RESTAN SISTEMA PER LA MISURA DELLO STRESS RESIDUO MEDIANTE IL METODO DEL FORO MANUALE D USO E MANUTENZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESTAN SISTEMA PER LA MISURA DELLO STRESS RESIDUO MEDIANTE IL METODO DEL FORO MANUALE D USO E MANUTENZIONE"

Transcript

1 LABORATORIO SPERIMENTALE Acustica e Vibrazioni Estensimetria, Tensioni residue Collaudi termodinamici Acquisizione dati, Sviluppo software Banchi prova, Strumentazione Progettazione meccanica ed elettronica RESTAN SISTEMA PER LA MISURA DELLO STRESS RESIDUO Calenzano, Firenze, Italia SINT Technology srl - Via Giusti Calenzano (FI) - Italia Tel Fax Partita IVA Registro Imprese n. FI Capitale Sociale int. versato Laboratorio autorizzato dal Ministero dell Innovazione, dell Università e della Ricerca (art.4 L.46/82)

2 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE Presentazione del sistema Descrizione del sistema Attrezzatura optomeccanica Unità di controllo elettronica Programma di controllo ed acquisizione dei dati Dati tecnici Configurazione minima del Personal Computer Campo di utilizzo e limitazioni di impiego del sistema Rischi e precauzioni ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE Trasporto Installazione Manutenzione dell attrezzatura DESCRIZIONE DEI COMANDI E DEI DATI D ACQUISIZIONE DEL SOFTWARE Positioning control Positioning Endmill on surface Test Setup Step Setting Step Investigator Strain Gauge Setting Material Type Instrument Setting General Data Setting Default Setting Test Manager Step-by-Step Sequence Automatic Sequence REIT

3 3.6. Restore Interrupted Test ESECUZIONE DEL FORO Precauzioni di sicurezza Collegamenti Calibrazione Installazione e cablaggio della rosetta estensimentrica Regolazione dei parametri di prova Impostazione della sensibilità dell amplificatore estensimetrico (solo quando si utilizza un amplificatore analogico) Installazione e sostituzione della punta Posizionamento del centro di foratura Centraggio ed azzeramento dei comparatori Azzeramento estensimetri Determinazione della superficie del materiale (zero setting) Esecuzione del foro Sequenza passo-passo di foratura Sequenza automatica di foratura Misura del diametro del foro e della sua eccentricità Calcolo delle tensioni residue Smontaggio dell attrezzatura a fine foro METODI PER LA VALUTAZIONE DELLE TENSIONI RESIDUE Residual Stress Evaluation Calcolo delle tensioni residue con il metodo dell ASTM Calcolo delle tensioni residue col metodo Integrale Calcolo delle tensioni residue con il metodo delle Serie di Potenze Calcolo delle tensione risidue con il metodo di Kockelmann Bibliografia APPENDICE REIT

4 1. INTRODUZIONE 1.1. Presentazione del sistema Il sistema che avete acquistato rappresenta un evoluzione nelle attrezzature disponibili, oggi giorno, per la valutazione delle tensioni residue con il metodo delle rosetta forata. Questa è una tecnica semidistruttiva nella quale lo stress residuo viene valutato attraverso la misura del rilassamento del materiale nell area studiata, conseguente all esecuzione di un foro cieco. L obiettivo che questo sistema si prefigge è quello di semplificare, automatizzare e computerizzare un certo numero di operazioni necessarie per l esecuzione del metodo della rosetta forata, per le quali erano precedentemente indispensabili la presenza di un operatore, e fornire un sistema di contollo della prova completo e veloce. In particolare, le operazioni che sono state prese in considerazione e a cui si deve porre attenzione, in quanto rivestono la massima importanza per l accuratezza e la ripetibilità della prova nella valutazione dello stress residuo, sono: - centraggio degli assi di foratura con il centro della rosetta estensimetrica - identificazione automatica delle dimensioni del foro sulla superficie del foro e misura della profondità del foro ad ogni passo di foratura - esecuzione automatica del foro con incrementi predefiniti e misura della deformazione del rilassamento - misura del diametro del foro e sua eccentricità L automazione e la semplificazione di queste operazioni offrono dei vantaggi significativi, il più importante dei quali, è la possibilità di eseguire un numero elevato di letture della deformazione eseguite con un elevata precisione per tutta la profondità del foro. Questi requisiti sono indispensabili per la misura dell andamento dello stress residuo lungo lo spessore del materiale. Per queste ragioni, il software di calcolo del sistema include, in aggiunta alle routine di calcolo dello stress residuo specificate dallo standard ASTM E , procedure ottimizzate per l elaborare dei dati sperimentali che consentono di calcolare lo stress residuo lungo la profondità del materiale. Un altra caratteristica innovativa è l architettura overhung del sistema, che può essere impiegata su componenti o strutture dove risulta essere possibile l accesso su ogni lato. Il sistema può essere utilizzato con gli amplificatori estensimetrici digitali HBM o con amplificatori analogici Descrizione del sistema Il sistema consiste in: REIT

5 1. Attrezzatura per il posizionamento e la foratura (Attrezzatura Meccanica e Ottica) 2. Unità di controllo (Unità di Controllo Elettronica) 3. Scheda I/O del tipo PCI6023 e DaqCard6024E per i computer portatili prodotta da National Instrument 4. CD contenente il software di controllo e di elaborazione/analisi 5. Accessori: - 2 comparatori - 1 squadra ad L per il posizionamento perpendicolare dell attrezzatura e l esecuzione del foro - 1 turbina di ricambio - 2 chiavi a brugola (1.5 mm; 2 mm) - 1 set composto da un cacciavite ed una chiave speciale per il montaggio delle frese - 1 punta ad ogiva per l esecuzione della calibrazione dell attrezzatura - set di 10 frese al carburo di tungsteno troncoconiche, di diametro 1.6mm per l esecuzione dei fori - 1 cacciavite (modello a stella) - 1 valvola on-off, filtro riduttore per la pressione, con manometro, 2 connettori rapidi e due spezzoni da 1 e 2 metri di tubo pneumatico flessibile - 1 cavo 25/68 poli per la connessione dell unità di controllo con la scheda d acquisizione - 1 cavo 68/68 poli per la connessione dell unità di controllo con la scheda d acquisizione - 1 cavo BNC/coccodrilli per la determinazione della superfice del materiale (profondità zero) - 1 cavo protetto per il controllo del motore passo-passo - 1 cavo di alimentazione per l unità elettronica 6. valigia per il trasporto dell attrezzatura 7. manuale d uso e manutenzione REIT

6 Motore passo-passo Amplificatori analogici RS-232 HBM amplifier interface RESTAN SISTEMA PER LA MISURA DELLO STRES RESIDUO Valvola pressione Sistema di controllo elettronico Versione Desktop: Scheda I/O board NI, tipo PCI DAQ 6023E Aria compressa Sistema meccanico di foratura e centraggio ottico Versione Laptop: Scheda I/O NI, tipo DAQ 6024E Rosetta estensimetrica Amplificatori HBM (UPM, MGC-plus, SPIDER 8 ) o amplificatori analogici Provino Stampante fig.1.1 In figura 1.1 è riportato il diagramma del sistema in configurazione operativa, con l amplificatore estensimetrico digitale HBM. Attrezzatura optomeccanica L attrezzatura optomeccanica, mostrata in fig. 1.2, è costituita da una piccola base operativa a tre assi, con alloggiato, nella parte superiore della slitta di testa, un microscopio (n. 13 in fig. 1.3) ed una turbina ad elevata velocità nella parte inferiore (n. 6 in Fig. 1.3). Questi due elementi vengono utilizzati per eseguire fori di elevata precisione con l ausilio del sistema ottico di centraggio, che viene inoltre impiegato per la misura del diametro del foro e la sua deformazione. REIT

7 Pomello per l avanzamento lento manuale 14 Pomello per il movimento orizzontale 16 Manopola per il bloccaggio verticale della slitta mobile fig 1.2a Sistema optomeccanico 17 Microinterruttore per la limitazione dell affondamento 19 Comparatori 21 Viti a brugola per l allineamento del microscopio durante la calibrazione 24 Vite a brugola per il bloccaggio del microscopio Il sistema è posizionabile lungo tre assi. Tramite i tre piedini basculanti può essere inclinato rispetto ai propri assi per adattarlo alla superfice del materiale in prova. Nei casi estremi, nei quali i piedini magnetici risultano non essere sufficienti, si deve fissare il sistema bloccando i piedini con una colla (ad esempio HBM X-60). I piedi sono connessi con il corpo dell attrezzatura attraverso delle barre filettate, tramite le quali è possibile aggiustare l altezza in maniera tale da allineare la testa del sistema verticalmente rispetto alla superfice del materiale. In alcuni casi può essere d aiuto l utilizzo di una squadretta ad L. REIT

8 Motore passo-passo 9 Manopola per il movimento verticale 18 Comparatore fig 1.2b Sistema optomeccanico 20 Connessione per l aria compressa 22 Vite a brugola per il bloccaggio del comparatore 23 Oculare La base del sistema consiste in due slitte, vincolate tra di loro. I movimenti avvengono su perni di acciaio temprato e cuscinetti di precisione in maniera tale da annullare i giochi radiali.le slitte orizzontali vengono azionate manualmente per mezzo di pomelli filettati a passo fine (n 14 in Fig. 1.2) e gli spostamenti sono misurati attraverso comparatori centesimali. L avanzamento della slitta verticale è ottenuto attraverso un sistema pignone/cremagliera azionato da un apposita manopola (n 9 in Fig. 1.2), e bloccato da un pomello posto lateralmente alla slitta verticale (n 16 in Fig. 1.2). Il movimento fine può essere controllato sia manualmente(n 2 in Fig. 1.2), che automaticamente, per mezzo di un motore passo-passo (n 1 in Fig. 1.2) controllato dal computer. In entrambi i casi il movimento si realizza con un perno filettato a passo fine (0.5 mm) che permette di realizzare uno scorrimento molto preciso. Una coppia di interruttori di fine corsa (n 17 in Fig.1.2) provvedono a delimitare l escursione del sistema per prevenire eventuali danneggiamenti. Il cuore del sistema è costituito dall insieme microscopio e turbinetta ad alta velocità. Entrambi questi elementi rimangono fissati al corpo della slitta, evitando REIT

9 all utilizzatore di smontarli e rimontarli durante le operazioni di foratura ed ispezione del foro. Durante le operazioni di foratura, la turbinetta ad alta velocità è posizionata perfettamente in asse con il microscopio.quando sono eseguite le operazioni di ispezione e/o centraggio ottico, è possibile effettuarne la rotazione consentendo la visione dal microscopio. Per effettuare la rotazione, premere sul pulsante (n 4 in Fig.1.3) e ruotare approssimativamente di 45. La turbina ad aria con mandrino è montata in maniera tale da minimizzare al massimo gli ingombri. Ruotando alla velocità di 400,000RPM, è possibile effettuare fori di diverso diametro dipendentemente dalla fresa impiegata.le frese che comunque vengono normalmente impiegate sono di forma troncoconica inversa e testa piatta con un diametro massimo del codolo pari a 1,6mmm. La turbina è collegata al sistema di erogazione dell aria compressa attraverso un opportuno tubo flessibile (n 20 in Fig.1.2). Il sistema include un riduttore con filtro/regolazione della pressione, un manometro ed una valvola on-off semisferica. Ques ultimo è installato sull unità di controllo elettronica che ne comanda, tramite il programma software, il funzionamento. Il microscopio ha una duplice funzionalità: inanzitutto quella di permettere un perfetto allinemaneto della fresa con i riferimenti della rosetta estensimetrica; inoltre permette di effettuare l ispezione visiva del foro e di misurarne il diametro effettivo. Quest ultima operazione è resa possibile sia dal sistema di movimentazione a due assi con l ausilio dei due comparatori, che dal reticolo a croce montato nell oculare del microscopio. Il microscopio, costruito appositamente per questa attrezzatura, è dotato di un sistema che permette di modificare la posizione dell oculare ed in particolare del crocicchio di riferimento rispetto all asse di foratura. L oculare viene regolato grazie a quattro viti a brugola, poste a 90 l una rispetto all altra, che permettono al supporto del reticolo di essere ruotato liberamente e successivamente bloccato nella posizione desiderata. Questo permette di effettuare ua calibrazione iniziale, tale da garantire l effettivo allineamento dell asse di foratura della fresa ed il centro del crocicchio di riferimento, i cui assi dovranno essere posti paralleli rispetto alle due direzioni di movimento X-Y. Si noti come tale crocicchio rappresenta il punto di riferimento per la procedura di posizionamento ed allineamento del sistema optomeccanico e della rosetta estensimetrica. I due comparatori misurano il movimento orizzontale dei due assi a 90 X ed Y con una risoluzione di 0,01mm. La loro corsa totale è di 11mm, mentre la corsa dei due assi X ed Y è di 10mm. Questi sono montati in maniera tale da coprire tutta la corsa disponibile ed è possibile azzerarli in qualunque posizione si trovino, assumendo quest ultima come la nuova origine. Il bloccaggio dei due comparatori sui supporti avviene agendo sui relativi grani usando l apposita chiave a brugola (n 22, Fig. 1.2). REIT

