CARTA DEI SERVIZI Ostetricia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI Ostetricia"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI Ostetricia Arzignano 1

2 Ospedale Cazzavillan Via del Parco, 1 Direttore Pro Tempore: Dott. Carmelo Pamio Vicario: Dott. ssa Anna Racasi Dirigenti Medici: Dott. Antonio Chieppa Dott.ssa Federica Mariuzzo Dott.ssa Raffaella Baiocchi Dott.ssa Rosita Vassallo Dott. Almeri Afif Dott.ssa Antonella Miele Dott. Vittorio Venuleo Dott.ssa Daniela Mirabella Dottssa Simona Sebastiani Ostetriche: Varalta Serena Garofalo Chiara Strasso Annamaria Strasso Nunzia Bellinato Giorgia Faccio Melissa Lippolis Paola Rubini Michela Zamperettti Margherita Sarcone Luana Refosco Rosa Maria Di Nardo Vanessa Palumbo Annalisa Ciusano Elisabetta Arzignano (VI) OSS: Zarantonello Daniela Molinaro Paola Cortivo Carolina Toniolo Simonetta Molinaro Rosanna Tomasi Rosanna Eberle Gloria OSTETRICA COORDINATORE Maria Luisa Pala (ostetricia e sala parto) Come contattarci: Telefoni: (Ostetricia) (Sala Parto) (Ginecologia) Fax: Ubicazione: Ambulatori al III piano; Degenze Ostetricia e Ginecologia al III piano 2

3 IL PERCORSO NASCITA Il Percorso Nascita abbraccia un area di intervento vasta che comprende la salute della donna e della coppia, la genitorialità consapevole e condivisa, la gravidanza, il parto, la nascita e la crescita del bambino. Al centro del percorso sono la mamma e il bambino nella loro espressione più ampia di coppia e nucleo familiare, intesi come valore umano e sociale. Il percorso diventa anche un luogo in cui potersi confrontare, dove si incontrano i bisogni di salute e le aspettative della famiglia. L organizzazione si può modificare per rendere il servizio sempre più rispondente alle necessità della presa in carico globale. 3

4 PRINCIPI ISPIRATORI Tutti i servizi e le attività del Percorso Nascita che l Azienda si impegna a garantire sono ispirati in particolare ai seguenti principi: Centralità della persona: il nucleo familiare è inteso come risorsa di salute in costante relazione con l istituzione, dove il dialogo rappresenta lo strumento di conoscenza dei bisogni necessario per aiutare a rimuovere barriere culturali e parzialità. Particolare attenzione è posta alle donne e ai nuclei migranti, dove la domanda non espressa o difficilmente comprensibile, per barriere linguistiche, paure, convinzioni e valori differenti, può portare a limitare la conoscenza dei servizi e la loro accessibilità. Umanizzazione e dignità della persona: ogni operatore svolge la sua attività tenendo sempre presente la persona nel pieno rispetto della sua dignità, della sua cultura e dei suoi bisogni individuali, qualunque siano le sue condizioni fisiche o mentali, culturali o sociali, con educazione, rispetto, cortesia e disponibilità. Tutti gli operatori sanitari impegnati nelle attività del reparto, sono tenuti ad adottare tutte le misure correnti per la tutela della riservatezza della persona assistita. Equità: ogni operatore, singolarmente o in equipe, è impegnato a svolgere le sue attività in modo imparziale, obiettivo e neutrale di fronte a tutti i nuclei familiari che devono poter accedere nella stessa misura alle prestazioni sanitarie. Uguaglianza: a parità di bisogni, pur riconoscendo la peculiarità della persona, gli operatori riconoscono uguali diritti riguardo all accesso ai servizi sanitari che devono essere forniti a tutti senza distinzione di razza, genere, età, nazionalità, religione, opinione politica, handicap fisici e mentali. Continuità delle cure: l Azienda Sanitaria si impegna ad erogare il servizio in modo integrato, regolare, continuo, e nel rispetto dei tempi, compatibilmente con le risorse ed i vincoli istituzionali e normativi. Nel caso in cui si verifichino interruzioni o disservizi per cause non attribuibili all Azienda, ogni operatore si attiva per ridurre al minimo i disagi. Efficacia/Efficienza: l Azienda si impegna affinché tutte le risorse disponibili siano erogate nel modo più razionale ed oculato possibile per produrre i massimi risultati possibili in termini di benessere del nucleo familiare. Miglioramento dei servizi: l Azienda si impegna a garantire servizi e prestazioni della migliore qualità possibile, in relazione al contesto socioeconomico e storico, alle 4

5 normative generali e locali, al peso dei bisogni della collettività, ai suggerimenti e alle proposte della popolazione di riferimento. 5

6 LA TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI La legge italiana tutela la maternità tramite l astensione obbligatoria, l astensione anticipata,, l astensione posticipata dal lavoro e il congedo parentale (DLgs 151/2001 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n 53 ). L astensione obbligatoria e l astensione facoltativa La legge prevede il congedo di maternità dal lavoro (ex astensione obbligatoria) durante i primi due mesi precedenti la data presunta del parto e nei tre mesi dopo il parto (totale 5 mesi). Fermo restando la durata complessiva del congedo di maternità (totale 5 mesi), la donna può continuare a lavorare fino al mese precedente la data presunta del parto (8 mese di gravidanza) utilizzando così un solo mese prima del parto e 4 mesi dopo il parto. L astensione obbligatoria dal lavoro può essere seguita dal congedo parentale (ex astensione facoltativa) da utilizzare entro l 8 anno di vita del bambino. Il congedo può essere utilizzato in modo continuativo o frazionato. Questo lasso di tempo può essere ripartito tra madre e padre o essere corrisposto a un solo genitore. È necessario il rilascio della certificazione da parte di un ginecologo da consegnare successivamente al datore di lavoro. L astensione anticipata Il diritto all interdizione dal lavoro è previsto per i seguenti motivi: a) Complicanza della gestazione o preesistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza (necessita di certificazione da parte dello specialista ginecologo) b) Quando le condizioni di lavoro o ambientali siano ritenute pregiudizievoli alla salute della donna e del suo bambino e la lavoratrice non può essere spostata ad altre mansioni (certificazione da parte dell Ispettore del lavoro attivato da parte della paziente o del datore di lavoro) La domanda va accompagnata da certificato medico di gravidanza. La documentazione deve essere presentata alla Direzione Provinciale del Lavoro del luogo di residenza della lavoratrice. 6

7 7

8 LA GRAVIDANZA NEL LIBRETTO DELLA GRAVIDANZA SONO RIPORTATE: VISITE ESAMI EMATOCHIMICI ECOGRAFIE Il libretto ostetrico viene rilasciato, completo dei dati anagrafici, della visita effettuata, al primo controllo presso l ambulatorio ostetrico di Montecchio Maggiore (Centro Donna). Ai controlli successivi bisogna ricordarsi di portarlo LA DIAGNOSI PRENATALE È un insieme di tecniche diagnostiche e strumentali per scoprire ed eventualmente trattare le malattie congenite prima che il bambino nasca. La diagnosi prenatale comprende le seguenti attività: Diagnostica non invasiva: ecografie e/o test combinato 8

9 Diagnostica invasiva: villo centesi ed amniocentesi. Le diagnostiche non invasive Vengono effettuate sedute di ecografie: Ostetriche di I livello: del 1, 2 e 3 trimestre, Test Combinato: È l esame che prevede un prelievo ematico venoso ed ecografia con la translucenza nucale. Ha lo scopo di calcolare il rischio individuale della paziente di avere un figlio affetto dalla Sindrome di Down. Il Test combinato si esegue tra le 11 settimane e le 13 settimane + 6 giorni. La diagnostica invasiva L esame per la diagnosi prenatale invasivo è gratuito se la donna ha compiuto 35 anni alla data del prelievo o se rientra in una categoria a rischio. Si esegue un colloquio informativo con il medico ginecologo, circa due settimane prima del prelievo. Villocentesi: è un prelievo di tessuto placentare che si esegue tra la 10 e la 12 settimana compiuta di gravidanza e permette di diagnosticare tutte le anomalie cromosomiche di forma e di numero del feto. L esame consiste in una puntura dell addome materno sotto guida ecografica. La villocentesi rispetto all amniocentesi, a parità di rischi di aborto, fornisce una risposta più rapida. Amniocentesi: È l esame che prevede la puntura ecoguidata, dal sacco amniotico per il prelievo di liquido amniotico (liquido in cui nuota il bambino all interno del sacco amniotico) al fine di controllare la mappa cromosomica e quindi escludere la presenza di anomalie di forma e di numero dei cromosomi (trisomia 21, 13, 18,..). Si esegue a partire dalla 16^ settimana di gravidanza. Con i metodi tradizionali l esito dell amniocentesi è disponibile 23 settimane dopo il prelievo. Per informazioni e prenotazioni, contattare il numero dal lunedì al venerdi Ginecologia Caposala Maria Grazia. 9

10 CORSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA Gli obiettivi del corso sono: favorire la salute e il benessere della gravidanza favorire i processi fisiologici della gravidanza e del parto educare l approccio attivo alla nascita favorire il legame madrebambino (bonding) attivare le risorse endogene della donna sostenere i processi decisionali e la scelta informata A chi si rivolge il corso? a tutte le gravide dal terzo trimestre Programma ostetriche I incontro: conoscenza del gruppo e legame madrebambino II incontro: allattamento III incontro: il travaglio e il dolore IV incontro: il perineo e il parto V incontro (anche i papà): ritorno a casa Durante questi incontri si alternano momenti di teoria, esercizi di rilassamento, di lavoro corporeo e di visualizzazione e spazio per le domande delle partecipanti. Luogo del corso: I corsi con l ostetrica si effettuano presso i reparti di ostetriciaginecologia scegliendo uno dei seguenti orari e mantenendolo per tutta la durata del corso: il venerdì: I gruppo dalle alle II gruppo dalle alle con un massimo di 15 partecipanti per gruppo Cosa portare: impegnativa del ginecologo o del medico curante indicante: corso di preparazione al parto (è richiesto il pagamento di un ticket) abbigliamento comodo: tuta da ginnastica, calze antiscivolo telo mare/coperta: per stendersi sui materassini durante gli esercizi. 10

11 Incontri con gli specialisti (aperti anche ai papà) Anestesista: gestione del dolore : farmacologico Epidurale Visita anestesiologica Psicologo del consultorio familiare cambiamenti psicologici nella futura mamma e nel futuro papà durante la gravidanza e dopo il parto competenze del feto/neonato il ruolo di genitore prevenzione della depressione postpartum Ginecologo: controlli ostetrici in gravidanza patologia del III trimestre di gravidanza e del parto parto operativo e taglio cesareo Pediatra ospedaliero ed infermiere del nido attaccamento precoce e roomingin nido aperto screening neonatale prevenzione infezioni perinatali Pediatra di famiglia a) 7 azioni preventive per migliorare la salute dei vostri figli e diventare genitori più b) organizzazione dell ambulatorio del pediatra di libera scelta. Luogo degli incontri: le date e il luogo degli incontri con gli specialisti vengono comunicati durante il corso. Le iscrizioni si effettuano: Tramite CUP (centro unico prenotazione) Da numero fisso: numero verde Da cellulare: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore

12 La gravidanza a rischio La gravidanza è considerata a rischio quando avviene in donne i cui i problemi di salute preesistenti o iniziati in gravidanza possono compromettere il benessere della donna e/o del nascituro (malattie ereditarie, autoimmuni o infettive, obesità, diabete, cardiopatie, ipertensione, ritardo di crescita fetale,..). Prestazioni: visite ostetriche, ecografia ostetrica, flussimetria maternofetale, cardiotocografia. Orari: dal lunedì al venerdi pomeriggio (due appuntamenti disponibili al giorno: ore 15.00, ore 17.00) Prenotazioni: l accesso all ambulatorio avviene unicamente su indicazione medica. Ubicazione: ambulatorio multifunzionale ostetricia 3 piano ospedale Arzignano. La gravidanza oltre il termine La gravidanza generalmente ha una durata di 40 settimane anche se può variare di 45 settimane dalla data teorica calcolata. Si considerano comunque a termine gravidanze tra 37 e 42 settimane. Si considera gravidanza oltre il termine a partire dalla 40^ settimana e 1 giorno di gestazione. Monitoraggio gravidanza oltre il termine: innanzitutto verificheremo, tramite l ecografia della 12^ settimana, se la sua gravidanza corrisponde al periodo dell ultima mestruazione; quindi calcoleremo la data presunta del parto (40 settimane) applicando una semplice regola chiamata di Naeagle (D.P.P.= ultima mestruazione + 7 giorni 3 mesi). Potrebbe esserci una differenza di unodue giorni rispetto alla data calcolata all inizio della gravidanza: questo non la deve sorprendere né preoccupare. A partire dalla 40^ settimana e 1 giorno, il suo bambino verrà sorvegliato mediante il rilevamento di alcuni parametri materni da parte dell ostetrica (pressione arteriosa, peso e stick urine), l esecuzione di un tracciato cardiotocografico (CTG) e di un ecografia che serve SOLO per verificare la quantità del liquido amniotico (il sesso e il peso del bambino NON fanno parte di questa ecografia). In casi particolari l ecografia potrebbe servire anche per altri parametri, sarà il medico a deciderne l utilità caso per caso. Dall analisi di questi accertamenti il ginecologo valuterà se va tutto bene. In tal caso ripeterà un monitoraggio CTG e il controllo dei parametri a giorni alterni. A 41 settimane ripeterà anche la valutazione del liquido amniotico mediante l ecografia. Se a 41 settimane e 3 giorni non avesse ancora partorito, Lei verrà ricoverata e verrà aiutata a partorire mediante la somministrazione di farmaci che verranno decisi al momento del ricovero. Potrebbe accadere che durante questi controlli il medico ritenga opportuno anticipare il ricovero di qualche giorno. In tal caso verrebbe informata della situazione clinica e sulle decisioni adottate. Questo tipo di monitoraggio che attualmente viene considerato il più idoneo dalla comunità scientifica per sorvegliare una gravidanza oltre il termine, ha la possibilità di prevenire talune patologie del bambino, ma non tutte. Infatti alcuni eventi (quelli acuti) non sono prevedibili con alcun tipo di esame. Al primo incontro le verrà consegnato il consenso informato per leggerlo e sottoscriverlo. 12

13 Nel corso dei controlli viene anticipata la compilazione della cartella clinica materna e del bambino, la lettura e compilazione dei consensi per la privacy. 13

14 IL PARTO E LA NASCITA Dove partorire. L accoglienza e il ricovero La scelta del luogo del parto è fatta dalla futura mamma e/o dalla coppia. La donna si deve trovare nel posto che lei ritiene più adatto per dare alla luce il suo bambino. Per questo è molto importante che si interroghi, durante la gravidanza, su quale sia il posto che la rassicura maggiormente. È altresì importante che la futura madre possa interrogarsi sul fatto di vivere questa esperienza con qualcuno vicino a lei oppure in solitudine. Quando andare in ospedale per il parto Quando le contrazioni sono regolari per intensità, frequenza e durata da almeno un paio di ore. Quando avviene la perdita delle acque (liquido amniotico), specie se il liquido non è chiaro. Quando le perdite di sangue sono più di qualche goccia. In tutti i casi in cui ci sono dubbi. Cosa portare in ospedale È consigliabile preparare l occorrente per la degenza in ospedale in prossimità del termine di gravidanza. Cosa preparare per l ospedale in attesa del parto Tutti gli esami eseguiti nel corso della gravidanza (il gruppo sanguigno e fattore Rh anche se eseguito fuori dalla gravidanza). Documento di identità. Tessera sanitaria elettronica. Effetti personali per mamma e bambino. Gli effetti personali per mamma e bambino Non sono richiesti effetti personali particolari, tuttavia per semplificarne la scelta può essere di aiuto questo elenco. Per la mamma Camicia da notte ampia, preferibilmente aperta completamente sul davanti, per il momento del parto, non stretta su braccio e avambraccio per agevolare la ricerca di accessi venosi. 14

15 Pigiama o camicia da notte, secondo le abitudini personali per il dopo parto, con apertura per allattamento. Reggiseno adatto per l allattamento. Mutandine di rete monouso in grado di supportare pannolini ingombranti Per il neonato Estate Canottiera e mutandine di spugna sgambata o body canottiera. Calzine corte, berrettino di cotone. Magliettina o vestitino a maniche lunghe oppure tutine a maniche lunghe. TUTTI GLI INDUMENTI DEVONO ESSERE DI COTONE PrimaveraAutunno Magliettina di cotone a mezze maniche e mutandine di spugna o body a mezza manica. Maglietta, golfino o felpina di cotone a maniche lunghe e ghettine di cotone leggero oppure tutine di cotone leggero, calzine, berrettino di cotone. Inverno Magliettine di cotone maniche corte e mutandine di spugna o body a mezza manica. Maglietta, golfino o felpina di cotone e ghettine di spugna, ciniglia oppure tutina a manica lunga. Babbucce o calzine, coperta, berrettino di cotone. Il neonato necessita di un cambio completo al giorno. È bene portare qualche cambio in più qualora ve ne fosse bisogno. Si prega di preparare il cambio in buste separate con nome e cognome. Si raccomanda la praticità e la semplicità delle tutine e delle magliette. Se la maglietta esterna è dotata di colletti ampi, provvedere a fissarli in modo che non ricoprano il viso del neonato. Nel primo cambio inserire un asciugamano morbido per il primo bagnetto. 15

16 SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO OSTETRICOGINECOLOGICO È un servizio attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, a cui è possibile accedere direttamente, per condizioni cliniche necessitanti una valutazione in urgenza/emergenza sia della donna gravida che della paziente con problemi ginecologici. Ubicazione: Le pazienti in gravidanza eseguono le prestazioni di pronto soccorso con accesso diretto, presso il reparto di ostetricia al terzo piano. DEGENZA ORDINARIA IN OSTETRICIA PRESTAZIONI: assistenza al travaglio e al parto fisiologico; taglio cesareo programmato e in urgenza; sterilizzazione tubarica in corso di taglio cesareo laddove richiesta; assistenza e trattamento della patologia ostetrica dopo la 20 settimana di gestazione UBICAZIONE DEGENZA OSTETRICIA: terzo piano ospedale Arzignano 16

17 IL TRAVAGLIO E IL PARTO Il momento del parto per la futura mamma è carico di aspettative. Sarà cura degli operatori accogliere le scelte che la donna propone rispetto al proprio parto coniugandole, in maniera flessibile, con le necessità cliniche e assistenziali che possono intervenire. L ostetrica è la figura di riferimento e di sostegno che accompagnerà la donna in questo percorso. Nella gravidanza fisiologica il neonato e la mamma si predispongono per un parto per via vaginale e, se il decorso è avvenuto senza problemi, con il travaglio che inizia naturalmente, vi è un alta probabilità di partorire in modo spontaneo. L inizio e l andamento del travaglio sono influenzati dal decorso della gravidanza e favoriti dalle condizioni ambientali. Un supporto continuo e un sostegno emotivo durante il travaglio favoriscono un esperienza positiva della nascita. Con l aiuto della persona di fiducia e dei professionisti, la donna può affrontare meglio la fatica, la gioia, la paura e il dolore mettendo in pratica quanto appreso durante il Corso di accompagnamento alla Nascita. L ostetrica che l aiuterà sarà pronta a ricordarle tecniche, sperimentare movimenti, posizioni più comode alla e modi di respirare adattandoli al momento, docce tiepide, parto senza episiotomia, attaccamento precoce al neonato, recisione tardiva del cordone. La paziente può avere vicino al momento del travaglio/parto una persona di fiducia. Quando la mamma vuole rimanere segreta La nascita di un bambino è un evento straordinario nella vita di una donna, che incide profondamente nella sua vita concreta, emotiva, relazionale. Non tutte le donne riescono ad accogliere la loro maternità, per una complessità di motivazioni che occorre comprendere, ascoltare e riconoscere. Durante la gravidanza, specie situazioni di difficoltà di varia natura della madre a rispondere a adeguati bisogni del bambino, la donna verrà seguita in maniera qualificata per la sua tutela e del nascituro in modo da evitare decisioni affrettate e a volte drammatiche. Occorre sostenere, accompagnare, informare le donne affinché le loro scelte siano libere e consapevolmente responsabili. In ospedale, al momento del parto, viene garantita la massima riservatezza, senza giudizi colpevolizzanti ma con interventi adeguati ed efficaci per assicurare anche dopo la dimissione che il parto resti in anonimato ( DPR 396/2000, art. 30, comma 2 ) la legge consente alla madre di non riconoscere il bambino e di lasciarlo nell Ospedale 17

18 dove è nato. Il nome della madre rimane per sempre segreto e nell atto di nascita del bambino viene riportato nato da donna che non consente di essere nominata. I diversi modi di partorire Il nostro Ospedale offre, in base alle condizioni cliniche madre/bambino, varie modalità di parto: il parto attivo durante il travaglio la futura mamma potrà muoversi attivamente e scegliere la posizione del parto nel rispetto dei suoi tempi e delle sue esigenze. Il parto tradizionale viene scelto di solito per necessità cliniche ed assistenziali più complesse. Induzione farmacologica del parto Dopo le 41 settimane e 3 giorni, è necessario provocare il parto (induzione) che consiste nel far iniziare il travaglio attraverso l utilizzo di farmaci. Possono insorgere delle condizioni, materne (diabete, ipertensione resistente alla terapia, eccessivo aumento ponderale,..) o fetali (macrosomia fetale, oligoamnios,..), per le quali non si può aspettare l insorgere spontaneo delle contrazioni e il momento del parto viene anticipato farmacologicamente. L induzione del parto necessita il ricovero in ospedale e il monitoraggio materno e fetale. Il parto in analgesia epidurale Vi è la possibilità di effettuare l analgesia epidurale in travaglio; è indicato alle donne per le quali il dolore presenta una difficoltà che impedisce di vivere l evento in modo sereno. L analgesia epidurale viene garantita 24h/24h. È richiesta una consulenza anestesiologica, effettuata dagli anestesisti, a pagamento, per raccogliere un anamnesi e dare informazioni sulla procedura. COME PRENOTARE LA CONSULENZA? Telefonando tutti i giorni, circa un mese prima la data presunta del parto (3334 sett.), al dalle ore alle ore QUANDO E DOVE? Ogni sabato del mese al mattino, 3 piano ostetricia. COSTI Munirsi di impegnativa, ticket come visita anestesiologica. Il contenimento del dolore Il dolore del travaglio non è sintomo di malattia, ma esprime e promuove il naturale svolgersi dei tempi del partonascita. La percezione del dolore è variabile e influenzata da condizioni fisiche del momento, dalle emozioni, dalle circostanze sociali, culturali e assistenziali. Si può contenere il disagio attraverso strategie naturali o farmacologiche. 18

19 Le strategie naturali: Assistenza e supporto continuativi Sostegno emotivo, comunicazione, informazione, coinvolgimento nelle scelte. Azioni di sollievo, muoversi durante il travaglio e scegliere le posizioni più adatte. Immersione, durante il travaglio, in vasca con acqua o eventuale doccia calda. Tecniche di rilassamento apprese durante il corso di preparazione alla nascita. Le strategie farmacologiche L analgesia epidurale è una tecnica che permette di controllare il dolore durante il travaglio di parto. Le informazioni dettagliate, sui vantaggi e rischi correlati a tale tecnica, verranno fornite durante il colloquio con l anestesista. POSTPARTUM PARTO SPONTANEO Con la nascita del bambino, si posizionano i braccialetti riconoscitivi alla mamma e al bambino, si aspetta l espulsione della placenta, si propone il contatto pelle a pelle e avviene l attaccamento precoce al seno. Il ginecologo effettua eventualmente la sutura di lacerazioni o episiotomia. Si chiama postpartum il periodo di due ore dopo la nascita del bambino, tale durata è stabilita convenzionalmente in base ad una norma italiana che impone a chi ha assistito al parto di sorvegliare per almeno due ore le condizioni della donna; in particolare dovrà essere controllato: Lo stato generale della donna, La perdita di sangue La contrazione e retrazione dell utero In questo tempo la donna viene accompagnata a letto (proprio della stanza assegnata) e insieme al bambino e al papà, nell anticamera della sala parto (zona postpartum) aspettano sotto la sorveglianza ostetrica e medica il periodo del postpartum. Successivamente la paziente viene accompagnata in stanza con il letto. 19

20 TAGLIO CESAREO PROGRAMMATO È un intervento chirurgico mediante il quale si estrae il bambino attraverso una incisione chirurgica praticata sulla parete addominale. Si rende necessario in tutte quelle occasioni in cui un parto per via vaginale è impossibile o presenta rischi maggiori (per la madre o il bambino) rispetto alla via vaginale. La paziente accede alla struttura previo appuntamento circa 10 giorni prima del ricovero programmato. In questa occasione vengono eseguiti: esami del sangue, elettrocardiogramma, controllo dei parametri materni e fetali, compilazione della cartella clinica materna e neonatale e consensi (privacy, taglio cesareo, eventuale sterilizzazione tubarica). Alle donne precesarizzate che richiedono il parto di prova, viene eseguito un esame obiettivo dell attuale gravidanza. e si aspetterà l evento parto, fino a 41 sett gg POSTPARTUM TAGLIO CESAREO Il periodo del postpartum la puerpera resta nella zona postpartum, posizionata sul letto corrispondente alla stanza assegnatale. Il monitoraggio è più seriato per il controllo dei parametri materni. Si propone il contatto pelle a pelle e viene effettuato l attaccamento precoce al seno. Per il soggiorno in ospedale saranno forniti Stoviglie monouso Acqua Pannolini per mamma e bambino È nato/a Il modello organizzativoassistenziale è quello del roomingin che consente di tenere il bambino accanto alla mamma fin dalla nascita per consolidare la diade madrebambino; per lo stesso motivo viene effettuato l attaccamento precoce al seno, anche per favorire l allattamento al seno. La denuncia di nascita La denuncia di nascita di un bambino è una dichiarazione obbligatoria che deve essere iscritta nei registri dello Stato Civile presso i Comuni. Per fare la denuncia è necessario l attestato di nascita che viene rilasciato dall ostetrica che ha assistito al parto/taglio cesareo. La dichiarazione di nascita La Dichiarazione di nascita deve essere fatta portando l Attestazione di nascita a uno dei seguenti uffici: presso la Direzione Sanitaria dell ospedale in cui è avvenuto il parto entro 3 giorni dalla nascita. 20

21 Oppure presso l Anagrafe del comune dove è avvenuta la nascita entro 10 giorni dalla nascita. Coppia sposata: è sufficiente la presenza di un genitore, munito di documento di identità di entrambi i genitori. Coppia di fatto: è necessaria la presenza di entrambi i genitori muniti di documento di identità. È possibile avvalersi del prericonoscimento da effettuare durante la gravidanza nel comune di residenza. Madre sola: è necessaria la presenza della madre con un documento di identità. Anche la madre sola può avvalersi del diritto di prericonoscimento. LA DEGENZA Dopo parto spontaneo o taglio cesareo i giorni di permanenza in ospedale sono 3, salvo casi in cui si aggiungano delle complicazioni sia per la mamma che per il bambino. ORARI VISITE IN REPARTO Nel nostro reparto è attivo il servizio di roomingin, cioè tenere la madre e il bambino insieme nella stessa stanza durante la degenza in ospedale, i papà e fratellini possono accedere a qualsiasi ora diurna in reparto. I parenti e amici possono accedere al reparto solamente dalle alle 17.00,dalle alle nei giorni feriali, e nei giorni festivi anche dalle alle In questi orari i neonati rimangono con le loro mamme. SI PREGA DI RISPETTARE GLI ORARI. LA DIMISSIONE La dimissione per il parto spontaneo e per il taglio cesareo avviene in terza giornata. Per il taglio cesareo in seconda giornata viene effettuata la visita e la medicazione. Per il parto spontaneo viene effettuata la visita in terza giornata. Alla dimissione viene consegnata dal medico, la lettera di dimissione da consegnare al proprio medico di famiglia, dove sono riportate informazioni relative al proprio tipo di parto, la data di nascita e i dati relativi al neonato. Viene inoltre indicato il consiglio al prossimo controllo ed eventuali terapie da continuare dopo la dimissione. Nel caso in cui le siano stati prescritti farmaci, sempre alla dimissione, secondo il Decreto n 141 del 30 settembre 2009 Farmaci in distribuzione diretta le verrà consegnato un modulo da presentare alla farmacia dell ospedale per il ritiro della terapia. 21

22 IL RITORNO A CASA Il ritorno a casa dopo il parto è un momento di grande gioia e un traguardo desiderato. È importante continuare a sostenere la triade mammabambinopadre nelle varie difficoltà, curiosità o dubbi rispetto all allattamento e alla cura del neonato. È inoltre necessario prevenire e individuare tempestivamente i problemi connessi al postpartum. La continuità assistenziale è garantita dalla continuità effettuata in associazione con il Consultorio Familiare che si occupa del controllo della salute della famiglia, in particolare con l ambulatorio di ginecologia e di pediatria. Alla dimissione i medici e il personale del nido daranno le informazioni necessarie a favorire tali contatti. OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Questo ospedale aderisce all iniziativa dell OMS/Unicef, che promuove e sostiene l allattamento al seno e un assistenza al parto e al travaglio secondo i criteri stabiliti nella sezione Cure amiche della Madre Il percorso porterà l Ospedale di Arzignano al riconoscimento di Ospedale Amico del Bambino. L azienda ULSS 5 aderirà al progetto: Donazione da cordone ombelicale collegata con la banca del sangue di cordone ombelicale di Verona. 22

CARTA DEI SERVIZI Ostetricia

CARTA DEI SERVIZI Ostetricia CARTA DEI SERVIZI Ostetricia Arzignano 1 Ospedale Cazzavillan Via del Parco, 1 36071 Arzignano (VI) Direttore F.F.: Vicario: Dirigenti Medici: Dott. Andrea Chiari Dott. ssa Anna Racasi Dott. Antonio Chieppa

Dettagli

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno Quando il primo bambino al mondo rise per la prima volta, il suo riso si ruppe in mille frammenti che se ne andarono saltando tutto intorno.

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE

UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Come si accede Per le prestazioni ambulatoriali si prenota: - attraverso il punto CUP, con la richiesta

Dettagli

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa dott. Marco Galbusera STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri dott. Graziano Gabetta

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA

CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA CHI SIAMO Il Dipartimento Materno Infantile dell Ospedale Sacco garantisce l erogazione di prestazioni che tutelano la salute della donna e del bambino. L Unità di

Dettagli

Casa di Cura SACRO CUORE

Casa di Cura SACRO CUORE Casa di Cura SACRO CUORE C.so L. Fera, 50-87100 Cosenza (CS) Tel. 0984 412953 - Fax 0984 418014 sito web www.sacrocuorecosenza.it email info@sacrocuorecosenza.it Revisione N 3 del 5 maggio 2014 La gravidanza

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe PER LA VOSTRA SALUTE GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): Servizio Sanitario Nazionale: tel. 02 86 87 88 89 A pagamento, con Fondi e/o Assicurazioni: tel. 02 999 61 999 Per orari e caratteristiche

Dettagli

Unità Operativa di Ostetricia

Unità Operativa di Ostetricia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ostetricia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Unità Operativa di Ostetricia Ginecologia Monoblocco - Terzo piano Direttore:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Il Percorso Nascita integrato

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21 A cura di: U.O.S. TUTELA FAMIGLIA / CONSULTORI FAMILIARI Responsabile: Dott.ssa Alessandra Paganella Con la collaborazione di: U.O.C. OSTETRICIA/GINECOLOGIA Direttore: Dott. Pietro Catapano U.O.C. PEDIATRIA

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

DEDICATO A TE CHE ASPETTI UN BAMBINO

DEDICATO A TE CHE ASPETTI UN BAMBINO DEDICATO A TE CHE ASPETTI UN BAMBINO Questo volume e stato realizzato con il contributo della Dssa Patrizia Vergani, i medici del reparto ostetricia, gli amministrativi e l ostetrica e interprete Amal

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA 1 Le indicazioni contenute nella normativa, che regolamenta il Percorso Nascita, guidano e orientano verso un approccio finalizzato all integrazione

Dettagli

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA 1 Le indicazioni contenute nella normativa, che regolamenta il Percorso Nascita, guidano e orientano verso un approccio finalizzato all integrazione

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

QUANDO NASCE UN BAMBINO

QUANDO NASCE UN BAMBINO Carta dei Servizi dell'unità Operativa Autonoma di Ostetricia e Ginecologia QUANDO NASCE UN BAMBINO Opuscolo dedicato alle donne in gravidanza con la collaborazione dell'ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A

C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A Indice Prefazione pag. 02 Presentazione Percorso Nascita pag. 03 ASL Sondrio Presenza sul territorio pag. 04 ASL Sondrio Informazioni generali

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

Sondalo. Bormio. Tirano. Sondrio. Sondrio. Morbegno. Chiavenna. Chiavenna

Sondalo. Bormio. Tirano. Sondrio. Sondrio. Morbegno. Chiavenna. Chiavenna C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A Indice Prefazione pag. 02 Presentazione Percorso Nascita pag. 03 ASL Sondrio Presenza sul territorio pag. 04 ASL Sondrio Informazioni generali

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

PRESENTAZIONE CHI SIAMO

PRESENTAZIONE CHI SIAMO 1 INDICE Presentazione......................... pag. 3 Chi siamo............................» 3 Informazioni generali dell U. O............» 4 Classificazione delle gravidanze...........» 4 Ambulatorio

Dettagli

DIARIO della GRAVIDANZA

DIARIO della GRAVIDANZA DIARIO della GRAVIDANZA Guida ai controlli Calendario degli appuntamenti Gentile signora, la nascita di un figlio è una occasione di grande cambiamento e crescita, per gli individui e per la società. L

Dettagli

26/05/2016. Importanza di definire dall inizio una gravidanza come fisiologica. «piramide rovesciata di Nicolaides»

26/05/2016. Importanza di definire dall inizio una gravidanza come fisiologica. «piramide rovesciata di Nicolaides» Il percorso diagnostico nella gravidanza fisiologica Il percorso diagnostico nella gravidanza fisiologica Rosalba Giacchello Responsabile SSD Ecografia ostetrico-ginecologica e diagnosi prenatale ASL Cn1

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009 Ambulatorio Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Ospedale di Villafranca Monoblocco - Primo piano Direttore: dott. Alberto Ottaviani

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540

Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540 Dipartimento di Pediatria Terapia Intensiva e Patologia Neonatale ASSISTENZA NEONATALE Il neonato al Nido Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540 CARTA DI ACCOGLIENZA PER

Dettagli

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa OSTETRICIA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione Le dimensioni, la complessità organizzativa e la presenza di una forte componente universitaria

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA

AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA Dr.ssa Rosa Nunzella Dirigente Medico U.O.C. Ginecologia e Ostetricia P.O. Giovanni Paolo II - Policoro Dr.ssa Antonella Dragonetti Dirigente Medico

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici 1 PRESENTAZIONE Il Consultorio Familiare garantisce le cure primarie nell area della salute sessuale, riproduttiva e psico-relazionale per la donna e per la coppia, con equipe costituite da ostetriche,

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI GINECOLOGIA. Arzignano

CARTA DEI SERVIZI GINECOLOGIA. Arzignano CARTA DEI SERVIZI GINECOLOGIA Arzignano 1 Ospedale Cazzavillan Via del Parco, 1 36071 Arzignano (VI) Direttore F.F.: Vicario: Dott. Andrea Chiari Dott. ssa Anna Racasi Dirigenti Medici: Dott. Antonio Chieppa

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa Dr Ezio Pozzi (f.f.) STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri Dr.ssa De Paoli

Dettagli

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Casa Internazionale della Donna Roma, 24 giugno 2011 INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Ostetrica Antonella Bernardini INTEGRAZIONE OSPEDALE E TERRITORIO L INTEGRAZIONE TRA LE STRUTTURE OSPEDALIERE E QUELLE

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost.

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost. PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia Ost. Ferrero Federica Cuneo 18-19 ottobre 2012 QUALI I BISOGNI PSICOLOGICI IN OSTETRICIA QUALI

Dettagli

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO PRESIDIO OSPEDALIERO E DIPARTIMENTO A.S.S.I. Servizio Famiglia Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia o sole, felici o preoccupate per

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Percorso Nascita. Carta dei servizi

Percorso Nascita. Carta dei servizi - Percorso Nascita Carta dei servizi 2015 Sommario La carta dei servizi... 3 L Azienda Ospedaliera (AO)... 4 Unità Strutturale Complessa (USC) OSTETRICIA E GINECOLOGIA LODI... 4 Unità Strutturale Complessa

Dettagli

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale e per concludere! Ricorda che bastano altri pochi gesti per proteggere al meglio il tuo bambino, in particolare noi ti suggeriamo di: Lavarti e lavare sempre le mani al tuo bambino Evitare di fumare L

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Sommario Introduzione Informazioni minime sulla genetica e sulla possibilità

Dettagli

S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA

S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA Direttore Dott. Cesare ARIONI INFORMAZIONI PER L UTENTE Ospedale Beauregard Reparto di Patologia Neonatale e Terapia Intensiva Tel. 0165/545476 Aosta CARI GENITORI, sappiamo

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

O.N.DA Milano 17 novembre 2014

O.N.DA Milano 17 novembre 2014 O.N.DA Milano 17 novembre 2014 Miriam Guana Presidente Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Caterina Masè - Presidente Collegio Ostetriche Trento PREGRAVIDICO COUNSELLING PRECONCENZIONALE STILI DI

Dettagli

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0 1 PRESENTAZIONE Il settore di Neonatologia dell U. O. C. di Pediatria dell Ospedale di Vibo Valentia attualmente è rappresentato dal Nido. In questa struttura si accolgono tutti i nati sani all interno

Dettagli

IPr.ll Regione IEAII Lombardia G.B. MANGIONI. ASL Lecco HOSPITAL. Cih'l44-i'lttt!bi 4 fr i. CARTA DEI SERVIZI PERCORSO NASCITA in provincia di Lecco

IPr.ll Regione IEAII Lombardia G.B. MANGIONI. ASL Lecco HOSPITAL. Cih'l44-i'lttt!bi 4 fr i. CARTA DEI SERVIZI PERCORSO NASCITA in provincia di Lecco IPr.ll Regione IEAII Lombardia ASL Lecco G.B. MANGIONI HOSPITAL Cih'l44-i'lttt!bi 4 fr i CARTA DEI SERVIZI PERCORSO NASCITA in provincia di Lecco Aggiornamento Giugno 2015 Introduzione La gravidanza è

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore CARTA DEI SERVIZI UNITA OPERATIVA DI OSTETRICIA GINECOLOGIA E CENTRO DI PROCREAZIONE MEDICO ASSISTITA Ospedale di PIEVE DI CADORE Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta

Dettagli

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Carta dei Servizi di Ostetricia

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

Carta dei diritti del malato

Carta dei diritti del malato Carta dei diritti del malato La Repubblica Italiana tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività. La tutela della salute deve avvenire nel rispetto della dignità

Dettagli

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico I Bollini Rosa sono il riconoscimento Onda che, l'osservatorio nazionale sulla salute della donna, attri Nel è possibile sito consultare le www.bollinirosa.it schede di tutti gli ospedali con i relativi

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Percorso Nascita Carta dei servizi

Percorso Nascita Carta dei servizi - Percorso Nascita Carta dei servizi 2015 Ultimo aggiornamento giugno 2015 Sommario La carta dei servizi... 3 L Azienda Ospedaliera (AO)... 4 Unità Strutturale Complessa (USC) OSTETRICIA E GINECOLOGIA

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

PraenaTest. Esame non invasivo delle trisomie nel feto. Qualità dall Europa ORA NUOVO. Brochure informativa per gestanti

PraenaTest. Esame non invasivo delle trisomie nel feto. Qualità dall Europa ORA NUOVO. Brochure informativa per gestanti ORA NUOVO PraenaTest express Esito in 1 settimana PraenaTest Qualità dall Europa Esame non invasivo delle trisomie nel feto Brochure informativa per gestanti Care gestanti, Tutti i futuri genitori si chiedono

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK a cura di Sara Ferrari volontaria del Servizio Civile Nazionale Garanzia Giovani progetto ed elaborazione grafica

Dettagli

Diagnosi precoce della depressione post-partum e. multidimensionale

Diagnosi precoce della depressione post-partum e. multidimensionale Diagnosi precoce della depressione post-partum e trattamento multidimensionale Genova, 25 maggio 2013 Direttore S.C.Assistenza Consultoriale Dr.ssa Angela Lidia Grondona SEDI CONSULTORI Percorso nascita

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Percorso nascita EDIZIONE 2015

CARTA DEI SERVIZI Percorso nascita EDIZIONE 2015 CARTA DEI SERVIZI Percorso nascita EDIZIONE 2015 Progetto di comunicazione a cura dell ASL di Brescia Progetto grafico e impaginazione: Officina delle idee - Cigole (BS) ASL di Brescia Sede legale: Viale

Dettagli

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA CARTELLA DELLA GRAVIDANZA Portare tutta la documentazione ad ogni visita ed al ricovero N 20.. Cognome.Nome.... Nata a. il. età.. Residente via/piazza. Comune.. Prov tel/cel.. Professione. Tessera Sanitaria.

Dettagli

Direttore Unità Operativa Complessa. Coordinatori Infermieristici

Direttore Unità Operativa Complessa. Coordinatori Infermieristici EQUIPE SANITARIA Direttore Unità Operativa Complessa (foto) CICCIARELLA RAFFAELE 041 5294697 BERTOLDINI MARGHERITA CALTAROSSA ELENA CARUSO LAURA CAVOLI DANIELE CODROMA ANNA ESPOSITO CHIARA MOLIN FRANCESCO

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE ENTE ECCLESIASTICO CIVILMENTE RICONOSCIUTO 16122 GENOVA Corso Solferino, 1A Tel 010/55221 Sede Legale: Salita Sup. S. Rocchino, 31/A STRUTTURA COMPLESSA DI OSTETRICIA

Dettagli

Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare

Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare Filomena GIAMMETTA Daniela SPINA I.R.C.C.S. G.GASLINI GENOVA U.O. CARDIOLOGIA U.O. OSTETRICIA e

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. Consultorio Familiare Gli A uil ni. Corso Lodi, 127 Milano Tel. 02 56808762 C. F. 97551220151

CARTA dei SERVIZI. Consultorio Familiare Gli A uil ni. Corso Lodi, 127 Milano Tel. 02 56808762 C. F. 97551220151 CARTA dei SERVIZI Consultorio Familiare Gli A uil ni Corso Lodi, 127 Milano Tel. 02 56808762 C. F. 97551220151 e.mail: consultorio@gliaquiloni.net sito internet: www.gliaquiloni.net PRESENTAZIONE La "Carta

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 )

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) INDICE DOCUMENTO PRECEDENTE LEGENDA SIGLE E ABBREVIAZIONI SUCCESSIVA 2. IL PERCORSO NASCITA La gravidanza ed il parto sono eventi

Dettagli

ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti

ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI GHIRETTI GIORGIA ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti Sesso Femminile Data

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare SOS Dpt Consultorio Familiare Tutela Minori e Adolescenza Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato

Dettagli