Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale"

Transcript

1 COMUNE DI EMPOLI Ufficio Tecnico Settore OO.PP. e Infrastrutture Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale RELAZIONE TECNICA L ISTRUTTORE TECNICO DIRETTIVO - Ing. Roberta Scardigli -

2 Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale 1. Premesse In sede di conferenza permanente è stato approvato lo schema di Perfezionamento dell intesa del introducendo il concetto di percorrenza annua differenziata tra il primo anno di affidamento del servizio (chiamato T1) e lo scenario obiettivo da raggiungersi con gradualità nel corso dell affidamento (chiamato T2). Per il Comune di Empoli lo scenario al tempo T1 sarà coincidente con lo scenario attuale che prevede una percorrenza annua di Km mentre quello al tempo T2 sarà quello di progetto che prevede una percorrenza annua di Km. Dal punto di vista economico il Comune di Empoli si è impegnato con la Regione Toscana a finanziare il servizio sia al tempo T1 che al tempo T2 per un importo di ,00 indipendentemente dalle percorrenze annue del servizio. 2. Servizio di Trasporto Pubblico Urbano al tempo T1 La rete urbana di trasporto pubblico di competenza del Comune di Empoli attualmente in servizio e che coinciderà con quella al tempo T1 è costituita da n. 6 linee alle quali si aggiungono funzionalmente n. 3 linee extraurbane di competenza del Circondario Empolese Valdelsa che oltre a garantire il collegamento con i centri urbani vicini assolvono anche il compito di integrare la rete urbana. Le n. 6 linee urbane sono: o Linea 01: Empoli Zona Industriale Terrafino - Ponte a Elsa Empoli; o Linea 02: Circolare urbana Stazione Ospedale Zona Sportiva Stazione; o Linea 03: Circolare urbana Stazione Ospedale Avane Stazione; o Linea 04: Empoli Martignana Case Nuove Pozzale Empoli; o Linea 05: Empoli Monterappoli Empoli; o Linea 06: Empoli Villanuova Empoli La percorrenza totale annua delle linee urbane è di Km ,00. I percorsi, gli orari e le fermate sono già inserite nelle tabelle dell Osservatorio Regionale dei Trasporti essendo un servizio attivo. Il Comune di Empoli non è quindi tenuto a consegnare il VIA G. DEL PAPA, EMPOLI (FI) - TEL FAX

3 progetto di rete al tempo T1 comprendente grafo e orario delle corse in quanto sono dati già in possesso della Regione Toscana. Si riporta comunque di seguito la tabella riassuntiva delle percorrenze per ciascuna linea: LINEA CHILOMETRI Linea ,09 Linea ,97 Linea ,12 Linea ,61 Linea ,58 Linea ,60 TOTALE ,43 Le autolinee sono prevalentemente a frequenza e alcune ad orari. In particolare le linee sono concentrate sugli orari di maggiore interesse per la cittadinanza (orari scolastici e di entrata/uscita da lavoro) oltre al collegamento essenziale garantito con frequenza di 30 minuti dalle due circolari tra la stazione ed il nuovo polo ospedaliero che a partire dal 2010 è diventato il presidio ospedaliero a servizio dell intero territorio del Circondario Empolese Valdelsa. 3. Servizio di Trasporto Pubblico Urbano di Progetto A seguito della decisione della Regione Toscana di procedere ad una gara unica per il trasporto pubblico locale extraurbano ed urbano con la previsione a regime di una ottimizzazione del servizio con la conseguente riduzione delle percorrenze, il Comune di Empoli, come ogni Ente pubblico della Regione Toscana che prenderà parte al Lotto Unico, ha provveduto alla elaborazione di un progetto al tempo T2 ridotto rispetto a quello attuale eliminando le corse che da indagini sono risultate inutilizzate e cercando di ottimizzare le percorrenze e gli orari in modo da garantire da un lato un servizio minimo essenziale di collegamento tra i punti di maggior interesse (stazione, scuole, ospedale) e dall altro di ridurre il costo del servizio. VIA G. DEL PAPA, EMPOLI (FI) - TEL FAX

4 Il progetto prevede il mantenimento delle sei linee attualmente in servizio con la eliminazione di alcune corse laddove è presente una linea extraurbana che transita nella zona o, pur non essendoci altri servizi, sono risultate inutilizzate. La percorrenza totale annua delle linee urbane di progetto sarà di Km con una riduzione rispetto all attuale servizio di circa il 17% delle percorrenze annue. Di seguito si riporta una descrizione sintetica, riferita al giorno feriale invernale tipo, delle sei linee urbane che costituiscono la rete minima essenziale del trasporto urbano del Comune di Empoli. Per maggiori dettagli si rimanda alla tabella allegata alla presente relazione che è rispondente alla struttura e alle regole dettate dalla Regione Toscana. Linea 01: programma di esercizio costituito da n. 27 corse di lunghezza media di Km 13 con cadenza a frequenza di 30 minuti che collegano la frazione di Ponte a Elsa e la zona industriale del Terrafino con la stazione e con le scuole (sia quelle in via Sanzio che quelle in via Monaco). Si garantisce un servizio ridotto sia nei giorni festivi con 5 corse /giorno che nel periodo estivo con 19 corse/giorno e la percorrenza annua è di Km ,246. Linea 02: programma di esercizio costituito da n. 16 corse circolari di lunghezza pari a circa Km 16,00 con cadenza a frequenza di 60 minuti che collegano dalle ore alle ore la stazione con il nuovo polo ospedaliero, la frazione di Avane e con le frazioni di Cortenuova e Tinaia lungo un percorso che effettua anche un servizio scolastico. Si garantisce il servizio anche nel periodo estivo con n. 10 corse/giorno per garantire il collegamento costante tra stazione, polo ospedaliero. La percorrenza complessiva annua è di Km ,841. Linea 03: programma di esercizio costituito da n. 14 corse circolari di lunghezza pari a circa Km con cadenza di 60 minuti che collegano la stazione e la frazione di Ponzano con il nuovo polo ospedaliero e la frazione di Avane lungo un percorso che garantisce anche un servizio scolastico. Si garantisce un servizio ridotto nel periodo estivo con n. 7 corse/giorno e nei giorni festivi con n. 4 corse/giorno per garantire il collegamento costante tra stazione, polo ospedaliero. La percorrenza complessiva annua è di Km ,278. Linea 04: programma di esercizio costituito da n. 4 corse di lunghezza media di Km 14,1 che collegano la frazione di Martignana con la Stazione transitando attraverso le frazioni di Case Nuove e Pozzale. Di queste n. 3 corse effettuano servizio scolastico e una corsa è serale; il servizio è comunque integrato durante l arco della giornata da una linea VIA G. DEL PAPA, EMPOLI (FI) - TEL FAX

5 extraurbana che collega Empoli con Montespertoli transitando per le frazioni sopra dette del Comune di Empoli. Si garantisce anche un servizio minimo nel periodo estivo di n. 3 corse/giorno. La percorrenza complessiva annua è di Km ,889. Linea 05: programma di esercizio costituito da n. 6 corse di lunghezza media pari a Km 13, che collegano la frazione di Monterappoli con la stazione. Tra queste n. 5 corse effettuano servizio scolastico. Si garantisce un servizio minimo nel periodo estivo di n. 3 corse/giorno e nei giorni festivi di n. 2 corse/giorno. La percorrenza complessiva annua è di Km ,946. Linea 06: programma di esercizio composto da n. 2 corse di lunghezza media pari a Km 13 che effettuano servizio scolastico e che collegano la frazione di Villanuova con le scuole e con la stazione, e da n. 1 corse che collegano la frazione di Villanuova con la stazione ferroviaria di lunghezza media Km 9. Si garantisce un servizio minimo nel periodo estivo di n. 2 corse/giorno che collegano la frazione di Villanuova con la stazione. La percorrenza complessiva annua è di Km 9.733,744. Si riporta di seguito la tabella riassuntiva delle percorrenze per ciascuna linea: LINEA CHILOMETRI Linea ,246 Linea ,841 Linea ,278 Linea ,889 Linea ,946 Linea ,744 TOTALE ,945 Si ritiene necessario precisare che tutte le linee del servizio di trasporto pubblico urbano di Empoli rappresentano in termini di caratteristiche tecniche una rete del tipo urbano debole ad eccezione delle corse scolastiche, ma per il nostro territorio sono linee essenziali di collegamento tra i centri di maggior interesse della città in termini di servizio al cittadino (stazione-ospedale-scuole). Si specifica infatti che la stazione di Empoli rappresenta la quarta stazione della Toscana in termini di saliti e discesi, che le scuole richiamano un numero elevato di studenti da tutti i comuni limitrofi oltre che dalle frazioni VIA G. DEL PAPA, EMPOLI (FI) - TEL FAX

6 del nostro Comune e che il polo ospedaliero rappresenta la nuova struttura sanitaria a servizio di tutto il comprensorio dell empolese-valdelsa pertanto l Amministrazione del Comune di Empoli non può non tenere di conto di questi aspetti e, indipendentemente dalla classificazione che viene fatta delle linee urbane di trasporto pubblico proposte, si sente obbligata a garantire alle utenze deboli l accessibilità a tali strutture, ritenute fondamentali per il territorio. Allo stesso tempo l Amministrazione Comunale si è impegnata con scelte importanti per rendere sempre più appetibile la scelta del trasporto pubblico rispetto ai mezzi privati. E stato attuato infatti negli ultimi tre anni un piano della sosta che ha determinato un netto aumento delle aree con sosta a pagamento in prossimità del centro storico, della stazione e dell ospedale. E stato inoltre apportato a partire dal mese di Giugno 2012 un incremento del 30% circa delle tariffe della sosta a pagamento su tutto il territorio comunale che dovrebbe ulteriormente incentivare l uso del trasporto pubblico. Abbiamo anche realizzato, all interno della zona a traffico limitato esistente, un area pedonale nel centro storico della città a vantaggio degli utenti deboli della strada. Ancora più importante è la realizzazione del nuovo terminal bus nei pressi della stazione ferroviaria, che entrerà in servizio nel Gennaio 2014, e che sarà dotato, oltre che di aree di sosta, anche di nuove pensiline, nuove paline indicanti percorsi e orari secondo schemi capaci di rendere più chiaro e semplice l utilizzo dei mezzi pubblici, e di una adeguata sala di attesa e di biglietteria. L entrata in funzione del terminal bus non inciderà in alcun modo sulle percorrenze delle linee urbani sia al tempo T1 che al tempo T2 in quanto l ufficio tecnico ha valutato la possibilità di modificare alcuni sensi di marcia delle strade adiacenti al terminal così da mantenere inalterato le linee, senza creare pregiudizio all attuale viabilità. Secondo quanto descritto sopra il progetto presentato rappresenta per il Comune di Empoli la rete minima essenziale di trasporto pubblico necessaria a garantire un servizio sul territorio capace di rispondere in maniera adeguata alla attuale domanda di trasporto che per la maggior parte è determinata da motivi di studio. Per far fronte comunque alle ridotte risorse economiche l Amministrazione Comunale si è impegnata ad applicare a regime (tempo T2) le tariffe concordate in conferenza permanente e riportate nel Perfezionamento di intesa del assicurando l omogeneità per l intera Regione Toscana. Si ricorda che attualmente le tariffe per il trasporto pubblico urbano sono: VIA G. DEL PAPA, EMPOLI (FI) - TEL FAX

7 - Biglietto orario 1,10; - Carnet 5 biglietti orari 5,00; - Biglietti a bordo 2,00; - Abbonamento mensile 27,00; - Abbonamento trimestrale 69,00; Contemporaneamente per coprire il costo del servizio sopra descritto, l Amministrazione Comunale contribuirà con proprie risorse per ,00/anno, come previsto nel bilancio pluriennale 2013/2015 approvato con delibera di Consiglio Comunale N. 51 del 19/07/ Ricognizione beni strumentali al servizio di trasporto pubblico Il Comune di Empoli sta ultimando i lavori di realizzazione del nuovo terminal bus nei pressi della stazione ferroviaria, in parte finanziati dalla Regione Toscana, che sarà a servizio del gestore dei trasporti pubblici. Ai fini della redazione degli atti di gara di seguito si riportano i dati dei beni di proprietà del Comune di Empoli a servizio del trasporto pubblico locale: 1. Estremi catastali dei beni e loro descrizione sommaria: Edificio in Empoli, Viale Palestro 2-4, denominato Ex poste, individuato al Foglio 17 del Catasto Fabbricati del Comune di Empoli- p.lla 2010 (Porzione) Piano terreno - con superficie netta pari a circa mq. 169 Il piano è destinato a Biglietteria, sala attesa, servizi igienici e punto informativo. Aree Esterne, individuate al Foglio 17 del Catasto terreni del Comune di Empoli - p.lla 4694 e porz. p.lla consistenti in corsie per autobus, aree di manovra, aree per bike e aree pedonali, di superficie complessiva pari a circa mq Dette aree sono già in disponibilità dell Amministrazione Comunale in forza del contratto di locazione Rep. 174 del 20/07/20111 ad oggetto Contratto di locazione di immobile di proprietà di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. 2. Data per la messa a disposizione: I lavori del terminal bus dovrebbero terminare nel mese di Novembre 2013, successivamente verrà fatto il collaudo e pertanto le aree potranno essere messe a disposizione a partire da Gennaio Possono quindi essere considerate a disposizione per la gara unica della Regione. VIA G. DEL PAPA, EMPOLI (FI) - TEL FAX

8 3. Condizioni economiche di utilizzo del bene: Proposta Canone annuo di locazione pari a circa ,00. L importo è stato determinato preventivamente tenuto conto delle tabelle valori O.M.I. (2 semestre anno 2012). Sono fatti salvi eventuali aggiornamenti da determinarsi alla data della futura concessione per la gestione. Preciso che l importo è da considerare in aggiunta all iva se ed in quanto dovuta. Le aree esterne, verranno messe a disposizione del futuro concessionario, senza canone perché sono aree che la pubblica amministrazione dovrà mettere a disposizione del servizio di TPL. VIA G. DEL PAPA, EMPOLI (FI) - TEL FAX

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA Provincia di Firenze CONVENZIONE TRA COMUNI E CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL LOTTO UNICO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

B) L utenza rappresenta il 5% degli ingressi medi giornalieri, si ipotizza un utilizzo medio del posto auto di 6 ore, per un massimo di 12 ore

B) L utenza rappresenta il 5% degli ingressi medi giornalieri, si ipotizza un utilizzo medio del posto auto di 6 ore, per un massimo di 12 ore ODG: PROGETTO MOBILITA-PARCHEGGI DI SCAMBIO-UN NUOVO MODO DI VIVERE PERUGIA Allegato 1 ANALISI DELL UTENZA Le previsioni relative alla potenziale utenza delle aree adibite a parcheggio di scambio, sono

Dettagli

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI. 26 settembre 2011

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI. 26 settembre 2011 INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI 26 settembre 2011 1 Stima dell impatto tecnico economico della manovra di 160 milioni di risorse regionali Il processo Lo

Dettagli

TARIFFE IN VIGORE DAL 1 MAGGIO 2014

TARIFFE IN VIGORE DAL 1 MAGGIO 2014 TARIFFE IN VIGORE DAL 1 MAGGIO 2014 Il sistema tariffario di ATP si basa su zone identificate da un numero e da un nome che generalmente richiama la località principale della zona. Lo scatto tariffario

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO Il presente allegato individua i contenuti che dovrà avere il Rapporto sui servizi, articolato in 2 parti principali:

Dettagli

Richiamate: Preso atto Considerato

Richiamate: Preso atto Considerato Seduta del 25.02.2010 Deliberazione N. 37 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- APPROVAZIONE CONVENZIONE CON SMTP

Dettagli

Scegli. piu viaggi piu risparmi NUOVO SISTEMA TARIFFARIO INTEGRATO PER LA PROVINCIA DI TREVISO CONFERENZA STAMPA. www.mobilitadimarca.

Scegli. piu viaggi piu risparmi NUOVO SISTEMA TARIFFARIO INTEGRATO PER LA PROVINCIA DI TREVISO CONFERENZA STAMPA. www.mobilitadimarca. Scegli piu viaggi piu risparmi Regione del Veneto CONFERENZA STAMPA Treviso, 25 luglio 2013 NUOVO SISTEMA TARIFFARIO INTEGRATO PER LA PROVINCIA DI TREVISO www.mobilitadimarca.it Comunicato stampa LA PROVINCIA

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

Capitolo 7 - Le risorse da destinare all'esercizio e agli investimenti

Capitolo 7 - Le risorse da destinare all'esercizio e agli investimenti Capitolo 7 - Le risorse da destinare all'esercizio e agli investimenti 7.1 Il rapporto ricavi/costi programmato Come già ricordato, ai sensi dell'art.19 comma 5 del D.lgs. n.422 del 19 novembre 1997, recepito

Dettagli

Proposta di nuova struttura tariffaria regionale. ACaM

Proposta di nuova struttura tariffaria regionale. ACaM Proposta di nuova struttura tariffaria regionale ACaM Riferimenti normativi Benchmark nazionali Analisi dello schema attualmente in vigore Contenuti della proposta Quadro normativo di riferimento Normativa

Dettagli

Carta dei Servizi VENETO. Padova Servizio extraurbano rovigo Servizio extraurbano rovigo Servizio urbano VERSIONE INTEGRALE ESTRATTO

Carta dei Servizi VENETO. Padova Servizio extraurbano rovigo Servizio extraurbano rovigo Servizio urbano VERSIONE INTEGRALE ESTRATTO VENETO Padova Servizio extraurbano rovigo Servizio extraurbano rovigo Servizio urbano VERSIONE INTEGRALE ESTRATTO Servizio Extraurbano di Padova DATI Km percorsi 13.141.764 Autobus 268 Età media del parco

Dettagli

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO 2015-2016 IL NUOVO PIANO IN CENTRO STORICO Una scelta, una nuova vivibilità Obiettivi maggiore vivibilità del centro storico, recuperare e riorganizzare gli spazi del centro, rigenerazione urbana e ampliamento

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA LUGLIO 2015 VOLVERA TRASPORTO PUBBLICO. Il nuovo sistema integrato. I Servizi Gli Orari Le Fermate Le Tariffe

COMUNE DI VOLVERA LUGLIO 2015 VOLVERA TRASPORTO PUBBLICO. Il nuovo sistema integrato. I Servizi Gli Orari Le Fermate Le Tariffe COMUNE DI VOLVERA VOLVERA LUGLIO 2015 TRASPORTO PUBBLICO Il nuovo sistema integrato I Servizi Gli Orari Le Fermate Le Tariffe Introduzione Cari Concittadini, con questa pubblicazione l Amministrazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 42 DEL 30 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 42 DEL 30 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 22 giugno 2007 - Deliberazione N. 1093 - Area Generale di Coordinamento N. 14 - Trasporti e Viabilità - Approvazione sistema sperimentale della tariffa

Dettagli

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata?

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? 1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? Due risposte possibili - Votanti: 115+188=33 3 25 2 22 Valori assoluti 15 1 5 72 13 58 84 142 43

Dettagli

- TRAFFICO + ARIA PULITA + RISPARMIO = PRENDO IL MEZZO PUBBLICO COMUNICATO STAMPA DATI IN CRESCITA VALORI VENDITE

- TRAFFICO + ARIA PULITA + RISPARMIO = PRENDO IL MEZZO PUBBLICO COMUNICATO STAMPA DATI IN CRESCITA VALORI VENDITE - TRAFFICO + ARIA PULITA + RISPARMIO = PRENDO IL MEZZO PUBBLICO COMUNICATO STAMPA DATI IN CRESCITA VALORI VENDITE 2014 + 4,80 % VARIAZIONE ABBONAMENTI TRASPORTO TPL su 2013 + 4,04% VARIAZIONE BIGLIETTERIA

Dettagli

Tariffe servizio urbano di Bassano del Grappa

Tariffe servizio urbano di Bassano del Grappa ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELL ENTE DI GOVERNO N. 2/2015 Tariffe servizio urbano di Bassano del Grappa TARIFFE IN VIGORE SUL SERVIZIO URBANO DI BASSANO DEL GRAPPA Valide dal 1 agosto 2015 Valori espressi

Dettagli

ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. G R E E N C I T Y E N E R G Y M E D - B A R I 1 2 E 1 3 N O V E M B R E 2 0 1 2

ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. G R E E N C I T Y E N E R G Y M E D - B A R I 1 2 E 1 3 N O V E M B R E 2 0 1 2 ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. 1 Il progetto Bari in Bici nasce in collaborazione con l Amministrazione Comunale alla fine del 2007 con l installazione dei primi cinque cicloposteggi

Dettagli

Giuseppe PROTO Amm. Delegato - Sadem Vice Presidente Extra.TO

Giuseppe PROTO Amm. Delegato - Sadem Vice Presidente Extra.TO IL SISTEMA BIP NELLA PROVINCIA DI TORINO UNO STRUMENTO DI PAGAMENTO MULTIAZIENDA SU UNA RETE EXTRAURBANA Giuseppe PROTO Amm. Delegato - Sadem Vice Presidente Extra.TO Coordinato da: Organizzato da: Roma

Dettagli

dott. Demetrio Arena Amministratore Unico

dott. Demetrio Arena Amministratore Unico La realizzazione dell autostazione di Largo Botteghelle rappresenta il raggiungimento di un importante traguardo per la città e per la nostra azienda, conseguito grazie alla valida azione sinergica tra

Dettagli

REGIME TARIFFARIO PER I SERVIZI DI LINEA URBANI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2006.

REGIME TARIFFARIO PER I SERVIZI DI LINEA URBANI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2006. ALLEGATO A REGIME TARIFFARIO PER I SERVIZI DI LINEA URBANI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2006. Gli importi tariffari sono stabiliti da ogni singola Azienda all interno delle forcelle

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

Comune di Siena SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

Comune di Siena SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Comune di Siena SERVIZIO LAVORI PUBBLICI ATTO DIRIGENZIALE N 1501 DEL01/10/2015 OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE LIMITROFE ALLA STAZIONE LAVORI DI REALIZZAZIONE DELL USCITA PEDONALE DEL SOTTOPASSO

Dettagli

Oggetto: modifica disciplina e tariffe per l uso dei parcheggi a pagamento senza custodia su arre pubbliche e nella struttura palaghiaccio.

Oggetto: modifica disciplina e tariffe per l uso dei parcheggi a pagamento senza custodia su arre pubbliche e nella struttura palaghiaccio. Oggetto: modifica disciplina e tariffe per l uso dei parcheggi a senza custodia su arre pubbliche e nella struttura palaghiaccio. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: obiettivo generale dell amministrazione

Dettagli

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue:

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: * * * Normativa: - D.Lgs. n. 422 del 19/11/1997 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Schema di Disciplinare. Accesso e sosta camper/bus turistici nella città di Salerno nel periodo Luci d Artista

Schema di Disciplinare. Accesso e sosta camper/bus turistici nella città di Salerno nel periodo Luci d Artista Schema di Disciplinare Accesso e sosta camper/bus turistici nella città di Salerno nel periodo Luci d Artista Approvato con delibera di G.C. n. 333 del 31/10/2014 Art. 1 Zona a Traffico Limitato e Divieto

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO. - Pila S.p.a. (di seguito, per brevità, anche solo PILA ), con sede legale in Frazione Pila n.

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO. - Pila S.p.a. (di seguito, per brevità, anche solo PILA ), con sede legale in Frazione Pila n. CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO Tra: - Pila S.p.a. (di seguito, per brevità, anche solo PILA ), con sede legale in Frazione Pila n. 16 11020 Gressan (AO), codice fiscale, partita I.V.A. e numero

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

COMUNE DI PARMA / PROVINCIA DI PARMA / SMTP SPA

COMUNE DI PARMA / PROVINCIA DI PARMA / SMTP SPA COMUNE DI PARMA / PROVINCIA DI PARMA / SMTP SPA AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DELL AMBITO TARO - RELAZIONE DI CUI ALL ART. 34, COMMA 20, DEL DECRETO LEGGE 179/2012. L art. 34, comma

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio comunale n. 35 d.d. 19.12.2014 OGGETTO: Servizio pubblico di trasporto urbano turistico, estivo ed invernale, per il collegamento dei Comuni di Folgaria, Lavarone e Luserna/Lusérn:

Dettagli

Restringimenti di carreggiata sulla strada Rivoltana per lavori di potenziamento

Restringimenti di carreggiata sulla strada Rivoltana per lavori di potenziamento Restringimenti di carreggiata sulla strada Rivoltana per lavori di potenziamento Provvedimenti per la gestione dei flussi di traffico e nuove soluzioni per il Trasporto Pubblico Locale 20 giugno 2013 Il

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

Politiche per la moblità sostenibile

Politiche per la moblità sostenibile Politiche per la moblità sostenibile PERFORMANCE INFRASTRUTTURE STRADALI 2004 2005 * FONTE Sottopassi e sovrappassi ciclopedonali 25 29 29 31 31 N. rotatorie 87 108 120 129 136 N. attraversamenti pedonali

Dettagli

1.2.3. Accessibilità ciclabile e pedonale del territorio

1.2.3. Accessibilità ciclabile e pedonale del territorio 1.2.3. Accessibilità ciclabile e pedonale del territorio La percorribilità pedonale degli spazi pubblici non risulta essere ottimale, soprattutto dal punto di vista della continuità. Numerose sono le strade

Dettagli

Condizioni di trasporto e Tariffe

Condizioni di trasporto e Tariffe Condizioni di trasporto e Tariffe aggiornate al 10.02.14 Il trasporto Per accedere ai servizi di trasporto, il viaggiatore deve essere munito di un idoneo titolo di viaggio, che può acquistare presso le

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

TARIFFE BUS, INVARIATI ABBONAMENTI E SERVIZI URBANI

TARIFFE BUS, INVARIATI ABBONAMENTI E SERVIZI URBANI anno 9> numero 1>febbraio 2014 TARIFFE BUS, INVARIATI ABBONAMENTI E SERVIZI URBANI Nessun aumento per gli abbonamenti ordinari mensili e annuali e nessun aumento per i biglietti di corsa semplice urbana

Dettagli

Piano di individuazione dei servizi minimi nell area in continuità urbana di Cagliari

Piano di individuazione dei servizi minimi nell area in continuità urbana di Cagliari Transport Planning Service Associazione Professionale Sede Legale ed Operativa Via Settevalli 133 C 06129 Perugia Tel +39 075 50.00.990 Fax +39 075 50.18.496 Email tps.pg@ptv.it Prot.: 100322_2064AT_QTE_Schede_Interventi_Scenari_Costi.doc

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

ATC s.p.a. PRONTOBUS IL NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA. ATC s.p.a. DATI PRINCIPALI FASI DEL PROGETTO OBIETTIVO

ATC s.p.a. PRONTOBUS IL NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA. ATC s.p.a. DATI PRINCIPALI FASI DEL PROGETTO OBIETTIVO ATC s.p.a. ATC s.p.a. ATC è titolare del contratto di servizio per il Trasporto Pubblico Locale nella Provincia della Spezia. I numeri principali aggiornati al 2007 sono: 33.000.000 valore della produzione;

Dettagli

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO Relazione Tecnica COMUNE DI POGGIBONSI PIANO STRUTTURALE APPROVAZIONE 1 Indice generale 1Premessa... 3 2Indagini conoscitive...4 2.1Rilievi di traffico...4 2.2Rilievi

Dettagli

Fare clic per modificare lo stile del titolo

Fare clic per modificare lo stile del titolo DALLA SMART MOBILITY ALLA MOBILITY ALLA SMART CITY SMART CITY MODELLO EUROPEO LA SMART GRID NELLA VISIONE ATB Interoperabilità ed Interconnessione diffusa TRAMBUS: CENTRALIZZAZIONE SEMAFORICA In ambito

Dettagli

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO La mobilità fa capo all unica strada importante che interessa Borno: la S.P. 5 Malegno Borno Confine Bergamasco che, attraversando il territorio comunale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORRI DEL BENACO Provincia di Verona Viale F.lli Lavanda, 3 - Cap. 37010 0456205888 - fax 0456205800 P.IVA 00661030239 sito internet: www.comune.torridelbenaco.vr.it e-mail: comune@torridelbenaco.vr.it

Dettagli

REGOLAZIONE E CONTROLLO DEI SERVIZI TPL L ESPERIENZA DI MILANO. Maria Berrini Luca Tosi

REGOLAZIONE E CONTROLLO DEI SERVIZI TPL L ESPERIENZA DI MILANO. Maria Berrini Luca Tosi REGOLAZIONE E CONTROLLO DEI SERVIZI TPL L ESPERIENZA DI MILANO Maria Berrini Luca Tosi Conferenza Le Funzioni delle Agenzie per il Trasporto Pubblico. Brescia, 26/02/2014 La gestione del Trasporto Pubblico

Dettagli

NATALE 2009: IL PIANO PER LA MOBILITÀ

NATALE 2009: IL PIANO PER LA MOBILITÀ In occasione delle prossime festività natalizie il Campidoglio ha predisposto un piano integrato di interventi atti ad incentivare l'uso del trasporto pubblico per spostamenti motivati dallo shopping natalizio.

Dettagli

COMUNE DI MODENA Settore Politiche Economiche e Patrimoniali CONCESSIONE DI IMMOBILE

COMUNE DI MODENA Settore Politiche Economiche e Patrimoniali CONCESSIONE DI IMMOBILE ALLEGATO 2 COMUNE DI MODENA Settore Politiche Economiche e Patrimoniali CONCESSIONE DI IMMOBILE L anno ( ), il giorno ( ) del mese di ( ), in Modena, nella Residenza Municipale, FRA il Comune di Modena,

Dettagli

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

L ESPERIENZA DI BASIGLIO NEL TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA IL CALLBUS

L ESPERIENZA DI BASIGLIO NEL TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA IL CALLBUS L ESPERIENZA DI BASIGLIO NEL TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA IL CALLBUS Relatore: Dr. Marco Flavio Cirillo Sindaco di Basiglio/Milano 3 Provincia di Milano BASIGLIO-MILANO 3 Superficie: 8,45 Km² Popolazione:

Dettagli

COMUNE DI NOCETO SOCIETA PER LA MOBILITA ED IL TRASPORTO PUBBLICO S.p.A.

COMUNE DI NOCETO SOCIETA PER LA MOBILITA ED IL TRASPORTO PUBBLICO S.p.A. COMUNE DI NOCETO SOCIETA PER LA MOBILITA ED IL TRASPORTO PUBBLICO S.p.A. CONVENZIONE TRA S.M.T.P. S.p.A ED IL COMUNE DI NOCETO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO INTEGRATIVI NEL TERRITORIO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE S E R V I Z I O U R B A N I S T I C A SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E ATTIVITA PRODUTTIVE S E R V I Z I O A M B I E N T E, S I C U R E Z Z

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

CABELLA LIGURE ESTRATTO CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015

CABELLA LIGURE ESTRATTO CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 CABELLA LIGURE ESTRATTO CARTA DEI SERVIZI ANNO 25 Emissione Febbraio 25 Presentazione dell Autolinee Val Borbera L Autolinee Val Borbera, con sede a Cabella Ligure in via Cosola n, è stata costituta come

Dettagli

C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE S E R V I Z I O U R B A N I S T I C A SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E ATTIVITA PRODUTTIVE S E R V I Z I O A M B I E N T E, S I C U R E Z Z

Dettagli

Tecnopolo Tiburtino - Complesso Technology. OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione. Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma

Tecnopolo Tiburtino - Complesso Technology. OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione. Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Acquisto e locazione Via A. Olivetti, 24-26 00131 Roma 1 INDICE Introduzione..4 Ubicazione e accessibilità.5 Caratteristiche principali...6 Opportunità di investimento.7 Servizi..8

Dettagli

PROCEDURA --------------------------------------

PROCEDURA -------------------------------------- PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI (AREE O FABBRICATI) FUNZIONALI ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -------------------------------------- La PROVINCIA DI GENOVA, nella sua qualità

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL FINANZIAMENTO DEI SERVIZI MINIMI E DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PER IL TRIENNIO 2007/2009 TRA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL FINANZIAMENTO DEI SERVIZI MINIMI E DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PER IL TRIENNIO 2007/2009 TRA ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL FINANZIAMENTO DEI SERVIZI MINIMI E DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PER IL TRIENNIO 2007/2009 TRA La Provincia di Torino, di seguito denominata Provincia,

Dettagli

AREA URBANA DI COMO. ASF AUTOLINEE s.r.l. Via Asiago, 16 22100 Como. Descrizione validità ed utilizzo del documento

AREA URBANA DI COMO. ASF AUTOLINEE s.r.l. Via Asiago, 16 22100 Como. Descrizione validità ed utilizzo del documento AREA URBANA DI COMO Definizione di servizio urbano (rete urbana), di servizio suburbano (rete suburbana) e di servizio di area urbana. Il servizio di trasporto pubblico del comune di Como è formato sia

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna C.F. 80062730371 P. I.V.A. 00702791203

COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna C.F. 80062730371 P. I.V.A. 00702791203 IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA UBICARSI SU IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Determinazione n. 157 del 13.10.2010, affidamento incarico allo Studio REIA s.r.l. per consulenza alla redazione del progetto preliminare;

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 192 DEL 29 LUGLIO 1993 MODIFICATO

Dettagli

Dato atto allegato 1- Verbali di pre- accordo con gli enti)

Dato atto allegato 1- Verbali di pre- accordo con gli enti) ALLEGATO A) INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA E GLI ENTI LOCALI PER LA DEFINIZIONE DELLA RETE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE, DELL ATTRIBUZIONE DELLE RISORSE E DEI CRITERI DI PREMIALITA PER GLI ENTI

Dettagli

proposta di legge n. 78

proposta di legge n. 78 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 78 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 26 luglio 2001 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 5 MAGGIO 1997, N. 27 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Servizio di Trasporto Pubblico a Chiamata

Servizio di Trasporto Pubblico a Chiamata Presìdi sanitari Servizio di Trasporto Pubblico a Chiamata Un nuovo servizio di collegamento comodo e flessibile tra i Presìdi Ospedalieri IRCC di Candiolo e SAN LUIGI di Orbassano e i comuni dell Area

Dettagli

Servizi flessibili: l esperienza dell Azienda. Trasporti. Livornesi. Bruno Bastogi ATL, Livorno

Servizi flessibili: l esperienza dell Azienda. Trasporti. Livornesi. Bruno Bastogi ATL, Livorno Servizi flessibili: l esperienza dell Azienda Trasporti Livornesi Bruno Bastogi ATL, Livorno Livorno e la sua Provincia Localizzata nella parte centrale della Regione Toscana sulla costa del mar Tireno

Dettagli

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it Riferimento commessa: P0809 Novembre 2012 prof. arch. Giorgio Goggi ing. Michele D Alessandro Responsabile scientifico Direttore

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

3 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI VARI BENI IMMOBILIARI E LORO VALUTAZIONE

3 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI VARI BENI IMMOBILIARI E LORO VALUTAZIONE 3 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI VARI BENI IMMOBILIARI E LORO VALUTAZIONE 3.1 A1) PONTASSIEVE COMPLESSO PER UFFICI E ANNESSI 3.1.1 LOCALIZZAZIONE DEL BENE Il bene in oggetto si trova nel Comune di Pontassieve,

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione del Centro Socio Culturale Gambaro, denominato

Dettagli

BONETTI COSTRUZIONI SPA

BONETTI COSTRUZIONI SPA Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 176 30 settembre 2015 Oggetto : Approvazione della Bozza di Convenzione relativa al Permesso di Costruire Convenzionato

Dettagli

REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO

REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO (con Prime indicazioni per la stesura dei piani di sicurezza) INDICE Premessa pag. 2 Inquadramento urbanistico 2 Requisiti del progetto e descrizione dell intervento: 2 Valutazione

Dettagli

COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO TRASPORTO PERSONE A FINI TURISTICI DA SVOLGERSI MEDIANTE TRENINO GOMMATO. 1 Articolo 1 OGGETTO Oggetto

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Determina Cultura - Sport/0000045 del 19/11/2014

Determina Cultura - Sport/0000045 del 19/11/2014 Comune di Novara Determina Cultura - Sport/0000045 del 19/11/2014 Area / Servizio Servizio Cultura Biblioteche e Sport (14.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Cultura Biblioteche e Sport (14.UdO)

Dettagli

LE NUOVA EDILIZIA SCOLASTICA NEL COMUNE DI CALCINAIA

LE NUOVA EDILIZIA SCOLASTICA NEL COMUNE DI CALCINAIA LE NUOVA EDILIZIA SCOLASTICA NEL COMUNE DI CALCINAIA VERSO IL GRANDE OBIETTIVO Conferenza stampa 11 Maggio 2013 1 UN PO DI STORIA 2 1980 Abitanti nel Comune di Calcinaia 7000 abitanti 1990 2000 2012 +42%

Dettagli

LE INTEGRAZIONI NEL SISTEMA DEI TRASPORTI DEL VENETO Un Percorso Lungo

LE INTEGRAZIONI NEL SISTEMA DEI TRASPORTI DEL VENETO Un Percorso Lungo LE INTEGRAZIONI NEL SISTEMA DEI TRASPORTI DEL VENETO Un Percorso Lungo Relatore: ing. Mauro Menegazzo REGIONE VENETO Direzione Mobilità Dirigente responsabile del Servizio Trasporto Pubblico Locale Venezia,

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 258 Data: 20-04-2015 SETTORE : FINANZIARIO SOCIETA' PARTECIPATE GARE E CONTRATTI

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 258 Data: 20-04-2015 SETTORE : FINANZIARIO SOCIETA' PARTECIPATE GARE E CONTRATTI Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 258-2015 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 258 Data: 20-04-2015 SETTORE : FINANZIARIO SOCIETA'

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.)

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) INQUADRAMENTO DEL CONTESTO IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o

Dettagli

Obiettivo n. 1 L ambito Ottimale bacino. Ipotesi alternative

Obiettivo n. 1 L ambito Ottimale bacino. Ipotesi alternative Obiettivo n. 1 L ambito Ottimale bacino di traffico Ipotesi alternative I livelli attuali di governo del TPL abruzzese Statale Sicurezza e tutela della concorrenza La L.R. 1/2011 dispone il trasferimento

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE (Approvato con deliberazione C.C. n. 41 del 03.05.2007) 1 Art. 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

TECNOPOLO TIBURTINO ROMA - COMPLESSO SOFTWARE HOUSE OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO

TECNOPOLO TIBURTINO ROMA - COMPLESSO SOFTWARE HOUSE OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO TECNOPOLO TIBURTINO ROMA - COMPLESSO SOFTWARE HOUSE OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO INDICE Contesto Territoriale....................... 4 Ubicazione - Accessibilità.................. 5 Caratteristiche principali..................

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Viale della Repubblica, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fax 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 DETERMINAZIONE

Dettagli

Nuovo Servizio di Trasporto Pubblico Extraurbano a chiamata. nell Area Metropolitana Nord Ovest

Nuovo Servizio di Trasporto Pubblico Extraurbano a chiamata. nell Area Metropolitana Nord Ovest 08 aprile 2013 80018 1850 5084 Nuovo Servizio di Trasporto Pubblico Extraurbano a chiamata Comune di nell Area Metropolitana Nord Ovest Leinì ALPIGNANO CASELETTE COLLEGNO DRUENTO. GIVOLETTO. LA CASSA PIANEZZA

Dettagli

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLE AREE DI PARCHEGGIO A PAGAMENTO. Comune di Desio febbraio 2013

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLE AREE DI PARCHEGGIO A PAGAMENTO. Comune di Desio febbraio 2013 BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLE AREE DI PARCHEGGIO A PAGAMENTO. Comune di Desio febbraio 2013 CONTENUTI DEL NUOVO BANDO La regolamentazione della sosta a pagamento

Dettagli

Ing. Giancarlo Crepaldi

Ing. Giancarlo Crepaldi Ing. Giancarlo Crepaldi FERROVIA TRENTO-MALE -MARILLEVA La ferrovia Trento-Malé nasce sotto l Impero Asburgico. I lavori iniziarono nel 1907 e la struttura fu inaugurata solo due anni dopo nel 1909. Oggi

Dettagli