Tecnologie Assistive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologie Assistive"

Transcript

1 Modulo 7 MANUALE DI FORMAZIONE Tecnologie Assistive Editore Miguel Santos Autori Rui Oliva Teles Miguel santos PORTOGALLO Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

2 Capitolo 1 I Fondamenti delle tecnologie Assistive Risultati dell apprendimento I partecipanti potranno acquisire conoscenze di carattere generale su Tecnologie di supporto o assistive - Assistive Technology (AT) e dei suoi diversi livelli di classificazione, così come la consapevolezza del ruolo di AT in diversi contesti e la sua connessione ai principi di progettazione universale, specialmente per quanto riguarda gli ambienti educativi. Contenuti del capitolo Tecnologie di supporto e Cerebrolesi CP Non possiamo più negare l importanza della tecnologia nella nostra vita. Siamo diventati così dipendenti dalla tecnologia e dai suoi prodotti che facciamo fatica a vivere anche un solo giorno senza di essa. Usiamo la tecnologia in forme diverse, ma quando ci pensiamo, dobbiamo guardare alla tecnologia da diverse angolazioni e considerare tutti i nuovi progressi, come i nostri comportamenti e la vita sono stati condizionati nel bene e nel male, ma soprattutto considerare come la stessa la tecnologia è stata rivoluzionaria per cambiare lo stile di vita generale delle persone diversamente abili. La paralisi cerebrale è una delle condizioni che più ha beneficiato dello sviluppo tecnologico. Dalla comunicazione alla mobilità per non dimenticare tutti i dispositivi preziosi che aiutano nelle attività quotidiane, c è un mondo di opportunità che si basano su ausili come soluzione per l inclusione sociale e la qualità della vita. È per questo che tutti gli operatori che si occupano di bambini CP e soprattutto genitori e gli utenti stessi dovrebbero essere ben consapevoli dei dispositivi esistenti per ogni soluzione. Definizioni di CP Tecnologie assistive (AT) è un concetto che si riferisce a prodotti e servizi che possono aiutare a compensare limitazioni funzionali, facilitare la vita indipendente e consentire alle persone diversamente abili di realizzare il loro potenziale. Mentre una grande varietà di prodotti si adattano a questa descrizione (ad esempio, una macchina per superare la mia disabilità funzionale di non essere in grado di trasportare me stesso 152

3 velocemente), è comunemente inteso che le tecnologie assistive si riferiscono a prodotti e servizi per quei bisogni che sono specifici a tre gruppi :. diversamente abili, gli anziani e le persone con malattie croniche. AT permettono a queste persone di partecipare più pienamente alla vita quotidiana e sostengono la loro vita indipendente Le Tecnologie assistive (AT) dovrebbe rendano le attività della vita accessibili al maggior numero di persone possibile, attraverso una serie più appropriate di informazioni e di accesso alle tecnologie. I suoi dispositivi sono strumenti utilizzati per migliorare il funzionamento indipendente di persone che hanno limitazioni fisiche o menomazioni cognitive. Si va da dispositivi a bassa tecnologia, dispositivi come portapenne semplici per dispositivi ad alta tecnologia, come i sistemi di comunicazione portatili basati su computer, tecnologie digitali domestiche, controlli ambientali. Questo dispositivo comprende una vasta gamma di settori, tra cui la comunicazione. La mobilità, posti a sedere e il posizionamento, menomazioni sensoriali e anche la tecnologia della vita quotidiana. Ci sono molte definizioni «ufficiali» di Tecnologie Assistive: Qualsiasi prodotto, strumento, attrezzatura o sistema tecnico utilizzato da una persona diversamente abile, appositamente costruito o generalmente disponibile, per la prevenzione, l indennizzo, l alleviare o neutralizzare la disabilità o la menomazione. (ISO 9999) Il termine dispositivo per le tecnologie assistivesignifica qualsiasi oggetto, pezzo di apparecchiatura o sistema di prodotto, siano essi acquisiti in commercio, confezionato oppure modificato o personalizzato, che viene utilizzato per aumentare, mantenere o migliorare le capacità funzionali delle persone con disabilità (Legge , L assistenza tecnica all azione degli Stati Uniti d America) La tecnologia, che può contribuire a compensare limitazioni funzionali, facilitare la vita indipendente e è in grado di consentire alle persone disabili e anziane di capire le loro potenzialità. (TIDE, Bride phase, synopses, 1994) La tecnologia assistiva è l uso di qualsiasi dispositivo che permetterà alle persone con disabilità un funzionamento al loro massimo potenziale educativo, professionale, sociale e nelle attività quotidiane. Questo include sia tecnologiche a bassa che alta applicazione. La tecnologia a bassa applicazione si riferisce a qualsiasi apparecchiatura che sia o non elettronica o basato su semplici oggetti a batteria (ad esempio giocattoli adatti e registratori a nastro). L alta tecnologia prevede invece l utilizzo di sistemi sofisticati che sono su base elettronica (ad esempio carrozzine e sistemi di controllo ambientale). (Bristow & Pickering 1995) La tecnologia assistiva è qualsiasi pezzo di apparecchio o un dispositivo che viene utilizzato per aumentare l indipendenza delle persone con disabilità. Questi 153

4 elementi possono essere disponibili in commercio, modificati o personalizzati per l utente (North Carolina progetto tecnologico Assistive) Tecnologia assistiva - tecnologia per una vita più indipendente, produttiva e piacevole - può essere semplice o complessa (WATA) Tecnologia assistiva, per definizione, è un qualsiasi pezzo di materiale che viene utilizzato per aumentare, mantenere o migliorare le capacità funzionali di una persona con una disabilità. (Pursuit) Un prodotto assistivo è qualsiasi prodotto (compresi i dispositivi, attrezzature, strumenti, tecnologie e software) appositamente costruiti o in generale a disposizione, per la prevenzione, compensazione, monitoraggio, alleviare o neutralizzare menomazioni, limitazioni dell attività e restrizioni della partecipazione. L alfabetizzazione tecnologica Anche se vi è una lunga storia di sforzi per aiutare le persone con disabilità, utilizzando sia tecnologie disponibili per la popolazione in generale e delle tecnologie progettate esclusivamente per l uso da parte di persone con disabilità (Blackhurst & Edyburn, 2000), negli ultimi 20 anni abbiamo assistito a un impareggiabile interesse per l uso delle tecnologie didattiche e di assistenza. Ciò è dovuto principalmente alla rivoluzione digitale e allo sviluppo di alfabetizzazione tecnologica che ha portato alla produzione di massa di apparecchiature. ABLEDATA, per esempio, gestisce un database che include i nomi e le descrizioni di migliaia di dispositivi destinati a migliorare il funzionamento di apprendimento e o la vita delle persone con disabilità. Tuttavia, insieme a una netta crescita senza precedenti nello sviluppo di strumenti ad alta tecnologia negli ultimi anni, vi è stato anche un rinnovato apprezzamento per gli ausili a bassa tecnologia e un notevole perfezionamento delle procedure per valutare gli studenti per quanto riguarda le necessità tecnologiche. Questo ha molto a che fare con questioni come il prezzo, la disponibilità, la facilità d uso e la mancanza di capacità di fornire una buona rete di servizi per aiutare i bambini nella fase di post-acquisto periodi. Inoltre vi è sempre un reale pericolo di ottenere materiale sofisticato che sarà obsoleto in un breve periodo di tempo. Classificazione Quando si tratta di inventariazione, non c è fine a elencare tutti i dispositivi di assistenza. Cataloghi e database come Handynet o Abledata, ad esempio, possono contenere informazioni su più di prodotti. Tale elenco è forse troppo ampio per i nuovi arrivati nel campo delle tecnologie assistive, ma può essere di grande aiuto per genitori, insegnanti e tecnici che si occupano di bambini CP e hanno bisogno di un riferimento. 154

5 Pertanto, la classificazione e il raggruppamento dei tanti prodotti è necessaria per ridurre questa quantità di dispositivi per categorie generali e aiutarci a capire la portata della funzionalità di ciascuno di essi. Siamo comunque di fronte ad una miriade di modi alternativi di raggruppamento delle tecnologie assistive. La maggior parte di questi quadri di raggruppamento non sono esaustivi né sono categorie che si escludono reciprocamente. La classificazione più conosciuta e formale delle tecnologie assistive è la classificazione internazionale ISO9999 o il suo standard europeo CEN Le ISO 9999 sono un sistema a tre livelli di classificazione che raggruppa AT in «classi» (ad esempio la mobilità, comunicazione, tempo libero, ecc), quindi in «sottoclassi» (ad esempio, nella classe «mobilità»: sedie a rotelle a motore, adattamenti auto, ecc.), alla fine in «DIVISIONI» (ad esempio, all interno di una sottoclasse «sedie a rotelle motorizzate»: elettrico motorizzato sedia a rotelle con guida manuale, con motore elettrico, sedia a rotelle con il governo a motore, ecc.) Ogni prodotto classificato ISO 9999 ha un codice numerico: ad esempio, la voce «elettrico motorizzato sedia a rotelle con sterzo motorizzato» ha il codice , in cui le prime due cifre stanno per la classe 12 «mobilità», le seguenti due cifre stanno per sottoclasse 12,23 «sedie a rotelle motorizzate» e le ultime due cifre stanno per questa specifica divisione. Ma possiamo anche classificare delle tecnologie assistive per grandi categorie di disabilità: menomazioni visive, disabilità uditive, cognitive, della mobilità,... Tutto dipende dalle finalità che abbiamo in mente. All interno di ciascuna categoria, si potrebbe ancora classificare AT in quelle che accrescono la capacità residua, quelle che sostituiscono la perdita di capacità con un altra capacità e una categoria di riposo, per esempio. Tale approccio è suggerito anche dagli studi CUORE linea E (Azevedo et al. 1993, Azevedo et al. 1994a) e questo è quello che abbiamo adottato in questo modulo del corso per la sua semplicità ed efficienza, considerando il pubblico a cui ci si rivolge. Essa suggerisce di classificare le AT in quattro gruppi: Comunicazione Mobilità; Manipolazione; Orientamento. Anche se non esiste un unico modo unico e ottimale per raggruppare AT, non dovremmo dimenticare che a partire dal punto di vista dell utente finale-, le classificazioni non sono così rilevanti. Non importa a qualle gruppo AT gli utenti appartengano, a condizione che siano inseriti e possano usufruirne. Quindi, all interno del nostro materiale, dovremmo trovare il giusto equilibrio tra un approccio analitico, classificativo e un approccio orientato all utente più olistico. Design Universale Come vedremo, AT mirano a colmare il divario tra ciò che l utente è in grado di e ciò che l ambiente richiede da lui. Possiamo quindi pensare che, invece di fare una 155

6 discriminazione positiva potenziando la capacità della persona, si potrebbe anche lavorare per costruire un ambiente privo di barriere in cui tutti possano accedere a tutto, in una prospettiva di progettazione universale. Progettazione universale è la progettazione di prodotti e ambienti per essere utilizzabili da tutte le persone per quanto possibile, senza bisogno di adattamenti o di progettazioni specializzate Disegno inclusivo o design universale è un insieme di concezioni, conoscenze, metodologie e pratiche volte alla progettazione di spazi, prodotti e servizi, utilizzati con efficacia, sicurezza e comfort dal maggior numero possibile di persone, indipendentemente dalle loro capacità. Design Universale DU tende naturalmente ad essere inclusivo e non discriminatorio, con conseguente miglioramento dell ergonomia per tutti e non deve necessariamente comportare costi aggiuntivi per il beneficio di una minoranza. Anche se a volte, i costi di sviluppo e di produzione iniziale possono essere più elevati, essi tuttavia, andranno a beneficio non solo una minoranza, ma dell intera popolazione, aumentando la produttività di tutti, impedendo un uso improprio, rischi di disagio prolungato, ed poter evitare eventuali incidenti. Di conseguenza, nel medio e lungo termine, sarà in grado di rivelarsi con un incremento della produttività e una vita migliore per tutti. Letture consigliate ISO 9999:2011: MPT (Matching Persons and Technology): com/index.html HEART classification - The Centre for Cerebral Palsy MOUNT LAWLEY WESTERN AUSTRALIA: Tech_-_Assistive_Technology Classification and terminology of assistive products: encyclopedia/en/article/265/ The Seven Principles of Universal Design: articles/the-seven-principles-of-universal-design/ Center for Universal Design: Universal Design for Learning: National Centre on Universal Design for Learning: Designing Everyone In: &option=com_content&task=view Inclusive Design Research Center: 156

7 Capitolo 2 Componenti Umani Risultati dell apprendimento I partecipanti riconosceranno i concetti di disabilità, menomazione e svantaggio, in modelli sociali e sotto il punto di vista della classificazione internazionale della funzionalità e dell Organizzazione Mondiale della Sanità. Partecipanti saranno anche consapevoli dei diversi fattori che interferiscono nella scelta dei dispositivi AT. Contenuti del capitolo Questo capitolo si riferisce alla necessità di comprendere l essere umano, con e senza disabilità, e adeguatamente integrare le soluzioni tecniche offerte dalle tecnologie assistive con i bisogni degli esseri umani, di fronte a un ambiente avversa. Gli aspetti della Disabilità Considerando il nuovo paradigma della disabilità sviluppato nel modello ICF lanciato da WHO 2001, l invalidità è una situazione che colpisce un individuo in caso di un divario tra le capacità individuali ei fattori ambientali e questa lacuna limita la qualità della vita e impedisce il pieno sfruttamento delle potenzialità individuali nella società. Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (1980) dovrebbe essere intesa come (in salute): Menomazione si intende qualsiasi perdita o l alterazione di una struttura o di una funzione psicologica, fisiologica o anatomica Queste perdite o modifiche possono essere temporanee o permanenti,e rappresentano la manifestazione di uno stato di malattia, che riflette, in linea di principio, un evento fisico. Disabilità la restrizione o la mancanza della capacità di compiere un attività nel quadro e nei limiti considerati normali per gli esseri umani. E caratterizzata da eccessi o carenze nel comportamento o svolgimento di un attività che è comune o normale, di solito derivante da una disabilità. Handicap è una condizione sociale del danno subito da un dato individuo, risultante da una menomazione o una disabilità che limita o impedisce l esecuzione di una 157

8 attività considerata normale per quell individuo, tenendo conto dell età, del sesso e dei fattori socio-culturali.. Esso rappresenta l espressione sociale di una infermità o di una incapacità, che riflette l impatto (culturale, sociale, economico e ambientale) da essa causate. Le tecnologie assistive sono in grado di colmare il divario, come quello dei «fattori ambientali» che contribuiscono a generare o far superare le invalidità. I dispositivi dispositivi AT sono, per la maggior parte del tempo dei «facilitatori» verso attività e partecipazione, migliorando il livello funzionale dell utente, oppure riducendo richieste dell ambiente Ma dobbiamo anche tenere in considerazione che a volte le AT possono anche essere un ostacolo invece di un facilitatore. La prescrizione di sofisticate apparecchiature può essere inutile se l utente non è ben informato sulle caratteristiche e sul funzionamento. Allo stesso tempo, anche i dispositivi molto utili possono diventare rapidamente obsoleti e portare a nuove barriere. Un buon servizio di follow-up e il supporto continuo è essenziale per il successo di qualsiasi programma di AT Qualità della vita, autonomia e potenziamento Il cambiamento di paradigma da un modello medico ad un modello sociale ha portato nuova luce al ruolo dell utente stesso al momento di scegliere l assistenza tecnica. L autonomia è una parola chiave e tutti gli sforzi devono essere fatti per autorizzare gli utenti finali a fare scelte consapevoli e informate su quello che lui / lei pensano sia meglio per loro. Questo forse non è un punto importante quando si considera la maggior parte delle situazioni di paralisi cerebrale in questo progetto, ma è ancora una questione importante da seguire. 158

9 Autonomia non significa che non dipendono da altri per svolgere compiti o raggiungere degli obiettivi. Avere autonomia non ha nulla a che vedere con l essere in grado di fare le cose tutte da soli ma il potere di decidere cosa succede nella vita o, ancora meglio, si tratta di avere la percezione * il potere * di fare, e che ciò che viene chiamato potenziamento Contesti e variabili ambientali Come abbiamo visto la classificazione internazionale della funzionalità mette le nozioni di salute e disabilità sotto una nuova luce. Essa riconosce che ogni essere umano può sperimentare un decremento della salute e quindi sperimentare un certo grado di disabilità. La disabilità non è una cosa che accade solo ad una minoranza dell umanità L ICF quindi da le linee guida dell esperienza della disabilità e la riconosce come esperienza umana universale e spostando l attenzione dalla causa di impatto pone tutte le condizioni di salute in condizioni di parità che permette fare un confronto con una metrica comune - il metro della salute e disabilità. Inoltre l ICF prende in considerazione gli aspetti sociali della disabilità e non vede la disabilità solo come un aspetto medico o una disfunzione biologica. L inclusione di fattori contestuali, in cui sono elencati i fattori ambientali, ICF permette di registrare l impatto dell ambiente sulla funzionalità della persona. Questo è importante quando si tratta di analizzare le esigenze e gli obiettivi per i bambini: a volte può essere più facile interferire con l ambiente, che con il bambino. Valutazione e Processo di selezione Prescrivere un dispositivo AT potrebbe non essere un compito facile. Se il bambino va a scuola, Le tecnologie Assistive (AT) devono essere considerateo per ogni bambino 159

10 che ha un piano educativo individualizzato (PEI). La necessità delle tecnologie assistive si basa sulla domanda Quali sono gli obiettivi PEI relativamente allo studente con difficoltà che possa essere aiutato dalle tecnologie assistive? Nello specifico il team può rispondere alla domanda di quale debba essere il miglior livello di preparazione di un valutatore per lo svolgimento di una valutazione sulle tecnologie assistive Secondo Zabala, Reed, e Korsten, (1999) se si considera necessità di uno studente delle tecnologie assistive questi indicatori di qualità sono importanti: il team PEI ha le conoscenze e le competenze necessarie per prendere corrette decisioni; Esplora in continuazione apparecchiature AT e servizi disponibili; Il team PEI unsa un buon lavoro di squadra per prendere decisioni; le decisioni sono prese sugli obiettivi del PEI; Le decisioni del team sono prese in accordo con la legislazione; La determinazione del bisogno si basa su dati relativi agli studenti, agli ambienti, alle attività e gli strumenti, e le decisioni e i dati di supporto sono documentati. Infatti, il processo di selezione delle AT è complesso e deve prendere in considerazione vari tipi di osservazioni che escano da un team multidisciplinare. La valutazione è sempre un lavoro di squadra che comporta una interazione collaborativa tra quattro gruppi: 1. l utente 2. Le persone intorno a lui / lei che lo sostengono ed interagire con lui / lei su base quotidiana, compresi i membri delle famiglie, amici, educatori, terapisti, medici e datori di lavoro, 3. Gli specialisti delle tecnologie assistive che hanno una conoscenza di molti strumenti e che facilita un processo decisionale collaborativo and 4. Gli sviluppatori degli strumenti assistivi Letture consigliate International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF): Classification and terminology of assistive products: encyclopedia/en/article/265/ Special Needs Technology Assessment Resource Support Team (START): SETT Framework: html 160

11 Capitolo 3 Componenti Tecnici Risultati dell apprendimento I partecipanti valuteranno il potenziale di varie attrezzature nel campo della comunicazione e mostrare un po di conoscenza nel integrarle in un processo di selezione funzionale per un bambino con CP. Impareranno diverse strategie di adattamento del software per l usabilità e l accessibilità al PC e hardware libero e soluzioni software per l accessibilità fisica alle tecnologie dell informazione e della comunicazione e per aiutare i processi di lettura e scrittura. Nel settore della della mobilità si prevede che essi riconoscano le attrezzature più significative per bambini CP e dimostrino competenza nella scelta della soluzione più adeguata per ambienti diversi considerando anche l importanza dell accessibilità architettonica e alcune soluzioni tecniche disponibili, nonché le modalità principali e caratteristiche di sport adattati a CP. Partecipanti sapranno anche riconoscere soluzioni pratiche per l attività quotidiana con i bambini CP, disponibili sul mercato, in settori come l alimentazione, il vestirsi, le pulizie e soluzioni domotiche e le strategie di controllo ambientale.si prevede inoltre che siano in grado di riconoscere le soluzioni educative e ricreative più adatte per i loro figli / alunni. Contenuti del capitolo Le componenti tecniche i sotto moduli si focalizzano su un area più strumentale, in cui si suppone che i genitori e gli insegnanti arrivino a costruire insieme le soluzioni possibili per contribuire a compensare la disabilità e contribuire all inclusione. La struttura adottata è stata quella di CUORE Linea E che, come abbiamo visto distribuisce competenze funzionali in 4 aree. Tecnologie Assistive per la comunicazione La comunicazione è la capacità di generare, emettere, ricevere e comprendere messaggi, interagire con altri individui in loro presenza o a distanza, in un particolare contesto sociale. Le abilità comunicative giocano un ruolo critico nel processo di sviluppo e mantenimento di relazioni sociali, imparare a vivere in comunità, e la soddisfazione generale di quasi tutti i bisogni umani. 161

12 Utilizzo di metodi alternativi (AAC) e avvantaggiandosi della tecnologia (non così nuova) digitale siamo in grado di aiutare i bambini a superare le disabilità comunicative di bambini CP (Cerebrolesi) ed aprire la strada all alfabetizzazione. Possiamo definire la comunicazione alternativa e aumentativa (AAC) come un insieme integrato di tecniche, aiuti, strategie e competenze che una persona con grave incapacità comunicativa utilizza per comunicare come metodo alternativo per integrare o sostituire la parola o la scrittura. Questi individui con gravi difficoltà di comunicazione, non sono in grado di usare la voce per comunicare e sviluppare, il più delle volte, le proprie strategie per interagire con gli altri, ma spesso utilizzano tecniche specifiche per soddisfare le loro esigenze di comunicazione: immagini con le parole o simboli, strumenti di vocalizzazione, ecc., E tuttavia noto che un aiuto per la comunicazione non è di per sé un sistema di comunicazione, ma un componente del sistema stesso. Con i bambini affetti da disfunzione neuro-motoria grave e incapacità di usare la voce come principale mezzo di comunicazione, la situazione diventa ancora più complessa, perché va a toccare i processi di insegnamento e di apprendimento. La frequente incapacità dei bambini con disfunzione neuro-motoria grave di vivere esperienze simili a quelle di altri bambini delle stesse fasce di età a volte porta ad esperienze molto negative e frustranti, fino all adozione di un atteggiamento di passività e di rifiuto. Le strategie di intervento che prevedono l uso di sistematico di supporti per la Comunicazione Aumentativa delle Tecnologie Assistive, permettere a questi bambini una partecipazione attiva che influenzerà notevolmente il processo di acquisizione di nuove conoscenze e il vivere esperienze significative. Questo è il ruolo fondamentale delle tecnologie assistive che, se utilizzate da subito, consentiranno una maggiore autonomia e la partecipazione alle attività scolastiche che danno accesso a qualsiasi curriculum formativo. La Comunicazione Aumentativa emerge come un potente strumento per lo sviluppo dell alfabetizzazione per questo tipo di popolazione, permettendo così una partecipazione attiva a situazioni di alfabetizzazione, non solo nel comunicare ed interagire, ma anche scrivere, produrre e interpretare il linguaggio scritto. In questo modluo andremo a osservare: Sistemi di comunicazione con aiuto e senza aiuto: SPC, PECS, Bliss, Makaton, etc Low-tech e high-tech schede di comunicazione dinamiche Sintesi vocale: voce registrata e sintetica Tecniche di selezione: diretta, scansione, codifica Livello di sviluppo e tecniche di previsione Apparecchi acustici e amplificatori vocali 162

13 Accesso al PC Oggigiorno, i prodotti della tecnologia assistiva sono spesso scelti appositamente per disabilità o handicap multipli, in modo che un individuo può effettivamente accedere a un computer. L operabilità del PC è fondamentale come pure che gli ausili siano compatibili con il sistema operativo e altro software. AT può includere prodotti con un diverso tipo di dispositivi di puntamento invece di utilizzare un mouse, o un sistema dotato di un display Braille e lettore di schermo. Non tutti gli utenti con esigenze di accessibilità richiedono prodotti di tecnologia assistiva, ma, nel caso dei CP, ci sono una serie di soluzioni tecniche che sono state dimostrate molto efficienti, e che abbiamo suddiviso nelle seguenti aree: Interfacce di controllo (switches, joystick, track ball) Tastiere alternative (allargate o ridotte) un emulatore di tastiera emulatori di mice e mouse e soluzioni di occhio-che segue (Tobii, Camera Mouse, Head-Dev, Trekker, etc) Touch screens, puntatori con la testa, bastoncini per la bocca Tablets e smartphones (ipad) Le AT non possono essere aggiunte a un qualsiasi computer perché devono essere compatibili con il sistema operativo del computer e software aggiuntivo - è importante che la scuola selezioni del software accessibile e compatibile con la tecnologia Assistiva. L accessibilità virtuale è importante e gli insegnanti ed i genitori devono essere consapevoli delle tante opzioni di configurazione dei diversi sistemi operativi esistenti nelle scuole ed a casa, anche quando si tratta di utilizzare software open source. Le opzioni di accessibilità per Windows Xp e 7 possono essere facilmente reperibili sul web. Apple include anche tecnologie assistive nei suoi prodotti come caratteristiche standard - senza alcun costo aggiuntivo. Per esempio, iphone, ipad, ipod, e OS X includono ingrandimento dello schermo e voce, uno schermo con tecnologia di accesso per i non vedenti e ipovedenti. Per assistere persone con disabilità cognitive e di apprendimento ogni Mac include un interfaccia utente semplificata alternativa che premia l esplorazione e l apprendimento. E, per coloro che hanno difficoltà a utilizzare un mouse, tutti i computer Mac includono tasti mouse, i tasti lenti, e la permanenza dei tasti, che si adattano alle esigenze del computer dell utente e alle sue capacità. Scrittura e Lettura Anche in relazione ai processi di comunicazione, la lettura e la scrittura hanno sempre svolto un ruolo importante per l istruzione di un bambino CP `. Questo è 163

14 particolarmente importante per i bambini con gravi disabilità multiple in quanto l alfabetizzazione rappresenta la migliore speranza per la partecipazione alla società in generale. La partecipazione richiede la comunicazione e per chi afflitto da grave disturbi del linguaggio, la comunicazione necessita di linguaggio scritto o l uso di dispositivi di comunicazione che prendono il posto del linguaggio umano I dispositivi più frequentemente richiedono un utente alfabetizzato (Blackstone e Cassatt-James, 1988; Koppenhaver, Coleman, Kalman, e Yoder, 1991). 1 In this area we will be considering inexpensive, yet effective low tech solutions for writing like wrist splints, clip boards, positioning pads or velcro tabs used to keep them in place, Also important can be separate applications for PC, like word prediction software, for example, that reduces the number of keystrokes an individual has to make. 2 Ebooks, online reading, OCR, vice recognition and prediction and many other technical options will also be under the scope of this part of the module. Letture consigliate Makaton - Meyer-Johnson - Arasaac - Words Plus - Pecs - Proloquo2go - Grid 2 - Prices - Tobii - hardware/ Brain Control er_embedded%20-%20! Muscle-Computer - PC Accessibility - - prodcomp 1 Blackstone, S. W., & Cassatt-James, E. L. (1988). Augmentative communication. In N. J. Lass, L. V. McReynolds, J. L. Northern, & D. E. Yoder (Eds.), Handbook of speech-language pathology and audiology (pp ). Toronto: B. C. Decker. 2 programma di dizione della parola. Viene visualizzato un elenco di parole in base alle lettere che sono già state digitate. Il dattilografo seleziona la parola corretta, invece di digitare le lettere rimanenti. 164

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili 1 Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili Valerio Gower 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone 3 I principali sistemi operativi Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone 1 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili Valerio Gower 3 4 Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry (RIM) Windows Phone

Dettagli

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Introduzione Nell ambito delle strategie di comunicazione adottate (più o meno complesse), possiamo introdurre l utilizzo di specifici ausili che

Dettagli

Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti

Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti Paolo Graziani CNR - Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara, Firenze Fondaz. Don Gnocchi, Milano 2008 1 Dai principi della Progettazione Universale

Dettagli

AUSILI. Marisa Vicini

AUSILI. Marisa Vicini AUSILI Marisa Vicini Di che cosa parlerò A. Le fonti informative B. I concetti fondamentali ( terminologia) C. La normativa D. Gli ausili: esemplificazioni D 1. mobilità e cura personale D 2. attività

Dettagli

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Condizioni di salute Che tipo di problemi ha l'alunno? Cecità Ipovisione Sordità profonda o grave

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Riabilitazione comunicazionale Deficit dell eloquio eloquio Foniatra Logopedista Fisioterapista Tecnico degli ausili Psicologo Caregiver Quali competenze? Il

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti.

Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti. Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti.it Web: www.subvedenti.it Panoramica sulle tecnologie assistive e

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

1.2 - Un archivio per il software didattico

1.2 - Un archivio per il software didattico 1.2 - Un archivio per il software didattico Valerio Mezzogori Il quadro di riferimento E difficile prescindere dall utilizzo degli ausili tecnologici nel trattamento delle situazioni di handicap. Pur con

Dettagli

Associazione Nazionale Subvedenti - ONLUS Aspettiamo chi vede di meno per dargli di più

Associazione Nazionale Subvedenti - ONLUS Aspettiamo chi vede di meno per dargli di più Associazione Nazionale Subvedenti - ONLUS Aspettiamo chi vede di meno per dargli di più confederata Retina Italia PROGETTO L ipovisione A differenza dalla cecità, l ipovisione è un arcipelago a livello

Dettagli

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche Le biblioteche offrono dei servizi pubblici Accessibilità dei siti Web delle biblioteche 1 Il loro patrimonio: informazioni conoscenza Requisito essenziale del servizio: Maurizio Vittoria - Biblioteca

Dettagli

GLI AUSILI COMUNICATIVI

GLI AUSILI COMUNICATIVI GLI AUSILI COMUNICATIVI nella SCLEROSI LATERLE AMIOTROFICA Dott. M. Siccardi ASL CN1 PO FOSSANO SOC Medicina Riabilitativa Ospedaliera Direttore Dott. GF Lamberti DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE Oltre 80%

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Treviglio (BG) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: INTEGRAZIONE DEI DISABILI E TIC

Dettagli

L'Innovazione è ciò che distingue un Leader da un follower Steve Jobs. (Ambiente Sicurezza Salute)

L'Innovazione è ciò che distingue un Leader da un follower Steve Jobs. (Ambiente Sicurezza Salute) L'Innovazione è ciò che distingue un Leader da un follower Steve Jobs. (Ambiente Sicurezza Salute) Come nasce: È una Rete di Impresa, nata con lo scopo di raggruppare persone interessate a collaborare

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive Studio di Consulenza Stefano Persichino Consulenza, valutazione,

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Accessibilità dei dispositivi mobile

Accessibilità dei dispositivi mobile Accessibilità dei dispositivi mobile Handimatica- Bologna 23 novembre 2012 Laura Burzagli, Lorenzo Di Fonzo, Pier Luigi Emiliani 14/01/2013 1 Problema Accessibilità, parola chiave della e-inclusion Rilettura

Dettagli

Assistive Technologies. Tecnologie assistive

Assistive Technologies. Tecnologie assistive Assistive Technologies Tecnologie assistive Introduzione Che cosa sono? Sono gli strumenti e le soluzioni tecniche, hardware e software, che permettono alla persona disabile, superando o riducendo le condizioni

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali ASPHI Fondazione Onlus Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive 2 Introduzione Ausili per disabilità

Dettagli

Centro Studi Erickson C.T.S. Catanzaro

Centro Studi Erickson C.T.S. Catanzaro Centro Studi Erickson C.T.S. Catanzaro Corso di Formazione: Ausili informatici per la disabilità Catanzaro, 29 Maggio 2009 Dr.ssa M. Luisa Boninelli m.boninelli@unive.it www.unmomentostopensando.blogspot.com

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

Siti web degli istituti comprensivi: come e perchè Capitolo 1 Internet, usabilità, ergonomia, accessibilità

Siti web degli istituti comprensivi: come e perchè Capitolo 1 Internet, usabilità, ergonomia, accessibilità 1.1 Regole auree di un sito internet La progettazione WEB è una disciplina multiforme e che necessita di conoscenze e competenze di ampio respiro. Chi lavora in internet deve essere al contempo programmatore

Dettagli

Jay The Active Reader

Jay The Active Reader Jay The Active Reader Jay è un lettore di documenti che puoi controllare usando la tua voce in modo semplice e naturale. Jay è, infatti, il primo lettore di documenti che si avvale di un interfaccia multimodale

Dettagli

Ausili informatici per disabilità motorie

Ausili informatici per disabilità motorie Ausili informatici per disabilità motorie SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2. AUSILI INFORMATICI COMUNI 3. SOFTWARE DI SUPPORTO AGLI AUSILI 4.AUSILI INFORMATICI AD ALTA TECNOLOGIA Studio di Consulenza Stefano

Dettagli

Hardware & Software negli ambienti di apprendimento

Hardware & Software negli ambienti di apprendimento TEACHER Hardware & Software negli ambienti di apprendimento Hardware & Software negli ambienti di apprendimento Il modulo intende accertare nel candidato il possesso delle competenze digitali relative

Dettagli

Nuove Tecnologie e disabilità

Nuove Tecnologie e disabilità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Ufficio Scolastico Provinciale CASERTA Area Sostegno alla Persona Nuove Tecnologie e disabilità Centro

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

Progettare un sito web

Progettare un sito web Progettare un sito web Problematiche di accessibilità (Capitolo 2) (materiale illustrativo degli esempi gentilmente messo a disposizione da R. Polillo) Accessibilità La capacità dei sistemi informatici,

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Accessibilità / Usabilità dei sistemi informatici

Accessibilità / Usabilità dei sistemi informatici Accessibilità / Usabilità dei sistemi informatici Bologna, Handimatica 2014 03/02/2015 E.Paiella - ASPHI 1 Alcuni numeri IBM Corporation - 2014 Accessibilità / Usabilità ICT Barriere Architettoniche Accesso

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2015

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2015 Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS Sezione provinciale di Brescia RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2015 Cari soci ed amici, Premessa la Sezione Provinciale di Brescia dell Unione Italiana

Dettagli

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO www.ilfisiatra.it 1 MODELLO TRADIZIONALE DELLA MEDICINA Il modello medico classico e tradizionale della medicina basa la sua azione su un concetto

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand!

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand Manuale Utente 1 PredictiOn Demand for Windows La predizione quando serve! 1. Panoramica Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand

Dettagli

ABEL (AccessiBle E-Learning)

ABEL (AccessiBle E-Learning) ABEL (AccessiBle E-Learning) Target: non vedenti e ipovedenti Metodologia: Apprendimento tramite materiali online Keywords: Vantaggi e svantaggi dell online learning per non vedenti e ipovedenti Accessibilità

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi

Dettagli

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 Sabrina Castellano, Egle Giardina, Stefania Scaffidi CInAP (Centro per l Integrazione Attiva

Dettagli

«La Comunicazione aumentativa alternativa in età evolutiva»

«La Comunicazione aumentativa alternativa in età evolutiva» Seminari - Tecnologie per la disabilità 28 MAGGIO 2014 «La Comunicazione aumentativa alternativa in età evolutiva» Dott.ssa Cane Elisabetta Logopedista ASLTO1 Specializzata in CAA per l età evolutiva E

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA DAL 02.03.2011 AL 04.05.2011

CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA DAL 02.03.2011 AL 04.05.2011 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA ORGANIZZATO DAL COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Progetto Integrabile Studio di fattibilità e progetto esecutivo. Il sistema domotico

Progetto Integrabile Studio di fattibilità e progetto esecutivo. Il sistema domotico Progetto Integrabile Studio di fattibilità e progetto esecutivo Il sistema domotico Bolzano, 28-10-2010 Team di progetto: Valerio Gower Massimiliano Malavasi Sergio Moscorelli 1 ICF (Classificazione Internazionale

Dettagli

DISABILITA MOTORIA E AUSILI

DISABILITA MOTORIA E AUSILI DISABILITA MOTORIA E AUSILI I.P.S.I.A. San Benedetto del Tronto 21 aprile 2008 Prof.ssa Olmo Serafina Il disturbo del movimento è la conseguenza di lesioni che possono interessare diverse strutture corporee

Dettagli

Riconoscimento tramite OCR di testi presentati sullo schermo in forma grafica

Riconoscimento tramite OCR di testi presentati sullo schermo in forma grafica Sie befin Un nuovo e rivoluzionario Screen Reader! Che cosa c è di speciale in COBRA? Lo screen reader COBRA ha come obiettivo principale il lavoro e la completa accessibilità delle persone cieche e ipovedenti

Dettagli

TECNOLOGIE INFORMATICHE E DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

TECNOLOGIE INFORMATICHE E DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO TECNOLOGIE INFORMATICHE E DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Viadana 28 febbraio 2012 Guido Bottura Linee guida ISS Programmi di intervento mediati dai genitori Programmi intensivi comportamentali (ABA)

Dettagli

Verso nuovi strumenti di uguaglianza digitale

Verso nuovi strumenti di uguaglianza digitale Verso nuovi strumenti di uguaglianza digitale Informatici Senza Frontiere è una realtà sociale con dieci sezioni regionali e più di 300 soci e socie, informatici e non, che contribuiscono alla vita dell

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

Tecniche Di Riabilitazione, Formazione E Sistemi Di Assistenza Sanitaria

Tecniche Di Riabilitazione, Formazione E Sistemi Di Assistenza Sanitaria Modulo 6 GUIDA PER FORMATORI Tecniche Di Riabilitazione, Formazione E Sistemi Di Assistenza Sanitaria Editore Miguel Santos Autori Mintaze Kerem Gunel Akmer Mutlu Ozgun Kaya Kara Ayse Livanelioglu TURCHIA

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

EMERGENZA E DISABILITA

EMERGENZA E DISABILITA EMERGENZA E DISABILITA D.M. 236 del 14/6/1989 (Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata

Dettagli

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Massimo Amendola slide 1 di 33 Sommario 1. ACCESSIBILITÀ e USABILITÀ 2. IL LABORATORIO 3. ATTIVITÀ 4. IL PROGETTO MEDIACCESS slide 2

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

DESCRIZIONE. HARDWARE (tastiere, mouse, schermi, etc..) Tipologia Tastiera espansa

DESCRIZIONE. HARDWARE (tastiere, mouse, schermi, etc..) Tipologia Tastiera espansa HARDWARE (tastiere, mouse, schermi, etc..) DESCRIZIONE Tipologia Tastiera Tastiera BIGKEYS PLUS BigKeys PLUS è una tastiera semplificata. I tasti possono essere disposti in ordine alfabetico o come nella

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2007 Accertamento dello stato di non autosufficienza La non autosufficienza deve risultare da certificazione medica. La

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 1 Sicurezza domiciliare tra domotica e superamento delle barriere architettoniche Dr. Angelo Montesano, Responsabile Servizio

Dettagli

Xenon 1900/1910. Guida introduttiva. Area Imager con cavo. NG2D-IT-QS Rev D 10/12

Xenon 1900/1910. Guida introduttiva. Area Imager con cavo. NG2D-IT-QS Rev D 10/12 Xenon 1900/1910 Area Imager con cavo Guida introduttiva NG2D-IT-QS Rev D 10/12 Nota: per informazioni sulla pulizia del dispositivo, consultare il manuale dell utente. Versioni in altre lingue di questo

Dettagli

Modulo 1 1.2 Software

Modulo 1 1.2 Software Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Ufficio XVI Ambito Territoriale per la provincia di Ragusa Istituto Tecnico Industriale Statale «Ettore Majorana» Via Pietro Nenni s.n. 97100 R A G U S A C.F.:

Dettagli

4.03 Prestazioni dell AI Mezzi ausiliari dell AI

4.03 Prestazioni dell AI Mezzi ausiliari dell AI 4.03 Prestazioni dell AI Mezzi ausiliari dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Un opzione innovativa per uno sviluppo più rapido su. ipad e iphone.

Un opzione innovativa per uno sviluppo più rapido su. ipad e iphone. Un opzione innovativa per uno sviluppo più rapido su ipad e iphone Per soddisfare le esigenze di miglioramento dei processi aziendali con soluzioni personalizzate per ipad/ iphone. iepilogo Le organizzazioni

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE:DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

Dettagli

La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico

La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico Che cosa è la domotica: La domotica è la tecnologia che studia l automazione della casa. Con tale termine (domos automatique) si intende identificare tutte

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, dicembre 2007 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE...2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA...5 DETTAGLI TASTIERE...7 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, Maggio 2011 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE... 2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA... 6 DETTAGLI TASTIERE... 8 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

ANS - servizio Tommaso! : una risorsa per alunni, docenti e genitori.

ANS - servizio Tommaso! : una risorsa per alunni, docenti e genitori. ANS - servizio Tommaso! : una risorsa per alunni, docenti e genitori. S. Bertolini, F. Frascolla ANS Associazione Nazionale Subvedenti, Milano sbertolini@subvedenti.it Sommario L ANS, nata nel 1970 come

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97)

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) 1. Finalità La Legge regionale n.29/97, al fine di limitare le situazioni di dipendenza assistenziale e per

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

La metodologia di riferimento: USERFIT

La metodologia di riferimento: USERFIT PROGRAMMA EMERGO 2012 DELLA PROVINCIA DI MILANO - AVVISO 10 AZIONI DI SISTEMA PROGETTI INNOVATIVI SU TECNOLOGIE ASSISTIVE ED ACCESSIBILITA Progetto ID 2006132 La valutazione delle funzionalità ad accesso

Dettagli

ScanPal 5100 Guida di avvio rapido

ScanPal 5100 Guida di avvio rapido ScanPal 5100 Guida di avvio rapido 5100-IT-QS Rev A 3/13 Contenuto della confezione Accertarsi che la confezione contenga quanto segue: Terminale mobile ScanPal 5100 Batteria principale (3,7 V agli ioni

Dettagli

Italiano. Guida rapida

Italiano. Guida rapida Italiano Guida rapida Guida rapida di Session KeyStudio 25 1 Installazione e impostazione 1. Collegare la tastiera KeyStudio 25. La tastiera USB KeyStudio 25 è compatibile in modo nativo. Ciò significa

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Tecnologie assistive per disabili motori

Tecnologie assistive per disabili motori Tecnologie assistive per disabili motori Andrea Mangiatordi 29 marzo 2008 andrea.mangiatordi@gmail.com Modulo 2 Tecnologie per la disabilità Cosa sono le Tecnologie Assistive definizione di TA: strumenti

Dettagli

www.casaleggio.it Intranet DAG Roma, 21 maggio 2007

www.casaleggio.it Intranet DAG Roma, 21 maggio 2007 Intranet DAG Roma, 21 maggio 2007 Indice 1. Intranet: definizione e obiettivi 2. Benefici 3. Best practice 4. Intranet DAG: opportunità 5. Intranet DAG: strategia 1 Intranet: definizioni La tecnologia

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Azienda: Mission e Vision

Azienda: Mission e Vision Azienda: Mission e Vision Apple è l azienda che negli anni Settanta ha rivoluzionato il mercato informatico e che ha reinventato il personal computer con il suo Macintosh, introducendo l interfaccia grafica

Dettagli

Ausili: definizioni e normative

Ausili: definizioni e normative ASPHI Fondazione Onlus Ausili: definizioni e normative Sommario 1. Definizioni 2. La normativa ISO 9999 3. Il Nomenclatore Tariffario italiano 2 Definizioni Ausili: definizioni e normative Ausili Le difficoltà

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

7 REALIZZARE UNA PAGINA WEB CON FRONTPAGE

7 REALIZZARE UNA PAGINA WEB CON FRONTPAGE This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola

Dettagli