newsletter dell Università degli Studi di Siena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "newsletter dell Università degli Studi di Siena"

Transcript

1 i lettera del personale tecnico amministrativo dell Università degli Studi di Siena Anno VI - n. 2, marzo/aprile 2006 unis nforma Silvano Focardi è il nuovo rettore dell Ateneo Sommario Focardi eletto con 515 preferenze Il ringraziamento alla comunità accademica Gli incontri con le Istituzioni Le dimissioni di Piero Tosi dalla carica 5 per mille alla ricerca di Ateneo Silvano Focardi è il nuovo rettore dell Università di Siena. Focardi ha ricevuto nei giorni scorsi la nomina ufficiale, da parte del Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca e si è quindi insediato nella carica. Il nuovo rettore ha inviato una lettera di ringraziamento a tutta la comunità accademica; inoltre, sul sito internet d Ateneo, è disponibile un video-messaggio rivolto a tutta la comunità universitaria. L elezione di Silvano Focardi è avvenuta con il ballottaggio che si è svolto lo scorso 22 marzo, nel corso della terza giornata di votazioni. L anticipato insediamento del professor Focardi è dovuto alle dimissioni di Piero Tosi dalla carica di rettore dell Ateneo. codice fiscale newsletter dell Università degli Studi di Siena

2 Speciale - Elezione del rettore Silvano Focardi è stato eletto con 515 preferenze «Grazie a tutti voi», le prime parole del neoeletto rettore Un lungo applauso ha accolto Silvano Focardi, neoeletto rettore dell Ateneo senese, al termine del ballottaggio con l altro candidato Antonio Cardini. Il professor Focardi, subito dopo l acclamazione del decano dell Ateneo Baccio Baccetti, ha pronunciato il suo primo discorso da Magnifico. «Per prima cosa desidero ringraziare i professori Baccio Baccetti e Remo Martini, la commissione elettorale, il seggio e tutti coloro che hanno collaborato a questa complessa e difficile elezione. La cosa bella è che è stata veramente una battaglia serena, tranquilla, fatta con degli amici che avevano tutti come obiettivo il bene dell Università. Un ringraziamento particolare - ha aggiunto il nuovo rettore Focardi - lo rivolgo a tutti voi, perchè al raggiungimento di questo risultato hanno contribuito in maniera determinante tutte le componenti dell Università. E questa credo sia la vittoria vera di queste elezioni». Silvano Focardi è il nuovo rettore dell Università di Siena. Focardi ha ricevuto in questi giorni la nomina ufficiale da parte del Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca. L elezione di Silvano Focardi è avvenuta con il ballottaggio che si è svolto lo scorso 22 marzo, e l acclamazione è giunta al termine del conteggio dei voti che ha visto la vittoria di Silvano Focardi sul professor Antonio Cardini, l altro candidato giunto al ballottaggio. Il professore di Scienze ha ottenuto 515 voti, contro le 382 preferenze raccolte da Antonio Cardini. Il ballottaggio si è svolto nel corso della terza giornata di votazioni per Elezione del rettore: i numeri delle votazioni L elezione del nuovo rettore è stata scandita in tre diversi turni elettorali. La comunità accademica è andata alle urne per la prima volta l 8 marzo. Antonio Cardini ha ottenuto 231 voti; Silvano Focardi 214 voti; Alberto Auteri 207 voti; mentre Antonio Vicino, Romano Dallai e Giovanni Grasso hanno ottenuto rispettivamente 169, 103 e 32 voti. Il quorum previsto non è stato raggiunto neanche nel corso della seconda votazione del 15 marzo. Alla fine dello spoglio Silvano Focardi ha ottenuto 283 voti, Antonio Cardini 243, Alberto Auteri ne ha ottenuti 219, ad Antonio Vicino sono andati 199 e a Romano Dallai 55 voti. L elezione del professore Silvano l elezione del nuovo rettore dell Università di Siena, così come previsto dal decreto di indizione emanato lo scorso gennaio da Baccio Baccetti, professore decano dell Università degli Studi di Siena. Silvano Focardi entra in carica per lo scorcio dell anno accademico 2005/2006 e vi rimarrà per il quadriennio accademico 2006/2010. L anticipato insediamento è avvenuto a seguito delle dimissioni dalla carica di rettore presentate dal professor Piero Tosi. Silvano Focardi si è presentato alla comunità accademica con una lettera - che pubblichiamo a lato - e un video-messaggio. Focardi a rettore dell Ateneo senese è avvenuta con il ballottaggio fra lo stesso professor Focardi e Antonio Cardini, il 22 marzo. A eleggere Silvano Focardi sono stati 436 tra docenti, rappresentanti dei ricercatori e degli studenti nei consigli di facoltà, e 786 tecnici e amministrativi, il cui voto è stato conteggiato in proporzione di 1 a 10 (79 voti). 2

3 Speciale - Elezione del rettore Focardi ringrazia tutta la comunità accademica A pochi giorni dall elezione il professor Silvano Focardi ha inviato una lettera di ringraziamento ai docenti, al personale tecnico e amministrativo e agli studenti dell Università degli Studi di Siena. Pubblichiamo di seguito il testo integrale della lettera. «Carissimi, sono passati quattro giorni dalla votazione con la quale mi avete eletto Rettore della nostra Università e, dopo un attimo di riflessione, scrivo alcune righe per ringraziarvi della fiducia che avete voluto accordarmi. Qualunque sia il mio destino, credo che non potrò mai scordare la calorosa accoglienza con la quale molti di Voi mi hanno salutato all ingresso nell Aula Magna nel momento della proclamazione del risultato. La votazione ha avuto un esito estremamente significativo; quasi 1300 di Voi, su 1900 che hanno votato, hanno scritto il mio nome nella scheda. Un Il primo video-messaggio arriva via Internet Sul sito dell Università è possibile vedere e ascoltare il primo videomessaggio con il quale Focardi parla a tutta la comunità accademica. patrimonio di consensi questo che, in un momento così delicato per il nostro Ateneo, assume un significato di grandissimo rilievo. Un patrimonio che non disperderò, cercando di realizzare il programma che avevo proposto e che è stato oggetto di approfondimenti ed integrazioni nei numerosi confronti che hanno preceduto le votazioni. Il mio ringraziamento è rivolto in particolare a tutti coloro che hanno partecipato a questa lunga e delicata prova; il loro comportamento dimostra il grande attaccamento alla nostra Università ed il desiderio di superare nel modo migliore questo difficile momento. Un grazie particolare lo rivolgo ai miei compagni di viaggio, che hanno condiviso con me questa lunga campagna elettorale, e che nei dibattiti hanno contribuito in maniera significativa a migliorare il mio programma approfondendo alcune problematiche che avevo poco considerato o valutato. La loro collaborazione, come anche le loro idee e la loro esperienza, saranno per me un elemento importante nel cammino che mi appresto ad affrontare. Uno sguardo ora alla realtà che mi trova già immerso nel dopo elezioni. Il succedersi degli avvenimenti mi costringe ad accelerare la fase preparatoria all'insediamento in maniera così rapida da non avere il tempo di una meditazione che sarebbe forse stata importante. Cercherò di agire nel modo migliore, fidando nelle mie capacità e nel mio istinto, nel rispetto di quei concetti con i quali mi avete affidato il mandato e che sono alla base del mio programma ma anche della mia vita. Ho già iniziato gli incontri nelle Facoltà e organizzerò prima possibile quelli con il Consiglio Studentesco e con il personale Tecnico e Amministrativo. Inizio oggi gli incontri ufficiali con le Istituzioni Senesi e con quelle del nostro territorio. Sto avviando il processo di nomina dei miei collaboratori, che avverrà gradualmente in un arco di tempo ancora non definito e con la progressione che riterrò opportuna. Come pensavo, e mi accorgo forse ancora più di come pensavo, il 22 marzo non è stato il punto di arrivo, ma solo il punto di partenza. Il cammino si presenta lungo ed insidioso, ma la simpatia con la quale la mia nomina è stata accolta anche nella Città e nel Territorio fanno ben sperare. Andiamo quindi avanti e guardiamo con fiducia al futuro che cercheremo di costruire insieme. Un cordiale saluto e buon lavoro a tutti. Silvano Focardi». 3

4 Speciale - Elezione del rettore In Ateneo a colloquio con i giornalisti Incontro ufficiale al Rettorato, lo scorso 28 marzo, tra il nuovo rettore Silvano Focardi e la stampa cittadina e regionale. Durante l incontro il rettore ha ribadito i punti fondamentali del proprio programma, spiegando gli interventi immediati in merito al potenziamento del Piano di Ateneo per la Ricerca, all intensificazione dei rapporti con l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio e alla stabilizzazione del personale amministrativo. Nel corso dell affollato incontro sono stati affrontati altri punti programmatici del nuovo rettorato, tra i quali figurano lo sviluppo delle relazioni tra Università e Azienda ospedaliera e le linee di gestione dei poli distaccati di Arezzo, Grosseto e Colle di Val d Elsa che Focardi intende dirigere in base a soluzioni omogenee con la sede universitaria centrale di Siena. Il curriculum e il programma elettorale Il curriculum vitae completo e il programma elettorale del professor Silvano Focardi si trovano sul sito di Ateneo agli indirizzi: riculum_focardi.pdf e Iniziati gli incontri con le Istituzioni È fitta di incontri l agenda del neoeletto rettore che in questi giorni ha incontrato i vertici delle istituzioni cittadine. Silvano Focardi ha voluto realizzare un primo momento di dialogo e confronto con i rappresentanti di Comune, Provincia, Banca Monte dei Paschi e Fondazione Mps (nella foto) e Ardsu. Nel corso di questi incontri è stata tracciata una prima analisi della situazione attuale e sono stati delineati, a grandi linee, i programmi e i progetti che vedono coinvolti l Ateneo e le istituzioni locali. Tale collaborazione e condivisione di intenti costituisce uno degli obiettivi principali del mandato rettorale di Focardi che, nel suo programma, sottolinea come «la particolare dimensione, la collocazione e la storia dell Università a Siena, rendono imprescindibile una costante collaborazione tra l Università stessa e le varie istituzioni del territorio, al fine di garantire i massimi vantaggi di una evoluzione dell Ateneo con la realtà che lo circonda». Nel corso di questi incontri particolare attenzione è stata rivolta alle problematiche relative alla ricerca, alla sanità e al rapporto fra città e studenti. La conferma del direttore amministrativo e la nomina di pro rettore e Commissione consultiva Durante l incontro con i giornalisti il rettore ha comunicato di voler confermare Loriano Bigi nel ruolo di direttore amministrativo dell Ateneo e ha annunciato la nomina del professor Vittorio Santoro a pro rettore. Tra le novità introdotte da Focardi c è anche l istituzione di una Commissione consultiva tecnico-amministrativa, un organo ausiliario che svolgerà attività di controllo sugli atti amministrativi. I componenti della Commissione consultiva saranno i professori Gian Domenico Comporti, Andrea Fineschi, Andrea Monorchio, Carlo Maviglia e la dottoressa Luciana Granai De Robertis. Il professor Focardi ha inoltre chiamato a capo della segreteria Marina Chilin, attualmente responsabile dell ufficio Affari generali degli studenti. 4

5 Tosi, le dimissioni in una lettera inviata al Ministero e all Ateneo Lo scorso 24 marzo il professore Piero Tosi ha inviato una lettera al Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca, a tutto ai docenti, al personale tecnico amministrativo e agli organi di Ateneo, con la quale ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di rettore. Ecco il testo della lettera. «Due giorni fa l Università di Siena ha eletto il nuovo Rettore. Ho accolto con piacere la nomina di Silvano Focardi quale mio successore nell Ufficio che ho avuto il privilegio di ricoprire per lungo tempo e sono certo che egli saprà governare l Università avvalendosi del contributo di tutti e con quello spirito di forte unità e di servizio che credo sia indispensabile per adempiere a questo incarico. L elezione del Rettore cade in un momento assai difficile per me. Sono stato coinvolto in una vicenda giudiziaria, a tutti nota, di cui non comprendo le ragioni. Contro le ipotesi di reato che sono state formulate (sottolineo che sono un indagato, non un giudicato) e gli incomprensibili provvedimenti che sono stati assunti nei miei confronti ho già attivato ogni istanza di difesa e sono pronto a ogni iniziativa per stabilire la verità, che non potrà che vedere riconosciute la mia buona fede e la mia correttezza, nei tempi più brevi possibile. Con dolente orgoglio ho registrato, in queste settimane, la vicinanza del corpo accademico, del personale tecnico e amministrativo, delle forze sindacali, degli studenti, della Conferenza dei Rettori e dei Direttori amministrativi delle Università italiane, delle Autorità cittadine, regionali e nazionali e di privati cittadini. E tale consolazione, se non cancella l offesa, rende almeno meno amara la fase finale del mio Ufficio. Nell Università ho creduto e credo; sono stato e sono convinto che le sorti individuali di coloro che le circostanze gravano di responsabilità siano comunque meno importanti del prestigio dell Istituzione, della sua missione educativa e del suo alto profilo. Ed è per questa ragione che, immediatamente dopo l elezione del nuovo Rettore, ho rassegnato le mie dimissioni dall incarico di Rettore. In un mondo abitato sempre più da parole vuote e da offese gratuite, questo mio gesto vuole essere la dimostra- zione concreta di una profonda e sentita coerenza che vive dei fatti e degli stili personali: la stessa coerenza che ha ispirato ogni mio atto e ogni mia presa di posizione in tutti questi anni. È un gesto che è per me fonte di sofferenza acuta, perché coincide con il tempo in cui patisco una profonda ingiustizia, per me inaccettabile; ma è un gesto che sento di dover compiere per quello stesso spirito che ha animato il mio servizio, svolto senza ombre e con appassionato entusiasmo. Spetterà ad altri il compito del bilancio, per il quale occorrerà la giusta distanza e l indipendenza di giudizio di chi vorrà redigerlo. A me corre solo il dovere di servire fino in fondo l Università e - ora che le è stata data una nuova guida - affidare a questa, da subito, il suo futuro, che auspico luminoso. Sia questo il segno di una dignitosa coerenza e un gesto di attaccamento all Istituzione, che vorrete accogliere, insieme con il caldo abbraccio a tutti coloro - docenti, studenti e personale tecnico e amministrativo - che in questi anni hanno lavorato con me per l Università. Piero Tosi». L annuncio in conferenza stampa «Ho inviato al Ministro - sono le prime parole di Tosi - le mie dimissioni da rettore dell Università di Siena. Dimissioni che sono state date puntualmente in coerenza con quanto mi ero ripromesso e avevo anche annunciato. Devo dire che questo l ho fatto anche contro il parere dei miei avvocati, ma chi mi conosce sa che io sono una persona che alla coerenza tiene molto e quindi ho inteso rispettare questo mio principio». Dopo questa dichiarazione Tosi ha reso pubblico il testo della lettera di dimissioni dalla carica di rettore. Congendandosi, infine, ha sottolineando che le dimissioni rappresentano un segno di attaccamento all istituzione, che si accompagna a un caloroso saluto e a un abbraccio a tutti coloro che hanno lavorato con lui negli anni per l Università. 5

6 Tabella A - Incrementi mensili (lordi) della retribuzione tabellare (valori in euro da corrispondere per 13 mensilità) Posizione economica dal 1/1/2004 dal 1/2/ EP7 61,82 79,91 EP6 59,16 76,47 EP5 56,61 73,17 EP4 53,87 69,62 EP3 50,26 64,97 EP2 47,22 61,03 EP1 44,00 56,87 D7 50,60 65,41 D6 48,61 62,83 D5 46,70 60,35 D4 44,87 57,99 D3 42,84 55,38 D2 40,81 52,75 D1 39,06 50,48 C7 41,76 53,98 C6 40,27 52,05 C5 38,83 50,19 C4 37,45 48,41 C3 35,71 46,16 C2 34,14 44,13 C1 33,39 43,16 B6 37,06 47,90 B5 35,50 45,88 B4 34,00 43,95 B3 32,56 42,08 B2 30,98 40,04 B1 28,87 37,31 Tabella C - Indennità di Ateneo Cat./ Pos. economica (valori annui in euro) Incremento dal 31/12/2005 Indennità d Ateneo dal 31/12/2005 EP4-7 86, ,17 EP , ,80 D 62, ,06 C 54, ,57 B 51, ,06 Contratto, firmato il biennio economico 2004/05 Lo scorso 28 marzo è stato firmato in via definitiva, dall Aran e dalle Confederazioni e Organizzazioni sindacali, il contratto del II biennio economico del personale non docente del comparto Università. Il contratto si riferisce al periodo 1 gennaio dicembre L aumento medio complessivo, a regime, sarà di circa 98 euro. Riassumiamo alcuni dei punti del nuovo contratto e le novità che in tempi brevi interesseranno i dipendenti delle Università. Gli importi mensili della retribuzione tabellare sono incrementati come indicato nella tabella A. Gli importi annui lordi degli stipendi tabellari sono rideterminati come riportato dalla tabella B; L indennità di Ateneo, incrementi e nuovi importi annui lordi, sono indicati nella tabella C; Le risorse previste dai fondi per i trattamenti accessori sono ulteriormente incrementate; I buoni pasto sono aumentati ad almeno 7 euro; Per i collaboratori ed esperti linguistici il trattamento complessivo annuo lordo, a decorrere dal 1 febbraio 2005, è di ,12 euro. Due settimane delle ferie maturate nel corso dell anno possono essere utilizzate nei 18 mesi successivi dal termine dell anno di maturazione. «Questo aumento consente la crescita della retribuzione media complessiva del 5,01%, - si legge nel comunicato dell Aran - così come definito nell accordo del 27 maggio 2005 fra Governo e Organizzazioni sindacali». Il testo integrale del contratto, con le altre disposizioni introdotte, è disponibile sul sito web Tabella B - Nuova retribuzione tabellare (valori in euro per 12 mensilità) Pos. economica dal 1/1/2004 dal 1/2/2005 EP , ,87 EP , ,40 EP , ,76 EP , ,20 EP , ,43 EP , ,05 EP , ,66 D , ,61 D , ,59 D , ,27 D , ,18 D , ,54 D , ,07 D , ,40 C , ,25 C , ,60 C , ,81 C , ,49 C , ,51 C , ,35 C , ,23 B , ,32 B , ,34 B , ,64 B , ,75 B , ,26 B , ,63

7 Le notizie dal Q.it Il sistema anti-spamming di Ateneo Andamento filtraggio antispam - marzo 2006 Pagina realizzata in collaborazione con il Centro per l Informatica e la Telematica Utile da sapere Non sottoposti a filtraggio Posti in quarantena Da mittente permessi Soddisfacenti i criteri Nel gergo Internet lo spamming consiste nell invio di messaggi pubblicitari di posta elettronica (spam) che non siano stati in alcun modo richiesti. Il Centro universitario per l Informatica e la Telematica (Q.it) ha predisposto un servizio che aiuta a ridurre considerevolmente la presenza di questi messaggi nelle caselle degli utenti; i messaggi ritenuti spam dal software Precise mail vengono dirottati in un apposito spazio disco (quarantena) e la loro presenza notificata via e- mail al destinatario per l eventuale recupero di messaggi buoni, ma non giudicati tali dall esclusiva analisi tecnica compiuta dal software. Trascorsi 21 giorni dalla notifica i messaggi non sono più recuperabili. Il servizio è disponibile alla pagina web https://mailsrv.unisi.it/pmas/index.html e vi si accede inserendo il proprio indirizzo e la password normalmente usata per la posta elettronica; occorre quindi selezionare view quarantined messages per visualizzare i messaggi in quarantena; create, update or review your allow list per inserire indirizzi o domini che non saranno filtrati dal software antispam e create, update or review your block list per inserire invece indirizzi o domini internet i cui messaggi verranno definitivamente scartati. Per escludere il servizio e ricevere tutti i messaggi si deve cliccare invece su set your preferences, occorre poi selezionare opt out: do not scan my for spam, e cliccare su update basic preferences. Posta elettronica, come funziona il servizio anti-spam La politica di gestione dello spam tramite blacklist investe server terzi che conservano nei loro database liste di indirizzi IP sospettati di inviare messaggi indesiderati; tali liste vengono compilate sulla base di criteri variabili tra i gestori di questo tipo di servizio. I messaggi inviati a indirizzi del dominio che fruisce di tale servizio da server inclusi nelle cosiddette blacklist vengono rinviati direttamente al mittente. La politica di gestione dello spam tramite l apposito software utilizzato dall Università di Siena si basa, invece, sull analisi di certe caratteristiche tecniche del messaggio - parole contenute, formattazione, numero dei destinatari... - alle quali viene attribuito un punteggio in base a criteri da noi non modificabili: quando il punteggio supera un valore di soglia prestabilito il messaggio viene classificato come spam e messo in quarantena. 7

8 5per1000 Una firma e un numero per la ricerca Inserendo il codice fiscale dell Ateneo e firmando, è possibile destinare il 5 per mille, delle imposte già pagate, all Università Le attività del CRAL Da quest anno, per la prima volta, è possibile devolvere una quota dell imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) alla Ricerca scientifica e all Università per contribuire, in maniera efficace e senza oneri aggiuntivi per il contribuente, all erogazione da parte dell Ateneo di borse di studio per giovani ricercatori o per sviluppare le attività di ricerca dell Ateneo. L opzione del 5 per mille consente al contribuente di decidere di destinare finanziamenti - su fondi già accantonati dallo Stato - alla ricerca di Ateneo. Il 5 per mille all Ateneo Il contribuente può quindi destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sull Irpef al finanziamento della ricerca e dell Università. Cosa è necessario fare per destinare il 5 per mille all Ateneo Ecco le operazioni necessarie: 1) occorre apporre la firma nel riquadro Finanziamento della ricerca scientifica e della Università dei modelli di dichiarazione (CUD 2006; 730/1- bis redditi 2005; UNICO persone fisiche 2006); 2) quindi inserire il codice fiscale dell Ateneo: per 1000 all ATENEO COME INFORMARSI Ulteriori informazioni sono disponibili alle pagine web: Informazioni possono essere richieste al Front Office di Ateneo: tel (2289) Inaugurato l Internet Point al policlinico Le Scotte Una vera e propria officina digitale: presso il piano didattico del policlinico Le Scotte è stato aperto un Internet point (apertura dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18). Presso la struttura è possibile, tra le altre attività, collegarsi a Internet da postazione fissa e portatile, digitalizzare e usufruire di altri importanti servizi web avanzati. 5 per mille, un importante atto di responsabilità La Conferenza dei rettori italiani (Crui) lo ha definito un importante atto di responsabilità. È il provvedimento del 5 per mille, previsto dalla Finanziaria 2006, un finanziamento aggiuntivo deciso direttamente dai contribuenti. La scelta di destinazione del 5 per mille dell Irpef si aggiunge a quella che è possibile fare per l 8 per mille: le due scelte non sono in alcun modo alternative fra loro, pertanto i contribuenti possono esprimerle entrambe. Articoli realizzati con la collaborazione dell Ufficio Fiscale di Ateneo Unisinforma Lettera al personale tecnico e amministrativo è un supplemento a l Università di Siena Lettera d informazione Direttore responsabile: Maurizio Boldrini Redazione: P. Caroni, D. Cundrò Hanno collaborato: M.T. Albanese, A. Gorini, D. Orsini, S. Piselli, S. Susini Via Banchi di Sotto, 55 Tel. 0577/ Fax 0577/ Stampa: Tipografia Pistolesi Registrazione presso il Tribunale di Siena n. 448 del 12/11/1984 8

ACCORDO PER LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO

ACCORDO PER LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO ACCORDO PER LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO Vista la Legge 3 agosto 2007, n. 123 "Misure in tema

Dettagli

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 AREA DEL PERSONALE Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 Decreto Rettorale n.190 Data 02.04.2001 IL RETTORE Vista la L. n. 168 del 9.5.1989 istitutiva del Ministero dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Emanato con D.R. n. 686 del 29 novembre 2010 Entrato in vigore il 1 dicembre

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento Generale della Facoltà di Scienze Politiche art. 1 (Facoltà di Scienze Politiche). Alla Facoltà di Scienze Politiche di Messina afferiscono i corsi di laurea

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE VISTO l'art. 9 del D.P.R. 3/8/1990, n. 319; VISTO il D.Lgs. 30/3/2001 n. 165; VISTO il vigente CCNL relativo al personale del Comparto

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Le Delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale

Le Delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO, ALLARGATO ANCHE AI RAPPRESENTANTI SINDACALI DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE sottoscritto in data 6 luglio 1999 MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ELEZIONI DEI

Dettagli

Regolamento organizzativo e didattico del corso di dottorato di ricerca:

Regolamento organizzativo e didattico del corso di dottorato di ricerca: Regolamento organizzativo e didattico del corso di dottorato di ricerca: SCIENZE DELLA MATERIA, NANOTECNOLOGIE E SISTEMI COMPLESSI" Dipartimento di Scienze Articolo 1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione Oggetto: SURROGA DEL

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI STUDIO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 10 DELLA LEGGE N. 230/2005 E DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 SENATO ACCADEMICO 27 marzo 2009, 16 marzo

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 novembre 2014 e termine il 31 ottobre 2017.

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 novembre 2014 e termine il 31 ottobre 2017. SERVIZIO FORMAZIONE ALLA RICERCA BANDO DI CONCORSO PER 15 BORSE DI DOTTORATO RISERVATE A CANDIDATI STRANIERI PER L AMMISSIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA- XXX CICLO SCADENZA: 9 GIUGNO 2014 Art. 1

Dettagli

Regolamento Scuola Ingegneria

Regolamento Scuola Ingegneria D.R. 17 settembre 2013 n. 32305 - Emanazione Regolamento Scuola Ingegneria Art. 1 (Finalità e Aree culturali) 1. La Scuola di Ingegneria dell Università di Pisa (nel seguito: Scuola) ha lo scopo di promuovere,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

DECRETA. Articolo 1 Indizione e descrizione dei profili

DECRETA. Articolo 1 Indizione e descrizione dei profili Il Dirigente Decreto n. 892 Anno 2015 Prot. n. 68445 AVVISO DI SELEZIONE INTERNA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA SEGUENTE UNITÀ DI PROCESSO PER L AREA RISORSE

Dettagli

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE REQUISITI DI AMMISSIONE

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE REQUISITI DI AMMISSIONE BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE REQUISITI DI AMMISSIONE Il Master, aperto a tutti i laureati delle discipline umanistiche, è

Dettagli

U.S.R Decreto n. 1682

U.S.R Decreto n. 1682 U.S.R Decreto n. 1682 IL RETTORE VISTO l'art.75 dello Statuto dell'ateneo; VISTO il D.Lgs. n. 165/2001 e successive modifiche ed integrazioni; VISTO il CCNL Comparto Università, sottoscritto in data 16.10.08;

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI Anno 1 - Supplemento al n. 17 mese di Aprile 2013. Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 Editore : Co.Nord - Piazzale Risorgimento, n 14-24128 BERGAMO

Dettagli

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI E DEL PERSONALE Settore Affari Generali Unità Operativa Legale

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI E DEL PERSONALE Settore Affari Generali Unità Operativa Legale DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI E DEL PERSONALE Settore Affari Generali Unità Operativa Legale LB/eg D.R. Rep. n. 608/2012 Prot. n. 21738 del 06.12.2012 Tit. I cl. 3 Oggetto: Emanazione del Regolamento

Dettagli

Prot. n. 12275/2015 Area II Varese, 21 aprile 2015 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 31 maggio 2015 ed eventuale turno

Dettagli

a cura della Segreteria Generale FIALP CISAL

a cura della Segreteria Generale FIALP CISAL RSU ELEZIONI 2015 Istruzioni per l uso 1 Queste Istruzioni per l uso, riedizione aggiornata delle precedenti del 2012, vogliono essere un agile strumento di lavoro per i colleghi che, sentendosi impegnati

Dettagli

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 gennaio 2014 e termine il 31 dicembre 2016.

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 gennaio 2014 e termine il 31 dicembre 2016. SERVIZIO FORMAZIONE ALLA RICERCA BANDO DI CONCORSO PER 15 BORSE DI DOTTORATO RISERVATE A CANDIDATI STRANIERI PER L AMMISSIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA- XXIX CICLO SCADENZA: 19 settembre 2013 Art.

Dettagli

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna -

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - Testo coordinato del Regolamento sulle modalità di ripartizione dei proventi di cui all Art. 66 del DPR 382/80 derivanti da attività di ricerca e consulenza, eseguite mediante contratti e convenzioni stipulati

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 15/9/2014) Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento detta le norme per

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

(delibera del Senato Accademico n. 491/17370 del 27 agosto 2012)

(delibera del Senato Accademico n. 491/17370 del 27 agosto 2012) Avviso pubblico per l acquisizione di candidature del personale tecnicoamministrativo per la nomina nel Consiglio di Amministrazione dell Università degli Studi di Parma (delibera del Senato Accademico

Dettagli

LE PRIMARIE DEL POPOLO DELLA LIBERTÀ REGOLAMENTO

LE PRIMARIE DEL POPOLO DELLA LIBERTÀ REGOLAMENTO LE PRIMARIE DEL POPOLO DELLA LIBERTÀ REGOLAMENTO 1 PREAMBOLO Per la scelta del candidato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nelle elezioni politiche del 2013, il PDL, ispirandosi ai valori del

Dettagli

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE PREMESSA

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE PREMESSA Dipartimento Civiltà antiche e moderne Polo Annunziata - Messina BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE PREMESSA Viste le deliberazioni

Dettagli

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CALVENE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 44 DEL 29.11.2012 INDICE Art. 1 FINALITA Art. 2 COMPETENZE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Oggetto: Indizione delle elezioni delle rappresentanze degli studenti negli Organi del Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa.

Oggetto: Indizione delle elezioni delle rappresentanze degli studenti negli Organi del Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa. DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA IL DIRETTORE Via E. Perrone, 18 28100 Novara NO Tel. 0321 375 521- Fax 0321 375 512 direttore.disei@unipmn.it Decreto del Direttore N. 38 Repertorio n.

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SENATO ACCADEMICO (articolo 24 dello Statuto) (Regolamento approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione, rispettivamente,

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI (Revisione 2 del 30 giugno 2008) 1. PREMESSA In sintonia con la Legge 10 marzo 2000, n. 62 (articolo 1, comma 4, lettera c) e con il Centro Salesiano don

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci,

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci, ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE Signori Soci, in relazione alle modifiche statutarie sottoposte all odierna Assemblea sociale, si è resa necessaria una rivisitazione del vigente testo del

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Carta degli studenti dell Università per Stranieri di Siena

Carta degli studenti dell Università per Stranieri di Siena 1 2 3 Carta degli studenti dell Università per Stranieri di Siena PREAMBOLO Noi, studenti dell Università per Stranieri di Siena, riconosciamo la particolarità di questa istituzione nelle sue finalità

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2004\2005

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2004\2005 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2004\2005 Il giorno 28 marzo 2006, alle ore 10, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

Commissione CULTURA e RICERCA

Commissione CULTURA e RICERCA Commissione CULTURA e RICERCA Verbale della riunione del 23.03.2015 1. Svolgimento e partecipanti La commissione cultura si è riunita regolarmente su convocazione del Coordinatore alle ore 10.30 del giorno

Dettagli

FAQ DOTTORATI DI RICERCA

FAQ DOTTORATI DI RICERCA i UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FAQ DOTTORATI DI RICERCA 1) Quali sono le norme che disciplinano il Dottorato di Ricerca? 2) Come posso accedere al Dottorato di Ricerca? 3) Quali sono i requisiti

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO(1) Il sottoscritto/a nato/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013 Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Permessi elettorali: guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA AVVISO DI VACANZA IL RETTORE. VISTA la Legge 30 dicembre 2010 n. 240;

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA AVVISO DI VACANZA IL RETTORE. VISTA la Legge 30 dicembre 2010 n. 240; Protocollo n. 2071 - VII/1 Data 23.01.2014 Rep. D.R. n. 111-2014 Università di Foggia Area Risorse Umane Responsabile sig. Vincenzo Costantini Settore Personale Docente e Ricercatore Responsabile dott.ssa

Dettagli

ARGO SCUOLANEXT MANUALE UTENTE. Modulo Famiglia. Manuale d uso Rev. 09/09/2013. Pagina 1 di 23

ARGO SCUOLANEXT MANUALE UTENTE. Modulo Famiglia. Manuale d uso Rev. 09/09/2013. Pagina 1 di 23 Modulo Famiglia Manuale d uso Rev. 09/09/2013 Pagina 1 di 23 Sommario Premessa...3 Profili di Accesso ai servizi...3 Modulo Famiglia...4 Istruzioni per il primo accesso a Scuolanet...4 Servizi Alunno...6

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 9/10 OTTOBRE 2015 PARTE ORDINARIA PROPOSTA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO ASSEMBLEARE: DELIBERE INERENTI E CONSEGUENTI

ASSEMBLEA DEI SOCI 9/10 OTTOBRE 2015 PARTE ORDINARIA PROPOSTA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO ASSEMBLEARE: DELIBERE INERENTI E CONSEGUENTI ASSEMBLEA DEI SOCI 9/10 OTTOBRE 2015 PARTE ORDINARIA PROPOSTA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO ASSEMBLEARE: DELIBERE INERENTI E CONSEGUENTI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALL ASSEMBLEA ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA DI SEI INCARICHI DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI

BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA DI SEI INCARICHI DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Rep. n. 275/2015, Prot. 1449 del 5/10/2015 Tit. V/1 Fasc. 2015 V/1.2.14 BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA DI SEI INCARICHI DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO Alcuni rapidi suggerimenti per affrontare le elezioni e gli adempimenti burocratici. - Il presidente del C.d.I. (o i genitori uscenti) o il Comitato Genitori

Dettagli

(approvato dal Senato Accademico in data 29.1.2013 e 26.2.2013)

(approvato dal Senato Accademico in data 29.1.2013 e 26.2.2013) REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA ROSA DI CANDIDATI TRA I QUALI PROCEDERE ALLA DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DELLA COMPONENTE TECNICO AMMINISTRATIVA E BIBLIOTECARIA IN CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA ASILO INFANTILE DI SIZIANO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA PARTE PRIMA FINALITA E CARATTERI DELLA SCUOLA MATERNA Art. 1 La Scuola dell Infanzia Paritaria gestita dall Ente Morale Asilo Infantile di Siziano

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso documento realizzato dal Gruppo di lavoro tematico Informazione/Formazione Rappresentanza Studentesca (CPS di Alessandria, Asti, Biella, Torino)

Dettagli

Regolamento della Consulta degli Studenti

Regolamento della Consulta degli Studenti Regolamento della Consulta degli Studenti TITOLO I Definizioni Art. 1 Natura, Composizione, Funzioni. 1. La Consulta degli Studenti, di seguito denominata Consulta, è l organo elettivo di rappresentanza

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MARCO FANNO

DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MARCO FANNO DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MARCO FANNO Welcome meeting Corso di laurea triennale in Economia 28 settembre 2015 Obiettivo di questo incontro Fornire alle matricole TrEC (voi!) tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA MOBILITÀ NELL AMBITO DEL PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LIFELONG LEARNING PROGRAMME

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA MOBILITÀ NELL AMBITO DEL PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LIFELONG LEARNING PROGRAMME REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA MOBILITÀ NELL AMBITO DEL PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LIFELONG LEARNING PROGRAMME TITOLO I Mobilità studenti La mobilità degli studenti tra l Università degli Studi

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 - Il Dipartimento Art. 1.1 Generalità e obiettivi

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLE CATEGORIE Emanato con Decreto Rettorale n. 461 del 08.06.2015 Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI ARCHEOLOGICI Via San Rocco, 3 75100 MATERA tel. 0835/1971427- fax 0835/1971441 SCADE IL 24/7/2014

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI ARCHEOLOGICI Via San Rocco, 3 75100 MATERA tel. 0835/1971427- fax 0835/1971441 SCADE IL 24/7/2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA POTENZA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI ARCHEOLOGICI Via San Rocco, 3 75100 MATERA tel. 0835/1971427- fax 0835/1971441 Prot. n. 762 del 16/7/2014 SELEZIONE PUBBLICA

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA DIREZIONE GENERALE

UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA DIREZIONE GENERALE Regolamento per la disciplina delle Progressioni Economiche Orizzontali (PEO) del personale tecnico-amministrativo dell' Premessa (Linee di indirizzo generali) Il presente Regolamento si ispira alle seguenti

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Accordo sugli istituti economici del CCNL 27.1.2005 Anno 2006 In data, presso la sala consiliare dell Università degli Studi di Napoli Parthenope, la delegazione di parte pubblica, costituita dal Rettore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA INDICE I - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI E RELATIVI BANDI... 2 1) Tipologia dei servizi ai quali gli studenti possono collaborare...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Rep. 65/2014 Prot. n. 995 del 5/12/2014 Titolo VII classe 16 fasc. 6 Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Avviso di selezione pubblica, per titoli,

Dettagli

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION Regolamento dei congressi e delle assemblee Approvato dal Consiglio Nazionale nella

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University Il presente Regolamento contiene le norme attuative delle disposizioni dello Statuto dell Università degli Studi Link Campus

Dettagli

Nome. RETTORATO DIREZIONE GENERALE 0761-357910 Fax dell ufficio 0761-357909 E-mail sisto@unitus.it urp@unitus.it

Nome. RETTORATO DIREZIONE GENERALE 0761-357910 Fax dell ufficio 0761-357909 E-mail sisto@unitus.it urp@unitus.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DANIELA SISTO Data di nascita 22/07/1954 Qualifica D/3 AREA AMMINISTRATIVA GESTIONALE Incarico attuale RESPONSABILE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

Dettagli

ART. 2 Programmazione

ART. 2 Programmazione REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE DELL UNIVERSITA

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca, emanato con D.R. n. 20723 dell 19/12/2007, pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 20 alla G. U., serie generale, n. 19 del 23/01/2008

Dettagli

Manuale Utente Infoweb e Gestione amministrativa modelli giustificativi

Manuale Utente Infoweb e Gestione amministrativa modelli giustificativi Manuale Utente Infoweb e Gestione amministrativa modelli giustificativi Versione Aggiornata a Gennaio 2010 Sommario 1 Manuale utente d utilizzo della procedurainfoweb... 3 1.1 Accesso a InfoWeb... 3 1.2

Dettagli

RICORSO PROFESSIONI SANITARIE 2015/2016

RICORSO PROFESSIONI SANITARIE 2015/2016 Gent.le Ricorrente, facciamo seguito alle Sue richieste di adesione all azione per significare quanto segue. L azione giurisdizionale che deve essere promossa al fine di tutelare i suoi interessi è un

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

IL DIRETTORE. Nel rispetto del Regolamento per la ricerca e la selezione del personale approvato dall Assemblea dei Soci delibera n.

IL DIRETTORE. Nel rispetto del Regolamento per la ricerca e la selezione del personale approvato dall Assemblea dei Soci delibera n. SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI PERSONALE PSICOLOGO, CATEGORIA D - POSIZIONE ECONOMICA D1, PRESSO IL SERVIZIO AZIENDALE NUCLEO INSERIMENTI LAVORATIVI NIL. IL DIRETTORE

Dettagli

Comunicazione della Posta Elettronica Certificata

Comunicazione della Posta Elettronica Certificata Comunicazione della Posta Elettronica Certificata Gentile utente, in questo periodo il Contact Center della Camera di Commercio di Milano sta rispondendo a diversi quesiti relativi all obbligo di comunicare

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

RESOCONTO SEDUTA SENATO ACCADEMICO DEL 19 aprile 2013

RESOCONTO SEDUTA SENATO ACCADEMICO DEL 19 aprile 2013 RESOCONTO SEDUTA SENATO ACCADEMICO DEL 19 aprile 2013 Giuseppina FAGOTTI RAPPRESENTANTE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO in SA Care/i Colleghe/i, in data 19 aprile 2013, alle ore 9,30, ha avuto luogo

Dettagli

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto.

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto. REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASA DEL VOLONTARIATO Art.1 Denominazione e sede La Casa del Volontariato ha sede in Monza via Correggio 59 in un edificio che il Comune di Monza ha dato in comodato

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado ISTITUTO SALESIANO - «Beata Vergine di San Luca» Scuole secondarie di primo e di secondo grado - Paritarie Scuola secondaria di primo grado ( D. USR n. 148 del 27-08-2001) Istituto Professionale settore

Dettagli