10 Fig 1.3 Attrezzatura optomeccanica Sezione trasversale 1- Motore passo-passo per il movimento automatico fine della velocità 2- Manopola per il movimento manuale del motore passo-passo 3- Oculare 4- Pulsante di rilascio della turbina 5- Attacco aria compressa 6- Turbina ad aria 7- Mandrino 8- Fresa 9- Manopola per il movimento verticale rapido 10- Tappo posteriore per la chiusura della turbina 11- Grani per la calibrazione dell ottica 12- Piedi dell attrezzatura 13- Microscopio 14- Manopola per il movimento orizzontale 15- Reticolo dell oculare 16- Barra filettata per il posizionamento verticale dell attrezzatura REIT

11 Unità di controllo elettronica L unità di controllo elettronica permette di collegare l unità optomeccanica con il software di controllo. Questa è composta dai seguenti elementi: 1. Alimentatore stabilizzato, che eroga due tipi di potenze: (a) l energia per comandare il motore passo-passo; (b) l energia per la gestione dei segnali logici per il controllo del motore passo-passo. 2. L unità di controllo del motore passo-passo. 3. Interfaccia elettronica dei segnali di controllo provenienti dal computer completamente optoisolati. 4. Elettrovalvola di controllo on-off dell aria compressa. Sul pannello frontale ci sono una serie di indicatori luminosi che indicano lo stato del sistema ed il manometro della pressione dell aria erogata alla turbina.la pressione dell aria compressa che si deve fornire alla turbina si deve aggirare tra 4 e 5bar(questa è letta sul manometro posto sulla parte frontale dell unità di controllo elettronica (n 1, Fig.1.4) durante le operazioni di foratura). 1 Fig 1.4 Pannello frontale dell unità di controllo elettronica REIT

12 Sul pannello posteriore (Fig. 1.5) si trovano: 1. un interruttore on-off per l erogazione della corrente elettrica alla centralina (220V, 50Hz); 2. connettore BNC: ingresso utilizzato per la determinazione dello zero di contatto tra la testa della fresa e la superficie del materiale sotto prova; 3. tre ingressi analogici per i segnali estensimetrici. NOTA: connettere il primo estensimetro della rosetta (a o 1) con il canale 1, il secondo (b o 2) con il canale 2, ed il terzo elemento (c o 3) con il canale 3. I tre ingressi analogici sono utilizzati nel caso in cui gli amplificatori analogici estensimetrici siano di tipo analogico; 4. connettore a 25 poli per la connessione della centralina di controllo elettronica con il computer; 5. connettore 15 poli per la connessione della centralina di controllo elettronica con il motore passo-passo; Fig Pannello posteriore dell unità di controllo elettronica 6. attacco rapido di ingresso (dal sistema di alimentazione dell aria compressa) per l aria compressa in tubo di nylon di diametro esterno pari a 6mm e diametro interno di 4mm; REIT

13 7. attacco rapido di uscita (verso la turbina del sistema optomeccanico) per l aria compressa in tubo di nylon di diametro esterno pari a 6mm e diametro interno di 4mm; 8. Presa elettrica di alimentazione dell unità (220V, 50Hz). L aria compressa in ingresso deve provenire dall unità controllo della pressione e filtraggio, che non deve eccedere i 5.5 bar Programma di controllo ed acquisizione dei dati Il controllo del sistema e l acquisizione dei dati è realizzata con l ausilio di un software appositamente studiato, attraverso l impiego di una scheda I/O e dall unità di controllo elettronica. Tutte le funzioni possono essere selezionate su di una finestra grafica tramite pulsanti. Ogni pulsante ha una specifica azione, che viene descritta in maniera esaustiva sulla finestra grafica stessa. I pulsanti possono essere selezionati mediante l ausilio di un mouse. E possibile ritornare alla finestra precedente premendo sulla tastiera il tasto "Escape"(Esc). Questa rappresenta una maniera semplice per uscire dal programma qualora non si avesse la possibilità di impiegare il mouse. I dati di ingresso sono inseriti selezionando l appropriato riquadro ed il tipo di dati contenuti in esso con il mouse. Inoltre, quando si acquisiscono i dati, non è necessario premere RETURN in quanto questi sono acquisiti automaticamente. Il programma principale si chiama "SINT_RSM.EXE". Selezionando il tipo di stampante, è possibile utilizzare le impostazioni presenti sulla barra di stato del programma (tutti i tipi di stampanti abilitate per Windows possono essere impiegate senza problemi). I pannelli principali, illustrati nelle figure seguenti, permettono di realizzare le seguenti operazioni: Fig 1.6a Menù principale (Main Menù) Fig 1.6b Impostazione della prova (Test setup) Fig 1.6c Gestione della prova (Test manager) REIT

14 In aggiunta a questi pannelli ve ne sono anche altri che appaiono sovrapposti a quello principale e che permettono di realizzare operazioni secondarie, come ad esempio la selezione del nome del file dove recuperare o salvare i dati, controllare i passi realizzati dal motore durante l esecuzione del passo del foro, inserire i dati rilevanti per le dimensioni del foro, il pannello di controllo necessario per la gestione manuale del movimento del motore. Una descrizione dettagliata di tutte le funzioni software è riportata nel capitolo 3 del presente manuale. Il software permette all utilizzatore di scegliere tra differenti soluzioni operative per le seguenti situazioni: 1) Metodo di esecuzione del foro: STEP-BY-STEP SEQUENCE (sequenza passo dopo passo) AUTOMATIC SEQUENCE (sequenza automatica) 2) Valutazione dello stress: Best-fitting dei dati ottenuti durante l esecuzione del foro della deformazione/profondità Calcolo della tensione residua Per ogni operazione il software segue una procedura base che viene eseguita a meno di indicazioni contrarie. Normalmente si raccomanda l impiego delle procedure automatiche. Passo 1 Con l utilizzo di questo sistema, possono essere realizzati un elevato numero di passi di foratura realizzati con un elevata precisione, permettendo la determinazione di una curva di rilassamento attraverso l impiego dei punti sperimentali. Il conseguente impiego di una procedura di calcolo per una migliore interpolazione (best-fitting), può essere così utilizzata per migliorare la stabilità e la qualità del risultato finale ottenibile. Il numero minimo di punti con cui eseguire il foro può essere di 10, come indicato nello Standard ASTM E In ogni caso, i migliori risultati si ottengono con 25 passi o più. Bisogna comunque osservare che per ottenere incrementi significativi, nella misura dei valori di deformazione tra un passo ed il successivo, non può scendere al di sotto di 0,015mm. Passo 2 Il calcolo della migliore interpolazione (best-fitting) dei dati è condizionato dalla determinazione dei coefficienti polinomiali realizzata attraverso il metodo dei minimi quadrati. A questo punto è possibile, per ogni gruppo di dati rilevanti per le tre deformazioni misurate lungo la profondità del foro, selezionare l angolo dell interpolazione polinomiale. Bisogna comunque far notare che l impiego di un angolo eccessivo (> 6-7), può produrre dei problemi a livello di stabilità numerica portando, in alcuni casi,a far coincidere il limite superiore con n-1, dove n è il numero REIT

15 di passi realizzati.il software determina di base il miglior angolo polinomiale attraverso l impiego di una procedura d ottimizzazione. Sono presenti nel software le seguenti procedure di calcolo delle tensioni: - Standard ASTM E Metodo integrale (Integral method) - Metodo della serie di potenze (Power Series method) - Metodo Kochelmann (Kochelmann method) Le procedure hanno un differente campo d applicazione e le seguenti note permettono di valutare la scelta più opportuna tra i differenti metodi, come segue: - Metodo in accordo con lo Standard ASTM E [1] Questa rappresenta la procedura più stabile e ripetibile che può essere presa come riferimento, in quanto lo standard ASTM E 837 è l unico esistente per la misura dello stress equivalente con il metodo del foro cieco. In ogni caso, la sua applicabilità è limitata dalle ipotesi di partenza sulle quali si basa, che prevedono la distribuzione dello stress uniforme lungo tutto il foro. Questo porta conseguentemente a fornire, un singolo valore valido per tutta la profondità del foro. - Metodo integrale [2-3] Questo metodo, ampiamente utilizzato e riportato nella letteratura tecnica, deve essere utilizzato dove lo stress varia lungo la profondità del materiale, così da valutare lo stress residuo per tutta la profondità del foro. Questo metodo richiede la selezione di un numero di passi di calcolo e della loro distribuzione lungo la profondità del foro. Il software permette di scegliere tra una distribuzione costante dell ampiezza dei passi, che incrementa con la profondità, ed una distribuzione variabile, attraverso una procedura di ottimizzazione dell ampiezza dei passi, che permette la riduzione della sensibilità rispetto alla misura dell errore. L opzione selezionata di base nel sistema è la procedura ottimizzata. Per l applicazione di questo metodo viene utilizzato il coefficiente numerico determinato da Schajer [4]. La grande limitazione di questo metodo risiede nella massima profondità consentita per l analisi, limitata a 0,5 volte il raggio medio della rosetta estensimetrica utilizzata per la prova. - Metodo della serie di potenza [4] Questo metodo, che si basa su un ipotesi semplificativa, può essere considerato un approssimazione del metodo integrale. In ogni caso, può essere impiegato in tutti quei casi in cui si vogliono effettuare le misure a profondità maggiori di quelle consentite dal metodo integrale (è possibile arrivare alle profondità previste dal metodo ASTM, ovvero pari a 1,2 volte il diametro medio del foro). Il software realizza questo metodo utilizzando i coefficienti calcolati da Schajer [4], dipendentemente dalle selezioni effettuate. REIT

16 L operatore seleziona il numero di passi da impiegare per il calcolo, corrispondente al numero di punti con i quali si vuole descrivere lo stress residuo lungo la profondità del foro. - Metodo Kockelmann [5] Il metodo Kokclemann consiste ancora una volta in una approssimazione del metodo integrale, ma permette però di arrivare ad una profondità pari al diametro del foro. Per il calcolo il programma impiega i coefficienti numerici calcolati da Kockelmann. REIT

17 1.3. Dati tecnici Unità optomeccanica: Altezza Larghezza Lunghezza Peso Massima velocità della turbina Massimo diametro della fresa impiegabile Pressione dell aria compressa nella turbina Movimento verticale veloce Movimento verticale fine (guidato dal motore) Movimento orizzontale degli assi X e Y Rotazione della turbina dalla posizione di foratura Escursione dei piedini mm mm mm kg rpm mm bar mm mm mm degrees mm , Unità elettronica: Altezza Larghezza Lunghezza Peso Alimentazione Pressione aria compressa Fusibile mm mm mm kg V bar A (50/60Hz) 5 max 1.5 Scheda I/O - 16 ingressi analogici, tipo single-ended 12-bit, +/- 5 Volt Uscita digitale Ingresso digitale Contatore 16-bit Livello di pressione acustica continua (ad 1m) ,0 dba REIT

18 Configurazione minima del Personal Computer AT MHz con sistema operativo MS-DOS V 6.0 e Windows 3.1 o sistemi successivi. E consigliabile riservare uno spazio di 20MB sul disco fisso Campo di utilizzo e limitazioni di impiego del sistema Il sistema è stato progettato per la realizzazione di prove per la valutazione dello stress equivalente attraverso il metodo del foro cieco, mediante l ausilio di rosette estensimetriche, in accordo con lo Standard ASTM E nel caso di distribuzione uniforme dello stress lungo la profondità del materiale, o in accordo con le procedure di valutazione dello stress variabile lungo la profondità del foro riportate in letteratura tecnica. Nota: Le prove possono essere realizzate su ogni componente o materiale, qualora l esecuzione del foro non comporti alcun rischio per l operatore, per le persone o i beni, e non pregiudichi il corretto funzionamento del sistema e delle sue componenti nel futuro. Il sistema può essere utilizzato solo per eseguire fori di precisione, grazie alla sua elevata precisione di esecuzione. NOTA: L utilizzo del sistema per qualsiasi altra attività è tassativamente proibita. Il costruttore non si assume nessuna responsabilità per ogni danneggiamento causato dall utilizzo del sistema per attività non illustrate in questo manuale (utilizzo improprio) o per un utilizzo non corretto (ad es. non in accordo con le istruzione fornite nel presente manuale). REIT

19 1.5. Rischi e precauzioni Il sistema è stato progettato per realizzare prove per la valutazione dello stress residuo in accordo con il metodo della rosetta estensimetrica, nel rispetto delle norme di sicurezza, ed in accordo con le direttive EC. Il sistema è conforme infatti alla direttiva macchine (89/392/EEC) e successivi emendamenti come riportato nella dichiarazione di conformità e dalla direttiva bassa tensione (73/23/CEE) e successivi emendamenti. Sono stati applicate inoltre le seguneti armonizzate: EN 292, EN 414, EN 1050, EN ATTENZIONE: Comunque, esiste un rischio remoto che del truciolo di risulta della lavorazione possa essere proiettato durante l esecuzione del foro, con conseguente pericolo per gli occhi quando l operatore si trova molto vicino all attrezzatura meccanica. Per ridurre questi rischi, è consigliato e raccomandato che l operatore addetto al controllo dell esecuzione del foro, indossi degli occhiali di protezione durante tutte quelle operazioni in cui siano presenti delle condizioni di rischio come evidenziato sulla macchina. Tutte le circostanze nelle quali è richiesta l esigenza di indossare occhiali di protezione sono elencate nel Capitolo 4. ATTENZIONE: Per prevenire shock di tipo elettrico è necessario disconnnettere il sistema dall alimentazione prima di rimuovere le relative protezioni. NOTA: Il costruttore non si assume nessuna responsabilità per danneggiamenti causati dall inosservanza di queste regole di sicurezza. REIT

20 2. ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE 2.1. Trasporto Il sistema viene spedito nella sua valigia dove l attrezzatura deve esser collocata. Il peso della valigia contenente il sistema è di 18kg, così che risulta essere trasportabile da una persona senza l ausilio di attrezzature speciali. Fig 2.1 Il sistema meccanico all interno della sua valigia 2.2. Installazione Con questo termine si intende raggruppare le seguenti operazioni: - installazione del software della scheda di I/O (ingresso/uscita) prima dell installazione della scheda - installazione della scheda di I/O per la meccanica sul PC (Personal Computer) - installazione della chiave hardware ed i suoi driver presenti nel CD - installazione del software - selezione della stampante Queste operazioni devono essere eseguite prima di rendere operativo il sistema ed ogni qual volta il PC (Personal Computer) utilizzato, viene sostituito con un altra macchina. REIT

21 I requisiti tecnici minimi richiesti al Personal Computer sono indicati nell apposito capitolo ( 1.3.1): modello AT MHz con sistema operativo MS-DOS V 6.0 e Windows 3.1 o sistemi successivi. E consigliabile riservare uno spazio di 20MB sul disco fisso. La scheda deve essere installata come indicato nel manuale di istruzioni presente insieme al sistema. I drivers software della scheda devono essere installati prima del software del RESTAN La chiave hardware deve essere inserita nella porta paralella. Con Windows NT-XP ricordarsi di installare i drivers specifici della chiave hardware presenti nel CD. Per installare il software nel personal computer, lanciare il programma setup.exe presente nel CD. Setup Program crea la directory SINT sul disco fisso C dove saranno installati i programmi caricabili ed i relativi sottoprogrammi (i programmi caricabili si chiamano SINT_RSM.EXE e EVAL_RSM.EXE ). NOTA: Prima di caricare i programmi software, verificare che la chiave hardware sia inserita nella porta parallela ed i relativi drivers software installati Manutenzione dell attrezzatura NOTA: Tutte le attività di manutenzione o riparazione non specificatamente indicate in questo paragrafo non devono essere eseguite dall utilizzatore. Per ogni ulteriore informazione contattare il servizio clienti di SINT Technology L unica azione di manutenzione che può essere eseguita dal cliente consiste nella sostituzione della turbina. La sostituzione può essere necessaria quando la turbina mostra segni di malfunzionamento. REIT

22 Per sostituire la turbina, procedere come segue: 1. Ruotare il pulsante di 45 (fig. 2.6-a). fig 2.6a fig. 2.6b 2. Rimuovere le tre viti dalla copertura posteriore (fig. 2.6b e 2.6c) utilizzando il cacciavite a stella. 3. Estrarre la turbina spingendola in alto dalla parte inferiore (fig. 2.6d e 2.6e). fig 2.6c fig 2.6d 4. Inserire la nuova turbina. 5. Richiudere il tappo posteriore serrando le tre viti rimosse al punto Effettuare la calibrazione del sistema optomeccanico ( 4.3). REIT

23 Per prevenire possibili danneggiamenti alla turbina è preferibile impiegare un compressore dedicato. Utilizzare un filtro per l aria, rimuovere eventuali particelle d umidità dalla linea e verficare che la pressione risponda, durante ogni fase di foratura, al valore prescritto da presente manuale. REIT

24 3. DESCRIZIONE DEI COMANDI E DEI DATI D ACQUISIZIONE DEL SOFTWARE Dal menù principale (fig. 3.1), possono essere selezionate le seguenti procedure: Fig 3.1 Menù principale POSITIONING CONTROL TEST SETUP DEFAULT SETTING TEST MANAGER RESTORE INTERRUPTED TEST Queste funzioni sono spiegate in dettaglio di seguito. Con il software RESTAN (SINT_RSM e EVAL_RSM) è possibile utilizzare l help in linea. Per fare ciò premere «Ctrl + H» e muovere il mouse sul pulsante desiderato. REIT

25 3.1. Positioning control Selezionando l opzione Positioning Control si apre una finestra (fig. 3.2) che contiene le seguenti opzioni: Fig 3.2 Finestra Positioning Control - Home: Esegue il moto verticale rapido, porta automaticamente il gruppo mobile alla posizione superiore estrema (corrispondente con il fine corsa superiore). - Go to Zero: Posiziona automaticamente la fresa alla quota zero (precedentemente assunta come la superfice del materiale studiato). - Speed mm/min: Permette di regolare la velocità di avanzamento del motore elettrico in mm/min. - Current Depth [mm]: Mostra la posizione corrente della fresa. - End Status: Questo indicatore luminoso indica la posizione estrema superiore del gruppo mobile. - Turbine State: Interruttore di controllo dello stato della turbina (ON/OFF). REIT

26 - EXIT: Premere questo bottone per uscire dalla finestra corrente e ritornare al menù principale Positioning Endmill on surface Prima di eseguire il foro è necessario posizionare la fresa sul punto di zero. Il punto di zero è quel punto in cui avviene il contatto tra la fresa e la superfice del metallo. Per fare ciò, premere il pulsante Positioning control (fig. 3.1) per accedere nella relativa finestra (fig. 3.2) e selezionare Positioning Endmill on Surface. La turbina parte e la fresa si muove in avanti ad una velocità di 0.3 mm/min. In questa fase ogni controllo manuale viene disabilitato e può essere utilizzato il solo pulsante EMERGENCY STOP (fig. 3.2a) per fermare istantaneamente la procedura automatica, se ritenuto necessario. Quando la fresa entra in contatto con la superfice del metallo asportandone un piccolo velo, il sistema si ferma e segnala il messaggio WARNING!!!! the current position is assumed as reference for hole depth!! ( Attenzione!!!! Fig 3.2a Finestra Positioning Endmill on surface La posizione corrente sarà assunta a riferimento per la profondità del foro ), di fine operazione. L indicatore luminoso nell angolo superiore diventerà rosso. Se il materiale da forare non è metallico, può essere realizzato solo un posizionamento manuale utilizzando i bottoni Forward e Reverse. REIT

27 Raggiunta la superficie, premere il bottone Assume Current Position as Zero. Apparirà il messaggio Do you really want to assume this position as Zero Reference for Hole Depth?? ( Vuoi realmente assumere questa posizione come riferimento di zero per la profondità del foro?? ). Attenzione: Durante tali operazioni ricordarsi di impiegare sempre una velocità lenta (per esempio 0.3 mm/min) per avvicinarsi alla superfice del metallo Test Setup Attraverso questa finestra (fig. 3.3) devono essere inseriti tutti i parametri inerenti la prova, prima del suo inizio. Fig 3.3 Finestra Test setup Step Setting Nel riquadro Step Settings, possono essere inseriti il diametro nominale del foro ed il numero di passi con cui si desidera eseguire il foro nonché la loro distribuzione (profilo), linear (lineare) o polynomial (polinomiale). Se si seleziona l opzione polinomiale, apparirà la barra orrizzontale tension factor che permetterà di REIT

28 modificare il profilo del foro (questo parametro viene impiegato per aggiustare il profilo polinomiale, ad esempio per incrementare il numero di passi, e quindi ridurre la distanza tra un passo ed il successivo, in prossimità della superficie del materiale). Step Investigator Questo riquadro (fig. 3.3) è molto utile per analizzare l andamento del profilo analizzato. Quando il numero di passi desiderato viene selezionato tramite la barra orizzontale nel riquadro Step Setting, verrà mostrata la profondità di ciascun passo in [mm] e la relativa profondità in [mm]. Strain Gauge Setting E molto importante selezionare il tipo di rosetta impiegato come specificato dal costruttore sulla relativa confezione, in maniera tale da permettere al programma di derivare i relativi dati geometrici. Si può selezionare direttamente il tipo di estensimetro (fig. 3.3), premendo il pulsante Strain Gauge Type, scegliendo fra le seguenti opzioni predefinite: HBM: RY61S-1,5/120 HBM: 3/120-RY21 M-M: EA-031RE-120 M-M: EA-062RE-120 M-M: TEA-062RK-120 M-M: CEA-062UM-120 M-M: EA-125RE-120 Il diametro Diameter in [mm] ed il fattore di calibrazione Gauge delle rosette selezionate è mostrato nell angolo inferiore a destra. E possibile personalizzare il fattore di calibrazione Gauge Value modificandolo a partire dal valore standard fornito dal costruttore. Se viene selezionato custom si può personalizzare il fattore di calibrazione premendo Customize Rosette. Se tra le opzioni delle rosette estensimetriche, riportate tra le opzioni predefinite nella finestra a scomparsa, non è presente quella desiderata, è possibile inserire le caratteristiche di una qualsiasi rosetta selezionando inizialmente CW Custom Rosette o CCW Custom Rosette e successivamente premendo Customize Rosette. Una nuova finestra apparirà dando la possibilità di inserire i seguenti parametri caratteristici della rosetta prescelta: Designation of Type (Tipo di rosetta), A B C in accordo con la norma ASTM E Diameter (Diametro) REIT

29 Gauge Factor (Fattore di calibrazione) CW (Clock-Wise senso orario) o CCW (Counter-Clock-Wise senso antiorario) Material Type Quando viene premuto il pulsante MATERIAL TYPE, appare una finestra apposita (fig. 3.4) in cui inserire le seguenti informazioni: - Material: designazione del materiale con il quale è realizzato il provino o il materiale sotto prova. - Heat Treatment: descrizione del trattamento termico nel caso in cui il provino sia stato trattato. - Poisson s Ratio: valore del coefficiente di Poisson. - Young s modulus [N/mm 2 ]: modulo di elasticità del materiale. - Notes: Spazio previsto per l inserimento di informazioni più dettagliate sul materiale, il componente, etc.. Fig 3.4 Finestra Material Type Premere RETURN per tornare alla finestra TEST SETUP. Instrument Setting Premere il bottone INSTRUMENT SETTING. Apparirà la relativa finestra (fig. 3.5) dalla quale selezionare lo strumento desiderato attraverso un selettore circolare sulla sinistra della finestra. Una volta selezionato il pannello, premere il bottone INSTRUMENT SETTING per eseguire la sua configurazione. REIT

30 Fig 3.5 Finestra Instrument setting Premere OK per salvare le impostazioni dello strumento selezionato e ritornare alla finestra TEST SETUP. Premere CANCEL per uscire dalla finestra di selezione dello strumento senza salvare le modifiche effettuate. Lo strumento selzionato è mostrato nell immagine apposita della finestra di TEST SETUP. Uno dei seguenti strumenti potrà essere selezionato: HBM-UPM60 HBM-UPM100 HBM-MGC HBM-MGC Plus HBM-DMC-PLUS HBM Spider8 VI Server Data PCI 6023E (con l impiego dell Amplificatore Estensimetrico Analogico) DAQCARD 6024E (con l impiego dell Amplificatore Estensimetrico Analogico) Gli ultimi due strumenti sono due schede d acquisizione che presentano le medesime caratteristiche e connessioni. Il primo serve per l utilizzo con i notebook mentre il secondo per i PC fissi (per maggiori informazioni fare riferimento ai manuali National Instruments). PCI 6023E and DAQCARD 6024E Queste due schede d acquisizione,come molte schede di questo tipo, hanno un segnale di ingresso di 10V, e come il segnale analogico degli amplificatori estensimetrici arriva abitualmente ad un segnale di uscita di 10V. E per ciò opportuno selezionare una sensibilità dell amplificatore estensimetrico che non REIT

31 ecceda il range di ingresso della scheda. In ogni caso, la scheda è protetta sino a segnali di 45V, dunque non ci sono rischi se si eccede il range di ingresso di 10V. Fig 3.6a Pannello di controllo della PCI 6023E Fig. 3.6b Pannello di controllo della DAQCard 6024E Nei pannelli di controllo relativi alle due schede (fig. 3.6a e 3.6b) possono essere inseriti i seguenti parametri: - DEVICE: Numero della scheda d acquisizione. - SENSITIVITY [mv/v]: Questo valore rappresenta la sensibilità [mv/v] impostata sull amplificatore analogico impiegato per la prova. - STRAIN GAUGE SUPPLY [V]: Tensione di alimentazione dell estensimetro [V]. (deve essere il valore impostato sull amplificatore estensimetrico impiegato). - MAX OUTPUT: Questo valore deve essere uguale alla massima uscita [V], corrispondente al fondo scala dell amplificatore impiegato per la prova. - SCAN RATE: Inserire lo scan rate dell acquisizione in Hz, che è il numero di volte in cui tutti i canali sono scanditi in ogni secondo. - SAMPLES: Inserire il numero di campioni letti per ogni canale. (Inserire un valore medio). Il pannello della PCI 6023E e della DAQCard6024E contengono anche i seguenti elementi: - Single Read : Premere questo bottone per eseguire una singola lettura delle deformazioni. - Continuous Read : Premere questo bottone per effettuare una lettura continua delle deformazioni. - Tare Balance : Premere questo bottone per bilanciare la lettura del ponte estensimetrico. - Balance State : Commuta lo stato del bilanciamento ON/OFF. UPM60 Per maggiori informazioni sul sistema UPM60, fare riferimento ai manuali HBM. REIT

32 Fig 3.7 Pannello di controllo dell UPM 60 Nella relativa finestra (fig. 3.7), possono essere inseriti i seguenti parametri: Element connection: Nella prima riga del riquadro di Element Connection, inserire i canali con i quali sono connessi gli elementi (a),(b),(c) o (1),(2),(3). Vi è inoltre un secondo indicatore sulla seconda riga che mostra il messaggio di ERROR (errore) su quei canali dove questi viene rilevato. Se nessun errore è presente, l indicatore mostrerà il messaggio OK. Amplifier setting: Selezionare questo bottone per impostare l UPM60 fra i seguenti valori disponibili: 5VDC 600Hz/5V - Integration Time: Seleziona il tempo di integrazione dell UPM60. Il pannello dell HBM-UPM60 contiene inoltre i seguenti elementi: - Single Read : Premere questo bottone per eseguire una singola lettura delle deformazioni. - Continuous Read : Premere questo bottone per effettuare una lettura continua delle deformazioni. - Tare Balance : Premere questo bottone per bilanciare la lettura del ponte estensimetrico. REIT

33 - Balance State : Commuta lo stato del bilanciamento ON/OFF. - Transmit to device : Trasmette e seleziona sul sistema i parametri impostati - Detect Device : Verifica lo stato della connessione con lo strumento - Disconnect Device : Disconnette il sistema con lo strumento - Serial Port Config : Esegue la configurazione seriale per la comunicazione con lo strumento e accende il led in caso di avvenuta connessione. UPM100 Per maggiori informazioni sull UPM100, fare riferimento al manuale HBM. Nella finestra dedicata a questo strumento (fig. 3.8), possono essere inseriti i seguenti parametri: Fig 3.8 Pannello di controllo dell UPM100 - Element connection: Nella prima riga del riquadro di Element Connection, inserire i canali con i quali sono connessi gli elementi (a), (b), (c) o (1), (2), (3). Vi è inoltre un secondo indicatore sulla seconda riga che mostra il messaggio di ERROR (errore) su quei canali dove questi viene rilevato. Se nessun errore è presente, l indicatore mostrerà il messaggio OK. - Line Length: Impostare la lunghezza dei cavi impiegati per connettere gli estensimetri all UPM100. REIT

34 - Connecting type: Imposta il tipo di connessione impiegata per gli estensimetri. - Amp. Set.: Selezionare questo bottone per impostare l UPM60 fra i seguenti valori disponibili: 5VDC 600Hz/5V - Integration time [msec]: Fare riferimento al manuale dell UPM Sample Integration Time [msec]: Fare riferimento al manuale dell UPM Total Integration Time [msec]: Fare riferimento al manuale dell UPM Resolution: Selezionare la risoluzione dell UMP100 fra le seguenti: Standard Higher (elevata) Per maggiori informazioni sui parametri caratterizzanti l UPM100 fare riferimento al manuale. La finestra dell HBM-UPM100 contiene inoltre i seguenti parametri: - Single Read : Premere questo bottone per eseguire una singola lettura delle deformazioni. - Continuous Read : Premere questo bottone per effettuare una lettura continua delle deformazioni. - Tare Balance : Premere questo bottone per bilanciare la lettura del ponte estensimetrico. - Balance State : Commuta lo stato del bilanciamento ON/OFF. - Transmit to device : Trasmette e seleziona sul sistema i parametri impostati - Detect Device : Verifica lo stato della connessione con lo strumento - Disconnect Device : Disconnette il sistema con lo strumento - Serial Port Config : Esegue la configurazione seriale per la comunicazione con lo strumento e accende il led in caso di avvenuta connessione. MGC and MGCPlus Per maggiori dettagli sull MGC fare riferimento al manuale HBM. Nella finestra dedicata a questo strumento (fig. 3.9a MGC and fig 3.9b for MGCPlus) possono essere inseriti i seguenti parametri: REIT

35 Fig 3.9a Pannello di controllo dell MGC Fig 3.9b Pannello di controllo dell MGCPlus - Element connection: Nella prima riga del riquadro di Element Connection, inserire i canali con i quali sono connessi gli elementi (a),(b),(c) o (1),(2),(3). Vi è inoltre un secondo indicatore sulla seconda riga che mostra il messaggio di ERROR (errore) su quei canali dove questi viene rilevato. Se nessun errore è presente, l indicatore mostrerà il messaggio OK. - Excitation Voltage: Inserire il valore desiderato della tensione di alimentazione del ponte estesnimetrico: 1V 2,5V 5V - Full Scale Value: Indica il valore di fondo scala senza i punti decimali impiegati per l indicazione. - Measuring Range: Il range di misura viene impostato al valore mostrato in questo indicatore. - Shunt Resistor: Stato ON/OFF dello shunt. L amplificatore viene impostato nella configurazione desiderata del trasduttore. - Filter Type: : Le caratteristiche assegnate ai filtri passa-basso devono essere selezionate tra le seguenti: Bessel REIT

36 Butterworth - Cutoff Frequency: I filtri selezionati sono impostati sulla frequenza di taglio stabilita da questo controllo. - Number of samples for Mean calculation: Numero delle misure acquisite per il calcolo del valore medio. Per maggiori informazioni sui parametri caratterizzanti l UPM100 fare riferimento al manuale. La finestra dell HBM-UPM100 contiene inoltre i seguenti parametri: - Single Read : Premere questo bottone per eseguire una singola lettura delle deformazioni. - Continuous Read : Premere questo bottone per effettuare una lettura continua delle deformazioni. - Tare Balance : Premere questo bottone per bilanciare la lettura del ponte estensimetrico. - Balance State : Commuta lo stato del bilanciamento ON/OFF. - Transmit to device : Trasmette e seleziona sul sistema i parametri impostati - Detect Device : Verifica lo stato della connessione con lo strumento - Disconnect Device : Disconnette il sistema con lo strumento - Serial Port Config : Esegue la configurazione seriale per la comunicazione con lo strumento e accende il led in caso di avvenuta connessione. DMC-PLUS Per maggiori dettagli sull DMC-PLUS fare riferimento al manuale HBM. Nella finestra dedicata a questo strumento (fig. 3.10) possono essere inseriti i seguenti parametri: REIT

37 Fig 3.10 Pannello di controllo dell DCM PLUS - Element connection: Nella prima riga del riquadro di Element Connection, inserire i canali con i quali sono connessi gli elementi (a),(b),(c) o (1),(2),(3). Vi è inoltre un secondo indicatore sulla seconda riga che mostra il messaggio di ERROR (errore) su quei canali dove questi viene rilevato. Se nessun errore è presente, l indicatore mostrerà il messaggio OK. - Excitation Voltage: Inserire il valore desiderato della tensione di alimentazione del ponte estensimetrico: 0,625V 1,25V 2,5V 5V - Measuring Range: Questo controllo imposta il range di misura. - Measuring Rate: Questo controllo imposta la velocità di misura (measurement/s). REIT

38 rate: Utilizzare questo controllo per impostare la velocità di misura per tutti i canali correnti attivi. Bisogna tenere in considerazione che diventa necessario adattare la frequenza di taglio dell amplificatore alla nuova velocità di misura. Se la frequenza di taglio che si viene a determinare non rientra tra i valori permessi per la velocità di questa misura, si imposterà allora il valore massimo tra quelli impostabili. - Filter Type: Le caratteristiche assegnate ai filtri passa-basso devono essere selezionate tra le seguenti: Bessel Butterworth - Cutoff Frequency: I filtri selezionati si impostano alla frequenza di taglio selezionando questo comando. - Number of samples for Mean calculation: Imposta il numero di acquisizioni impiegato per il calcolo del valore medio. La finestra dell HBM-UPM100 contiene inoltre i seguenti parametri: - Single Read : Premere questo bottone per eseguire una singola lettura dele deformazioni. - Continuous Read : Premere questo bottone per effettuare una lettura continua delle deformazioni. - Tare Balance : Premere questo bottone per bilanciare la lettura del ponte estensimetrico. - Balance State : Commuta lo stato del bilanciamento ON/OFF. - Transmit to device : Trasmette e seleziona sul sistema i parametri impostati - Detect Device : Verifica lo stato della connessione con lo strumento - Disconnect Device : Disconnette il sistema con lo strumento - Serial Port Config : Esegue la configurazione seriale per la comunicazione con lo strumento e accende il led in caso di avvenuta connessione. SPIDER 8 e SPIDER 8-30 Per maggiori dettagli sullo SPIDER 8 Fare riferimento al manuale HBM. Nella finestra dedicata a questo strumento (fig. 3.11) possono essere inseriti i seguenti parametri: REIT

39 Fig 3.11 Pannello di controllo dello SPIDER 8 - Port : Indicare la porta con la quale lo SPIDER 8 è connesso tra le seguenti: COM 1 LPT 1 COM 2 LPT 2 - Test Connection : Premere questo pulsante per stabilire o verificare la connessione con la porta di comunicazione selezionata. - Bridge Type : Indicare il tipo di configurazione del ponte estensimetrico impiegato: Full Bridge (ponte intero) Half Bridge (mezzo ponte) Quarter Bridge (quarto di ponte solo per la versione 8-30) - Mode: Indicare il modo operativo di connessione con lo Spider 8: REIT

40 Bit8Mode ByteMode EPPMode - M. Range : Selezionare il range di misura dell amplificatore con i seguenti: 3 mv/v 12 mv/v 125 mv/v 500 mv/v - Tare Balance : Premere questo bottone per bilanciare il ponte ed acquisire il valore di tara per ogni canale. - Balance State : Abilita o disabilita la funzione di misura della tara. - Tare Values : Mostra l indice numerico del valore corrente di tara per ogni canale. - Spider 8 Connection : Mostra lo stato della connessione (l indicatore luminoso è verde se la connessione è attiva). ATTENZIONE! I tre rami estensimetrici della rosetta, (a), (b), (c) per le rosette CW o (1), (2), (3) per le rosette CCW, devono essere connessi rispettivamente ai canali 0, 1 e 2 dello Spider 8 e General Data Setting Premendo il bottone GENERAL DATA SETTING, una finestra apposita apparirà (fig. 3.12) dove poter inserire le seguenti informazioni: - Date: Data della prova. Premere il pulsante Now per inserire automaticamente la data del computer. - Operator: Nome dell operatore che esegue la prova. - Place: Luogo dove la prova viene svolta. - Test description: Informazioni di riferimento per la prova. - File path: Il percorso del file dove i dati verranno salvati (il bottone Set path and file apre una finestra di dialogo che aiuta nella selezione del percorso desiderato per l esecuzione del salvataggio dei dati). REIT

41 Fig 3.12 Pannello di salvataggio delle informazioni generali sulla prova General Data Premere OK per salvare tutti i dati inseriti e ritornare alla finestra TEST SETUP. Premendo CANCEL si esce dalla finestra senza salvare nessuna informazione. Tutte le impostazioni descritte di seguito possono essere salvate in un file premendo il pulsante SAVE CONFIG (fig 3.3). Una finestra di dialogo apparirà consentendo di inserire il nome (*.CFG) del file assegnato alla configurazione impostata. E possibile salvare tutte le configurazioni desiderate. Ogni configurazione può essere caricata impiegando il bottone LOAD CONFIG (fig 3.3). Premere OK per ritornare al pannello principale con la configurazione impostata. Premere CANCEL per uscire senza cambiare la configurazione. REIT

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica FENICE ARREDI Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Prove di vibrazione su sistemi per pavimenti tecnici sopraelevati - Four x Four Relazione tecnica Via Ferrata 1, 27100 Pavia, Italy Tel. +39.0382.516911

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli