Real estate Economy Society

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Real estate Economy Society"

Transcript

1 Real estate Economy Society 10 International review of macrotrends Green city

2 Sommario 01. La città si tinge di verde Innovare conviene 35

3 01. La città si tinge di verde In Europa e nel mondo nascono quartieri pilota pensati per l ambiente

4 RES 3 di Giuseppe Roma (Censis) Le pagine di questo numero di Res sono dedicate al tema della dimensione urbana della sostenibilità. Le riflessioni sullo sviluppo sostenibile hanno ormai una storia lunga alle spalle (il rapporto Brundtland è del 1987), e non vi è dubbio che, a fronte di un concetto ormai fortemente pervasivo e persino inflazionato, vi è un certo pericolo di sconfinare nella retorica. LA CULTURA AMBIENTALE FATICA AD ENTRARE NEI PIANI DI GOVERNO Del resto la misurazione dei cambiamenti effettivi (sul fronte dei rifiuti, delle emissioni di gas serra, del consumo di suolo, del risparmio energetico, ecc) mostra che rispetto agli ambiziosi obiettivi di tanti piani e programmi si registra un certo ritardo. Tra le cause vi è al fondo una difficoltà a far diventare la cultura della sostenibilità come un caposaldo dell azione di governo, un indirizzo politico forte su cui coagulare il consenso, e da tradurre poi in atti concreti e coerenti. E necessario quindi un cambiamento culturale rilevante, anche perché per attuare credibili strategie su questo terreno occorre una progressiva e consapevole modificazione delle preferenze collettive, nella direzione di una complessiva discontinuità rispetto ai trend consolidati. LE ULTIME CATASTROFI NATURALI E NUCLEARI IN AIUTO ALLA SVOLTA La sensazione è che le riflessioni recenti seguite alla più grave crisi economico-finanziaria del secondo dopoguerra, e ad alcuni shock ambientali planetari (dal disastro petrolifero del Golfo del Messico all emergenza delle centrali nucleari giapponesi), potrebbero dare una spinta importante verso la ricerca di un modello di sviluppo che tenti di ricreare un maggiore equilibrio tra uomo e natura, tra produzione e ambiente, tra consumo e riserve. Tali criticità possono cioè diventare fattori di accelerazione non solo per una presa di coscienza effettiva della necessità di un agire più responsabile nei confronti dell ambiente, ma anche nella ricerca concerta di soluzioni possibili di uscita dalla crisi, capaci di trasformare la sostenibilità ambientale in occasione di crescita e di riequilibrio economico.

5 4 RES In questa direzione le città hanno senza dubbio un ruolo decisivo non solo in quanto luoghi di intenso consumo delle risorse, ma anche come laboratori per strategie innovative capaci di innescare processi di cambiamento culturale e strutturale. Un nuovo paradigma per lo sviluppo urbano In un contesto globalizzato come quello attuale il ruolo delle città risulta più che mai accresciuto, in quanto nodi di raccordo, di connessione ed integrazione tra scala globale e dimensione locale, luoghi in cui si raccoglie e coagula creatività e innovazione, dove è più facile realizzare sempre nuove sintesi. ESCLUSIONE SOCIALE E DEGRADO AMBIENTALE LE SFIDE DELLE CITTA Le realtà urbane tuttavia non sono solo elementi fondamentali della competizione tra sistemi economici, ma costituiscono anche i luoghi di massima concentrazione dei processi di esclusione sociale, nonché dei fattori di consumo e degrado delle risorse ambientali. Sia le problematiche della coesione sociale ed economica che quelle della sostenibilità ambientale sono dunque, in modo sempre più evidente, aspetti della questione urbana.

6 RES 5 In particolare molte delle problematiche ambientali con cui ci dobbiamo misurare oggi riguardano direttamente le città. Si pensi a: inquinamento atmosferico dovuto alla mobilità veicolare e al riscaldamento/raffreddamento degli edifici, e alterazione del clima il consumo di suolo e l impermeabilizzazione delle superfici legati ai processi di espansione urbana la produzione dei rifiuti solidi urbani gli sprechi e le carenze nell approvvigionamento della risorsa idro-potabile. LA CARTA DI AALBORG AFFIDA ALLE METROPOLI NUOVI STILI DI VITA La consapevolezza della centralità della dimensione urbana nel governare alcune variabili critiche ha spinto le aministrazioni cittadine europee nel 1994 a sottoscrivere quella Carta di Aalborg, che ha sancito che le città sono chiamate a svolgere un ruolo fondamentale nel processo di cambiamento degli stili di vita e dei modelli di produzione, di consumo e di utilizzo degli spazi. Hanno cioè un ruolo chiave nel promuovere uno sviluppo sostenibile del territorio e possono diventare i principali laboratori di sperimentazione di nuove politiche.

7 6 RES Più recentemente, in relazione agli obiettivi perseguiti dall Unione europea sul fronte del contrasto ai cambiamenti climatici (pacchetto ), attraverso il Patto dei sindaci (Covenant of Mayors), le amministrazioni di migliaia di municipalità europee si sono impegnate ad elaborare piani di azione per la riduzione dei gas serra. Nell ambito del Patto dei sindaci, l Unione europea ha poi finanziato il bando Smart cities per investire sulle città che fanno della sostenibilità ambientale l elemento di uno sviluppo duraturo e rispettoso della natura. Le città intelligenti sono quelle in grado di produrre alta tecnologia, promuovere trasporti puliti e migliorare in generale la qualità della vita dei suoi abitanti all insegna delle basse emissioni. TRA LE SFIDE PRINCIPALI RIFIUTI, ACQUA, ENERGIA E MOBILITA URBANA E dunque sempre più forte la consapevolezza che il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi sottoscritti dagli stati sul fronte della sostenibilità passi anche attraverso politiche di livello locale ed in particolare mediante un insieme di interventi organici promossi a livello delle aree urbane. Le sfide che coinvolgono le città per un riorientamento dello sviluppo urbano sono molteplici. Si articolano su più piani e riguardano in primo luogo: la riduzione dei consumi di energia ed utilizzo delle risorse rinnovabili la creazione di una mobilità sostenibile basata su un riequilibrio modale e sull uso di veicoli a bassa emissione il contenimento della dilatazione del territorio urbano che determina un eccessivo consumo di suolo agricolo ed un costante incremento del pendolarismo l abbattimento degli sprechi nell utilizzo delle risorse idriche la riduzione della produzione dei rifiuti e la gestione integrata del loro ciclo. PIU ATTRATTIVE LE CITTA CHE SAPRANNO GESTIRE LE CRITICITA AMBIENTALI Non vi è dubbio che, per attuare credibili strategie per migliorare la sostenibilità dell ambiente urbano, sia necessaria una progressiva e consapevole modificazione delle preferenze collettive, nella direzione di una complessiva discontinuità rispetto ai trend consolidati. Una discontinuità quanto mai necessaria se si considera che l obiettivo della sostenibilità ha valenza strategica per la competitività dei Paesi. Nel futuro prossimo saranno le città che meglio sapranno gestire le criticità ambientali e sociali, quelle che dimostreranno una migliore capacità di risposta strategica alle sfide imminenti, che avranno le chanche di una migliore qualità di vita e di una più elevata attrattività.

8 RES 7 Mobilità ad emissioni zero: la città elettrica La crisi della mobilità è forse l aspetto più emblematico della sfida che comporta la sostenibilità urbana. Da un lato infatti il ruolo delle città come luoghi di concentrazione di servizi superiori e di opportunità aumenta di importanza; dall altro vi è una evidente carenza dell offerta di trasporto, in termini di qualità e quantità, rispetto alle dimensioni della domanda ed alle prestazioni richieste.

9 8 RES Infatti gli spostamenti urbani ancora oggi si basano prevalentemente sull uso del mezzo individuale, mentre il trasporto collettivo, che sarebbe di gran lunga il più conveniente in termini di costi e di impatti, in molti contesti ha ancora un ruolo marginale. Ciò è particolarmente vero nel caso italiano dove lo squilibrio modale che vede l auto assoluta protagonista degli spostamenti urbani (due terzi degli spostamenti viene fattoin auto), che storicamente ci caratterizza rispetto ad altri paesi europei, è stato aggravato dalle dinamiche di dispersione residenziale. IN ITALIA TUTTI IN AUTO 60 OGNI 100 ABITANTI 49 IN GRAN BRETAGNA Il ciclo edilizio degli ultimi decenni si è indirizzato infatti in gran parte verso zone di nuova urbanizzazione, difficili da servire col trasporto collettivo, perché sparse nel territorio metropolitano e spesso lontane dalla reti esistenti, la cui accessibilità è spesso quasi esclusivamente basata sull uso del mezzo di trasporto individuale. Si è così aggravata la congestione sulla rete viaria di ingresso alle città, senza che fosse realizzato un intervento significativo per rendere più efficiente ed attraente per l utenza il trasporto su rotaia. Non stupisce dunque che oggi le città italiane siano, in Europa, quelle con un più alto tasso di motorizzazione: ben 60 auto ogni 100 abitanti, quando in Germania, Spagna e Francia circolano 50 auto ogni 100 abitanti; in Gran Bretagna 49. Più di un terzo del parco auto attuale (34,4 per cento) si trova nelle grandi aree urbane. Di qui i noti fenomeni di congestione. Tasso di motorizzazione nei Paesi europei (auto per 1000 abitanti) Italia Austria Finlandia Germania Francia Spagna Belgio Regno Unito Svezia Paesi Bassi Grecia Irlanda Repubblica Ceca Polonia Portogallo Danimarca Bulgaria Ungheria Romania Fonte: Elaborazione Censis su dati Eurostat, 2008

10 RES 9 Recenti rilevazione dell Aci hanno segnalato come romani e milanesi passino più di 500 ore l anno in macchina con un tempo medio di spostamento di circa 60 minuti, mentre i torinesi passano 450 ore l anno in auto ed i genovesi 380. Congestione che è comunque alla base non solo dell allungamento dei tempi di spostamento ma anche dell inquinamento atmosferico, dato che alle basse velocità con cui si compiono i percorsi urbani i consumi e quindi le emissioni salgono. Particolarmente drammatica è la questione delle polveri sottili: il particolato è l inquinante che oggi è considerato di maggiore impatto nelle aree urbane, ed è composto da tutte quelle particelle solide e liquide disperse nell atmosfera. I TRASPORTI URBANI PRODUCONO IL 49% DELLE POLVERI SOTTILI Tra i fattori antropici alla base dell inquinamento da polveri sottili vi sono le emissioni del riscaldamento domestico (in particolare gasolio, carbone e legna), quelle della combustione dei motori a scoppio (autocarri, automobili, aeroplani), nonché i residui dell usura del manto stradale, dei freni e delle gomme delle vetture. Secondo i dati dell Agenzia per la protezione dell ambiente, la produzione di Pm10 (polvere inalabile formata da particelle inferiori a 10 µm in grado di penetrare nel tratto respiratorio superiore e provocare malattie respiratorie croniche) in Italia deriverebbe per il 49 per cento dai trasporti. Accogliendo le direttive europee, dal 2002 anche in Italia si è identificato come limite giornaliero di Pm10 nelle aree urbane il valore di 50 µg/mc (milionesimi di grammo al metrocubo). L Unione europea ha anche fissato il limite di 35 giornate/anno in cui i livelli delle polveri Pm10 possono superare la soglia fissata. 19MILA VITE SALVATE OGNI ANNO ELIMINANDO LE MICROPARTICELLE Nel 2010 sono stati ben 48 i capoluoghi di provincia italiana fuorilegge rispetto a tale soglia. Come è noto in una città come Milano il problema è particolarmente stringente: in alcuni giorni vi sono zone della città in cui si supera quota 100, il doppio del limite consentito dall Unione europea, mentre il bonus sulla qualità dell aria di 35 giorni nel 2011 è stato superato dopo soli 40 giorni dall inizio dell anno. Peraltro nel 2008 l Unione europea ha adottato una nuova direttiva che detta limiti di qualità dell aria con riferimento anche alle Pm2,5 (25 mcg/mc valore di riferimento che si riferisce alla media annuale) che sono particelle piccolissime che rimangono sospese più a lungo nell atmosfera e raggiungono più facilmente le parti profonde dell apparato respiratorio. Un recente studio internazionale sugli effetti dell inquinamento atmosferico coordinato dall Istituto Francese per la Sorveglianza della Salute Pubblica (InVS) e co-finanziato

11 10 RES dall Ue (progetto Aphekom) ha evidenziato che se le più grandi città europee rispettassero il limite di concentrazione di Pm 2,5 raccomandato dall Organizzazione mondiale della Sanità (10 mcg/mc), si salverebbero 19mila vite all anno, risparmiando 31,5 miliardi di euro in costi per la sanità e l assenteismo dal lavoro. ANIDRIDE CARBONICA: DAI PRIVATI IL 57% DEL SETTORE TRASPORTI In particolare lo studio condotto su 25 città europee ha evidenziato che solo Stoccolma si colloca sotto al limite dei 10 mcg/mc di Pm2,5, con 9,4 mcg/mc; la città è poi seguita da Dublino (10,5 mcg/mc) e da Malaga (12,8 mcg/mc). In fondo alla classifica troviamo Atene (29) Barcellona (27) Budapest con 33,7 mcg/mc e Bucarest con 38,2 mcg/mc. Roma si posiziona a metà classifica con 21,4 mcg/mc Ma il settore dei trasporti è sul banco degli imputati anche sul fronte del riscaldamento globale, essendo il secondo per maggior rilascio di CO2, dopo quello dell energia. In particolare le emissioni di anidride carbonica prodotte da autovetture private rappresentano il 57 per cento di tutte le emissioni di CO2 prodotte dal settore dei trasporti. La legislazione comunitaria, con gli obblighi imposti nella costruzione di veicoli, ha consentito un notevole abbattimento dei fattori di emissione. Tuttavia la costante crescita del parco auto (da 50 auto ogni 100 abitanti nel 1991, alle attuali 60) ha in parte ridimensionato gli effetti positivi dell innovazione tecnologica introdotta, aggravando la congestione. LE AUTO ELETTRICHE NON SONO SUFFICIENTI A RISOLVERE I PROBLEMI I due terzi del parco auto attuale (cioè 23,9 milioni di auto) sono costituiti da auto ante 2006 cioè da veicoli di classe Euro 0,1,2 e 3. Non vi è dubbio quindi che per rendere più sostenibili le nostre città sarà necessario modificare profondamente le modalità di spostamento all interno delle aree urbane. In Italia, in particolare, si sconta la mancanza di un progetto unitario del territorio e della mobilità in cui siano centrali le potenzialità del trasporto collettivo integrato (strada-ferrovia). Il passaggio dall attuale condizione di squilibrio modale ad un modello di mobilità caratterizzato da una maggiore integrazione/ combinazione delle diverse forme di trasporto e da un ridimensionamento dell uso dell auto privata, richiede politiche organiche e coraggiose. In sostanza è necessario lavorare su almeno tre fattori: il potenziamento del trasporto pubblico locale (con corsie riservate e vie preferenziali, sistemi di integrazione tariffaria, strumenti per l infomobilità) l adozione di strumenti di pianificazione (come Piani urbani della mobilità) di area vasta e improntati alla sostenibilità il completo rinnovo tecnologico del parco circolante con la rottamazione delle vetture obsolete e l introduzione di vetture a basso impatto ambientale.

12 RES 11 Riguardo quest ultimo aspetto è interessante notare quanto si sta muovendo sul fronte della diffusione dell auto elettrica, da molti ritenuta una soluzione interessante per abbattere l inquinamento da polveri sottili. A PARIGI IL CAR-SHARING SARA ELETTRICO E IN TUTTE LE STAZIONI Per ora su questo fronte siamo alle sperimentazioni locali.i problemi come è noto riguardano in primo luogo le infrastrutture per la ricarica, la loro diffusione e la loro standardizzazione. Dopo il successo riscosso a Lione anche a Parigi è in fase di avvio il progetto Autolib, una sorta di car sharing su quattro ruote pensato sulla falsa riga del Velib, il sistema di biciclette pubbliche utilizzato da quasi parigini. Autolib, che partirà dall autunno del 2011, fornirà ai parigini circa auto elettriche, una cifra che potrebbe crescere dopo l apertura del servizio nel mese di settembre Il funzionamento di Autolib prevede il noleggio della vettura in una delle mille stazioni presenti a Parigi e dintorni, e la possibilità di prenotare un parcheggio nella stazione di arrivo: l sistema permetterà infatti di consegnare la vettura anche in una stazione diversa da quella da cui è stata prelevata. Con il car-sharing gli utenti avranno il posteggio assicurato nelle stazioni per la condivisione. Le auto utilizzate saranno alimentate da una batteria ai polimeri di litio metallico creato per permettere una percorrenza di circa 250 chilometri. La ricarica di queste batterie avrà bisogno di circa quattro ore per un pieno. I costi saranno piuttosto contenuti: a fronte di un abbonamento mensile di circa 12 euro, il costo del noleggio sarà di 2 euro all ora. Inizialmente il progetto sarà attivo a Parigi, ma poi si diffonderà anche in 50 comuni limitrofi alla capitale. A BERLINO TRA BREVE 50 COLONNINE PER LA RICARICA La sperimentazione si basa sulla considerazione che nella capitale francese il pubblico potenziale è elevato dato che il 56 per cento dei parigini non possiede un automobile e, quelli che la possiedono in media la tengono parcheggiata per il 95 per cento del tempo. Tanto che si stima che il 26 per cento dei parigini pensi concretamente a rinunciare alla propria auto a causa dell alto costo, dei problemi di parcheggio e dell utilizzo infrequente. Anche a Berlino si punta decisamente sull auto elettrica: il governo della città-stato, vuole raggiungere l obiettivo di 100mila auto di qui al Vattenfall, il colosso svedese dell energia che controlla l azienda berlinese dell elettricità, prevede in poco tempo di installare 50 colonnine. Sono previsti a breve incentivi per chi attrezza il garage con prese di corrente d adeguata potenza, ed il coinvolgimento delle aziende automobilistiche (come Daimler che già produce nel quartiere di Marienfelde le propulsioni per la Smart elettrica, o Continental che concentra a Berlino ricerca e sviluppo per le batterie).

13 12 RES Uno dei tre atenei berlinesi, la Technische universitaet, si occuperà di organizzare un network dei centri di ricerca, mentre l ex aeroporto di Tempelhof diventerà un parco di pro va dei nuovi veicoli. REGGIO EMILIA PRIMA CITTA ELETTRICA DEL CONTINENTE Sperimentazioni significative sono in corso anche in Italia, in particolare a Reggio Emilia e Parma. A Reggio Emilia premiata come prima città elettrica d Europa già nel 2003, sono 250 le auto elettriche che ogni giorno attraversano le strade del centro storico. All inizio l uso dell auto elettrica (il mini furgoncino Porter della Piaggio) ha riguardato il comune e le aziende di servizi ad esso legate, estendendosi poi ad altre tipologie di soggetti (farmacie, polizia, vigili del fuoco, associazioni di categoria, infine imprese, negozi, artigiani) ed infine anche i privati cittadini grazie alla possibilità dell eco-noleggio a lungo termine. Non c è bisogno di carburante, i parcheggi sono gratuiti, ci si muove liberamente con facile accesso al centro, e le spese di gestione (assicurazione, bollo, revisione), manutenzione ordinaria/straordinaria e assistenza stradale sono comprese nel costo di noleggio. A PARMA MILLE VEICOLI ED ENTRO IL COLONNE DI RICARICA Simile l iniziativa che sta per decollare a Parma con il progetto Zero Emission City, dove saranno stanziati 9 milioni di euro per acquistare mille veicoli elettrici e realizzare 300 colonnine di ricarica entro il Concentrazione media di polveri sottili Pm 2,5 in alcune città europee Bucarest Budapest Atene Barcellona Lubiana Valencia Siviglia Vienna Roma Granada Brixelles Marsiglia Lille Strasburgo Lione Parigi Bordeaux Bilbao Tolosa Londra Dublino Stoccolma Fonte: progetto Aphekom

14 RES 13 Le vetture elettriche saranno date in parte in dotazione al comune per la gestione dei servizi pubblici, in parte utilizzate all interno del già esistente servizio di car sharing cittadino. Il comune stesso darà un incentivo ai cittadini che vorranno iscriversi al car sharing elettrico, ed il costo all utente dovrebbe aggirarsi intorno ai 400 euro al mese (tutto incluso). A fronte di tale spesa il parcheggio in città sarà gratuito, si avrà libero accesso nelle Ztl e si potranno utilizzare le corsie preferenziali. Il risparmio energetico nella nuova edilizia In un certo senso si può dire che i non brillanti risultati delle grandi conferenze mondiali sul cambiamento climatico hanno avuto come contraltare una forte spinta verso un economia low carbon a livello di politiche locali. Molte amministrazioni cittadine fanno dell attenzione alla sostenibilità il tratto distintivo non solo della propria azione di governo ma dell immagine complessiva della città. NELL UNIONE EUROPEA IL 42% DELL ENERGIA SI CONSUMA NEGLI EDIFICI Non mancano in Europa esempi di città che hanno scelto di fissare obiettivi virtuosi da raggiungere su questo fronte. Amburgo, ad esempio, che ha ricevuto il premio Green capital 2011, è impegnata a ridurre le proprie emissioni di CO2 del 40 per cento entro il A Monaco è stata fissata una roadmap verso un sistema a bassa intensità di carbonio in termini molto stringenti e si calcola che entro il 2030 la città avrà tagliato del 50 per cento le emissioni rispetto al Ad Amsterdam entro il 2015 tutte le nuove costruzioni saranno ad emissioni zero. Si può dire che si sta gradualmente affermando una nuova cultura dell abitare, in cui l uso corretto delle risorse in un ottica di sostenibilità delle trasformazioni diventa il principio cardine del progetto e non un mero vincolo di cui tenere conto. In questa ottica i cambiamenti da introdurre nei prossimi anni riguardano anche le caratteristiche prestazionali del bene casa. Il patrimonio edilizio concorre infatti ad alimentare i consumi energetici soprattutto a causa della climatizzazione invernale ed estiva, ed è sempre più diffusa la consapevolezza della necessità di incorporare le tematiche del risparmio energetico nel processo costruttivo. Secondo le stime dell Unione Europea, il 42 per cento dei consumi energetici è rappresentato dalla gestione termica degli edifici residenziali e del terziario. Negli edifici residenziali almeno il 68 per cento dei consumi energetici è dovuto al riscaldamento degli ambienti, l 11 per cento alla produzione dell acqua calda sanitaria, il 5 per cento per usi cucina, e circa il 16 per cento per usi elettrici, illuminazione elettrodomestici, condizionamento.

15 14 RES Peraltro le tecnologie edilizie per la realizzazione di abitazioni più parsimoniose dal punto di vista energetico sono già disponibili da molto tempo: grazie ad esse è possibile ridurre fino all 80 per cento le emissioni di anidride carbonica prodotte dal riscaldamento e dai sistemi di produzione dell acqua calda. LA CARTA DI AALBORG IMPEGNA GLI EUROPEI A COSTRUIRE VERDE La Certificazione energetica degli edifici è applicata nel nord Europa a partire dagli anni ottanta: è il caso della Svezia che per quanto concerne i requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici già nel 1942 aveva adottato una legislazione in materia, aggiornata poi successivamente. Anche la Danimarca ha attivato la certificazione energetica e le procedure di calcolo molto prima dell entrata in vigore della Direttiva europea. La stessa Carta di Aalborg del 1994 sulla sostenibilità urbana impegnava le amministrazioni cittadine europee a promuovere l utilizzo di edifici efficienti. Sfruttando questa positiva esperienza, l Unione europea ha emanato la direttiva 2002/ 91/ CE che ha imposto l applicazione di requisiti minimi in materia di rendimento energetico agli edifici di nuova costruzione o alle ristrutturazioni di una certa dimensione, nonchè l introduzione dell obbligo della certificazione energetica. A partire dal 2005 gradualmente tutte le normative nazionali di settore hanno recepito tali indicazioni e si può affermare che oggi la situazione europea è più o meno omogenea. RECEPITE SOLO NEL 2009 LE DIRETTIVE UE EMANATE NEL 2002 Quanto all Italia, la direttiva è stata recepita con un decreto nel 2005 (n 192) ma solo nel 2009, sono state varate anche le Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici. Essendo passati cinque anni dal Dlgs 192 a quando sono giunte le linee guida, nel frattempo varie regioni d Italia hanno adottato delle proprie norme come attuazione per la redazione dell Attestato di certificazione energetica (Ace). In quest ambito la Provincia autonoma di Bolzano si è sempre distinta come apripista dell innovazione. In particolare il progetto CasaClima, inizialmente nato dalla esigenza di adempiere alla direttiva europea poi convertita in normativa provinciale, si è tradotto prima in un metodo di certificazione energetica degli edifici (2002) e poi ha dato luogo all agenzia omonima, una struttura pubblica indipendente che si occupa della certificazione energetica degli edifici. Ad oggi l`agenzia CasaClima ha certificato oltre edifici, distribuiti su tutto il territorio nazionale. Recentemente la Provincia Autonoma di Bolzano ha introdotto una norma che impone per le nuove costruzioni un fabbisogno energetico inferiore a 50 kwh/mq.

16 RES 15 Ciò significa che da aprile 2011 la classe B (classe tra 30 e 50 kwh/mq/anno) costituisce lo standard minimo nelle nuove costruzioni. E da ricordare che nel 2005 la stessa Provincia Autonoma aveva fissato la classe C come standard minimo per le nuove costruzioni. IL 90% DEGLI EDIFICI CONSUMA TROPPO: 22 LITRI DI GASOLIO A MQ E importante ricordare che mentre i nuovi edifici tengono conto delle normative più recenti, la stragrande maggioranza del parco edifici presente sul territorio nazionale è composto da edifici ad alto consumo energetico (che rientrano nella classe più bassa, la G). I dati del ministero dello Sviluppo economico indicano infatti che quasi il 90 per cento del patrimonio edilizio italiano ha un fabbisogno energetico di circa 22 litri di gasolio per metro quadro abitato. I consumi si possono considerare su 200kWh/mq/anno al nord e 150kWh/mq/anno nel sud del Paese.

17 16 RES Ecoquartieri ed ecocittà Negli ultimi anni, per iniziativa delle amministrazioni pubbliche, soprattutto nel nord Europa si sono moltiplicati i progetti innovativi in materia di progettazione urbana sostenibile a scala di quartiere. GLI INSEDIAMENTI PILOTA CHE CONSUMANO MENO ACQUA, SUOLO, ENERGIA Contenimento del consumo di suolo attraverso il recupero di aree dismesse, uso di materiali da costruzione riciclati, riduzione del consumo energetico degli edifici al fine di limitare le emissioni, risposta al fabbisogno di energia elettrica attraverso l autoproduzione con tecniche pulite, ottimizzazione e chiusura del ciclo delle acque, climatizzazione basata su misure passive, sono tutti elementi che si stanno introducendo e sperimentando negli insediamenti pilota. Tra i casi più famosi: Hammarby Sjöstad (8mila appartamenti) a Stoccolma, che nasce come quartiere autosufficiente dal punto di vista energetico grazie allo sfruttamento di fonti pulite e rinnovabili. Il sistema di raccolta pneumatica dei rifiuti è una parte fondamentale del programma di sostenibilità del quartiere: grazie ad un sistema di riciclaggio a circuito chiuso, gli abitanti contribuiscono fino al 50 per cento dell energia necessaria semplicemente producendo rifiuti, mentre il restante 50 per cento deriva da altre fonti pulite: pannelli solari, centrali idriche ed eoliche. Ad Hammarby le cucine funzionano con la combustione della spazzatura domestica, trasformata in biogas, mentre l acqua calda e l energia elettrica viene autoprodotta con i pannelli solari; UN QUARTIERE DI MALMO USA L ACQUA PIOVANA E HA UN GIARDINO SUI TETTI Augustenborg a Malmo, piccolo quartiere innovativo racchiuso tra due strade ad alta percorrenza. Orti comuni e numerose altre attività sociali riuniscono gli abitanti, sensibilizzandoli attorno al tema della natura, dell ecologia, delle energie rinnovabili. L area è attrezzata per il compostaggio: vi sono 13 miljöhus (casette ecologiche per la raccolta differenziata dei rifiuti dove gli abitanti producono compost), l acqua piovana è raccolta e depurata attraverso 6 chilometri di canali e aree di infiltrazione. Un giardino botanico di metri quadrati è stato realizzato sui tetti delle abitazioni; BedZed (Beddington Zero Emission Development), realizzato tra il 2000 e il 2002, è un piccolo insediamento pilota progettato dall architetto Bill Dunster a Sutton a sud di Londra. I materiali naturali e riciclati provengono da un raggio di 60 chilometri.

18 RES 17 Le case sono tutte dotate di pannelli fotovoltaici e di convogliatori d aria per garantire il ricircolo dell aria, in quanto le finestre non possono essere aperte per far sì che il calore nei mesi invernali non venga disperso. L acqua piovana e l acqua di scarico vengono raccolte e depurate e usate dagli abitanti del quartiere per irrigare le piante. Nel quartiere sono presenti stazioni di servizio dotate di impianti per ricaricare le auto elettriche, e funziona un servizio di car-sharing; A FRIBURGO DAL MILA ABITANTI VIVONO IN UNA EX CASERMA Il quartiere Vauban a Friburgo, nella Germania sud occidentale, si è sviluppato sull area di una ex caserma ed ora ospita cinquemila abitanti in duemila appartamenti. Ha preso vita nel 1996 grazie al Project group Vauban, supportato dalla consulenza dei cittadini, cioè del Forum Vauban. I lavori sono terminati nel 2009, con l obiettivo di accogliere per lo più giovani famiglie. Un impianto di cogenerazione alimentato esclusivamente da trucioli di legno e gas naturale è agganciato alla rete del riscaldamento, mentre la riduzione del 60 per cento delle emissioni di CO2, è garantita dalla coibentazione e dall efficienza dell utilizzo del calore.

19 18 RES Gli impianti solari sviluppano il 65 per cento dell energia prodotta. L acqua piovana viene raccolta ed utilizzata per le case e per l irrigazione del terreno. KRONSBERG (HANNOVER) DIVENTATA LABORATORIO DI EDILIZIA SOSTENIBILE Vi sono appena150 auto ogni mille abitanti, non essendovi parcheggi di fronte le abitazioni, ma solo nella periferia del quartiere in zone che si raggiungono a piedi dalle abitazioni. La maggior parte dei residenti si sposta in bicicletta o prende il tram che collega Vauban al centro di Friburgo. Esiste un servizio di noleggio auto ed un sistema di car-pooling. Il quartiere Kronsberg, ad Hannover per 15mila abitanti si sviluppa in occasione dell Expo 2000 su un area attigua a quella dell Esposizione. Nasce come una sorta di laboratorio di edilizia sostenibile da una progettazione partecipata che ha coinvolto l amministrazione cittadina e una trentina tra progettisti e costruttori edili. Gli edifici hanno consumi energetici molto ridotti e l acqua piovana non viene raccolta nella rete fognaria. Lungo le strade, in prossimità delle case e delle grondaie sono stati realizzati 11 Km di solchi drenanti, lasciati a verde. Poco lontano dal quartiere sono state installate tre torri eoliche di potenza 300 kw, 1500 kw e 1800 kw; GWL Terrain ad Amsterdam, piccolo insediamento (625 appartamenti) realizzato negli anni novanta su un area che ospitava la società municipale di gestione delle

20 RES 19 acque, è stato progettato come quartiere completamente car free. Appena 130 i parcheggi disponibili per i residenti (uno ogni quattro abitazioni), che sono peraltro esterni all insediamento. AD AMSTERDAM E NATO UN QUARTIERE CAR-FREE CHE SI SCALDA COL SOLE Ciò in virtu di una buona accessibilità al trasporto pubblico, piste ciclabili di collegamento con la città e la vicinanza alla stazione centrale (10 minuti in bicicletta). Funziona inoltre un sistema interno di car sharing e solo il 20 per cento dei residenti possiede un auto. Gli appartamenti sono serviti da una piccola centrale di cogenerazione e scambiatori di calore e sono orientati in modo da massimizzare gli apporti naturali del riscaldamento solare. I tetti verdi presenti sulle coperture dei blocchi principali consentono di migliorare l isolamento e ridurre il deflusso superficiale delle acque, mentre una rete idrica duale riutilizza l acqua piovana negli scarichi delle toilette. Esperimenti interessanti sono in corso anche in Italia, e in questo panorama si distingue senz altro Bolzano, città da sempre attenta ai temi del risparmio energetico e della progettazione sostenibile. In particolare la realizzazione del nuovo eco-quartiere Casanova (941 alloggi per circa persone) prevede una forte attenzione ai temi dell energia, della mobilità e delle risorse idriche.

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

Citta sostenibili e ecoquartieri Andrea Poggio,vicedirettore Legambiente onlus Caserta, novembre 2013

Citta sostenibili e ecoquartieri Andrea Poggio,vicedirettore Legambiente onlus Caserta, novembre 2013 Citta sostenibili e ecoquartieri Andrea Poggio,vicedirettore Legambiente onlus Caserta, novembre 2013 1 Il territorio urbanizzato è il 2% delle terre emerse. Nelle città 80% del valore economico, tre quarti

Dettagli

ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. 6 giugno, ore 14.30, Milano

ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. 6 giugno, ore 14.30, Milano ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. 6 giugno, ore 14.30, Milano ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. Rigenerazione sostenibile delle città e dei territori

Dettagli

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi

Dettagli

Progettare l ambiente urbano, costruire citta sostenibili e post-automobilistiche Maria Berrini

Progettare l ambiente urbano, costruire citta sostenibili e post-automobilistiche Maria Berrini Progettare l ambiente urbano, costruire citta sostenibili e post-automobilistiche Maria Berrini Presidente AMBIENTE ITALIA Istituto di Ricerche Milano, 16 febbraio 2009 DALLA VISIONE ALL AZIONE, il cambiamento

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia Città in movimento Oltre 3.200 governi locali negli ultimi 15 anni hanno aderito

Dettagli

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Il 1 febbraio 2008, Dexia e l istituto di ricerche Ambiente Italia hanno presentato

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

DOSSIER D.Lgs 311 e 192. Schermature Solari

DOSSIER D.Lgs 311 e 192. Schermature Solari DOSSIER D.Lgs 311 e 192 Schermature Solari Governo italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri È stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri di oggi, il decreto legislativo che modifica

Dettagli

La gestione dell energia nelle grandi metropoli. alessandropalazzo

La gestione dell energia nelle grandi metropoli. alessandropalazzo alessandropalazzo Il consumo energetico mondiale: 80% energia di orgine FOSSILE 13% energie RINNOVABILI 7% energia NUCLEARE Immagine satellitare della concentrazione in atmosfera di ossidi di azoto Un

Dettagli

Le ragioni ambientali

Le ragioni ambientali Intervento Alex Pratissoli (Comune di Reggio Emilia) Il Progetto ECOABITA Il successo di una iniziativa come la certificazione energetica degli edifici, passa attraverso la creazione di parternariati fra

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi.

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Città in movimento Oltre 3.200 governi locali che negli ultimi 15 anni hanno aderito alla Campagna Europea a alla Carta di Aalborg. A Maggio la 6 Conferenza

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Con la partecipazione del

Con la partecipazione del Con la partecipazione del Treno Verde 2012 La vera generosità verso il futuro consiste nel donare tutto al presente. Albert Camus Il futuro è già qui Un viaggio attraverso la sostenibilità ambientale:

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Valutazione. Ambientale. Strategica

Valutazione. Ambientale. Strategica Valutazione Ambientale Strategica 07 ANALISI E VALUTAZIONE SULLO STATO DI FATTO SOMMARIO SOMMARIO... 2 7 ANALISI E VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 VAS MORBEGNO SOMMARIO 07-2 7 ANALISI E VALUTAZIONE

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI Forlì, 15 giugno 2009 Premessa Nel 1800 meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1900 erano 150 milioni le persone

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità.

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità. Scheda : Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Modena Adozione: 22 luglio 2008 Riguarda il territorio provinciale Referente INU per la scheda: Fatima Alagna. Direttivo INU Emilia Romagna

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

Il quartiere svedese di Hammarby Sjostad: un esempio di governance urbana al servizio della sostenibilità e della qualità estetica

Il quartiere svedese di Hammarby Sjostad: un esempio di governance urbana al servizio della sostenibilità e della qualità estetica Il quartiere svedese di Hammarby Sjostad: un esempio di governance urbana al servizio della sostenibilità e della qualità estetica Arrivando ad Hammarby Sjostad non si ha l impressione di essere vicini

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

Forum Internazionale Lo sviluppo delle Smart Cities e dei Green Ports nell area mediterranea

Forum Internazionale Lo sviluppo delle Smart Cities e dei Green Ports nell area mediterranea 1 Forum Internazionale Lo sviluppo delle Smart Cities e dei Green Ports nell area mediterranea CONVEGNI E WORKSHOP della manifestazione programma preliminare 12 e 13 Novembre 2012 Palazzo di Ateneo e Centro

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e,

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e, I principali riflessi del Libro bianco sulla mobilità regionale, locale e urbana in Italia Carlo Carminucci, Isfort Roma, 17 giugno 2011 Dove eravamo rimasti: la mobilità locale nella programmazione europea.

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità Roma, martedi 27 aprile 2004 L esperienza italiana nel contesto internazionale Gestori Circuito I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il Car sharing in Italia è

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Angelo Tartaglia 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 1 Fabbisogno energetico crescente + 1,95% all anno in 25 anni 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 2 Mobilità:

Dettagli

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE uno sviluppo che soddisfa le esigenze del presente senza compromettere la possibilità delle future generazioni di soddisfare le proprie Relazione Bruntland Garantire la qualità

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Il Comune di Rozzano 12,5 kmq 40.502 abitanti (31/12/08) 73 km strade comunali 6 km strade provinciali 4 km

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio Tesi di laurea triennale in Architettura per il progetto, Politecnico di Torino; Candidata: Elisa Sirombo Relatore: Guglielmina

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI)

E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI) GLI ITALIANI, LA MOBILITA E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI) Le aree metropolitane Per la prima volta, la ricerca si concentra anche sulle grandi aree metropolitane, oltre che sull intera popolazione

Dettagli

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE ing. Carlo Costa Bolzano, 22 settembre 2011 LA SITUAZIONE ENERGETICA MONDIALE Consumo mondiale

Dettagli

IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE

IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE IL CAR SHARING, UNA NUOVA MOBILITA PER LE AZIENDE La presente pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con Clickutility On Earth. Il CVO non

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Salute e sicurezza nella città contemporanea

Salute e sicurezza nella città contemporanea Ambiente costruito e città sane: Salute e sicurezza un binomio possibile? 7 meeting italiano Città Sane - OMS Salute e sicurezza nella città contemporanea Federico Oliva Modena, 3 dicembre 2008 1. La città

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

Il treno, amico del clima

Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima IL TRENO PROTEGGE IL CLIMA Il treno è il mezzo di trasporto che più di tutti rispetta l ambiente e il clima. Produce basse quantità di gas serra, consente

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

Questionario Elezioni comunali Torino 2016

Questionario Elezioni comunali Torino 2016 Questionario Elezioni comunali Torino 2016 1) MOBILITÀ (A livello accademico è opinione condivisa che sia un elemento imprescindibile limitare l accessibilità alle auto per poter fare una politica efficace

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Nota stampa del 17 luglio 2010. Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive

Nota stampa del 17 luglio 2010. Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive Nota stampa del 17 luglio 2010 Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive Le dinamiche demografiche, secondo gli ultimi dati Istat indicano in Sardegna una popolazione residente di 1.672.404,

Dettagli

Sostenibilità energetica nello sviluppo urbano della città di Parma

Sostenibilità energetica nello sviluppo urbano della città di Parma PIANO ENERGETICO COMUNALE 2005 L.10/91 art.5, comma 5 Sostenibilità energetica nello sviluppo urbano della città di Parma aprile 2006 la fabbrica del sole srl nuove energie per risparmiare Piano Energetico

Dettagli

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE CONTRIBUISCI A CREARE UNA CITTÀ MIGLIORE. PASSA A CLEANPOWER. www.cleanpowerenergia.it LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network. Energinnova. Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici

WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network. Energinnova. Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici Polo Tecnologico per l Energia Energinnova Padova, 11/10/2013 Eurosportello del

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Una sfida da vincere

Una sfida da vincere Energia fonti e tecnologie IL PIANO ENERGETICO COMUNALE SOLARE Una sfida da vincere L energia solare valorizza le nostre case e contribuisce a migliorare l ambiente di Nino Bosco NOVEMBRE DICEMBRE 2006

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

Ecoabita. Lo standard edilizio ad alta efficienza energetica e qualità dell edilizia

Ecoabita. Lo standard edilizio ad alta efficienza energetica e qualità dell edilizia Ecoabita Lo standard edilizio ad alta efficienza energetica e qualità dell edilizia Ing. Alex Lambruschi Tavolo Tecnico Ecoabita - Comune di Reggio Emilia Ragioni ambientali sociali ed economiche Reggio

Dettagli

Con la partecipazione del

Con la partecipazione del Con la partecipazione del Siete pronti per un inedito viaggio in una vera e propria smart city su rotaie? Benvenuti a bordo del Treno Verde 2013, una speciale mostra che ci conduce, carrozza dopo carrozza,

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

risparmio, utilizzo, produzione di energia

risparmio, utilizzo, produzione di energia Produzione e utilizzo efficiente di energia, risparmio energetico e riduzione delle dispersioni. Sono temi fortemente d attualità, sia per la nuova costruzione che per la ristrutturazione che oggi possono

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro.

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Reti intelligenti Reti intelligenti Generalità Una rete elettrica intelligente è in grado di integrare le azioni di tutti gli attori connessi, produttori

Dettagli

Casi di studio SUPSI. Autori: Paola Caputo

Casi di studio SUPSI. Autori: Paola Caputo Casi di studio Autori: Paola Caputo Fonti: Strategie e modelli di efficienza energetica alla scala urbana Report 2 Casi di Studio A cura del Dip. BEST del Politecnico di Milano 1 Introduzione Sommario:

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Dipartimento XII - LL.PP. e Manutenzione Urbana V Unità Organizzativa Servizio Impianti Termici RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Le elaborazioni qui contenute riguardano i dati che derivano dalle attività

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

AMBURGO (Germania), nominata European Green Capital Award 2011 Dimensione: 1.8 milioni di abitanti (4 milioni nell area metropolitana)

AMBURGO (Germania), nominata European Green Capital Award 2011 Dimensione: 1.8 milioni di abitanti (4 milioni nell area metropolitana) AMBURGO (Germania), nominata European Green Capital Award 2011 Dimensione: 1.8 milioni di abitanti (4 milioni nell area metropolitana) Una grande metropoli europea, impegnata per la protezione del clima

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli