Relazione finale attività in piattaforma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale attività in piattaforma"

Transcript

1 Neoassunti2015 Relazione finale attività in piattaforma ELISA MOGLIARISI Codice fiscale: MGLLSE73A47B428Y

2 Neoassunti2015 Portfolio del docente Il portfolio del docente costituisce la documentazione da presentare al comitato di valutazione per la discussione finale dell anno di prova. Dati del docente neoassunto Nome: ELISA Cognome: MOGLIARISI Codice fiscale: MGLLSE73A47B428Y Dati del tutor accogliente Nome: MARIA ROSA Cognome: BOLZONI Codice fiscale: BLZMRS57B47C816U 2

3 Portfolio del docente #1. Curriculum formativo Le esperienze che ho fatto in passato significative per la mia professionalità. Esperienza 1 Ambito della esperienza: Istituto d Istruzione Superiore G. Romani, Via Trento n. 15, Casalmaggiore (CR) Anno di inizio: 2013 Durata (in mesi): 9 Breve descrizione: Docente di Lingua e civiltà inglese (classe di concorso A346) su posto normale, spezzone orario di 9 ore settimanali, con contratto a tempo determinato fino al termine delle attività didattiche in una classe 5^ del Liceo scientifico, in una classe 1^ e una 3^ dell Istituto Tecnico Informatico. Cosa ho imparato?: Insegnando lingua e civiltà inglese ho imparato ad approfondirne le conoscenze disciplinari e ho impostato le attività didattiche seguendo metodologie per lo sviluppo di conoscenze, abilità e competenze nella lingua straniera, secondo quanto previsto dai criteri e dai livelli del Quadro Comune Europeo di Riferimento delle lingue, curando tutte le abilità linguistiche di base. L insegnamento della lingua era strutturato per moduli ed unità didattiche e basato su un approccio comunicativo della lingua. Come ha inciso sulla mia professionalità?: L esperienza ha contribuito a farmi sviluppare abitudine all approfondimento dei temi e degli argomenti della disciplina oggetto delle lezioni, ma anche a fornire agli alunni schemi di sintesi, mappe concettuali per orientarsi e apprendere maglio i contenuti, spunti di approfondimento; spesso ho utilizzato presentazioni in PPT per illustrare autori e periodi della letteratura inglese e ho fatto creare agli alunni loro presentazioni PPT su argomenti da loro scelti; ho utilizzato films, trailers e brevi documentari nella didattica delle lingue straniere. 3

4 Esperienza 2 Ambito della esperienza: Scuola Primaria Statale A. Stradivari, Via S. Bernardo 1, Cremona Anno di inizio: 2011 Durata (in mesi): 7 Breve descrizione: Supplenza come docente di scuola primaria su posto intero di lingua inglese, fino al termine delle attività didattiche. Insegnamento dell Inglese in classi parallele del primo, secondo, terzo e quarto anno; insegnamento di scienze in una classe prima e in una pluriclasse (una seconda e una terza). Cosa ho imparato?: Questa esperienza è stata molto interessante e motivante per me in quanto docente di lingua straniera, poiché dovevo concentrarmi solo su inglese, mia disciplina preferita, a vari livelli di apprendimento delle classi. La difficoltà di una turnazione complessa su molte classi veniva perciò superata dagli stimoli e dalla motivazione derivanti per me dall insegnare inglese. Inoltre l insegnante che sostituivo è una specialista di inglese che era riuscita ad organizzare molto bene l attività di lingua straniera nel plesso, dedicando alla disciplina un'apposita aula/laboratorio di inglese" in cui si avvicendavano a turno tutte le classi ed era attrezzata con materiale didattico e sussidi utili all'apprendimento della lingua. Ho imparato ad utilizzare i sussidi disponibili per la disciplina (es. flashcards, pupazzi, cartelloni a tema, ecc.), a far realizzare ai bambini diverse attività creative di inglese, a organizzare e gestire le attività per un gran numero di alunni. Alcune ore erano dedicate a scienze nel Plesso di Stagno Lombardo (CR). Come ha inciso sulla mia professionalità?: Questa esperienza ha contribuito a farmi approfondire le competenze didattiche nell'insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria, facendomi riflettere sui meccanismi e le modalità di apprendimento di una lingua straniera nei bambini di questa fascia d'età. Ho potuto così notare le caratteristiche e le peculiarità dell insegnamento -apprendimento dell inglese ai vari livelli/ordini di scuola. Esperienza 3 4

5 Ambito della esperienza: Istituto Comprensivo Dedalo 2000, Scuola primaria statale A. Mina di Gussola (CR), Via Gramsci 15. Anno di inizio: 2010 Durata (in mesi): 8 Breve descrizione: Supplenza come docente di scuola primaria per 24 ore settimanali, su posto comune. Questa è stata la mia prima esperienza di insegnamento in una scuola primaria, molto impegnativa ma anche molto arricchente sia per l ambiente di lavoro e i colleghi molto disponibili a collaborare, a dare un supporto con suggerimenti e consigli utili soprattutto a chi, come me, era alla prima esperienza nella scuola primaria, ma anche nel creare spirito di collaborazione e di gruppo. Ho insegnato in una classe 2^ vari ambiti disciplinari (italiano, storia, geografia, matematica, religione e ed. motoria). Era una classe di 17 alunni piuttosto variegata, con la presenza di alcuni alunni stranieri e alcuni bambini con qualche difficoltà di apprendimento. Solo un alunno veniva seguito dall' insegnante di sostegno. Cosa ho imparato?: Sono riuscita a condurre positivamente il percorso dei miei alunni, a instaurare relazioni collaborative con le famiglie e con i colleghi. Ho organizzato con l aiuto delle colleghe della classe parallela un progetto di scienze relativo alla conoscenza dell ambiente- fiume e in particolare del fiume Po, con l intervento di esperti in collaborazione con la Provincia di Cremona. Ho collaborato alla realizzazione di un uscita presso una fattoria didattica di Pescarolo e Uniti (laboratorio sulle api, il miele, la cera; visita agli animali). Ho realizzato con i bambini il progetto lettura, portandoli, per un certo periodo, nella vicina biblioteca comunale. Ho contribuito alla realizzazione di un bellissimo spettacolo di fine anno scolastico. Come ha inciso sulla mia professionalità?: Ho avuto modo di mettere alla prova per la prima volta le mie competenze pedagogiche- didattiche e professionali nella scuola primaria. Esperienza 4 Ambito della esperienza: Insegnamento della Lingua e civiltà tedesca (c. d. c. A546) nel Liceo Linguistico dell Ist. Paritario Maria Ausiliatrice di Caltagirone (CT) Anno di inizio: 5

6 2006 Durata (in mesi): 24 Breve descrizione: Docente di Lingua e civiltà tedesca, su posto normale, con contratto a tempo determinato per 14 ore settimanali fino ad espletamento delle attività connesse agli esami di maturità. Insegnamento della disciplina in classi del 2, 3, 4 e 5 anno del Liceo linguistico; assistenza nelle attività di preparazione e svolgimento del Progetto Comenius in alcune classi, con accompagnamento e tutoraggio degli alunni coinvolti in un soggiorno in Belgio; espletamento degli esami di stato del 5 anno come membro interno di commissione. Cosa ho imparato?: Questa scuola mi ha dato l opportunità di fare esperienza come insegnante di lingue straniere, di collaborare in esperienze e progetti arricchenti, per es. partecipando all organizzazione e allo svolgimento del Progetto Comenius in Belgio di alcune classi del Liceo e poi occupandomi del Progetto Intercultura accogliendo e seguendo il percorso scolastico di un alunna australiana venuta a frequentare il liceo. Mi sono impegnata in entrambi gli anni scolastici anche nell espletamento degli esami di maturità degli alunni nella mia disciplina. Come ha inciso sulla mia professionalità?: L esperienza in questa scuola è stata molto importante per la mia formazione come persona e come insegnante (è la stessa scuola frequentata da ragazza), che è stata in tal modo influenzata da una visione cristiano-cattolica dell educazione e in particolare dalla pedagogia della ragione, della religione e dell amorevolezza attuata dai Salesiani e dalle F.M.A. di S.Giovanni Bosco, il santo della gioventù, quindi un educazione basata sulla comprensione, l accoglienza dei bambini e dei giovani e lo sforzo costante dell educatore nel far sviluppare le loro energie positive in un' ottica di sviluppo integrale della persona umana e di educazione all' incontro e al dialogo con altre lingue e culture. Ho potuto collaborare con insegnanti madrelingua nella progettazione e nello svolgimento di diverse attività didattiche interessanti e proficue. Negli anni successivi ho avuto la possibilità di effettuare altre supplenze annuali su Lingua e civiltà tedesca presso l IPSCT P. Sraffa di Crema e presso il Liceo Linguistico Romani di Casalmaggiore. Esperienza 5 Ambito della esperienza: Programma Erasmus presso l Università Gerhard Mercator di Duisburg, Germania. 6

7 Anno di inizio: 1996 Durata (in mesi): 12 Breve descrizione: Ho svolto un periodo nell ambito di un programma di cooperazione interuniversitaria con frequenza di corsi e superamento dei relativi esami previsti da un programma approvato da entrambe le università. Ho seguito corsi di lingua e letteratura tedesca, storia romana, geografia. Questa entusiasmante esperienza di confronto e crescita interculturale, mi ha indotto poi a prolungare la mia permanenza in Germania sia per la ricerca della tesi di laurea su un autore svizzero-tedesco (che mi ha portato a frequentare le biblioteche universitarie di Düsseldorf, Essen, Bochum) sia perché, dopo la laurea, conseguita presso l'università di Catania nel 1999, intrapresi con entusiasmo diverse esperienze di lavoro in diversi settori (formazione degli adulti, settore turistico, editoriale-informatico), che sono durate fino al Cosa ho imparato?: La mia permanenza in Germania, iniziata con il Progetto Erasmus, è durata complessivamente un decennio ed è stata molto arricchente sul piano umano e professionale, abituandomi a lavorare in contesti innovativi e fortemente multiculturali, inducendomi a considerarmi non solo italiana, ma portatrice anche di frammenti di altre identità e culture. Insegnando in quegli anni l italiano come L2 nelle Volkshochschulen, nell ambito dell offerta formativa per gli adulti gestita dai comuni, ma anche in centri culturali e in scuole private di lingue nelle città di Düsseldorf, Essen, Bochum, Bottrop, Bad Kreuznach e, poi, lavorando anche in un call-center internazionale a Münster e, successivamente, nell aeroporto di Frankfurt Hahn, ho sviluppato una capacità di dialogo interculturale e una forte sensibilizzazione ai temi dell ecologia che sento tuttora come urgenti. Come ha inciso sulla mia professionalità?: Questa esperienza di vita ha ampliato i miei punti di vista e ha inciso sul mio modo di operare, sviluppando in me spirito di adattamento (talvolta di sacrificio), capacità di lavorare sia in gruppo sia autonomamente, orientamento al risultato, apertura al nuovo (accanto al rispetto per le tradizioni), rispetto e sensibilità verso persone e cose nell ambiente di lavoro e di vita, maggiore consapevolezza della propria identità culturale, sensibilità per i temi dell emergenza ecologica e dello sviluppo sostenibile. 7

8 Portfolio del docente #2. Attività didattica Descrizione e documentazione di un attività didattica che ho realizzato in collaborazione con il tutor accogliente. A) PROGETTAZIONE - ATTIVITÀ PROGETTUALE Titolo dell'attività: "Quante forme hanno gli oggetti!" Sintesi dell'attività: Ho svolto un attività interdisciplinare della durata complessiva di 3 ore che, partendo dall ambito della Matematica (spazio e figure), coinvolge anche Inglese, Educazione motoria e, indirettamente, Arte e immagine. Le attività previste sono finalizzate a presentare e familiarizzare i bambini con le principali figure geometriche piane facendole scaturire spontaneamente da attività manipolative e creative quali: -la realizzazione di un cartellone delle figure piane con i colori a tempera, sotto forma di impronte di scatole/solidi; - la creazione di figure di fantasia utilizzando grossi blocchi logici; -la classificazione delle figure per forma, colore, dimensione; - l operare semplici addizioni e sottrazioni con le quantità delle figure. Le figure piane così scoperte vengono presentate anche in lingua inglese e successivamente fatte sperimentare concretamente anche attraverso attività motorie, ricostruendole in palestra con l utilizzo di specifici attrezzi e utilizzandole per ulteriori esercizi motori. Destinatari delle attività sono gli alunni delle due classi prime della Scuola Primaria di Maleo; in una delle classi sono presenti due alunni BES; in entrambe le classi sono presenti alcuni alunni stranieri con difficoltà di comprensione della lingua italiana. Nome file caricato: Progettazione peer to peer E.Mogliarisi.docx B) PROGETTAZIONE - RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Ideazione. Come hai costruito la progettazione? Da cosa sei partito? Hai individuato alcune attività che tengono conto delle diversità presenti in classe? Ti sei mosso nell'ottica della personalizzazione? Nel progettare questa attività sono partita da quanto previsto nella 8

9 programmazione disciplinare in matematica, inglese, ed. motoria per le classi prime (riferendomi a traguardi per lo sviluppo delle competenze, obiettivi, contenuti, attività, verifiche), ho tenuto conto della situazione degli alunni (caratteristiche individuali, bisogni di apprendimento, abilità diverse, prerequisiti, ecc.), del contesto in cui sono inserite le classi, degli spazi, dei mezzi e strumenti, dei tempi a disposizione, e di altri fattori contingenti. Poi ho cercato di scegliere le tipologie di attività cercando di calibrarle sulla situazione delle due classi prime in cui le ho svolte e ho cercato di personalizzare gli interventi soprattutto nei riguardi degli alunni BES, facilitandoli in alcune prestazioni, utilizzando degli strumenti compensativi e operando delle dispense nelle attività più difficili per loro. Concetti chiave e nuclei tematici.quali sono i concetti chiave/nuclei tematici della disciplina che hai pensato di affrontare? Hai inserito nella progettazione aspetti interdisciplinari? Per gli insegnanti di sostegno oltre a rispondere alla domanda precedente. Hai previsto che la tua progettazione si connetta a quella del docente di classe in un attività inclusiva? Il concetto chiave su cui si sviluppa l attività svolta è uno dei nuclei tematici previsti da una u.d.a. di Matematica per le classi prime, cioè lo spazio e le principali figure geometriche piane. Tali concetti si possono facilmente ricollegare sia ai temi della percezione dello spazio e del movimento nello spazio affrontati in Educazione motoria, sia alla loro conoscenza e denominazione in lingua straniera (inglese). Obiettivi e competenze. Indica a quali aree delle indicazioni nazionali/linee guida hai fatto riferimento nella progettazione della tua attività e della scelta dell'ambiente di apprendimento. Obiettivi di apprendimento in matematica: conoscere e denominare le principali figure geometriche piane (quadrato, cerchio, triangolo, rettangolo); individuare semplici somiglianze e differenze fra le figure piane; classificare le figure piane, utilizzando i blocchi logici, in base a forma, colore, dimensione; costruire figure di fantasia utilizzando i blocchi logici; operare semplici addizioni e sottrazioni entro il 20 con le quantità dei blocchi logici; classificare oggetti in base alla forma riconducibile alle figure piane; verbalizzare ciò che è stato fatto nelle attività. In inglese: conoscere e denominare in inglese le principali figure piane (shapes: circle, triangle, square, rectangle); conoscere e 9

10 denominare i colori delle figure (blocchi logici di vari colori). In ed. motoria: conoscere, denominare e padroneggiare il proprio corpo; esplorare e occupare uno spazio utilizzando i sensi; ricostruire le figure piane con l utilizzo di attrezzi in palestra; eseguire un percorso; eseguire diversi schemi motori; muoversi rispettando i concetti topologici in rapporto ai compagni e agli oggetti; conoscere e rispettare le regole. Si è privilegiato e valorizzato il fare l osservazione diretta, l apprendimento per scoperta partendo dalle esperienze reali degli alunni. Ho finalizzato le attività ai traguardi per lo sviluppo delle competenze nelle aree disciplinari di matematica, inglese e ed. motoria indicati nelle Indicazioni Nazionali. Valutazione. Quali strumenti di valutazione hai previsto per la tua attività (prove strutturate, prove tradizionali, verifiche autentiche, compiti, rubriche di osservazione, ecc.)? Per la valutazione delle attività ho utilizzato prove di verifica strutturate, tratte dai libri di testo in uso nelle mie classi per matematica e inglese, compiti pratici e rubriche di osservazione. Ho tenuto conto per gli alunni BES dei criteri previsti nel PDP concordato con la famiglia. Ruolo del tutor. Come il tutor ha contribuito alla tua progettazione e come l'esperienza specifica di progettazione documentata pensi abbia influito sulla tua professionalità? La mia tutor mi ha fornito diversi spunti e indicazioni per lo svolgimento dell'attività del peer-to-peer e, generalmente, mi ha sostenuto e orientato validamente nel mio percorso durante l intero anno scolastico. Avendo avuto modo di osservare la sua attività didattica di italiano nella fase del peer-topeer (ma occasionalmente anche durante altri momenti), una lezione di italiano (morfologia, ortografia, lettura e comprensione), ho potuto osservare diversi aspetti della sua pratica di insegnamento che mi sono stati molto utili e mi hanno fatto riflettere su come migliorare i miei interventi didattici e la mia professionalità. Ho potuto notare in lei uno stile di insegnamento caratterizzato da entusiasmo, sensibilità, notevole capacità comunicativa e di rassicurazione dei bambini, capacità di svegliare in loro interesse, empatia e partecipazione alle attività didattiche; mi ha aiutato a conoscere e capire meglio i miei alunni, a gestire con più efficacia bambini dal comportamento problematico. Mi ha aiutato inoltre, nella compilazione e gestione della documentazione dell attività scolastica. 10

11 C) DOCUMENTAZIONE MATERIALE DIDATTICO Materiali utilizzati dal docente durante la lezione Titolo:Materiali predisposti dall'insegnante Descrizione: Cartelloni, scatole di varie grandezze e forme, tetrapak, colori a tempera, pennelli, pennarelli, carta per pacchi, blocchi logici, lavagna, attrezzi in palestra (salsicciotti, cerchi, coni), schede con attività di consolidamento e di verifica degli apprendimenti tratte dai libri di testo in uso (Lancetti, Negri, Pagano, Valerio, "MIO", Ed. Gaia; Howell, Kester- Dogson, "New Treetops", Ed. Oxford). Tipologia di upload: gallery Titolo:Esercitazione sulle figure piane con attività multimediali Descrizione: Esercitazione per consolidare e (eventualmente) ampliare gli apprendimenti. Tipologia di upload: link Materiali prodotti dagli studenti nell'attività Titolo:Classificazioni delle figure piane con i blocchi logici (per forma, colore) Descrizione: I bambini formano gruppi delle figure in base alla forma e al colore. Tipologia di upload: gallery Titolo:Attività di consolidamento degli apprendimenti, svolte sul quaderno, schede con attività strutturate dai libri di testo Descrizione: Tipologia di upload: gallery Titolo:Cartellone delle figure piane: "TANTE FORME!" Descrizione: Dalle scatole scopriamo le impronte degli oggetti, le loro facce. I bambini, in piccoli gruppi che si alternano, colorano con le tempere e i pennelli le facce delle scatole e degli oggetti osservati e, usandoli come dei timbri, lasciano sul cartellone bianco le varie impronte scoprendo così le forme del cerchio, del quadrato, del triangolo, del rettangolo, sui quali comunque avevano già delle preconoscenze. Le scatole, fatte asciugare, verranno poi fissate sul cartellone o si predisporrà con esse un angolo delle scatole ). Tipologia di upload: gallery Titolo:Attività Costruiamo delle figure di fantasia (cose, animali, personaggi) con le forme colorate Descrizione: Sul fondo bianco di un cartellone predisposto dall' insegnante, i bambini costruiscono con i blocchi logici, scelti e liberamente utilizzati, diverse figure con la propria fantasia. 11

12 Tipologia di upload: gallery Titolo:Attività con i blocchi logici Descrizione: I bambini operano addizioni e sottrazioni con le quantità dei gruppi formati con i blocchi logici. Tipologia di upload: gallery Documentazione dell'attività Titolo:Attività in classe 1^B Descrizione: Tipologia di upload: gallery Titolo:Attività in classe 1^A Descrizione: Tipologia di upload: gallery Titolo:Attività motorie in palestra Descrizione: Inizialmente i bambini ricostruiscono con gli attrezzi linee chiuse, aperte, rette e curve; poi effettuano dei percorsi lungo linee; si passa poi alla costruzione delle principali figure piane e si realizzano con esse ulteriori esercizi motori. Tipologia di upload: gallery Riflessioni a caldo sull'attività D) RIFLESSIONE COMPLESSIVA SULL ATTIVITA' Quali elementi che avevi previsto nella progettazione sono stati modificati durante l'esperienza? Ho dovuto utilizzare più tempo, circa 30 minuti in più rispetto al previsto, sia per svolgere le attività in maniera più proficua e distesa e da permettere ai bambini di assimilare meglio i nuovi contenuti, sia perché ho deciso di far svolgere anche delle semplici attività multimediali servendomi del computer e della LIM. Quali sono state le ragioni del cambiamento? (eventi imprevisti, stimoli costruttivi emersi durante la lezione, domande degli studenti, una non adeguata previsione dei tempi, una non adeguata valutazione delle difficoltà che avrebbero incontrato gli studenti...). 12

13 Gli eventi imprevisti sono stati alcuni stimoli costruttivi emersi durante la lezione, per i quali ho deciso di ampliare le attività, facendo eseguire ai bambini alcune attività multimediali. Queste attività sono state, quindi, aggiunte in un secondo momento alla progettazione (una sorta di riprogettazione), ampliando e arricchendo, in tal modo, le opportunità di consolidare gli apprendimenti, anche se, per far ciò, ho dovuto aggiungere un tempo supplementare, rispetto alle 3 ore previste, per poterle svolgere (30 min. in più). Gli obiettivi previsti sono stati tutti raggiunti? Se no, quali non sono stati raggiunti o sono stati raggiunti in modo diverso da quanto previsto? Tutti gli obiettivi previsti sono stati pienamente raggiunti da tutti gli alunni, i quali hanno mostrato molto interesse e una partecipazione attiva alle proposte. Quali attività hanno avuto maggiore successo? Quasi tutte le attività hanno avuto l esito atteso, per esempio: le attività di realizzazione del cartellone delle figure piane, la classificazione dei blocchi logici, la costruzione delle figure di fantasia, le attività in palestra e le attività multimediali, cioè tutte quelle attività che richiedevano manipolazione, che venivano condotte in forma ludica, che richiedevano l esercizio della fantasia e che erano finalizzate alla realizzazione di un prodotto concreto, tangibile, colorato e divertente agli occhi dei bambini. La valutazione ha fornito informazioni adeguate sugli apprendimenti? Se no, perchè? La valutazione, effettuata attraverso esercizi di controllo, verifiche finali, ma anche attraverso l osservazione dei processi/strategie attivati dagli alunni, ha fornito informazioni adeguate sull apprendimento dei contenuti affrontati. Essa è stata molto positiva per tutti gli alunni. Come miglioreresti l'attività? Con particolare riferimento alla progettazione iniziale e alla rispondenza dell'attività con le linee guida/indicazioni nazionali 13

14 Come le osservazioni del tutor hanno contribuito a vedere sotto una luce diversa la tua azione e come l'esperienza specifica documentata pensi possa influire sulla tua futura modalità di agire in classe? Le osservazioni del tutor sono state utili a farmi vedere più obiettivamente la mia attività in classe, a migliorare le modalità di conduzione della lezione e di progettazione delle attività didattiche. L esperienza del peer-to-peer è stata interessante e utile per la possibilità di confronto e scambio di idee, per l occasione data al neoassunto di ricevere suggerimenti e consigli utili all approfondimento di vari aspetti didattici, metodologici, professionali. E stata impegnativa ma interessante l attività di documentazione delle attività svolte che è avvenuta in gran parte fotografando le attività, gli strumenti, gli spazi utilizzati e gli attori/ protagonisti coinvolti nelle attività, dovendo al contempo gestire anche altre variabili organizzative. 14

15 Portfolio del docente #3. Bilancio delle competenze Una riflessione sulle mie competenze attuali e su quelle che vorrei sviluppare in futuro.. COMPETENZE ATTUALI AMBITO RELATIVO ALL'INSEGNAMENTO - ASPETTI DIDATTICI Le domande che più hanno ispirato la mia riflessione sono state: Ritieni di aver affrontato i contenuti fondamentali della tua disciplina in relazione alla classe e al contesto? Oppure qualche contenuto poteva essere maggiormente approfondito o ridotto? In quali situazioni specifiche ricordi di aver rilevato le conoscenze degli studenti? In quale modo? Come hai usato il risultato di tale rilevazione? Hai pensato che vi fossero dei concetti più complessi da affrontare nella didattica? Quali attenzioni hai posto affinché l alunno potesse superare gli ostacoli di apprendimento generati dalla complessità di questi concetti? Hai realizzato progetti interdisciplinari? Se sì, quali e perché? Come hai diversificato le attività didattiche per favorire lo sviluppo delle competenze di tutti gli studenti, a seconda delle loro caratteristiche individuali? Una riflessione sulle mie competenze attuali nell'ambito dell'insegnamento: Ho affrontato i contenuti fondamentali nelle mie discipline, Matematica, Scienze, Inglese, Ed. motoria, in relazione a due classi prime della Scuola Primaria di Maleo e al loro contesto. Ad inizio a.s. ho somministrato delle prove di ingresso per sondare la situazione iniziale dei bambini nelle diverse aree di apprendimento. Poi, prima di affrontare un nuovo contenuto, ho sempre rivolto loro delle domande per scoprire le preconoscenze sull argomento affrontato, per riallacciare il nuovo al già noto e coinvolgerli partendo dal loro vissuto e dalle loro esperienze. Ho sempre tenuto conto, nella progettazione e svolgimento della lezione, delle loro risposte e atteggiamenti nei riguardi di un 15

16 contenuto. Ho cercato di semplificare con esempi concreti, legati alla quotidianità, basando l attività sull esperienza concreta, la manipolazione di oggetti da classificare,ordinare in vario modo utilizzando, oltre ai regoli e all abaco, materiale non strutturato. Ho realizzato lezioni interdisciplinari e delle mini-attività CLIL che coinvolgevano mate., inglese e motoria. Ho diversificato le attività per favorire lo sviluppo delle competenze di tutti gli alunni coinvolgendo diverse abilità (lettura,scrittura,verbalizz.,disegno,canto, drammatizz.) e ho tenuto conto delle loro caratteristiche individuali e dei diversi stili di apprendimento individualizzando il più possibile le attività. Ho attuato momenti di analisi e autovalutazione per far sviluppare consapevolezza sui progressi fatti. AMBITO RELATIVO ALLA PARTECIPAZIONE SCOLASTICA - ASPETTI PROFESSIONALI Le domande che più hanno ispirato la mia riflessione sono state: Quali progetti hai elaborato con i colleghi? Quali problemi sono stati affrontati collettivamente e a quali risultati siete giunti? Hai partecipato o organizzato occasioni di confronto fra le pratiche di insegnamento di diversi colleghi? Se sì, per quale obiettivo? Le tue competenze come potrebbero essere utili per un miglioramento del funzionamento della scuola? In quale specifico settore? Una riflessione sulle mie competenze attuali nell'ambito della partecipazione scolastica: Ho partecipato ad occasioni di confronto fra colleghi sia durante la programmazione settimanale, per pianificare le attività didattiche e monitorare i progressi nelle varie discipline, sia in occasione degli incontri per dipartimenti disciplinari per effettuare la programmazione delle uda. Le mie competenze nell ambito delle lingue straniere (tedesco, inglese) potrebbero risultare utili all organizzazione e conduzione di attività per l apprendimento delle suddette lingue e quindi anche per attività di tipo interculturale. Ho elaborato con la mia tutor la progettazione dell attività peer-to-peer, una sequenza di uda interdisciplinare che coinvolge Matematica, Inglese, Ed.motoria. Ho partecipato alla realizzazione di diversi progetti e attività nelle due classi prime, che hanno registrato risultati molto positivi sia in termini di 16

17 apprendimento che di entusiasmo da parte degli alunni, per es. il progetto di scambio interculturale Decorazioni natalizie dal mondo; la realizzazione di un cartellone sui cibi in inglese, legato alla macro-uda sull alimentazione Mangio, penso, scrivo..; il progetto Teatro per le scuole; l uscita didattica presso la cascina Terranova dei Passerini, nell ambito del percorso dei gusti, ecc. Mi sono impegnata a condurre relazioni positive e collaborative con le colleghe e con le famiglie degli alunni, consapevole che la collaborazione scuola-famiglia è un presupposto necessario per assolvere al complesso compito educativo che la scuola di oggi si assume. AMBITO RELATIVO ALLA FORMAZIONE - ASPETTI FORMATIVI Le domande che più hanno ispirato la mia riflessione sono state: In quale situazione ritieni di avere utilizzato le tue competenze digitali per rendere più efficace la didattica? In quale situazione ritieni di avere favorito l'apprendimento attraverso l'utilizzo di tecnologie/linguaggi digitali? Come hai valutato l'efficacia di quanto proposto? In quali contesti/occasioni ritieni di aver utilizzato le tecnologie in modo efficace per una tua formazione? La partecipazione a percorsi di ricerca/formazione (università, enti vari, reti di scuole ) ti ha permesso di sviluppare la tue competenze professionali? Una riflessione sulle mie competenze attuali nell'ambito della formazione: Nella mia formazione ha un avuto un ruolo prevalente l aspetto linguistico e interculturale, quindi ho sempre seguito con vivo interesse la conoscenza delle lingue straniere e il tema intercultura, del dialogo tra posizioni diverse e opposte, capitandomi, talvolta, di contribuire alla mediazione fra tali posizioni e alla soluzione di divergenze problematiche. Riguardo alle competenze digitali da me attivate per favorire la motivazione e l apprendimento degli alunni ho utilizzato, quando possibile, dei materiali didattici multimediali disponibili con computer e LIM, per attività di inglese, matematica e scienze, mostrando dei brevi video, semplici cartoni in lingua,ricorrendo in internet a una sitografia per la didattica delle discipline. Dai risultati positivi che gli alunni hanno riportato ho potuto constatare che le tecnologie digitali nella didattica sono molto utili 17

18 per un apprendimento efficace. In passato ho avuto modo di utilizzare efficacemente le tecnologie digitali, in università, lavorando a scuola e in altri ambiti professionali, fra le esperienze: utilizzo di alcuni data-base; utilizzo di software didattici (Anastasis, per creare attività e mappe concettuali per alunni DSA) o utilizzabili per la didattica (Cmap-tools, programma libero per creare facilmente mappe concettuali); uso di piattaforme tecnologiche; creazione di presentazioni PPT; frequenza di corsi su tecnologie per la didattica (uso di Drop-box, films, trailers, documentari, Storytelling, infografica). SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMPETENZE DA SVILUPPARE IN FUTURO Le tre dimensioni di competenza che vorrei approfondire, in un futuro prossimo, per la mia crescita professionale: Organizzare e animare le situazioni di apprendimento. Osservare e valutare gli studenti nelle situazioni di apprendimento, secondo un approccio formativo Coinvolgere gli studenti nel loro apprendimento e nel loro lavoro Partecipare alla gestione della scuola Servirsi delle nuove tecnologie Curare la propria formazione continua La motivazione delle mie scelte: Mi propongo di approfondire e migliorare le mie competenze nell uso delle tecnologie digitali a scuola poiché queste rappresentano il linguaggio della nuova generazione di digital natives e poichè sono molto utili per un apprendimento efficace, sotto molti aspetti, anche se occorre farne un uso critico. Ormai una vasta letteratura sul tema e molte esperienze in campo didattico hanno dimostrato che esse favoriscono le strategie di un apprendimento costruttivistico, perché permettono all alunno un ruolo attivo nell apprendimento; coinvolgendo contemporaneamente vari canali sensoriali, stimolano l attenzione e l interesse di tutti gli alunni per le attività e facilitano in particolare l apprendimento degli alunni con difficoltà (BES, DSA) favorendo così l individualizzazione, la personalizzazione dell attività didattica e l inclusività. In secondo luogo questo settore è in continua e rapidissima 18

19 evoluzione, di conseguenza occorre aggiornarsi. Poichè ho maturato ancora solo pochi anni di esperienza nell insegnamento nella Scuola Primaria, auspico di migliorare soprattutto le mie competenze pedagogico-didattiche nella conduzione di una corretta e positiva relazione educativa con gli alunni e le mie competenze professionali nel collaborare all organizzazione e conduzione delle attività della scuola, nel dialogare proficuamente con le famiglie degli alunni e con tutti gli altri fattori coinvolti nel complesso progetto di istruzioneeducazione dei bambini di oggi. Cercherò di curare la mia formazione continua in tutti gli aspetti sopra elencati che sono coinvolti nella professione docente. 19

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli