START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013"

Transcript

1 MAP START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013 L approfondimento analizza le rilevanti novità apportate dal D.L. 76/2013 alla disciplina delle start up innovative con una particolare attenzione alle agevolazioni fi scali per gli investitori ed a quelle relative all utilizzo di strumenti fi nanziari come forma di remunerazione. La disciplina agevolativa della start up innovative è stata introdotta nel corso del 2012 con il D.L. 18/10/2012, n. 179 (convertito con modifi cazioni nella L. 17/12/2012, n. 221) ma recentemente è stata rinnovata con l approvazione del D.L. 28/06/2013, n. 76 (convertito nella L. 09/08/2013, n. 99), anche conosciuto come il Decreto Lavoro. Quest ultimo ha apportato una serie di rilevanti modifi che atte a rendere maggiormente applicabile la normativa in oggetto, ampliando di fatto la platea dei soggetti che possono fruire delle agevolazioni. Come precisato dal legislatore nel D.L. 179/2012, le disposizioni erano state introdotte con diverse fi nalità tra cui favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico, la nuova imprenditorialità e l occupazione (in particolare modo giovanile), con riguardo alle start up innovative. L obiettivo era anche contribuire allo sviluppo di una nuova cultura d impresa attraverso la creazione di un ecosistema più favorevole all innovazione, promuovendo altresì la mobilità sociale ed attraendo dall estero capitali, imprese innovative e competenze. 16

2 In questo approfondimento, oltre ad analizzare le caratteristiche ed i requisiti qualifi canti delle start up innovative, ci focalizzeremo in particolare sui benefi ci fi scali e sulle altre agevolazioni relative agli strumenti fi nanziari utilizzabili per queste tipologie di imprese. Si tralascerà volutamente, invece, l analisi delle altre agevolazioni in materia di rapporto di lavoro subordinato nonché in tema di raccolta del capitale di rischio in quanto non oggetto del presente approfondimento. La norma istitutiva prevede innanzitutto che la start up innovativa sia una società di capitali di diritto italiano (eventualmente anche costituita in forma di cooperativa) o una Societas Europaea: nella prima categoria rientrano quindi le S.p.A., le S.a.p.A., le S.r.l. costituite anche in forma di cooperativa. La seconda invece è una tipologia di società che può essere costituita nell Unione Europea e che non applica norme di costituzione e gestione nazionali ma un regime unico e specifi co. La start up innovativa deve inoltre essere residente in Italia secondo quanto previsto dall art. 73, TUIR: per la maggior parte del periodo d imposta, quindi, la società deve avere nel territorio dello Stato, oltre alla sede legale o alla sede dell amministrazione o ancora all oggetto principale, anche la sede principale dei propri affari ed interessi. Nella Circolare 11/2013 Assonime specifi ca che questa condizione è verifi cata quando il luogo presso cui vengono svolte le principali funzioni amministrative, gestionali e strategiche è situato in Italia. Infi ne, è necessario che le azioni o le quote rappresentative del capitale sociale di queste società non siano quotate su mercati regolamentati o su sistemi multilaterali di negoziazione. Sul punto Assonime, nella Circolare 11/2013, ha ritenuto non in contrasto con questo specifi co requisito l emissione e la relativa quotazione di titoli di debito come, ad esempio, le obbligazioni per le S.p.A.. Nel novero delle start up innovative rientrano anche quelle a vocazione sociale ossia società che, oltre ad avere i requisiti soggettivi ed oggettivi (di cui si dirà in seguito), svolgono anche la propria attività in via esclusiva nel seguenti settori di utilità sociale: 17

3 - assistenza sociale; - assistenza sanitaria e socio-sanitaria; - educazione, formazione ed istruzione; - formazione extrascolastica fi nalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica ed al successo scolastico e formativo; - formazione universitaria o post-universitaria; - tutela dell ambiente e dell ecosistema; - valorizzazione del patrimonio culturale; - turismo sociale; - ricerca ed erogazione di servizi culturali; - servizi strumentali alle imprese sociali resi da enti composti in misura superiore al 70% da organizzazione che esercitano un impresa sociale. A questa particolare tipologia di start up sono riservati ulteriori agevolazioni che meglio approfondiremo nel prosieguo dell articolo. Oltre ai profi li soggettivi, è opportuno soffermarsi anche sui requisiti obbligatori e su quelli alternativi che necessariamente devono essere presenti nelle start up innovative. Come anticipato in premessa, il D.L. 76/2013 ha apportato signifi cative modifi che alla disciplina originaria del D.L. 179/2012, con effetti specifi ci proprio per entrambe le categorie di requisiti. a) Requisiti obbligatori Le società che vogliono usufruire della disciplina agevolativa devono contemporaneamente: - avere come oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione o la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico; - essere costituite e svolgere l attività di impresa da non più di 48 mesi; - non essere costituite mediante operazioni straordinarie, quali fusioni, scissioni o a fronte di cessioni di aziende o di rami di esse; - non distribuire e non aver mai distribuito utili; - a partire dal secondo anno di attività, non avere un valore della produzione annua (risultante dall ultimo bilancio approvato entro 6 mesi dalla chiusura dell esercizio) superiore a 5 milioni di euro. 18

4 Nella previgente versione del D.L. 179/2012 era presente un ulteriore requisito obbligatorio: la maggioranza delle quote o azioni rappresentative del capitale sociale e dei diritti di voto in assemblea ordinaria dei soci doveva essere detenuta da soci persone fi siche sia al momento della costituzione sia per i successivi 2 anni. Nell ottica, come detto, di rendere più fruibile questa disciplina agevolativa, il Legislatore ha abrogato questa disposizione ampliando, di fatto, l accesso alla normativa anche a quelle società partecipate da soci diversi dalle persone fi siche. b) Requisiti alternativi Anche questa tipologia di requisiti è stata oggetto di modifi ca ad opera del Decreto Lavoro. Quelli attualmente in vigore, che devono essere presenti alternativamente tra loro a testimonianza della vocazione innovativa della start up, sono i seguenti: - avere sostenuto spese di ricerca e sviluppo uguali o superiori al 15% del maggior valore tra il costo o il valore totale della produzione; - impiegare, sia come dipendenti sia come collaboratori a qualsiasi titolo: - in misura uguale o superiore ad 1/3 della forza lavoro complessiva, personale (inclusi, secondo Assonime, gli amministratori della società) che stia svolgendo o che sia già in possesso di un titolo di dottorato di ricerca presso un Università italiana o straniera, oppure che sia in possesso di un laurea ed abbia svolto da almeno tre anni attività di ricerca certifi cata presso istituti di ricerca pubblici o privati (indifferentemente se in Italia o all estero); - in misura uguale o superiore ai 2/3 della forza lavoro complessiva, personale in possesso di una laurea magistrale; - essere titolare, depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa ad un invenzione industriale, biotecnologica, ad una topografi a di prodotto a semiconduttori o ad una nuova varietà vegetale o, ancora, essere titolare dei diritti relativi ad un software originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i software (ossia presso la Siae), purché direttamente afferenti all oggetto sociale ed all attività d impresa. Relativamente alle spese di ricerca e sviluppo, ben identifi cate dall art. 2426, co. 1 n. 5, c.c., e dall OIC 24, è opportuno precisare che devono risultare dall ultimo bilancio approvato e, in caso di primo anno di attività, la loro sussistenza sarà attestata da una dichiarazione del legale rappresentante della società. In questa categoria di costi ri- 19

5 entrano anche le spese per lo sviluppo del business plan, per la sperimentazione e per la prototipazione, i costi per i servizi di incubazione presso incubatori certifi cati, i costi per consulenti e personale interno (amministratori e soci inclusi) impiegati in attività di ricerca e sviluppo ed infi ne le spese legali per la registrazione e la protezione di proprietà intellettuale, termini e licenze d uso. c) Iscrizione al Registro Imprese Ulteriore requisito per poter benefi ciare delle disposizioni agevolative inerenti le start up innovative consiste nell iscrizione in una apposita sezione speciale del Registro Imprese, perfezionabile attraverso la presentazione di una apposita istanza (in formato elettronico), nonché fornendo una autocertifi cazione del possesso dei requisiti sopra analizzati a fi rma dal legale rappresentante. Proprio su quest ultima certifi cazione è intervenuta una modifi ca apportata dal Decreto Lavoro 2013: per le società già costituite alla data di entrata in vigore della norma ossia il 19 dicembre 2012 (vedasi a tal proposito il successivo paragrafo 3), è stato eliminato il riferimento al termine di 60 giorni, scadenza entro cui, nella versione ante modifi che, l autocertifi cazione sarebbe dovuta essere prodotta. Il mantenimento dei requisiti dovrà inoltre essere oggetto di specifi ca attestazione entro 30 giorni dalla data di approvazione del bilancio o comunque entro 6 mesi dalla chiusura di ciascun esercizio. In caso di mancata ottemperanza agli obblighi di deposito esaminati o nel caso di perdita dei requisiti obbligatori ed alternativi, ne deriverà l automatica cancellazione dalla sezione speciale del Registro Imprese con conseguente venuta meno delle varie agevolazioni. 20 Analizzati gli ambiti soggettivi ed oggettivi, è necessario ricordare che la disposizione in commento dovrebbe essere operativa a decorrere dall entrata in vigore del D.L. 179/2012 (ossia il 20 ottobre 2012) ma, dal punto di vista operativo, questa si perfeziona con l iscrizione obbligatoria presso la sezione speciale del Registro Imprese tenuto presso la CCIAA. In merito invece alle agevolazioni fi scali (deduzione IRES e detrazione IRPEF) che meglio analizzeremo in seguito, si segnala che la loro attuazione è collegata all emanazione di appositi decreti attuativi, ad oggi non ancora emanati, nonché all autorizzazione della Commissione Europea (ai sensi dell art. 108 del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea) in tema di compatibilità delle agevolazioni con i principi in materia di mercato comune e di aiuti di Stato.

6 Per quanto concerne, invece, la durata delle agevolazioni per le start up innovative, questa si differenzia a seconda che si tratti di new co o di imprese già esistenti al 19 dicembre 2012 (data di entrata in vigore della L. n. 221 di conversione). Per le prime, la durata è di 4 anni dalla data di costituzione; per le seconde, invece, vi è una ulteriore articolazione: - se la start up è stata costituita tra il 20/10/2010 ed il 19/10/2012 (2 anni precedenti), le agevolazioni produrranno effetti dal 20/10/2012 al 20/10/2016 (4 anni successivi alla data di entrata in vigore del decreto); - se la start up è stata costituita tra il 20/10/2009 ed il 19/10/2010 (3 anni precedenti), le agevolazioni produrranno effetti dal 20/10/2012 al 20/10/2015 (3 anni successivi alla data di entrata in vigore del decreto); - se la start up è stata costituita tra il 20/10/2008 ed il 19/10/2009 (4 anni precedenti), le agevolazioni produrranno effetti dal 20/10/2012 al 20/10/2014 (2 anni successivi alla data di entrata in vigore del decreto). Uno degli aspetti di maggiore interesse attiene sicuramente alle agevolazioni fi scali per le start up innovative. Innanzitutto sono previste specifi che detrazioni d imposta e deduzioni dal reddito imponibile per i soggetti investitori in questa tipologia di società. Secondo il tenore letterale della norma, gli investimenti agevolati dovrebbero riguardare solo gli incrementi di capitale ma, in assenza di chiarimenti uffi ciali in merito e alla luce della ratio della norma, autorevole dottrina ha ritenuto agevolabili anche altre forme di investimento nel patrimonio netto. Per le persone fi siche che apportano capitale di rischio in start up innovative, è prevista una specifi ca detrazione d imposta esercitabile per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016 (novità del D.L. 76/2013) pari al 19% della somma investita. Nel caso in cui la società benefi ciaria operi nel settore energetico o sia qualifi cabile come start up sociale, la detrazione aumenta al 25%. L investimento può avvenire sia direttamente sia per mezzo di Organismi di investimento collettivo (Oicr) che investono prevalentemente in start up innovative. Vi sono però alcune peculiarità per questo tipo di detrazione: - l investimento effettuato nel periodo d imposta rileverà fi no all importo massimo di ; - saranno ininfl uenti le eventuali altre detrazioni spettanti al contribuente; 21

7 - in caso di imposta non capiente, la mancata detrazione potrà essere utilizzata nei tre periodi d imposta successivi. Per le persone giuridiche (società di capitali, enti commerciali o non commerciali residenti o trusts), invece, l agevolazione consiste in una deduzione dal reddito imponibile per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016 (novità del D.L. 76/2013) pari al 20% dell importo investito. Anche in questo caso, qualora la start up sia a vocazione sociale o operi nel settore energetico, la deduzione aumenterà al 27%. Inoltre, come per i soggetti Irpef, l investimento potrà avvenire direttamente oppure tramite Oicr e società che a loro volta investono prevalentemente nel settore delle start up innovative: questa disposizione è fi nalizzata a favorire l aggregazione tra imprese esistenti con obiettivi di innovazione e new co che fanno dell innovazione il loro core business. Per quanto concerne i limiti, si precisa che: - l investimento massimo deducibile non può superare per ogni singolo periodo d imposta l importo massimo di ; - non sono agevolati gli investimenti in start up (imprese o Oicr) che investono a loro volta prevalentemente in altre start up innovative. Qualora, a fronte della deduzione, dovesse generarsi o incrementarsi una perdita fi scale, Assonime ritiene che dovrebbero applicarsi le ordinarie regole di cui all art. 84, TUIR: sul punto comunque sarebbe opportuno un chiarimento uffi ciale. Inoltre, per entrambe le categorie di soggetti (persone fi siche e giuridiche), è previsto l obbligo di mantenere l investimento per almeno due anni pena la decadenza dell agevolazione con l obbligo di restituzione delle somme detratte maggiorate degli interessi legali (per le persone fi siche) o l obbligo di tassare l importo dedotto maggiorato degli interessi legali (per le persone giuridiche). Oltre alle cessioni totali o parziali della partecipazione, comportano il venire meno delle agevolazioni anche: - le distribuzioni di riserve ai soci; - le riduzioni di capitale sociale con rimborso o con annullamento dell obbligo di eseguire i versamenti ancora dovuti. Non dovrebbero invece essere assimilate alla dismissione dell investimento le riduzione di patrimonio netto per effetto di perdite d esercizio. Un altra agevolazione di carattere fi scale riguarda direttamente le start up innovative: per questa tipologia di soggetti, alla luce della specifi ca 22

8 fase di vita in cui si trovano, è prevista la non applicabilità delle disposizioni relative alle società non operative, ivi comprese le società in perdita sistematica (ai sensi del D.L. 138/2011). Si applicano invece le disposizioni di cui all art. 96, TUIR, relative all indeducibilità degli interessi passivi: se per certi versi questa disposizione potrebbe apparire particolarmente penalizzante per le start up, è altrettanto vero che risulta essere in linea con gli obiettivi del legislatore, ossia favorire l incremento degli investimenti nell equity con risorse fi nanziarie provenienti dalla compagine sociale (e non attraverso il capitale di terzi). Concludiamo in nostro approfondimento sul tema analizzando una forma di agevolazione particolarmente interessante ed innovativa: la possibilità di remunerare fornitori esterni o fi gure quali gli amministratori, i collaboratori ed i dipendenti della start up con l assegnazione di specifici strumenti fi nanziari, permettendo loro di fruire di un regime agevolato sia dal punto di vista fi scale sia dal punto di vista contributivo. Infatti, le azioni, le quote o gli strumenti fi nanziari partecipativi della start up (inclusi i diritti di opzione di sottoscrizione o acquisto), assegnati agli amministratori, ai lavoratori dipendenti ed ai collaboratori continuativi (con reddito assimilato a quello da lavoro dipendente) come forma di remunerazione per il lavoro prestato, non concorrono a formare il reddito complessivo dei percipienti al momento della loro emissione ma in quello della loro cessione. Questa agevolazione vale anche quando il soggetto emittente è direttamente controllato dalla start up. La stessa agevolazione, inoltre, è applicabile anche a favore di fornitori di prestazioni di servizi, inclusi i professionisti, i quali quindi benefi cerebbero della esenzione fi scale e contributiva per gli strumenti fi nanziari ricevuti in cambio della propria prestazione d opera. Con questa norma, di fatto, si vuole permettere alla start up di non privarsi di quelle competenze spesso essenziali per la buona riuscita del progetto ma, al tempo stesso, di non vedere infi ciata la sua stabilità economica e fi nanziaria. Come detto, la tassazione avverrà al momento della vendita delle azioni o degli altri strumenti fi nanziari ricevuti come forma di pagamento, secondo le ordinarie disposizioni. Segnaliamo infi ne che il legislatore ha previsto una serie di disposizioni anti elusive per evitare un uso distorto di questa particolare agevolazione. Il benefi cio fi scale non opererà nel caso in cui l acquirente dello strumento finanziario sia: - la stessa start up innovativa; 23

9 - la società emittente; - uno o più soggetti che direttamente controllano o sono controllati dagli stessi soggetti che hanno il controllo nella start up innovativa. 24

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato:

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: Definizione È: Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia le cui azioni

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

Siamo (ri) partiti da.

Siamo (ri) partiti da. Siamo (ri) partiti da... Piano d azione 2020 per l imprenditorialità della Commissione Europea del gennaio 2013 afferma : Per riportare l Europa sul sentiero della crescita e su più alti livelli occupazionali

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Andrea Ventura Direzione Rete Organizzativa/Unità Finanziamenti START UP INNOVATIVA:

Dettagli

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina studio ciraci - gaviraghi e associati consulenza del lavoro, aziendale e tributaria rag. antonietta ciraci dott. antonello gaviraghi fabrizia pontara consulente del lavoro consulente del lavoro consulente

Dettagli

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge.

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge. Circolare del 31 Ottobre 2012 Pag. 1 di 5 Circolare Numero 43/2012 Oggetto D.L. 179/2012 C.D. NUOVO DECRETO CRESCITA Sommario Nuove misure del governo per stimolare la crescita imprenditoriale e produttiva

Dettagli

L EQUITY CROWDFUNDING IN ITALIA: OPPORTUNITA, NORMATIVE E REGOLAMENTI INVESTITORI E PIATTAFORME DI EQUITY CROWDFUNDING: RUOLI E OPPORTUNITA

L EQUITY CROWDFUNDING IN ITALIA: OPPORTUNITA, NORMATIVE E REGOLAMENTI INVESTITORI E PIATTAFORME DI EQUITY CROWDFUNDING: RUOLI E OPPORTUNITA L EQUITY CROWDFUNDING IN ITALIA: OPPORTUNITA, NORMATIVE E Angelo Miglietta Ordinario di Economia delle Aziende e dei Mercati Internazionali presso IULM, Coordinatore del dottorato in Economics, Management

Dettagli

IMPRESE START UP INNOVATIVE

IMPRESE START UP INNOVATIVE IMPRESE START UP INNOVATIVE Il presente documento costituisce una prima sintesi che non vuole considerarsi esaustiva della nuova normativa sull Impresa startup innovativa derivata dalla conversione in

Dettagli

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S.

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S. Start up innovative, tutte le agevolazioni fiscali Una delle colonne portanti del nuovo D.L. Sviluppo è costituita dall introduzione di una nuova figura di società, le c.d. start up innovative (e i relativi

Dettagli

START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI

START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI 1 DEFINIZIONE START UP INNOVATIVE L impresa start up innovativa è la società di capitali, costituita anche in forma di cooperativa, che possiede i seguenti

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 8 febbraio 2013 LA START-UP INNOVATIVA E INCUBATORE CERTIFICATO SCADENZA 16.02.2013 Gli articoli dal 25 al 32 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito

Dettagli

Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa

Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa Le Startup innovative e gli Incubatori d impresa Il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito

Dettagli

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Incentivi Smart & Start.Iil futuro guarda alle Start-up innovative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha introdotto

Dettagli

La disciplina fiscale delle Start-up

La disciplina fiscale delle Start-up S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PER UN RILANCIO DELLE PMI: STRUMENTI, FINANZIAMENTI, MERCATI ED INCENTIVI FISCALI La disciplina fiscale delle Start-up Dott. Attilio Picolli 7 Febbraio 2013,

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

Imprese innovative Walter Rotondaro Walter Rotondaro dottore commercialista

Imprese innovative Walter Rotondaro Walter Rotondaro dottore commercialista Imprese innovative A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino 23 novembre 2012 Quadro normativo DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Articoli 25-32 in vigore dal 20 ottobre

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli

Dr. Salvatore Rosania

Dr. Salvatore Rosania Dr. Salvatore Rosania Cfo&Internazionalization Manager Cubit Cfo Kiunsys Contatti: linkedin.com/in/salvatorerosania salvatore.rosania@cubitlab.com Tel: +39 339 826 0949 Salvatore Rosania Tel.+39 339 826

Dettagli

START UP INNOVATIVE. Dr. Sabino Barbarossa. Le Start Up Innovative

START UP INNOVATIVE. Dr. Sabino Barbarossa. Le Start Up Innovative START UP INNOVATIVE Dr. Sabino Barbarossa Circolare n. 11 del 06 maggio 2013 L ASSONIME (Associazione fra le Società Italiane per Azioni), ha fornito una serie di chiarimenti con riferimento alle start

Dettagli

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1 INVESTMENT COMPACT Novità per PMI innovative Unindustria 28 aprile 2015 1 LEGGE 33/2015 Il DL 3/2015 convertito in Legge 33/2015 estende alle PMI innovative i benefici riconosciuti alle start up innovative

Dettagli

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare delle agevolazioni le start-up innovative*: a) Costituite

Dettagli

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone STARTUP SOCIALI di Carmen Morrone Sono il fenomeno dell anno: le start up innovative in Italia sfiorano quota 2mila e crescono al ritmo di una trentina a settimana. Fra queste ci sono anche quelle a vocazione

Dettagli

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali di Rita Friscolanti e Bruno Pagamici La novità Con il decreto nascono le start-up innovative, destinate a contribuire alla crescita sostenibile, alla

Dettagli

Unioncamere Emilia-Romagna

Unioncamere Emilia-Romagna Start up innovative Unioncamere Emilia-Romagna L introduzione delle start up innovative nel nostro ordinamento -Con il Dl Lavoro (DL n. 76/2013), convertito con modificazioni nella Legge 9 agosto 2013

Dettagli

La nuova nozione di start up innovativa

La nuova nozione di start up innovativa 17 Luglio 2013, ore 10:29 DL Lavoro Decreto lavoro: le novità sulle start up innovative Il Decreto-Legge n. 76 del 28 giugno 2013 (c.d. Decreto Lavoro), con l obiettivo d innescare un inversione di tendenza

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata modificata la previgente disciplina in tema di Srl minori comportando

Dettagli

RISOLUZIONE N. 87/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 87/E QUESITO RISOLUZIONE N. 87/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Agevolazioni fiscali in favore delle start-up innovative e degli incubatori

Dettagli

Definizione di start up innovativa e novità societarie

Definizione di start up innovativa e novità societarie Definizione di start up innovativa e novità societarie 11 febbraio 2013 Di Antonia Verna, Giuseppe Battaglia, Luca Gambini e Dario Morelli Q&A PER START- UP INNOVATIVE DOMANDE La start up innovativa è

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

La Startup innovativa

La Startup innovativa La Startup innovativa guida sintetica Versione 1 Uso interno alla Camera di Commercio Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove imprese dedicate all innovazione Legge n. 221 del 17 dicembre

Dettagli

La Camera di Commercio

La Camera di Commercio La Camera di Commercio Strumento per le imprese FATURAZIONE ELETTRONICA Registro Imprese C.C.I.A.A. Pordenone 28 aprile 2015 Manuela Basso DEFINIZIONE Possono assumere la qualifica PMI innovative le PMI

Dettagli

NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente)

NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente) NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente) PREMESSA Questo documento fornisce alcune indicazioni generali concernenti gli adempimenti propedeutici

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA Mattia Corbetta Segreteria tecnica del Ministro Cos è una startup? Nozione intuitiva È un impresa 1. nuova o di recente costituzione che ambisce a crescere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

Agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle start-up innovative

Agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle start-up innovative Focus di pratica professionale di Luigi Scappini Agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle start-up innovative Il D.L. n.179/12, noto come Decreto crescita bis aveva introdotto le start up innovative,

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Mattia Corbetta Ancona 12 ottobre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Le 4 colonne della politica industriale sull innovazione

Dettagli

START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO

START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO Edizione digitale de il fisco Le Guide START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO Costituzione delle start up innovative Agevolazioni fiscali Disciplina ad hoc delle perdite Costituzione e disciplina delle S.r.l.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 19 Marzo 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Start-Up innovative: le agevolazioni e gli investimenti ammessi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX Misure per la nascita

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott. STEFANO BARELLI Dott.ssa ALESSANDRA NITTI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA Avvocato

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 15/06/2015 Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a:. Regimi agevolati utilizzabili

Dettagli

STARTUPPER. Servizi di sostegno alla creazione di nuove imprese giovanili, femminili, sociali, innovative e di immigrati

STARTUPPER. Servizi di sostegno alla creazione di nuove imprese giovanili, femminili, sociali, innovative e di immigrati STARTUPPER Servizi di sostegno alla creazione di nuove imprese giovanili, femminili, sociali, innovative e di immigrati SCHEDA DI ISCRIZIONE Modulo 1 COLLOQUIO SULL IDEA IMPRENDITORIALE _l_ sottoscritt

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale

Studio Associato di Consulenza Aziendale Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

Le start-up innovative. Innovazioni in tema di Diritto societario. Avv. Andrea Messuti

Le start-up innovative. Innovazioni in tema di Diritto societario. Avv. Andrea Messuti Le start-up innovative Innovazioni in tema di Diritto societario Avv. Andrea Messuti Padova, 23 maggio 2013 Let s start up! La start-up innovativa è una società di capitali, di diritto italiano, le cui

Dettagli

DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO

DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA STARTUP INNOVATIVE ALBERTO PERONI MARTEDI 28 OTTOBRE 2014 Cosa sono le STARTUP INNOVATIVE?

Dettagli

Start-up innovativa: requisiti, tutti:

Start-up innovativa: requisiti, tutti: Gli incentivi fiscali per le start-up innovative Relazione del Dr. Luca De Stefani info@studiodestefani.com www.studiodestefani.com Start-up innovativa: requisiti, tutti: 18.10.2012, n. 179 S ocietà di

Dettagli

MANAGEMENT. Tutto quello che bisogna sapere per diventare un imprenditore di successo. Creare una start up innovativa.

MANAGEMENT. Tutto quello che bisogna sapere per diventare un imprenditore di successo. Creare una start up innovativa. Sebastiano Di Diego Creare una start up innovativa Tutto quello che bisogna sapere per diventare un imprenditore di successo MANAGEMENT FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione

Dettagli

START UP & INVESTMENT COMPACT

START UP & INVESTMENT COMPACT Focus on START UP & INVESTMENT COMPACT Marzo 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova London Paris Hamburg Brussels Manchester Munich Dusseldorf

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Borgo S. Spirito, 78 00193 Roma Tel. 0668.000.1 Fax. 0668.134.236 DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Prot. n. 2730/tdv Oggetto: AGEVOLAZIONI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI TITOLO VI TITOLO VII DISPOSIZIONI GENERALI DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Art. 41. 1. I componenti del Direttorio e tutti i dipendenti dell Istituto non possono svolgere attività nell interesse di banche,

Dettagli

La startup innovativa

La startup innovativa La startup innovativa Cosa è una startup innovativa? Entrata definitivamente a far parte del panorama imprenditoriale italiano con il Decreto Sviluppo-bis, [l]a start-up innovativa è una società di capitali

Dettagli

Le misure a sostegno delle start up e PMI innovative - Investment Compact. Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro

Le misure a sostegno delle start up e PMI innovative - Investment Compact. Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro Le misure a sostegno delle start up e PMI innovative - Investment Compact Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro Perché le startup innovative sono importanti? Diffusione di una cultura dell innovazione

Dettagli

Start-up Innovativa. Titolo presentazione

Start-up Innovativa. Titolo presentazione Start-up Innovativa Il nuovo D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 ribattezzato «Decreto Crescita 2.0» introduce una serie di misure volte a proseguire l'azione per la crescita e la competitività del Paese intrapresa

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI GUIDA AGLI ADEMPIMENTI 1 Le pratiche di iscrizione, modifica, conferma start up innovative possono essere compilate sia da Comunicafedra sia da Comunicastarweb. Per la compilazione dei vari riquadri da

Dettagli

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 9/E Lo ha chiarito Direzione Centrale Normativa Roma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Articolo 29 decretolegge 18 ottobre 2012, n. 179 Incentivi

Dettagli

DECRETO SVILUPPO. La start up innovativa: novità ed adempimenti (Polo Tecnologico di Rovereto, 21/02/2013)

DECRETO SVILUPPO. La start up innovativa: novità ed adempimenti (Polo Tecnologico di Rovereto, 21/02/2013) DECRETO SVILUPPO La start up innovativa: novità ed adempimenti (Polo Tecnologico di Rovereto, 21/02/2013) L iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese Luca Trentinaglia Conservatore del

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter aprile 2014. L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI

Fisco e Tributi. Newsletter aprile 2014. L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI Fisco e Tributi L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI Premessa Il Ministero dello Sviluppo Economico con il Decreto 26 aprile 2013 e successivamente con la pubblicazione della Guida all accesso al Fondo

Dettagli

Misure per favorire la raccolta di capitale

Misure per favorire la raccolta di capitale START-UP INNOVATIVE Misure per favorire la raccolta di capitale Dott. Paolo Caselli Dottore Commercialista Professore a contratto in Economia Aziendale Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36%

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Circolare N.137 del 19 ottobre 2011 Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla che l art.2,

Dettagli

decreto «sviluppo 2012 bis»/1

decreto «sviluppo 2012 bis»/1 Decreto «Sviluppo 2012 bis»/1 «START-UP» INNOVATIVE DISCIPLINA di Emanuele Rossi QUADRO NORMATIVO Negli ultimi mesi sono stati numerosi gli interventi legislativi volti a favorire la nascita di nuove imprese.

Dettagli

= circolare n. 7 03.12.2008

= circolare n. 7 03.12.2008 = circolare n. 7 03.12.2008 = scadenziario + 16 dicembre + pagamento ritenute, contributi INPS, imposte e l IVA relativo al mese di novembre; versamento del saldo ICI anno 2008 + 29 dicembre + versamento

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

Le agevolazioni fiscali

Le agevolazioni fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO START UP INNOVATIVE E CROWDFUNDING Le agevolazioni fiscali Cristina Erminero 17 Dicembre 2014 Oggetto dell agevolazione fiscale Soggetti passivi IRPEF DETRAZIONE

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6 Circolare Numero 16/2013 Oggetto TOBIN TAX: IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE INTRODOTTA DALLA LEGGE N. 228/2012 Sommario La legge n.228/2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Come iniziare, cosa fare e le opportunità da cogliere per una start up innovativa

Come iniziare, cosa fare e le opportunità da cogliere per una start up innovativa Come iniziare, cosa fare e le opportunità da cogliere per una start up innovativa LA START UP COME PROGETTO Dott. Fabrizio Salusest MEMBRO DELLA COMMISSIONE NAZIONALE DI STUDIO SULLA FINANZA INNOVATIVA

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri: Il 17 dicembre 2012 è stata approvata la legge di conversione (Legge 17 dicembre 2012 n. 221) del Decreto Legge n. 179 del 18 ottobre 2012 (il Decreto ) che introduce nel sistema italiano un innovativa,

Dettagli

In linea generale della disciplina di favore prevista per le start-up innovative si può

In linea generale della disciplina di favore prevista per le start-up innovative si può Circolare Clienti n. 4/2013 Milano, 4 marzo 2013 OGGETTO: DISCIPLINA DELLA START-UP INNOVATIVA 1. PREMESSA Con gli artt. 25-32 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 1, (c.d. Decreto Crescita 2.0 di seguito

Dettagli

a «vocazione sociale»

a «vocazione sociale» Le start-up innovative a «vocazione sociale» di Roberto Randazzo, Giuseppe Taffari e Paola Pellini L approfondimento Al fine di incentivare la ripresa dell economia nazionale, sono state approvate dal

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

Start-up Innovative: Dott.ssa Eleonora Briolini. Milano 19 novembre 2012

Start-up Innovative: Dott.ssa Eleonora Briolini. Milano 19 novembre 2012 Start-up Innovative: tutte le agevolazioni fiscali Dott.ssa Eleonora Briolini Milano 19 novembre 2012 Misure agevolative Le agevolazioni fiscali contenute nel D.l. 18 ottobre 2012 n. 179 ( il Decreto )

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

(D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50)

(D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50) Al via la Tobin tax sulle azioni Ipsoa.it Saverio Cinieri (D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50) Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo del MEF,

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 14 dicembre 2015 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

1. Condizioni, requisiti e deroghe

1. Condizioni, requisiti e deroghe Sommario 1. Condizioni, requisiti e deroghe INQUADRAMENTO GENERALE 1 DEFINIZIONE E REQUISITI 2 1. Forma societaria 2 1.1 Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) 3 2. Requisiti cumulativi

Dettagli

Cosa cambia per i redditi da lavoro

Cosa cambia per i redditi da lavoro Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Cosa cambia per i redditi da lavoro Slide a cura di Viviana Bertoldi 1 Sommario Atleti professionisti Borse di studio Premi Produttività Welfare aziendale

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli