Versione documento: T-GPSPLAYER/101/09 Versione FW: Versione HW: Versione SW: - 1 -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Versione documento: T-GPSPLAYER/101/09 Versione FW: Versione HW: Versione SW: - 1 -"

Transcript

1 Manuale Generale

2 Versione documento: T-GPSPLAYER/101/09 Versione FW: Versione HW: Versione SW: Lingua: Italiano - 1 -

3 INDICE INDICE...2 INSTALLAZIONE...4 CONFIGURAZIONE...18 CODEC DVRS Parametri generali...19 Controllo orologio datario...21 Configurazione Parametri Telecamere...22 Fasce orarie...26 Mascheratura e Activity Detection...29 Configurazione Ingressi...31 Configurazione Uscita Monitor...33 Configurazione parametri di Rete...35 Configurazione parametri PPP...36 Manutenzione...37 Eventi di allarme del DVRS Comandi DVRS Stati DVRS CENTRALE DI ALLARME CEN2100 E DEFENDER...41 Configurazione...41 Generale...43 Parametri di rete...44 Manutenzione...44 Configurazione CPU...46 Calendario...49 Configurazione Tastiere...49 Configurazione UP...52 Configurazione Ingressi...54 Configurazione Uscite...61 Configurazione Inseritori...63 Configurazione Aree...65 Configurazione Gruppi di Uscite...68 Configurazione UCP/SM...69 Configurazione UCP/SM Ingressi...71 Configurazione Gruppi di Utenti...82 Configurazione Utenti...83 Configurazione Fasce Orarie...85 Configurazione Funzioni...86 Configurazione Sirene...87 Configurazione Gruppo And Sensori...91 Configurazione Ronda...92 Configurazione Numeri telefonici...93 Configurazione Identificativo...95 Configurazione MMS...96 Stati CEN...98 Telecomandi CEN GESTIONE CODEC VIDEO SCELTA DEL FORMATO DI VISUALIZZAZIONE

4 VISUALIZZAZIONE A SCHERMO PIENO CONTROLLO TELECAMERE ELIMINAZIONE COLLEGAMENTO TELECAMERA - SPICCHIO ATTIVAZIONE REGISTRAZIONI SUL COMPUTER IMMAGINI REGISTRATE ESPORTAZIONE FILMATI

5 Installazione Il passo primario è l installazione del programma. Fare doppio click con il mouse sul file di installazione. Per procedere con l installazione cliccare sul pulsante selezione della cartella in cui installare l applicazione: che porta alla schermata di Nonostante sia possibile scegliere liberamente la cartella in cui installare l applicazione, si suggerisce di usare quella consigliata. Cliccare sul pulsante per procedere con l installazione

6 Si consiglia di eseguire l installazione completa facendo clic sul pulsante. Quindi viene chiesto dove si vuole che vengano inseriti i collegamenti al programma: Si consiglia di accettare la cartella proposta facendo clic sul pulsante

7 Il menù propone se si vuole che venga inserita un icona di avvio sul desktop: Anche in questo caso si consiglia di accettare facendo clic sul pulsante. Prima di procedere il software di installazione visualizza il quadro riassuntivo delle opzioni di installazione scelte: Per procedere all installazione cliccare sul pulsante

8 A questo punto inizia il trasferimento dei file.. Al termine viene visualizzato il messaggio: Cliccare sul pulsante

9 Dopo aver avviato il programma, generare i dispositivo sul quale si vuole agire. All avvio del programma verrà proposta la schermata: Cliccando sui tasti direzionali (indicati dalle frecce rosse) otterremo una schermata che ci mostrerà la composizione del sistema (utile ad esempio se non si vogliono controllare dei dispositivi video). La schermata proposta sarà del tipo: - 8 -

10 Ora sarà necessario aggiungere nella lista delle fonti i dispositivi che intendiamo gestire Ciccando con il tasto destro del mouse su Fonti si aprirà un menù a tendina: A questo punto scegliere il dispositivo che si intende aggiungere. Dopo di che sarà necessario impostare le Proprietà di connessione del dispositivo. Occorrerà ciccare con il tasto destro del mouse sul nome del dispositivo e scegliere Proprietà: - 9 -

