Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre"

Transcript

1 Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Quadro normativo Prof. Ing.

2 Rischio Rischio: valutazione del danno legato a fenomeni di pericolo cui è associata una forte componente d aleatorietà Nel rischio idraulico gli eventi calamitosi che producono il danno di piena sono eventi rari, d intensità molto variabile, che di volta in volta possono produrre danni di entità diversa Si esprime questa estrema variabilità degli eventi calamitosi sotto forma di distribuzione di probabilità (in termini di tempo di ritorno) di una variabile che caratterizza l evento (es. portata al colmo Q c ) Il danno dipende anche dall entità dei beni esposti a rischio che possono essere distrutti o danneggiati (vulnerabilità) Il danno di piena è sempre legato alla presenza nella zona soggetta a piene di beni deteriorabili cui la società attribuisce un valore economico, oppure di esseri umani che potrebbero trovarsi in pericolo pag. 2

3 Rischio Formula di Varnes 1 R = P C V Fattori che determinano il rischio P, pericolosità o probabilità dell evento (es. portata al colmo di piena Q c ) C, valore dei beni esposti nell area soggetta all evento V, vulnerabilità o frazione del valore del bene che viene distrutta dall evento (funzione di Q c ) 1 Varnes et al., Landslide hazard zonation a review of principles and practice, IAEG Commission on Landslides, UNESCO, Paris, 1984 INSPIRE (Infrastructure for Spatial Information in Europe) D2.8.III.12 Data Specification on Natural Risk Zones (Technical Guidelines) Figure 1 pag. 3

4 Rischio Percezione: consapevolezza del verificarsi ineluttabile di eventi calamitosi e delle possibili conseguenze arrecate Previsione: capacità di valutazione delle caratteristiche di tali eventi e della vulnerabilità del territorio Prevenzione: messa in atto di interventi di mitigazione Interventi strutturali (opere idrauliche) Interventi non strutturali (vincoli urbanistici e piani di protezione civile) Preannuncio: prevedere con congruo anticipo il verificarsi degli eventi calamitosi, al fine di mettere in atto azioni di mitigazione pag. 4

5 Normativa italiana previgente Legge 183/89 e successivi decreti attuativi pag. 5

6 Legge 183/89 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Delega prevalentemente alle Regioni la gestione delle acque Classifica i bacini idrografici e identifica la Autorità competenti Le Autorità di Bacino hanno compiti di coordinamento degli interventi considerando i bacini come ecosistemi unitari Il coordinamento è basato sulla redazione di Piani di Bacino Decreto Legislativo n. 180 del 11/06/1998 (decreto «Sarno»), poi Legge 267/1998 Redazione dei Piani Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Individuazione e perimetrazione delle aree a rischio idrogeologico Misure di salvaguardia Interventi di difesa (strutturali e normativi) Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29/09/1998 Norme per la perimetrazione delle aree a rischio idrogeologico pag. 6

7 Autorità di Bacino - Legge 183/89 pag. 7

8 Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Autorità di Bacino del Fiume Tevere (ABT) pag. 8

9 Criteri per la mappatura del rischio Autorità di Bacino del Fiume Tevere Adotta la formula di Varnes per la definizione di rischio Stabilisce i seguenti scenari di pericolosità Alta probabilità d inondazione, T 50 anni fascia di pertinenza fluviale Moderata probabilità d inondazione, 50 < T 200 anni aree di naturale laminazione delle piene Eventi eccezionali, 200 < T 500 anni zona di allertamento ed evacuazione della popolazione Associa alla pericolosità la tipologia di inondazione Diretta, inondazione rapida per tracimazione di sponde o argini con velocità di deflusso elevate Indiretta, inondazione per rigurgito, es. a valle di argini non tracimati, basse velocità Marginale, velocità e tiranti bassi, nessun pericolo per le persone pag. 9

10 altezza d acqua (m) Criteri per la mappatura del rischio Autorità di Bacino del Fiume Tevere Inondazione marginale velocità (m/s) pag. 10

11 Criteri per la mappatura del rischio Autorità di Bacino del Fiume Tevere Fasce fluviali (costituiscono vincoli per la pianificazione territoriale) Fascia A, inondazione diretta con T 50 anni nessun insediamento Fascia B, inondazione indiretta e marginale con T 50 anni e diretta e indiretta con 50 < T 200 anni forti vincoli sugli insediamenti Fascia C, inondazione marginale con 50 < T 200 anni e diretta con 200 < T 500 anni interventi di protezione civile Fasce di rischio (definisce la priorità degli interventi) R4 rischio molto elevato, perdita di vite umane, danni gravi a edifici e infrastrutture R3 rischio elevato, problemi per l incolumità delle persone, inagibilità di edifici e infrastrutture R2 rischio medio, nessun problema per l incolumità delle persone, danni minori agli edifici e infrastrutture R1 rischio moderato, danni marginali al patrimonio pag. 11

