Testimoni della gioia CONFRONTO ITALIANO MGS Un percorso di scambio e crescita tra giovani

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Testimoni della gioia CONFRONTO ITALIANO MGS Un percorso di scambio e crescita tra giovani"

Transcript

1 Testimonidellagioia CONFRONTOITALIANOMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani Promossoda MovimentoGiovanileSalesiano Italia

2 INDICE Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani CHECOSASIGNIFICA CONFRONTO 4 CONTESTOTERRITORIALE. 4 ILUOGHI 5 IDESTINATARI IBENEFICIARI. 6 INTERNAZIONALITA DELPROGETTO 7 OBIETTIVI. 7 OBIETTIVOGENERALE OBIETTIVISPECIFICI DESCRIZIONESINTETICADELPROGETTO 8 CONTENUTO FINALITA METODOLOGIA IMPATTOEDEFFETTOMOLTIPLICATORE. 9 VISIBILITA 9 RISULTATIATTESI.. 9 BUDGET. 11

3 Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani CONFRONTOITALIANOMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovaniitalianiedeuropei CHECOSASIGNIFICACONFRONTO Ilconfrontoè,perdefinizione,un luogo incuilepersonesiincontranoesiscambianoopinioniebuone prassiintornoadunargomentodiinteressecomune. 4 Inquestocasolepersonesonogiovanitrai17edi25anniche,mossidaunapassionecomune,quellaper donbosco,perilvolontariato,perlamissionarietà,perl attenzionealpiùpovero,siritrovanoatorinoe dintorni per confrontarsi sulle tematiche che li accomunano nel loro lavoro quotidiano di volontari, animatori,ragazziimpegnatiinattivitàsociali. CONTESTOTERRITORIALE Il Movimento Giovanile Salesiano, che raccoglie tutti i ragazzi e i giovani coinvolti nelle iniziative e nei progettideisalesianiinitalia,insinergiaconl AGSperilterritorio(associazionedipromozionesocialesul territorio piemontese, nata per favorire la rete tra i giovani) coordinerà e promuoverà il progetto Confronto Italiano del Movimento Giovanile Salesiano (MGS) dal titolo Testimoni della gioia che si svolgerà tra il 10 e il 16 agosto tra Torino, Chieri, Castelnuovo Don Bosco e Mornese. Il Confronto Italiano MGS rappresenta una delle tappe più significate di un percorso che ha due filoni complementarichesiintreccianoecontemporaneamenteconcluderannoilproprioiternazionaleavendoal centrolacittàditorinoeunrinnovatoimpegnogiovanilenelsociale. I due filoni sono: da un lato la formazione che sul territorio italiano i giovani stanno ricevendo da parte delle istituzioni salesiane o legate al mondo salesiano per la preparazione ad essere onesti cittadini e buonicristiani,comedicevadonbosco,inuntempodicrisisemprepiùfortespecieperlerealtàgiovanili, dall altroaltoilprocessodipreparazioneepoidisviluppocheavràcomecentroatorinoifesteggiamenti del2015,annodelsecondocentenariodellanascitadidonbosco,unodeimaggiorisantitorinesieuno deipiùattualiprotagonistidell educazionepiemontese,nazionaleemondialeedancheannodellanostra Città eletta a capitale dello sport che vede tra i partner citati a pag. 42 del dossier di candidaturaproprioisalesianiedinparticolareglieventicheaccompagnerannoilbicentenario. Al centro di questi due percorsi che sicuramente avranno grosso impatto sulla realtà sociale giovanile italiana,sicollocal esperienzadelconfrontomgs Testimonidellagioia cheraduneràcirca1500

4 Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani giovanitra i 17 e i 25 anni provenienti da tutteleregionid Italia ed anche da alcuni Stati europei proprio a Torino, città ancora oggi luogo simbolo e laboratorio quotidiano di sperimentazionesocialeeprotagonismogiovanile. Igiovanicoinvoltisonoanimatori,educatorieadolescentiimpegnatinelvolontariatochedall estate2011 seguonouncamminodiavvicinamentoedisensibilizzazionedellerealtàlocalisuitemieiluoghioggetto delconfronto.infatti,confrontoitalianovuolepropriosignificarel incontroeilconfrontotratuttelerealtà localisutemitrasversaliallosviluppodellacondizionegiovanileall internodellerispettivecomunitàedella societànelsuosignificatopiùvastoeconcreto. 5 La scelta della città di Torino come palcoscenico dell evento non è casuale, cinque le motivazionifondamentali: TorinoinsiemeadaltricomunidelterritoriopiemonteseaccoglieiluoghiincuivisseSanGiovanni Bosco e videro nascere e prosperare la sua opera: riscoprire le radici di un idea e di una vocazione rappresenta per i giovani occasione di riflessione personale e comune, di mettersi in discussione a propositodiunruolodirettoafavoredellacomunitàoltrechedistimoloalpropriosviluppo. Torino tra le città italiane è significativa per la sua struttura sociale complessa e votata ad organizzarsi a favore delle fasce di popolazione più deboli: respirare e conoscere la realtà del terzo settoredellacittàditorino,purcontutteledifficoltàcausatedallacrisieconomicadegliultimianni, rappresentaperigiovanilapossibilitàdiosservarecomeconcretamentepossanorendersiprotagonisti della propria vita mettendosi a disposizione della propria comunità. Non a caso Torino è la città dei santisociali. Torinoèancheluogosimbolodellasituazionegiovanileitaliana:daunlatocittàtoccatafortemente dallacrisicheinquestiannistacolpendol Italiaenonsolo,dall altracittàchehasaputoreinvestirela propria esperienza di città a vocazione fortemente industriale verso uno sviluppo alternativo delle proprie forze, mettendo in campo varie progettazioni e sostegni allo sviluppo giovanile e verso una maggiorecapacitàdiimprenditorialità,anchedicaratterecooperativoesociale Infine Torino è città privilegiata per la costruzione di una Italia del futuro che sa mescolare al suo interno la fedeltà al passato e dialogo con nuove culture e nuove religioni, con quei nuovi italiani provenientidalontanoconcuipossiamooggiinsiemepreparareilfuturo. Torinonel2015èelettacapitaledellosportcheconigiovanihamoltoachefareecheprevede,in partenariato con i salesiani, la preparazione di un grande evento sportivo sociale dove sport, educazione,integrazioneesaniprincipisifondonoatestimonianzadiunaculturasportivapertuttiche èpropriadellanostracittà. Luoghidelconfronto: IluoghiincuiilConfrontoattueràleattivitàsonopartenonsecondariaperlabuonariuscitadell evento: perchéevocanolevitedeisantifondatorienerestituisconoglistimoli;perchéspecialmentetorinoèun ottimocamposucuiconoscereesperimentareglistimolidell attualità.

5 Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani Torino:GranpartedelConfronto,dal10al14agosto,sisvolgeràaTorinoconbaseaValdoccoteatro dipartedeimomentidiformazione,distribuitiinraduniassembleariemomentidilavorodigruppo.i giovani pernotteranno in gruppi divisi nelle opere salesiane presenti in città, visiteranno la città a gruppieinmanieraliberaduranteleserate,prenderannoparteadunafestaincentrocittàneiluoghi piùfrequentatidaigiovanitorinesi. Chieri,SanGiovannidiRiva,Buttigliera,CastelnuovoDonBosco:Neigiorni15e16agostoilconfronto si sposterà a Castelnuovo Don Bosco sui luoghi della vita di San Giovanni Bosco attraverso una camminatachepartiràdachieri. Mornese:il13agostoilConfrontosisvolgeràneiluoghidiSantaMariaMazzarello. 6 IDESTINATARI Idestinatarisonocirca1500ragazzidai17ai25anniappartenentialMovimentoGiovanileSalesiano(dicui circa 200 provenienti dalla stessa città e provincia di Torino) che nelle rispettive realtà locali dislocate su tutto il territorio nazionale seguono un percorso educativo verso l età adulta caratterizzato dal protagonismo giovanile con particolare riferimento alla capacità di aiuto a favore di altri giovani svantaggiatienon.sonogiovanichehannofattol esperienzadellacondivisioneedellacuradeipiùpiccoli, e che hanno capito l importanza di investire la propria vita alla ricerca di un successo personale non selettivo,macoinvolgentealtri.sonoimprenditoridisestessiinmodosolidale,chenonvoglionofermarsi difronteallacrisi,macredononellepossibilitàdiuninvestimentodiforzeperlacostruzionediséediuno Stato migliore. Nella maggior parte dei casi si tratta di giovani universitari che si stanno preparando ad essere protagonisti in tutte le specializzazioni lavorative che oggi il nostro mondo universitario offre. Il progetto del Confronto italiano sarà per loro un esperienza di approfondimento delle intenzioni e delle motivazioniallabasedellesceltefuturechelivedrannoprotagonisti. Sarà presente una rappresentanza di giovani proveniente dall estero, in modo da rinsaldare e lanciare nuovistimoliallacrescitaeuropeadellamentalitàdeinostriragazzi.cosìcomegiàdonboscoavevafatto. Èun esperienzachenelsuopiccolovuoleaiutareadun aperturaalladimensioneeuropeadeigiovani,che devono assolutamente trovare canali che veicolino la loro capacità di stare in un mondo ben più ampio dellasolanostraitalia. IBeneficiari Lecomunitàterritorialidiprovenienzadeigiovani:luoghidellaloroformazionequotidianaeancheluoghiin cui i giovani saranno chiamati a tornare per impegnarsi nella costruzione del proprio futuro, contro la tendenza all emigrazione, alla fuga, al disinteresse, all abbandono. Notevole sarà il riflesso di queste giornate nei luoghi di provenienza, sia dal punto di vista emotivo che di contenuto e metodologia, con il preciso obiettivo che ciascuno provi a ricostruire sul suo territorio di appartenenza quanto vissuto nell esperienzadelconfronto. LacittàdiTorino:chiamataancoraunavoltaa mettersiinmostra,ossiaasaperinvestireleproprieforze nellaaccoglienzaeallostessotempoasaperpresentareaglialtriilproprioquotidianocamminodisviluppo edicrescitasociale.

6 Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani Igiovani:veriprotagonistidelprogetto,siacomeorganizzatorichecomedestinatari.Inmodoparticolare giovanigiàimpegnatinelsociale,avarilivellieinvarimodi,chenell instaurarsidellereciprocherelazioni darannocontributoestimoloperlosviluppodiprogettifuturisulterritorio. L internazionalitàdelprogetto Nucleo portante del Confronto saranno i giovani provenienti dalle varie regioni di Italia, nessuna esclusa, ma sappiamo che la costruzione di un futuro italiano, passa anche per la costruzione di un futuro per l intera Europa e non solo. Per questo saranno invitate al Confronto anche alcune delegazioni giovanili provenientedapaesieuropeiconcuisiamostabilmenteincontattocomemovimentogiovanilesalesiano: Albania,Romania,Kosovo,MoldaviaeLituania,oltrechedaSpagna,Francia,SvizzeraeGermania,eanche da alcune zone del Medio Oriente, in particolare Libano, Egitto e Terra Santa. Sono zone d Europa e del mondo a noi vicino, in alcuni casi più deboli di noi, ma che con noi e come noi sono convinti che solo insiemesipotràusciredallacrisidiquestianni. 7 OBIETTIVI Obiettivogenerale IlConfrontoItalianoMGShal obiettivodiconsolidareilcamminodiformazionedeigiovanidelmovimento Giovanile Salesiano verso lo sviluppo, secondo lo slogan di Don Bosco, dell onesto cittadino e del buon cristiano,ossiadigiovanichesappianoessereprotagonistidellavitasociale,imprenditoridisestessiedegli altriinmodosolidale,capacidiessereipresentiefuturiprotagonistidellanostrasocietà. Obiettivispecifici Inmodoparticolare,ilConfrontosaràl occasionedi: confrontareleesperienzefinquivissuteesviluppatealivellonazionale creareunaretestabiledirelazionialivellonazionale offrirel esperienzatorinesecomepuntodipartenzaperunconfrontosulleconcretepossibilitàdi futuro riflettere sulla situazione della crisi italiana e non solo, all insegna della ricerca dei germi di speranzaedisviluppocheinessasipossononascondere promuovere, sia in Torino, che nel resto di Italia, una partecipazione attiva all accoglienza e alla costruzionediunasocietàfondatasuldialogoesullasolidarietàsociale. A partire da questi obiettivi, la lettura del titolo dell evento: Testimoni della gioia. È il richiamo ad un mododiversodileggerelacrisiattualeeancheunsignificativorichiamoall intrinsecaforzadeigiovanidi guardarealfuturoconlasperanzael intraprendenzachelicaratterizzano.

7 DESCRIZIONESINTETICADELPROGETTO Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani Contenuto,finalitàemetodologia. Il progetto Confronto Italiano MGS è atto centrale di un percorso annuale di avvicinamento partito nell estate2011nellevariesediregionalielocalidelmovimentogiovanilesalesiano.delegazionidigiovani, siincontranoatorinopercondividereedelaborareun ideacomunediimpegnogiovanilenellasocietàalla lucedelleproblematicheedellepotenzialitàriscontratenegliambientidiprovenienzae,soprattutto,nella comunitàcivile. IlConfrontosisvolgeràtrail10eil16agosto2013esiarticoleràincinqueattività: 8 1) Incontri formativi con relatori che introducono e delineano i temi del Confronto anche sulla base delle elaborazioni delle varie realtà rappresentate: i giovani sentono da un esperto un discorso organicochesintetizzalevarieesperienzeelaborateestudiaggiornatisulletematiche,essicosìhanno lapossibilitàdiripensarealleproprieposizioniinmanierapiùampiaeapprofondita. 2) IlConfrontoconalcunitestimoni:ciòchevienetrattatoinformateorica,vienesempreattualizzato dallapresenzadiunoopiùtestimonichepossanopresentarelineeconcretedisviluppodegliobiettivi delineati,presentareprogettiincorsoeoffrirelapossibilitàdinonfermarsiagliobiettivigenerali,ma discendereallaformulazionediitinerariconcretidisviluppoediimpegno. 3) Discussioneinpiccoligruppimistidelletematiche:saràlapartepiùcorposadelConfronto.Igiovani, sullabasedegliincontriformativiformalieinformali,ridiscutonotraloro,conl aiutodifacilitatori,le rispettiveesperienzeedelaborazionisecondoleregolediundialogocostruttivoenondiunsemplice scambiodiopinioniediconoscenze. 4) VisitadiTorinoedeiluoghisignificativiperilmondosalesiano:igiovaniagruppivisiterannolacittàdi Torinoeiluoghisignificatividellavitadeisantisociali,DonBoscoinparticolare,nonsoloaTorinoma ancheachieri,castelnuovodonboscoemornese.sitrattadiunavisitanonsolodicarattereturistico perchécomprenderàanchelavisionediqueiluoghiincuioggilospiritodeisantisocialisiconcretizza: luoghideiprogettiafavoredeigiovaniedeipiùdebolipresentioggineltessutotorinese. 5) Tempoliberodiconoscenzareciprocaediconoscenzadellerealtàospitanti:igiovani,soprattuttola sera,vivrannolacittàditorinoneisuoiprincipaliluoghidiaggregazionegiovanileeconoscerannogli ambienticheliospitano.comesintesidelleduecose,sirealizzeràunafestaanimatainpiazzavittorio Veneto,nelcentrodiTorino. Le attività si alternano all interno delle singole singole giornate (specialmente le attività 1 e 2) o caratterizzerannointeregiornate(specialmenteleattività3e4).essesonostatepensateperfarvivereai giovani un esperienza completa di convivenza, condivisione, riflessione ed elaborazione per acquisire concretamentelaconsapevolezzadipoteresserprotagonistidelpropriopensare,agirerelativamentealle tematicheaffrontate.ogniattivitàèuntasselloesperienzialefondamentaleperlacomprensionedeitemi delconfronto. IMPATTO,EFFETTOMOLTIPLICATORE Il Progetto avrà un impatto diretto sui giovani destinatari del Confronto: essi faranno un esperienza emotiva(condivisionedell esperienza,deimomentidifestaedell animazione)eintellettuale(riflessione,

8 Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani elaborazione dei temi e dialogo) completa che darà loro strumenti per continuare il confronto sui temi nelle rispettive comunità trasmettendo e moltiplicando non solo contenuti ma anche buone prassi, specialmente relativamente al miglioramento personale(dialogo con se stessi) e al dialogo costruttivo di esperienzaconglialtri. GrazieanchealWebeaimezzidicomunicazionesocialesiavràunimpattomediaticoedicondivisionein temporealeanchesuiterritoridiprovenienza:collegamentiinstreamingindiversimomentidellagiornata; usodeisocialnetworkedelsitodelmgsitalia;valorizzazionedell applicazionepersmarphonecreataad hoc; diretta televisivanella giornata conclusiva. È prevista anche la costituzione di un Ufficio stampa per facilitareilcontattocongliorganidicomunicazionesulterritorio. 9 VISIBILITÀ Ilprogetto ConfrontoItalianoMGS èstatopubblicizzatogiàapartiredall estate2012pressoigiovaniche gravitanopiùomenoabitualmentepressotuttelecasesalesianed Italiaattraversomaterialeinformativo suicontenutidelprogettoesuiluoghisucuiverràrealizzato. L inaugurazioneufficialedelprogettoavverràil31gennaiodel2013alivelloitalianomediantel aperturadi un sito dedicato( e di una corrispondente pagina Facebook e l utilizxo degli altri Social Network. Verrà inoltre sviluppata una speciale applicazione per smartphone che permetterà la partecipazione in direttadell eventoancheadistanzaeunpiùfacilecollegamentotraiaderentiintemporeale. Inoltre il progetto è uno degli eventi organizzati come occasione di avvicinamento al 2015 anno per i festeggiamenti del Bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco, ricorrenza che porterà a Torino centinaiadimigliaiadipellegrinievisitatori. RISULTATIATTESI Cisiattendediraggiungereiseguentiobiettividelprogetto: svilupparelaconsapevolezzadellepotenzialitàdelmondogiovanile,anchedifronteeall internodella crisisocialeedeconomicaattuale favorirel aggregazionedeigiovaniattornoaitemiealleproblematicheattualinellaricercadipossibili econdivisipercorsidisoluzione sensibilizzare i giovani sulla necessità/ricchezza della solidarietà e del confronto come via per affrontareiproblemielesfidedell oggi formare giovani consapevoli della propria condizione, delle problematiche e delle potenzialità che caratterizzano il loro mondo e il loro posto nella società, consapevoli di poter spendersi in ogni caso perilbenecomune,specialmenteinquestoperiododicrisi sperimentare il dialogo e il confronto come metodologia di condivisione, crescita e costruzione comunedatrasmettereallerispettiverealtàdiprovenienza

9 Testimonidellagioia ConfrontoItalianoMGS Unpercorsodiscambioecrescitatragiovani Budget Basandosi sulla previsione della partecipazione di persone, identifichiamo i costi del progetto così comesegue: 10 ospitalitàealloggio(6notti) ,00 vitto ,00 spostamentiinterniallacittà ,00 spostamentifuoricittà ,00 organizzazioneesegreterialogistica ,00 preparazionedelmaterialeformativoeconferenze ,00 palchieorganizzazioneeventi ,00 animazioneeventi ,00 comunicazione,sitiinterneteapplicazionismartphone ,00 gadgetematerialepubblicitario ,00 Costototale: ,00 Finanziamentodapartedeipartecipanti ,00 Finanziamentodapartedell enteorganizzatore ,00 Quantosivuoleraccogliereconsponsorecontributivari ,00(30%dellaspesa)

PROGETTI VINCITORI ASSOCIAZIONE CAPOFILA PROGETTO

PROGETTI VINCITORI ASSOCIAZIONE CAPOFILA PROGETTO PROGETTI VINCITORI ASSOCIAZIONE CAPOFILA PROGETTO FINANZIAMENTO PROPOSTO IL GIOCO DEGLI SPECCHI VOLONTARIAMENTE COMPETENTE L idea nasce dalla constatazione che all interno di una società sempre più complessa

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 SCHEDA PROGETTO La linea di finanziamento Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 Titolo del progetto PRESENTE/I PER IL FUTURO Il protagonismo dei giovani

Dettagli

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione Regione Toscana Bando 2014 Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica www.regione.toscana.it/bandolegalita Progetti di educazione alla legalità offerti alle scuole

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

LABORATORIO Professione psicologo

LABORATORIO Professione psicologo Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Psicologia Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche LABORATORIO Professione psicologo AA. 2010-2011 2011-1 - UNO SPUNTO PROVOCATORIO Siamo

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

Push to open. Scopri quale lavoro c è nel tuo futuro. C è del welfare per t. C è del Welfare per te. C è del welfare per

Push to open. Scopri quale lavoro c è nel tuo futuro. C è del welfare per t. C è del Welfare per te. C è del welfare per Push to open Scopri quale lavoro c è nel tuo futuro Un confronto diretto, un esperienza interattiva con i protagonisti e le testimonianze di un mondo del lavoro in rapida trasformazione. C è del welfare

Dettagli

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 2013 Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 Tavolo Minori e Famiglie: STORIE PER CRESCERE A cura di AS Angela Morabito ed AS Ilenia Petrucci Lab. Minori Sensibilizzazione

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia Settore e Area di Intervento: Il progetto Al Servizio dei più deboli verrà realizzato in 5 città dislocate al nord e al sud Italia:

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARIA PIAZZOLI - RANICA PROGETTO SCUOLA NEL TERRITORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO MARIA PIAZZOLI - RANICA PROGETTO SCUOLA NEL TERRITORIO ISTITUTO COMPRENSIVO MARIA PIAZZOLI - RANICA PROGETTO SCUOLA NEL TERRITORIO SOLIDARIETA 2013-2014 MICRO - PROGETTO: realizziamo una scuola su misura per i bambini dalle ali bruciate del quartiere Scampìa

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

ASS.INMEDIA ONLUS. Anno scolastico 2013/2014. Proponente:

ASS.INMEDIA ONLUS. Anno scolastico 2013/2014. Proponente: ASS.INMEDIA ONLUS Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it PREMESSA E MOTIVAZIONI

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola

Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola Un mondo di DIVERSITÀ Un percorso per le pari opportunità nella diversità attraverso il Teatro, la Danza

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

SETTIMANA DEL BENESSERE PSICOLOGICO 7-13 OTTOBRE 2013

SETTIMANA DEL BENESSERE PSICOLOGICO 7-13 OTTOBRE 2013 SETTIMANA DEL BENESSERE PSICOLOGICO 7-13 OTTOBRE 2013 SCHEDA SINTETICA DI PROGETTO Allegato alla Domanda di contributo per attività culturali e di spettacolo TITOLO: Settimana del Benessere Psicologico

Dettagli

PROGETTO MEDICINA PER STARE

PROGETTO MEDICINA PER STARE ASSOCIAZIONE GERMOGLIO PROGETTO MEDICINA PER STARE UNA MEDICINA MEGLIO INSIEME Le diversità di cultura, di abilità, di genere: limite o ricchezza? promosso dalle Associazioni PerLeDonne - Germoglio - La

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON

IN COLLABORAZIONE CON COMUNE DI BORETTO Piazza Roma, 18 int. 3 42012 Campagnola Emilia (RE) Tel/fax 0522 653560 e-mail: a.prodigio@libero.it Sede legale: Via Gonzaga, 9 42017 Novellara (RE) www.associazioneprodigio.it IN COLLABORAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA di SAN MARTINO IN BELISETO, POZZAGLIO e CORTE DEI FRATI PROGETTO di RELIGIONE (anni 3) NELLA CASA DI GESU MOTIVAZIONE: Maestra Maria

Dettagli

le ragioni del progetto

le ragioni del progetto 1 2 le ragioni del progetto Il progetto mira a mettere in luce la complessità del mondo della cooperazione allo sviluppo, spesso confusa dall opinione pubblica con più superficiali atteggiamenti solidaristici

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia BANDO DI CONCORSO Centri di promozione della legalità Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Concorso regionale per la creazione di Centri di promozione della legalità, ai quali saranno assegnati

Dettagli

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA" Obiettivo Convergenza - Progetto nell'ambito dell'obiettivo C: "Migliorare i livelli

Dettagli

#cosìèsevipare IL NOSTRO TEAM

#cosìèsevipare IL NOSTRO TEAM IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da una psicologa e da una web content editor laureata in psicologia. Mentre la prima ha proseguito lavorando in campo clinico, specializzandosi in psicodiagnostica,

Dettagli

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso!

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso! CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile Titolo del progetto: Con te posso! Settore di intervento del progetto: Area di intervento generale. Settore educazione e promozione culturale. Il

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Soggetti Coinvolti Alunni Scuola Primaria delle classi 4^ 5^ dei plessi di San Vito, Ligugnana e Prodolone per un totale di 12 classi e

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 Approvato dal del 10-11 gennaio 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli

Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli Scambio Culturale Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli Un' esperienza di vita all'estero, che attraverso

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Chi siamo. L organizzazione

Chi siamo. L organizzazione Chi siamo Il Forum Giovani di Marigliano nasce con lo scopo di raccogliere idee, sogni e domande dei giovani cittadini. È uno strumento di partecipazione attiva per incidere sul territorio, fornendo occasioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002)

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002) L Affidamento etero familiare inteso come risposta qualificata a garantire il diritto di tanti bambini e ragazzi ad avere una famiglia, in grado anche temporaneamente di aiutarli a crescere ha costituito

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI L adulto che ha fatto una scelta di servizio quale capo nell Associazione, a partire dall ingresso in Comunità Capi si inserisce in un itinerario di Formazione Permanente

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Alla fine degli anni'60, in tutta Europa iniziano a svilupparsi strutture di informazione dedicate ai giovani.

Alla fine degli anni'60, in tutta Europa iniziano a svilupparsi strutture di informazione dedicate ai giovani. Agenzia Territoriale per i Giovani Concept e strategie future Caccamo, 14 luglio 2010 Aula Consiliare Mico Geraci ore 17,00 Storia degli Informagiovani in Italia Alla fine degli anni'60, in tutta Europa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 FINALITÀ: Formare persone responsabili con un profondo senso civico. Sviluppare nell alunnocittadino il senso di appartenenza ad una comunità residente in

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

PROGETTO: ENTE PROPONENTE IL PROGETTO, DOVE PRESENTARE LA DOMANDA

PROGETTO: ENTE PROPONENTE IL PROGETTO, DOVE PRESENTARE LA DOMANDA PROGETTO: ENTE PROPONENTE IL PROGETTO, DOVE PRESENTARE LA DOMANDA Segreteria Servizio Civile Salesiano Piemonte e Valle d Aosta Via Maria Ausiliatrice 32-10152 Torino Tel. 011/52.24.720 Fax 011/52.24.665

Dettagli

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità con il contributo della L.R. 16/2009 Cittadinanza di genere Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità (percorso per le scuole primarie) Premessa Nell ambito delle iniziative

Dettagli

1) SOGGETTI AMMISSIBILI

1) SOGGETTI AMMISSIBILI BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN EVENTO DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE DA PARTE DI ASSOCIAZIONI O GRUPPI INFORMALI GIOVANILI. Ciessevi, Centro

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI SETTORE VIII SERVIZI SOCIALI, POLITICHE GIOVANILI E SPORT PROGETTO DOPOSCUOLA PINOCCHIO 1 PREMESSA Nell'ambito del programma degli interventi e servizi socio-assistenziali,

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli