o.lpeaafe Casa SoC{ìeT)() aecea Sofferenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "o.lpeaafe Casa SoC{ìeT)() aecea Sofferenza"

Transcript

1 o.lpeaafe Casa SoC{ìeT)() aecea Sofferenza t. Istitulo di Rlcovcro c C:ura a Carattere SCientifico frccs Vialr Cappuccini, I SlIn Giovanili Rotondo (FG) SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE Lazzaro di Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono contenute nel sangue periferico e nel midollo osseo e che sono capaci di generare le cellule del sangue (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine). Il sangue cordonale può essere utilizzato, come il midollo osseo e le cellule staminali del sangue periferico, per effettuare il trapianto in pazienti affetti da molte malattie ematologiche (leucemie, linfomi) e da malattie genetiche quali ad esempio l'anemia mediterranea o Morbo di Cooley. II SCO raccolto al momento del parto viene conservato presso una Banca pubblica di SCO, che ha come suo obiettivo prioritario conservare le unità che sono donate e che rispondono a precisi requisiti di qualità, per renderle disponibili per il trapianto di pazienti italiani e stranieri che, con questa preziosa risorsa, potrebbero essere sottoposti ad un trattamento terapeutico che dia loro una reale possibilità di guarigione. Le Banche, che operano nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), oltre che raccogliere e conservare le donazioni solidaristiche del sangue cordonale, conservano il SCO per uso dedicato, cioè in tutti quei casi in cui esso può essere utilizzato per un membro della famiglia affetto da una patologia curabile con le cellule staminali emopoietiche, oppure nel caso in cui nell'ambito della famiglia stessa vi sia un elevato rischio di malattie genetiche, che potrebbero riguardare futuri figli. Queste prestazioni, a fronte della presentazione di motivata documentazione clinica, sono offerte dalle Banche senza alcun onere economico per il paziente e la sua famiglia. La raccolta e la conservazione del sangue di SCO, per tutte le finalità suindicate, potrà essere effettuata solo a fronte della sottoscrizione da parte Sua e del Suo partner, ove possibile, di un consenso informato. L'unità, se rispondente ai requisiti necessari per poterla impiegare a fini terapeutici, verrà sottoposta ad una serie di esami e resa disponibile per la selezione da parte di Centri di Trapianto italiani ed esteri. Qualora l'unità risulti compatibile con un paziente in attesa di trapianto, l'unità sarà rilasciata dalla Banca al Centro Trapianti per questo scopo. Il SCO è un prodotto biologico di origine umana e può pertanto trasmettere malattie infettive quali l'epatite B, l'epatite C, l'aids e la sifilide oltre ad altri possibili agenti infettivi. Per tale ragione è necessario che Lei e il Suo partner, ove possibile, vi rendiate disponibili ad un colloquio individuale strettamente riservato con un medico specialista o con personale sanitario adeguatamente formato, che raccoglierà la Sua storia clinica, quella del Suo partner e quella delle Vostre famigl ie. Le chiediamo di compilare un apposito questionario, che contiene anche domande relative al comportamento sessuale, a cui la preghiamo di rispondere al fine di escludere qualunque possibile fattore di rischio comportamentale potenzialmente implicato nella trasmissione di tali infezioni. Il medico specialista o il personale sanitario accerterà anche il Suo stato di salute ed il decorso della gravidanza al fine di escludere, al momento del colloquio, la presenza di qualsiasi elemento predisponente a condizioni di rischio per Lei e il Suo bambino al momento del parto. Le condizioni ostetriche dovranno in ogni caso essere rivalutate nell'imminenza del parto. Codice Documentc! revisione Data emissione emesso n,oag 11II::', O:=--,=-B=-:::: ----=O-'-(.' ---'1_-=G_,-''-=! 0,-=-2=-:0---,'---, 'B=-:a=--nc-=c=-'"_C::c-=0,-=rdc-=0",na=--Ie=--' ---'1--=1['------

2 ! - r Osp~aaf:e Casa S(;C{iCTJO -iecr.a.s()ffcr;n~a J- scheda-inf-ormativa-relatlvaalla g,:~,:;g-ilii,-.---:, 1 d' R ' C' S -j'- 11'(' 's DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE f...~~' ':1 \,lliuto I lcovcw c l ura a aratlcrl', Clcntl lco, l, CORDONALE - ~,. -"illl_r_c~i_pi_)lj_cc_in~_1_-7~1_(}1_3_s_al_l GiOVll~I:~~~(~~:~_::': \'ljn",:.i UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE i.... _..... _ _...,gi'et!cj~lc :f?cjt!:_l{jzzl1'(}cju:" Clll''' ~. Al fine di garantire la totale sicurezza del SCO è necessario che Lei acconsenta a sottoporsi, al momento del parto e a distanza di 6-12 mesi dal parto stesso, ad un prelievo di sangue per l'esecuzione dei test relativi alle malattie trasmissibili sopra dette, compresi i test relativi all'infezione da HIV; deve inoltre dare la sua disponibilità a documentare, quando le sarà richiesto dalla Banca, le condizioni di salute del suo bambino (certificato del pediatra, libretto pediatrico, ecc) e a comunicare alla Banca l'eventuale insorgenza nel bambino di qualsiasi malattia rilevante, per consentire alla Banca stessa di effettuare le opportune valutazioni rispetto all'unità donata. Queste informazioni sono molto importanti per decidere se utilizzare per trapianto il SCO donato. Sul sangue materno, così come sul SCO raccolto, saranno effettuati degli esami indispensabili per valutare la compatibilità; sul sangue cordonale, inoltre, sarà effettuata la ricerca di alterazioni congenite dell'emoglobina (emoglobinopatie) e potranno essere effettuati test aggiuntivi per la ricerca di ulteriori malattie genetiche, solo se espressamente richiesti dal Centro Trapianto e il cui esito Le sarà comunicato se utile per la salute di Suo figlio. Un campione del Suo sangue verrà conservato dalla Banca ed eventualmente utilizzato per ulteriori esami qualora richiesti dal Centro Trapianti. E' possibile che il Suo campione di sangue congelato venga trasferito al Centro Trapianti per effettuare presso i propri laboratori gli esami che si rendessero necessari al fine dell'uso terapeutico del SCO. Se i test di laboratorio fornissero esito positivo, sarà cura della Banca informarla tempestivamente, nel rispetto della privacy e dei codici deontologici, in modo assolutamente riservato, comunicarle il destino della Sua donazione e fornirle tutte le spiegazioni del caso. La donazione del SCO è totalmente volontaria e potete richiedere la consulenza di un medico di Vostra fiducia prima di sottoscrivere il consenso informato. In ogni caso, prima della raccolta, potrete ritirare la Vostra adesione in qualsiasi momento. La scelta di non partecipare o di ritirarvi da questo programma non richiederà giustificazioni da parte Vostra né comporterà discriminazioni da parte dei sanitari nè influenzerà in alcun modo le cure necessarie a Voi e al Vostro bambino. In caso di donazione solidaristica, successivamente alla raccolta, il consenso non potrà essere ritirato e Lei non potrà avanzare alcun diritto sull'unità di sangue cordonale. Alcune delle domande che Vi verranno poste sono di natura personale e possono causare imbarazzo; potete leggere le domande del questionario di idoneità prima di decidere se partecipare. Potrete richiedere in qualsiasi momento informazioni riguardo alla disponibilità e/o eventuale utilizzo dell 'unità SCO da Voi donata e potrete richiedere informazioni circa gli studi di ricerca scientifica effettuati dalla Banca, anche se non strettamente utili per la Vostra salute. In caso di sopraggiunte esigenze di un utilizzo clinico intrafamiliare e disponibilità dell'unità SCO da Voi donata, quest'ultima sarà messa a Vostra disposizione dietro richiesta di un sanitario e riscontro di compatibilità, senza costo alcuno per Voi. Avete diritto ad una copia del Consenso Informato da Voi sottoscritto. Il materiale biologico donato e tutti i dati relativi alla donazione si intendono utilizzabili esclusivamente per quanto sottoscritto nel Consenso Informato. Codice Documento I revisione Data emissione emesso n.d8g IVie 05 Be C-2D1~ Banca Cordonale 2/6

3 -, ) Il.. I Ospcd:afe Casa Soffizrm tfefja Sofferen;;;a.TicHEDA,NFORMA';IVA...':';'::';;;. 'LLA---m :---! Istllulo di Rlco\cro c ( ura n Carattere SClcnttflcO mccs DONAZIONE ~~~~~~~~: DI SANGUE ~ É, Yillir Clippl/crini. J S,1O Giovllnni Rotondo (F(,) +, l'' l.ir:lnt;\""(", 'l --l. UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE J?Jr/?!!()c/?: ld?~o)~ttt di Mauro RACCOLTA, BANCAGGIO, CONSERVAZIONE E UTILIZZO DEL SCO Raccolta. Il SCO può essere raccolto esclusivamente in parti spontanei a termine non complicati (~ 37 settimana di gestazione) e nei parti cesarei di elezione da personale sanitario addestrato e qualificato; la raccolta richiede pochi minuti e viene effettuata senza modificare le modalità di espletamento del parto, dopo che il cordone è stato reciso e dopo che il bambino è stato allontanato dal campo operativo e affidato alle cure che gli sono dovute. La procedura di raccolta non comporta pertanto alcun rischio né per la madre né per il neonato e prevede il recupero del sangue rimasto nel cordone in un 'apposita sacca. La sacca e tutti i materiali utilizzati sono sterili e validati per l'uso specifico; le procedure attuate garantiscono il rispetto di elevati livelli di sicurezza e sono strettamente monitorate. Bancaggio e conservazione. L'unità viene trasferita presso la Banca di SCO e sottoposta a una serie di controlli ed esami per definire le caratteristiche del sangue raccolto e stabilirne l'idoneità alla conservazione e all'uso terapeutico. Vengono bancate esclusivamente le unità cordonali che rispondono ai requisiti di qualità e sicurezza definiti dalle leggi vigenti, con l'obiettivo di offrire unità sicure ed efficaci. L'unità verrà bancata solo se tutti gli esami infettivologici saranno risultati negativi e se al suo interno è contenuto un numero minimo di cellule, tale da rendere utilizzabile il campione a scopo trapiantologico. Se valutato idoneo, il SCO viene congelato secondo procedure che ne garantiscono la vitalità a lungo termine e conservato allo stato congelato a temperature bassissime, in azoto liquido (-196 C), in contenitori di stoccaggio costantemente monitorati tramite un sistema di registrazione e di allarme. Tutte le procedure sono rigorosamente documentate per garantire la rintracciabilità del SCO e la sua immediata disponibilità nel caso di richiesta da parte di un Centro che ha in cura un paziente che necessita di un trapianto di cellule staminali. Utilizzo. I dati relativi all'unità SCO sono inseriti in un Registro Internazionale di Donatori di cellule staminali, nel quale sono identificabili solo attraverso un codice. Nel Registro l'unità di SCO può essere selezionata e risultare compatibile con un paziente. In questo caso l'unità viene inviata ed utilizzata per il trapianto di cellule staminali emopoietiche. BENEFICI ATTESI 1. Per Voi e per il/la Vostro/a bambino/a: l'opportunità e la soddisfazione di compiere "un grande atto di solidarietà", dal momento che con la donazione del sangue cordonale è possibile salvare la vita ad un bambino o ad un adulto, affetti da patologie curabili con il trapianto di cellule staminali emopoietiche; il contributo alla costituzione di un inventario di unità SCO a scopo trapiantologico può rappresentare un beneficio per il donatore stesso dal momento che l'unità conservata potrebbe comunque essere ancora disponibile nel caso in cui, in ambito familiare, si delineasse la necessità di un suo utilizzo e che, tra tutte le unità conservate, potrebbe essere identificata un'unità compatibile; Codice Documento revisione Data emissione emesso :- n.oag. MO 05 Be Ov" D11 Banca Coraonale -=3:...::/f

4 I Ospeaa[e Casa ~S'o[fieTlo -aec~ Sofferenza -scheda INFO-RMATIVA-RELATIVAALLA -----;:-.;;';u;;~<;:---- -:1 Isilluto di R1CO\Cro e (uma Caratterc SCll'ntlfico mcc s DI SANGUE "illie Cappuccini, SUII GiOHllllli Rotondo (Ho) M: :: ldonazione ~;~~~~~I~: fa~.~~:i \. I 'f,,/'jn.ii'ou\ J UNITA'OPERATIVA-tilt-éCiiCiivli. TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE ~..I Direttore: Dott. Lazzaro di Mauro -:.. ' o _,._ _. _._ _._..,.._.._ _._.., *......_ _ _..._._._.... _....._ _ _.._.,._ la disponibilità dell'unità SCO per il Vostro bambino o altri familiari (fratello/sorella HLA ~ compatibile) in caso di bisogno, se ancora non utilizzata per altri pazienti. In questi casi il sangue ~ cordonale conservato verrà messo a Vostra disposizione. Nel caso in cui l'unità fosse già stata cc. f[ utilizzata, ma sia stata confermata la compatibilità HLA tra il bambino e il familiare che necessita del ~ - trapianto, le cellule staminali possono essere prelevate in alternativa dal midollo osseo o dal sangue::. periferico. Se invece fosse il bambino ad ammalarsi, le Sue cellule staminali raccolte alla nascita ~ potrebbero già presentare i marcatori di malattia e quindi non essere utilizzabili per la terapia della ~ stessa. È comunque possibile l'attivazione dei Registri Internazionali dove sono disponibili oltre: unità di sangue cordonale e oltre di donatori tipizzati. 2. Per la società: la possibilità di trapiantare numerosi pazienti affetti da gravi patologie curabili con il trapianto di ~ cellule staminali emopoietiche che non trovano un donatore in ambito familiare o all'interno dei = Registri Internazionali di Midollo Osseo. la disponibilità di importanti risorse biologiche necessarie per studi di ricerca, qualora acconsentiate ~. < a mettere a disposizione l'unità donata, risultata non idonea per le finalità terapeutiche, per la ricerca. RISCHI E POSSIBILI DISAGI 1. Per la mamma ed il neonato: La raccolta del SCO è assolutamente indolore, sicura e non invasiva per la mamma e per il neonato. : La raccolta viene effettuata da personale sanitario professionalmente qualificato mediante formazione.. documentata, mentre altri sanitari prestano alla mamma e al neonato assistenza che è, in ogni caso,: prioritaria. 2. Per la mamma: Il prelievo di sangue venoso periferico materno per i test infettivologici è di pochi millilitri: disagi -o che il prelievo Le potrà arrecare sono lievi e del tutto analoghi a qualsiasi prelievo di sangue. ~.. ALTERNATlVE Le possibili alternative al programma di donazione allogenica a fini solidaristici sono: non adesione al programma di donazione (autoesclusione per motivi personali, sanitari, religiosi): in tal ~ caso il SCO di Vostro figlio verrà scartato insieme con la placenta e gli annessi, nei comuni rifiuti sanitari. conservazione del SCO di Vostro figlio in Banche Private all'estero per uso autologo e/o intrafamiliare : mediante procedura di esportazione prevista dalle nonnative vigenti. La conservazione per uso autologo ;. non è consentita in Italia perché non è sostenuta da evidenze scientifiche e non rappresenta un livello ~ essenziale di assistenza. Tutti i costi relativi a questa procedura sono a carico della coppia richiedente. Codice Documento revisione Data emissione --r emesso n.oag '-- M.:.:..=:.O-'O:..::5-'B::..:C"---_--L O::..:C --' 1 0'--10-'-2:..:.0 1_': ----' 8_a_nc-=~_C o_rd_on_a_ie 4,é-=6 _ ~

5 _ 0 00._ O,ipec!a[e Casa So[[iei)O c!erra,)offerenza SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE c \slilllio di Riwwro c Cura a Carallerc Sclt'ntlrico IHCCS CORDONALE Vìalr Cappuccini, l Sun Giovanni Rotondo (FGI UNITA' OPERATIVA MEDICINA CORDONALE._...._o._o_.o 0 0 _ !?i~t:tt!?n~: DeOette..:'."Loo_z,z,.a:.:"ro:o..d..i Mo:.u ::..r:.:o.. _ _ _0._ 'o.. _0_ o. Nel caso in cui le analisi rilevassero che l'unità di SCO non è idonea per fini terapeutici, l'unità potrà essere eliminata, oppure, se Lei acconsente, utilizzata per scopi di ricerca. RICERCA SCIENTIFICA E ALTRI POSSIBILI UTILIZZI DELLE UNITÀ NON IDONEE PER IL TRAPIANTO La Sua donazione, se non rispondente ai requisiti di qualità indispensabili per l'uso trapiantologico, può rappresentare una importante risorsa anche per scopi di ricerca. Le unità già indirizzate alla conservazione per fini trapiantologici potranno essere utilizzate per scopi di ricerca soltanto nel caso che, per eventi imprevisti, esse risultassero non più idonee alla conservazione. L'eventuale utilizzo a scopi di ricerca potrà riguardare: Gontrol1i di qualità, tecniche di c.onservazione, c-onge.!amento e scongelamento, ricerca di base ed applicata nel campo ematologico, trapiantologico e trasfusìonale. Il sangue cordonale sarà utilizzato esclusivamente dalla Banca oppure, se Lei acconsente, da altri gruppi di ricerca collegati alla Banca che operino in conformità alla normativa vigente e alle linee guida di riferimento sull'etica della ricerca scientifica. L'eventuale trasferimento ad altri Centri per scopi di ricerca riguarderà esclusivamente il campione biologico irreversibilmente anonimizzato: non verranno trasferiti i dati personali né Suoi, né di Suo/à figliola. I dati personali rimarranno invece conservati, con le dovute protezioni, dalla Banca di provenienza, dove soltanto il personale autorizzato avrà la possibilità di accedervi. In nessun caso il campione biologico sarà ceduto a soggetti terzi per scopi di lucro. Eventuali risultati scientificamente rilevanti saranno dunque anonimi e diffusi come tali ed in forma aggregata. Le ricerche non avranno mai scopo di lucro. Né Lei, né Suola figliola trarranno vantaggi dalle ricerche stesse. COSTI E COMPENSI Non ci saranno spese a Vostro carico né compensi per la donazione a fini solidaristici. La prestazione sanitaria viene garantita come prestazione istituzionale nell'ambito dei Livelli Essenziali di Assistenza. CONSENSO Se Lei è favorevole alla donazione di SCO, Le chiediamo di acconsentire alla raccolta sottoscrivendo il modulo di consenso. Le ricordiamo che il consenso non potrà essere ritirato dopo la raccolta. Separatamente, Le viene proposta anche la possibilità di consentire l'utilizzo per scopi di ricerca nel caso in cui il SCO non risulti idoneo alla conservazione o qualora il campione perdesse l'idoneità all'utilizzo terapeutico. In quest'ultimo caso, Lei ed eventualmente Suola figliola (quando raggiunga la capacità di esprimere un consenso consapevole) potranno ritirare il consenso limitatamente per tale utilizzo: in tal caso il campione che perdesse l'idoneità ad utilizzi terapeutici sarà eliminato e non utilizzato per ricerche. Codice Documento revisione Data emissione emesso n.pag. MD 05 BC DI1 Banca Cordonale 5/6

6 O.)peaa[e C;~.~~ ~5~{CieT)O ac{w Sofférenza 1 sgi~~i:eo~i~:i~~~it~i~~slea '. Istituto di Rieovt'fO c Cura a Carattere Scientifico /RCCS ~.J~~~, 1 Viale Cllppllcr.ini, I Sun Giovlllllli Rotondo (FGI I CORDONALE :'(.~(JNt; M'Il fuc,..)",...._.._.. L...-._._._..._...._ UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE..._.... _. _.... [)!!IOt!C!!e:.P.c!.tt, ~'!~~'!f!>ç!i rvj'!'!cc!...._... _....! La sottoscrizione del Consenso non costituisce obbligo per il personale sanitario a effettuare la raccolta e non possiamo garantire che il SCO di Vostro/a figliola venga raccolto e conservato; nonostante la professionalità e tutto l'impegno del personale e le garanzie di sostenibilità del programma da parte delle strutture sanitarie coinvolte, possono infatti verificarsi condizioni cliniche (la priorità in sala parto è rappresentata dall'assistenza alla madre e al bambino), procedurali e organizzative che non consentono la raccolta elo la conservazione dell'unità. I ULTERIORI INFORMAZIONI Questo documento è stato redatto in conformità ai principali documenti di etica e ai codici di deontologia medica. Qualunque sia la Vostra decisione, Vi ringiaziamo per la disponibilità. L'eventuale adesione è un atto sociale che offre speranze di cura e di vita e che potrebbe contribuire alla ricerca scientifica. Tutte le informazioni saranno trattate nel rispetto della normativa italiana sulla tutela dei dati personali (Decreto legislativo 196/2003 e successivi provvedimenti). Per qualsiasi ulteriore informazione potrà rivolgersi al Responsabile della Banca Cordonale Regione Puglia Dr. Lazzaro di Mauro, tel Codice Documento revisione Data emissione emesso n.pag MO 05 SC DO 10-1D-2011 Banca Cordonale 6/6

7 I t7,--= :,..-':-----::::------:c-=~-_=_=_---., _r_-----, Ospedale Casa SOlIie7JO aella Sofferenza Consenso alla raccolta./a ~"...(;U~,o~. Istituto di Ricpvcm (~ Cura a Carattere Scientifico JRCCS di unità SCO "'7. Vhile CapJluccini~.l San Giovanni notondo (.Ff.;) ~.. E u.o. Medicina Tras!usioanle/Banco Cordonale per donazione allogenica 't,~": Direttore: Dott. Lazzaro di Mouro afini solidaristici ~~()Nn,'IC'~ Form SCOIOI (VII/3feb.201J )no: _ Data: _/_/ Codice identificativo dell'unità SCO assegnato dalla banca:. lo sottoscritta:.. in qualità di madre, nata a: prov: il:.. residente in Via, n Città. prov CAP:... telefono n.: cellulare n lo sottoscritto.. in qualità di padre, nato a: prov:... il:.. residente in Via, n Città.. prov CAP: telefono n.: cellulare n acquisite le informazioni riportate nella "Scheda Informativa" (Allegato A-sco) e dopo essere 5tato/a informato/a: dichiaro di essere statalo informatalo delle possibilità di impiego del sangue da cordone ombelicale; ho compreso le informazioni e ho potuto effettuare domande ed ottenere chiarimenti; ho compreso che il rifiuto alla raccolta non comporterà conseguenze per la qualità dell'assistenza; ho compreso che la procedura di raccolta del sangue da cordone ombelicale non comporta rischi per la madre e per il bimbo; ho compreso che la raccolta può essere effettuata sia dopo parto fisiologico sia dopo parto cesareo; ho compreso che l'unità, se idonea, verrà messa a disposizione dei pazienti nazionali ed internazionali che necessitano di trapianto; ho compreso che non trarrò alcun vantaggio o diritto dalla donazione; acconsento ad essere intervistatalo per la raccolta dell'anamnesi personale e familiare e, se necessario, ad essere ricontattatalo per fornire ulteriori informazioni; acconsento a sottopormi ad un prelievo di sangue venoso, sul quale verranno effettuati i test prescritti dalla legge per la sicurezza della donazione di sangue, inclusi i test per HIV e ad essere informata qualora venga evidenziata una positività sierologica (solo per la madre); acconsento a che un campione del mio sangue venga conservato dalla Banca ed utilizzato per test aggiuntivi qualora richiesti dal Centro Trapianti; acconsento a che i test siano eseguiti anche su un campione della sacca di sangue da cordone ombelicale; acconsento ad essere ricontattatalo per il controllo che deve essere effettuato dopo il parto per fornire informazioni sullo stato di salute del bambino; acconsento a comunicare alla Banca variazioni sullo stato di salute di mio figlio. Data:. Firma della Madre. Firma del Padre (se disponibile):.. Dati di individuazione del sanitario che ha proweduto all'informazione, acquisizione del consenso e verifica dell'identità: Cognome e nome Qualifica. Repartollstituto Tel! Fax. Data:... Firma.

8 r-~=--'----::-:=------=----::-:::;------::-:: r ' :-----' Ospetiafe Casa SO[[ic1)O dé[ca Sofferenza Consenso,~~"GU~(o' Istituto di Ricovero c Cura a Carattere Sci('ntifico IRCCS J()~a'\ Viale (~a!)puccilli. I San Giovanni Ilotondo (FG) all'utilizzo per ricerca ~ -. ;,J della unità SCO non idonea U.O. Medicina TrastusioanleJBanca Cordonale '~"/O'''''_' àll(\\~'" Direttore: Dott. Lazzaro di Mauro ", Form SC010l (Vi i/3feb.2011 )n : Data: _/_/ * lo sottoscritta:,.. in qualità di madre, nata a: prov: il:.. residente in Via, n Città. prov CAP:... telefono n.: cellulare n lo sottoscritto. in qualità di padre, nato a: prov: il:.. residente in Via, n Città. prov CAP: telefono n.: cellulare n. . acquisite le informazioni riportate nella "Scheda Informativa" (Allegato A-sco) e dopo essere stato/a informato/a che: il materiale biologico prelevato potrà essere conservato presso la Banca ; il campione che non sia idoneo (o che perda l'idoneità) per la conservazione a fini terapeutici, potrà essere utilizzato, qualora io acconsenta, a scopo di ricerca; sarà garantita la tutela dei dati personali, nelle modalità previste dalla legge; l'eventuale partecipazione è volontaria; per ulteriori informazioni potrò rivolgermi al responsabile della banca cordonale: Dr. Tel:. autorizzo non autorizzo l'eventuale utilizzo del materiale biologico per studi o ricerche scientifiche, negli ambiti indicati nella scheda informativa; autorizzo non autorizzo l'eventuale trasferimento, a scopo di ricerca e in forma anonimizzata, del materiale biologico ad un Centro collegato alla Banca. Data:. Firma della Madre.. Firma del Padre (se disponibile):.. ** Dati di individuazione del sanitario che ha provveduto all'informazione, acquisizione del consenso e verifica dell'identità: Cognome e nome Qualifica. Reparto/Istituto Tel/ Fax. Data:. Firma. *qualora i dati siano uguali a quelli riportati nel consenso alla donazione, riportare solo nome e cognome della madre e del padre. **qualora il medic%peratore sanitario sia lo stesso che ha raccolto il consenso alla donazione riportare solo nome, cognome e finna. 62a donazione è anonima; volontaria e non retnbuzta

9 . \, Ospeaafe Casa 's'o[[ie'()o dé[[a Sofferenza istitljt<> di Ric<>vcro c Cura a Carattere' Scie'ntifico mccs Viale Caplluccini, I San Giovauni notondu (1"(;) U.O. Medicina Trasfusiaan/e/Banca Cordonale Direttore: Dott. Lazzaro di Mauro Consenso informato - Trattamento dei dati personali- Form SCOlOl (VI 1/3 feb )no: _ Data: _/_/ Nota informativa Ai sensi del decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 recante "Codice in materia di protezione dei dati personali", La informiamo che i dati personali Suoi e di Suola figliola saranno archiviati elettronicamente. Tali dati sono indispensabili per la conservazione del materiale biologico e per l'inserimento nel registro dei campioni biologici disponibili. Le uniche persone che potranno accedere, in caso di necessità, ai dati, sono (nome): Nessun dato personale o sensibile sarà trasferito a terzi. Consenso * lo sottoscritta:,,,. in qualità di madre, nata a:,prov: il:.. residente in Via, n Città. prov CAP: telefono n.:,. cellulare n. e-mai!.. lo sottoscritto o.. in qualità di padre, nato a: prov: il:.. residente in Via, n Città. prov CAP: telefono n.: o cellulare n.. . acquisite le informazioni relative al trattamento dei dati personali e sensibili: autorizzo non autorizzo il trattamento dei dati personali e sensibili che riguardano me stessalo e miola figliola. Data:. Firma della Madre.. Firma del Padre (se disponibile):.. ** Dati di individuazione del sanitario che ha proweduto all'informazione, acquisizione del consenso e verifica dell'identità: Cognome e nome.., 0 Qualifica o Repartollstituto.Tell Fax. Data:. Firma. *qualora i dati siano uguali a quelli riportati nel consenso alla donazione, riportare solo nome e cognome della madre e del padre. -qualora il medic%peratore sanitario sia lo stesso che ha raccolto il consenso alla donazione riportare solo nome, cognome e firma. ff2a- donazione è anonima; volontaria e non retnbulta

10

11 i...._ '~'-----nspeiare Casa SolTzevo tfetra Soffe1vnza [---.. : I.stilllt<! di RJC(~\?10 e Cura a ~arat:?r\;' SC1~ntlflc() IRCC:S, ANAMNESI PER LA DONAZIONE DI \ 11I1(' ( llppuccilil. I Slin (,u,,'anol Rotondu (H,) SANGUE PLACENTARE I L o UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE L..... Direttore: Dott. Louaro di Mauro.._. "'_H_~_._i Data presunta parto Codice a barre della Donatrice Data effettiva parto A) Centro di raccolta B) Madre del neonato: Cognome Nome Luogo e Data di nascita Gruppo sanguigno Telefono Via CAP Città Professione C) Padre del neonato: Cognome Nome Luogo e Data di nascita Gruppo sanguigno Professione D) Ori2ine etnica Madre Padre E) LU020 di nascita della madre (nazione o se Italia regione) Caucasica Luogo di nascita del padre (nazione o se Italia regione) Asiatica Luogo di nascita del nonno materno (nazione o se Italia regione) Nera Luogo di nascita della nonna materna (nazione o se Italia regione) Ispanica Luogo di nascita del nonno paterno (nazione o se Italia regione) Altro Luogo di nascita della nonna patema (nazione o se Italia regione) 1. Anamnesi materna No Non SI Note so l. E' stata adottata? Non raccogliere, se la storia della famiglia di origine è sconosciuta, 2. Esiste un grado di parentela fra lei e il padre del neonato (es. cugini)? Se stretta non raccogliere. 3. Ha già donato il sangue placentare? 4. E' donatrice di sangue? 5. Se donatrice di sangue, è stata sospesa dalla donazione? Indicare motivo. 6. E' a contatto o ha ingerito sostanze tossiche (oro, cianuro, piombo, mercurio, -- altre)? Se si, specificare tipo e quantità. 7. E' fumatrice? Quante sigarette al giorno? 8. Beve alcolici cronicamente? Se SI, non raccogliere. 9. Negli ultimi 3 anni è stata all'estero? Dove? Quando? Al ritorno ha avuto febbre o altri sintomi? IO: Ha soggiornato nel Regno Unito, per un periodo di oltre 6 mesi, nel periodo dal Se SI non effettuare la raccolta al 1996? Il. Ha soggiornato nell'ultimo mese prima del parto nelle aree a rischio per il WNV (anche per una sola notte). 12. Si è sottoposta ad agopuntura, tatuaggi indelebili, piercing? Quando? Se sono trascorsi meno di 4 mesi non effettuare la raccolta. 13. E' stata sottoposta a vaccinazione anti-rabbica negli ultimi 12 mesi? Se SI, non raccogliere. 14. Nell'ultimo mese è stata sottoposta a vaccinazione con vaccini da virus vivi ed Se SI, non raccogliere. attenuati (morbillo, parotite, febbre gialla, poliomielite orale, rosolia, BCG)? 15. Nelle ultime 72 ore è stata sottoposta a vaccinazione con vaccini da virus, Se SI, non raccogliere. batteri e tossoidi inattivati/uccisi, vaccini dell'epatite A o B, anti-rabbia in seguito a morso, o iposensibilizzanti per allergie? 16. E' venuta a contatto con sangue di altre persone negli ultimi 12 mesi? Se SI non effettuare la raccolta. 17. Ha avuto comportamenti sessuali a rischio negli ultimi 12 mesi (partner Se SI.non effettuare la raccolta. occasionali, tossicodipendenti)? 18. Lei o il suo partner avete fatto uso di droghe pesanti (eroina, cocaina) o steroidi Se SI non effettuare la raccolta. od ormoni a scopo di culturismo? Specificare quando, tipo e quantità. :'odlce Documentc revisione :Jaté em/ss/onf emesso r,.per;: MQ 01 Be '< Banca Cordonaie 1/:

12 =l OspeaaCe Casa So[[ie'vo dé[fa,s:;qtrei-enzaj:'-- \.ale (allpucclm, l San (.U"lIJ1111 Rotuodo (1«,) SANGUE PLACENTARE ~.,:. I /rj.lvjl 'f\\(~'", j... _.. _.... _._. ----_ ---_ -- _ :... 1 UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE i Direttore: Dott. Lazzaro di Mauro! t; \ "ljli"~gq"~;-]!.slitllt? di Ric~v7ro e Clini a~~arat~rl~ Sci~miJico lrc(:,~ ANAMNESI PER LA DONAZIONE DI ~~. '..E" j 1. Anamnesi materna No Non so SI Note 19. Ha fatto uso di droghe leggere? Specificare quando, tipo e quantità. Non raccogliere se uso abituale o assunzione in gravidanza. 20. Il partner attuale o precedente ha fatto uso di droghe leggere? Specificare Non raccogliere se uso abituale. quando, tipo e quantità. 21. E' mai stata seriamente ammalata? Specificare quando e tipo di malattia con Se presenza di malattie genetiche particolare attenzione per malattie genetiche o a eziologia sconosciuta. non effettuare la raccolta. 22. Soffre di malattie autoimmuni? Quali? Se SI non effettuare la raccolta. 23. E' affetta da coagulopatie congenite(in omozigosi) o acquisite? Se SI non effettuare la raccolta. I 24. Ha allergie a farmaci? Se meno di 12 mesi dall'ultima esposizione, non raccogliere. 25. Soffre di malattie del sistema nervoso (epilessia, poliradiculonevrite, miopatie, Se SI non effettuare la raccolta. sclerosi a placche, TiA, malattie psichiatriche, aneurismi cerebraii)? 26. Soffre di ipertiroidismo, ipotiroidismo su base autoimmune, diabete insulino- Se SI non effettuare la raccolta. dipendente, iperparatiroidismo, ipo/ipercorticosurrenalismo, insufficienza I ipofisaria, iperlipidemie essenziali, emocromatosi? N.E. L'assunzione di eutirox! controindica la raccolta solo se la tireopatia è su base autoimmune. 27. E' affetta da malattie ematologiche ereditarie (deficit ereditari dei globuli rossi, Se SI non effettuare la raccojta. delle piastrine e dei leucociti) o acquisite (leucemie o linfomi)? 28. Si è sottoposta a procedure endoscopiche, cateterismi? Se SI, quando? quale? Se meno di 4 mesi fa, non! effettuare la raccolta. 29. Si è sottoposta a interventi chirurgici maggiori?quali? Se meno di 6 mesi fa, non effettuare la raccolta.! 30. Si è sottoposta a interventi chirurgici minori (es. asportazioni di lipoma)? Se meno di 1 mese fa, non effettuare la raccolta. I 31. Ha effettuato cure odontoiatriche? N.B. Estrazioni e devitalizzazioni vengono Se meno di 1 settimana dalla fine considerati interventi chirurgici minori. della terapia, non raccogliere. 32. Soffre o ha sofferto di neoplasie maligne? Ha effettuato chemioterapia? Se SI non effettuare la raccojlta. Specificare. 33. E' affetta da malattie cardiocircolatorie(aritmie, cardiopatie ischemiche, Se SI non effettuare la raccolta. miocarditi, aneurismi)? 34. Soffre di malattie gastroenterologiche ( transaminasi elevate, cirrosi, crohn, Se si non effettuare la raccolta. I colite ulcerosa, ulcera peptica recidivante, pancreatine cronica)? 35. Soffre di malattie renali (insufficienza renale, agenesia renale, rene policistico Se SI non effettuare la raccoha. congenito, glomerulonefriti, infarto renale, nefrolitiasi)?! 36. E' stata sottoposta a trasfusioni di sangue o emoderivati? Quando? quante? Se entro 12 mesi non raccogliere 37. E' stata sottoposta a trapianto d'organo, tessuto o cellule (inclusi trapianti di Se SI non effettuare la racco)ta. cornea, sclera e dura madre), xenotrapianti? Quale? Quando? 38. E' stata sottoposta a trattamento con ormone della crescita non ricombinante o Se SI non effettuare la raccolta. altri estratti ipofisari?, 39. E' mai stata affetta da epatite A, B, C, AIDS? Positività per HIV o Se epatite B, C, AIDS o positività sifilide?specìficare malattia e quando. per HIV o sifilide non raccoglien 40. Negli ultimi 12 mesi è stata affetta da malattie a trasmissione sessuale quali Se SI, non raccogliere. I sifilide, clamidia, herpes genitale, HPV o condìlomatosi, lìnfogranuloma venereo, mycoplasma genitalis, altro? Specificare quando e tipo. 41. E' mai stata affetta da altre malattie infettive quali, brucellosi, TBC, febbre Q, Non raccogliere, se trascorsi osteomielite, febbre reumatica? Specificare quando e tipo. meno di 2 anni dalla guarigione. 42. Ha vissuto in zone malariche nei primi 5 anni di vita o per 5 anni consecutivi? Se trascorsi meno di 3 anni dal (Non raccogliere se in passato affetta da malaria). ritorno, non effettuare la raccolta. 43. E' mai stata affetta da malattia di Creutzfeldt-Jakob o da demenza di origine Se SI non effettuare la raccolta. sconosciuta? 44. Il partner attuale o precedente è stato affetto o è portatore di una delle malattie precedentemente elencate? Specificare quando e tipo di malattia., Codice Documento revisione Date emissione emesso n.pao. M001BC anca Cordonale 215

13 , Ospecfafe Casa So{(ie,vo ae{fa.se?ffe1-enza E Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scknlifico IH.CCS Vilile CapJluccìni, l San Giovllnni Rotondo (FG) --- ANAMNESI PER LA DONAZIONE DI SANGUE PLACENTARE _ '"._,.,.", _.., _ ", _._"..._." "_. "' "", "',.._,_""." _. "..... H'_._. _.._ _,,... _ _...._, _., _ UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/SANCA CORDONALE Direttore:.Dott. Lauaro di Ma.u:::.".::.o.., 2. Anamnesi paterna No Non SI Note, so N. B. Rivolgere le domande direttamente al padre del neonato, se non è possibile rivolgere le domande alla madre 1. E' stato adottato? Non raccogliere, se la storia della famiglia di origine è sconosciuta. 2. E' donatore di sangue? 3. Se donatore di sangue, è stato sospeso dalla donazione? Indicare motivo. 4. E' fumatore? Quante sigarette al giorno? 5. Beve alcolici cronicamente? Se SI non effettuare la raccolta.. 6. Negli ultimi 3 anni è stata all'estero? Dove? Quando? AI ritorno ha avuto febbre o altri sintomi? 7. Ha soggiornato nel Regno Unito, per un periodo di oltre 6 mesi, nel periodo dal 1980 al 1996? 8. Si è sottoposto ad agopuntura, tatuaggi indelebili, piercing? Quando?, 9. E' venuto a contatto con sangue di altre persone negli ultimi 12 mesi? lo. E' stato sottoposto a vaccinazione anti-rabbica negli ultimi 12 mesi? I I 11. Ha avuto comportamenti sessuali a rischio negli ultimi 12 mesi (partner Se SI, non effettuare la raccolta. occasionali/tossicodipendenti)? 12. Ha fatto uso di droghe pesanti (eroina, cocaina) o steroidi od ormoni a scopo di Se SI, non effettuare la raccolta. culturismo? Specificare quando, tipo e quantità. 13. Ha fatto uso di droghe leggere? Specificare quando, tipo e quantità. 14. Il partner attuale o precedente ha fatto uso di droghe pesanti (eroina, cocaina)? Specificare quando, tipo e quantità. 15. Il partner attuale o precedente ha fatto uso di droghe leggere? Specificare quando, tipo e quantità. 16. E' mai stato seriamente ammalato? Specificare quando e tipo di malattia con Se presenza di malattie genetiche particolare attenzione per malattie genetiche o a eziologia sconosciuta. non effettuare la raccolta. 17. E' affetto da malattie ematologiche ereditarie (deficit ereditari dei globuli rossi, Se SI non effettuare la raccolta. delle piastrine e dei leucociti) o acquisite (leucemie o linfomi)?quali? 18. E' affetto da coagulopatie congenite (in omozigosi) o acquisite? Se SI non effettuare la raccolta. 19. Soffre o ha sofferto di neoplasie maligne? Ha effettuato chemioterapia? Se SI non effettuare la raccolta. Specificare. 20. Soffre di malattie autoimmuni? Quali? Se SI non effettuare la raccolta. 21. Soffre di ipertiroidismo, ipotiroidismo su base autoimmune? N.B. L'assunzione Se SI non effettuare la raccolta. di eutirox controindica la raccolta solo se la tireopatia è su base autoimmune. 22. E' stato sottoposto a interventi chirurgici? Se SI, quando? quale?, 23. E' stato sottoposto a trasfusioni? Se SI, quando? quante? 24. E' stato sottoposto a trapianto d'organo, tessuto o cellule (inclusi trapianti di Se SI non effettuare la raccolta. cornea, sclera e dura madre), xenotrapianti? Quale? Quando? 25. E' stato sottoposto a trattamento con ormone della crescita non ricombinante o Se SI non effettuare la raccolta. altri estratti ipofisari? 26. E' mai stato affetto da epatite A, B, C, AIDS? Positività per HIV o Se epatite B, C, AIDS o positività sifilide?specificare malattia e quando, per HIV o sifilide non raccogliere,! l ~odlce uocumentc" revisione Date emissione emesse r.da; MO O'i Be 10-1 [ Ban::;; CordonaiE 315

14 Ospeaale Casa So[{ie1JO rfelja So..tferenza btilllto di Ricovero e Cunl a Carattere Scientif.ico IRCCS Viale Cappuccini, San Giovanni Rotondo (FG) ANAMNESI PER LA DONAZIONE DI SANGUEPLACENTARE '--uiiiia'operanvameiiicina TRASFUSlONAI.E/BAAiEACOiDONAii , _.,..,-.-._~.,.. Direttore: Dott. Louaro di Mauro 2. Anamnesi paterna No Non Si Note ;;: so 27. Negli ultimi 12 mesi è stato affetto da malattie a trasmissione sessuale quali Se SI non effettuare la raccoltà. sifilide, clamidia, herpes genitale, HPV o condilomatosi, linfogranuloma - venereo, mycoplasma genitalis, altro? Specificare quando e tipo. i 28. E' mai stato affetto da altre malattie infettive quali toxoplasmosi, brucellosi, ~ mononucleosi, TBC, malaria, febbre Q, altro? Specificare quando e tipo. 29. E' mai stato affetto da malattia di Creutzfeld-Jacob o da demenza di origine Se SI non effettuare la raccol~. - sconosciuta? Il partner attuale o precedente è stato affetto o è portatore di una delle malattie precedentemente elencate? Specificare quando e tipo di malattia. 31. Domande rivolte direttamente al padre O Domande rivolte alla madre O ~!L 3. Anamnesi familiare Se ad una delle seguenti domande viene risposto 'SI' indicare nel campo note la persona affetta da patologia. Considerare le seguentt categorie di parentela: madre del neonato, padre del neonato, nonni materni, nonni patemi, fratelli/sorelle del neonato, fratelli/sorell~ della madre del neonato, fratelli/sorelle del padre del neonato e specificare se viventi. -" is Lei, qualcuno dei suoi parenti o dei parenti del padre del neonato sono o sono stati No Non SI Note.~ "-. affetti da una delle 12 patologie di seguito elencate? Se SI, specificare quale e so -. -r- I quando? f_ l. Malattie neoplastiche: tumori cerebrali o del sistema nervoso, della pelle, del -.. ~-,- rene, altro. Leucemia, linfoma di Hodgkin, linfoma non Hodgkin, altro? 2. Malattie del sangue (globuli rossi): talassemia (specificare se portatore di tratto - talassemico), anemia di Fanconi, deficienza di G6PD, sferocitosi, altro? 3. Malattie del sangue (globuli bianchi): malattia granulomatosa cronica, sindrome, di Wiskott-Aldrich, altro?, 4. Malattie del sangue (piastrine): piastrinopenia, malattie della coagulazione,.. trombocitopenia, altro? 5. Immunodeficienze: SCID, ADA, ipoglobulinemia, altro? 6. Malattie metaboliche/da accumulo: leucodistrofia, malattia di Gaucher, sindrome di Hurler, sindrome di Wolman, altro? 7. Malattie del sistema immunitario: LES, artrite reumatoide, HIV, AIDS, malattie ~ -~ autoimmuni, tiroidite autoimmune, sclerosi multipla, anemia emolitica, altro? 8. Malattie neurologiche: malattia di Creutzfeld-Jacob, malattie psichiatriche, c epilessia, altro? : 9. - Altre malattie endocrine: ipertiroidismo, ipotiroidismo, sindrome di Cushing, -: sindrome di Conn, altro?.. lo. Diabete giovanile insulino-dipendente? 11. Diabete adulto non insulino-dipendente? 12. Altre malattie ereditarie? - - = - - ~ Data Firma della madre _ Firma del padre _ Cognome e nome operatore sanitario Qualifica Firma Codice Documento revisione Data emissione emesso n.pae MO 01 BC Banca Cordonale 415

15 ~--'~spedl-au-e-c-'as-a~s'o[fl-ie-'{jo-di.-en-ta-s-oi-_fie-;:e;;za --6 ' ~,;J I.,J.stil.lIt? di Ric(~v7ro e Cura a ~'arat:~rc, SCI~ntlfico IR(;(;S, ANAMNESI PER LA DONAZIONE DI, I \ lalt (api'uccllii, Sali (.U" Rotondll (J (.) SANGUE PLACENTARE : I.. _.. _" ". " ". _""...! UNITA' OPERATIVA MEDICINA TRASFUSIONALE/BANCA CORDONALE Direttore: Dott. Lazzaro di Mauro _.._......_._._ Anamnesi ostetrica * No Non SI Note so l. Durante la gravidanza la madre è stata sottoposta a screening per epatite B,C, HIV, sifilide? Se si, indicare il risultato del test: negativo o positivo. Se il test è positivo non effettuare la raccolta. 2. E' stata sottoposta a screening per: (barrare il test eseguito) Se IgM positive non effettuare la raccolta. toxoplasma D epatite A D varicella D parorite D rosolia D mononucleosi D CMV D malattia di Lyme D bruceilosi D Herpes D altro D Se SI, indicare il risultato del test: negativo/positivo, specificando se IgG o IgM. 3. Il tampone vagino-rettale è positivo per Streptococco B emolitico? Se Positivo non effettuare la Specificare se eseguito raccolta. Raccogliere se dopo terapia antibiotica, un secondo tampone vaginale risulta negativo. 4. La madre ha assunto farmaci durante la gravidanza? Quando? Specificare Se assunzione di ETRETINATO, farmaco. ANTIDEPRESSIVI, PROFILASSI ANTI-TBC, BETABLOCCANTI, ANORESSIZZANTI,TAPAZOLE, non raccogliere. 5. Ha sofferto di influenza o di patologie simili negli ultimi 15 gg? Se SI, non raccogliere. 6. Durante la gravidanza sono sorte complicazioni? Quali? Quando? Se distacco di placenta e gestosi gravidica, non raccogliere. 7. I control1i ecografici hanno rilevato qualche anormalità? Non raccogliere, se evidenze di malformazioni congenite. 8. Sono stati effettuati test genetici da villi coriali/amniocentesi? Se SI, indicare il risultato 9. Ha ricevuto immunoglobuline (Ig anti-rh; Ig specifiche contro l'epatite B o Se SI, non effettuare la raccolta. contro il tetano) negli ultimi 4 mesi? IO. La madre ha avuto aborti o figli nati morti o con idrope neonatale? lo. Numero di gravidanze precedenti = Se più di tre aborti, non effettuare la raccolta. 11. Fecondazione: naturale D assistita D artificiale D 12. Sono state riscontrate patologie durante le gravidanze precedenti? Data Firma deila madre _ Cognome e nome operatore sanitario Qualifica Firma *N.B. Rivalutare le condizioni ostetriche nell'imminenza del parto Data Rivalutazione Cognome e nome operatore sanitario Qualifica Firma C;Odl:::f; Do:::umento revisione Data emissione emesse n.oag ---="::":::':"M='=O O'. BC 5 /~ Banca Coraonale 'v

16

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte Il trapianto di rene Percorso assistenziale, intervento e follow up Come contattare il Centro trapianti di rene Il nostro Centro

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli