RECENTI NOVITA FISCALI E SOCIETARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RECENTI NOVITA FISCALI E SOCIETARIE"

Transcript

1 RECENTI NOVITA FISCALI E SOCIETARIE Dott.ssa Giuseppina Lapenna Giovedì 30 ottobre 2014 Sviluppo d Impresa, Innovazione ed Economia Area Fiscale e Societario

2 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Caratteristiche generali e profili applicativi 2

3 Riferimenti normativi e di prassi 3

4 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, comma 1, D.L. 24 Giugno 2014, n Ai soggetti titolari di reddito d'impresa che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi compresi nella divisione 28 della tabella ATECO 2007, destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto (25 giugno 2014) e fino al 30 giugno 2015, è attribuito un credito d'imposta nella misura del 15% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti in beni strumentali compresi nella suddetta tabella realizzati nei cinque periodi di imposta precedenti, con facoltà di escludere dal calcolo della media il periodo in cui l'investimento è stato maggiore. 4

5 Caratteristiche generali dell agevolazione Analogie e differenze con la c.d. Tremonti-Ter Analogie Novità o è una misura generale e non un aiuto di Stato; o È automatica, non essendo subordinata al preventivo assenso dell Agenzia delle entrate; o è temporanea; o stesso ambito soggettivo; o stesso ambito oggettivo. o si configura come un credito d imposta; o approccio incrementale: occorre il superamento di una soglia storica; o esclusione degli investimenti minori (importo unitario inferiore a euro); o territorialità (i beni agevolati devono essere destinati al territorio nazionale). 5

6 Forma del beneficio: credito di imposta Utilizzabile solo in compensazione, non è possibile chiederlo a rimborso Non intacca il limite di per le compensazioni orizzontali Non è soggetto al limite dei euro annui Irrilevante ai fini fiscali Fruibile in 3 quote annuali di pari importo a partire dal 1 gennaio del secondo periodo d imposta successivo a quello in cui è stato effettuato l investimento Più tempo per gli Uffici per contestare l esistenza o il quantum del credito oggetto di compensazione Controllo degli investimenti realizzati nei 15 anni precedenti! 6

7 Ambito SOGGETTIVO Chi può fruire dell agevolazione? Coloro che effettuano l investimento purché titolari di reddito di impresa Non rilevano: la natura giuridica, la dimensione, il settore di appartenenza, i criteri di determinazione del reddito di impresa, il regime contabile adottato 7

8 Ambito SOGGETTIVO Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 le persone fisiche esercenti attività commerciale ancorché gestita in forma di impresa familiare, comprese le aziende coniugali; le S.n.c. e le S.a.s.; le società di armamento; le società di fatto che hanno per oggetto l esercizio di attività commerciale; le società consortili a rilevanza sia interna che esterna; le S.p.A.; le S.a.p.a.; le S.r.l.; le società cooperative e di mutua assicurazione; li enti pubblici e privati, diversi dalle società, nonché i trust che hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di un attività commerciale; gli enti pubblici e privati, diversi dalle società, nonché i trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di un attività commerciale, con riferimento all attività commerciale esercitata; le stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti. 8

9 Ambito SOGGETTIVO Anche i contribuenti in regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e per i lavoratori in mobilità esercenti attività d impresa (art. 27, d.l. 6 luglio 2011, n. 98); i soggetti che si avvalgono del regime fiscale agevolato per le nuove iniziative imprenditoriali (art. 13, L. 23 dicembre 2000, n. 388); i soggetti che hanno optato per il regime forfettario della tonnage tax (artt , Tuir); i soggetti che fruiscono del regime per le start-up innovative (artt. 25 e ss. d.l. 18 ottobre 2012 n. 179). le c.d. società di comodo (art. 30 d.lgs. n. 724/1994 9

10 Ambito SOGGETTIVO Imprese nate successivamente al 25 giugno 2014 NON applicano l approccio incrementale il credito d imposta si applica con riguardo al valore complessivo degli investimenti realizzati in ciascun periodo d imposta (co. 2, u.p.) 10

11 Ambito SOGGETTIVO Imprese in attività da meno di 5 anni calcolano la media degli investimenti facendo riferimento a quelli effettuati nei periodi precedenti in cui hanno esercitato attività d impresa, con facoltà di escludere il periodo in cui tali investimenti sono stati maggiori (co. 2) 11

12 Ambito SOGGETTIVO Le attività industriali a rischio di incidenti sul lavoro (D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334) solo se è documentato l adempimento degli obblighi previsti dal D.Lgs. 17 agosto 1999 n. 334, relativi al controllo dei pericoli di incidente rilevante connessi con determinate sostanze pericolose Come modificato dal D.Lgs. 21 settembre 2005, n. 238 Si tratta di una clausola di accesso, ma è richiesta la preventiva messa in regola oppure si può adempiere agli obblighi in corso di realizzazione degli investimenti? 12

13 Ambito SOGGETTIVO A chi spetta l agevolazione in caso di usufrutto o affitto di azienda? (artt e 2562 c.c.) Beneficia dell agevolazione colui che ha l onere contrattuale del mantenimento degli impianti e degli altri beni strumentali che formano il compendio aziendale. Nell ordinaria impostazione civilistica l usufruttuario o l affittuario. 13

14 Ambito SOGGETTIVO Chi NON può fruire dell agevolazione i lavoratori autonomi che esercitano arti e professioni nonché le associazioni tra professionisti le persone fisiche e le società semplici che svolgono attività agricola entro i limiti previsti dall art. 32 del TUIR gli Enti non commerciali non titolari di reddito di impresa 14

15 Ambito OGGETTIVO Sono agevolabili gli investimenti in beni strumentali nuovi compresi nella divisione 28 della Tabella ATECO 2007 divisione 28: fabbricazione di macchinari e apparecchiature non classificabili altrimenti Macchinari e apparecchiature, comprese le rispettive parti meccaniche, che intervengono meccanicamente o termicamente su materiali e processi di lavorazione; Apparecchi fissi e mobili o portatili a prescindere dal fatto che siano stati progettati per uso industriale, per l edilizia e l ingegneria civile, per uso agricolo o domestico; Alcune apparecchiature speciali per trasporto di passeggeri o merci entro strutture delimitate, nonché alcuni macchinari per usi speciali utilizzati o meno in un processo di fabbricazione. 15

16 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati È necessario verificare che i beni siano classificabili in una delle sottocategorie appartenenti alla divisione 28 della tabella ATECO 2007 indipendentemente dalla denominazione attribuita dalla tabella stessa, e che gli stessi superino la soglia di costo unitario di euro 28.1 FABBRICAZIONE DI MACCHINE DI IMPIEGO GENERALE Fabbricazione di motori e turbine (esclusi i motori per aeromobili, veicoli e motocicli) Fabbricazioni di motori a combustione interna (incluse parti e accessori ed esclusi i motori destinati a mezzi di trasposto su strada e aeromobili) Fabbricazioni di motori a combustione interna (esclusi i motori destinati ai mezzi di trasporto su strada e ad aeromobili) -Fabbricazioni di motori a combustione interna : motori marini, motori ferroviari -Fabbricazione di motori per applicazioni industriali Fabbricazione di turbine e turboalternatori (incluse parti e accessori) Fabbricazione di turbine e turboalternatori (incluse parti e accessori) 16

17 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 Al fine di verificare la classificazione dei beni nella divisione 28 è possibile fare riferimento anche a: Note esplicative e di contenuto dei singoli codici della classificazione; Elenco alfabetico delle voci comprese nelle sottocategorie di attività economiche 17

18 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati Note esplicative riportano specifici esempi di inclusione e di esclusione dalla divisione Fabbricazione di turbine e turboalternatori (incluse parti e accessori) - Fabbricazione di turbine e loro parti: turbine a vapore, turbine idrauliche, ruote idrauliche e loro regolatori, turbine eoliche, turbine a gas (esclusi i turboreattori o i propulsori turbo per aeromobili); - Fabbricazione di insiemi di turboalternatori. Dalla classe sono escluse: - fabbricazione di generatori elettrici (esclusi i turboalternatori), cfr fabbricazione di set di generatori di movimento (esclusi gli insiemi di turboalternatori), cfr fabbricazione di motori per autoveicoli, aeromobili o motocicli, cfr , 30.30, fabbricazione di apparecchiature e componenti elettrici per motori a combustione interna, cfr fabbricazione di turboreattori e propulsori turbo, cfr

