Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi"

Transcript

1 Progetto di norma 31/3/2005 Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma descrive un metodo per la determinazione dell abbattimento di benzene, toluene, etilbenzene e o-xilene (BTEX) in aria da parte di materiali cementizi fotocatalitici per uso edile. 2. Unità di misura e simboli I valori di volume di gas, di flusso di gas e di concentrazione sono riferiti alla temperatura di 23 C e alla pressione di kpa (760 mmhg). A CAT = Attività catalitica rapportata ad una irradianza di 1000 µw/cm 2 in banda UV-A (m h -1 ) C ALIM = Concentrazione del singolo componente della miscela di BTEX nell aria di alimentazione (µg m -3 ) C ZERO = Concentrazione del singolo componente della miscela di BTEX nel reattore fotochimico all equilibrio durante la fase non irradiata (µg m -3 ) C IRRAD = Concentrazione del singolo componente della miscela di BTEX nel reattore fotochimico all equilibrio durante la fase irradiata (µg m -3 ) F = Flusso di alimentazione dell aria nel reattore fotochimico (m 3 h -1 ) I = Irradianza alla superficie del campione nella banda UV-A (µw cm -2 ) A = Area del campione (m 2 ) V = Volume del reattore fotochimico (m 3 ) 3. Principio La procedura si applica alla determinazione del potere di abbattimento dei singoli componenti di una miscela di BTEX in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi e consente di misurare l attività catalitica come flusso di degradazione specifico (per unità di area catalitica, di tempo e di concentrazione di composto) normalizzato per una irradianza in banda UV-A pari a 1000 µw cm -2. La determinazione viene effettuata misurando la concentrazione di equilibrio di BTEX in un reattore fotochimico contenente il campione, alimentato con un flusso costante di aria artificiale comprendente una definita concentrazione di BTEX. La concentrazione di equilibrio viene misurata in assenza di irradiazione e in presenza di irradiazione. L attività fotocatalitica è calcolata per ogni componente della miscela di BTEX dalle misure di concentrazione dei singoli inquinanti nell aria di alimentazione, dalla concentrazione di equilibrio nel reattore in presenza di irradiazione, dal valore del flusso di alimentazione, dall irradianza in banda UV-A e dall area del campione. Il metodo è studiato per operare in condizioni di concentrazione di BTEX e irradianza rapportabili alle tipiche condizioni dell ambiente urbano. In queste condizioni si assume che l attività catalitica (come in seguito definita) sia sostanzialmente indipendente dalla concentrazione di inquinante e linearmente dipendente dal livello di irradiazione in banda UV-A. Il risultato finale viene espresso per ogni componente della miscela di BTEX come attività catalitica espressa come (µg m -2 h -1 )/(µg m -3 ) o, più brevemente, come m h -1. Pagina 1/8

2 4. Apparecchiatura L apparecchiatura di prova consiste in un sistema di generazione dell aria di alimentazione, un reattore fotochimico, una camera di irradiazione ed un sistema di campionamento e analisi di BTEX in aria a livello di ppb. E inoltre richiesto un radiometro per la misura del livello di irradianza in banda UV-A, un flussimetro da laboratorio e un igrometro per la misura dell umidità dell aria di alimentazione. 4.1 Sistema di generazione dell aria di alimentazione Il sistema di generazione dell aria per alimentare il reattore fotochimico deve garantire durante la prova un flusso costante di aria con umidità relativa e tracce di BTEX come specificato nelle seguenti tabelle. Sono previsti due livelli differenti di concentrazione di BTEX. Miscela a bassa concentrazione di BTEX Componente Concentrazione Note Azoto 79±1 % Ossigeno 21±1 % Umidità 10.3±0.5 g m -3 50±5 % U.R. a 23 C Benzene 300±50 µg m -3 95±15 ppb Toluene 300±50 µg m -3 80±12 ppb Etilbenzene 300±50 µg m -3 70±10 ppb o-xilene 300±50 µg m -3 70±10 ppb Miscela a alta concentrazione di BTEX Componente Concentrazione Note Azoto 79±1 % Ossigeno 21±1 % Umidità 10.3±0.5 g m -3 50±5 % U.R. a 23 C Benzene 1000±100 µg m ±30 ppb Toluene 1000±100 µg m ±25 ppb Etilbenzene 1000±100 µg m ±20 ppb o-xilene 1000±100 µg m ±20 ppb La tolleranza sul valore di concentrazione di azoto e ossigeno e sul valore di umidità relativa (riferita a 23 C) deve essere mantenuta per tutta la durata della prova. La stabilità della concentrazione di BTEX durante la prova deve essere entro ±2% del valore presente all inizio della stessa. L umidità deve essere misurata con un igrometro con errore =5% U.R. all inizio della prova sul flusso efferente dal generatore di aria. Se l umidificazione viene ottenuta per miscelazione di un flusso secco e umidificato, è possibile utilizzare i parametri di regolazione dei flussi per determinare il grado di umidità se il sistema è stato preventivamente calibrato con un igrometro con errore =5% U.R. Il flusso di alimentazione deve garantire 3±0.5 ricambi ora (con un volume del reattore fotochimico di 2.0 L si deve quindi fornire un flusso di alimentazione di 100±15 ml/min). Il flusso di alimentazione deve essere noto con incertezza =2%. La stabilità del flusso di alimentazione durante la prova deve essere entro ±2% del valore presente all inizio della stessa. Pagina 2/8

3 4.2 Reattore fotochimico Il reattore fotochimico consiste in un contenitore di vetro borosilicato (volume da 1 a 6 L) provvisto di almeno tre ingressi laterali e di una calotta in grado di assicurare l irradiazione del campione (realizzata in vetro borosilicato o in quarzo). Il valore del volume V del reattore deve essere determinato con una incertezza <2% (ad esempio per calibrazione gravimetrica con acqua). Le tenute devono essere realizzate in PTFE (politetrafluoroetilene) o in gomma rivestita di PTFE. Il sistema miscelazione deve essere realizzato in acciaio inox e azionato con un motore esterno al reattore fotochimico per mezzo di un asse di trasmissione. Un ingresso laterale del reattore è utilizzato per il passante dell asse di trasmissione della ventola e gli altri due accessi sono utilizzati rispettivamente come ingresso per l aria di alimentazione e uscita per l aria esausta. Il sistema di rimescolamento deve garantire la completa miscelazione dell aria all interno del reattore per assicurare l uniformità di concentrazione degli inquinanti. L efficienza del sistema di rimescolamento deve essere verificato come descritto nei punti e Il reattore fotochimico deve assicurare l adsorbimento minore possibile di BTEX per evitare interferenze con la prova. Il reattore, il sistema pneumatico di collegamento con il generatore di aria e il sistema di miscelazione non devono introdurre artefatti per adsorbimento e/o emissione di inquinanti durante la prova Verifica con tracciante L efficienza del sistema di rimescolamento deve essere verificata misurando il decadimento nel tempo della concentrazione di un tracciante iniettato nel sistema in condizioni operative di flusso e in assenza di irradiazione. In un sistema perfettamente rimescolato la concentrazione deve segiure un decadimento esponenziale nel tempo descritto dalla [1]. [1] C(t) = a e b t Dove: C(t) = Concentrazione del tracciante al tempo t (µg m -3 ) a = Concentrazione al tempo zero del tracciante (µg m -3 ) b = Reciproco della costante di tempo del sistema (h -1 ), dato dal rapporto tra il flusso di ricambio del sistema (m 3 h -1 ) e il volume del reattore (m 3 ) Devono essere rilevati almeno cinque valori di concentrazione in un arco temporale di almeno 2 h. I valori di concentrazione così ottenuti devono essere riportati in un grafico rispetto al tempo di prelievo. Vengono quindi determinati i parametri a e b dell equazione [1] per mezzo di regressione non lineare ai minimi quadrati della [1] sui dati ottenuti. Il valore di b così ottenuto deve avere una deviazione <10% dal valore b TEORICO calcolato con la [2] [2] b TEORICO = F V Dove: b TEORICO = Valore teorico del parametro b in condizioni di rimescolamento perfetto. F = Flusso di alimentazione dell aria nel reattore fotochimico (m 3 h -1 ) V = Volume del reattore fotochimico (m 3 ) Verifica per variazione di velocità L efficienza del sistema di rimescolamento deve essere verificata misurando l assenza di influenza dell variazione di velocità di rotazione della ventola sulla concentrazione di equilibrio di un Pagina 3/8

4 composto del gruppo dei BTEX in condizioni di irradiazione e in presenza di un campione fotocatalitico. La determinazione deve essere effettuata misurando la concentrazione del composto in condizioni operative di flusso e irradianza. Il composto e il campione di materiale fotocatalitico devono essere scelti in modo da avere una concentrazione di equilibrio in condizioni di irradiazione compresa tra il 20% e 80% della concentrazione di alimentazione del sistema. Devono essere effettuate almeno 5 determinazioni a differenti velocità di rotazione della ventola (ciascuna ottenuta per media di almeno 4 campionamenti) in un intervallo di velocità dal 50% al 200% della velocità di regime. Dopo ogni variazione della velocità è necessario attendere almeno 12 h per assicurare il raggiungimento dell equilibrio del sistema. Le variazioni di concentrazione così ottenute devono essere inferiori al 10% della media di tutti i campionamenti. 4.3 Camera di irradiazione La camera di irradiazione consiste in un involucro che contiene reattore fotochimico e lo scherma dalla luce ambientale. La camera di irradiazione deve contenere una sorgente in grado di assicurare un livello di irradianza alla superficie del campione di 1000±400 µw cm 2 in banda UV-A ed un sistema di ventilazione in grado di raffreddare il reattore fotochimico e mantenerne la temperatura dell aria interna inferiore a 28 C. La stabilità dell irradianza durante la prova deve essere entro il 2% del valore presente all inizio della stessa. Schema 1. Sistema di prova 4.4 Campionamento Il campionamento dell aria per le analisi di BTEX è effettuato con trappole per adsorbimento su fase solida e desorbimento termico. I punti di campionamento sono realizzati con raccordi chiudibili posti sulla linea di alimentazione e di efflusso del aria del reattore fotochimico. Per ridurre al minimo le interferenze generate dal sistema pneumatico, devono essere utilizzati tubi di collegamento in acciaio o acciaio vetrificato, ed è necessario limitare per quanto possibile la lunghezza del circuito dal reattore fotocatalico al punto di campionamento. Sono realizzati due punti di campionamento, a monte e a valle del reattore fotochimico, per il prelievo rispettivamente dell aria di alimentazione e dell aria del reattore. Pagina 4/8

5 4.5 Pompa di campionamento per gas La pompa di campionamento deve garantire il prelievo dei volumi di aria necessari per le analisi con incertezza =2% e con errore di ripetibilità <1%, utilizzando trappole per campionamento ambientale in fase solida. Il flusso di campionamento deve essere <50% del flusso di alimentazione del reattore fotochimico. 4.6 Sistema di analisi per desorbimento termico e gascromatografia Il sistema di analisi per desorbimento termico e gascromatografia deve garantire l analisi dei campioni per la determinazione della concentrazione di BTEX all interno del reattore fotochimico. 4.7 Radiometro in banda UV-A Radiometro in grado di misurare l irradianza nella banda UV-A, con incertezza =5% 4.8 Flussimetro Flussimetro da laboratorio in grado di misurare flussi di aria e azoto con incertezza =2%. 5. Materiali di consumo 5.1 Bombole di standard di BTEX in azoto. E richiesto l uso di una bombola di standard in azoto di BTEX per la generazione dell aria sintetica e per la calibrazione del sistema analitico. La bombola deve essere conservata al riparo da eccessi di temperatura e deve essere mantenuta in condizioni di laboratorio (23 C) per almeno 48 h prima dell uso. 6. Preparazione del campione 6.1 Tipologie di campioni I campioni per le analisi possono essere preparati da prodotti in polvere o possono essere forniti direttamente come prodotto finito in dimensioni compatibili con la prova come descritto al paragrafo Dimensioni Il campione deve garantire un rapporto tra la superficie esposta alla radiazione incidente e il volume del reattore fotochimico di 3±1 m 2 /m 3. Per un reattore di 2 L è quindi richiesta un area esposta di 60±20 cm 2. L area esposta effettiva deve essere misurata con una incertezza <3%. Lo spessore del campione deve essere compreso tra 3 e 20 mm. La superficie superiore del campione (che deve essere esposta alla radiazione incidente e all atmosfera interna del reattore fotochimico) deve essere piana e le altre superfici devono essere protette dallo scambio con l aria del reattore. 6.3 Preparazione Campioni in polvere L impasto cementizio deve essere preparato secondo le indicazioni del produttore e quindi essere versato subito dopo il mescolamento in una capsula di Petri in vetro di diametro opportuno per garantire il rapporto superficie volume specificato al paragrafo 6.2. Il diametro viene registrato con incertezza di 1 mm per calcolare l area esposta del campione. Il campione così preparato deve Pagina 5/8

6 essere maturato per 10 giorni alla temperatura di 23±2 C e U.R. >95%. Dopo la maturazione il campione deve essere posto a 23±2 C, 50±10% U.R. fino al raggiungimento del peso costante per equilibrare l umidità interna a quella atmosferica (massima deviazione <0.5% del peso in 24 h verificata con due determinazioni a intervallo =24 h) Campioni preformati I campioni preformati devono avere una area superiore esposta direttamente alla radiazione incidente in accordo con il paragrafo 6.1. Le superfici non interessate all irradiazione diretta devono essere protette con un foglio di alluminio posizionato a secco con nastro di PTFE, evitando l uso di nastro adesivo. Prima della prova il campione deve essere mantenuto a 23±2 C, 50±10% U.R. per almeno 7 giorni e comunque fino al raggiungimento del peso costante (massima deviazione <0.5% del peso in 24 h con due determinazioni a intervallo =24 h). 7. Procedimento 7.1 Prelavaggio Almeno 24 ore prima dell inizio della prova il campione è posto nel reattore fotochimico al buio in flusso di lavaggio di aria pura. Questa fase è necessaria per minimizzare il livello di fondo del sistema e desorbire le eventuali tracce di composti volatili organici preadsorbiti sul campione. Al termine di questa fase un campione di aria è prelevato e analizzato dal punto di campionamento a valle per misurare il livello di fondo dovuto alle eventuali emissioni residue del campione e/o del sistema di prova. Il valore di fondo della concentrazione di ogni composto della miscela analitica (BTEX) così misurato deve essere inferiore a 10 µg m -3. In caso di valore superiore è necessario sostituire il campione o prolungare la fase di lavaggio fino ad ottenere il livello di fondo richiesto. 7.2 Fase oscura Il reattore fotochimico è collegato con il sistema di alimentazione di aria sintetica. Il reattore è in assenza di irradianza. Dopo almeno 24 h dall attivazione del sistema di alimentazione vengono prelevati e analizzati almeno cinque campioni di aria dal punto di campionamento a valle (prelevati a intervalli =1 h), per misurare il livello di concentrazione C ZERO degli inquinanti all interno del reattore fotochimico durante la fase oscura. I cinque campioni devono indicare il raggiungimento dell equilibrio in fase oscura e devono quindi presentare variazioni di concentrazione inferiori al 2% della media degli stessi. Il valore di C ZERO è calcolato dalla media dei valori di concentrazione misurati. In caso di mancato raggiungimento dell equilibrio la determinazione di C ZERO viene ripetuta dopo altre 24 h, fino al raggiungimento di un valore costante. 7.3 Fase irradiata In seguito al raggiungimento e alla misura della concentrazione di equilibrio in fase oscura si attiva la sorgente di irradiazione. Si registra una diminuzione di concentrazione di BTEX che scende fino a raggiungere l equilibrio. Il processo può durare da qualche ora ad alcuni giorni, in relazione al campione. Dopo almeno 24 h dall attivazione della sorgente vengono prelevati e analizzati almeno cinque campioni di aria dal punto di campionamento a valle (prelevati ad un intervallo di almeno 1 h), per misurare il livello di concentrazione C IRRAD dei componenti della miscela di BTEX all interno del reattore fotochimico durante la fase irradiata. I cinque campioni devono indicare il raggiungimento dell equilibrio in fase irradiata e devono quindi presentare variazioni di concentrazione <2% della media degli stessi. Il valore di C IRRAD è calcolato dalla media dei valori di concentrazione misurati. In caso di mancato raggiungimento dell equilibrio la determinazione di C IRRAD viene ripetuta dopo altre 24 h, fino al raggiungimento di un valore costante. Il valore C IRRAD così ottenuto deve essere confermato da un campionamento eseguito dopo un intervallo >12 h dall ultimo campionamento effettuato. ll valore di concentrazione di quest ultimo campionamento deve presentare una variazione <10% rispetto a C IRRAD. Pagina 6/8

7 7.4 Misura della concentrazione di BTEX nell atmosfera affluente Al termine della prova sono prelevati almeno cinque campioni dell aria di alimentazione dal punto di prelievo a monte per misurare l effettivo livello di concentrazione C ALIM dei componenti della miscela di BTEX nell atmosfera afferente al reattore fotochimico. Il valore di è calcolato dalla media dei valori di concentrazione misurati. Il valore di C ALIM deve essere entro ±20% del valore di C ZERO. Uno scarto superiore indica il mancato raggiungimento dell equilibrio nella fase oscura e/o eventuali perdite nel sistema, rendendo necessaria la ripetizione della prova. 7.5 Misura dell irradianza spettrale della lampada L irradianza spettrale sul campione è misurata immediatamente dopo la fine di ogni determinazione utilizzando un radiometro per la banda UV-A. La sonda è posizionata all interno reattore fotochimico, registrando l irradianza dopo il raggiungimento della stabilizzazione della lampada solare. Alternativamente è possibile misurare l irradianza all interno della camera di irradiazione (ma all esterno del reattore fotochimico) correggendo i risultati ottenuti per il fattore di trasmittanza della calotta del reattore fotochimico stesso. La misura dell irradianza effettiva al momento della prova è determinante in quanto, durante la vita operativa della lampada, si riscontra una notevole deriva della sua luminosità. 8. Campionamento e analisi di BTEX 8.1 Calibrazione La calibrazione del sistema analitico è effettuata per ogni composto della miscela di BTEX analizzando una serie di cartucce di Tenax preadsorbite con una quantità nota di analita. Il preadsorbimento è effettuato prelevando una serie di campioni di differente volume da una bombola di standard di BTEX in azoto a concentrazione nota con errore =5%. Il volume totale utilizzato per il preadsorbimento deve essere tale da garantire l assenza di perdita di campione per desorbimento passante (breakthrough). La serie di cartucce (almeno cinque) deve coprire l intervallo di quantità atteso per i campionamenti. L errore di ripetibilità della catena analitica, dal campionamento alla determinazione di concentrazione deve essere <2%. 8.2 Campionamento I campionamenti dei BTEX è eseguito per mezzo di cartucce adsorbenti contenenti Tenax. Il prelievo del campione è effettuato dal punto di campionamento a valle del reattore fotochimico. E utilizzato un flusso di campionamento <50% del flusso di ricambio del reattore. Il volume totale deve essere tale da garantire l assenza di perdita di campione per desorbimento passante (breakthrough). 8.3 Analisi L analisi delle cartucce è effettuata per desorbimento termico, separazione gascromatografica e quantificazione con detector FID. 8.4 Determinazione quantitativa La determinazione quantitativa è effettuata per mezzo della misura dell area sottesa dai rispettivi picchi cromatografici ottenuti da un rivelatore a ionizzazione di fiamma (FID). Pagina 7/8

8 9. Determinazione dell attività fotocatalitica ed espressione dei risultati L attività catalitica normalizzata per una irradianza UV-A di 1000 µw cm -2 è calcolata con la [3] per ogni composto della miscela di BTEX. L attività catalitica così ottenuta è misurata al livello di concentrazione C IRRAD. [3] A CAT = (C ALIM C IRRAD ) F A C IRRAD I Dove: A CAT = Attività catalitica rapportata ad una irradianza di 1000 µw/cm 2 in banda UV-A (m h -1 ) C ALIM = Concentrazione del singolo componente della miscela di BTEX nell aria di alimentazione del reattore fotochimico (µg m -3 ) C IRRAD = Concentrazione del singolo componente della miscela di BTEX nell aria del reattore fotochimico all equilibrio durante la fase irradiata (µg m -3 ) F = Flusso di alimentazione dell aria nel reattore fotochimico (m 3 h -1 ) A = Area del campione (m 2 ) I = Irradianza alla superficie del campione nella banda UV-A (µw cm -2 ) Il risultato della prova deve essere riportato come attività catalitica A CAT (m h -1 ) di ogni singolo componente della miscela di BTEX rapportata ad una irradianza di 1000 µw/cm 2 in banda UV-A e misurata alla concentrazione C IRRAD. 10. Rapporto di prova Il rapporto di prova deve includere almeno le seguenti informazioni: a) tutti i dettagli necessari ad identificare il prodotto testato; b) il riferimento a questa norma e qualsiasi difformità da essa; c) la descrizione della forma del campione fisico provato, la data del suo confezionamento ed eventuali indicazioni accessorie; d) i risultati della prova in accordo al paragrafo 9; e) la concentrazione C IRRAD di ogni singolo componente della miscela di BTEX nell aria del reattore fotochimico all equilibrio durante la fase irradiata (µg m -3 ); f) il tipo di miscela di alimentazione utilizzato (alta o bassa concentrazione) e la concentrazione C ALIM di ogni singolo componente della miscela di BTEX nell aria di alimentazione del reattore fotochimico (µg m -3 ); g) l irradianza I alla superficie del campione nella banda UV-A (µw cm -2 ); h) il flusso di alimentazione F dell aria nel reattore fotochimico (m 3 h -1 ); i) la concentrazione Czero di ogni singolo componente della miscela di BTEX nell aria del reattore fotochimico all equilibrio durante la fase non irradiata (µg m -3 ); l) l area A del campione (m 2 ); m) il volume V del reattore fotochimico (m 3 ); n) la data della prova; Pagina 8/8

PCF ELETTRONICA s.r.l. LINEA CONTROLLO EMISSIONI

PCF ELETTRONICA s.r.l. LINEA CONTROLLO EMISSIONI PCF ELETTRONICA s.r.l. LINEA CONTROLLO EMISSIONI ANALIZZATORE DI S.O.V. T.O.C. CON METODO GASCROMATOGRAFICO E SEPARAZIONE DEL METANO mod. 527 Effettua la misura di SOV, TOC, COT, con la separazione gascromatografica

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 Analisi sugli effluenti in uscita dal combustore biogas Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino

Dettagli

TRATTAMENTI DI OSSIDAZIONE AVANZATA AL SERVIZIO DELL AMBIENTE

TRATTAMENTI DI OSSIDAZIONE AVANZATA AL SERVIZIO DELL AMBIENTE MATERIALI E METODI Descriviamo di seguito le strumentazioni impiegate per le sperimentazioni: i tipi di reattori ad UV scelti, le acque di scarico trattate, con i diversi coloranti presi in esame, descrivendo

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA 1. PROPRIETÀ TERMODINAMICHE DEI GAS PERFETTI Un modello di comportamento interessante per la termodinamica è quello cosiddetto d i gas perfetto. Il gas perfetto è naturalmente

Dettagli

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti. Rivoli To Una domanda, peraltro molto semplice, che può però

Dettagli

gli accessori radiello

gli accessori radiello B1 gli accessori radiello di adattatore verticale codice 122 E fornito solo in confezione da 20 pezzi. Il corpo diffusivo può essere applicato alla piastra di supporto sia in orizzontale che in verticale.

Dettagli

Analizzatore Polveri STM 225 La soluzione portatile per la misura delle polveri

Analizzatore Polveri STM 225 La soluzione portatile per la misura delle polveri Analizzatore Polveri STM 225 La soluzione portatile per la misura delle polveri MULTILYZER STe MULTILYZER NG Certificato TUV per i Livelli 1+2, e 150 mg/m³ STRUMENTI DI MISURA & TEST Compatto. Comodo.

Dettagli

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE 4.1) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di verniciatura di oggetti vari in metalli o vetro con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all uso non superiore a 50 kg/g

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO PREPARAZIONE DELLA SONDA Lo strumento è fornito di una batteria a 9V. Sfilare verso l esterno il coperchio del vano batterie posto nella

Dettagli

Leggero, compatto, ergonomico, sicuro POLARIS FID. Analizzatore Portatile TOC per Emissioni

Leggero, compatto, ergonomico, sicuro POLARIS FID. Analizzatore Portatile TOC per Emissioni Leggero, compatto, ergonomico, sicuro POLARIS FID Analizzatore Portatile TOC per Emissioni Il FID da Emissioni Portatile: leggero, compatto, ergonomico, sicuro L analizzatore POLARIS FID realizzato da

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

Campionamento ed analisi di composti volatili in matrici alimentari

Campionamento ed analisi di composti volatili in matrici alimentari Campionamento ed analisi di composti volatili in matrici alimentari Lo studio dei composti volatili di un alimento ha l obiettivo di fornirne la caratterizzazione del profilo aromatico, permettendo in

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N.

RAPPORTO DI PROVA N. PAGINA : 1 DI 7 Tipo di prodotto Scatola di derivazione Modello T65304HT / morsetto 66CSM035-M Descrizione T65304HT Scatola di derivazione in lega di alluminio pressofuso, 253X217X93,morsettiera di collegamento

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

Analizzatori ad alta sensibilità per SO2, NOx, CO

Analizzatori ad alta sensibilità per SO2, NOx, CO Analizzatori ad alta sensibilità per SO2, NOx, CO Analizzatore di SO2 a Fluorescenza UV ad alta sensibilità - Modello T100U L analizzatore Modello T100U, di produzione Teledyne determinazione di basse

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE E VERNICIATURA DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI, MEZZI E MACCHINE AGRICOLE CON

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE

INFORMAZIONI TECNICHE Revisione 001 del 03/2014 Pagina 1 di 5 PRODOTTO MAX NEW LIGHT per riparazione fari CARATTERISTICHE Speciale finitura trasparente antigraffio 3K per riparazione fari. Prodotto specifico per la riparazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

Da sempre MITA sviluppa i propri prodotti ponendo particolare attenzione ai consumi energetici e ai costi di gestione.

Da sempre MITA sviluppa i propri prodotti ponendo particolare attenzione ai consumi energetici e ai costi di gestione. Da sempre MITA sviluppa i propri prodotti ponendo particolare attenzione ai consumi energetici e ai costi di gestione. La scelta di utilizzare per tutta la gamma motori direttamente accoppiati a ventole

Dettagli

23a. Solventi organici clorurati

23a. Solventi organici clorurati Maggio 1990 23a. Solventi organici clorurati 23a.l Principio del metodo II metodo si basa sull'analisi gascromatografica di un estratto, ottenuto da un campione di fango o di rifiuto solido, utilizzando

Dettagli

CAMPIONAMENTO A CURA DEL CLIENTE

CAMPIONAMENTO A CURA DEL CLIENTE CAMPIONAMENTO A CURA DEL CLIENTE (Procedura P004) Rev. Data Resp. emissione Resp. approvazione Sezioni revisionate 0 17/02/2005 Andrea N. Rossi Massimiliano Il Grande 1 30/12/2005 Andrea N. Rossi Massimiliano

Dettagli

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO CENTRALE TERMOELETTRICA DI MONCALIERI FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO Allegato A112 Specifica tecnica sistema di monitoraggio emissioni INDICE 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

Autocampionatore Purge & Trap

Autocampionatore Purge & Trap AUTOCAMPIONATORI Autocampionatore Purge & Trap Accuratezza, Precisione e Riproducibilità Analytical Technology Srl Via San Domenico Savio 16 20047 Brugherio (MI) Tel. 039 870026 039 870512 Fax 039 2871442

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02 LINEE GUIDA GESTIONE e ANALISI DELLE CARTUCCE TONER ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata

Dettagli

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)!

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! F. Ruggeri, L. Mancuso, G.Collodi, Foster Wheeler Italiana. Milano, 20 maggio 2010 Agenda Schema d impianto Preparazione

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 Cromatografia??? La cromatografia è un metodo chimico-fisico che sfrutta la tendenza delle sostanze a distribuirsi

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino).

Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino). Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino). La campagna di monitoraggio si è svolta presso il casello autostradale

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia La verifica termoigrometrica Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia 1 - Igrometria: l aria umida - Temperatura di rugiada, umidità specifica e umidità relativa - Il controllo dell umidità: requisiti

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GC GC/MS Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GAS-CROMATOGRAFO GAS di TRASPORTO (carrier): Gas inerte (azoto,elio..): trasporta componenti della miscela lungo la colonna cromatografica INIETTORE: - Assicura

Dettagli

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO Pag 1 di 9 COLONNA ESSICCATOIO STRAHL SERIE AR La colonna di essiccazione è realizzata con pannelli in lamiera zincata strutturale con montanti esterni quantità variabile

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

CROMATOGRAFIA E GASCROMATOGRAFIA (lezione 3 e lezione 4)

CROMATOGRAFIA E GASCROMATOGRAFIA (lezione 3 e lezione 4) CROMATOGRAFIA E GASCROMATOGRAFIA (lezione 3 e lezione 4) Il nome cromatografia significa segno colorato e tale nome venne usato poiché le prime analisi venivano eseguite con sostanze pigmentate. Tale tecnica

Dettagli

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA www.sdasr.unict.it/materiale/lab_geoch_lezione8.ppt venus.unive.it/matdid.php?utente=capoda&base...ppt...

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione Tecnico Scientifica Servizio Valutazione, Controlli e Monitoraggio Ambientale RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE

Dettagli

Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem.

Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem. Descrizione dell attività Il controllo è stato compiuto il giorno con l apparecchiatura per il rilevamento posizionata all interno dei seguenti ambienti del P.O. ): L analizzatore è programmato per rilevare

Dettagli

S3 Turbo Caldaia a legna. S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI. www.froeling.com

S3 Turbo Caldaia a legna. S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI. www.froeling.com S3 Turbo Caldaia a legna S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI www.froeling.com Un marchio di eccellenza Froling si occupa da oltre cinquant anni dell utilizzo efficiente del

Dettagli

TECHNICAL DATASHEET - SISTEMA PLASMA SH20045+HPR260 202086

TECHNICAL DATASHEET - SISTEMA PLASMA SH20045+HPR260 202086 TECHNICAL DATASHEET - SISTEMA PLASMA SH045+HPR20 8 Si osservi che l'immagine sopra riportata è fornita a solo scopo esemplificativo. La configurazione effettiva della macchina può variare. Alcuni degli

Dettagli

Contattare BAGGI measurement per la vostra applicazione.

Contattare BAGGI measurement per la vostra applicazione. SG06UNINC-Series Qualità del Biogas BGA INnovative Case Analyzer - INCA è un Innovativo Sistema All in one per la Qualità e Sicurezza nel processo biologico e Riduzione dei Costi nell Ingegneria, nell

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Il dispositivo Cairsens può essere utilizzato nella maggior parte delle situazioni lavorative ed è costituito da:

Il dispositivo Cairsens può essere utilizzato nella maggior parte delle situazioni lavorative ed è costituito da: CAIRSENS O3 & NO2 MANUALE D ISTRUZIONE Descrizione tecnica Cairsens è un dispositivo di misurazione dell inquinamento atmosferico di Ozono e Biossido di Azoto; esso misura in modo continuo il livello di

Dettagli

Contattare BAGGI measurement per la vostra applicazione.

Contattare BAGGI measurement per la vostra applicazione. SG06UNINC-Series Qualità del Biogas BGA INnovative Case Analyzer - INCA è un Innovativo Sistema All in one per la Qualità e Sicurezza nel processo biologico e Riduzione dei Costi nell Ingegneria, nell

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Riempimento volumetrico in PET di prodotti gassati e piatti. Selecta

Riempimento volumetrico in PET di prodotti gassati e piatti. Selecta Riempimento volumetrico in PET di prodotti gassati e piatti Selecta Specificamente dedicata al riempimento di bottiglie in PET, la riempitrice Selecta è caratterizzata da un sistema meccanico/idraulico

Dettagli

umidità, pressione, luminosità, calore radiante, grado di turbolenza e CO 2 , in un unico strumento. Concetto di taratura intelligente

umidità, pressione, luminosità, calore radiante, grado di turbolenza e CO 2 , in un unico strumento. Concetto di taratura intelligente Strumento di misura VAC testo 480 Tecnologia all avanguardia per tecnici professionisti Misurazione di tutti i parametri VAC: portata, temperatura, umidità, pressione, luminosità, calore radiante, grado

Dettagli

Termometro digitale RTD Involucro in AISI 316 per applicazioni sanitarie, di lavaggio e marine.

Termometro digitale RTD Involucro in AISI 316 per applicazioni sanitarie, di lavaggio e marine. Termometro digitale RTD Involucro in AISI 316 per applicazioni sanitarie, di lavaggio e marine. DTG-RTD100 Series Collegamento di un antenna per l opzione wireless. 2 ANNI DI GARANZIA Opzionale SERVIZI

Dettagli

Sonde antigelo Da utilizzare sul lato aria

Sonde antigelo Da utilizzare sul lato aria 1 821 1821P01 Sonde antigelo Da utilizzare sul lato aria Sonda attiva con capillare per la misura della temperatura minima nel campo d impiego 0 15 C Alimentazione 24 V AC Segnale d uscita 0...10 V DC

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

RIVELATORI CONVENZIONALI DI GAS

RIVELATORI CONVENZIONALI DI GAS RIVELATORI CONVENZIONALI DI GAS 48RGS100 - RIVELATORE DI GAS METANO CONVENZIONALE IP55 48RGS102 - RIVELATORE DI VAPORI DI BENZINA CONVENZIONALE 48RGS104 - RIVELATORE CONVENZIONALE DI IDROGENO H2, IP55

Dettagli

L IDROGENO COME CARRIER GAS

L IDROGENO COME CARRIER GAS Copyright Claind srl For more information www.claind.eu 2013-1-IT White Paper L IDROGENO COME CARRIER GAS Le nuove frontiere della gascromatografia: può l idrogeno sostituire l elio? Claind, azienda italiana

Dettagli

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione ALLEGATO 6 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -------------------------------- Documento d inquadramento per le cappe chimiche nei Dipartimenti Provinciali dell ARPA Lombardia.

Dettagli

Sistemi per Profili Termici di Forni. Dove l esperienza conta!

Sistemi per Profili Termici di Forni. Dove l esperienza conta! Sistemi per Profili Termici di Forni Dove l esperienza conta! Le Barriere Termiche Barriere Termiche PhoenixTM produce Barriere Termiche adatte ad applicazioni specifiche; i processi di verniciatura necessitano,

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A.

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. DIPARTIMENTO DI CHIMICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. Ferrara, 28/07/07 1/9 Premessa: Questa relazione contiene

Dettagli

Criteri di scelta: Tipo di inquinamento che si può sviluppare. Tipo di locale o ambiente in cui viene collocata la cappa

Criteri di scelta: Tipo di inquinamento che si può sviluppare. Tipo di locale o ambiente in cui viene collocata la cappa CAPPE CHIMICHE Proteggono il personale esposto al rischio di inalazione di sostanze chimiche tossiche, irritanti, o allergizzanti e l ambiente di lavoro, eliminando alla fonte la contaminazione dell aria.

Dettagli

Termometro IR Fronte Senza Contatto

Termometro IR Fronte Senza Contatto Manuale d Istruzioni Termometro IR Fronte Senza Contatto Modello IR200 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello IR200. Questo termometro è progettato per scansionare gruppi

Dettagli

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354 attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni pag. 354 354 AT 244 Orientabile in ogni direzione perforatrici - en 12504-1 La gamma di macchine Tecnotest consente l esecuzione di qualsiasi tipo di perforazione

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 Residui all evaporazione nel GPL: Contenuti Contaminanti nel GPL Specifica di prodotto EN589 Nuove tecniche analitiche Nuovo metodo pren16423

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO 1. NORME DI RIFERIMENTO La determinazione dell indice di rilascio è definita dalla seguente norma: D.M. 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

MICROTRON MB 550 / MB 800

MICROTRON MB 550 / MB 800 MICROTRON MB 550 / MB 800 Miscelatore da laboratorio TECNOLOGIA DI OMOGENEIZZAZIONE E DI MISCELAZIONE IN LABORATORIO PER CAMPIONI SECCHI O LIQUIDI FACILI DA TAGLIARE MICROTRON - Miscelatore da laboratorio

Dettagli

miscela di reazione miscela di reazione

miscela di reazione miscela di reazione Alla fine della reazione: miscela di reazione 1.Si tratta con acqua o acqua e ghiaccio 2.Si aggiunge un solvente organico immiscibile e si agita Si lava (estrae) con una base Si lava (estrae) con un acido

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione PARAmeTRI DI SceLTA Di seguito sono dettagliate le informazioni da

Dettagli

Climatizzatori per grandi superfici AUSTRO

Climatizzatori per grandi superfici AUSTRO Climatizzatori per grandi superfici AUSTRO Nemesis è novità, innovazione, flessibilità. Nemesis è un azienda italiana nata dall esperienza maturata in molti anni di attività nel settore del condizionamento

Dettagli

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 0/06/2010 Golinelli Morgagni Sami Revisione 3 03/05/200 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 2 31/01/2006 Golinelli Massarenti Revisione 1 20/06/2005 Martinelli Ghedini Massarenti Revisione 0 15/09/200

Dettagli

All. A al CSA SCHEDA TECNICA

All. A al CSA SCHEDA TECNICA All. A al CSA SCHEDA TECNICA SISTEMA COSTITUITO DA: GASCROMATOGRAFO CON RIVELATORE A SPETTROMETRIA DI MASSA (GC-MS), SISTEMA AUTOMATICO DI CAMPIONAMENTO PER ACQUE E TERRENI ED ESTRATTORE TIPO PURGE AND

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 1 Paros HM Guida al capitolato Paros HM C.S.I. caldaia

Dettagli

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici Preparazione di Aria Medicinale in Ospedale Ruoli e compiti del Farmacista Leonardo Ferrari I GAS utilizzati in AMBITO SANITARIO possono essere classificati,

Dettagli

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC)

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Ugello per macchine con serranda a bullone tipo BHP a comando pneumatico o idraulico serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Meccanismo valvola:

Dettagli

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre.

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre. EXTRUSION COATING EXTRUSION COATING L extrusion coating è un processo utilizzato per preparare complessi utilizzati per imballaggi asettici, quali contenitori per latte, vino, succhi di frutta, acqua etc.

Dettagli

Strumento di misura VAC

Strumento di misura VAC testo-480-p01+ita_testo-480-p01-q6.qxp 16/05/2013 10.58 Pagina 1 Strumento di misura VAC Tecnologia all avanguardia per tecnici professionisti Misurazione di tutti i parametri VAC: portata, temperatura,

Dettagli

Sistema di acquisizione dati Wi-Fi

Sistema di acquisizione dati Wi-Fi Sistema di acquisizione dati Wi-Fi Saveris 2 Il nuovo modo di monitorare la temperatura e l umidità Trasmissione dati via WLAN Tutti i valori di misura disponibili sempre, ovunque e su qualsiasi dispositivo

Dettagli

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Il Progetto MetA La Metrologia dell Ambiente Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Ing. Agostino Viola Università degli Studi di Cassino Facoltà di ingegneria DiMSAT

Dettagli

il campionatore a diffusione? fusione? come funziona

il campionatore a diffusione? fusione? come funziona A1 come funziona il campionatore a diffusione? fusione? Il campionatore a diffusione è una scatola chiusa, di solito cilindrica, nella quale una delle due facce piane è trasparente alle molecole gassose

Dettagli

Dati tecnici Pressione (bar) : max. 10 Temperatura ( C) : max. 200 Volume campione (ml) : 150 / 250 / 500 / 1000

Dati tecnici Pressione (bar) : max. 10 Temperatura ( C) : max. 200 Volume campione (ml) : 150 / 250 / 500 / 1000 NEOTECHA Dispositivo di campionamento sicuro e affidabile, in grado di soddisfare le esigenze del settore chimico e farmaceutico. Caratteristiche Estrazione di campioni rappresentativi da reattori in condizioni

Dettagli

Solar cooling applicato alle strutture sportive: palazzetto dello sport di Dongo

Solar cooling applicato alle strutture sportive: palazzetto dello sport di Dongo Solar cooling applicato alle strutture sportive: palazzetto dello sport di Dongo KlimaEnergy 2011 - Bolzano Federico Cristofoli, Kloben BENVENUTI SOLAR COOLING: FABBISOGNO E SINCRONIA 3000 [kwh/mese] Radiazione

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK Apparecchio a raggi UV-C + Ozono + Tiox per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe aspiranti delle cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore che può essere equipaggiato

Dettagli