EDITO A CURA DELLʼAMMINISTRAZIONE COMUNALE ANNO X - NUMERO 10 - DICEMBRE 2009 / GENNAIO 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDITO A CURA DELLʼAMMINISTRAZIONE COMUNALE ANNO X - NUMERO 10 - DICEMBRE 2009 / GENNAIO 2010"

Transcript

1 EDITO A CURA DELLʼAMMINISTRAZIONE COMUNALE ANNO X - NUMERO 10 - DICEMBRE 2009 / GENNAIO 2010 Il Natale è in noi... Il Natale che celebra l amore per il prossimo e la fratellanza cade in un periodo in cui le giornate sono più corte e la temperatura più bassa. Nei ricordi di noi più anziani, la neve era un elemento costante. La tradizione voleva che i nuclei familiari si riunissero per lo scambio di doni, come espressione di amore. Ma il mondo e le sue abitudini cambiano. Il Presepe, sempre più spesso, è sostituito dall abete, anche di plastica, impreziosito da mille ornamenti. Le giornate restano più corte, ma la temperatura è aumentata. L abitudine di passare il Natale con i tuoi sostituita dalla ricerca di mete sempre più lontane dove le condizioni climatiche sono più favorevoli. I doni si scambiano ancora, ma in nome di è il pensiero che conta con proliferazione di oggetti dal rapporto costo/qualità che mortifica il senso del regalo come espressione di amore. Il progressivo abbandono delle tradizioni, la ricerca di situazioni che gratificano la soddisfazione personale, la sbrigativa attribuzione di un sentimento importante ad un modesto regalo, esprimono una progressiva perdita dell amore che dovrebbe caratterizzare la festività. Il benessere che aumenta rende più improbabile conciliare il Natale con il senso dell amore. Non bastano la Messa di mezzanotte, lo scampanio delle Parrocchie, i sermoni che, uggiosi, ripetono un assoluto distacco dal mondo reale per mantenere vivo lo spirito vero del Natale. Rinunciare ad alcune consuetudini non è permesso dall ipocrisia che pervade la nostra società. Ma è necessario farlo se vogliamo tornare all essenza di una festa che da tempo non lo è più. Il vero Natale non può prescindere dall osservazione della disparità che esiste fra i cosiddetti mondi del nord e del sud. Come è possibile festeggiare con doni una giornata in cui muoiono per fame 10 bambini ogni minuto? Se il Natale è diventato una festa pagana, non dobbiamo far scomparire il suo significato profondo di amore per il prossimo. Questo indipendentemente da una data precisa. E qui vorrei ricordare una storia di cui sono venuto a conoscenza. Sara una donna fortunata, bella e rallegrata da una famiglia felice e da un marito affettuoso, anche se in età molto giovane, scopre di avere una di quelle malattie che una volta mettevano paura a chiunque. L impatto psicologico è in tutti devastante. Ricordo il pianto del papà alla notizia e il suo umore cambiato anche nel lavoro. Ma ciò non gli impedisce di essere vicino a Sara nel contatto con gli specialisti, rincuorandola con la sua fiducia nella ragione, convincendola che tutto si risolverà. La mamma che cambia i suoi programmi mettendosi a disposizione della figlia, condividendo il suo dolore con il marito. I genitori, come tutti i genitori del mondo, non possono accettare che un figlio possa avere problemi di salute più gravi dei propri. Lo sconforto iniziale di tutti si trasforma nella ricerca delle cure migliori. Malgrado il periodo estivo, con le sue difficoltà logistiche, i genitori di Sara riescono a organizzarsi per stare vicino alla figlia in difficoltà. Ma questo è normale. Ciò che mi ha stupito è l aver constatato l affetto di parenti ed amici che, in modo sincero, hanno partecipato all imprevedibile situazione. Dai parenti più anziani come Giovanna, a quelli più giovani come Maria, Carla e Elisabetta si è concretizzata una solidarietà umana non altrimenti giustificabile se non con l amore per il prossimo. Continua a pag. 4 COMUNE: FINITO L INTERVENTO SULLE FACCIATE CANCELLATI I SEGNI DEL TEMPO. PROSSIMA L INSTALLAZIONE DEI NUOVI PANNELLI FRANGISOLE L imponente ponteggio che per mesi ha circondato il Palazzo Municipale ha nascosto le attività di restauro delle facciate. L operazione è stata dettata dal logorio e dall usura che il tempo ha inferto all immobile in mezzo secolo di vita: in tale intervallo, infatti, se si eccettuano gli interventi resisi necessari per ampliamenti ed adeguamenti, mai si è provveduto a porre rimedio agli acciacchi che - progressivamente - hanno ricoperto di rughe il Palazzo Municipale. A tal fine l Amministrazione comunale ha approvato due specifici progetti, predisposti dai propri tecnici, che prevedono l esecuzione dei seguenti lavori: manutenzione straordinaria degli intonaci e delle finiture lapidee delle facciate fornitura e posa in opera di nuovi elementi frangisole sulla facciata principale e sulle due adiacenti Le due attività sono state separate e non accorpate in quanto molto specialistiche, dando in tal modo priorità alla qualità dei lavori. L aggiudicazione degli stessi ad un singolo soggetto avrebbe avuto, come unico vantaggio, l allestimento di un solo ponteggio. La manutenzione straordinaria degli intonaci e delle finiture lapidee delle facciate è stata approvata dalla Giunta comunale lo scorso 29 giugno, tramite un apposito progetto il cui quadro economico si era attestato all importo di ,00 euro. Si coglie la presente opportunità per ribadire, ancora una volta, che il quadro economico non rappresenta l effettivo costo da ORO BLU: SONO IN ARRIVO GLI AUMENTI IL DISCUSSO PIANO TARIFFARIO VOTATO LO SCORSO ANNO DAI SINDACI DELLA PROVINCIA Ad inizio dicembre i cittadini e le aziende titolari di un contatore dell acquedotto sono stati raggiunti da una comunicazione - congiuntamente emanata da Amga SpA e dal Comune - nella quale vengono preannunciati aumenti in ossequio a una decisione assunta lo scorso anno da un organismo rappresentativo degli enti locali, la Conferenza d Ambito. Ambito il cui perimetro coincide con quello della Provincia di Milano ad esclusione del capoluogo. La nota, di per sé, è già sufficientemente esplicativa soprattutto per quanto riguarda gli effetti sulle tasche degli utenti; tuttavia è opportuno - a mio giudizio - cercare di fornire ulteriori spiegazioni, a seguito anche di alcuni articoli che la stampa locale ha riservato all argomento e nei quali si tende a puntare l indice accusatorio nei confronti di Amga SpA: si tratta, come si vedrà nella prosecuzione dell articolo, di valutazioni critiche non corrette. Prima di addentrarci nelle delucidazioni che seguiranno, è opportuno che il lettore memorizzi il termine di servizio idrico integrato, di fatto espressione chiave dell intera questione. Il servizio idrico integrato comporterà, una volta attuato e portato a regime, l offerta a tutti i cittadini residenti nella Provincia di Milano (con la sola esclusione del capoluogo, come già detto) di un complesso di prestazioni al medesimo costo, a partire dalla captazione dell acqua nella falda per arrivare sino al rilascio dello stesso liquido dopo il trattamento di depurazione.. Per traguardare questa importante meta è essenziale, però, che i panni del gestore del servizio idrico integrato siano indossati da un solo soggetto. Dunque, il servizio idrico integrato non è altro che il di Cristina Masetti Il Palazzo Comunale in fase di restauro di Olindo Garavaglia sostenersi da parte dell Amministrazione comunale, ma la sommatoria di una serie di voci che determinano l ammontare limite della spesa: infatti in quest ultima devono essere ricompresi gli oneri della sicurezza, l IVA (per il Comune è di fatto un uscita secca non essendo previsto alcun rimborso), somme per imprevisti e ulteriori accantonamenti per esigenze di ordine tecnico. Tornando al primo dei due interventi, va puntualizzato che l esperimento della procedura per l affidamento dello stesso ha visto l affermazione della Edil Risana di Segrate che, nella gara espletatasi in data 10 agosto al cospetto della commissione di rito, ha presentato un offerta con il 33,30% di ribasso sull importo contrattuale (poco più di ,00 euro, tenuto conto che i circa ,00 euro rappresentativi degli oneri della sicurezza e da aggiungersi alla cifra precedente non sono, per legge, assoggettati a ribasso). Riassumiamo, brevemente, i lavori affidati all azienda di Segrate: installazione del ponteggio - rimozione dei frangisole esistenti - pulizia dei rivestimenti lapidei - sondaggio e battitura degli intonaci esistenti con rimozione delle parti ammalorate - lavaggio di tutte le facciate - ripristino degli intonaci rimossi e/o danneggiati - sostituzione delle scossaline, dei pluviali e degli elementi decorativi metallici - rifacimento dell impermeabilizzazione della pensilina - tinteggiatura completa di tutte le facciate con prodotti specifici. Il tempo concesso all azienda per la realizza- Continua a pag. 2 ciclo complessivo delle attività che sino ad oggi sono state esercitate da più soggetti: distribuzione dell acqua potabile, raccolta dei reflui nella rete fognaria e depurazione degli stessi dopo il convogliamento negli impianti di trattamento. Differenti sono anche le origini dei molteplici gestori: in prevalenza aziende municipalizzate e consorzi. La proliferazione, nel tempo, di questi ultimi ha determinato una frammentazione della gestione con ripercussioni favorevoli, come ad esempio la fidelizzazione degli utenti, e sfavorevoli, basti pensare alla limitatezza degli investimenti nei bacini di utenza di modesta estensione. Oggigiorno si vuole, come ho già anticipato, perseguire un modello gestionale esattamente opposto e, conseguentemente, passare dalla condizione della frammentazione a quella che prevede una gestione unitaria, mentre reti ed impianti continueranno a restare in capo ai medesimi proprietari. Da un punto di vista pratico nulla muterà per le cosiddette società patrimoniali, mentre per quelle dedicate alla gestione è giunto il momento di fusioni e di accorpamenti. Di fatto il processo di semplificazione è già partito ma non si è ancora concluso perché, in tal caso, nella comunicazione indirizzata all utenza sarebbe apparso, in luogo del nome di Amga SpA, quello dell unica azienda che si occuperà del servizio idrico integrato. Approfitto dell opportunità per rivelarne il nome: Amiacque s.r.l.. Alcuni cittadini l hanno già conosciuta, allorché si sono rivolti allo sportello, ubicato in seno all Ufficio tecnico, presso il quale si presentano pratiche inerenti la fognatura. Ma non è bastato rivoluzionare i rapporti tra i soggetti gestori per dare attuazione al nuovo Continua a pag. 2

2 2 COMUNE Oro Blu: sono in arrivo gli aumenti - Continua da pag. 1 Comune: finito l intervento sulle facciate - Continua da pag. 1 modello di erogazione del servizio idrico integrato, perché la tariffa dell acqua e degli annessi canoni spettanti alla fognatura e alla depurazione Durante lo svolgimento delle attività di cantiere sono emerse circostanze zione delle attività testé citate è stato quantificato in 90 giorni. oscilla, nei circa centoquaranta comuni della Provincia di Milano, tra un e problematiche tali da indurre l Amministrazione comunale a prendere in minimo ed un massimo spaventosamente lontani. Questi sono stati, evidentemente, gli effetti della frammentazione di cui si diceva e tale colpa modo particolare sono mutate la finitura delle pareti esterne e le modalità considerazione la possibilità di una perizia suppletiva e di variante: in ora deve essere espiata attraverso l introduzione della cosiddetta tariffa di pulizia dei marmi di rivestimento. Se si deve ammettere che una perizia costituisce, di fatto, una parziale smentita del progetto iniziale con unica che si applicherà - in tutti i Comuni della Provincia con la sola esclusione di quello di Milano - a partire dall anno 2014, dodici mesi prima dell arrivo di Expo. Se ne conosce l entità? Si: 0,9851 euro/metro cubo. Ciò stenti sarebbe errato escluderla in partenza. La perizia in argomento sfio- relativo aggravio di costi, è pur vero che laddove si opera su strutture esi- significa, nel frattempo, introdurre aumenti che variano, da comune a ra i ,00 euro (oltre IVA): alla luce di tale precisazione, i cittadini comune, a seconda della differenza tra la tariffa futura e quella odierna. Nel devono sapere che il primo dei due interventi previsti per la riqualificazione del Palazzo Municipale ha comportato un investimento di denaro, in caso del Comune di Parabiago la tariffa, precedente all incremento, si attestava a circa 0,7 euro/metro cubo: nell arco di cinque/sei anni il piano tariffario comporterà l incameramento di quasi trenta centesime di euro a metro inclusa). La seconda attività, come la prima, è stata progettata dai tecnici attesa della conferma finale, di poco inferiore ai ,00 euro (IVA cubo (la metà dei quali viene recuperata con l aumento in corso). comunali ed i relativi elaborati sono stati approvati dall organo giuntale Ci sono due ulteriori aspetti della comunicazione che meritano, entrambi, nella seduta dello scorso 14 settembre. Il quadro economico del secondo un chiarimento: la decorrenza e la finalità dell aumento. Circa il primo va intervento è risultato essere lievemente inferiore al precedente: detto che la data del 01/10/08 è stata definita a suo tempo, come si evince dal Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia. Se l utente lo che ha sancito, grazie al ribasso del 13,50%, l aggiudicazione dei lavori ,00 euro. Nella seconda parte del mese di ottobre si è svolta la gara apprende parecchi mesi dopo, appare grave l assenza di comunicazioni alla S.F. & A. di Busto Garolfo. Il contenuto dell appalto consiste nella tempestive e mirate sia per la consistenza dell aumento e sia per l effetto fornitura e messa in opera di nuovi elementi frangisole dalle caratteristiche estetiche analoghe a quelli esistenti che, a loro volta, non potevano più retroattivo attribuito allo stesso. L effetto retroattivo è certamente antipatico, ma non ne parlerei nei termini di un furto perché è funzionale al raggiungimento della tariffa unica entro un certo termine: azzerarlo equivarrebbe a concentrare l aumento generale (quello preannunciato è parziale e sarà seguito da altri) in un intervallo di tempo più ricostruirli a causa dei costi). Le nuove pale, ricavate da profilati estru- essere riutilizzati essendosene danneggiati un certo numero (impensabile breve. Se nei prossimi tempi venisse provata l illegittimità della retroattività dell aumento in questione, sarà doveroso un intervento dell Amministrazione comunale. Quando l Amministrazione comunale ha appreso dell immi- il loro azionamento avverrà con comandi elettrici (le precedenti venivano si in alluminio saranno ancorate in modo più sicuro rispetto al passato ed nenza del primo aumento della tariffa dell acqua ha chiesto ad Amga SpA il differimento della fatturazione per orientate in modo manuale sino a quando gli ingranaggi non si sono danneggiati). Trattandosi di manufatti attualmente in costruzione, si prevede divulgare anticipatamente la novità (si fa per dire anche se sarebbe stato peggio allegare alla fattura la nota esplicativa). Amga SpA è mera esecutrice di volontà altrui, tant è che - e così si ha modo di parlare del secondo aspetto, ossia la finalità dell aumento - le somme totalizzate con il preannunciato incremento saranno destinate agli inve- Allo stato attuale è presumibile ritenere che i mezzi finanziari occorrenti la loro messa in opera nel prossimo mese di febbraio. stimenti, vale a dire in favore di opere che consentiranno di eliminare le eccessive perdite di carico che patisce la si attestino attorno ai ,00 euro: la prudenza è d obbligo sino al rete di distribuzione dell acqua potabile, di completare la diffusione nel territorio provinciale dei collettori fognari e di intervenire sugli impianti di depurazione e su quelli complementari agli stessi. Potrà sembrare smodato, ai secondo le esplicite richieste dell Amministrazione comunale, ossia quel- completamento dei lavori. Entrambi gli interventi sono stati disposti parabiaghesi, il deficit di opere di cui abbisogna il territorio dell intera Provincia di Milano ma, purtroppo, questa le di conservare le caratteristiche estetiche ed architettoniche di un edificio che abbisognava di opere di ripristino senza alterarne, appunto, i con- è la realtà dei fatti: senza allontanarci da casa, dovrebbe essere risaputo che ai margini delle frazioni di Villastanza e Villapia è prevista la costruzione di un impianto di volanizzazione, per la temporanea raccolta delle notati stilistici. Si sono levate alcune critiche in merito alla scelta di aver acque reflue quando le stesse eccedono la quantità autorizzata ad affluire nel collettore finale, il cui costo supera privilegiato quest opera rispetto ad altre: francamente paiono essere ingiustificate perché la manutenzione del patrimonio comunale - indipendente- abbondantemente la soglia dei cinque milioni di euro. Complessivamente stiamo parlando di realizzazioni che richiederanno alcune centinaia di milioni di euro e la cui disponibilità può essere assicurata, al momento, esclusivamente ritoccando la tariffa dell acqua che qualcuno, maliziosamente ma fino ad un certo punto, ha ribattezzato deve costituire un impegno improcrastinabile per ciascuna amministraziomente che si tratti di una scuola, di un impianto sportivo od altro ancora - come oro blu. Il disegno complessivo del servizio idrico integrato è positivo, perché persegue il principio di raggiungere, ovunque, la stessa efficienza allo stesso costo. Poiché i beneficiari degli effetti dell ineccepibile princi- tempo debito, gli stessi interventi avrebbero comportato sicuramente ne. Se il Palazzo Municipale avesse ricevuto le necessarie attenzioni a pio sono all oscuro o quasi del disegno medesimo, risulta impossibile disconoscere responsabilità che, chiaramente, nessuno vuole assumersi. Ma una volta individuati i colpevoli, l utente dovrà mostrare buon viso a cattivo rità, sarebbe stato sin troppo facile prevedere una escalation dei costi a esborsi minori e se l attuale Amministrazione avesse optato per altre prio- gioco e pretendere, ribadisco pretendere, il rigoroso utilizzo delle maggiori entrate. discapito dei futuri bilanci comunali. PAGAMENTO BOLLI AUTO PRATICHE AUTOMOBILISTICHE E AMMINISTRATIVE PARABIAGO MI - VIA BRISA, 57/59 - TEL GALLARATE VA - VIA B.FERNI, 3 - TEL. E FAX TRAPASSI AUTOVEICOLI PATENTI PASSAPORTI CERTIFICATI SI - DUPLICATI - - DEMOLIZIONI - LICENZE CONTO PROPRIO

3 COMUNE 3 CALENDARIO 2010: RACCOLTA DOMICILIARE DEGLI SCARTI VEGETALI Zona 1 Zona 2 Zona 3 11 Gennaio 12 Gennaio 13 Gennaio 8 Febbraio 9 Febbraio 10 Febbraio 15 Marzo 16 Marzo 17 Marzo Aprile Aprile Aprile Maggio Maggio Maggio 7-21 Giugno 8-22 Giugno 9-23 Giugno 5-19 Luglio 6-20 Luglio 7-21 Luglio 2-16 Agosto 3-17 Agosto 4-18 Agosto 6-20 Settembre 7-21 Settembre 8-22 Settembre 4-18 Ottobre 5-19 Ottobre 6-20 Ottobre 8-22 Novembre 9-23 Novembre Novembre 13 Dicembre 14 Dicembre 15 Dicembre Zona 4 Zona 5 Zona 6 14 Gennaio 15 Gennaio 16 Gennaio 11 Febbraio 12 Febbraio 13 Febbraio 18 Marzo 19 Marzo 20 Marzo Aprile Aprile Aprile Maggio Maggio Maggio Giugno Giugno Giugno 8-22 Luglio 9-23 Luglio Luglio 5-19 Agosto 6-20 Agosto 7-21 Agosto 9-23 Settembre Settembre Settembre 7-21 Ottobre 8-22 Ottobre 9-23 Ottobre Novembre Novembre Novembre 16 Dicembre 17 Dicembre 18 Dicembre Il servizio è effettuato con prenotazione telefonica al numero verde Il costo è di 54,00 euro e riflette unicamente gli oneri di manodopera e di utilizzo dell automezzo. Per i portatori di invalidità civile e per le categorie protette il servizio è gratuito P ubblichiamo volentieri anche quest anno il calendario per la raccolta a domicilio degli scarti vegetali per l anno 2010 utile per migliorare ancora di più i buoni risultati ottenuti sin ora grazie anche al contributo dei cittadini di Parabiago. Ricordiamoci che la prima azione virtuosa quando si parla di rifiuti è quella di produrne di meno, riducendo ad esempio gli sprechi o scegliendo prodotti duraturi e con pochi imballaggi. La seconda azione è quella di recuperare i rifiuti. Un metodo validissimo è il compostaggio domestico con il quale si possono trasformare nel giardino di casa gli scarti vegetali in terriccio adatto per migliorare la fertilità del terreno. La terza azione virtuosa è quella di separare i rifiuti affinché possano essere riciclati. È quest ultima l azione che, grazie al vostro impegno, si sta rivelando particolarmente efficace. Infatti nel 2009 oltre tonnellate di rifiuti (circa il 60% del totale) sono state avviate agli impianti di recupero e trasformate per produrre nuovi oggetti, risparmiando energia e risorse naturali. Prosegue quindi un trend positivo già evidenziato negli ultimi anni che consente alla città di Parabiago di essere inserita nella classifica di Legambiente dei comuni ricicloni cioè quelli che si sono distinti in tema di raccolta differenziata dei rifiuti. LUIGI LAZZATI Assessore delle Politiche Ambientali Città di Parabiago Pareti mobili Pavimenti sopraelevati Porte vetrate REI 60 Controsoffitti Pareti vetrate REI Via S.Giorgio, Parabiago (Mi) Tel: Fax:

4 4 SOLIDARIETÀ U PARABIAGO REGALA UN SORRISO AI BAMBINI AMMALATI Uno dei bigliettini acquistati dall Amministrazione n gesto di solidarietà rivolto ai bambini del reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia: è quanto ha voluto compiere la nostra Amministrazione in vista del Natale, la festa che per i piccoli, appunto, è in assoluto la più bella e la più attesa dell anno. Devolvendo un offerta in cambio di alcuni biglietti augurali che i bambini stessi hanno realizzato disegnando simpatici soggetti natalizi, l Amministrazione parabiaghese ha infatti contribuito al sostegno di quel reparto, punto di riferimento per giovani sfortunate vite provenienti non solo dalla Lombardia, ma anche da altre regioni italiane e addirittura dall estero. In materia di trapianti di midollo osseo, la struttura di Pavia diretta dal Professor Franco Locatelli detiene sicuramente il primato in termini numerici, in particolare riguardo ai trapianti da cellule staminali contenute nel sangue del cordone ombelicale. Dal 1986 al 2006 sono stati effettuati più di 6000 trapianti di midollo osseo in Italia dei quali Pavia detiene il primato in termine numerico. Tra i tipi di trapianto ricordiamo quello da cellule staminali emopoietiche da sangue del cordone ombelicale. Il sangue placentare rappresenta una valida alternativa al trapianto di midollo e rispetto ad esso presenta vantaggi così come svantaggi. Il vantaggio maggiore è rappresentato dal fatto che le cellule immuno competenti (i linfociti) sono meno capaci di aggredire i tessuti del ricevente e quindi è inferiore il rischio di sviluppare complicanze immunologiche. Inoltre il sangue placentare è immediatamente disponibile, mentre per trovare un donatore di midollo osseo compatibile si impiega molto più tempo, e spesso questo è un fattore cruciale per la prognosi dei pazienti. Inoltre con il sangue da cordone ombelicale è possibile effettuare trapianti da donatori non perfettamente compatibili, proprio in funzione dell immaturità dei linfociti del sangue placentare. Gli svantaggi invece sono rappresentati dal numero limitato di cellule, a differenza del midollo osseo che ne contiene un numero pressoché illimitato. Questo fa sì che il trapianto da sangue placentare sia una strategia impiegata prevalentemente in pazienti in età pediatrica e comunque raramente in soggetti con un peso corporeo superiore ai quaranta chilogrammi. Esiste una rete collaborativa con punti di raccolta del sangue placentare in banche a Milano, Pavia, Padova, Torino, Firenze, Roma e Bologna. Altre entità che stanno sorgendo o che già operano si trovano a Sciacca, Matera, Treviso e Genova. I centri che si occupano di trapianto sono una cinquantina. Per i trapianti in età pediatrica sono invece una dozzina e tra questi la Clinica Oncoematologia pediatrica del Policlinico San Matteo. Un reparto, dunque, che funziona egregiamente ma che, per continuare nella propria opera, necessita anche del sostegno delle associazioni di volontariato che rivestono un ruolo importantissimo, se si considera che il 70% dei bambini che si rivolgono al San Matteo provengono da altre regioni. Uno dei compiti istituzionali di questi sodalizi è infatti di provvedere a trovare una sistemazione per permettere a quei genitori che abitano fuori regione o,comunque sia, lontano da Pavia, di stare accanto ai loro bambini senza essere costretti a percorrere centinaia di chilometri, ogni giorno. Lo sanno bene i volontari dell Anpo (Associazione Nazionale Prevenzione Oncologica) che, attraverso un progetto denominato Operazione Riccardo (in ricordo di un angioletto di 4 anni che è tornato in cielo), provvedono a sostenere le famiglie che si trovano disorientate e spaventate di fronte a una diagnosi sconcertante come, di fatto, è quella di un tumore in età pediatrica. L esperienza di Riccardo è stata di stimolo, per un gruppo di volontari di Legnano, ad avvicinarsi ai problemi dei bambini malati e dei loro familiari, portandoli a individuare interventi per rendere meno difficile la permanenza in ospedale. Il pensiero di dover stare ricoverati per periodi lunghi, di staccarsi dagli affetti degli altri figli e parenti,di trovare un alloggio vicino all ospedale per il prosieguo delle terapie anche dopo il ricovero, si aggiunge a quello prettamente clinico, portando il bambino, i genitori e tutte le persone a loro collegate, a modificare drasticamente e, in alcuni casi, anche drammaticamente il loro modo di vivere. Ancora più particolare è per la famiglia affrontare il percorso di speranza del trapianto di midollo osseo che passa attraverso il momento scioccante nel quale si decide che questa è la strada da percorrere, al periodo di incertezza nella ricerca del donatore compatibile, dalle frequenti terapie preparatorie alla fase vera e propria del trapianto di midollo osseo dove il bambino e uno dei genitori entrano in strutture apposite di isolamento e arriva sino al rientro a casa. Questo percorso che ha tempi anche di mesi porta a comprendere come può diventare importante sostenere il bambino e famiglie cercando di far sentire meno difficile il distacco dal mondo esterno, dalla scuola, dai momenti di svago. Sostenere l Anpo significa, dunque, tendere una mano a tanti genitori in seria difficoltà, permettendo loro di non separarsi dai loro bambini nel momento delle cure, così come di rimanere vicino alla sede ospedaliera nel lungo periodo dell attesa di un trapianto. Per questi motivi, l Amministrazione non ha esitato a dare al Natale ormai imminente il volto di quei bambini. MASSIMO MONDELLINI Pensando al Natale: - Continua da pag. 1 Ognuno ha dato il proprio contributo. Dalla ricerca della parrucca, per prevenire gli effetti della chemioterapia, all organizzazione di incontri con amici, per stemperare l angoscia costante, alla presentazione di situazioni cliniche analoghe risoltesi positivamente. E la preghiera intensa di chi possedeva il dono della Fede. Tanti regali fatti di parole, di presenza e di disponibilità, senza rivestimenti di carte o di nastri costosi, offerti con estrema discrezione. Questo per tutto il periodo della diagnosi, dell intervento e della successiva terapia medica. Un amore sincero è riuscito nel tempo a stemperare il dolore di tutti. Questo accadeva d estate, ben lontano dal 25 dicembre. Ma con lo spirito vero del Natale. La storia di Sara non deve finire con la sua guarigione. Le medicine per il corpo hanno un senso se riescono a curare anche lo spirito. E i tanti giovani che in questo periodo hanno dimostrato valori apparentemente dimenticati, mi fanno sperare in un futuro migliore in cui il rigido dogmatismo delle credenze settoriali sarà superato dal diffondersi concreto delle migliori qualità dell uomo. Lasciamo il Natale dei doni ai bambini. Dott. Giorgio Belloni

5 EVENTI SCUOLA APERTA ALLA MEDIA PARITARIA S. AMBROGIO I l 28 novembre scorso, si è svolto l Open Day della Scuola Media Parrocchiale Paritaria S. Ambrogio. Gli alunni delle scuole elementari che, a breve, dovranno iscriversi alle scuole medie, insieme ai loro genitori hanno potuto far visita al nostro istituto, incontrare i ragazzi che lo frequentano, conoscere i lavori e le attività svolte quotidianamente da questi ultimi e parlare con i docenti. Due momenti diversi hanno contraddistinto la mattinata: la presentazione della scuola da parte dei docenti attraverso la proiezione di slide, anticipata dal saluto di benvenuto della sig.ra Preside prof. ssa Airoldi Robbiati e del prevosto don Felice Noè gestore della scuola, e di seguito il tour per le aule organizzato dagli studenti. Questo secondo momento è stato particolarmente significativo, in quanto i bambini hanno avuto una testimonianza diretta dagli alunni stessi della Sant Ambrogio di quali progetti e attività vengono realizzati nella nostra scuola: hanno visionato cartelloni e disegni realizzati dai ragazzi, nonché i lavori svolti nel corso dei laboratori pomeridiani (laboratorio di scrittura, di ecologia, di musica, di teatro in lingua italiana e inglese) e sono state illustrate loro alcune attività didattiche e non, che si svolgono nel corso della mattinata tra cui, il giornalino scolastico. Hanno inoltre visto gli alunni delle medie impegnati in alcune attività sportive nella palestra della scuola. Genitori e alunni sono stati divisi in piccoli gruppi per consentire loro una visita guidata e approfondita. Al termine della giornata è stato offerto un aperitivo a tutti i convenuti e agli scolari che hanno partecipato numerosissimi alla riuscita dell evento. Lo scopo della SCUOLA APERTA è stato quello di mostrare ai genitori chiamati a scegliere la scuola giusta per i propri figli quali principi educativi e formativi animano la realtà scolastica della Sant Ambrogio: l attenzione alla singola persona, la passione dei docenti nello svolgimento della propria missione di educatori, la collaborazione stretta con le famiglie, l affetto degli alunni, l importanza delle relazioni umane e di un clima familiare. La speranza dei docenti è che i genitori e i bambini che sono intervenuti all Open Day della scuola, ne abbiano tratto un valido aiuto per la scelta che si apprestano a fare. I DOCENTI DELLA S. AMBROGIO LA FOTO DEL MESE Sabato 16 Gennaio ore 15,00 Biblioteca Civica di via Brisa L OLIMPO - Miti e Leggende Greche Lettura per bambini e adulti a cura del teatro Mangiafuoco L iniziativa rientra nel progetto Fiocchi di Natale - per leggere in tutti i sensi 5 Ecco una suggestiva immagine aerea del nuovo parcheggio di via Cavalieri, nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria, alla quale è direttamente collegato attraverso il sottopasso comunale. Realizzata dall Amministrazione Garavaglia anche grazie ai sostanziosi contributi di Provincia e Regione, l opera è stata messa a disposizione dei pendolari e della cittadinanza nei primi giorni di novembre. Rimangono ancora alcune opere complementari da portare a termine, in primis quelle che consentiranno agli autobus di fare manovra con la necessaria agilità. Dopodichè si potrà anche prevedere un brindisi inaugurale alla presenza di autorità e di pendolari.

6 6 OPINIONI DEI GRUPPI CONSILIARI BOTTA E RISPOSTA 1 - Emergenza rifiuti: mentre il destino dell inceneritore di Busto Arsizio (Accam S.p.A.) continua ad essere appeso ad un filo, si discute sulla possibilità di insediare nel territorio dell Alto Milanese un impianto di compostaggio. A parte le prevedibili reazioni di preoccupazione, ha senso continuare a smaltire la frazione umida lontano da casa a costi più alti per l utenza? 2 - In un recente passato due plessi scolastici sono stati titolati alla memoria di benemeriti concittadini (il Prof. Eugenio Travaini e Padre Davide Giovanni Ceriani) grazie anche al consenso e alla spinta dell opinione pubblica. Altrettanto sembra emergere dai primi sondaggi che l Amministrazione Comunale ha effettuato nella prospettiva di omaggiare la figura di Felice Musazzi, riservandogli la scuola primaria della frazione di San Lorenzo in cui appunto nacque il celebre artista. Dando per scontato che sia opportuno superare l anonimato del plesso, condividete la proposta oppure ne suggerite una alternativa più efficace? 3 - I piani E.R.P. (Edilizia Residenziale Pubblica) hanno concorso, in generale, alla creazione di quartieri - ghetto anche a causa di attività manutentive insufficienti. Investire ancora in tale direzione o, alternativamente, implementare i fondi destinati al sostegno affitti con l obiettivo di permettere a più soggetti di avere un alloggio adeguatamente dignitoso? IL POPOLO DELLE LIBERTÀ 1 - Tutti li fanno ma nessuno li vuole E proprio di rifiuti che stiamo parlando e molto probabilmente quando fra pochi giorni leggeremo questo articolo il destino dell inceneritore di Busto Arsizio di Accam S.p.A. avrà già disegnato il suo futuro. Futuro che auspichiamo nella direzione della continuità. Perché è proprio in queste ore che gli azionisti stanno valutando un piano di finanziamento e chiedendo al comune di Busto Arsizio di rivedere la convenzione con scadenza 2019 per posticiparla al In breve, l inceneritore necessita di un operazione di revamping, per assicurare nei prossimi anni il suo funzionamento nel continuo rispetto dell ambiente, il cui costo si aggira intorno a qualche decina di milioni di euro! Ma le banche non regalano mai nulla.. Per rimanere in tema di rifiuti, Amga S.p.A. sta progettando un impianto di compostaggio ubicato nel territorio legnanese al quale conferire i rifiuti cosiddetti umidi. Il compostaggio di qualità è per definizione una tecnologia a basso impatto ambientale e la realizzazione di questo impianto permetterà la produzione di energia elettrica/termica e di fertilizzante di alta qualità per impiego agricolo. Permetterà di abbattere l inquinamento atmosferico dovuto al trasporto a decine se non a centinaia di chilometri dal nostro territorio tramite camion, ma permetterà soprattutto un abbattimento di costi con positiva ricaduta sull utenza. 2 - La titolazione vuole essere un tributo dovuto a chi, a modo suo, ha dato lustro alla nostra città. Nato a S. Lorenzo Felice Musazzi, fondatore della compagnia teatrale I Legnanesi, ha fatto divertire tutta la Lombardia (e non solo) per decenni. Con grande talento e intuizione, sfruttò la sua verve recitativa, costituendo, nell oratorio da lui frequentato, una compagnia teatrale di soli uomini, che, per recitare ruoli femminili,si travestivano proponendo al pubblico figure satiriche della tipica donna lombarda. Da qui gli esilaranti personaggi della famiglia Colombo:Teresa, Mabilia, Giuàn, Chetta, e con loro la quotidianità spesso comica dei cortili lombardi. La sua idea vincente fu quella di raccontare vere storie di paese, di Teresa donna di cortile, dei pover crist di ogni giorno, con le rivalità di ringhiera, i torti sul lavoro, le pene per una figlia quarantenne farfallona e le conflittualità quotidiane. Da tali contrasti nasceva la comicità incarnata nel dialetto locale, testimone di una cultura fedele alle sue radici. I riconoscimenti per le sue doti artistiche e geniali sono stati a lui tributati nel 1983 da Zeffirelli con il premio Top Positano. L anno successivo si aggiudicò il premio Anfora Olearia di Boissano-Loano per la categoria interpreti del teatro dialettale e al culmine della sua carriera venne insignito del titolo di Gran Collare di San Marco dalla città di Venezia. Siamo perciò certi che la scelta di titolare a lui la scuola sia meritevole di unanime consenso. 3 - In passato l edilizia popolare ha determinato praticamente la realizzazione di quartieri ghetto perché le Amministrazioni sceglievano aree marginali o disgregate rispetto al tessuto urbanistico della Città. Per dare impulso alla riqualificazione pensiamo che sia forse opportuna qualche alienazione degli immobili più degradati. Reputiamo opportuno che nuovi interventi siano realizzati secondo prassi diffuse in molti paesi esteri nelle quali il Comune mette a disposizione l area e l intervento viene suddiviso in: una quota pari ad esempio al 33% di edilizia popolare, una del 33% di edilizia convenzionata ( case che vengono assegnate a prezzi convenzionati e possono essere riscattate con un mutuo sociale), 33% edilizia privata. L attuale congiuntura economica determina comunque la necessità di proseguire e implementare il sostegno affitti a vantaggio dei nuclei familiari ad evidenza più bisognosi. PRIVITERA - A. NEBULONI - SALA 1-Nel primo si cita Accam SpA e si accenna alla costruzione di un Impianto di Compostaggio per l Alto Milanese al fine di ridurre i costi di trasporto e di smaltimento della frazione umida, chiedendoci cosa ne pensiamo. Ritengo innanzitutto sia necessario informarvi che: A) Accam è una società pubblica (27 i comuni suoi proprietari, 12 in Provincia di Milano e 15 in quella di Varese, gli abitanti serviti sono circa ); la quota di Parabiago è del 5,91%; si trova a Busto Arsizio ed è dotata di un Termovalorizzatore con potenzialità di bruciare un massimo di 500 tonn/giorno di rifiuti urbani, di una stazione di trasferimento per depositi organici e per raccolta differenziata (qui finisce anche l umido ed il biodegradabile di Parabiago per poi essere spedito per il compostaggio in Veneto) e di un impianto di imballaggio per ingombranti. Oggi però necessita di un azione di revamping, un complesso rilancio tecnologico del costo di di euro; per i finanziamenti necessari, si ipotizzano ingressi di privati e/o aumenti consistenti delle tariffe applicate e/o la cessione delle quote, ma su tutto ciò pendono due spade di Damocle: il fatto che l impianto insista su un terreno del Comune di Busto in affitto sino a fine 2019 ed il Decreto Ronchi che all art. 15 specifica che i comuni, dal , non potranno più affidare a società partecipate i propri servizi ma dovranno procedere a gare di appalto, e questo varrà anche per Amga e per la più avanti citata Ianomi. B) Amga, da noi partecipata al 18,34%, ha sei comuni soci. In Internet ho scoperto che il il Consiglio Comunale di Legnano aveva approvato un atto di indirizzo per la realizzazione in Via Novara (Parco Altomilanese), da parte di Amga, di un polo ambientale integrato; tale polo, del costo di di euro, ricomprendeva un impianto di digestione anaerobica (compostaggio) per un massimo di tonn. annue ( a servizio di ab. circa) con produzione di energia elettrica e calore, un impianto per lo stoccaggio e la trasferenza di vetro, lattine e terre di spazzamento, per i soli soci, nonché un isola ecologica (al servizio di Legnano), un distributore di metano per autotrazione e una stazione di lavaggio mezzi; si stimava un ritorno di euro all anno; il tutto sarebbe rientrato in un piano più ampio che avrebbe dovuto coinvolgere le ex municipalizzate di Busto e Gallarate ed Accam. Mentre la situazione di Accam non ha, ad oggi, 24.11, ancora trovato soluzione, suppongo invece che quella del polo ambientale di Amga (sul quale ci troviamo d accordo, anche se GENTE DI PARABIAGO NUOVA presumiamo a cose già fatte) sia in dirittura di arrivo. Presumo che Provincia ed Enti preposti siano già a conoscenza del progetto e credo che Amga si sia già mossa per i finanziamenti. Per essere meglio informati su Amga, Accam e Ianomi (la società che gestisce le nostre fognature e di cui abbiamo il 2,79%), ho comunque chiesto, in sede di conferenza dei capigruppo, che i rappresentanti delle stesse vengano a riferire in Consiglio. 2 - Per il secondo. Malgrado tutti lo ricordino come il Legnanese per eccellenza, Felice Musazzi era invece nato il 10 gennaio del 1921 in quel di San Lorenzo, ma, da giovane, passato a Legnarello, lì trovò la fama ed il successo che meritava. Legnano gliene è stata grata sia in vita, sia dopo la sua scomparsa, il 4 agosto del 1989, con lo stupendo monumento alla Teresa di Antonio Luraghi presso la Pretura, l intitolazione di una via nel nuovo centro cittadino e numerosi riconoscimenti. Ora anche Parabiago vorrebbe omaggiarlo dedicandogli la Primaria di S. Lorenzo. Riterrei più opportuno invece dedicarla ad uno dei sindaci che operarono per la sua costruzione nel 1964, probabilmente quel cav. Dionigi Nebuloni che resse l allora paese dal 1964 al Riserverei invece a Felice Musazzi il futuro Auditorium del Cavalleri/Maggiolini, dove, con spettacoli di rango, meglio potrà essere ricordato. In tema di intitolazioni proporrei anche di dedicare il municipio o perlomeno la futura rinnovata sala consiliare al cav. Carlo Bernini, il sindaco che li edificò e che con i colleghi Nebuloni, Zadra e Selmi arricchirono, in soli 25 anni, di opere ingenti la nostra città 3 - Per il terzo. Le soluzioni sono gli affitti concordati a canone moderato, il fondo sostegno affitto, le opportunità offerte da altri bandi pubblici come i Contratti di Quartiere e l Edilizia Convenzionata, da normarsi e da localizzarsi nel P.G.T. (il nuovo Piano Regolatore) spalmandola su più interventi ed evitando così i quartieri ghetto. Per quanto ai bandi 1 e 2 dei Contratti di Quartiere, nel 2004 sondai, ero allora assessore, una possibile nostra partecipazione con Aler Milano. L intento era di dare una sistemazione definitiva all area E.R.P. di via Carso, arricchendola anche di servizi per tutta la città. Ciò si sarebbe potuto realizzare con consistenti finanziamenti a fondo perso. Si preferì, però, allora non proseguire sulla strada da me tracciata. Nel luglio 2007 uscì un secondo bando ma non mi risulta che il nostro ente vi abbia partecipato. Auguri infine a tutti di un buon Natale e di un felice Anno Nuovo. CARLO LOTTERIO PARABIAGO E SAMOBOR: IL GEMELLAGGIO È IMMINENTE Durante la seduta consiliare del 30 novembre scorso, maggioranza ed opposizione hanno votato all unanimità il gemellaggio tra la nostra città e quella di Samobor. Il 16 e 17 gennaio 2010 il Sindaco Olindo Garavaglia si recherà nella città croata dove incontrerà il primo cittadino della stessa per sottoscrivere il patto di amicizia e cooperazione.

7 OPINIONI DEI GRUPPI CONSILIARI 7 PARTITO SOCIALISTA - SINISTRA PER PARABIAGO 1 - La questione rifiuti per ogni territorio è vitale e sottende aspetti inderogabili di igiene pubblica e di qualità della vita. Per questo motivo il blocco dell esercizio dell inceneritore di Busto Arsizio - che smaltisce per Parabiago più di ton/anno di indifferenziato (il 35% del totale raccolto, differenziato compreso) - rappresenterebbe un colpo gravissimo per l equilibrio del sistema smaltimento degli RSU della nostra città, che attualmente si può considerare adeguato. Bisogna pertanto operare sia per evitare questo nefasto evento sia per garantire comunque lo smaltimento dell indifferenziato, senza naturalmente ricorrere alle discariche che consideriamo una soluzione assolutamente non perseguibile. La possibilità poi di insediare nel territorio dell Alto Milanese un impianto di compostaggio ha certamente una sua validità e può e deve essere analizzata a fondo, indipendentemente dal destino dell impianto di Busto Arsizio, dato che non ne costituisce una alternativa, poiché i due tipi di impianto trattano prodotti diversi. Se l approccio a questa iniziativa sarà fatto con grande trasparenza di informazioni, di intenti e di dati progettuali, crediamo che le legittime preoccupazioni dei cittadini possano essere affrontate e risolte. In particolare bisognerà definire il tipo di impianto e la tecnologia che verrà impiegata, confermando che tratterà solo umido e/o scarti vegetali. Bisognerà spiegare ai cittadini quali sono i vantaggi economici che possono derivare da una iniziativa di questo genere e quindi, in soldoni, se e quanto risparmierebbero sulla Tarsu e/o futura TIA. Bisognerà inoltre essere certi che il compost prodotto possa essere acquistato dal mercato, predisponendo contratti di vendita a lunga scadenza per evitare di incenerire e/o mettere in discarica l eccesso di produzione come a volte è successo. 2 - Felice Musazzi, creatore della Compagnia dei Legnanesi, è nato a S. Lorenzo di Parabiago negli anni 20. Dobbiamo essere orgogliosi di questo nostro concittadino, che cominciò a fare teatro amatoriale presso l oratorio di Legnarello per arrivare a mete sempre più alte con grande successo, ricevendo anche un premio prestigioso da Franco Zeffirelli. Come non essere d accordo, perciò, con chi vuole chiamare con il suo nome la scuola primaria della frazione che gli ha dato i natali? Sono passati tanti anni e Teresa e Mabilia sono sopravvissute al loro creatore, regista e interprete, continuando a farsi amare ovunque, riempiendo ogni volta teatri prestigiosi e piazze di paese. Le parti femminili, da sempre, sono interpretate rigorosamente da uomini perché quando Felice iniziò la sua attività teatrale era proibito far recitare uomini e donne insieme. Quello che poteva essere un limite si è trasformato invece in una grande chance. I travestimenti non concedono nulla alla leziosità, ma il tutto è caricaturale e assolutamente genuino. Se il Comune di Parabiago, come ha affermato recentemente l Assessore alla Cultura, pensa di incentivare corsi di dialetto locale perché non vada perso un patrimonio culturale della nostra zona, suggeriamo di attingere a piene mani dai testi di Musazzi. Che cosa c è di meglio di imparare divertendosi e di riuscire ad entusiasmare chi si vorrà cimentare in questo campo? 3 - Ecco come la pensiamo: se esistessero fondi inesauribili, non avremmo alcun dubbio: aiuteremmo con un contributo economico le famiglie che non possono permettersi di pagare un normale canone di affitto. Riteniamo che il compito di una Amministrazione comunale - e nello specifico dell Assessorato ai servizi sociali - sia aiutare tutte le famiglie che hanno bisogno di un sostegno al reddito. Pertanto siamo favorevoli alla costruzione di altri appartamenti a canone ridotto da parte del Comune di Parabiago. Nello specifico, crediamo che sarebbe più opportuna la costruzione di più stabili, piuttosto che di un solo complesso di più appartamenti allo scopo di impedire la ghettizzazione delle persone che vi abiteranno. E, a proposito di ghettizzazione, vorremmo ora parlare della situazione esistente dalla fine degli anni 70 nelle ex case Gescal, ora Aler, di via Carso e via Perugino cioè il quartiere denominato ghetto dalla maggior parte dei parabiaghesi. Credo che molti fattori abbiano concorso alla ghettizzazione di quel luogo: la lontananza dal centro cittadino, il numero di famiglie (108) concentrate in un area piuttosto esigua e la cattiva gestione dei fondi messi a disposizione. Le problematiche presenti sono assai spiacevoli e gravi. Faremo un bell elenco della spesa di ciò che manca: sicurezza antincendio; controllo dei tetti (con infiltrazioni d acqua in appartamenti dell ultimo piano); pulizia e/o sostituzione dei canali di scolo e dei pluviali; sostituzione delle plafoniere interne (spesso le scale dei palazzi rimangono al buio e ai condomini non resta che sostituire i neon per proprio conto piuttosto che aspettare l intervento, sempre tardivo, di Aler); sistemazione degli intonaci perimetrali ed esterni; sostituzione delle tubature al di sopra delle cantine (con perdite di materiale fognario nelle cantine stesse); sistemazione dei cordoli interni e dell asfalto (vi sono buche profonde una ventina di centimetri); sistemazione dei lampioni; recinzione delle aree pericolanti; messa in sicurezza mediante cancellatura delle entrate principali. La zona di via Carso e via Perugino è ormai molto cara a numerosi cittadini di Parabiago, grazie agli impianti sportivi attigui: non sarebbe nell interesse dell intera cittadinanza la messa in sicurezza di tutta la zona? E ancora: come mai il comune, non si premura di riparare le proprie strutture? Da circa sei mesi in area comunale attigua alle case dell Aler vi è un palo della luce divelto e da almeno un anno un cartellone per le affissioni mortuarie è caduto a terra. E ora arriviamo alla parte dolente: la colpa è di Aler che non fa manutenzione, direbbe il Comune (e lo dice quando dirotta all Aler i cittadini di quel rione che si rivolgono agli uffici comunali). Non tutti sanno però che i Comuni qualcosa potevano fare e alcuni l hanno fatto. Vi invitiamo a visitare il sito web di Regione Lombardia a questo indirizzo: e digitare nell area ricerca le parole contratti di quartiere. Il nostro Comune si è lasciata scappare per ben due volte - nel 2004 e nel la possibilità di riqualificare l area di via Carso/via Perugino, con un finanziamento dell 80% di alcuni fondi Gescal mai utilizzati. Il restante 20% l avrebbe dovuto disporre Aler (e in alcuni Comuni l ha fatto). Il programma elettorale dell attuale Sindaco di Parabiago, proponeva la riqualificazione dell area. Nulla è stato fatto. Si dice: chi dorme non piglia pesci, ma in questo Comune i pesci li pigliano i cittadini in faccia, però! A. CORONA (SINISTRA PER PARABIAGO) E P. DE ROSA (PARTITO SOCIALISTA), CON LA COLLABORAZIONE DI ALCUNI CITTADINI DELLE VIE CARSO E PERUGINO Mensile a cura dell Amministrazione comunale Direttore responsabile: Olindo Garavaglia Consulenza redazionale: Cristina Masetti Comitato di redazione: Carlo Caimi, Augusta Corona, Pamela De Rosa, Carlo Lotterio, Alberto Giudici, Maria Beatrice Guffanti, Pino Lionetti, Roberto Viganò Progetto grafico, realizzazione e stampa: Industria Grafica Rabolini snc PARABIAGO (MI) - P.zza della Vittoria, 31 - Tel Fax Raccolta Pubblicitaria: Editgraf Europe LEGNANO (MI) - Corso Sempione, 81 - Tel Fax Registrazione Tribunale di Milano numero 641 del 17 ottobre 2000 Per l invio di articoli su indirizzare a: Tiratura copie PARTITO DEMOCRATICO NOI PER LA CITTÀ 1 - Lo smaltimento dei rifiuti è certamente un problema per le amministrazioni locali, perché mentre tutti vorremmo che lo smaltimento avvenisse nella maniera più corretta possibile, e a costi accessibili, nessun cittadino vuole sul proprio territorio gli impianti per lo smaltimento, siano essi inceneritori o di compostaggio. Noi crediamo che la soluzione sia quella di accrescere sempre più la raccolta differenziata in modo da ridurre al minimo l incenerimento della frazione secca. Per quanto riguarda la frazione umida bisogna incentivare il compostaggio domestico, per quelle utenze che se lo possono permettere avendo un giardino a disposizione, mentre il residuo, che non è poco, venga portato agli impianti di compostaggio attualmente in funzione. Naturalmente tutte le Province devono farsi carico dei propri rifiuti e dotarsi degli impianti necessari in modo da non dover smaltire il rifiuto fuori provincia o addirittura fuori regione. Per questo motivo bisogna trovare il sito idoneo allo scopo senza pretendere che sia sempre cercato nel Comune confinate piuttosto che sul proprio territorio. I rifiuti sono nostri, nostra deve essere la responsabilità di smaltirli, anche sul nostro territorio, con tutte le garanzie del caso. 2 - La proposta di intitolare le scuole di Parabiago a cittadini emeriti di questa città non può che trovare consenso nella popolazione e nelle forze politiche che la rappresentano. Tuttavia crediamo che vi sono personaggi non parabiaghesi ma di livello nazionale che meritano di essere ricordati per il loro impegno civile. Una scuola è il luogo del sapere ma è anche il luogo dove si formano i nuovi cittadini attraverso l educazione, quindi è anche il luogo dove si insegna la legalità e il rispetto. Per questa ragione sarebbe opportuno dedicare gli edifici scolastici a personaggi che hanno fatto della legalità e del rispetto la loro bandiera e per essa si sono sacrificati. Mi riferisco in particolar modo a Falcone e Borsellino ma anche al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Credo che a personaggi come questi dovrebbero essere intitolate le scuole cittadine per insegnare ai nostri ragazzi cosa significa servire lo Stato e la Patria. Per tutti gli altri esistono mille modi per ricordarli (strade, sale civiche, biblioteca, ecc.ecc.) 3 - Per rispondere a questa domanda bisogna partite da una constatazione: le politiche abitative attuali sono largamente insufficienti a dare risposte ai bisogni dei cittadini. Oggi occorre tenere presente che le liste di attesa per un alloggio pubblico sono lunghe e assolutamente non in grado di soddisfare la domanda. Occorre pertanto porvi rimedio in due direzioni: sostegno all affitto di mercato e costruzione di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica. Bisogna che i Comuni, anche Parabiago, individuino diverse aree, non un unico sito, per evitare di costruire i ghetti, da mettere a disposizione per la costruzione di nuovi alloggi da assegnare, tramite bandi regionali, ai più bisognosi. Occorre inoltre che la cifra oggi a disposizione per il sostegno all affitto di mercato sia notevolmente aumentata in modo da dare la possibilità alle giovani coppie e alle famiglie di abitare in un alloggio dignitoso. Purtroppo lo sappiamo: gli stipendi attuali, con la precarizzazione del lavoro e con la crisi economica in atto, non sono in grado di sostenere l acquisto di un alloggio o l affitto di mercato. Per questa ragione bisogna intervenire nelle due direzioni, sostegno all affitto e costruzione dei nuovi alloggi di edilizia popolare. PINO LIONETTI 1 - La risposta non può essere che affermativa soprattutto per due ordini di motivi: di funzionamento ed ambientale. Considerato che l Amministrazione Mereghetti ha dato il via, nel nostro Comune, ad un ottimo servizio di raccolta differenziata completato dalle Amministrazioni successive, che questo porta alla formazione di un tipo di rifiuto costituito dagli scarti delle nostre cucine (cd frazione umida) e che detto rifiuto opportunamente lavorato può essere nuovamente utilizzato, ci sembra ovvio che ci si debba dotare dei necessari impianti per poter eseguire detti trattamenti e che (motivo ambientale) meno mezzi circolano per il suo trasporto meno si produce inquinamento e maggiormente si indebolisce il partito delle strade ed autostrade che conta già troppi adepti. 2 - Pur non amando in modo particolare il tipo di teatro portato in scena dalla compagnia di F. Musazzi, ritengo che il lavoro svolto da I Legnanesi sia un valido contributo finalizzato alla conservazione di un bagaglio comportamentale che ha caratterizzato la nostra zona per parecchio tempo e soppiantato solamente negli anni sessanta da un industrializzazione selvaggia. Approfitto dell opportunità che questa domanda mi offre per togliermi un piccolo sassolino dalla scarpa. Dal 1961 al 1964 ho frequentato le locali scuole medie intitolate a Giuseppe Giannini, insigne medico parabiaghese i cui studi sono ancora oggi ricordati presso le Università di Parigi e Zurigo; nel 1963 con l unificazione dei corsi di studio post-elementari, si è dovuto unire due scuole: la succitata media e l avviamento professionale che portava il nome di Gaetano Rapizzi (industriale locale); come è stata chiamata la scuola nata dalla fusione? G. Rapizzi! Non vorrei essere considerato un denigratore della figura di Gaetano Rapizzi i cui meriti scientifici, culturali, manuali, educativi attualmente mi sfuggono ma forse nel panorama parabiaghese un torto è stato commesso e forse bisognerebbe porvi rimedio. 3 - I piani ERP hanno da sempre creato zone ghetto nei paesi e nelle città dove sono stati adottati, non per mancanza di manutenzione e decoro ma soprattutto per un difetto di progettazione iniziale: nascono dei palazzi in zone molto periferiche senza servizi, esercizi commerciali, zone di socializzazione, spazi gioco per bambini e adolescenti e non da ultimo, la mancata omogeneità nell assegnazione degli alloggi sono queste le caratteristiche che fanno nascere i ghetti. I piani ERP per errore vengono sempre visti e realizzati come accentramento periferico, mentre si può e si deve pensare ad un ERP dinamica e diffusa : singoli appartamenti diffusi nel tessuto urbano per permettere una integrazione sociale delle famiglie che verranno ospitate. Il fondo sostegno affitti (FSA) è un rimborso economico parziale dell affitto pagato durante l anno, che di solito viene effettuato l anno successivo e prevede la partecipazione ad un bando pubblico che fissa criteri e modalità di partecipazione: anche aumentando i fondi, chi ci assicura che ve ne siano a sufficienza per tutti? Chi ci assicura che i soldi arrivino in maniera mirata? Inoltre l FSA non permette di controllare la risorsa: ad esempio un bilocale a tot di affitto rispetto ad un altro con un altro affitto superiore chi dice alla seconda famiglia di cambiare casa per sostenere una spesa più consona alle proprie finanze e meno gravosa per la collettività? I piani ERP sono un ottimo strumento: come al solito è la modalità di utilizzo che è squallida. Un altra differenza sostanziale tra FSA e ERP è che il fondo affitti prevede che comunque la famiglia e/o la persona paghi regolarmente il canone di locazione, sottraendo se cosi si può dire, liquidità immediata per le spese correnti nell attesa di un rimborso che arriverà con l anno successivo; anche l ERP prevede il pagamento di una locazione, ma è decisamente inferiore alle tariffe di mercato. Utilizzo delle due risorse: è l integrazione e l uso combinato delle due che permette di affrontare con diverse modalità le diverse tipologie di attività di supporto alle persone: molto spesso la problematica casa è una delle componenti della situazione e raramente è l unica. Se verranno destinati nuovi fondi alla realizzazione di edifici ERP occorrerà porre molta attenzione alla progettazione: occorre creare modelli abitativi a misura d uomo: zone antropologiche con moduli abitativi funzionali, semplici, integrati con il contesto urbano e sociale e tanto verde ci andranno ad abitare persone in difficoltà, non togliamogli lo spazio verde! M. FELICI

8 8 ASSOCIAZIONI DALLA PARTE DEL CROCEFISSO I soci dell Associazione culturale El Bigatt, convocati nella serata di mercoledì 4 novembre per questioni statutarie, si sono trovati con la notizia, appena enunciata, della sentenza della Corte di Strasburgo contro l esposizione del Crocefisso nelle aule scolastiche. Tutti i presenti hanno espresso sconcerto per una simile decisione e reazione per le possibili conseguenze laddove una tale decisione dovesse essere confermata, anche nel ricorso di appello anch esso preannunciato. Per opporsi a queste devastanti conseguenze, i soci di El Bigatt, nel pieno rispetto dello Statuto della Regione Lombardia che persegue sulla base delle sue tradizioni cristiane e civili, il riconoscimento e la valorizzazione delle identità storiche, culturali e linguistiche presenti sul territorio hanno espresso la propria disponibilità a promuovere iniziative per l affermazione e la valorizzazione delle nostre comuni radici cristiane che sono il fondamento della nostra identità storica e culturale, così come lo sono per l intera Europa. Non va infatti dimenticato o sottovalutato che i padri fondatori dell Unione Europea avevano ben chiari questi valori culturali da custodire gelosamente e sviluppare con ogni azione politica, quando si sono spesi per l unione dei popoli delle diverse nazioni europee. Siamo certi che questa sentenza sta facendo rivoltare nelle loro tombe i nostri grandi padri il francese Jean Monnet, il franco-tedesco Robert Shuman, i nostri Altiero Spinelli ed Alcide De Gasperi, il belga Paul Henri Spaak e il tedesco Konrad Adenauer. Sulla base di tali profonde e condivise convinzioni i soci dell Associazione Culturale El Bigatt sono pronti ad ogni azione di rigetto, e quanto prima già in rete su Facebook, di queste imposizioni ed altresì pronti ad accogliere analoghe disponibilità di Enti ed Associazioni che intendessero dar vita ad iniziative comuni di contrasto (manifestazioni, fiaccolate ecc.) rifiutando, come principio, ogni ingerenza limitativa delle libertà dei singoli popoli europei e del popolo europeo che va costituendosi. Interferenze come quella in corso, anziché essere un segnale di laicità, si presenta come fautrice di un modello di ateismo che nulla ha a che fare con la civiltà che si è formata, nel corso dei secoli, nell Europa intera, e che può costituire addirittura una clava volta a frenare lo spirito europeistico che tutti siamo impegnati a costruire e consolidare, come noto, non senza difficoltà. In Italia poi la sovranità appartiene al Popolo e soltanto il Popolo potrà democraticamente decidere su questo argomento. Per quanto ci riguarda noi pensiamo che il crocefisso rappresenta la verità dell umano, ed indica a tutti noi, credenti e non credenti, i valori della vita e dell amore, senza dei quali l esistenza stessa dell umanità è in pericolo. Noi crediamo nell attualità e nell immenso valore di un antico messaggio beati coloro che hanno sete di giustizia quella vera però non quella ideologizzata o strumentalizzante. Invitiamo pertanto tutti coloro che fossero interessati ad azioni comuni a contattarci all indirizzo: LA PROTEZIONE CIVILE SI DOTA DI NUOVO MEZZO I Renzo Gatti e il presidente Tiziano Broglia (sulla destra) eri era un ambulanza, oggi è l Unità Mobile di Soccorso della Protezione Civile di Parabiago: un cambio di destinazione che ha richiesto alcune modifiche (sostanziali ed estetiche) e che ha permesso al sodalizio presieduto da Tiziano Broglia di mandare in pensione il vecchio Fiat Ducato che vantava ormai vent anni di onorato servizio e ben tre passaggi di proprietà. Acquistato a rate ed entrato in servizio tra agosto e settembre, il nuovo furgone è stato adibito a mezzo di pronto intervento e allestito, di conseguenza, con una nutrita dotazione di materiale elettrico (torce, lampade e una torre faro) che risulta preziosissimo, quando si palesa la necessità d intervenire durante la notte, così come in particolari situazioni in cui la scarsa visibilità rischia di ostacolare il lavoro dei soccorritori. Pensiamo, ad esempio, a una sera d autunno, con pioggia abbondante, lampi, tuoni e vento forte, la pubblica illuminazione in tilt, i sottopassi allagati, qualche automobilista intrappolato con l acqua che gli arriva sino a metà delle portiere. Una situazione critica, insomma, dove la visibilità è scarsissima e dove occorre supportare l opera dei soccorritori intervenendo, appunto, con dispositivi d illuminazione. Lo stesso vale per gli incidenti stradali notturni, quando la luce è indispensabile per effettuare tutti i rilievi del caso, dopo che i feriti sono stati soccorsi e trasportati in ospedale. E siccome la luce, in molti casi, è un deterrente per certe azioni illecite, il nuovo mezzo viene utilizzato anche per il controllo serale del territorio, come prescrive la convenzione che da tempo la Protezione Civile ha stipulato con il Comune: «Il nostro- spiega a tal proposito Broglia- è un lavoro di sorveglianza e, dunque, di prevenzione. Siamo volontari e non abbiamo né la dotazione (armi) né la competenza per intervenire con un azione di repressione. Questo ci porta a lavorare in stretta sinergia con le forze dell ordine, alle quali segnaliamo eventuali situazioni di pericolo. In buona sostanza, siamo un po gli occhi del Comune sul territorio». Gli occhi dell Amministrazione, certamente, dato che Broglia e i suoi collaboratori prestano attenzione a tutto: alle grandi come alle piccole cose, quali un lampione spento, un cartello stradale pericolante, una panchina danneggiata, un cestino per la carta divelto, un sacco d immondizia abbandonato impropriamente e via dicendo. Problemi, insomma, che sono frutto dell inciviltà di certi cittadini e che il personale della Protezione Civile ha modo di rilevare durante i controlli serali del territorio. Tra i compiti dei volontari con la divisa gialla e blu c è anche il supporto fornito alla polizia locale e alle forze dell ordine durante le manifestazioni pubbliche di un certo rilievo: la loro presenza è infatti ulteriore garanzia di ordine e di sicurezza. E molteplice e preziosa, dunque, l attività della Protezione Civile, che prossimamente, così come altre associazioni, avrà una nuova casa all interno dell ex-macello cittadino: «Questo trasferimento- spiegano i volontari- è molto importante per noi. Attualmente occupiamo i locali a pian terreno dell edificio comunale, quelli dove un tempo sorgeva il comando dei vigili, ma questa sede, pur essendo centrale, non ha certamente i vantaggi di quella nuova: uno per tutti, la vicinanza con altre associazioni e, dunque, la possibilità di un dialogo costante dal quale potrebbe, così come speriamo, partire una vera e propria collaborazione». Accanto al sogno di una nuova sede, che si concretizzerà quando il nuovo polo di via del Monastero sarà ultimato, c è n è un altro, che i volontari accarezzano da tempo: l acquisto di un mezzo moderno e attrezzato di tutto punto, come quelli che vengono esposti alla fiera della Protezione Civile che si tiene ogni anno a Montichiari. Ma i fondi scarseggiano e, tradotto in cifre, un sogno del genere si aggira attorno ai euro: somma di cui la sezione parabiaghese non dispone. Chissà che qualche ente privato, singolarmente o unitamente a qualche altra realtà, non le venga in aiuto: sarebbe denaro speso bene, come tutto quello investito per la sicurezza, quando alla base ci sono impegno e serietà. Come, appunto, nel caso dell Assocoazione parabiaghese. Domenica 6 Dicembre Tiziano Broglia e i colleghi volontari hanno organizzato nella sala della Biblioteca Civica di via Brisa un momento di festa dedicato airagazzi disabili: un pomeriggio di allegria accompagnato da una ricca merenda a base di tipici dolci natalizi. CRISTINA MASETTI La redazione de Il Foglio abbraccia tutti i lettori augurando loro un sereno Natale e un felice nuovo anno. Si ricorda che il prossimo numero sarà in distribuzione nel mese di febbraio. ISTITUTO OM MUSICALE ALDO RADAELLI PARABIAGO, Via Oberdan 4 - tel ORARI APERTURA RA SEGRETERIA: dal lunedì al venerdì / sabato / HEI RAGAZZI! VOLETE IMPARARE A SUONARE? Il Centro musicale propone corsi di musica per tutti, a partire dai i3an 3 anni. Si sviluppano corsi di pianoforte classico, teoria e solfeggio (con supporto per dare esami al conservatorio). Pianoforte moderno e tastiera - computer music - composizioni di pezzi per Musical - canto - chitarra elettrica - acustica - classica - basso - batteria. Una delle caratteristiche dei nostri corsi è quella di prevedere lezioni collettive: L'apprendimento è infatti più stimolante per gli allievi quando si sta in gruppo. Inoltre la lezione collettiva permette la pratica della musica d insieme. Durante i nostri corsi insegnamo ai nostri allievi non soltanto ad eseguire la musica ma anche ad arrangiarla e a crearla. Sono aperte le iscrizioni 2009/2010. chi verrà per il nuovo anno A a visitarci i i saremmo lieti i di mostrare la nostra scuola del tutto rinnovata. N LA CHIAREZZA ANZITUTTO ei giorni scorsi alcuni imprenditori parabiaghesi sono stati contattati telefonicamente da una donna che, presentandosi come la segretaria del sindaco Garavaglia, ha chiesto loro un contributo in denaro per acquistare un mezzo che, a detta sua, dovrà essere utilizzato per le attività di trasposto dei Servizi Sociali del Comune. Attenzione perché quanto riferito non risponde assolutamente al vero: mesi fa il Comune aveva sì accettato di sostenere (non economicamente ma solo attraverso la concessione del logo) un iniziativa di raccolta fondi da devolvere all acquisto di un pulmino per l associazione L Abbraccio (che si occupa di bambini disabili e delle loro famiglie e che ha sede ad Arluno, all interno del complesso denominato La Poglianasca), ma mai ha provveduto ad occuparsi direttamente della raccolta, attraverso i propri dipendenti. Quanto riferito agli imprenditori dal personale della cooperativa Astra di Milano (che lavora per l associazione in questione) è, pertanto, scorretto, sia nella forma sia nella sostanza, considerando che, come si diceva, quel mezzo non sarà destinato al Comune. A fronte di tutto ciò, l Amministrazione revocherà il patrocinio concesso.

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA

Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VALDAGNO 1^ Via Pasubio, 171 36078 VALDAGNO Tel. 0445/410428 Fax

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

Conferenza stampa 16/12/2002 II a Indagine nazionale sul servizio di gestione dei rifiuti urbani in 32 città

Conferenza stampa 16/12/2002 II a Indagine nazionale sul servizio di gestione dei rifiuti urbani in 32 città Conferenza stampa 16/12/2002 II a Indagine nazionale sul servizio di gestione dei rifiuti urbani in 32 città Dalla II a indagine nazionale sulle tariffe ed il servizio di gestione dei rifiuti urbani, realizzata

Dettagli

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16 ASSOCIAZIONE ZASTAVA BRESCIA PER LA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE ONLUS Via F.lli Folonari, 20 25126 BRESCIA (c/o Camera del Lavoro ) TEL. 347.3224436-347.2259942 http://digilander.iol.it/zastavabrescia/

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDIA I SEM 2013

MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDIA I SEM 2013 MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDIA I SEM 2013 Nelle province della Lombardia il calo più sensibile dei prezzi si è registrato a Cremona ( 8,2%), a seguire Bergamo ( 7,2%), Lecco ( 6,6%) e Monza ( 6%). Milano

Dettagli

Convegno Emergenza Casa e Nuove Politiche abitative, il ruolo dei Comuni Monfalcone, 27 marzo 2007 Sala Conferenze Galleria Espositiva

Convegno Emergenza Casa e Nuove Politiche abitative, il ruolo dei Comuni Monfalcone, 27 marzo 2007 Sala Conferenze Galleria Espositiva Convegno Emergenza Casa e Nuove Politiche abitative, il ruolo dei Comuni Monfalcone, 27 marzo 2007 Sala Conferenze Galleria Espositiva Relazione di Luciano Cecchi, Presidente di Federcasa Abbiamo vissuto,

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27 MAGGIO 2013 COMUNE DI ORBASSANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI Il cittadino sarà al centro dell attività amministrativa dei Socialisti:

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita (battaglia vinta contro i sacchetti di plastica non compostabile);

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Un inizio alla grande!

Un inizio alla grande! Un inizio alla grande! Con la ripresa delle lezioni è stato possibile partecipare ad un concorso del triveneto sul giornalino scolastico indetto dall Associazione Italiana Cultura Qualità. La nostra scuola

Dettagli

Prima di passare alla relazione sui dati del bilancio, vorremmo ringraziare ed esprimere il nostro sentimento di riconoscenza per Tutti voi soci.

Prima di passare alla relazione sui dati del bilancio, vorremmo ringraziare ed esprimere il nostro sentimento di riconoscenza per Tutti voi soci. Relazione di accompagnamento Bilancio 2015 Prima di passare alla relazione sui dati del bilancio, vorremmo ringraziare ed esprimere il nostro sentimento di riconoscenza per Tutti voi soci. Un anno fa,

Dettagli

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Università degli Studi di Sassari Ufficio Comunicazione COMUNICATO STAMPA Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Nel corso della seduta del Consiglio di Amministrazione del 19 maggio è stato

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI TREBASELEGHE CAP 35010 Codice Fiscale 80010250282 Partita IVA 00932400286 Provincia di Padova tel 049-9319511 Fax 049-9386455 REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI 1 Art.

Dettagli

I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana

I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana 1 Il ciclo delle Stagioni Questo progetto si apre con un ampia panoramica sinottica su tutte le stagioni, le quali in seguito verranno approfondite

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

PROGETTO. Definizione del problema

PROGETTO. Definizione del problema 1 PROGETTO LA CASA DI FAUSTA Realizzazione della Casa di Accoglienza La Casa di Fausta per bambini ricoverati presso il Dipartimento Materno Infantile, dell Azienda Ospedaliero Sanitaria Policlinico di

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO PUNTO DI INCONTRO E SPAZIO DI ASCOLTO 1. Premessa 1.1 - Il percorso fatto nella scuola e nel rione Esquilino L Associazione Genitori Scuola Di Donato nasce

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI ROCCAMENA 2) Codice di accreditamento: NZ05532 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONALE

Dettagli

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA TRA IL COMUNE DI COSTABISSARA E LA SOCIETA AGGIUDICATARIA DELL APPALTO INTEGRATO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione della Giunta comunale n. 36 dd. 22 aprile 2013

LA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione della Giunta comunale n. 36 dd. 22 aprile 2013 Deliberazione della Giunta comunale n. 36 dd. 22 aprile 2013 OGGETTO: Stipulazione con EDILZANI s.a.s. di Zani Bruno & c.con sede legale in Cavareno (TN) Codice Fiscale e Partita Iva 00825030224 DEL CONTRATTO

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

CORSICO POPOLAZIONE. Città di Corsico. pag. 1

CORSICO POPOLAZIONE. Città di Corsico. pag. 1 CORSICO Il territorio del Comune di (Mi) è situato nell area Sud di Milano e si estende su una superficie pari a 5,42 Kmq. La consistenza della popolazione al 31.12.2010 è di 34.505 abitanti. Posizionato

Dettagli

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Siamo qui... Ad un anno di distanza dalle elezioni comunali usciamo con questo nuova pubblicazione il cui obbiettivo

Dettagli

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25 Domande e risposte su Donazioni e Trapianti Si è svolta lo scorso giovedì 15 marzo presso la Casa del Volontariato la prima di una serie di serate dedicate all informazione sul tema delle Donazioni e Trapianti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona)

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) LAVORI DI RECUPERO DL SOTTOTETTO DELLA SCUOLA PRIMARIA C. COLLODI LOTTO 1 CODICE 08-2001/1 OPERE EDILI PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale.

Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale. Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale. Il cantiere di lavoro e il confronto sulle linee guida per il concorso internazionale di progettazione per la rigenerazione

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici Poste Italiane Spa Tassa pagata Invii senza indirizzo AUT. DC/DCI/PD/7919/00/CS del 27-10-00 A tutte le Famiglie del Comune di Curtarolo ESTATe 2008 APeRTI

Dettagli

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano COMUNE di MAGNAGO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO DEGLI EDIFICI AD USO CIVILE, PRODUTTIVO, COMMERCIALE,

Dettagli

Comune di Gorgonzola

Comune di Gorgonzola Categoria 2 45 Scheda del progetto Comune di Gorgonzola Andrea Della Vedova Via Italia, 62 20064 Gorgonzola (MI) 02 951268315 andrea.dellavedova@comune.gorgonzola.mi.it www.comune.gorgonzola.mi.it Ecologia

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Documento sul Piano Casa Regione Campania

Documento sul Piano Casa Regione Campania Documento sul Piano Casa Regione Campania a cura di Associazione Costruttori Edili Ordine Architetti Ordine Ingegneri Collegio dei Geometri AVELLINO Ill.mo On. Marcello Taglialatela Assessore Regionale

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITÀ

EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITÀ Scuola dell infanzia con il patrocinio di Provincia di Padova N ÈU TO GET ANNO SCOLASTICO 2015-2016 GEA PRO Provincia di Vicenza Consiglio di Bacino Brenta EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITÀ FORMAZIONE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro Contratti di Quartiere II - Milano 44 Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro 45 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso delle palestre comunali

Regolamento per la concessione in uso delle palestre comunali COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano Regolamento per la concessione in uso delle palestre comunali Area Socio Culturale Premessa Elenco e caratteristiche degli impianti comunali A) PALESTRA SCUOLE

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI BILANCIO DI PREVISIONE COMUNE DI VERNATE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 IL BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 E STATO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 15 APRILE

Dettagli

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Possibili applicazioni pratiche Roma, 13 ottobre 2014 Agenda 1. Premessa 2. Il caso di Ermenegildo 3. Il caso di Martino e Alessandro

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5 Castelfranco Emilia Area progetto PRU ex Case Operaie Il Comune di Castelfranco Emilia, presenta in sede di bando per la legge 19/98, una serie di ipotesi di riqualificazione urbana (su suggerimento di

Dettagli

CITTA' DI TORINO N. Mecc. 2008/551/104 Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Direzione CITTA' DI TORINO

CITTA' DI TORINO N. Mecc. 2008/551/104 Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Direzione CITTA' DI TORINO CITTA' DI TORINO N. Mecc. 2008/551/104 Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Direzione CITTA' DI TORINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE (Proposta della Giunta al Consiglio) OGGETTO: SALVAGUARDIE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

PIAZZA COTA - 80063 PIANO DI SORRENTO. CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.)

PIAZZA COTA - 80063 PIANO DI SORRENTO. CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.) CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.) dell Istituto Comprensivo Scolastico in Via Carlo Amalfi nel Comune di Piano di Sorrento C.I.G. N 4838497608 - N GARA 4760210

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA La progettazione dell insegnante è un lavoro molto impegnativo che richiede tempo e accuratezza: una buona programmazione semplifica molto il lavoro di gruppo

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

2ª COMMISSIONE PERMANENTE

2ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 2ª COMMISSIONE PERMANENTE (Giustizia) Seduta n. 548 DISEGNI DI LEGGE IN SEDE DELIBERANTE 90º Resoconto stenografico SEDUTA DI MARTEDÌ 17 GENNAIO 2006 (Notturna)

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

[PROGETTO BANDA LARGA]

[PROGETTO BANDA LARGA] 2010 Comune di Ardesio [PROGETTO BANDA LARGA] I principi, le motivazioni e gli obiettivi di un progetto per la riduzione del divario digitale di Ardesio. Relazione di fine lavori, febbraio 2010. WI-FI

Dettagli

Customer satisfaction Igiene urbana

Customer satisfaction Igiene urbana Novembre - Dicembre 2008 Customer satisfaction Igiene urbana A cura di Francesca Dallago 0.1. Caratteristiche dell indagine PERIODO DI RILEVAZIONE DEI DATI: Novembre-Dicembre 2008. STRUMENTO DI RILEVAZIONE

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

La nostra azienda. Questi siamo noi.

La nostra azienda. Questi siamo noi. La nostra azienda Questi siamo noi. La nostra azienda opera nel settore delle costruzioni e delle ristrutturazioni da vent anni, in luoghi dai contesti unici e prestigiosi, prevalentemente in provincia

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Siamo una cooperativa sociale prevalentemente al femminile composta da educatori, operatrici socio assistenziali, assistenti sociali e psicologi

Siamo una cooperativa sociale prevalentemente al femminile composta da educatori, operatrici socio assistenziali, assistenti sociali e psicologi Cooperativa sociale E.T.I.C.A. Onlus "Mi chiamo Patrizia e questa comunità è casa mia. Qui mi accettano anche quando urlo perché sono arrabbiata. Qui capiscono quando sto nervosa e voglio mollare tutto

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI BILANCIO DI PREVISIONE COMUNE DI VERNATE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 IL BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 E STATO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 29.04.2015

Dettagli

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A Intervento edilizio di: i n t e r v e n t o d i a d e g u a m e n t o d e l c e n t r o d i i n f o r m a z i o n e t u r i s t i c a Ubicato in: piazza San Niccolo

Dettagli