Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto."

Transcript

1 OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI ALLA DIRETTIVA 2009/65/CE APPARTENENTI AL SISTEMA GESTIELLE Gruppo Bancario Banco Popolare Si raccomanda la lettura del Prospetto costituito dalla Parte I (Caratteristiche del Fondo e modalità di partecipazione), dalla Parte II (illustrazione dei dati periodici di rischio/rendimento e costi del Fondo) messo gratuitamente a disposizione dell investitore su richiesta del medesimo per le informazioni di dettaglio. Il regolamento di gestione del fondo è messo gratuitamente a disposizione dell investitore su richiesta del medesimo con le modalità previste nel paragrafo ulteriore documentazione disponibile della Parte I. Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. DATA DI DEPOSITO IN CONSOB: 13/08/2015 DATA DI VALIDITA DEL PROSPETTO: 24/08/2015 La pubblicazione del Prospetto non comporta alcun giudizio della Consob sull opportunità dell investimento proposto. Avvertenza: la partecipazione al fondo comune di investimento è disciplinata dal Regolamento di gestione. Avvertenza: il Prospetto non costituisce un offerta o un invito in alcuna giurisdizione nella quale detti offerta o invito non siano legali e nella quale la persona che venga in possesso del Prospetto non abbia i requisiti necessari per aderirvi. In nessuna circostanza il Modulo di sottoscrizione potrà essere utilizzato se non nelle giurisdizioni in cui detti offerta o invito possano essere presentati e tale Modulo possa essere legittimamente utilizzato.

2 PARTE I DEL PROSPETTO SISTEMA GESTIELLE CARATTERISTICHE DEL FONDO E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE DATA DI DEPOSITO IN CONSOB: 13/08/2015 DATA DI VALIDITA DELLA PARTE I DEL PROSPETTO: 24/08/2015 Prospetto Sistema Gestielle - Pag. 2 di 49

3 A) INFORMAZIONI GENERALI 1. LA SGR ALETTI GESTIELLE SGR S.p.A - GRUPPO BANCARIO BANCO POPOLARE Via Tortona n. 35, MILANO - ITALIA Tel Sito internet: La SGR è stata costituita in data 13 luglio 1984 con atto del Notaio Dr. Antonio Carimati in Milano, repertorio n. 4872/21816 ed è iscritta al nr.10 dell Albo dei Gestori di OICVM e al nr. 8 dell Albo dei Gestori di FIA delle Società di Gestione del risparmio tenuto dalla Banca d'italia. La durata della Società è stabilita sino al 31 dicembre 2050, la chiusura dell'esercizio sociale è stabilita al 31 dicembre di ogni anno. Il capitale sociale è di Euro interamente sottoscritto e versato, detenuto al 100% dall unico socio Banco Popolare Soc. Coop. Le attività effettivamente svolte dalla SGR alla data del presente documento consistono nella prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio tramite l istituzione di fondi comuni di investimento mobiliare aperti e fondi alternativi. La SGR ha affidato a terzi in outsourcing alcune attività aziendali, tra le quali si riportano le più significative: le attività amministrative di back office relative ai patrimoni dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti sono svolte da RBC Investor Services Bank S.A.; la gestione amministrativa dei sottoscrittori dei fondi è affidata ad Unione Fiduciaria SpA; la gestione di parte dei sistemi informativi (supporti hardware ed applicativi software) è affidata ad Unione Fiduciaria SpA e a SGS BP ScpA; la Funzione di Internal Audit della Società è attribuita alla Funzione Audit di Gruppo della Capogruppo; la Funzione di Compliance della Società è attribuita al Servizio Compliance della Capogruppo. La SGR ha adottato il Protocollo di Autonomia per la gestione dei conflitti di interesse (di seguito Protocollo di autonomia ) con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24/06/2011. ORGANO AMMINISTRATIVO: CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (COMPOSTO DA 7 MEMBRI IN CARICA TRE ANNI, RIELEGGIBILI; L ATTUALE CDA E IN CARICA FINO ALL APPROVAZIONE DEL BILANCIO AL ) PRESIDENTE Prof. Mario Valletta, nato a Napoli l ; laurea in Economia e Commercio, Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari presso il Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa dell Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro di Novara, Amministratore Indipendente ai sensi del Protocollo di Autonomia nonché Presidente del Comitato dei Consiglieri Indipendenti di Aletti Gestielle SGR. CONSIGLIERI Dott. Stefano Bee, nato a Verona il ; laurea in Economia e Commercio; Dott. Guido Soldà, nato a Milano il ; laurea in Economia e Commercio; Prof. Ignazio Giorgio Basile, nato a Milano il ; laurea in Economia Aziendale; Professore Ordinario di Economia degli intermediari finanziari facoltà di Economia dell Università degli Studi di Brescia; Amministratore Indipendente ai sensi del Protocollo di Autonomia nonché componente del Comitato dei Consiglieri Indipendenti di Aletti Gestielle SGR e Presidente dell Organismo di Vigilanza ex D. Lgs. 231/01 di Aletti Gestielle SGR; Dott. Stefano Braschi, nato a Pavia il , laurea in Economia e Commercio, Dottore Commercialista. Dott. Michele Colucci, nato a Roma il ; laurea in Economia Aziendale. Prof.ssa Barbara Alemanni, nata ad Acqui Terme il 22/11/1964; laurea in Economia Aziendale; Amministratore Indipendente ai sensi del Protocollo di Autonomia nonché componente del Comitato dei Consiglieri Indipendenti di Aletti Gestielle SGR; Professore ordinario di Economia degli Intermediari finanziari presso l Università di Genova. ORGANO DI CONTROLLO: COLLEGIO SINDACALE (COMPOSTO DA 5 MEMBRI IN CARICA TRE ANNI, RIELEGGIBILI; L ATTUALE COLLEGIO SINDACALE E IN CARICA FINO ALL APPROVAZIONE DEL BILANCIO AL ) PRESIDENTE Dott. Marco Bronzato, nato a Verona il ; laurea in Economia e Commercio, Dottore Commercialista. SINDACI EFFETTIVI Avv. Emilio Bianchi, nato a Modena il ; laurea in Giurisprudenza e in Economia e Commercio. Dott. Alberto Acciaro, nato a Milano il ; laurea in Economia Aziendale; Dottore Commercialista. SINDACI SUPPLENTI Avv. Bruno Anti, nato a Verona il ; laurea in Giurisprudenza. Dott.ssa Chiara Benciolini, nata a Negrar (VR) il ; Laurea in Economia e Commercio e Scienze giuridiche dell Amministrazione; Iscritta all Albo dei Revisori Contabili. DIRETTORE GENERALE Dott. Francesco Betti, nato a Cremona il 25/07/1970 Laurea in Economia e Commercio. Dipendente della Società dal 2000, ha rivestito la carica di Responsabile della Funzione di Risk Management e, dal 2008, di Vice Direttore Generale. SOGGETTI PREPOSTI ALLE EFFETTIVE SCELTE DI INVESTIMENTO Le scelte di investimento, in attuazione degli obiettivi e delle politiche di investimento stabiliti dal Consiglio di Amministrazione della SGR, sono effettuate dal Dott. Fabrizio Fiorini, Direttore Investimenti Diretti. Prospetto Sistema Gestielle Pag. 3 di 49

4 La Società gestisce inoltre i fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati Gestielle Best Selection Equity 20, Volterra Absolute Return, Volterra Dinamico, Gestielle Obiettivo Più, Gestielle Cedola Obbligazioni Bancarie Euro, Gestielle Cedola Fissa, Gestielle Cedola Fissa II, Gestielle Cedola Fissa Professionale, Gestielle Cedola Obbligazioni Bancarie Professionale, Gestielle Cedola Più, Gestielle Multimanager Absolute Return, Gestielle Multimanager Absolute Return Plus, Gestielle Cedola Più Italia, Gestielle Cedola EuroItalia, Gestielle Cedola Multi Target, Gestielle Cedola Multi Target II, Gestielle Cedola MultiAsset, Gestielle Best Selection Equity 50, Gestielle Cedola MultiAsset II, Gestielle Cedola Dual Brand, Gestielle Dual Brand Equity 30, Gestielle Cedola Forex Opportunity U$D, Gestielle Cedola Italy Opportunity, Gestielle Cedola Emerging Markets Opportunity, Gestielle Cedola Best Selection. Ciascun Sistema/Fondo è disciplinato da un proprio Prospetto e Regolamento. La Società gestisce inoltre 4 FIA italiani riservati. Avvertenza: Il gestore provvede allo svolgimento della gestione del fondo comune in conformità al mandato gestorio conferito dagli investitori. Per maggiori dettagli in merito ai doveri del gestore ed ai diritti degli investitori si rinvia alle norme contenute nel Regolamento di gestione del fondo. Avvertenza: Il gestore assicura la parità di trattamento tra gli investitori e non adotta trattamenti preferenziali nei confronti degli stessi. 2. IL DEPOSITARIO BANCO POPOLARE SOC. COOP. - Piazza Nogara n.2, VERONA ITALIA Le funzioni di Banca Depositaria, tra le quali l emissione ed il rimborso dei certificati delle quote del fondo, vengono espletate presso i propri uffici di Modena, Via Mondatora 14. Le funzioni di consegna e ritiro dei certificati rappresentativi delle quote di partecipazione al fondo vengono espletate presso i propri uffici di Verona, Via Meucci 5, dove saranno altresì disponibili i prospetti contabili del fondo. Sito Internet: Il Depositario adempie agli obblighi di custodia degli strumenti finanziari ad esso affidati e alla verifica della proprietà nonché alla tenuta delle registrazioni degli altri beni. Il Depositario detiene altresì le disponibilità liquide del Fondo. Il Depositario, nell'esercizio delle proprie funzioni: a) accerta la legittimità delle operazioni di vendita, emissione, riacquisto, rimborso e annullamento delle quote del fondo, nonché la destinazione dei redditi dello stesso; b) accerta la correttezza del calcolo del valore delle quote del Fondo; c) accerta che nelle operazioni relative al Fondo, la controprestazione sia rimessa nei termini d'uso; d) esegue le istruzioni della SGR se non sono contrarie alla legge, al regolamento o alle prescrizioni degli organi di vigilanza. Il Depositario è responsabile nei confronti della SGR e dei partecipanti al Fondo di ogni pregiudizio da essi subito in conseguenza dell'inadempimento dei propri obblighi. In caso di perdita di strumenti finanziari detenuti in custodia, il Depositario, se non prova che l inadempimento è stato determinato da caso fortuito o forza maggiore, è tenuto a restituire senza indebito ritardo strumenti finanziari della stessa specie o una somma di importo corrispondente, salva la responsabilità per ogni altra perdita subita dal Fondo o dagli investitori in conseguenza del mancato rispetto, intenzionale o dovuto a negligenza, dei propri obblighi. 3. LA SOCIETÀ DI REVISIONE RECONTA ERNST & YOUNG SPA Via Della Chiusa n MILANO ITALIA. I revisori legali e la società di revisione legale rispondono in solido tra loro e con gli amministratori nei confronti della società che ha conferito l'incarico di revisione legale, dei suoi soci e dei terzi per i danni derivanti dall'inadempimento ai loro doveri. Nei rapporti interni tra i debitori solidali, essi sono responsabili nei limiti del contributo effettivo al danno cagionato. Il responsabile della revisione ed i dipendenti che hanno collaborato all attività di revisione contabile sono responsabili, in solido tra loro, e con la società di revisione legale, per i danni conseguenti da propri inadempimenti o da fatti illeciti nei confronti della società che ha conferito l incarico e nei confronti dei terzi danneggiati. Essi sono responsabili entro i limiti del proprio contributo effettivo al danno cagionato. In caso di inadempimento dei rispettivi obblighi da parte della SGR, del Depositario o del Revisore incaricato, i partecipanti al Fondo hanno a disposizione gli ordinari mezzi di tutela previsti dall ordinamento italiano. 4. INTERMEDIARI DISTRIBUTORI. La distribuzione del fondo avviene esclusivamente tramite gli intermediari riportati nell allegato IL FONDO Il fondo comune d'investimento (di seguito: Fondo) è un patrimonio collettivo costituito dalle somme versate da una pluralità di partecipanti ed investite in strumenti finanziari. Ciascun partecipante detiene un numero di quote, tutte con uguale valore e uguali diritti, proporzionale all'importo che ha versato a titolo di sottoscrizione. Il patrimonio del Fondo costituisce patrimonio autonomo e separato da quello della SGR e dal patrimonio dei singoli partecipanti, nonché da quello di ogni altro patrimonio gestito dalla medesima SGR. Il Fondo è "mobiliare" poiché il suo patrimonio è investito esclusivamente in strumenti finanziari. E' considerato "aperto" in quanto il risparmiatore può, ad ogni data di valorizzazione della quota, sottoscrivere quote del fondo oppure richiedere il rimborso parziale o totale delle quote già sottoscritte. Si riportano gli estremi identificativi dell istituzione dei fondi appartenenti al presente Sistema ed i relativi provvedimenti di autorizzazione, nonché la data di inizio operatività: DENOMINAZIONE FONDO DATA ISTITUZIONE DATA AUTORIZZAZIONE BANCA D ITALIA INIZIO OPERATIVITA' GESTIELLE ABSOLUTE RETURN A.O. 04/11/ /01/ /04/1986 GESTIELLE BT CEDOLA A.O. 05/12/ /01/ /04/1985 GESTIELLE EMERGING MARKETS BOND CdA 03/07/ /10/ /02/1997 GESTIELLE MT EURO A.O. 02/05/ /09/ /02/1991 Prospetto Sistema Gestielle Pag. 4 di 49

5 DENOMINAZIONE FONDO DATA ISTITUZIONE DATA AUTORIZZAZIONE BANCA D ITALIA INIZIO OPERATIVITA' GESTIELLE OBBLIGAZIONARIO CORPORATE CdA 10/07/ /12/ /03/2001 GESTIELLE OBBLIGAZIONARIO INTERNAZIONALE A.O. 04/11/ /12/ /09/1997 GESTIELLE OBIETTIVO AMERICA A.O. 26/09/ /11/ /03/1996 GESTIELLE OBIETTIVO BRASILE CdA 01/02/2010 Autorizzato in via generale 01/03/2010 GESTIELLE OBIETTIVO CINA A.O. 14/11/ /01/ /03/2004 GESTIELLE OBIETTIVO EAST EUROPE A.O. 14/11/ /01/ /10/2001 GESTIELLE OBIETTIVO EMERGING MARKETS A.O. 28/09/ /12/ /09/1995 GESTIELLE OBIETTIVO EUROPA CdA 03/07/ /10/ /02/1997 GESTIELLE OBIETTIVO INDIA CdA 29/11/ /12/ /03/2007 GESTIELLE OBIETTIVO INTERNAZIONALE A.O. 19/04/ /08/ /02/1990 GESTIELLE OBIETTIVO ITALIA A.O. 30/06/ /09/ /03/1990 GESTIELLE OBIETTIVO RISPARMIO A.O. 08/01/ /02/ /06/1997 Tutti i fondi sono disciplinati dal medesimo regolamento unico di gestione; l ultima variazione regolamentare è stata deliberata dal Consiglio di Amministrazione della SGR del 23/01/2015 ed approvata in via generale. In data 29/03/2013 il Fondo Gestielle BT Cedola ha incorporato Il fondo Laurin BT e il fondo Gestielle Obiettivo Più Valore. In data 29/01/2014 il Fondo Gestielle Obiettivo Risparmio (Classe A) ha incorporato il fondo Gestielle Doppia Opportunità In data 10/10/2014, il fondo Gestielle Obbligazionario Internazionale (classi A e B) ha incorporato il fondo Gestielle Bond Dollars (classi A e B) e il fondo Gestielle Obiettivo Risparmio (classi A) ha incorporato il fondo Gestielle Obiettivo Cedola. 6. MODIFICHE DELLA STRATEGIA E DELLA POLITICA DI INVESTIMENTO La politica di investimento del Fondo è deliberata dal Consiglio di Amministrazione della SGR che approva il regolamento di gestione del Fondo. Le variazioni della politica di investimento del Fondo sono soggette alla disciplina delle modifiche regolamentari e rese note ai partecipanti con le modalità previste dal Regolamento di gestione del Fondo e rese note mediante avviso pubblicato sul sito internet della società 7. INFORMAZIONI SULLA NORMATIVA APPLICABILE Il Fondo e la Società di Gestione del Risparmio (SGR) sono regolati da un complesso di norme, sovranazionali (quali Regolamenti UE, direttamente applicabili) nonché nazionali, di rango primario (D.lgs. n.58 del 1998, c.d. TUF) e secondario (regolamenti ministeriali, della CONSOB e della Banca d Italia). La SGR agisce in modo indipendente e nell interesse dei partecipanti al Fondo, assumendo verso questi ultimi gli obblighi e le responsabilità del mandatario. Il Fondo costituisce patrimonio autonomo, distinto a tutti gli effetti dal patrimonio della SGR e da quello di ciascun partecipante, nonché da ogni altro patrimonio gestito dalla medesima Società; delle obbligazioni contratte per conto del fondo, la SGR risponde esclusivamente con il patrimonio del fondo medesimo. Su tale patrimonio non sono ammesse azioni dei creditori della SGR o nell'interesse della stessa, né quelle dei creditori del depositario o del sub-depositario o nell'interesse degli stessi. Le azioni dei creditori dei singoli investitori sono ammesse soltanto sulle quote di partecipazione dei medesimi. La SGR non può in alcun caso utilizzare, nell'interesse proprio o di terzi, i beni di pertinenza dei fondi gestiti. Il rapporto contrattuale di partecipazione al Fondo è disciplinato dal regolamento di gestione del Fondo. Il Fondo è disciplinato dalla legge italiana. Per quanto concerne le controversie tra i Partecipanti al Fondo, la SGR e/o il Depositario, saranno competenti rispettivamente il Foro di Milano e/o di Verona. 8. RISCHI GENERALI CONNESSI ALLA PARTECIPAZIONE AL FONDO La partecipazione ad un Fondo comporta dei rischi connessi alle possibili variazioni del valore delle quote, che a loro volta risentono delle oscillazioni del valore degli strumenti finanziari in cui vengono investite le risorse del Fondo. La presenza di tali rischi può determinare la possibilità di non ottenere, al momento del rimborso, la restituzione del capitale. La politica di gestione del Rischio di liquidità della SGR prevede l attribuzione di (i) un grado di liquidità interno dei fondi sulla base della concentrazione dei detentori delle quote e sulla base dell andamento storico dei flussi di sottoscrizione e rimborso e di (ii) un grado di liquidità interno degli strumenti finanziari in cui i fondi investono, sulla base delle caratteristiche peculiari di ciascuna categoria di strumenti finanziari. Sulla base di questi due fattori la SGR effettua un monitoraggio costante al fine di identificare e gestire eventuali rischi sul profilo di liquidabilità dei fondi. Con riferimento ai diritti di rimborso attuati in circostanze eccezionali (sospensione dei rimborsi per un periodo massimo di un mese e/o differimento del regolamento dei rimborsi in presenza di richieste di rimborso rilevanti) si rinvia alle modalità descritte nel Regolamento di gestione. In particolare, per apprezzare il rischio derivante dall'investimento del patrimonio del fondo in strumenti finanziari occorre considerare i seguenti elementi: a) Rischio di mercato e di credito connesso alla variazione del prezzo: il prezzo di ogni strumento finanziario dipende dalle caratteristiche peculiari della società emittente, dall'andamento dei mercati di riferimento e dei settori di investimento, e può variare in modo più o meno accentuato a seconda della sua natura. In linea generale, la variazione del prezzo delle azioni è connessa alle prospettive reddituali delle società emittenti è può essere tale da comportare la riduzione o addirittura la perdita del capitale investito, mentre il valore delle Prospetto Sistema Gestielle Pag. 5 di 49

6 obbligazioni è influenzato dal l'andamento dei tassi di interesse di mercato e dal rischio di credito, ossia dalla capacità del soggetto emittente di far fronte al pagamento degli interessi dovuti ed al rimborso del capitale di debito a scadenza; b) Rischio connesso alla liquidità: la liquidità degli strumenti finanziari, ossia la loro attitudine a trasformarsi prontamente in moneta senza perdita di valore, dipende dalle caratteristiche del mercato in cui gli stessi sono trattati. In generale i titoli trattati su mercati regolamentati sono più liquidi e, quindi, meno rischiosi, in quanto più facilmente smobilizzabili dei titoli non trattati su detti mercati. L'assenza di una quotazione ufficiale rende inoltre complesso l'apprezzamento del valore effettivo del titolo, la cui determinazione può essere rimessa a valutazioni teoriche; c) Il rischio di controparte: con riguardo alle operazioni eventualmente effettuate dal fondo in strumenti finanziari derivati negoziati fuori mercato, potrebbe accadere che una o più controparti non siano in grado di far fronte agli impegni assunti; d) Rischio connesso alla valuta di denominazione: per l'investimento in strumenti finanziari denominati in una valuta diversa da quella in cui è denominato in fondo occorre considerare il differenziale dei tassi e la volatilità del rapporto di cambio tra la valuta di riferimento del fondo e la valuta estera in cui sono denominati gli investimenti; e) Rischio connesso all'utilizzo di strumenti derivati e a tecniche di gestione efficiente del portafoglio: l'utilizzo di strumenti derivati consente di assumere posizioni di rischio su strumenti finanziari superiori agli esborsi inizialmente sostenuti per aprire tali posizioni (effetto leva). Di conseguenza una variazione dei prezzi di mercato relativamente piccola ha un impatto amplificato in termini di guadagno o di perdita sul portafoglio gestito rispetto al caso in cui non si faccia uso della leva, ivi incluso il rischio di liquidità legata alla capacità del fondo di far fronte ai propri impegni derivanti dall assunzione di posizioni in derivati. L utilizzo di strumenti derivati OTC, come pure delle tecniche di gestione efficiente del portafoglio, comporta l assunzione di un rischio di controparte che, se non adeguatamente mitigato, può comportare dei rischi aggiuntivi per il fondo; f) altri fattori di rischio: le operazioni sui mercati emergenti potrebbero esporre l'investitore a rischi aggiuntivi connessi al fatto che tali mercati potrebbero essere regolati in modo da offrire ridotti livelli di garanzia e protezione agli investitori. Sono poi da considerarsi i rischi connessi alla situazione politico-finanziaria del paese di appartenenza degli enti emittenti. L'esame della politica di investimento propria di ciascun fondo consente l'individuazione specifica dei rischi connessi alla partecipazione al fondo stesso. B) INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO 9. TIPOLOGIA, PROFILO RISCHIO/RENDIMENTO, POLITICA D'INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO La politica di investimento dei fondi di seguito descritta è da intendersi come indicativa delle strategie di investimento del Fondo, posti i limiti definiti nel relativo Regolamento. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE ABSOLUTE RETURN DATA DI ISTITUZIONE 04/11/1985 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO o MISURA DI VOLATILITA BENCHMARK/VOLATILITA PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO ABSOLUTE RETURN FUND Il fondo è gestito in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una allocation di portafoglio flessibile, mediante l investimento in diverse tipologie di asset class e nel rispetto del vincolo di una predeterminata soglia di rischio. Non è previsto un benchmark di riferimento La volatilità ex ante annua del fondo è pari a: 7% Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 4 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Flessibili PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE Strumenti finanziari di natura azionaria e obbligazionaria denominati sia in Euro che in altre divise. In particolari situazioni di mercato il fondo potrebbe essere investito anche totalmente in strumenti obbligazionari a breve termine o in liquidità, o anche in una sola delle asset class. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura significativa. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Prospetto Sistema Gestielle Pag. 6 di 49

7 Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE DESTINAZIONE DEI PROVENTI Europa, Nord America e Pacifico. Stati Sovrani, Organismi Internazionali e società a capitalizzazione medio/alta. Possibile concentrazione settoriale, geografica e/o valutaria degli investimenti. In considerazione dello stile di gestione flessibile adottato ed in conseguenza dell estrema variabilità dell asset allocation del Fondo non è possibile identificare un intervallo di duration di portafoglio. Gestione attiva del rischio di cambio. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento anche contenuto in emittenti non investment grade. Possibile investimento contenuto in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo si avvale tendenzialmente di una leva finanziaria pari a 1.1. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti derivati può risultare amplificato del 10%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi dell andamento di breve periodo dei mercati finanziari, sull analisi macroeconomica e dell andamento delle curve dei tassi dei paesi oggetto di investimento, nonché sull analisi tecnica e fondamentale dei singoli strumenti finanziari oggetto di investimento; in base a tali analisi vengono effettuati gli aggiustamenti di portafoglio ritenuti più opportuni con particolare attenzione al controllo del rischio assunto. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE BT CEDOLA CLASSE A DATA DI ISTITUZIONE 05/12/1984 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO MARKET FUND Il fondo è gestito in base ad una strategia di investimento che mira a riflettere il profilo di rischio/rendimento dei mercati di riferimento. Prospetto Sistema Gestielle Pag. 7 di 49

8 BENCHMARK BofA Merrill Lynch EMU Direct Gov. 1-3Y Index 60% - BofA Merrill Lynch Italy Gov. Bill Index 40% SCOSTAMENTO DAL BENCHMARK Significativo PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 3 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Obbligazionari Euro Governativi Breve Termine PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE DESTINAZIONE DEI PROVENTI Obbligazioni denominate esclusivamente in Euro. Sono esclusi gli investimenti in titoli azionari, obbligazionari convertibili, cum warrant e recanti opzioni su azioni. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi dell Unione Europea, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Area Euro Principalmente Stati Sovrani e Organismi internazionali e, per la parte rimanente, emittenti di tipo societario. Duration di portafoglio tendenzialmente inferiore a 2 anni. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento residuale in emittenti non investment grade. Possibile peso residuale degli investimenti in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo si avvale tendenzialmente di una leva finanziaria pari a 1.1. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti derivati può risultare amplificato del 10%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi macroeconomica dei Paesi oggetto di investimento e sulla valutazione del rischio di credito. Viene prestata particolare attenzione agli obiettivi ed agli interventi delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche tramite arbitraggi, sulla curva dei tassi di interesse dei diversi Paesi considerati. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è a distribuzione annuale dei proventi. I proventi sono distribuiti ai partecipanti in proporzione al numero Prospetto Sistema Gestielle Pag. 8 di 49

9 delle quote possedute. Il partecipante ha facoltà di richiedere il reinvestimento dei proventi di sua spettanza in quote del fondo, in esenzione di spese. In tal caso il numero delle quote da assegnare al partecipante è determinato sulla base del valore unitario della quota relativo al primo giorno di distribuzione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE EMERGING MARKETS BOND CLASSE A DATA DI ISTITUZIONE 03/07/1996 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE MARKET FUND Il fondo è gestito in base ad una strategia di investimento che mira a riflettere il profilo di rischio/rendimento dei mercati di riferimento. VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO BENCHMARK JPMorgan EMBI Global Div. Composite in local currency 90% BofA Merrill Lynch Italy Gov. Bill Index 5% - BofA Merrill Lynch Treasury notes & bonds 0-1Y Index 5% SCOSTAMENTO DAL BENCHMARK contenuto PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 4 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Obbligazionari Paesi Emergenti PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE Principalmente Obbligazioni denominate in Dollari Usa o nelle divise locali dei paesi emittenti. Sono esclusi gli investimenti in titoli azionari, obbligazionari convertibili e recanti opzioni su azioni. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Paesi Emergenti. Principalmente Stati Sovrani, Organismi internazionali e, per la parte rimanente, emittenti di tipo societario. Duration di portafoglio tendenzialmente compresa fra 4 e 6 anni. Gestione attiva del rischio di cambio coerentemente con il benchmark di riferimento del fondo. Possibile investimento anche prevalente in emittenti non investment grade. Investimento principale in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo si avvale tendenzialmente di una leva finanziaria pari a 1.1. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti derivati può risultare amplificato del 10%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi macroeconomica dei Paesi oggetto di investimento, sull analisi economico-finanziaria per la selezione delle singole società, sulla valutazione del rischio di credito e dell andamento delle divise. Viene prestata particolare attenzione agli obiettivi ed agli interventi delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche tramite arbitraggi, sulla curva dei tassi di interesse dei diversi Paesi considerati. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti Prospetto Sistema Gestielle Pag. 9 di 49

10 DESTINAZIONE DEI PROVENTI ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE MT EURO CLASSE A DATA DI ISTITUZIONE 02/05/1990 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE MARKET FUND Il fondo è gestito in base ad una strategia di investimento che mira a riflettere il profilo di rischio/rendimento dei mercati di riferimento. VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO BENCHMARK BofA Merrill Lynch EMU Direct Gov. 3-5Y Index 90% - BofA Merrill Lynch EMU Direct Gov. 5-10Y Index 10% SCOSTAMENTO DAL BENCHMARK rilevante PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 3 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Obbligazionari Euro Governativi Medio/Lungo Termine PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Obbligazioni denominate esclusivamente in Euro. Sono esclusi gli investimenti in titoli azionari, obbligazionari convertibili, cum warrant e recanti opzioni su azioni. Area Euro. Principalmente Stati Sovrani e Organismi internazionali e, per la parte rimanente, emittenti di tipo societario. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi dell Unione Europea, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Duration di portafoglio tendenzialmente superiore a 2 anni. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento residuale in emittenti non investment grade. Possibile peso residuale degli investimenti in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo si avvale tendenzialmente di una leva finanziaria pari a 1.2. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari Prospetto Sistema Gestielle Pag. 10 di 49

11 Tecnica di gestione DESTINAZIONE DEI PROVENTI cui il fondo è esposto attraverso strumenti derivati può risultare amplificato del 20%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi macroeconomica dei Paesi oggetto di investimento e sulla valutazione del rischio di credito. Viene prestata particolare attenzione agli obiettivi ed agli interventi delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche tramite arbitraggi, sulla curva dei tassi di interesse dei diversi Paesi considerati. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBBLIGAZIONARIO CORPORATE CLASSE A DATA DI ISTITUZIONE 10/07/2000 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE MARKET FUND Il fondo è gestito in base ad una strategia di investimento che mira a riflettere il profilo di rischio/rendimento dei mercati di riferimento. VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO BENCHMARK BofA Merrill Lynch Emu Corporate Index 40% - BofA Merrill Lynch Euro HY Constraint 40% - BofA Merrill Lynch Italy Gov. Bill Index 20% SCOSTAMENTO DAL BENCHMARK Significativo PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 4 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Obbligazionari altre specializzazioni PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO Obbligazioni ordinarie e convertibili, cum warrant e recanti opzioni su azioni denominate in Euro e nelle altre divise europee. Sono esclusi gli investimenti diretti in azioni. I titoli azionari derivanti dall'esercizio di warrant, diritti di opzione o di assegnazione inerenti titoli in portafoglio non possono comunque superare il 10% del totale attività. Europa, Nord America e Pacifico Prospetto Sistema Gestielle Pag. 11 di 49

12 CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE DESTINAZIONE DEI PROVENTI Principalmente emittenti societari con diversificazione in tutti i settori economici e, per la parte rimanente, Stati Sovrani e Organismi Internazionali. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Duration di portafoglio tendenzialmente compresa fra 2 e 6 anni. Gestione attiva del rischio di cambio coerentemente con il benchmark di riferimento del fondo. Possibile investimento anche significativo in emittenti non investment grade. Possibile peso residuale degli investimenti nei Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo non si avvale di leva finanziaria. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi macroeconomica dei Paesi oggetto di investimento, sull analisi economico-finanziaria per la selezione delle singole società, sulla valutazione del rischio di credito e dell andamento della curva dei tassi di interesse e delle divise. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBBLIGAZIONARIO INTERNAZIONALE CLASSE A DATA DI ISTITUZIONE 04/11/1996 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE MARKET FUND Il fondo è gestito in base ad una strategia di investimento che mira a riflettere il profilo di rischio/rendimento dei mercati di riferimento. VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO BENCHMARK JP Morgan Global Government Bond Index 90% - BofA Merrill Lynch Italy Gov. Bill Index 10% SCOSTAMENTO DAL BENCHMARK significativo PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 4 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il Prospetto Sistema Gestielle Pag. 12 di 49

13 futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Obbligazionari Internazionali governativi PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE DESTINAZIONE DEI PROVENTI Obbligazioni ordinarie e convertibili, cum warrant e recanti opzioni su azioni, denominate nelle divise europee, nordamericane e dell area pacifico. E escluso l investimento diretto in azioni. I titoli azionari derivanti dall'esercizio di diritti di opzione ovvero di assegnazione non possono comunque superare il 10% del totale attività. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Europa, Nord America e Pacifico. Principalmente Stati Sovrani e Organismi internazionali e, per la parte rimanente, emittenti di tipo societario. Duration di portafoglio tendenzialmente compresa fra 3 e 7 anni. Gestione attiva del rischio di cambio coerentemente con il benchmark di riferimento del fondo. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento residuale in emittenti non investment grade. Possibile peso residuale degli investimenti nei Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo si avvale tendenzialmente di una leva finanziaria pari a 1.1. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti derivati può risultare amplificato del 10%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi macroeconomica dei Paesi oggetto di investimento e sulla valutazione del rischio di credito e dell andamento delle divise. Viene prestata particolare attenzione agli obiettivi ed agli interventi delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche tramite arbitraggi, sulla curva dei tassi di interesse dei diversi Paesi considerati. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBIETTIVO AMERICA DATA DI ISTITUZIONE 26/09/1995 Prospetto Sistema Gestielle Pag. 13 di 49

14 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE TOTAL RETURN FUND Il fondo è gestito in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una allocation di portafoglio flessibile, mediante l investimento in diverse tipologie di asset class con l obiettivo di accrescere il valore dei capitali conferiti dai partecipanti. VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO o MISURA DI VOLATILITA BENCHMARK/VOLATILITA Non è previsto un benchmark di riferimento La volatilità ex ante annua del fondo è pari a: 11% PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 5 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Flessibili PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Tecnica di gestione Strumenti finanziari di natura azionaria e obbligazionaria denominati sia in Euro che in altre divise. In particolari situazioni di mercato il fondo potrebbe essere investito anche totalmente in strumenti obbligazionari a breve termine o in liquidità, o anche in una sola delle asset class. Con riferimento alla componente azionaria, i titoli saranno principalmente di emittenti degli USA ed appartenenti a qualsiasi settore merceologico, denominati in qualsiasi divisa. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Per la componente azionaria principalmente USA; per gli altri strumenti finanziari Europa, America, Paesi Emergenti e dell Area Pacifico. Stati Sovrani, Organismi Internazionali e società a capitalizzazione medio/alta. Possibile concentrazione settoriale, geografica e/o valutaria degli investimenti. In considerazione dello stile di gestione flessibile adottato ed in conseguenza dell estrema variabilità dell asset allocation del Fondo non è possibile identificare un intervallo di duration di portafoglio. Gestione attiva del rischio di cambio. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento anche contenuto in emittenti non investment grade. Possibile investimento residuale in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo non si avvale di leva finanziaria. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi del quadro macroeconomico globale (aspettative di crescita, inflazione, interventi di politica monetaria) nonché sull analisi microeconomica inerente gli utili attesi. In base alle variazione delle aspettative vengono effettuati gli opportuni aggiustamenti nella ripartizione dei pesi da attribuire ai settori merceologici e nella scelta dei singoli titoli, ribilanciando le singole componenti di portafoglio. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Prospetto Sistema Gestielle Pag. 14 di 49

15 DESTINAZIONE DEI PROVENTI Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBIETTIVO BRASILE DATA DI ISTITUZIONE 01/02/2010 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO o MISURA DI VOLATILITA BENCHMARK/VOLATILITA PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO TOTAL RETURN FUND Il fondo è gestito in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una allocation di portafoglio flessibile, mediante l investimento in diverse tipologie di asset class con l obiettivo di accrescere il valore dei capitali conferiti dai partecipanti. Non è previsto un benchmark di riferimento La volatilità ex ante annua del fondo è pari a: 18% Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 6 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Flessibili PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Strumenti finanziari di natura azionaria e obbligazionaria denominati sia in Euro che in altre divise. In particolari situazioni di mercato il fondo potrebbe essere investito anche totalmente in strumenti obbligazionari a breve termine o in liquidità, o anche in una sola delle asset class. Con riferimento alla componente azionaria, i titoli saranno principalmente di emittenti del Brasile ed appartenenti a qualsiasi settore merceologico, denominati in qualsiasi divisa. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Per la componente azionaria principalmente Brasile; per gli altri strumenti finanziari Europa, America, Paesi Emergenti e dell Area Pacifico. Stati Sovrani, Organismi Internazionali e società a capitalizzazione medio/alta. Possibile concentrazione settoriale, geografica e/o valutaria degli investimenti. In considerazione dello stile di gestione flessibile adottato ed in conseguenza dell estrema variabilità dell asset allocation del Fondo non è possibile identificare un intervallo di duration di portafoglio. Gestione attiva del rischio di cambio. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento anche significativo in emittenti non investment grade. Con riferimento alla componente azionaria, investimento principale in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo si avvale tendenzialmente di una leva finanziaria pari a 1.3. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti derivati può risultare amplificato del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L esposizione complessiva in strumenti Prospetto Sistema Gestielle Pag. 15 di 49

16 TECNICA DI GESTIONE DESTINAZIONE DEI PROVENTI finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi del quadro macroeconomico globale (aspettative di crescita, inflazione, interventi di politica monetaria) nonché sull analisi microeconomica inerente gli utili attesi. In base alle variazione delle aspettative vengono effettuati gli opportuni aggiustamenti nella ripartizione dei pesi da attribuire ai settori merceologici e nella scelta dei singoli titoli, ribilanciando le singole componenti di portafoglio. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBIETTIVO CINA DATA DI ISTITUZIONE 14/11/1997 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO o MISURA DI VOLATILITA BENCHMARK/VOLATILITA PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO TOTAL RETURN FUND Il fondo è gestito in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una allocation di portafoglio flessibile, mediante l investimento in diverse tipologie di asset class con l obiettivo di accrescere il valore dei capitali conferiti dai partecipanti. Non è previsto un benchmark di riferimento La volatilità ex ante annua del fondo è pari a: 17% Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 6 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Flessibili PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE Strumenti finanziari di natura azionaria e obbligazionaria denominati sia in Euro che in altre divise. In particolari situazioni di mercato il fondo potrebbe essere investito anche totalmente in strumenti obbligazionari a breve termine o in liquidità, o anche in una sola delle asset class. Con riferimento alla componente azionaria, i titoli saranno principalmente di emittenti della Cina ed appartenenti a qualsiasi settore merceologico, denominati in qualsiasi divisa. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna Prospetto Sistema Gestielle Pag. 16 di 49

17 emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE DESTINAZIONE DEI PROVENTI Per la componente azionaria principalmente Cina; per gli altri strumenti finanziari Europa, America, Paesi Emergenti e dell Area Pacifico. Stati Sovrani, Organismi Internazionali e società a capitalizzazione medio/alta. Possibile concentrazione settoriale, geografica e/o valutaria degli investimenti. In considerazione dello stile di gestione flessibile adottato ed in conseguenza dell estrema variabilità dell asset allocation del Fondo non è possibile identificare un intervallo di duration di portafoglio. Gestione attiva del rischio di cambio. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento anche significativo in emittenti non investment grade. Con riferimento alla componente azionaria, investimento principale in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo non si avvale di leva finanziaria. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi del quadro macroeconomico globale (aspettative di crescita, inflazione, interventi di politica monetaria) nonché sull analisi microeconomica inerente gli utili attesi. In base alle variazione delle aspettative vengono effettuati gli opportuni aggiustamenti nella ripartizione dei pesi da attribuire ai settori merceologici e nella scelta dei singoli titoli, ribilanciando le singole componenti di portafoglio. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBIETTIVO EAST EUROPE DATA DI ISTITUZIONE 14/11/1997 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO o MISURA DI VOLATILITA BENCHMARK/VOLATILITA PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO TOTAL RETURN FUND Il fondo è gestito in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una allocation di portafoglio flessibile, mediante l investimento in diverse tipologie di asset class con l obiettivo di accrescere il valore dei capitali conferiti dai partecipanti. Non è previsto un benchmark di riferimento La volatilità ex ante annua del fondo è pari a: 16% PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 6 Prospetto Sistema Gestielle Pag. 17 di 49

18 DEL FONDO L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Flessibili PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE DESTINAZIONE DEI PROVENTI Strumenti finanziari di natura azionaria e obbligazionaria denominati sia in Euro che in altre divise. In particolari situazioni di mercato il fondo potrebbe essere investito anche totalmente in strumenti obbligazionari a breve termine o in liquidità, o anche in una sola delle asset class. Con riferimento alla componente azionaria, i titoli saranno principalmente di emittenti dei Paesi dell Europa dell Est ed appartenenti a qualsiasi settore merceologico, denominati in qualsiasi divisa. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Per la componente azionaria principalmente Paesi dell Europa dell Est; per gli altri strumenti finanziari Europa, America, Paesi Emergenti e dell Area Pacifico. Stati Sovrani, Organismi Internazionali e società a capitalizzazione medio/alta. Possibile concentrazione settoriale, geografica e/o valutaria degli investimenti. In considerazione dello stile di gestione flessibile adottato ed in conseguenza dell estrema variabilità dell asset allocation del Fondo non è possibile identificare un intervallo di duration di portafoglio. Gestione attiva del rischio di cambio. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento anche significativo in emittenti non investment grade. Con riferimento alla componente azionaria, investimento principale in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo non si avvale di leva finanziaria. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi del quadro macroeconomico globale (aspettative di crescita, inflazione, interventi di politica monetaria) nonché sull analisi microeconomica inerente gli utili attesi. In base alle variazione delle aspettative vengono effettuati gli opportuni aggiustamenti nella ripartizione dei pesi da attribuire ai settori merceologici e nella scelta dei singoli titoli, ribilanciando le singole componenti di portafoglio. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. Prospetto Sistema Gestielle Pag. 18 di 49

19 DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBIETTIVO EMERGING MARKETS DATA DI ISTITUZIONE 28/09/1994 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO o MISURA DI VOLATILITA BENCHMARK/VOLATILITA PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO TOTAL RETURN FUND Il fondo è gestito in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una allocation di portafoglio flessibile, mediante l investimento in diverse tipologie di asset class con l obiettivo di accrescere il valore dei capitali conferiti dai partecipanti. Non è previsto un benchmark di riferimento La volatilità ex ante annua del fondo è pari a: 14% Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 5 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Flessibili PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI TECNICA DI GESTIONE Strumenti finanziari di natura azionaria e obbligazionaria denominati sia in Euro che in altre divise. In particolari situazioni di mercato il fondo potrebbe essere investito anche totalmente in strumenti obbligazionari a breve termine o in liquidità, o anche in una sola delle asset class. Con riferimento alla componente azionaria, i titoli saranno principalmente di emittenti dei Paesi Emergenti ed appartenenti a qualsiasi settore merceologico, denominati in qualsiasi divisa. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Per la componente azionaria principalmente Paesi Emergenti; per gli altri strumenti finanziari Europa, America, Paesi Emergenti e dell Area Pacifico. Stati Sovrani, Organismi Internazionali e società a capitalizzazione medio/alta. Possibile concentrazione settoriale, geografica e/o valutaria degli investimenti. In considerazione dello stile di gestione flessibile adottato ed in conseguenza dell estrema variabilità dell asset allocation del Fondo non è possibile identificare un intervallo di duration di portafoglio. Gestione attiva del rischio di cambio. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento anche significativo in emittenti non investment grade. Con riferimento alla componente azionaria, investimento principale in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità di investimento. In relazione a tale finalità il Fondo si avvale tendenzialmente di una leva finanziaria pari a 1.1. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti derivati può risultare amplificato del 10%. L esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è calcolata e verificata giornalmente in base al metodo degli impegni. I criteri di selezione degli strumenti finanziari sono basati sull analisi del quadro macroeconomico globale (aspettative di crescita, inflazione, interventi di politica monetaria) nonché sull analisi microeconomica inerente gli utili attesi. In base alle variazione delle aspettative vengono effettuati gli opportuni aggiustamenti nella ripartizione dei pesi da attribuire ai settori merceologici e nella scelta dei singoli titoli, ribilanciando le singole componenti di portafoglio. Il fondo fa ricorso alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio di cui all articolo 51, paragrafo 2, della Direttiva 2009/65/CE e all articolo 11 della Direttiva 2007/16/CE, ed in particolare all attività di prestito titoli e ad operazioni di pronti contro termine con finalità di impiego della liquidità. Il rischio di controparte derivante dall attività di prestito titoli è adeguatamente mitigato contrattualmente prevedendo il versamento e la marginazione giornaliera, dalla controparte dell operazione, di garanzie in contante pari al 105% del valore di mercato dei titoli dati a prestito. Tale operatività si traduce in una redditività aggiuntiva per il fondo, al netto dei costi operativi diretti ed indiretti trattenuti dalla controparte - appartenente al medesimo Gruppo della SGR - che svolge Prospetto Sistema Gestielle Pag. 19 di 49

20 DESTINAZIONE DEI PROVENTI l intermediazione, in linea con i migliori interessi del fondo. La richiamabilità immediata dei titoli, senza costi od oneri aggiuntivi, consente di mitigare adeguatamente i rischi di liquidità connessi all operatività in questione. L esposizione al rischio controparte derivante dal ricorso a tecniche di gestione efficiente del portafoglio e da operazioni in strumenti finanziari derivati OTC è inclusa nel calcolo del rischio di controparte e le garanzie ricevute dal fondo concorrono a ridurre detto rischio e sono indisponibili per altre operazioni. Le garanzie ricevute dal fondo rispettano i requisiti di qualità, liquidità, valutazione, diversificazione e indipendenza rispetto alla controparte, così come definiti dalla vigente normativa e sono soggette all applicazione di adeguati scarti in funzione del merito creditizio degli emittenti gli strumenti oggetto di garanzia. Il sistema di gestione dei rischi della SGR assicura una corretta gestione del rischio di controparte, nell operatività in strumenti derivati OTC, anche in assenza della prestazione di garanzie in favore del fondo, prevedendo un sistema di limiti operativi dinamici con ciascuna controparte, nonché ulteriori strumenti di governo delle azioni di mitigazione del rischio in funzione del merito creditizio della controparte stessa. I dettagli relativi ai costi connessi all utilizzo di tecniche di efficiente gestione ed ai soggetti cui vengono corrisposti sono riportati nel rendiconto annuale di gestione. Il fondo è ad accumulazione dei proventi. DENOMINAZIONE FONDO GESTIELLE OBIETTIVO EUROPA DATA DI ISTITUZIONE 03/07/1996 CODICE ISIN PORTATORE IT DESCRIZIONE Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO TIPOLOGIA DI GESTIONE VALUTA DI DENOMINAZIONE Euro PARAMETRO DI RIFERIMENTO o MISURA DI VOLATILITA BENCHMARK/VOLATILITA PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO DEL FONDO TOTAL RETURN FUND Il fondo è gestito in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una allocation di portafoglio flessibile, mediante l investimento in diverse tipologie di asset class con l obiettivo di accrescere il valore dei capitali conferiti dai partecipanti. Non è previsto un benchmark di riferimento La volatilità ex ante annua del fondo è pari a: 14% Indicatore sintetico del grado di rischio/rendimento: Categoria 5 L indicatore sintetico di rischio calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti - classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità; per i fondi di nuova istituzione esso viene stimato sulla base di un portafoglio modello. Avvertenze: I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio-rendimento dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO CATEGORIA Categoria Assogestioni: Flessibili PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI E VALUTA DI DENOMINAZIONE AREE GEOGRAFICHE DI INVESTIMENTO CATEGORIA DI EMITTENTI E/O SETTORI INDUSTRIALI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Strumenti finanziari di natura azionaria e obbligazionaria denominati sia in Euro che in altre divise. In particolari situazioni di mercato il fondo potrebbe essere investito anche totalmente in strumenti obbligazionari a breve termine o in liquidità, o anche in una sola delle asset class. Con riferimento alla componente azionaria, i titoli saranno principalmente di emittenti Europei ed appartenenti a qualsiasi settore merceologico, denominati in qualsiasi divisa. Possibile investimento in depositi bancari anche in misura contenuta. Il Fondo può investire fino al 100% (o in misura superiore al 35%) delle sue attività in strumenti finanziari emessi o garantiti da Stati, enti locali e Organismi Internazionali a carattere pubblico dei Paesi OCSE, a condizione che detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del Fondo. Per la componente azionaria principalmente Europa; per gli altri strumenti finanziari Europa, America, Paesi Emergenti e dell Area Pacifico. Stati Sovrani, Organismi Internazionali e società a capitalizzazione medio/alta. Possibile concentrazione settoriale, geografica e/o valutaria degli investimenti. In considerazione dello stile di gestione flessibile adottato ed in conseguenza dell estrema variabilità dell asset allocation del Fondo non è possibile identificare un intervallo di duration di portafoglio. Gestione attiva del rischio di cambio. Con riferimento alla componente obbligazionaria, possibile investimento anche contenuto in emittenti non investment grade. Possibile investimento residuale in Paesi Emergenti. L utilizzo degli strumenti finanziari derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo ed è finalizzato: Prospetto Sistema Gestielle Pag. 20 di 49

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI ALLA DIRETTIVA 2009/65/CE APPARTENENTI AL SISTEMA GESTIELLE Gruppo Bancario Banco Popolare

Dettagli

SISTEMA GESTIELLE BEST SELECTION

SISTEMA GESTIELLE BEST SELECTION OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI ALLA DIRETTIVA 2009/65/CE APPARTENENTI AL Gruppo Bancario Banco Popolare SISTEMA GESTIELLE

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

FONDI COMUNI PROSPETTO

FONDI COMUNI PROSPETTO SELLA GESTIONI SGR S.P.A. appartiene al Gruppo bancario Banca Sella ed è soggetta all attività di direzione e coordinamento di Banca Sella Holding S.p.A. PROSPETTO OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

PROSPETTO. Il Prospetto è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

PROSPETTO. Il Prospetto è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. PROSPETTO Offerta al pubblico di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano rientranti nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE ARCA RR DIVERSIFIED BOND,

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE REGOLAMENTO UNICO di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Mercati : Eurizon Obbligazioni Italia Breve Termine Eurizon

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) : Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

Il Prospetto è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Il Prospetto è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

GESTIELLE CEDOLA FOREX OPPORTUNITY U$D

GESTIELLE CEDOLA FOREX OPPORTUNITY U$D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATO ALLA DIRETTIVA 2009/65/CE Gruppo Banco Popolare GESTIELLE CEDOLA FOREX OPPORTUNITY U$D Si

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 1 gennaio 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR ANIMA LIQUIDITA Fondo Liquidità Area Euro FONDO LIQUIDITA

Dettagli

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI Società di Gestione del Risparmio appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 20.04.2016 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

COMUNICATO AI PARTECIPANTI AI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA GESTIELLE - MODIFICHE AI REGOLAMENTI ED AI PROSPETTI D OFFERTA -

COMUNICATO AI PARTECIPANTI AI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA GESTIELLE - MODIFICHE AI REGOLAMENTI ED AI PROSPETTI D OFFERTA - COMUNICATO AI PARTECIPANTI AI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA GESTIELLE - MODIFICHE AI REGOLAMENTI ED AI PROSPETTI D OFFERTA - Si informa che il Consiglio di Amministrazione di Aletti Gestielle SGR SpA,

Dettagli

GESTIELLE CEDOLA OBBLIGAZIONI BANCARIE PROFESSIONALE

GESTIELLE CEDOLA OBBLIGAZIONI BANCARIE PROFESSIONALE OFFERTA RISERVATA A INVESTITORI QUALIFICATI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATO ALLA DIRETTIVA 2009/65/CE GESTIELLE CEDOLA OBBLIGAZIONI BANCARIE PROFESSIONALE

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO/LUNGO TERMINE Classe A, Classe C e Classe E. OBBLIGAZIONARIO INTERNAZIONALE Classe A, Classe C e Classe E

OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO/LUNGO TERMINE Classe A, Classe C e Classe E. OBBLIGAZIONARIO INTERNAZIONALE Classe A, Classe C e Classe E SELLA GESTIONI SGR S.P.A. appartiene al Gruppo bancario Banca Sella ed è soggetta all attività di direzione e coordinamento di Banca Sella Holding S.p.A. PROSPETTO OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

BdS Arcobaleno. Parte I - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

BdS Arcobaleno. Parte I - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione Prospetto Informativo relativo all offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema BdS Arcobaleno. BdS Arcobaleno Opportunità BdS Arcobaleno Equilibrio BdS

Dettagli

3. LA SOCIETÀ DI REVISIONE 4. GLI INTERMEDIARI DISTRIBUTORI 5. IL FONDO

3. LA SOCIETÀ DI REVISIONE 4. GLI INTERMEDIARI DISTRIBUTORI 5. IL FONDO PARTE I del PROSPETTO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE Data di deposito in Consob della Parte I: 18/12/2014 - Data di validità della Parte I: dal 01/01/2015 1. LA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARCA (OICVM ITALIANI)

REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARCA (OICVM ITALIANI) REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARCA (OICVM ITALIANI) ARCA RR DIVERSIFIED BOND ARCA BOND CORPORATE ARCA BOND GLOBALE ARCA BOND PAESI EMERGENTI Valuta Locale

Dettagli

A) INFORMAZIONI GENERALI

A) INFORMAZIONI GENERALI 1. LA SOCIETÀ DI GESTIONE PARTE I del PROSPETTO CARATTERISTICHE DEL FONDO E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE Data di deposito in Consob della Parte I: 08/10/2015 - Data di validità della Parte I: dal 12/10/2015

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS 1. ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI Eurovita Assicurazioni S.p.A. ha istituito, secondo le modalità previste

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE dei Fondi Comuni d Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati, denominati BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia 1 2 Oggetto: Documento di Informazione relativo all operazione di fusione del fondo Arca Capitale Garantito Giugno 2013 nel fondo Arca

Dettagli

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA DEL 14 APRILE 2005 E VALIDA PER L AGGIORNAMENTO DEL PROSPETTO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

Pioneer Fondi Italia. Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione Pioneer Fondi Italia Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione La Parte I del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE B.P.Vi FONDI SGR S.p.A. Gruppo Bancario Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a. PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano non armonizzati alla

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte : LINEA TEAM Eurizon Team 1 Eurizon Team 2 Eurizon Team 3 Eurizon Team 4 Eurizon Team 5

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI IN MERITO A

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI IN MERITO A spazio riservato all indirizzo inserito con etichetta Milano, 20 settembre 2007 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI Gentile Cliente, IN MERITO

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 01.01.2014 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Regolamento dei Fondi Interni

Regolamento dei Fondi Interni Regolamento dei Fondi Interni Art.1 Istituzione dei Fondi Interni Intesa Sanpaolo Vita S.p.A., di seguito denominata Compagnia, ha istituito e gestisce, al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema UniCredit Soluzione Fondi Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento armonizzati appartenenti al sistema UBI Pramerica UBI Pramerica

Dettagli

FONDI FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Strategie. Eurizon Capital SGR S.p.A.

FONDI FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Strategie. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Strategie FONDI DI FONDI COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Gruppo Bancario Veneto Banca

Gruppo Bancario Veneto Banca Gruppo Bancario Veneto Banca Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE appartententi al SISTEMA SYMPHONIA

Dettagli

Obiettivi e politica d investimento. Profilo di rischio e di rendimento

Obiettivi e politica d investimento. Profilo di rischio e di rendimento INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione degli Organismi d Investimento Collettivo in Valori Mobiliari (OICVM) rientranti nell ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY

Dettagli

Popolare Vita MultiValore Novembre 2012

Popolare Vita MultiValore Novembre 2012 ASSICURAZIONE DI CAPITALE DIFFERITO CON CONTROASSICURAZIONE SPECIALE A PREMIO UNICO COLLEGATA AD UNA GESTIONE SEPARATA ED A PARTI DI UN OICR (TARIFFA N. 562) Popolare Vita MultiValore Novembre 2012 Il

Dettagli

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

UniCredit Soluzione Fondi

UniCredit Soluzione Fondi UniCredit Soluzione Fondi Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema UniCredit Soluzione Fondi Valido a decorrere dal 1 marzo 2012.

Dettagli

Popolare Vita Opportunità

Popolare Vita Opportunità ASSICURAZIONE DI CAPITALE DIFFERITO CON CONTROASSICURAZIONE SPECIALE A PREMIO UNICO COLLEGATA AD UNA GESTIONE SEPARATA E AD UN FONDO INTERNO ASSICURATIVO (TARIFFA N. 572) Popolare Vita Opportunità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

A) Scheda identificativa

A) Scheda identificativa Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 01 marzo 2009 Il presente

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR Validità 2 gennaio 2015 Elenco fondi del presente regolamento: Symphonia

Dettagli

Comunicazione ai partecipanti ai Fondi Comuni rientranti nel Sistema Fondi Aperti Gestnord Fondi

Comunicazione ai partecipanti ai Fondi Comuni rientranti nel Sistema Fondi Aperti Gestnord Fondi SELLA GESTIONI S.G.R. S.p.A. Via Vittor Pisani, 13 2124 MILANO Tel. (+39) 2 67.14.161 - Fax (+39) 2 669.87.1 www.sellagestioni.it - info@sellagestioni.it Comunicazione ai partecipanti ai Fondi Comuni rientranti

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager

Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager Comunicazione ai Partecipanti ai Fondi/Comparti appartenenti al Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager Gentile Cliente, con

Dettagli

Discovery OFFERTA AL PUBBLICO DI PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED

Discovery OFFERTA AL PUBBLICO DI PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED ED. febbraio 2011 OFFERTA AL PUBBLICO DI Discovery PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED Si raccomanda la lettura della (Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative),

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO INTERNO La Società ha istituito in data 2 dicembre 2010, e gestisce secondo le modalità

Dettagli

UNIT LINKED. Contratto Unit Linked a premio unico. Gruppo Aviva. Aviva Vita S.p.A.

UNIT LINKED. Contratto Unit Linked a premio unico. Gruppo Aviva. Aviva Vita S.p.A. UNIT LINKED Contratto Unit Linked a premio unico Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED, prodotto finanziarioassicurativo di tipo unit linked. Il presente Prospetto Informativo completo si compone

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. . A)

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. . A)

Dettagli

(1) fondi di diritto italiano armonizzati. (2) fondi di diritto italiano non armonizzati

(1) fondi di diritto italiano armonizzati. (2) fondi di diritto italiano non armonizzati BNP Paribas Investment Partners SGR S.p.A. appartenente al Gruppo BNP Paribas Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati (1) e non armonizzati

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

NOTA TECNICA RELATIVA ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE ED ALLE MODIFICHE REGOLAMENTARI

NOTA TECNICA RELATIVA ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE ED ALLE MODIFICHE REGOLAMENTARI NOTA TECNICA RELATIVA ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE ED ALLE MODIFICHE REGOLAMENTARI dei Fondi Comuni di diritto italiano e dei Fondi appartenenti al Sistema Mediolanum Elite gestiti da Mediolanum Gestione

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Aggiornamento dei dati periodici al 28/12/2012 II Indice Guida alla lettura.................................... 2 Pioneer Fondi Italia

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento appartenenti al sistema UBI Pramerica Fondi armonizzati UBI Pramerica

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

BNI New Strategy. Gruppo Aviva. Offerta pubblica di sottoscrizione di BNI NEW STRATEGY, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked.

BNI New Strategy. Gruppo Aviva. Offerta pubblica di sottoscrizione di BNI NEW STRATEGY, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked. BNI New Strategy Offerta pubblica di sottoscrizione di BNI NEW STRATEGY, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked. Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti:

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : LINEA RENDIMENTO ASSOLUTO Eurizon Rendimento Assoluto 2 anni Eurizon

Dettagli

Fondi BNL. PARTE I del prospetto informativo. Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

Fondi BNL. PARTE I del prospetto informativo. Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione BNP Paribas Asset Management SGR S.p.A. appartenente al Gruppo BNP Paribas e soggetta all attività di direzione e di coordinamento di BNP Paribas SA - Parigi. Offerta pubblica di quote dei fondi comuni

Dettagli