NAPOLI ACCOGLIE I MIGRANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NAPOLI ACCOGLIE I MIGRANTI"

Transcript

1 NAPOLI ACCOGLIE I MIGRANTI agli immigrati a Napoli e provincia a cura di Anna Galdo

2 Impaginazione e stampa: Tipolitografia ALBA Via San Paolo, Napoli

3 Sommario Presentazione pag. I Il Gruppo Laici Terzo Mondo » III Introduzione » V Centri di ascolto e orientamento » 1 Sportello Immigrati della Provincia di Napoli » 3 Ufficio di Supporto al Centro di Cittadinanza Sociale per Immigrati del Comune di Napoli » 4 Centro Ascolto Immigrati della Caritas Diocesana di Napoli » 5 Centro Interculturale Nanà della Cooperativa Dedalus » 6 Centro Diurno Lacina della Cooperativa Casba » 7 Sportello Senza Frontiere dell Associazione Il Pioppo » 8 Sportello Via Medina dell A.N.O.L.F » 9 Sportello Immigrazione della U.I.L » 10 Ufficio immigrazione della C.G.I.L » 11 Sportello immigrati delle A.C.L.I » 12 Sportello Immigrati dell Associazione A.I.S. Seguimi » 13 Sportello Contact della Cooperativa La Locomotiva » 14 o di Mediazione Culturale del C.I.D.I.S » 15 C.A.D.I. (Centro Ascolto Donna Immigrata) della Caritas Diocesana di Napoli» 16 Linea verde contro la tratta » 17 Sportello Progetto I.A.R.A. per rifugiati richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria » 18 Accoglienza » 19 Dormitorio del Comune di Napoli » 21 Centro di Accoglienza Home Sun dell A.N.O.L.F » 22 Casa di Accoglienza per Uomini delle Suore Missionarie della Carità » 23 Centro di Accoglienza per Uomini dell Associazione Caritas Regina Pacis » 24 Centro di Accoglienza Astalli Sud per Uomini » 25 Casa di Accoglienza per Donne delle Suore Missionarie della Carità » 26 Centro di Accoglienza per Donne Ero Forestiero della Caritas Diocesana di Pozzuoli » 27 Casa di Accoglienza per Donne Incontro del Comune di Napoli » 28 Casa di Accoglienza per Donne Agar dell Associazione Caritas Regina Pacis » 29 Casa di Accoglienza per Donne Gnugnu » 30

4 Istituto Sacri Cuori per Minori pag. 31 Comunità di Pronta Accoglienza per Minori dell Associazione Itaca » 32 Gruppo Appartamento per Minori Volere Volare dell Associazione Itaca » 33 Comunità per Minori Porta del Sud dell Associazione Itaca » 34 Comunità per Minori Carpe Diem dell Associazione Itaca » 35 Gruppo appartamento per Minori Grecale della Cooperativa Dedalus » 36 Comunità di Accoglienza A.I.S. Campania » 37 Casa Famiglia La Balena della Cooperativa Il Grillo Parlante » 38 Casa Famiglia La Nuvola dell Associazione Le Ali » 39 Casa Antares per Donne della Caritas Diocesana di Napoli » 40 Caracol Tratta della Cooperativa Dedalus » 41 Case di accoglienza Progetto I.A.R.A » 42 Caracoles Agenzia sociale di intermediazione immobiliare della Cooperativa Dedalus » 43 I Fratelli di Iqbal Attività di mediazione linguistico-culturale della Cooperativa Dedalus » 44 Assistenza Sanitaria » 45 Centro per la Tutela Sanitaria degli Immigrati » 47 Poliambulatorio San Giuseppe Moscati della Caritas Diocesana di Pozzuoli » 48 Unità Mobile di Pronto Intervento Sociale della Cooperativa Il Camper » 49 Progetto La Gatta della Cooperativa Dedalus » 50 Kafila/Drop in della Cooperativa Dedalus » 51 Unità Mobile di Strada contro le Tossicodipendenze della L.I.L.A » 52 Promoter dell Associazione Il Pioppo » 53 Formazione e Avviamento al lavoro » 55 Scuola Luis Massignon della Comunità di Sant Egidio » 57 Accoglienza linguistica dell Ong C.I.S.S » 58 Op.Là Sportello di orientamento al lavoro della Cooperativa Dedalus....» 59 Ludoteca e Doposcuola dell Associazione Millesoli » 60 Ar rafic Centro interculturale per l infanzia della Cooperativa Dedalus...» 61 Asilo Nido Multietnico della Fondazione Casa dello Scugnizzo » 62 Progetto Integra della Caritas Diocesana di Pozzuoli » 63 Asilo socio-educativo dell Associazione Caritas Regina Pacis » 64 El Bab Interventi integrati rivolti a minori stranieri non accompagnati....» 65 RE.MI.S. Reinserimento Minori Stranieri » 66 Mediazione Culturale nelle Scuole dell A.N.O.L.F » 67 Borse di studio Leonarda Danza » 68 Progetto Integra 2004 della C.I.S.L » 69 Alcuni siti internet d interesse » 70

5 Presentazione E un grande piacere presentare il lavoro accurato contenuto nelle pagine seguenti, e ciò per molteplici ragioni. La prima risiede nell obiettivo primario di quest opuscolo, quello di costituire un utile strumento di orientamento e sostegno per gli immigrati che risiedono sul nostro territorio e per tutti gli operatori dei centri di ascolto, accoglienza e servizi a loro dedicati, che potranno utilizzarlo nella loro attività quotidiana come ulteriore opportunità di scambio e di coordinamento tra loro. L Assessorato alla pace, immigrazione e cooperazione internazionale della Provincia di Napoli ha sempre dato molta importanza alla valorizzazione delle realtà operanti nel campo dell immigrazione, promuovendo a diversi livelli processi di comunicazione e di coordinamento tra loro. E innegabile, infatti, che uno dei fattori di debolezza di questo settore, nonostante il lavoro e l impegno di molti soggetti, istituzionali, dell associazionismo e del volontariato, che sul nostro territorio offrono servizi indispensabili agli immigrati in modo competente ed efficiente, sia stato nel tempo una dispersione delle energie dovuta alla mancanza di una vera e propria rete che rendesse più efficace e visibile proprio questa realtà così diversificata e complessa. Complessità che risulta inevitabilmente amplificata per l immigrato, che arriva nella nostra provincia solitamente sprovvisto degli strumenti linguistici e delle conoscenze necessarie a barcamenarsi ed affrontare le mille difficoltà che da subito gli si pongono. Senza il supporto di questi servizi offerti dagli sportelli e dagli uffici dedicati, non solo non potrebbe superare gli ostacoli burocratici ed ambientali, ma rischierebbe di cadere nelle maglie dei canali informali ed illegali che si presentano come punti di accoglienza e invece sono il viatico per lo sfruttamento e rischiano di vanificare il suo progetto migratorio di inserimento nella società e nel mondo lavorativo. Questa guida dettagliata ed aggiornata dei servizi presenti sul territorio, inoltre, potrà essere di supporto anche ai decisori politici locali che devono avere necessariamente un quadro completo delle buone pratiche, dei punti di forza e di eccellenza, che non sono pochi, ma anche dei vuoti e delle lacune da colmare, dei servizi da sostenere e potenziare, delle attività da implementare. I

6 Il mio augurio è che iniziative come questa contribuiscano quindi a diffondere un approccio sistemico al problema dell immigrazione, che segua tale fenomeno in ogni suo aspetto, non per difenderci dagli immigrati ma per difendere gli immigrati, passando per la prevenzione dell immigrazione clandestina nei paesi di origine, l insegnamento della lingua italiana, l assistenza sanitaria e legale all orientamento lavorativo, le politiche di integrazione sociale, le iniziative di informazione, sensibilizzazione, la lotta allo sfruttamento e alla discriminazione. Un approccio in cui l immigrazione smetta di essere trattata come un problema di ordine pubblico e sicurezza ma piuttosto come risorsa e ricchezza, umana, economica e culturale, per il nostro paese, e in cui il tema non sia quanto l immigrato è funzionale alla nostra economia e quindi da tollerare, ma sia piuttosto una nozione della cittadinanza aperta e in movimento, includente per tutti quelli che, a prescindere dalle loro motivazioni, vivono nel nostro paese. Isadora D Aimmo Assessore alla pace, immigrazione, cooperazione internazionale della Provincia di Napoli II

7 Il Gruppo Laici Terzo Mondo Il Gruppo Laici Terzo Mondo (LTM) è un associazione di volontariato e cooperazione internazionale senza scopo di lucro riconosciuta idonea dal Ministero Affari Esteri ex Art.37, L.38/1979 con D.M. n. 141 del 11/05/1974 per la realizzazione di progetti nei Paesi in via sviluppo e, con D.M. n 1988/128/4161/4D del 14/09/1988, per attività di Educazione allo Sviluppo, Informazione, Formazione. Obiettivo principale dell Associazione è la riduzione del divario tra il Nord e il Sud del Mondo attraverso la realizzazione di progetti mirati allo sviluppo sociale ed economico nei Paesi del Sud e progetti e campagne di sensibilizzazione nel Nord del Mondo. In Africa, soprattutto in Benin, Camerun e Madagascar, il Gruppo Laici Terzo Mondo realizza progetti di sviluppo in campo sanitario, nutrizionale, agricolo e artigianale, con particolare attenzione alla formazione professionale, alla valorizzazione delle risorse umane locali e del ruolo della donna, al rispetto dell ambiente socio-culturale in cui opera, alla sostenibilità tecnica, economica ed ambientale di ciascun intervento. Tra i partner del Sud si annoverano organizzazioni religiose, organizzazioni non governative, associazioni di sviluppo, dicasteri. In Kosovo e in Sri Lanka, in occasione delle emergenze, ha realizzato progetti mirati al ripristino della normalità e quindi allo sviluppo socio-economico su basi endogene. L Educazione allo Sviluppo e alla Pace trova la sua maggiore espressione nella realizzazione di interventi interculturali nelle scuole campane di ogni ordine e grado, che hanno l intento di sviluppare nei giovani e giovanissimi una capacità di analisi e di critica sulle tematiche relative alla convivenza tra i popoli, all immigrazione e all accoglienza, alla pace, al sottosviluppo dei Paesi del Terzo Mondo. L Informazione mira a diffondere una cultura della solidarietà verso le popolazioni più povere del pianeta e si esplica attraverso campagne informative su tematiche relative ai diritti umani, pubblicazione dei risultati di studi e ricerche di settore, e organizzazione di incontri, seminari e convegni in collaborazione con Università ed esperti di cooperazione internazionale. La Formazione prevede ogni anno l organizzazione di corsi su volontariato e cooperazione internazionale aperti a giovani, studenti e soci, differenziati nei contenuti in base ai destinatari e comunque concepiti allo scopo di fornire le conoscenze fondamentali e le competenze tecniche a coloro che intendano impegnarsi nel volontariato in Italia e nei paesi emergenti. III

8 Per gli immigrati, profughi e richiedenti asilo, in rete con Enti locali, associazioni di immigrati e organizzazioni sindacali, LTM svolge attività di orientamento, mediazione e assistenza per l accesso ai servizi socio-sanitari, mediazione linguistica e culturale. A livello nazionale LTM aderisce all Associazione delle ONG italiane, la rappresentazione di categoria delle ONG con ruolo di coordinamento tematico e geografico delle organizzazioni socie, di mediazione delle istanze con il Governo italiano, la Commissione Europea e le Agenzie delle Nazioni Unite nella definizione delle politiche di cooperazione internazionale allo sviluppo. A livello regionale LTM è in rete con il Coordinamento delle ONG e delle Associazioni di Solidarietà Internazionale della Campania, Rete Lilliput, l Assise delle ONG della Provincia di Napoli, il Comitato Cittadino per la cooperazione decentrata del Comune di Napoli. IV

9 Introduzione Questo opuscolo è una guida ragionata ai servizi agli immigrati a Napoli e provincia. Non ha la pretesa di essere esaustivo, ma mira ad un informazione qualitativa e ad attivare un work in progress più completo possibile e sempre aggiornato. L iniziativa nasce dalla volontà dell Assessorato alla pace, immigrazione, cooperazione internazionale della Provincia di Napoli e del Gruppo Laici Terzo Mondo di informare sui servizi dedicati ai migranti presenti sul territorio e di favorire la conoscenza reciproca degli operatori del settore nell ottica di una messa in rete delle risorse e dei saperi. La provincia di Napoli con i suoi stranieri regolarmente soggiornanti può sicuramente definirsi come la capitale dell immigrazione nel sud Italia. Sebbene si sia lontani dalle cifre di città come Roma e Milano, la presenza straniera nel territorio partenopeo si fa sempre più evidente e non è più costituita solo da persone che transitano nella nostra città verso il nord, dove è più facile trovare lavoro, ma anche da chi ha prospettive di permanenza di durata maggiore, come dimostra l alta percentuale di permessi di soggiorno per ricongiungimento familiare. I migranti accedono ai servizi pubblici e privati riservati a tutta la cittadinanza e si confrontano ogni giorno con le tante difficoltà comuni a tutti, ma anche con particolari problemi derivanti dalle differenze linguistiche e culturali. In questo caso va fatta una discriminazione in positivo e bisogna ideare, costruire e realizzare servizi espressamente rivolti alla popolazione straniera o adeguare quelli già esistenti per accogliere questa particolare fascia di utenza. É stata effettuata una ricognizione dei servizi presenti sul territorio della provincia di Napoli dedicati ai migranti, secondo una suddivisione per temi, che non ha potuto sempre esser rispettosa della trasversalità degli interventi. I servizi sono stati così distinti in: servizi di ascolto e orientamento, di accoglienza, di assistenza sanitaria e di formazione e avviamento al lavoro. In ciascun capitolo sono suddivisi tenendo conto delle particolari categorie di utenza: uomini, donne, bambini, richiedenti asilo e rifugiati, vittime di tratta Le schede sintetiche forniscono informazioni su funzionamento e utenza, numero e tipo di componenti dell équipe, tipologia di servizi offerti, orari e giorni di apertura. V

10 Centri di ascolto e orientamento 1 L ascolto dei cittadini immigrati è fondamentale non solo per coglierne i bisogni e le tendenze. E anche, molto spesso, il primo contatto che il migrante ha con un servizio sociale, sia esso pubblico o privato. E, dunque, un modo per infondere fiducia nel sistema paese e nelle istituzioni, nonché nelle iniziative del privato sociale e avviare un processo di proficua collaborazione. Nel diritto internazionale si va delineando un vero e proprio diritto ad essere informati e gli sportelli sono il luogo deputato all orientamento. Essi forniscono, inoltre, consulenza in materia legale e agevolano l accesso ai servizi, tramite l informazione e l accompagnamento. Sono i soggetti che per costituzione si occupano della mediazione interculturale e della messa in rete dei servizi pubblici e privati. Negli ultimi anni la Provincia di Napoli, nella consapevolezza delle peculiarità dell utenza straniera, ha istituito uno sportello rivolto ai migranti. Per iniziativa del Comune, inoltre, è stato aperto uno sportello espressamente dedicato a richiedenti asilo politico, rifugiati e titolari di permessi umanitari. La Caritas Diocesana di Napoli gestisce sin dagli anni 90 due sportelli, di cui uno rivolto alle donne straniere. Altri sportelli sono nati per iniziativa della Cooperativa Dedalus, della Cooperativa Casba e del C.I.D.I.S., delle Associazioni Il Pioppo e A.I.S. Seguimi, della Cooperativa La Locomotiva, dell A.N.O.L.F.,della C.G.I.L., della U.I.L. e delle A.C.L.I.. Per le vittime di tratta è stato attivato un numero verde. Presso gli sportelli è disponibile una lista di mense che offrono pasti 1. Naturalmente l ascolto e l orientamento sono trasversali rispetto alle attività di accoglienza, formazione e avviamento al lavoro, nonché ai servizi sanitari. 1 A tale proposito consultare la Guida Dove della Comunità di Sant Egidio, che fornisce una lista di strutture dove è possibile mangiare, dormire e lavarsi, oltre a numeri utili ai senza fissa dimora.

11

12 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Sportello Immigrati della Provincia di Napoli 3 Lo Sportello immigrati è stato istituito nel 2001 dall Assessorato alla pace, immigrazione e cooperazione internazionale della Provincia di Napoli ed è gestito dall Associazione L.E.S.S. (Lotta all Esclusione Sociale per lo Sviluppo). Ha un database di circa utenti e nell ultimo anno ha effettuato primi contatti. Gli utenti che si rivolgono maggiormente allo sportello provengono in primo luogo dallo Sri Lanka e dall est Europa (soprattutto dall Ucraina), ma c è anche una forte presenza di cinesi e africani. osservatorio sul fenomeno migratorio mediazione culturale consulenza legale consulenza per l avviamento al lavoro disbrigo pratiche orientamento ai servizi sanitari Orari Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Mediatori: Mediatori: Mediatori: Mediatori: Mediatori: Sri Lanka Sri Lanka Sri Lanka Sri Lanka Sri Lanka Ucraina/Russia Cina Ucraina/Russia Cina Ucraina/Russia Avvocato Avvocato coordinatore 3 mediatori culturali 1 avvocato 2 stagiaire Piazza S. Maria La Nova 43 - Napoli - Tel Coordinatore: Salvatore Esposito

13 4 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Ufficio di Supporto al Centro di Cittadinanza Sociale per Immigrati del Comune di Napoli L Ufficio è uno sportello di secondo livello ed è stato istituito dal Comune di Napoli. E attivo dal 2002 ed è gestito dalla Cooperativa Casba. L Ufficio ha il compito di creare un sistema informativo centrato sul riconoscimento dei bisogni e delle risorse del territorio con lo scopo di sostenere la rete di comunicazione fra Comune, sportelli, gruppi di lavoro, enti pubblici e privato sociale. E, dunque, un servizio principalmente orientato a tutti gli enti, associazioni e soggetti di qualunque natura che operano nel settore dell immigrazione, anche se a volte si rivolgono allo sportello cittadini italiani e stranieri. consulenza legale agli enti e alle associazioni archivio giuridico e aggiornamento sulle leggi sull immigrazione mediazione culturale a chiamata Orari Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle coordinatrice 12 mediatori culturali 2 operatori 1 consulente legale Coordinatrice Luisa D Auria Vico Santa Maria a Fonseca 19 - Napoli - Tel.:

14 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Centro Ascolto Immigrati della Caritas Diocesana di Napoli 5 Istituito nel 1989, accoglie circa 400 nuovi utenti ogni anno e ha un database di circa utenti. Questi ultimi provengono in larga parte dall est Europa (Ucraina, Bulgaria, Romania, Polonia, Albania), dallo Sri Lanka, dal Pakistan e dal Bangladesh. La percentuale di donne è del 67% tranne fra i maghrebini, presso i quali la componente maschile è maggioritaria. Rilevante è l attività di incontro domanda/offerta di lavoro, che viene richiesta da persone al giorno, delle quali 10 trovano lavoro ogni settimana, quasi sempre nel settore del lavoro privato di cura. Lo sportello offre, inoltre, assistenza legale, grazie al contributo dell Associazione Avvocato di Strada. ascolto incontro domanda /offerta di lavoro interpretariato e traduzioni assistenza detenuti stranieri interventi a tutela della salute di adulti e minori stranieri servizi di prima accoglienza accompagnamento per l inserimento scolastico dei minori stranieri consulenza legale Orari Dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle responsabile 2 volontari (1 suora e 1 avvocato) 2 volontari del servizio civile Largo Donna Regina 12 - Napoli - Tel Responsabile Giancamillo Trani

15 6 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Centro Interculturale Nanà della Cooperativa Dedalus Il Centro, gestito dalla Cooperativa Dedalus, è nato nel 2002 ed è finanziato dal Comune di Napoli. Si tratta di uno sportello di informazione e orientamento che offre un servizio trasversale ed integrato in termini di risorse e competenze. Nei giorni di maggiore affluenza si rivolgono allo sportello circa 30 migranti. Dal 2004 lo sportello ha accolto persone - di cui il 70% donne - provenienti principalmente da Ucraina, Polonia, Russia, Senegal, Nigeria e Sri Lanka. Il Centro Interculturale Nanà è anche la sede di vari e numerosi progetti gestiti dalla Cooperativa Dedalus e, in particolare, delle attività a favore di donne, minori e vittime di tratta. accoglienza e informazione ascolto e decodifica dei bisogni accompagnamento per l inserimento scolastico dei figli orientamento ai servizi socio-sanitari alfabetizzazione alla lingua italiana bilancio di competenze per l inserimento lavorativo consulenza legale attività di strada Orari Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Avvocati Avvocati responsabile 3 operatori 3 avvocati 1 volontario del servizio civile Responsabile Maria Vittoria Iapoce Vico Tutti i Santi 65 - Napoli - Tel

16 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Centro Diurno Lacina della Cooperativa Casba 7 Il Centro diurno per famiglie e minori stranieri Lacina, attivo da due anni, è gestito dalla Cooperativa Casba e finanziato dalla Regione Campania. Oltre a svolgere attività di sportello, l équipe lavora anche al Centro pomeridiano presso la Parrocchia dei Vergini, dove due volte a settimana si svolgono attività ludico-ricreative rivolte ai minori. Gli utenti del Centro diurno sono in prevalenza famiglie srilankesi e donne dell Europa dell est. informazione e orientamento accompagnamento ai servizi aiuto materiale (pannolini, latte, ) assistenza psicologica Orari Lunedì, mercoledì e venerdì dalle alle e dalle alle coordinatore 1 psicologa 1 educatrice mediatori culturali Via Mario Pagano - Napoli - Tel Coordinatore Hawo Mohamed Jimale

17 8 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Sportello Senza Frontiere dell Associazione Il Pioppo Lo sportello è stato aperto nel giugno 2006 ed è gestito dall Associazione Il Pioppo in rete con l ASL Na 1, con la Cooperativa Leandra e con altri soggetti del terzo settore. Gran parte dell utenza è rappresentata da donne ucraine. informazione e orientamento consulenza legale (internazionalistica, civile e penale) assistenza sanitaria su richiesta alfabetizzazione alla lingua italiana Orari Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sportello legale Sportello legale Sportello legale Sportello legale Sportello legale e corso d italiano mediatori culturali 1 operatore sociale 1 avvocato 1 medico a chiamata Centro Direzionale, Via Porzio 4 Isola G1 - Napoli Sportello legale: Vico Calce a Materdei 28 - Napoli Tel

18 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Sportello Via Medina dell A.N.O.L.F. 9 L A.N.O.L.F. (Associazione Nazionale Oltre le Frontiere), promossa e sostenuta dalla C.I.S.L. (Confederazione Italiana Sindacati dei Lavoratori), ha attivato nel 1990 uno sportello di informazione e orientamento per i cittadini stranieri. Nei giorni di maggiore affluenza si rivolgono allo sportello circa 50 persone e l Associazione ha iscritti, molti dei quali provengono dal Maghreb, ma anche dall Ucraina, dallo Sri Lanka, dal sud America e da Capo Verde. informazione e orientamento mediazione culturale assistenza nelle pratiche burocratiche accompagnamento ai servizi assistenza legale consulenza commercialistica Orari Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Avvocato Avvocato Commercialista e Commercialista coordinatore 10 mediatori culturali volontari (marocchini, capoverdiani, ecuadoriani, peruviani, srilankesi, ucraini, russi, algerini, albanesi) 1 avvocato volontario 1 comm.sta volontario 2 volontari del serv. civile Via Medina 5 - Napoli - Tel Segretario organizzativo Luca Barilà

19 10 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Sportello Immigrazione della U.I.L. La U.I.L. (Unione Italiana del Lavoro) ha attivato da 6 anni uno sportello, che accoglie soprattutto cittadini dell est Europa, del Maghreb e del Senegal, in maggioranza donne. informazione e orientamento assistenza nel disbrigo delle pratiche burocratiche aiuti materiali Orari Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle e dalle alle coordinatrice dai 3 ai 5 operatori Coordinatrice Celeste Ramos Via Galileo Ferraris 5 - Napoli - Tel

20 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Ufficio immigrazione della C.G.I.L. 11 L Ufficio Immigrazione della C.G.I.L. (Confederazione Generale Italiana del Lavoro) è stato istituito 20 anni fa ed ha attivato uno sportello d informazione e orientamento per i lavoratori stranieri. Si rivolgono allo sportello circa 100 persone al giorno. informazione e orientamento assistenza nel disbrigo delle pratiche burocratiche assistenza nel contenzioso con i datori di lavoro Orari Dal lunedì al venerdì, tranne il giovedì Via Torino 16 - Napoli - Tel Coordinatore Vincenzo Annibale

21 12 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Sportello immigrati delle A.C.L.I. Le A.C.L.I. (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) operano a Napoli da più di 40 anni e dal 2002 hanno attivato 4 sportelli rivolti agli immigrati nei quali opera anche la A.C.L.I. Colf, Associazione professionale che organizza i collaboratori e le collaboratrici domestiche. Gli utenti degli sportelli sono in maggioranza donne dell est Europa, ma anche migranti provenienti dal Maghreb. assistenza nelle pratiche burocratiche consulenza relativa a tutti gli aspetti del rapporto di lavoro elaborazione busta paga, conteggio liquidazione e ferie orientamento al lavoro Orari Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì referente 3 operatori Piazza Principe Umberto 14 - Napoli - Tel Via Benedetto Cariteo 36 - Napoli - Tel Corso Lucci Napoli - Tel Via Simmola (c/o Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli) - Napoli - Tel

22 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Sportello Immigrati dell Associazione A.I.S. Seguimi 13 Lo sportello, attivo dal 2003, è finanziato dall Ambito 17 e dalla Provincia di Napoli. Accoglie circa 10 persone al giorno, perlopiù donne ucraine, russe e polacche. ascolto e orientamento orientamento legale accompagnamento ai servizi socio-sanitari scuola d italiano Orari Martedì Mercoledì Giovedì Scuola d italiano 1 responsabile 1 responsabile amm.vo 1 assistente sociale 1 mediatrice culturale albanese 1 docente d italiano Corso Garibaldi 235/a Portici - Tel Responsabile Antonio Capece

23 14 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO Sportello Contact della Cooperativa La Locomotiva Contact è uno sportello itinerante attivato nel 2005, gestito dalla Cooperativa La Locomotiva in partnership con la Caritas e la C.T.P. (Compagnia Trasporti Pubblici) e in parte finanziato dalla Provincia di Napoli. L attività dello sportello viene svolta sui mezzi di trasporto pubblici da un équipe formata da dipendenti della C.T.P. e da mediatori culturali. Gli utenti sono prevalentemente africani e rom. informazione e orientamento distribuzione di materiale informativo Orari Dal lunedì al sabato dalle 6.00 alle 9.00 e dalle alle coordinatrice 10 mediatori culturali Coordinatrice Rossana Apaza Clavijo Tel

24 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO o di Mediazione Culturale del C.I.D.I.S. 15 Il C.I.D.I.S. (Centro di Informazione, Documentazione e Iniziative per lo Sviluppo), in partnership con il consorzio GESCO e con altre organizzazioni del terzo settore, nell ambito del Progetto Mira attivo dal 2003 e promosso dalla Commissione Europea, dal Ministero della Solidarietà Sociale, dalla Regione Campania e dalle Province di Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno, offre servizi di mediazione culturale presso i principali servizi pubblici tramite operatori di diverse culture (ucraina, araba, inglese, francese, spagnola, portoghese, ). Gestisce, inoltre, uno sportello telefonico e telematico di orientamento, a cui si rivolgono molti ucraini, maghrebini e nigeriani. orientamento ai servizi mediazione culturale corsi di aggiornamento per gli operatori (dei servizi sanitari, dei Centri per l impiego, degli istituti penitenziari, ) Orari Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle responsabile 14 mediatori culturali Largo Regina Coeli 8 - Napoli - Tel Responsabile Mariateresa Terreri

25 16 CENTRI DI ASCOLTO E ORIENTAMENTO C.A.D.I. (Centro Ascolto Donna Immigrata) della Caritas Diocesana di Napoli Istituito nel 1993 dalla Caritas Diocesana di Napoli, il C.A.D.I. ha visto crescere l affluenza delle utenti (1.241 contatti solo nel 2007), in virtù del fatto che a Napoli, tra i migranti, la presenza delle donne supera quella degli uomini. L intera équipe è composta di sole donne. Le migranti che si rivolgono allo sportello provengono soprattutto da Sri Lanka, Ucraina, Costa d Avorio, Capo Verde, Bulgaria, Romania, Eritrea, Perù e Filippine. Il 50% delle utenti ha figli in Italia. I bisogni maggiormente riscontrati sono la ricerca del lavoro, l accompagnamento nelle pratiche burocratiche e le cure sanitarie. assistenza burocratica orientamento ai servizi sanitari incontro domanda/offerta di lavoro accompagnamento per l inserimento dei bambini nelle scuole accoglienza corsi d italiano Orari Lunedì Mercoledì Venerdì responsabile 9 volontarie, di cui una psicologa Responsabile Giancamillo Trani Via Donnalbina 14 c/o Istituto Don Orione -Napoli (è previsto il trasferimento del servizio a: Via Luciano Armanni 2 c/o Complesso S. Patrizia - Napoli) Tel

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A COMPRENDENTE I COMUNI DI: GALATINA, ARADEO, CUTROFIANO, NEVIANO, SOGLIANO CAVOUR, SOLETO

Dettagli

A.C.I.S.J.F. - Firenze

A.C.I.S.J.F. - Firenze OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE A.C.I.S.J.F. - Firenze STAZIONE DI S. M. NOVELLA DI FIRENZE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO DI ASCOLTO E DI AIUTO Referente

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

Associazione Trama di Terre

Associazione Trama di Terre Associazione Trama di Terre Centro Interculturale delle donne Via Aldrovandi, 3, 40026 Imola (BO) Italia Tel/fax +39 0542 2892 info@tramaditerre.org www.tramaditerre.org Trama di Terre nasce nel 997 dall

Dettagli

A C I S J F Protezione della Giovane di Firenze

A C I S J F Protezione della Giovane di Firenze A C I S J F Protezione della Giovane di Firenze RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE ANNO 2012 Centro di Ascolto: Stazione Santa Maria Novella - Binario 2-5 - Firenze Tel. e fax +39 055 294635 Casa di Accoglienza:

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l.

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. Soggetti coinvolti nell implementazione del progetto: Soggetto attuatore del progetto di accoglienza

Dettagli

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani Esclusione sociale Osservatorio Diocesano Caritas Nonostante la provincia di Prato continui a caratterizzarsi come una delle prime dieci province italiane per depositi bancari pro capite (12.503, secondi

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/88/CR06/C3-C7-C13 VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI SOGGETTI GESTORI DEI SERVIZI DI ACCOGLIENZA a) organizzazioni di natura privata volti alla

Dettagli

Riferimenti e numeri utili CARITAS

Riferimenti e numeri utili CARITAS Riferimenti e numeri utili CARITAS Sito parrocchiale di Zola Predosa SS Nicolò e Agata : www.parrocchiadizola.org Centro per le famiglie di Casalecchio di Reno 051/6133039 Associazione famigliare Le querce

Dettagli

convegno/incontro i MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI a NAPOLI dopo la riforma della L. 94/09 30 Aprile 2010

convegno/incontro i MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI a NAPOLI dopo la riforma della L. 94/09 30 Aprile 2010 convegno/incontro i MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI a NAPOLI dopo la riforma della L. 94/09 30 Aprile 2010 Relatore GIOVANNI ATTADEMO Dirigente del Comune di Napoli Servizio Politiche per i Minori, l

Dettagli

Il Sistema Con-Trat-To

Il Sistema Con-Trat-To Il Sistema Con-Trat-To (Contro la Tratta in Toscana) Un sistema regionale per il contrasto della tratta e del traffico di esseri umani Regione Toscana - Area di Coordinamento Politiche Sociali di tutela,

Dettagli

Report Annuale 2010. Centro Servizi Nuovi Cittadini Immigrati. coordinato. dall Associazione Multietnica. Viale Grecia, 71 - Frosinone

Report Annuale 2010. Centro Servizi Nuovi Cittadini Immigrati. coordinato. dall Associazione Multietnica. Viale Grecia, 71 - Frosinone Comune di Frosinone Associazione Multietnica Nuovi Cittadini Ciociari ONLUS Report Annuale 2010 Centro Servizi Nuovi Cittadini Immigrati coordinato dall Associazione Multietnica Nuovi Cittadini Ciociari

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Caritas Diocesana Vicentina Ricovero notturno periodo invernale 30 Ottobre 2010 10 Aprile 2011 RAPPORTO FINALE

Caritas Diocesana Vicentina Ricovero notturno periodo invernale 30 Ottobre 2010 10 Aprile 2011 RAPPORTO FINALE Caritas Diocesana Vicentina Ricovero notturno periodo invernale 30 Ottobre 2010 10 Aprile 2011 RAPPORTO FINALE 1. DATI IN SINTESI - 9.850 pernottamenti totali dei quali: 8.858 c/o Casa S. Martino - Ricovero

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

Relazione Orientastranieri

Relazione Orientastranieri Coop. sociale a r.l. Onlus Relazione Orientastranieri Gennaio 2015 Giugno 2015 1 Sommario DESCRIZIONE... 3 STATISTICHE UTILIZZATORI DEL SERVIZIO -CASSANO D'ADDA ACCESSO LIBERO... 4 -CASSANO D ADDA SU APPUNTAMENTO...

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

Sala Operativa Sociale

Sala Operativa Sociale Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute 800440022 Sala Operativa Sociale Dott.ssa Angelina Di Prinzio Roma, 09 Novembre 2010 EVOLUZIONE DELLA DOMANDA SOCIALE Dai dati quantitativi e

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3898475801 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org Onlus www.progettoaccoglienza.org La Associazione Progetto Accoglienza opera a Borgo San Lorenzo (FI) dal 1992 e offre risposte alle problematiche legate al fenomeno migratorio attraverso l accompagnamento

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Proposta di accoglienza 1 Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Condizione necessaria L attuazione del presente progetto

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Divisione II Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 A cura della

Dettagli

La rete Emilia-Romagna terra d asilo

La rete Emilia-Romagna terra d asilo La rete Emilia-Romagna terra d asilo La Regione Emilia-Romagna è stata la prima Regione italiana a dotarsi di una legge sull immigrazione (legge regionale 24 marzo 2004, n.5, Norme per l integrazione sociale

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE PER LE POLITICHE D INTEGRAZIONE CONCERNENTE L IMMIGRAZIONE

PROGRAMMA REGIONALE PER LE POLITICHE D INTEGRAZIONE CONCERNENTE L IMMIGRAZIONE PROGRAMMA REGIONALE PER LE POLITICHE D INTEGRAZIONE CONCERNENTE L IMMIGRAZIONE Osservatorio Regionale per l Integrazione e la Multietnicità SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTI AREA IMMIGRAZIONE FONDO ANNO

Dettagli

Dott.ssa Angela Di Prinzio

Dott.ssa Angela Di Prinzio ed Accoglienza 800440022 Dott.ssa Angela Di Prinzio Assistente Sociale P.O. Emergenza Sociale e Accoglienza Roma 23 aprile 2010 - L esternalizzazione dei servizi come sfida e potenzialità positiva per

Dettagli

MILANO PER IL CO-SVILUPPO

MILANO PER IL CO-SVILUPPO MILANO PER IL CO-SVILUPPO Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale 2009-2010 Comune di Milano Il Bando Milano per il co-sviluppo del Comune di Milano Obbiettivi chiave

Dettagli

Progetto DONARE OLTRE LE FRONTIERE

Progetto DONARE OLTRE LE FRONTIERE Progetto DONARE OLTRE LE FRONTIERE Sintesi progettuale e descrizione delle attività svolte La presente relazione si configura quale documento di analisi conclusiva dell attività prevista dal progetto Donare

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli specializzati L esperienza del Servizio Accoglienza extra

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA)

C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA) C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA) Il Centro di Prima Accoglienza o comunemente chiamato Dormitorio Pubblico è situato nel Centro Storico di Napoli, in Via de Blasiis -10. Le Suore delle Poverelle arrivano

Dettagli

La povertà letta dalla Caritas a Livorno

La povertà letta dalla Caritas a Livorno La povertà letta dalla Caritas a Livorno I semestre 2015 Dati raccolti dalla rete di Centri di Ascolto Caritas A cura di Osservatorio Diocesano delle Povertà e delle Risorse POVERTA' ALIMENTARE Area/centro

Dettagli

SERVIZIO IMMIGRAZIONE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA E DELL ASILO. Report 2011. Assessorato Politiche Sociali e Rapporti con il Volontariato

SERVIZIO IMMIGRAZIONE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA E DELL ASILO. Report 2011. Assessorato Politiche Sociali e Rapporti con il Volontariato SERVIZIO IMMIGRAZIONE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA E DELL ASILO Report 2011 Assessorato Politiche Sociali e Rapporti con il Volontariato Direzione Politiche Sociali, Partecipative e dell Accoglienza

Dettagli

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 A seguito di incontri ed intese programmatiche tra l Assessorato al Welfare del

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ DALLA MISURA PENALE AL REINSERIMENTO: LINEE D INTERVENTO DEL COMUNE DI PARMA (Lia Barone) Nello sviluppo di azioni

Dettagli

Associazione LULE o.n.l.u.s. PROFILO

Associazione LULE o.n.l.u.s. PROFILO PROFILO CHI SIAMO LULE ( fiore in albanese) è un iniziativa nata nel 1996 ad Abbiategrasso con l intento di operare nel settore della prostituzione e della tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Nel

Dettagli

Il progetto intercultura della Biblioteca Sala Borsa

Il progetto intercultura della Biblioteca Sala Borsa Il progetto intercultura della Biblioteca Sala Borsa Il servizio bibliotecario dovrebbe essere offerto a tutti i gruppi etnici, linguistici e culturali presenti nella società in maniera equa e senza discriminazione.

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/Nome Indirizzo Telefono E-mail Cittadinanza Dunca Ioana duncaioana@hotmail.it Rumena e Italiana Data di nascita 03.09.1976 Sesso Femminile Esperienza

Dettagli

Venerdì 27 marzo 2015

Venerdì 27 marzo 2015 PREFETTURA MASSA CORSO DI FORMAZIONE Venerdì 27 marzo 2015 Servizio di mediazione linguistico culturale per: - le attività dei presidi ospedalieri e dei presidi territoriali dell'azienda USL 5 di Pisa

Dettagli

SEZIONE 2 Diocesi di Rimini in cifre Struttura e servizi Caritas

SEZIONE 2 Diocesi di Rimini in cifre Struttura e servizi Caritas 15 SEZIONE 2 Diocesi di Rimini in cifre Struttura e servizi Caritas LA DIOCESI DI RIMINI IN CIFRE (Fonte: Diocesi di Rimini: Annuario Diocesano ed. 2006) Superficie: 781 Kmq Regioni: Emilia Romagna e Marche

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

Conferenza permanente Prefettura di Roma Intervento assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio, Aldo Forte

Conferenza permanente Prefettura di Roma Intervento assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio, Aldo Forte Roma, 15/12/2010 Conferenza permanente Prefettura di Roma Intervento assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio, Aldo Forte Vorrei partire dagli ultimi dati diffusi dal Rapporto della

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LE VOCI DI DENTRO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA Area di intervento: IMMIGRATI, PROFUGHI (codice A04) OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 652 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARUSO Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali Presentata

Dettagli

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria Incontro di presentazione dei servizi attivati 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria L ambito del progetto Fondo FEI Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini

Dettagli

Servizio di Mediazione Linguistico Culturale ed interculturale

Servizio di Mediazione Linguistico Culturale ed interculturale Cooperativa Sociale e di Solidarietà DIMORA D ABRAMO Servizio di Mediazione Linguistico Culturale ed interculturale Con la collaborazione di una equipe di esperti madrelingua appartenenti alle diverse

Dettagli

Delibera n. 38/2013. VISTO l art. 3, comma 2, del Regolamento sui controlli interni del Comune di Genova (D.C.C. n. 7/2013)

Delibera n. 38/2013. VISTO l art. 3, comma 2, del Regolamento sui controlli interni del Comune di Genova (D.C.C. n. 7/2013) Delibera n. 38/2013 L AUTORITÀ PER I SERVIZI PUBBLICI DEL COMUNE DI GENOVA, composta dai signori: - Prof. Avv. Alberto Maria Benedetti, Presidente - Avv. Marco Barilati, Componente - Prof. Avv. Lorenzo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55 SCHEDA PROGETTO _55 PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto X Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Breve presentazione (mission, identità, attività,

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE SENZA DIMORA INFORMAZIONI PER OPERATORI E VOLONTARI

GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE SENZA DIMORA INFORMAZIONI PER OPERATORI E VOLONTARI GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE SENZA DIMORA INFORMAZIONI PER OPERATORI E VOLONTARI Pagina 1 di 24 INDICE Servizi sociali comunali Pag. 3 Segretariato Sociale Primo ascolto, orientamento ed accompagnamento

Dettagli

RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI Comune di Cento

RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI Comune di Cento 2 A N N O 2 0 0 3 RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI PRESENTAZIONE Dopo più di un anno dall apertura del Servizio Sportello Stranieri, sembra opportuno riproporre una relazione in cui si presentano

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO

CURRICULUM FORMATIVO CURRICULUM FORMATIVO Chi siamo La cooperativa Una casa per l uomo, nasce nel 1992 con lo scopo principale di perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Frosinone Dipartimento Disagio, Devianza, Dipendenza - U.O. Extracomunitari e Minoranze Etniche Consultorio Multietnico Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Consultorio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome ESPERIENZA LAVORATIVA Date (dal 18/05/2009- al 18/05/2010) Date (dal 28/07/2008- al 31/03/2009)

Dettagli

Bando provinciale assegnazione alloggi E.R.P. 2000 2003 Domande accolte 1.001 1.063 - di cui stranieri 237 253 Fonte: Comune di Prato - Ufficio Casa

Bando provinciale assegnazione alloggi E.R.P. 2000 2003 Domande accolte 1.001 1.063 - di cui stranieri 237 253 Fonte: Comune di Prato - Ufficio Casa Emergenza casa L emergenza abitativa costituisce uno dei principali indicatori di disagio sociale diffuso sul territorio. Per valutare la portata del fabbisogno abitativo nell area, riportiamo di seguito

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio Titolo DIVENTARE PROTAGONISTI DELLA PROPRIA STORIA Servizi di riferimento 1. Sportello Accoglienza vittime di tratta SEDE TORINO CORSO TRAPANI 91 B Il Servizio prevede l accoglienza delle persone in un

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE REGIONALE DELLA TOSCANA PER L'IMMIGRAZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE REGIONALE DELLA TOSCANA PER L'IMMIGRAZIONE 1 IL DISEGNO DI LEGGE REGIONALE DELLA TOSCANA PER L'IMMIGRAZIONE CAPO I - Disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità della legge Articolo 2 - Ambito soggettivo CAPO II La governance dell immigrazione

Dettagli

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS NISIDA società cooperativa sociale ONLUS Percorsi individualizzati di socializzazione e autonomizzazione Non dimenticate l'ospitalità; alcuni, praticandola, hanno accolto degli angeli senza saperlo. [Lettera

Dettagli

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella Indice Presentazione................................................. p. 15 CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella 1.1. Principi comuni del diritto dell immigrazione.....................»

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO

SCHEDA DI MONITORAGGIO SCHEDA DI L.r. 8/2005 - Dgr 1004 del 29 novembre 2013 BIENNIO 2014-2015 Dati identificativi del progetto Ente titolare del progetto: Associazione Carcere Territorio Bergamo Data convenzione con ASL: 10/06/2014

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

SCHEDA MONITORAGGIO PROGETTI PROVINCE. INDICATORI DI REALIZZAZIONE Fase approvazione atti amministrativi [ ] Fase di realizzazione iniziale [ ]

SCHEDA MONITORAGGIO PROGETTI PROVINCE. INDICATORI DI REALIZZAZIONE Fase approvazione atti amministrativi [ ] Fase di realizzazione iniziale [ ] SCHEDA MONITORAGGIO PROGETTI PROVINCE PROVINCIA: Arezzo PROGETTO N.: 01 TITOLO: Vivere alla pari DATA di rilevamento: 31/08/2011 INDICATORI DI REALIZZAZIONE Fase approvazione atti amministrativi [ ] Fase

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE

PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE CASA MIA HA UNA SORELLA La situazione I dati sull incremento degli sfratti nella Città di Torino, ma anche nelle aree

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

Saldo Migratorio - Anno 2007. Saldo Migratorio Emigrati Immigrati -1050-900 -750-600 -450-300 -150 0 150 300 450 600 750. Estero.

Saldo Migratorio - Anno 2007. Saldo Migratorio Emigrati Immigrati -1050-900 -750-600 -450-300 -150 0 150 300 450 600 750. Estero. Reports statistici relativi all immigrazione nella città di Aosta. I grafici di cui sotto, riguardano il lavoro svolto dal personale dell Ufficio di Statistica del Comune di Aosta e sono stati estratti

Dettagli