REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008"

Transcript

1 IBERAZIONE N. 52/ Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore dei Trasporti, di concerto con l Assessore dei Lavori Pubblici, richiama il contenuto della deliberazione della Giunta regionale n. 25/14 del con la quale è stato dato concreto avvio alle procedure attuative del Programma Operativo FESR 2007/2013 della Regione Sardegna. L Assessore precisa che nel quadro degli obiettivi previsti dal Quadro Strategico Nazionale (QSN), in particolare all interno della sesta priorità Reti e collegamenti per la mobilità, è ricompreso, tra gli altri, l Obiettivo specifico Accelerare la realizzazione di un sistema di trasporto efficiente, integrato, flessibile, sicuro e sostenibile per assicurare servizi logistici e di trasporto funzionali allo sviluppo. Lo stesso Programma Operativo FESR della Regione Sardegna prevede, nell asse 5 Sviluppo urbano, l obiettivo operativo Ottimizzare la mobilità sostenibile, la rete dei collegamenti e i servizi di accesso, che comprende, tra le altre, le seguenti linee di attività: Infrastrutture di trasporto urbano sostenibile, finalizzate a migliorare sia la mobilità dei passeggeri che delle merci (codice 52); Iniziative volte al rafforzamento dell integrazione tra le diverse modalità di trasporto (codice 26); Adozione di sistemi di controllo del traffico e di road pricing, di integrazione tariffaria e informativa (codice 28); Realizzazione di servizi innovativi alla persona (Mobilità sociale) (codice 25). I documenti di riferimento regolanti l utilizzo dei fondi comunitari, cioè il Quadro Strategico Nazionale (QSN) ed il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), prevedono, in particolare: 1/ 10

2 IBERAZIONE N. (a) la selezione dei progetti da finanziarsi nel rispetto di criteri approvati dal Comitato di Sorveglianza del P.O. e (b) l inclusione, ai fini della rendicontazione, dei progetti selezionati negli strumenti della programmazione unitaria. A tal riguardo, riferisce l Assessore dei Trasporti, il Comitato di Sorveglianza del POR 2007/2013 tenutosi in data 15 febbraio 2008, ha approvato il Contributo metodologico per la definizione dei criteri di selezione delle operazioni sulla base dei quali sono in fase di predisposizione, per ogni singola linea di attività, precisi criteri di selezione che dovranno essere approvati dal Comitato di Sorveglianza, mentre risulta in avanzata fase di realizzazione il documento riguardante la strategia della politica regionale unitaria, individuato dal Q.S.N. nel D.U.P. (Documento Unitario di Programmazione). L Assessore riferisce ancora che con la sopra citata deliberazione n. 25/14 del la Giunta regionale ha disposto, tra l altro: l adozione da parte della Giunta e degli Assessori, secondo le rispettive competenze, di linee di indirizzo che definiscano le priorità e le direttive generali per l azione amministrativa e per la gestione degli interventi; l approvazione del quadro riepilogativo delle competenze amministrative per l attuazione del Programma Operativo e la conseguente ripartizione finanziaria indicativa per Linee di attività accorpate. A tale proposito l Assessore dei Trasporti, ricorda che sui codici 26, 28 e 52 è possibile operare delle variazioni compensative in quanto codici delle categorie di spesa corrispondenti all earmarking, ovvero identificativi degli interventi finalizzati agli obiettivi prioritari dell Unione europea e che, quindi, gli stanziamenti sotto indicati nelle relative tabelle sono indicativi e che con successivi provvedimenti assessoriali saranno definiti nella loro entità effettiva. Conseguentemente l Assessore dei Trasporti, di concerto con l Assessore dei Lavori Pubblici, propone le seguenti linee di indirizzo: A. Infrastrutture di trasporto urbano sostenibile, finalizzate a migliorare sia la mobilità dei passeggeri che delle merci (codice 52): all interno di questa attività, al fine del miglioramento della mobilità urbana sostenibile, della sicurezza della circolazione, della razionalizzazione delle tratte maggiormente congestionate, allo scopo della riduzione dell inquinamento, del raggiungimento di obiettivi di efficacia 2/ 10

3 IBERAZIONE N. logistica, gli Assessori propongono prioritariamente le operazioni e la previsione della dotazione finanziaria di cui alla seguente tabella: 1) Rete metropolitana urbana dell Area vasta di Sassari e completamento dell elettrificazione della tratta Sorso - Sassari 2) Raccordo ferroviario al porto industriale di Porto Torres ed interventi di velocizzazione per favorire l accesso in aree urbane, quali, a titolo esemplificativo, quelli degli ingressi in deviata nelle stazioni di Villamassargia, Siliqua, Oristano, Macomer e ulteriori interventi. 3) Centri Intermodali di Nuoro, Oristano, Iglesias, Carbonia e Macomer, completamento nelle stazioni di Villasor, Serramanna, Samassi, Sanluri, San Gavino, Villamassargia e ulteriori interventi anche di riqualificazione di altre stazioni e nodi di scambio 4) Eliminazione delle intersezioni a raso e riqualificazione dell asse attrezzato urbano SS ,2 TOTALE 134,2 L Assessore dei Trasporti riferisce inoltre che l Amministrazione regionale intende proseguire il completamento della Metropolitana leggera di Sassari in quanto rientra, a pieno titolo, tra le opere, in materia di mobilità, più importanti per l assetto dei trasporti locali nell ambito della Provincia di Sassari, dove la città risulta il baricentro di un sistema ferroviario radiale in cui confluiscono linee di diverso scartamento. 30 L Assessore dei Trasporti intende proseguire nel rilancio del trasporto pubblico locale favorendo l utilizzo del trasporto su ferrovia sia in ambito urbano che in ambito extraurbano. Questa politica risulta essere coerente con le linee programmatiche della programmazione europea e nazionale, che danno indicazioni prioritarie per il potenziamento delle linee ferroviarie afferenti alle centralità urbane e con l obiettivo, peraltro già espresso nel Piano regionale di sviluppo 2007/2009 e nel piano Regionale dei Trasporti, di migliorare la qualità del servizio ferroviario al fine di renderlo competitivo con il trasporto su gomma. Rispettando, inoltre, ciò che viene indicato nel libro bianco dei trasporti della Comunità Europea La politica europea dei trasporti fino al 2010: il momento delle scelte come uno degli obiettivi principali, cioè il rilancio delle ferrovie grazie alla creazione di uno spazio ferroviario integrato, 3/ 10

4 IBERAZIONE N. efficiente, competitivo e sicuro nel garantire servizi ferroviari di grande qualità e migliorare i diritti dei passeggeri ferroviari. L Assessore dei Trasporti evidenzia che anche l obiettivo dell intermodalità, previsto anch esso come una priorità nel libro bianco dei trasporti della Comunità Europea, si sta valorizzando attraverso interventi già ricompresi nell A.P.Q. Mobilità e che si vuole continuare a perseguire con altri interventi sul territorio regionale per incentivare l uso di più modi di trasporto, favorendo il trasporto delle merci con modalità alternative a quello su strada per conseguire così il decongestionamento delle aree urbane, la diminuzione dell emissione di gas inquinanti e anche dell inquinamento acustico dovuto al passaggio dei mezzi pesanti. L obiettivo di riqualificare ed ampliare la rete ferroviaria è teso a originare un offerta di trasporto tale da soddisfare una significativa domanda potenziale, soprattutto, in un analisi prospettica di sviluppo urbano e dei servizi. Grazie, infatti, all ampliamento, riqualificazione e velocizzazione del percorso si possono ottenere significative riduzioni dei flussi di traffico urbano ed extraurbano che vanno ad incidere, con positivi effetti sull inquinamento ambientale, sul risparmio energetico, generando, nel contempo, una distribuzione sul territorio di poli di attrazione, capaci di intercettare nuova ed ulteriore utenza, la quale può contribuire positivamente a ridurre gli oneri di servizio pubblico. L Assessore dei Lavori Pubblici sottolinea, inoltre, che l obiettivo dell adeguamento e riqualificazione del sistema della viabilità e della mobilità dell area vasta di Cagliari assume carattere prioritario e che occorre soddisfare le esigenze di sicurezza, rapidità di movimento ed impatto ambientale delle comunità interessate, con particolare riferimento all asse attrezzato urbano S.S L Assessore dei Lavori Pubblici evidenzia come la razionalizzazione dei nodi critici, anche attraverso la realizzazione di nuovi svincoli e la contestuale eliminazione delle intersezioni semaforizzate e a raso, integrata dalla creazione di piste ciclabili e percorsi pedonali, in coerenza con l intervento di estensione in atto della rete metro-tranviaria, rappresenti una scelta strategica per l aumento del livello di intermodalità, integrazione e sinergia tra le reti e di contenimento dei livelli di inquinamento che le code semaforiche e quelle dovute alle frequenti fasi di congestione determinano nelle aree urbane. C. Iniziative volte al rafforzamento dell integrazione tra le diverse modalità di trasporto (codice 26): all interno di questa linea di attività, al fine dell ottimizzazione delle coincidenze tra i sistemi di trasporto extraurbano e quelli di livello urbano e metropolitano, di una connessione diretta con il centro cittadino, eliminando gli interscambi fra treno e mezzo pubblico urbano, in una logica di 4/ 10

5 IBERAZIONE N. forte integrazione dei vettori della mobilità, tale da garantire una totale complementarietà con gli interventi infrastrutturali già sostenuti e con quelli che si andranno a definire nella programmazione unitaria, l Assessore dei Trasporti propone le operazioni e la previsione della dotazione finanziaria di cui alla seguente tabella: Integrazione dei sistemi di trasporto extraurbano e urbano nelle Aree vaste di Cagliari e di Sassari anche attraverso l acquisizione di materiale rotabile ferroviario bimodale (tram treno) TOTALE a. Adozione di sistemi di controllo del traffico e di road pricing, di integrazione tariffaria ed informativa (codice 28): all interno di questa linea di attività, l Assessore dei Trasporti auspica interventi che mirano a potenziare i sistemi intelligenti (ITS) a servizio dell utenza attraverso due differenti linee di intervento: Progetto del sistema di bigliettazione elettronica e di integrazione tariffaria relativamente al territorio regionale. Il progetto costituirà l estensione dell intervento attualmente in fase di applicazione nel bacino di Sassari e consentirà di strutturare un sistema di bigliettazione e tariffazione unica per tutte le modalità di trasporto pubblico all interno del territorio regionale. Sviluppo del Sistema Informativo dei Trasporti SiTra. Il sistema informativo costituirà lo strumento per: la rappresentazione dell intero sistema dei trasporti, la valutazione delle diverse ipotesi di intervento sull assetto del sistema stesso, il monitoraggio, la vigilanza e il controllo in materia di TPL, la diffusione e la pubblicazione di informazioni all utenza sullo stato della mobilità e delle infrastrutture di trasporto attraverso soluzioni e servizi ICT multicanale. a supporto dello sviluppo dell infomobilità nella Regione Sardegna: sulla base delle indicazioni delle linee guida nazionali (allegato all accordo del 31 maggio 2007 tra Governo, Regioni e Autonomie Locali in materia di infomobilità) e di quelle regionali (Allegato al Decreto dell Assessore dei Trasporti n. 1 del ) saranno sviluppati gli 5/ 10

6 IBERAZIONE N. interventi prioritari finalizzati allo sviluppo e all impiego di tecnologie innovative a supporto della mobilità pubblica e privata delle persone e delle merci. L Assessore dei Trasporti, pertanto, propone prioritariamente le operazioni e la previsione della dotazione finanziaria di cui alla seguente tabella: 1) Bigliettazione elettronica e integrazione tariffaria 2) Sistema informativo dei Trasporti SiTra e moduli apllicativi 3) Infomobilità (estensione localizzazione flotta a Sassari, Nuoro e Olbia) TOTALE 13 E. Realizzazione di servizi innovativi alla persona (Mobilità sociale) (codice 25): La linea di attività ha come obiettivo generale quello di realizzare un Piano di mobilità sociale per tutta la Regione che preveda azioni volte a garantire il servizio di trasporto pubblico anche alle categorie di utenza più svantaggiate, all interno di questa attività, al fine di diffondere servizi innovativi di qualità e il conseguente miglioramento della qualità della vita anche per le persone più svantaggiate, l Assessore dei Trasporti propone le operazioni e la previsione della dotazione finanziaria di cui alla seguente tabella: Mobilità sociale 5 TOTALE 5 Circa il rispetto delle linee di indirizzo sopra richiamate, l Assessore dei Trasporti e dei Lavori Pubblici riferiscono che le operazioni rispondono alle tipologie previste dalle linee di attività in quanto: I. risultano coerenti con il Piano Regionale dei Trasporti approvato con la deliberazione n. 30/44 del ; 6/ 10

7 IBERAZIONE N. II. dovranno contribuire a dare impulso all attrattività e alla competitività del territorio regionale intervenendo sugli squilibri territoriali esistenti e dovranno, inoltre, garantire una maggiore sostenibilità ambientale dello sviluppo delle aree urbane in relazione agli obiettivi assunti dalla Unione Europea in tema di mobilità sostenibile; III. l efficacia di ogni singola operazione, in relazione al raggiungimento degli obiettivi definiti nel POR-FESR 2007/2013 sarà valutata sulla base di specifici indicatori di risultato e di realizzazione, così come previsto dal paragrafo Obiettivi specifici e operativi ; IV. la selezione delle operazioni dovrà avvenire nel rispetto delle linee guida per la definizione dei criteri di selezione delle operazioni, trasmesse dall Autorità di Gestione, a seguito dell approvazione del Contributo metodologico per la definizione dei criteri di selezione delle operazioni da parte del Comitato di Sorveglianza in data 15 febbraio 2008; V. l inseribilità dell operazione nella strategia di programmazione unitaria della Regione dovrà essere concordata con l Autorità di Gestione del POR FESR 2007/2013, nelle more dell approvazione del Documento Unitario di Programmazione; VI. le operazioni selezionate saranno inserite nei previsti Piani Integrati di Sviluppo Urbano (P.I.S.U.) e, nelle more della loro redazione, concordate preliminarmente con i soggetti coestensori (Assessorato degli Enti Locali e Assessorato dei Lavori Pubblici) di tali strumenti programmatici, ai fini del loro inserimento. Gli interventi proposti rappresentano la naturale prosecuzione dell attività svolta in questa legislatura per il rilancio del trasporto pubblico e per favorire la mobilità dei cittadini nella logica di collegamenti veloci, confortevoli e a basso impatto ambientale per ridurre il traffico nelle strade e nelle città. Gli interventi della presente deliberazione si completeranno, infine, con quelli che faranno parte della prossima programmazione del Fondo Aree Sottoutilizzate (FAS ) e che riguarderanno, fra gli altri, la realizzazione della metropolitana di superficie nell area vasta di Cagliari, gli interventi sulla rete ferroviaria a scartamento ridotto della Nuoro-Macomer e la realizzazione dell approdo unico nel porto di Calasetta per il collegamento dell Isola di San Pietro con il resto della Sardegna. La Giunta regionale, condividendo quanto rappresentato e proposto dall Assessore dei Trasporti, di concerto con l Assessore dei Lavori Pubblici, acquisito in sede di Giunta il concerto dell Assessore 7/ 10

8 IBERAZIONE N. degli Enti Locali, direttamente interessati alla redazione dei P.I.S.U., visto il parere favorevole reso dall Autorità di Gestione del P.O.R. FESR 2007/2013 in ordine all inseribilità degli interventi proposti nella Strategia di programmazione unitaria della Regione, visto il parere favorevole dell Autorità Ambientale regionale, visto il parere di legittimità, a termini della Delib.G.R. n. 43/1 del , reso dai Direttori Generali dell Assessorato dei Trasporti e dei Lavori Pubblici IBERA di individuare quali operazioni prioritarie all interno della linea di attività A Infrastrutture di trasporto urbano sostenibile, finalizzate a migliorare sia la mobilità dei passeggeri che delle merci (codice 52) del P.O.R. FESR 2007/2013 Centri di responsabilità: a. Assessorato dei Trasporti Servizio delle Infrastrutture di Trasporto e della logistica per gli interventi di cui ai punti 1, 2 e 3; b. Assessorato dei Lavori Pubblici Servizio Viabilità ed Infrastrutture di Trasporto di cui al punto 4; 1) Rete metropolitana urbana dell Area vasta di Sassari e completamento dell elettrificazione della tratta Sorso - Sassari 2) Raccordo ferroviario al porto industriale di Porto Torres ed interventi di velocizzazione per favorire l accesso in aree urbane, quali, a titolo esemplificativo, quelli degli ingressi in deviata nelle stazioni di Villamassargia, Siliqua, Oristano, Macomer e ulteriori interventi. 3) Centri Intermodali di Nuoro, Oristano, Iglesias, Carbonia e Macomer, completamento nelle stazioni di Villasor, Serramanna, Samassi, Sanluri, San Gavino, Villamassargia e ulteriori interventi anche di riqualificazione di altre stazioni e nodi di scambio 4) Eliminazione delle intersezioni a raso e riqualificazione dell asse attrezzato urbano SS ,2 TOTALE 134,2 30 di individuare quali operazioni prioritarie all interno della linea di attività C Iniziative volte al rafforzamento dell integrazione tra le diverse modalità di trasporto (codice 26) del P.O.R. 8/ 10

9 IBERAZIONE N. FESR 2007/2013 Centro di responsabilità Assessorato dei Trasporti Servizio delle Infrastrutture di Trasporto e della logistica: Integrazione dei sistemi di trasporto extraurbano e urbano nelle Aree vaste di Cagliari e di Sassari anche attraverso l acquisizione di materiale rotabile ferroviario bimodale (tram treno) TOTALE di individuare quali interventi prioritari all interno della linea di attività D Adozione di sistemi di controllo del traffico e di road pricing, di integrazione tariffaria ed informativa (codice 28) del P.O.R. FESR 2007/2013 Centro di responsabilità Assessorato dei Trasporti Servizio della Mobilità: 1) Bigliettazione elettronica e integrazione tariffaria 8 2) Sistema informativo dei Trasporti SiTra e moduli apllicativi 3) Infomobilità (estensione localizzazione flotta a Sassari, Nuoro e Olbia) TOTALE di individuare quali interventi prioritari all interno della linea di attività E Realizzazione di servizi innovativi alla persona [Mobilità sociale] (codice 25) del P.O. FESR 2007/2013 Centro di responsabilità Assessorato dei Trasporti Servizio della Mobilità: Mobilità sociale 5 TOTALE 5 L Assessore dei Trasporti opererà le opportune variazioni compensative sui codici di spesa 26, 28 e 52 (punti 1, 2 e 3), allorquando gli stanziamenti necessari agli interventi relativi siano individuati nella loro entità effettiva. 9/ 10

10 IBERAZIONE N. Il Direttore Generale Fulvio Dettori Il Presidente Renato Soru 10/ 10

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006 ALLEGATO IX MATERIALE ROTABILE E INTERVENTI D AREA VASTA Per ottemperare alla richiesta della Commissione Europea (nota CE n. 3473 del 3 aprile 2007) di fornire indicazioni sullo stato di avanzamento dell

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014 Oggetto: PO FESR 2007/2013. Accelerazione della spesa. Avviso multilinea per la presentazione di progetti per opere pubbliche di pronta cantierabilità. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Le policy dell energia in Sardegna I fondi di coesione per il settore energia, nel processo di definizione

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA. 20 luglio 2010. Punto 5 all Ordine del Giorno:

POR CALABRIA FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA. 20 luglio 2010. Punto 5 all Ordine del Giorno: UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 20 luglio 2010 Punto 5 all Ordine del Giorno: VERIFICA DEL RISPETTO DEGLI IMPEGNI ASSUNTI PER LA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 34/32 DEL 20.7.2009

DELIBERAZIONE N. 34/32 DEL 20.7.2009 34/32 20.7.2009 Oggetto: Programma di investimenti relativo a materiale rotabile. Finanziamento materiale rotabile su gomma per Aziende private di trasporto pubblico. L'Assessore dei Trasporti ricorda

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 162 del 13/01/2015 Proposta: DPG/2015/109 del 08/01/2015 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

Punto 4b2 OdG: Focus su obiettivo tematico n 4: I trasporti locali multimodali sostenibili

Punto 4b2 OdG: Focus su obiettivo tematico n 4: I trasporti locali multimodali sostenibili Incontro annuale 2013 Commissione Europea - Italia Matera, 17 ottobre 2013 Punto 4b2 OdG: Focus su obiettivo tematico n 4: I trasporti locali multimodali sostenibili 1 Obiettivo Programmazione 2014-2020

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Introduzione L Europa dovrà affrontare delle sfide importanti nell immediato futuro: ripresa economica, politica monetaria,

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 418 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11972 DEL 28/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Prot. n.

Dettagli

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Roma, 16-17 febbraio 2006 SESSIONE C Le strategie di intervento: gli attori del successo Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico Ing.

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie Piano Regionale ex LR 49/99 Definizione del Cronoprogramma FASE Ott. 2011 Nov. 2011 Dic. 2011 Gen. 2012 Nov. 2012 Dic. 2012 Gen. 2013 Feb. 2013 A Esame CTD informativa + Preliminare VAS Esame GR e invio

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

PIANO URBANO DELLA MOBILITA' RELAZIONE TECNICA Quadro conoscitivo. COMUNE DI ORISTANO Provincia di Oristano

PIANO URBANO DELLA MOBILITA' RELAZIONE TECNICA Quadro conoscitivo. COMUNE DI ORISTANO Provincia di Oristano COMUNE DI ORISTANO Provincia di Oristano DIRIGENTE RESPONSABILE Dott. Rinaldo Dettori COORDINATORE UFFICIO DI PIANO Ing. Giuseppe Pinna UFFICIO DI PIANO Pianificazione Urbanistica Ing. Michele Scanu Dott.ssa

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI AZIONE COESIONE Aggiornamento stato di avanzamento al 31.07.2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 4 LE FASI E GLI ADEMPIMENTI PER L ADESIONE AL PAC E PER LA FORMALIZZAZIONE DEI RUOLI DI GESTIONE...

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 62/ 4 DEL 14.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 62/ 4 DEL 14.11.2008 DELIBERAZIONE N. 62/ 4 Oggetto: Legge regionale n. 4/2006 - Agenzia Sardegna Promozione Ricognizione delle competenze, funzioni e risorse. Direttive per il loro trasferimento Il Presidente della Regione,

Dettagli

delibera: - - GIO 2015, N. 593

delibera: - - GIO 2015, N. 593 - GIO 2015, N. 593 Nomina di un rappresentante della Regione Emilia-Romagna in seno al Consiglio di Amministrazione della Fondazione Arturo Toscanini di Parma a seguito di dimissioni (omissis) delibera:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di mobilità urbana: un inquadramento

Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di mobilità urbana: un inquadramento Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di di mobilità urbana: un inquadramento Carlo Carminucci ISFORT Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti Lo scopo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Regione Umbria Perché un Agenda urbana nella nuova programmazione 2014-2020 delle risorse europee Le città Motori della crescita e di poli di creatività e innovazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015 Oggetto: Programma di razionalizzazione dell assetto logistico degli uffici regionali, con particolare riferimento alla sede dell Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione Infrastrutture infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 13 febbraio 2015 Oggetto: DCO

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 Intervento del Presidente della Provincia di Pistoia Gianfranco

Dettagli

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 4 novembre 2014, n. G15557 POR FESR LAZIO 2007-2013. Progetto A0070P0376. Call for proposal

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

ASSE III COMPETITIVITÀ PRODUTTIVA

ASSE III COMPETITIVITÀ PRODUTTIVA ALLEGATO 1 ASSE III COMPETITIVITÀ PRODUTTIVA Linea di Intervento III.1.1.A - Interventi di completamento di aree artigianali ed industriali già esistenti in modo da soddisfare la domanda di servizi ed

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Allegato A COMUNE DI TREVISO PROTOCOLLO DI INTESA tra Comune di Treviso e Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., Trenitalia S.p.A., FS Logistica S.p.A., FS Sistemi Urbani

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è STARE PIU VICINI AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE MIGLIORARE L EFFICIENZA DEI SERVIZI RIDURRE I COSTI PROCESSO CRITICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE E LINEE DI INDIRIZZO STRATEGICO DEL CIV 1)

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione L ideazione e la realizzazione del progetto 360 FESR le attività rivolte agli Enti Locali Maria Giuseppina

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PO FSE E

Dettagli

Oggetto: Attivazione della zona franca integrale ed adempimenti conseguenti alla attuazione del D.Lgs. Lgs. n. 75/1998.

Oggetto: Attivazione della zona franca integrale ed adempimenti conseguenti alla attuazione del D.Lgs. Lgs. n. 75/1998. Oggetto: Attivazione della zona franca integrale ed adempimenti conseguenti alla attuazione del D.Lgs Lgs. n. 75/1998. Il Presidente della Regione, di concerto con l Assessore della Programmazione, Bilancio,

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni; DGR 391 del 22 maggio 2009 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e occupazione Attuazione dell Attività III.2 Promozione di trasporti urbani puliti. Approvazione della Scheda

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 39/ 15 DEL 5.8.2005

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 39/ 15 DEL 5.8.2005 DELIBERAZIONE N. 39/ 15 Oggetto: Attuazione degli interventi finalizzati alla definizione del Piano Regionale di Sviluppo Turistico Sostenibile (PRSTS). L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010 La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese 27 ottobre 2010 Il contesto Definizione della linea verde e della linea blu Adesione, da parte del Comune di Genova, nel febbraio del

Dettagli

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 23 Febbraio 2009 Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 Nelle linee guida definite dal Piano Regionale Integrato dei Trasporti della Regione Abruzzo, su richiesta della Provincia dell Aquila,

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

Il trasporto pubblico locale

Il trasporto pubblico locale Un volano per l innovazione? Il trasporto pubblico locale Emanuele Galossi (IRES-CGIL) Presentazione n. 13/2011 Roma, 13 giugno 2011 TPL: alcuni dati di sintesi Operatori 1.260 Passeggeri trasportati 15

Dettagli

Interventi per la realizzazione della Rete Telematica Regionale

Interventi per la realizzazione della Rete Telematica Regionale POR Sardegna 2000-2006 Misura 6.3 Società dell Informazione - Azione 6.3a Interventi per la realizzazione della Rete Telematica Regionale La strategia > La delibera G.R. n. 12/23 del 23 marzo 2005 definisce

Dettagli

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. 91 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B41I07000140005

Dettagli