Centro Odontoiatrico e Protesico Civitali. La Sigillatura dei solchi e delle fossette

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Odontoiatrico e Protesico Civitali. La Sigillatura dei solchi e delle fossette"

Transcript

1 Centro Odontoiatrico e Protesico Civitali La Sigillatura dei solchi e delle fossette Riassunto I sigillanti costituiscono un importante presidio nei programmi di prevenzione della salute orale in quanto rendono le superfici dentarie inaccessibili all'impianto dei batteri responsabili dell' insorgenza della patologia cariosa. Lo scopo del seguente articolo è quello di illustrare le peculiarità di questi materiali ed il loro impiego nella pratica clinica. Introduzione I sigillanti costituiscono uno dei presidi inclusi nei programmi di prevenzione della salute orale e nascono dalla esigenza di contrastare l'insorgenza della carie a livello di quelli che sono dei "loci minoris resistentiae" della struttura dentale dei molari e premolari, ovvero dei solchi e delle fessure. E' stato osservato, infatti, che i programmi preventivi basati unicamente sull'adozione del fluoro sebbene incidano positivamente a livello delle superfici interprossimali, non costituiscono una adeguata barriera preventiva a livello delle superfici occlusali che sono per le loro caratteristiche anatomiche delle sedi facilmente soggette allo sviluppo della patologia cariosa. Lo scopo dei sigillanti è quello di preservare queste superfici rendendole inaccessibili all'impianto di batteri e germi responsabili della insorgenza della carie. Nonostante in questi ultimi anni si sia verificata una ridotta incidenza della patologia cariosa, i periodi dell'infanzia e dell'adolescenza costituiscono ancora oggi delle fasce di età a rischio soprattutto per quanto concerne la suscettibilità alla carie di solchi e fessure. Tuttavia, in un articolo pubblicato nel 1995 da Manton e Messer (1) è stato osservato che non si determina una diminuzione della suscettibilità alla carie per quanto riguarda i denti molari che continuano a costituire un terreno fertile rispettivamente fino a 10 e 16 anni dopo la loro eruzione per cui gli AA. hanno ipotizzato che la sigillatura di tali denti potrebbe essere giustificata anche fino a dieci anni dopo che gli elementi sono erotti in cavità. Volendoci attenere però alla letteratura tradizionale, le indicazioni che essa fornisce per quanto riguarda le applicazioni dei sigillanti sono le seguenti: - primi molari permanenti per bambini dai 6 agli 8 anni; - secondi molari permanenti per bambini dagli 11 ai 13 anni; - premolari in bambini ad alto rischio ovvero soggetti il cui stile di vita o una carente terapia di fluoro li rende maggiormente soggetti al manifestarsi di carie; Pagina 1 di 6

2 - molari decidui. L'esigenza di attuare una odontoiatria preventiva risale agli inizi del secolo quando Hyatt (2) suggeriva la cosiddetta "odontotomia profilattica", ovvero l'otturazione sistematica di tutti i solchi sia in presenza che in assenza di carie. Tuttavia, tanto l'odontotomia di Hyatt (3) quanto in seguito l'eliminazione delle fessure dello smalto proposta da Bodecher implicavano rimozione di struttura dentale sana senza garantire un risultato scevro da futuri rischi. L'approccio all'odontoiatria preventiva cambia radicalmente quando Cueto e Bonocore nel 1967 propongono l'impiego delle resine come sigillanti che viene reso possibile grazie alla tecnica della mordenzatura dello smalto. Classificazione I sigillanti riconoscono tre generazioni di materiali da quando sono stati introdotti (1): - I generazione: costituita da elementi ottenuti per miscelazione del metil-2-cianoacrilato con il metil-metacrilato ed attivati per mezzo di luce ultravioletta. - II generazione: costituita da elementi in cui il cianoacrilato è sostituito dal dimetacrilato che rappresenta il prodotto di reazione del bisfenolo A con il glicidil-metacrilato (Bis-Gma). Sono autopolimeriz-zabili. - III generazione: costituita da elementi sempre a base di Bis-Gma ma polimerizzabili mediante luce alogena. Ad eccezione dei composti della I generazione, ormai desueti, attualmente sul mercato esistono i sigillanti appartenenti alle ultime due generazioni suddivisibili a loro volta in diverse categorie sia in base alla percentuale di riempitivo che alla tonalità cromatica in cui si presentano. In base alla percentuale di riempitivo distinguiamo (4): - sigillanti non riempiti; - sigillanti mediamente riempiti (riempiti intorno al 5%); - sigillanti altamente riempiti (riempiti oltre il 50%). L'aggiunta di riempitivo ha lo scopo di rendere il prodotto più resistente all'abrasione ma comporta lo svantaggio di una maggiore viscosità e conseguentemente una notevole perizia da parte dell'operatore nel collocarlo in situ. Dal punto di vista cromatico i sigillanti si distinguono in: (5) - sigillanti chiari; - sigillanti colorati; - sigillanti opachi. Il vantaggio di poter fruire di prodotti colorati ed opachi è dovuto al fatto che questi sono più visibili e quindi suscettibili ad una più facile e diretta osservazione clinica nel corso del tempo. Una ulteriore classificazione dei sigillanti potrebbe essere effettuata in base alla presenza o meno di fluoro nei composti. Generalmente l'incorporazione del fluoro può avvenire con due metodi: (6) - il sale fluorato solubile è aggiunto alla resina non polimerizzata: dopo che il sigillante è stato applicato al dente, il sale dissolve, e gli ioni fluorati vengono rilasciati. - un composto organico fluorato viene legato chimicamente alla resina ed il fluoro viene rilasciato dallo scambio con altri ioni. Sui sigillanti contenenti fluoro sono stati condotti studi sia in vitro che in vivo ed entrambi hanno dimostrato un effettivo rilascio di fluoro. In vitro il maggior rilascio di fluoro si verifica entro i primi due giorni dall'applicazione del sigillante mentre in vivo è stato osservato che la concentrazione di fluoro nella saliva incrementa significativamente entro 30 minuti dopo che il sigillante è stato collocato, ma ritorna ai livelli basali entro uno, due giorni. Dal momento che non ci sono effetti sulla concentrazione salivare, il beneficio che si può trarre dall'uso di tali sigillanti più che riguardare un'azione a livello del cavo orale in toto, riguarda l'assorbimento di fluoro nello smalto a carico del dente in cui il sigillante è stato posto (6). Infatti, uno studio effettuato in vitro da Shariati sug-gerisce che il rilascio di fluoro potrebbe inibire la demineralizzazione e promuovere al contrario una mineralizzazione dello smalto sottostante provvedendo a lasciare uno strato di fluoro che rende il dente più resistente alla carie qualora il sigillante venga perso (7). Tecnica di esecuzione La tecnica di applicazione di un sigillante prevede una serie di tappe che devono essere scrupolosamente eseguite Pagina 2 di 6

3 per ottenere il successo auspicato nella terapia. La tecnica è standardizzata e prevede i seguenti passaggi: (5,8,9) 1) selezione del dente da sigillare in base alle indicazioni precedentemente esposte; 2) isolamento del dente mediante diga di gomma. E' importantissimo un controllo adeguato della saliva affinchè si ottenga la necessaria forza di legame; infatti, la contaminazione salivare provoca una rapida precipitazione di glicoproteine sulla superficie mordenzata che diminuisce notevolmente la forza di legame. Non a caso la contaminazione salivare dello smalto mordenzato è citata come una delle più comuni ragioni di fallimento della tecnica della sigillatura. Silverstone e Evans (10) hanno condotto in vitro uno studio sulla contaminazione salivare sullo smalto umano mordenzato. I campioni sono stati esposti alla saliva rispettivamente per 60, 30, 10, 5, 1, 0.5, 0.1 sec.. L'osservazioni di queste superfici al SEM dopo la contaminazione ha rivelato un tenace rivestimento che ostruiva le porosità precedentemente presenti nello smalto mordenzato. La perdita di porosità si verifica per tempi di esposizione superiori ad 1 sec. e la pellicola adesa alla superficie non viene rimossa sciacquando i campioni. Con tempi di esposizione di 0.5 sec.,invece, risciacquando i campioni si ottiene un ripristino della superficie mordenzata; mentre il fatto di essere sottoposti a risciacquo o meno non altera la struttura dei campioni esposti a contaminazione salivare per un tempo di 0.1 sec.che comunque mantengono livelli di mordenzatura simili ai controlli. Un recente articolo di Feigal, Splieth e Hitt (11) ha dimostrato che la ritenzione del sigillante è possibile anche sullo smalto mordenzato e contaminato dalla saliva qualora venga applicato lo Scothbond Dual Cure prima del sigillante stesso poichè la natura idrolipidica del suddetto prodotto provoca una mistura con la saliva e di conseguenza la penetrazione della resina all'interno dei prismi mordenzati. Questi risultati confermano anche quelli ottenuti nel 1987 da Dorignac (12) il quale comparando due guppi campione in uno dei quali era stato utilizzato lo Scothbond come strato intermedio sotto il sigillante ha ottenuto dopo circa due anni livelli di ritenzione del 97,8%- 98,6% nel gruppo in cui era stato impiegato lo Scothbond e dell'81,2% nel gruppo controllo. 3) Profilassi delle superfici dentali: si discute, tuttavia, da parte di alcuni Autori se e quanto sia necessaria la profilassi delle superfici che devono essere mordenzate. Alcuni sostengono che la sola mordenzatura acida sia sufficiente a rimuovere la pellicola inerte e a pulire queste aree. Uno studio (13) eseguito su diversi gruppi di denti ha preso in esame quattro modalità di eseguire la profilassi mettendole poi a confronto: - profilassi con coppette di gomma e acqua; - profilassi con coppette di gomma e pomice; - profilassi con coppette di gomma e paste non fluorate; - profilassi con coppette di gomma e paste fluorate. Dal suddetto studio emerge che non c'è differenza tra i diversi tipi di materiali usati qualora la profilassi risulti bene eseguita. Tuttavia a questo proposito le opinioni dei diversi autori sono discordi. Donnan e Ball (14) hanno dimostrato che la rimozione dei detriti dal dente effettuata risciacquando con sola acqua comporta dei livelli di ritenzione comparabili a quelli ottenuti qualora il dente sia pulito con spazzolini di pelo di capra e pomice. Houpt e Shey (15) hanno ottenuto medesimi risultati usando semplicemente uno spazzolino dentale e dentifricio. Waggoner e Siegal (5) sostengono che l'uso di paste profilattiche fluorate dovrebbe essere scoraggiato in quanto il fluoro potrebbe rendere la superficie dello smalto reattiva alla mordenzatura e ridurre la forza di legame, causa principale di insuccesso di questa tecnica preventiva.tuttavia, dal momento che condizio sine qua non affinchè si determini una ritenzione eccellente è data dalla penetrazione nelle fessure e nei solchi dell'acido prima, e del sigillante dopo, e che gli studi al microscopio elettronico a scansione hanno dimostrato che raramente questa penetrazione completa si verifica con i metodi di pulizia convenzionali, sono stati proposti altri metodi di detersione delle fessure occlusali nessuno dei quali, tuttavia, è scevro di essere soggetto ad opinioni discordi da parte degli specialisti. Ci sembra opportuno, quindi, ritenere che la scelta migliore e più prudente sia quella che richiede il minore dispendio di mezzi consentendo al tempo stesso di rimuovere i detriti dalla superficie dentale. 4) Mordenzatura delle superfici da trattare: generalmente per questa operazione viene utilizzato acido ortofosforico al 37% veicolato sulla superficie del dente o sotto forma di liquido o di gel. Sono stati compiuti diversi studi (16)per valutare il tempo adeguato di mordenzatura e tutti confermano che si ottengono medesimi risultati mordenzando da 20 fino a 60 sec. anche se la maggior parte convengono che tempi più lunghi si dovrebbero osservare per i denti Pagina 3 di 6

4 decidui rispetto ai permanenti. In accordo con Buonocore un buon condizionamento acido si ottiene per tempi minimi di 20 sec. al di sotto dei quali Eidelman (17) dimostra una riduzione della ritenzione del sigillante. 5) Lavaggio e asciugatura della superficie dentale. 6) Applicazione del sigillante: il materiale può essere applicato in vari modi; alcuni sigillanti presentano il loro dispenser tramite il quale il materiale può essere direttamente applicato alla superficie del dente; altri, invece, vengono applicati tramite un pennellino. L'inconveniente che si può verificare consiste nella formazione di bolle all'interno del materiale e quando ciò si verifica, queste devono essere rimosse prima che inizi la polimerizzazione. 7) Polimerizzazione del sigillante. 8) Controllo dell'occlusione: viene effettuato con carta di articolazione e qualora si osservi un sovrariempimento si dovrà provvedere ad eliminare gli eccessi mediante l'impiego di punte diamantate al fine di ricostituire una occlusione adeguata. In uno studio clinico Tillis e coll. (18) hanno osservato che i sigillanti non riempiti anche qualora siano in sovraocclusione creano molte meno interferenze rispetto a quelli riempiti e se l'occlusione non viene ripristinata dal dentista nel corso della stessa seduta, questi hanno la proprietà di "sistemarsi" in meno di una settimana senza creare disagio al paziente. I sigillanti riempiti, invece, tendono più spesso ad essere posizionati con uno spessore maggiore rispetto ai primi e ciò comporta spesso dei cambiamenti a livello occlusale che i pazienti non riescono tramite l'abrasione a compensare se non dopo più di una settimana e a scapito di un notevole disagio. Efficacia degli sigillanti L'efficacia dei sigillanti è direttamente correlata alla loro percentuale di ritenzione e questa a sua volta è determinata sia da una corretta tecnica di applicazione sia da un attento e scrupoloso mantenimento di un campo operatorio perfettamente asciutto. I parametri che influenzano la ritenzione del sigillante sono dovuti alla natura del materiale, alla sua modalità di polimerizzazione e ad altri fattori già menzionati da Ripa (6) nel 1980 quali: - posizione del dente in bocca : si osserva una migliore ritenzione a livello dei denti inferiori rispetto ai denti dell'arcata superiore; - età del paziente : nei soggetti molto giovani è più arduo ottenere risultati soddisfacenti sia perchè soprattutto nei bambini risulta difficile mettere la diga ed ottenere la loro collaborazione, sia perchè lo stato di eruzione dei denti non è ancora completato e ciò comporta difficoltà nell'assicurare una adeguata protezione dai fluidi salivari; - perizia dell'operatore: la sigillatura è una metodica attuabile sia da personale ausiliario (igienisti) sia da personale specializzato qualora sia bene edotto sulla tecnica di applicazione; infatti, la maggiore percentuale di successo dipende proprio dalla esperienza e dal grado di istruzione al riguardo dell'operatore. Conclusioni Qualora la tecnica sia correttamente eseguita, è stato dimostrato che la protezione contro la formazione della carie è del 100 % in solchi e fessure completamente sigillati e che la perdita parziale o totale del sigillante non inficia, comunque, la loro efficacia qualora nelle visite di controllo successive vengano adeguatamente sostituiti. Nonostante l'alta percentuale di successo ottenuto con l'utilizzo dei sigillanti si riscontrano forti resistenze a divulgarne il loro impiego all'interno sia della struttura pubblica che privata. Il timore principale per quanto concerne l'uso dei sigillanti riguarda soprattutto il rischio di sigillare lesioni cariose preesistenti e di favorire il processo patologico rendendole irreversibile. Questo timore, tuttavia, risulta infondato se si considera il vasto numero di studi compiuti in letteratura tutti tesi a dimostrare come la sigillatura non solo non comporti una progressione della lesione cariosa ma al contrario possa arrestarne l'evoluzione. Gli studi compiuti da Mertz Fairhurst e coll.(19) hanno dimostrato la validità dell'applicazione terapeutica dei sigillanti sia come restaurazione definitiva nelle lesioni incipienti sia come trattamento intermedio nelle lesioni di maggiore entità. Pagina 4 di 6

5 Gli Autori hanno dimostrato che, al contrario, delle lesioni cariose non sigillate prese come gruppo controllo le quali hanno dimostrato di divenire con il tempo batteriologicamente e clinicamente inattive, tutte le lesioni cariose sigillate ad eccezione di una, al termine dello studio, dimostrano la loro inattività batteriologica; infatti, il materiale carioso residuato dalla lesione sigillata appariva sottile, bianco, asciutto e polveroso ovvero a significare un arresto del processo carioso. Inoltre, tali lesioni non avevano sviluppato sensibilità o altri segni clinici o radiologici o sintomi che comunque avrebbero potuto suggerire compromissione della salute del dente in questione. Anche Weerheijm e coll.(20) nel 1992 conducendo uno studio al Dipartimento di Odontoiatria Pediatrica di Amsterdam hanno osservato che la sigillatura di denti con lesioni cariose non diagnosticate precedentemente e di conseguenza non trattate non solo non avesse favorito l'ulteriore progressione del processo carioso ma al contrario le osservazioni al SEM dimostravano una netta diminuzione se non la scomparsa dei microrganismi cariogenici. Da quanto detto, pertanto, il timore di sigillare lesioni cariose appare infondato dai dati che emergono in letteratura in quanto anche in caso di sigillatura di carie iniziali dello smalto i batteri appaiono incapaci di continuare la distruzione dei tessuti dentali in quanto non avendo più a disposizione substrati fermentabili perdono la loro vitalità con conseguente arresto del processo carioso. Un'altra perplessità esposta per quanto concerne l'uso dei sigillanti riguarda la loro presunta tossicità anche questa ampiamente smentita nel corso di questi ultimi anni. Infatti, i sigillanti, come tutti i materiali di uso biologico, prima di essere immessi sul mercato vengono sottoposti ad una serie di test stabiliti dagli organismi competenti atti a comprovarne l'assoluta biocompatibilità con l'organismo umano. Alla luce di quanto esposto, quindi, ne risulta che esaminati tutti i vantaggi derivati dall'uso dei sigillanti stupisce il loro scarso utilizzo sia nell'ambito della struttura pubblica che privata. Nel 1992 Mertz-Fairhurst ha denunciato una motivazione molto cinica riguardo al sottoutilizzo dei sigillanti. L'Autore lo attribuisce ad una motivazione di fattori che include i motivi sopraddetti ma ritiene che questi non potrebbero ne dovrebbero avere il sopravvento qualora non ci fosse il timore da parte dell'operatore di ravvisare nei sigillanti una minaccia alla propria attività professionale. La sua critica diviene ancora più esasperata quando sostiene che, fintanto che prevarranno interessi personali ad influenzare le decisioni dei dentisti, la possibilità che l'uso dei sigillanti venga incrementato e che il loro utilizzo diventi routine rimarranno comunque una utopia. Bibliografia 1) Manton D. J., Messer L. B. : "Pit and fissure sealants : another major cornerstone in preventive dentistry". Australian Dental Journal 1995; 40(1): ) Hayatt TP ".: "Prophylactic odontomy". Dent. Cosmos, )Bodecker C.F.: "Dental caries immunization whithout filling". NYSDJ, 30: , ) Maspero D., Cerati M., Ghezzi L.: "Lo stato dell'arte dei sigillanti" I Dossier del Dentista Moderno. 5) Waggoner W. F., Siegal M.: "Pit and fissure sealant application : updating the technique". JADA, Vol. 127, March, ) Ripa L. W. : "Sealant revisted: an update of the effectiveness of pit and fissure sealants". Caries Research 1993; 27 (suppl. 1): ) Shariati M., Featherstone J.D.B., Krause L., Barret N.A.: "Inhibitory effect of fluoridated and nonfluoridated resins as sealants an occlusal caries". ORCA 36th Amm. Conf. 1989, p.24. 8) National Institutes of Health Consensus Development Conference : "I sigillanti dentali per la prevenzione della carie". Il Dentista Moderno 4/ ) National Institute of Health: "Consensus development conference statement on dental Pagina 5 di 6

6 sealants in the prevention of tooth decay". JADA, Vol. 108, February ) Evans T., Silverstone LM : "The effect of salivary contamination in vitro on etched human enamel". J. Dent. Res. 60 (Special Issue A): 621(Abstr.1247), ) Hitt J.C., Feigal R. J.: "Use of a bonding agent to reduce sealant sensitivity to moisture contamination: an in vitro study". Pediatric Dentistry : January/February, 1992-Vol. 14, num.1. 12) Dorignac G.F. : "Efficacy of higly filled composites in the caries prevention of pits and fissures: two and one-half years of clinical results". J. Pedod. 11:139-45, ) Bogert T.R., Garcia-Godoy F.: "Effect of prophylaxis agents on the shear bond strength of a fissure sealant". Pediatric Dentistry: January 7 February, 1992-Vol. 14, num.1. 14) Donnan M.F., Ball I.A. : "A double-blind clinical trial to determine the importance of pumice prophylaxis on fissure sealant retention". Br. Dent. J. 1988; 165(8): ) Houpt M., Shey Z. : "The effectiveness of a fissure sealant after six years". Pediatr. Dent. 1983; 5(2): ) Handelman S.L., Shey Z. : "Michael Buonocore and the Eastman Dental Center: a historic perspective on sealants". J. Dent. Res. 75(1) ) Eidelman E., Shapiro J., Haupt M.: "The retention of fissure sealants using twenty seconds etching time. Three year follow up". J. Dent. Child 89: ) Tillis T.S., Stach D.J., Hatch R.A.et al.: "Occlusal discrepancies after sealant therapy". J. Prosthet. Dent. 1992; 68(2): ) Mertz-Fairhurst E.J. and coll.: "Arresting caries by sealants: results of a clinical study". JADA, vol.112, February ) Weerheiijm K.L. and coll. : "Sealing of occlusal hidden caries lesions: an alternative for curative treatment?". Journal of Dentistry for Children July-August, Pagina 6 di 6

Porte sbarrate ai batteri della carie

Porte sbarrate ai batteri della carie INFODENT 10/2006-29 SIGILLNTI Porte sbarrate ai batteri della carie I solchi e le fessure delle superfici occlusali dei denti permanenti presentano una particolare tendenza a cariarsi e i trattamenti con

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Sealant

Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Sealant Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Sealant Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole Facilità d uso

Dettagli

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa IX INDICE 1. Storia dell odontoiatria restaurativa 2. Embriologia ed istologia 2.1. Cenni di embriologia 2.1.1. Embriologia dell organo dentale 2.1.2. Formazione dello smalto 2.1.3. Formazione della dentina

Dettagli

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente.

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente. PREVENZIONE INFANTILE L'infanzia è sicuramente il terreno più fertile per una corretta educazione sanitaria odontoiatrica. In queste fasce di età la prevenzione primaria è di particolare interesse. Essa

Dettagli

1. INTRODUZIONE. L odontoiatria restauratrice, ha lo scopo di restaurare dal punto di vista

1. INTRODUZIONE. L odontoiatria restauratrice, ha lo scopo di restaurare dal punto di vista 1. INTRODUZIONE L odontoiatria restauratrice, ha lo scopo di restaurare dal punto di vista anatomico-funzionale, gli elementi dentari compromessi, con l intento di mantenere e preservare l integrità dei

Dettagli

2. Chiusura di gap e sostituzione del dente mancante 35 con ponte modellato direttamente nella regione 34-36

2. Chiusura di gap e sostituzione del dente mancante 35 con ponte modellato direttamente nella regione 34-36 GrandTEC Test Kit Egr. utilizzatore, Questo Test Kit è stato realizzato per permetterle di testare GrandTEC sul modello prima di usare il prodotto in una situazione clinica. GrandTEC è una striscia in

Dettagli

Prevenzione della carie dentaria

Prevenzione della carie dentaria Studio Medico Dentistico Prestigiacomo s.n.c. Via B. Mattarella, 30 90011 Bagheria (Pa) Tel. 091.903448 Cell. 320.7104860 E-mail: studioprestigiacomo@yahoo.it Campagna di: Prevenzione della carie dentaria

Dettagli

terapia della carie con ozono.

terapia della carie con ozono. Il vostro dentista consiglia: terapia della carie con ozono. "Per tutti quelli che danno importanza ad un trattamento delicato e approfondito!" 99,9% senza carie indolore 100% "Salve, io sono il Dott.

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE

EDUCAZIONE ALIMENTARE EDUCAZIONE ALIMENTARE E uno dei pilastri fondamentali per la prevenzione della carie, insieme alla: sigillatura dei solchi Fluoroprofilassi Igiene orale Controlli periodici CARIE E ALIMENTAZIONE PLACCA

Dettagli

ODONTOIATRIA INFANTILE

ODONTOIATRIA INFANTILE ODONTOIATRIA INFANTILE IGIENE ORALE E PREVENZIONE NELLE NOSTRE STRUTTURE ODONTOIATRICHE SI APPLICANO PROTOCOLLI CHE PREVEDONO L APPLICAZIONE DI TECNOLOGIE AVANZATE PER OTTENERE UN ODONTOIATRIA PREVENTIVA

Dettagli

Abstract. Introduzione. Casi Clinici. Dr. Alessandro Vichi. Dr.ssa Cecilia Goracci. Prof. Marco Ferrari. 14 Casi Clinici

Abstract. Introduzione. Casi Clinici. Dr. Alessandro Vichi. Dr.ssa Cecilia Goracci. Prof. Marco Ferrari. 14 Casi Clinici Casi Clinici Studio clinico del composito fluido autoadesivo Vertise Flow impiegato per restauri di I Classe: follow up di 6 mesi a cura del Dr. Alessandro Vichi, Dr.ssa Cecilia Goracci e Prof. Marco Ferrari

Dettagli

L odontoiatria conservativa

L odontoiatria conservativa Gianfranco Politano L odontoiatria conservativa come ripariamo un dente cariato Una pubblicazione dello: L autore! Gianfranco Politano Laureato in odontoiatria e protesi dentale all universita di Modena

Dettagli

2.1 Introduzione Questo capitolo si occupa dei parametri operativi dell odontoiatria restaurativa.

2.1 Introduzione Questo capitolo si occupa dei parametri operativi dell odontoiatria restaurativa. ODONTOIATRIA RESTAURATIVA (AIC - Accademia Italiana di Conservativa) 2.1 Introduzione Questo capitolo si occupa dei parametri operativi dell odontoiatria restaurativa. 2.2 Definizione di odontoiatria restaurativa

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

CEMENTI PROVVISORI & DEFINITIVI

CEMENTI PROVVISORI & DEFINITIVI CEMENTI PROVVISORI & DEFINITIVI Cementi provvisori e definitivi La ricerca e lo sviluppo, uniti all impegno nel migliorare costantemente i prodotti hanno permesso la formulazione dei cementi provvisori

Dettagli

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Daniela Batisti SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Guida per mamme e papà alla prevenzione della carie Daniela Batisti, Sporchicini nascosti tra i dentini Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale

Dettagli

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA Dott.ssa Eva Pellegrini Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA L integrità di un dente può essere compromessa da molte cause, tra cui le più comuni sono: carie, erosione/abrasione e traumi. La Conservativa

Dettagli

la gamma di adesivi dentinali self-etching

la gamma di adesivi dentinali self-etching Dall azienda leader nella tecnologia adesiva la gamma di adesivi dentinali self-etching La tecnologia SELF-ETCHING PRIMER Ormai largamente sperimentata nell odontoiatria moderna con anni di successi clinici,

Dettagli

Trattare le white spots. Arrestare la carie incipiente. Icon. L infiltrazione della carie.

Trattare le white spots. Arrestare la carie incipiente. Icon. L infiltrazione della carie. Trattare le white spots. Arrestare la carie incipiente. Icon L infiltrazione della carie. DMG Chemisch-Pharmazeutische Fabrik GmbH Elbgaustraße 248 22547 Hamburg Germany Fon: +49. (0) 40. 84 006-0 Fax:

Dettagli

Igiene orale e profilassi

Igiene orale e profilassi Igiene orale e profilassi Per igiene orale si intende la pulizia della cavità orale nella sua interezza, sia nei suoi tessuti duri come i denti sia nei suoi tessuti molli come le mucose. Tali argomenti

Dettagli

STUDIO DI UN NUOVO MATERIALE PER LA RICOSTRUZIONE DI MONCONI CON L AUSILIO DI PERNI IN FIBRA DI CARBONIO

STUDIO DI UN NUOVO MATERIALE PER LA RICOSTRUZIONE DI MONCONI CON L AUSILIO DI PERNI IN FIBRA DI CARBONIO STUDIO DI UN NUOVO MATERIALE PER LA RICOSTRUZIONE DI MONCONI CON L AUSILIO DI PERNI IN FIBRA DI CARBONIO INTRODUZIONE Il successo del restauro del dente trattato endodonticamente e con notevole distruzione

Dettagli

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA La bocca Ä una parte molto importante del corpo e non solo per l aspetto estetico. Attraverso la bocca parliamo, comunichiamo con gli altri ma soprattutto

Dettagli

I DENTI nell Epidermolisi bollosa simplex di Dowling-Meara

I DENTI nell Epidermolisi bollosa simplex di Dowling-Meara I DENTI nell Epidermolisi bollosa simplex di Dowling-Meara 1. Introduzione Nel caso di numerose forme di EB, i disturbi dentali possono comparire con una diversa frequenza e con vari livelli di gravità.

Dettagli

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 1 DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA Denti e dentizioni DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 2 A seconda della loro morfologia distinguiamo quattro tipi di denti: - Gli incisivi - I canini - I premolari -

Dettagli

F.A.Q. (Domande Frequenti)

F.A.Q. (Domande Frequenti) F.A.Q. (Domande Frequenti) 1) QUANTO COSTA UNA VISITA? La prima visita è gratuita; 2) OGNI QUANTO DOVREI FARE L'ABLAZIONE DEL TARTARO? La frequenza con cui è opportuno farsi controllare dipenda essenzialmente

Dettagli

e v e n t s u p d a t e s 2 0 i 3 2 5-2 6 o t t o b r e a l e s s a n d r i a

e v e n t s u p d a t e s 2 0 i 3 2 5-2 6 o t t o b r e a l e s s a n d r i a e v e n t s u pdates 20i3 2 5-2 6 o t t o b r e a l e s s a n d r i a l e v e n t o venerdi 25 / i0 sabato 26 / i0 closed meeting o p e n d a y sessione riservata agli odontoiatri che abbiano frequentato

Dettagli

MIH: NUOVA O VECCHIA SINDROME?

MIH: NUOVA O VECCHIA SINDROME? CAPITOLO 9 MIH: NUOVA O VECCHIA SINDROME? As caries rates have declined in western countries, paediatric dental defects have become more apparent, requiring more complex and long-term treatment NA Lygidakis,

Dettagli

Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia

Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia Che cos'è l'odontoiatria Conservativa? L'odontoiatria conservativa è una branca dell'odontoiatria che si occupa principalmente della cura della carie dentale. La

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO Dott.ssa Federica Nosenzo Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria presso L Università di Milano Uni Ateneo Ivana Torretta Nerviano

Dettagli

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE Una corretta igiene orale è fondamentale per mantenere nel tempo i propri denti e le proprie gengive sane. I nemici principali della salute orale sono i batteri,

Dettagli

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana Guida interattiva all educazione orale nella prima infanzia A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana DALLA MAMMA AL BAMBINO Come mantenere sana la bocca dei nostri figli Educare i bambini

Dettagli

Attività ospedaliera con pazienti autistici

Attività ospedaliera con pazienti autistici Attività ospedaliera con pazienti autistici DIRIGENTE DR ARRIGONI CARLO RESPONSABILE DR TEALDI RODOLFO COLLABORATORI DR FIORELLINO MARIO MEDICO FREQUENTATORE INFERMIERE BONGIOVANNI ISABELLA GIRAUDI CARMEN

Dettagli

Core Team COMPETEZA NELLA RICOSTRUZIONE DEI MONCONI

Core Team COMPETEZA NELLA RICOSTRUZIONE DEI MONCONI Core Team COMPETEZA NELLA RICOSTRUZIONE DEI MONCONI LA COMPETENZA DERIVA DALL ESPERIENZA COMPETENZA GLOBALE NELLA RICOSTRUZIONE DEI MONCONI Dall ideatore dei sistemi adesivi IL CONCETTO DI SISTEMA INTEGRATO

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione Opuscolo informativo per i pazienti I quattro pilastri della prevenzione La carie, le parodontiti e le erosioni La carie insorge quando la placca batterica, che aderisce sulla superficie dei denti, non

Dettagli

Pit and fissure sealants: review literature and lication technique

Pit and fissure sealants: review literature and lication technique MINERVA STOiVIATOL Pit and fissure sealants: review literature and lication technique F. 1, A. GUIDA 2, G. SANTORO M. R. PECIAROLO 1, S. ER.A.MO 5 Molars and are the most vulner able teeth to caries attack.

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Odontoiatria e Protesi Dentaria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Odontoiatria e Protesi Dentaria Corso integrato: TIROCINIO 1 Disciplina: STORIA DEI MATERIALI DENTARI E APPLICAZIONI CLINICHE. SCIENZE ODONTOIATRICHE CONSERVATIVE E RESTAURATIVE Docente: Dott. Michele DE FRANCO Recapito: dott.defranco@tiscali.it

Dettagli

Il sorriso è l espressione della salute

Il sorriso è l espressione della salute Il sorriso è l espressione della salute...esprimi la tua salute iniziando da un sorriso sano. PROGRAMMA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ORALE e IGIENE ALIMENTARE Introduzione L educazione alla salute rappresenta

Dettagli

che cos è l odontoiatria protesica?

che cos è l odontoiatria protesica? che cos è l odontoiatria protesica? L odontoiatria protesica è quella disciplina che si occupa di ristabilire e mantenere le funzioni orali e l aspetto estetico del paziente attraverso il restauro dei

Dettagli

Prevenzione e terapie odontoiatriche

Prevenzione e terapie odontoiatriche Prevenzione e terapie odontoiatriche Silvia Pizzi Università degli Studi di Parma Dipartimento SBiBiT Polo Odontostomatologico Servizio Sanitario Regionale Emilia-Romagna Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

allinone... Incredibile? Ma vero! Foto: Dr. Thano Kristallis

allinone... Incredibile? Ma vero! Foto: Dr. Thano Kristallis allinone... Incredibile? Ma vero! Foto: Dr. Thano Kristallis Un buon provvisorio è la base per una ricostruzione definitiva di successo. 2 Un provvisorio deve essere resistente e durevole ed avere una

Dettagli

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe Come pulire i denti su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO di Martello Francesco Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

che cos è la cariologia?

che cos è la cariologia? che cos è la cariologia? La cariologia promuove la salute dell individuo attraverso la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle patologie che colpiscono i tessuti duri dei denti (smalto, dentina), la

Dettagli

Diagnosi di carie. Classificazione della carie

Diagnosi di carie. Classificazione della carie Diagnosi di carie La Scuola di Medicina Dentale dell'università di Ginevra definisce l'odontoiatria conservativa come "l'insieme dei procedimenti clinici atti alla conservazione dei denti naturali e al

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia OPUSCOLO IGIEE Documento informativo per il paziente Pratica esclusiva in Ortodonzia In accordo UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I fluoruri per prevenire la carie

Opuscolo informativo per i pazienti. I fluoruri per prevenire la carie Opuscolo informativo per i pazienti I fluoruri per prevenire la carie Tutto quello che dovete sapere sui fluoruri Negli ultimi decenni, in Svizzera e in molti paesi industrializzati, si è assistito a una

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

Dai 0 ai 3 anni. Con l obiettivo di ridurre i rischi della contaminazione mammabimbo è consigliabile che la mamma:

Dai 0 ai 3 anni. Con l obiettivo di ridurre i rischi della contaminazione mammabimbo è consigliabile che la mamma: Studio Dentistico LE REGOLE D'ORO DELLA PREVENZIONE Prevenzione odontoiatrica a 360 - Corriere della salute - Articolo tratto da Corriere Salute, inserto del Corriere della Sera del 3 febbraio 2002-1-

Dettagli

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid 3M ESPE Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole

Dettagli

Carta Servizi PROTESI DENTALE

Carta Servizi PROTESI DENTALE Dott. Antonio Calabrese Carta Servizi PROTESI DENTALE La Protesi Dentale è quella branca odontoiatrica che si occupa della sostituzione dei denti naturali andati persi. Se uno o più denti sono andati perduti

Dettagli

PREVALENZA PATOLOGIA CARIOSA

PREVALENZA PATOLOGIA CARIOSA PREVENZIONE il complesso delle disposizioni o misure necessarie anche secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute

Dettagli

Studio Odontoiatrico. Dott. Pietro Bettanini

Studio Odontoiatrico. Dott. Pietro Bettanini Studio Odontoiatrico Dott. Pietro Bettanini Via Cavour, 105 39012 Merano Tel. 0473/212421 Fax 0473/258539 Un'alimentazione equilibrata è fondamentale per lo sviluppo e la salute dell'organismo e dei denti.

Dettagli

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI O IL PROFESSIONISTA È LA FONTE PRINCIPALE DI INFORMAZIONE, PER L 8% DEI PAZIENTI CHE SOFFRE DI PROBLEMI GENGIVALI 1 NUOVO colgate total pro-gengive sane riduce i problemi gengivali fino all 88% 2 Colgate_TPgH_AW.indd

Dettagli

Fili interdentali: istruzioni per l uso

Fili interdentali: istruzioni per l uso 4_Leaflet_Fili:Layout 1 21-12-2007 12:29 Pagina 1 Fili interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una

Dettagli

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA Linee guida per l igiene orale in caso di apparecchi ortodontici. Durante il periodo di trattamento con l apparecchiatura ortodontica il paziente deve mantenere

Dettagli

COMPOSITO DI FISSAGGIO UNIVERSALE A POLIMERIZZAZIONE DUALE. 3 indicazioni 1 materiale

COMPOSITO DI FISSAGGIO UNIVERSALE A POLIMERIZZAZIONE DUALE. 3 indicazioni 1 materiale COMPOSITO DI FISSAGGIO UNIVERSALE A POLIMERIZZAZIONE DUALE 3 indicazioni 1 materiale ParaCore è un composito rinforzato con fibra di vetro, a polimerizzazione duale, radiopaco e disponibile in tre tonalità:

Dettagli

Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso

Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso La presa di una buona impronta è fondamentale perché gli allineatori

Dettagli

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO G G.R.IERFINO www.igieneorale.info PREMESSA IMPORTANTE Il fatto che alla verifica dal dentista si constati che le condizioni di salute dentale e parodontali

Dettagli

Adper Prompt L-Pop. Adesivo self-etching. Profilo tecnico del prodotto

Adper Prompt L-Pop. Adesivo self-etching. Profilo tecnico del prodotto Adper Prompt L-Pop Adesivo self-etching Profilo tecnico del prodotto 2 Elenco dei contenuti Prefazione............................................. 5 Introduzione...........................................

Dettagli

Libretto Sanitario Odontoiatrico

Libretto Sanitario Odontoiatrico Libretto Sanitario Odontoiatrico PRESENTAZIONE Il Servizio sanitario nazionale ha tradizionalmente dedicato un impegno limitato alla salute del cavo orale e all assistenza odontoiatrica, nonostante siano

Dettagli

IL CONCETTO DI MINI-INVASIVITA APPLICATO ALL ODONTOIATRIA CONSERVATIVA: DALLA PREVENZIONE ALLE SIGILLATURE

IL CONCETTO DI MINI-INVASIVITA APPLICATO ALL ODONTOIATRIA CONSERVATIVA: DALLA PREVENZIONE ALLE SIGILLATURE IL CONCETTO DI MINI-INVASIVITA APPLICATO ALL ODONTOIATRIA CONSERVATIVA: DALLA PREVENZIONE ALLE SIGILLATURE AIC - Accademia Italiana di Conservativa Autore: Simona Giani Indice: 1. Introduzione 2. Patologia

Dettagli

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Per una protezione quotidiana dalla carie accurata dei colletti dentali scoperti efficace ma delicata del margine gengivale Balsamo per le gengive Nuovo

Dettagli

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo Numero Libretto sanitario Pediatrico codice sanitario cognome nome nato/a a data di nascita indirizzo telefono variazioni di indirizzo Indicazioni generali sulle problematiche odontoiatriche dell età evolutiva

Dettagli

CORSO DI ODONTOIATRIA CONSERVATIVA ESTETICA ED ADESIVA

CORSO DI ODONTOIATRIA CONSERVATIVA ESTETICA ED ADESIVA 1 Dott. Mauro Cattaruzza CORSO DI ODONTOIATRIA CONSERVATIVA ESTETICA ED ADESIVA 1. Introduzione all odontoiatria restaurativa. Diagnosi e piano di trattamento. 2 giorni (teorico) La qualità del lavoro:

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

Cosa sono gli strumenti Smartburs II? Perché scegliere Smartburs II per le lesioni profonde? Come si usano gli strumenti Smartburs II?

Cosa sono gli strumenti Smartburs II? Perché scegliere Smartburs II per le lesioni profonde? Come si usano gli strumenti Smartburs II? Cosa sono gli strumenti Smartburs II? Caratteristiche del prodotto Perché scegliere Smartburs II per le lesioni profonde? Vantaggi per dentista e paziente Come si usano gli strumenti Smartburs II? Supporto

Dettagli

Il concetto di. sorriso sano. Clinpro White Varnish

Il concetto di. sorriso sano. Clinpro White Varnish Il concetto di sorriso sano. Clinpro White Varnish Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole Facilità d uso Il prodotto giusto

Dettagli

IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO. Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica

IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO. Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica VALORE DI UN SORRISO IL SORRISO È ESPRESSIONE DI VITA E SPECCHIO DEI SENTIMENTI. È IL MEZZO PIÙ SEMPLICE PER

Dettagli

Crescita e sviluppo: una guida per i genitori

Crescita e sviluppo: una guida per i genitori Crescita e sviluppo: una guida per i genitori Cari genitori, Promes Sanità lancia l iniziativa Giovani Sorrisi destinata ai pazienti più piccoli con l obiettivo di assicurare la salute della bocca dei

Dettagli

IMPLANTOLOGIA DENTALE

IMPLANTOLOGIA DENTALE IMPLANTOLOGIA DENTALE TUTTO PER IL TUO SORRISO Tecnologia / Sicurezza / Evidenza Scientifica VALORE DI UN SORRISO IL SORRISO È ESPRESSIONE DI VITA E SPECCHIO DEI SENTIMENTI. È IL MEZZO PIÙ SEMPLICE PER

Dettagli

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA Dott. Alberto Coccia Piazza Matteotti, 2 80053 Castellammare di Stabia (NA) www.albertococcia.it info@dentistacoccia.it Tel. 081.8712242 081.8711439 Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad

Dettagli

STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO

STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO DIAGNOSTICA CLINICA E RADIOLOGIA QUOTA EMPAM 13% TOTALE ARROTONDAMENTO VISITA ODONTOIATRICA Ogni seduta finalizzata a: riscontro della

Dettagli

CE: & Compositi. Kit composito Advantage (in beccucci) Cod. Cal. 480-000. R- b- k- Ad Codice 31/1000-00 31/1000-02 31/1000-01.

CE: & Compositi. Kit composito Advantage (in beccucci) Cod. Cal. 480-000. R- b- k- Ad Codice 31/1000-00 31/1000-02 31/1000-01. Compositi -0Largetuc + D""""""'" Composito Advantage No-Mix con fluoro L'Advantage è un Composito Ortodontico già pronto all'uso (non deve essere impastato) eccellente per attacchi in metallo, plastica

Dettagli

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Gentile paziente, siamo lieti di presentarle questo vademecum informativo, sperando Le possa essere di aiuto per una migliore conoscenza dei

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 61276 (949) Anno 2013

Il Rettore. Decreto n. 61276 (949) Anno 2013 Il Rettore Decreto n. 61276 (949) Anno 2013 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO E LA MANUTENZIONE DEGLI ALLINEATORI F22 USO DEGLI ALLINEATORI F22

ISTRUZIONI PER L'USO E LA MANUTENZIONE DEGLI ALLINEATORI F22 USO DEGLI ALLINEATORI F22 ISTRUZIONI PER L'USO E LA MANUTENZIONE DEGLI ALLINEATORI F22 USO DEGLI ALLINEATORI F22 Di seguito vengono forniti alcuni suggerimenti per un uso corretto degli allineatori. Portare gli allineatori in base

Dettagli

I DENTI nella Sindrome di Kindler

I DENTI nella Sindrome di Kindler I DENTI nella Sindrome di Kindler 1. Introduzione Nel caso di numerose forme di EB, i disturbi dentali possono comparire con una diversa frequenza e con vari livelli di gravità. In alcune (poche!) forme

Dettagli

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE IL VERO MANUALE SULL IGIENE ORALE A CASA Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso, facilitando i rapporti con

Dettagli

KaVo PROPHYflex 3-2018. Risultati semplicemente eccellenti: ecco la profilassi perfetta.

KaVo PROPHYflex 3-2018. Risultati semplicemente eccellenti: ecco la profilassi perfetta. Risultati semplicemente eccellenti: ecco la profilassi perfetta. Più rapida e sicura, la profilassi non è mai stata così semplice. Maggior efficacia con meno fatica. PROPHYflex è lo strumento ottimale

Dettagli

L'angolo del sorriso

L'angolo del sorriso L'angolo del sorriso A cura di: Dott. Maria Cristina Ceccarelli, Laurata in Odontoiatria e Protesi Dentale, Specialista in Ortognatodonzia Daniela Martelli Diplomata in Igiene Dentale Questo è un breve

Dettagli

LO STAFF STUDIO DOTT. ANGELO NATIVIO

LO STAFF STUDIO DOTT. ANGELO NATIVIO orari di apertura: martedì, lunedì, mercoledì ore ore 9.00-12.30 LO STAFF DOTTOR ANGELO NATIVIO Iscritto presso l Ordine dei Medici di Roma posizione 3917 Laurea con Lode in Odontoiatria e Protesi Dentaria

Dettagli

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Via Lanino, 42 Saronno - Varese - Tel. 02.96280323 02.9622799 - Fax 02.96709243 e-mail: info@curaden.it MATERIALE RISERVATO AL PERSONALE SANITARIO

Via Lanino, 42 Saronno - Varese - Tel. 02.96280323 02.9622799 - Fax 02.96709243 e-mail: info@curaden.it MATERIALE RISERVATO AL PERSONALE SANITARIO Via Lanino, 42 aronno - Varese - Tel. 02.96280323 02.9622799 - Fax 02.96709243 e-mail: info@curaden.it MATERIALE RIERVATO AL PERONALE ANITARIO Perché prescrivere la normale Clorexidina?! Attenzione Pigmenta

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore DECRETA

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore DECRETA Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 110575 (919) Anno 2012 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della

Dettagli

Lezione Odontoiatria Conservativa (18/03/03)

Lezione Odontoiatria Conservativa (18/03/03) Lezione Odontoiatria Conservativa (18/03/03) Continuiamo a parlare di prevenzione di primo livello. Oltre l'uso dello spazzolino è importante usare anche il filo interdentale e/o lo scovolino. Nei pazienti

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

Rebilda DC. Rebilda Post System. Rebilda

Rebilda DC. Rebilda Post System. Rebilda Rebilda DC Rebilda Post System Rebilda Rebilda DC Ricostruzione coronale sistematica Attualmente, i moderni sistemi compositi e adesivi permettono la ricostruzione di denti gravemente compromessi, anche

Dettagli

guida pratica per la salute orale del paziente disabile

guida pratica per la salute orale del paziente disabile Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari U.O. di Odontostomatologia Direttore: Prof.ssa Pietrina Franca Lugliè guida pratica per la salute orale del paziente disabile A cura dell Igienista dentale

Dettagli

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO Come ormai risaputo, l amianto che si disperde nell aria costituisce un reale pericolo cancerogeno per coloro che si trovano a inalarne le

Dettagli

Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica

Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica G GERONTOL 2006;LIV:110-114 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO REVIEW Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica Oral health epidemiology

Dettagli

Stato dell arte della laser-terapia nella malattia peri-implantare. Relazione Dott. Giuseppe D'Antuono

Stato dell arte della laser-terapia nella malattia peri-implantare. Relazione Dott. Giuseppe D'Antuono Stato dell arte della laser-terapia nella malattia peri-implantare Relazione Dott. Giuseppe D'Antuono I tessuti a sostegno del dente L uso del Laser Sempre più spesso il laser viene utilizzato come strumento

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2519 del 04 agosto 2009 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2519 del 04 agosto 2009 pag. 1/6 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2519 del 04 agosto 2009 pag. 1/6 ALLEGATO n.1 1. Prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale odontoiatrica I livelli essenziali di assistenza

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

BLANX SHOK TEST DI SBIANCAMENTO

BLANX SHOK TEST DI SBIANCAMENTO BLANX SHOK TEST DI SBIANCAMENTO Premessa La ricerca odontoiatrica si propone da tempo l obbiettivo di trovare soluzioni finalizzate a ottenere non solo una ottimale funzionalità del cavo orale, ma anche

Dettagli

INTRODUZIONE. Obiettivi del corso

INTRODUZIONE. Obiettivi del corso INTRODUZIONE L assistente di studio odontoiatrico L assistente alla poltrona di studio odontoiatrico si occupa dell accoglienza del paziente, del suo accompagnamento alla poltrona e,durante tutta la cura,

Dettagli