ESTRATTI DAL LIBRO CAMPO SEMANTICO DI A. MENEGHETTI IL CAMPO SEMANTICO NELLA CONCEZIONE ONTOPSICOLOGICA Informazione e cifrematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTRATTI DAL LIBRO CAMPO SEMANTICO DI A. MENEGHETTI IL CAMPO SEMANTICO NELLA CONCEZIONE ONTOPSICOLOGICA 1. 1.1 Informazione e cifrematica"

Transcript

1 ESTRATTI DAL LIBRO CAMPO SEMANTICO DI A. MENEGHETTI by Psicologica Editrice Psicologica Editrice di Tonino Meneghetti Via San Sebastiano Fiano Romano, RM - Italy Tel Fax Prima edizione: 1988 Seconda edizione: dicembre 1997 Terza edizione: ottobre 2004 ISBN IL CAMPO SEMANTICO NELLA CONCEZIONE ONTOPSICOLOGICA Informazione e cifrematica Il campo semantico è il trasferimento di una informazione da un campo all altro. Il trasferimento è possibile in un universo semantico ed è dovuto a presupposti di situazione che possono determinare o l una o l altra informazione. Campo è un contesto ipotetico, definito da tre coordinate: spazio, tempo e individuazione (o specifica unità di azione). Per cui, l evento del campo, comunque siano i propri punti forza, specifica una vettoriale dominante e costellante che costituisce una spinta variante e strutturante. Mentre struttura, varia; e mentre varia, struttura. Semantico significa: significanza. Fa segno, specifica azione e si presenzia. È la forza che si fa il proprio luogo, o il proprio corpo. Quindi è cifrematico 2. Forza è un termine equipollente di vis, energia, dinamica, movimento, spinta, necessità, bisogno, pulsione, istinto, gravità, magnetismo, attrazione, etc. Sostanzialmente è l azione, l ecceità dell atto, l energia in atto. La norma della nostra ecceità mentale è la situazione ontica. Il vuoto metafisico è inoggettivabile per la nostra mente. Mente significa ciò che misura l ente, il misuramento dell ente in quanto intrinseco all ente. La forza o l azione è impensabile senza la propria specificazione. L energia si presenzia con forma. Il muoversi in sé, accade sempre con intrinseco fine o direzione. Essendo movimento, implica - nel secondo infinitesimale - un verso. Questo verso è il risultato dell ordine o del verso delle parti che contestualmente effettuano. Un reale, un quantico, un azione, un onda, una parola 3 si individua o specifica dall intrinseco fine che formalizza ed effettua, secondo l ottica del criteriante all interno dell esperienza. Il fine è ciò che, attuato, dà l equilibrio estetico alle parti in tensione, o risponde funzione al soggetto criteriante. Di per sé il fine è ciò per cui il muoversi si dà, ciò che il quantico o onda indica e cioè come il reale sta accadendo dentro. 1 Scritto inedito del Sul concetto di cifrematica si veda A. Meneghetti, Intenzionalità e cifrematica onirica, in XIV Congresso Internazionale di Ontopsicologia, Psicologica Ed., Roma Cfr. A. Meneghetti, Lettera a Chomsky sull Io e la sua azione linguistica, in L immagine alfabeto dell energia, Psicologica Ed., Roma

2 Inesorabilmente, per la nostra ecceità ontica, siamo intrinseci a quanto oggettiviamo. Siamo scienza e conoscenza solo ed in quanto esperienza dell ente. Esperienza ci significa, cioè ci deforma o informa mentre si rappresenta. Infatti esperienza indica ciò che risulta dell ente dopo che è morto. Ex - perior - ens - actio: dall essere perito l ente che accade. Quindi qual è il modo o forma che risulta mentre il misurante perisce con il fatto. Il criterio mentale è intrinseco alla sinapsi della parte senza perdere la identità della propria olotipia. L olistico dinamico del soggetto mentre presenzia l interazione di una sua parte, non disattiva l unità del proprio sincronico energetico. Il fine specifica, formalizza il reale della forza. Forza significa: facente principio dell azione per fuori. Quando mi esplicito in etimologia non intendo minimamente accettare e subire il criterio linguistico, magari come gli esegeti isidoriani (S. Isidoro di Siviglia) 4. Voglio aprire l accesso al principio unico del segnarsi energetico. Esso resta comunque presente e fedele a se stesso nel fare parola e formula, fine e principio del comunque accadere energetico. Il reale è tale solo se presenzia orme del significante che lo indica e quindi costituisce. Per me, perseguire i formali quantici o i formali psichici, è solo un visualizzare modi di campo. Mi colgo coscienza, mi colgo consapevole dell azione che accado. [ ] 1.3 Il concetto di campo Gödel ed Heisenberg, accettati come postumi ad Einstein, Poincaré, Bridgman e Lobačevskij, predispongono la necessità di esattezza del criteriante in esperienza. Il concetto di campo del fermo geometrico euclideo rientra in una sfera o definito campo percettivo del soggetto. Più propriamente indica lo spazio convenzionale di una gestalt, di cui però si intende precisare un aspetto. Quindi è l ambito di contatto in cui si intende analizzare. Allora il reale è quello dove è percepito: «Esse est percipi» (Berkley). Ma anche la percezione è il reale. Il modo e l ambito convenuto del contatto per cui sperimento, presenziano le strutture funzionali del reale per il soggetto criteriante. Contatto 5 è come due azioni o agenti si incontrano in quel punto di tempo e spazio dall ottica dell osservante interno. Per capire il campo bisogna aderire a convenzioni euclidee e non. È il fine di come o cosa precisare che giustifica l ipotesi di campo operativo. L intenzione di Poincaré, circa l equipollenza delle teorie euclidee e non, è indispensabile come la relatività di Einstein. Qualsiasi matematica o criterio di misura sono sempre descrizioni a diversi livelli degli stessi fatti, come, per esempio, nel caso dell applicazione einsteiniana della relatività, l osservazione di un evento può avvenire in un campo gravitazionale più o meno compatto. Un fisico può scegliere la convenzione o ambito di una azione di campo in cui operare per dimostrare una certa legge o comportamento. Ovviamente l esposizione o proiezione empirica deve essere tradotta in fenomenologia empirica. Questo per dimostrare l equivalenza tra evidenza e concreto, tra forma e materia, tra conoscenza e potere. Sono autoconversioni o proiezioni di forme psichiche che orientano l empirico secondo convenienze logiche al determinismo psichico prestabilito. [ ] 1.7 Universo semantico e funzione Qualsiasi variabile è comprensibile solo nell ambito di individuazione olistica. Ogni parte è tale solo ed in quanto ordinata da un tutto che la contiene e prevede. Qualsiasi sema è tale ed è spiegabile solo nel proprio universo semantico. Nessuna parte è coglibile ed analizzabile se non ed in quanto proposta dal discorso di un intero. Senza l intero non si giustifica né la funzione, né la relazione, né il fine. Addirittura non si può costituire neppure il concetto di movimento, in 4 L A. ha scritto un piccolo vocabolario in cui spiega il significato di alcuni termini utilizzati in psicologia e filosofia recuperandone il senso etimo. Nell introduzione che riporta in quel testo, egli espone i criteri su cui basa questa sua lettura. Cfr. Dizionario di Ontopsicologia, Psicologica Ed., Roma Contatto = dal lat. cum actu. 2

3 quanto senza l ambito dell intero significato che costituisce il fatto sincronico delle parti non si può ipotizzare il prima ed il poi del tempo, ed il qui e il là dello spazio. Si annulla qualsiasi misura senza l appoggio della relazione che poi a sua volta ripete comunque un intero, e alla fine l intero significante o universo semantico. Il punto di partenza della ipotesi matematica (e così per qualsiasi visione euclidea e non) che poi giustifica i percorsi di misure applicate, si giustifica solo se accettato nell ambito dell immaginazione psicologica che finge per un attimo di fermarsi. Il fermo immaginario psicologico si evidenzia sempre all interno d un intero totale. E si giustifica come relazione o percorso scientifico in quanto raggiunge un convenuto prestabilito: teoremi e leggi che misurano e prevedono effetti precisi dalle premesse isolate. L elettrone, la pianta, il pianeta, la luce, l uomo esistono e sono configurati solo dalla presenza di un protosenso apriorico che fa da fauna unica al molteplice intelligente. Questa proporzione o genio dell universo semantico, presenzia e trascende il proprio reale. È l Io che dà perseità o personalità al reale, all essere. È l Essere che esclusivamente è. In quanto partecipazione dell Essere, l ente può evidenziarsi; in quanto partecipazione dell intero sincronico, l ente può misurarsi e definire la propria relazione funzionale. Gödel e Heisenberg hanno giustamente incrinato l ingenua casetta del verdetto empirico scientifico come paradigma per l intero. Anche la relatività di Einstein è valida solo se prima isoliamo una funzione che fa l uno interattivo di due movimenti a diverso percorso come una massa specifica ed un altra velocità specifica. Come esempio di relatività avrei preferito il muoversi della turbina che traduce la velocità massa dell acqua in forza elettrica sino alla velocità luce. La vecchia lampadina di Edison può insegnare molte cose alla fisica attuale, se quella funzione scientifica viene analizzata da più ottiche dell intero significante. Senza estremizzare il solipsismo di Bridgman (Nöbel 1946) come faceva Einstein, ma accettando come associazione scientifica la sua visione operazionista sul concetto di campo (il campo deve essere usato solo allo scopo per cui è stato inventato), si deve convenire che ogni azione è identificabile in un certo modo, non solo per la convenzione di più azioni che vi concorrono, ma si può indicare una legge o un comportamento sperimentale solo se misurato o convenzionato da altre misure o convenzioni di un prestabilito ambito semantico. Il segno e la parola non solo possono essere identificati come utensili o strumenti, o contenitori di quantici modali, ma restano cifre che aprono il proprio valore o energetico di senso in positivo ed in negativo a seconda della omologazione della funzione. Di ogni segno o quantico, si può applicare il vecchio proverbio: «Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei». [ ] Capitolo Terzo CAMPO SEMANTICO E CONOSCENZA Il campo semantico è formalizzazione energetica in un campo. Campo è una specificazione di zona dove si dà un interazione: io e tu è un campo, io e l altro è un campo, etc. Campo secondo l accezione della fisica, più il concetto di relazione. Tanti sono i modi delle relazioni e tanti sono gli spazi ipotetici di campo. Semantico significa che questa energia si muove secondo una direzione esatta: scopo all intrinseco oggetto. 6 Il par. 3.1 è tratto da un residence professionale svolto in Italia nell agosto 1992, già pubblicato in Progetto Uomo, Psicologica Ed., Roma Il par. 3.2 sono conferenze svolte alla Facoltà di Psicologia dell Università di San Pietroburgo nel 1990, già pubblicate in Lezioni di San Pietroburgo, Psicologica Ed., Roma Il par. 3.3 è la sintesi di un ciclo di conferenze sul campo semantico svolte in Italia, nell estate 1984, già pubblicate in La costante H come criterio antropologico, Psicologica Ed., Roma 1990 (fuori edizione; integrato in Il criterio etico dell umano, op. cit.). Il par. 3.4 è una trattazione svolta nel corso di un ciclo di lezioni specialistiche tenute a Roma nel 1986, già pubblicato in Cinque lezioni sull Ontopsicologia, Psicologica Ed., Roma Il par. 3.5 è una conferenza svolta nel corso del XIII Congresso Internazionale di Ontopsicologia, presso il Salone della Fontane a Roma-EUR, nell agosto 1991, già pubblicato nei relativi atti, Psicologica Ed., Roma 1993 (fuori edizione). Il par è un estratto del seminario sulla psicosomatica svolto a Ekaterinburgo nel 1994, già pubblicato in Casi clinici, Psicologica Ed., Roma 1999 (fuori edizione), ed in maniera sintetica in Manuale di melolistica, Psicologica Ed., Roma Il par è tratto da Io odio il transfert, Psicologica Ed., Roma 1990 (fuori edizione). 3

4 Mentre nella conoscenza razionale possono esserci ipotesi e finzioni, qui no: il campo semantico dà l ecceità di ciò che poi si sagoma secondo le coordinate materiali spazio-temporali in formalità individuata. Tra due o più persone il campo semantico agisce così: immette intimo in uno dei soggetti l altro, in modo tale da conoscerlo non per quanto questo gli dice, ma perché lo vede dentro di sé, e lo vede in forza del suo essere vivente, in forza di una identità. La conoscenza dell altro, cioè, non è data a riflesso, ma è data in entità. È evidenza 7, è un coessere in essenza. In termini fisici, il campo semantico è un onda che formalizza tutte le altre onde, ma indagato secondo i mezzi e le conoscenze della fisica attuale, anche la più avanzata, si rivela un onda fantasma, un onda associata, cioè se ne vedono soltanto gli spostati, perché è coglibile solo attraverso l entità organismica o intellettiva. È intelligenza non in senso astratto o metafisico, bensì come può intenderla il più rigoroso materialismo, di cui però la fisica attuale non ha gli strumenti di conoscenza. È una conoscenza di cui è partecipe qualunque vivente, perché è lo stesso legame della natura. La vita non è divisa tra sé e sé. Dal momento che si vive, si coagisce. Due viventi interagiscono e l interazione ha dei cambiamenti di realtà che sono nel sincronismo dell azione dei due. Mentre la conoscenza razionale sulla quale l uomo costantemente si parametra è provvisoria, nel senso che vale su questo pianeta ma su un altro non vale più, quella dell In Sé è una conoscenza di cui è partecipe qualunque vivente, su qualsiasi pianeta, in qualsiasi dimensione. Se so leggere il campo semantico e ho di fronte un vivente, inevitabilmente lo so, perché abbiamo la stessa legge, siamo inevitabilmente sincroni. Inoltre, proprio perché sincrona, il campo semantico è una conoscenza infallibile. L Ontopsicologia può leggere, usare e rivelare la significanza di ciò che è. Nella mia esperienza, io conosco solo la realtà del campo semantico: qualunque essere umano, appena comincia a parlare, mi corrisponde esattamente come se parlasse recitando a memoria, so subito quello che dirà dopo, non c è assolutamente novità. Il primo bit dà il tema a tutto il resto, che viene svolto allo stesso modo, qualunque sia la razza o la lingua. Tutto questo si impara, come si può imparare un gioco o una scienza, ma non è la vita. L aberrazione è stata quella di aver assorbito una conoscenza storica come codice di vita. In conseguenza di questo, l uomo ha perso l accesso al suo vero. Tuttavia l interazione semantica si dà comunque, solo che il soggetto non ne ha coscienza o non vi dà importanza. Per fare un esempio grossolano, che non è dimostrativo del campo semantico, ma che è indicativo dell interazione semantica ed è vicino alla sensibilità comune, basti pensare alle reazioni erotiche. Per reazioni erotiche intendo gli aspetti di tumescenza di una certa parte del corpo o organo che si danno in un soggetto alla presenza di un altro, senza che tra i due ci sia alcun tipo di contatto fisico. Si tratta di variazioni biologiche, cellulari, non certo di astrazioni, ma - in termini di rigorosa scientificità - che cosa produce quella variazione? Lo stesso interrogativo si propone nel caso delle simpatie e antipatie: fatti precisi, indiscutibili, ma assolutamente inspiegabili secondo la corrente cultura scientifica. Eppure, se sono reali, devono avere una causa altrettanto reale. L errore sta proprio nel ritenere che queste sensazioni molto soggettive non abbiano alcuna rilevanza oggettiva. Il motivo per cui, fino ad oggi, non si è scoperta la realtà del campo semantico è stato proprio l aver svalutato il criterio di realtà del singolo e aver stabilizzato il criterio della credenza di massa e della ufficialità legale, culturale, religiosa. Quindi abbiamo lo svilimento del soggetto e delle sue facoltà conoscitive. Invece, la strada per il recupero della conoscenza totale di quanto si è, è proprio nella graduale rieducazione all attenzione a queste varianti soggettive. Attraverso un lento excursus, si può raggiungere la semplicità base della conoscenza che fluisce dalla entità totale di quanto esiste e si esiste. [ ] 7 Lat. ex vidente = ciò che risulta dall esperienza del vedente. 4

5 Capitolo Quarto CONFORMAZIONE E PERCEZIONE DEL CAMPO SEMANTICO La fenomenologia del campo semantico Descrizione di alcuni tracciati a) Ondulare continuo è il percorso usato dalle volizioni coscienti dell Io. L onda è dall alto al basso (fig. 4). b) Ondulato continuo fisso, con spinta acuta dal basso in alto per qualsiasi pulsione complessuale. c) Propaggini continue come folate a parentesi chiuse, molto deboli, diffuse ed ampie sono le emanazioni ondulari dell In Sé ontico. Pulsante globale ed espansivo. Mantiene centralità nella misura in cui è espansivo. Lo si avverte per contatto di onda circolare. d) Segnale piatto intermittente unidiretto, invariabile, sono le interferenze del monitor di deflessione. Iniziale zigrinato. Un campo semantico è sempre positivo, per il ricevente, quando presenta un segnale olistico, con dinamica evoluta a cerchio completo, quindi presenta un contatto sferico, cerebro-viscerale. Cioè il segnale emesso si completa con la ricezione organica del ricevente. È negativo per il ricevente quando è incompleto, spezzato, secco, d urto, comunque parziale: il passivo viene rinforzato in qualcosa di opposto al proprio utilitarismo organico. 8 I parr. 4.1 e sono tratti dal Manuale di Ontopsicologia, op. cit.; i parr , e da Progetto Uomo, op. cit.; il par da Atti del XIII Congresso Internazionale di Ontopsicologia, op. cit., pagg ; i parr , 4.5 e 4.6 da Ontopsicologia e attività psichica, op. cit.; il par è un estratto dallo stage precongressuale del XIII Congresso Internazionale di Ontopsicologia, Roma 1991, inedito; il par. 4.4 è un estratto da una conferenza svolta in Italia nell ambito della Summer University of Ontopsychology, il 19 luglio 1996, inedito. 5

6 Fig. 4 Tracciati del campo semantico [ ] 4.2 Formazione e percezione del campo semantico Fasi di formalizzazione del campo semantico Il campo semantico è la fenomenologia dell intenzionalità di un individuazione per un altra. È ovvio che l individuazione è costituita da un informazione costituita in energia. a) Prima fase: livello subatomico. Si forma la polarizzazione e la vettorializzazione. Non c è alcuna percezione. b) Seconda fase: la nuova induzione polarizza i complessi molecolari interessati. Una coscienza esperta può localizzarlo. c) Terza fase: si hanno le prime risonanze emozionali e specifiche variazioni di sentimento. L uomo comune le avverte come endogene. L esperto ne individua la fonte allogena. Si coglie la variabile, ma non la si identifica. d) Quarta fase: l emozione è formalizzata ed in modo compatto polarizza l attenzione dell Io e vibra eccitazione distinta. A questo punto l esperto può scegliere e decidere se accettare o respingere, ma intanto 6

7 riconosce la causa motivante. L ignorante, ritenendosi soggetto ed oggetto, può decidere senza esattezza. In questa quarta fase si attua la psicoreazione. È il foro interno della sfera morale, in quanto la coscienza comunque è consapevole e responsabile. e) Quinta fase: possibilità della esteriorizzazione oggettiva e concreta, che può effettuarsi psicosomaticamente o del tutto ad extra Modi del campo semantico Dando una generica classificazione del campo semantico, individuiamo tre tipi di campo semantico. 1. Il campo semantico biologico, o emozionale, è la forma di conoscenza elementare e riguarda tutto l arco riflesso, compresi gli aspetti della sessualità e dell aggressività. È un informazione di tipo biologicoemotiva. Per dare un esempio concreto, potremmo definire campo semantico biologico quella specie di acquolina in bocca che è suscitata dalla presenza di un cibo particolare. E indifferente il campo o zona di rifrangenza: viscerotonico, cerebrotonico, neuronico, muscolare, chimico, etc. 2. Il campo semantico psicologico, o informativo, interferisce esclusivamente sulle intenzionalità tipiche della nostra mente intesa come starter energetico o pulsionale, o meglio volontaristico. Si tratta di spostamenti di un campo rete sul quale viaggiano diverse informazioni psichiche. La contemporaneità di informazione e variazione dell energia è costante in tutti i tipi di campo semantico, soltanto che nel campo biologico questa contemporaneità viene avvertita a livello emozionale e ha reazioni cellulari, neuroniche ed endocrine. Anche qualsiasi aspetto di patologia medica interessa il campo biologico. 3. Il campo semantico intellettivo è una capacità di conoscenza, che si attua a qualsiasi distanza: si entra nella contemporaneità dell energia pura. Potremmo dire che l energia psichica è ferma, un motore immobile. Da qui si apre la vera conoscenza che esula dalle coordinate terrestri del tempo e dello spazio. È come se l universo irradiasse all unisono con se stesso in modo costante: qualunque legge dell universo si regola su questa unità di azione sincrona. Esattamente come all interno del nostro organismo ci sono distanze che tra loro non si incontrano mai. Per esempio, la sfera delle cellule che compongono i nostri piedi non si incontra mai con la sfera cellulare del cuore. Sono distanze infinite, ma se una di queste cellule entrasse nell ascolto assoluto di se stessa percepirebbe anche le altre. In quanto viventi all interno di tale universo, noi facciamo parte di una stessa informazione. Ciascuno di questi tre modi di campo semantico viene percepito secondo la sfera di risonanza, cioè il modo esterocettivo, propriocettivo ed egocettivo 9. L essere umano può assumere il controllo della esterocettività e della propriocettività solamente se raggiunge l egocettività. L egocettività coincide con l esattezza della soggettività. Di conseguenza deve coincidere anche con gli altri due modi di conoscenza. L esattezza è il riflesso di tutto ciò che nella situazione semantica della vita è propriocettivo. Chi è in grado di riflettere, in modo completo, qualunque stato di propriocettività può essere un affidabile strumento scientifico. La percezione del campo semantico è sempre una questione di coscienza, in quanto noi cogliamo l azione per specularità. Il nostro modo di cogliere l azione è un prima e poi speculare. Quando si accorge dello specifico di quell azione, il soggetto può operare molteplici varianti. [ ] Il campo percettivo Ognuno di noi possiede un campo percezionale ad una certa distanza dal proprio organismo, variabile per individuo e per cultura. A seconda della cultura in cui è vissuto, un soggetto può avere un raggio minore o maggiore di tolleranza o di sensibilità. Ad esempio, una persona di cultura araba, russa, slava, o africana, tollera molto bene la vicinanza fisica, quindi, c è un dialogo di mimica e fisiognomica pelle a pelle, ed è ritenuto abbastanza gradevole ed educato. Una persona di cultura europea occidentale, invece, è variabile, non tollera la vicinanza. Svedesi e norvegesi sono diversi, già possono accettare certi contatti a distanza più ravvicinata. Per il fascio centrale dell Europa, l avvicinarsi - se non c è il permesso della tenerezza, dell affetto, dell erotismo - è inteso come aggressione privata, ed il soggetto si irrigidisce ed attacca. Questo accade anche nel campo di tutti gli animali. Gli animali si lasciano contattare quando avvertono 9 L A. descrive i tre livelli base di percezione elementare (esterocettiva, propriocettiva ed egocettiva) in Il monitor di deflessione nella psiche umana, op. cit., pagg

8 che c è una similitudine; se sentono differenza non si lasciano avvicinare. C è un certo raggio, che varia da situazione a situazione, momento per momento, ed è costituito esattamente da un fascio radar di percezioni che il corpo emana. Il nostro corpo è una rete di ricetrasmittenza, ha dei segnali ben precisi, i quali sono variabili, da dieci centimetri fino addirittura a cinque metri. Ci possono anche essere delle forme di malattia. Questo ci prepara già all esistenza di un energia variabile che sottintende un campo. Un campo, propriamente, è un qualunque spazio circoscritto presso una individuazione. Esso ha il suo perimetro e la sua configurazione, in base alla quale possiede una proprietà di reazione sinergica e specifica, autonoma, distinguibile. Questa zona ricettiva potrebbe essere una fascia di risonanza, una sorta di terminali del nostro campo percettivo. La nostra sensorialità non si circoscrive esclusivamente nel corpo materiale, ma si allunga e si allarga quasi con una forma di psicologia territoriale, che è dovuta ad uno stato di indefinibilità. Infatti noi viviamo in un ambiente che ci consente una forma di interazione olistica, uno spazio umano del quale non si può dire dove finisce e dove comincia. C è un passaggio dove in un primo momento si personalizza una realtà, successivamente se ne personalizza un altra, come nei processi di chiaroscuro. Tutto questo si rinvigorisce quando un soggetto umano percepisce a distanza un individuo particolarmente dotato di aggressività o di attrazione. La tensione, o condensazione mirata, di questa realtà - che il soggetto circostante emana o come aggressivo o come attrattore - è dovuta in parte all intensità dell emanazione, in parte alla disponibilità di ricezione, di aspettativa o di esigenza del ricevente, ed in parte al territorio di proprietà dell uno o dell altro. Bisogna vedere caso per caso. In questo interspazio si possono verificare diverse tipologie di ricetrasmittenza; per capirle con esattezza, dobbiamo prima avere i due punti interattivi, siano essi pubblico e oratore, oppure due individui (un uomo e una donna, padre e figlio, due amici, due nemici, etc.). Inoltre c è tutta una comportamentistica segnica che definisce e può angolare con esattezza la posizione di azione dell uno e dell altro soggetto in relazione. Al di là di tutta questa fascia di emozioni e sensazioni, le quali hanno una loro realtà che va precisata di volta in volta, esiste l esperienza del campo semantico. Ciò di cui ho parlato fino ad ora sono fenomenologie sensorie, che non specificano l esattezza e la precisione del campo semantico. Il campo semantico è la trasmissione di un informazione, attraverso rapporti di similitudine, o identità: è ricettivo a quel campo chiunque si dispone complementare, in quanto ha una tematica simile. Tale trasmissione informatica si veicola attraverso l agente di campo, o agente universale, o onda fantasma, quel tipo di campo universale che consente il passaggio di qualunque individuazione esistente all interno di questa magmatica sfera 10. Suoni, onde, luci, possono trasmettersi perché c è un contenitore globale universale che consente questi andirivieni. Non si può concepire una trasmissione nel vuoto assoluto, in quanto il vuoto assoluto comporterebbe l annullamento di qualsiasi forma ipotetica di esistenza, di qualsiasi specie di materia e di energia. La fenomenologia del campo semantico ha diverse gradazioni, occupa tutto l arco delle propriocettività sensoriali. Il campo semantico è sempre il codice essenziale, che può avere o non avere fenomenologie. Per esempio il campo semantico puramente psichico non ha bisogno di queste sensorialità: si trasferisce a qualsiasi distanza, basta che abbia il correlato. È indifferente se di mezzo c è una specie di provvisorio vuoto fisico, cioè aria libera, oppure ci sono montagne e mari. Si trasferisce per identità di informazione da luogo a luogo, senza la minima variazione in se stesso. Ciò avviene semplicemente per azione autonoma del trasmittente, il quale, mentre emana, già si colloca. Un esempio: a nessuno di noi è impedito di pensare in un attimo ad un luogo che conosce, oppure alla propria camera da letto; mentre si trova in qualsiasi altro posto, può visionarla almeno mnemonicamente. La differenza è che il campo semantico va in azione nel luogo dove intende. Ovviamente non tutti possono farlo, ma solamente alcuni soggetti. Però esiste nella norma possibile delle cose, nell onda variabile delle diverse fenomenologie di sensorialità o di semantica. [ ] 10 Cfr. A. Meneghetti, Ipercampo come ambiente delle interazioni psichiche proprie ed aliene, in Il monitor di deflessione nella psiche umana, op. cit., nonché il cap.6 nel presente volume. 8

9 Capitolo Sesto DALL AMBIENTE TOTALE ALLA COMUNICAZIONE DIADICA Individuazione ed ambiente totale Per un punto di vista, un affetto, un odio, un amore, una convinzione, una morale, una fede, per un qualcosa che è invisibile agli altri ma categorico all interno del soggetto, l esperienza psichica è assoluta al punto tale da essere in grado di spostare energeticamente una persona, con una variabilità al di sopra di qualunque altra portata reale. Non esiste, nell ambito del sapere scientifico conosciuto, un energia in grado di spostare l essere umano in modo così totale e intimo qual è appunto un affetto, una referenza psichica. Una persona può essere uccisa fisicamente e tuttavia la violenza che subisce nel corpo non interferisce nella sua intima volontà, oppure - per un idea - può andare deliberatamente a morte (martirio, eroismo, indomito moralismo, etc.), però nessuno riesce a misurare questa forma di energia. Noi diciamo che a provocare questi fatti è il soggetto stesso. Ciò, in termini di linguistica psicologica, indica la sua soggettività: una causalità all interno della sua soggettività varia una totalità individuata di vita, di energia, al punto da renderla uniforme al suo evento, per cui vediamo l effettualità del suicidio, del martirio, etc. Tuttavia, quando vogliamo misurarla in qualche modo secondo le mediazioni culturali solite, è inafferrabile, invisibile, un nonsenso. Se confrontiamo gli eventi di tutte le forme di energia misurate dalla fisica (elettromagnetica, atomica, etc.) con quelli che può indurre la soggettività, vediamo che gli effetti della causalità soggettiva, che in definitiva è puramente psichica, sono sproporzionati. Quale forma di energia è così incisiva, determinante, in confronto a un ideologia, a una fede che dall individuo può coinvolgere la sua tribù, o il suo paese, e da qui investire anche un intera regione o un continente? Questa energia avanza al di là del breve arco di vita dei singoli individui, può sopravvivere oltre i secoli. Si occasiona in un codice di cui un vivente si fa mediatore (ad esempio un libro), la ricicla, e gli effetti sono enormi. Se appare difficile misurare scientificamente le variabili di una soggettività, non per questo si può dire che non esista. Va comunque tradotta in termini energetici: se crea degli effetti, delle variabili di situazione, proprio ragionando con categorica semplicità scientifica, bisogna ipotizzare una causalità energetica che per il momento non è conosciuta, ma si dà e sottostà a tutte le altre forme di energia fino ad oggi conosciute. Ad un primo approccio, potrei dimostrare il campo semantico per deduzione logica, indicandone le precise varianze negli effetti, oppure per esperienza soggettiva. Qualsiasi individuazione è consentita e fonda la propria concretezza, addirittura la propria ipotesi, solo all interno di un ambiente che la sostiene 12. Dandosi questa situazione nel qui e adesso continuo dell uomo, di questo pianeta, di questo contesto stellare, è inspiegabile qualunque individuazione a sé stante e isolata da un contesto base. La possibilità che un punto possa esistere autonomo da un ambiente che lo sostiene neppure reggerebbe a livello di ipotesi logica. Anche il concetto matematico di punto resta un principio ipotetico che non è oggettivamente esistente. Esso è solo un ipotesi logistica per iniziare un processo di conoscenza sull oggetto; si formula un ipotesi proprio perché si parte da un concreto ambientale di varianti. Se, ad esempio, voglio dimostrare che (in una sala) io sto qui e voi là, cioè che esiste una diversità, implicitamente determino uno spazio. Inoltre se voglio capire la relazione che c è tra me e voi, qui e là, devo partire dall ipotesi che io sono il punto che fa da estremo al segmento che termina là. Per misurare l intero universo in rapporto ad una individuazione, devo segmentare tutto ciò che voglio conoscere come se partisse da un punto, da un autonomia. Il punto, però, non è altro che una proiezione logica di me a tutti gli altri. In realtà io non sono un punto autonomo, ma una proiezione di un grande contesto che qui si fa punta in un certo modo e là si fa presenza in un altro modo. I diversi modi tissutali di questo ambiente costituiscono le 11 Trattazione svolta dall A. nel corso di un ciclo di conferenze tenutesi a Roma nel Pubblicata nel volume Il monitor di deflessione nella psiche umana, op. cit., par. 6.1, 6.3, 6.4 nel cap. 14 della Parte I, par. 6.2 nel cap. 2 della Parte II. Il par. 6.4 è pubblicato anche nell opera successiva La costante H come criterio antropologico e altri saggi, op. cit. 12 Cfr. A. Meneghetti, L inconscio come in sé di un continuo dinamico, in L In Sé dell uomo, op. cit. 9

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

I risultati di Einstein del 1907( )

I risultati di Einstein del 1907( ) I risultati di Einstein del 1907( ) Nel 1905 Einstein pubblica una serie di articoli che aprono la strada ad innovative ricerche fisiche e propongono una rivoluzionaria visione della realtà tuttora attuale;

Dettagli

Programma Scuola triennale di Counselling olistico

Programma Scuola triennale di Counselling olistico Via Ausa, 2469 Bertinoro (FC) 340/3205996 email: art-in-counselling@libero.it Programma Scuola triennale di Counselling olistico Primo Anno: 1 week-end: 3/4 gennaio 2015 Manuele Baciarelli Enneagramma

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto poi conosce il mondo ed interagisce con esso. La psicologia

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO PSICO - PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE

PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE PRESENTAZIONE Enneagramma Integrale si dedica allo sviluppo della consapevolezza e al sostegno dei processi di trasformazione personale, collettiva e spirituale.

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia

Dall educazione alla pedagogia Giuseppe Bertagna Dall educazione alla pedagogia Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Bergamo, ottobre 2010 CAPITOLO QUINTO Il discorso pubblico della ragione e le sue tipologie pp.

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

L intervento di De Bartolomeis

L intervento di De Bartolomeis APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE SUL PROGETTO DI ATTIVITA ARTISTICA Gli appunti fino ad ora letti e discussi risalgono ad una visione dell attività artistica essenzialmente di stampo arnhemiano. Le letture

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Autore: Margherita Spagnuolo Lobb QUARTA DI COPERTINA La psicoterapia della Gestalt vede la relazione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

LA SINTESI UNIGRAVITAZIONALE Le Leggi del Cosmo in una conchiglia

LA SINTESI UNIGRAVITAZIONALE Le Leggi del Cosmo in una conchiglia LA SINTESI UNIGRAVITAZIONALE Le Leggi del Cosmo in una conchiglia Autore: Prof. Renato Palmieri, Fisico (Napoli) Fondamenti della fisica unigravitazionale (nata nel 1969: Fisica del campo unigravitazionale

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

LA LEGGE DEI RETTI RAPPORTI UMANI

LA LEGGE DEI RETTI RAPPORTI UMANI LA LEGGE DEI RETTI RAPPORTI UMANI Simboli: La Rete Frequenze armoniche A Un nuovo paradigma: la rete della vita - La teoria dei quanti ammette che al livello subatomico gli oggetti materiali si dissolvono

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

Le dieci regole d oro del Cambiamento

Le dieci regole d oro del Cambiamento Roberto Tiby Le dieci regole d oro del Cambiamento Marketing e cambiamento cosa hanno in comune? Premessa Il cambiamento è così importante che, come tutte le cose veramente importanti, se ne parla poco

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI Corrado Malanga Nel precedente lavoro ho parlato degli archetipi, ne ho fornito le definizioni ed ho descritto cosa i suddetti archetipi siano, come funzionino e perché siano legati ad alcuni numeri e

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri L epistemologia applicata alla psicologia clinica La riflessione epistemologica in Psicologia clinica

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE S. GIOVANNI BOSCO *LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE Viale dei Mille 12 /a Tel. O577-909037 53034 COLLE DI VAL D ELSA ( SI

Dettagli

TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO

TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO Se facessimo tutto ciò che siamo capaci di fare, rimarremmo letteralmente sbalorditi RISPONDERE ISTINTIVAMENTE ALLE SEGUENTI DOMANDE Quando gli altri si

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

DESCRIZIONE E INTENTI DIDATTICI DEL LABORATORIO MATEMATICA E MUSICA. Laura Catastini

DESCRIZIONE E INTENTI DIDATTICI DEL LABORATORIO MATEMATICA E MUSICA. Laura Catastini DESCRIZIONE E INTENTI DIDTTICI DEL LORTORIO MTEMTIC E MUSIC Laura Catastini Scelte metodologiche L attività laboratoriale si prefigge lo scopo di trattare e mettere in collegamento tra loro i concetti

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO SCUOLA DELL INFANZIA «Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.» Pablo Neruda GIOCHI PER CRESCERE

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana Psiche e complessità 3. Complessità della comunicazione umana Riepilogo Negli incontri precedenti abbiamo visto la differenza tra problemi complicati e problemi complessi Tullio Tinti 2 Riepilogo Problemi

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Appunti di psicologia

Appunti di psicologia Appunti di psicologia Teorie della personalità TEORIE DELLA PERSONALITà Metodi analitici introspettivi : Freud Metodi cognitivo comportamentali : psicologia della Gestalt Metodi sistemici relazionali:

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof.

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. Francesca Rosati MATEMATICA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento.

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. Monica Buemi 1 La psicoanalisi non esiste se non tenendo conto dei significanti che circolano nell Altro, si rende quindi necessario

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA a. Ascoltare e parlare 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 2. Prestare attenzione a situazioni comunicative

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf Scuola dell Infanzia ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

L ECOPSICOLOGIA APPLICATA ALL EDUCAZIONE AMBIENTALE: UN NUOVO MODELLO PER L ETICA DELL AMBIENTE

L ECOPSICOLOGIA APPLICATA ALL EDUCAZIONE AMBIENTALE: UN NUOVO MODELLO PER L ETICA DELL AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE, GEOLOGICHE E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECOLOGICHE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE VERONICA LEOTTA L ECOPSICOLOGIA APPLICATA ALL

Dettagli

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI AUTO-IPNOSI Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI E una tecnica terapeutica molto efficace, può essere applicata per risolvere alcuni disturbi

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Qualcosa si annida dentro noi e ci rende la vita difficile, complicata, come un dèmone

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO Gorizia, 13 novembre 2012 DISTURBI PSICOTICI Psicosi è un termine generale, che indica una grossolana compromissione nella verifica

Dettagli

Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Metodologia della Ricerca. Psicoanalisi: una ricerca aperta di Alessia Pagliaro

Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Metodologia della Ricerca. Psicoanalisi: una ricerca aperta di Alessia Pagliaro Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Metodologia della Ricerca Psicoanalisi: una ricerca aperta di Alessia Pagliaro Il dibattito In ambito psicoanalitico è in corso un dibattito

Dettagli

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano COS È L ETICA? PRINCIPI E REGOLE DI COMPORTAMENTO ADOTTATE

Dettagli

Dott.ssa Caterina Fucili Psicologo Psicoterapeuta Fano e Pesaro LA MIA PSICOTERAPIA

Dott.ssa Caterina Fucili Psicologo Psicoterapeuta Fano e Pesaro LA MIA PSICOTERAPIA La psicoterapia può nascere da diversi indirizzi teorici: esiste la psicoterapia psicoanalitica, cognitivo-comportamentale, sistemico-relazionale, umanistica, della gestalt, ed altre ancora. Il mio metodo

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA...

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA... INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA............................................1 1.1 Nascita della Psicologia attuale................................................1 1.2 Correnti

Dettagli