19 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati Elenco alfabetico può indicare taluni beni non espressamente menzionati nelle note esplicative ma riconducibili alla divisione 28 da Note esplicative : Fabbricazione di altre macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione - fabbricazione di macchine, a movimentazione manuale o a motore, per sollevamento, movimentazione, carico e scarico: paranchi, verricelli ed argani, binde e martinetti - fabbricazione di manipolatori meccanici e robot industriali progettati specificamente per il sollevamento e la movimentazione, carico e scarico - fabbricazione di convogliatori, teleferiche eccetera - fabbricazioni di parti specializzate per apparecchi di sollevamento e movimentazione da Elenco alfabetico: - SCIOVIE fabbricazione cod

20 Ambito OGGETTIVO Sono agevolabili gli investimenti in beni strumentali nuovi compresi nella divisione 28 della Tabella ATECO 2007 ESCLUSI dalla divisione 28: prodotti in metallo per usi generali (divisione 25) es. cisterne serbatoi cod. 25.2; apparecchi di controllo associati, strumenti computerizzati, strumenti di misurazione, apparati di distribuzione e controllo dell energia elettrica (divisioni 26 e 27) es. computer - periferiche informatiche cod celle fotovoltaiche cod ; veicoli a motore per uso generico (divisioni 29 e 30). 20

21 Alcuni PARADOSSI È necessario verificare che i beni siano classificabili in una delle sottocategorie appartenenti alla divisione 28 della tabella ATECO 2007 AUTOBETONIERE BETONIERE NO perché rientrano nel codice SI perché rientrano nel codice FOTOCOPIATRICI SI perché rientrano nel codice FOTOCOPIATRICI multifunzione (scansione, fax, copia, stampa) NO perché rientrano nel codice

22 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati Cosa può fare il contribuente per avere la certezza che il bene acquistato dia diritto all agevolazione? Presentare una istanza all ISTAT Presentare una istanza di interpello all Agenzia delle entrate Ex art. 11, Legge 212/2000 Statuto del Contribuente 22

23 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati NON rileva il codice attività del cedente Ai fini dell agevolazione rileva esclusivamente l investimento in beni descritti nella divisione 28 della tabella stessa. Non rileva in alcun modo la circostanza che il soggetto che li cede abbia o meno un codice attività risultante dalla Dichiarazione di inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini IVA (quale attività prevalente o non prevalente) appartenente alla divisione 28 23

24 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati Acquisto di beni compresi nella sezione 28 destinati ad essere istallati su impianti e strutture preesistenti non comprese nella sezione 28 E agevolato il costo di acquisto del bene istallato se compreso nella divisione 28 SI rubinetti e valvole su serbatoi (se in plastica), (se in fibra-cemento), (se in metallo) NO stampo su macchine e utensili per lo stampaggio e presse ma. 24

25 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati Acquisto di beni complessi compresi nella sezione 28 comprensivi di componenti e parti indispensabili per il loro funzionamento che, pur non appartenendo alla stessa divisione, ne costituiscono dotazione E agevolato il costo complessivo del bene Es. macchine e utensili per lo stampaggio e presse comprensivo dello stampo Es. laminatoio o con software per il funzionamento Es. piattaforme aeree su veicolo Risoluzione 17 settembre 2010, n. 91 misuratore fiscale (Registratore di cassa scanner da banco, display cliente, stampante fiscale ) 25

26 INDIVIDUAZIONE dei beni agevolati Acquisto di bene complesso non compreso nella divisione 28 costituito anche da nuovi macchinari e nuove apparecchiature compresi nella divisione 28 E agevolato il costo riferibile ai beni oggettivamente individuabili compresi nella sezione 28 Es. immobile industriale NO - con ascensore e montacarichi SI Es. impianto fotovoltaico: celle solari NO - Inseguitori pannelli solari SI 26

27 NATURA dei beni agevolati Sono agevolati gli investimenti in beni strumentali nuovi compresi nella divisione 28 della Tabella ATECO Sono agevolati: 1. Beni con autonomia funzionale - es. imballatrici Componenti di ricambio, parti meccaniche es. cuscinetti a sfera , rubinetti e valvole per l industria Beni di consumo es. toner (?) NON sono agevolati: Beni assemblati o trasformati per l ottenimento di beni destinati ad essere venduti Beni merce 27

28 Investimenti in BENI MINORI Il credito di imposta non spetta per gli investimenti di importo unitario inferiore a euro Singoli beni? Investimento complessivo? 28

29 Requisito della NOVITA L agevolazione spetta per gli investimenti in beni strumentali nuovi Quando il bene può ritenersi nuovo? Quando non è stato già utilizzato a qualunque titolo se il bene viene acquistato da un soggetto che non è né il produttore né il rivenditore ed il cedente attesta che il bene stesso non è mai stato utilizzato o dato ad altri in uso, né da parte del cedente né da alcun altro soggetto e per il quale il venditore non abbia fruito di agevolazioni, può ritenersi agevolato. Circ. n. 90 del 17 ottobre

30 Requisito della NOVITA Quando il bene può ritenersi nuovo? E comunque agevolabile il bene utilizzato dal venditore al solo scopo dimostrativo (es. esposto in uno show room) Costruzione in economia di un bene complesso utilizzando anche beni usati: il requisito della novità sussiste in relazione all intero bene purché il costo di quelli usati non sia prevalente rispetto al costo complessivamente sostenuto Il criterio della prevalenza vale anche nel caso di acquisto da terzi. In questo caso il cedente deve attestare che il bene usato non è di prevalente entità rispetto al costo complessivo e che per lui il bene costituisce un bene merce (circ. 4/E, 18 gennaio 2002) 30

31 Requisito della TERRITORIALITA La norma prevede espressamente che i beni agevolati debbano essere destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato Similmente alla Tremonti bis ma diversamente dalla Tremonti-ter L incentivo è revocato se i beni oggetto degli investimenti sono trasferiti, entro il termine di cui all articolo 43, comma 1, del D.p.r. 600/1973 (31 dicembre del 4 anno successivo), in strutture produttive situate al di fuori dello Stato, anche appartenenti al soggetto beneficiario dell agevolazione. Il bene agevolabile può essere prodotto da imprese italiane o estere 31

32 VALORE degli investimenti Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 Come si determina il valore dell investimento COSTO del bene rilevante ai fini fiscali articolo 110, comma 1, lettere a) e b) del Tuir deve essere assunto al netto di eventuali contributi in conto impianti, indipendentemente dalle modalità di contabilizzazione, con l eccezione di quelli non rilevanti ai fini dell imposta sui redditi (contributi a fondo perduto); va assunto al lordo delle quote di ammortamento; è comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione sostenuti affinché il bene possa essere utilizzato (es. spese di trasporto, montaggio, collaudo); è comprensivo degli interessi passivi iscritti in bilancio - per effetto di disposizioni di legge - ad incremento del costo dei beni strumentali per l impresa; non si tiene conto dei disinvestimenti; costituisce una componente del costo l eventuale IVA, relativa alle singole operazioni di acquisto, totalmente indetraibile (art. 19 bis1 del D.p.r. 633/1972) ovvero dell opzione prevista dall art. 36 bis del D.p.r. 633/72 e quella totalmente indetraibile derivante dal pro-rata di detraibilità pari a zero. 32

33 Momento di realizzazione degli investimenti Rilevano gli investimenti " effettuati a decorrere dal 25 giugno 2014 e fino al 30 giugno 2015" Le regole da seguire per individuare il momento in cui gli investimenti devono considerarsi realizzati sono (art. 109, commi 1 e 2 del Tuir): o per i beni mobili acquistati la data di consegna o spedizione, ovvero, se diversa e successiva, la data in cui si verifica l effetto traslativo o costitutivo della proprietà o di altro diritto reale; o o o per le prestazioni di servizi la data in cui le stesse sono ultimate; non rilevano ne i pagamenti, ne la data della fattura, ne l iscrizione in bilancio; Cir. n. 44/2009: anche per i soggetti IAS valgono i medesimi criteri e non rilevano i diversi criteri IAS di qualificazione, imputazione temporale, classificazione in bilancio. 33

34 Momento di realizzazione degli investimenti (come per la Tremonti-ter) Autonomia degli investimenti effettuati nei due periodi d imposta 25 giugno dicembre gennaio giugno

35 Momento di effettuazione degli investimenti Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 APPALTO I costi si considerano sostenuti dal committente: alla data di ultimazione della prestazione, ovvero in caso di SAL, alla data in cui l opera (macchinario o apparecchiatura) risulta verificata ed accettata dal committente sono agevolabili i corrispettivi liquidati in via definitiva (ex art c.c.) nel periodo in cui si applica l agevolazione indipendentemente dalla durata infrannuale o ultrannuale del contratto è possibile integrare un contratto di appalto stipulato antecedentemente l agevolazione inserendo a posteriori una speciale clausola volta a consentire l accettazione parziale dell opera 35

36 Momento di effettuazione degli investimenti APPALTO esempio APPALTO senza SAL - data di ultimazione della prestazione Data inizio lavori: Data collaudo: Data inizio lavori: Data ultimazione: SI NO Data inizio lavori: Data ultimazione: Data collaudo: NO 36

37 Momento di effettuazione degli investimenti APPALTO esempio APPALTO con SAL - accettazione del SAL ex art. 1666, c.c. Data inizio lavori: Accettazione I SAL: Accettazione II SAL: Accettazione III SAL: Accettazione IV SAL: Solo

38 Beni realizzati IN ECONOMIA Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 Costi imputabili all investimento sostenuti dal 25 giugno 2014 al 30 giugno 2015 Rilevano i costi relativi: ai materiali acquistati ovvero quelli prelevati dal magazzino, quando l acquisto di tali materiali non sia stato effettuato in modo specifico per la realizzazione del bene; alla mano d opera diretta; agli ammortamenti dei beni strumentali impiegati nella realizzazione del bene; ai costi industriali imputabili all opera (stipendi dei tecnici, spese di mano d opera, energia elettrica degli impianti, materiale e spese di manutenzione, forza motrice, lavorazioni esterne, eccetera). 38

39 Beni realizzati IN ECONOMIA Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 L'agevolazione spetta anche per le opere in corso, anche se iniziate o sospese in esercizi precedenti al periodo di applicazione dell'agevolazione, ma limitatamente ai costi sostenuti negli esercizi agevolabili. 39

40 LEASING FINANZIARIO Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 Solo i contratti con opzione finale di acquisto Non rileva la qualificazione IAS 17 L agevolazione spetta all utilizzatore Momento di effettuazione investimento Collaudo con esito positivo Sottoscrizione verbale di consegna se il contratto non prevede la clausola di prova Rileva il costo sostenuto dal concedente per l acquisto dei beni al netto delle spese di manutenzione Se per l utilizzatore l IVA sui canoni è indetraibile ex art. 19-bis1, D.p.r. 633/1073 il costo agevolabile è assunto al lordo dell IVA pagata dalla società di leasing Il riscatto non configura ipotesi autonoma di investimento L agevolazione è revocata nel caso di mancato esercizio del riscatto o di cessione del contratto entro il secondo anno dall investimento 40

41 LEASING OPERATIVO Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 L agevolazione non spetta per l acquisizione dei beni mediante noleggio/leasing operativo L agevolazione spetta alla società di noleggio/leasing operativo per l acquisto di beni nuovi successivamente concessi in noleggio/leasing operativo poiché trattasi di un bene di investimento strumentale all esercizio della propria attività 41

42 LEASING APPALTO Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 L agevolazione spetta anche nell ipotesi in cui la società di leasing realizzi, affidando in appalto la relativa costruzione, un bene rientrante tra quelli agevolabili allo scopo di concederlo in locazione finanziaria all utilizzatore. L agevolazione spetta all utilizzatore Assumono rilievo i corrispettivi che la società di leasing/concedente liquida all appaltatore (SAL) nel periodo di vigenza; La società di leasing deve comunicare all utilizzatore i corrispettivi liquidati perché nel leasing appalto assumono rilevanza le porzioni di opere eseguite in appalto e accettate dalla società concedente ancor prima che il bene agevolato si renda disponibile per l impresa utilizzatrice Nel caso in cui sia prevista la clausola di prova a favore dell utilizzatore, assume rilevanza la dichiarazione di esito positivo del collaudo da parte dello stesso utilizzatore 42

43 LEASE BACK Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 L agevolazione spetta anche nell ipotesi in cui il bene oggetto dell investimento, per il quale si fruisce dell agevolazione, formi oggetto di successivo contratto di lease-back. La cessione del bene nuovo alla società di leasing non determina la revoca 43

44 Meccanismo di calcolo: la media storica È necessario che il volume degli investimenti realizzati nei periodi di imposta agevolati superi la media degli investimenti effettuati nei cinque periodi d imposta precedenti Media mobile: I periodo agevolato: quinquennio II periodo agevolato: quinquennio Possibilità di escludere il periodo di imposta con investimenti maggiori La necessità di superare un plafond storico vale solo per le imprese che alla data del 25 giugno 2014 hanno almeno due periodi di imposta alle spalle (Circ. n. 90/2001) 44

45 Meccanismo di calcolo: la media storica Regole per il calcolo della media: Principio di omogeneità: occorre applicare a ritroso le regole descritte Ove si sottragga l anno più alto, si divide per 4 e non per 5 (Circ. n. 4/2002) Nei periodi agevolati rilevano solo gli investimenti realizzati dal 25 giugno 2014 al 30 giugno 2015 Necessità di ragguagliare la media di confronto? 45

46 Calcolo dell agevolazione L incentivo (credito d imposta pari al 15%) si calcola sul valore degli investimenti in beni strumentali nuovi effettuati nel periodo agevolato (25 giugno giugno 2015) in eccesso rispetto alla media dei cinque esercizi precedenti (per investimenti in analoghi beni nuovi), con possibilità di escludere quello con importo più elevato. Ad esempio, per gli investimenti realizzati nel 2014, si calcolerà la media del periodo ; se l importo più elevato è del 2010, la media sarà data dalla somma di ( ) diviso quattro. Per gli acquisti del primo semestre 2015, la media invece è basata sul quinquennio , sempre con possibilità di esclusione dell annualità più elevata. Non si considerano gli acquisti di costo unitario inferiore a 10 mila euro. 46

47 Calcolo dell agevolazione L iter da seguire per determinare il credito d imposta è: individuare i beni acquisti nel quinquennio precedente che sarebbero stati agevolati in base alla presente norma; scartare l annualità che presenta i maggiori investimenti agevolabili (si tenga presente che negli anni 2009 e 2010 era in vigore la Tremonti-ter ed è quindi probabile che siano questi gli anni più rilevanti); calcolare la media per ottenere il parametro di riferimento con i nuovi investimenti agevolabili; calcolare il 15% sulla differenza tra i nuovi investimenti e la media come in precedenza calcolata. 47

48 Calcolo dell agevolazione La società Alfa S.r.l., costituita il , presenta i seguenti dati: Acquisti beni agevolabili Cessioni beni agevolabili Media di riferimento Credito d imposta spettante ( )ₓ15% ,50 48

49 Fruizione dell agevolazione Il credito d imposta: o o o va ripartito e utilizzato in tre quote annuali di pari importo. La prima quota annuale è utilizzabile a decorrere dal 1 gennaio del secondo periodo d imposta successivo a quello in cui è stato effettuato l investimento; per gli investimenti effettuati nel 2014 (media ) il credito d imposta è utilizzabile dal 1 gennaio 2016; per gli investimenti effettuati nel 2015 (media ) il credito d imposta è utilizzabile dal 1 gennaio deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta di riconoscimento e in quelle dei periodi in cui è utilizzato; è utilizzabile esclusivamente in compensazione e non è soggetto al limite annuale dei euro; 49

50 Fruizione dell agevolazione o o o non concorre alla formazione del reddito imponibile e del valore della produzione e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 56, co. 2; 61, co.1; 84; 109, co. 5 del Tuir; non è soggetto al limite dei 250 mila euro per i crediti di imposta "agevolativi ; Il credito non utilizzato in un anno dovrebbe essere utilizzato negli anni successivi 50

51 REVOCA 1. se il bene è ceduto a terzi o destinato a finalità estranee all esercizio d impresa prima del secondo periodo d imposta successivo all acquisto 2. se i beni oggetto degli investimenti sono trasferiti, entro il 31 dicembre del IV anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta in cui l investimento è stato realizzato, in strutture produttive situate al di fuori dello Stato, anche appartenenti al soggetto beneficiario dell agevolazione 51

52 REVOCA 1 Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 L agevolazione è revocata se il bene strumentale viene: ceduto a terzi destinato a finalità estranee all esercizio di impresa Costituiscono cause di revoca anche le seguenti fattispecie: dismissione conferimenti donazioni assegnazioni ai soci destinazione al consumo personale o familiare dell imprenditore del bene oggetto di investimento risoluzione del contratto di acquisto con riserva di proprietà per inadempimento del compratore (art del c.c) 52

53 REVOCA - 1. Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 prima (non entro il) del secondo periodo di imposta successivo all acquisto prima del 2016: per i beni agevolati nel 2014; prima del 2017: per i beni agevolati nel 2015; Esempio Acquisto del bene agevolato settembre 2014 Cessione del bene agevolato: dicembre 2015 (revoca) Cessione del bene agevolato: gennaio 2016 (no revoca) 53

54 REVOCA - 1 Circ. n. 44 del 27 ottobre 2009 L agevolazione non è revocata in caso di: Furto del bene agevolato (con regolare denuncia alle autorità competenti) Trasferimento del bene agevolato in occasione delle operazioni di: Fusione Scissione Trasformazione soggettiva (senza fuoriuscita dal regime di impresa) Il soggetto cui sono trasferiti i beni agevolati, subentra nell obbligo di conservarli per tutto il periodo di operatività del regime di revoca dell agevolazione Cessione di azienda o ramo di azienda Conferimento di azienda o ramo di azienda anche durante il periodo di sorveglianza dell agevolazione 54

55 REVOCA - 1 Al fine di rendere inoperante la revoca, l Agenzia ha richiesto che dagli atti relativi alla cessione o al conferimento risulti: o o da un lato la dichiarazione espressa del cedente/conferente che l azienda o ramo d azienda include investimenti oggetto dell agevolazione, di cui andranno indicati tipologia, momento di effettuazione, valore ed ogni altra notizia utile; dall altro, l impegno del cessionario/conferitario a mettere il bene nell ambito del compendio aziendale fino al periodo di sorveglianza dell agevolazione. Non comporta automaticamente la revoca dell agevolazione il trasferimento dell azienda per donazione, insieme alla successione per causa di morte. 55

56 REVOCA - 1 Per gli investimenti effettuati mediante contratti di leasing comportano la revoca: o o il mancato esercizio del diritto di riscatto; la cessione del contratto di leasing entro il 2 periodo d imposta successivo a quello di realizzazione dell evento. Effetti della REVOCA - 1 Solo rettifica delle scritture contabili, poiché il credito di imposta non è stato ancora utilizzato 56

57 REVOCA 2 Il credito di imposta è revocato se i beni oggetto degli investimenti sono trasferiti entro il termine di cui all art. 43, DPR n.600/1973 in strutture produttive situate al di fuori dello Stato, anche appartenenti al soggetto beneficiario dell agevolazione (art. 18, co. 5, lett.b) Ratio Subordinare la conservazione dell agevolazione al mantenimento del bene in strutture produttive situate nel territorio dello Stato Limite temporale Quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione relativa al periodo di imposta dell investimento (articolo 43, co.1. D.P.R. n. 600/1973) 57

58 REVOCA 2 L utilizzazione del bene all interno dello Stato deve risultare da apposita dichiarazione del cessionario, pena la decadenza dell agevolazione con produzione dei relativi effetti in capo al cedente. 58

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli