Attività e strumenti di Wealth Planning. Milano, 28 Aprile 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività e strumenti di Wealth Planning. Milano, 28 Aprile 2015"

Transcript

1 Attività e strumenti di Wealth Planning Milano, 28 Aprile 2015

2 Il Gruppo Banca Esperia Gli Azionisti Banca Esperia è la boutique di Private Banking di Mediobanca e Mediolanum, nata nel 2001 e dedicata ai Clienti Private e Istituzionali. L attività del Gruppo Banca Esperia è focalizzata sullo sviluppo di servizi di Consulenza Finanziaria e di Wealth Planning finalizzati all Organizzazione e alla Protezione del patrimonio complessivo dei Clienti. Il Consiglio di Amministrazione Edoardo LOMBARDI Andrea CINGOLI Maurizio CARFAGNA Luigi DEL FABBRO Francesco Saverio VINCI Massimo DI CARLO Carlo CLAVARINO Agostino ARDISSONE Romina GUGLIELMETTI Anna Eugenia Maria OMARINI Presidente Amministratore Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Indipendente Consigliere Indipendente Consigliere Indipendente Consigliere Indipendente 2

3 Il Gruppo Banca Esperia Evoluzione degli Asset Under Management Le nostre 12 Filiali mld Business Istituzionale 5 mld 3 Business Private 11 mld

4 Il Gruppo Banca Esperia Struttura del Gruppo Il Gruppo Banca Esperia è costituito dalla Capogruppo, Banca Esperia, e da quattro società prodotto che permettono di completare e arricchire i servizi consulenziali per la clientela, grazie ad analisi e soluzioni a supporto di tutto il patrimonio del Cliente in un ottica di Governance e Protezione, Asset Allocation Strategica e Advisory su Beni Aziendali e Immobiliari Banca Esperia Banca specializzata nelle attività di Private Banking che offre Servizi di Consulenza, Servizi Finanziari e Servizi Bancari a Clienti Private e Istituzionali Duemme SGR Duemme International Luxembourg Esperia Servizi Fiduciari Esperia Trust Company Società specializzata nei servizi di Asset Management per i Clienti Private e Istituzionali Attraverso Duemme SGR è possibile accedere ad una gamma di soluzioni di investimento tra le quali Gestioni Patrimoniali, Fondi Immobiliari e Fondi Hedge Società di diritto lussemburghese specializzata nella gestione di comparti di Sicav, SIF e di Mandati di Gestione patrimoniale personalizzati Società specializzata nel fornire una gamma completa di Servizi Fiduciari. L offerta si estende dalla semplice intestazione di beni, alla gestione di Mandati Fiduciari complessi, al servizio di Account Aggregation per la valorizzazione e l analisi del patrimonio complessivo dei Clienti Società di diritto italiano specializzata nell attività di istituzione e amministrazione di Trust interni. Esperia Trust Company opera sia come Trustee sia come Guardiano 4

5 Il Gruppo Banca Esperia: Modello di Business Il modello di business di Banca Esperia è focalizzato sullo sviluppo di servizi di Consulenza dedicato a tutte le componenti del patrimonio, sia finanziario che non (aziende, immobili) ed alla Pianificazione, Organizzazione e Protezione dello stesso (Wealth Planning). Consulenza e Servizi di Investimento (F&PA) Gestioni Patrimoniali (GPS) Sif e Sicav Modello di Business Consul. e Servizi Investimento Corporate & Real Estate Wealth Planning Corporate Advisory Real Estate Advisory Club d investimento Servizi di Supporto al Closing Societario Consulenza in materia di Protezione e Organizzazione del Patrimonio Trust e Servizi Fiduciari Polizze di Private Insurance e Fondi Patrimoniali Punti di Forza Indipendenza/assenza di conflitto d interessi Banca totalmente dedicata all architettura aperta con modello di selezione e monitoraggio dei gestori consolidato Offerta full range Offerta di prodotti e servizi che coprono l intero spettro di potenziali esigenze del cliente (Investimenti finanziari, Governance e protezione del patrimonio e Corporate & Real Estate advisory) Stretta collaborazione con azionisti di riferimento Leader nel corporate e investment banking Risk Management Struttura di risk management articolata e strumenti di controllo e reporting evoluti Organizzazione e competenza Organizzazione della banca strutturata per la creazione di team dedicati alle esigenze articolate e complesse di singole famiglie Team di relationship Manager con background professionali complementari (asset management, financial planning, Corporate&Real Estate) 5

6 Esperia Fiduciaria S.p.A. 1. Attività di Wealth Advisory 2. Gli strumenti di Wealth Planning 6

7 1. Attività di Wealth Advisory a) Il mandato di WA (Wealth Advisory) 7

8 BANKABLE ASSETS BANKABLE ASSETS REAL ESTATE CORPORATE ASSETS L attività di Wealth Advisory WEALTH ADVISORY ASSET MANAGEMENT WEALTH PLANNING BANKABLE ASSETS REAL ESTATE CORPORATE ASSETS CORE SATELLITE ADVISORY STRATEGIC WEALTH ALLOCATION GESTITO ADVISORY AMMINI STRATO WEALTH GOVERNANCE ACCOUNT AGGREGATION Bankable assets Banca Esperia Bankable assets c/o terzi WEALTH PROTECTION 8

9 Il mandato di WA Wealth Advisory: Analisi e definizione ipotesi L analisi di Wealth Advisory è finalizzata alla scelta delle soluzioni maggiormente idonee. STRATEGIC WEALTH ALLOCATION WEALTH GOVERNANCE BANKABLE ASSETS REAL ESTATE CORPORATE WEALTH PROTECTION Delivery & Execution: Utilizzo degli strumenti di supporto La fase di Delivery & Execution viene condotta congiuntamente ai professionisti di riferimento dei clienti. 9

10 Il mandato di WA Aree di analisi e di intervento ricorrenti ADVISORY DELIVERY & EXECUTION Strategic Wealth Allocation Wealth Governance Wealth Protection Fiduciaria Wealth Reporting Trust Servizi Societari Servizi Assicurativi Servizi di Credito Veicoli Dedicati Fondi Immobiliari 10

11 1. Attività di Wealth Advisory b) Strategic Wealth Allocation 11

12 Attività di Wealth Advisory Strategic Wealth Allocation (1/2) Ricognizione dell attuale assetto del Patrimonio e valutazione del bilanciamento e delle modalità di detenzione più adeguate ai fini di una più efficiente organizzazione e amministrazione del Patrimonio. Devono essere considerate le seguenti componenti: Attività finanziarie liquide; Attività finanziarie illiquide; Immobili; Partecipazioni societarie in genere; Partecipazioni in imprese di famiglia; Beni di valore. Valutazione della distribuzione geografica (Italia/Estero) e le implicazioni di rischio implicite; 12

13 Attività di Wealth Advisory Strategic Wealth Allocation (2/2) Rilevazione della composizione del patrimonio immobiliare e quantificazione dei livelli di redditività attuale e prospettica; Rilevazione della situazione finanziaria delle partecipazioni o delle imprese di famiglia per individuare potenziali migliori efficienze anche in termini di partecipazioni ed assetti societari; Identificazione delle possibili opportunità di investimento o disinvestimento immobiliare (esclusi fondi di investimento); Identificazione di possibili efficienti forme di assunzione o dismissione di partecipazioni societarie. 13

14 Wealth Allocation LIVELLO ADVISORY/PLANNING STRATEGIC WEALTH ALLOCATION IMPLEMENTATION EXECUTION ADVISORY CORE/ SATELLITE Gestito Amministrato Advisory Account aggregation ADVISORY REAL ESTATE (check up, ottimizzazione) Club Deals Illiquid Asset Advisory CORPORATE FINANCE (check up, ottimizzazione) Club Deals Illiquid Asset Advisory STRUMENTI DI DELIVERY: Fiduciaria, Trust, Servizi Societari, Credito, SPV, 14

15 1. Attività di Wealth Advisory c) Wealth Governance 15

16 Attività di Wealth Advisory Wealth Governance (1/2) Definizione del perimetro familiare e del patrimonio familiare; Analisi della composizione della famiglia, dei rapporti di parentela, delle modalità di detenzione del patrimonio. Individuazione delle modalità di gestione e di formazione del processo decisionale nell ambito del gruppo familiare; Definizione di una modalità di mantenimento di una linea unitaria di organizzazione e amministrazione del patrimonio familiare in presenza di patrimoni separati fra i vari membri della famiglia; Trasferimento degli assets familiari mantenendo forme diverse di controllo irrevocabile sugli assets (poteri gestori/poteri dispositivi); Semplificazione della gestione contabile dei beni bancabili detenuti tramite società (persona giuridica); 16

17 Attività di Wealth Advisory Wealth Governance (2/2) Ristrutturazione del patrimonio societario partecipativo mediante l analisi di operazioni societarie di natura straordinaria finalizzate alla: Suddivisione o raggruppamento delle singole partecipazioni famigliari; Costituzione di società holding e/o trust di famiglia; Separazione delle componenti immobiliari ed industriali del patrimonio famigliare (es. scissione societaria, conferimento di rami di azienda, apporti a veicoli appositamente costituiti); Altro. Ottimizzazione della allocazione della liquidità fra società e persone fisiche; Sviluppo di soluzioni specifiche di impiego finanziario con finalità no-profit: Costituzione di fondazioni, associazioni, trust; Analisi di investimenti dedicati (Onlus). Ottimizzazione del trasferimento generazionale dei beni. 17

18 Wealth Governance: le strutture societarie Finalità Unità della gestione e della proprietà aziendale Società di persone Srl SpA SapAz Soc. Semplice Ottimizzazione imposizione diretta Ottimizzazione imposizione successoria Passaggio generazionale Fondo imm.re Gestione patrimoni immobiliari Gestione patrimoni mobiliari 18

19 1. Attività di Wealth Advisory d) Wealth Protection 19

20 Attività di Wealth Advisory Wealth Protection Strutturazione delle modalità di protezione del patrimonio famigliare in termini di (a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo): Riservatezza; Difesa dall aggressione dei creditori; Protezione dai rischi professionali (amministratori, sindaci, professionisti, etc.); Protezione di soggetti deboli; Valutazione dell opportunità di utilizzo di strumenti di protezione del patrimonio e della persona quali: Intestazione fiduciaria; Polizza vita; Polizza danni; Trust; Fondo patrimoniale; Patti di famiglia. Organizzazione dell amministrazione dei beni dei figli minori. 20

21 Wealth protection: strategie di protezione SEGREGAZIONE RISERVATEZZA ASSICURAZIONE Strategie di protezione GOVERNANCE DIVERSIFICAZIONE PIANIFICAZIONE 21

22 2. Gli strumenti di Wealth Planning a) I servizi fiduciari 22

23 I Servizi Fiduciari - Overview Il mandato fiduciario è un contratto tramite il quale il fiduciante dà incarico a un terzo di assumere l intestazione el amministrazione di alcuni beni di sua proprietà per suo conto. Il conferimento di tale incarico non comporta il trasferimento della proprietà del patrimonio oggetto di intestazione fiduciaria, ma solo della legittimazione ad esercitare i diritti da esso derivanti. Tale esercizio, peraltro, deve avvenire sulla base delle istruzioni impartite dal fiduciante e viene meno a seguito di revoca del mandato da parte del fiduciante o di morte di quest ultimo. I beni oggetto di mandato rimangono, quindi, di proprietà sostanziale del fiduciante, mentre la proprietà formale dei beni viene trasmessa alla società fiduciaria. Le esigenze soddisfatte dai Servizi Fiduciari Tutela del patrimonio e della persona in ambito finanziario, societario e familiare; Analisi delle attuali modalità di detenzione del patrimonio; Riservatezza. 23

24 I Servizi Fiduciari Caratteristiche del Servizio Assistenza Assistenza professionale per il fiduciante attraverso il ricorso sia alle strutture della società fiduciaria sia alla rete dei professionisti con cui collabora il Cliente. Riservatezza Riservatezza circa l effettivo proprietario dei beni (valori mobiliari, partecipazioni) intestati formalmente alla fiduciaria evitando eventuali tensioni concorrenziali e spendita del nome. Continuità gestionale Supporto nel passaggio generazionale di beni di famiglia, al fine di garantire la continuità gestionale ( Patti di Famiglia ), anche tramite attuazione delle disposizioni dell imprenditore che trasferisce in vita il patrimonio ai discendenti. Supporto gestionale Trasparenza fiscale Supporto nel trasferimento delle partecipazioni e pagamento del prezzo nell ambito delle compravendite, anche attraverso patti di escrow, amministrazione di equity plans o stock option plans. Imputazione fiscale in capo al fiduciante delle operazioni poste in essere dalla fiduciaria in nome proprio, ma per conto esclusivo del fiduciante stesso. Applicazione del regime fiscale previsto per la specifica categoria di beni oggetto del mandato fiduciario. 24

25 I Servizi Fiduciari - Tipologie Intestazione Fiduciaria Mandati Fiduciari Complessi Intestazione valori mobiliari Escrow agreement Servizi di Organizzazione del Patrimonio Amministrazione patti di famiglia (*) Private Client Insurance Assistenza cessione aziende Organizzazione special purpose vehicles Assistenza operazioni di Private Equity Amministrazione partecipazioni Gestione stock option e equity plan Patti di sindacato Pianificazione Mandati di analisi delle modalità di detenzione del patrimonio Account Aggregation Account aggregation (*) nell ambito dell evoluzione legislativa in atto. 25

26 Il Mandato Fiduciario Il Contesto Regolatorio Le società fiduciarie sono state istituite con Legge n del 1939 e la relativa attività è stata da ultimo disciplinata dal decreto del Ministero delle Attività Produttive che è anche l organo di vigilanza - del 16 gennaio Il mandato fiduciario pur non essendo disciplinato in modo specifico dal nostro ordinamento - è unanimemente ricondotto al mandato senza rappresentanza (art e ss. Codice civile) ed è integralmente regolamentato nel suo contenuto dal Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 16 gennaio Gli aspetti civilistici caratterizzanti il mandato fiduciario sono: Separazione tra effettiva proprietà e legittimazione formale; Diritto del fiduciante alla restituzione in qualsiasi momento dei beni affidati alla società fiduciaria; Obbligo della società fiduciaria di eseguire fedelmente le istruzioni scritte impartite dal fiduciante astenendosi dall esercitare qualsiasi altra attività relativa ai beni amministrati. 26

27 Il Mandato Fiduciario Aspetti Fiscali Le operazioni poste in essere dalla fiduciaria in nome proprio, ma per conto esclusivo del fiduciante, sono fiscalmente imputabili allo stesso ( trasparenza fiscale ). Conseguentemente si applica il regime fiscale prescelto dal fiduciante - sulla base della sua situazione soggettiva previa specifica istruzione alla fiduciaria che provvede alternativamente: a comunicarlo alle relative controparti sostituti d imposta; ad applicare eventuali ritenute e/o imposte sostitutive. La società fiduciaria può agire come sostituto d imposta agevolando il netting fra plusvalenze e minusvalenze dei diversi rapporti di gestione amministrativa dei titoli detenuti dal Cliente, nell ambito della categoria Redditi diversi. 27

28 2. Gli strumenti di Wealth Planning b) Il servizio di account aggregation 28

29 P&PS + Bankers P&PS I contenuti del Servizio di Account Aggregation 1. Account Aggregation & Analisi dei Rischi Finanziari Aggregazione dei vari rendiconti Riclassificazioni per asset class, strumento, esposizione valutaria, ecc. Analisi volatilità attesa, Key Rate Duration, Stress Testing, ecc. 2. La view sui mercati di Banca Esperia Scenario Macroeconomico Temi di Investimento View Strategica Qualitativa sulle Asset Class 3. Interventi possibili di Asset Allocation Portafoglio Modello (statistiche e evoluzione probabilistica del montante) Matrice di interventi di asset allocation + commenti 4. Commenti al portafoglio del Cliente e Consigli Operativi Consigli di acquisto/vendita su singoli strumenti con parere motivato 29

30 Account Aggregation & Analisi dei Rischi Finanziari (1/2) I dati dei Rendiconti delle Banche monitorate vengono acquisiti, riclassificati ed esposti in modo che il cliente abbia una visione globale dei suoi investimenti sotto diversi aspetti 30

31 Account Aggregation & Analisi dei Rischi Finanziari (2/2) Il patrimonio monitorato viene sottoposto ad una analisi dei rischi cd. ex-ante, allo scopo di conoscere il profilo complessivo di rischio prospettico del patrimonio e di conseguenza operare scelte di investimento più oculate. 31

32 La view sui mercati di Banca Esperia Il Cliente riceve la sintesi dei nostri documenti di asset allocation 32

33 Interventi possibili di Asset Allocation È possibile definire un portafoglio modello per il Cliente e quindi suggerire gli scostamenti da operare sulle varie controparti. 33

34 Commenti al portafoglio del Cliente e Consigli Operativi I risultati delle analisi sul portafoglio complessivo del cliente vengono commentati ed inoltre vengono proposti consigli di acquisto/vendita di singoli strumenti 34

35 2. Gli strumenti di Wealth Planning c) Il fondo patrimoniale 35

36 Il fondo patrimoniale Caratteri generali I coniugi per atto pubblico o un terzo, anche per testamento, possono costituire un fondo patrimoniale destinando determinati beni, immobili o mobili iscritti in pubblici registri, o titoli di credito a far fronte ai bisogni della famiglia (artt. 167 ss. c.c.). Funzione dell istituto: destinare determinati beni al perseguimento di una funzione esclusiva individuata nel soddisfacimento dei bisogni della famiglia (creazione di un patrimonio separato vincolato). Chi può costituire il fondo: uno o entrambi i coniugi o un terzo. In quest ultimo caso è necessaria l accettazione dei coniugi. Oggetto del fondo patrimoniale: beni immobili, mobili registrati e titoli di credito. Si ritiene possibile che il proprietario di un bene incrementi il fondo patrimoniale dei coniugi con un diritto reale di godimento. Esclusa, invece, la destinazione al fondo di un azienda, in quanto estranea all interesse tutelato dal fondo patrimoniale. Ammessa la conferibilità dei beni futuri purché essi siano determinati. 36

37 Il fondo patrimoniale Costituzione Il fondo patrimoniale può essere istituito: per atto pubblico; per testamento. Può anche non comportare un trasferimento ma la semplice apposizione di un vincolo di destinazione. Il trasferimento al fondo patrimoniale può essere considerato come atto di liberalità. Essendo un atto a titolo gratuito esso è soggetto alla possibile dichiarazione di inefficacia (art. 64 L.F.) o revocatoria fallimentare o ordinaria. 37

38 Il fondo patrimoniale Impiego e amministrazione del fondo La proprietà dei beni del fondo spetta ad entrambi i coniugi, salvo che non sia stabilito diversamente dall atto costitutivo. In virtù del vincolo di destinazione che caratterizza il fondo patrimoniale i frutti dei beni costituenti il fondo patrimoniale devono essere impiegati per i bisogni della famiglia. L amministrazione dei beni costituenti il fondo patrimoniale spetta solamente ai coniugi secondo le regole della comunione legale. 38

39 Il fondo patrimoniale Vincoli principali Vincolo di destinazione: in forza di tale vincolo il fondo patrimoniale viene considerato come un patrimonio separato. Vincolo di indisponibilità: i coniugi hanno l obbligo di destinare al soddisfacimento dei bisogni familiari ogni utilità derivante dai beni del fondo. Tale vincolo comporta anche, nel caso in cui i coniugi siano contitolari del diritto di proprietà, l inefficacia di alcuni atti di disposizione giuridica degli stessi (art. 169 c.c.). Vincolo di inespropriabilità: soffre di un limite anche l azione esecutiva dei creditori dei coniugi, i quali possono soddisfarsi sui beni del fondo e sui frutti di essi esclusivamente in relazione a debiti assunti per fare fronte ai bisogni della famiglia, in caso di obbligazioni contratte per scopi estranei, di inconsapevolezza dell estraneità da parte del creditore (art. 170 c.c.). 39

40 Il fondo patrimoniale Alienazione dei beni del fondo: art. 169 c.c. Non si possono alienare, ipotecare, dare in pegno, vincolare beni del fondo patrimoniale se non con il consenso di entrambi i coniugi (se non vi sono figli minori). Se ci sono figli minori è necessario il consenso dei coniugi e l autorizzazione concessa dal giudice, nei soli casi di necessità ed utilità evidente. 40

41 Il fondo patrimoniale Cessazione Cause: annullamento o scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio. Se vi sono figli: il fondo dura fino alla maggiore età dell ultimo figlio. Il giudice può dettare, su istanza di chi vi abbia interesse, norme sulla destinazione del fondo. In più, considerate le condizioni economiche dei genitori e dei figli il giudice può attribuire, in proprietà o godimento, beni del fondo. Se non vi sono figli: si applicano le disposizioni sullo scioglimento della comunione legale. 41

42 Il fondo patrimoniale Fondo patrimoniale e fallimento Ipotesi di fallimento di entrambi i coniugi: il fondo in tale caso viene appreso all attivo del fallimento: limitatamente ai frutti se i coniugi avevano il godimento del bene; dell intero bene se i coniugi erano in proprietà. In tale caso si formerà una massa separata destinata al soddisfacimento di una massa soltanto di creditori. Il fondo infatti potrà essere aggredito se sussistono i presupposti e nei limiti dell articolo 170 c.c. dai creditori della famiglia. Ipotesi di fallimento di uno dei coniugi: in questo caso il fondo non viene appreso all attivo del fallimento. Il fallimento di uno dei due coniugi non fa venire meno il fondo patrimoniale. Il fondo resta in tale caso insensibile al fallimento. 42

43 Il fondo patrimoniale Aspetti fiscali: imposta di registro (1/2) Fondo costituito su beni già in proprietà dei coniugi: imposta di registro (art. 11, parte prima Tariffa D.P.R. 131/1986). Fondo costituito su bene già di proprietà di uno dei coniugi, che la mantiene: imposta di registro (art. 11, parte prima Tariffa D.P.R. 131/1986). Fondo costituito su bene già di proprietà di uno dei coniugi, che non si riserva la proprietà: in caso di accettazione del coniuge, si applicano le norme in materia di donazioni sul 50% del valore. Fondo costituito da un terzo che non mantiene la proprietà: si applicano le norme in materia di donazione. Fondo costituito da un terzo che se ne riserva la proprietà: si applicano le norme in materia di atti a titolo gratuito, perché vi è beneficio per i coniugi. 43

44 Il fondo patrimoniale Aspetti fiscali: imposte ipotecarie e catastali (2/2) Se la costituzione del fondo non comporta il trasferimento del bene l apposizione del vincolo comporta l applicazione della imposta ipotecaria in misura fissa (art. 4 Tariffa D. Lgs. 347/1990). Se la costituzione del fondo comporta un trasferimento sono dovute l imposta ipotecaria (2%) e catastale (1%) (art. 10 D. Lgs. 347/1990). 44

45 2. Gli strumenti di Wealth Planning d) Le polizze di Private Insurance 45

46 La polizza assicurativa Caratteri generali (1/2) L assicurazione sulla vita è un contratto tra un soggetto contraente ed un impresa di assicurazione che si obbliga a pagare un capitale o una rendita al verificarsi dell evento assicurato (morte, sopravvivenza). Il contraente è la persona che perfeziona il contratto con l assicuratore, definisce il contenuto della polizza (durata, gestione dell attivo, clausola beneficiaria), paga il/i premio/i, agisce sul contratto. L assicurato è la persona fisica sulla quale è basato il rischio/evento. I beneficiari in caso di vita sono coloro che riceveranno le prestazioni in caso di vita dell assicurato alla scadenza del contratto (presenti solo in caso di un contratto a durata determinata ). I beneficiari in caso di decesso sono coloro che riceveranno le prestazioni in caso di decesso dell assicurato prima della scadenza del contratto. 46

47 La polizza assicurativa Caratteri generali (2/2) Oggetto del contratto: contratto di assicurazione sulla vita di tipo unit linked in base al quale, a fronte del pagamento da parte del contraente di un premio iniziale e di eventuali premi aggiuntivi, la compagnia assicurativa si impegna a corrispondere alternativamente: ai soggetti beneficiari indicati dal contraente, l indennità assicurativa in caso di decesso dell assicurato; il valore di riscatto della polizza, a richiesta del contraente. Il premio iniziale e gli eventuali incrementi successivi sono investiti e rappresentati da quote di un fondo dedicato collegato alla polizza, fondo la cui gestione è affidata ad una Sgr che svolge in maniera professionale tale attività. Il contraente può designare uno o più beneficiari della prestazione in caso di decesso dell assicurato. La designazione può essere in qualsiasi momento revocata o modificata dal contraente in vita. 47

48 La polizza assicurativa Soggetti coinvolti La sottoscrizione di una polizza coinvolge tre tipologie di soggetti: contraente: soggetto che stipula il contratto con la compagnia assicurativa e si impegna a pagare il premio. Il contraente è il titolare a tutti gli effetti del contratto. Si possono avere anche polizze con più contraenti; assicurato: persona fisica (generalmente al massimo due) sulla cui vita è stipulato il contratto. Può coincidere con il contraente; beneficiario: soggetto a cui sono erogate le prestazioni assicurative nel caso si verifichi l evento assicurato. 48

49 La polizza assicurativa Aspetti normativi (1/2) Protezione del patrimonio: impignorabilità e insequestrabilità I capitali non possono essere sottoposti ad azione esecutiva o cautelare (se i conferimenti sono eseguiti da oltre un anno rispetto all apertura di un eventuale fallimento). Inoltre la polizza può costituire garanzia per operazioni di finanziamento (sulla base di una richiesta esplicita del contraente) se collocata tramite un broker-. Dalla lettura congiunta dei commi dell art del Codice Civile si evince che: l impignorabilità e l insequestrabilità si consolidano dal primo minuto della polizza per quanto riguarda i frutti del capitale conferito in polizza; per quanto riguarda il capitale valgono i termini della revocatoria ordinaria e fallimentare e le condizioni di cui sopra si consolidano al momento in cui risultano trascorsi i periodi definiti dalle norme. 49

50 La polizza assicurativa Aspetti normativi (2/2) Riservatezza Ulteriore protezione nel caso in cui si utilizzi una società fiduciaria come contraente. In caso di sottoscrizione di polizza estera (raccomandabile) l utilizzo di una società fiduciaria come contraente ed il deposito della polizza in deposito amministrato presso la banca esonera il contribuente dalla compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi annuale. Flessibilità nel riscatto della polizza; nella modifica dei beneficiari in qualunque momento. Vengono fatti salvi in ogni caso i diritti dei legittimari eventualmente lesi dalla legittima; nella gestione del sottostante e negli strumenti utilizzabili; nel numero dei contraenti (anche due) e dei beneficiari. 50

51 La polizza assicurativa Aspetti fiscali (1/4) In caso di decesso dell assicurato gli eredi non pagano l imposta di successione sul montante. Differimento dell imposta in caso di recesso anticipato. Solo al momento di riscatto della polizza si pagano le imposte (capital gain) relative all incremento di valore della polizza, connesso al risultato agli investimenti sottostanti e le imposte di bollo. I beneficiari ricevono una percentuale aggiuntiva sul valore del premio al momento del decesso dell assicurato. Esonero dalla compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi annuale: sottoscrivendo la polizza direttamente a nome del contraente ed inserendo il contratto di polizza in un deposito amministrato presso la banca e canalizzando presso la stessa banca i flussi della polizza; utilizzando una società fiduciaria come contraente ed inserendo la polizza in un deposito in regime fiscale amministrato presso la fiduciaria. 51

52 La polizza assicurativa Aspetti fiscali (2/4) Differimento della tassazione I proventi finanziari sono capitalizzati nella polizza e il momento impositivo è differito al momento del riscatto (totale o parziale). Il fenomeno del differimento della tassazione crea un vantaggio finanziario di capitalizzazione composta Gestione Gestione in Polizza Anni 52

53 La polizza assicurativa Aspetti fiscali (3/4) Ipotesi di liquidazione per riscatto I redditi che derivano da contratti di assicurazione sulla vita (differenziale fra il valore del premio versato ed il montante del valore della polizza) si qualificano come redditi di capitale ai sensi dell articolo 44, comma 1, lettera g-quater) del TUIR. In caso di riscatto, parziale o totale, di polizze assicurative di tipo finanziario (unit linked), emesse da compagnie di assicurazione di diritto estero che operano in Italia in libera prestazione di servizi (LPS): l imposta sostitutiva può essere applicata direttamente dalla compagnia assicurativa nell ipotesi che la stessa abbia scelto di svolgere la funzione di sostituto d imposta. In tale caso la compagnia, ogni anno, versa un anticipo delle imposte sui redditi da utilizzarsi in caso di rimborso/riscatto; in ipotesi contraria, l imposta sostitutiva viene applicata dall intermediario depositario scomputando le imposte versaste, ogni anno, per conto del cliente. Qualora la polizza non fosse depositata presso un intermediario il cliente deve dichiarare la plusvalenza nel Quadro RM della dichiarazione dei redditi. 53

54 La polizza assicurativa Aspetti fiscali (4/4) (segue) Liquidazione per riscatto totale o parziale Le somme corrisposte ai beneficiari in caso di vita dell assicurato (i.e. riscatto parziale o totale) sono soggette all imposta sostitutiva del 12,50% - 20% - 26% per la parte che eccede i premi versati (art. 41 bis D.L. n. 269/03). In particolare, per quanto riguarda riscatti parziali o totali effettuati successivamente all 1 luglio 2014, la parte di utile maturata: dopo tale data sarà tassata al 12,50% - 26%; tra il 1 gennaio 2012 e il 30 giugno 2014 sarà tassata al 12,50% - 20%; prima del 31 dicembre 2011 sarà tassata al 12,50%. 54

55 2. Gli strumenti di Wealth Planning e) Il Trust 55

56 Il trust Caratteri generali Il trust è un rapporto in virtù del quale un soggetto (disponente) trasferisce la proprietà di determinati beni ad un terzo (trustee) affinché quest ultimo li amministri e gestisca, in maniera autonoma e dinamica, nell interesse di uno o più beneficiari o per il raggiungimento di uno scopo, talora sotto la supervisione di un guardiano. Funzione dell istituto: attraverso il trust sono perseguibili svariate finalità che spaziano dalla tutela di patrimoni al passaggio generazionale di beni e aziende familiari fino ad arrivare all assistenza di soggetti deboli. Chi può istituire il trust: qualsiasi soggetto, persona fisica o giuridica. Oggetto del trust: tutti i beni facenti parte del patrimonio familiare e aziendale di un soggetto (ad es. titoli di credito, conti bancari e somme di denaro, azioni di aziende di famiglia, quote di società immobiliari, preziosi ed opere d arte, quote di fondi comuni di investimento, azioni quotate in Italia o all Estero, immobili). 56

57 Il trust Legittimazione interna dell istituto In Italia il trust trova legittimazione giuridica a seguito dell adesione del nostro Paese alla Convenzione de L Aja del 1 luglio 1985, resa esecutiva ed in vigore dal 1 gennaio Il nostro legislatore fiscale, a sua volta, con la legge Finanziaria del 2007 e con alcune circolari dell Agenzia delle Entrate, prima fra tutte la n. 48/E, ha regolamentato gli aspetti fiscali e tributari dell istituto, riconoscendone, così, indirettamente, la legittimità di utilizzo in Italia. 57

58 Il trust Istituzione Le modalità di istituzione di un trust in Italia sono due: atto tra vivi; testamento. La prassi dei trust interni normalmente prevede un atto istitutivo di trust meramente programmatico, a cui si affiancano negozi dispositivi ad hoc tramite i quali si effettua il conferimento dei beni al trust. Il conferimento di beni al trust può essere considerato come atto di liberalità. Essendo un atto a titolo gratuito esso è soggetto alla possibile dichiarazione di inefficacia (art. 64 L.F.) o revocatoria fallimentare o ordinaria. 58

59 Il trust Impiego e amministrazione dei beni conferiti in trust Il disponente istituendo il Trust e conferendo in esso i propri beni perde la proprietà di tali beni a favore del trustee che ne diventa a tutti gli effetti proprietario. Il trustee è, comunque, un proprietario fiduciario e, pertanto, deve impiegare quanto gli viene trasferito e disporne esclusivamente secondo le disposizioni dell atto istitutivo di trust. È possibile prevedere all interno dell atto istitutivo di trust la nomina di un soggetto, il c.d. guardiano, affidando allo stesso la funzione di supervisore dell operato del trustee. I beni costituenti il fondo in trust, a meno che l atto istitutivo di trust ponga divieti in tal senso, possono essere alienati, ipotecati, dati in pegno, vincolati dal trustee per realizzare le finalità previste dall atto medesimo. 59

60 Il trust Cessazione La scelta del termine finale di durata del trust con la connessa attribuzione dei beni costituenti il fondo in trust ai beneficiari è rimessa alla libera discrezionalità del disponente e va formalizzata nell atto istitutivo di trust. Non esiste preclusione alcuna circa la possibilità di ipotizzare addirittura trust di durata illimitata. 60

61 Il trust I vantaggi (1/2) I principali vantaggi derivanti dal ricorso ad un trust sono: la segregazione patrimoniale: il patrimonio del trust risulta separato rispetto a quello personale del disponente, del trustee e dei beneficiari. La conseguenza più importante di un simile stato di fatto è che qualunque vicenda personale e patrimoniale possa colpire queste figure non travolge mai i beni segregati in trust; l unitarietà e la continuità di gestione di un patrimonio: il trustee, essendo l unico proprietario del fondo in trust, può assicurare una gestione unitaria e continua nel tempo dello stesso, in conformità agli scopi e nel rispetto dei limiti individuati dal disponente nell atto istitutivo di trust; 61

62 Il trust I vantaggi (2/2) (segue) l ultrattività: attraverso il trust il disponente può perseguire determinate finalità il cui orizzonte temporale di realizzazione è svincolato dalla sua esistenza in vita, attribuendo così certezza all attuazione degli scopi che potrebbe, invece, essere frustrata dalla sua morte e che, quindi, non sono raggiungibili attraverso gli istituti giuridici tradizionali; la garanzia di riservatezza: poiché il trust determina l insorgenza di una nuova situazione proprietaria in capo ad un soggetto (il trustee) diverso dal disponente, si può ricorrere al suo utilizzo qualora si vogliano compiere determinate operazioni in piena riservatezza. 62

63 Il trust Aspetti fiscali (1/3) Dal punto di vista fiscale nell odierna prassi della Agenzia delle Entrate la segregazione in trust di beni è assimilata ad una donazione diretta dei beni compiuta dal disponente-conferente a favore dei beneficiari del fondo che possono essere individuati nell atto istitutivo del trust. Trovano quindi applicazione le ordinarie aliquote e franchigie proprie del novellato tributo successorio: 4%, per le devoluzioni a favore del coniuge e dei parenti in linea retta (con euro ,00 di franchigia per ciascun beneficiario); 6%, per le devoluzioni in favore di fratelli e sorelle (con euro ,00 di franchigia per ciascun beneficiario); 6%, per le devoluzioni in favore di parenti fino al quarto grado e degli affini in linea retta e in linea collaterale fino al terzo grado; 8%, per le devoluzioni in favore di altri soggetti o quando il beneficiario non sia individuato. 63

64 Il trust Aspetti fiscali (2/3) Sempre dal punto di vista fiscale, con riferimento alla fase segregazione in trust di beni, è possibile ricordare i seguenti casi particolari: nel caso di segregazione di beni immobili esistenti in Italia, in aggiunta all imposta di successione e donazione, si ha l applicazione delle imposte ipotecarie e catastali secondo le aliquote ordinarie (3% del valore degli immobili o dei diritti reali immobiliari accertato agli effetti delle imposte di registro o di successione e donazione); nel caso di devoluzioni in favore di soggetti portatori di handicap, trova applicazione la franchigia di euro ,00 per ciascun beneficiario, indipendentemente dal grado di parentela; nel caso di devoluzioni in favore dei soggetti indicati nell art. 3 del D. Lgs. 31 ottobre 1990 n. 346 (ad esempio Stato, regioni, province e comuni, enti pubblici, fondazioni, ONLUS) si ha l esenzione dall imposizione; 64

65 Il trust Aspetti fiscali (3/3) (segue) nel caso di conferimento di aziende o partecipazioni di controllo a favore del coniuge o dei discendenti, a condizione che gli aventi causa proseguano l esercizio dell attività di impresa o detengano il controllo per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del trasferimento, si ha l esenzione dall imposizione ai sensi dell art. 3, comma 4-ter del D. Lgs. 31 ottobre 1990 n Tale tassazione avviene a titolo definitivo; di conseguenza, l attribuzione al termine finale del trust ai beneficiari dei beni costituenti il fondo in trust non sconta alcuna ulteriore imposizione, anche qualora i beni abbiano incrementato il loro valore rispetto alla dotazione originaria, eccezion fatta per l attribuzione di immobili esistenti in Italia, che vede l applicazione delle imposte ipotecarie e catastali nella misura sopra indicata. 65

66 2. Gli strumenti di Wealth Planning f) Analisi differenziale fra gli strumenti 66

67 Confronti Trust e fondo patrimoniale (1/3) Affinità: entrambi gli istituti assicurano la protezione del patrimonio. Differenze: mentre un trust può essere istituito da qualsiasi soggetto, il fondo patrimoniale presuppone una famiglia legittima. Ne consegue che una coppia di fatto non può utilizzare il fondo patrimoniale. Analogo discorso vale per i casi in cui i soggetti da tutelare non facciano parte della famiglia nucleare (ovvero i due coniugi e i figli legittimi). Sono inoltre dubbi gli effetti che la separazione ha sulla vita del fondo, mentre il divorzio ne comporta automaticamente la cessazione; i beni destinabili al fondo patrimoniale sono circoscritti alle fattispecie di cui all art. 167 c.c. (beni immobili, mobili registrati e titoli di credito vincolati rendendoli nominativi); nel trust può essere conferita una qualsiasi altra posizione soggettiva (denaro, beni mobili, quote sociali non azionarie, altri strumenti finanziari, etc.); 67

68 Confronti Trust e fondo patrimoniale (2/3) Differenze (segue): la finalità perseguita con il fondo patrimoniale è esclusivamente la protezione dei beni ivi conferiti; con il trust sono realizzabili anche altri scopi quali ad esempio la realizzazione del passaggio generazionale, la tutela di soggetti deboli, il mantenimento dell unitarietà di un bene, etc.; il vincolo di destinazione del fondo è piuttosto labile rispetto a quello realizzato tramite l istituzione di un trust, specie se consideriamo gli indirizzi giurisprudenziali inclini ad ammettere lo scioglimento consensuale del fondo e l ampia derogabilità delle regole sull alienazione dei beni (ad es. il principio di inalienabilità di cui all art. 169 c.c. se non con il consenso unanime dei coniugi e l autorizzazione del giudice tutelare in presenza di figli minori è agevolmente eluso). Senza contare poi che i creditori, sebbene limitatamente a obbligazioni assunte per i bisogni della famiglia, possono soddisfarsi sui beni ed i frutti del fondo, di conseguenza l effetto segregativo non è totale; 68

69 Confronti Trust e fondo patrimoniale (3/3) Differenze (segue): il fondo patrimoniale, a differenza del trust, assicura l effetto segregativo a tempo determinato e senza alcun effetto di passaggio generazionale dei beni: i beni costituenti il fondo ritornano, infatti, ai conferenti al momento di cessazione del vincolo; nel fondo patrimoniale l amministrazione dei beni resta ai coniugi, nel trust, invece, è affidata ad un terzo, il trustee, e questo consente di assicurare unitarietà di gestione dei beni anche in caso di disaccordo tra i coniugi. 69

70 Confronti Trust e polizza assicurativa (1/3) Affinità: sia con il trust che tramite la sottoscrizione di una polizza il contraente si spoglia in modo definitivo della disponibilità di parte o di tutti i suoi beni; al pari del trust, nella polizza i beni conferiti sono protetti da qualsiasi vicenda che riguardi il contraente o il beneficiario e le somme dovute dall assicuratore sono impignorabili ed insequestrabili; entrambi gli strumenti assicurano piena riservatezza verso terzi in merito ai beneficiari del patrimonio; entrambi gli strumenti assicurano la possibilità di designare in un momento successivo (anche tramite disposizione testamentaria) i beneficiari e di revocarli. 70

71 Confronti Trust e polizza assicurativa (2/3) Differenze: nella polizza possono essere conferiti patrimoni liquidi o costituiti da titoli quotati; nel trust è possibile, invece, segregare qualsiasi bene; i beneficiari della polizza non hanno alcun vincolo di destinazione sulle somme incassate e possono disporne liberamente; chi ha stipulato l assicurazione non ha, pertanto, alcuna certezza che l impiego in concreto realizzato sia quello che egli avrebbe voluto. Nel trust, invece, il disponente può delineare a monte ogni aspetto relativo all utilizzo e alla destinazione finale dei beni costituenti il fondo in trust, subordinando, altresì, l attribuzione di taluni benefici anche al verificarsi di determinate condizioni (ad esempio: mio figlio sarà beneficiario di euro ,00 se prenderà una laurea con il massimo dei voti) o al sopravvenire di un certo termine (ad esempio: mio figlio sarà beneficiario di euro ,00 quando compirà il diciottesimo anno di età); in caso di estinzione anticipata della polizza nella maggior parte dei casi vi sono delle penali da pagare, così come in caso di richiesta di rimborso parziale; questo non accade mai nel trust; 71

72 Confronti Trust e polizza assicurativa (3/3) Differenze (segue): se il beneficiario della polizza accetta, non è più possibile variare il contratto; il trust, invece, è atto unilaterale del disponente e, di conseguenza, non richiede o contempla alcuna possibilità di accettazione da parte di terzi; la scadenza della polizza fa venir meno l effetto segregativo; di conseguenza, se il beneficiario della polizza ha dei creditori essi possono aggredire quella liquidità. Nel trust, è, invece, possibile prevenire tale eventualità tramite clausole ad hoc; è dubbio che l impignorabilità e l insequestrabilità prevista dalla legge in relazione alle somme dovute dall assicuratore si estenda alle polizze finanziarie, ritenendosi limitata a quanto corrisposto esclusivamente in relazione a polizze previdenziali. 72

73 Riepiloghi Trust, fondo patrimoniale e polizza assicurativa (1/3) Trust Fondo patrimoniale Polizza assicurativa Soggetti costituenti Qualsiasi soggetto Esclusivamente persone legate da vincolo matrimoniale Beni Qualsiasi bene Esclusivamente beni immobili, mobili registrati e titoli di credito vincolati Durata Potenzialmente illimitata Quanto dura il matrimonio, con l eccezione della sua ultrattività in presenza di figli minori (in tal caso dura fino al raggiungimento della maggiore età del figlio più giovane di età) Qualsiasi soggetto Prevalentemente somme di denaro Morte dell assicurato o scadenza del contratto 73

74 Riepiloghi Trust, fondo patrimoniale e polizza assicurativa (2/3) Trust Fondo patrimoniale Polizza assicurativa Finalità Le più svariate purché lecite Soddisfacimento dei bisogni della famiglia Forma Nessuna forma in particolare per l istituzione e per il conferimento di liquidità/strumenti finanziari; atto pubblico per il trasferimento di immobili e partecipazioni societarie (o girata per azioni) Atto pubblico o disposizione testamentaria Proprietà dei beni Il trustee I coniugi in pari quota L assicuratore Soddisfacimento di esigenze di pianificazione, protezione, risparmio, investimento, previdenza Nessuna forma obbligatoria; è richiesta la forma scritta solo a fini probatori 74

75 Riepiloghi Trust, fondo patrimoniale e polizza assicurativa (3/3) Trust Fondo patrimoniale Polizza assicurativa Amministrazione Il trustee I coniugi, secondo le regole della comunione legale Protezione da aggressioni sui beni La protezione dei beni è totale I beni del fondo patrimoniale ed i frutti possono essere aggrediti solo dai creditori della famiglia L assicuratore Le somme dovute dall assicuratore al contraente o al beneficiario della polizza sono impignorabili e insequestrabili: tuttavia, la scadenza della polizza fa venire meno l effetto segregativo e, di conseguenza, se il beneficiario della polizza ha dei creditori essi possono aggredire quella liquidità 75

76 Riepiloghi STRUMENTO VANTAGGI SVANTAGGI NOTE TRUST Segregazione del patrimonio Elasticità nell attribuzione di benefici, potendosi anche subordinare l erogazione degli stessi al verificarsi di una condizione o al sopravvenire di un termine. Gestione affidata ad un soggetto terzo Irreversibilità fino a scadenza Soluzione ottimale per la gestione di patrimoni complessi e diversificati FONDO PATRIMONIALE Segregazione del patrimonio Mantenimento della gestione diretta degli assets Semplicità di costituzione e gestione Collegato all istituto civilistico del matrimonio Attribuisce maggiore tutela in presenza di figli minori Soluzione ottimale per la gestione del patrimonio immobiliare POLIZZA ASSICURATIVA Segregazione del patrimonio Reversibilità Ottimizzazione fiscale Gestione affidata ad un soggetto terzo Non applicabile alla componente immobiliare del patrimonio I beneficiari non hanno vincoli di destinazione sulle somme incassate e possono disporne liberamente Soluzione ottimale per la componente mobiliare del patrimonio 76

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA Strumenti per la protezione del patrimonio immobiliare le nuove necessità di asset protection Dott. Massimo Lodi ***** Responsabile Family Business Advisory UBI Private

Dettagli

24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE. con il patrocinio di

24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE. con il patrocinio di 24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE con il patrocinio di ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza - Riproduzione vietata - Tutti i diritti riservati Edizione 10 ottobre 2008 2007

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. Sede sociale in Siena, Piazza Salimbeni, 3 www.mps.it Capitale Sociale: euro 12.484.206.649,08 alla data del

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. Sede sociale in Siena, Piazza Salimbeni, 3 www.mps.it Capitale Sociale: euro 12.484.206.649,08 alla data del BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. Sede sociale in Siena, Piazza Salimbeni, 3 www.mps.it Capitale Sociale: euro 12.484.206.649,08 alla data del 09/07/2014 Cod. Fisc., Part. IVA e n. iscrizione al Registro

Dettagli

La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato

La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato Bergamo, 12 Ottobre 2009 Giovanni Marafante Direttore Generale Aletti Fiduciaria Indice 1. Adempimenti e modalità operative

Dettagli

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio Dott. Andrea Bertolotti 1 Sono società fiduciarie e di revisione quelle che si propongono sotto forma d impresa, di assumere l amministrazione

Dettagli

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale Università degli Studi di Brescia con il patrocinio di Gruppo Generali S.p.A. Corso di perfezionamento in Governance del patrimonio e passaggio generazionale Programma 12 incontri da 8 ore ciascuno (4

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

La successione e la donazione

La successione e la donazione La successione e la donazione Voglio pianificare la trasmissione del mio patrimonio, possibili alternative: Il patto di famiglia (aziendale) Un Fondo patrimoniale Un Trust Una polizza vita con beneficiario/i

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita.

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Venerdì 5 luglio 2013. Sutherland House Suite 108 3 Lloyd s Avenue London Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Rag. Giuseppe Lepore Commercialista

Dettagli

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera Telefono +41 91 260 38 00 www.icam-group.com Affidare la gestione a ICAM Group SA tramite lo strumento ICAMLife INDICE: Introduzione Alternative all investimento

Dettagli

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked( PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SSERVANDA UNT SERVANDA Aspe& Fiscali delle nuove Unit Linked dr.generazionale Flavio Ravera all interno del passaggio Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

Dettagli

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Il passaggio generazionale nella Famiglia e nell Impresa Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Paolo Ludovici Bergamo, 2 luglio 2013 Imposta sulle successioni e donazioni: aliquote

Dettagli

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009 Le soluzioni di Financial Planning all'interno dello Scudo Fiscale "Lo Scudo Fiscale 2009 Approfondimenti normativi e di analisi finanziaria Scuola di Amministrazione Aziendale Università degli Studi di

Dettagli

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA SOMMARIO Capitolo I L INTESTAZIONE FIDUCIARIA 1. Premessa... 3 2. Il negozio fiduciario... 4 3. L intestazione fiduciaria di beni a favore di società fiduciarie: il mandato fiduciario... 10 4. Le società

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

2012 Italfiduciaria Srl

2012 Italfiduciaria Srl 1 Intestazione di quote societarie Le partecipazioni vengono date in amministrazione fiduciaria con le seguenti modalità: Sottoscrizione del capitale in sede di costituzione della società, aumento di capitale

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE: Aspetti tecnici e giuridici degli strumenti applicabili. Crema, 26 marzo 2015

PASSAGGIO GENERAZIONALE: Aspetti tecnici e giuridici degli strumenti applicabili. Crema, 26 marzo 2015 PASSAGGIO GENERAZIONALE: Aspetti tecnici e giuridici degli strumenti applicabili Crema, 26 marzo 2015 DISCLAIMER Tutti i contenuti di questa presentazione sono di proprietà di Aletti Fiduciaria S.p.A.

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

Family by out e successione d azienda

Family by out e successione d azienda Family by out e successione d azienda Analisi casi concreti Milano, 28 Aprile 2015 Family by out e successione d azienda 1. Famiglia Bianchi 2. Famiglia Rossi 2 1. Famiglia Bianchi Ristrutturazione Gruppo

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Possibili applicazioni pratiche Roma, 13 ottobre 2014 Agenda 1. Premessa 2. Il caso di Ermenegildo 3. Il caso di Martino e Alessandro

Dettagli

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Focus di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Nel presente intervento analizzeremo le analogie e le differenze tra l istituto del

Dettagli

TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI

TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI Master di specializzazione TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI La tutela dei patrimoni familiari e la corretta gestione del passaggio generazionale rappresentano oggi una assoluta priorità per garantire

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

WEALTH MANAGEMENT ADVISORY

WEALTH MANAGEMENT ADVISORY WEALTH MANAGEMENT ADVISORY Lo Studio Legale Scala, fondato nel 1999 dall Avv. Antonio Scala, fornisce servizi di assistenza legale in ambito giudiziale e stragiudiziale in materia bancaria, finanziaria,

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Capitolo 1 - Il fondo patrimoniale nell ordinamento civilistico italiano 1.1 Cenni storici... 13 1.2 Considerazioni generali sulla riforma del diritto di famiglia... 15 1.3

Dettagli

PANORAMICA DI ALCUNI SERVIZI DI WEALTH ADMINISTRATION DEL GRUPPO ARGOS. Servizi di WEALTH ADMINISTRATION

PANORAMICA DI ALCUNI SERVIZI DI WEALTH ADMINISTRATION DEL GRUPPO ARGOS. Servizi di WEALTH ADMINISTRATION PANORAMICA DI ALCUNI SERVIZI DI WEALTH ADMINISTRATION DEL GRUPPO ARGOS Servizi di WEALTH ADMINISTRATION Gruppo Argos: Mission Il Gruppo si perfeziona nel 211 con l intento di proporsi come centro di eccellenza

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

L OPERATIVITÀ DEL TRUST ATTRAVERSO L ESPERIENZA CONCRETA. Brescia, 24 Febbraio 2014

L OPERATIVITÀ DEL TRUST ATTRAVERSO L ESPERIENZA CONCRETA. Brescia, 24 Febbraio 2014 L OPERATIVITÀ DEL TRUST ATTRAVERSO L ESPERIENZA CONCRETA Brescia, 24 Febbraio 2014 DISCLAIMER Tutti i contenuti di questa presentazione sono di proprietà di Aletti Trust S.p.A. e la loro distribuzione

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002 TRUSTS Avv. Nunzio Dario Latrofa BARI Scuola Forense 2002 1 Usi del trust I principali usi del trust: ottimizzazione della disciplina fiscale; trasferimento dei beni localizzati in Paesi diversi da quello

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 (SEZIONE ECONOMIA PORTALE LEONARDO.IT) Proteggere il patrimonio: che cosa è e quando conviene il Fondo Patrimoniale avv. Roberto lenzi Lenzi e Associati Una recente sentenza

Dettagli

Tutti caratterizzati da effetto segregativo

Tutti caratterizzati da effetto segregativo Il fondo patrimoniale i quale strumento di protezione del patrimonio i familiare Confronto tra fondo patrimoniale e trust di Maurizio Casalini 1 Esempi di patrimoni separati Fondo patrimoniale Accettazione

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE DUE ISTITUTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO FAMILIARE DIVERSI DAL TRUST CON EFFETTI DI SEPARAZIONE PATRIMONIALE FONDO PATRIMONIALE E POLIZZA VITA ASPETTI GENERALI DI CARATTERE CIVILISTICO OPERATIVO FISCALE

Dettagli

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST Dott. Massimo Lodi Consigliere d Amministrazione UBI TRUSTEE S.A. 8

Dettagli

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Dott. Massimo Lodi Direttore Generale UBI TRUSTEE S.A.

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

G R U P P O B A N C A F I N N AT

G R U P P O B A N C A F I N N AT G R U P P O B A N C A F I N N AT IL SERVIZIO FIDUCIARIO È UNO STRUMENTO PER OTTIMIZZARE L AMMINISTRAZIONE DEI VOSTRI INVESTIMENTI, MANTENERNE IL CONTROLLO E GARANTIRNE LA RISERVATEZZA. FINNAT fiduciaria

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PROF. DOTT. ALBERTO

Dettagli

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Milano, 12 maggio 2015 Paolo Ludovici Ludovici & Partners Necessità di valutare esigenze extra fiscali Riservatezza Pianificazione successoria Tutela

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

P.Cappugi. Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010

P.Cappugi. Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010 P.Cappugi Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010 1 Indice Parte 1 Parte 2 Premessa Modello di business e organizzazione commerciale del Gruppo Banca Esperia

Dettagli

Prefazione di Emanuele Maria Carluccio Introduzione

Prefazione di Emanuele Maria Carluccio Introduzione Indice Prefazione di Emanuele Maria Carluccio Introduzione di Paola Musile Tanzi XI XIII 1 L approccio al mercato private: scelte di posizionamento nel wealth management e modalità di gestione di Paola

Dettagli

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE Sistemi a confronto ed efficienza fiscale Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE

PASSAGGIO GENERAZIONALE STRUMENTI CIVILISTICI SOCIETARI E FISCALI A SUPPORTO DEL PASSAGGIO GENERAZIONALE A cura del Dott. Claudio LUDOVICO Bari, 11 Maggio 2012 IMPRESE Ricchezza della nazione viene spesso agevolata la loro costituzione..non

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 IL TRUST NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE D IMPRESA a cura del Dottor Salvatore Tramontano Vice Presidente 1 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre

Dettagli

Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio

Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio Avv. Fabrizio Vedana 1 STRUMENTI A DISPOSIZIONE HOLDING DI FAMIGLIA PATTI DI FAMIGLIA FONDAZIONI MANDATO FIDUCIARIO ATTI DI DESTINAZIONE

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

Aspetti fiscali del trust

Aspetti fiscali del trust Aspetti fiscali del trust CONCETTO GENERALE L ART. 1 CO. 74 DELLA L. N. 296/2006 HA INSERITO IL TRUST TRA GLI ENTI COMMERCIALI E NON COMMERCIALI NELL AMBITO DEI SOGGETTI CHE SCONTANO L IRES DI CUI ALL

Dettagli

Gli aspetti fiscali del trust

Gli aspetti fiscali del trust Gli aspetti fiscali del trust Carmine Carlo Sommario 1. Introduzione al diritto dei trust in Italia; 2. Caratteristiche del trust; 3. Normativa di riferimento in Italia; 4. Trust e imposte dirette; 5.

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

IL TRUST CORSO BASE. Avv. Stefano Loconte

IL TRUST CORSO BASE. Avv. Stefano Loconte CORSO BASE Avv. Stefano Loconte CARATTERISTICHE GENERALI Istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

EOS Servizi Fiduciari

EOS Servizi Fiduciari Cura del dettaglio www.eosfiduciaria.it Una fiduciaria d eccellenza EOS Servizi Fiduciari è la fiduciaria di amministrazione statica del Gruppo BSI SA. La società è attiva da oltre 30 anni nel settore

Dettagli

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja.

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja. Cosa è il Trust Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law e che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell

Dettagli

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Dott.ssa Concetta Granata, Area Private Banking - Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

FARAD INTERNATIONAL. Best practice in Italia nel Private Insurance. Broker Lussemburghese specializzato nel Private Insurance

FARAD INTERNATIONAL. Best practice in Italia nel Private Insurance. Broker Lussemburghese specializzato nel Private Insurance PRIVATE INSURANCE FARAD INTERNATIONAL Broker Lussemburghese specializzato nel Private Insurance Collaborazione con oltre 20 Compagnie Assicurative Internazionali in 4 giurisdizioni diverse Autorizzazione

Dettagli

Elementi tipici del Trust. Differenze e analogie con altri strumenti di protezione del patrimonio. Dott.ssa Susanna Isgrò - AD Melior Trust S.p.A.

Elementi tipici del Trust. Differenze e analogie con altri strumenti di protezione del patrimonio. Dott.ssa Susanna Isgrò - AD Melior Trust S.p.A. Elementi tipici del Trust. Differenze e analogie con altri strumenti di protezione del patrimonio Dott.ssa Susanna Isgrò - AD Melior Trust S.p.A. Strumenti di Protezione Società Fiduciarie Legge 1966/1939

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Pianificare la Successione con i prodotti assicurativi VITIS LIFE. Relatore: Cristiano Abbate. Country Manager Italy. www.pfacademy.

Pianificare la Successione con i prodotti assicurativi VITIS LIFE. Relatore: Cristiano Abbate. Country Manager Italy. www.pfacademy. VITIS LIFE Relatore: Cristiano Abbate Country Manager Italy Il Granducato del Lussemburgo in cifre: Popolazione: circa 530 000 abitanti Superficie: 2 586 km² PIL: circa 45 miliardi di Euro Percentuale

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

Coordinamento tra imposte dirette e indirette. Prof. Guido Feller Amministratore Delegato, Duemme Trust Company

Coordinamento tra imposte dirette e indirette. Prof. Guido Feller Amministratore Delegato, Duemme Trust Company Coordinamento tra imposte dirette e indirette Prof. Guido Feller Amministratore Delegato, Duemme Trust Company Gli azionisti e il consiglio di Amministrazione Gli azionisti Banca Esperia é la Private Bank

Dettagli

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA Il nostro migliore investimento è il tempo dedicato a comprendere e soddisfare le esigenze della clientela, mettendo a disposizione della medesima servizi di consulenza e prodotti finanziari di alta qualità.

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

SAG AZIONI CONSIGLIATE

SAG AZIONI CONSIGLIATE SAG AZIONI CONSIGLIATE AZIONI CONSIGLIATE Considerate le esigenze testamentarie di Tizio e preso atto della situazione familiare e patrimoniale così come rappresentata nel parere tecnico redatto dal Servizio

Dettagli

LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA

LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA TUTELE A PROTEZIONE DEI LEGITTIMARI Azione di riduzione Divieto per il de cuius di pesi o condizioni sulla quota legittima AZIONE DI RIDUZIONE Spetta al legittimario

Dettagli

La successione per causa di morte

La successione per causa di morte L impresa di famiglia alla prova del passaggio generazionale: l importanza della pianificazione La successione dell imprenditore: destino o pianificazione? La successione per causa di morte Relatori notai

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

Il passaggio generazionale per la continuità dell'impresa: percorso e possibili soluzioni. Milano, 11 maggio 2016 Wealth Advisory- Asset protection

Il passaggio generazionale per la continuità dell'impresa: percorso e possibili soluzioni. Milano, 11 maggio 2016 Wealth Advisory- Asset protection Il passaggio generazionale per la continuità dell'impresa: percorso e possibili soluzioni Milano, 11 maggio 2016 Wealth Advisory- Asset protection Agenda LaconsulenzadiWealthAdvisory AssetProtection Ilpassaggiogenerazionale:metodoecontenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli