Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:"

Transcript

1 FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione del servizio. La base imponibile è costituita pertanto, dall ammontare complessivo dei corrispettivi previsti contrattualmente, compresi gli oneri accessori. Le operazioni sulle quali viene applicata l Iva sono definite operazioni imponibili. Base Imponibile = corrispettivo dovuto dal cliente, Inclusi: - oneri accessori (es. spese di trasporto o per imballaggi a perdere); - spese sostenute per conto ma non in nome della controparte. Esclusi - sconti commerciali incondizionati; - spese anticipate in nome e per conto del cliente; - interessi di mora dovuti per ritardati pagamento o altre penalità relative al rapporto commerciale. Se un operazione è accessoria (esiste un nesso, una dipendenza funzionale con l operazione principale) ad una cessione di beni o prestazione di servizi soggetti ad aliquote diverse (ovvero in parte imponibili od esenti o non soggetti ) il corrispettivo della operazione accessoria va ripartito in proporzione alle diverse aliquote o al diverso corrispettivo riferito alle operazioni non soggette ad Iva. In caso di permuta si applica l aliquota propria dei beni e dei servizi permutati. In assenza di corrispettivo la base imponibile è costituita dal valore normale. Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: - l autoconsumo, in questo caso, la base imponibile corrispondente sino al ad aprile 2010 al valore normale delle singole operazioni, attualmente corrisponde, ai soli fini iva, al prezzo di acquisto o in mancanza al prezzo di costo dei beni o di beni simili determinato al momento in cui si effettuano le operazioni. Ai fini delle imposte sui redditi invece, è necessario fare riferimento al valore normale, calcolando l eventuale plusvalenza per differenza con il valore contabile ESEMPIO: PC da autofatturare acquistato 5 anni fa ad Iva. La base imponibile ai fini Iva non sarà più il valore del PC nel momento in cui il titolare della Ditta (o il professionista) provvede all autofatturazione.50,00, ma il valore a cui ha acquistato 5 anni orsono In sostanza l Iva detratta all acquisto, in questo modo, viene restituita all Erario, in quanto lo stesso chiede di autofatturare il Pc allo stesso valore di acquisizione. - per le cessioni di beni o le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di destinatari con cui sussistono legami familiari o altri stretti vincoli personali, la base imponibile è pari al valore normale. Per valore normale s intende l intero importo che l acquirente o il destinatario, al medesimo stadio di commercializzazione di quello in cui avviene la cessione del bene o la prestazione del servizio, dovrebbe pagare, in condizione di libera concorrenza, ad un cedente o prestatore indipendente nel territorio dello stato membro in cui l operazione è imponibile per ottenere i beni o servizi in questione al momento di tale cessione o prestazione. Ciascun Stato membro stabilisce la misura percentuale dell aliquota Iva ordinaria (che non può essere inferiore al 15% né superiore al 25%) da applicare alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi. Ogni Stato ha altresì la facoltà di adottare una o due aliquote Iva ridotte non inferiori al 5%.

2 Deroghe specifiche sono ammesse dalla Direttiva Comunitaria per taluni Stati membri, tra i quali rientra l Italia che può continuare ad applicare una aliquota ridotta del 4% come avviene per alcuni prodotti alimentari. ADEMPIMENTI DEI SOGGETTI PASSIVI I soggetti passivi di imposta devono osservare una serie articolata di obblighi, fissati dalle disposizioni di legge per documentare adeguatamente le operazioni compiute. Il sistema di contabilizzazione e rendicontazione dell Iva si basa su tre livelli di documenti: - le fatture che ogni soggetto passivo Iva, cedente del bene o prestatore del servizio deve emettere e trasmettere alla controparte dell operazione, acquirente del bene o committente del servizio; - i registri che contengono l annotazione dei dati esposti nelle fatture e che restano nella sfera del soggetto passivo (può esserne richiesta l esibizione in sede di controllo da parte dell Amministrazione finanziaria); - le dichiarazioni con le quali si trasmettono alla Amministrazione finanziaria le informazioni riepilogative sulle operazioni rilevanti ai fini Iva effettuate nel periodo di riferimento (normalmente l anno solare). Gli obblighi e i diritti dei soggetti passivi Iva sorgono nel momento in cui l operazione si considera effettuata (momento impositivo) Il momento in cui l imposta diventa esigibile da parte dell Erario, ha un parallelismo con quello di detrazione che può esercitare il cessionario o committente. In capo al cedente del bene o al prestatore del servizio il momento di effettuazione dell operazione determina: - la nascita dell obbligo della emissione della fattura; - l obbligo di annotazione del documento nei registri; - l obbligo di redazione della comunicazione annuale dati iva; - l obbligo di redazione della dichiarazione annuale; - l obbligo del versamento di imposta. In capo al cessionario o al committente del servizio il momento di effettuazione dell operazione fa sorgere il diritto di esercitare la detrazione dell imposta a lui addebitata a titolo di rivalsa. Il diritto alla detrazione dell imposta relativa ai beni e servizi acquistati sorge al momento in cui l imposta diviene esigibile e può essere esercitato, al più tardi, con la dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo. La fattura deve essere emessa, oltre che per le operazioni imponibili, anche per - operazioni non soggette relative ai beni in transito; - operazioni non imponibili; - operazioni esenti; - operazioni soggette al regime del margine; - operazioni effettuate dalle agenzie di viaggio e turismo; In assenza di applicazione Iva, in luogo dell ammontare dell imposta, la fattura deve recare l annotazione che si tratta rispettivamente di operazione non soggetta, non imponibile, esente, ovvero assoggettata al regime del margine, con l indicazione della relativa norma. La circolare Ministeriale n. 36/E del 6/12/2006, ha chiarito che è possibile inviare le fatture tramite fax o . In particolare, secondo l amministrazione finanziaria: - la fattura cartacea può essere creata attraverso uno strumento informatico;

3 - l invio della fattura tramite fax o non è una trasmissione elettronica, ma una mera consegna o spedizione tramite strumenti elettronici; - la fattura deve essere comunque materializzata sotto forma cartacea dall emittente e se soggetto Iva anche dal destinatario. Il legislatore nazionale, sulla scia di quello comunitario, intende incentivare l utilizzo della fatturazione elettronica. La Commissione europea desidera che entro il 2020 la fatturazione elettronica diventi il principale modo di fatturazione in Europa. I dati in essa contenuti, sono forniti in forma digitale ed è obbligatoria la firma elettronica ( il documento viene sottoscritto digitalmente). La fattura elettronica comporta per gli emittenti meno costi di stampa e spedizione e meno errori; per i consumatori è senz altro evidente la comodità di ricezione; per la collettività, si tratta di significativi vantaggi ambientali, in termini di consumo di carta e dei costi energetici per il trasporto. La fattura è emessa al momento di effettuazione dell operazione: - per le cessioni di beni mobili quando avviene la consegna o la spedizione del bene o al più tardi quando si verifica l effetto traslativo del diritto di proprietà; - per i servizi all atto del pagamento, a nulla rilevando l ultimazione della prestazione, se le prestazioni di servizi sono rese con carattere periodico o continuativo il momento impositivo scatta il mese successivo a quello in cui sono rese; - in ogni caso il pagamento anticipato comporta che l operazione si consideri già effettuata rispetto all importo pagato; quindi è particolarmente importante per tutte le operazioni per le quali vige l obbligo di emissione della fattura stabilire quando un corrispettivo si considera incassato. Per operazioni effettuate nello stesso giorno, nei confronti di un medesimo destinatario può essere emessa una sola fattura. Si definisce fattura qualsiasi documento idoneo ad identificare i soggetti e l oggetto della operazione, i corrispettivi, gli altri dati necessari per la determinazione della base imponibile, l aliquota e l imposta dovuta. La fattura si considera emessa all atto della sua consegna o spedizione. La fattura può essere: immediata deve essere emessa e consegnata o spedita al cliente entro lo stesso giorno di effettuazione della cessione del bene o della prestazione del servizio differita quando i beni oggetto della vendita sono accompagnati da documento di trasporto (DDT), deve essere emessa entro il 15 del mese successivo a quello di effettiva consegna del bene. (esempio il DDT viene emesso il 30/4, la merce parte il 2/5, la fattura deve essere emessa entro il 15/6.) Per uso comune si preferisce emettere la fattura differita entro il mese di emissione dei documenti di trasporto. DDT E il documento che accompagna i beni durante il trasporto. Esso ha sostituito la bolla di accompagnamento, deve contenere i seguenti elementi: - la data di emissione e il numero progressivo; -i dati identificativi del venditore (nominativo o ragione sociale, indirizzo, numero di partita Iva codice fiscale e numero di iscrizione al Registro Imprese); - i dati identificativi del compratore; - la natura, la qualità e quantità dei beni trasportati; - l indicazione della ditta incaricata al trasporto, nel caso lo stesso sia effettuato da un vettore; - la data di effettiva consegna della merce; - l indicazione della causale del trasporto.

4 accompagnatoria riunisce in uno stesso documento gli elementi della fattura e le informazioni sul trasporto dei beni ceduti, pertanto come il DDT accompagna la merce durante il viaggio. fattura pro-forma non è una vera e propria fattura, ma una sorta di anticipazione della fattura stessa, che verrà emessa in un secondo momento e viene usata solitamente dai professionisti o nelle traslazioni con l estero al fine di far ottenere al cliente le aperture di credito dagli Istituti bancari. parcella /notula sono documenti equiparati alla fattura, usati dai professionisti, espongono appunto le spese e le competenze riferite alla prestazione professionale. autofattura la compilazione è a cura dell acquirente, anziché, come normalmente avviene a cura del venditore. Può essere emessa nel caso in cui si acquistino prodotti da soggetti esonerati dall obbligo di provvedere agli adempimenti Iva, come la fatturazione, la registrazione e la dichiarazione. (produttori agricoli) In tal caso, avendo l acquirente il diritto di disporre di un documento rappresentativo dell operazione avvenuta, sul quale viene evidenziata l Iva da portare in detrazione, la legge dispone che l emissione di detto documento sia effettuato a cura di quest ultimo in duplice copia e che una di esse sia consegnata al venditore. Nel caso di mancato ricevimento della fattura da parte del fornitore, entro quattro mesi dall effettuazione dell operazione, l art.6 del Dlg. 471/97 consente al cliente, per evitare la pena pecuniaria dovuta per acquisto senza fattura (100% dell imposta con il minimo di.500,00) di versare l Iva entro il trentesimo giorno successivo (nel quinto mese dall effettuazione dell operazione) presentando all Ufficio dell Agenzia delle Entrate, un documento autofattura in duplice copia, contenente le indicazioni prescritte per la fatturazione. L Ufficio intrattiene una copia dell autofattura e il fornitore dovrà in sede di controllo giustificare il mancato invio della fattura con tutte le relative conseguenze e penalità. La fattura deve contenere: - la data che deve essere quella di emissione; - il numero che deve essere progressivo per anno solare; - la denominazione e i dati identificativi delle parti tra le quali è effettuata l operazione; - il numero di partita Iva del cessionario del bene o del committente del servizio qualora sia debitore dell imposta in luogo del cedente o del prestatore (reverse charge /autofattura); - il numero di identificazione Iva attribuito dallo Stato membro in cui è stabilito il cessionario o committente; - la natura e la qualità dei beni ceduti o dei servizi prestati; -il numero e la data del documento di trasporto che hanno consentito l emissione della fattura differita; - il corrispettivo della cessione o della prestazione che può essere espresso anche in valuta diversa dall euro; - il valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono; - l aliquota Iva applicabile; - l ammontare dell imponibile e dell imposta; in assenza di applicazione dell Iva, la annotazione che si tratta di operazione non imponibile, esente ovvero non assoggettata, con l indicazione della relativa norma. Per le fatture che comprendono corrispettivi esenti, non imponibili diversi dalle esportazioni o fuori dal campo, per un importo superiore ad. 77,47, viene richiesta la corresponsione dell imposta di bollo nella misura di. 1,81; - il codice fiscale anche se l amministrazione finanziaria ha ritenuto non obbligatoria tale indicazione; - e secondo l opinione prevalente i dati previsti dall art del C.C. per gli atti e corrispondenza riferiti a società quali il capitale sociale versato, provincia e numero di iscrizione al Registro delle Imprese). I documenti emessi che comportano variazioni rispetto alle fatture emesse si distinguono in:

5 note di debito (variazioni in aumento) vanno ad integrare una fattura precedentemente emessa ma errata; che contiene inesattezze in relazione all ammontare dell imponibile o della relativa imposta. La rettifica va effettuata obbligatoriamente senza limiti di tempo. note di credito (variazioni in diminuzione) vanno a rettificare in meno una fattura precedentemente emessa, potendo recuperare la maggiore imposta versata. La rettifica può essere effettuata solo dal cedente o prestatore e mai dal cessionario o committente. Per talune rettifiche vige un termine temporale di un anno, calcolato dalla data del momento impositivo, ossia quello in cui l operazione si considera effettuata. Un cenno particolare alla fattura emessa dal contribuente in regime dei minimi che è al di fuori dell ambito Iva; i soggetti interessati non possono né addebitare l Iva a titolo di rivalsa ai clienti/committenti, né detrarre l Iva sugli acquisti effettuati. La fattura emessa dovrà contenere una dicitura in cui è specificato che la cessione o la prestazione sono svolte in regime fiscale di vantaggio ex articolo 1 comma legge 244/2007 come modificato da l art. 27 Dl 98/2011 e pertanto non soggette a Iva e dal 2012, per i professionisti, neanche a ritenuta di acconto ai sensi del provvedimento dell Agenzia delle Entrate del dicembre Per talune operazioni, non è obbligatoria l emissione della fattura. I soggetti che effettuano cessioni di beni in locali aperti al pubblico (commercianti al minuto) o che prestano servizi in locali aperti al pubblico (es. alberghi, ristoranti, bar ecc) e più in genere i soggetti che si pongono in rapporto immediato e diretto con il privato consumatore (artigiani), non devono emettere fattura a meno che la stessa non sia richiesta dal cliente; essi sono invece obbligati a documentare i corrispettivi percepiti nell esercizio della propria attività attraverso due diversi documenti: la ricevuta fiscale e lo scontrino Dal 1997 è possibile utilizzare scontrino o ricevuta fiscale senza necessità di opzione, in questo caso lo scontrino emesso deve essere integrato con i dati richiesti per la ricevuta fiscale. La ricevuta fiscale deve essere emessa da apposito bollettario a madre e figlia dal soggetto che effettua l operazione e la sezione figlia deve essere consegnata al cliente (copia). I bollettari di ricevute fiscali sono predisposti da tipografie autorizzate alla stampa e si possono acquistare anche presso rivenditori autorizzati ad effettuarne la rivendita, entrambi i soggetti sono obbligati a trasmettere annualmente per via telematica alla Agenzia delle Entrate i dati delle forniture degli stampati effettuate. La ricevuta fiscale deve essere emessa anche se il corrispettivo non viene pagato in tutto o in parte. Il mancato pagamento deve risultare dalla ricevuta fiscale. Al momento del saldo, dovrà essere emessa un altra ricevuta fiscale. In caso di acconti incassati prima dell ultimazione della prestazione, deve essere rilasciata nel momento dell incasso una ricevuta fiscale pari all anticipo. Nel caso di prestazione ultimate ma non ancora determinate nel corrispettivo e comunque quando il pagamento non è ancora avvenuto, viene rilasciata una ricevuta fiscale provvisoria. La ricevuta fiscale deve essere datata, numerata in ordine progressivo dalla tipografia autorizzata per anno solare ( è facoltativa la numerazione da parte del contribuente) e contenere l indicazione della ditta emittente, il suo numero di partita Iva, il suo luogo di esercizio dell attività e il luogo di conservazione delle scritture contabili, la natura, quantità e qualità dei beni venduti o dei servizi prestati, l ammontare dei corrispettivi dovuti comprensivi di Iva. La ricevuta può essere sostituita dalla Fattura ricevuta fiscale, a richiesta del cliente. Utilizzando un apposito bollettario o integrando il documento con l indicazione del numero progressivo attribuito ai fini Iva, degli estremi identificativi del cliente, dell aliquota Iva, dell importo imponibile e dell ammontare dell imposta determinata con il metodo di scorporo. Assolve le medesime funzioni della fattura.

6 Lo Scontrino fiscale deve contenere: ditta, denominazione o ragione sociale ovvero nome e cognome del soggetto emittente; partita Iva dell esercente e ubicazione dell esercizio; dati contabili (corrispettivo comprensivo di Iva, eventuali sub totali, eventuali sconti o rettifiche, totale dovuto); data e ora di emissione e numero progressivo; numero di matricola dell apparecchio e logotipo fiscale. Lo scontrino deve essere emesso al momento del pagamento del corrispettivo, ovvero al momento della consegna della merce o della ultimazione della prestazione se anteriori al pagamento. Al termine della giornata lavorativa, l utente deve stampare lo scontrino di chiusura giornaliera, che riporta il totale dei corrispettivi del giorno, nonché il totale cumulativo degli ammontari dei corrispettivi giornalieri precedenti. I dati dello scontrino di chiusura vengono memorizzati in maniera indelebile nella memoria fiscale dell apparecchio misuratore. Lo scontrino deve essere emesso esclusivamente utilizzando gli speciali apparecchi misuratori fiscali previsti dalla legge. L installazione dell apparecchio deve essere effettuata da un tecnico autorizzato. L utilizzatori del registratore di cassa devono obbligatoriamente provvedere, sempre tramite tecnico autorizzato, alla periodica manutenzione e revisione dell apparecchio. Gli interventi di revisione devono essere riportati su apposito libretto fiscale in dotazione del misuratore. Il registratore di cassa deve essere fiscalizzato al momento della sua installazione e defiscalizzato al momento della disinstallazione, mediante comunicazione da far pervenire al competente Ufficio della Agenzia delle Entrate entro le successive 24 ore. Il cosiddetto scontrino fiscale parlante, è integrato con l indicazione della natura, qualità e quantità dell operazione e del codice fiscale del cliente, è idoneo a documentare le spese ai fini delle imposte dirette e a sostituire il documento di trasporto ai fini della fatturazione differita. In caso di mancata emissione dello scontrino o ricevuta fiscale, qualora siano state contestate, nel corso del quinquennio, quattro distinte violazioni, compiute in giorni diversi, viene disposta la sospensione della licenza o dell autorizzazione all esercizio della attività per un periodo da tre giorni ad un mese. Il provvedimento di sospensione è immediatamente esecutivo.

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

INDICE PREMESSA. NORMATIVA Registrazione Imposta sul valore aggiunto (IVA) Il calcolo dell IVA Le liquidazioni e i versamenti dell imposta

INDICE PREMESSA. NORMATIVA Registrazione Imposta sul valore aggiunto (IVA) Il calcolo dell IVA Le liquidazioni e i versamenti dell imposta INDICE PREMESSA ELEMENTI FONDAMENTALI DA CONOSCERE Cos è una fattura Chi deve emettere la fattura Forma e contenuto della fattura La base imponibile e le aliquote Le cessioni e le prestazioni accessorie

Dettagli

Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dott. Davide FERRE - Commercialista REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE PRODUZIONI VEGETALI E SERVIZI FITOSANITARI Ufficio formazione professionale e aggiornamento Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA VIENE UTILIZZATA DALLA GENERALITA DEI SOGGETTI PASSIVI SIA QUANDO EFFETTUANO OPERAZIONI IMPONIBILI, NON

Dettagli

Movimentazione interna delle merci: il documento di trasporto

Movimentazione interna delle merci: il documento di trasporto D.D.T. Movimentazione interna delle merci: il documento di trasporto di Francesco D Alfonso Il D.D.T. rappresenta un documento contabile di consegna emesso in relazione alla movimentazione di beni da parte

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/2015. Scissione dei pagamenti : quadro riassuntivo

CIRCOLARE N. 19/2015. Scissione dei pagamenti : quadro riassuntivo Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 11 maggio 2015. CIRCOLARE N. 19/2015. Scissione dei pagamenti : quadro riassuntivo Il meccanismo dello Split payment o scissione dei pagamenti (di seguito SP) è stato

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura:

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura: Trento, 08/01/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: fatturazione, novità dal 1 gennaio 2013 - AGGIORNATO Gentile Cliente, dal 1 gennaio 2013 ci saranno importanti novità sul fronte della fatturazione,

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IVA: EFFETTUAZIONE, ESIGIBILITA, FATTURAZIONE, REGISTRAZIONE E LIQUIDAZIONE

IVA: EFFETTUAZIONE, ESIGIBILITA, FATTURAZIONE, REGISTRAZIONE E LIQUIDAZIONE IVA: EFFETTUAZIONE, ESIGIBILITA, FATTURAZIONE, REGISTRAZIONE E LIQUIDAZIONE Analisi dei termini per ciascuna fase del ciclo IVA Esistenza di una concatenazione anche all indietro Gli adempimenti connessi

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

1 edizione. maggio 2014

1 edizione. maggio 2014 1 edizione maggio 2014 NOZIONI PRELIMINARI...12 PER COMINCIARE...13 Premessa...13 La fattura...14 Brevi cenni sull IVA...14 L IVA...19 I presupposti dell IVA...19 Presupposto oggettivo...19 Presupposto

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Rapporti con la PA - dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal privato ma versata dall ente pubblico (Legge di stabilita per il 2015 - art. 1 commi 629, 630, 632

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI

REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI Circolare N. 27 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 aprile 2011 REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI Dallo scorso 1 aprile vige l obbligo di applicazione del reverse

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Fattura e documenti connessi

Fattura e documenti connessi Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre FATTURA E DOCUMENTI CONNESSI 257 CAPITOLO 1 Fattura e documenti connessi SOMMARIO Nozione, soggetti obbligati ed esoneri.. 2010 Sez. 1 - Fattura emessa dal fornitore... 2024

Dettagli

PREMESSA 1. LA FATTURA

PREMESSA 1. LA FATTURA PREMESSA INTRODUZIONE ALLA FATTURAZIONE................................. 3 1. LA FATTURA 1.1 ELEMENTI ESSENZIALI SECONDO LE DISPOSIZIONI IVA................ 31 1.2 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE

Dettagli

Quadro VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELL IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI

Quadro VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELL IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Quadro VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELL IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI ADEMPIMENTO Il Quadro VE accoglie tutte le operazioni attive effettuate dal contribuente, siano esse imponibili,

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 1 ottobre 2013. CIRCOLARE N. 10 / 2013. AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Dall 1/10/2013 l aliquota IVA ordinaria passa dal 21% al 22%. Come da Comunicato stampa

Dettagli

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI In linea generale si ricorda che sono esenti dall imposta di bollo le fatture e gli altri documenti riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni

Dettagli

IL NUOVO REGIME DELL IVA PER CASSA

IL NUOVO REGIME DELL IVA PER CASSA IL NUOVO REGIME DELL IVA PER CASSA Il D.L. n.83/12, all art.32-bis, ha introdotto un nuovo regime che prevede la liquidazione dell Iva secondo una contabilità di cassa (c.d. regime Iva per cassa ). L entrata

Dettagli

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II RTB NETWORK Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto Parte II (Prof. Giuseppe D ANDREA) Obiettivi Proseguire l analisi della struttura dell Imposta sul Valore Aggiunto. Classificazione delle operazioni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU LA ZIONE DELL OPERATORE SHIATSU Le norme relative all emissione ed al contenuto delle fatture, per quanto concerne l attività svolta dall operatore shiatsu, sono sostanzialmente contenute nel D.P.R. 633/72

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

SOMMARIO. PARTE PRIMA pag. 17. CAPITOLO 1 DISCIPLINA DELLA FATTURA pag. 19

SOMMARIO. PARTE PRIMA pag. 17. CAPITOLO 1 DISCIPLINA DELLA FATTURA pag. 19 SOMMARIO PARTE PRIMA pag. 17 CAPITOLO 1 DISCIPLINA DELLA FATTURA pag. 19 1. PREMESSA pag. 19 2. OBBLIGO DI EMISSIONE DELLA FATTURA pag. 19 3. MOMENTO DI EMISSIONE DELLA FATTURA pag. 20 3.1 Cessione di

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

Circolare n. 13. 07 novembre 2012. Egr. Avv. Pera Via Massimo D Azeglio, 16bis 21052 Busto Arsizio (Va) Nuovo regime IVA per cassa

Circolare n. 13. 07 novembre 2012. Egr. Avv. Pera Via Massimo D Azeglio, 16bis 21052 Busto Arsizio (Va) Nuovo regime IVA per cassa 07 novembre 2012 Sede di Milano: Via G.Fara, 39 20124 Milano (MI) Tel. 02/69.00.02.69 operativo@studiocontec.it Sede di Legnano:V. C.Cattaneo, 2 20025 Legnano (MI) Tel. 0331/540.622 segreteria@studiocontec.it

Dettagli

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI Circolare n.1/2013 Milano e Roma, Gennaio 2013 LEGGE DI STABILITA 2013 A) Principali novità in materia I.V.A. - operazioni intracomunitarie e con l estero; B) Rivalutazione delle partecipazioni in società

Dettagli

di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa www.intesasanpaoloimprese.com

di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa www.intesasanpaoloimprese.com LE MODALITÀ DI CONSERVAZIONE DELLE FATTURE di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa Sommario Introduzione...3 Generazione ed invio delle fatture...4 Conservazione delle

Dettagli

Gennaio 2008 Anno IV N. 1

Gennaio 2008 Anno IV N. 1 Fisco Pratico magazine 1 Sintesi Srl 38100 Trento Via alto Adige 170 Tel. 0461-968.900 - Fax 0461-968.989 Codice Fiscale, Partita Iva e Numero iscrizione al Registro Imprese di Trento: 00 616 500 229 info@sintesiservizi.com

Dettagli

La fatturazione e L IVA. Prof. Pietro Samarelli

La fatturazione e L IVA. Prof. Pietro Samarelli La fatturazione e L IVA Prof. Pietro Samarelli La fattura 2 La fattura è il documento più importante della vendita; E obbligatoria per legge; ha una funzione fiscale (contiene il calcolo dell IVA); ha

Dettagli

PARTE DECIMA RICEVUTA, SCONTRINO FISCALE, DOCUMENTO DI TRASPORTO

PARTE DECIMA RICEVUTA, SCONTRINO FISCALE, DOCUMENTO DI TRASPORTO PARTE DECIMA RICEVUTA, SCONTRINO FISCALE, DOCUMENTO DI TRASPORTO Sezione Prima La ricevuta fiscale, lo scontrino fiscale, gli altri sistemi di controllo 1. Quale evoluzione storica ha avuto la disciplina

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti:

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti: Consulenza aziendale consulenza settore turismo elaborazione dati contabili formazione del personale Roma, 12 Gennaio 2013 CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 /2013 OGGETTO: LEGGE DI STABILITÀ 2013 NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

INDICE. CAPITOLO SECONDO L ALTERNATIVITÀ SCONTRINO-RICEVUTA 1. L alternatività scontrino-ricevuta... pag. 21

INDICE. CAPITOLO SECONDO L ALTERNATIVITÀ SCONTRINO-RICEVUTA 1. L alternatività scontrino-ricevuta... pag. 21 INDICE CAPITOLO PRIMO LA CERTIFICAZIONE DEI CORRISPETTIVI 1. L obbligo... pag. 9 2. La certificazione mediante scontrino o ricevuta... pag. 12 3. Il locale aperto al pubblico... pag. 13 4. Gli spacci interni...

Dettagli

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione A partire dal 1 gennaio 2015, per le persone fisic he che fruiranno del nuovo regime forfettario, è previsto un regime IVA analogo a quello

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI INFORMATIVA N. 241 27 OTTOBRE 2011 IVA GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI Art. 21, DL n. 78/2010 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2011, n. 24/E Documento Agenzia Entrate 11.10.2011

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

IVA RIVALSA DELL'IMPOSTA E FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI SCHEMA DI SINTESI ED INDICAZIONI OPERATIVE

IVA RIVALSA DELL'IMPOSTA E FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI SCHEMA DI SINTESI ED INDICAZIONI OPERATIVE IVA RIVALSA DELL'IMPOSTA E FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI SCHEMA DI SINTESI ED INDICAZIONI OPERATIVE di Giovanni Mocci - Dottore commercialista e revisore contabile Come noto, le disposizioni istitutive

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Maurizio De Alexandris Commercialista Revisore contabile Rossella Bernardinello Commercialista Revisore contabile Loredana Molinaro Avvocato

Dettagli

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012.

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012. Circolare n. 2/2013 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Esercizio, durata e revoca dell opzione 1 Premessa Come anticipato nella circolare

Dettagli

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali U.D. 2 Il sistema delle rilevazioni aziendali Paragrafo 7 Gli obblighi contabili delle imprese pag. 204 Paragrafo 7.2 Il regime dei contribuenti

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura Albez edutainment production Economia Aziendale I La fattura 1 La fattura E il principale documento della compravendita ed attesta l avvenuta esecuzione del contratto da parte dell impresa venditrice e

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

Dott. Rag. MORATELLI Pietro

Dott. Rag. MORATELLI Pietro Spett.li clienti Loro sedi Bolzano, 17/10/2013 OGGETTO: Invio Spesometro 2012 A pag. 6 Comunicazioni Importanti per i Clienti della Società INFOSERVICE DATI SRL L art. 21 del D.L. n. 78/2010 (poi modificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

Informative e news per la clientela di studio

Informative e news per la clientela di studio Informative e news per la clientela di studio AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Si informa che, in conseguenza del mancato rinvio dell IVA annunciato dal governo italiano nelle settimane precedenti,

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

SEDE: BRESCIA Via Sabotino n. 18/a. ERBUSCO (BS) Via Dei Colli, 19. Salò (BS) Via San Bernardino, 10

SEDE: BRESCIA Via Sabotino n. 18/a. ERBUSCO (BS) Via Dei Colli, 19. Salò (BS) Via San Bernardino, 10 STUDIO DONATI CRAPANZANO DOTTORI COMMERCIALISTI Tel.: 030.33.85.492 - Fax: 030.33.88.985 E-mail: studio@doncra.it - http://www.doncra.it p.iva e codice fiscale 02952100986 PROMEMORIA NORMATIVA MISURATORI

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Anno 2010 N. RC002 CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI

Anno 2010 N. RC002 CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI Anno 2010 N. RC002 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO CIRCOLARE DEL CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI 7/07/2010 (1 PARTE) Sintesi: si riepilogano gli aspetti

Dettagli

1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO)... 2. >> Chi deve fare la comunicazione... 2. >> Cosa comunicare... 2

1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO)... 2. >> Chi deve fare la comunicazione... 2. >> Cosa comunicare... 2 novembre 2013 ultimo aggiornamento PARTE V > SPESOMETRO, REDDITOMETRO E ALTRI STRUMENTI DI CONTROLLO 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO)... 2 >> Chi deve fare la comunicazione... 2 >>

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli