L integrazione degli adolescenti stranieri in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L integrazione degli adolescenti stranieri in Italia"

Transcript

1 L integrazione degli adolescenti stranieri in Italia

2 Università degli Studi di Trieste Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea: Scienze e Tecniche dell Interculturalità Tesi in Sociologia dei Processi Culturali Il processo di integrazione degli adolescenti stranieri in Italia attraverso l esperienza del Progetto Coriandolo a Milano Tesi di Laurea di Barbara Charo Segré Matricola Relatore: Professoressa Rosella Delaidini Correlatore: Professor Paolo Sorzio ANNO ACCADEMICO

3 Gli esseri indaffarati gironzolando per i prati uno solo sta in disparte e non fa niente ammicca al ronzìo con ansia aspetta il gran momento tanto atteso con gli ultimi raggi di sole il grigio insetto coi colori del tramonto si tramuta da bruco a farfalla... (versi di F., 14 anni, di origine eritrea) 3

4 Sommario Presentazione 8 PRIMA PARTE IL NUOVO VOLTO DELL IMMIGRAZIONE: LE FAMIGLIE E GLI ADOLESCENTI 1 Il fenomeno immigratorio in Italia L Italia, paese di immigrazione L immigrazione in numeri oggi La provincia di Milano Ripartizione per età I minori La scuola I motivi della migrazione La legislazione I ricongiungimenti L inserimento dei minori stranieri nella scuola 19 2 Nuove famiglie, nuovi bisogni Le nuove famiglie La famiglia costituita in emigrazione La famiglia che migra simultaneamente La famiglia ricostituita con il ricongiungimenti I ricongiungimenti al maschile 22 4

5 I ricongiungimenti al femminile Altre modalità di ricongiungimento Problematiche della famiglia che migra Il disagio della migrazione Problematiche della coppia ricongiunta Problematiche relative al ricongiungimento al maschile Problematiche relative al ricongiungimento al femminile 28 3 Adolescenti figli dell immigrazione Definizioni Gli adolescenti e la migrazione Tipologie di minori I minori non accompagnati La seconda generazione Adolescenti ricongiunti Ridefinizione dei ruoli L inadeguatezza dei genitori 38 4 Integrazione Apprendimento della lingua Inserimento nella scuola Identità in bilico tra due culture Strategie identitarie 47 5

6 SECONDA PARTE IL PROGETTO CORIANDOLO 5 Aspetti metodologici Oggetto dell indagine I paradigmi alla base delle scelte metodologiche Il positivismo Il postpositivismo Il costruttivismo Strategie di ricerca Metodi della ricerca quantitativa Metodi della ricerca qualitativa 60 6 Il Progetto Coriandolo: le scelte metodologiche Obiettivi di ricerca Strategie di ricerca Interviste e colloqui La fase della raccolta dei dati La fase dell interpretazione dei dati Osservazioni sul campo I documenti Presentazione dei casi 69 7 Il Progetto Coriandolo La storia La cooperativa La Strada La Fondazione L Aliante 71 6

7 7.2 Il progetto Gli obiettivi del progetto I destinatari del progetto Il gruppo di lavoro La metodologia di intervento Le attività proposte 76 8 I ragazzi del Progetto Coriandolo Giovani filippini La sua lingua non è l italiano e non è il filippino Se non ti comporti bene ti rimando nelle Filippine Giovani egiziani Una messa alla prova del Tribunale Giovani peruviani Lenti a contatto azzurre Giovani eritrei ed etiopi Due fratelli italiani Il Progetto Coriandolo e l integrazione degli adolescenti stranieri 102 Conclusioni 110 Appendice 114 La ricerca di Synergia: I figli dell immigrazione a Milano 114 Riferimenti normativi su scuola e alunni stranieri 116 Progetto educativo personalizzato, un esempio 121 Bibliografia 123 7

8 PRESENTAZIONE In questi anni il volto dell immigrazione in Italia è mutato sensibilmente: ai numerosi bambini e ragazzi stranieri nati in Italia se ne sono aggiunti altri in seguito all attuazione della legge sul ricongiungimento famigliare. Il numero degli adolescenti stranieri è cresciuto velocemente e diventa necessario interrogarsi sul modo in cui si possa facilitare la loro integrazione nella nostra società per evitare che essi vengano marginalizzati come sta accadendo in altri paesi europei. Per progettare interventi volti a favorire l integrazione è necessario riflettere sulla condizione in cui si trovano questi ragazzi per il fatto di essere figli di immigrati, tenendo presente la cultura da cui provengono e la modalità di interazione che il loro gruppo di appartenenza instaura con la società ospitante. L obiettivo del presente lavoro è contribuire a mettere in luce quali siano le problematiche presentate dagli adolescenti stranieri e quali gli interventi necessari. La tesi è suddivisa in due parti. Nella prima parte è delineato brevemente il quadro generale sul fenomeno immigratorio in Italia e vengono descritte le nuove famiglie che si stanno formando o ricongiungendo in Italia e le loro problematiche. La famiglia, infatti, svolge un ruolo decisivo nel processo di integrazione. In particolare mi soffermo sulle difficoltà che incontrano gli adolescenti stranieri nella costruzione di una propria identità tra due culture. Nella seconda parte riporterò la ricerca che ho condotto durante un anno di servizio civile volontario presso il Progetto Coriandolo di Milano. Si tratta di un progetto che si prefigge di accompagnare il percorso di integrazione di adolescenti e preadolescenti stranieri (dai 12 ai 18 anni) tramite un tutoraggio individualizzato. Inizialmente la mia ipotesi di lavoro prevedeva l analisi degli interventi educativi del 8

9 Progetto Coriandolo; ma l impossibilità di accedere ai documenti relativi alla descrizione dei singoli interventi, ha imposto, invece, una modifica alla ricerca: attraverso la presentazione di alcune storie paradigmatiche ho cercato di individuare le problematiche degli adolescenti stranieri presenti al Coriandolo per comprendere quali siano gli ambiti di intervento del Progetto. Per la descrizione dei casi mi sono avvalsa dei documenti prodotti dagli educatori; questa scelta metodologica permette di cogliere il modo in cui gli operatori leggono le problematiche poste dai ragazzi. Le storie sono precedute da un introduzione che offre un quadro generale sul processo di integrazione dei giovani di ogni popolazione straniera cui i ragazzi appartengono 1. Verranno prese in considerazione quattro gruppi: i filippini, gli egiziani e i peruviani perché insieme ai cinesi (attualmente non rappresentati al Progetto) costituiscono le popolazioni maggiormente presenti a Milano 2 (i giovani filippini, egiziani, cinesi e peruviani costituiscono il 60% dei minori stranieri residenti.) Il quarto gruppo considerato è quello eritreo perché si tratta di una delle popolazioni storiche presenti a Milano 3. 1 Farò riferimento principalmente alla ricerca condotta nel 2001 dall Istituto Synergia sui giovani stranieri presenti a Milano. (I dati sulla ricerca sono consultabili in Appendice) 2 I Filippini a Milano sono , gli egiziani , i cinesi e i peruviani (cfr. paragrafo 1.2.2, tabella dei dati elaborata da Synergia in base ai dati del 2002 forniti dal Comune di Milano - Ufficio Stranieri/ Settore Statistica.) 3 Gli eritrei presenti a Milano sono (dati del 2002, Comune di Milano -Ufficio Stranieri/ Settore Statistica.) 9

10 PRIMA PARTE IL NUOVO VOLTO DELL IMMIGRAZIONE: LE FAMIGLIE E GLI ADOLESCENTI 10

11 1. IL FENOMENO IMMIGRATORIO IN ITALIA 1.1 ITALIA, PAESE DI IMMIGRAZIONE L Italia, storicamente, non è mai stata un paese di immigrazione. Quando, nel dopoguerra, il boom economico attirò verso l Europa lavoratori in cerca di fortuna, l Italia non figurava certo tra i paesi di destinazione. Al contrario, erano gli italiani a emigrare, insieme a greci, spagnoli, portoghesi e turchi, verso l Europa centrosettentrionale. Nel 1973, a causa della recessione economica, l Europa centrosettentrionale assunse politiche immigratorie più restrittive. Per questa ragione i flussi migratori provenienti dalle ex-colonie si diressero verso i paesi dell Europa del Sud. L Italia si presentava come una buona soluzione di ripiego, in parte per la minor rigidezza normativa, in parte a causa delle sue frontiere difficilmente controllabili. A partire dal 1973 il numero degli immigrati in Italia supera quello degli emigranti. L Italia diventa ufficialmente un paese di immigrazione, ma presenta un quadro molto diverso da quello degli altri paesi del Nord Europa. Infatti, per quanto in Gran Bretagna, Francia e Germania l integrazione degli immigrati sia stata difficoltosa 1, la loro presenza era comunque frutto di una scelta consapevole da parte del governo. Diversamente dagli altri paesi, l Italia per anni non ha adottato alcuna particolare politica migratoria. I primi inserimenti avvengono quindi inevitabilmente nei settori marginali delle attività produttive, alimentando la cosiddetta economia sommersa. 1 Celebre in questo senso l osservazione dello scrittore svizzero Max Frisch del 1965 riguardo all ondata in migratoria in Svizzera, ma che si può estendere anche ad altri paesi: Un piccolo popolo di signori si vede in pericolo: abbiamo chiamato braccia e sono venuti uomini, 11

12 Il carattere puramente emergenziale della politica migratoria italiana ha fatto sì che la gestione del fenomeno immigrazione fosse sostanzialmente affidata al volontariato, legittimando un approccio di tipo assistenziale. Questa situazione si è protratta fino agli anni Ottanta. La figura predominante dell immigrato era allora quella del lavoratore o lavoratrice senza prole al seguito. Invisibili all opinione pubblica e alle istituzioni, gli immigrati non erano soggetti ad alcuna strategia di inclusione od esclusione. Dalla metà degli anni Ottanta si evidenzia un nuovo fenomeno: l arrivo in Italia delle donne per il ricongiungimento familiare. Si trattava soprattutto di donne provenienti dai Paesi Arabi (egiziane, tunisine, marocchine). Ma è a partire dal 1990 che l immigrazione in Italia subisce la svolta che comporta cambiamenti importanti sul piano demografico, sociale, culturale: con la legge n. 39 del 1990 verrà infatti regolamentato il percorso burocratico che definisce il ricongiungimento delle famiglie spezzate. Dalla metà degli anni Novanta, in concomitanza della legge sul ricongiungimento familiare, sono giunti anche i minori e sono ormai molti i bambini stranieri che nascono qui. 1.2 IMMIGRAZIONE IN NUMERI OGGI La composizione della popolazione immigrata è eterogenea, sia per quanto riguarda i paesi di provenienza che per il livello di istruzione e per i motivi che hanno determinato la scelta d immigrare. Gli immigrati regolari in Italia sono quasi (Dati del XIII Rapporto Immigrazione 2003 della Caritas-Migrantes). Nel 2003 la crescita è stata del 10,8% (pari a persone) a livello nazionale, ma nel Nord Est l aumento registrato è stato quasi il doppio, ossia il 19,4% 2. 2 La stima della popolazione immigrata regolare tiene conto dei permessi ufficialmente registrati dal ministero dell interno il primo gennaio 2003; dei 600 mila nuovi regolari a seguito della legge Bossi-Fini; dei 230 mila minori non conteggiati perché iscritti nel permesso di soggiorno dei genitori; degli 82 mila permessi registrati in ritardo; dei 45 mila nuovi nati nel 2002 da entrambi genitori stranieri. Tuttavia, il rapporto segnala che nel 2002, a differenza degli anni precedenti, si è scesi al di sotto di 100 mila nuovi permessi annui. 12

13 L incidenza degli stranieri sulla popolazione italiana giunge così al 4,2%, con punte di oltre il 7% nel Lazio e intorno al 6% in Lombardia, Umbria, Emilia Romagna. Un incidenza che conferma l Italia ad un livello di immigrazione fra i più bassi in Europa: si spazia dal valore record del 36,9% nel Lussemburgo all 8-9% in Austria, Belgio, Germania, mentre nei paesi mediterranei non si raggiunge il 3% La provincia di Milano La provincia di Milano registra come comunità più numerosa quella filippina, con soggiornanti (pari al 30% del totale nazionale) e non quella africana come avviene in Lombardia e nel resto dell Italia 3. Ancora in provincia di Milano, molto alto è il numero di soggiornanti egiziani che costituiscono il secondo gruppo per provenienza con presenze: si tratta del 63,5% dei connazionali presenti in Italia. La distribuzione per nazionalità assume tuttavia delle caratteristiche diverse a seconda della fascia di età, del genere e della regione considerata Ripartizione per età Il 18,5% degli stranieri residenti a Milano ha al massimo 19 anni, il 51,5% è nella fascia compresa tra i 20 e 39, il 25,1% ha dai 40 ai 59 anni e gli ultrasessantenni sono il 4,9%. I minori provengono in prevalenza dal gruppo asiatico (45%) e da quello africano (27%) (Dossier statistico immigrazione 2003, Caritas Ambriosana). Nella città di Milano il 21% dei bambini che viene al mondo è di nazionalità straniera I minori La presenza dei minori è in continuo aumento, non solo a causa dell incremento delle nascite, ma anche per via dei numerosi ricongiungimenti che si sono intensificati in questi ultimi anni. Nel 2002 la presenza dei minori stranieri in Italia è stata stimata intorno alle In Lombardia la nazionalità più numerosa è quella marocchina (con soggiornanti, pari all 11,4% del totale della popolazione immigrata) che precede di poco quella albanese ( , pari all 11,2%). Al terzo posto si colloca il gruppo romeno (95.834), seguito dai filippini (65.257) e dai cinesi (62.314) (Dossier Caritas 2003). 13

14 presenze. Si tratta di minori non registrati nell archivio di soggiorno in quanto riportati sul permesso di soggiorno dei genitori. Per quanto riguarda l incremento del loro numero tra il 2002 e il 2003 vengono stimati soggetti tra i nati in Italia e i minori venuti a carico di un familiare e non conteggiati tra i permessi. A Milano tra il 1995 e il 2002 la popolazione dei minori stranieri è quasi triplicata (Elaborazione di Synergia su dati Comune di Milano -Ufficio Stranieri / Settore Statistica). Principali nazionalità straniere residenti a Milano (2002) Nazionalità Popolazione di cui minori Incidenza % Incidenza % totale minori sul totale minori sul totale della popolazione dei minori Filippine ,83 20,14 Egitto ,16 16,39 Cina ,30 12,86 Perù ,37 7,94 Sri Lanka ,40 6,67 Marocco ,77 4,89 Ecuador ,83 3,12 Albania ,52 2,50 Salvador ,79 1,83 Romania ,98 1,55 Eritrea ,12 0,76 Mauritius ,19 1,13 Etiopia ,99 0,55 Tot.stranieri ,84 100,00 Tot. italiani ,72 Totale residenti ,25 (Elaborazione di Synergia su dati Comune di Milano -Ufficio Stranieri / Settore Statistica). 14

15 Le popolazioni straniere che contano il maggior numero di minori sono i filippini, gli egiziani e i cinesi e con un grande distacco i peruviani, cioè le collettività maggiormente presenti sul territorio milanese: insieme costituiscono quasi il 60% dei minori stranieri presenti sul territorio (Elaborazione di Synergia su dati Comune di Milano -Ufficio Stranieri / Settore Statistica). Tra il 1995 e il 1999 sono stati soprattutto i gruppi di più antica immigrazione ad aumentare (Filippine, Cina, Sri Lanka e Marocco) con un notevole incremento di peruviani. Nel triennio i gruppi di antica immigrazione mostrano un certo assestamento, anche se la crescita resta comunque elevata, soprattutto per lo Sri Lanka; emergono invece i gruppi di più recente immigrazione come Ecuador, Albania e Romania. (Dossier statistico immigrazione 2003, Caritas Ambriosana) La scuola I minori stranieri sono soprattutto visibili all interno delle scuole. La loro presenza è sempre più numerosa e le scuole italiane possono ormai dirsi multietniche: nell ultimo anno hanno ospitato alunni stranieri, il 30% in più rispetto all anno precedente. In alcune scuole milanesi, soprattutto elementari, ma anche negli istituti professionali, il numero degli alunni stranieri sfiora addirittura il 50%. Dal 1983 ad oggi, gli alunni stranieri continuano ad aumentare, con un ritmo che è cresciuto notevolmente a partire dall anno scolastico 1996/7 (non a caso l anno in cui è passata la legge sul ricongiungimento). Negli ultimi tre anni si può parlare di un vero e proprio boom: nel 2000/2001 gli alunni stranieri erano (28mila in più rispetto l anno precedente), per diventare nel 2001/2002. Incremento ulteriormente superato lo scorso anno, quando sono aumentati di ben 50mila unità. 5 Le forti variazioni che si sono registrate periodicamente per ogni nazionalità sono strettamente connesse alle catene migratorie e al progetto migratorio dei vari componenti. Le sanatorie hanno contribuito in modo rilevante a queste crescite improvvise e cospicue delle presenze 15

16 Tra il 1999 ed il 2003 gli alunni stranieri sono quindi quasi raddoppiati. I paesi di provenienza sono diversi, Albania, Marocco, ex Jugoslavia e Romania, ma è ben rappresentato anche il resto del mondo: tra i banchi di scuola siedono alunni provenienti da 189 stati del pianeta (dati Ministero dell Istruzione). Il Ministero dell Istruzione stima che nel 2010 il numero di alunni stranieri dovrebbe essere compreso tra 488 e 566 mila, per arrivare a circa 710 mila nel I motivi della migrazione I motivi del soggiorno, secondo il rapporto della Caritas Migrantes 2003, sono nel 55,2% dei casi legati al lavoro (in un caso su due riguarda attività subordinata) mentre per il 31,7% legati a motivi familiari, che riguardano nella quasi totalità dei casi immigrati entrati in Italia per ricongiungimento familiare (si tratta per lo più di donne e minori). Motivazioni del soggiorno 16

17 Gli altri motivi per un inserimento stabile sono di tipo religioso (54.128, con un incidenza di circa il 13% sul totale), per studio (43.058) e per residenza elettiva (48.001), questi ultimi soprattutto diffusi per chi proviene dai paesi più ricchi, così come i motivi di lavoro lo sono per chi proviene dai paesi in via di sviluppo. Minoritarie rimangono invece le quote di soggiornanti per asilo politico o comunque per richiesta di asilo (1,1%). In particolare, nel 2002, i soggiornanti che hanno richiesto asilo a fine anno sono stati 8.210, una cifra inferiore di oltre casi rispetto al LA LEGISLAZIONE In Italia, la prima normativa specifica sugli stranieri viene approvata solo a metà degli anni Ottanta, prima di allora l immigrazione si configurava come problema di polizia, regolata dal testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza del La legge del 1986, Norme in materia di collocamento e di trattamento dei lavoratori extracomunitari immigrati e contro le immigrazioni clandestine, rappresenta il primo segno di una presa di coscienza legislativa del fenomeno in un clima d indifferenza sia da parte del Parlamento che della popolazione. Risponde alla necessità di una regolarizzazione dei flussi migratori e al problema della parità dei diritti. Tuttavia manifesta i suoi limiti fin dal principio, in particolare in sede applicativa, per l insufficienza amministrativa e per l interpretazione quasi sempre restrittiva delle norme. Nel 1990 viene approvata la cosiddetta Legge Martelli (n. 39/1990), la quale pur permettendo di recuperare alcuni ritardi in materia dei diritti dei rifugiati, e pur cercando di affrontare in maniera più organica il problema dei permessi di soggiorno solleva ancora molte perplessità. Le misure prese dal governo Dini (D.L. n. 489/1995 del 18 Novembre 1995) possono essere, infatti, considerate come l espressione della conclusione di un periodo di disimpegno a livello operativo e dell indecisione tra una politica dell accoglienza o dell esclusione. Il decreto Dini regolamenta i flussi d ingresso, il lavoro stagionale, i ricongiungimen- 17

18 ti familiari e la regolarizzazione degli stranieri presenti in Italia che svolgono un attività lavorativa in nero, ma è una normativa che considera, ancora, l immigrazione come un fatto emergenziale Il ricongiungimento Nonostante le nostre politiche per l immigrazione abbiano da sempre contemplato il ricongiungimento famigliare come un diritto per lo straniero, soltanto a partire dal 1998, con la legge Turco-Napolitano, tale diritto è stato pienamente garantito.il fenomeno migratorio verso il nostro paese non viene più considerato una realtà transitoria, ma viene riconosciuto come strutturale e inevitabile (Capaccioni G., 2001). Per quanto riguarda i ricongiungimenti, la legge n. 40/1998 Disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, all art. 26 specifica che Il diritto a mantenere o a riacquistare l unità familiare nei confronti nei confronti dei familiari stranieri è riconosciuto ( ) agli stranieri titolari di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno rilasciato per lavoro subordinato, per lavoro autonomo, per asilo, per studio, per motivi religiosi ecc. 6 Come conseguenza diretta di questa nuova legislazione aumentano le richieste di politiche d integrazione e di inserimento, l immigrazione in Italia da fenomeno individuale è diventato familiare, aspetto che ha nettamente modificato i progetti degli stranieri residenti qui e ha posto nuove articolazioni del fenomeno. Aumentano le richieste di garanzie economiche previdenziali, di alloggi e di abitazioni idonee a ricevere nuclei familiari ricomposti, gli inserimenti nella scuola. Nel 2002, però, la legge Bossi-Fini (n.189) Modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo, pur lasciando inalterata la struttura della legge precedente 6 All art.27 la legge 40/1998 recita: Lo straniero può chiedere il ricongiungimento per i seguenti familiari: a) coniuge non legalmente separata; b) figli minori a carico, anche del coniuge o nati fuori del matrimonio, non coniugati ovvero legalmente separati, a condizione che l altro genitore, qualora esistente abbia dato il suo consenso; c) genitori a carico; d) parenti entro il terzo grado, a carico, inabili al lavoro, secondo la legislazione italiana. 18

19 (legge n.40, 1998) introduce significative modifiche in senso restrittivo alla normativa in materia di immigrazione (Morrone A., Mereu F., 2003), in particolare riguardo ai ricongiungimenti 7. Infatti oggi, lo straniero che richiede il visto per il ricongiungimento, a meno che non sia un rifugiato politico, deve dimostrare la disponibilità di un alloggio adeguato e di un reddito sufficiente a mantenere la famiglia. Il permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare ha una durata massima di due anni e può essere in seguito convertito in permesso di soggiorno per motivi di lavoro Inserimento dei minori stranieri nella scuola italiana Il diritto all istruzione è tendenzialmente garantito allo straniero regolarmente soggiornante sul territorio italiano in condizioni di parità con il cittadino italiano (art. 38, comma 1, del Testo Unico sull immigrazione, D. Lgs. 286/98). In particolare, prevede che tutti i minori stranieri presenti sul territorio italiano, indipendentemente dalla regolarità della loro posizione rispetto alle norme sul soggiorno, siano soggetti ad obbligo scolastico (ciò anche in ossequio all art. 28 della Convenzione sui diritti del fanciullo, stipulata a New York il , ratificata e resa esecutiva in Italia con la legge n. 176 del ) ed abbiano quindi diritto di iscriversi alle scuole elementari e medie, se sono in età scolare. Vengono applicate ai minori stranieri tutte le norme che riguardano il diritto all istruzione, l accesso ai servizi educativi, la partecipazione alla vita della scuola, a parità di condizioni con gli italiani. L effettività del diritto allo studio deve inoltre essere garantita dallo Stato, dalle regioni e dagli enti locali anche mediante l attivazione di corsi di apprendimento della lingua italiana (art. 38, co. 2, T.U.) Un accento particolare è posto 7 All art.23, ricongiungimento familiare, la legge 189/2002 riporta al comma 1 le seguenti modifiche in senso restrittivo: - l aggiunta della lettera b-bis) figli maggiorenni a carico, qualora non possano per ragioni oggettive provvedere aproprio sostentamento a causa del loro stato di salute che comporti invalidità totale; - un aggiunta alla lettera c) genitori a carico qualora non abbiano altri figli nel paese di origine o di provenienza ovvero genitori ultrasessantacinquenni qualora altri figli siano impossibilitati al loro sostentamento per documentati gravi motivi di salute; -abrogazioni della lettera d) parenti entro il terzo grado, a carico, inabili al lavoro, secondo la legislazione italiana. 19

20 dalla nuova legge sull importanza dell educazione interculturale. Gli stessi principi vengono ribaditi dall art. 45 del regolamento di attuazione (D.p.r. 394/99), che affida al collegio dei docenti il compito di stabilire i criteri per l inserimento nelle classi degli alunni stranieri e gli eventuali adattamenti dei programmi di insegnamento, nonché le modalità di comunicazione con le famiglie degli alunni (anche valendosi di mediatori culturali) L iscrizione degli alunni stranieri alle scuole italiane avviene nei modi ed alle condizioni previste per i minori italiani e può avvenire in qualunque periodo dell anno scolastico. Secondo le disposizioni del regolamento di attuazione (art. 45, co. 2), l alunno straniero viene inserito nella classe corrispondente all età anagrafica. Si tiene conto però anche dell ordinamento degli studi nel Paese di provenienza, del titolo di studi eventualmente conseguito e delle abilità individuali. I minori stranieri irregolari o privi di documentazione anagrafica sono iscritti con riserva, che viene sciolta in senso positivo dopo il conseguimento del titolo di studio o diploma di scuola secondaria superiore. Il conseguimento del titolo di studi (che viene rilasciato all interessato con i dati indicativi acquisiti al momento dell iscrizione) non costituisce, comunque, titolo per la regolarizzazione della presenza sul territorio nazionale. Grazie alla possibilità di ricorrere all autocertificazione, secondo quanto chiarito dalla circolare del Ministero della Pubblica Istruzione n. 3 del 5 gennaio 2001, la pratica di iscrizione del minore straniero è ora ancora più semplice. Trattandosi di minori la richiesta di iscrizione deve essere presentata dal genitore o dall adulto di riferimento (tutore, affidatario, ecc ) dell allievo. Per quanto riguarda la scuola secondaria superiore e l univeristà, tutti gli stranieri già regolarmente presenti sul territorio nazionale possono avervi accesso. Per i minorenni, la possibilità di iscriversi alle scuole secondarie superiori é riconosciuta indipendentemente dalla titolarità di un permesso di soggiorno (art. 45, regolam.) 20

21 2. NUOVE FAMIGLIE, NUOVI BISOGNI Quando il progetto migratorio coinvolge l intero nucleo familiare comporta domande e bisogni di tipo nuovo che evidenziano problemi nella relazione con la società ospitante e nei rapporti tra le generazioni. Se il singolo immigrato poteva permettersi di vivere in condizioni di isolamento o anche di marginalità sociale, la famiglia deve invece tessere legami con la nuova comunità. L esistenza di un nucleo familiare, infatti, richiede soluzioni diverse: la presenza di un figlio costringe i genitori a rivolgersi ai servizi preposti alla politica sociale, perché i bisogni, le domande di servizi e di prestazioni diventano più urgenti. È proprio la presenza dell intero nucleo familiare ad accellerare il processo di integrazione nella nuova realtà: la presenza delle donne accanto ai mariti e dei loro bambini inevitabilmente spinge ad una maggiore frequentazione del nuovo contesto eco-culturale, quindi ad una maggiore possibilità di incontro e scambio con la società italiana. La presenza della famiglia favorisce perciò l aumentare dei contatti interculturali, ed avvia un auspicabile percorso transculturale (Tognetti Bordogna M., 1996). Dall invisibilità si passa alla visibilità, un passaggio importante che necessita di un adeguato appoggio istituzionale, che fin ora in Italia non è stato garantito, se non come risposta all emergenza o per opera di associazioni di volontariato. 2.1 LE NUOVE FAMIGLIE Per delineare politiche sociali e azioni finalizzate ad includere l immigrato come membro attivo all interno della nostra società diviene fondamentale comprendere con quali modalità si costituiscono le nuove famiglie, come la società si relaziona con esse e, 21

22 in particolare, quali domande queste nuove famiglie pongano in termini di servizi. È importante dunque ricostruire il percorso e il progetto migratorio che hanno portato alla formazione di queste famiglie La famiglia costituita in emigrazione Molti giovani immigrati oggi residenti in Italia avevano affrontato il percorso migratorio pensando fosse un esperienza litata nel tempo, progetto che si é dilazionato nel tempo fino a diventare un sogno e un mito. Diventa sempre più forte la necessità di rivedere il progetto iniziale, di riprendere in mano la propria vita e di non rimandare ulteriormente importanti decisioni. Una di queste, la più carica di conseguenze e di ricadute sul progetto di permanenza nel paese ospite, è quella di costruire qui la propria famiglia attraverso i matrimoni celebrati in Italia fra immigrati provenienti dalla stessa nazione o da Paesi diversi, o attraverso i matrimoni con uomini e donne italiani La famiglia che migra simultaneamente I casi in cui un intera famiglia migra simultaneamente sono piuttosto rari. Generalmente si tratta di una vera e propria fuga da condizioni di guerra, di pericolo, di fame che rendono impossibile per la famiglia l inserimento a tappe. I figli sono spesso affidati ad istituti socio assistenziali, poiché le famiglie non possono occuparsene La famiglia ricostituita con il ricongiungimento I ricongiungimenti al maschile Nella storia delle migrazioni e nell analisi della catena migratoria, si ritrova quasi sempre la figura maschile all inizio della partenza e dell esodo. La donna e i figli rimangono al paese d origine come garanti del ritorno, perpetuando una tradizione ben radicata, che vede l uomo percorrere il mondo e occupare lo spazio esterno e la donna attendere, preparando il suo rientro, custodendo la casa. In Italia questa dinamica migratoria definita tradizionale ha caratterizzato soprattutto l immigrazione proveniente dall Africa settentrionale, occidentale e sub-sahariana, 22

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

I MINORI NON ACCOMPAGNATI

I MINORI NON ACCOMPAGNATI I MINORI NON ACCOMPAGNATI Qualche dato Negli ultimi 7 anni i minori stranieri non accompagnati segnalati in Italia sono stati oltre 50 mila, con una media annuale di circa 7700 minori. La maggior parte

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI COMUNE DI BOLOGNA SETTORE COORDINAMENTO SERVIZI SOCIALI SERVIZIO GENITORIALITÀ ED INFANZIA 40122 Bologna Viale Vicini 20 tel. 051/203770 fax 051/203768 Bologna, 26.09.2003 I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato

Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato Istituto Nazionale Previdenza Sociale Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato Coordinamento e Supporto attività connesse al Fenomeno Migratorio Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana Tra difficoltà e successi

Alunni con cittadinanza non italiana Tra difficoltà e successi Quaderni Ismu 1/2015 Alunni con cittadinanza non italiana Tra difficoltà e successi ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA. Tra difficoltà e successi Rapporto nazionale A.s. 2013/2014 Pubblicato da Fondazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Nota sull integrazione dei rifugiati nell Unione Europea

Nota sull integrazione dei rifugiati nell Unione Europea Nota sull integrazione dei rifugiati nell Unione Europea Introduzione 1. Quello dell integrazione dei rifugiati è un processo bidirezionale dinamico e articolato, che richiede l impegno di tutte le parti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione.

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione. 1) Cos è il visto? a) È un permesso concesso allo straniero ad entrare nel territorio della Repubblica Italiana o in quello di altre parti contraenti per transito o per soggiorno; b) È una autorizzazione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli