - Le politiche per il lavoro - Perchè rivolgersi ai Centri per l Impiego - Gli ammortizzatori sociali - Gli incentivi alle assunzioni - Regione e Provincia contro la disoccupazione - Il progetto Equal - Assumi? La regione ti aiuta - Crisi aziendali: il ruolo della Provincia - Sconfiggiamo la disoccupazione di lunga durata - P.A.R.I. - Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

2 Lo stato di disoccupazione Che cos è Sei in stato di disoccupazione se sei alla ricerca di un lavoro e risulti essere: - privo di lavoro; - immediatamente disponibile allo svolgimento di un attività lavorativa; - immediatamente disponibile a seguire un percorso di formazione e/o di ricerca attiva di una nuova occupazione concordato con il Centro per l impiego. Dichiara al Centro dell impiego la tua immediata disponibilità al lavoro e accedi a tutti i servizi disponibili. Puoi scegliere fra varie opzioni: colloqui orientativi, interviste di preselezione, frequenza a corsi di formazione, tirocini e stage in azienda. Hai perso il lavoro e non riesci a trovarne un altro? Lo Stato ha attivato una serie di dispositivi e procedure per sostenerti e aiutarti nella ricerca attiva. Disoccupati: una categoria trasversale La disoccupazione è un fenomeno complesso, che colpisce realtà e soggetti diversi. Puoi usufruire dei servizi offerti se sei: - Un minore di età, ovvero hai fra i sedici e i diciotto anni e hai assolto l obbligo di istruzione; - Un giovane tra i diciotto anni e i venticinque anni compiuti o, se sei in possesso di un diploma universitario di laurea, e non hai più di ventinove anni - Un disoccupato di lunga durata, vale a dire hai perso un posto di lavoro o hai cessato un attività di lavoro autonomo e sei alla ricerca di una nuova occupazione da più di dodici mesi, (da più di sei mesi se hai meno di 25 anni); - Un inoccupato di lunga durata, cioè non hai svolto precedentemente un attività lavorativa e sei alla ricerca di un occupazione da più di dodici mesi (da più di sei mesi se hai meno di 25 anni); - Una donna in reinserimento lavorativo, ovvero eri precedentemente occupata, e intendi rientrare nel mercato del lavoro dopo almeno due anni di inattività. Immediatamente disponibili Lo stato di disoccupazione decorre dal giorno in cui si rende la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. Ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 28 dicembre 2000, essa deve essere presentata dall interessato presso il Centro per l impiego territorialmente competente, vale a dire quello in cui si trova il domicilio del medesimo, e deve indicare l eventuale attività lavorativa precedentemente svolta. Per dimostrare lo stato di disoccupazione a Pubbliche amministrazioni, concessionari e gestori di pubblici servizi è sufficiente un autocertificazione, così come previsto dall art. 2 comma 5 del decreto legislativo n. 181 del Non devi presentarti al Centro per l impiego se: - Hai già manifestato la tua disponibilità al lavoro al tuo Centro di appartenenza; - Hai già usufruito dell intervista di preselezione e/o sei stato inserito o hai usufruito dei percorsi di orientamento organizzati dai Centri per l impiego. 2 3

3 La perdita dello stato di disoccupazione Puoi perdere lo stato di disoccupazione in caso di: - mancata dichiarazione al Centro per l impiego circa la tua immediata disponibilità al lavoro; - accettazione di un offerta di lavoro a tempo indeterminato, salvo il mancato superamento del periodo di prova; - accettazione di un offerta di lavoro a tempo determinato o temporaneo di durata uguale o superiore a otto mesi (quattro se hai fino a 25 anni compiuti o, se sei in possesso di diploma universitario di laurea, fino a 29 anni compiuti). Se instauri un rapporto di lavoro a tempo determinato o temporaneo di durata inferiore agli otto mesi (quattro se hai fino a 25 anni compiuti o, se sei in possesso di diploma universitario di laurea, fino a 29 anni compiuti), lo stato di disoccupazione viene mantenuto ed è sospeso solo temporaneamente. Naturalmente puoi in ogni momento ripresentarti al Centro per l impiego e reinserirti fra i disponibili al lavoro, ottenendo così nuovamente lo status di disoccupato. In questo caso, la decorrenza dello stato di disoccupazione partirà dalla data di nuova presentazione. Lavori? E possibile che tu possa mantenere lo stesso il tuo status di disoccupazione, a condizione che: - l attività di lavoro dipendente o assimilato produca un reddito annuale, nell anno in corso, non superiore a 8.000,00 euro; - l attività di lavoro in proprio produca un reddito annuale non superiore a 4.800,00 euro. Ricorda: in caso di cumulo delle due tipologie di lavoro, non si possono superare gli 8.000,00 euro. In alternativa, puoi presentare una dichiarazione sostitutiva con cui autocertificare le informazioni relative all ultimo rapporto di lavoro; - il certificato di iscrizione nelle liste dei disoccupati; - la richiesta di detrazioni Irpef. I moduli DS 21, DS 22, la dichiarazione sostitutiva e il modello di richiesta di detrazione Irpef sono disponibili, oltre che presso le sedi Inps, anche sul sito internet dell Istituto, nella sezione Moduli (http://www.inps.it) Come, dove, quanto. L indennità viene pagata mensilmente dall Inps con un assegno. L importo dell indennità di disoccupazione è pari al 40% della retribuzione percepita nei tre mesi precedenti la cessazione del rapporto di lavoro, nei limiti di un importo massimo mensile lordo, stabilito dalla legge. Per il 2008 tale importo è di 858,58 euro, elevato a 1.031,93 euro se puoi far valere una retribuzione mensile lorda superiore a 1.857,48 euro. Se sei disoccupato da Gennaio 2008, ti spetta una percentuale del 60% per i primi 6 mesi, del 50% per il settimo mese e del 40% per i mesi successivi. Ai lavoratori sospesi è pagata nella misura del 50% della retribuzione. L indennità decorre: - dall 8 giorno dal licenziamento se la domanda è stata presentata entro i primi 7 giorni; - dal 5 giorno successivo alla presentazione della domanda negli altri casi. L indennità di disoccupazione Che cos è Per ottenere l indennità di disoccupazione è necessario recarsi all Inps di competenza entro e non oltre 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. Puoi accedere all indennità se sei un lavoratore licenziato. Puoi ottenerla anche se sei stato sospeso da aziende che non possono utilizzare la cig ordinaria, colpite da eventi temporanei non causati né dai lavoratori né dal datore di lavoro (mancanza di lavoro, di commesse o di ordini, crisi di mercato ecc.). Non hai diritto all indennità se ti sei dimmesso volontariamente dalla tua precedente occupazione a meno che tu non sia una donna in maternità o l abbia fatto per giusta causa (mancato pagamento della retribuzione, molestie sessuali, variazione delle mansioni ecc.). La durata L indennità viene corrisposta per 180 giorni. A partire da 1 gennaio 2008 la durata dell indennità passa da 7 a 8 mesi, che diventano 12 per tutti quelli che hanno superato i 50 anni di età. Ai lavoratori sospesi spetta nel limite massimo di 65 giorni. Il trattamento si interrompe se : - Hai percepito tutte le giornate d indennità spettanti; - Hai avviato a un nuovo lavoro; - Diventi titolare di pensione diretta; - Vieni cancellato dalle liste di disoccupazione Per ottenerla devi essere assicurato all INPS da almeno 2 anni e avere almeno 52 contributi settimanali, anche discontinui, versati nei due anni precedenti la cessazione del rapporto di lavoro. Una volta iscritto alle liste dei disoccupati presso il centro per l impiego puoi recarti presso l Inps e presentare l apposita domanda, alla quale devono essere allegati: - la dichiarazione del datore di lavoro (modulo DS 22) compilata dall ultimo datore di lavoro. 4 5

4 Le politiche per il lavoro Perché rivolgersi ai centri per l impiego Una volta dichiarata al Centro per l impiego territorialmente competente la tua immediata disponibilità al lavoro, viene definito un progetto di ricerca attiva. I Centri per l impiego ti offrono tutta una serie di servizi per facilitare il tuo inserimento lavorativo. Vediamo quali: - informazioni sulle opportunità lavorative; - azioni di orientamento per aiutarti a costruire un progetto professionale; - azioni di pre-selezione per favorire l incontro domanda - offerta di lavoro; - azioni di accompagnamento nella ricerca del lavoro: sostegno nella redazione del Curriculum vitae e delle domande di lavoro, moduli di sviluppo delle abilità necessarie per la ricerca del lavoro ; - attivazione e monitoraggio tirocini; - moduli brevi professionalizzanti, ovvero iniziative formative che possono facilitare l acquisizione di competenze da spendere facilmente nel mercato del lavoro. Per merito di numerosi decreti legge (Il DLgs n. 181/2000, successivamente modificato dal DLgs n. 297/2002), i Centri per l impiego sono tenuti inoltre a sottoporre a interviste e predisporre altre misure per facilitare il reinserimento lavorativo dei disoccupati. Vediamo quali: - colloqui di orientamento entro tre mesi dall inizio dello stato di disoccupazione; - iniziative di inserimento lavorativo o di formazione e riqualificazione professionale, o altre misure che favoriscano l integrazione professionale. La tempistica degli interventi è differente, e dipende dalla categoria sociale a cui appartieni: - se sei un minore, un giovane e una donna, gli interventi devono scattare non oltre 4 mesi dall inizio dello stato di disoccupazione; - se sei uno degli altri soggetti a rischio di disoccupazione, ma non rientri in una delle categorie citate sopra, gli interventi non possono scattare oltre 6 mesi dall inizio dello stato di disoccupazione. Gli ammortizzatori sociali Hai perso o sei in procinto di perdere il tuo posto di lavoro? Esiste un insieme di interventi volti alla tutela del tuo reddito e a sostenerti in questo momento difficile; sono quelli che vengono chiamati comunemente ammortizzatori sociali. Questo sistema è definito da specifiche norme di legge. Tra i principali ammortizzatori troviamo la cassa integrazione guadagni (Cigs e Cigo), i contratti di solidarietà, l indennità di disoccupazione e l indennità di mobilità. A questo sistema si accompagnano poi misure speciali a favore di chi appartiene a settori non tutelati dalle misure sopra descritte, o che non può più utilizzarle per vincoli legislativi (puoi beneficiarne anche se sei disoccupato o inoccupato e percepisci una forma di sostegno al reddito, ad esempio se sei un lavoratore socialmente utile). Per chiunque invece beneficia di questi interventi (disoccupati o inoccupati beneficiari) il Ministero del Lavoro mette in atto, in sinergia con le Regioni, progetti e programmi di incentivazione al reinserimento o inserimento lavorativo. Ecco una rapida panoramica dei principali mezzi che lo stato ha attivato per sostenere chi è privo di impiego: Cassa integrazione guadagni E un azione di sostegno, destinata ai lavoratori delle aziende in difficoltà. La cassa di integrazione può essere di due tipi: ordinario o straordinario, ma entrambi gli interventi ti garantiscono un reddito sostitutivo della retribuzione. La cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo) interviene in caso di sospensione o riduzione dell attività produttiva, per difficoltà temporanee e a carattere transitorio. È destinata alle aziende industriali in genere, a quelle industriali e artigiane del settore edile e lapideo. L integrazione salariale è pari all 80% della retribuzione globale che ti sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate comprese tra le 0 e le 40 ore settimanali. La portata della retribuzione varia quindi in proporzione al salario che percepisci normalmente, a seconda che questo sia inferiore o superiore a euro 1.857,48 per il La retribuzione può essere percepita per massimo 13 settimane consecutive, e può essere prorogata per più trimestri fino a un massimo di 52 settiimane, da calcolarsi nel biennio precedente. La cassa integrazione guadagni straordinaria (Cigs) è concessa invece, nei casi di crisi, ristrutturazione, riorganizzazione aziendale riconversione produttiva, privatizzazioni, fallimento, concordato preventivo, alle imprese industriali con più di 15 dipendenti, del commercio e le agenzie di viaggio con più di 50 e alle aziende dell editoria. Anche in questo caso l integrazione salariale è pari all 80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate, comprese tra le 0 e le 40 ore settimanali. La retribuzione non può però in questo caso superare un limite massimo, fissato per il 2008 a 858,58, elevato a 1.031,93 in caso di retribuzione mensile superiore a euro 1.857,48. - Indennità di mobilità E un sostegno al reddito per lavoratori e lavoratrici che abbiano perso il posto di lavoro a seguito di un licenziamento per cessazione di attività, riduzione o trasformazione di attività. Spetta quando le imprese che hanno beneficiato della Cigs non riescono a reinserire tutti i lavoratori sospesi. Il personale eccedente viene licenziato e l impresa avvia la procedura di messa in mobilità. Spetta in tutti i casi di licenziamento per riduzione di personale quando il datore di lavoro intenda effettuare almeno 5 licenziamenti nell arco di 120 giorni. Sei iscritto alle liste di mobilità? Puoi acquisire il diritto all indennità nel caso tu abbia un anzianità aziendale di almeno 12 mesi (di cui almeno 6 di lavoro effettivamente prestato) e un contratto a tempo indeterminato. Le aziende che vogliono assumerti, sono incentivate a farlo, tramite agevolazioni contributive. Per farlo, devi spedire la domanda di indennità all INPS e presentarla al centro per l impiego entro 68 giorni dal licenziamento. La durata dell indennità e dell iscrizione nella lista di mobilità, dipende dalla tua età al momento del licenziamento, in particolare hai diritto a: - 12 mesi se hai fino a 40 anni; - 24 mesi se hai fra 40 e 50 anni; - 36 mesi se hai oltre i 50 anni. 6 7

5 L entità dell indennità dipende dal trattamento di integrazione salariale che ti sarebbe spettato, nel periodo di paga settimanale precedente la risoluzione del rapporto. Se sei un lavoratore che è stato licenziato da imprese, anche artigiane o cooperative di produzione lavoro, che occupano meno di 15 dipendenti o appartenenti a particolari categorie, per riduzione di personale, per trasformazione o cessazione di attività, puoi percepire comunque l indennità di disoccupazione ordinaria, anche se non puoi percepire quella di mobilità. Verrai però inserito in una lista di mobilità per una durata variabile a seconda della tua età, come avviene per chi percepisce l indennità. Le aziende interessate alla tua assunzione inoltre, usufruiranno di agevolazioni contributive. - Indennità di disoccupazione Vedi il capitolo 2. Contratti di solidarietà Servono a far fronte a una situazione di crisi aziendale temporanea. I tuoi orari di lavoro vengono ridotti e contestualmente percepirai un contributo, come misura di sostegno del reddito. I contratti sono disciplinati da due diverse normative, a seconda del tipo di azienda coinvolta: - Tipo 1 Contratti di solidarietà per le imprese in regime di Cigs (Legge n. 863/84); - Tipo 2 Contratti di solidarietà per le imprese non rientranti nel regime di Cigs (Legge n. 236/93). regime di Cigs (Legge n. 236/93). Lavori socialmente utili : se sei un lavoratore in mobilità, in cassa integrazione guadagni straordinaria, in stato di disoccupazione speciale o in occupazione, puoi entrare a far parte di questa categoria. Si tratta di lavoratori regolarmente retribuiti, impegnati in delle attività che hanno per oggetto la realizzazione di opere e la fornitura di servizi di utilità collettiva. Progetti e programmi di incentivazione al reinserimento o inserimento lavorativo: sono attività progettuali finalizzate alla ricollocazione nel mercato del lavoro di soggetti destinatari di ammortizzatori sociali o di sussidi legati allo stato di disoccupazione e inoccupazione. Il fine di questi interventi è quello di concilare attività di sostegno economico a politiche attive del lavoro (formazione, orientamento, tutoraggio ecc.) Concessioni in deroga : alla normativa vigente (Cigs - Mobilità - Disoccupazione speciale). Gli incentivi alle assunzioni Esistono molte agevolazioni per le imprese che decidono di assumere personale. I provvedimenti possono derivare dalla normativa nazionale e regionale, talvolta integrata da misure adottate e/o applicate a livello provinciale. Il contratto di inserimento che prevede agevolazioni contributive per i datori di lavoro in caso di assunzione di: - donne; - soggetti di età compresa tra i 18 e i 29 anni (non sono riconosciute agevolazioni contributive) - disoccupati di lunga durata da 29 fino a 32 anni; - lavoratori con più di 50 anni privi di un posto di lavoro; - lavoratori disoccupati nell ultimo biennio e che intendono riprendere l attività lavorativa; - persone con grave handicap fisico, mentale o psichico. Se sei un lavoratore e hai ottenuto un contratto di inserimento, hai diritto a una formazione teorica minima di 16 ore al fine di adeguare le tue competenze professionali al contesto lavorativo. Sono riconosciute, inoltre, riduzioni sulle spese previdenziali anche alle imprese che assumono a tempo indeterminato lavoratori beneficiari dell indennità di disoccupazione speciale da almeno 12 mesi o che fruiscano dal medesimo termine del trattamento straordinario di cassa integrazione straordinaria (contratto di reinserimento). Se parliamo invece di lavoratori iscritti alle liste di mobilità, i vantaggi contributivi dipendono da numerose variabili: durata del contratto (a tempo determinato o indeterminato), diritto o meno degli assunti all indennità di mobilità. Agevolazioni, sgravi e contributi sono poi previsti per le imprese che assumono lavoratori in Cigs, disoccupati di lunga durata (oltre 24 mesi), dirigenti privi di occupazione. Regione e Provincia contro la disoccupazione Il progetto Equal È un iniziativa dell Unione Europea - finanziata dal Fondo sociale europeo - finalizzata a rimuovere le discriminazioni e le diseguaglianze che ostacolano l accesso al mercato del lavoro o determinano l esclusione dallo stesso. La Provincia di Cuneo partecipa a quattro programmi finanziati dall iniziativa comunitaria Equal e dall iniziativa regionale Valorizzazione occupabilità, che hanno l obiettivo di sperimentare servizi innovativi rivolti alle fasce deboli sul mercato del lavoro, per trasferire successivamente le buone prassi sperimentate nell operatività dei servizi per l impiego. Assumi? La Regione ti aiuta. La legge regionale n. 28/93 favorisce l instaurazione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato fra imprese/enti pubblici economici operanti sul territorio regionale e soggetti disoccupati residenti in Piemonte appartenenti a fasce particolarmente deboli sul mercato del lavoro. I disoccupati definiti deboli sul mercato del lavoro sono: ultracinquantenni disoccupati da oltre 12 mesi, detenuti, ex detenuti, tossicodipendenti, alcooldipendenti, ex tossicodipendenti ed ex alcooldipendenti, residenti in Piemonte. Le imprese possono richiedere un contributo per l assunzione di lavoratori appartenenti a una delle suddette categorie. 8 9

6 Crisi aziendali: il ruolo della Provincia In caso di crisi aziendali la Provincia di Cuneo - anche grazie alla collaborazione di altri soggetti - attiva un piano di interventi straordinari a favore dei lavoratori collocati in Cigs. L intervento mira ad aiutare i singoli lavoratori a definire un proprio progetto professionale personale allo scopo di sostenere la loro ricollocazione nel mondo del lavoro. Sconfiggiamo l occupazione di lunga durata Il Programma provinciale per la lotta alla disoccupazione di lunga durata coincide con l organizzazione dei nuovi Servizi per l Impiego presso i Centri provinciali. Tale programma è stato redatto in attuazione delle misure A2, A3 e B1 del Complemento di Programma Por (Programma operativo regionale Fse Ob. 3), previsto dalla Regione Piemonte per il periodo , e dei conseguenti Atti di Indirizzo regionali. Esso rende operativo quanto definito dalla Giunta provinciale con l approvazione del quadro organizzativo dei Servizi per l impiego della Provincia di Cuneo, avvenuta il 27 aprile P.A.R.I. - Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Il Programma PARI, un programma realizzato dalla provincia di Cuneo con il sostegno delle risorse messe a disposizione dal Ministero del Lavoro, interviene su un bacino di cassaintegrati provenienti dal settore tessile.si basa essenzialmente su un progeto di reimpiego, realizzato tramite i Centri per l Impiego di Saluzzo, Fossano - Savigliano e Alba - Bra e con il supporto di Italia Lavoro SpA, volta a fronteggiare una crisi che negli ultimi anni ha colpito il Cuneese. Il programma prevede un sostegno al reddito e a eventuali percorsi formativi professionalizzanti, concordati con la persona sulla base di un piano di azione individuale. Il percorso prevede fasi di orientamento individuale e di gruppo, e fasi di ricerca attiva del lavoro con il coinvolgimento diretto del sistema imprenditoriale del territorio

7 Provincia di Cuneo via XX Settembre Cuneo tel Coordinamento editoriale Antonio Monaco Redazione Andrea Costanzo e Katia Bonchi Grafica e stampa PomilioBlumm Redazione e impaginazione PomilioBlumm 2008 by Provincia di Cuneo Prima edizione: aprile 2008 Tutti i diritti riservati La presente pubblicazione è tutelata in ogni sua parte dalle vigenti leggi sul copyright e la proprietà intellettuale. È vietata la memorizzazione e la riproduzione, anche parziale, del testo, con qualsiasi mezzo effettuate. È vietato copiare, modificare, creare opere o lavori derivati da (o basati su) i contenuti esposti, senza l autorizzazione esplicita degli Autori e della Provincia di Cuneo. La menzione, all interno della pubblicazione, di società o di prodotti non implica necessariamente che essi siano appoggiati o preferiti ad altri, di simile o analoga natura, non citati nel volume. 12

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

Centro per l Impiego di Lucca

Centro per l Impiego di Lucca Centro per l Impiego di Lucca Via Vecchia Pesciatina angolo Via Lucarelli 55100 S. Vito - Lucca Tel. 0583/417590 - Fax 0583/417812 Sito web: www.luccalavoro.it Posta elettronica: cilucca@provincia.lucca.it

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

Occupati in Lombardia! DOTE unica

Occupati in Lombardia! DOTE unica Occupati in Lombardia! DOTE unica lavoro Regione Lombardia, per rispondere alla difficile situazione sul fronte dell occupazione, ha creato un nuovo modello per le politiche attive per il lavoro: Dote

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Ai Responsabili dei Centri per l impiego della Provincia di Cuneo. Loro sedi.

Ai Responsabili dei Centri per l impiego della Provincia di Cuneo. Loro sedi. C.so Nizza, 21-12100 CUNEO - Tel. 0171445111 - Fax 0171698620 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00447820044 www.provincia.cuneo.it email: urp@provincia.cuneo.it AREA FUNZIONALE SERVIZI ALLA PERSONA Settore:

Dettagli

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole sull'acquisizione, conservazione e perdita dello stato di disoccupazione, approvate

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati PROVINCIA OGLIASTRA PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati INVITO A MANIFESTARE INTERESSE, DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia dell Ogliastra,

Dettagli

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE INPS

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE INPS AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE INPS CODICE BENEFICI NOTE A LAVORATORE ISCRITTO IN LISTA DI MOBILITA'. Benefici previsti dall'art. 8, commi 2 e 4, e dall'art. 25 della Legge n. 223/1991a favore dei datori di

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

A. Dichiarazione dello stato di disoccupazione

A. Dichiarazione dello stato di disoccupazione Disposizioni in materia di regolazione e gestione dello stato di disoccupazione da parte dei servizi per l impiego, ai sensi di quanto previsto dagli articoli 1, 2 e 4 del decreto legislativo 21 aprile

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO Azioni preventive e curative della disoccupazione di lunga durata nelle aree territoriali della provincia di Torino ad esclusione del Comune di Torino,

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 05 2015

NEWSLETTER LAVORO 05 2015 Normativa lavoro TRIBERTI COLOMBO & ASSOCIATI AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 05 2015 1. DISABILI IN SOMMINISTRAZIONE: COMPUTO NELLA QUOTA DI RISERVA 2. AMMORTIZZATORI SOCIALI:

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE Le agevolazioni contributive ed economiche previste dalla normativa vigente per i datori di lavoro che assumono lavoratori di specifiche categorie Mattia Passero INDICE Introduzione...4

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA DOTE: ATTIVAZIONE D Il lavoratore che si trovi in cassa integrazione o disoccupato con il diritto a un indennità di sostegno del reddito è tenuto ad accettare

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

Fondi di Solidarietà

Fondi di Solidarietà Fondi di Solidarietà III. Fondi di solidarietà Le aziende appartenenti a settori non coperti dalle integrazioni salariali, oppure rientranti nel campo di applicazione di queste ma che vogliono garantire

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Servizio studi Dipartimenti Lavoro e Finanze 17 Giugno 2014 1 AGEVOLAZIONI

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome)

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome) FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse III Inclusione Sociale VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO POLITICHE PER L OCCUPAZIONE E L OCCUPABILITÀ - ANNO 2013

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI COS È LA DOTE LAVORO La dote lavoro è un pacchetto di servizi, accompagnato da un indennità economica, offerto ai lavoratori per favorire

Dettagli

I SERVIZI PER L IMPIEGOL

I SERVIZI PER L IMPIEGOL I SERVIZI PER L IMPIEGOL Assessore ai Servizi per l Impiegol Francesco Brendolise CONSIGLIO PROVINCIALE 6 LUGLIO 2012 SOSTEGNO AL REDDITO 1. MICROCREDITO 2. FONDO DI SOLIDARIETA 1. PROGETTO MICROCREDITO

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Regolamento allegato alla deliberazione C.C. n. 3 del 13.3.2014 REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI In favore delle

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 83 del 13 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Indennità ASPI anche per i soci lavoratori delle cooperative Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

uzzle.it.p w w w Adecco s

uzzle.it.p w w w Adecco s Adecco è l'agenzia per il Lavoro leader in Italia. Grazie a un network di 400 uffici capillarmente distribuiti su tutto il territorio nazionale e alla consulenza di 1.800 professionisti, ogni giorno offre

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato Focus on...jobs Act: : il primo passo La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato dott. Elisa Eracli Consulente del Lavoro Studio Integra Commercialisti Avvocati Consulenti

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia 1) Cosa succede se ci vado? Viene chiuso il rapporto di lavoro: il lavoratore,

Dettagli

Abbreviazioni utilizzate

Abbreviazioni utilizzate Abbreviazioni utilizzate cfl contratto di formazione e lavoro cig cassa integrazione guadagni cigo cassa integrazione guadagni ordinaria cigs cassa integrazione guadagni straordinaria co.co.co collaborazione

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 marzo 2015 Prot. n. 019/15/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CAMPO DI APPLICAZIONE C. I. G. AZIENDE SOGGETTE ALLA NORMATIVA Aziende Industriali Industria Edile e Lapidei Artigianato Edile e Lapidei Imprese

Dettagli

INPS a porte aperte. Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) si caratterizza per alcune peculiarità:

INPS a porte aperte. Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) si caratterizza per alcune peculiarità: INPS a porte aperte Questa scheda fa parte di una operazione di trasparenza dell Inps, annunciata dal Presidente Boeri nel suo discorso di insediamento. Nel corso delle prossime settimane e mesi pubblicheremo

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 L Agenzia del lavoro L Agenzia del lavoro gestisce l anagrafe dei lavoratori (adempimenti) attua gli

Dettagli