12 pag. 12

13

14 Normativa europea in materia di acque Direttiva 2000/60/CE pag. 14

15 DIRETTIVA 2000/60/CE Istituisce in Europa un quadro omogeneo per la protezione delle acque (riduzione dell inquinamento, miglioramento ambiente acquatico, promuovere utilizzo idrico sostenibile, contribuire a mitigare gli effetti delle inondazioni e della siccità) Obiettivi 1. Ampliare la protezione delle acque, sia superficiali che sotterranee 2. Raggiungere lo stato di buono per tutte le acque entro il 31 dicembre Gestire le risorse idriche sulla base di bacini idrografici indipendentemente dalle strutture amministrative 4. Procedere attraverso un azione che unisca limiti delle emissioni e standard di qualità 5. Riconoscere a tutti i servizi idrici il giusto prezzo che tenga conto del loro costo economico reale 6. Rendere partecipi i cittadini delle scelte adottate in materia pag. 15

16 DIRETTIVA 2000/60/CE Istituisce i Distretti Idrografici (ogni stato ne definisce l Autorità Competente) Unità territoriale di riferimento per la gestione del bacino Area di terra e di mare, costituita da uno o più bacini idrografici limitrofi e dalle rispettive acque sotterranee e costiere Decreto Legislativo n 152/2006 Recepisce la 2000/60/CE Abroga la 183/1989 Prevede otto Distretti Idrografici e istituisce per ciascuno di essi l Autorità Distrettuale Legge 13/2009 (Misure straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione dell ambiente) Nell attesa della piena operatività delle Autorità di Distretto demanda l adozione dei piani di gestione ai Comitati Istituzionali delle Autorità di Bacino di rilievo Nazionale, integrati dai componenti designati dalle Regioni il cui territorio ricade nel distretto a cui si riferisce il piano pag. 16

17 DIRETTIVA 2000/60/CE Distretti Idrografici Padano ( km 2 ) Alpi orientali ( km 2 ) Appennino settentrionale ( km 2 ) Sardegna ( km 2 ) Appennino centrale ( km 2 ) Sicilia ( km 2 ) Appennino meridionale ( km 2 ) pag. 17

18 Normativa europea sulle alluvioni Direttiva 2007/60/CE pag. 18

19 DIRETTIVA 2007/60/CE Disciplina la gestione del rischio di alluvioni (non inclusa fra gli obiettivi della direttiva 2000/60/CE) Obiettivo Ridurre le conseguenze negative per la salute umana, l ambiente, il patrimonio culturale, le attività economiche e le infrastrutture, connesse con le alluvioni Fasi di attuazione (requisiti minimi) 1. Valutazione preliminare rischio alluvioni (art. 4) Individuazione zone a rischio potenziale di alluvioni (art. 5) 2. Mappe di pericolosità e rischio alluvioni (art. 6) 3. Piani di gestione del rischio alluvione (art. 7) 12/ / /2015 Riesame previsto ogni 6 anni pag. 19

20 Definizioni DIRETTIVA 2007/60/CE Alluvione: allagamento temporaneo di aree che abitualmente non sono coperte d acqua Inondazioni causate da fiumi, torrenti di montagna, corsi d acqua temporanei mediterranei Inondazioni marine delle zone costiere Può escludere gli allagamenti causati dagli impianti fognari Rischio di alluvione: combinazione della probabilità di un evento alluvionale e delle potenziali conseguenze negative per la salute umana, l ambiente, il patrimonio culturale e l attività economica derivanti da tale evento pag. 20

21 Fasi di attuazione DIRETTIVA 2007/60/CE 1. Valutazione preliminare del rischio di alluvioni Valutazione dei rischi potenziali Mappe di distretto idrografico con i confini dei bacini idrografici, dei sottobacini e delle eventuali zone costiere, topografia e l utilizzo del territorio Descrizione delle alluvioni avvenute in passato con notevoli conseguenze negative e con elevata probabilità di verificarsi in futuro in maniera simile Valutazione delle potenziali conseguenze negative di future alluvioni tenuto conto di (secondo le esigenze degli Stati membri) Caratteristiche idrologiche e geomorfologiche generali dei corsi d acqua Ruolo delle pianure alluvionali come aree naturali di ritenzione delle acque Efficacia delle infrastrutture artificiali esistenti per la protezione dalle alluvioni Posizione delle zone popolate e delle zone in cui insistono attività economiche Sviluppi a lungo termine compresi gli impatti dei cambiamenti climatici sul verificarsi delle alluvioni pag. 21

22 Fasi di attuazione DIRETTIVA 2007/60/CE 2. Mappe della pericolosità da alluvione Perimetrazione delle aree geografiche che potrebbero essere interessate da alluvioni secondo i seguenti scenari a) Scarsa probabilità di alluvioni o scenari di eventi estremi b) Media probabilità di alluvioni (tempo di ritorno probabile 100 anni) c) Elevata probabilità di alluvioni, se opportuno Per ogni scenario vanno indicati almeno i seguenti elementi a) Portata della piena b) Profondità delle acque o, se del caso, livello delle acque c) Velocità o portata, se opportuno pag. 22

23 Fasi di attuazione DIRETTIVA 2007/60/CE 2. Mappe del rischio di alluvioni Indicano le potenziali conseguenze negative derivanti dalle alluvioni Numero indicativo degli abitanti potenzialmente interessati Tipo di attività economiche insistenti sull area potenzialmente interessata Impianti che potrebbero provocare inquinamento accidentale in caso di alluvione e aree protette potenzialmente interessate Altre informazioni utili dagli Stati membri Aree in cui possono verificarsi alluvioni con elevato volume di sedimenti trasportati e colate detritiche Informazioni su altre notevoli fonti di inquinamento pag. 23

24 Fasi di attuazione DIRETTIVA 2007/60/CE 3. Piani di gestione del rischio di alluvioni Definiscono gli obiettivi appropriati e le misure (in ordine di priorità) per il loro raggiungimento, per la gestione dei rischi in termini di riduzioni della pericolosità e delle conseguenze negative Costi e benefici Portata della piena e vie di deflusso delle acque Zone con capacità di espansione delle piene, come le pianure alluvionali naturali Obiettivi ambientali art. 4 della 2000/60/CE Gestione del suolo e delle acque Pianificazione e utilizzo del territorio Conservazione della natura Navigazione e infrastrutture portuali Riguardano la prevenzione, comprese il preannuncio di alluvione e il sistema di allertamento nazionale Possono promuovere pratiche sostenibili di uso del suolo, migliorare le azioni di ritenzione delle acque, nonché l'inondazione controllata pag. 24

25 Normativa italiana sulle alluvioni D.Leg. 49/2010 per il recepimento della Direttiva alluvioni 2007/60/CE pag. 25

26 Recepimento della Direttiva Alluvioni in Italia Decreto Legislativo n. 49 del 23/02/2010 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni Misure transitorie (art. 13 della 2007/60/CE) Ciascuna fase può essere saltata se si può dimostrare che è già stata effettuata analoga attività prima del 22/12/ relativi elaborati coerenti con i requisiti fissati nella norma (art. 4, 6 e 7) Riesame previsto ogni 6 anni I riesami tengono conto del probabile impatto dei cambiamenti climatici sul verificarsi di alluvioni pag. 26

27 Competenze D.Leg. 49/2010 L'adozione dei Piano di Gestione del Rischio Alluvioni (PGRA) compete alle Autorità Distrettuali Le Regioni, in coordinamento tra loro e con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, provvedono, per il Distretto Idrografico di riferimento, alla predisposizione ed all'attuazione del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale Le Autorità Distrettuali sono competenti in materia di valutazione preliminare del rischio e individuazione delle aree potenzialmente a rischio, della redazione delle mappe di pericolosità e rischio e dei piani di gestione pag. 27

28 Definizioni a confronto Direttiva 2007/60/CE Alluvione: allagamento temporaneo di aree che abitualmente non sono coperte d acqua Inondazioni causate da fiumi, torrenti di montagna, corsi d acqua temporanei mediterranei Inondazioni marine delle zone costiere Può escludere gli allagamenti causati dagli impianti fognari Rischio di alluvione: combinazione della probabilità di un evento alluvionale e delle potenziali conseguenze negative per la salute umana, l ambiente, il patrimonio culturale e l attività economica derivanti da tale evento D.Leg. 23/02/2010 Alluvione: l'allagamento temporaneo, anche con trasporto ovvero mobilitazione di sedimenti anche ad alta densità, di aree che abitualmente non sono coperte d'acqua Inondazioni causate da laghi, fiumi, torrenti, eventualmente reti di drenaggio artificiale, ogni altro corpo idrico superficiale anche a regime temporaneo, naturale o artificiale Inondazioni marine delle zone costiere Esclude gli allagamenti non direttamente imputabili ad eventi meteorologici Pericolosità da alluvione: probabilità di accadimento di un evento alluvionale in un intervallo temporale prefissato e in una certa area Rischio di alluvione: combinazione della probabilità di un evento alluvionale e delle potenziali conseguenze negative per la salute umana, l ambiente, il patrimonio culturale e l attività economica derivanti da tale evento pag. 28

29 Mappe di pericolosità D.Leg. 49/2010 Evidenziano le aree in cui possono verificarsi fenomeni alluvionali con elevato volume di sedimenti trasportati e colate detritiche Contengono la perimetrazione delle aree geografiche che potrebbero essere interessate da alluvioni secondo i seguenti scenari a) alluvioni rare di estrema intensità: tempo di ritorno fino a 500 anni dall'evento (bassa probabilità) b) alluvioni poco frequenti: tempo di ritorno fra 100 e 200 anni (media probabilità) c) alluvioni frequenti: tempo di ritorno fra 20 e 50 anni (elevata probabilità) Per ogni scenario vanno indicati almeno i seguenti elementi estensione dell'inondazione altezza idrica o livello caratteristiche del deflusso (velocità e portata) pag. 29

30 Mappe di rischio D.Leg. 49/2010 Indicano le potenziali conseguenze negative derivanti dalle alluvioni - nell'ambito degli scenari e prevedono le 4 classi di rischio di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2/9/1998 Numero indicativo degli abitanti potenzialmente interessati Infrastrutture e strutture strategiche (autostrade, ferrovie, ospedali, scuole, ecc.) Beni ambientali, storici e culturali di rilevante interesse presenti nell'area potenzialmente interessata Distribuzione e tipologia delle attività economiche insistenti sull'area potenzialmente interessata Impianti che potrebbero provocare inquinamento accidentale in caso di alluvione Aree protette potenzialmente interessate Altre informazioni considerate utili dalle Autorità Distrettuali, come le aree soggette ad alluvioni con elevato volume di trasporto solido e colate detritiche o informazioni su fonti rilevanti di inquinamento pag. 30

31 Piani di Gestione D.Leg. 49/2010 I piani devono contenere gli elementi indicati nell'allegato I del D.Leg. 49/2010 (sostanzialmente uguale all'allegato della Direttiva 2007/60/CE) Parte A: elementi che devono comparire nel primo piano di gestione del rischio Parte B: elementi che devono apparire nei successivi aggiornamenti del piano Parte C: contenuti degli indirizzi, criteri e metodi per la redazione e l'aggiornamento dei piani Per la parte relativa al sistema di allertamento, i Piani contengono una sintesi dei contenuti dei Piani urgenti di emergenza previsti dall'art.67, co. 5, del D.Lgs. 152/2006, e tengono conto degli aspetti relativi alle attività di Previsione, monitoraggio, sorveglianza e allertamento attraverso la rete dei centri funzionali Presidio territoriale idraulico posto in essere dalle regioni e dalle province Regolazione dei deflussi attuata anche attraverso i piani di laminazione Attivazione dei piani urgenti di emergenza previsti dalla richiamata normativa vigente pag. 31

32 Recepimento della Direttiva Alluvioni in Italia pag. 32

33 Indirizzi operativi per l attuazione della DIRETTIVA 2007/60/CE Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MATTM (2013) In collaborazione con Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ISPRA Autorità di Bacino di Rilievo Nazionale pag. 33

34 Valutazione preliminare (art. 4) Il MATTM ha comunicato il 22/12/2011 alla Commissione Europea che l Italia si sarebbe avvalsa delle misure transitorie (art. 13) Elaborazione (decisa prima del 22/12/2010) di mappe della pericolosità e del rischio e definizione di piani di gestione del rischio di alluvioni conformemente alle pertinenti disposizioni della direttiva stessa Aggiornamento/predisposizione del catasto degli eventi, in cui siano rintracciabili le informazioni sulla collocazione spaziale e temporale degli eventi di piena nonché delle conseguenze avverse ad essi associati pag. 34

35 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) Aggiornamento, omogeneizzazione e valorizzazione dei PAI vigenti per raggiungere un primo livello comune a livello nazionale in cui tutte le informazioni derivabili da dati già contenuti nei vigenti strumenti di pianificazione (PAI) siano rappresentate in modo omogeneo e coerente con il D. Lgs. 49/2010 (art. 6) Soddisfare le richieste formulate nelle normative europea 2007/60/CE e italiana D.Leg 49/2010 Capitalizzare quanto ad oggi realizzato Affrontare in modo condiviso, organico ed adeguato la gestione del rischio idraulico pag. 35

