RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA"

Transcript

1

2 PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI RIATTAMENTO DELL EDIFICIO SULLA P.ED IN C.C. DI ALA RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Indice 1. PREMESSE E MOTIVAZIONI DESCRIZIONE DELL IMMOBILE ESISTENTE INTERVENTI PREVISTI Recupero seminterrato Adeguamento piano terra e copertura Interventi esterni Rivestimento pareti servizi igienici Superamento delle barriere architettoniche Conformità del servizio Antincendi e protezione Civile Principali standard tecnici CONFRONTO CON PROGETTO PRELIMINARE INTERVENTI FUTURI DI COMPLETAMENTO INQUADRAMENTO URBANISTICO DOTAZIONE MINIMA PARCHEGGI INTERFERENZE CON INFRASTRUTTURE E SERVIZI ESISTENTI CONSIDERAZIONI GEOLOGICHE GEOTECNICHE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROGETTO ESECUTIVO: TEMPI DI REDAZIONE ED ELENCO ALLEGATI... Errore. Il segnalibro non è definito. 12. RIFERIMENTI NORMATIVI DURATA DEI LAVORI - COSTI DI ESERCIZIO STIMA DEI COSTI QUADRO ECONOMICO... 14

3 1. PREMESSE E MOTIVAZIONI L edificio sito sulla p.ed in C.C. di Ala, attualmente viene utilizzato come centro socio educativo. In particolare la struttura, che è utilizzata dalla cooperativa sociale Il Ponte come centro diurno per disabili, è localizzata in via Giaro ad Ala. L attuale struttura presenta dei limiti sotto il profilo della capacità ricettiva in relazione alla superficie e alla disposizione dei locali: in particolare è necessario aumentare gli spazi mirati all attività fisica. L aumento della superficie inoltre consentirà anche l aumento della capacità ricettiva. L attuale edificio inoltre presenta le seguenti criticità: l impianto di condizionamento non è adeguato; vi sono segni di infiltrazioni d acqua; il giardino è poco utilizzabile in quanto la superficie piana è limitata; manca una zona coperta per l accesso delle auto di servizio per proteggere lo sbarco del disabile; non vi è accesso diretto alla copertura e non vi sono i dispositivi anti caduta sulla copertura; l edificio risulta essere poco coibentato; i serramenti hanno una bassa resistenza termica. 2. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE ESISTENTE La costruzione è stata realizzata tra gli anni 1987 e Concessione edilizia comunale: n 3 di data 02/02/1987 Certificato di collaudo statico del 13 luglio redatto dall ing. Renato Strada. La struttura è stata edificata su iniziativa dell I.T.E.A. per ospitare un centro civico ed un centro commerciale. L edificio si compone di 2 corpi fabbrica: il più grande è localizzato ad ovest si sviluppa su 2 livelli: piano terra e piano seminterrato aperto a nord; l altro ad est si sviluppa su un unico livello costituito dal piano terra. L accesso al piano terra avviene dal lato nord previo un vialetto che parte dal parcheggio. L accesso del piano semi interrato è autonomo ed avviene dal piazzale prospicente lato nord. Il piano terra dell edificio ovest è collegato al piano semi interrato mediante un ascensore attualmente fuori servizio I 2 corpi sono stati in seguito collegati da una pensilina chiusa con pareti vetrate. 2

4 Premesso che non è stato possibile reperire né il progetto originario né i calcoli statici, da un'indagine visiva ed a seguito di alcuni sondaggi risulta quanto segue: - gli edifici sono stati realizzati con struttura portante in cemento armato; - il solaio di copertura è di tipo prefabbricato, costituito da tegoli in cemento armato precompresso; - il solaio che separa il piano seminterrato dal piano terra è costituito da un solaio a piastra in cemento armato (tipo alleggerito con polistirolo). - le pareti perimetrali dei due corpi sono in argilla espansa con pilastri in cemento armato sul perimetro (al fine della determinazione dei materiali sono stati effettuati dei sondaggi mediante perforazione della muratura);. - il solaio di calpestio del locale seminterrato è presumibilmente costituito da un solaio a piastra in cemento armato (tipo alleggerito con polistirolo) e realizza un intercapedine areata (sopra il terreno) di 90 cm circa; per analogia costruttiva si suppone che la medesima tipologia sia stata adottata per la realizzazione del solaio di calpestio del corpo est. Le pareti interne sono per lo più realizzate in cartongesso, il piano terra è controsoffittato con doghe di alluminio, i pavimenti del piano terra sono di tipo ceramico mentre quelli del piano interrato sono di tipo industriale; gli infissi esterni sono in alluminio vetrocamera mentre le porte interne in legno tamburato. La copertura è rivestita in lamiera preverniciata. Il piano seminterrato e il piano terra dell edificio ad ovest sono tra loro collegati da un ascensore che da anni è fuori servizio. Le dotazioni tecnologiche sono. - impianto di riscaldamento a gas metano con produzione d acqua sanitaria e corpi scaldanti costituiti da termosifoni e ventil convettori; - impianto elettrico completo di impianto di rilevazione incendio limitato al piano terra; - impianto di ventilazione con unità trattamento aria al piano interrato con canalizzazioni aria limitate al piano terra dell edificio ad ovest, nell ala est invece vi sono solo alcuni split per il raffrescamento dei locali; - gli scarichi delle acque nere sono collegati al collettore principale a gravità (rif. autorizzazione allo scarico prot di data 22/01/1992). - impianto montacarichi (elevatore senza porte di cabina) attualmente in disuso e comunque non idoneo al trasporto disabili. Non è stato possibile verificare la struttura interrata laterale alla scala esterna di collegamento tra il piano terra ed il piano interato dove è prevista la realizzazione di una bocca di lupo. È stato quindi ipotizzata la presenza di un cavedio vuoto in analogia a quello dove verrà realizzata la bocca di lupo lato ovest che invece è ispezionabile. 3

5 3. INTERVENTI PREVISTI Di seguito si riportano gli interventi previsti nel presente progetto. Nel successivo capitolo invece vengono descritti gli interventi futuri di completamento che potranno essere eseguiti sulla base delle disponibilità finanziarie. 3.1 Recupero seminterrato Si prevede il recupero dell attuale piano interrato, oggi utilizzato solo come magazzino, per realizzare una sala per le attività fisiche; a tal fine vengono previsti i seguenti interventi: 1. Esecuzione di intercapedine areata sul perimetro della nuova sala attività; si prevede di realizzare il fondo di tutte le intercapedini in pendenza per la raccolta delle acque meteoriche che verranno convogliate alla rete di acque bianche esistente. 2. Esecuzione di grigliato metallici sulle nuova intercapedini areata e sulle esistenti. 3. Realizzazione di finestre con presa d aria dalle intercapedini. 4. Isolazione termica (esterna) pareti intercapedine areata mediante rivestimento a cappotto in polistirene estruso (EPS) con grafite Sp. cm 10 e finitura superficiale ai silicati. 5. Isolazione termica del solaio di calpestio (schiuma poliuretanica cm 4+3), nuovo massetto (Sp. 4 cm) e finitura con pavimento in materiale plastico (Linoleum a quadrettoni Sp. 2,5 mm) nella sala attività e spogliatoi mentre nel wc/wch in materiale ceramico (pavimento e rivestimento ceramico pressato omogeneo gres). 6. Realizzazione di un doppio spogliatoio (maschi e femmine). 7. Modifica del servizio igienico esistente : si ricavano oltre ad un antibagno, due vani con WC di cui uno idoneo per portatori di handicap. Le pareti di delimitazione sono in tavolati in laterizio comune da 8 e 12 cm con rivestimento del tipo ceramico pressato omogeneo. 8. Sostituzione unità di trattamento aria : l esistente è inadeguata, con limitato recupero energetico e sottodimensionata rispetto alle reali esigenze. 9. Allargamento locale unità di trattamento aria : il locale attuale è troppo piccolo per le esigenze di ingombro della nuova unità di trattamento aria (UTA) al servizio di un volume edilizio maggiore ed in considerazione anche della necessità di utilizzare una macchina con alto recupero energetico. Si prevede quindi un allargamento del locale sia verso il magazzino che verso il vano caldaia che viene leggermente ridotto. Le pareti di divisione con la caldaia e di delimitazione con la sala attività sono in calcestruzzo cellulare da 8 cm REI 120. Si prevede la posa di una lastra di gesso fibrorinforzato con intonaco a secco per interni REI 90 sulle pareti e soffitto esistente del locale caldaia. 10. Rifacimento della caldaia per adeguarla ai maggiori nuovi consumi termici ed alla nuova impiantistica. 4

6 11. Esecuzione vetrata con bussola per l ingresso al fine di aumentare, per quanto possibile, l illuminazione naturale. 12. Nuovo impianto elettrico: illuminazione, prese, rilevazione incendi. 13. Nuovo controsoffitto in gesso rivestito fonoassorbente da 12,5 mm a quadrotti 60x60 cm: l altezza interna della sala viene ridotta a m 2, Rivestimento delle pareti perimetrali in cemento armato della nuova sala attività, degli spogliatoi e del WC con lastre in cartongesso coibentate con lana di roccia. 15. Realizzazione della nuova impiantistica elettrica la cui distribuzione è prevista nel controsoffitto. 16. Nuova impiantistica di ventilazione con distribuzione (aria ed acqua) prevista nel controsoffitto (canalizzazioni, bocchette, ventil convettori, tubazioni di alimentazione, scarichi ecc.). 17. Realizzazione di massetti in pendenza per la raccolta acque meteoriche alla base delle bocche di lupo esistenti. 3.2 Adeguamento piano terra e copertura Si prevedono i seguenti interventi di adeguamento del piano terra: 1. Allungamento della pensilina esistente in cemento armato al fine di creare una zona coperta per lo sbarco dei portatori di handicap; la nuova struttura poserà su tre pilastri in acciaio con fondazioni su plinti in cemento armato; il manto di copertura è previsto, come l originale, in lamiera 6/10 color testa di moro posata su feltro traspirante agugliato tridimensionale, s=8mm guaina in poliolefine e tavolato in legno cm 3, Apertura di alcune finestre su lato sud (nei servizi igienici). 3. Esecuzione di rivestimento a cappotto in polistirene estruso (EPS) con grafite Sp. cm 10 e finitura superficiale ai silicati 4. Sostituzione di tutti i pluviali esterni che verranno preventivamente rimossi per l esecuzione del cappotto termico. 5. Coibentazione delle cornici prefabbricate in cemento armato delle finestre (per l eliminazione dei ponti termici) con rivestimento a cappotto in polistirene estruso (EPS) con grafite Sp. cm 4 e finitura superficiale ai silicati. 6. Sostituzione di parte dei serramenti esterni in alluminio (vetrate principali lato nord) al piano terra; i serramenti esistenti sono con vetro camera semplice mentre i nuovi saranno a doppio vetro camera conformi al DPR59/09. La colorazione è prevista come l esistente. 7. Coibentazione copertura e finitura in ghiaino alleggerito: si prevede la rimozione dell attuale manto di copertura costituito da lamiera preverniciata, isolante termico e guaina. Si prevede la preparazione del piano di posa del foglio separatore in polietilene e quindi della coibentazione termica in EPS tagliato in pendenza ( i>1% ) e spessore variabile dai 15 ai 25 cm. In seguito 5

7 è prevista la posa di un manto in poliolefine armato zavorrato, sul quale viene steso un tessuto non tessuto di protezione e la finitura in ghiaino alleggerito vetro cellulare di spessore 15 cm. 8. Installazione di una scala verticale, di un cancelletto metallico e di linee vita per l accesso e l ispezione in sicurezza della copertura; sulla copertura sono previste altre 2 scale per il superamento dei dislivelli presenti tra i vari piani di copertura. 9. Posa di una finestra fissa nella parete divisoria tra il locale mensa e la cucina. 10. Rimozione del controsoffitto esistente in doghe di alluminio e realizzazione di nuovo controsoffitto in gesso rivestito fonoassorbente da 12,5 mm a quadrotti 60x60 cm. 11. Adeguamento dell impiantistica termoidraulica e di ventilazione (posa di nuove canalizzazioni e bocchette aria nonché di ventil convettori a soffitto nell ala est ed a pavimento nell ala ovest. 12. Rifacimento del controsoffitto: il nuovo è previsto in gesso rivestito fonoassorbente da 12,5 mm a quadrotti 60x60 cm, riducendo l altezza dei locali a 2,70 m nelle stanze ed a 2,40 m nel corridoio. 13. Sostituzione dei corpi illuminanti inseriti nel controsoffitto e riposizionamento impianti speciali (rilevazione incendio- antiintrusione). 14. Predisposizione impiantistica per una futura installazione sulla copertura di pannelli fotovoltaici e solari. 15. Nel corpo est la distribuzione della nuova impiantistica elettrica, di ventilazione ed idraulica (di alimentazione e scarico dei ventil-convettori) è prevista nel controsoffitto. 16. Nel corpo ovest la distribuzione della nuova impiantistica elettrica e di ventilazione è prevista nel controsoffitto; le tubazioni di alimentazione e scarico dei ventil-convettori saranno invece posate nel controsoffitto del sottostante locale seminterrato. 17. Si prevede la predisposizione impiantistica per la futura installazione di un nuovo centralino telefonico. 18. Rifacimento del manto di copertura del collegamento tra il corpo est ed ovest: il manto di copertura è previsto, come l originale, in lamiera 6/10 color testa di moro posata su feltro traspirante agugliato tridimensionale, s=8mm, guaina in poliolefine e tavolato in legno cm 3,70. L solazione termica è costituita da XPS 200 cm 15 su foglio separatore in polietilene e T.N.T Interventi esterni Si prevedono i seguenti interventi sull esterno dell edificio: 1. Costruzione di nuovo muro di sostegno lungo il lato sud, in sostituzione del muretto esistente che verrà demolito. L intervento è finalizzato a consentire l aumento della superficie fruibile (in orizzontale) del giardino; sulla sommità 6

8 del nuovo muro è prevista una nuova recinzione in acciaio zincato e verniciato color testa di moro. 2. Ampliamento del parcheggio mediante la costruzione di un nuovo muro in c.a sulla cui testa verrà posato un parapetto metallico; la pavimentazione prevista è in asfalto come l esistente. 3. Recinzione di una piazzola adiacente alla scala esterna lato nord, per l installazione del gruppo refrigeratore d acqua; la recinzione è in acciaio zincato e verniciato color testa di moro; il gruppo frigo è utilizzato per l impianto di raffrescamento realizzato attraverso i nuovi ventil convettori. 4. Opere in verde per la sistemazione del giardino e della siepe lato sud. 3.4 Rivestimento pareti servizi igienici Tutte le pareti del servizio igienico del locale seminterrato verranno rivestite in piastrelle ceramiche (le piastrelle esistenti verranno rimosse) sulla parete contro terra è prevista la posa di una controparete in carton gesso, distante 12 cm dall esistente isolata con lana di roccia. Le nuove pareti sono previste in laterizio intonacato spessore cm 8 e cm Superamento delle barriere architettoniche Il progetto è stato redatto nel rispetto delle seguenti normative DM n 236, il D.P.R. 24/07 n. 503 e L.P. 07/01/1991. Nella progettazione sono stati adottati tutti gli accorgimento previsti dalle normative al fine di consentire un agevole transito di persone portatrici di handicap e da parte di persona su sedia a ruote. Le porte e le finestre sono state progettate per essere utilizzate facilmente anche da persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali, con meccanismi di apertura e chiusura facilmente manovrabile. La disposizione degli arredi fissi è stata pensata in maniera tale da consentire il transito della persona su sedia a ruote e l'agevole utilizzabilità di tutte le attrezzature in essa contenute. Deve essere data preferenza ad arredi non taglienti e privi di spigoli vivi. Gli apparecchi elettrici, i quadri generali, le valvole e i rubinetti di arresto delle varie utenze, i regolatori degli impianti di riscaldamento e condizionamento, nonché i campanelli, pulsanti di comando e i citofoni sono stati progettati, per tipo e posizione planimetrica e altimetrica, tali da permettere un uso agevole anche da parte della persona su sedia a ruote; devono, inoltre, essere facilmente individuabili anche in condizioni di scarsa visibilità ed essere protetti dal danneggiamento per urto. Nei servizi igienici è garantito, con opportuni accorgimenti spaziali, le manovre di una sedia a ruote necessarie per l'utilizzazione degli apparecchi sanitari. I corridoi ed i passaggi hanno un andamento continuo, con variazioni di direzione ben evidenziate e senza variazioni di livello. La larghezza del corridoio è tale da garantire il facile accesso alle unità ambientali da esso servite e consentire inoltre l'inversione di direzione ad una persona su sedia a ruote. 7

9 Negli spazi esterni esistono percorsi in piano con caratteristiche tali da consentire la mobilità delle persone con ridotte o impedite capacità motorie sino all'accesso dell'edificio, assicurando agli utenti l'utilizzabilità diretta delle attrezzature dei parcheggi e dei servizi posti all'esterno, ove previsti; l'andamento dei percorsi in piano è semplice e regolare in relazione alle principali direttrici di accesso ed è privo di strozzature, arredi, ostacoli di qualsiasi natura che riducano la larghezza utile di passaggio o che possano causare infortuni. L accesso al piano semi interrato, in questa prima fase, avverrà attraverso il piazzale prospiciente il piano stesso in quanto la posa di un nuovo ascensore che si colleghi al piano terra è prevista in un prossimo intervento. 3.6 Conformità del servizio Antincendi e protezione Civile L'impianto termico a servizio della struttura oggetto dell intervento denominato "Lavori di riattamento dell edificio sulla P.Ed in C.C. di Ala ", ha potenza inferiore a 116 kw e quindi non è un attività soggetta ai sensi Decreto del Presidente della Repubblica n 151 del 1 agosto 2011, Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n (Pubblicato nella G.U. n. 221 del 22/09/ in vigore dal 7 ottobre 2011). La caldaia a condensazione avrà una potenza nominale di 48,00 kw e una potenza al focolare pari a 51kW e quindi < a 116 Kw. 3.7 Principali standard tecnici I nuovi locali previsti nel piano semi interrato dovranno rispettare i seguenti standard tecnici. Larghezza porte: 90 cm Altezza porte 200 cm Altezza maniglie porte 90 cm Altezza prese elettriche 40 cm Altezza maniglie finestre o dispositivi di apertura a distanza cm Altezza interruttori elettrici cm Altezza citofono cm 4. CONFRONTO CON PROGETTO PRELIMINARE Il progetto preliminare si differenza dal presente progetto esecutivo nei seguenti punti: nel progetto preliminare è previsto un minor sviluppo di bocche di lupo; 8

10 nel progetto preliminare non è previsto l ampiamento del locale UTA e la riduzione del locale C.T.; nel progetto preliminare non è prevista l esecuzione di una pensilina esterna lato nord, ingresso (per consentire la protezione dalla pioggia a chi accede); nel progetto preliminare è previsto il rifacimento e l allungamento della copertura trasparente sul retro dell edificio lato sud: tale intervento non è previsto nel progetto definitivo; nel progetto preliminare non sono previsti gli spogliatoi nel nuovo locale palestra attività motorie; nel progetto preliminare non è previsto il rifacimento dell impianto di areazione nel progetto preliminare non è previsto il rifacimento e l innalzamento del muro lato sud (previsto per aumentare l area pianeggiante esterna); nel progetto preliminare non è previsto l allargamento del parcheggio (al fine del rispetto degli indici); nel progetto preliminare era prevista la sostituzione di tutti i serramenti piano terra mentre nel definitivo, causa l insufficiente disponibilità economica, l intervento è stato limitato alla sola vetrata lato nord. nel progetto preliminare era previsto di realizzare il WC disabili nel piano semi interrato recuperando un vano esistente; nel progetto definitivo il WC disabili viene ricavato modificando il servizio esistente. Il costo complessivo dell opera previsto nel progetto preliminare era di Euro ,32 mentre quello nel definitivo è di Euro , INTERVENTI FUTURI DI COMPLETAMENTO Sulla base delle disponibilità finanziarie in futuro potranno essere eseguiti i seguenti interventi: 1. Posa di un nuovo ascensore e smaltimento dell impianto esistente. 2. Installazione di pannelli fotovoltaici e solari. 3. Sostituzione serramenti interni piano terra. 4. Realizzazione di impianto centralino telefonico. 6. INQUADRAMENTO URBANISTICO L edificio nel P.R.G. del Comune di Ala ricade nelle Zone per attrezzature di cui all art. 2.5 delle norme di attuazione. L edificio è inquadrato come attrezzatura pubblica. 9

11 Il comma 4 dell art.2.5 riporta: Sono ammessi tutti i tipi di intervento edilizio, purché mirino a realizzare edifici, organismi e strutture conformi alle funzioni consentite. I parametri edificatori per attrezzature pubbliche previsti al comma 6) sono: Dc (distanza dai confini) = 5 m : la nuova pensilina rispetta il limite De (distanza tra gli edifici) = 10 m : la nuova pensilina rispetta ampliamente il limite Il comma 7 prescrive che la superficie sistemata a giardino sia pari almeno al 30% della superficie del lotto; nonostante la riduzione della superficie sistemata a giardino causa l ampliamento del parcheggio, il limite del 30% viene comunque rispettato. Sotto il profilo urbanistico, ai sensi dell art.99 della L.P , n. 1, l intervento si configura come ristrutturazione edilizia in quanto è prevista una variazione di destinazione d uso (da deposito a sala attività, spogliatoio e WCH nel semi interrato). Nel PGUAP l area è individuata come Area residenziale. Sulla base di quanto sopra l intervento in progetto è urbanisticamente conforme. 7. DOTAZIONE MINIMA PARCHEGGI Come si evince dallo specifico elaborato grafico, la variazione di destinazione d uso di parte del locale semi interrato determina la necessità di realizzare nuovi parcheggi. Il calcolo è effettuato ai sensi dell art. 59 della L.P , n. 1 e dell allegato 3 Spazi di parcheggio alla deliberazione della G.P. n del Secondo la TABELLA B Dotazioni di standard minimi di parcheggi al servizio delle singole costruzioni, per i Servizi pubblici di interesse collettivo 3b Attrezzature di interesse comune (di cui fanno parte anche i servizi sociali di quartiere ) la superficie minima con destinazione parcheggio deve essere pari ad 1mq/10mc. Il volume, ai fini della determinazione degli spazi di parcheggio, è stato computato come indicato dall art. 4, comma 3, dell allegato 3 sopra citato. Il calcolo dei posti macchina necessari risulta dividendo l area di parcheggio calcolata per 12 mq 8 vedi art.2 delle medesime norme. Il volume calcolato risulta pari a 716,57 mc La superficie di parcheggio risulta pari a 716,57 /10 = 71,65 mq Posti auto risultanti: 71,65/12 = 5,97 il cui valore arrotondato è pari a 6 posti auto. Quattro nuovi posti auto si prevedono modificando il parcheggio esistente che viene ampliato costruendo un nuovo muro di sostegno ed eliminando un vialetto. Due posti auto, di cui uno al servizio di un portatore di andicap, vengono previsti nel piazzale nord prospiciente all ingresso del semi interrato. 8 INTERFERENZE CON INFRASTRUTTURE E SERVIZI ESISTENTI Per l esecuzione del muro di sostegno lato sud, è necessario limitare il traffico lungo stradina comunale prevedendo un senso unico alternato; lungo la strada verrà realizzata una recinzione di cantiere. Ai fini di limitare le interferenze con le attività del centro, si prevede che i lavori che interessano il piano terra vengano realizzati nel periodo estivo. 9. CONSIDERAZIONI GEOLOGICHE GEOTECNICHE 10

12 Il lavori determinano solo lievi interventi sotto il profilo geotecnico ed in particolare: fondazione pilastri pensilina, muri di sostegno area refrigeratore, muro di sostegno lato sud, muri contro terra intercapedini areate e muro di sostegno ampliamento parcheggio. Dalla perizia redatta dal dott. Paolo Murara si desume che trattasi di terreno sciolto costituito da sabbie, ghiaie e ciottoli immersi in una matrice da limosa a sabbiosa moderatamente addensata. Le pendenze dei fronti di scavo variano in funzione della profondità: 60 (per h=3,5 m) 57 (per h=4,0 m) 52 (per h=4,5 m) I cigli dei fronti di scavo dovranno essere protetti da teli impermeabili. Ai fini della definizione della capacità portante i parametri di riferimento sono: angolo attrito = 32 Coesione = 0 Peso specifico =1850 dan/mc Classificazione sismica: terreno in categoria C 10. TERRE E ROCCE DA SCAVO Il materiale di risulta da scavi e demolizioni si prevede venga conferito in discarica autorizzata. Cave autorizzate: Cave di Plicante snc sabbia e ghiaia (frazione di Plicante Ala) Chizzola armando inerti e scavi s.n.c. (frazione di Plicante Ala) Discarica autorizzata: Discarica inerti Ala ripristini loc. Casarino sp 90 km 12 (Plicante di Ala) 11. RIFERIMENTI NORMATIVI - D.M. 14 gennaio Testo Unico Norme Tecniche per le Costruzioni. - Testo unico edilizia D.P.R. 380/ Legge Provinciale 4 marzo 2008, n. 1 Pianificazione urbanistica e governo del territorio - Legge quadro sull inquinamento acustico e determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici L.447/95, dpcm 5/12/97 - Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n "Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici." (Pubblicato in S.O. della G.U. 27 settembre 1996, n. 227) - D.M. 14 giugno 1989, n. 236, pubblicato in Suppl. ordinario alla Gazz. Uff. 23 giugno 1989, n Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche - L. 13/89 e L.P. 1/91 Norme per il superamento delle barriere architettoniche 11

13 - Decreto 22 gennaio 2008, n Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. (Gazzetta Ufficiale n. 61 del 12 marzo 2008). - Decreto legislativo sul rendimento energetico nell edilizia D. Lgs. 192/2005 e disposizioni correttive ed integrative al D. Lgs. 311/2006, classificazione energetica secondo delibera provinciale /10/2006 dal P.A.T. - Decreto 16 febbraio 2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione. (GU n. 74 del Suppl. Ordinario n. 87) - Decreto 15 marzo 2005 Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo. - D.P.P n 7 114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture. - Decreto del Presidente della Repubblica n 151 del 1 agosto 2011, Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell articolo 49, comma 4-quater, del decretolegge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n DM 7 agosto 2012 (prevenzione degli incendi). - Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi. - UNI EN "Prova del pendolo - Metodo della prova di impatto e classificazione per il vetro piano". - UNI "Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie" - Decreto 21 Aprile 1993, n. 246 Regolamento di attuazione della direttiva 89/106/CEE relativa ai prodotti da costruzione (G.U. n. 170 del 22/7/93) - L.P n 26 e s.m. Norme in materia di lavori pubblici di interesse provinciale e per la trasparenza sugli appalti. - D.M n 145 Regolamento recante il capitolato generale d appalto dei lavori pubblici ai sensi dell art. 3 comma 5 della L n 109 e s.m. - D.P.P. 11 maggio 2012 Regolamento di attuazione della L.P n.26 e s.m. - D.M n 161 Regolamento recante la disciplina dell utilizzazione delle terre e rocce da scavo - Norme Tecniche per le Costruzioni - D.M Costruzioni in calcestruzzo (par.4.1), Progettazione per azioni sismiche (cap.7), Riferimenti tecnici (cap.12). - Circolare esplicativa n : Istruzioni per l applicazione delle Nuove Norme Tecniche per le costruzioni. 12. DURATA DEI LAVORI - COSTI DI ESERCIZIO 12

14 Si prevedono per l esecuzione dei lavori complessivamente 120 giorni continuativi. E prevista una scadenza intermedia dopo 90 giorni per il completamento del piano terra, copertura e cappotto termico. I nuovi lavori determineranno un aumento dei costi di esercizio determinati dall aumento del volume utilizzato per le attività del centro. I maggiori costi (pulizie, riscaldamento consumi elettrici) vengono stimati in circa Euro 5.000,00 all anno. 13. STIMA DEI COSTI Il computo metrico estimativo è stato redatto utilizzando i Listini Prezzi Informativi del 2012 pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Trentino Alto Adige e redatto dalla Provincia Autonoma di Trento. Nella stesura del computo è stato necessario procedere alla predisposizione di alcune nuove voci di lavori non presenti nel suddetto Listino; tali voci sono riconoscibili nell'elenco prezzi e nel computo metrico essendo contraddistinte dalla sigla NV. I criteri di redazione dell analisi prezzi degli NV sono: utilizzo voci del listino PAT utilizzo prezzi di mercato incrementati dal 12% per spese generali e del 10% per utile d impresa. Nel computo metrico i prezzi relativi all impiantistica sono di tipo parametrico così come prevede il D.P.P. 11 maggio 2012 Come risulta dalla stima dei costi allegata al progetto, il costo dell intervento ammonta a complessivi ,00 euro. 13

15 15. QUADRO ECONOMICO QUADRO ECONOMICO A) LAVORI A BASE D'APPALTO A.1 Lavori al netto degli oneri per la sicurezza ,58 A.2 Oneri della sicurezza 7 364,97 Sommano A ,55 B) SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE B.1 Lavori in economia - B.2 Accertamenti ed indagini - B.3 Allacciamenti a pubblici servizi - B.4 Imprevisti 543,00 B.5 Acquisizioni aree, occupazioni indennizzi - B.6 Spese per autorità LL.PP. 225,00 B.7 Spese tecniche (progetto, DL e sicurezza) ,00 B.8 CNPAIA 4% su B ,00 B.9 Perizia geologica (inclusi oneri previdenziali) 1 407,60 B.10 Collaudo statico (inclusi oneri previdenziali) 700,00 B.11 IVA 10% su (A+B.2+B.4) ,25 B.12 IVA 21% su (B.7+B.8+B.9+B10) ,60 Sommano B ,45 TOTALE A+B ,00 14

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E OPERE DI MANUTENZIONE

NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E OPERE DI MANUTENZIONE PROGETTO N. 557/BIS Comune di Bagno a Ripoli Provincia di Firenze Istituto Comprensivo Bagno a Ripoli Capoluogo Ampliamento Plesso Scolastico Francesco Granacci NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E OPERE DI MANUTENZIONE

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli