Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio)"

Transcript

1 Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio) Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, Febbraio 2015

2 Equazione di bilancio (Destinazione) (Provenienza) 2

3 PREMESSA Per costituire e avviare un azienda occorrono mezzi finanziari da investire nell acquisto dei fattori produttivi necessari per lo svolgimento della gestione Occorrono dunque dei capitali (finanziamenti) che si tradurranno poi in investimenti Finanziamenti (Interni / Esterni) = Investimenti 3

4 FINANZIAMENTI: Fonti interne I finanziamenti iniziali sono conferiti dall imprenditore e sono denominati apporti iniziali. Oltre dalla liquidità (es. una somma di denaro), essi possono essere costituiti da beni in natura, solitamente si tratta di fattori produttivi (es. un automezzo). Tali fattori produttivi possono essere classificati in: Fattori o costi pluriennali - Beni strumentali o a lento ciclo di utilizzo; per destinazione (partecipano a più cicli produttivi) Fattori o costi d esercizio - Beni a breve ciclo di utilizzo (es. carburanti) - Servizi (es. utenze, assicurazioni, manutenzioni, consulenze) - Lavoro Tali fonti di finanziamento sono interne (capitale proprio) e, solitamente, rimangono investiti a tempo indefinito. Per tale motivo essi sono dette anche capitale di rischio. L imprenditore verrà remunerato con gli eventuali utili distribuiti ; quelli non distribuiti, invece, andranno a incrementare il capitale proprio. 4

5 FINANZIAMENTI: Fonti esterne Le fonti «esterne» (debiti) sono rappresentate da capitali ottenuti da soggetti esterni all azienda. Questi rimangono investiti per periodi di tempo prestabiliti e rappresentano un debito per l azienda; quest ultima, infatti, dovrà restituire - a una certa data - il capitale prestatole incrementato di una quota d interesse (anch essa prestabilita). Relativamente alla scadenza si possono distinguere finanziamenti: a breve termine - che scadono e devono essere rimborsati entro un anno dal prestito a medio termine - la cui scadenza varia da uno a cinque anni a lungo termine - con scadenza superiore a cinque anni 5

6 INVESTIMENTI & FINANZIAMENTI Per una corretta gestione aziendale è opportuno che: Gli investimenti di lunga durata siano coperti da fonti finanziarie a lungo termine (capitale proprio e debiti a lungo termine) I fondi liquidi e i fattori a breve ciclo di utilizzo siano finanziati, almeno in parte, da finanziamenti a breve termine In ogni caso, tutte le tipologie di finanziamento siano finanziate dalle fonti interne dell azienda Una variazione degli investimenti comporta anche una variazione dei finanziamenti ne consegue che ogni operazione aziendale lascia sempre inalterata l eguaglianza fondamentale 6

7 EQUAZIONE «PATRIMONIALE» Nel linguaggio contabile gli investimenti sono detti «attività» e i finanziamenti sono detti «passività» (se ottenuti da terzi soggetti a credito) e «capitale» o «patrimonio» (se ottenuti dal titolare o dai soci). Tenendo inoltre presente che il patrimonio può corrispondere all apporto iniziale dell imprenditore e alla quota di utili non distribuiti (risultato d esercizio): INVESTIMENTI FINANZIAMENTI 7

8 EQUAZIONE «PATRIMONIALE» Nel linguaggio contabile gli investimenti sono detti «attività» e i finanziamenti sono detti «passività» (se ottenuti da terzi soggetti a credito) e «capitale» o «patrimonio» (se ottenuti dal titolare o dai soci). Tenendo inoltre presente che il patrimonio può corrispondere all apporto iniziale dell imprenditore e alla quota di utili non distribuiti (risultato d esercizio): INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (+) (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (+) (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (+) (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) 8

9 EQUAZIONE «PATRIMONIALE» Nel linguaggio contabile gli investimenti sono detti «attività» e i finanziamenti sono detti «passività» (se ottenuti da terzi soggetti a credito) e «capitale» o «patrimonio» (se ottenuti dal titolare o dai soci). Tenendo inoltre presente che il patrimonio può corrispondere all apporto iniziale dell imprenditore e alla quota di utili non distribuiti (risultato d esercizio): INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (+) (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (+) (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (+) (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) PATRIMONIO INIZIALE (+) RISULTATO D ESERCIZIO (+ / -) (Utile/Perdita d Esercizio) 9

10 EQUAZIONE «PATRIMONIALE» Nel linguaggio contabile gli investimenti sono detti «attività» e i finanziamenti sono detti «passività» (se ottenuti da terzi soggetti a credito) e «capitale» o «patrimonio» (se ottenuti dal titolare o dai soci). Tenendo inoltre presente che il patrimonio può corrispondere all apporto iniziale dell imprenditore e alla quota di utili non distribuiti (risultato d esercizio): INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (+) (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (+) (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (+) (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) Equazione patrimoniale: PATRIMONIO INIZIALE (+) ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO RISULTATO D ESERCIZIO (+ / -) (Utile/Perdita d Esercizio) 10

11 EQUAZIONE «ECONOMICA» Tenendo inoltre presente che il risultato d esercizio, ovvero l utile/perdita d esercizio, è il risultato della sottrazione «ricavi» meno «costi», in cui: Ricavi, benefici, espressi in moneta, ottenuti dall azienda attraverso le vendite - effettuate durante l esercizio - di beni e/o servizi. - Comportano l entrata di moneta: immediata (attraverso l incremento della cassa e/o della banca) o differita (attraverso l aumento dei crediti) Costi, oneri, espressi in moneta, che l azienda sostiene per ottenere i beni e i servizi venduti nell esercizio. - Comportano l uscita di moneta: immediata (attraverso la diminuzione della cassa e/o della banca) o differita (attraverso l aumento dei debiti) RISULTATO D ESERCIZIO 11

12 EQUAZIONE «ECONOMICA» Tenendo inoltre presente che il risultato d esercizio, ovvero l utile/perdita d esercizio, è il risultato della sottrazione «ricavi» meno «costi», in cui: Ricavi, benefici, espressi in moneta, ottenuti dall azienda attraverso le vendite - effettuate durante l esercizio - di beni e/o servizi. - Comportano l entrata di moneta: immediata (attraverso l incremento della cassa e/o della banca) o differita (attraverso l aumento dei crediti) Costi, oneri, espressi in moneta, che l azienda sostiene per ottenere i beni e i servizi venduti nell esercizio. - Comportano l uscita di moneta: immediata (attraverso la diminuzione della cassa e/o della banca) o differita (attraverso l aumento dei debiti) RISULTATO D ESERCIZIO RICAVI (+) COSTI (-) Equazione economica: RISULTATO D ESERCIZIO = RICAVI - COSTI 12

13 EQUAZIONE DI BILANCIO: Equazione «Patrimoniale» + Equazione «Economica» INVESTIMENTI FINANZIAMENTI 13

14 EQUAZIONE DI BILANCIO: Equazione «Patrimoniale» + Equazione «Economica» INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (Beni e diritti d azienda) 14

15 EQUAZIONE DI BILANCIO: Equazione «Patrimoniale» + Equazione «Economica» INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) 15

16 EQUAZIONE DI BILANCIO: Equazione «Patrimoniale» + Equazione «Economica» INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) PATRIMONIO INIZIALE RISULTATO D ESERCIZIO 16

17 EQUAZIONE DI BILANCIO: Equazione «Patrimoniale» + Equazione «Economica» INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) PATRIMONIO INIZIALE (Risultato d Esercizio) RICAVI COSTI 17

18 EQUAZIONE DI BILANCIO: Equazione «Patrimoniale» + Equazione «Economica» INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) PATRIMONIO INIZIALE (Risultato d Esercizio) RICAVI COSTI ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI 18

19 EQUAZIONE DI BILANCIO: Equazione «Patrimoniale» + Equazione «Economica» INVESTIMENTI FINANZIAMENTI ATTIVITÀ (Beni e diritti d azienda) PASSIVITÀ (Debiti verso i terzi) PATRIMONIO (Patrimonio Netto Finale) (Diritti dei proprietari) PATRIMONIO INIZIALE (Risultato d Esercizio) RICAVI COSTI ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI Ovvero: ATTIVITÀ PASSIVITÀ PATRIMONIO INIZIALE = RICAVI COSTI ATTIVITÀ (PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE) = (RICAVI COSTI) = (Utile / Perdita d Esercizio) Quindi: STATO PATRIMONIALE = CONTO ECONOMICO = Utile/Perdita d Es. 19

20 EQUAZIONE DI BILANCIO & S.P. C.E. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI 20

21 EQUAZIONE DI BILANCIO & S.P. C.E. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ - PASSIVITÀ - PATRIMONIO INIZIALE = RICAVI - COSTI 21

22 EQUAZIONE DI BILANCIO & S.P. C.E. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ - PASSIVITÀ - PATRIMONIO INIZIALE = RICAVI - COSTI STATO PATRIMONIALE ATTIVITÀ PASSIVITÀ (=DEBITI) PATRIMONIO INIZIALE 22

23 EQUAZIONE DI BILANCIO & S.P. C.E. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ - PASSIVITÀ - PATRIMONIO INIZIALE = RICAVI - COSTI STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO ATTIVITÀ PASSIVITÀ (=DEBITI) PATRIMONIO INIZIALE RICAVI (+) COSTI (-) Utile/Perdita d es. 23

24 EQUAZIONE DI BILANCIO & S.P. C.E. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ - PASSIVITÀ - PATRIMONIO INIZIALE = RICAVI - COSTI STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO ATTIVITÀ PASSIVITÀ (=DEBITI) PATRIMONIO INIZIALE RICAVI (+) COSTI (-) Utile/Perdita d es. 24

25 EQUAZIONE DI BILANCIO & S.P. C.E. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ - PASSIVITÀ - PATRIMONIO INIZIALE = RICAVI - COSTI STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO ATTIVITÀ PASSIVITÀ (=DEBITI) PATRIMONIO INIZIALE Utile/Perdita d es. RICAVI (+) COSTI (-) Utile/Perdita d es. 25

26 Equazione Patrimoniale: ESERCIZIO 26

27 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO EQUAZIONE PATRIMONIALE (Investimenti = Finanziamenti) 1. Il Sig. Bianchi, autotrasportatore, apporta euro come capitale iniziale (li versa in cassa). 27

28 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO EQUAZIONE PATRIMONIALE (Investimenti = Finanziamenti) 1. Il Sig. Bianchi, autotrasportatore, apporta euro come capitale iniziale (li versa in cassa). INVESTIMENTO = FINANZIAMENTO 28

29 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /2 EQUAZIONE PATRIMONIALE (Investimenti = Finanziamenti) 1. Il Sig. Bianchi, autotrasportatore, apporta euro come capitale iniziale (li versa in cassa). INVESTIMENTO CASSA = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE

30 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /2 EQUAZIONE PATRIMONIALE (Investimenti = Finanziamenti) 1. Il Sig. Bianchi, autotrasportatore, apporta euro come capitale iniziale (li versa in cassa). INVESTIMENTO CASSA = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE Acquista un automezzo per 800 euro (li preleva dalla cassa). 30

31 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /2 EQUAZIONE PATRIMONIALE (Investimenti = Finanziamenti) 1. Il Sig. Bianchi, autotrasportatore, apporta euro come capitale iniziale (li versa in cassa). INVESTIMENTO CASSA = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE Acquista un automezzo per 800 euro (li preleva dalla cassa). INVESTIMENTO = FINANZIAMENTO 31

32 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /3 EQUAZIONE PATRIMONIALE (Investimenti = Finanziamenti) 1. Il Sig. Bianchi, autotrasportatore, apporta euro come capitale iniziale (li versa in cassa). INVESTIMENTO CASSA = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE Acquista un automezzo per 800 euro (li preleva dalla cassa). INVESTIMENTO = FINANZIAMENTO CASSA CASSA AUTOMEZZO PATRIMONIO INIZIALE

33 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /4 INVESTIMENTO CASSA AUTOMEZZO = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE In seguito, chiede e riceve dalla banca un prestito di 600 euro (li versa in cassa). 33

34 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /5 INVESTIMENTO CASSA AUTOMEZZO = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE In seguito, chiede e riceve dalla banca un prestito di 600 euro (li versa in cassa). INVESTIMENTO = FINANZIAMENTO CASSA CASSA AUTOMEZZO PATRIMONIO INIZIALE DEBITO VERSO BANCA

35 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /6 INVESTIMENTO CASSA AUTOMEZZO = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE DEBITO VERSO BANCA

36 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /7 INVESTIMENTO CASSA AUTOMEZZO = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE DEBITO VERSO BANCA INVESTIMENTO FINANZIAMENTO 36

37 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /7 INVESTIMENTO CASSA AUTOMEZZO = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE DEBITO VERSO BANCA INVESTIMENTO FINANZIAMENTO ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI 37

38 EQUAZIONE PATRIMONIALE: ESERCIZIO /7 INVESTIMENTO CASSA AUTOMEZZO = FINANZIAMENTO PATRIMONIO INIZIALE DEBITO VERSO BANCA INVESTIMENTO FINANZIAMENTO ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA AUTOMEZZO DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO

39 Equazione Economica: ESERCIZIO 39

40 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO 4. Il sig. Bianchi sostiene costi per 200 euro, suddivisi tra: affitto garage (100 ); Carburanti (80 ); Lubrificanti(20 ). ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI 5. Il sig. Bianchi effettua il suo primo servizio (ricavo) e incassa 300 euro. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI 40

41 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO /2 4. Il sig. Bianchi sostiene costi per 200 euro, suddivisi tra: affitto garage (100 ); Carburanti (80 ); Lubrificanti(20 ). ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA AUTOMEZZO DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO Il sig. Bianchi effettua il suo primo servizio (ricavo) e incassa 300 euro. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI 41

42 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO /3 4. Il sig. Bianchi sostiene costi per 200 euro, suddivisi tra: affitto garage (100 ); Carburanti (80 ); Lubrificanti(20 ). ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO AFFITTO CARBURANTI + 80 AUTOMEZZO LUBRIFICANTI Il sig. Bianchi effettua il suo primo servizio (ricavo) e incassa 300 euro. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI 42

43 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO /4 4. Il sig. Bianchi sostiene costi per 200 euro, suddivisi tra: affitto garage (100 ); Carburanti (80 ); Lubrificanti(20 ). ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO AFFITTO CARBURANTI + 80 AUTOMEZZO LUBRIFICANTI Il sig. Bianchi effettua il suo primo servizio (ricavo) e incassa 300 euro. ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO RICAVO DA VENDITA AFFITTO CARBURANTI + 80 AUTOMEZZO LUBRIFICANTI

44 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO /5 Sintesi & redazione Bilancio di Esercizio ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO RICAVO DA VENDITA AFFITTO AUTOMEZZO CARBURANTI + 80 LUBRIFICANTI

45 EQUAZIONE DI BILANCIO... VI RICORDATE? ATTIVITÀ = DEBITI + PATRIMONIO INIZIALE + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ - DEBITI - PATRIMONIO INIZIALE = RICAVI - COSTI STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO ATTIVITÀ DEBITI PATRIMONIO INIZIALE Utile/Perdita d es. RICAVI (+) COSTI (-) Utile/Perdita d es. 45

46 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO /6 Sintesi & redazione Bilancio di Esercizio ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO RICAVO DA VENDITA AFFITTO AUTOMEZZO CARBURANTI + 80 LUBRIFICANTI

47 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO /6 Sintesi & redazione Bilancio di Esercizio ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO RICAVO DA VENDITA AFFITTO AUTOMEZZO CARBURANTI + 80 LUBRIFICANTI

48 EQUAZIONE ECONOMICA: ESERCIZIO /7 Sintesi & redazione Bilancio di Esercizio ATTIVITÀ = PASSIVITÀ DEBITI + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI CASSA DEBITO VERSO BANCA PATRIMONIO NETTO RICAVO DA VENDITA AFFITTO AUTOMEZZO CARBURANTI + 80 LUBRIFICANTI

49 Equazione Patrimoniale & Mastri 49

50 EQUAZIONE DI BILANCIO, CONTI & VARIAZIONI 50

51 EQUAZIONE DI BILANCIO, CONTI & VARIAZIONI VARIAZIONI FINANZIARIE VARIAZIONI ECONOMICHE DI CAPITALE VARIAZIONI ECONOMICHE DI REDDITO ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI 51

52 EQUAZIONE DI BILANCIO, CONTI & VARIAZIONI VARIAZIONI FINANZIARIE VARIAZIONI ECONOMICHE DI CAPITALE VARIAZIONI ECONOMICHE DI REDDITO ATTIVITÀ = DEBITO + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ Banca = PASSIVITÀ Debiti v/fornitori + PATRIMON Capitale Sociale + RICAVI Ricavi da vendita - COSTI Merci c/acquisti DARE AVERE DARE AVERE DARE AVERE DARE AVERE DARE AVERE ( + ) ( - ) ( - ) ( + ) ( - ) ( + ) ( - ) ( + ) ( + ) ( - ) AUMENTO DIMINUZIONE DIMINUZIONE AUMENTO DIMINUZIONE AUMENTO RETTIFICHE AUMENTO AUMENTO RETTIFICHE 52

53 PARTITA DOPPIA /2 - ESEMPIO 1) 1) ESEMPIO di registrazione: a) «Acquisto, in contanti, materie prime per 100 Euro» «Si evidenzino i saldi dei conti» ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ 53

54 PARTITA DOPPIA /2 - ESEMPIO 1) 1) ESEMPIO di registrazione: a) «Acquisto, in contanti, materie prime per 100 Euro» «Si evidenzino i saldi dei conti» ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ Banca = PASSIVITÀ Debiti v/fornitori + PATRIMONIO Capitale Sociale + RICAVI Ricavi da vendita - COSTI Materie prime c/acquisti DARE AVERE DARE AVERE LEGENDA: 54

55 PARTITA DOPPIA /2 - ESEMPIO 1) 1) ESEMPIO di registrazione: a) «Acquisto, in contanti, materie prime per 100 Euro» «Si evidenzino i saldi dei conti» ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ Banca = PASSIVITÀ Debiti v/fornitori + PATRIMONIO Capitale Sociale + RICAVI Ricavi da vendita - COSTI Materie prime c/acquisti DARE AVERE DARE AVERE 100 (a) (a) LEGENDA: 55

56 PARTITA DOPPIA /3 - ESEMPIO 2) 2) ESEMPIO di registrazione: a) «Acquisto, con pagamento differito, materie prime per 100 Euro» b) «Viene saldato il fornitore di materie prime» «Si evidenzino i saldi dei conti» ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ Banca = PASSIVITÀ Debiti v/fornitori + PATRIMONIO Capitale Sociale + RICAVI Ricavi da vendita - COSTI Materie prime c/acquisti DARE AVERE DARE AVERE DARE AVERE LEGENDA: 56

57 PARTITA DOPPIA /3 - ESEMPIO 2) 2) ESEMPIO di registrazione: a) «Acquisto, con pagamento differito, materie prime per 100 Euro» b) «Viene saldato il fornitore di materie prime» «Si evidenzino i saldi dei conti» ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ Banca = PASSIVITÀ Debiti v/fornitori + PATRIMONIO Capitale Sociale + RICAVI Ricavi da vendita - COSTI Materie prime c/acquisti DARE AVERE DARE AVERE DARE AVERE 100 (a) (a) 100 LEGENDA: 57

58 PARTITA DOPPIA /4 - ESEMPIO 2) 2) ESEMPIO di registrazione: a) «Acquisto, con pagamento differito, materie prime per 100 Euro» b) «Viene saldato il fornitore di materie prime» «Si evidenzino i saldi dei conti» ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + PATRIMONIO + RICAVI - COSTI ATTIVITÀ Banca = PASSIVITÀ Debiti v/fornitori + PATRIMONIO Capitale Sociale + RICAVI Ricavi da vendita - COSTI Materie prime c/acquisti DARE AVERE DARE AVERE DARE AVERE 100 (b) (b) (a) (a) LEGENDA: 58

59 S.P. - C.E. & FLUSSI DI CASSA I flussi di cassa corrispondono ai movimenti in entrata e in uscita di moneta (immediati o differiti). Insieme allo S.P. e al C.E. costituiscono i tre documenti che raffigurano la gestione aziendale nei suoi tre aspetti fondamentali: 1) Aspetto PATRIMONIALE - Attività - Passività - Patrimonio Netto 2) Aspetto ECONOMICO - Costi d esercizio - Ricavi d esercizio 3) Aspetto MONETARIO - Entrate - Uscite (Riguarda: Investimenti & Finanziamenti) (Riguarda: - una quota dei Finanziamenti = Utile/perdita d es.) - Vendite & Acquisti) (Riguarda: i Flussi Monetari in entrata e in uscita) 59

60 S.P. - C.E. & FLUSSI DI CASSA /2 PROPRIETARI / SOCI (Patrimonio iniziale) TERZI FINANZIATORI (Debiti M/L termine) + + FORNITORI (Debiti) + CLIENTI (Crediti) CASSA e/o BANCA - BENI STRUMENTALI COSTI RICAVI REDDITO D ESERCIZIO (Utile/Perdita) + 60

61 CONTATTI Milano-Bicocca University Via Bicocca degli Arcimboldi, 8 (MI) Tel /7576 Fax Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo 61

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE A cura di Chiara Morelli LE AZIENDE DI PRODUZIONE L attività economica di produzione di beni e servizi è svolta da unità economiche denominate Aziende di produzione o Imprese.

Dettagli

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, febbraio 2013 Le operazioni di investimento pluriennale: gli accadimenti e l alienazione

Dettagli

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo 9b. Scritture di interazione e rettifica Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, Febbraio 2015 Le scritture di integrazione e rettifica.. CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI. ATTIVITÀ PASSIVITÀ APPLICAZIONE

Dettagli

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA SCHEDA 6 La gestione aziendale Gli obiettivi didattici Conoscere il concetto di gestione Conoscere fonti di finanziamento ed elementi del patrimonio Saper classificare le operazioni di gestione Saper classificare

Dettagli

Le operazioni di finanziamento

Le operazioni di finanziamento Le operazioni di finanziamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ DI TERZI PROPRIO Il reperimento delle risorse finanziarie Per acquistare i fattori produttivi l impresa necessita di risorse monetarie. Dove reperirle?

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Introduzione al corso di Economia ed Organizzazione aziendale. anno accademico 2007-2008

Introduzione al corso di Economia ed Organizzazione aziendale. anno accademico 2007-2008 Introduzione al corso di Economia ed Organizzazione aziendale anno accademico 2007-2008 1 Gli organi sociali A. Assemblea dei soci B. Organo amministrativo C. Collegio sindacale modello tradizionale (sul

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA CORSO CONTABILITA GENERALE E DEL PERSONALE I.T.C PIAGGIA VIAREGGIO Non si può gestire un azienda e redigere il bilancio senza tenere una contabilità. La contabilitàgenerale

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI FINALITA DELLA DINAMICA DEI MEZZI 1) Evidenziazione delle dinamiche economico-aziendali 2) Rappresentazione della composizione patrimoniale dell impresa 3) Determinazione

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE Dott. Sacchi Enrica sacchien@yahoo.it 20 ottobre 2011 Ragioneria Generale e Applicata - La contabilità generale 1 Scritture Contabili Come detto, le

Dettagli

2. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE

2. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE 2. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE 1 Scritture Contabili Come detto, le scritture contabili possono essere suddivise nei seguenti raggruppamenti: I. scritture di costituzione dell azienda;

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI

DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE CDL IN SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE PROF. GIANLUCA GIRONE A.A. 2011/2012 DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI 1 FINALITA DELLA DINAMICA DEI MEZZI 1) Evidenziazione

Dettagli

Scritture di costituzione dell azienda. I. scritture di costituzione dell azienda; 2. CONTABILITA GENERALE. Scritture Contabili

Scritture di costituzione dell azienda. I. scritture di costituzione dell azienda; 2. CONTABILITA GENERALE. Scritture Contabili 2. CONTABILITA GENERALE Scritture Contabili Come detto, le scritture contabili possono essere suddivise nei seguenti raggruppamenti: I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE Dott. Antonio Rizzuto antonio.rizzuto@uniurb.it

Dettagli

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO & AMMORTAMENTO

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO & AMMORTAMENTO OPERAZIONI DI INVESTIMENTO & AMMORTAMENTO Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, 31 gennaio 2012 Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE CONTABILITA GENERALE 15 REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI E SCRITTURE DI COSTITUZIONE 3 novembre 2006 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 Contabilità Generale

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

Premessa. Esercitazione. Calcolo del reddito nel Conto del reddito. Calcolo del reddito nel Conto del capitale e nel Conto del reddito

Premessa. Esercitazione. Calcolo del reddito nel Conto del reddito. Calcolo del reddito nel Conto del capitale e nel Conto del reddito Sul calcolo del reddito di fine periodo: riflessioni di base 1 INDICE: Premessa Esercitazione Calcolo del reddito nel Conto del capitale Calcolo del reddito nel Conto del reddito Calcolo del reddito nel

Dettagli

LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI. Finanziamento Investimento Produzione Vendita

LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI. Finanziamento Investimento Produzione Vendita LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI La vita delle aziende si realizza attraverso una sequenza di operazioni e processi, svolti da soggetti diversi e con modalità diverse, coordinati tra loro per il raggiungimento

Dettagli

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SI TRATTA DI RINVIARE AL FUTURO O AI FUTURI ESERCIZI COSTI E RICAVI CHE HANNO GIA AVUTO NEL PRESENTE O NEI PASSATI ESERCIZI LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA, MA

Dettagli

7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO 7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, 10 febbraio 2012 La valutazione delle rimanenze finali CONTO ECONOMICO COSTI Acquisto merci RICAVI Merci c/rim.finali ATTIVITÀ

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

IL CONTO (1 ) + cassa - cassa. Motivi: Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti

IL CONTO (1 ) + cassa - cassa. Motivi: Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti IL CONTO (1 ) Dare CASSA Avere + cassa - cassa Motivi: ❿ ❿ ❿ Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti Motivi: ❿ ❿ ❿ Rimborso finanziamento Acquisti per contanti Pagamento debiti 1

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Sistema di rilevazione: economicità, bilancio, indici di bilancio Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Agenda delle prossime lezioni Equilibrio

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

Corso di Ragioneria generale e applicata

Corso di Ragioneria generale e applicata Scuola di Economia Laurea Triennale in Economia aziendale Corso di Ragioneria generale e applicata A.A. 2013-2014 Prof.ssa Francesca Maria Cesaroni 1 1 CONTABILITA 1 LA CONTABILITA GENERALE 1. Le scritture

Dettagli

La contabilità generale

La contabilità generale La contabilità generale III classe ITC Prof. Luigi Trojano 1 Struttura SIA integrato SIA integrato Sottosistema Contabile raccoglie e coordina le informazioni riguardanti le operazione di gestione interna

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

MANIFESTAZIONE NUMERARIA

MANIFESTAZIONE NUMERARIA LA PARTITA DOPPIA Oggetto del corso di contabilità sono le rilevazioni contabili effettuate con il metodo della Partita Doppia applicata al sistema del reddito. I principi su cui si fonda la Partita Doppia

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA 1 IL SISTEMA DEL CAPITALE E DEL RISULTATO ECONOMICO I FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE SONO RAPPRESENTATI

Dettagli

Lo schema di rilevazione. +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci

Lo schema di rilevazione. +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci Lo schema di rilevazione +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci +/- costi acquisto +/- costi acquisto/utilizzo + costi d utilizzo + ricavi della produzione +/- ricavi di vendita/produzione

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Esercitazione sul bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONCETTI

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 05, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

Esercitazione sul bilancio

Esercitazione sul bilancio Esercitazione sul bilancio 03 2012-2013 Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI

INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI Indice Immob. Nette 33.441.797 Capitale proprio 21.779.334 153,548% Indice di autonomia patrimoniale 21.779.334 77.740.030 28,016% Indice di copertura delle immobilizzazioni

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it è disponibile un semplice ed utilissimo software sull analisi di bilancio predisposto dall autore in vendita

Dettagli

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011 La costituzione delle spa I finanziamenti dei soci 23 marzo 2011 1 le fonti di finanziamento Possono essere a titolo di: capitale proprio o di rischio (patrimonio netto) capitale di debito o di terzi (passività)

Dettagli

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Comunicato stampa Documento Allegato

Comunicato stampa Documento Allegato Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano - MI ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa Documento Allegato Stato patrimoniale consolidato Si

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RIFORMA FEDERALISTA E ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI CONTABILITÀ E BILANCIO PUBBLICI Torino, maggio 2013 MASTER in Management delle Aziende Pubbliche e delle Aziende

Dettagli

CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE

CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE ANTICIPI DA CLIENTI 1) ANTICIPI PER MERCI E/O MATERIE PRIME 2) ANTICIPI DA CLIENTI PER SERVIZI IN DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA PASSIVO CORRENTE Nel caso

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 09 05.03.2014 Il rendiconto finanziario nel nuovo OIC 10 Aggiornamento principi contabili Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Aggiornamento

Dettagli

I processi di finanziamento (segue)

I processi di finanziamento (segue) I processi di finanziamento (segue) Finanziamenti a titolo di capitale + capitale proprio Finanziamenti a titolo di credito + debiti a breve e a lungo termine Realizzi derivanti dalle vendite di prodotti/servizi

Dettagli

IL FABBISOGNO FINANZIARIO

IL FABBISOGNO FINANZIARIO IL FABBISOGNO FINANZIARIO Gli indicatori dell economicità aziendale sono: - l equilibrio economico dell esercizio (EEE); - l adeguata potenza finanziaria (PF). In particolare, si parla di adeguata potenza

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

L analisi di. bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

L analisi di. bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved L analisi di bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, Marzo 2015 Il bilancio di esercizio e la sua analisi Una lettura «consapevole» del bilancio

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

ANALISI QUANTITATIVA E QUALITATIVA DEL CAPITALE IN SEDE DI COSTITUZIONE DI AZIENDA

ANALISI QUANTITATIVA E QUALITATIVA DEL CAPITALE IN SEDE DI COSTITUZIONE DI AZIENDA ANALISI QUANTITATIVA E QUALITATIVA DEL CAPITALE IN SEDE DI COSTITUZIONE DI AZIENDA IL CAPITALE LORDO IN SEDE DI ISTITUZIONE FASI DELL ISTITUZIONE: PROGETTO: PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ, LOCALIZZAZIONE, CAPITALI

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SI TRATTA DI RINVIARE AL FUTURO O AI FUTURI ESERCIZI COSTI E RICAVI CHE HANNO GIA AVUTO NEL PRESENTE O NEI PASSATI ESERCIZI LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA, MA

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: LE RILEVAZIONI. Prof. Giovanni Frattini

CONTABILITA E BILANCIO: LE RILEVAZIONI. Prof. Giovanni Frattini CONTABILITA E BILANCIO: LE RILEVAZIONI Prof. Giovanni Frattini 1 Dal capitolo 3 - Le rilevazioni. La rilevazione delle variazioni di esercizio e dei connessi valori numerari. Il ciclo acquisti; Il ciclo

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

Cifre che parlano. Come il linguaggio delle cifre può raccontare, ai superiori, lo stato dell Istituto

Cifre che parlano. Come il linguaggio delle cifre può raccontare, ai superiori, lo stato dell Istituto Cifre che parlano Come il linguaggio delle cifre può raccontare, ai superiori, lo stato dell Istituto come presentarle come farle capire come spiegare una situazione problematica Roma Febbraio 2010 come

Dettagli

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi finanziaria: i flussi di cassa I flussi di cassa: le 4 aree gestionali Il flusso di cassa della gestione corrente I flussi

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto **

I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto ** Corso di Analisi di bilancio. A. A. 2012/2012 Ricerca personale I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto ** Salvatore Marcianò **Il Docente non interviene nell elaborazione delle

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA 1 CONOSCERE PER DECIDERE I soggetti coinvolti nella vita dell azienda hanno il diritto e il dovere di conoscere le condizioni del suo svolgimento,

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO RAMO FINANZIARIO: coinvolge le grandezze finanziarie: denaro, crediti e debiti di varia natura, sia di funzionamento che di finanziamento.

Dettagli

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile.

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile. NOTA DI RICLASSIFICAZIONE Come si evince dai prospetti di bilancio, l'azienda è proprietaria di un appezzamento di terreno: per il 50% è adibito ad uso industriale, mentre la restante parte ha destinazione

Dettagli

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI CHIUSURA GENERALE DEI CONTI Una volta effettuate le scritture di assestamento per la determinazione della competenza economica dei costi e dei ricavi, si procede all'epilogo dei conti al "Conto del Risultato

Dettagli

Economia Aziendale. Lezione 1

Economia Aziendale. Lezione 1 Economia Aziendale Pagina 2 Contenuto didattico Le operazioni di gestione Il sistema delle rilevazioni contabili Lo strumento principale per le rilevazioni contabili: il conto La rilevazione tra sistema

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria prof. Stefano Pedrini Rendiconto Finanziario GIA-L03 Analisi dei flussi di cassa Attraverso l analisi dei flussi di cassa (o del cash flow) è possibile

Dettagli

Il capitale F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI

Il capitale F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI Il capitale Lo svolgimento degli esercizi richiede le seguenti conoscenze: immobilizzazioni; disponibilità; liquidità; capitale netto; debiti di finanziamento; debiti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Rozzano (MI), 27 Marzo 2012, h.17.20

COMUNICATO STAMPA Rozzano (MI), 27 Marzo 2012, h.17.20 COMUNICATO STAMPA Rozzano (MI), 27 Marzo 2012, h.17.20 Il Consiglio di Amministrazione di Biancamano Spa, riunitosi in data odierna, comunica che, a seguito di rettifiche e riclassifiche intervenute successivamente

Dettagli

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO Esercizio n 1: Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2006 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2007

Dettagli

Prospetto del reddito (valore della produzione) t 1. Prospetto del capitale di funzionamento 31/12 /t 1

Prospetto del reddito (valore della produzione) t 1. Prospetto del capitale di funzionamento 31/12 /t 1 Prospetto del reddito e del capitale (I anno) Prospetto del reddito (valore della produzione) t 1 Costi di apporto prodotti 100.000 Costo acquisto materie 50.000 (Rimanenze finali materie) (25.000) Costo

Dettagli

Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo.

Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo. Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo. 2 - Bilancio Consolidato al Prospetti contabili consolidati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

professoressa: SPALLINI

professoressa: SPALLINI ECONOMIA E COMMERCIO corso: E-N A cura di: Anna Rita GIANDOMENICO professoressa: SPALLINI BILANCIO DI ESERCIZIO: documento imposto all azienda per la rendicontazione di tipo fiscale, richiesto anche dalla

Dettagli