36 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) 1. Verifica di completezza del reticolo idrografico e l individuazione delle eventuali integrazioni o modifiche 2. Classificazione e mappatura della pericolosità idraulica (1/2) Scenari di riferimento (tempi di ritorno), Fasce fluviali (A, B, C e eventuali sottofasce caratterizzate da h e v), Classi di pericolosità (P4, P3, P2, P1, utilizzando anche h e v) Quasi tutte le AdB hanno collegato le Fasce/Classi di Pericolosità alle Norme di Attuazione dei PAI Vincolano e definiscono gli usi compatibili sui territori perimetrati, la programmazione degli interventi ecc. pag. 36

37 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) 2. Classificazione e mappatura della pericolosità idraulica (2/2) AdB che hanno provveduto alla definizione e mappatura delle fasce fluviali Fascia A P3 (pericolosità elevata) Fascia B (o B1, B2, B3) P2 (pericolosità media) Fascia C P1 (pericolosità bassa) AdB che hanno provveduto alla definizione e mappatura della pericolosità in 4 classi P4 e P3 (molto elevata ed elevata) P3 (pericolosità elevata) P2 (media) P2 (pericolosità media) P1 (moderata) P1 (pericolosità bassa) AdB che hanno provveduto alla definizione e mappatura delle aree inondabili Aree con elevata probabilità di accadimento (30 T 50) P3 (pericolosità elevata) Aree con media probabilità di accadimento (100 T 200) P2 (pericolosità media) Aree con bassa probabilità di accadimento (200 T 500) P1 (pericolosità bassa) Le aree retro-arginali sono classificate P1, P2 o P3 dalle singole AdB e Regioni sulla base di considerazioni/dati di carattere tecnico strutturali e ove ritenuto necessario pag. 37

38 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) 3. Classificazione e mappatura del rischio (1/5) Individuare e cartografare le seguenti macro categorie 1. Zone urbanizzate con indicazione sul numero di abitanti potenzialmente interessati da possibili eventi alluvionali 2. Strutture Strategiche (ospedali e centri di cura pubblici e privati, centri di attività collettive civili, sedi di centri civici, centri di attività collettive militari) 3. Infrastrutture strategiche e principali (linee elettriche, metanodotti, oleodotti, gasdotti e acquedotti, vie di comunicazione di rilevanza strategica sia carrabili che ferrate, porti e aeroporti, invasi idroelettrici, grandi dighe) 4. Beni ambientali, storici e culturali di rilevante interesse (aree naturali, aree boscate, aree protette e vincolate, aree di vincolo paesaggistico, aree di interesse storico e culturale, zone archeologiche 5. Distribuzione e tipologia delle attività economiche insistenti sull area potenzialmente interessata 6. Zone interessate da insediamenti produttivi o impianti tecnologici, potenzialmen te pericolosi dal punto di vista ambientale, zone estrattive, discariche, depuratori, inceneritori e aree protette potenzialmente interessate pag. 38

39 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) 3. Classificazione e mappatura del rischio (2/5) Analisi del Danno semplificata, associando le categorie di elementi esposti a condizioni omogenee di Danno Potenziale (valore esposto vulnerabilità) D4 (Danno potenziale molto elevato) aree in cui si può verificare la perdita di vite umane, ingenti danni ai beni economici, naturali storici e culturali di rilevante interesse, gravi disastri ecologico ambientali D3 (Danno potenziale elevato) aree con problemi per l incolumità delle persone e per la funzionalità del sistema economico, aree attraversate da linee di comunicazione e da servizi di rilevante interesse, le aree sedi di importanti attività produttive D2 (Danno potenziale medio) aree con limitati effetti sulle persone e sul tessuto socioeconomico, aree attraversate da infrastrutture secondarie e attività produttive minori, destinate sostanzialmente ad attività agricole o a verde pubblico D1 (Danno potenziale moderato o nullo) comprende le aree libere da insediamenti urbani o produttivi dove risulta possibile il libero deflusso delle piene pag. 39

40 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) 3. Classificazione e mappatura del rischio (3/5) D4 (Danno potenziale molto elevato) Zone urbanizzate e/o interessate da attività economiche produttive di rilevante interesse categoria 1 di elementi esposti Strutture strategiche categoria 2 di elementi esposti Infrastrutture strategiche categoria 3 di elementi esposti Beni ambientali, storici e culturali di rilevante interesse categoria 4 di elementi esposti Zone interessate da attività economiche, industriali o impianti tecnologici, potenzialmente pericolosi dal punto di vista ambientale categoria 6 di elementi esposti D3 (Danno potenziale elevato) Discariche, depuratori, inceneritori categoria 6 di elementi esposti Zone omogenee presenti negli strumenti urbanistici comunali e individuati come Cimiteri, cave, discariche anche se non in esercizio Beni ambientali, paesaggistici e storico archeologici che racchiudono potenziali valori, ma non riconosciuti in termini normativi pag. 40

41 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) 3. Classificazione e mappatura del rischio (4/5) D2 (Danno potenziale medio) Zone agricole specializzate categoria 6 di elementi esposti Zone estrattive Zone omogenee presenti negli strumenti urbanistici comunali e individuati come ad esempio, verde urbano e parchi urbani, borghi rurali Infrastrutture secondarie: intese come strade secondarie, linee ferroviarie e stazioni nel caso in cui il danno non provochi l isolamento di uno o più centri urbani D1 (Danno potenziale moderato o nullo) Aree incolte o di scarso valore ambientale Aree agricole non specializzate (prati, pascoli, etc.) Aree umide (zone umide, corpi idrici, boschi igrofili, lanche e meandri abbandonati, ecosistemi sito specifici, etc.) Superfici costruite, a bassa densità di edificazione in stato di abbandono o degrado riconosciuto (il cui valore è principalmente legato alla perdita dell'elemento costruito) pag. 41

42 Mappe di pericolosità e rischio PAI (12/2013) 3. Classificazione e mappatura del rischio (5/5) Si utilizzano le classi di rischio R1, R2, R3 e R4 già definite nel D.P.C.M. del 1998 Si determinano le classi di rischio in base alla corrispondenza di pericolosità e danno potenziale Le mappe del rischio idraulico attualmente vigenti risultano di fatto valide indipendentemente da come realizzate e dalla pericolosità di riferimento Integrazioni delle singole mappe, che dovranno contenere anche il numero di abitanti potenzialmente esposti e gli impianti potenzialmente pericolosi pag. 42

43 Piano di Gestione del Rischio Alluvioni (PGRA) Distretto Idrografico dell Appennino Centrale Autorità di Bacino del Fiume Tevere (ABT) pag. 43

44 Distretto Idrografico dell Appennino Centrale Tevere, già bacino nazionale Tronto, già bacino interregionale Sangro, già bacino interregionale ƒbacini regionali del Lazio Bacini regionali dell'abruzzo ƒpotenza, Chienti, Tenna, Ete, Aso, Menocchia, Tesino e bacini minori delle Marche, già bacini regionali pag. 44

45 pag. 45

46 Mappatura della pericolosità e dl rischio (adeguamento, omogeneizzazione e/o completamento) Ambito del reticolo PAI (2006), reticolo principale Ambito del reticolo PAI aggiornato (2008), reticolo secondario dell'umbria e del reticolo di interesse in Abruzzo Ambito del Ps5 Piano di bacino stralcio metropolitano di Roma Ambito dei nuovi tratti segnalati e studiati dalle Regioni, vari tratti particolari del reticolo minore segnalati dalla regione Toscana (provincia di Arezzo), Umbria (tratti in estensione del reticolo minore), Marche (alto bacino del fiume Nera)

47

48

49

50

51 Riferimenti L. 18 maggio 1989 n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo (abrogata dall'art. 175 del D.lgs 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale D.L. 11 giugno 1998 n. 180 convertito con modifiche in legge 3 agosto 1998 n. 267 Misure urgenti per la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi nella Regione Campania DIRETTIVA 2000/60/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2000 che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque DIRETTIVA 2007/60/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 relativa alla valutazione ed alla gestione dei rischi di alluvione Barbano A., Braca G., Bussettini M., Dessì B., Inghilesi R., Lastoria B., Monacelli G., Morucci S., Piva F., Sinapi L., Spizzichino D. (2012): Proposta metodologica per l aggionamento delle mappe di pericolosità e di rischio - Attuazione della Direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi da alluvioni (Decreto Legislativo n.49/2010) ISPRA, Roma novembre 2012, rev. luglio Ministero dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare - MATTM (aprile 2013) Indirizzi operativi per l attuazione della DIRETTIVA 2007/60/CE relativa alla valutazione ed alla gestione dei rischi da alluvioni con riferimento alla predisposizione delle mappe della pericolosità e del rischio di alluvioni (Decreto Legislativo n. 49/2010) pag. 51

WATER IN THE ALPS 3 rd International Conference Preparatory Workshop n. 1: Hydrogeological risk in alpine environments (Trento, Sept.

WATER IN THE ALPS 3 rd International Conference Preparatory Workshop n. 1: Hydrogeological risk in alpine environments (Trento, Sept. Dal Piano di Assetto Idrogeologico verso il Piano di Gestione dlri del Rischio Alluvioni i Distretto Idrografico Alpi Orientali e Bacino dell Adige D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Superficie di 39.385 Km

Dettagli

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Mappatura della pericolosità e del rischio alluvionale Bacini liguri Cinzia Rossi Regione Liguria - Settore

Dettagli

Valutazione Globale Provvisoria

Valutazione Globale Provvisoria REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO Attuazione della direttiva 2007/60/CE

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale Delibera di Comitato Istituzionale n. 1 del 23 febbraio 2015 PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch.

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 Pagina 1 1 PREMESSA... 4 2 PROGRAMMA DI AZIONE PRIMA... 5 2.1 AZIONI

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

La pianificazione del rischio nella Provincia autonoma di Trento: oltre il P.G.U.A.P. Padova 15 novembre 2012. Provincia autonoma di Trento

La pianificazione del rischio nella Provincia autonoma di Trento: oltre il P.G.U.A.P. Padova 15 novembre 2012. Provincia autonoma di Trento Procedure di consultazione e partecipazione pubblica del Piano di gestione del rischio di alluvioni La pianificazione del rischio nella Provincia autonoma di Trento: oltre il P.G.U.A.P. Padova 15 novembre

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI MEDIO TAGLIAMENTO

ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI MEDIO TAGLIAMENTO ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI MEDIO TAGLIAMENTO Via Roma, 27 33094 Pinzano al Tagliamento (PN) mail erminio.barna@inwind.it pec erminio.barna@pec.it ALL AUTORITA DI BACINO DEI FIUMI ALTO ADRIATICO Cannaregio,

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque Legge regionale n.11, 29 aprile 2015 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di 1 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Legge

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 6. Schema di riferimento per le attività di reporting

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 6. Schema di riferimento per le attività di reporting Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Schema di riferimento per le attività di reporting

Dettagli

AAUTORITA DEI BACINI DI RILIEVO REGIONALE DELL ABRUZZO

AAUTORITA DEI BACINI DI RILIEVO REGIONALE DELL ABRUZZO AAUTORITA DEI BACINI DI RILIEVO REGIONALE DELL ABRUZZO E DEL BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME SANGRO IN AU ATTUAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI DI ALLUVIONI IPOTESI DI VALUTAZIONE GLOBALE PROVVISORIA DEI PRINCIPALI

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio

Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio Eva Trasforini Fondazione CIMA eva.trasforini@cimafoundation.org Vi racconto qualcosa di me Ho un TOT di anni

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Rischio Idrogeologico AZIONI PER L INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE R e l a z i o n e Ing. A. Castellini Dott. R. Chiesa Dott. V. Piro Sommario: 1. Premessa 2. Il Piano

Dettagli

Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale

Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale Con il patrocinio di Relatore: Antonio Rusconi, Ingegnere, Gruppo 183, Roma L alluvione del novembre 1966 nel Distretto Nord-Orientale

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

1. CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE E NON IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI

1. CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE E NON IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI 1. CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE E NON IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI Introduzione L'art 22 del D.Lgs 22/97, come modificato dal decreto legislativo 8 novembre 1997, n. 389, prevede

Dettagli

DALLE MAPPE DI PERICOLOSITA E RISCHIO AL PIANO DI GESTIONE DEL RISCHIO DI ALLUVIONE

DALLE MAPPE DI PERICOLOSITA E RISCHIO AL PIANO DI GESTIONE DEL RISCHIO DI ALLUVIONE DALLE MAPPE DI PERICOLOSITA E RISCHIO AL PIANO DI GESTIONE DEL RISCHIO DI ALLUVIONE Dott. Tommaso Simonelli Bolzano 22 novembre 2013 via Garibaldi, 75-43100 Parma - tel. 0521 2761 www.adbpo.it Una rappresentazione

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015 REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 Oggetto: Comune di Olbia - Proposta di variante al P.A.I. ai sensi dell art. 37, comma 3 lett. B delle N.A. del P.A.I., per le aree di pericolosità idraulica

Dettagli

Progetto di Piano di gestione del rischio di alluvioni Relazione sulle mappe di pericolosità e rischio idraulico

Progetto di Piano di gestione del rischio di alluvioni Relazione sulle mappe di pericolosità e rischio idraulico Progetto di Piano di gestione del rischio di alluvioni Relazione sulle mappe di pericolosità e rischio idraulico Allegato n.2 alla Deliberazione del Comitato Istituzionale n.1 del 18/12/2014 Documento

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015 COMITATO ISTITUZIONALE Oggetto: Direttiva 2007/60/CE D.Lgs.49/2010 Valutazione e gestione dei rischi di alluvioni Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del distretto idrografico della Regione Autonoma

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Fabbisogno di infrastrutture idriche e priorità Giorgio Pineschi

Fabbisogno di infrastrutture idriche e priorità Giorgio Pineschi Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 12 aprile 2013 Fabbisogno di infrastrutture idriche e priorità Giorgio Pineschi Le norme di settore in materia di acque 1976

Dettagli

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Autorità di Bacino dei fiumi Liri Garigliano e Volturno Distretto Idrografico Appennino

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL RISCHIO ALLUVIONI

PIANO DI GESTIONE DEL RISCHIO ALLUVIONI CONVEGNO NAZIONALE ACQUA DI QUALITA E SICUREZZA IDRAULICA PIANO DI GESTIONE DEL RISCHIO ALLUVIONI Monica Guida - Servizio Difesa del Suolo, della Costa e Bonifica Maurizio Mainetti - Agenzia Regionale

Dettagli

Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche

Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche All. VII, parti A e B, punto 8 della Direttiva 2000/60/CE e All. 4, parti A e B, punto 8, alla Parte Terza del D.Lgs.

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Il programma di lavoro per l aggiornamento del Piano di Gestione delle Acque del distretto idrografico del fiume Serchio Indice I. Inquadramento normativo e procedurale II. I contenuti del Piano oggetto

Dettagli

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation convenzione delle alpi Methodologies and best practices for the participation of the stakeholders involved in flood risk prevention Metodologie e buone prassi per il coinvolgimento degli stakeholder er

Dettagli

Piano Stralcio Rischio Idrogeologico Il rischio 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO. 3.01 Il Rischio. Piano di emergenza provinciale 8

Piano Stralcio Rischio Idrogeologico Il rischio 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO. 3.01 Il Rischio. Piano di emergenza provinciale 8 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO idrogeologico comprende sia il Rischio idraulico che il Rischio da frana. L Ente competente, nel territorio della Provincia di Avellino, a valutare i pericoli derivanti dalle

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto Regolamento attuativo del Decreto del Ministero del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, recante la

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

La rigenerazione territoriale. Taranto: ambiente, sicurezza, sviluppo sostenibile

La rigenerazione territoriale. Taranto: ambiente, sicurezza, sviluppo sostenibile per il rilancio e il sostegno delle costruzioni nel Mezzogiorno RIGENERAZIONE URBANA E RISCHIO STRUTTURALE La rigenerazione territoriale. Taranto: ambiente, sicurezza, sviluppo sostenibile Dott.ssa Geol.

Dettagli

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua La Direttiva Europea Alluvioni : verso una gestione del rischio idraulico in ambito montano - Bolzano, 21-22 Novembre 2013 La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale D. Fossati D.G. Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Valutazione e gestione

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI La Legge 225/1992 Istituzione del servizio nazionale della protezione civile (modificata ed integrata dalla Legge 100/2012 Disposizioni urgenti per il riordino

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

3 INDICAZIONI DEL PPGR PER LA LOCALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO TERMICO

3 INDICAZIONI DEL PPGR PER LA LOCALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO TERMICO Provincia di Torino Microlocalizzazione Impianto di Termovalorizzazione della Zona sud 3 INDICAZIONI DEL PPGR PER LA LOCALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO TERMICO 3.1 IL METODO DI MICROLOCALIZZAZIONE

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

Piano di Gestione Rischio Alluvioni

Piano di Gestione Rischio Alluvioni Unit of Management: Bacino Regionale della Liguria (ITR071) Proposta di Piano di Gestione Rischio Alluvioni decreto legislativo 152/2006 direttiva 2007/60/CE decreto legislativo 49/2010 decreto legislativo

Dettagli

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele Per la Previsione e Prevenzione dei Grandi Rischi Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele PIANO STRAORDINARIO PER LA RIMOZIONE DELLE SITUAZIONI A RISCHIO PIÙ ALTO contenente L INDIVIDUAZIONE E LA PERIMETRAZIONE

Dettagli

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N.

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. Pag. 1 su 10 MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. 398, COSI' COME MODIFICATO ED INTEGRATO DALLA LEGGE DI CONVERSIONE 4 DICEMBRE 1993, N. 493 - VINCOLO DI NON

Dettagli

12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive)

12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive) 12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive) Gli atti di tipo politico - amministrativo utilizzati nel piano sono rappresentati da norme e da direttive: NORME DI ATTUAZIONE - Atti a contenuto

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC

PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC 137 PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC VALENZA TRASNAZIONALE DEL MODELLO DI GOVERNANCE DELLE RISORSE IDRICHE NELL AMBITO DELL ADP TRA LE REGIONI BASILICATA, PUGLIA E LO STATO 139 PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC:

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI dano le competenze e le conoscenze professionali richieste. S impegnano ad assicurare l equilibrio fra i sessi e una rappresentanza adeguata dei gruppi etnici e minoritari del Paese. 3. Gli Stati Parte

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli