CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

Advertisement
Documenti analoghi
STATUTO FORUM DEI GIOVANI

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

COMUNE DI ESCALAPLANO

Regolamento interno del Coordinamento delle associazioni di volontariato della provincia di Treviso Testo approvato dall Assemblea del 28 aprile 2007

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

Via del Vecchio Politecnico, Milano. T el F ax

Regolamento gruppo giovani

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

Federazione Italiana Giuoco Handball

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Articolo 1 Composizione

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

CONSULTA DELLA CULTURA

STATUTO DEL COMITATO GENITORI

il nuovo sistema elettorale

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

Oggetto Regolamento della consulta permanente nel settore dei problemi sociali e diversamente abili. Art. 1 ISTITUZIONE

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

Provincia di Cremona

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

STATUTO NAZIONALE. Art. 1 COSTITUZIONE

COMUNE DI CONSELICE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI E DEI FORUM TEMATICI

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

Advertisement
Transcript:

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente coscienza dei notevoli cambiamenti in atto anche nel mondo del volontariato, con un cambio generazionale più veloce e con problematiche sempre più complesse, Avis ha evidenziato l esigenza di darsi un organizzazione interna in grado di avvicinare e far conoscere il mondo associativo ai giovani. Da qui l idea di costituire una Consulta Nazionale, la cui principale funzione è quella di farsi portavoce delle tematiche relative ai giovani, delle loro opinioni e proposte, di occuparsi a vario titolo di politiche giovanili, di creare le condizioni adatte affinché i giovani possano realizzare al meglio il loro percorso come parte integrata ed integrante di Avis. Questa organizzazione favorisce interconnessioni, scambi di progetti e formulazione di idee propositive, nonché l attuazione e la promozione di iniziative socio culturali. Per questo il Consiglio Nazionale AVIS si riferisce alla Consulta Nazionale Avis Giovani, per la formulazione di proposte in tema di: - promozione di progetti, ricerche, focus group, incontri, dibattiti ed iniziative attinenti all associazione ed al mondo dei giovani; - attivazione e promozione di iniziative per un miglior utilizzo del tempo libero; - facilitazione del raccordo tra i gruppi giovanili e le istituzioni locali; - promozione di azioni tese a prevenire, interpretare e mitigare le situazioni di disagio giovanile; - offerta di pareri non vincolanti per l associazione relativamente a questioni attinenti la sfera giovanile; - promozione di rapporti permanenti con le Consulte ed i Forum presenti nel territorio provinciale e regionale, con le Consulte ed i Forum presenti nelle altre regioni e con il livello internazionale; - raccolta di informazioni e redazione di proposte nei settori d interesse giovanile (es. scuola, università, mondo del lavoro, tempo libero, sport, volontariato, cultura e spettacolo); - raccolta di informazioni nei predetti campi o direttamente con ricerche autonome; - collaborazione con i servizi Informa Giovani presenti sul territorio e con tutte le altre associazioni, organismi od enti con cui possa perseguire scopi comuni; - collaborazione e partecipazione nelle aree di lavoro del Consiglio Nazionale AVIS. Pagina 1 di 5

REGOLAMENTO CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI Testo discusso nella Consulta Nazionale Avis Giovani di Roma del 26 novembre 2011 e approvato all unanimità dal Consiglio Nazionale Avis di Milano del 15 settembre 2012. Art. 1 DENOMINAZIONE DELLA CONSULTA 1.1 La Consulta Nazionale Giovani dell AVIS (di seguito CONSULTA) è espressione di AVIS Nazionale su indicazione delle Consulte Regionali Avis Giovani o equiparate,delle commissioni regionali o comunque dei gruppi giovani regionali ed opera come organizzazione associativa interna con le finalità di cui al successivo Art. 2. 1.2 La durata del mandato della Consulta e dell Esecutivo coincide con quello del Consiglio e dell Esecutivo di AVIS Nazionale. Art. 2 FINALITÀ DELLA CONSULTA 2.1 La Consulta, nel rispetto delle finalità espresse nello statuto e regolamento associativo di AVIS Nazionale, si propone di: a) essere propulsore d iniziative di ampio respiro per una formazione puntuale e cosciente dei giovani su temi al centro delle problematiche nazionali e internazionali nel campo sociosanitario e del volontariato, con particolare riguardo alle tematiche trasfusionali e amministrativo/dirigenziali; b) favorire con funzioni di coordinamento la conoscenza delle iniziative promosse a livello regionale e la discussione delle tematiche dell area giovanile; c) stimolare lo studio, la progettazione e la condivisione di materiale didattico e di promozione della cultura del dono del sangue e della solidarietà da proporre tra e alle Avis Regionali o equiparate e/o all AVIS Nazionale o da queste proposte alla stessa Consulta; d) promuovere lo studio, la progettazione e la condivisione d iniziative associative per i giovani rivolte alle Avis Regionali o equiparate e/o all AVIS Nazionale o da queste proposte alla stessa Consulta. ART. 3 COMPOSIZIONE DELLA CONSULTA 3.1 Ogni Avis Regionale o equiparata partecipa alla composizione della Consulta nominando fino ad un massimo di tre (3) membri effettivi più tre (3) supplenti di cui deve dare espressa comunicazione ad AVIS Nazionale. Tra i membri effettivi designati, ogni Avis Regionale, nel rispetto dei propri regolamenti, indica il Referente. Ogni Avis Regionale può variare i nominativi dei membri della consulta con espressa comunicazione ad AVIS Nazionale. Ai fini dello svolgimento delle riunioni e delle votazioni, per il calcolo del numero legale, verrà tenuto conto del numero effettivo di Regioni che hanno mandato comunicazione. Una Avis regionale o equiparata che non avesse indicato nessun membro effettivo all inizio del mandato può indicarli anche successivamente. Ogni integrazione andrà ad incidere sul calcolo del numero legale. 3.2 Possono essere nominati membri della Consulta giovani avisini con un età compresa tra i 18 e i 30 anni. 3.3 È compito di ogni Avis Regionale o equiparata comunicare ad AVIS Nazionale i nomi dei propri rappresentanti per la Consulta, che sono espressione delle Consulte Regionali o equiparate, e Pagina 2 di 5

comunicare tempestivamente le eventuali successive variazioni. Le Avis Regionali o equiparate non possono sostituire i nominativi della Consulta senza averlo concordato con le proprie Consulte regionali o equiparate (ove presenti). 3.4 In ogni caso le comunicazioni di cui ai commi 1 e 3 non posso avvenire a Consulta iniziata. Art. 4 COMPOSIZIONE DELL ESECUTIVO 4.1 La Consulta nomina a maggioranza, fra i propri componenti (Art. 3, c.1), un Esecutivo di sette (7) membri, di seguito ESECUTIVO. L Esecutivo nomina al suo interno un Coordinatore. 4.2 Ove lo ritengano necessario, i membri dell Esecutivo possono facilitare il raggiungimento delle finalità della Consulta, assumendo il coordinamento di una macroarea. Ogni macroarea è costituita da due o più Avis Regionali o equiparate. L Esecutivo può, inoltre, decidere la ripartizione, tra i suoi membri, di varie aree d intervento di AVIS Nazionale. ART.5 CONVOCAZIONE E SVOLGIMENTO DELLE RIUNIONI DELLA CONSULTA 5.1 Le riunioni della Consulta vengono convocate dal Responsabile dell area di riferimento dell AVIS Nazionale e dal Coordinatore o su richiesta di almeno 1/3 delle Avis regionali o equiparate rappresentate. Alle riunioni della Consulta, oltre ai tre membri nominati ex art. 3 c.1, possono comunque partecipare tutti i giovani avisini, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, in qualità di osservatori. Qualora impossibilitati a partecipare alle riunioni della Consulta, i membri devono comunicarlo tempestivamente a seguito della convocazione per permettere all Esecutivo di predisporre la riunione in videoconferenza di cui al successivo comma 4. 5.2 L espressione di voto, quando ritenuta necessaria, viene esercitata dal Referente Regionale nella misura di un (1) solo voto per ogni Avis Regionale o equiparata, a prescindere dal numero dei giovani presenti. In assenza del Referente, lo stesso comunicherà, entro l inizio della riunione, in forma scritta il nominativo del membro della consulta che sarà delegato al voto. Qualora tutti i rappresentanti di cui al precedente art. 3, c.1 di un Avis Regionale o equiparata siano impossibilitati a partecipare alla riunione anche in videoconferenza, il voto può essere espresso da un osservatore, se in possesso di delega scritta da parte dell Avis Regionale di appartenenza su indicazione del Referente. 5.3 Ad ogni riunione di Consulta deve essere redatto un verbale la cui copia, previa approvazione da effettuare durante la seduta successiva, deve essere resa disponibile anche sul sito internet dell AVIS Nazionale. 5.4 Nei casi previsti dal precedente comma 1, la riunione può tenersi anche a mezzo di conferenza telefonica o di videoconferenza a condizione che siano rispettati i principi del metodo collegiale e della parità di trattamento. Il Coordinatore o un membro dell Esecutivo suo delegato, dopo aver riconosciuto l identità degli intervenuti e verificato il numero legale, da inizio alla riunione. Da quel momento gli intervenuti hanno uguale diritto di parola, di ricevere ed esaminare documenti e di voto, qualora non sia previsto voto segreto. Nei casi in cui dall ordine del giorno sia prevista una votazione a scrutinio segreto (da indicarsi al momento della convocazione) la riunione non potrà svolgersi in videoconferenza. Art. 6 CONVOCAZIONE E SVOLGIMENTO DELLE RIUNIONI DELL ESECUTIVO 6.1 Le riunioni dell Esecutivo vengono convocate dal Responsabile dell area di riferimento dell AVIS Nazionale e dal Coordinatore o su richiesta di almeno un terzo (1/3) dei componenti dell Esecutivo. Pagina 3 di 5

6.2 Possono tenersi riunioni in modalità di conferenza telefonica o videoconferenza con le modalità previste all art. 5 c. 4 6.3 Il Responsabile dell area di riferimento di AVIS Nazionale, o il suo delegato, partecipa alle riunioni dell Esecutivo, ma senza diritto di voto. 6.4 Per motivate esigenze possono partecipare all esecutivo collaboratori in seguito ad espresso invito esplicitato in sede di convocazione. 6.5 Ad ogni riunione di Esecutivo deve essere redatto un verbale, la cui copia, previa approvazione da effettuare durante la seduta successiva, deve essere resa disponibile anche sul sito internet dell AVIS Nazionale. Art. 7 RINNOVO DELLE CARICHE 7.1 Alla scadenza del mandato il Coordinatore uscente, d intesa con il Presidente di AVIS Nazionale o suo delegato, provvederà alla convocazione della Consulta per l elezione del nuovo Esecutivo, in concomitanza o nei mesi successivi al rinnovo delle cariche dell AVIS Nazionale. 7.2 Potranno candidarsi all Esecutivo coloro che hanno un età compresa tra i 18 ed i 30 anni, a patto che non abbiano già ricoperto l incarico per più della metà di un mandato completo. 7.3 Le candidature, una per Regione, espressione delle realtà giovanili regionali, dovranno essere presentate all inizio dei lavori della Consulta, da ogni Referente Regionale delle Consulte Giovani o equiparate, dietro comunicazione scritta della propria Avis Regionale o equiparata. 7.4 Ai fini dell elezione, il territorio nazionale è suddiviso in tre aree territoriali, di seguito elencate: 1. NORD = Valle d Aosta, Piemonte, Lombardia, Svizzera, Veneto, Trentino, Alto Adige - Südtirol, Friuli Venezia Giulia. 2. CENTRO = Liguria, Marche, Toscana, Umbria, Lazio, Sardegna, Emilia- Romagna. 3. SUD = Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia, Calabria, Molise, Abruzzo. 7.5 I membri dell Esecutivo uscente non ricandidabili negli Esecutivi successivi, costituiscono il Comitato Elettorale per il rinnovo delle cariche. Il Comitato Elettorale cura e presiede le operazioni di voto e di scrutinio delle schede. Il comitato elettorale nomina al suo interno un Presidente. La votazione avverrà a scrutinio segreto. Risulteranno eletti i sette (7) giovani più votati, a condizione che le tre aree territoriali siano rappresentate almeno da due (2) eletti e da non più di tre (3). In caso contrario si procederà alla surroga dei nominativi, in base ai primi non eletti. In caso di parità di voti ottenuti, risulterà eletto il candidato più giovane. 7.6 Ogni Avis Regionale o equiparata parteciperà alla votazione con un proprio rappresentante, il Referente o un altro socio in possesso di delega scritta da produrre prima dell inizio della seduta; il rappresentante potrà esprimere fino a due terzi (2/3) delle preferenze, senza vincoli di area territoriale. 7.7 In caso di dimissioni di un componente dell Esecutivo si procederà alla sua sostituzione, salvaguardando il principio di territorialità (Art. 7 c. 5), con il primo dei non eletti e l accettazione dell incarico sarà verbalizzata in occasione della successiva riunione dell Esecutivo Nazionale Giovani. In caso di impossibilità a conseguire la sostituzione sarà la Consulta, in occasione del primo incontro utile, ad eleggere il nuovo membro dell Esecutivo, nel rispetto delle regole elettive sopra riportate. Art. 8 REGOLE DI COMUNICAZIONE 8.1 Le comunicazioni ufficiali dell Esecutivo, dopo essere state visionate e validate dal Responsabile dell area di riferimento dell AVIS Nazionale, devono essere inoltrate dalla Pagina 4 di 5

segreteria dell AVIS Nazionale ai componenti dell Esecutivo e indirizzate a seconda dell argomento ai vari destinatari. Le convocazioni dell Esecutivo sono pubblicate sul sito di AVIS Nazionale. 8.2 La convocazione della Consulta e le comunicazioni ufficiali relative alla medesima, dopo essere state visionate e validate dal Responsabile dell area di riferimento dell AVIS Nazionale, devono essere inoltrate dalla segreteria dell AVIS Nazionale alle Avis Regionali o equiparate ed a tutti i componenti della Consulta. Le convocazioni della Consulta sono pubblicate sul sito di AVIS Nazionale. Art. 9 SPESE 9.1 Le spese per il funzionamento dell Esecutivo sono a carico dell AVIS Nazionale, nell ambito del budget dell area di competenza. 9.2 Le spese dei membri della Consulta che non fanno parte dell Esecutivo sono a carico dell Avis Regionale o equiparata di appartenenza. Art. 10 NORME FINALI 10.1 Per quanto non espressamente indicato, si fa riferimento a quanto stabilito nel vigente statuto e regolamento associativo di AVIS Nazionale. 10.2 Per Avis equiparate alle Avis Regionali, s intendono: l Avis Alto Adige Südtirol, l Avis del Trentino e l Avis Svizzera. Art. 11 NORME TRANSITORIE 11.1 Le norme contenute all interno del presente regolamento entrano in vigore dalla data di insediamento del Consiglio Direttivo di AVIS Nazionale per il mandato 2013/2017. Pagina 5 di 5