Il nuovo redditometro 2.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo redditometro 2.0"

Transcript

1 Numero 14/2013 Pagina 1 di 23 Il nuovo redditometro 2.0 Numero : 14/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ACCERTAMENTO REDDITOMETRO ART. 38, D.P.R. N. 600/1973; ART. 22, D.L. N. 78/2010; D.M , PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE N. 3 DEL ; CONVEGNO AGENZIA ENTRATE DEL ; CORTE DI CASSAZIONE, SENTENZA N DEL Sintesi E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 4 gennaio scorso l atteso decreto attuativo del nuovo redditometro. Si tratta del Decreto MEF , che individua il contenuto induttivo degli elementi indicativi di capacità contributiva sulla base del quale può essere fondata la determinazione sintetica del reddito complessivo delle persone fisiche. Il nuovo redditometro prende in considerazione nuovi elementi induttivi, classificati in oltre 100 voci di spesa, che tengono conto dell analisi di campioni significativi di contribuenti, differenziati per nucleo familiare e contesto territoriale. Il nuovo strumento di accertamento sarà utilizzato per accertare i redditi relativi agli anni d imposta a decorrere dal Non verranno prese in considerazione dal Fisco le posizioni dei contribuenti con scostamento tra spese e reddito dichiarato pari a mille euro al mese, 12mila euro l anno. Importante, infine, la recente sentenza n /2012 del 20 dicembre 2012 della Corte di Cassazione, nella quale, rivedendo il precedente orientamento, viene conferito all accertamento da redditometro carattere di presunzione semplice. Gli argomenti 1. IL NUOVO REDDITOMETRO ED IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 2. UN CONFRONTO TRA VECCHIO E NUOVO REDDITOMETRO 3. LE TIPOLOGIE DI NUCLEO FAMILIARE 4. GLI ELEMENTI DI SPESA INDICATIVI DI CAPACITÀ CONTRIBUTIVA 5. UTILIZZO DEI DATI RELATIVI AGLI ELEMENTI INDICATIVI DI CAPACITÀ CONTRIBUTIVA AI FINI DELLA DETERMINAZIONE SINTETICA DEL REDDITO 6. PROVA CONTRARIA DA PARTE DEL CONTRIBUENTE 7. LA FRANCHIGIA DI EURO MENSILI 8. REDDITEST E REDDITOMETRO 9. IL PARERE DELLA CORTE DI CASSAZIONE

2 Numero 14/2013 Pagina 2 di 23 Il nuovo Redditometro ed il quadro normativo di riferimento L accertamento sintetico è un tipo di accertamento esperibile solo nei confronti delle persone fisiche e a cui gli Uffici dell Amministrazione finanziaria possono ricorrere ogniqualvolta vi sia uno scostamento tra il reddito dichiarato effettivamente dal contribuente ed il reddito a lui attribuibile sinteticamente sulla base delle spese sostenute. Al fine di consentire agli Uffici di procedere all accertamento sintetico in base a parametri uniformi, il Ministero dell Economia e delle Finanze stabilisce gli indici ed i coefficienti presuntivi di reddito (o di maggior reddito) in relazione alla disponibilità da parte del contribuente di beni o servizi indicatori di un elevata capacità contributiva (c.d. redditometro ). La disciplina dell accertamento sintetico, contenuta nell art. 38 del D.P.R. n. 600/1973, è stata quasi completamente riformulata dal D.L. n. 78/2010, convertito nella Legge n. 122/2010 (c.d. Manovra correttiva 2010 ), anche in termini di potenziamento del redditometro, come strumento di accertamento rivolto a contrastare il fenomeno dell evasione fiscale. L intervento legislativo, infatti, ha avuto come obiettivo principale, quello di adeguare l accertamento sintetico al contesto socio-economico, mutato nel corso dell ultimo decennio, rendendolo più efficiente e dotandolo di garanzie per il contribuente, anche mediante il contraddittorio. I motivi principali che hanno spinto alla definizione del nuovo redditometro sono: obsolescenza del sistema precedente, basato su tipologie di spesa al giorno d oggi non più significative (cioè non più rappresentative di vera capacità contributiva); necessità di ridurre l evasione fiscale, attraverso strumenti accertativi di reddito. La nuova normativa sarà applicata per accertare i redditi a partire dal periodo d imposta 2009 (quindi, dai redditi dichiarati nel 2010 UNICO PF 2010 o 730/2010). Il nuovo redditometro, definito anche redditometro 2.0 restava, tuttavia, in sospeso in attesa del decreto attuativo, che è stato approvato solo il e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 4 gennaio Il nuovo strumento ridefinisce in modo significativo l operatività dell accertamento sintetico sui redditi, ampliando sia il paniere dei beni oggetto di osservazione (più di 100 voci di spesa), sia ridefinendo le modalità di pesatura degli acquisti. L amministrazione finanziaria, tra febbraio ed i primi giorni di marzo di quest anno, definirà le liste selettive dei contribuenti a rischio evasione e da sottoporre ad accertamento. E ipotizzabile, quindi, che il nuovo

3 Numero 14/2013 Pagina 3 di 23 redditometro entri a pieno regime da marzo. Analizziamo, quindi, il nuovo strumento di accertamento sintetico alla luce delle novità nel frattempo intervenute. Un confronto tra vecchio e nuovo redditometro Per capire cosa è cambiato rispetto al passato, è necessario, innanzitutto, effettuare un confronto tra il vecchio ed il nuovo redditometro. A tal fine, appare utile riportare il testo dell art. 38 del D.P.R. n. 600/1973 ante e post modifiche, con particolare riferimento ai commi dal 4 in poi: ART. 38, D.P.R. N. 600/1973 ANTE MODIFICHE ( VECCHIO ACCERTAMENTO SINTETICO). 4. L'ufficio, indipendentemente dalle disposizioni recate dai commi precedenti e dall'articolo 39, può, in base ad elementi e circostanze di fatto certi, determinare sinteticamente il reddito complessivo netto del contribuente in relazione al contenuto induttivo di tali elementi e circostanze quando il reddito complessivo netto accertabile si discosta per almeno un quarto da quello dichiarato. A tal fine, con decreto del Ministro delle finanze, da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale, sono stabilite le modalità in base alle quali l'ufficio può determinare induttivamente il reddito o il maggior reddito in relazione ad elementi indicativi di capacità contributiva individuati con lo stesso decreto quando il reddito dichiarato non risulta congruo rispetto ai predetti elementi per due o più periodi di imposta. ART. 38, D.P.R. N. 600/1973 POST MODIFICHE ( NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO). 4. L'ufficio, indipendentemente dalle disposizioni recate dai commi precedenti e dall'articolo 39, può sempre determinare sinteticamente il reddito complessivo del contribuente sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d'imposta, salva la prova che il relativo finanziamento è avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d'imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile. 5. Qualora l'ufficio determini sinteticamente il reddito complessivo netto in relazione alla spesa per incrementi patrimoniali, la stessa si presume sostenuta, salvo prova contraria, con redditi conseguiti, in quote costanti, nell'anno in cui è stata effettuata e nei quattro precedenti. 5. La determinazione sintetica può essere altresì fondata sul contenuto induttivo di elementi indicativi di capacità contributiva individuato mediante l'analisi di campioni significativi di contribuenti, differenziati anche in funzione del nucleo familiare e dell'area territoriale di appartenenza,

4 Numero 14/2013 Pagina 4 di Il contribuente ha facoltà di dimostrare, anche prima della notificazione dell'accertamento, che il maggior reddito determinato o determinabile sinteticamente è costituito in tutto o in parte da redditi esenti o da redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta. L'entità di tali redditi e la durata del loro possesso devono risultare da idonea documentazione. con decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale con periodicità biennale. In tale caso, è fatta salva per il contribuente la prova contraria di cui al quarto comma. 6. La determinazione sintetica del reddito complessivo di cui ai precedenti commi e' ammessa a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un quinto quello dichiarato. 7. Dal reddito complessivo determinato sinteticamente non sono deducibili gli oneri di cui all'art. 10 del decreto indicato nel secondo comma. Agli effetti dell'imposta locale sui redditi il maggior reddito accertato sinteticamente è considerato reddito di capitale salva la facoltà del contribuente di provarne l'appartenenza ad altre categorie di redditi. 8. Le disposizioni di cui al quarto comma si applicano anche quando il contribuente non ha ottemperato agli inviti disposti dagli uffici ai sensi dell'articolo 32, primo comma, numeri 2), 3) e 4). 7. L'ufficio che procede alla determinazione sintetica del reddito complessivo ha l'obbligo di invitare il contribuente a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento e, successivamente, di avviare il procedimento di accertamento con adesione ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n Dal reddito complessivo determinato sinteticamente sono deducibili i soli oneri previsti dall'articolo 10 del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986 n. 917; competono, inoltre, per gli oneri sostenuti dal contribuente, le detrazioni dall'imposta lorda previste dalla legge.

5 Numero 14/2013 Pagina 5 di 23 Come si può osservare, è stata eliminata la necessaria esistenza di elementi e circostanze certi per poter avviare la procedura di accertamento sintetico. Con il nuovo testo normativo, gli uffici dell Agenzia delle Entrate possono sempre determinare sinteticamente il reddito del contribuente sulla base di spese di qualunque genere, sostenute nel periodo d imposta. Le spese sostenute dal contribuente si presumono finanziate con i redditi conseguiti nello stesso periodo d imposta, salva ovviamente la facoltà di provare che la spesa è stata supportata con redditi relativi ad altri periodi d imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o, comunque, esclusi per legge dalla formazione della base imponibile. In base alle nuove regole, inoltre, l Agenzia delle Entrate attiva la procedura di accertamento sintetico quando l ammontare del reddito accertabile si discosta di almeno 1/5 (20%) rispetto all ammontare del reddito dichiarato dal contribuente. Prima della manovra correttiva 2010 gli uffici potevano avviare l iter accertativo solo quando la differenza fra il reddito accertabile sinteticamente e quello dichiarato era superiore ad almeno 1/4 (25%). Rispetto alla precedente previsione normativa, quindi, il range di tolleranza tra i due redditi si è abbassato del 5%. Non è più necessario, inoltre, che il gap tra i due redditi si manifesti per almeno 2 anni periodi d imposta, bensì è sufficiente che si manifesti uno scostamento annuale. La manovra correttiva 2010 ha poi stabilito il preciso obbligo, a carico dell Amministrazione Finanziaria, di: invitare il contribuente a comparire e a fornire le informazioni e dati rilevanti ai fini dell accertamento (prima della modifica era previsto solamente la facoltà, a carico del contribuente, di fornire la prova contraria anche prima della notifica dell avviso di accertamento); avviare il procedimento di accertamento con adesione ai sensi dell articolo 5 del d.lgs. n. 218 del 1997, nel caso in cui l ufficio ritenga, sulla base dei nuovi elementi acquisiti, di dover proseguire il controllo; emettere l avviso di accertamento, nel caso in cui l accertamento con adesione non vada a buon fine per il mancato raggiungimento di un accordo da parte del contribuente e del fisco. È stata così garantita al contribuente la possibilità di fornire la prova contraria in sede di contraddittorio, prima dell instaurazione del contenzioso. Attraverso il contraddittorio, il contribuente potrà dimostrare che la spesa è stata possibile grazie a redditi diversi da quelli dichiarati nel periodo d imposta oggetto di accertamento, ad esempio attraverso redditi esenti o

6 Numero 14/2013 Pagina 6 di 23 soggetti a ritenuta a titolo d imposta. E da considerare, infine, che il redditometro è uno strumento di accertamento sintetico che permette al Fisco di determinare il reddito complessivo delle persone fisiche sulla base di determinati indici di capacità contributiva che fanno presumere il possesso di redditi superiori rispetto a quelli dichiarati. Prima della Manovra correttiva 2010 gli indici di spesa presi in considerazione erano essenzialmente: aeromobili; navi e imbarcazioni da diporto; autoveicoli; altri mezzi di trasporto a motore; roulottes; residenze principali e secondarie; collaboratori familiari; cavalli da corsa o da equitazione; assicurazioni. Da tempo, però, si sentiva la necessità di aggiornare questi beni, che ormai non erano più indicativi della reale capacità di spesa dei contribuente per diversi motivi: alcuni risultavano essere ormai obsoleti, come nel caso delle roulottes; spesso non tenevano conto di altri aspetti importanti, come nel caso delle residenze, per le quali era prevista una differenziazione troppo generica tra Nord-Centro-Sud, non tenendo conto del fatto che un abitazione in centro a Roma ha un valore diverso rispetto a una ubicata in un paese limitrofo; spesso i moltiplicatori previsti ex lege risultavano essere ambigui. La Manovra correttiva 2010 ha, pertanto, previsto l individuazione di nuovi elementi induttivi di spesa, tenendo conto però anche dell analisi di campioni significativi di contribuenti, differenziati in base al nucleo familiare e al contesto territoriale. L individuazione dei nuovi elementi indicativi di capacità contributiva, del rispettivo contenuto e delle tipologie di nuclei familiari di riferimento per l applicazione del redditometro, era affidato all emanazione di un apposito decreto attuativo del Ministero dell Economia e delle Finanze. Questo, dopo una lunga attesa, è stato approvato il e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 4 gennaio 2013.

7 Numero 14/2013 Pagina 7 di 23 PRINCIPALI DIFFERENZE TRA VECCHIO E NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO VECCHIO (fino al periodo d imposta 2008) L ufficio può avviare la procedura di accertamento sintetico in presenza di elementi e circostanze certi. NUOVO (dal periodo d imposta 2009) L ufficio può sempre avviare la procedura di accertamento sintetico sulla base di spese di qualunque genere sostenute nel periodo d imposta. L ufficio può avviare la procedura di accertamento sintetico quando lo scostamento tra reddito accertabile e reddito dichiarato è pari almeno al 25% (1/4). L ufficio può avviare la procedura di accertamento sintetico quando lo scostamento tra reddito accertabile e reddito dichiarato è pari almeno al 20% (1/5). Ai fini dell accertamento sintetico, il suddetto scostamento deve esserci per almeno 2 periodi d imposta. Ai fini dell accertamento sintetico, è sufficiente che il suddetto scostamento ci sia per un solo periodo d imposta. Il contribuente ha la facoltà di dimostrare, anche prima della notificazione dell accertamento, che il maggior reddito determinato o determinabile sinteticamente è costituito in tutto o in parte da redditi esenti o da redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d imposta. L entità di tali redditi e la durata del loro possesso devono risultare da idonea documentazione. L ufficio che procede alla determinazione sintetica del reddito complessivo ha l obbligo di invitare il contribuente a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento e, successivamente, di avviare il procedimento di accertamento con adesione ai sensi dell articolo 5 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n, 218. Il vecchio strumento del redditometro si fondava su pochi e ormai obsoleti indici di spesa, essenzialmente: aeromobili; navi e imbarcazioni da diporto; autoveicoli; altri mezzi di trasporto a motore; roulottes; residenze principali e secondarie; collaboratori familiari; cavalli da corsa o da equitazione; assicurazioni; senza considerare la composizione familiare né il luogo di residenza. Il nuovo strumento del redditometro prende in considerazione nuovi elementi induttivi di spesa, classificati in oltre 100 voci di spesa, che tengono conto dell analisi di campioni significativi di contribuenti, differenziati per: nucleo familiare; contesto territoriale.

8 Numero 14/2013 Pagina 8 di 23 Le tipologie di nucleo familiare Il Decreto MEF , alla Tabella B ad esso allegata, individua 11 macrotipologie di nuclei familiari (analoghe a quelle previste per il ReddiTest, il nuovo strumento di compliance tra contribuente e Fisco 1 ), differenziate per numero ed età dei componenti: una persona sola con meno di 35 anni; una coppia senza figli con meno di 35 anni; una persona sola con età compresa tra 35 e 64 anni; una coppia senza figli con età compresa tra 35 e 64 anni; una persona sola con 65 anni o più; una coppia senza figli con 65 anni o più; una coppia con un figlio; una coppia con due figli; una coppia con tre o più figli; un monogenitore; altre tipologie. Queste tipologie di nucleo familiare sono poi ulteriormente suddivise per area geografica di appartenenza: TIPOLOGIE DI NUCLEI FAMILIARI E RELATIVE AREE TERRITORIALI DI APPARTENENZA TIPOLOGIA FAMIGLIA 1: Persona sola con meno di 35 anni TIPOLOGIA FAMIGLIA 1_1: Persona sola con meno di 35 anni residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 1_2: Persona sola con meno di 35 anni residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 1_3: Persona sola con meno di 35 anni residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 1_4: Persona sola con meno di 35 anni residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 1_5: Persona sola con meno di 35 anni residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 2: Coppia senza figli con meno di 35 anni TIPOLOGIA FAMIGLIA 2_1: Coppia senza figli con meno di 35 anni residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 2_2: Coppia senza figli con meno di 35 anni residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 2_3: Coppia senza figli con meno di 35 anni residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 2_4: Coppia senza figli con meno di 35 anni residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 2_5: Coppia senza figli con meno di 35 anni residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 3: Persona sola con età compresa tra 35 e 64 anni TIPOLOGIA FAMIGLIA 3_1: Persona sola con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Nord-Ovest 1 Vedi nostra CDG n

9 Numero 14/2013 Pagina 9 di 23 TIPOLOGIA FAMIGLIA 3_2: Persona sola con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 3_3: Persona sola con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 3_4: Persona sola con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 3_5: Persona sola con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 4: Coppia senza figli con età compresa tra 35 e 64 anni TIPOLOGIA FAMIGLIA 4_1: Coppia senza figli con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 4_2: Coppia senza figli con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 4_3: Coppia senza figli con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 4_4: Coppia senza figli con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 4_5: Coppia senza figli con età compresa tra 35 e 64 anni residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 5: Persona sola con 65 anni o più TIPOLOGIA FAMIGLIA 5_1: Persona sola con 65 anni o più residente nella zona geografica Nord- Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 5_2: Persona sola con 65 anni o più residente nella zona geografica Nord- Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 5_3: Persona sola con 65 anni o più residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 5_4: Persona sola con 65 anni o più residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 5_5: Persona sola con 65 anni o più residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 6: Coppia senza figli con 65 anni o più TIPOLOGIA FAMIGLIA 6_1: Coppia senza figli con 65 anni o più residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 6_2: Coppia senza figli con 65 anni o più residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 6_3: Coppia senza figli con 65 anni o più residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 6_4: Coppia senza figli con 65 anni o più residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 6_5: Coppia senza figli con 65 anni o più residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 7: Coppia con un figlio TIPOLOGIA FAMIGLIA 7_1: Coppia con un figlio residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 7_2: Coppia con un figlio residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 7_3: Coppia con un figlio residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 7_4: Coppia con un figlio residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 7_5: Coppia con un figlio residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 8: Coppia con due figli TIPOLOGIA FAMIGLIA 8_1: Coppia con due figli residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 8_2: Coppia con due figli residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 8_3: Coppia con due figli residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 8_4: Coppia con due figli residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 8_5: Coppia con due figli residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 9: Coppia con tre o più figli TIPOLOGIA FAMIGLIA 9_1: Coppia con tre o più figli residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 9_2: Coppia con tre o più figli residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 9_3: Coppia con tre o più figli residente nella zona geografica Centro

10 Numero 14/2013 Pagina 10 di 23 TIPOLOGIA FAMIGLIA 9_4: Coppia con tre o più figli residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 9_5: Coppia con tre o più figli residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 10: Monogenitore TIPOLOGIA FAMIGLIA 10_1: Monogenitore residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 10_2: Monogenitore residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 10_3: Monogenitore residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 10_4: Monogenitore residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 10_5: Monogenitore residente nella zona geografica Isole TIPOLOGIA FAMIGLIA 11: Altre Tipologie TIPOLOGIA FAMIGLIA 11_1: Altre Tipologie residente nella zona geografica Nord-Ovest TIPOLOGIA FAMIGLIA 11_2: Altre Tipologie residente nella zona geografica Nord-Est TIPOLOGIA FAMIGLIA 11_3: Altre Tipologie residente nella zona geografica Centro TIPOLOGIA FAMIGLIA 11_4: Altre Tipologie residente nella zona geografica Sud TIPOLOGIA FAMIGLIA 11_5: Altre Tipologie residente nella zona geografica Isole Gli elementi di spesa indicativi di capacità contributiva Il D.M , come detto, ha definito il contenuto induttivo degli elementi indicativi di capacità contributiva sulla base del quale può essere fondata la determinazione sintetica del reddito complessivo delle persone fisiche. Il decreto precisa che per elemento indicativo di capacità contributiva si intende la spesa sostenuta dal contribuente per l acquisizione di servizi e di beni e per il relativo mantenimento. Il contenuto induttivo degli elementi indicativi di capacità contributiva, indicato nella tabella A allegata al Decreto, è determinato tenendo conto della spesa media, per gruppi e categorie di consumi, del nucleo familiare di appartenenza del contribuente; tale contenuto induttivo corrisponde alla spesa media risultante dall'indagine annuale sui consumi delle famiglie condotta dall Istat in funzione del Programma statistico nazionale, effettuata su campioni significativi di contribuenti appartenenti, appunto, alle 11 tipologie di nuclei familiari sopra esaminate distribuite nelle cinque aree territoriali in cui è suddiviso il territorio nazionale. Il contenuto induttivo degli elementi di capacità contributiva è, inoltre, determinato considerando le risultanze di analisi e studi socio-economici, anche di settore. In presenza delle spese indicate nella tabella A, ai fini della determinazione sintetica del reddito complessivo delle persone fisiche, non si ricorre a coefficienti moltiplicatori, come avveniva nel vecchio redditometro, ma si considera l ammontare più elevato tra: quello disponibile o risultante dalle informazioni presenti in ; quello determinato considerando la spesa media rilevata dai risultati dell'indagine sui consumi dell Istat o da analisi e studi socio economici, anche di settore. Resta ferma la facoltà dell'agenzia delle Entrate di utilizzare, altresì: elementi di capacità contributiva diversi da quelli riportati nella tabella A, qualora siano disponibili dati relativi alla spesa sostenuta per l'acquisizione di

11 Numero 14/2013 Pagina 11 di 23 servizi e di beni e per il relativo mantenimento; quota di risparmio riscontrata, formatasi nell'anno. Si considerano sostenute dal contribuente anche le spese relative ai beni e servizi effettuate dal coniuge e dai familiari fiscalmente a carico. Non si considerano sostenute dalla persona fisica le spese per i beni e servizi, se gli stessi sono relativi esclusivamente ed effettivamente all attività di impresa o all'esercizio di arti e professioni, sempre che ciò risulti da idonea documentazione. Si riportano qui di seguito gli elementi indicativi di capacità contributiva individuati dal Decreto MEF : CONSUMI TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO ALIMENTARI E BEVANDE ABBIGLIAMENTO E CALZATURE ALTRO ABITAZIONE TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO MUTUO CANONE DI LOCAZIONE FITTO FIGURATIVO (in assenza, nel Comune di residenza, di: abitazione in proprietà o altro diritto reale; locazione; abitazione in uso gratuito da familiare) Spesa calcolata moltiplicando il valore del fitto figurativo mensile al mq, basato sui dati dell OMI (Osservatorio Mercato Immobiliare), cat. A/2 x mq 75 x numero mesi

12 Numero 14/2013 Pagina 12 di 23 CANONE DI LEASING IMMOBILIARE ACQUA E CONDOMINIO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERMEDIAZIONI IMMOBILIARI (compensi ad agenti immobiliari) ALTRO (spesa media mensile ISTAT del nucleo familiare di riferimento / 75 mq) x numero dei mq delle unità abitative: detenute in proprietà o altro diritto reale (qualora non siano concesse in locazione o in uso gratuito al coniuge o ad un familiare ivi residenti, non fiscalmente a carico); detenute in locazione Spesa media ISTAT (per mq delle unità abitative) della (spesa media mensile ISTAT del nucleo familiare di riferimento / 75 mq) x numero dei mq delle unità abitative: detenute in proprietà o altro diritto reale (qualora non siano concesse in locazione o in uso gratuito al coniuge o ad un familiare ivi residenti, non fiscalmente a carico); detenute in locazione; detenute in uso gratuito dal coniuge o da un familiare o da un familiare non fiscalmente a carico, residente nell unità abitativa

13 Numero 14/2013 Pagina 13 di 23 COMBUSTIBILI ED ENERGIA TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO ENERGIA ELETTRICA GAS RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO ALTRO MOBILI, ELETTRODOMESTICI E SERVIZI PER LA CASA TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO ELETTRODOMESTICI E ARREDI ALTRI BENI E SERVIZI PER LA CASA (biancheria, detersivi, pentole, lavanderia e riparazioni) COLLABORATORI DOMESTICI x numero di unità abitative detenute in proprietà o altro diritto reale (qualora non siano concesse in locazione o in uso gratuito al coniuge o ad un familiare ivi residenti, non fiscalmente a carico) o detenute in locazione x numero di unità abitative detenute in proprietà o altro diritto reale (qualora non siano concesse in locazione o in uso gratuito al coniuge o ad un familiare ivi residenti, non fiscalmente a carico) o detenute in locazione

14 Numero 14/2013 Pagina 14 di 23 ALTRO SANITA TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO MEDICINALI E VISITE MEDICHE ALTRO TRASPORTI TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO ASSICURAZIONE RC, incendio e furto per auto, moto, caravan, camper, minicar BOLLO (auto, moto, caravan, camper, minicar) ASSICURAZIONE RC, incendio e furto per natanti, imbarcazione ed aeromobili PEZZI DI RICAMBIO, OLIO E LUBRIFICANTI, CARBURANTI, MANUTENZIONE E RIPARAZIONE di auto, moto, caravan, camper, minicar (Spesa media ISTAT relativa ai mezzi di trasporto del nucleo / kw medi relativi ai mezzi di trasporto del nucleo familiare di appartenenza, come individuati nell allegato 1 del D.M ) x kw effettivi relativi al mezzo di trasporto PEZZI DI RICAMBIO, OLIO E LUBRIFICANTI, CARBURANTI, MANUTENZIONE, RIPARAZIONE, ORMEGGIO E RIMESSAGGIO di natanti e imbarcazioni A motore A vela 4 7 mt 400/ mt 200/ mt 7 10 mt 700/ mt 350/ mt mt 1.600/ mt 700/ mt mt 3.000/ mt 1.500/ mt mt 5.500/ mt 2.500/ mt > 24 mt / mt 5.500/ mt

15 Numero 14/2013 Pagina 15 di 23 PEZZI DI RICAMBIO, OLIO E LUBRIFICANTI, CARBURANTI, SERVIZI DI HANGARAGGIO, MANUTENZIONE E RIPARAZIONE di aeromobili TRAM, AUTOBUS, TAXI E ALTRI TRASPORTI CANONE DI LEASING O NOLEGGIO DI MEZZI DI TRASPORTO ALTRO Ultraleggeri e alianti < Kg Kg Monomotore Bimotore Motore a scoppio Turboelica Aerei a reazione familiare di appartenenza COMUNICAZIONI TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO ACQUISTO APPARECCHI PER TELEFONIA SPESE TELEFONO ALTRO ISTRUZIONE TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO LIBRI SCOLASTICI, TASSE SCOLASTICHE, RETTE e SIMILI per: asili nido; scuola per l infanzia; scuola primaria; scuola secondaria; corsi di lingue straniere; corsi universitari;

16 Numero 14/2013 Pagina 16 di 23 tutoraggio; corsi di preparazione agli esami; scuole specializzazione; master di SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO CANONI DI LOCAZIONE PER STUDENTI UNIVERSITARI ALTRO TEMPO LIBERO, CULTURA E GIOCHI TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO GIOCHI E GIOCATTOLI, RADIO, TELEVISIONE, HI-FI, COMPUTER, LIBRI NON SCOLASTICI, GIORNALI E RIVISTE, DISCHI, CANCELLERIA, ABBONAMENTI RADIO, TELEVISIONE ED INTERNET, LOTTO E LOTTERIE, PIANTE E FIORI, RIPARAZIONI RADIO, TELEVISORE, COMPUTER ABBONAMENTI PAY-TV ATTIVITÀ SPORTIVE, CIRCOLI CULTURALI, CIRCOLI RICREATIVI, ABBONAMENTI EVENTI SPORTIVI E CULTURALI GIOCHI ON-LINE CAVALLI Spesa per cavallo mantenuto in proprio: 5 x numero dei giorni di possesso risultanti in

17 Numero 14/2013 Pagina 17 di 23 Spese per cavallo a pensione: 10 x numero dei giorni in ANIMALI DOMESTICI (comprese le spese veterinarie) ALTRO ALTRI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DI SPESA ANAGRAFE TRIBUTARIA CONTENUTO INDUTTIVO ASSICURAZIONI DANNI, INFORTUNI E MALATTIA CONTRIBUTI PREVIDENZIALI OBBLIGATORI BARBIERE, PARRUCCHIERE ED ISTITUTI DI BELLEZZA PRODOTTI PER LA CURA DELLA PERSONA CENTRI BENESSERE ARGENTERIA, GIOIELLERIA, BIGIOTTERIA E OROLOGI BORSE, VALIGIE ED ALTRI EFFETTI PERSONALI ONORARI LIBERI PROFESSIONISTI ALBERGHI, PENSIONI E VIAGGI ORGANIZZATI PASTI E CONSUMAZIONI FUORI CASA ASSEGNI PERIODICI CORRISPOSTI DAL CONIUGE

18 Numero 14/2013 Pagina 18 di 23 ALTRO INVESTIMENTI INCREMENTO PATRIMONIALE (ammontare degli investimenti effettuati nell anno, meno ammontare dei disinvestimenti effettuati nell anno e dei disinvestimenti netti dei 4 anni precedenti all acquisto dei beni, risultante da dati ) IMMOBILI (fabbricati e terreni) BENI MOBILI REGISTRATI (autoveicoli, caravan, motoveicoli, minicar, natanti e imbarcazioni, aeromobili) POLIZZE ASSICURATIVE (investimento, previdenza, vita) CONTRIBUTI PREVIDENZIALI VOLONTARI AZIONI OBBLIGAZIONI CONFERIMENTI FINANZIAMENTI CAPITALIZZAZIONI QUOTE DI PARTECIPAZIONE FONDI DI INVESTIMENTO DERIVATI CERTIFICATI DI DEPOSITO PRONTI CONTRO TERMINE BUONI POSTALI FRUTTIFERI CONTI DI DEPOSITO VINCOLATI ALTRI TITOLI DI CREDITO ALTRI PRODOTTI FINANZIARI VALUTA ESTERA ORO NUMISMATICA FILATELIA OGGETTI D ARTE O ANTIQUARIATO MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE UNITA ABITATIVE DONAZIONI ED EROGAZIONI LIBERALI ALTRO CONTENUTO INDUTTIVO Incremento patrimoniale, meno ammontare totale del mutuo Incremento patrimoniale, meno il finanziamento Incremento patrimoniale Incremento patrimoniale Incremento patrimoniale Incremento patrimoniale Incremento patrimoniale Incremento patrimoniale Incremento patrimoniale

19 Numero 14/2013 Pagina 19 di 23 Allegato 1 al D.M : KW MEDI DELLE TIPOLOGIE DI NUCLEI FAMILIARI RELATIVI AI MEZZI DI TRASPORTO KW MEDI DELLA TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE CENTRO ISOLE NORD EST NORD OVEST SUD Persona sola con meno di 35 anni 60,8 63,4 61,1 63,0 60,9 Coppia senza figli con meno di 35 anni 127,2 124,4 124,0 128,7 119,9 Persona sola con età tra 35 e 64 anni 79,4 72,9 80,5 80,2 72,0 Coppia senza figli con età tra 35 e 64 anni 141,2 121,6 143,9 139,9 121,6 Persona sola con 65 anni o più 27,2 20,0 25,3 24,8 18,5 Coppia senza figli con 65 anni o più 77,2 61,4 78,5 77,4 58,3 Coppia con 1 figlio 157,3 138,5 156,2 156,1 138,7 Coppia con 2 figli 164,3 150,8 158,8 160,9 149,4 Coppia con 3 o più figli 171,3 161,6 151,2 158,0 164,7 Monogenitore 95,3 90,0 89,2 93,5 88,5 Altre tipologie 150,1 144,9 133,3 138,7 150,5 Utilizzo dei dati relativi agli elementi indicativi di capacità contributiva ai fini della determinazione sintetica del reddito L'Agenzia delle Entrate determina il reddito complessivo accertabile del contribuente sulla base: dell ammontare delle spese, anche diverse rispetto a quelle indicate nella tabella A che, dai dati disponibili o dalle informazioni presenti nel Sistema informativo dell, risultano sostenute dal contribuente; della quota parte, attribuibile al contribuente, dell'ammontare della spesa media ISTAT riferita ai consumi del nucleo, pari alla percentuale corrispondente al seguente rapporto: Reddito complessivo attribuibile al contribuente Totale dei redditi complessivi attribuibili ai componenti del nucleo familiare ovvero, in assenza di redditi dichiarati dal nucleo familiare, pari alla percentuale corrispondente al seguente rapporto: Spese sostenute dal contribuente Totale delle spese dell intero nucleo familiare risultanti dai dati disponibili o dalle informazioni presenti in

20 Numero 14/2013 Pagina 20 di 23 dell ammontare delle ulteriori spese riferite ai beni e servizi, presenti nella tabella A, nella misura determinata considerando la spesa rilevata da analisi e studi socio economici; della quota relativa agli incrementi patrimoniali del contribuente imputabile al periodo d'imposta, nella misura determinata con le modalità indicate nella tabella A; a tal fine, vanno considerati gli incrementi patrimoniali netti, cioè gli investimenti al netto dei disinvestimenti dello stesso anno e dei 4 precedenti; della quota di risparmio dell anno, individuata verosimilmente dalla differenza del saldo del c/c al rispetto al saldo all 1.1. DETERMINAZIONE SINTETICA DEL REDDITO IN BASE AL NUOVO REDDITOMETRO Spese, anche diverse da quelle della tabella A, risultanti dai dati disponibili o dalle informazioni presenti in Anagrafe Tributaria + REDDITO SINTETICO ACCERTABILE IN CAPO AL CONTRIBUENTE Quota parte riferita al contribuente della spesa media ISTAT del nucleo Ulteriori spese riferite ai beni/servizi di cui alla Tabella A desunte da analisi e studi socio economici + Quota degli incrementi patrimoniali netti dell anno + + Quota di risparmio formatasi nell anno Prova contraria da parte del contribuente In caso di accertamento sintetico, il contribuente può dimostrare, in sua difesa: che il finanziamento delle spese è avvenuto: con redditi diversi da quelli posseduti nel periodo d'imposta; con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile; da parte di soggetti diversi dal contribuente;

21 Numero 14/2013 Pagina 21 di 23 il diverso ammontare delle spese attribuite al medesimo. La franchigia di euro mensili Il vicedirettore dell Agenzia delle Entrate Di Capua, nel corso di un convegno tenutosi il 16 gennaio a Roma al Comando Generale della Guardia di Finanza, ha precisato che non verranno prese in considerazione dal Fisco le posizioni dei contribuenti con scostamento tra spese e reddito dichiarato pari a mille euro al mese, 12mila euro l anno. Il redditometro, infatti, come spiega il vicedirettore, ha l obiettivo di intercettare forme di evasione spudorata e i finti poveri, mentre uno scostamento entro il limite marginale di euro mensili fa perdere al Fisco interesse nei confronti della posizione del contribuente. ReddiTest e redditometro Si ritiene utile precisare che il ReddiTest (si veda nostra CDG n ) è cosa ben diversa dal nuovo redditometro, in quanto il ReddiTest è semplicemente un software, reso disponibile dal 20 novembre 2012, con cui l Agenzia delle Entrate permette ai contribuenti di valutare la coerenza tra il reddito lordo del nucleo familiare e le spese sostenute nell anno (in questo caso, quelle sostenute nel 2011). Tale software non può far scattare un accertamento, ma si pone semplicemente come strumento di compliance tra Fisco e contribuente per incentivare quest ultimo a dichiarare un reddito adeguato almeno alle spese standard da lui sostenibili ed evitare, quindi, fastidiosi avvisi di accertamento. Il parere della Corte di Cassazione E, infine, da segnalare una recente importante pronuncia della Corte di Cassazione in merito alla caratteristica di presunzione legale o di presunzione semplice dell accertamento sintetico da redditometro. Ricordiamo che le presunzioni semplici sono quelle che la legge non stabilisce espressamente, rimettendole al libero apprezzamento del giudice. Sono quelle che il giudice trae da un fatto noto per risalire ad un fatto ignoto. L art del codice civile prevede, in particolare, che: Le presunzioni non stabilite dalla legge sono lasciate alla prudenza del giudice e aggiunge che il giudice non deve ammettere che presunzioni gravi, precise e concordanti. Non si tratta, dunque, di una libertà di apprezzamento senza limiti. La legge esige una particolare cautela nel lasciare all esperienza del giudice la valutazione di come dedurre i fatti ignoti da fatti noti. Le presunzioni legali, invece, sono quelle il cui valore probatorio è riconosciuto una volta per tutte dalla legge, senza che il giudice le possa valutare liberamente. Sono quelle conseguenze che la legge trae da un fatto noto per risalire ad un fatto ignoto.

22 Numero 14/2013 Pagina 22 di 23 A loro volta, le presunzioni legali si suddividono a seconda del grado di vincolo in: presunzioni legali assolute, contro cui non è ammessa la prova contraria; presunzioni legali relative, contro cui è possibile fornire una prova contraria. In relazione al vecchio redditometro, la Corte di Cassazione, fino al 2011, aveva sempre precisato che si tratta di una presunzione legale relativa, che inverte l onere della prova mettendolo in capo al contribuente. Nel 2011, invece, la Cassazione, con sentenza n /2011, ha affermato che l accertamento sintetico da redditometro rientra tra quelli cosiddetti standardizzati 2, cioè quella tipologia di accertamenti che partono da un dato medio-ordinario, spesso determinato con metodi anche statistici, che hanno necessità di un concreto adeguamento, attraverso il contraddittorio, alla reale situazione del contribuente. Per tale ragione, secondo il parere della Cassazione del 2011, che ribaltava le precedenti sentenze, se l Amministrazione emette un atto di accertamento, quest ultimo deve tenere conto di tale personalizzazione, per cui non si è in presenza di un fatto noto stabilito dalla legge, prerogativa delle presunzioni legali, ma di una presunzione semplice. Il giudice, quindi, deve valutare se la personalizzazione effettuata dall ufficio rispetta i requisiti di gravità, precisione e concordanza propri delle presunzioni semplici. Pertanto, secondo questo parere della Cassazione, l onere probatorio incombe per primo sull ufficio, il quale deve dare prova di tale personalizzazione. Dopo la sentenza n /2011, la Cassazione era, però, tornata sul suo vecchio orientamento, inquadrando il vecchio redditometro tra le presunzioni legali (Cass /2011). Ora, invece, con la recente sentenza n /2012, depositata il 20 dicembre 2012, la Corte attribuisce nuovamente all accertamento da redditometro carattere di presunzione semplice, ma soprattutto lo fa non solo con riferimento al vecchio redditometro, ma anche e soprattutto con riferimento al nuovo redditometro, nella parte in cui afferma che: «l'accertamento sintetico disciplinato dall'articolo 38 Dpr n. 600/1973, già nella formulazione anteriore a quella successivamente modificata dall'articolo 22 del Dl 78/2010 tende a determinare, attraverso l'utilizzo di presunzioni semplici, il reddito complessivo del contribuente mediante i cosiddetti elementi indicativi di capacità contributiva stabiliti dai decreti ministeriali con periodicità biennale». 2 Riguardo all appartenenza dell accertamento da redditometro agli accertamenti standardizzati si era espressa anche la relazione n. 94 del 9 luglio 2009 dell'ufficio del massimario e del ruolo della Cassazione.

23 Numero 14/2013 Pagina 23 di 23 Secondo la Corte di Cassazione, quindi, anche l accertamento in base al nuovo redditometro (così come il "vecchio") è da inquadrare tra le presunzioni semplici, per cui non si inverte in alcun modo l onere probatorio nei confronti del contribuente. Con queste parole, la Cassazione indica già la strada circa l effettiva valenza del nuovo accertamento sintetico e, in particolare, del nuovo redditometro, visto che, con quest ultimo, si è in presenza di una serie di elementi che devono essere assolutamente personalizzati. Insieme alle spese effettive rintracciate dall'amministrazione, rilevano, infatti, anche gli incrementi patrimoniali ed i valori Istat, oltre quelli derivanti da analisi e studi socio economici. Appare, perciò, necessaria la personalizzazione dei valori figurativi e degli incrementi patrimoniali ed è evidente che non si è in presenza di un fatto noto stabilito dalla legge, prerogativa delle presunzioni legali, ma di una presunzione semplice. La recente pronuncia della Cassazione potrebbe alleviare, nella maggior parte dei casi, gli oneri dei contribuenti nel fornire la documentazione idonea a provare il reale motivo per cui si sono prodotti redditi inferiori rispetto a quelli accertati. In tali casi, infatti, l ufficio, anche dopo il contraddittorio, dovrebbe fornire altri elementi idonei ad integrare il risultato dell elaborazione statistica. Vedremo come l Amministrazione finanziaria risponderà al nuovo orientamento della Corte di Cassazione. E da rilevare, però, che già per gli accertamenti da studi di settore, che rientrano anch essi tra quelli standardizzati, si verificano spesso contestazioni basate esclusivamente sulla base del valore derivante dal calcolo statistico.

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visti i commi quarto, quinto, sesto, settimo e ottavo dell articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, come sostituiti dall

Dettagli

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO COME FUNZIONA IL COME FUNZIONA IL «NUOVO» REDDITOMETRO PERCHE REDDITOMETRO OGGI BUDGET SU ACCERTAMENTI INVIO DELLE LISTE AGLI UFFICI Circolare 18/E/2012 Avvio controlli DA COSA PARTIAMO NORMA BASE DM 24

Dettagli

Redditometro e dichiarazione dei redditi: riscontro e criticità operative.

Redditometro e dichiarazione dei redditi: riscontro e criticità operative. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ FISCALI E FOCUS FINALE SU MODELLI UNICO 2013 Redditometro e dichiarazione dei redditi: riscontro e criticità operative. ALESSANDRO CERATI 25 settembre

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Redditometro: primi chiarimenti sulle modalità di applicazione Gentile Cliente, iniziano a pervenire i primi chiarimenti sull'applicazione

Dettagli

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013. Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013. Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 SCHEDA MONOGRAFICA TMG REDDITOMETRO Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 Con il DM 24.12.2012 (di seguito anche DM ) sono stati

Dettagli

Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale

Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale Ai Gentili Clienti Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il nuovo redditometro ha visto la luce: nella

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 21 del 1 Febbraio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Redditometro: un attacco all evasione ma solo quella spudorata Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 TORINO 4-5 FEBBRAIO 2013 DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO TORINO CORSO MATTEOTTI 44 TEL. 011 5623588 (3 LINEE R.A.) fax 011

Dettagli

Il nuovo accertamento sintetico ed il redditometro. Valutazione delle possibili difese del contribuente. Data 24/10/2013

Il nuovo accertamento sintetico ed il redditometro. Valutazione delle possibili difese del contribuente. Data 24/10/2013 Il nuovo accertamento sintetico ed il redditometro. Valutazione delle possibili difese del contribuente. Data 24/10/2013 L accertamento sintetico del reddito delle persone fisiche, disciplinato principalmente

Dettagli

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 così come modificato dal D.L. n. 78 del 2010

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 così come modificato dal D.L. n. 78 del 2010 IL NUOVO REDDITOMETRO STRUMENTO DI CONTROLLO MA SOPRATTUTTO DI COMPLIANCE 1 NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 così come modificato dal D.L. n. 78 del 2010 Il reddito complessivo può essere

Dettagli

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 cosìcome modificato dal D.L. n. 78 del 2010

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 cosìcome modificato dal D.L. n. 78 del 2010 Il nuovo redditometro Strumento di controllo ma soprattutto di compliance Parma, 6 dicembre Dario Deotto NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 cosìcome modificato dal D.L. n. 78 del 2010 Il reddito

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2013, il decreto 24 dicembre 2012 sul degli elementi indicativi di sulla base dei quali può essere fondata la determinazione

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

IL (NUOVO) REDDITOMETRO

IL (NUOVO) REDDITOMETRO Circolare n. 5/2014 Pagina 1 di 8 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 5/2014 del 20 maggio 2014 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

ACCERTAMENTO SINTETICO. a cura di Francesco Barone

ACCERTAMENTO SINTETICO. a cura di Francesco Barone ACCERTAMENTO SINTETICO a cura di Francesco Barone LA NUOVA DISCIPLINA La nuova disciplina: 1. la determinazione sintetica del reddito avviene mediante la presunzione relativa che tutto quanto è stato speso

Dettagli

Fiscal News N. 79. Redditometro senza spese Istat. La circolare di aggiornamento professionale 17.03.2014

Fiscal News N. 79. Redditometro senza spese Istat. La circolare di aggiornamento professionale 17.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 79 17.03.2014 Redditometro senza spese Istat Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Redditometro L Agenzia delle Entrate con la

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA Redditometro 2012 Premessa La rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche segue le regole dell

Dettagli

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. www.tmgcommercialisti.it. Data aggiornamento scheda 16 ottobre 2013

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. www.tmgcommercialisti.it. Data aggiornamento scheda 16 ottobre 2013 SCHEDA MONOGRAFICA TMG REDDITOMETRO Data aggiornamento scheda 16 ottobre 2013 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 Ultimi interventi di prassi Circ. 24/E del 31.07.2013

Dettagli

L'ACCERTAMENTO DEL FUTURO : I RIFLESSI COMBINATI DEL NUOVO REDDITOMETRO, DEGLI STUDI DI SETTORE E DELLE COMUNICAZIONI ALL'ANAGRAFE TRIBUTARIA

L'ACCERTAMENTO DEL FUTURO : I RIFLESSI COMBINATI DEL NUOVO REDDITOMETRO, DEGLI STUDI DI SETTORE E DELLE COMUNICAZIONI ALL'ANAGRAFE TRIBUTARIA L'ACCERTAMENTO DEL FUTURO : I RIFLESSI COMBINATI DEL NUOVO REDDITOMETRO, DEGLI STUDI DI SETTORE E DELLE COMUNICAZIONI ALL'ANAGRAFE TRIBUTARIA Premessa generale Dopo la presentazione del software Redditest

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 CIRCOLARE N. 23 DEL 16/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 IN SINTESI: È stato recentemente pubblicato sulla

Dettagli

REDDITEST: cerchiamo di fare chiarezza

REDDITEST: cerchiamo di fare chiarezza Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 olga.circolari@studiocla.it Dott. Filippo CARLIN Rag. Daniele LAURENTI Dott.

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER CONTEGGIO REDDITEST

SCHEDA RACCOLTA DATI PER CONTEGGIO REDDITEST SCHEDA RACCOLTA DATI PER CONTEGGIO REDDITEST I sigg.ri Clienti che fossero interessati alla elaborazione del conteggio del Redditest (strumento informatico che consente di valutare la coerenza del reddito

Dettagli

Il nuovo accertamento sintetico

Il nuovo accertamento sintetico Il nuovo accertamento sintetico 1 Lo strumento di accertamento 2 La nuova norma Articolo 38, commi 4 e 5, del DPR n. 600/1973 come modificato dal Dl n. 78/2010. L ufficio può sempre determinare sinteticamente

Dettagli

STUDIO CONSULENTI ASSOCIATI Dottori Commercialisti Revisori Legali Via G. Bovini, 41-48123 Ravenna (RA) www.consulentiassociati.ra.

STUDIO CONSULENTI ASSOCIATI Dottori Commercialisti Revisori Legali Via G. Bovini, 41-48123 Ravenna (RA) www.consulentiassociati.ra. Via G. Bovini, 41-48123 Ravenna (RA) www.consulentiassociati.ra.it Dott. Vincenzo Morelli Tel. +39 0544 501881 Dott. Paolo Mazza Fax +39 0544 461503 Dott. Marcello Toso info@consulentiassociati.ra.it -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico

Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico Tutti i contribuenti possono verificare la

Dettagli

Al via i controlli fiscali: ecco il nuovo redditometro a prova di privacy

Al via i controlli fiscali: ecco il nuovo redditometro a prova di privacy Al via i controlli fiscali: ecco il nuovo redditometro a prova di privacy L'Agenzia delle Entrate sblocca la partenza del nuovo redditometro al fine di scovare i furbetti del Fisco Dopo quattro anni di

Dettagli

Le nuove regole, come si dirà nel proseguo, si applicheranno a partire dai redditi prodotti nell esercizio 2009. Nuovo e vecchio testo a confronto

Le nuove regole, come si dirà nel proseguo, si applicheranno a partire dai redditi prodotti nell esercizio 2009. Nuovo e vecchio testo a confronto Gianluca Galatà e Pierluigi Rosano IL VECCHIO ED IL NUOVO REDDITOMETRO UN CONFRONTO Con il Decreto Legge 31 maggio 2010 numero 78, (di seguito D.L. 78/2010 ), convertito dalla Legge 30 Luglio 2010 numero

Dettagli

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile Credaro (BG), 26/09/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Circ. 48/2013: NUOVO REDDITOMETRO PRIME INDICAZIONI OPERATIVE In questa Circolare 1. Vecchio e nuovo redditometro 2. Ricostruzione sintetica del reddito

Dettagli

LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO SINTETICO. Le regole sino al periodo d imposta 2008. dott. Mauro Nicola LE PREMESSE L ACCERTAMENTO SINTETICO"

LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO SINTETICO. Le regole sino al periodo d imposta 2008. dott. Mauro Nicola LE PREMESSE L ACCERTAMENTO SINTETICO LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO SINTETICO Le regole sino al periodo d imposta 2008 dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO

Dettagli

Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it

Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it Nel 2009, rispetto all'anno precedente, gli accertamenti sintetici sono aumentati dell'81%, facendo registrare una maggiore imposta accertata

Dettagli

SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013

SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013 SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013 1 2 Il redditometro: cos è? Viene chiamata redditometro la tassazione della persona fisica in base ad indici di ricchezza, la cui disponibilità è considerata

Dettagli

Accertamento sintetico e redditometro

Accertamento sintetico e redditometro Accertamento sintetico e redditometro di Leda Rita Corrado (*) L accertamento dei redditi delle persone fisiche: metodo analitico versus metodo sintetico. L accertamento dei redditi delle persone fisiche

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Redditometro. In arrivo i primi controlli relativi al 2009

News di approfondimento. OGGETTO: Redditometro. In arrivo i primi controlli relativi al 2009 News di approfondimento N. 33 29 ottobre Ai gentili 14Clienti Loro sedi Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Redditometro. In arrivo i primi controlli relativi al 2009 Gentile Cliente, Con la Circolare

Dettagli

Redditest: il software di autodiagnosi per la congruità delle spese

Redditest: il software di autodiagnosi per la congruità delle spese Focus di pratica professionale di Lorenzo Pegorin Redditest: il software di autodiagnosi per la congruità delle spese Com è ormai noto, in data 20 novembre 2012, dopo averlo presentato nel corso di una

Dettagli

AI SIGNORI CLIENTI IL NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO

AI SIGNORI CLIENTI IL NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Dott. Luisa Stritoni CIRCOLARE INFORMATIVA N. 14/2010 Padova, 27 dicembre 2010 AI SIGNORI CLIENTI

Dettagli

N. 10 del 10/04/2012

N. 10 del 10/04/2012 STUDIO DI CONSULENZA TRIBUTARIA LAI FRANCA Informativa per la clientela di studio N. 10 del 10/04/2012 Ai gentili Clienti Loro Sedi OGGETTO : REDDITOMETRO ANNO 2012 Gentile Cliente, con la stesura del

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

Commissione Studi Imposte Dirette Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Monza e Brianza

Commissione Studi Imposte Dirette Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Monza e Brianza Commissione Studi Imposte Dirette Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Monza e Brianza VECCHIO e NUOVO REDDITOMETRO a CONFRONTO 1 LE FONTI NORMATIVE E DI PRASSI Norma primaria: art.38 DPR

Dettagli

IL REDDITEST. Dott. Mauro Nicola

IL REDDITEST. Dott. Mauro Nicola IL REDDITEST Dott. Mauro Nicola IL NUCLEO FAMILIARE IL NUCLEO FAMILIARE SOLO 2011!!! 3 IL NUCLEO FAMILIARE SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2011 4 IL NUCLEO FAMILIARE OGNI TIPOLOGIA DI REDDITO 5 IL NUCLEO FAMILIARE

Dettagli

REDDITOMETRO: le prime comunicazione dell Agenzia delle Entrate

REDDITOMETRO: le prime comunicazione dell Agenzia delle Entrate Invio 21 REDDITOMETRO: le prime comunicazione dell Agenzia delle Entrate In data 11 Novembre 2011, l aggiornamento fiscale n. 40, si era occupato del restyling dell istituto del Redditometro: metodo di

Dettagli

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO - APPROFONDIMENTI- Articolo 38 vecchio e nuovo a confronto Accertamenti relativi ad annualità per le quali il termine di dichiarazione non è ancora decaduto

Dettagli

MEMENTO PRATICO IPSOA-FRANCIS LEFEBVRE. Fiscale 2013. Il "nuovo" Redditometro

MEMENTO PRATICO IPSOA-FRANCIS LEFEBVRE. Fiscale 2013. Il nuovo Redditometro MEMENTO PRATICO IPSOA-FRANCIS LEFEBVRE Fiscale 2013 Il "nuovo" Redditometro Circ. AE 24/2013 Il nuovo redditometro (art. 38 c. 5, 6, 7 e 8 DPR 600/73) La presente trattazione si ripropone di fornire un

Dettagli

MONTORO & PARTNERS. commercialisti. la presente per comunicarle che è stato pubblicato lo scorso 20 novembre 2012 il nuovo Redditest, strumento

MONTORO & PARTNERS. commercialisti. la presente per comunicarle che è stato pubblicato lo scorso 20 novembre 2012 il nuovo Redditest, strumento Montoro & MONTORO & PARTNERS commercialisti CIRCOLARE 02 /2013 News In questo numero: a) CHECK LIST REDDITEST Montoro & Partners News n 1 anno 2013 Salerno 18 Marzo 13 Ai Signori Clienti Loro Sedi Gentile

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 3 / 2013 del 13/09/2013 Oggetto: Controlli da Redditometro al nastro di partenza. Sono state pubblicate dall'agenzia delle Entrate (C.M.

Dettagli

Oggetto: REDDITEST. Studio Sembenotti. Ai gentili Clienti Loro sedi

Oggetto: REDDITEST. Studio Sembenotti. Ai gentili Clienti Loro sedi Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: REDDITEST In data 20 novembre l Agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul proprio sito internet (www.agenziaentrate.gov.it) un nuovo software chiamato Redditest.

Dettagli

REDDITOMETRO. Introduzione

REDDITOMETRO. Introduzione REDDITOMETRO di Sonia Pucci - Dottore Commercialista - Studio CMNP Il D.L. 78/2010 ha modificato in modo significativo l art. 38 del D.P.R. 600/1973, introducendo una nuova modalità di accertamento sintetico,

Dettagli

Controlli da redditometro al nastro di partenza

Controlli da redditometro al nastro di partenza COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, Roma, 31 luglio 2013. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, Roma, 31 luglio 2013. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 24/E Roma, Roma, 31 luglio 2013 Direzione Centrale Accertamento OGGETTO: Accertamento sintetico del reddito complessivo delle persone fisiche ai sensi dell articolo 38, commi dal quarto al

Dettagli

Belluno, 13 settembre 2013. Spettabili Clienti dello Studio Associato di Consulenza Aziendale. Loro sedi. Circolare n. 24/2013

Belluno, 13 settembre 2013. Spettabili Clienti dello Studio Associato di Consulenza Aziendale. Loro sedi. Circolare n. 24/2013 Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 www.scacommercialisti.it

Dettagli

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE Circolare n. 6 Del 31 marzo 2014 Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Procedimento... 2 2.1 Notifica dell invito a comparire... 3 2.2 Notifica dell

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Check-list Redditest Il comportamento da tenere Per superare il Redditest il contribuente deve porre in essere un comportamento specifico: dovrà annotare, archiviare, conservare tutti i documenti

Dettagli

GUIDA UIL IL CONTRASTO ALL EVASIONE E AL SOMMERSO DA PARTE DEI COMUNI

GUIDA UIL IL CONTRASTO ALL EVASIONE E AL SOMMERSO DA PARTE DEI COMUNI Servizio Politiche Territoriali Servizio Politiche Fiscali e Previdenziali GUIDA UIL IL CONTRASTO ALL EVASIONE E AL SOMMERSO DA PARTE DEI COMUNI 1 COMPARTECIPAZIONE DEI COMUNI AL CONTRASTO ALLA LOTTA ALL

Dettagli

PERUGIA, 20 NOVEMBRE 2012

PERUGIA, 20 NOVEMBRE 2012 OGGETTO: REDDITEST PERUGIA, 20 NOVEMBRE 2012 GENTILE CLIENTE, CON LA STESURA DEL PRESENTE DOCUMENTO INFORMATIVO INTENDO METTERLA A CONOSCENZA CHE È STATO PUBBLICATO LO SCORSO 20 NOVEMBRE 2012 IL NUOVO

Dettagli

NUOVO REDDITOMETRO ACCERTAMENTO SINTETICO del REDDITO delle PERSONE FISICHE

NUOVO REDDITOMETRO ACCERTAMENTO SINTETICO del REDDITO delle PERSONE FISICHE Circolare informativa per la clientela n. 5/2013 del 14 febbraio 2013 NUOVO REDDITOMETRO ACCERTAMENTO SINTETICO del REDDITO delle PERSONE FISICHE In questa Circolare 1. Accertamento sintetico 2. Redditometro

Dettagli

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto

Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto Informativa per i clienti dello studio 16 Febbraio 2010 Ai gentili clienti Loro sedi Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: ai nastri di partenza le lettere relative al redditometro per il periodo di imposta 2009

Loro sedi. Oggetto: ai nastri di partenza le lettere relative al redditometro per il periodo di imposta 2009 Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO. a cura della dott.ssa Gabriella Liso

IL NUOVO REDDITOMETRO. a cura della dott.ssa Gabriella Liso IL NUOVO REDDITOMETRO a cura della dott.ssa Gabriella Liso Che cos è il redditometro? - Strumento che permette all Amministrazione Finanziaria di determinare, presumibilmente, il reddito complessivo attribuibile

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra il vecchio e il nuovo strumento

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra il vecchio e il nuovo strumento L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra il vecchio e il nuovo strumento prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta,

Dettagli

Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013

Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013 NUOVO REDDITOMETRO (art. 38 del DPR 600/73 e DM 24.12.2012) COME FUNZIONA? Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013 Che cos è e quali sono i Riferimenti Normativi? L art. 38 del DPR 600/73 stabilisce che

Dettagli

Informativa Fiscale del Comitato Regionale Toscano Geometri A cura di Maurizio Consonni. Redditometro:

Informativa Fiscale del Comitato Regionale Toscano Geometri A cura di Maurizio Consonni. Redditometro: COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro - Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri @libero.it

Dettagli

Accertamenti e Controlli 2011

Accertamenti e Controlli 2011 Accertamenti e Controlli 2011 Manovra estiva 2010 D.L. n. 78/2010 Manovre estive 2011 D.L. n. 70/2011 D.L. n. 98/2011 D.L. n. 138/2011 28 SETTEMBRE 2011 Avv. Giampaolo Foresi ACCERTAMENTO SINTETICO (Art.

Dettagli

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani Consulenza fiscale, amministrativa e societaria P.le Martesana, 10-20128 Milano - Tel. (02) 2552761 r.a. - Fax. (02) 2552692 E MAIL studio.professionale@apiesse.com www.apiesse.com Via Della Valle, 46B

Dettagli

4.2 Il redditometro e le variabili della famiglia e del risparmio

4.2 Il redditometro e le variabili della famiglia e del risparmio 4.2 Il redditometro e le variabili della famiglia e del risparmio E bene evidenziare come l Agenzia delle Entrate possa ai sensi dell art. 1 co. 6 del decreto in esame avvalersi per la rideterminazione

Dettagli

C.M. 25/E del 31.7.2013

C.M. 25/E del 31.7.2013 REDDITOMETRO C.M. 25/E del 31.7.2013 PREVENZIONE E CONTRASTO ALL EVASIONE - ANNO 2013 INDIRIZZI OPERATIVI Si conferma anche per il 2013 l importanza dei CONTROLLI FINALIZZATI ALLA DETERMINAZIONE SINTETICA

Dettagli

Fiscal News N. 34. Redditometro: la prova contraria. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2013. Premessa

Fiscal News N. 34. Redditometro: la prova contraria. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 34 29.01.2013 Redditometro: la prova contraria Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Redditometro L accertamento basato sul Redditometro

Dettagli

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Pagina 1 di 8 Numero : -------------2012 Gruppo : STUDI DI SETTORE Oggetto : GLI STUDI DI SETTORE DOPO LA MANOVRA MONTI Norme e prassi : ART.

Dettagli

Circolare n. 17-2010. Milano, 21 Settembre 2010. Egregi Signori Clienti. Loro indirizzi. Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia.

Circolare n. 17-2010. Milano, 21 Settembre 2010. Egregi Signori Clienti. Loro indirizzi. Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia. Milano, 21 Settembre 2010 Egregi Signori Clienti Loro indirizzi Circolare n. 17-2010 Redditometro ed indagini finanziarie Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia. Per essere diligenti, non

Dettagli

Redditometro: alcuni esempi applicativi

Redditometro: alcuni esempi applicativi Redditometro: alcuni esempi applicativi di Giovanni Peli Dottore commercialista e revisore contabile in Brescia in breve Argomento Il piano straordinario dei controlli fiscali per il triennio 2009/2011,

Dettagli

Periodico informativo n. 46/2014. Redditometro: le lettere in arrivo

Periodico informativo n. 46/2014. Redditometro: le lettere in arrivo Periodico informativo n. 46/2014 Redditometro: le lettere in arrivo Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

CIRCOLARE N 4 DEL 25-2 - 2013

CIRCOLARE N 4 DEL 25-2 - 2013 CIRCOLARE N 4 DEL 25-2 - 2013 Oggetto: redditest Il nuovo redditometro non è altro che un evoluzione del vecchio redditometro e costituisce il fondamentale strumento che l Agenzia utilizza per effettuare

Dettagli

Nuovo redditometro, anagrafe tributaria dei rapporti finanziari e indagini bancarie: relazioni pericolose e tecniche di difesa

Nuovo redditometro, anagrafe tributaria dei rapporti finanziari e indagini bancarie: relazioni pericolose e tecniche di difesa Nuovo redditometro, anagrafe tributaria dei rapporti finanziari e indagini bancarie: relazioni pericolose e tecniche di difesa dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 3 del 15 gennaio 2005 NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI Art. 1, commi da 341 a 345, Legge n. 311/2004 Dal 2005 entra

Dettagli

REDDITEST: simulatore di fedeltà fiscale

REDDITEST: simulatore di fedeltà fiscale REDDITEST: simulatore di fedeltà fiscale G. Manzana E. Iori REDDITEST: COS È?... 2 QUAL È IL RAPPORTO TRA REDDITOMETRO E REDDITEST?...3 IL SOFTWARE... 4 Dati relativi alla famiglia... 5 Famiglia fiscale...6

Dettagli

ULTIME NOVITA SUL REDDITOMETRO. Da aprile l'estratto conto va al Fisco. Ecco i dati che verranno trasmessi

ULTIME NOVITA SUL REDDITOMETRO. Da aprile l'estratto conto va al Fisco. Ecco i dati che verranno trasmessi ei ULTIME NOVITA SUL REDDITOMETRO Da aprile l'estratto conto va al Fisco. Ecco i dati che verranno trasmessi Al via la comunicazione all'anagrafe tributaria delle informazioni su conti e operazioni finanziarie

Dettagli

Finalità. Redditometro

Finalità. Redditometro Parte 2 Il nuovo Redditometro Redditometro Finalità Strumento utilizzato dall Amministrazione Finanziaria per effettuare controlli a tavolino su contribuenti che non dichiarano in tutto o in parte i propri

Dettagli

Circolare per i Clienti dello studio

Circolare per i Clienti dello studio Circolare per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Lettere redditometro per il periodo di imposta 2009: ai nastri di partenza Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che è

Dettagli

RELAZIONE LAVORI 2010-2011 GRUPPO FISCALITA

RELAZIONE LAVORI 2010-2011 GRUPPO FISCALITA Responsabile Stefano Stefanoni Team: PROMOZIONE RELAZIONE LAVORI 2010-2011 GRUPPO FISCALITA Italo Calegari, Francesco Delzano, Pietro Isacchi, Luigi Moro, Angelo Ondei, Sara Pagani, Guido Pedrotti, Pietro

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Tassi di interesse v/erario E stato pubblicato sulla

Dettagli

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 20 4 AGOSTO 2011 L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti

Dettagli

Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria

Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria Corso Interregionale Puglia e Basilicata Aggiornamento Professionale per i Giudici Tributari Taranto 30/31 maggio 2014 Consiglio di Presidenza della Giustizia

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2014

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2014 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

Fiscal News N. 421 Nuovo redditometro: possibile l applicazione anche per il passato Categoria: Sottocategoria:

Fiscal News N. 421 Nuovo redditometro: possibile l applicazione anche per il passato Categoria: Sottocategoria: Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 421 26.11.2012 Nuovo redditometro: possibile l applicazione anche per il passato Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Redditometro

Dettagli

L evasione fiscale ai giorni nostri

L evasione fiscale ai giorni nostri UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA RICHARD M. GOODWIN Corso di Laurea in Economia e Commercio Relatore: Prof. Paolo Pin L evasione fiscale ai giorni nostri Anno Accademico 2013 / 2014

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio. Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio. Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza REDDITOMETRO I decreti ministeriali del 1992 individuano

Dettagli

La manovra correttiva contemplata dal D.L. n. 78/2010 tra le altre disposizioni prevede la

La manovra correttiva contemplata dal D.L. n. 78/2010 tra le altre disposizioni prevede la CONVEGNO 7/5/2011 - RELAZIONE DR. CARLO PESSINA La manovra correttiva contemplata dal D.L. n. 78/2010 tra le altre disposizioni prevede la riformulazione, con decorrenza dal periodo d imposta 2009, delle

Dettagli

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro parte v > misure contro L evasione 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. ALtre disposizioni Limiti all uso del denaro contante La comunicazione

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento C i r c o l a r e d e l 1 6 n o v e m b r e 2 0 1 1 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 28/2011 Oggetto MANOVRA CORRETTIVA D.L. 98/2011 CONVERTITO IN L. 111/2011 CIRCOLARE AGENZIA ENTRATE N. 41/E DEL 05/08/2011

Dettagli

Il nuovo redditometro

Il nuovo redditometro Il nuovo redditometro 1 NOVITA dal 01/01/2009 (SINTETICO ANALITICO PURO) Ricostruzione sintetica del reddito sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d imposta IN ALTERNATIVA

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

Redditometro e UNICO 2010

Redditometro e UNICO 2010 Redditometro e UNICO 2010 a cura di Antonio Gigliotti Fiscal Focus 1 INDICE 1. Nuovo strumento di accertamento per le persone fisiche pag. 3 2. Il funzionamento pag. 19 3. Caso operativo pag. 29 4. L incidenza

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

Contro l'accertamento sintetico: prova contraria a cura del contribuente Ipsoa.it

Contro l'accertamento sintetico: prova contraria a cura del contribuente Ipsoa.it Contro l'accertamento sintetico: prova contraria a cura del contribuente Ipsoa.it di Roberto Fanelli In presenza della determinazione sintetica del reddito, il contribuente può dimostrare, oltre al diverso

Dettagli

NUOVO REDDITOMETRO IN ARRIVO LE LETTERE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

NUOVO REDDITOMETRO IN ARRIVO LE LETTERE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Ai Gentili Clienti NUOVO REDDITOMETRO IN ARRIVO LE LETTERE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Da lunedì scorso l Agenzia delle Entrate ha spedito decine di migliaia di lettere a soggetti che nell anno 2010 hanno

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli