Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti:"

Transcript

1 BUSINESS PLAN START UP Stesura di Business plan per start up per verificare la fattibilità e la sostenibilità finanziaria del progetto/investimento. Adatto sia per uso interno sia per l eventuale presentazione ad Istituti di credito o finanziatori. Punti di forza: semplicità di utilizzo ma nello stesso tempo possibilità di creare Piani previsionali estremamente complessi. Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti: di input: dove vengono imputati i valori previsionali: INPUT vengono imputate le ipotesi economiche finanziarie alla base della previsione: livello previsto dei ricavi e dei costi giorni di dilazione concessi ai clienti e quelli praticati dai fornitori l incidenza delle imposte previsione di nuovi investimenti in attività fisse e le aliquote di ammortamento praticate impiego di capitali di terzi o equity per la copertura del fabbisogno giorni di giacenza della merce in magazzino stagionalità delle vendite politica dei dividendi costo risorse umane ecc. Fogli di output: dove vengono compiute automaticamente tutte le elaborazioni/analisi d impresa sulla base dei dati dei bilanci degli anni passati e delle ipotesi economiche finanziarie inserite dall utente. Il software automaticamente provvede a simulare il futuro, per i 8 esercizi successivi, sulla base dei dati previsionali inseriti. Viene quindi simulato un business plan o Piano industriale dell azienda, completo di Stato patrimoniale, Conto economico, e Cash flow Grande risalto viene dato all analisi finanziaria dell investimento, dato che trattasi di start up, con il calcolo dei principali indici di bancabilità e del VAN. Il lavoro di inserimento risulta a questo punto sostanzialmente completato. Si tratta solo di interpretare i risultati ottenuti ed eventualmente, sulla base degli stessi, effettuare correzioni alle variabili di input utilizzate. Competenze necessarie per l utilizzo e vantaggi del software Dal punto di vista delle competenze di carattere informatico non si richiedono particolari competenze. Una certa conoscenza degli usuali prodotti informatici, Windows e Excel, risulta certamente la benvenuta, ma non appare necessaria. La scelta di una piattaforma Cloud e l ambiente excel vuole rendere il software utilizzabile dal maggior numero possibile di utenti. L attenzione dell analista deve essere totalmente rivolta agli aspetti economici finanziari e non distolta da problemi di ordine tecnico. Certamente più delicato è il profilo delle competenze economiche e finanziarie che risultano richieste per poter utilizzare il software. L utilizzo del software risulta infatti semplice dal punto di vista operativo, ma la qualità e quantità dei risultati che lo stesso fornisce richiedono una certa cultura finanziaria per poter essere proficuamente interpretati ed utilizzati.

2 Il software è stato aggiornato per tenere conto della circolare 44/E del 26 novembre 2012 dell Agenzia delle Entrate in tema di nuova IVA per cassa, il cosiddetto cash accounting introdotto con il Decreto Sviluppo 2012 (Dl ) e regolamentato dall articolo 32 bis. Riportiamo qui di seguito una tabella riassuntiva del software INPUT INPUT BP_Stato_Patrimoniale BP_Conto_Economico BP_Cash_Flow BP_PFN BP_Grafici_Indici Contenuto INPUT In questo foglio vengono inserite tutte le ipotesi economiche/finanziarie previsionali sulla base delle quali il software genererà i bilanci previsionali e tutta l analisi finanziaria OUTPUT In questo foglio il software genera automaticamente lo Stato patrimoniale previsionale per gli 8 esercizi successivi all ultimo bilancio approvato inserito precedentemente nell INPUT_SP. Il bilancio previsionale è riclassificato secondo il metodo della liquidità/esigibilità e secondo quello gestionale ed è raccordato all ultimo bilancio approvato In questo foglio il software genera automaticamente il Conto economico previsionale per gli 8 esercizi successivi all ultimo bilancio approvato inserito precedentemente nell INPUT_CE. Il bilancio è riclassificato secondo il metodo del Valore aggiunto e secondo quello c.d. a Costi fissi e variabili ed è raccordato all ultimo bilancio approvato In questo foglio viene presentata, sia per gli anni di consuntivo che per gli anni di previsione, la dinamica dei flussi di cassa. Lo schema di rappresentazione usato è idealmente suddivisibile in due aree: quella di formazione del fabbisogno e quella di utilizzo delle fonti finanziarie necessarie per far fronte al fabbisogno In questo foglio viene rappresentata la Posizione finanziaria netta dell azienda e la scomposizione dei debiti finanziari (mutui, leasing ecc.) secondo i metodi più utilizzati nella comunicazione finanziaria Vengono riproposti i più importanti indici caratterizzanti l'analisi di bilancio BP_Rating Cassa_Mensile Analisi_Finanziaria_Progetto Rating_Damodaran Rating MCC Si valuta il grado di rischio dell'impresa effettuando una comparazione tra i dati dell'impresa e quelli utilizzati da Standard & Poor's per formulare un giudizio sulla solvibilità. A questo si aggiunge l Indice di Altman sulla probabilità di default L'andamento stagionale delle vendite condiziona i risultati dell'impresa. I suoi riflessi sono indagati attraverso un budget, economico e di cassa avente cadenza mensile In questa sezione oltre ai risultati del progetto ho la possibilità di calcolare il WACC con il quale verranno scontati i flussi di cassa operativi al fine del calcolo del VAN e del TIR. Vengono calcolati i due indici fondamentali per la bancabilità del progetto: DSCR e Loan Life Cover Ratio e l automatica creazione di commenti sugli stessi. Inoltre, attraverso la formula del Discount cash flow, viene definito il valore dell azienda Calcolo del Rating aziendale secondo il modello del Prof. Damodaran Calcolo e analisi del Rating secondo il metodo del Medio Credito Centrale per accedere al fondo di Garanzia PMI Legge 662/96

3 Struttura grafica del software Inserimento previsionali foglio INPUT dati nel BP_Conto_Economico Conto economico previsionale BP_Cash_Flow Analisi del Cash flow previsionale BP_Indici_Bilancio Analisi principali indici di bilancio previsionali BP_PFN Analisi dell evoluzione della Posizione finanziaria netta previsionale BP_Rating Analisi del Rating secondo il metodo Standard & Poor's e Altman Analisi_Finanziaria_Pro getto Analisi finanziaria sulla sostenibilità dell investimento e sul fabbisogno finanziario Cassa_Mensile Analisi del Budget di tesoreria mensile previsionale Rating_MCC Calcolo e analisi del Rating secondo il metodo del Medio Credito Centrale per accedere al fondo di Garanzia PMI Legge 662/96 Rating_Damodaran Analisi del rating secondo il metodo del Prof. Damodaran

4 AVVERTENZE PRELIMINARI I dati devono essere inseriti esclusivamente nelle celle di colore bianco, non modificare le celle di colore diverse dato che non è possibile bloccarle per impedirlo. Il primo valore da inserire è quello relativo all inizio dell investimento nel foglio INPUT che corrisponderà all anno successivo a quello dell ultimo bilancio disponibile. INPUT Questo foglio è il punto di partenza dell analisi. Assumption generali Dati Investimento e Finanziari Inizio investimento anno 2015 Dobbiamo inserire l anno di avvio dell investimento o dell analisi finanziaria che sarà il punto di partenza per la previsione. Banche a Breve Tasso interesse SBF % 10,00% Importo affidamento SBF Inserire il tasso applicato per un eventuale sconto di fatture e l importo concesso dalla banca. Il Software tramite un algoritmo attiverà automaticamente lo sconto delle fatture nel caso in cui la cassa mensile sia negativa nel rapporto tra i flussi in entrata ed in uscita. Importo massimo fido Tasso interesse fido % 12,00% Come per lo sconto di fatture Il Software tramite un algoritmo attiverà automaticamente il fido nell importo massimo indicato nel caso in cui la cassa mensile sia negativa nel rapporto tra flussi in entrata ed in uscita. Importo minimo cassa Tale importo costituisce la minima risorsa finanziaria al di sotto della quale si attiverà in automatico il fido. L algoritmo alla base è molto complesso ma essenzialmente imputando un certo valore l utente può decidere se utilizzare la banca e tenere risorse finanziarie in cassa. Dati Fiscali Aliquota IRES % 27,50% Aliquota IRAP % 5,25% In questa sezione vanno inserite le aliquote d imposta.

5 Per quanto concerne l Ires e l Irap il software liquiderà tali imposte annualmente contabilizzandole come da principi contabili e prevedendo anche gli acconti annuali da versare secondo la normativa fiscale. Si tiene conto delle regole contabili sulla deducibilità degli oneri finanziari. Svalutazione crediti annuale % 3,00% Inserire la svalutazione annua dei crediti. Suggeriamo un valore tra 1 e 5% a secondo del rischio del settore in cui si opera. Anche in questo caso, come per i dividendi, la svalutazione verrà effettuata automaticamente l anno successivo a quello a regime. Piano degli Investimenti In questa sezione inserire il piano degli investimenti in immobilizzazione che si vuole effettuare. La tabella è già suddivisa per macrosettori. Se ho più sottovoci della stessa tipologia, ad es. impianti specifici devo ricomprendere tali sottovoci tutte in questa macrovoce che a sua volta appartiene al macrosettore D. E possibile spalmare l investimento fino a tre anni. Una volta inseriti i valori (Iva esclusa) identificare l aliquota IVA corrispondente ad ogni tipologia di investimento. N.B. posso variare le singole voci ma le stesse devono sempre e comunque essere riferite al macrosettore corrispondente: Es. le diverse sottovoci di impianti specifici devono sempre essere ricompresi nel macrosettore D., come le consulenze sempre nella A. A destra del piano degli investimenti troviamo la tabella con le aliquote di ammortamento predisposta secondo le tabelle ministeriali che andrà automaticamente ad essere associata alla voce corrispondente. Il software calcolerà automaticamente le quote di ammortamento andandole ad imputare nello stato patrimoniale come Fondo e nel Conto economico come Quota annuale. DETTAGLIO VOCI INVESTIMENTO anno Consulenze varie Competenze tecniche (progettazione, etc) A. TOTALE STUDIO DI FATTIBILITA' E CONSULENZE Acquisto terreno B. TOTALE SUOLO AZIENDALE Capannone e fabbricati industriali Strade, piazzali, recinzioni, scavi, tettoie Opere murarie varie Impianti Generici C. TOTALE OPERE MURARIE E IMPIANTI GENERICI Oneri di allacciamento alla rete Enel, Gas ecc Attrezzature Impianti specifici 0 Automezzi 0 Macchine d'ufficio e PC 0 Impianto di depurazione 0 Mobili da ufficio 0 D. TOTALE IMPIANTI MACCHINARI ED ATTREZZATURE Licenze software 0 0 Concessioni, licenze, marchi e diritti simili 0 0 Brevetti 0 0 Pubblicità e sito e commerce 0 0 E. TOTALE BENI PLURIENNALI TOTALE (A+B+C+D+E)

6 Fonti di Finanziamento Capitale di rischio anno Aumenti di capitale sociale Finanziamento soci annuali Conferimenti soci in conto futuro aumento Rispettivamente inserire i versamenti di capitale di rischio che si pensa di investire nell azienda coerenti con la percentuale di Equity/debt eventualmente prestabilita. Si ricorda che trattasi come detto di quote annuali e quindi, per es., al 31/12/2017 il capitale sociale sarà formato dalla somma delle singole quote annuali. Nell esempio sarà pari a Per completezza si evidenzia che la voce Finanziamento soci è stata inserita nel Capitale di rischio per questioni tecniche del software ma viene considerata nella riclassificazione dei bilanci come Capitale di terzi e quindi ricompresa nell indebitamento dell azienda. DURATA MESI MESI TASSO INT. ANNI PREAMM. MORATORIA PARAMETRI FINANZIAMENTO SOCI 5,00% Inserire il tasso di interesse da corrispondere per l eventuale finanziamento soci, la durata del prestito ecc.. Il software, unico nel suo genere, calcola anche un eventuale preammortamento e/o moratoria. anno Distribuzione dividendi % 50,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Inserire la percentuale di utili che si destinerà alla distribuzione ai soci sottoforma di dividendi. Per convenzione, il primo anno non sono previsti dividendi, mentre per i successivi la politica di distribuzione dovrà essere coerente con gli anni d investimento e con il rapporto utili/flussi di cassa previsionali. Capitale di terzi MUTUI BANCARI % TASSO INT. TIP. TASSO DURATA ANNI N. RATE ANNUE DATA EROGAZ. MESI PREAMM. MESI MORATORIA IMPORTO Mutuo 1 0 6,00% F /01/ E possibile inserire fino a 4 mutui distinti. Una volta inseriti i parametri del mutuo (tasso, durata, fisso o variabile ecc.), il software calcolerà automaticamente il piano di ammortamento inserendo i valori corrispondenti nel SP e CE. Se il tasso praticato è fisso lasciare la lettera F nella cella TIP. TASSO. anno PREVISIONE TASSO VARIABILE % 5,00% 6,00% 4,50% 4,50% 5,00% 5,50% 5,00% 5,50% E possibile prevedere anche l ipotesi in cui il tasso di interesse praticato dalla banca non sia fisso ma variabile. In questo caso basta inserire la lettera V nel riquadro precedente e il tasso variabile praticato. LEASING IMPORTO TASSO TIP. DURATA N. RATE DATA % CANONE INZ. % RISCATTO INT. TASSO ANNI ANNUE Leasing ,0% F /01/ % 10%

7 E possibile inserire fino a 5 leasing distinti che verranno contabilizzati secondo il metodo finanziario. CONTRIBUTI E FINANZIAMENTO AGEVOLATO Contributo fondo perduto % 45,00% TASSO INT. DURATA ANNI N. RATE ANNUE MESI PREAMM. Contributo prestito agevolato % 45,00% 0,88% Contributo c/gestione Inserire, per esempio, rispettivamente: percentuale del contributo a fondo perduto sull investimento (circa il 45%); la percentuale di prestito agevolato sull investimento (circa 45%); mentre il contributo in c/gestione viene inserito in. Costi e Ricavi di produzione Materie prime In questa sezione devo inserire il costo delle materie prime da acquistare (escluso Iva) per ogni anno di previsione. E possibile inserire fino ad un massimo di 15 diverse tipologie di materie prime. Materie prime anno MATERIA PRIMA MATERIA PRIMA 2 MATERIA PRIMA 3 TOTALE MATERIE PRIME Successivamente lo stesso viene fatto per gli altri costi operativi (costi di stabilimento, spese di vendita ecc.) Costi di stabilimento anno riparazioni consumi energetici Telefoniche Una volta inseriti tutti i costi (materie prime + tutte le spese operative) il software determina il costo complessivo delle materie prime e delle spese operative/gestione: Totale Materie prime e Spese operative

8 Successivamente devo inserire i giorni previsti di dilazione dei fornitori e l aliquota IVA per ogni materia prima e spesa operativa. Tale dilazione concorrerà a determinare il valore del debito v/fornitori a fine anno. GG Pagamento Aliquota IVA 90 21% 90 21% 90 21% A questo punto non devo fare altro che determinare il consumo previsto delle materie prime, per ogni anno di previsione, in termini di percentuale sugli acquisti effettuati e determinare così il calcolo delle rimanenze di magazzino. Se la percentuale è pari al 100% ciò comporta che le materie prime vengono utilizzate interamente nel processo produttivo senza dar luogo a rimanenze e quindi a magazzino. Se diversamente immetto una percentuale minore di 100 ciò comporterà la creazione di rimanenze dato che non utilizzerò tutte le materie prime acquistate nel processo produttivo. Consumo Materie Prime % 90% 90% 90% 90% 90% 90% 90% 90% Se voglio posso anche definire la previsione di % di utilizzo del magazzino creato nell anno/anni precedenti. Utilizzo Magazzino materie prime % 10% 10% 10% 10% 10% 10% 10% 10% Ricavi di produzione Passiamo ora ai ricavi di produzione Inserisco le categorie di prodotti e la relativa corrispondente produzione prevista per ogni anno di previsione. E possibile inserire fino ad un massimo di 15 differenti prodotti. Produzione prevista anno PRODOTTO 1 TONN PRODOTTO 2 TONN PRODOTTO 3 TONN TONN Successivamente inserisco i prezzi previsti corrispondenti ad ogni categoria di prodotti per gli anni di previsione così da ottenere il valore del fatturato. I prodotti vengono automaticamente collegati a quelli precedentemente inseriti. Prezziprodotti/servizi anno PRODOTTO 1 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 PRODOTTO 2 PRODOTTO 3

9 Una volta fatto ciò, devo prevedere, come già fatto per le materie prime, i giorni di dilazione concessi ai clienti e l aliquota IVA corrispondente ad ogni prodotto. Tale dilazione concorrerà a determinare il valore del credito v/clienti a fine anno. GG Pagamento Aliquota IVA 60 21% 90 21% 90 21% A questo punto devo inserire la percentuale di vendita dei Prodotti finiti per ogni anno di previsione. Se pari al 100% ciò vuol dire che tutto ciò che produco viene venduto e concorrerà alla formazione del fatturato: produzione = vendita. Diversamente, se la percentuale verrà indicata inferiore a 100 ciò comporterà una rimanenza di prodotti finiti ed un decurtamento corrispondente del fatturato. Vendita Prodotti finiti % 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% Una volta terminato l inserimento degli INPUT otterremo il valore del fatturato previsto per ogni anno di previsione Totale Fatturato Tale valore verrà imputato al Conto economico previsionale alla voce (+) Ricavi dalle vendite e prestazioni Stagionalità delle vendite Il software dà la possibilità (funzione facoltativa) di prevedere anche la stagionalità delle vendite che andranno ad impattare nella Budget mensile e a determinare differenti valori di crediti e debiti. Mesi gennaio febbraio marzo aprile maggio Stagionalità delle vendite % 8,33% 8,33% 8,33% 8,33% 8,33% Stagionalità consumo materie prime % 8,33% 8,33% 8,33% 8,33% 8,33% Attenzione: la somma delle singoli percentuali mensile deve corrispondere precisamente al 100,00% altrimenti si incorre in un calcolo errato che può non far quadrare i bilanci. Risorse umane incrementali anno CDA N AD Delega alla produzione N AD Delega alla vendita e commerc N Tot. Cda e AD N Una volta inserito il numero delle risorse umane impiegate suddiviso per le diverse categorie, imputo il valore dello stipendio mensile lordo che penso di corrispondere

10 CDA AD Delega alla produzione AD Delega alla vendita e commerciale dirigenti impiegati operai stagionali atipici Il software calcolerà automaticamente il costo corrispondente ad ogni categoria di lavoratore inserita sia in termini di stipendio lordo che di contributi, Tfr, Inail ecc. La rivalutazione annua degli stipendi è stabilita di default nell 1%. Una volta inseriti tutti i dati il software effettua in automatico il calcolo di: Passaggio dal leasing metodo operativo a quello finanziario (facoltativo) Imposte: IVA, IRES, IRAP Magazzino prodotti, semilavorati, materie prime Pagamento dividendi Crediti v/clienti Debiti v/fornitori Eventuale fondo svalutazione crediti Oneri e proventi finanziari Quote a breve e a lungo mutui Canoni leasing secondo con il metodo finanziario Costo del personale e fondo TFR Quote ammortamento Saldi banche a breve (eventuale SBF e Fido) Stagionalità delle vendite Flussi di cassa annuali e mensili

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Introduzione Raccorda automaticamente i dati economico finanziari dell ultimo bilancio disponibile dell azienda con quelli previsionali inseriti dall utente

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Struttura del software Il software raccorda i dati dell ultimo bilancio con quelli previsionali, definiti dall utente, e può essere distinto in due parti: Fogli

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Start up Commercio Natura giuridica Snc/Ditte Individuali Release 2

Release : 2014_1 Settore : Start up Commercio Natura giuridica Snc/Ditte Individuali Release 2 Release : 2014_1 Settore : Start up Commercio Natura giuridica Snc/Ditte Individuali Release 2 Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare I Previsionali Patrimoniale,

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Start up Manifatturiero Natura giuridica s.r.l.

Release : 2014_1 Settore : Start up Manifatturiero Natura giuridica s.r.l. Release : 2014_1 Settore : Start up Manifatturiero Natura giuridica s.r.l. Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare I Previsionali Patrimoniale, Economici e Finanziari

Dettagli

PRINCIPALI NOVITA DELLA VERSIONE 2015

PRINCIPALI NOVITA DELLA VERSIONE 2015 PRINCIPALI NOVITA DELLA VERSIONE 2015 IN TUTTI I MODULI OPERATIVI Migrazione al moderno linguaggio di programmazione Visual Studio 2013. Revisione ed aggiornamento grafico dell interfaccia, delle tabelle

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA I manuali di Budgetonline.it BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA 1 SEZIONE 1: LO SCHEMA OPERATIVO La tecnologia più utilizzata perché universalmente conosciuta e praticata è certamente rappresentata

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ALCUNE STAMPE OTTENIBILI CON IL SOFTWARE BUDGET & BUSINESS PLAN BUDGET DELLE VENDITE (Euro) PRODOTTI E 2014 2015 2016 2017 2018 2019

Dettagli

COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA IMPIANTO PER L'UTILIZZO RISORSA IDRICA AI FINI DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA SUL TORRENTE FIBBIO IN LOCALITÀ MONTORIO IN PROSSIMITA DELLA SORGENTE FONTANON

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare i Previsionali Patrimoniale,

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI FACSIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO, STATO PATRIMONIALE E FLUSSI DI CASSA PREVISIONALI

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Introduzione 2. Utilizzo dell applicazione 3. Impostazioni di base 4. Copertina impresa 5. Dati

Dettagli

Business Plan Online 1.0 Misura 123. Guida per il compilatore

Business Plan Online 1.0 Misura 123. Guida per il compilatore Business Plan Online 1.0 Misura 123 Guida per il compilatore 1 Il Business Plan on line... 4 Il Menù principale... 6 Sezione 1 - Sezione generale... 8 1.1 Anagrafica...8 1.2 Progetto...11 1.4 Gestione

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : BP Investire in Francia. Azienda Commerciale

Release : 2014_1 Settore : BP Investire in Francia. Azienda Commerciale Release : 2014_1 Settore : BP Investire in Francia. Azienda Commerciale Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare I Previsionali Patrimoniale, Economici e Finanziari

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora FAC-SIMILE Mod.PEF/Pitagora Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ECONOMICA

RELAZIONE TECNICO - ECONOMICA RELAZIONE TECNICO - ECONOMICA Per nuove iniziative imprenditoriali A. SOGGETTO PROPONENTE 1. Forma giuridica prevista Società.. Ditta individuale Cooperativa Consorzio... 2. LEGALE RAPPRESENTANTE: Cognome

Dettagli

EASY BUSINESS PLAN. Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel

EASY BUSINESS PLAN. Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel EASY BUSINESS PLAN Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel Il foglio di calcolo utilizzato per lo sviluppo del Business Plan oggetto della seguente guida, denominato EASY BUSINESS

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

Business Plan Budget & Scostamenti. Analisi di Bilancio Rating Creditizio. Valutazione Aziendale SUITE DI SOFTWARE PROFESSIONALI

Business Plan Budget & Scostamenti. Analisi di Bilancio Rating Creditizio. Valutazione Aziendale SUITE DI SOFTWARE PROFESSIONALI SUITE DI SOFTWARE PROFESSIONALI Business Plan Budget & Scostamenti Analisi di Bilancio Rating Creditizio Valutazione Aziendale adatti anche per la redazione di Piani relativi a: Concordati preventivi Ristrutturazione

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Istruzioni passo a passo sull'uso del software BUDGET & BUSINESS PLAN

Istruzioni passo a passo sull'uso del software BUDGET & BUSINESS PLAN Istruzioni passo a passo sull'uso del software BUDGET & BUSINESS PLAN IL MODULO IN BREVE SCOPO. Questo Modulo consente di sviluppare Budget e Business plan attraverso la costruzione dei singoli Budgets

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

SEXTANTE BUDGET CASH FLOW ANALYSIS CONTROL FORECAST & CREDIT RISK VALUATION

SEXTANTE BUDGET CASH FLOW ANALYSIS CONTROL FORECAST & CREDIT RISK VALUATION SEXTANTE BUDGET CASH FLOW ANALYSIS CONTROL FORECAST & CREDIT RISK VALUATION SOFTWARE PER LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO D IMPRESA Il software gestionale Sextante è uno strumento di analisi, pianificazione

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA

Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA al bilancio d esercizio anno 2011 1 INDICE PREMESSA... 3 1. QUADRO DI SINTESI DEL BILANCIO D ESERCIZIO... 3 1.1 PRINCIPI DI REDAZIONE E CRITERI DI VALUTAZIONE... 3

Dettagli

Sextante BUDGET ECONOMICO-FINANZIARIO E FORECAST

Sextante BUDGET ECONOMICO-FINANZIARIO E FORECAST Sextante BUDGET ECONOMICO-FINANZIARIO E FORECAST SOFTWARE PER LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO D IMPRESA Il software gestionale Sextante è uno strumento di analisi, pianificazione e controllo economico

Dettagli

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 Nota integrativa al bilancio al 31/12/2012 Premessa Il bilancio dell'esercizio

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano La riclassificazione del bilancio di esercizio Il Il bilancio Il sistema informativo di bilancio secondo la normativa vigente: stato patrimoniale; conto economico; nota integrativa. Requisiti fondamentali

Dettagli

!"# $ "% $ &# * ' "&() * + ' &( ) " + ' &(), ""! - -. / "

!# $ % $ &# * ' &() * + ' &( )  + ' &(), ! - -. / !"# $ "% $ &# * ' "&() * + ' &( ) " + ' &(), ""! - -. / "!" #$% & ( '!"# &#!% $ "% "% # # ' "&() + ' *# *# &( ) + ' # # &() & ) ) )*+ *" ' "&() + ' *# &( ) + ' # &(), ""! - * &%,( -. *- / " ./ 0-1/1/ 1

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ]

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Il programma che ti aiuta a pianificare i flussi finanziari in modo semplice, veloce ed intuitivo. La flessibilità di MS Excel senza il

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo Temi in preparazione alla maturità GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo di riccardo VAnDA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 materia: EConomIA D AzIEnDA (Classe

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio 1 Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio 2009

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012 FIARC FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154 Bilancio al 31/12/2012 Stato patrimoniale attivo 31/12/2012 31/12/2011 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

COMUNE ACQUI TERME (AL)

COMUNE ACQUI TERME (AL) COMUNE ACQUI TERME (AL) INTEGRAZIONE SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO CITTADINO CON ANNESSO POLO TECNOLOGICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA, A SERVIZIO DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA O PERTINENZA

Dettagli

Cash flow e capacità di rimborso

Cash flow e capacità di rimborso Cash flow e capacità di rimborso Descrizione 1. I fabbisogni finanziari I fabbisogni finanziari di una azienda sono determinati da: incremento delle attività; decremento delle passività. Appartiene alla

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLIAMBULATORIO NAVILE (CASA DELLA SALUTE)

REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLIAMBULATORIO NAVILE (CASA DELLA SALUTE) COMUNE DI BOLOGNA REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLIAMBULATORIO NAVILE (CASA DELLA SALUTE) ELEMENTI DI OFFERTA DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO INDICE TITOLO I PREMESSA... 2 1. INTRODUZIONE... 2 2. DOCUMENTI

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE Tema d esame PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014 Reg. Imp. 444145/1996 Rea 0293663 ALER BERGAMO Sede in VIA MAZZINI 32/A - 24128 BERGAMO (BG) Capitale sociale Euro 99.874,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013

Dettagli