la ricostruzione non decolla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la ricostruzione non decolla"

Transcript

1 Settimanale di Spedizione in Abbonamento Postale Regime libero Modena tassa riscossa, Tax percue. Autorizzazione della Filiale di Modena Poste Italiane spa a soli 0.50 in edicola 1 novembre 2013 attualità, cultura, spettacolo, musica, sport e appuntamenti ANNO XIV N. 39 la ricostruzione non decolla Roveretani protagonisti del video del brano Come un uomo, scritto dopo il sisma da Alberto Bertoli. Una canzone d amore per la nostra terra Che non si arrende malgrado l immobilità della politica. Alberto Bertoli tra i roveretani durante le riprese del video - Ph Rita Basta e Andrea Brusa nomadi a cortile - la frazione e in rivolta. Qui non li vogliamo e ricorreremo al tar. Riccardo Soragni e Horst Wein il creatore della cantera del barcellona a carpi Federica Piccinini papilloma virus: il pap test è la miglior arma

2 n 39 Libri da non perdere! Tra le righe... L Ausl scivola su una buccia di banana Storie di coraggio. 12 incontri con i grandi italiani del vino Di Oscar Farinetti Il coraggio non è soltanto superamento delle paure, forza d animo, determinazione nell agire: per come lo vedo io, se non è accompagnato da capacità di analisi, studio attento dello scenario, tenacia e predisposizione al dubbio, non è coraggio. Non c è coraggio senza rispetto, cioè senso civico, volontà di vivere in armonia con la natura e con le persone. Non c è coraggio senza senso di responsabilità: fare e rispondere di ciò che si fa. Una comunità di persone che non si prendono le proprie responsabilità è destinata al fallimento. Non c è coraggio senza amicizia: insieme ai veri amici è più facile diventare coraggiosi per affrontare un progetto. Non c è coraggio senza bontà: essere buoni significa essere giusti. (...) Non c è coraggio senza matematica: conoscere i numeri è fondamentale perché sono l indicatore più preciso in assoluto dello stato delle cose. Non c è coraggio senza il mix equilibrato di onestà e furbizia, che devono sempre convivere. Non c è coraggio senza orgoglio: per ciò che si rappresenta, per la terra, la fabbrica, il proprio lavoro, anche fosse il più umile, la famiglia, la Nazione, la storia. Nelle esperienze che vi raccontiamo non aspettatevi gesti eclatanti e clamorosi. C è leggerezza e armonia nei vignaioli che ho intervistato. C è famiglia, c è impegno, c è futuro, ma anche passato, c è l amore, c è l Italia, il mondo, c è la politica, c è la speranza. Ma c è soprattutto tanto coraggio. Oscar Farinetti è considerato oggi uno dei più grandi imprenditori italiani, un visionario trascinatore che è riuscito a diffondere e valorizzare nel mondo il Made in Italy del cibo e del vino. Nel suo nuovo libro Storie di coraggio. 12 incontri con i grandi italiani del vino, ci accompagna alla scoperta di dodici tra i più blasonati e ammirati produttori vinicoli dei nostri tempi. Un viaggio dal Nord al Sud deila penisola per raccontare le storie di donne e uomini coraggiosi che sono stati i pionieri del vino italiano, accomunati da un modello di agricoltura sostenibile, rispettoso dell ambiente ed eticamente corretto. Un viaggio nell Italia del vino, quello buono, alla scoperta di persone che parlano ancora di speranza. S e ancora qualche carpigiano avesse dubbi circa la considerazione che a Modena hanno del nostro ospedale, la vicenda delle sale operatorie inaugurate a maggio e non utilizzabili non lascia scampo a interpretazioni alternative. Poco importa che il direttore generale Azienda Usl di Modena, Mariella Martini si affretti a precisare che si scusa con la comunità carpigiana, pur avendo la consapevolezza di aver fatto il massimo per evitare ritardi, perché sono passati cinque mesi e il blocco operatorio non è ancora pronto per l uso. Nel giorno dell inaugurazione, il 31 maggio, c erano tutti: il presidente della regione Errani, l assessore regionale Lusenti, il direttore Martini insieme alle altre autorità ma tagliato il nastro è calato il sipario sulle nuove sale operatorie del Ramazzini ha commentato Cristian Rostovi (in foto) del Pdl di Carpi, sollevando la questione. Infatti i medici di Carpi sono costretti a operare nelle vecchie sale operatorie non potendo utilizzare quello che l Ausl definisce il blocco operatorio più moderno nella nostra Regione. Come mai? si chiede Rostovi. I problemi - spiega l Ausl - sono stati determinati da una grave negligenza dell impresa appaltatrice alla quale sono stati affidati i lavori perché non ha provveduto alla completa consegna di una serie di documentazioni obbligatorie indispensabili per avviare i collaudi tecnico funzionali. A questo punto è lecito chiedersi come mai si sia deciso di procedere con l inaugurazione senza avere tutte le certificazioni necessarie ma l Ausl spiega che in quella data era avvenuta la consegna dell opera, termine che sta a indicare che i lavori sono sostanzialmente completati, a meno di dettagli marginali. Dove marginale sta per secondario, trascurabile non sicuramente tale da ritardare di cinque mesi l avvio delle nuove sale operatorie. Per Rostovi è inaccettabile strumentalizzare a fini propagandistici la sanità: per far credere che in Emilia tutto si sia ripreso, si fingono inaugurazioni e tagli del nastro. La realtà è ben diversa. Ancora il direttore Martini assicura che la tabella di marcia prevede che i primi interventi chirurgici siano eseguiti all inizio del nuovo anno ma poi precisa sempre che non ci siano ulteriori imprevisti dove imprevisto sta per inconveniente, contrattempo. Sara Gelli Foto della settimana Il graffio La Iena Ogni giocatore modenese, spende euro all anno nel gioco d azzardo: 10 volte l Imu di una prima casa media! Colpa della crisi? Ha chiuso la filiale Unicredit di via Berengario Frase della settimana... Abitiamo a Panzano, mio figlio ha iniziato il primo anno al Leonardo Da Vinci a Carpi e, nel primo mese di abbonamento, ha perso la corriera 3 volte! Nell orario c è scritto 7,27: dall inizio dell anno è sempre arrivata oltre le 7,30 ma, in due casi, arrivati alla fermata intorno alle 7,22 era già passata e, proprio stamattina, non è riuscito a salire perché non c era posto. Inoltre ogni mattina l autista fa fatica a chiudere le porte e questo mi preoccupa. Non è giusto che pagato un servizio una persona debba viverlo in modo così precario. Dal portale temponews.it attualità, cultura, spettacolo, musica, sport e appuntamenti DIRETTORE RESPONSABILE Gianni Prandi CAPOREDATTORE Sara Gelli REDAZIONE Jessica Bianchi, Federica Boccaletti, Francesca Desiderio, Enrico Gualtieri, Francesca Zanni, Marcello Marchesini, Clarissa Martinelli, Chiara Sorrentino. IMPAGINAZIONE e GRAFICA Liliana Corradini PUBBLICITA Multiradio STAMPA Centro stampa delle Venezie REDAZIONE e AMMINISTRAZIONE Via Nuova Ponente, 24/A CARPI Tel Fax COOPERATIVA RADIO BRUNO arl Registrazione al Tribunale di Modena N del 9 aprile 1999 Chiuso in redazione il 30 ottobre 2013

3 n 39 3 sisma e ricostruzione La burocrazia sta uccidendo Rovereto impedendoci di andare avanti. non vediamo spiragli. Sembra che in comune non vada avanti niente e non capiamo il perché, spiegano i roveretani. Qualcuno sta perdendo le staffe A Rovereto, mentre i vecchi, completamente indifferenti, continuano a trascorrere le loro giornate al bar nella casetta di legno collocata come gli altri esercizi commerciali davanti al cimitero ( io non ho avuto danni e continuo a vivere nella mia casa. Il resto non mi interessa, anche se è da egoisti ), la gente che è alle prese con la ricostruzione della propria casa si sta perdendo d animo. E c è chi sta perdendo anche le staffe. Guardi, sinceramente, solo il fatto di sentire le persone così giù di morale, perché gli mancano i soldi per finire la spesa, fa star male. Ti lasciano un senso di amarezza e capisci che il mondo intorno a noi non è più come prima: non vedi più una persona allegra, una persona che ha voglia di sorridere, perché c è chi ha il figlio senza casa e chi è andato ad abitare a venti chilometri da Rovereto. Le persone sono tutte scontente: non ne senti nemmeno una che dica Ohh si comincia ad aggiustare qualcosa, perché se vedessero un po di ripresa si rianimerebbero un po e direbbero Beh, insomma mi ci vorrà un po di tempo ma arriverò a concludere i lavori, ma qui non si muove niente. L erba ormai è alta nei cortili delle palazzine pesantemente danneggiate dal terremoto e rimaste così da allora: la burocrazia tiene bloccato tutto quanto, perché le persone presentano progetti e pensano di poter cominciare i lavori, ma tutto va a rilento. La fruttivendola che gestisce oggi il suo esercizio in una delle casette davanti al cimitero aveva il negozio in centro, è ancora in un pezzo di via in zona rossa: tutto l arredamento è ancora là, ho la cella da andare a disfare e devo chiamare i traslocatori per portare via tutto. Poi dovrò fare i lavori ma non so nemmeno se mi conviene tornare in quella via perché non c è più niente. Due persone a spasso col cane rivelano di aver sentito già alcuni casi di persone che sono andate in escandescenza e ciò fa male. Se la prendono col sindaco e io non vorrei mai essere al suo posto in questi momenti. Non è neanche giusto prendersela sempre col sindaco perché non ha solo colpa lei. Ci sono le cose che arrivano dall alto e anche lei poveretta farà quello che può. Il paese è disastrato e manca la metà dei residenti. La gente che ha lasciato la frazione dove ha la casa inagibile e si è trasferita altrove in affitto, non è ancora rientrata spiega un altra commerciante, stiamo cercando di aiutare Rovereto a risorgere ma se non parte la ricostruzione, se i lavori vanno così a rilento, le persone si demoralizzano e si sentono abbandonate. Qui è passato il sindaco di Verona Flavio Tosi a stringere la mano e a rincuorare i roveretani che, da allora, aspettano una visita dalle istituzioni come se bastasse a rappresentare un iniezione di fiducia. All origine delle lungaggini burocratiche c è la necessità di controllare ogni singolo passaggio per evitare derive illegali nell opera di ricostruzione; inoltre, l eccezionalità dell evento sismico ha costretto gli uffici comunali ad affrontare un lavoro inedito. Le persone si sentono poco sicure - ci spiega un residente di Rovereto - nel rilasciare autorizzazioni perché hanno paura di sbagliare e di dover chiedere dopo dei compensi diversi. La burocrazia sta uccidendo Rovereto impedendoci di andare avanti, non vediamo spiragli e senza vedere qualcosa di nuovo facciamo fatica anche noi moralmente a dire: andiamo avanti. Vorremmo vedere le ricostruzioni e invece siamo molto piantati: sembra che in Comune non vada avanti nulla e non capiamo il perché. C è tanta voglia di ricominciare dobbiamo ripartire perché questo paese altrimenti muore. Sara Gelli

4 n 39 sisma e ricostruzione Roveretani protagonisti del video del brano Come un uomo, scritto dopo il sisma dello scorso anno dal cantautore Alberto Bertoli. Una canzone d amore verso la nostra terra Che non si arrende malgrado l immobilità della politica La musica che nasce dalle macerie C on un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro. E con le parole del padre, Pierangelo Bertoli, che il cantante e musicista Alberto, racconta lo spirito indomito di coloro che, pur avendo vissuto la tragedia del sisma dello scorso anno, non si sono piegati. Nè, tantomeno, arresi. Come un uomo è il titolo della canzone che il sassolese Alberto Bertoli, ha scritto per la sua terra. La nostra. Corre tra le vie di un tempo senza età, una voce che proviene da una antica dignità, tra queste macerie il silenzio spezzerà e della paura le radici brucerà. Anche se la terra tremerà lei risuonerà dentro tutta la gente, come la lezione di un papà si assicurerà di tenertelo a mente: cammina come un uomo e cadi come un uomo. Questa canzone - ci racconta - è nata da un esigenza che ho sentito crescere dentro di me. Sono emiliano e anche se la mia città non è stata messa in ginocchio dal terremoto, ho comunque voluto raccontare lo spirito che anima ciascuno di noi. La dignità, la propositività. L Emilia terremotata non si è lasciata andare al dolore: ha alzato la testa. Non si è arresa davanti al dramma e alle macerie. Alberto - che descrive il sapore, l essenza stessa dell emilianità, cantando Stai in piedi come un uomo e vivi come un uomo - ha ancora negli occhi un intervista passata dai media nei primi momenti dell emergenza. Ricordo che una giornalista chiese a un vecchietto, intento a rovistare tra le macerie della sua casa, se avesse paura. La risposta di quell uomo è stata emblematica: certo che ho paura, ma vede, noi abbiamo mandato via a calci nel culo i nazisti, ce la faremo anche stavolta. Sono quella determinazione, quell imbarazzo davanti a una becera pietà mediatica, che ho voluto raccontare, unitamente alla catena di solidarietà che il sisma ha generato. Tutti si sono Alberto Bertoli dati da fare per prestare il proprio aiuto e dare sollievo a chi non poteva rientrare in casa, racconta Alberto. E poi, come tutte le cose I roveretani durante le riprese del video - Ph Rita Basta e Andrea Brusa belle, quelle nate in punta di piedi, per caso, alle parole del cantautore si sono uniti i volti dei protagonisti: i roveretani. Dal nulla un liutaio di Rovereto, Fabio Castellini, mi ha contattato su Facebook per raccontarmi il suo progetto 5,9 Una chitarra per l Emilia. Tra le sue mani infatti, il legno dei travi caduti nei crolli delle case si trasforma, riprende vita. Suona. Ci siamo incontrati: la chitarra era bellissima, suonava e, quindi, me la sono portata in tour. Un incontro speciale che si è rivelato prezioso anche per creare il video del brano Alberto Bertoli e Fabio Castellini Come un uomo: volevo che le riprese mostrassero i cittadini e le ferite causate dal terremoto alle case, alle strade, alla piazza... Il regista Corrado Ravazzini è stato immediatamente entusiasta dell idea e, grazie a Fabio e al coinvolgimento dell Associazione onlus Tutti Insieme a Rovereto e Sant Antonio, a settembre, in una sola giornata, abbiamo girato il video. Un esperienza densa di emozione ma anche di amarezza: dalle macerie e dalla distruzione possono nascere la musica e la voglia di ripartire, più forti di prima. Vedere queste persone sorridere malgrado la desolazione in cui versa il paese ti riempie il cuore di gioia e di orgoglio. La vita continua ma, a Rovereto, dal maggio 2012, poco è cambiato. Vi sono negozi e bar dentro i container, interi quartieri fatti di moduli abitativi... ma la ricostruzione non è partita. Ci sono strade ancora chiuse, invalicabili, case puntellate che attendono di essere ristrutturate. Sono rimasto allibito di fronte a tanta immobilità. Lo Stato, che tanto esige dai suoi cittadini, dovrebbe essere più prodigo dopo una calamità come quella che ha messo in ginocchio l Emilia e la sua economia. Perchè i progetti di ricostruzione non decollano? Dov è finita la giustizia?, si domanda Alberto. Di certo la giustizia non abita quelle strade. Ormai deserte di passi. Jessica Bianchi

5 n 39 5 Nomadi a Cortile - I cittadini non ci stanno, temono degrado e furti e faranno ricorso al Tar Alta tensione a Cortile E stata una serata ad alta tensione quella dello scorso 24 ottobre a Cortile. Nella frazione, che conta poco più di mille abitanti, almeno 200 persone hanno partecipato all assemblea pubblica sul probabile trasferimento a Cortile di alcune famiglie di nomadi dopo l ordinanza di sgombero d urgenza, per motivi igienico-sanitari, dell attuale campo di via Nuova Ponente. Il sindaco Enrico Campedelli, insieme all assessore alle Politiche sociali Alberto Bellelli e al direttore generale del Comune Giordano Corradini, si è presentato all incontro - richiesto con forza dai cortilesi - per spiegare le modalità di ricollocazione delle famiglie nomadi, nel tentativo di placare le polemiche nate in seguito all individuazione, proprio nei pressi di Cortile, di due aree: un terreno in via dei Fuochi e l ex scuola. Gli amministratori hanno ricordato che già dagli Anni Novanta si era tentata più volte la strada della dismissione dell attuale campo nomadi, il quale versa ormai in una condizione di degrado estremo soprattutto a causa dei pessimi rapporti fra i nuclei familiari. Nelle intenzioni del Comune, la strada da seguire è quella che mira alla scomparsa dei campi, fonti di ben note problematiche, per arrivare a un integrazione dei sinti nella comunità attraverso progetti di lavoro nell ambito delle cooperative sociali e inserimenti graduali in soluzioni abitative in muratura, puntando all autonomia delle famiglie. Un lavoro non certo facile, considerando la complessità delle situazioni esistenti e la presenza di individui fragili (come bambini e anziani non-autosufficienti). Il primo cittadino ha anche sottolineato che queste persone sono residenti a Carpi da tre generazioni e, come tali, devono essere trattate, con diritti, doveri e regole. Inoltre, questo è un problema di tutta la città; non è, e non sarà, solo un problema di Cortile, ha commentato Campedelli. Dopo l ordinanza di due settimane fa, sono stati individuati dal Comune vari spazi in cui poter accogliere i nomadi: la casa di ospitalità ex Carretti a Carpi, l ex foresteria a Fossoli e l ex scuola di Cortile, appunto, dove, secondo gli ultimi calcoli, verrebbero collocate solo una quindicina di persone. L edificio da anni è adibito a centro di prima accoglienza - nel 2011, ad esempio, aveva ospitato dei profughi tunisini. Gli immobili di Fossoli e Cortile, tuttavia, hanno riportato danni in seguito al terremoto dello scorso anno e, quindi, necessitano di alcuni mesi di lavori; lo stabile che ha riportato lesioni meno gravi è quello di Cortile, ed è per questa ragione che è stato preso in considerazione. Alcuni cittadini presenti all assemblea hanno chiesto al sindaco perché l uso di tale struttura fosse stato negato ai cortilesi rimasti senza casa durante l emergenza del sisma. E stato loro risposto che le risorse per ristrutturarlo stanno arrivando solo ora, con l approvazione del Piano annuale della Regione Emilia Romagna per il ripristino dei beni pubblici danneggiati dal terremoto, e che tale immobile si sarebbe sistemato a prescindere dalla questione dei nomadi, perché si tratta di un centro di accoglienza utile per far fronte a molte situazioni di necessità. Bellelli ha comunque ribadito la temporaneità di queste soluzioni e di altre che potranno eventualmente emergere. Altra questione è quella del terreno in via dei Fuochi, di proprietà di alcune famiglie nomadi che, stanche delle condizioni di vita in via Nuova Ponente, si erano impegnate per uscirne. Alcuni cittadini hanno fatto presente alle autorità che il terreno è soggetto a ben quattro vincoli (ambientale, storico, paesaggistico, agricolo) e, pertanto, non edificabile; gli amministratori, pur confermando la presenza dei vincoli, hanno spiegato che il terreno verrà occupato provvisoriamente dal Comune per motivi di urgenza e ciò permetterà l installazione di roulotte e moduli abitativi, in cui andranno a vivere 36 persone. Non si tratta comunque di un esproprio, quindi la proprietà rimarrà privata, permettendo l autonomia degli allacci di acqua e luce (che saranno a carico di I cortilesi temono venga penalizzata la loro comunità che già oggi si sente abbandonata e non si è risollevata dal sisma dello scorso anno. Inoltre, i presenti all assemblea hanno contestato al sindaco di aver preso le proprie decisioni senza la partecipazione dei cittadini e hanno richiesto con forza un maggior coinvolgimento della collettività. ogni famiglia), e togliendo all Ente Pubblico l onere di provvedere alle utenze, come accade oggi nel campo di via Nuova Ponente, essendo quest ultimo un terreno comunale. Una volta superata la fase emergenziale (si è parlato di circa 12 mesi), il fondo di via Fuochi sarà ripristinato come agricolo e verranno nel frattempo studiate soluzioni caso per caso. Durante l incontro sono stati frequenti i momenti di tensione: Campedelli, Bellelli e Corradini sono stati interrotti a più riprese dai cittadini infuriati e sono volate anche parole grosse. In oltre tre ore di assemblea sono stati numerosi gli interventi di cortilesi che hanno rivolto domande (e critiche) agli amministratori. Oltre a diverse derive xenofobe, ai toni violenti ed esagitati di alcuni e a prevedibili strumentalizzazioni politiche, molti cittadini hanno espresso al sindaco preoccupazioni meritevoli di attenzione, su cui gli amministratori hanno promesso di lavorare: la paura per la sicurezza, essendo Cortile una frazione lontana da Carpi e con molte case di campagna isolate; il pericolo che si ripresentino situazioni di degrado anche nelle nuove sistemazioni; la svalutazione degli immobili della frazione; il timore che la temporaneità dichiarata dalle istituzioni si trasformi invece in una storia di trent anni come è accaduto per il campo di via Nuova Ponente. I cortilesi, poi, temono venga ulteriormente penalizzata la loro piccola comunità che già oggi si sente abbandonata e non si è ancora risollevata dal sisma dello scorso anno. Inoltre, i presenti all assemblea hanno contestato al sindaco di aver preso tali decisioni senza la partecipazione dei cittadini e hanno richiesto con forza un maggior coinvolgimento della collettività in questioni tanto delicate. E stata infine annunciata l imminente nascita di un comitato che farà ricorso contro l ordinanza al Difensore civico e al Tar, entro 60 giorni. Evidentemente la questione dei nomadi, per molti, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, l occasione per portare allo scoperto un malessere che interessa una quantità preoccupante di persone. Un esasperazione su cui bisognerà riflettere, in ogni caso. Laura Benatti

6 n 39 E in funzione dalla fine di novembre dello scorso anno l ara crematoria di San Cataldo a Modena realizzata su incarico dei Comuni di Modena e Carpi. L impianto, il primo in tutta la Provincia, aveva comportato un investimento complessivo di 2 milioni e 152mila euro completamente a carico del concessionario, un raggruppamento temporaneo di imprese (Consorzio Co&Ge di Imola, Officine Meccaniche Ciroldi di Ganaceto, Studio Ti di Rimini e Ser.Cim di Bologna) al quale è stata affidata la progettazione, la costruzione e la gestione dell impianto per 15 anni. L utilizzo della cremazione è sempre più diffuso: negli ultimi anni questa pratica è stata scelta in circa un funerale su tre a Carpi. Con l apertura della struttura si è colmata quindi una carenza sul territorio che costringeva le famiglie dei defunti a dirigersi verso Parma, Ferrara, Mantova o impianti di altre città. L ara crematoria è al servizio di tutta la Provincia, con priorità per i residenti di Modena e Carpi per i quali, quindi, non ci saranno liste d attesa. Le tariffe sono stabilite dalle Amministrazioni Comunali in T ra gli 80 e i 100 miliardi di euro all anno, il 4% del Pil: a tanto ammonta il fatturato del gioco d azzardo legale in Italia, tanto da farne la terza industria italiana. Un settore che, con 400mila slot machine a livello nazionale e una platea di 15 milioni di giocatori abituali dei quali 3 milioni a rischio e 800mila già patologici - non conosce crisi, neppure in tempi di recessione. Già, perché dietro al luccicante mondo delle sale scommesse, videpoker e gratta e vinci si nasconde spesso una realtà fatta di oscurità e spese occulte. Come i 6 miliardi di euro necessari ogni anno per curare i dipendenti da GAP, Gioco d Azzardo Patologico, detto anche ludopatia. Ma non solo: anche la criminalità organizzata è coinvolta con un giro d affari di almeno 15 miliardi l anno e diramazioni da Nord a Sud. Sembra di non poter neppure rispondere, come fece il celebre mugnaio di Potsdam: Ci sarà pure un giudice a Berlino. Pare infatti che a Roma la lobby del gioco abbia molto più peso dei tanti cittadini rovinati dal vizio, delle vite e delle famiglie distrutte. Il sospetto viene guardando Sono 22 i soggetti in cura a Carpi per patologie legate al gioco. L utilizzo della cremazione è sempre più diffuso: negli ultimi anni questa pratica è stata scelta in circa un funerale su tre a Carpi. L ara crematoria in funzione da un anno a Modena ha colmato una carenza sul territorio e ridotto i disagi L ara di San Cataldo Il nuovo forno crematorio del cimitero di San Cataldo a Modena base al tariffario nazionale e quelle applicate (circa 587 euro nel 2013) non prevedono distinzioni tra residenti e non residenti. La quota del ricavato andrà a coprire i costi di ammortamento dell investimento e ciò che rimarrà al Comune coprirà le spese per i controlli dell attività e a regime sarà destinata agli interventi nei cimiteri. Con l entrata in funzione dell ara crematoria sono stati effettuati lavori di adeguamento della Sala del Commiato, è stata migliorata l area per la dispersione delle ceneri (oltre a San Cataldo è disponibile anche quella di Collegara), realizzate le urne cinerarie comuni. L impianto di cremazione che la ditta Ciroldi Spa ha installato presso il cimitero di San Cataldo a Modena risulta particolarmente attento agli aspetti ambientali: grazie all adozione di un sistema di abbattimento delle emissioni inquinanti in atmosfera tecnologicamente avanzato, infatti, sono garantite concentrazioni degli inquinanti al di sotto dei limiti previsti dalla autorizzazione alle emissioni rilasciata dalla Provincia. L impianto, inoltre, è adatto al trattamento di feretri dal peso medio di chilogrammi, con la possibilità di trattare feretri fuori misura senza particolari accorgimenti: la camera di cremazione ha dimensioni interne di 2,7 metri di lunghezza e 0,99 di larghezza 0,99. L impianto prevede il recupero dell energia termica che deriva dalle cremazioni, consentendo di risparmiare gas metano per il riscaldamento degli ambienti del centro di cremazione. L impianto di cremazione di San Cataldo è attivo dal lunedì al sabato e le prenotazioni sono raccolte telefonicamente da Ser. Cim srl (tel. 059/ dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 16, al sabato solo dalle 8,30 alle 15. La conferma avviene con mail o fax. A Carpi sta nascendo una rete che cercherà di contrastare il dilagare del gioco d azzardo. Tra i primi impegni assunti dai promotori, quello di contribuire alla raccolta firme per una proposta di legge che possa regolamentare il settore, concedendo agli enti locali più poteri Non giocarti il futuro alla multa di 98,5 miliardi comminata alle dieci società concessionarie delle slot, ammenda progressivamente ridotta sino ad appena 611 milioni. Non solo: il Parlamento ha modificato la normativa rendendo ancor più semplice aprire una sala slot ed eliminando i vincoli di distanza da luoghi sensibili, quali scuole ed edifici di culto. Ma se a Roma si piange, a Carpi non si ride. Sono ben 18 le sale scommesse attive in città, dieci delle quali hanno aperto i battenti negli ultimi 4 anni, con un picco di 6 nuove entrate nel Ancora, sono circa 162 i bar che hanno videopoker al proprio interno e, anche se Il numero delle cremazioni a Carpi Il 40% dei defunti viene cremato Il Consiglio comunale, lo scorso giugno, ha approvato il nuovo Regolamento per la attività funebri, necroscopiche, cimiteriali e di Polizia mortuaria il quale regola anche la gestione delle cremazioni. Nella nostra città sfiora ormai il 40% il numero di cremazioni sul totale dei decessi. Nel 2013, dal 1 gennaio al 30 settembre, a Carpi sono stati celebrati 574 funerali, di cui 230 con cremazione. sulle tabaccherie non esistono stime, la possibilità di imbattersi in un ulteriore occasione di gioco esiste anche per chi si reca ad acquistare una marca da bollo. D altra parte ammonta a euro l anno la spesa pro-capite per il gioco d azzardo in Regione, con 70mila anziani, giovanissimi e stranieri tra le categorie maggiormente L obiettivo è quello di far in modo che i loculi che si liberano via via nei luoghi di sepoltura possano essere utilizzati come spazi per le urne cinerarie. Ricordiamo poi che la dispersione delle ceneri nel territorio comunale è consentita nei seguenti interessate. Una montagna di denaro che ha fatto registrare un incremento del 67% tra le imprese specializzate nel settore, attive in Provincia di Modena, nel corso dell ultimo anno. Alla faccia di crisi economica, terremoto e capannoni vuoti. Se l aspetto economico è interessante, quello del disagio psichico non è da meno: sono 22 i soggetti in cura a Carpi e 9 a Mirandola, per un totale di 31 persone affette da patologie legate al gioco. Si tratta, luoghi: a oltre 200 metri da centri abitati o insediamenti produttivi; in aree private all aperto, con il consenso dei proprietari, purchè fuori dai centri abitati; in fiumi nei tratti liberi da manufatti e da natanti e all interno dei cimiteri nelle apposite aree. Sono 18 le sale scommesse attive in città, 10 delle quali hanno aperto negli ultimi 4 anni, con un picco di 6 nuove entrate nel Sono 162 i bar con videopoker. come sottolinea Pierangelo Bertoletti, psicologo del Servizio dipendenze dell Area Nord, prevalentemente di individui di sesso maschile e di mezza età, coinvolti soprattutto in gioco alle slot, on-line e gratta e vinci. Ma non ci si faccia illudere dai numeri, relativamente bassi rispetto al giro d affari. Il trend è in aumento esponenziale spiega Bertoletti e le persone che si rivolgono a noi sono soltanto una minima parte. Il Sert, infatti, viene associato a tipi di dipendenze, come quelle da sostanze stupefacenti o alcol, ancor più stigmatizzati. In realtà, come ha illustrato l esperto nel corso di un incontro pubblico per creare una rete di sensibilizzazione rispetto al gioco d azzardo tenutasi nella serata di lunedì scorso presso la Casa del Volontariato, le consulenze richieste, soprattutto dai familiari dei giocatori, ovviamente preoccupati dalla situazione alla quale assistono, sono molte di più. Alla riunione, promossa da Focolarini, Fondazione Cassa di Risparmio, Fondazione Casa del Volontariato e Libera, hanno partecipato vari esponenti della società civile tra i quali membri di Azione Cattolica, Cooperativa sociale Il Mantello e Cgil ed esponenti della politica locale. Tra questi ultimi anche il consigliere Paolo Gelli (Pd) che ha illustrato la sua interrogazione sul tema effettuata la settimana scorsa in Consiglio Comunale, insieme a Maria Grazia Lugli (Pd), Cristian Rostovi (Pdl) e al presidente del Consiglio, Giovanni Taurasi (Pd). La neo coordinatrice della Cgil carpigiana Giulia Moretti ha sottolineato come crisi economica e aumento del gioco d azzardo siano correlati: ci si affida alla fortuna perché i canali tradizionali sembrano non tenere più. Per il disoccupato, il cassintegrato di lungo periodo, la casalinga o il pensionato che vedono diminuire il loro potere d acquisto, la tentazione di giocarsi il presente, (venendo meno le aspettative del futuro che sino a qualche anno fa immaginavano e avevano lavorato per progettare) diventa un pericolo. C è poi il rischio di finire nella rete degli strozzini o di finanziarie senza scrupoli, che poi spesso applicano tassi usurai Continua a pagina 7

7 Ma gli animali vanno in paradiso?. E la domanda che ha posto il figlio di un amica quando è morto il mio micino Camillo, a luglio, a soli 5 mesi a causa di una grave malattia. Gli piaceva Camillo, era un gattino bellissimo, buono, tutto fusa e pastine, faticava a immaginare di non rivederlo più. Il tema, al di là dell aspetto prettamente religioso, resta interessante. Un animale domestico oggi è trattato come un componente della famiglia. Il 42% degli italiani ne possiede uno. Sono ben 45 milioni i cani, gatti, conigli, criceti e altri animali da affezione che vivono in ambienti confortevoli insieme a chi li Sono 45 milioni i cani, gatti, conigli e altri animali da affezione che vivono insieme a chi li ha adottati. Il guaio è che la loro vita media è assai piu breve di quella umana e arriva il drammatico momento in cui occorre occuparsi delle loro spoglie n 39 Trattamento delle spoglie degli animali domestici morti: a Medolla c è un agenzia di servizi che può ritirare anche i resti a domicilio, si occupa della cremazione e consegna le ceneri da conservare Gli animali vanno in paradiso? ha adottati. Il guaio è che la loro vita media è assai piu breve di quella umana e arriva il drammatico momento in cui occorre occuparsi delle loro spoglie. I cimiteri per animali sono pochi in Italia: nel bolognese, ad esempio, si trova Il Riposo di Snoopy a Grizzana Morandi; ampie aree verdi e alberate in cui riposano oltre mille cani, gatti e altri animaletti da compagnia tra fotografie, nomi, giocattoli e fiori. Per le sepolture nel proprio giardino privato, non tutti i regolamenti comunali sono uguali e chi lo fa, spesso, non lo comunica. A Carpi, ad esempio, Aimag gestisce i resti di cani, gatti e altri animali da affezione sia portati dai loro proprietari che dai veterinari che se ne fanno carico. Finiscono in Aimag anche gli animali morti segnalati e rinvenuti su strade, investiti dalle auto. Presso la sede di via Watt (per Carpi- Novi-Soliera) è presente un impianto di transito. In un apposito congelatore a pozzo vengono conservati i resti degli animali e su un registro sono indicati la tipologia di animale (cane, gatto, ecc), la razza, il peso, 7 la provenienza (chi lo ha consegnato o dove è stato trovato). L Ausl conduce sopralluoghi per la verifica dell impianto. Periodicamente i resti vengono mandati a un impianto di trattamento/trasformazione, autorizzato. Le tariffe: fino a 10 chili: 20,15 euro + Iva; fino a 30 chili: 45 + Iva, fino a 50 chili: 70,95 + Iva, sopra i 50 chili: 1,37 euro al chilo + Iva. Per chi vuole un servizio personalizzato, ma chiaramente più costoso, esiste anche la possibilità di far cremare singolarmente il proprio animale. A Medolla, ad esempio, c è un agenzia di servizi che può ritirare anche l animale a domicilio, si occupa della cremazione e consegna le ceneri da conservare. La risposta sul paradiso degli animali resta un mistero: di certo, però, non sono pochi coloro che preferirebbero incontrare post mortem il cane o il gatto con cui hanno trascorso anni di coccole e reciproco affetto anziché qualche avido parente serpente... Clarissa Martinelli Continua da pagina 6 a loro volta. Sul versante delle mafie la situazione non è più rosea: tra i 166 indagati e i 57 arrestati in un indagine portata avanti la scorsa estate dalla DDA di Napoli contro il Clan dei Casalesi e, in particolare, mirata al contrasto del gioco d azzardo, scommesse illegali e truffe, 41 e 13 persone sono risultate residenti in Provincia di Modena. Il fatto che a Carpi e sul territorio stia dunque nascendo Non giocarti il futuro! una rete che cercherà di contrastare il dilagare del gioco nella società, non può che essere una notizia positiva. Tra i primi impegni assunti dai promotori, quello di contribuire alla raccolta firme per una proposta di legge che possa regolamentare con più efficacia il settore, concedendo agli enti locali più poteri in tal senso. Fissato anche un incontro pubblico, il 14 dicembre, con Don Armando Zappolini, portavoce della campagna nazionale Scommetti che smetti. E, ancora, si farà uno Slotmob nei due bar che, in città, hanno rinunciato ad avere slot-machine al proprio interno. Nella speranza che queste scintille diano origine a un incendio capace di illuminare le persone, nella consapevolezza che affidare alla sorte il proprio futuro non è certo il modo migliore per assicurarsene uno degno di questo nome. Martedì 5 novembre, presso la Sala Congressi, a partire dalle Consegna dei diplomi dell Itis Gloria Cattani, dirigente dell Itis Martedì 5 novembre, presso la Sala Congressi di viale Peruzzi, a partire dalle 20.30, si svolgerà la cerimonia di consegna dei diplomi conseguiti dagli studenti dell Itis Leonardo da Vinci nell anno scolastico 2012/13. Sarà anche l occasione per presentare le modalità di assegnazione della borsa di studio intitolata alla dirigente prematuramente scomparsa Maria Capone. Durante la serata verranno inoltre consegnate le borse di studio istituite dall associazione Lapam e destinate alle migliori tesine d esame delle quattro specializzazioni e alla migliore studentessa dello scorso anno. Sarà inoltre presentata l iniziativa dei Maestri del Lavoro rivolta alle scuole superiori della Provincia di Modena. All incontro parteciperanno rappresentanti delle istituzioni locali, del Comitato Tecnico-Scientifico dell Itis e del mondo del lavoro. I lettori ci scrivono Gentile Redazione vorrei raccontarvi la disavventura che mi è accaduta ieri sera, giovedì 24 ottobre, presso la stazione dei treni di Modena. Mi domando come possa essere possibile impiegare tre ore per percorrere 15 chilometri, Modena - Carpi appunto, per tornare a casa. Il convoglio delle 21 è stato cancellato e Nemmeno nel Terzo Mondo vi sono treni simili io e gli altri pendolari siamo riusciti a lasciare la stazione solamente dopo le 23,30. Io avevo con me la mia Graziella, forse facevo prima se tornavo a casa in sella alla bici. Pare non ci fosse il capotreno e sono riusciti a reperirne uno solamente dopo le 23, ovviamente tutto Via Catellani Parcheggi selvaggi durante la Messa Ancora non si conoscono i tempi di recupero del Tempio di San Nicolò pesantemente danneggiato dal terremoto. Nella chiesa, di proprietà del Comune di Carpi, la volta e il campanile sono pericolanti e le colonne portanti sono state pesantemente danneggiate. La Santa Messa viene celebrata nei locali dell Oratorio a cui si accede dal cortile che si affaccia su via Catellani. Il sentiero che conduce al cortile è disseminato di buche e, quando piove, diventa impraticabile e pericoloso per chi è a piedi o in bicicletta. Basterebbe spargere della ghiaia per risolvere la situazione ci riferisce una signora che frequenta la Parrocchia. Inoltre, potendo approfittare del vicino Meccano a due piani per parcheggiare non si capice perchè le auto debbano invadere, anche solo parzialmente, il prato della vicina area verde. senza un minimo di assistenza. Un mio compagno di sventura è dovuto andare a cercare il macchinista in tutta la stazione per chiedere spiegazioni. Non ci è stato messo a disposizione nemmeno un autobus sostitutivo: siamo allo sbando più completo. Io sono un pendolare e, spesso, vi sono ritardi senza poi contare che i treni sono pietosi dal punto di vista igienico e maleodoranti. Vi invito a fare una prova: prendere il trenino che da Modena raggiunge Baggiovara. Nemmeno nel terzo mondo si vede un treno simile... Dario

8 n 39 Niente più ricoveri e convalescenze lunghe e dolorose: oggi si può risolvere il problema del russamento mediante il laser, in anestesia locale e in assenza di sanguinamento. Terminato l intervento, si torna subito a casa, come ci spiega il dottor Antonio Trichini, medico chirurgo specialista in Otorinolaringoiatria Smettere di russare è possibile? A ognuno di noi è capitato di russare di tanto in tanto, ma se il fenomeno si presenta di frequente, può influenzare la qualità del nostro sonno oltre a infastidire chi ci dorme accanto. Ma perché si russa? E possibile smettere? Lo abbiamo chiesto al dottor Antonio Trichini, medico chirurgo, specialista in Otorinolaringoiatria. La roncopatia o, più semplicemente, la patologia del russare, viene contemplata tra i disturbi del sonno, non solo di quello del partner ma anche del russatore stesso che - ignaro degli scompensi psico-fisici cui va incontro - difficilmente si rivolge al medico per correre ai ripari. Poco si sa delle conseguenze negative che il russamento procura. Chi russa presenta un maggior rischio di disturbi cardiaci, circolatori e neurologici (aumento della pressione arteriosa e polmonare, crisi ipertensive, aritmie cardiache, infarti ed emorragie cerebrali). A cosa è imputabile il russamento? Il russamento avviene a causa del difficoltoso passaggio dell aria attraverso le prime vie aeree durante il sonno. La conseguenza è la vibrazione, nell inspirazione, del palato molle e delle strutture vibratili. Più sono ridotte le vie aeree più difficile diventa la respirazione durante il sonno fino a trasformarsi in apnea Antonio Trichini Il 30% della popolazione con più di 30 anni russa. Salendo con l età la percentuale arriva a 40%. notturna. La maggior parte delle persone non considera il russamento una patologia bensì un difetto da sopportare con rassegnazione e quindi non si rivolge al medico. E vero, è molto più facile che una persona si rechi del medico spinta dalle conseguenze del disturbo: sonnolenza diurna, persistenti cefalee, scarsa concentrazione, deambulazione difficoltosa, aritmie e ipertensione. Quali sono i fattori che favoriscono il russamento? Le cause e i fattori aggravanti sono vari: condizioni anatomiche particolari come l ipertrofia dei turbinati o dell ugola, l avanzare dell età, il sovrappeso, le allergie, il setto nasale deviato, fumo e alcol. Come si diagnostica una roncopatia? A diagnosticare la roncopatia può essere un otorinolaringoiatra o il medico di famiglia anche se il testimone più attendibile è il partner che è costretto a condividerla. Come si può intervenire? Tra le concause del russare notturno e delle difficoltà di respirazione vi possono essere problemi legati alla deviazione del setto nasale e all ipertrofia dei turbinati. In questi casi può essere utile un intervento di radio frequenza pulsata per decongestionare i turbinati, svolto anche in combinazione con l uvulofaringopalatoplastica laser. Le roncopatie lievi e moderate possono essere risolte con un intervento meno traumatico della chirurgia tradizionale: il laser. L uvulofaringopalatoplastica a mezzo laser CO2 pulsato - così come la radio frequenza pulsata - si realizza in anestesia locale a livello ambulatoriale. L intervento avviene nell arco di un unica seduta di circa trenta minuti, é indolore, a cominciare dalla pratica Circa il 35% dei russatori è di sesso femminile. Il partner di un russatore perde circa un ora di sonno a notte ed è soggetto a frequenti risvegli. anestesiologica, somministrata attraverso nebulizzazione sulla mucosa. Il laser ad anidride carbonica pulsato é uno strumento preciso ed efficace, in grado di eliminare nella maggior parte dei casi il disturbo del russare. La terapia, messa a punto negli Stati Uniti e approdata in Italia solo da pochi anni - è praticata presso lo studio medico Acqua TermCenter di via don Mazzolari, 5/A - é talmente priva di controindicazioni da essere consigliata anche a chi accusa un Un soggetto affetto da apnea notturna ostruttiva ha una probabilità di avere un infarto 4 volte maggiore e di 3 volte di sviluppare una cardiopatia. russamento semplice ma si rivela ottimale per chi non può affrontare grossi stress chirurgici e post-operatori o teme l ospedalizzazione. In cosa consiste? E quali vantaggi ha rispetto alla chirurgia tradizionale? Si allarga lo spazio orofaringeo in modo da eliminare o ridurre l ostruzione del palato molle verso la mucosa posteriore, sgonfiare le tonsille e facilitare la respirazione nasale. Il laser CO2 consente di intervenire con maggiore precisione rispetto al bisturi, senza il minimo sanguinamento (questo grazie al suo effetto fotocoaugulante). Ripristinato il flusso aereo, scompaiono di conseguenza le fastidiose vibrazioni caratteristiche del russamento. Insomma niente più ricoveri e convalescenze lunghe e dolorose: oggi l uvulofaringopalatoplastica e la decongestione dei turbinati vengono praticate col laser CO2 in anestesia locale. Terminata la terapia, si torna subito a casa. Jessica Bianchi Cooperativa Don Andrea Gallo di Genova Raccolti euro La tombola organizzata lo scorso 6 ottobre, al Circolo Loris Guerzoni, in via Genova, dai due carpigiani Maura Casali e Lauro Veroni, per raccogliere fondi da devolvere alla Cooperativa Don Andrea Gallo di Genova, è stata un successo. Grazie al contributo di tutti coloro che hanno partecipato alla tradizionale tombolata infatti, Maura e Lauro hanno consegnato, lo scorso 19 ottobre, tra le mani di Liliana Zaccarelli, direttrice della comunità fondata da don Andrea Gallo, un assegno da euro. Grazie di cuore: con l aiuto di tutti - ha commentato Liliana - proviamo ad andare avanti nel nostro lavoro quotidiano di vicinanza ai più bisognosi. Domenica 3 novembre, alle 16 Chiesa di Santa Croce Benedizione dei cacciatori Domenica 3 novembre, a partire dalle 16, sul sagrato della Chiesa di Santa Croce, don Rino Bottecchi, in occasione della ricorrenza di Sant Uberto, protettore dei cacciatori, benedirà i cacciatori presenti e i loro cani. Una tradizione che affonda le proprie radici in un passato lontano e che gli amanti dell attività venatoria del nostro territorio vogliono far diventare un appuntamento annuale. Alle 19,30 si terrà poi una cena conviviale presso i locali della Parrocchia. Menù fisso 15 euro (per prenotazioni: Salati Lodi Ferraresi ). Alice Carpi Grande successo al Borgo L attività preventiva dell ictus, presso il Borgogioioso, del 26 ottobre scorso, organizzata da Alice Carpi, ha riscosso un grande successo: oltre 400 le persone a cui sono stati controllati i valori di glicemia, colesterolo e pressione arteriosa da parte dei sanitari dei Reparti Neurologia e Medicina Riabilitativa dell Ospedale Ramazzini. Da segnalare la crescente partecipazione di etnie diverse a questi controlli di prevenzione. Il soprano terrà un corso di musica vocale per i bambini del doposcuola presso la scuola elementare C. Collodi Melitta Lintner per Art&Scuola Il soprano Melitta Lintner terrà il corso di musica vocale, proposto ogni venerdì da Art&Scuola presso le Scuole elementari Collodi di Carpi, nelle giornate di venerdì 8 novembre e venerdì 15 novembre, dalle 17 alle 18,30. Si tratta di un evento unico proposto ai bambini del doposcuola: Melitta Lintner, ungherese, vanta infatti un esperienza decennale presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena come direttore del coro voci bianche. Art&Scuola che si caratterizza per essere il doposcuola delle arti e dei mestieri offre in questo modo ai più piccoli la possibilità di sperimentare il belcanto con una professionista del settore quale è Melitta Lintner. Inoltre da questo anno scolastico, Art&Scuola ha aperto le iscrizioni ai ragazzi delle medie, per seguirli durante il pomeriggio, in particolare quando presentano difficoltà nello studio, fornendo loro il sostegno necessario e aiutandoli a rendersi autonomi.

9 S econdo i dati dell Istituto Superiore di Sanità, almeno il 75% delle donne sessualmente attive nel mondo si infetta nel corso della propria vita con un papilloma virus e oltre il 50% con un tipo ad alto rischio tumore. In Italia, studi condotti in donne di età tra i 17 e i 70 anni, in occasione di controlli ginecologici di routine o di programmi di screening, mostrano una prevalenza per qualunque tipo di Hpv compresa tra 7 e 16%. La prevalenza aumenta al 35-54% in caso di donne con diagnosi di pap test anormale, per raggiungere il 96% in caso di displasia severa o oltre. Il papilloma virus è affare di tutti: uomini, donne e, in piccola percentuale, bambini. Ma come si trasmette e quali sono i sintomi? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Federica Piccinini, ginecologa del Reparto di Ostetricia e Ginecologia dell Ospedale Ramazzini di Carpi. Dottoressa cos è il papilloma virus? Il virus Hpv (Human Papilloma Virus) infetta la specie umana, provocando proliferazioni cutanee e delle mucose e alterazioni cellulari che si rilevano mediante il pap test. Esistono oltre 120 tipi di papilloma virus: di questi circa una dozzina vengono considerati genotipi ad alto rischio in quanto capaci di integrare il dna del virus nelle cellule determinando alterazioni a livello cellulare che possono provocare infezioni dell apparato genitale (principalmente al collo dell utero e alla vagina) di diverso grado e possono persistere nel tempo. Generalmente queste infezioni sono transitorie in quanto efficacemente combattute dal n 39 Il papilloma virus è una delle principali cause del tumore all utero. Ma come si trasmette e quali sono i sintomi? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Federica Piccinini, ginecologa del Reparto di Ostetricia e Ginecologia dell Ospedale Ramazzini di Carpi Papilloma virus: il pap test è la miglior difesa! Federica Piccinini nostro sistema immunitario e, in circa il 90% dei casi, in 6/18 mesi, guariscono spontaneamente. I genotipi al alto rischio invece, sono più difficili da combattere e possono evolvere in neoplasie. Come si entra in contatto col virus? E trasmissibile per via sessuale? Il papilloma virus si trasmette attraverso un contatto intimo che può non prevedere rapporti sessuali completi. Basta toccare i genitali esterni o avere rapporti orali o anali. Molto raramente il virus può trasmettersi da madre a figlio: durante il parto infatti, le lesioni materne al collo dell utero o alla vagina possono provocare infezioni al cavo orale del nascituro. L incidenza però è talmente bassa che non si rende necessario ricorrere al parto cesareo. Il papilloma virus può, nell adulto, provocare tumori al cavo faringeo o all ano (neoplasia spesso asintomatica e dalla manifestazione tardiva). Il tumore del collo dell utero è il primo tumore che l Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce come causato da un infezione virale. In che percentuale il papilloma virus è una delle principali cause del cancro al collo dell utero? Oltre il 70% dei tumori al collo dell utero è dovuto a infezioni persistenti da Hpv 16 e 18. Dall infezione allo sviluppo del tumore possono passare molti anni (anche venti). L Hpv può provocare nelle donne l insorgenza di condilomi: cosa sono? Sono escrescenze rosee, frastagliate sull apice e, alle volte, pruriginose, estremamente contagiose, nella regione perianale, nel collo dell utero o in vagina rilevabili tramite pap test. Il papilloma cosa provoca negli uomini? L uomo può avere condilomi o, al contrario, essere completamente asintomatico. L assenza di un esame di screening come il pap test rende difficile capire se l uomo è entrato in contatto col virus. La prevalenza delle infezioni da Hpv varia con l età? Sono due, secondo i dati del Registro Tumori, le fasce che presentano picchi di infezione: tra i anni e nelle over 65. Ricordiamo che l infezione può restare latente per anni e, con l avanzare dell età le difese immunitarie calano. Come si cura l infezione da Papilloma virus? Per l infezione non esiste una cura specifica. Per prevenire o diagnosticare La natura che cura Per prevenire o diagnosticare in modo tempestivo le alterazioni delle cellule del collo dell utero, che possono essere provocate dal virus Hpv, occorre eseguire regolarmente il pap test, esame principe per individuare le lesioni non visibili, in questo modo ci si potrà accorgere per tempo se si stanno formando alterazioni sospette delle mucose del collo dell utero. tempestivamente le alterazioni delle cellule del collo dell utero, che possono essere provocate dal virus Hpv, occorre eseguire regolarmente il pap test, esame principe per individuare le lesioni non visibili, in questo modo ci si potrà accorgere per tempo se si stanno formando alterazioni sospette delle mucose del collo dell utero. Qualora il pap test sia anomalo come si interviene? Si procede con una colposcopia, ovvero si osserva il collo dell utero con un ingranditore e, mediante l uso di due sostanze, si evidenziano le zone che potrebbero essere interessate dall infezione. A quel punto si attua una biopsia della zona affinché il patologo sia 9 in grado di definire il livello di alterazione: a fronte di displasie lievi non si fa nulla (se non un controllo a distanza), poiché nel 70% dei casi, l infezione recede autonomamente se, invece, le lesioni sono moderate o gravi si procede con l asportazione in anestesia locale e a livello ambulatoriale. I condilomi - sia negli uomini che nelle donne - vengono bruciati in anestesia locale. Esiste un vaccino? Esistono in commercio due vaccini: il bivalente contro l Hpv 16 e 18 (responsabili del 70% dei tumori al collo dell utero), e il quadrivalente che, oltre al 16 e al 18, contiene anche i sierotipi 6 e 11 (responsabili dei condilomi esterni). Il Servizio sanitario regionale garantisce la vaccinazione gratuita (tre iniezioni intramuscocolari nel deltoide nell arco di sei mesi) a tutte le ragazze al compimento degli 11 anni d età. Il vaccino infatti ha lo scopo di prevenire l infezione, non di curarla: è opportuno quindi somministrarlo prima del possibile contatto col virus, cioè prima dei rapporti sessuali. Se si è già entrati in contatto con il papilloma l efficacia della vaccinazione si riduce al 40% circa. Poiché circa il 30% dei tumori del collo dell utero non è provocato dal papilloma è importante eseguire regolarmente il pap test anche se si è vaccinate. Jessica Bianchi Esistono alcune piante energizzanti grazie alle quali possiamo migliorare la nostra condizione e sentirci più in forma. Il Ginseng è il rimedio naturale per eccellenza come tonico e stimolante per l organismo. La sua assunzione viene raccomandata nei periodi di convalescenza. Vi è poi l Erba mate o yerba mate, una bevanda ampiamente consumata in America Meridionale. L infuso di erba mate, che contiene caffeina, è considerato molto efficace per recuperare le energie perdute nel corso della giornata. Inoltre stimola il sistema nervoso centrale e la perdita di peso, favorendo la lipolisi, cioè l acquisizione di energia da parte del corpo mediante la scissione dei grassi. La Maca, pianta andina, è invece ricca di vitamine e minerali, tra cui ferro, calcio, Come possiamo ritrovare le energie in modo naturale? di Vitor Chiessi - Farmacista potassio, fosforo, zinco e manganese. La maca stimola la fertilità e presenta proprietà afrodisiache. Il Guaranà è una pianta originaria della regione amazzonica, le cui maggiori proprietà benefiche sono legate ai suoi effetti energizzanti. Ha effetti più persistenti e duraturi rispetto al caffè, in quanto le sostanze in esso contenute modulano il rilascio della caffeina. Le Bacche di Acai sono un alimento energizzante, ricco di antiossidanti utili per proteggere il cuore e la circolazione. Hanno proprietà antiinfiammatorie e disintossicanti. La loro assunzione è consigliata soprattutto durante i periodi di stress. Infine vi è la Spirulina, una microalga dalla caratteristica colorazione verde-azzurra, considerata energizzante e super-nutriente. Cresce spontaneamente in laghi dalle acque salate ed è ricca di ferro. Una ditta italiana ne sta studiando le molteplici proprietà per realizzare un tipo di pasta da commercializzare. Ricetta di tisana energizzante-antistress Ingredienti: Yerba mate 80 grammi, Verbena odorosa 10 grammi, Melissa 10 grammi. Preparazione: Mettere un cucchiaino colmo di miscela in una tazza, lasciare in infusione per 2-5 minuti e bere. Non assumere la tisana nelle ore serali.

10 n 39 Io amo moltissimo Carpi ma spesso mi ritrovo a difendere questa città con i carpigiani stessi. Sorride Sonia Diaz, venezuelana ma, come lei stessa si definisce, ormai carpigiana doc. La Corte dei Pio è una città creativa, vivibile, a misura d uomo, sarebbe bello che tutti imparassero ad apprezzare ciò che hanno e a fare concretamente qualcosa per rendere ogni angolo cittadino sempre più bello, attrattivo e godibile. Sonia, personal buyer nel settore della moda da quasi trent anni ( non si direbbe vero?, ride) ha deciso di lanciarsi anche in una nuova avventura. Ha infatti aperto un negozio di abbigliamento femminile in via Dorando Pietri, accanto all ufficio postale. Il nome è già una garanzia: Ce l ho! Qui ogni desiderio è un ordine: se qualcuno entra e mi chiede qualcosa la risposta è già assicurata, non credi?. Lo spirito latino di Sonia è evidente nei suoi occhi, nei suoi gesti. Ma sono le sue parole che contagiano e riempiono di entusiasmo: questo negozio è una scommessa per me. Non vuol essere una fonte di arricchimento, il mio lavoro è un altro. Il mio è un progetto ben più ambizioso. Questa strada è stata spesso ghettizzata a causa dell alto Io amo moltissimo Carpi ma spesso mi ritrovo a difendere questa città con i carpigiani stessi. Sorride la personal buyer Sonia Diaz, venezuelana ma, come lei stessa si definisce, ormai carpigiana doc. Ridiam lustro alla nostra città Sonia Diaz numero di stranieri che vi abitano. Sono però convinta che sia la gente a etichettare una zona come degradata. E una questione di percezione; non è la realtà. Sonia, abituata a viaggiare in tutta Europa - e non solo - per lavoro ha le idee chiare: penso a Berlino Est, al vecchio porto di Lisbona... aree un tempo degradate, tenute ai margini, che sono rifiorite, diventando il centro del divertimento o dello shopping. Certo non voglio paragonare Carpi a una capitale europea ma anche qui si può fare molto per migliorare e rendere ogni strada, ogni viottolo, Via Dorando Pietri più appetibili. Io vorrei far rivivere questo angolo: via Dorando Pietri, anche grazie ai deliziosi impiegati delle Poste, spesso pullula di gente, persone che vorrei iniziassero a considerare la strada come una qualsiasi altra area commerciale. Sono tanti i progetti che fioriscono nella mente di Sonia: il mio desiderio più grande è che questo negozi diventi un luogo di aggregazione, dove stranieri e italiani si incontrino, si conoscano e si integrino sempre più. Tutti possono entrare, curiosare qua e là in piena libertà. Non è importante comprare, quanto Continua a pagina 11

11 n Continua da pagina 10 conoscersi, fare gruppo. In un momento economico difficile come quello che stiamo attraversando, l amicizia e le relazioni autentiche sono gli unici punti fermi: la crisi morde duro, è innegabile. Ma dobbiamo metterci in gioco tutti, provarci. Abbattersi non serve a nulla: stringerci gli uni agli altri invece è nella possibilità di chiunque. La vittoria è l arte di andare avanti dove gli altri preferiscono fermarsi si legge sulle pareti di Ce l ho: dobbiamo credere maggiormente in noi stessi, in chi ci sta accanto e nelle potenzialità della nostra città. Nel 2000 chiesi al sindaco di organizzare La notte della moda, un appuntamento glamour e festoso per rilanciare la città che sarebbe stata trasmessa su Italia 1, con la partecipazione di prestigiosi stilisti: l idea fu bocciata, malgrado Carpi sia la culla della moda. Penso che l intraprendenza non debba mai essere fermata: tutti noi possiamo rimboccarci le maniche e contribuire al cambiamento. Sonia, che oltre alla moda, nel suo negozio, propone anche una buona dose di musica, sta pensando di organizzare incontri di lettura e momenti di svago per tutti. Ci sono stati tempi migliori e non sappiamo se torneranno o cosa ci riserverà il futuro. Quel che è certo è che se l Italia è rinata dopo la guerra, abbiamo le armi per far fronte alla crisi odierna. Insieme, perchè divisi non si va da nessuna parte. E con un sorriso sul volto, aggiunge l istrionica venezuelana, perchè, a volte, basta un sorriso per non far sentire solo chi abbiamo vicino. Jessica Bianchi Confesercenti - In Provincia di Modena l occupazione nelle piccole e medie imprese del commercio, del turismo e dei servizi è calata del 12,2% L emorragia di posti di lavoro è inarrestabile Si riconferma anche nel terzo trimestre dell anno il crollo del numero degli occupati nelle piccole imprese modenesi del commercio, del turismo e dei servizi. Secondo la statistica operata dal Centro Studi di Confesercenti Modena - Osservatorio Lavoro, emerge che nelle oltre PMI monitorate, l occupazione ha segnato una marcata flessione nei primi nove mesi dell anno: -12,2%. Il quadro assume toni ancor più foschi se alla diminuzione degli occupati si associa il dato relativo alle ore di cassa integrazione, incrementate del 20,0% rispetto sempre al Anche i dati dell Osservatorio di Confesercenti confermano, come già rilevato dall Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Modena che la seconda recessione porta un aggravamento significativo dell occupazione nel settore terziario. Turismo e pubblici esercizi La diminuzione degli addetti nei primi 9 mesi dell anno si attesta sul -19,9%. Un dato gravissimo a cui si accompagna l aumento delle ore di Cassa Integrazione del +26,40% rispetto al 30 settembre Vendita di generi alimentari Anche le micro e piccole imprese del commercio al dettaglio di alimentari segnano un calo drammatico degli occupati: -19,1% nel periodo gennaio-settembre 2013 rispetto allo stesso del Questo dato viene determinato dal calo dei consumi che da diversi trimestri colpisce anche il settore alimentare e, in particolare, le PMI operanti su piccole superfici. Settore extra alimentare Persiste il calo degli occupati anche in questo settore: -6,4% nei primi 9 mesi dell anno. Servizi di intermediazione Il settore registra una tenuta dell occupazione con una flessione degli addetti che si limita al -1,4%. Commercio all ingrosso E l unico comparto in cui al momento vige ancora una certa stabilità: +0,1%. Parallelamente segnala però un significativo aumento delle ore di cassa integrazione con +101,00%.

12 n 39

13 n A Carpi, dall 11 novembre al 31 gennaio 2014, i genitori potranno scegliere per i propri figli se utilizzare o meno acqua in bottiglia a scuola Torna la bottiglia tra i banchi di scuola C e l hanno fatta i genitori che, da mesi, hanno fatto fronte comune contro la somministrazione dell acqua del rubinetto nelle mense scolastiche a causa della presenza di tracce di amianto rilevate nella rete idrica. L Unione delle Terre d Argine infatti, ha finalmente emesso il proprio verdetto: l ente, pur ribadendo che l acqua del sindaco è potabile e ampiamente controllata e non esistono rischi per la salute dei cittadini, consente una deroga in attesa che i valori dell amianto nella rete idrica tornino a zero a coloro che ne faranno richiesta. I duri e puri dell acqua pubblica potranno quindi continuare a farla bere anche ai propri bambini, mentre i genitori che invocano il principio di precauzione e la libertà di scegliere doteranno i propri figli della tanto sospirata bottiglietta. L Unione delle Terre d Argine, confrontandosi con un gruppo di rappresentanti dei genitori e con il personale delle scuole, ha studiato una proposta per garantire la libertà di scelta e definire, al contempo, gli aspetti economici e organizzativi conseguenti. A Carpi, dall 11 novembre al 31 gennaio 2014 ( eventuali successivi interventi ed accorgimenti organizzativi, saranno valutati al termine di questo periodo di sperimentazione ), i genitori potranno scegliere per i propri figli frequentanti nidi, scuole di infanzia e scuole primarie se utilizzare o meno acqua in bottiglia. Le famiglie che ne faranno richiesta - il modulo è a disposizione presso gli istituti scolastici e dovrà essere riconsegnato firmato al personale di sezione entro il 9 novembre dovranno sostenere i costi della fornitura d acqua e lo smaltimento delle bottiglie. Ogni famiglia fornirà quotidianamente al proprio figlio la quantità di acqua che ritiene necessaria per il consumo giornaliero, preferibilmente in bottigliette identificate che il ragazzino gestirà in autonomia. Nelle sezioni dei 3 anni di scuola di infanzia e per i bambini oltre i 12 mesi nei nidi di infanzia si prevede invece che le famiglie che desiderano l acqua in bottiglia si accordino su un approvvigionamento omogeneo e coordinato (stessa marca di acqua in quantità sufficiente per il numero dei bambini cui andrà somministrata). Si evidenzia la necessità di non fornire più di una confezione da 6 bottiglie a sezione (per limiti di stoccaggio e conservazione interna alla struttura). Il personale educativo avrà cura di somministrare ai bambini, le cui famiglie hanno fatto formale richiesta sull apposito modulo, la stessa acqua finchè non si esaurisce la fornitura. Conseguentemente uno o più genitori provvederanno al rifornimento. J.B. Il corpo in carcere: corpo malato dentro e fuori. Durante il dibattito sul carcere, tenutosi il 5 ottobre a Carpi nell ambito della Festa del Racconto, sono emersi alcuni quesiti riguardo al tema salute e detenzione. Proveremo, così, a portare la nostra testimonianza come parte di una risposta. Chi è costretto a varcare il portone di un carcere e a viverci per parecchi anni, è subito sottoposto a forti turbamenti emotivi, causa di stress e mutazioni. Circa un quarto dei carcerati, già dai primi giorni di detenzione, soffre di vertigini; l olfatto è inizialmente ottenebrato, poi annullato nel 31% dei casi; entro i primi quattro mesi, un terzo soffre di peggioramento della vista; il 60% soffre entro i primi mesi di disturbi all udito, per stati morbosi di iperacutezza; fin dai primi giorni, il 60% lamenta perdita d energia ; il 28% patisce sensazioni di freddo, anche nei mesi estivi. La mancanza di adattamento all ambiente comporta spesso sensazioni di insopportabilità, impotenza e regressione. La lontananza dagli affetti crea paure e senso di frustrazione, umiliazione, idea di rovina, angoscia, vuoto, senso di estrema emarginazione dalla società e incertezza per il proprio futuro. Il carcere, con le sue regole, diminuisce l autosufficienza dell individuo e gli spazi ne riducono, quasi annullandola, la mobilità. Nel detenuto con permanenza prolungata vengono spesso riscontrate patologie quali, erosione dell individualità con danni alla capacità di elaborazione del pensiero e dell agito autonomo; disculturazione, perdita dei valori e delle attitudini, nonché delle proprie abitudini culturali; estraneamento, incapacità di adeguarsi, sia all interno del carcere che, una volta rilasciato, alle mutazioni sociali e all evoluzione dell ambiente esterno. Si aggiunge poi una lunga lista di altre patologie legate alla sfera psicologica e metabolica, malattie autoimmuni e oncologiche; non meno importanti e assai diffuse, tutte quelle patologie concomitanti alle tossicodipendenze. Per quanto concerne la mia esperienza personale con la sanità car- Salute! Sant Anna ceraria, posso parlare di un rapporto tribolato, d amore e odio. Vivo nel carcere di Modena da quarantaquattro mesi e ho quasi da subito dovuto fare i conti con la mia salute, fisica e psichica. Soffro di cefalea cronica che non mi dà tregua, intensificata da un ernia cervicale che ho maturato all interno dell istituto a causa di posture sbagliate e mancanza di movimento. Dopo un travaglio di due anni, il dirigente medico del carcere sta provando a fare il possibile per risolvere, in parte, il disagio psicofisico che mi sta consumando. Purtroppo, in carcere, i tempi sono assai dilatati. Per avere la disponibilità di visite mediche specialistiche, bisogna attendere periodi lunghissimi; a pensarci bene, a volte questo avviene anche fuori, la differenza è che fuori puoi scegliere di rivolgerti a chi vuoi, mentre qui trovi quello che trovi. Quando si tratta di dolore fisico le terapie sono tutte uguali: Paracetamolo e Ibuprofene vengono somministrati per tutto, come quelle pozioni che venivano vendute dai carretti ambulanti del vecchio West in alcuni film che vedevo da bambina. A volte, abbiamo la visita dello psichiatra, anche se penso che avremmo tutte molto più bisogno di parlare con lo psicologo. Lo psichiatra, dicevo, non è forse il medico preposto ad ascoltare i bisogni, i pensieri, la voglia di sfogarsi, di buttar fuori dolore e rabbia. Ti visita e ti prescrive una dieta di psicofarmaci per renderti sedata e tranquilla. Le terapie vengono somministrate dagli operatori del servizio sanitario e ho notato che, a volte, purtroppo, noi detenuti siamo considerati in modo diverso, con fretta e superficialità e ciò comporta disattenzioni che provocano anche errori di somministrazione; addirittura la sensazione è quella che quando arrivi, quel giorno e quell orario non siano di gradimento al personale. Forse, bisognerebbe sentirsi male quando loro hanno più tempo, ma arrivano comunque. Concludo il mio sfogo, augurando a me stessa e a tutti i detenuti e le detenute di non ammalarsi mai, in nessun modo. Catia Affrontare quest argomento non è semplice. E già delicato parlare di sanità e salute in generale, figuriamoci in carcere. Qui, il sistema sanitario è presente con medici, infermieri, psichiatri e psicologi, ma anche loro sono in prigione, legati da manette invisibili che richiedono il rispetto di protocolli burocratici complicati, contorti, che bloccano spesso le terapie causando ulteriori danni alla salute dei detenuti. Una volta, anch io non ho potuto assumere un farmaco importante che prendevo da tempo a causa del mal funzionamento di un computer. Ho dei problemi, come tutte del resto. Io ho i miei e mi bastano. Sono tanti, dalle intolleranze alimentari alla depressione acuta. Avrei bisogno di antidepressivi e antistaminici giornalmente e di una dieta adeguata, ma si sa, qui dentro non tutto è possibile, perciò soffro e mi spavento spesso. Sono intollerante al mondo e ho una serie di patologie psichiche che mi dannano la vita sin da bambina. Sono un manuale di sopravvivenza carceraria ma io mi definirei piuttosto in maniera meno convenzionale sfigata. Un allergologo mi diede una dieta a base di cibi che in carcere non potevo trovare e si arrabbiò con me quando, alla visita successiva, si accorse che i valori erano peggiorati. Ora, qui in carcere, non posso scegliere cosa mangiare ma non posso neppure digiunare e, perciò, sono costretta a mangiare ciò che mi viene dato, così passo il resto della giornata a grattarmi e a far fatica a respirare. Un giorno, sono stata davvero male e, arrivata in ospedale, il medico mi chiese a cosa fossi allergica. Non ho potuto rispondere a tutto e mi sono limitata a dare la lista dei farmaci che prendevo fuori. Lui mi rimproverò allungandomi un antistaminico e mi disse che me l ero cercata e che era stata colpa mia perché avevo mangiato cibo non adatto alla mia dieta. Non potei spiegarmi perché provavo vergogna e rimasi in silenzio ad ascoltare il tono rude e sgarbato che aveva assunto nei miei confronti, quasi mi disprezzasse. Ho ripensato spesso a quella visita e non riesco ancora a capire cosa avessi fatto di male. Appena entri in carcere, devi fare la visita medica, gli esami delle urine e il colloquio con lo psicologo. In quel frangente, ti chiedono se fai uso di farmaci salvavita; nel disagio del momento, dimenticai di menzionare il farmaco più importante che prendevo, poiché sono epilettica. L ira della dottoressa fu inarrestabile e, anche quella volta, mi sentii sconcertata dal modo aggressivo che i medici avevano avuto nei miei confronti. Le risposi arrabbiata dicendole che stavo cercando ancora di capire dove fossi capitata e che non riuscivo bene a focalizzare nulla della mia vita. Lei continuò a rimproverarmi. Ridere? Piangere? Capii che, forse, il pianeta Marte non era poi così distante da noi. Date le mie condizioni, sono sottoposta a misura precauzionale, cioè alla privazione di alcuni accessori che alle altre detenute permettono, come cucinarsi autonomamente il cibo. Perciò a volte mi rivolgo al buon cuore della mia concellina che mi aiuta nel miglior modo possibile, rimettendoci del suo. Deborah Per il detenuto è obbligatorio rivolgersi alle cure dei medici penitenziari. Se ha possibilità economiche, la legge offre delle alternative. Queste limitazioni sono motivate da ragioni di sicurezza che, seppur ragionevoli, limitano la tutela.la Corte costituzionale ha espresso un concetto di diritto alla salute inteso come una pluralità di situazioni soggettive: il diritto all integrità psicofisica; il diritto alla salubrità dell ambiente; il diritto degli indigenti alle cure gratuite; il diritto all informazione sul proprio stato di salute e sui trattamenti che il medico vuole effettuare; il diritto alla partecipazione; il diritto di accesso alle strutture; il diritto del malato di comunicare con i propri congiunti. L ordinamento penitenziario si deve adeguare all art. 27 della Costituzione che testualmente recita: Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Inoltre, il trattamento penitenziario dev essere conforme a umanità e assicurare il rispetto della dignità della persona. Conseguentemente, la garanzia della tutela della salute psico-fisica e sociale diventa basilare per qualsiasi attività di recupero e reinserimento sociale delle persone in stato di detenzione. Quindi la pena dev essere attenta ai bisogni umani del condannato in vista del suo reinserimento sociale e, fra i bisogni umani primari, necessariamente vi deve essere la tutela del diritto alla salute. Il trattamento potrà essere positivo solo se s inserisce in uno stato di benessere psicofisico. L assistenza sanitaria del detenuto, in tal senso, si pone come attività strumentale e si qualifica rispetto alla funzione di trattamento e di sicurezza. L esecuzione della pena, vista nei suoi caratteri sanzionatori e disciplinari, passa in secondo piano rispetto alla malattia. La disciplina su ricoveri, incompatibilità e applicazione di misure verso il recluso-malato si deve muovere in tale direzione. Per contatti scriveteci a:

14 n 39 D opo la chiusura forzata a causa del sisma del maggio scorso (che ha provocato oltre 1 milione di euro di danni) il Teatro Comunale, da oltre 150 anni fulcro della vita culturale di Carpi, riapre. E lo farà con Rialziamo il sipario, una tre giorni di eventi e appuntamenti a partire dal 29 novembre. Vi prenderanno parte nomi noti della musica italiana come Uto Ughi e Vinicio Capossela, Rita Marcotulli ed Enrico Rava. Mentre gli operai sono ancora al lavoro in Piazza Martiri per ripristinare la copertura del Teatro e restaurare le parti dell edificio danneggiate tutto è pronto per la stagione , che prenderà il via all inizio di dicembre. Per festeggiare quella che sarà una vera e propria inaugurazione, l Amministrazione Comunale, con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività culturali, ha organizzato un calendario d eccezione: a salire sul palco per primo sarà, venerdì 29 novembre, alle 21, il grande violinista Uto Ughi con i Filarmonici di Roma, che proporrà nel Comunale finalmente riaperto, il suo spettacolo Violino Romantico (ingresso a pagamento, biglietti da 10 a 20 euro, in vendita da sabato 9 novembre nella biglietteria temporanea del Teatro, all Auditorium della Biblioteca multimediale Loria; il ricavato sarà destinato alle associazioni culturali della città). Sabato 30 novembre invece, alle 17, è previsto il taglio ufficiale del nastro, alla presenza dei tanti (associazioni, compagnie, artisti, sponsor, privati) che hanno Per celebrare la riapertura del Teatro Comunale di Carpi, l Amministrazione Comunale ha organizzato una tre giorni di eventi e spettacoli dal 29 novembre al 1 dicembre. In arrivo a Carpi Uto Ughi, vinicio Capossela, Enrico Rava e Rita Marcotulli Si rialza il sipario del Comunale Uto Ughi fatto donazioni, si sono esibiti gratuitamente o con cachet di grande favore o si sono impegnati durante il periodo di chiusura del Teatro. Saranno presenti il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Graziano Delrio, il presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani e il sindaco di Carpi Enrico Campedelli. Verrà anche proiettato un video sul cantiere del Teatro realizzato da Federico Baracchi. A seguire, musica popolare dalla Puglia, con i Kalascima, spettacolo gratuito organizzato da Ater e Mundus. Dopo cena, dalle 21, si esibiranno invece (ingresso a pagamento, biglietti dai 10 ai 15 euro, in vendita anche questi dal 9 novembre) alcuni dei protagonisti più importanti della scena musicale italiana; jazz come la pianista Rita Marcotulli e il trombettista Enrico Rava o d autore come Vinicio Capossela. Domenica 1 dicembre si potrà partecipare a visite guidate al Teatro su prenotazione (dalle 10 alle 13), per comprendere la qualità degli interventi di consolidamento e restauro eseguiti sotto la direzione dell architetto Giovanni Gnoli, del Settore Restauro e Conservazione del Patrimonio storico e artistico del Comune: nel pomeriggio è prevista un apertura no stop del Comunale alla città, che potrà così riappropriarsi definitivamente del suo teatro. Nel corso del pomeriggio, dalle 16 alle 20, andranno in scena spettacoli no stop grazie al prezioso contributo dei gruppi e delle associazioni teatrali e musicali di Carpi, che non hanno fatto mancare anche in questa occasione il loro appoggio. Abbiamo rispettato la promessa che avevamo fatto l anno scorso, restituendo il teatro alla città. Tra l altro ha spiegato l assessore alle Politiche culturali Alessia Ferrari - vogliamo anche lanciare un segnale importante: la rinascita di una comunità passa anche per la riapertura di un Teatro nel momento in cui la cultura è in crisi e tante sale italiane chiudono.

15 I l progetto era importante e ambizioso, pensato per essere uno strumento di commercializzazione ma anche - e soprattutto - di promozione nazionale e internazionale del distretto carpigiano della maglieria e delle confezioni, del made in Carpi insomma, in tutte le sue eccezioni. Una vera e propria vetrina della produzione di eccellenza carpigiana, come mai era stato realizzato in città. Il progetto era stato ideato da Luana Ganzerli, esperta nel settore moda e nel marketing, direttore del Consorzio Eco, con 25 anni di attività nel distretto della maglieria e della confezione. Consorzio vocato all esportazione del prodotto, che ha al suo attivo un intensa attività promozionale delle imprese carpigiane in tutto il mondo attraverso le più importanti fiere e saloni della moda in Europa, America e Asia. Le aziende associate ora sono 35, ma erano 55 negli anni più fortunati. Ma come è andata con il Progetto Outlet? Lo chiediamo a Luana Ganzerli nella sede del Consorzio Eco che si è trasferito dalla sede di via Rovighi a Correggio, in seguito al terremoto. Purtroppo male per responsabilità delle aziende che avrebbero dovuto n 39 L Angolo di Cesare Pradella Outlet della maglieria: un occasione persa per il Made in Carpi Luana Ganzerli tri enti pubblici. Tutto inutile. I carpigiani non hanno apprezzato e capito il significato e l importanza della mia idea. E così l iniziativa è fallita. O, per meglio dire, è sospesa in attesa di tempi migliori. Ma l attività promozionale del Consorzio procede nonostante la crisi? Certamente anche perchè è in questi frangenti che occorre sostenere Saranno i nostalgici ritmi del flamenco e gli indimenticabili versi di Federico Garcia Lorca, il poeta spagnolo tra i maggiori autori del 900, a dare il via alla stagione de Una Serata a San Rocco, la rassegna di spettacoli gratuiti proposta da Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e San Rocco Arte & Cultura che ogni anno porta a Carpi alcuni dei più prestigiosi nomi della musica, dell arte e della cultura Mercoledì 6 novembre, alle 21, presso il Circolo Guerzoni di Carpi Spagna e flamenco protagonisti nazionale e internazionale, coinvolgendo migliaia di spet- partecipare alla iniziativa in gran numero mentre invece sono state soltanto 15 quelle che hanno aderito. Un numero insufficiente per attivare e organizzare uno show room di proporzioni tali da sembrare un vero e proprio outlet. Quali sono state le ragioni della mancata adesione? Certamente le difficoltà conseguenti alla crisi economica anche se avevamo ridotto al minimo la quota di adesione e di partecipazione offrendo spazi, supporti, personale interno e tutti i servizi essenziali dal momento che avremmo ottenuto contributi da parte di CarpiFormazione e ale affiancare le imprese nell export, nella ricerca e nella penetrazione in nuovi mercati. Anche se facciamo fatica a sensibilizzare i nostri produttori che sono stati abituati in passato a guadagnare bene da soli, in proprio e non in gruppo perchè è nota la caratteristica dei nostri imprenditori: sono individualisti, faticano ad aggregarsi e, quando lo fanno, ne sono poco entusiasti. E questo è un limite imprenditoriale che riduce la capacità di guardare avanti e oltre, non avvedendosi che il mondo è cambiato, che la globalizzazione è già in atto e che, proprio per questo, stanno perdendo occasioni e opportunità di essere presenti là, dove è necessario essere, dove si sono sviluppati nuovi mercati. Scoraggiata? Neanche per idea. Quella dell outlet è un idea che ho accantonato ma non abbandonato. E continuo la mia attività di sempre, con missioni esplorative all estero, specie in Cina, Russia, Hong Kong e Polonia, per aprire nuovi sbocchi commerciali ai miei associati visto che il mercato nazionale è saturo. Perchè noi carpigiani siamo imbattibili nella produzione, ma mostriamo tutti i nostri limiti nella commercializzazione e nella valorizzazione delle eccellenze che siamo capaci di realizzare. tatori. Mercoledì 6 novembre, alle 21, presso il Circolo Loris Guerzoni, il pubblico potrà assistere a La Spagna e il flamenco, spettacolo di musica, parole e danza messo in scena dalla Compagnia Mediterranea, composta da elementi di grande talento come il Maestro Andrea 15 Il made in Carpi riuscirà a reggere la sfida internazionale? Certamente grazie all inventiva e al genio creativo dei nostri stilisti e alla capacità di lavoro di imprenditori e dipendenti che tramandano alle nuove generazioni queste loro caratteristiche anche se snobbano i rapporti tra loro e le forme associative. Nonostante le difficoltà economiche e i precari rapporti con le banche, la voglia di reggere, reagire e resistere c è. Basta guardarsi intorno per vedere tante piccole realtà che non vogliono abbassare le serrande ma continuare a lavorare come hanno sempre fatto. Candeli, l attore e danzatore Corrado Ponchiroli, il flautista Michele Serafini e la ballerina di flamenco Chiara Guerra. Il progetto ha l ambizione di tracciare un filo conduttore storicomusicale di una tradizione ricca ma ancora poco conosciuta, attraverso la musica, il ballo, il canto dell Andalusia e i versi di Garcia Lorca. Tutti gli spettacoli sono gratuiti.

16 n 39 Nasceranno piazzale don Tamassia e le vie Vittime di Nassirya, Nomadelfia e Caliumi Nuovi nomi per le strade di Carpi e Fossoli La Commissione Toponomastica di Carpi ha proposto alla Giunta alcune nuove denominazioni per strade del centro urbano e delle frazioni. La Giunta ha approvato all unanimità le quattro proposte avanzate. L area antistante il cimitero urbano presto si chiamerà piazzale don Enea Tamassia, mentre la via che servirà la nuova zona commerciale e residenziale in costruzione in via Sigonio sarà via Vittime di Nassirya. Una nuova laterale di via Remesina, a Nord di Fossoli, a poche centinaia di metri dal luogo dove ebbe sede la comunità di don Zeno Saltini, verrà denominata via Nomadelfia e infine verrà dedicata al noto astrofilo Ferdinando Caliumi una strada nella zona di via Due Ponti, poco dopo il passaggio a livello. Nasce il Comitato Terre d Argine per sostenere la candidatura di Pippo Civati a Segretario del PD Civati segretario: le cose cambiano cambiandole Anche nelle Terre d Argine, Carpi, Novi, Soliera e Campogalliano, si costituisce il Comitato per sostenere la candidatura di Pippo Civati a segretario del Partito Democratico. Il comitato nasce per la volontà dei suoi sostenitori di credere in un PD dove non ci sia più posto per quei 101 che hanno tradito il nostro mandato ponendo le basi per un alleanza di Governo che per tutti noi è innaturale. Lo facciamo - spiegano i sostenitori di Civati - perché crediamo che sia necessario ridare agli elettori la possibilità di scegliere una linea politica per l Italia che sia chiara e univoca e non schiava del compromesso. Perché non In controtendenza con gli altri Paesi europei e dell Ocse in periodo di crisi, l Italia, negli ultimi anni, ha continuato a tagliare la quota della spesa pubblica per l istruzione con il risultato di accentuare quella paralisi sociale che ci consegna un Paese congelato: oggi solo il 10% dei figli degli operai diventa professionista, contro un 45%, ad esempio, di figli di medici che diventa medico. Finalmente oggi siamo di fronte a un provvedimento che si occupa di scuola, università e ricerca: il Governo Letta ha emanato misure urgenti per far intraprendere al nostro Paese una politica di investimenti in vogliamo adeguarci a situazioni che non ci convincono e non sentiamo nostre e perché non ci vogliamo fermare alla semplice indignazione che troppo spesso si trasforma in rassegnazione. In questi mesi ci hanno detto che le larghe intese erano l unica alternativa ma è facile dire che non ci sono alternative, quando si è contribuito a demolirle tutte. Noi crediamo che la Sinistra nasca per esercitare il pensiero critico, per ribaltare le ingiustizie e superare le incrostazioni e i privilegi di pochi. Per questo vogliamo un PD libero da quella classe dirigente incapace di superare le logiche correntizie che hanno portato al tradimento di Prodi e che, finalmente rinnovato, possa governare con un progetto politico forte. Un progetto che parli di diritti. Di lavoro, di come lo si crea e lo si mantiene ma anche di come lo si fa costare meno ai tanti piccoli imprenditori che ogni giorno, con fatica, alzano le loro saracinesche. Dell ambiente e del paesaggio e di come lo si rende sicuro e fruibile. Di riduzione degli sprechi, non solo quelli della politica ma anche di quelli che abbandoniamo fra i nostri rifiuti. Di partecipazione, aperta e paritaria, dove la questione femminile lasci il posto a una più reale questione maschile che nel nostro Paese crea disuguaglianze, ingiustizie e violenze. Un progetto che parta anche dalla discussione all interno dei nostri Circoli a cui dobbiamo imparare a chiedere il parere non solo quando c è da candidare qualcuno ma anche quando bisogna decidere delle pensioni, dell istruzione e del futuro della società. Per questo abbiamo deciso di impegnarci al fianco di Pippo Civati. Perché le cose cambiano cambiandole. Il Comitato nascerà giovedì 7 novembre quando si incontrerà per una prima riunione organizzativa aperta a tutti, iscritti, elettori e simpatizzanti, presso il Circolo PD Carpi Ovest di Via Pascoli 43, alle ore 21. Al Comitato hanno già aderito Simone Tosi, Daniela Depietri, Cinzia Caruso Maddalena Zanni, Ada Menozzi, Mirco Pedretti, Francesco Lodi, Mariella Lugli, Gionata Papazzoni, Michele Bonaretti, Marino Malaguti, Davide Ferraresi, Chiara Pederzini, Miria Fregni, Luisa Turci, Dario Zenoni, Alessandro Cesari, Diego Zanotti, Alessandra Caffagni, Stefani William. La parlamentare carpigiana del Pd Manuela Ghizzoni è stata nominata nuova relatrice del Dl 104 che contiene misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca Il decreto inciderà sulla paralisi sociale favore del sistema pubblico della conoscenza. Il provvedimento contiene iniziative per il welfare studentesco, per le politiche professionali e per l ambito educativo-didattico e organizzativo. A questo scopo sono state stanziate specifiche risorse aggiuntive: 315 milioni per il 2014 e oltre 390 milioni annui dal 2015 in poi, dichiara la parlamentare carpigiana del Pd Manuela Ghizzoni, vicepresidente della Commissione Istruzione della Camera, nominata nuova relatrice del Dl 104. Tra le disposizioni relative al welfare degli studenti segnaliamo l incremento di 15 milioni per le spese di trasporto degli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado e di 3 milioni per l assegnazione di premi di merito artistico per gli studenti dell Alta formazione artistica e musicale. Ulteriori 3 milioni sono destinati alla costituzione e all aggiornamento dei laboratori tecnico-scientifici delle scuole. Si interviene, inoltre, per contenere il costo dei libri di testo e con agevolazioni per le famiglie in difficoltà, e viene approntato un programma di didattica integrativa per combattere la dispersione scolastica e potenziate le attività di orientamento. Vengono affrontate l emergenza del reclutamento dei dirigenti scolastici e la questione del personale inidoneo all esercizio della funzione docente. E stato approntato un piano triennale che consentirà di assumere personale scolastico a tempo indeterminato su posti in organico di diritto. Verranno immessi in ruolo 26mila docenti specializzati sul sostegno. Con una norma-ponte si affronta il tema del bonus-maturità abolito ad esami in corso e viene istituito un fondo per far fronte alle gravi difficoltà finanziarie in cui versano gli istituti superiori di studi musicali ex pareggiati e le accademiche storiche non statali.

17 n 39 Al mè dialètt... di Massimo Loschi di Massimo Loschi Accompagnandomi in quel luogo precluso a tanti, mi invitava ad approfittare di quei tesori e del suo bene, insegnandomi a farne buon uso. Al granêr d mè nôn Il granaio del nonno Quand, al mê cumpagnêva cun la man in dla sò man fìn su, finìi al schêli in dal sò granêr rivènd, a gh iva al cór ch al mê bativa, e l éra per šmania... mia per fadiga. Érèn, tùtt i mùr, bianch ed calsêina e tùtt intórèn ed pir e pòm e nóši erèn na pìlà e figh e s-ciàpêdi insèm a cl ùà impìchêda ai trêv ch la spêtêva al dè ed Nadêl. In pina luš al furmêint, un mùç grôs e sól alvêrèl a pini man al rušlêva via dai dìi, brilènd ai rag dal sól pariva ôr. Pighêda dal péš di an la sò schina, d òrgòj... quêši la s drisêva quand, cun al gêst grand ed la man al mè d giva: - Tó pur, putêin, tón fin t vó, impist al sêin!- Un cór grand al suo, un bêin sêinsa fin, sêinsa têimp, ma sêinsa sôsta cla róda quèlà dal destin a un granêr bêin più élt la l ha purtèe e dal sò bêin lé andèe a fêrèl pin. A m piéš pinsêr che da là cun cal bêin, ch éra luš in di sò ôç, ancòr, fènd al gêst grand cun la man al mê dìgà: - Tó pur putêin, tintêl chêr fan bêin côunt! Ed cal bêin... fan cólm al sêin! Montefiorino Tartufo in mostra Quando, mi accompagnava con la mano nella sua mano in alto, al termine delle scale nel suo granaio arrivando, avevo il cuore che batteva ed era eccitazione non la fatica. Erano, i muri, bianchi di calce intorno pere e mele e noci in gran numero e fichi, e spicchi di frutta insieme a quell uva appesa ai travi che attendeva il giorno di Natale. Al centro, nella luce il frumento in un cumulo grande e, alzandolo a piene mani ruzzolava tra le dita brillando al raggi del sole sembrava oro. Curva dal peso degli anni la sua schiena, d orgoglio quasi si ergeva quando, con un gesto grande della mano mi diceva: - Prendi pure, piccolo, prendine quanto ne vuoi, riempiti la maglia Un cuore grande il suo, un bene senza fine, senza tempo, poi senza sosta quella ruota quella del destino ad un granaio più in alto lo ha portato e del suo bene è andato a riempirlo. È bello pensare, che da lassù di quel bene, che era luce nei suoi occhi ancora, nel gesto grande della mano mi dica: - Prendi pure, piccolo, serbalo caro fanne buon uso! Di quel bene fanne colmo il seno! Halloween: ogni festa è un opportunità per star bene Cara Clarissa, vorrei dire la mia su Halloween. Non è una festa nostra, non la capisco. Anche a scuola viene data importanza a questa ricorrenza, ai mostri. I bimbi si ritrovano a credere che questa carnevalata americana abbia a che vedere con le nostre tradizioni. Il fatto è che mia nipote, che ha 8 anni, è contenta dei travestimenti: fanno una festicciola tra bimbi e si organizzano anche per andare a bussare alle porte per ricevere i dolcetti, altra cosa che mi disturba molto - anche se vanno in giro con un adulto - perché non so come quei cioccolatini e quelle caramelle siano stati conservati. Come fare per riconsegnare questa festa ai nostri valori cattolici o comunque per evitare che i bimbi trasformino il ricordo dei cari defunti in una pagliacciata? Patrizia P ensi, Patrizia, che la festa ha origini puramente europee, celtiche per l esattezza e veniva celebrata anche in Italia nell antichità. Gli europei che si sono trasferiti negli Stati Uniti hanno esportato le celebrazioni e non viceversa. Per i celti, tutte le persone morte l anno precedente, di Clarissa Martinelli tornavano sulla Terra la notte del 31 ottobre, in cerca di nuovi corpi da possedere per l anno successivo. Così, nei villaggi, veniva spento ogni focolare per evitare che gli spiriti maligni arrivassero e trovassero gli abitanti e il fuoco veniva poi riacceso la mattina successiva. Si sanciva così il passaggio tra la stagione solare e la stagione delle tenebre, tra la stagione dei raccolti e quella brutta in cui anche mangiare diventava più difficile. L usanza moderna di travestirsi nel giorno di Halloween nasce dalla tradizione che i Celti avevano, dopo il rito nella notte del 31 ottobre, di festeggiare per tre giorni mascherandosi con le pelli degli animali uccisi per esorcizzare e spaventare gli spiriti. Vestiti con queste maschere grottesche ritornavano al villaggio illuminando il loro cammino con lanterne costituite da cipolle intagliate al cui interno erano poste le braci del Fuoco Sacro (oggi si usano le zucche). E una festa pagana come molte altre trasformate poi, nelle stesse 17 date, in ricorrenze cattoliche. Non dimentichiamo che anche il 25 dicembre (Natale) prevede riti come l albero, il vischio, le ghirlande di agrifoglio, tutte di origine pagana. Sempre i celti, il 25 dicembre, celebravano infatti il solstizio d inverno e la data cattolica della nascita di Gesù è convenzionale (anche Mitra, pre cristiano, nacque il 25 dicembre e in una grotta, secondo la leggenda...). Personalmente credo che ogni occasione di festa sia un opportunità di stare bene; che i bimbi abbiano la capacità di ricordare i cari defunti con sincera spontaneità ogni volta che se la sentono; che a catechismo possano andare se le famiglie sono cattoliche, ma va messo in conto anche il pieno diritto che una famiglia non sia credente e non insegni al figlio la dottrina cattolica; che il gioco e la capacità di sdrammatizzare farebbero un gran bene anche ai nonni e non solo ai nipotini, giacché prima di morire siamo certamente tutti vivi. Fino al 16 novembre è possibile presentare i cortometraggi per il concorso A dicembre torna il Corti Vivi FilmFest Dal tartufo ai prodotti della tradizione delle Valli Dolo e Dragone. Ha inaugurato a Montefiorino la 22ª edizione della consolidata mostra mercato del tartufo modenese che, da venerdì 1 a domenica 3 novembre, propone stand dedicati alle specialità gastronomiche locali, mercatini degli hobbisti, animazioni e spettacoli. La manifestazione è organizzata dal Comune di Montefiorino, in collaborazione con l Unione di Comuni montani Valli Dolo, Dragone e Secchia, con il patrocinio della Provincia di Modena e della Regione Emilia Romagna. Informazioni sul sito Il tartufo spiega il sindaco di Montefiorino Antonella Gualmini è il principale ma non l unico protagonista della mostra mercato che è una festa per tutti e rappresenta un occasione qualificante per l accoglienza turistica. E per questo che anche quest anno ci siamo impegnati con orgoglio alla buona riuscita di un evento pensato per esaltare le nostre eccellenze, in un edizione che punta in particolare a valorizzare e promuovere le tradizioni e le radici di questo meraviglioso territorio. Oltre alla mostra mercato del tartufo, per i due fine settimana della fiera saranno aperti stand gastronomici, gestiti dalle associazioni locali, con gnocco fritto, crescentine, polenta, ciacci e tante ricette con le castagne. Nella rocca medievale sono previste degustazioni guidate di prodotti tipici, dimostrazioni, con assaggi, della lavorazione del cioccolato e corsi di intaglio della frutta. In programma anche tanti concorsi: per il miglior nocino e per l aceto balsamico tradizionale dei piccoli produttori dell Appennino (sabato 2 novembre) e per il miglior vino di produzione locale (domenica 3 novembre). I ristoranti della zona proporranno menù a base di tartufo e non mancano, come sempre, le animazioni per bambini e gli spettacoli. Una navetta gratuita è a disposizione dei visitatori della mostra mercato dai parcheggi segnalati all ingresso del paese, in prossimità dell Oratorio degli Zerbini. Dopo il successo dell edizione dello scorso anno, il Corti Vivi Film Fest (nato nel da una costola dell Arti Vive Festival) si riproporrà a Soliera dal 12 al 16 dicembre prossimo in una veste autonoma e sempre più rinnovata nella propria struttura di festival denso di eventi collaterali. Il fulcro della manifestazione resta tuttavia il concorso per cortometraggi. A questo proposito, la data ultima per la presentazione dei lavori è sabato 16 novembre. Le opere devono pervenire in due copie, su supporto Dvd-Pal, negli uffici della Fondazione Campori, in via Garibaldi 48, a Soliera. In caso di invio postale, fa fede il timbro. L iscrizione al concorso è gratuita. Tre i premi (la cerimonia di premiazione sarà domenica 15 dicembre), da 500, 250 e 150 euro. Lo scopo del concorso, promosso e organizzato dalla Fondazione Campori, è quello di promuovere il linguaggio audiovisivo nella sua forma breve, ma anche dare spazio e riconoscimento ad autori che propongano opere dove la ricerca della qualità e la cura nella realizzazione, siano presupposti fondanti del loro lavoro, a prescindere dalla loro disponibilità economica e tecnica. Questo presupposto nasce da un dato evidente: la diffusione del mezzo digitale ha reso più accessibile l approccio al linguaggio audiovisivo; pertanto, se questo mezzo da un lato ha semplificato notevolmente la possibilità di realizzare opere, con tempi e costi notevolmente ridotti rispetto al passato, dall altro lato ha contribuito a creare una sorta di esubero di opere creativamente povere e la diffusione di videomaker improvvisati. Diventa così urgente l importanza di premiare l operato di chi lavora sui sopra citati elementi: ricerca della qualità e cura nella realizzazione dell opera, anche nella dimensione ristretta della povertà di mezzi.

18 n 39 L aforisma della settimana... La passione è solitudine moltiplicata per mille. Lou Andreas Salomè, Riflessioni sul problema dell amore appuntamenti Mostre CARPI Fino al 3 novembre Le sfumature dell anima Espone il pittore carpigiano Enrico Davolio Sala Ex Poste di Palazzo dei Pio Fino al 10 novembre Di impulso artistico Erika Marchi e i Collezionisti Modenesi Sabato 2 novembre, ore 17.30, inaugurazione Saletta Fondazione C.R. Carpi Fino al 10 novembre Scene da un salotto dell Ottocento Arte a Modena dal Ducato all Unità Opere pittoriche e strumenti musicali Palazzo Foresti Fino al 17 novembre Guareschi e Laureni Segni dai lager In occasione del 70 anniversario dell 8 settembre 1943 Testimonianze di due internati militari Mostra a cura di Francesco Fait e Anna Krekic Sala Cervi Fino al 17 novembre Emanuele Luzzati. L ebraismo in favola Ex-Sinagoga Fino al 23 novembre La Bellezza Silenziosa Mostra fotografica di Antonella Monzoni Biblioteca A. Loria Fino al 30 novembre L umorismo ai tuoi piedi Personale di Giuseppe Festino O&A Centro Affari Fino al 1 dicembre XVI Biennale della Xilografia: Mimmo Paladino Xilografia un elmo e 8 filosofi Musei di Palazzo Pio Fino al 6 gennaio Le stanze dell Amore cieco Sale dei Trionfi e dell Amore di Palazzo Pio Eventi CARPI 1 novembre - ore 22 The Blind Catfish Kalinka 2 novembre - ore 22 Be Forest (ITA) Mattatoio Raccontare la violenza attraverso le voci degli uomini che la compiono e delle donne che la subiscono. Appuntamento giovedì 21 novembre, alle ore 20.30, presso l Auditorium della Biblioteca Loria L ombra sul cuore R accontare la violenza attraverso le voci degli uomini che la compiono e delle donne che la subiscono. E l obiettivo del ciclo di conferenzenarrazione L ombra sul cuore che affronta il tema della violenza sulle donne, partito venerdì 25 ottobre da Bastiglia per proseguire con altri cinque appuntamenti, fino alla fine dell anno, a Modena, Carpi, Medolla, Marano e Formigine. Ciascun incontro prevede l alternarsi del racconto di esperienze vissute e degli interventi degli operatori che si confrontano con il fenomeno della violenza sulle donne. L iniziativa è promossa dalla Provincia di Modena in collaborazione con il Tavolo prefettizio sulla violenza alle donne e con il contributo della consigliera di parità di Modena. L intento di questo breve ma significativo ciclo di incontri spiega la carpigiana Marcella Valentini, assessore provinciale alle Pari opportunità è riflettere sui comportamenti che possono essere un segnale che conduce a più gravi episodi di violenza. Abbiamo voluto partire dai fatti e per questo avremo l aiuto di due attori che leggeranno testimonianze, di donne ma anche di uomini, che si inseriscono perfettamente tra gli interventi degli esperti, seguendo un unico filo conduttore. Per quanto riguarda il mio osservatorio, quello del mondo del lavoro aggiunge la consigliera di parità Barbara Maiani devo purtroppo rilevare che la violenza, non tanto fisica quanto psicologica, si sta diffondendo sempre di più anche negli ambienti di lavoro, portando a situazioni frequenti di disagio finanche a giungere al vero e proprio mobbing. Spesso, sono ancora una volta le donne a subire queste violenze, che si Al Cinema Ariston di San Marino, venerdì 1 novembre e domenica 3, alle 20,30, proiezione del film Una canzone per Marion, per la regia di Paul Andrew Williams Un film che parla di morte ma esalta la vita Song for Marion racconta la storia di Arthur, un pensionato timido e scontroso che è convinto dalla moglie Marion a entrare in un coro locale non convenzionale. Arthur deve così imparare ad affrontare il lato nascosto della propria persona e, brontolando, si imbarca in un esilarante viaggio musicale della vita alla scoperta di sé. Due grandi attori in un film che parla di morte ma esalta la vita, la leggerezza, l amore. Storia di una donna malata terminale che coltiva amicizie e relazioni e di suo marito che solo da vedovo scoprirà il valore degli affetti. Strano a dirsi, ma è una commedia. Sulla scena due vecchi bellissimi e magnetici, Vanessa Redgrave, 76 anni, il cui fascino resta intatto nonostante il berretto di lana, gli occhiali dalle lenti spesse e il corpo piegato dalla malattia e ripercuotono anche nella vita familiare. Per illustrare quanto è stato fatto finora e quali sono gli aiuti a disposizione delle donne che subiscono violenza, interverranno agli incontri rappresentanti delle Forze dell ordine, operatrici della Casa delle donne contro la violenza e psicologi del centro dell Usl di Modena, Liberiamoci dalla violenza che hanno in trattamento gli uomini violenti. Attualmente il centro Liberiamoci dalla violenza ha in trattamento individuale 28 uomini mentre da marzo è iniziato un percorso terapeutico con un gruppo di otto uomini. Terence Stamp, 74 anni, un icona del cinema Anni 60, al quale basta Programma Conferenze - Lunedì 18 novembre, alle ore 20.30, Sala civica del Villaggio Giardino, in via Curie 22/a, Modena. - Giovedì 21 novembre, alle ore 20.30, Auditorium della Biblioteca Loria, in Via Rodolfo Pio 1, Carpi. Lunedì 25 novembre, alle ore 20.30, Auditorium comunale, in Via Genova 10/a, Medolla. Venerdì 29 novembre, alle ore 20.30, Centro culturale, in Via Primo Maggio, Marano Sul Panaro. Venerdì 6 dicembre, alle ore 20.30, Castello, P.zza Calcagnini 1, Formigine. lo sguardo per ritrovare il misterioso interprete di Teorema di Pasolini. appuntamenti 4 novembre - ore 21 Alimentiamo - Interazioni tra Sport, Bambini, Cibo e NON Cibo... Colazione, pranzo e cena... cosa mangiano i nostri bambini? Quale dieta migliore per i piccoli sportivi? A cura di Csi Auditorium Biblioteca Loria 3 novembre e 1 dicembre ore 15/19 Ora d arte Il Guerriero del Palazzo Visita all affresco Ingresso gratuito Palazzo Pio 3 novembre - ore 16 e Ora d arte Le pagine dell Amore cieco Letture e narrazioni di Simone Maretti Introduzione storico-artistica di Tania Previdi Su prenotazione per gruppi di 25 persone Palazzo Pio 1 dicembre - ore 17 Ora d arte Il Palazzo dei Pio. Sette secoli di architettura e arte Visita guidata Ingresso gratuito Palazzo Pio 22 dicembre - ore 17 Ora d arte Sacre conversazioni Visita guidata con musica A cura di Elena Luppi Ingresso gratuito 1-3 novembre Carpi a tavola Tre giorni dedicati all eno-gastronomia di qualità Centro storico 6 novembre - ore 22 Destruction Unit (USA) Mattatoio 7 novembre - ore 21 Per la rassegna Famiglie sostenibili... con meno si può fare di più! Risparmio energetico: cosa fare a casa nostra? Dai primi semplici accorgimenti fino agli interventi strutturali per risparmiare sul riscaldamento domestico Incontro con Francesco Rustichelli, ingegnere Auditorium Biblioteca Loria I martedì fino al 19 novembre ore 20 Cafè Philo Incontri per favorire la formazione di un pensiero filosofico. Appuntamenti guidati dal dottor Luca Zanoli Bar 39 Garibaldi

19 n L esposizione dedicata alla storia dei burattini e dei burattinai della Città della Ghirlandina, aperta fino al 24 novembre, è accompagnata da una rassegna dal titolo Si alzi il sipario sui burattini modenesi Teste di legno e cuori di panna C i sono Sandrone, la Pulonia e Sgorghiguelo, poi Sganapino e il Dottor Balanzone, ma anche i burattini caricaturali di Carducci, Caruso, Puccini, Andreotti, Berlinguer e Craxi. Sono i protagonisti della mostra che il Museo civico d arte (largo Porta Sant Agostino, 337 a Modena) dedica alla storia dei burattini e dei burattinai locali, con il titolo Teste di legno e cuori di panna, burattini modenesi di ieri e di oggi. L esposizione, aperta fino al 24 novembre, è accompagnata da una rassegna dal titolo Si alzi il sipario sui burattini modenesi. Il primo weekend di novembre va in scena la Compagnia I burattini dell ocarina bianca con gli spettacoli Fiaschino e la Spernigona sabato 2 novembre alle 17, e Sandrone e Fagiolino nel castello col fantasma domenica 3 novembre, alle La Compagnia I burattini della commedia propone sabato 9 novembre, alle 17, Il dottore innamorato col Dottor Balanzone, e domenica 10 novembre, alle 10.30, L acqua miracolosa, con Sandrone e Fagiolino guaritori per forza. La Compagnia Gran Teatro Dei burattini, di Luciano Pignatti, si esibirà sabato 16 novembre, alle 17, con Fagiolino terremotato e domenica 17 alle con Giove Giove, in cui Brighella convince Sandrone che dal cielo piovono prosciutti. La rassegna si chiude coi burattini della Compagnia Teatrino dello sguardo, di e con Sara Goldoni, che saranno protagonisti sabato 23 novembre, alle 17, con lo spettacolo Mingone e la stoffa preziosa e domenica 24, alle 10.30, con Michelina la strega. La mostra in corso al Museo civico propone uno sguardo sul mondo dei burattini, che spazia dalla fine Settecento ai giorni nostri con un attenzione particolare al tema delle schermaglie amorose e dell amore nelle sue diverse forme. I materiali esposti, tra cui burattini, scenografie, copioni e una storica baracca, ripercorrono l attività delle celebri dinastie di burattinai dei Campogalliani, dei Preti e dei Maletti, accanto a una personalità eclettica come Umberto Tirelli. Tra le teste di legno esposte non mancano quelle della famosa Famiglia Pavironica, nata all interno della baracca, che ogni anno si trasforma in personaggi in carne e ossa durante il Giovedì grasso. Sandrone, Pulonia e Sgorghiguelo sono anche protagonisti di un cartoon realizzato dall animatore modenese Secondo Bignardi nel Attraverso un percorso cronologico che per la prima volta riunisce materiali appartenenti a collezioni pubbliche e private, la mostra a cura di Stefano Bulgarelli e Luana Ponzoni, presenta le maggiori personalità modenesi del teatro dei burattini concludendo la rassegna con un apertura sulle attuali compagnie riunite nel Consorzio dei burattinai modenesi. In mostra ci sono anche alcuni dei materiali donati da Mauro Zanichelli al Museo civico d arte: quinte e scenografie appartenenti al Teatro Nazionale delle Teste di legno di Umberto Tirelli, i cui burattini erano ritratti caricaturali dei protagonisti del jet-set dell Italia degli Anni Venti. A Modena Fiere dal 31 ottobre al 3 novembre, al Salone del Turismo e degli Sport invernali le novità della stagione invernale 2013/14 Nissan Skipass compie 20 anni appuntamenti Festeggiamenti del Sessantesimo anniversario di fondazione dell Avis Comunale di Carpi 8 novembre Ore 20 - Circolo Graziosi La tradizionale Pasta e fagioli dell Avis Serata conviviale in cui festeggeremo i donatori con più di cento donazioni 13 novembre Ore Auditorium Loria Stili di vita e prevenzione cardiovascolare Mantenimento del benessere e comportamenti alimentari corretti al fine della conservazione della salute del donatore Incontro di educazione anitaria con la dottoressa Anna Ciardullo del Servizio di Diabetologia Area Nord D a giovedì 31 ottobre a domenica 3 novembre, il quartiere fieristico di Modena ospita la ventesima edizione del Salone del Turismo e degli Sport invernali Nissan Skipass. Organizzato da Studio Lobo in collaborazione con Modena Fiere, per migliaia di appassionati della montagna bianca, Nissan Skipass è l evento clou nel panorama fieristico italiano: la manifestazione di riferimento per gli operatori del turismo bianco e degli articoli sportivi, per gli sportmaker, le associazioni e le società sportive. Un appuntamento imperdibile per i 100mila visitatori che ogni anno scelgono di esserci. Alla vigilia della stagione invernale, stazioni e comprensori sciistici, hotel e società di impianti, snowpark, rifugi e tour operator specializzati, italiani e stranieri, presentano a Modena il meglio dell offerta turistica sulla neve. Con gli addetti ai lavori del turismo bianco si trovano i brand degli articoli sportivi. Sci, attacchi, scarponi, tavole, maschere, occhiali, abbigliamento e accessori, ipertecnologici, sicuri, ecosostenibili ed esteticamente accattivanti, sono in esposizione a Modena Fiere negli stand che ospitano i marchi storici dello sci e le new entry del settore. Nissan Skipass celebra il connubio sport e turismo fornendo alle aziende e ai professionisti della neve una vetrina di valore (in tutto 25mila metri quadrati di area espositiva) in cui trovano spazio le nuove tendenze e le richieste di un pubblico giovane e motivato. Ogni anno poi, il Salone del Turismo e degli Sport invernali da fiera si trasforma in happening grazie a un programma di eventi di altissimo livello in cui gare, spettacoli e attività di animazione fanno da adrenalinico pendant ai momenti di riflessione, ai convegni e alle conferenze stampa. La scenografia fatta di rampe innevate e di grandi strutture che simulano l ambiente montano è mozzafiato: piste da sci e per il pattinaggio sul ghiaccio, rail e boulder, destinate a competizioni di livello internazionale, sono aperte anche al pubblico di visitatori. In occasione del ventennale Nissan Skipass rinnova l area esterna e allestisce al quartiere fieristico di Modena un vero villaggio di montagna dominato dalla mole della nuovissima Ski Area: oltre metri quadrati di neve, la più grande pista da sci mai costruita in città, aperta al pubblico e all interazione con le aziende. Demo, clinic, corsi gratuiti di sci e snowboard, miniescursioni con le ciaspole, gare ed esibizioni di telemark coinvolgono i visitatori di tutte le età. Il programma della manifestazione, le informazioni utili per la visita al Salone, le novità, le offerte e gli sconti praticati in fiera sono disponibili sull App gratuita Nissan Skipass, scaricabile su Google play e App Store.

20 n 39 Calcio Il Carpi riprende il Latina (1-1): non svolta, ma torna ad essere squadra Un punto di sutura Il pareggio è una conquista, per la prima volta i biancorossi recuperano il risultato. Nel venerdì di Ognissanti la trasferta più lunga al Provinciale di Trapani. I l Carpi resta nella sua ombra, non riesce a vincere una partita che avrebbe ridato colore al proprio cammino. Torna a essere squadra, ma rimane prigioniero di alcuni limiti: la fatica a inventare spazi, la povertà in area di rigore, la mancanza di ampiezza e agilità nello stretto. Si conferma insomma in imbarazzo tattico di fronte a sei difensori arroccati a protezione degli ultimi metri centrali del campo. Fa comunque un passo oltre i problemi, si toglie un altro piccolo blocco. Recupera il risultato, come non aveva ancora dimostrato di saper fare. Ritorna a galla contro un avversario scorbutico, in ottima condizione. Che si è rivelato per quanto avevamo il sospetto che fosse: cioè un valido riferimento su cui fare la corsa. Precederlo a fine stagione significherà quasi certamente salvezza. Ha resilienza, agonismo, sa trasformare le partite in guerriglie. E insomma una vera e propria matricola di categoria: nessuna stella, tanti buoni interpreti di ruolo, un gioco d attacco asciutto, essenziale. E, prima d ogni altra cosa, grande organizzazione difensiva. Copre tutta insieme, fa giocare male chiunque. Soprattutto corre pensando, e mostrando i muscoli. NOVITA - Il gol del pareggio è stata la principale conquista di tappa. Non è arrivato con il ragionamento, ma grazie alla furia improvvisa dei migliori (Di Gaudio e Memushaj) La classifica che subito dopo l intervallo hanno scosso i compagni. Vecchi non ha dovuto cambiare sistema di gioco per togliersi dai guai, gli è bastato ottenere una grande risposta emotiva ad un primo tempo piatto. Non è molto, ma neanche poco. Segnare al Latina di Breda, del resto, è esercizio molto difficile. C era riuscito solo uno straordinario contropiedista come Mancosu, ovvero il prossimo pericolo che il Carpi troverà sulla strada. L altra novità è il coraggio delle sostituzioni. Vecchi ha chiuso senza incontristi, con due attaccanti centrali (Della Rocca e Inglese) più Sgrigna largo e un creativo al centro (De Vitis). Voleva il successo, ha rischiato la sconfitta. La grammatica dell ultimo quarto d ora spiega ancora una volta che, priva di Cani ad assorbire il gioco in verticale, la squadra si straccia troppo lungo il campo. Senza peraltro riuscire a essere concretamente pericolosa. Ma sono stati comunque cambi virtuosi per il significato che contengono. Non hanno portato punti ma hanno trasmesso all ambiente un messaggio che forse, più avanti, sarà utile: da adesso in poi, almeno in casa, non ci si accontenta più. Se si vuole accelerare, il Cabassi deve cominciare ad essere un fattore. CAMPIONATO - Altrove si è scollinato il primo quarto di campionato. I due testacoda hanno squarciato la classifica. Vince ancora il Lanciano, con una delle tantissime soluzioni mutuate dal basket mediante cui Baroni sta surrogando quel bomber che effettivamente non ha. Nove reti su 14 totali segnate da palla inattiva. Ci sono schemi ogni sabato diversi per quattro grandi saltatori (Thiam, Amenta, Troest, Minotti) e un sarto mancino ad eseguirli: Mammarella. Calcia con un taglio e un energia che raramente si vede a queste latitudini del gioco. L Empoli condanna la Juve Stabia alla terza sconfitta consecutiva. Il Novara evita al 90 la quarta, il Bari all 80 la quinta. La Reggina cambia allenatore ma non marcia. Non dà alcun segno di gioco, anzi rianima il Pescara che torna a vincere dopo 9 turni quasi senza accorgersene. Idem lo Spezia, che guarisce faticosamente dalla pareggite. Invece, il Modena ripiomba nella trasfertite, il Brescia rimanda ancora il decollo, e la Ternana ricade in casa. Non le basta avere la difesa più fisica e il capocannoniere assoluto (Antenucci): continua a pagare troppo laddove viene sfidata sulla velocità. Sono insomma le grandi deluse a dare tanta speranza al Carpi, dentro a un campionato in cui, per il momento, l entusiasmo porta più lontano dei top players. Enrico Gualtieri PROSSIMO AVVERSARIO: TRAPANI La differenza è Mancosu Siamo a una curva molto importante, sostanzialmente una panoramica sulla verità. Va in scena nel Venerdì d Ognissanti l altro incrocio tra debuttanti assolute. E ha una specificità molto profonda. E un rendez-vous, l appuntamento tra vecchi buoni nemici che hanno saputo dividersi sul campo di battaglia per poi, alla fine, condividere qualcosa di unico, irripetibile: l apice della loro storia. E una legge della Chimica, vecchia come l Alchimia medievale: similia similibus solvuntur, il simile scioglie il simile. Sarà quindi una partita molto sincera. Avrà la giusta pretesa di dare ad entrambe una misura chiara, evidente, decisamente affidabile dei progressi e delle recessioni. Si sono salutate al termine della scorsa regular season di Prima Divisione Lega Pro distanti 13 punti. Oggi sono vicinissime, nonostante cammini opposti. I biancorossi, praticamente, sanno solo vincere o perdere. I siculi, invece, impattano troppo. E sono in involuzione fisiologica. Sono partiti leggeri per ispessirsi in corsa. 8 punti e 9 reti nelle prime 4 travolgenti gare. 3 sconfitte e 4 pareggi complicati nelle successive 7. Stanno vivendo lo stesso autunno pallido dell anno scorso, in uscita dal quale furono imprendibili. Ma probabilmente c è anche dell altro: l urto della categoria ha dilatato le giunture della perfezione, vaporizzato il lubrificante delle sicurezze. In B, l alta intensità di gioco è un patrimonio di tutti, quindi non differenzia nessuno. Perciò il calcio tempesta e assalto di mister Boscaglia - passaggi laterali corti e svelti, ribaltamenti verticali lunghi e vertiginosi - dura a tempo. Una volta anagrammato, perde automaticità. Il Trapani è salito con un gruppo maturo, fidelizzato, ben identificato col popolo della città. Che peraltro è sempre più vicino alla squadra: dai 3000 paganti medi dello scorso anno, ai 5000 abbondanti di questo avvio. Con questo materiale a disposizione, Boscaglia ha raggiunto il massimo dei compromessi: esperienza e motivazioni, corsa e geometrie, qualità e muscoli. Ha perciò ottenuto qualche rinforzo di categoria (Rizzato, Terlizzi e Iunco i principali) e puntato moltissimo sulle riconferme: la solidità di Nordi tra i pali, l equilibrio di Pagliarulo al centro della difesa, il fosforo di Caccetta e Pirrone in mezzo al campo. E la diversità di Mancosu davanti. Da quando l imbattibilitàrecord è terminata (a Modena, il 21 settembre scorso, dopo nove mesi e 26 risultati utili), segna quasi solo lui. I massimi superpoteri vengono fuori non appena i supereroi vedono scorrere il proprio sangue. Mancosu è un attaccante modernissimo, certamente il miglior contropiedista del campionato. Tutti i gol decisivi della scalata del Trapani sono stati suoi. Non sta fermo un attimo, sfianca chiunque, batte continuamente le difese sulla linea del fuorigioco. È fenomenale negli spazi, ha tempo in area di rigore. Fatte le dovute proporzioni al ribasso, è una combinazione tecnica che sembra impossibile: gli istinti di Inzaghi, sommati alla velocità d esecuzione Di Natale, addizionata alla progressione robusta di Milito. Oggi, un altro giocatore del genere nel nostro calcio non esiste. E sardo, ci ha messo troppo ad arrivare sul continente. Ma finalmente si è fatto capire. Sta per compiere 30 anni, ne ha spesi una dozzina in D e in C, il prossimo lo giocherà in A. Per avere una chances, il Carpi deve prima di tutto riuscire a fermarlo. E.G. I PRECEDENTI Arma fu Letale Riavvolgiamo il nastro di 425 giorni. Era il 2 settembre 2012, opening game: l incipit della storica impresa realizzata in comune. Le due squadre scesero in campo senza sapere che stavano scrivendo l introduzione di un avventura che sarebbe andata ben al di là delle aspettative. Si giocò sotto il diluvio, furono 90 intensissimi, praticamente senza pause. Il Trapani venne steso da un incornata di Rachid Arma, servito al bacio da Raffaele Bianco. Nessuno dei due, venerdì sarà del match: uno è partito in estate, l altro rientrerà in inverno. Sono 12 i reduci di quello che è l unico precedente assoluto tra le squadre al Provinciale. Da una parte: Letizia, Poli, Lollini e Di Gaudio; dall altra: Nordi, Lo Bue, Pagliarulo, Caccetta, Pirrone, Abate, Madonia e Gambino. Non giocò Mancosu (poi decisivo al ritorno). Né Antonino Daì, l ex di turno. E.G. PROSSIMO TURNO Quattro i posticipi I MARCATORI Antenucci scavalca tutti *CARPI-PADOVA, interrotta al 27, è sub-judice DECIMA GIORNATA Venerdì 1/11/2013, ore 15: CESENA TERNANA CROTONE NOVARA LATINA REGGINA PADOVA SPEZIA PESCARA BRESCIA TRAPANI CARPI ANTICIPO Venerdì 1/11/2013 Ore 12.30: VARESE J.STABIA POSTICIPI Venerdì 1/11/2013 Ore 18: MODENA V.LANCIANO Ore 20.30: EMPOLI BARI Sabato 2/11/2013 Ore 15: SIENA CITTADELLA Domenica 3/11/2013 Ore 12.30: AVELLINO PALERMO 8 RETI: Antenucci (Ternana) 7 RETI: Babacar (Modena) Hernandez (Palermo) Mancosu (Trapani) Pavoletti (Varese) 6 RETI: Tavano (Empoli) 2 RETI: Memushaj (Carpi) 1 RETE: Cani Concas Inglese Porcari e Sgrigna (Carpi)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV

Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV ISIS ZENALE E BUTINONE - Treviglio Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV progetto di Alessia Salvatori classe 5bg - grafico coordinamento prof. Miriam Degani marzo 2012 Ricorda che.. Conoscerlo: Che cosa

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI...

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI... COSA CHIEDERSI... non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero REGIONE LAZIO COS'E' IL COLLO DELL'UTERO E' la parte dell'utero

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv)

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) HPV proteggiti davvero Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) Che cos è il Papillomavirus (hpv)? L hpv è un virus molto diffuso, che si trasmette in particolare attraverso

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ELVIRA SAVINO. Disciplina dei cimiteri per animali di affezione

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ELVIRA SAVINO. Disciplina dei cimiteri per animali di affezione Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 823 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ELVIRA SAVINO Disciplina dei cimiteri per animali di affezione Presentata il 19 aprile 2013

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 Una grande sfida... 03 02 DOMANDE E RISPOSTE... 05 Quale è la causa del tumore del collo

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

Marco Federici e i suoi "Angeli tra le Macerie"

Marco Federici e i suoi Angeli tra le Macerie "Angeli tra le macerie" aiuta la Protezione civile in Abruzzo È stato consegnato alla Protezione civile il ricavato della vendita del libro «Angeli tra le macerie», scritto dal giornalista della Gazzetta

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità È con vivo piacere che ho accettato l invito dell Associazione Calabro-Lombarda a trattare questo spinoso argomento. Sarebbe molto bello sentir parlare

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014 Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma Medolla, 11-10-2014 Come accedere alla colposcopia quando non inviata da screening Appuntamento telefonico Tel 0535602247 infermiera

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

HPV papillomavirus umani

HPV papillomavirus umani HPV papillomavirus umani Oltre 100 tipi, alcuni dei quali responsabili del cancro del collo dell utero : l importanza del vaccino Quali lesioni sono provocate dagli HPV? Le infezioni da HPV sono estremamente

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013 Pagina 1 di 6 rassegna stampa Data 08 ottobre 2013 IL CITTADINO Lodi SANITÀ AVEVA UNA LACERAZIONE DELL AORTA, LA FAMIGLIA HA PRESENTATO UNA DENUNCIA -In ospedale con il mal di pancia, dopo l attesa muore

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

RUSSARE. Il russamento, soprattutto se abituale, è stato recentemente riconosciuto come patologia e come fattore di rischio per malattie gravi.

RUSSARE. Il russamento, soprattutto se abituale, è stato recentemente riconosciuto come patologia e come fattore di rischio per malattie gravi. RUSSARE Circa il 30% della popolazione adulta dei paesi industrializzati russa con un'incidenza doppia negli uomini rispetto alle donne La percentuale sale al 60% tra i maschi in età superiore ai 60 anni.russare

Dettagli

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza e Chirurgia Il carcinoma cervicale è il primo tumore ad essere riconosciuto

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI Il sostegno ai minori in difficoltà Edizione maggio 2002 1 LA MISSION ED I VALORI LA MISSION Ciascuna persona è titolare di diritti, ad ognuno deve essere

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Dormi bene. Vivi in forma.

Dormi bene. Vivi in forma. Dormi bene. Vivi in forma. Dormi bene. Vivi in forma. Indice Il progetto Dormire è importante Obiettivi Strumenti Associazione IL PROGETTO INFORMASONNO Dormi bene. Vivi in forma. Un messaggio per sensibilizzare

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

La vaccinazione contro il papillomavirus

La vaccinazione contro il papillomavirus Conegliano, 9 maggio 2013 La vaccinazione contro il papillomavirus Dott.ssa Ester Chermaz Responsabile U.O. Profilassi delle Malattie Infettive Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS 7 Pieve di Soligo

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Bisturi e cocaina: oltre 40 mila i medici che fanno uso di sostanze

Bisturi e cocaina: oltre 40 mila i medici che fanno uso di sostanze Pagina 1 di 7 Bisturi e cocaina: oltre 40 mila i medici che fanno uso di sostanze Dalla sala operatoria al pronto soccorso. Il dieci per cento dei medici ha problemi di droga e alcol. La fatica e i turni

Dettagli

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane (PROTEZIONE DELLA GIOVANE) COMITATO DI PARMA casa di accoglienza L accoglienza è un modo di amare: solo chi ama sa accogliere 2 L Associazione

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

Psoprattutto nella fase di informazione,

Psoprattutto nella fase di informazione, UNA VISIONE DALLA PARTE DELL UTENZA DEBOLE, CICLISTI E PEDONI Marco Passigato FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta rima di iniziare vorrei ringraziare le associazioni che hanno collaborato,

Dettagli

PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE

PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE Lo screening come forma di prevenzione LE INFEZIONI DA HPV (PAPILLOMA VIRUS UMANO) Cos è l HPV? L HPV è una categoria di virus molto diffusa. La trasmissione

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 16/10/2015 Il Resto del Carlino promuove le misure «Ma fate di più per i... 1 16/10/2015 Il Resto del Carlino Pagina 29 Weekend

Dettagli