11 Per le centrali CEN2100 e CEN8-248 fornite di connessione LAN si aprirà la schermata: A questo punto impostare le specifiche di connessione del dispositivo al quale si intende connettersi. Nome.permette di inserire una descrizione del dispositivo per poterlo meglio rintracciare all interno della struttura Indirizzo IP. Inserire l indirizzo di rete, univoco, del dispositivo Porta. Socket di comunicazione, inserire Allineamento stati.. Se selezionato, il sistema invierà periodicamente una richiesta dello stato impianto. Periodo allineamento stati Permette di impostare il tempo dell intervallo di richiesta stati Cod. accesso Codice di accesso remoto all impianto, di default Bypass segreteria Non utilizzato per connessione via LAN Ritardo chiusura (sec) Non utilizzato per connessione via LAN

12 Se la centrale CEN8-248 è collegata in modalità USB, occorre cliccare con il tasto destro sull icona Cen8-248 e selezionare Aggiungi - Seriale: A questo punto impostare le specifiche di connessione del dispositivo al quale si intende connettersi, cliccando con il tasto destro del mouse sull icona Cen8-248 e selezionando Proprietà. Nome.permette di inserire una descrizione del dispositivo per poterlo meglio rintracciare all interno della struttura Allineamento stati.. se selezionato il sistema invierà periodicamente una richiesta dello stato impianto Periodo allineamento stati permette di impostare il tempo dell intervallo di richiesta stati Cod. accesso Codice di accesso remoto all impianto, di default Bypass segreteria Non utilizzato per connessione via USB Ritardo chiusura (sec) Non utilizzato per connessione via USB Indirizzo Codice impianto impostato nella centrale in fase di configurazione (menu Identificativo Codice impianto) Porta inserire il numero della porta COM che viene utilizzata per il collegamento (Il numero della porta verrà visualizzato sul menù Gestione periferiche del computer)

13 N.B. Si ricorda di installare i Driver USB (forniti nel CD di installazione) relativi al nuovo hardware. BaudRate indica la velocità di trasferimento dati. Selezionare Parità Selezionare NONE DataBit Selezionare 8 StopBit Selezionare 1 Se invece la centrale CEN8-248 è collegata tramiter modem telefonico, occorre cliccare con il tasto destro sull icona Cen8-248 e selezionare Aggiungi Numero telefonico (in caso di modem PSTN) oppure Numero telefonico GSM. Aggiungere l indice del numero telefonico (può essere 0001 o 0002)

14 Selezionare le proprietà dei numeri telefonici e inserire i numeri. Occorre quindi inserire nelle fonti uno o più modem telefonici

15 Impostare le proprietà del modem. Nome.permette di inserire una descrizione del dispositivo per poterlo meglio rintracciare all interno della struttura Porta inserire il numero della porta COM che viene utilizzata per il collegamento (Il numero della porta verrà visualizzato sul menù Gestione periferiche del computer) BaudRate indica la velocità di trasferimento dati. Valore di default Parità Selezionare NONE DataBit Selezionare 8 StopBit Selezionare 1 Tipo modem.. Selezionare se il modem è PSTN a toni, PSTN a impulsi, GSM. Numero ring.. Numero di ring di attesa prima di attivare la chiamata entrante

16 Controlla stato DSR.. Abilitazione al controllo dello stato del segnale DSR sulla linea seriale di controllo del modem. Modo funzionamento modem.. Definire se il modem è abilitato in sola chiamata, solo ascolto, oppure chiamata e ascolto. Numero per prendere la linea.. Si utilizza nel caso in cui il modem sia connesso ad un centralino telefonico, serve per impostare il numero per ottenere la linea esterna. Comandi AT personalizzati.. Servono per poter configurare il modem tramite dei comandi AT di inizializzazione. A questo punto impostare le specifiche di connessione del dispositivo al quale si intende connettersi, cliccando con il tasto destro del mouse sull icona Cen8-248 e selezionando Proprietà. Nome.permette di inserire una descrizione del dispositivo per poterlo meglio rintracciare all interno della struttura Allineamento stati.. se selezionato il sistema invierà periodicamente una richiesta dello stato impianto Periodo allineamento stati permette di impostare il tempo dell intervallo di richiesta stati Cod. accesso Codice di accesso remoto all impianto, di default Bypass segreteria Non utilizzato per connessione via USB Ritardo chiusura (sec) Non utilizzato per connessione via USB Indirizzo Codice impianto impostato nella centrale in fase di configurazione (menu Identificativo Codice impianto)

17 Se invece il dispositivo è del tipo DVRS4 o DVRS4IA: A questo punto impostare le specifiche di connessione del dispositivo al quale si intende connettersi. Nome.permette di inserire una descrizione del dispositivo per poterlo meglio rintracciare all interno della struttura Indirizzo IP. Inserire l indirizzo di rete, univoco, del dispositivo. Se l indirizzo IP del DVRS4 non è mai stato modificato inserire Porta inserire 1234 UsernameInserire 1111 PasswordInserire 1111 Log abilitati L opzione consente, quando contrassegnata, di memorizzare su un file di log tutti i comandi scambiati tra computer e DVRS4. Si suggerisce di contrassegnarlo solo in caso di malfunzionamenti in modo da poter inviare alla GPS standard il file di log per analisi

18 Dopo aver impostato tutte le proprietà di connessione ciccando con il tasto destro sul nome del dispositivo selezionare l azione Connetti: L avvenuta connessione od ogni cambio di stato dei dispositivi verranno rappresentati graficamente nell albero fisico con icone che ne rappresentano il tipo e lo stato corrente secondo una convenzione di colori descritta nella legenda stati

19 Configurazione Codec DVRS4 Il DVRS4 può essere programmato direttamente dal centro di controllo. Facendo clic sul pulsante si attiva la schermata di inserimento dei dati di configurazione: Per evitare di programmare il DVRS4 con valori errati, effettuare l acquisizione dei parametri Hwrdware dal DVRS4 come prima operazione. Per fare questo, nella finestra Comandi in alto a destra, selezionare e cliccare sul pulsante ; i parametri di configurazione del DVRS4 vengono trasferiti sul computer. A questo punto è possibile procedere con la modifica dei parametri di configurazione. I dati di configurazione del DVRS4, dopo eventuale modifica, possono essere: Salvati in un file per essere esportati su un altro sistema. Per fare questo selezionare l opzione e cliccare sul pulsante selezionare nella finestra di interfaccia che si apre, la cartella e il nome del file in cui salvare la configurazione. Con questa tecnica è possibile importare la programmazione da file selezionando l opzione e facendo clic sul pulsante. Salvati nel database per questo specifico DVRS4 (ogni dispositivo ha una tabella propria). Per fare questo selezionare l opzione e cliccare sul pulsante. Il salvataggio dei dati nel database consentirà, qualora se ne presenti la necessità, la sostituzione di una unità DVRS4 (guasta) con una nuova che potrà essere riprogrammata in modo identico a quella che viene rimossa. Il ripristino avviene in due fasi; prima si esegue il caricamento dei dati dal database selezionando l opzione e facendo clic sul pulsante

20 e successivamente, dopo aver selezionato l opzione pulsante. facendo clic sul Salvati nel database come dispositivo DVRS4 generico (di default). Per fare questo selezionare l opzione e cliccare sul pulsante. Successivamente questa programmazione potrà essere ricaricata selezionando l opzione e facendo clic sul pulsante per essere usata come configurazione di base per ulteriori dispositivi DVRS4 che si andranno ad aggiungere nel sistema. Inviati al dispositivo DVRS4 per programmarlo. Per fare questo selezionare l opzione e cliccare sul pulsante. La finestra parametri generali è organizzata in Parametri Generali, Controllo PTZ e orologio datario. Parametri generali I parametri generali sono costituiti da: Nome Nome del dispositivo; informazione di sola lettura; contiene il livello di aggiornamento del software del DVRS4. Password. Password per accedere al DVRS4. Identificativo. Codice univoco del DVRS4. Potrebbe essere necessario nel caso in cui il centro di controllo debba accedere a DVRS4 appartenenti a sottoreti diverse e che per caso abbiano lo stesso indirizzo di rete (sottorete). Firma digitale La firma digitale viene inserita, quando si genera un file per esportazione di filmati da visualizzare su altro computer. Eventuali manipolazioni del file saranno segnalate in fase di play (con GPSplayer). Keep Live. Il DVRS4 può verificare se la comunicazione con il computer è attiva e cercare di ripristinarla se cade. Contrassegnare la check-box e impostare il valore 20. Keep Play Destinato ad usi futuri, non contrassegnare. Riavvii... Informazione di sola lettura, è un contatore che incrementa ad ogni riavvio del DVRS4 (a seguito di mancanza di alimentazione o

21 per comandi che presuppongono il riavvio del dispositivo). Un numero di riavvii elevato può indicare problemi di alimentazione o del dispositivo. Presenza Hard Disk 0 Il DVRS4 può essere configurato con due dischi fissi (HD0, HD1) Spuntare la check-box quando è presente il disco 0. Capacità HD 0 Informazione di sola lettura, fornisce la capacità del disco 0. Presenza Hard Disk 1 Spuntare la check-box quando è presente il disco 1. Capacità HD 1 Informazione di sola lettura, fornisce la capacità del disco 1. EPLD... Informazione di sola lettura, fornisce la versione di questo componente. FPGA... Informazione di sola lettura, fornisce la versione di questo componente. Controllo PTZ Il controllo PTZ fa riferimento alla programmazione della linea seriale di comunicazione tra il DVRS4 e le telecamere con telemetria (speed dome o brandeggianti); sono costituiti da: Tipo Seriale PTZ Permette di selezionare attraverso un menu a tendina il tipo di interfaccia seriale utilizzata per il collegamento tra DVRS4 e telecamera. Cliccare sulla freccia della combo-box e selezionare la porta usata per il collegamento (normalmente RS485A). Velocità Seriale PTZ.. Consente di assegnare la velocità di comunicazione della linea seriale verso la telecamera. Parità PTZ.. Consente di assegnare la parità della linea di comunicazione verso la telecamera (di solito Nessuna). Word Size PTZ... Consente di assegnare la lunghezza del carattere nella comunicazione verso la telecamera (di solito 8). Stop Bit PTZ Consente di assegnare il numero di bit di stop nella comunicazione verso la telecamera (di solito 1)

22 Controllo Seriale PTZ Consente di assegnare il controllo di flusso nella comunicazione verso la telecamera (di solito Nessuno). Controllo orologio datario Fuso Orario. Assegna il fuso orario del DVRS4. Il DVRS4 potrebbe essere installato in un paese con fuso orario diverso da quello del centro di controllo (computer). Consente di associare alle registrazioni l ora (del paese dove è installato il DVRS4). Ora Solare. Contrassegnare se si vuole il passaggio automatico tra ora legale e ora solare. Set Orario. Consente di impostare data e ora. Questa operazione può essere fatta in due modi: Impostando data con un clic sul pulsante e inserendo l ora:, op- e poi inviando i valori al DVRS4 con un clic sul pulsante pure inviando data e ora del computer con un clic su. Chiedi Orario Consente di leggere, per verifica, i valori correnti di data e ora del DVRS

23 Configurazione Parametri Telecamere La finestra configurazione telecamere consente di programmare i parametri relativi a ciascuna delle telecamere collegabili al DVRS4. Selezionare la telecamera con un click sul pulsante della combo-box di selezione: Per ciascuna telecamera si possono programmare i seguenti parametri: TLC Abilitata. Check box di abilitazione telecamera. Se la check box non è contrassegnata la telecamera viene ignorata dal DVRS4 e sarà visualizzata dal centro con lo stato non installata. Tipo.. Il DVRS4 gestisce gli standard PAL e NTSC. Per modificare il tipo fare click sulla freccia ed effettuare la selezione. Indirizzo dome. Indirizzo (0 255) della telecamera (speed dome). Serve per l invio dei comandi PTZ; inserire il valore corrispondente a quello assegnato alla speed dome selezionata. Frame Rate.. Definisce il numero di frame/sec acquisiti dal DVRS4. Può variare tra 1 e 25. Oscuramento... Definisce in secondi la soglia di allarme di oscuramento telecamera

24 Pre Allarme... Definisce in secondi la durata dello spezzone video di preallarme (funzionalità play pre/post-allarme). Titolo.. Titolo telecamera. La descrizione inserita in questo campo viene visualizzata sull albero delle sorgenti video. Formato Risoluzione immagini per le registrazioni sul disco locale del DVRS4. Per selezionare la risoluzione fare click sulla freccia ed effettuare la selezione: Sono previste le risoluzioni seguenti: D x 576 pixels 4CIF x CIF x 288 CIF x 288 SIF x 288 QCIF x 144 Protocollo dome. Identifica il protocollo della telecamera. Sono implementati i seguenti protocolli: 0. Samsung 1. Riservato per future implementazioni 2 Videoloss... Definisce in secondi la soglia di allarme per mancanza segnale video (telecamera guasta o scollegata). Si consiglia di impostare questo parametro a 5 10 sec. In questo modo l icona che rappresenta la telecamera (nella mappe grafiche, nella struttura fisica e in quella logica) darà evidenza di presenza del segnale video e l utente potrà evitare di richiedere flussi da telecamere che non sono collegate o sono guaste. Campionamento audio Definisce la frequenza di campionamento del segnale audio (più è alta la frequenza di campionamento migliore è la qualità audio). Per modificare la frequenza di campionamento fare click sulla freccia ed effettuare la selezione. Post Allarme... Definisce in secondi la durata dello spezzone video di postallarme (funzionalità play pre/post-allarme). Qualità.. Definisce la qualità dell immagine ovvero il livello di compressione per le immagini registrate sul disco locale del DVRS4. Per selezionare la qualità dell immagine fare click sulla freccia ed effettuare la selezione: Sono previsti 5 livelli di qualità identificati come: FASTEST Qualità molto bassa ma massimo numero di immagini dal sistema di codifica/decodifica mpeg4. Può produrre imperfezioni di visualizzazione (quadrettatura). FAST. Qualità discreta con elevato numero di immagini dal sistema di codifica/decodifica mpeg

25 Può produrre qualche imperfezione di visualizzazione (quadrettatura). NORMAL.. Qualità normale (consigliata); buon compromesso tra qualità e numero di immagini dal sistema di codifica/decodifica mpeg4. GOOD... Qualità buona a discapito della potenza di elaborazione del DVRS4 e del decoder mpeg4 (potrebbe richiedere maggiore potenza del computer su cui gira l applicazione di visualizzazione) BEST. Qualità massima e conseguente ulteriore richiesta di elevata potenza di elaborazione. Rate Contro Mode... Modo di utilizzo della rete (banda richiesta). Sono previsti tre modi: VBR. Variable Bit Rate; mantiene costante la qualità dell immagine usando tutta la banda necessaria sulla rete. ABR. Average Bit Rate. Il DVRS4 in questa modalità cerca di mantenere un valore di occupazione di banda, nel lungo periodo, uguale a quello impostato nella variabile Bit Rate pur consentendo variazioni istantanee quando necessario. CBR. Constant Bit Rate. Il DVRS4 mantiene rigorosamente costante l occupazione di banda della rete al valore impostato nella variabile Bit Rate. Bit Rate... Max Bit Rate.. Valore nominale di utilizzo della rete (banda). Valore massimo di occupazione della rete (banda). Qualità LAN... Definisce la qualità dell immagine ovvero il livello di compressione per le immagini inviate sulla rete LAN. Formato LAN... Risoluzione immagini inviate sulla rete LAN. Sulla base di prove sperimentali di valutazione soggettiva della qualità e fluidità dell immagine, associate a misure di traffico dati, è stato possibile realizzare una tabella che compara, a parità di prestazioni video, il traffico necessario per il trasferimento delle immagini, per i vari tipi Rate Control Mode, di Bit Rate e di Max Bit Rate

26 Frame Rate Frame Rate Frame Rate Mbit/s (per TLC): filmato demo Mbit/s (per TLC): immagine statica Qualità Formato R.C.Mode Bit Rate Max BR 25 Normal CIF VBR ,75 0,27 12,5 Normal CIF VBR ,50 0,21 5 Normal CIF VBR ,30 0,15 2,5 Normal CIF VBR ,26 0,28 1 Normal CIF VBR ,10 0,10 Mbit/s (per TLC): filmato demo Mbit/s (per TLC): immagine statica Qualità Formato R.C.Mode Bit Rate Max BR 25 Normal CIF ABR ,85 0,85 12,5 Normal CIF ABR ,54 0,53 5 Normal CIF ABR ,30 0,30 2,5 Normal CIF ABR ,25 0,25 1 Normal CIF ABR ,10 0,10 Mbit/s (per TLC): filmato demo Mbit/s (per TLC): immagine statica Qualità Formato R.C.Mode Bit Rate Max BR 25 Normal CIF CBR ,85 0,85 12,5 Normal CIF CBR ,54 0,51 5 Normal CIF CBR ,27 0,27 2,5 Normal CIF CBR ,16 0,16 1 Normal CIF CBR ,07 0,07 Si evince che per filmati a 25 fps il Rate Control Mode più efficiente è il VBR, per filmati a 12.5 fps è il ABR, per filmati <5 fps è il CBR. Essendo basata su dati soggettivi, la tabella sopra riportata ha sola valenza indicativa. Per flussi video in formato D1, le prove hanno evidenziato che la migliore efficienza si ottiene con i dati elencati nella seguente tabella. Mbit/s (per TLC): filmato demo Mbit/s (per TLC): immagine statica Frame Rate Qualità Formato R.C.Mode Bit Rate Max BR 25 Normal D1 VBR ,49 0,22 12,5 Normal D1 VBR ,31 0,21 5 Normal D1 VBR ,16 0,11 2,5 Normal D1 ABR ,14 0,14 1 Normal D1 ABR ,10 0,10 Essendo basata su dati soggettivi, la tabella sopra riportata ha sola valenza indicativa

27 Fasce orarie La registrazione delle telecamere avviene sulla base di un programmatore settimanale, con gestione di giorni speciali (festività, ferie, ecc. ). La registrazione può essere continua oppure attivata da allarme (ingresso/activity/network), definendo le restrizioni di accesso alle immagini in determinate fasce orarie. La programmazione fasce orarie viene attivata con un clic sul pulsante : Ogni telecamera ha una propria programmazione indipendente dalle altre. Con un clic sul pulsante di selezione (in alto) viene visualizzato l elenco delle telecamere, selezionare quella di cui si vuole eseguire la programmazione. Sono definiti quattro tipi di giorno: feriali, prefestivi, festivi, altro. A ciascun giorno della settimana è possibile assegnare uno dei suddetti tipi. Facendo clic sul pulsante vicino a ciascun giorno della settimana si apre un menu a tendina in cui selezionare il tipo da attribuire a qual giorno

28 Ogni tipo è suddiviso in 24 fasce orarie. Gli intervalli orari sono liberamente programmabili. Per cambiare l intervallo orario di una fascia, fare doppio clic sulla fascia (nella prima colonna) oppure selezionare la fascia e cliccare sul pulsante sinistra): (in basso a quindi inserire l intervallo orario. Se la fascia impostata si sovrappone alle fasce adiacenti, i limiti di queste ultime vengono riassegnati in modo da essere compatibili con il nuovo valore inserito. Per ciascuna fascia occorre a questo punto assegnare il tipo di registrazione che si intende applicare: Selezionare uno per volta (o con selezione multipla mediante clic e trascina con il mouse) gli intervalli orari e applicare il modo di registrazione desiderato contrassegnando con il segno le opzioni in basso

29 Sono previsti i seguenti modi di registrazione: C Registrazione Continua NOREC Nessuna registrazione I Registrazione su Input alarm (allarme ingresso di scheda DVRS4) A Registrazione su Activity Detection N Registrazione su allarme di rete (richiesta dal sistema SCS) R Abilita l invio di immagini live su rete (per visualizzazione Remota) L Abilita l uscita video sul monitor locale (al DVRS4) MA Applica alle immagini la maschera di privacy A MB Applica alle immagini la maschera di privacy B MC Applica alle immagini la maschera di privacy C Nota: Le opzioni R e L non sono riferite alla registrazione delle immagini ma consentono di porre limitazioni alla visualizzazione delle immagini (per aspetti di privacy). Attenzione: per vedere le immagini live nel centro (sui Client o sui Player) o per la registrazione sul computer occorre che sia abilitato l invio di immagini live su rete (opzione R). Anche l attivazione delle uscite di allarme per segnalare un allarme di movimento (Acttivity Detection) movimento (Acttivity Detection) è subordinata all abilitazione dell activity detection da fasce orarie (secondo la maschera di rilevamento selezionata) NON assegnare registrazioni se il codec non munito di Hard Disk Per i giorni che non rispettano la programmazione settimanale è prevista la gestione di giorni speciali. Sono definiti 16 giorni speciali o meglio 16 intervalli a cui assegnare direttamente il tipo (Feriale, Festivo, ). Per assegnare il giorno di inizio fare doppio clic sulla colonna DA : Facendo clic sul pulsante giorno iniziale: vicino alla data DA, si apre una finestra di selezione del Se si deve programmare un intervallo di giorni (per esempio per il periodo di ferie) fare doppio clic sulla colonna A e poi clic sul pulsante vicino alla data A quindi inserire l ultimo giorno dell intervallo. Se si tratta di un giorno singolo non occorre programmare la colonna A

30 Per gli intervalli definiti assegnare infine il tipo facendo clic sul pulsante Tipo. nella colonna Terminata la configurazione fasce orarie fare clic sul pulsante. Mascheratura e Activity Detection Il DVRS4 consente la possibilità di effettuare mascherature delle immagini delle telecamere sia per aspetti di privacy sia per aspetti associati alla funzione di Activity Detection che il DVRS4 implementa. L inserimento delle maschere viene attivato con un clic sul pulsante ; si apre la seguente schermata: L immagine video è suddivisa in 44 x 36 rettangoli che chiameremo blob. Il blob è l unità elementare di mascheratura. La sua dimensione in pixel dipende dalla risoluzione (il DVRS4 esegue una operazione di scalatura automatica). Si possono impostare tre maschere di activity chiamate Maschera A, Maschera B e Maschera C. In ciascuna maschera è possibile inserire porzioni di immagine definite di Privacy e altre porzioni di immagine sensibili al movimento. Le zone sensibili sono quattro, hanno forma qualsiasi e sono chiamate Zona Attività 1, Zona Attività 2, Zona Attività 3, Zona Attività 4 e sono rappresentate con colori diversi per una immediata identificazione. Ogni Zona di Attività ha una propria configurazione caratterizzata dai seguenti parametri: Sensibilità Su ciascun blob, ad ogni frame, viene determinata la luminosità media (in modo da neutralizzare il rumore della telecamera); se la variazione della luminosità del blob, rispetto al frame precedente, è superiore al valore espresso nel parametro Sensibilità allora il blob

31 viene conteggiato tra quelli affetti da variazione. La Sensibilità può variare tra 0 e 100 (100 = massima sensibilità). Area. Definisce quale percentuale di area deve essere interessata alla variazione di luminosità per generare un allarme di Activity Detection. Esprime il valore percentuale del rapporto tra il numero di blob che ha subito variazione di sensibilità e il numero totale dei blob che compongono l area. Può variare tra 1 e 100 (1 = massima sensibilità). Area Max. Se la percentuale di area oggetto di variazione supera il valore impostato nel parametro Area Max allora il sistema ignora la variazione. Questo parametro consente di eliminare i falsi allarmi causati da accensione/spegnimento illuminazione, o da variazioni di luce esterna (alba, tramonto). Può variare tra 1 e 100 (Si consiglia di mettere un valore superiore a 50). Durata Definisce per quanto tempo devono essere verificate le condizioni precedenti (entrambe) per generare un allarme di Activity Detection. Può variare tra 0 e 100 (decimi di secondo; 0 = massima velocità di rilevazione allarme ma anche alta probabilità di falsi allarmi; si consiglia di adottare un valore = 2 o superiore). Cliccare sul pulsante per richiamare l immagine ed eseguire la mascheratura. Per selezionare il tipo di zona da inserire fare clic sull opzione corrispondente. Mascheratura pixel by pixel Quando è presente il segno di spunta sulla casella Disegna singolo pixel è possibile colorare la zona con clic e trascina del tasto sinistro del mouse sull immagine (come con Microsoft Paint). Per cancellare parti di mascheratura eseguire il clic e trascina con il tasto destro del mouse (oppure attivare l opzione Cancella ed eseguire la cancellazione con clic e trascina del tasto sinistro del mouse). Disegna Singolo Pixel Quando manca il segno di spunta sulla casella Disegna singolo pixel, con clic e trascina del tasto sinistro del mouse, si disegna la mascheratura per rettangoli (con clic e trascina del tasto destro si cancella l area selezionata). Durante la mascheratura della scena ripresa dalla telecamera è possibile effettuare il controllo dei parametri impostati. Per fare questo procedere nel seguente modo: 1. Impostare i parametri di Sensibilità, Area, Area Max e Durata. (per es. 90, 5, 80, 0) 2. Disegnare la maschera di activity come descritto sopra 3. Richiamare la visualizzazione dell immagine ripresa dalla telecamera facendo clic sul pulsante. 4. Fare clic sul pulsante per inviare il comando di esecuzione del controllo dell activity Nella finestra di activity appare in alto, sovra-impressa all immagine, una barra ed un numero che riportano il valore di activity riscontrato

32 E possibile a questo punto muovere un oggetto (o una persona) nell area sensibile, verificare il valore di activity prodotto, modificare eventualmente i parametri, inviarli al DVRS4 facendo clic sul pulsante, ripetere eventualmente queste operazioni fino ad ottenere la configurazione desiderata. Questa operazione di verifica dell activity è possibile solo sulla maschera A. Nel caso le Maschere B e C siano utilizzate, adottare la Maschera A per l individuazione dei parametri che poi applicherete alle Maschere B e C. La casella Tutti consente di attivare/rimuovere la visualizzazione di tutte e quattro le zone di activity contemporaneamente. ATTENZIONE: Si ricorda che per la taratura e per l attivazione della funzione di Activity Detection occorre prima configurare la registrazione su activity nelle fasce orarie del DVRS4 (e inviare al DVRS4 questa configurazione). E possibile sospendere l analisi e quindi l eventuale generazione dell allarme di activity mettendo fuori servizio ogni singola telecamera. Configurazione Ingressi La configurazione ingressi si presenta nel modo seguente: Il DVRS4 ha quattro ingressi di allarme e un ingresso di comando. L ingresso di comando viene utilizzato per allarmare l unità. Quando l unità è allarmata una transizione

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso Telecamera IP Wireless/Wired VISIONE NOTTURNA & ROTAZIONE PAN/TILT DA REMOTO Manuale d uso Contenuto 1 BENVENUTO...-1-1.1 Caratteristiche...-1-1.2 Lista prodotti...-2-1.3 Presentazione prodotto...-2-1.3.1

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI ART. SDVR040A SDVR080A SDVR160A Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 0 Indice Capitolo 1 - Descrizione

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli