Elementi di Pedagogia di genere. Dott.ssa Irene Biemmi (irene.biemmi@unifi.it)

Advertisement
Documenti analoghi
PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Quante sono le matricole?

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6%

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

STEREOTIPI DI GENERE. Sempre dalla parte delle bambine (e dei bambini) Dott.ssa Lucia Beltramini

PROGETTO MEDICINA PER STARE

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Cultura di genere ed educazione alla nonviolenza Oltre gli stereotipi e i pregiudizi per una convivenza civile. Bari dicembre 2015

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Istituto Don Baldo Roma Classi VA - VB Primaria Scuola Santissima Trinità - Roma Classi I-II-III Secondaria di primo grado

Inserimento professionale dei diplomati universitari

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

Cinquant anni di scuola media tra utopia e realtà. Considerazioni di un insegnante di matematica. Domingo Paola Liceo Issel di Finale Ligure

Non cercate di soddisfare la vostra vanità, insegnando loro troppe cose. Risvegliate la loro curiosità.

PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CORSO - Educazione all affettività e alla sessualità -

Matricole, fuori corso, laureati:

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

La laurea giusta per trovare

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

La laurea giusta per trovare

Marche. I numeri dell istruzione. Settimana dell Orientamento Ancona, Quartiere fieristico novembre 2008

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA.

Rispettiamoci. Progetto per l educazione all affettività, alla sessualità e alla cultura del rispetto. (Scuola secondaria di primo grado)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE N Norme sull informazione e sull educazione sessuale nelle scuole. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

Esperienze di genitorialità oltre l eterosessualità. Chiara Bertone

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

CURRICULUM DI SILVIA LEONELLI

Media e stereotipi di genere. di Massimo Benvenuto

Educazione di genere: impossibile non farla

Corso base per Tutor del programma Teen STAR Programma di Educazione Affettiva e Sessuale

2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0

La passione e la fatica

Da dove nascono le scelte formative di ragazzi e ragazze? Il caso delle Università milanesi 1 Francesca Crosta

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti GIOVEDI 1/ VENERDI 2/

I giudizi sull esperienza universitaria

Confederazione Italiana Centri RNF.

Pari opportunità nei media

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI

Quale futuro per i diplomati?

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009

Save the difference IL NOSTRO TEAM

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

I diplomati e lo studio Anno 2007

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

PROGETTI Scuola primaria

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Apertura pomeridiana della scuola e potenziamento del tempo scolastico

Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali

GIRLS DAY. Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile costituito presso la CCIAA di

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

Percorsi di libertà come contrastare la violenza contro le donne

4I LAUREATI E IL LAVORO

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

BANDO DI CONCORSO PER I PROGETTI CREA IL TUO GIOCO E IO CRESCO COME CAMBIO

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO

La scuola dell obbligo nel Cantone di Zurigo

Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale. Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA)

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

Istituto Comprensivo F. Crispi Ragusa. Progetto Pedagogia di Genere. Scuola dell Infanzia Via Carducci sez. B, Inss.

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

Luoghi comuni sull Università: un confronto Italia paesi OCSE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

La regolarità negli studi

ACCADEMIA DEI LINCEI E NORMALE PER LA SCUOLA

Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze. PISA 3 dicembre 2008

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

La diffusione e la qualità dei tirocini formativi

A più voci contro la dispersione scolastica

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine

Advertisement
Transcript:

Elementi di Pedagogia di genere Dott.ssa Irene Biemmi (irene.biemmi@unifi.it) Corso Donne, politica, istituzioni Firenze, 23 ottobre 2009

Chiarimenti terminologici Sesso: caratteristica fisica biologicamente definita Genere: il significato sociale assunto dalle differenze sessuali Le differenze tra i sessi sono innate o sono apprese? Differenze sessuali/differenze di genere: quando si fa riferimento alle differenze di sesso si allude ad una distinzione essenzialmente biologica che si fonda sulle caratteristiche anatomiche e fisiologiche degli individui; quando invece si fa riferimento alle differenze di genere si sottolinea il fatto che c è una caratteristica socioculturale che assegna convenzionalmente a uomini e donne comportamenti e stili riconosciuti propri di ciascun sesso Femminilità/mascolinità: attese sociali e culturali nei confronti della donna e dell uomo

IL RITARDO DELLA SCUOLA ITALIANA NEL RECEPIRE IL TEMA Scuola come luogo d agio nel quale è presente al minimo il problema della discriminazione sessuale La scuola è una realtà nella quale discriminazioni e svantaggi femminili non hanno un immediata e palese visibilità in quanto le donne, nei ruoli di docenti e studentesse, sono molto presenti. Svantaggi e discriminazioni però esistono

1. Il problema della segregazione formativa Fino ad oggi, la scuola ha dato a ragazzi e ragazze soltanto un illusione di parità. Le ragazze ormai accedono in massa all istruzione secondaria e universitaria e, spesso, sono più brave dei loro compagni, ma, al di fuori, nell accesso al mondo del lavoro, sono tutt oggi fortemente penalizzate. La riuscita scolastica non garantisce alle studentesse pari opportunità di progettare il proprio futuro. Questo è dovuto in parte ad un processo di auto-segregazione formativa per cui le ragazze continuano a scegliere percorsi formativi femminili (materie umanistiche), evitando di intraprendere percorsi alternativi (materie tecnico-scientifiche).

13% 18% 22,7% 33,7% 40% 46,1% 48,7% 56,9% 59,8% 60,7% 62,2% 65% 66,1% 75% 81,6% 89% Donne immatricolate all Università per area disciplinare 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Difesa e sicurezza Ingegneria Scientifica Educazione fisica Agraria Economia-statistica Architettura Giuridica Politico-sociale Geo-Biologia Chimica-farmaceutica Medica Letteraria Psicologica Linguistica Insegnamento

2. La femminilizzazione del corpo docente: la scuola come luogo di donne Le donne costituiscono l 81,1% degli insegnanti. Si tratta della seconda quota più alta fra i Paesi europei considerati (al primo posto c è l Ungheria con l 82,5%); Ci sono differenze significative tra i vari livelli scolastici (la cosiddetta piramide femminile nella scuola): le donne costituiscono il 99,6% del corpo docente nella scuola d infanzia, il 95,4% nella primaria, il 75,6% nella scuola secondaria di I grado e il 59,4% nella secondaria di II grado; All Università la presenza femminile è ancora ridotta: le donne rappresentano il 42, 9% dei ricercatori, il 31,1 % degli associati e il 15,9 % dei professori ordinari. Malgrado le donne siano la stragrande maggioranza tra i docenti, costituiscono ancora oggi una minoranza tra i dirigenti scolastici (39,7%): il numero totale di donne capo d istituto è circa 3.200 su un totale di circa 8.000.

La piramide femminile a scuola Secondari a II Grado 59,4% Secondaria I Grado 75,6% Primaria 95,5% Infanzia 99,6%

3. Stereotipi sessisti a scuola Degli/Delle insegnanti Degli insegnanti Nei saperi scolastici, nei libri di testo

3.1 Atteggiamenti e attese degli/delle insegnanti differenziate in base al sesso degli alunni Effetto Pigmalione o Profezia che si autoadempie : gli assunti degli adulti (e, a maggior ragione, quelli degli insegnanti) nei confronti dei ragazzi dei due sessi e le aspettative differenziate nei loro confronti finiscono per diventare in qualche modo prescrittive e profetiche perché contribuiscono alla formazione delle aspettative personali degli allievi. [Rosenthal e Jacobson, 1968] Alcuni esempi: Gli insegnanti ritengono che le ragazze abbiano un rendimento scolastico migliore soltanto perché sono più costanti nello studio, però i ragazzi sono più geniali ( Io le dico sinceramente che generalmente il guizzo, l intelligenza superiore ce l ho nei maschi. Però poi il rendimento superiore lo ottengo sempre dalle donne. Hanno la costanza, la forza della costanza..) Molti insegnanti sono ancora convinti che la riuscita in matematica delle ragazze sia frutto di applicazione, di intuizione naturale quella dei ragazzi Ragazzi e ragazze sono premiati e puniti in modo diverso: i ragazzi vengono premiati per il loro lavoro e puniti per il loro comportamento o per il loro aspetto, mentre per le seconde è vero il contrario (il messaggio implicito che viene comunicato alle ragazze è che ci si aspetta da loro che siano disciplinate e in ordine, ma scolasticamente più deboli) Differenze di genere nell interazione nelle classi: numerosi studi constatano una maggiore attenzione prestata dagli insegnanti ai loro allievi di sesso maschile e un maggior tempo speso nell interazione con loro (i ragazzi sono più stimolati, rispetto alle ragazze, a porre domande e a partecipare alle discussioni di classe).

3.2 Stereotipi sessisti nei saperi trasmessi a scuola, nell insegnamento disciplinare, nei libri di testo Problema della falsa neutralità del sapere : La cultura scolastica trasmette un sapere che si spaccia per neutro ma che in realtà è fortemente connotato al maschile sia nei contenuti che nelle modalità di trasmissione. La marginalizzazione e la sottovalutazione dei contributi delle donne attuata nei libri di testi e nei percorsi scolastici non riguarda solo l ambito scientifico, ma si estende a tutte le discipline: i libri di testi identificano l umanità con il genere maschile e si incentrano sull esperienza e sulle attività maschili dando scarsa visibilità alle donne. Progetto Polite (www.aie.it/polite ): necessità di ripensare le singole discipline in ottica di genere in modo da fornire modelli di identificazione positivi sia ai ragazzi che alle ragazze.

Scuola promotrice di pari opportunità Rivisitare i programmi scolastici, i libri di testo, le materie di insegnamento in un ottica di genere; Combattere gli stereotipi sessisti che hanno tutt oggi un effetto limitante nell indirizzare i percorsi formativi dei ragazzi e delle ragazze verso scelte tradizionali; Stimolare un ruolo attivo e consapevole degli/delle insegnanti sia rispetto ad un elaborazione critica della cultura trasmessa che per quanto riguarda le modalità di interazione in classe con gli alunni dei due sessi.

Riferimenti bibliografici BARBAGLI Marzio, DEI Marcello (1969), Le Vestali della classe media: ricerca sociologica sugli insegnanti, Il Mulino, Bologna. BIEMMI Irene (2009), Genere e processi formativi. Sguardi femminili e maschili sulla professione di insegnante, ETS, Pisa. BURR Vivien (1998), Gender and Social Psichology, Routledge, London (trad. it. Psicologia delle differenze di genere, Il Mulino, Bologna 2000). DEMETRIO Duccio [a cura di] (2002), Con voce diversa, Guerini, Milano. DIOTIMA (1987), Il pensiero della differenza sessuale, La Tartaruga, Milano. GIANINI BELOTTI, Elena (1973), Dalla parte delle bambine, Feltrinelli, Milano. ISFOL (1992), Nuovi orientamenti ed aspettative della professione docente: le donne insegnanti, Franco Angeli, Milano. MAPELLI Barbara, BOZZI TARIZZO Gisella, DE MARCHI Diana (2001), Orientamento e identità di genere. Crescere donne e uomini, La Nuova Italia, Milano. MAPELLI Barbara, SEVESO Gabriella [a cura di] (2003), Una storia imprevista. Femminismi del Novecento ed educazione, Guerini, Milano. PORCHEDDU Alba (1992), Femminilizzazione dell insegnamento e nuova professionalità, in ULIVIERI (1992). ROSENTHAL Robert, JACOBSON Lenore (1968), Pygmalion in the classroom, Rinehart and Winston, New York (trad. it. Pigmalione in classe. Aspettative degli insegnanti e sviluppo intellettuale degli allievi, Franco Angeli, Milano 1972 ). ULIVIERI Simonetta [a cura di] (1992), Educazione e ruolo femminile: la condizione delle donne in Italia dal dopoguerra a oggi, La Nuova Italia, Firenze. ID. (1995), Educare al femminile, ETS, Pisa. ID. (2007), [a cura di], Educazione al femminile. Una storia da scoprire, Guerini e Associati, Milano.