Ed. alla Cittadinanza/legalità Collaborazione con Enti e Associazioni : Parrocchia, Biblioteca, Pedibus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ed. alla Cittadinanza/legalità Collaborazione con Enti e Associazioni : Parrocchia, Biblioteca, Pedibus"

Transcript

1 1

2 Ed. alla Cittadinanza/legalità Collaborazione con Enti e Associazioni : Parrocchia, Biblioteca, Pedibus Ed. Ambientale Integrazione/Intercultura/Diver sità Ed. Emotivo-affettiva Sportello di ascolto Gioco-Sport Ed. Alimentare Continuità e Accoglienza Orientamento Animazione/Promozio ne alla lettura Ed. Musicale Metodo di Studio/Competenze e Invalsi Sito Web e implementazione tecnologica

3 SCUOLA E TERRITORIO La scuola è un luogo di crescita umana e culturale che, attraverso la proposta e l elaborazione di esperienze significative coinvolge gli alunni, i genitori, i cittadini e si vivifica attraverso il confronto e lo scambio con le diverse realtà del territorio. Marini a) Progetto Racconta i tuoi viaggi b) Progetto Scuola aperta al territorio Munari a) Progetto Strada amica b) Collaborazione con Enti e Associazioni c) Progetto Fata Marella 3

4 SCUOLA E SALUTE La scuola promuove la Salute e mette in atto metodologie educative volte a sviluppare le risorse, le competenze, le capacità critiche e relazionali, intervenendo dove necessario per supportare le situazioni di disagio; promuove progetti atti a favorire corrette scelte alimentari e una vita attiva SECONDARIA a) Progetto affettività b) Progetto sociorelazionale c) Progetto sportelloascolto d) Progetto socializzazione e) «Noi apparteniamo alla razza umana» f) Progetto falegnameria e orto g) Progetto Ed. stradale h) Avviamento alla pratica sportiva PRIMARIA Calcinato a) Progetto Educazione emotivo-affettiva b) Progetto Frutta nella scuola c) Progetto Gioco sport Calcinatello a) Progetto Alfabetizzazione motoria e gioco sport b) Progetti «Dal Disagio all Agio» c) Progetto Educazione alla sicurezza Ponte San Marco a) Progetto La forza di Stare Bene Insieme /Agevolmente b) Progetto Impariamo ad alimentarci INFANZIA Marini a) Progetto Ed. stradale b) Progetto Dal disagio all agio c) I giochi della terra d) Stare bene insieme e) Educazione alimentare f) Gioco sport Munari a) Progetto Danza movimento-terapia b) Progetto sensopercettile- tattile c) Progetto Abile diversamente d) Progetto Quanti sapori, 4 le STAGIONI a colori

5 SCUOLA E FAMIGLIA Il rapporto scuola-famiglia è un percorso di CORRESPONSABILITA, tesa al bene del bambino in una stima reciproca, che implica il riconoscimento di competenze diverse. La scuola è aperta alla collaborazione operativa con i genitori che si rendono disponibili per la realizzazione di attività di laboratorio e/o per l organizzazione e l allestimento di momenti ricreativi caratterizzanti alcuni periodi dell anno. SECONDARIA a) Progetto Orientamento b) Socializzazione PRIMARIA Calcinato/Calcinatello/P. S. Marco a) Progetto Continuità ed accoglienza b) Progetto «Patto di corresponsabilità» INFANZIA Marini a) Progetto Accoglienza e inserimento b) Progetto Continuità c) Scuola aperta alle famiglie Munari a) Progetto Accoglienza e inserimento b) Progetto Continuità c) Progetto Insieme si può d) Progetto Gioca con 5 me e Ricorrenze speciali

6 SCUOLA E COMUNICAZIONE La scuola persegue lo sviluppo dei linguaggi, comprendendo con questo termine ogni testualità: dalla lingua madre ad una lingua straniera, alla multimedialità Il suo impegno per l'alfabetizzazione nei confronti dei nuovi linguaggi è particolarmente importante, per lo sviluppo della creatività e per la possibilità di ampliare l'ambito della comunicazione e dell'interazione. Nel contempo l'educazione interculturale sottolinea la necessità di utilizzare appieno tutti i linguaggi umani, da quello corporeo a quello musicale, al fine di rendere sempre più pregnante e ricca l'interazione. SECONDARIA a) Progetto lettura b) Progetto Laboratorio di ceramica c) Progetto Cortometraggio d) Progetto Torneo di logica e) Progetto informatica f) Progetto potenziamento inglese e francese g) Progetto Scambio h) Progetto Latino PRIMARIA Calcinato/Calcinatello/P. S. Marco a) Progetto Lettura b) Progetto Musica c) Progetto Metodo di studio d) Progetto LIM sito Web, implementazione tecnologica e) Progetto Logicamente ( Ponte San Marco) INFANZIA Marini a) Progetto Tante storie b) Progetto Laboratori espressivi/musicale Munari a) Progetto Lettura b) Progetto Musica c) Progetto Laboratori espressivi/musicale d) Progetto Incontri teorici cecità e) Sito web e Implementazione 6 tecnologiva

7 I docenti proporranno una serie di attività inseribili nella cornice comune della educazione alla legalità e alla cittadinanza che, a vario titolo e con diverse modalità, coinvolgeranno non solo i docenti, ma anche i collaboratori scolastici: Incontri con testimoni diretti, sui temi: la Resistenza e l impegno civile la pace e la solidarietà (Emergency) l invalidità (Progetto Piccole barriere architettoniche ) volontari del Soccorso Pubblico la legalità (incontro con i Carabinieri) educazione stradale (con la Polizia locale) volontari di varie ONG e ONLUS testimonianze di genitori rispetto ai loro percorsi scolastici e lavorativi 7

8 PROGETTO ECOLOGIA E RACCOLTA DIFFERENZIATA ( Primaria Calcinato) Da quattro anni, alcune classi della scuola primaria Ferraboschi, hanno aderito al Progetto Ecologia e Raccolta Differenziata indetto e proposto dalla Fondazione Casa di Riposo di Calcinato. Detto laboratorio ecologico impegna gli alunni nel riassetto, riordino e pulizia del parco adiacente alla Casa di Riposo 8

9 ( Primaria Calcinato) Il progetto prevede il coinvolgimento degli alunni e delle insegnanti dell intero plesso di scuola primaria di Calcinato. Le attività promuovono la collaborazione e il reciproco sostegno delle diverse realtà sul territorio (scuola/parrocchia festa di S. Vincenzo - e altri enti e associazioni). 9

10 UN PONTE DI CONDIVISIONE e FANTASIA Progetto di conoscenza e interscambio per la valorizzazione della progettualità artistico-espressiva della scuola primaria di Calcinato (Italia) e di Elbasan (Albania) in collaborazione con la Fondazione Pinac di Rezzato e Associazione Volontari del Sebino 10

11 C come Cittadinanza e Costituzione CALCINATELLO CLASSI QUINTE Il Progetto "La Costituzione a Scuola" mira a stimolare il processo di formazione di una Cittadinanza attiva e consapevole e di un'etica della responsabilità ampiamente condivisa, in grado di garantire non solo il trasferimento dei valori di legalità, ma la concreta assunzione nei comportamenti quotidiani delle nuove generazioni, di comportamenti ispirati al rispetto dello Stato e delle regole di convivenza civile. 11

12 FESTE NAZIONALI: IMMAGINI, SUONI E PAROLE PRIMARIA CALCINATELLO/CALCINATO /P.S.M Il Progetto nasce dall esigenza di mantenere vivo il racconto dei tragici eventi della Liberazione, della Resistenza e del sacrificio di molti combattenti in modo da trasmettere agli alunni di classe quinta gli strumenti di analisi e di interpretazione di questa parte della nostra storia che la scuola insieme alle associazioni presenti sul territorio devono offrire. 12

13 COME GIOCAVAMO PRIMARIA CALCINATELLO- classi terze Si desidera avviare un lavoro di ricerca sui GIOCHI DEI NOSTRI NONNI per scoprire come si svolgevano le attività ludiche e che valenza formativa avessero; capire come quegli svaghi, nonostante la loro ovvia semplicità, rappresentassero un modo per stare insieme, per rafforzare sentimenti di amicizia, solidarietà, sincerità e genuinità. 13

14 EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA E ALLA LEGALITA PRIMARIA P.S. Marco Educare alla cittadinanza significa progettare un educazione etico-sociale in grado di formare gli individui all intera gamma delle dimensioni del sociale: da quelle che richiedono un elevata capacità di autonomia, a quelle che domandano la partecipazione consapevole all esperienza sociale, a quelle, infine, che postulano l esigenza della condivisione con altri singoli e gruppi. Tutto l anno scolastico sarà accompagnato da attività che, a vario titolo e con diverse modalità, coinvolgeranno non solo i docenti, ma anche i collaboratori scolastici 14

15 Primaria P.S.Marco 15

16 NATURAL MENTE PRIMARIA P.S. Marco Il progetto di plesso Natural mente nasce dal riconoscimento dell importanza di esplorare il rapporto fra le tematiche educative della crescita e dello sviluppo della autonomia dei bambini dentro una visione ecologica Il progetto sceglie una didattica attiva, che vede nell ambiente circostante una fonte di informazione e uno stimolo a superare la passività; individua, l ambito delle discipline di geografia e scienze come momento laboratoriale e interdisciplinare per la elaborazione di percorsi coerenti. Alla ricerca di goccio lina Mi rifiuto Alla scoperta dell ecosistema Il nostro orto Il fiume 16

17 INFANZIA MARINI CALCINATO ll progetto prevede il coinvolgimento degli alunni e delle insegnanti dell intero plesso usando mezzi di trasporto vari. Si effettueranno uscite: Brescia centro Vigili del fuoco Brescia Biblioteca Lago di Garda Stazione di Brescia musei castelli, parchi, fattorie didattiche avvalendosi di mezzi di trasporto vari: scuolabus metro treno battello CI SARÀ LA RICOSTRUZIONE E NARRAZIONE DELLE ESPERIENZE VISSUTE NELLE ATTIVITA DI GRUPPO ONMOGENEO PRODUCENDO UN LIBRO E UN DVD Uscite a piedi sul territorio per il gruppo dei bambini e delle bambine ll progetto prevede il coinvolgimento degli alunni e delle insegnanti dell intero plesso. Le attività promuovono la collaborazione e il reciproco sostegno delle diverse realtà sul territorio Le attività si svolgeranno per la preparazione delle uscite per gruppi sezione per gruppi omogenei per plesso 17

18 SCUOLA APERTA AL TERRITORIO INFANZIA MARINI Il progetto prevede il coinvolgimento degli alunni e delle insegnanti dell intero plesso. Le attività promuovono la collaborazione e il reciproco sostegno delle diverse realtà sul territorio: (scuola, parrocchia mercato, biblioteca e altri enti e associazioni). 18

19 PROGETTO: STRADA AMICA INFANZIA MUNARI Il progetto Strada amica ha lo scopo di sensibilizzare i bambini alle regole di comportamento sulla strada e più in generale, alle tematiche relative alla sicurezza stradale. L'intervento prevede una lezione teorica, un percorso ed un'uscita nel territorio condotte dagli agenti della Polizia Municipale. Coinvolge tutti i bambini divisi per sezione. 19

20 BIBLIOTECA, POLIZIA LOCALE, VIVAI, FATTORIE, APICOLTURA, ISOLA ECOLOGICA, GRUPPO ANZIANI, Il progetto è finalizzato a sviluppare il senso di appartenenza al paese, il rispetto per l ambiente, la conoscenza delle tradizioni, le capacità di relazioni e confronto con coetanei di altri luoghi. Analizzerà: Gli spazi aperti: la piazza, i giardini, l area verde, le fattorie; Un paese a misura di bambino: spazi per giocare e sicurezza e da rispettare; Le relazioni sociali, la solidarietà, il tempo libero; I luoghi pubblici in generale; L ambiente bene comune da rispettare 20

21 «LA FATA MARELLA RENDE LA TERRA PIU PULITA E PIU BELLA Coinvolge la CLASSE INTERA attraverso: Indagine sulle preconoscenze dei bambini sul problema dei rifiuti e della raccolta differenziata ; Definizione di rifiuti e classificazione; Uscita nei dintorni della scuola per la conoscenza dei vari tipi di contenitori disponibili per la raccolta differenziata; Conversazioni per l individuazione di abitudini comportamentali utili a ridurre gli sprechi; Raccolta di tappi da riciclare in cambio di materiale didattico (Riplast). INFANZIA MUNARI 21

22 Finalità: favorire un atteggiamento consapevole, positivo e responsabile verso la sessualità e il proprio corpo. L intervento si avvale del metodo esperienziale e risponde alla necessità di coinvolgere gli alunni in prima persona attraverso attivazioni, lavori di gruppo, visione di film, riflessione in piccolo e in grande gruppo. 22

23 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO E ARRICCHIMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- RELAZIONALI ALL INTERNO DEL GRUPPO CLASSE Finalità: favorire la consapevolezza emotiva e cognitiva nei ragazzi rispetto al potere della collaborazione e dell ascolto, al fine di favorire il benessere del gruppo classe. Gli interventi prevedono lavori in piccoli gruppi e in grande gruppo attraverso giochi relazionali, di ruolo e momenti di riflessione e confronto nel circle-time. 23

24 Sportello d ascolto e percorsi di sostegno e supporto psicologico Obiettivi: Fornire agli alunni e ai loro genitori un servizio di counseling psicologico Fornire, su richiesta, supporto psicologico e tecnico ai docenti, indicando materiali e strumenti da utilizzare e monitorando i casi di alunni problematici. Fornire uno sportello di supporto psicologico per alunni con problematiche particolari 24

25 Sapersi rapportare in modo costruttivo con i compagni e con gli insegnanti interagendo nel nuovo gruppo classe, seguendo le regole proprie del contesto - scuola. OBIETTIVI: -favorire le relazioni interpersonali del gruppo-classe -favorire la conoscenza reciproca degli alunni -consolidare la capacità di far parte di un gruppo di lavoro rispettandone le regole -evidenziare eventuali casi problematici 25

26 Gli alunni saranno coinvolti a riflettere sul significato di appartenenza alla razza umana conducendoli ad eliminare pregiudizi e stereotipi. I docenti di lettere, arte e musica ricercheranno materiali e faranno produrre ai ragazzi testi, musiche ed immagini 26

27 TRAFORO Laboratorio del legno Se ascolto..dimentico, se vedo.ricordo, se faccio capisco. (Confucio) UN ORTO A SCUOLA "Pensiamo perché abbiamo mani." (Anassimandro) OBIETTIVI GENERALI: Interiorizzare atteggiamenti di costruttiva collaborazione con i compagni. Migliorare le capacità di attenzione e ascolto. Sviluppare le capacità espressive e creative. Sperimentare un metodo di apprendimento basato sull esperienza concreta Contribuire all ideazione e alla produzione di attività con obiettivi comuni condivisi 27

28 ( Scuola Secondaria) I docenti di educazione motoria curano sia la pratica sportiva che l educazione stradale con attività che permettano di avvicinare gli alunni a vari tipi di sport, nel primo caso, e di conoscere e rispettare le regole della strada nel secondo caso. Le attività saranno naturalmente in relazione allo sport trattato. Verranno approfonditi sport quali: la pallavolo, la pallamano, il calcio e l atletica. Gli incontri verranno svolti nei pomeriggi di lunedì. Saranno effettuati, inoltre, in orario curricolare attività per il potenziamento di abilità atletiche mediante lo svolgimento di circuiti corri, salta, lancia (prove multiple), abilità ginnico espressive (percorsi ginnastici), abilità di giochi di squadra con palla (giochi a tema e minipartite). 28

29 Un aiuto per affrontare i disturbi dell apprendimento e del comportamento Valutazione dei casi di alunni con sospetto DSA e/o ADHD, segnalati dagli insegnanti. Colloquio tra gli insegnanti e i genitori degli alunni segnalati. Intervento di uno specialista per svolgere osservazioni e operare consulenze per alunni segnalati. Osservazione delle dinamiche comportamentali e relazionali. Attraverso una osservazione delle dinamiche relazionali e delle modalità di comunicazione all interno della classe progettare attività, al fine di migliorare la gestione di una eventuale presenza di conflitti tra gli alunni ( Primaria Calcinato) 29

30 Primaria Calcinato CLASSI TERZE Progetto di promozione alla relazione positiva Nasce dall esigenza di pensare modalità e strategie che aiutino gli alunni a conoscere e gestire meglio le proprie emozioni per imparare a costruire relazioni positive con gli altri,promuovendo la condivisione di valori che incentivino il senso di appartenenza alla comunità (classe, scuola, gruppo, squadra). 30

31 PRIMARIA CALCINATO Il plesso di Calcinato ha chiesto di aderire al programma comunitario Frutta nelle scuole, introdotto dal regolamento (CE) n.1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre Durante la ricreazione, nei giorni stabiliti, verranno distribuiti ai singoli alunni prodotti ortofrutticoli freschi tagliati a fette o in preparati pronti all uso. Utilizzando anche il materiale informativo specifico fornito dal programma comunitario Frutta nelle scuole, gli insegnanti, con modalità diverse a seconda delle esigenze, proporranno attività didattico-operative collegate all'iniziativa. 31

32 PRIMARIA CALCINATO CLASSI PRIME Il Progetto nasce dalla consapevolezza che la corporeità è un elemento fondamentale per un completo e armonico sviluppo della personalità. Attraverso attività percettive, ludiche e motorie il bambino può raggiungere un equilibrato sviluppo non solo dell area cognitiva, ma anche di quella affettiva, imparando a star bene con se stesso e con gli altri. Attraverso questo progetto si intendono perseguire alcuni aspetti formativi : - di tipo motivazionale ( coinvolgimento emotivo) - di tipo cooperativo ( insegnanti, compagni, avversari ) - di tipo affettivo ( promozione della fiducia) 32

33 Socializzazione, integrazione, ludicità e multidisciplinarità sono i principi didattici di base che sostengono le attività motorie programmate nel corso dell anno scolastico. Le attività di Giocosport coinvolgono tutta la classe. Sono previste attività individuali e di squadra. Anche il prossimo anno continuerà l'intervento di esperti di diverse associazioni sportive con l obiettivo di far conoscere alcune discipline sportive E prevista una giornata finale di giochi sportivi nel mese di Maggio o Giugno. ( Primaria Calcinato) 33

34 ( Primaria Calcinatello) Il Progetto propone ai bambini attività finalizzate allo sviluppo delle abilità motorie di base, della coordinazione, dell equilibrio e dello spirito di squadra in collaborazione anche con le Società Sportive presenti sul territorio. 34

35 Primaria Calcinatello COMUNICARE PER.. PARTECIPARE classe prima Il progetto è rivolto a un piccolo gruppo di bambini di classe prima all interno del quale è inserita una bambina diversamente abile. Il percorso di comunicazione aumentativa avverrà attraverso l interiorizzazione di particolari simboli ( VOCA e simboli PCS) LA FORZA DI SEPARARSI INSIEME classe quinta PROGETTO DI ARRICCHIMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO-RELAZIONALI 1. attivare i bambini nella gestione dei conflitti all interno del gruppo classe 2. vivere l incontro e la separazione con l altro 3. comunicare in vari modi ( linguaggio non verbale, linguaggio verbale) 4. condividere le emozioni legate al passaggio dalla primaria alla secondaria CONOSCERSI PER STAR BENE INSIEME Si tratta di un progetto che attraverso l educazione musicale e un approccio psicomotorio vuole creare un clima positivo nelle classi «CHE BELLO STARE A SCUOLA!».. Classi seconde Il progetto si articolerà in 3/4 momenti da vivere nella scuola o in altri ambienti il sabato dalle 10 alle 13. L'intento è di far vivere l'ambiente scolastico in modo ludico 35

36 STRADA AMICA! VIVERE IN SICUREZZA Il Progetto nasce dalla consapevolezza di attivare fin dall infanzia una conoscenza dei principi della sicurezza stradale, con particolare riguardo alle norme di comportamento degli utenti della strada, stimolando la curiosità dei bambini per le principali regole ( Primaria Calcinatello) Dalla visione globale del problema SICUREZZA prende origine questo progetto con l obiettivo di avviare precocemente un azione di prevenzione centrata sull assunzione da parte del bambino di corretti comportamenti personali e sociali. 36

37 Progetto di arricchimento delle competenze socio-relazionali Alunni e insegnanti delle classi III e IV della scuola Primaria di Ponte S. Marco Finalità: vivere l incontro e il confronto Gli interventi prevedono lavori in piccoli gruppi e in grande gruppo attraverso giochi relazionali, di ruolo e momenti di riflessione e confronto nel circle-time. 37

38 Il Progetto prevede - attività di supporto atte ad alleviare le difficoltà scolastiche; - di aiutare il bambino ad affrontare le proposte della classe con modalità differenti, tempi e modi personalizzati; - Svolgere attività atte a sviluppare e/o rinforzare: 1. Le capacità di ascolto 2. Il rispetto delle regole 3. La cura nell esecuzione 4. Il rispetto dei tempi 5. L autonomia 38

39 IMPARIAMO AD ALIMENTARCI Primaria P.S.Marco classi quinte Il progetto ha lo scopo centrale di operare un cambiamento, anche a lungo termine, nel modo di approcciarsi al cibo. Si partirà, quindi, dal vissuto di ogni bambino, dal suo modo di alimentarsi, dalle scelte alimentari che si fanno in famiglia. Ci sarà poi un confronto sulle diversità che emergeranno riguardo l argomento per poi avviare gli alunni ad una conoscenza e di conseguenza ad una corretta abitudine alimentare. Si affronterà anche l argomento delle diverse abitudini ed usanze alimentari legate alle diverse nazionalità dei bambini presenti in classe. 39

40 EDUCAZIONE STRADALE Infanzia Marini C.to Il Progetto nasce dalla consapevolezza di attivare fin dall infanzia una conoscenza dei principi della sicurezza stradale, con particolare riguardo alle norme di comportamento degli utenti della strada, stimolando la curiosità dei bambini per le principali regole 40

41 QUANTI SAPORI IL PRANZO A COLORI INFANZIA V. MARINI I BAMBINI NELLE SEZIONI DI APPARTENENZA CON L ALIMENTARISTA CONOSCERANNO LE CORRETTE ABITUDINI ALIMENTARI ATTRAVERSO LETTURE TEMATICHE, ESPERIENZE SENSORIALI E GIOCHI FINALIZZATI AL RICONOSCIMENTO DEI VARI SAPORI, SUONI, SENSAZIONI TATTILI, ODORI CHE IL CIBO CI TRASMETTE. 41

42 PROGETTO GIOCO/SPORT GIOCO AL KARATE GIOCO A FARE GINNASTICA RITMICA GIOCO A CALCIO I BAMBINI E LE BAMBINE DEL GRUPPO FUXIA (5 ANNI) IN COLLABORAZIONE CON LE SOCIETA SPORTIVE CHE OPERANO NEL CENTRO SPORTIVO DI CALCINATO VIVRANNO ESPERIENZE ATTRAVERSO STRATEGIE LUDICO- COOPERATIVE -SPERIMENTERANNO IL PIACERE DI MUOVERSI CONOSCENDO IL PROPRIO CORPO, ESEGUENDO PERCORSI. LA PRESENZA DEGLI ESPERTI AVVICINERA I BAMBINI E LE BAMBINE AD ALCUNI SPORT E A CREDERE IN SE STESSI E NELLA FORZA DEL GRUPPO. 42

43 DAL DISAGIO ALL AGIO Infanzia Marini C.to INTERVENTI DELLE FORMATRICI PER LE INSEGNANTI Favorire l integrazione del gruppo Raggiungere maggior grado di consapevolezza e osservazione dei meccanismi comunicativi Favorire adeguati collaborativi rapporti con il team docenti Sviluppare le capacità di ascolto e di cooperazione. Illustrare le modalità di lavoro utilizzate durante l intervento con i bambini Favorire adeguati momenti di confronto rispetto ad alcuni temi d intervento educativo I giochi della terra Attività in piccoli gruppi omogenei per esplorare i materiali, riconoscerli e denominarli Orientarsi e contenersi nello spazio di gioco Rielaborare esperienze e vissuti personali nel gioco Dare significato alle proprie costruzioni Comunicare in vari modi Vivere l incontro e il confronto INTERVENTI DELLE FORMATRICI PER I GENITORI Favorire lo sviluppo di relazioni tra le famiglie Favorire la comunicazione scuola famiglia Avviare momenti di confronto e approfondimento sugli interventi effettuati nelle sezioni Favorire il dialogo scuolafamiglia nell ottica di uno sforzo educativo congiunto 43

44 (Infanzia Munari) Il progetto si rivolge ad un piccolo gruppo di bambini all interno del quale è inserita una bambina non vedente. Attraverso il gioco ed il movimento i bambini vengono educati a sviluppare le loro capacità senso-percettive. 44

45 (Infanzia Munari ) Le attività, rivolte ad una bambina non vedente, si svolgeranno per tutto il corso dell anno scolastico in momenti differenziati nel corso della giornata, segneranno il passaggio da un attività all altra come momento ludico di distacco, come elemento gratificante rispetto a quei giochi con maggior impatto emotivo o come verifica degli obiettivi conseguiti. OBIETTIVI: Sviluppare la motricità fine e la presa. Riconoscere e differenziare forme diverse. Consolidare l acquisizione dello schema corporeo riferito a sé e all altro da sé. Ampliare lo sviluppo della conoscenza dei principali rapporti topologici. 45

46 (Infanzia Munari) Rivolto a tre alunni diversamente abili, ognuno in piccolo gruppo con alcuni della sezione di appartenenza. La coscienza e la conoscenza del proprio corpo si maturano con l attività motoria. Risulta pertanto importante lavorare con i bambini affinché raggiungano uno sviluppo adeguato a livello motorio e di coordinazione dei movimenti. E previsto un lavoro in piccolo gruppo con un intervento individualizzato nell impostazione e nell accompagnamento degli alunni per permettere loro di interiorizzare determinate posture, andature e relazioni topologiche. 46

47 (Infanzia Munari) Il Progetto prevede di avvicinare in modo graduale e assolutamente ludico i bambini al mondo dell alimentazione e del cibo, insegnando loro concetti semplici ma importanti, come ad esempio la stagionalità dei prodotti come frutta e verdura, gli alimenti biologici, l importanza di un piccolo orto a casa ecc. Il metodo da seguire per questi incontri sarà impostato sull utilizzo di un linguaggio semplice ma diretto. 47

48 ( Scuola Secondaria) CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E un percorso di formazione che mira ad un uso competente e condiviso del portfolio OPTIMIST (2001), che aiuti ad avviare gli studenti verso una scelta scolastica consapevole e attiva. Lo svolgimento completo della formazione ai coordinatori delle classi III è previsto all inizio dell anno scolastico e prevede lezioni frontali, esercitazioni di analisi dei dati e roleplaying. 48

49 LABORATORI ALUNNI (per prevenire il disagio e favorire la socializzazione, affrontando le problematiche della pubertà) TOT. 30 ORE Scuola Secondaria SPORTELLO D ASCOLTO GENITORI/ALUNNI ( si fornisce un servizio di counceling psicologico) CONSULENZA E FORMAZIONE AI DOCENTI (sia su casi singoli, sia sulla gestione di classi problematiche, sia sulle dipendenze) TOTALE 55 ORE 49

50 (Scuola Infanzia- Primaria e Secondaria) Su segnalazione dei docenti vengono esaminati i casi, che presentano situazioni di difficoltà; se possibile, i casi vengono segnalati all ASL per la certificazione. Sempre vengono incontrati genitori ed insegnanti per consigli pratici relativi alla didattica e all apprendimento. Per ogni caso esaminato la consulente predispone una relazione dettagliata. 50

51 (Infanzia Marini- Munari) ACCOGLIENZA NUOVI ISCRITTI E INSERIMENTO : Assemblee e colloqui individuali di conoscenza con le famiglie, con il sostegno dei mediatori linguistici se necessario Inserimento graduale e scaglionato: arrivo per piccoli gruppi. Accoglienza in spazi sezione organizzati e predisposti Conoscenza degli spazi e delle persone che operano nella scuola; Giochi di socializzazione 51

52 (Infanzia Marini- Munari) Il passaggio nei diversi ordini di scuola rappresenta per il bambino un momento estremamente delicato attorno al quale si concentrano fantasie, interrogativi e timori. Attraverso questo progetto d istituto, ci si prefigge di aiutare i bambini ad affrontare i sentimenti di confusione, preoccupazione e rassicurarli circa i cambiamenti che li aspettano. 52

53 COMPRENDERE I BAMBINI ATTRAVERSO I LORO DISEGNI Incontri sull interpretazione dello scarabocchio e del disegno: Comprendere la personalità dei bambini per meglio adattare lo stile educativo e relazionale a ciascun bambino; Comprendere la diversità di ognuno e cogliere le differenze tra il bambino sognato e il bambino reale; Educare al rispetto del gesto grafico sia esso disegno o scrittura. ( Infanzia Calcinatello) 53

54 Vivere insieme scuola-famiglia momenti significativi aggreganti e di confronto. Il progetto prevede azioni che facilitano: Incontro scuola-famiglie Incontro famiglie-famiglie La partecipazione agli eventi importanti nella scuola (auguri di fine anno, festa dei diplomi, pic-nic) Organizzazione di eventi con protagonisti i bambini. 54

55 (Scuola Secondaria) Il progetto è rivolto agli alunni delle classi prime, quale attività di accoglienza intesa a porre una particolare attenzione alle necessità degli alunni in entrata nella scuola media e agli alunni stranieri. L attuazione prevede più fasi nel corso delle quali le classi si confrontano in momenti di «gioco lettura» individuale e di gruppo. I punti assegnati nel primo e nel secondo momento di gioco compongono la classifica finale e determinano la squadra "campione di lettura" della scuola. 55

56 Progettazione e realizzazione di (Scuola Secondaria) oggetti artistici in ceramica, che potranno essere esposti in una mostra a fine anno scolastico, al fine di valorizzare le attitudini creative e artistiche e le abilità pratiche e manipolative degli alunni 56

57 (Scuola Secondaria) Leggere e comprendere testi relativi a tematiche sociali e/o storiche Istituire confronti fra quanto letto e quanto vissuto Favorire la capacità di riflessione critica Produrre testi scritti e orali finalizzati Guidare nel reperimento di nuove modalità espressive Durante il primo quadrimestre: lettura e comprensione di brani aventi come tema l argomento storico e/o sociale scelto discussione in classe riflessione individuale produzione di testi sulle tematiche trattate redazione di una sceneggiatura che illustri alcuni comportamenti scorretti degli adolescenti Durante il secondo quadrimestre: ripresa in diretta audio delle diverse scene Montaggio audio-video e realizzazione del DVD 57

58 L attività si svolge in orario extrascolastico, su libera scelta, come un vero e proprio torneo a squadre, che si eliminano durante varie fasi, facendo emergere i vincitori. Si tratta di un attività molto popolare fra i ragazzi, con un altissimo indice di adesioni e di gradimento, che contiene in sé molti valori, sia sul piano didattico che educativo. 58

59 (Scuola Secondaria) Il corso affianca le discipline curricolari ed è finalizzato alla formazione informatica di base, introducendo in modo sistematico all uso del computer. Si svolge con una semiclasse, durante le ore di tecnologia e matematica ed è rivolto alle classi prime 59

60 (Scuola Secondaria) Lezioni in orario curricolare. Durante alcune delle ore con la madrelingua, la docente di classe svolge attività di recupero. Le insegnanti madrelingua operano a volte con l intera classe, altre volte con gruppi omogenei di alunni. PROGETTO RIVOLTO ALLE CLASSI TERZE 60

61 (Scuola Secondaria) Il progetto si sviluppa nell arco dell anno scolastico con scambi epistolari o di posta elettronica, e in primavera prevede l organizzazione di uno scambio culturale per visitare la comunità francese da parte dei nostri studenti della classe terza. 61

62 (Scuola Secondaria) Il corso è rivolto agli alunni di III, che abbiano intenzione di iscriversi ad scuola secondaria di II grado nel cui percorso di studio sia previsto il latino 62

63 CLASSI PRIME: Gli alunni drammatizzano la storia, inventano filastrocche, conte, canzoni, danze, sequenze ritmiche, costruiscono strumenti musicali, costruiscono semplici scenografie Inoltre inventano, disegnano e scrivono semplici storie. Costruiscono semplici libri con alcune tecniche (cartaceo e digitale) CLASSI SECONDE: Il progetto prevede la lettura animata di testi di vario genere per favorire nel bambino l amore alla lettura; giochi simbolici che prevedano il coinvolgimento del bambino all interno del gruppo classe; attività di riflessione e dialogo con i compagni e i docenti CLASSI TERZE: L insegnante guiderà gli alunni alla scoperta del libro e delle sue parti. Farà osservare parole e immagini, promuovendo l ascolto attivo, la lettura espressiva e la comprensione. Per stimolare un approccio ludico al testo scritto verranno organizzate gare di lettura e giochi di vario genere. Primaria Calcinato 63

64 Primaria Calcinatello Con questo progetto si vuole continuare l allestimento di una Biblioteca Scolastica nella scuola Primaria di Calcinatello. Ogni classe farà un percorso di animazione alla lettura specifico proposto e progettato dall insegnante di classe. 64

65 I FILI DELLE FIABE AMICO LIBRO ALLA SCOPERTA DI.. Classi prime Attività: Gioco simbolico, manipolazione, lavori di gruppo, Apprendimento cooperativo, lavoro in coppia, semplici attività di Tutoring. Primaria P.S.Marco Classi seconde Invogliare il piacere all ascolto attraverso la lettura in classe di brani accattivanti, seguiti da proposte di drammatizzazione e/o animazione Classi terze Il progetto verterà principalmente su tematiche presentate dall insegnante atte ad avviare, gli alunni, a un approccio con libri che tratteranno di amicizia, rispetto e multiculturalità; temi che faranno da filo conduttore per tutto l anno. 65

66 CREATIVA.MENTE Primaria Calcinatello Si intende offrire agli alunni un percorso laboratoriale per sperimentare i processi, le tecniche, gli strumenti e i trucchi dell arte dello scrivere, che possono aiutare ad esprimere la fantasia e la creatività di ciascuno, incrementando l originalità linguistica. 66

67 Primaria Calcinato- Calcinatello- P.S.Marco Intervento proposto dalla Banda nel corso dell anno con budget orario differenziato dalla prima alla quinta. Primaria Calcinato- Calcinatello Opera domani : da gennaio a marzo 2013,attraverso la partecipazione attiva degli alunni alla rappresentazione lirica L AIDA di Giuseppe Verdi ed a tutte le attività di preparazione. 67

68 PRIMARIA CALCINATO CLASSI 3ªA 4ªA Il progetto vuole fornire competenze pratiche, chiare e mirate, relativamente alla musica d insieme. Suonare con altri uno strumento musicale sviluppa un processo di conoscenza reale del proprio talento e delle proprie potenzialità. In collaborazione con il complesso i Replycanti, composto da alcuni genitori degli alunni, si eseguiranno canti e brani musicali. 68

69 * UN MESE SPECIALE! (Primaria Calcinatello) Durante il mese di Dicembre 2012 in occasione del Natale tutti gli alunni saranno impegnati in attività musicali, espressive, teatrali per vivere con gioia con le proprie famiglie i valori della fratellanza e della solidarietà. 69

70 Gli alunni saranno gradualmente guidati nell acquisizione delle fondamentali competenze finalizzate a sviluppare l autonomia nello studio. Il compito dell insegnante sarà quello di stimolare gli alunni a ricercare le informazioni importanti e selezionarle, a copiarle sotto forma di schema, di mappa, di tabella o di testo. Scuola Primaria di C.TO / C.TELLO / P.S.MARCO 70

71 per una scuola inclusiva ed innovativa Primaria Calcinato L'attività didattica con la LIM deve per forza di cose basarsi su una programmazione di tipo inclusivo perché si rivolge a tutto il gruppo. Conoscere e utilizzare la LIM quale strumento compensativo valido per tutta la classe. OBIETTIVI: Imparare ad utilizzare la LIM per realizzare lezioni inclusive. Imparare ad utilizzare la LIM per favorire l apprendimento dei ragazzi in difficoltà (DSA e BES). 71

72 Il progetto nasce dall idea di sperimentare le potenzialità della Lavagna Interattiva Multimediale nella pratica didattica e di verificare l impatto dell utilizzo della LIM sull apprendimento Il progetto porterà alla realizzazione di semplici e-book partendo dalla conoscenza di racconti/storie note 72

73 In fila per due col resto di uno.. Philosophy for Children Laboratorio logicomatematico: proposte di attività in cui applicare la matematica e la logica in modo pratico e concreto Il percorso prenderà avvio da una ricerca storica sulla scuola pitagorica di Crotone e su quella di Archimede a Siracusa; successivamente si articoleranno specifici interventi didattici con particolari percorsi tematici Laboratorio di propedeutica alla riflessione e al ragionamento attraverso la pratica della Philosophy for Children), partendo da testi specifici dello scrittore B. Labbè editi dalla Casa Ape Junior ( P.S.Marco) 73

74 Infanzia Marini C.to ATTIVITA DI LETTURA RIVOLTE AL GRUPPO DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE 4-5 anni Storie che divertono e avvincono: esse devono affascinare per l originalità della trama, per la significatività delle illustrazioni e del linguaggio. I testi per la lettura a voce alta, soprattutto albi o libri illustrati in cui la parte iconica assume un ruolo centrale libri che siano diversi tra loro per il contenuto, per la struttura narrativa ed anche per il tipo di scrittura. 74

75 (Infanzia Marini) Nei laboratori viene individuato un itinerario di ricerca,un percorso attraverso il quale i bambini e le bambine possono sperimentare e costruire le proprie competenze pregresse e apprenderne nuove Laboratorio grafico-pittorico Laboratorio costruttivo Laboratorio senso percettivo Laboratorio motorio 75

76 La lettura a più voci e animata è un mezzo educativo per infondere il piacere della lettura e dell ascolto, attraverso elementi semplici come la narrazione e l uso di oggetti simbolici, con l ausilio di attività manuali e ludiche, al fine di stabilire con il libro un rapporto interattivo e creativo. (Infanzia Munari) 76

77 MOTORIO- MUSICALE per i bambini Sviluppare la sensibilità musicale; Stimolare e sostenere l'esercizio personale e diretto avviando anche alla musica d'insieme; Far scoprire e conoscere la realtà sonora, aiutando i bambini ad orientarvisi e ad esprimersi con i suoni e a stabilire tramite questi relazioni con gli altri. SERATE A TEMA SULLA GENITORIALITA per i genitori (Infanzia Munari) ESSERE MADRE OGGI ESSERE PADRI OGGI ESSERE COPPIA GENITORIALE OGGI 77

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli