RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA"

Transcript

1

2 PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI RIATTAMENTO DELL EDIFICIO SULLA P.ED IN C.C. DI ALA RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Indice 1. PREMESSE E MOTIVAZIONI DESCRIZIONE DELL IMMOBILE ESISTENTE INTERVENTI PREVISTI Recupero seminterrato Adeguamento piano terra e copertura Interventi esterni Rivestimento pareti servizi igienici Superamento delle barriere architettoniche Conformità del servizio Antincendi e protezione Civile Principali standard tecnici CONFRONTO CON PROGETTO PRELIMINARE INTERVENTI FUTURI DI COMPLETAMENTO INQUADRAMENTO URBANISTICO DOTAZIONE MINIMA PARCHEGGI INTERFERENZE CON INFRASTRUTTURE E SERVIZI ESISTENTI CONSIDERAZIONI GEOLOGICHE GEOTECNICHE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROGETTO ESECUTIVO: TEMPI DI REDAZIONE ED ELENCO ALLEGATI... Errore. Il segnalibro non è definito. 12. RIFERIMENTI NORMATIVI DURATA DEI LAVORI - COSTI DI ESERCIZIO STIMA DEI COSTI QUADRO ECONOMICO... 14

3 1. PREMESSE E MOTIVAZIONI L edificio sito sulla p.ed in C.C. di Ala, attualmente viene utilizzato come centro socio educativo. In particolare la struttura, che è utilizzata dalla cooperativa sociale Il Ponte come centro diurno per disabili, è localizzata in via Giaro ad Ala. L attuale struttura presenta dei limiti sotto il profilo della capacità ricettiva in relazione alla superficie e alla disposizione dei locali: in particolare è necessario aumentare gli spazi mirati all attività fisica. L aumento della superficie inoltre consentirà anche l aumento della capacità ricettiva. L attuale edificio inoltre presenta le seguenti criticità: l impianto di condizionamento non è adeguato; vi sono segni di infiltrazioni d acqua; il giardino è poco utilizzabile in quanto la superficie piana è limitata; manca una zona coperta per l accesso delle auto di servizio per proteggere lo sbarco del disabile; non vi è accesso diretto alla copertura e non vi sono i dispositivi anti caduta sulla copertura; l edificio risulta essere poco coibentato; i serramenti hanno una bassa resistenza termica. 2. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE ESISTENTE La costruzione è stata realizzata tra gli anni 1987 e Concessione edilizia comunale: n 3 di data 02/02/1987 Certificato di collaudo statico del 13 luglio redatto dall ing. Renato Strada. La struttura è stata edificata su iniziativa dell I.T.E.A. per ospitare un centro civico ed un centro commerciale. L edificio si compone di 2 corpi fabbrica: il più grande è localizzato ad ovest si sviluppa su 2 livelli: piano terra e piano seminterrato aperto a nord; l altro ad est si sviluppa su un unico livello costituito dal piano terra. L accesso al piano terra avviene dal lato nord previo un vialetto che parte dal parcheggio. L accesso del piano semi interrato è autonomo ed avviene dal piazzale prospicente lato nord. Il piano terra dell edificio ovest è collegato al piano semi interrato mediante un ascensore attualmente fuori servizio I 2 corpi sono stati in seguito collegati da una pensilina chiusa con pareti vetrate. 2

4 Premesso che non è stato possibile reperire né il progetto originario né i calcoli statici, da un'indagine visiva ed a seguito di alcuni sondaggi risulta quanto segue: - gli edifici sono stati realizzati con struttura portante in cemento armato; - il solaio di copertura è di tipo prefabbricato, costituito da tegoli in cemento armato precompresso; - il solaio che separa il piano seminterrato dal piano terra è costituito da un solaio a piastra in cemento armato (tipo alleggerito con polistirolo). - le pareti perimetrali dei due corpi sono in argilla espansa con pilastri in cemento armato sul perimetro (al fine della determinazione dei materiali sono stati effettuati dei sondaggi mediante perforazione della muratura);. - il solaio di calpestio del locale seminterrato è presumibilmente costituito da un solaio a piastra in cemento armato (tipo alleggerito con polistirolo) e realizza un intercapedine areata (sopra il terreno) di 90 cm circa; per analogia costruttiva si suppone che la medesima tipologia sia stata adottata per la realizzazione del solaio di calpestio del corpo est. Le pareti interne sono per lo più realizzate in cartongesso, il piano terra è controsoffittato con doghe di alluminio, i pavimenti del piano terra sono di tipo ceramico mentre quelli del piano interrato sono di tipo industriale; gli infissi esterni sono in alluminio vetrocamera mentre le porte interne in legno tamburato. La copertura è rivestita in lamiera preverniciata. Il piano seminterrato e il piano terra dell edificio ad ovest sono tra loro collegati da un ascensore che da anni è fuori servizio. Le dotazioni tecnologiche sono. - impianto di riscaldamento a gas metano con produzione d acqua sanitaria e corpi scaldanti costituiti da termosifoni e ventil convettori; - impianto elettrico completo di impianto di rilevazione incendio limitato al piano terra; - impianto di ventilazione con unità trattamento aria al piano interrato con canalizzazioni aria limitate al piano terra dell edificio ad ovest, nell ala est invece vi sono solo alcuni split per il raffrescamento dei locali; - gli scarichi delle acque nere sono collegati al collettore principale a gravità (rif. autorizzazione allo scarico prot di data 22/01/1992). - impianto montacarichi (elevatore senza porte di cabina) attualmente in disuso e comunque non idoneo al trasporto disabili. Non è stato possibile verificare la struttura interrata laterale alla scala esterna di collegamento tra il piano terra ed il piano interato dove è prevista la realizzazione di una bocca di lupo. È stato quindi ipotizzata la presenza di un cavedio vuoto in analogia a quello dove verrà realizzata la bocca di lupo lato ovest che invece è ispezionabile. 3

5 3. INTERVENTI PREVISTI Di seguito si riportano gli interventi previsti nel presente progetto. Nel successivo capitolo invece vengono descritti gli interventi futuri di completamento che potranno essere eseguiti sulla base delle disponibilità finanziarie. 3.1 Recupero seminterrato Si prevede il recupero dell attuale piano interrato, oggi utilizzato solo come magazzino, per realizzare una sala per le attività fisiche; a tal fine vengono previsti i seguenti interventi: 1. Esecuzione di intercapedine areata sul perimetro della nuova sala attività; si prevede di realizzare il fondo di tutte le intercapedini in pendenza per la raccolta delle acque meteoriche che verranno convogliate alla rete di acque bianche esistente. 2. Esecuzione di grigliato metallici sulle nuova intercapedini areata e sulle esistenti. 3. Realizzazione di finestre con presa d aria dalle intercapedini. 4. Isolazione termica (esterna) pareti intercapedine areata mediante rivestimento a cappotto in polistirene estruso (EPS) con grafite Sp. cm 10 e finitura superficiale ai silicati. 5. Isolazione termica del solaio di calpestio (schiuma poliuretanica cm 4+3), nuovo massetto (Sp. 4 cm) e finitura con pavimento in materiale plastico (Linoleum a quadrettoni Sp. 2,5 mm) nella sala attività e spogliatoi mentre nel wc/wch in materiale ceramico (pavimento e rivestimento ceramico pressato omogeneo gres). 6. Realizzazione di un doppio spogliatoio (maschi e femmine). 7. Modifica del servizio igienico esistente : si ricavano oltre ad un antibagno, due vani con WC di cui uno idoneo per portatori di handicap. Le pareti di delimitazione sono in tavolati in laterizio comune da 8 e 12 cm con rivestimento del tipo ceramico pressato omogeneo. 8. Sostituzione unità di trattamento aria : l esistente è inadeguata, con limitato recupero energetico e sottodimensionata rispetto alle reali esigenze. 9. Allargamento locale unità di trattamento aria : il locale attuale è troppo piccolo per le esigenze di ingombro della nuova unità di trattamento aria (UTA) al servizio di un volume edilizio maggiore ed in considerazione anche della necessità di utilizzare una macchina con alto recupero energetico. Si prevede quindi un allargamento del locale sia verso il magazzino che verso il vano caldaia che viene leggermente ridotto. Le pareti di divisione con la caldaia e di delimitazione con la sala attività sono in calcestruzzo cellulare da 8 cm REI 120. Si prevede la posa di una lastra di gesso fibrorinforzato con intonaco a secco per interni REI 90 sulle pareti e soffitto esistente del locale caldaia. 10. Rifacimento della caldaia per adeguarla ai maggiori nuovi consumi termici ed alla nuova impiantistica. 4

6 11. Esecuzione vetrata con bussola per l ingresso al fine di aumentare, per quanto possibile, l illuminazione naturale. 12. Nuovo impianto elettrico: illuminazione, prese, rilevazione incendi. 13. Nuovo controsoffitto in gesso rivestito fonoassorbente da 12,5 mm a quadrotti 60x60 cm: l altezza interna della sala viene ridotta a m 2, Rivestimento delle pareti perimetrali in cemento armato della nuova sala attività, degli spogliatoi e del WC con lastre in cartongesso coibentate con lana di roccia. 15. Realizzazione della nuova impiantistica elettrica la cui distribuzione è prevista nel controsoffitto. 16. Nuova impiantistica di ventilazione con distribuzione (aria ed acqua) prevista nel controsoffitto (canalizzazioni, bocchette, ventil convettori, tubazioni di alimentazione, scarichi ecc.). 17. Realizzazione di massetti in pendenza per la raccolta acque meteoriche alla base delle bocche di lupo esistenti. 3.2 Adeguamento piano terra e copertura Si prevedono i seguenti interventi di adeguamento del piano terra: 1. Allungamento della pensilina esistente in cemento armato al fine di creare una zona coperta per lo sbarco dei portatori di handicap; la nuova struttura poserà su tre pilastri in acciaio con fondazioni su plinti in cemento armato; il manto di copertura è previsto, come l originale, in lamiera 6/10 color testa di moro posata su feltro traspirante agugliato tridimensionale, s=8mm guaina in poliolefine e tavolato in legno cm 3, Apertura di alcune finestre su lato sud (nei servizi igienici). 3. Esecuzione di rivestimento a cappotto in polistirene estruso (EPS) con grafite Sp. cm 10 e finitura superficiale ai silicati 4. Sostituzione di tutti i pluviali esterni che verranno preventivamente rimossi per l esecuzione del cappotto termico. 5. Coibentazione delle cornici prefabbricate in cemento armato delle finestre (per l eliminazione dei ponti termici) con rivestimento a cappotto in polistirene estruso (EPS) con grafite Sp. cm 4 e finitura superficiale ai silicati. 6. Sostituzione di parte dei serramenti esterni in alluminio (vetrate principali lato nord) al piano terra; i serramenti esistenti sono con vetro camera semplice mentre i nuovi saranno a doppio vetro camera conformi al DPR59/09. La colorazione è prevista come l esistente. 7. Coibentazione copertura e finitura in ghiaino alleggerito: si prevede la rimozione dell attuale manto di copertura costituito da lamiera preverniciata, isolante termico e guaina. Si prevede la preparazione del piano di posa del foglio separatore in polietilene e quindi della coibentazione termica in EPS tagliato in pendenza ( i>1% ) e spessore variabile dai 15 ai 25 cm. In seguito 5

7 è prevista la posa di un manto in poliolefine armato zavorrato, sul quale viene steso un tessuto non tessuto di protezione e la finitura in ghiaino alleggerito vetro cellulare di spessore 15 cm. 8. Installazione di una scala verticale, di un cancelletto metallico e di linee vita per l accesso e l ispezione in sicurezza della copertura; sulla copertura sono previste altre 2 scale per il superamento dei dislivelli presenti tra i vari piani di copertura. 9. Posa di una finestra fissa nella parete divisoria tra il locale mensa e la cucina. 10. Rimozione del controsoffitto esistente in doghe di alluminio e realizzazione di nuovo controsoffitto in gesso rivestito fonoassorbente da 12,5 mm a quadrotti 60x60 cm. 11. Adeguamento dell impiantistica termoidraulica e di ventilazione (posa di nuove canalizzazioni e bocchette aria nonché di ventil convettori a soffitto nell ala est ed a pavimento nell ala ovest. 12. Rifacimento del controsoffitto: il nuovo è previsto in gesso rivestito fonoassorbente da 12,5 mm a quadrotti 60x60 cm, riducendo l altezza dei locali a 2,70 m nelle stanze ed a 2,40 m nel corridoio. 13. Sostituzione dei corpi illuminanti inseriti nel controsoffitto e riposizionamento impianti speciali (rilevazione incendio- antiintrusione). 14. Predisposizione impiantistica per una futura installazione sulla copertura di pannelli fotovoltaici e solari. 15. Nel corpo est la distribuzione della nuova impiantistica elettrica, di ventilazione ed idraulica (di alimentazione e scarico dei ventil-convettori) è prevista nel controsoffitto. 16. Nel corpo ovest la distribuzione della nuova impiantistica elettrica e di ventilazione è prevista nel controsoffitto; le tubazioni di alimentazione e scarico dei ventil-convettori saranno invece posate nel controsoffitto del sottostante locale seminterrato. 17. Si prevede la predisposizione impiantistica per la futura installazione di un nuovo centralino telefonico. 18. Rifacimento del manto di copertura del collegamento tra il corpo est ed ovest: il manto di copertura è previsto, come l originale, in lamiera 6/10 color testa di moro posata su feltro traspirante agugliato tridimensionale, s=8mm, guaina in poliolefine e tavolato in legno cm 3,70. L solazione termica è costituita da XPS 200 cm 15 su foglio separatore in polietilene e T.N.T Interventi esterni Si prevedono i seguenti interventi sull esterno dell edificio: 1. Costruzione di nuovo muro di sostegno lungo il lato sud, in sostituzione del muretto esistente che verrà demolito. L intervento è finalizzato a consentire l aumento della superficie fruibile (in orizzontale) del giardino; sulla sommità 6

8 del nuovo muro è prevista una nuova recinzione in acciaio zincato e verniciato color testa di moro. 2. Ampliamento del parcheggio mediante la costruzione di un nuovo muro in c.a sulla cui testa verrà posato un parapetto metallico; la pavimentazione prevista è in asfalto come l esistente. 3. Recinzione di una piazzola adiacente alla scala esterna lato nord, per l installazione del gruppo refrigeratore d acqua; la recinzione è in acciaio zincato e verniciato color testa di moro; il gruppo frigo è utilizzato per l impianto di raffrescamento realizzato attraverso i nuovi ventil convettori. 4. Opere in verde per la sistemazione del giardino e della siepe lato sud. 3.4 Rivestimento pareti servizi igienici Tutte le pareti del servizio igienico del locale seminterrato verranno rivestite in piastrelle ceramiche (le piastrelle esistenti verranno rimosse) sulla parete contro terra è prevista la posa di una controparete in carton gesso, distante 12 cm dall esistente isolata con lana di roccia. Le nuove pareti sono previste in laterizio intonacato spessore cm 8 e cm Superamento delle barriere architettoniche Il progetto è stato redatto nel rispetto delle seguenti normative DM n 236, il D.P.R. 24/07 n. 503 e L.P. 07/01/1991. Nella progettazione sono stati adottati tutti gli accorgimento previsti dalle normative al fine di consentire un agevole transito di persone portatrici di handicap e da parte di persona su sedia a ruote. Le porte e le finestre sono state progettate per essere utilizzate facilmente anche da persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali, con meccanismi di apertura e chiusura facilmente manovrabile. La disposizione degli arredi fissi è stata pensata in maniera tale da consentire il transito della persona su sedia a ruote e l'agevole utilizzabilità di tutte le attrezzature in essa contenute. Deve essere data preferenza ad arredi non taglienti e privi di spigoli vivi. Gli apparecchi elettrici, i quadri generali, le valvole e i rubinetti di arresto delle varie utenze, i regolatori degli impianti di riscaldamento e condizionamento, nonché i campanelli, pulsanti di comando e i citofoni sono stati progettati, per tipo e posizione planimetrica e altimetrica, tali da permettere un uso agevole anche da parte della persona su sedia a ruote; devono, inoltre, essere facilmente individuabili anche in condizioni di scarsa visibilità ed essere protetti dal danneggiamento per urto. Nei servizi igienici è garantito, con opportuni accorgimenti spaziali, le manovre di una sedia a ruote necessarie per l'utilizzazione degli apparecchi sanitari. I corridoi ed i passaggi hanno un andamento continuo, con variazioni di direzione ben evidenziate e senza variazioni di livello. La larghezza del corridoio è tale da garantire il facile accesso alle unità ambientali da esso servite e consentire inoltre l'inversione di direzione ad una persona su sedia a ruote. 7

9 Negli spazi esterni esistono percorsi in piano con caratteristiche tali da consentire la mobilità delle persone con ridotte o impedite capacità motorie sino all'accesso dell'edificio, assicurando agli utenti l'utilizzabilità diretta delle attrezzature dei parcheggi e dei servizi posti all'esterno, ove previsti; l'andamento dei percorsi in piano è semplice e regolare in relazione alle principali direttrici di accesso ed è privo di strozzature, arredi, ostacoli di qualsiasi natura che riducano la larghezza utile di passaggio o che possano causare infortuni. L accesso al piano semi interrato, in questa prima fase, avverrà attraverso il piazzale prospiciente il piano stesso in quanto la posa di un nuovo ascensore che si colleghi al piano terra è prevista in un prossimo intervento. 3.6 Conformità del servizio Antincendi e protezione Civile L'impianto termico a servizio della struttura oggetto dell intervento denominato "Lavori di riattamento dell edificio sulla P.Ed in C.C. di Ala ", ha potenza inferiore a 116 kw e quindi non è un attività soggetta ai sensi Decreto del Presidente della Repubblica n 151 del 1 agosto 2011, Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n (Pubblicato nella G.U. n. 221 del 22/09/ in vigore dal 7 ottobre 2011). La caldaia a condensazione avrà una potenza nominale di 48,00 kw e una potenza al focolare pari a 51kW e quindi < a 116 Kw. 3.7 Principali standard tecnici I nuovi locali previsti nel piano semi interrato dovranno rispettare i seguenti standard tecnici. Larghezza porte: 90 cm Altezza porte 200 cm Altezza maniglie porte 90 cm Altezza prese elettriche 40 cm Altezza maniglie finestre o dispositivi di apertura a distanza cm Altezza interruttori elettrici cm Altezza citofono cm 4. CONFRONTO CON PROGETTO PRELIMINARE Il progetto preliminare si differenza dal presente progetto esecutivo nei seguenti punti: nel progetto preliminare è previsto un minor sviluppo di bocche di lupo; 8

10 nel progetto preliminare non è previsto l ampiamento del locale UTA e la riduzione del locale C.T.; nel progetto preliminare non è prevista l esecuzione di una pensilina esterna lato nord, ingresso (per consentire la protezione dalla pioggia a chi accede); nel progetto preliminare è previsto il rifacimento e l allungamento della copertura trasparente sul retro dell edificio lato sud: tale intervento non è previsto nel progetto definitivo; nel progetto preliminare non sono previsti gli spogliatoi nel nuovo locale palestra attività motorie; nel progetto preliminare non è previsto il rifacimento dell impianto di areazione nel progetto preliminare non è previsto il rifacimento e l innalzamento del muro lato sud (previsto per aumentare l area pianeggiante esterna); nel progetto preliminare non è previsto l allargamento del parcheggio (al fine del rispetto degli indici); nel progetto preliminare era prevista la sostituzione di tutti i serramenti piano terra mentre nel definitivo, causa l insufficiente disponibilità economica, l intervento è stato limitato alla sola vetrata lato nord. nel progetto preliminare era previsto di realizzare il WC disabili nel piano semi interrato recuperando un vano esistente; nel progetto definitivo il WC disabili viene ricavato modificando il servizio esistente. Il costo complessivo dell opera previsto nel progetto preliminare era di Euro ,32 mentre quello nel definitivo è di Euro , INTERVENTI FUTURI DI COMPLETAMENTO Sulla base delle disponibilità finanziarie in futuro potranno essere eseguiti i seguenti interventi: 1. Posa di un nuovo ascensore e smaltimento dell impianto esistente. 2. Installazione di pannelli fotovoltaici e solari. 3. Sostituzione serramenti interni piano terra. 4. Realizzazione di impianto centralino telefonico. 6. INQUADRAMENTO URBANISTICO L edificio nel P.R.G. del Comune di Ala ricade nelle Zone per attrezzature di cui all art. 2.5 delle norme di attuazione. L edificio è inquadrato come attrezzatura pubblica. 9

11 Il comma 4 dell art.2.5 riporta: Sono ammessi tutti i tipi di intervento edilizio, purché mirino a realizzare edifici, organismi e strutture conformi alle funzioni consentite. I parametri edificatori per attrezzature pubbliche previsti al comma 6) sono: Dc (distanza dai confini) = 5 m : la nuova pensilina rispetta il limite De (distanza tra gli edifici) = 10 m : la nuova pensilina rispetta ampliamente il limite Il comma 7 prescrive che la superficie sistemata a giardino sia pari almeno al 30% della superficie del lotto; nonostante la riduzione della superficie sistemata a giardino causa l ampliamento del parcheggio, il limite del 30% viene comunque rispettato. Sotto il profilo urbanistico, ai sensi dell art.99 della L.P , n. 1, l intervento si configura come ristrutturazione edilizia in quanto è prevista una variazione di destinazione d uso (da deposito a sala attività, spogliatoio e WCH nel semi interrato). Nel PGUAP l area è individuata come Area residenziale. Sulla base di quanto sopra l intervento in progetto è urbanisticamente conforme. 7. DOTAZIONE MINIMA PARCHEGGI Come si evince dallo specifico elaborato grafico, la variazione di destinazione d uso di parte del locale semi interrato determina la necessità di realizzare nuovi parcheggi. Il calcolo è effettuato ai sensi dell art. 59 della L.P , n. 1 e dell allegato 3 Spazi di parcheggio alla deliberazione della G.P. n del Secondo la TABELLA B Dotazioni di standard minimi di parcheggi al servizio delle singole costruzioni, per i Servizi pubblici di interesse collettivo 3b Attrezzature di interesse comune (di cui fanno parte anche i servizi sociali di quartiere ) la superficie minima con destinazione parcheggio deve essere pari ad 1mq/10mc. Il volume, ai fini della determinazione degli spazi di parcheggio, è stato computato come indicato dall art. 4, comma 3, dell allegato 3 sopra citato. Il calcolo dei posti macchina necessari risulta dividendo l area di parcheggio calcolata per 12 mq 8 vedi art.2 delle medesime norme. Il volume calcolato risulta pari a 716,57 mc La superficie di parcheggio risulta pari a 716,57 /10 = 71,65 mq Posti auto risultanti: 71,65/12 = 5,97 il cui valore arrotondato è pari a 6 posti auto. Quattro nuovi posti auto si prevedono modificando il parcheggio esistente che viene ampliato costruendo un nuovo muro di sostegno ed eliminando un vialetto. Due posti auto, di cui uno al servizio di un portatore di andicap, vengono previsti nel piazzale nord prospiciente all ingresso del semi interrato. 8 INTERFERENZE CON INFRASTRUTTURE E SERVIZI ESISTENTI Per l esecuzione del muro di sostegno lato sud, è necessario limitare il traffico lungo stradina comunale prevedendo un senso unico alternato; lungo la strada verrà realizzata una recinzione di cantiere. Ai fini di limitare le interferenze con le attività del centro, si prevede che i lavori che interessano il piano terra vengano realizzati nel periodo estivo. 9. CONSIDERAZIONI GEOLOGICHE GEOTECNICHE 10

12 Il lavori determinano solo lievi interventi sotto il profilo geotecnico ed in particolare: fondazione pilastri pensilina, muri di sostegno area refrigeratore, muro di sostegno lato sud, muri contro terra intercapedini areate e muro di sostegno ampliamento parcheggio. Dalla perizia redatta dal dott. Paolo Murara si desume che trattasi di terreno sciolto costituito da sabbie, ghiaie e ciottoli immersi in una matrice da limosa a sabbiosa moderatamente addensata. Le pendenze dei fronti di scavo variano in funzione della profondità: 60 (per h=3,5 m) 57 (per h=4,0 m) 52 (per h=4,5 m) I cigli dei fronti di scavo dovranno essere protetti da teli impermeabili. Ai fini della definizione della capacità portante i parametri di riferimento sono: angolo attrito = 32 Coesione = 0 Peso specifico =1850 dan/mc Classificazione sismica: terreno in categoria C 10. TERRE E ROCCE DA SCAVO Il materiale di risulta da scavi e demolizioni si prevede venga conferito in discarica autorizzata. Cave autorizzate: Cave di Plicante snc sabbia e ghiaia (frazione di Plicante Ala) Chizzola armando inerti e scavi s.n.c. (frazione di Plicante Ala) Discarica autorizzata: Discarica inerti Ala ripristini loc. Casarino sp 90 km 12 (Plicante di Ala) 11. RIFERIMENTI NORMATIVI - D.M. 14 gennaio Testo Unico Norme Tecniche per le Costruzioni. - Testo unico edilizia D.P.R. 380/ Legge Provinciale 4 marzo 2008, n. 1 Pianificazione urbanistica e governo del territorio - Legge quadro sull inquinamento acustico e determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici L.447/95, dpcm 5/12/97 - Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n "Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici." (Pubblicato in S.O. della G.U. 27 settembre 1996, n. 227) - D.M. 14 giugno 1989, n. 236, pubblicato in Suppl. ordinario alla Gazz. Uff. 23 giugno 1989, n Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche - L. 13/89 e L.P. 1/91 Norme per il superamento delle barriere architettoniche 11

13 - Decreto 22 gennaio 2008, n Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. (Gazzetta Ufficiale n. 61 del 12 marzo 2008). - Decreto legislativo sul rendimento energetico nell edilizia D. Lgs. 192/2005 e disposizioni correttive ed integrative al D. Lgs. 311/2006, classificazione energetica secondo delibera provinciale /10/2006 dal P.A.T. - Decreto 16 febbraio 2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione. (GU n. 74 del Suppl. Ordinario n. 87) - Decreto 15 marzo 2005 Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo. - D.P.P n 7 114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture. - Decreto del Presidente della Repubblica n 151 del 1 agosto 2011, Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell articolo 49, comma 4-quater, del decretolegge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n DM 7 agosto 2012 (prevenzione degli incendi). - Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi. - UNI EN "Prova del pendolo - Metodo della prova di impatto e classificazione per il vetro piano". - UNI "Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie" - Decreto 21 Aprile 1993, n. 246 Regolamento di attuazione della direttiva 89/106/CEE relativa ai prodotti da costruzione (G.U. n. 170 del 22/7/93) - L.P n 26 e s.m. Norme in materia di lavori pubblici di interesse provinciale e per la trasparenza sugli appalti. - D.M n 145 Regolamento recante il capitolato generale d appalto dei lavori pubblici ai sensi dell art. 3 comma 5 della L n 109 e s.m. - D.P.P. 11 maggio 2012 Regolamento di attuazione della L.P n.26 e s.m. - D.M n 161 Regolamento recante la disciplina dell utilizzazione delle terre e rocce da scavo - Norme Tecniche per le Costruzioni - D.M Costruzioni in calcestruzzo (par.4.1), Progettazione per azioni sismiche (cap.7), Riferimenti tecnici (cap.12). - Circolare esplicativa n : Istruzioni per l applicazione delle Nuove Norme Tecniche per le costruzioni. 12. DURATA DEI LAVORI - COSTI DI ESERCIZIO 12

14 Si prevedono per l esecuzione dei lavori complessivamente 120 giorni continuativi. E prevista una scadenza intermedia dopo 90 giorni per il completamento del piano terra, copertura e cappotto termico. I nuovi lavori determineranno un aumento dei costi di esercizio determinati dall aumento del volume utilizzato per le attività del centro. I maggiori costi (pulizie, riscaldamento consumi elettrici) vengono stimati in circa Euro 5.000,00 all anno. 13. STIMA DEI COSTI Il computo metrico estimativo è stato redatto utilizzando i Listini Prezzi Informativi del 2012 pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Trentino Alto Adige e redatto dalla Provincia Autonoma di Trento. Nella stesura del computo è stato necessario procedere alla predisposizione di alcune nuove voci di lavori non presenti nel suddetto Listino; tali voci sono riconoscibili nell'elenco prezzi e nel computo metrico essendo contraddistinte dalla sigla NV. I criteri di redazione dell analisi prezzi degli NV sono: utilizzo voci del listino PAT utilizzo prezzi di mercato incrementati dal 12% per spese generali e del 10% per utile d impresa. Nel computo metrico i prezzi relativi all impiantistica sono di tipo parametrico così come prevede il D.P.P. 11 maggio 2012 Come risulta dalla stima dei costi allegata al progetto, il costo dell intervento ammonta a complessivi ,00 euro. 13

15 15. QUADRO ECONOMICO QUADRO ECONOMICO A) LAVORI A BASE D'APPALTO A.1 Lavori al netto degli oneri per la sicurezza ,58 A.2 Oneri della sicurezza 7 364,97 Sommano A ,55 B) SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE B.1 Lavori in economia - B.2 Accertamenti ed indagini - B.3 Allacciamenti a pubblici servizi - B.4 Imprevisti 543,00 B.5 Acquisizioni aree, occupazioni indennizzi - B.6 Spese per autorità LL.PP. 225,00 B.7 Spese tecniche (progetto, DL e sicurezza) ,00 B.8 CNPAIA 4% su B ,00 B.9 Perizia geologica (inclusi oneri previdenziali) 1 407,60 B.10 Collaudo statico (inclusi oneri previdenziali) 700,00 B.11 IVA 10% su (A+B.2+B.4) ,25 B.12 IVA 21% su (B.7+B.8+B.9+B10) ,60 Sommano B ,45 TOTALE A+B ,00 14

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGRAMMA INNOVATIVO IN AMBITO URBANO CONTRATTI DI QUARTIERE II (INTERVENTO ERP) RELAZIONE ILLUSTRATIVA PREMESSA La Regione Puglia con Deliberazione di G.R. n 99/00 ha localizzato nel Comune di Maglie

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE FONDAZIONI Fondazioni costituite da travi rovesce e platee in cemento armato,

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE DESCRIZIONE DELLE OPERE 1. STRUTTURA fondazioni continue in c.a., a travi rovesce, plinti isolati, platea; muri di cantina in cls. sp. cm. 30; pilastri e travi in c.a.; solai in laterocemento armato, la

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

New Residence a Udine in Via Martignacco 117

New Residence a Udine in Via Martignacco 117 New Residence a Udine in Via Martignacco 117 Premessa La costruzione è formata da due palazzine unite tra di loro identificate con la lettera A e la lettera B, ciascuna palazzina è composta da n.6 unità

Dettagli

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante: - RISPONDERE a tutte le domande contenute nelle

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

PREZZI, COSTI e DATI

PREZZI, COSTI e DATI SCUOLA MEDIA 29-02-2008 08:28 Pagina 50 PREZZI, COSTI e DATI PER COSTRUIRE Tipologie edilizie e costi Scuola Media Quanto costa costruire una scuola media composta da aule didattiche, aule speciali e spazi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI 1 PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45.

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45. Oggetto: Variante alla concessione edilizia ai sensi dell Art. 5 della L.R. 04/2009 di un fabbricato ad uso residenziale sito a Quartu Sant Elena in via Dante angolo via Ravenna. Relazione tecnica Dati

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI SPESA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI SPESA Comune di MONTEBELLUNA Provincia di TREVISO Progetto PRELIMINARE di ADEGUAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLE SCUOLE ELEMENTARI DI PEDERIVA 1 RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO PROGETTO ESECUTIVO Comune di ESCALAPLANO Provincia di CA OGGETTO: ADEGUAMENTO FABBRICATO ADIBITO A COMUNITA' ALLOGGIO PER ANZIANI COMMITTENTE: COMUNE DI ESCALAPLANO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Escalaplano,

Dettagli

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici...

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici... RELAZIONE GENERALE Generalità... 2 Stato dei Luoghi... 2 Locali A1 e A2... 2 Locale B... 2 Soluzioni Progettuali... 3 Spogliatoi-servizi igienici... 3 - Locali SP1 e SP2... 3 - Servizi igienici (S)...

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 ESTRATTO DEL CAPITOLATO LAVORI DEMOLIZIONI Demolizione edificio esistente SCAVI E RINTERRI Scavo di sbancamento

Dettagli

Provincia Regionale di Palermo

Provincia Regionale di Palermo Provincia Regionale di Palermo Direzione Manutenzione del Patrimonio ed Edilizia Scolastica I Ist. Tecn. Industriale "V. Emanuele III" di Palermo - Progetto di miglioramento dell isolamento termico dell

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE PRESENTAZIONE DI PROPOSTA PROGETTUALE DA FINANZIARE NELL AMBITO DELL OBIETTIVO OPERATIVO 2.1 RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DI CENTRI POLIFUNZIONALI FINALIZZATI ALL INSERIMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Procedimento misto per la stima di costo

Procedimento misto per la stima di costo Procedimento misto per la stima di costo Venezia, 12 maggio 2005 Obiettivo e struttura della lezione L obiettivo della lezione è illustrare una metodologia di analisi del valore che consenta di pervenire

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati 1) Premessa L edificio oggetto del presente progetto e la Scuola Elementare di proprieta Comunale denominata Martiri della Liberta, ubicata in via G. del Carretto a Casale M.to. Per l anno scolastico in

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA

DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA STRUTTURE PORTANTI - Fondazioni continue in c.a., solai per il vuoto sanitario in muretti con blocchi cls, tavelloni e soprastante getto di caldana in c.a., solaio

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon Milano, 22 febbraio 2010 EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI Giovanni Zambon DISAT Università degli Studi di Milano - Bicocca INTRODUZIONE Gli edifici ad uso collettivo presentano caratteristiche

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via ANZANI n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE EDILI ed AFFINI Il progettista Agosto 2011 Demolizioni Demolizione

Dettagli

Relazione tecnica e illustrativa

Relazione tecnica e illustrativa Comune di Laerru Provincia di SASSARI Relazione tecnica e illustrativa OGGETTO: Potenziamento delle strutture scolastiche in termini di dotazioni tecniche e di spazi per attività extrascolastiche Ristrutturazione

Dettagli

Residenziale Le Colline"

Residenziale Le Colline ABITCOOP - COOPERATIVA DI ABITAZIONE DELLA PROVINCIA DI MODENA - Società Cooperativa via Nonantolana, 520 41122 Modena tel. 059 381411 fax 059 331408 registro imprese di Mo, c.f. e p. iva 00671780369 albo

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Provincia di Milano RISTRUTTURAZIONE VILLA BESOZZI Piazza Manzoni, 2 Proprietà: ASF & Servizi alla Persona - Carugate Rif. COMPUTO METRICO Unità di misura Quantità Prezzo Un.

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA COMUNE DI MONTIGLIO MONFERRATO Provincia di ASTI- OGGETTO : Progetto per la manutenzione straordinaria di edificio scolastico con interventi di adeguamento a normative vigenti PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

Comune di Lurano Provincia di Bergamo. Nuova RESIDENZA SANTA CHIARA srl CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE

Comune di Lurano Provincia di Bergamo. Nuova RESIDENZA SANTA CHIARA srl CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE Comune di Lurano Provincia di Bergamo Nuova RESIDENZA SANTA CHIARA srl CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE 1 NOTA INTRODUTTIVA La descrizione ha lo scopo di evidenziare le caratteristiche principali dell

Dettagli

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C ALLEGATO C Audit energetico del corpo C OSPEDALE DI MANZONI DI LECCO Via Dell Eremo, 9/11 Redatto da: Revisione Data 1 INDICE A1. ANAGRAFICA E DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 3 A1.1 GENERALITÀ... 3 A1.2 DESCRIZIONE

Dettagli

area economia e territorio servizio edilizia scolastica Trieste,...

area economia e territorio servizio edilizia scolastica Trieste,... area economia e territorio servizio edilizia scolastica Trieste,... OGGETTO: cod. opera 09138 Accordo di Programma Quadro in materia di politiche giovanili Ricreatorio Lucchini manutenzione straordinaria

Dettagli

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino.

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino. PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino 1 2 3 4 5 6 ALLESTIMENTO ED INSTALLAZIONE DEL CANTIERE, recinzioni e segnalazioni

Dettagli

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo.

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. 1 Descrizione morfologica e tipologica Villa de Bellat è posizionata all interno di una vasta area agricola, situata in destra

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

PROGETTO PER LA GESTIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA INTEGRATE CON SERVIZI IGIENICI PUBBLICI. Sommario

PROGETTO PER LA GESTIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA INTEGRATE CON SERVIZI IGIENICI PUBBLICI. Sommario Sommario PARTE I DISCIPLINARE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE DEGLI ELEMENTI TECNICI... 5 PARTE I SEZIONE I CARATTERISTICHE GENERALI DELL INTERVENTO... 5 Art. 1 Descrizione generale dell intervento... 5 1.1

Dettagli

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA REGGIO EMILIA Via Antonio Allegri n 10 ALLOGGIO ERE0019 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE L Agenda SCUOLE Rilevazioni SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto Ing. Antonio Smaldore ACLI Anni Verdi Regionale schede rilevazioni P.I. Gino

Dettagli

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4 Indice Premessa A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3 A1.Inquadramento territoriale pag. 4 A2. Normativa di riferimento pag. 4 A3. Altri strumenti di pianificazione pag. 5 B. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi INQUADRAMENTO GENERALE * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi FRONTE NORD - ACCESSO * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Progettisti: Geom. Giuseppe Pugliese Geom. Fabio Reho INTRODUZIONE Il progetto

Dettagli

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80 COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80 (TRATTO CHE INCROCIA VIA BRACCIANO E VIA CHIESETTA DELLE GRAZIE) PROGETTO ESECUTIVO ALL. C.04 22 S..0.

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

L ex Ferrhotell pag. 2. Il progetto pag. 4. Gli interventi pag. 8

L ex Ferrhotell pag. 2. Il progetto pag. 4. Gli interventi pag. 8 -1- Indice L ex Ferrhotell pag. 2 Il progetto pag. 4 Gli interventi pag. 8 -2- L'ex Ferrhotel L'edificio oggetto di intervento è stato da poco acquistato dal Comune di Porretta Terme con il preciso intento

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA CENNI SOCIO-CULTURALI Il paese di Sorico è costituito da un centro e da numerose frazioni diffuse su uno dei territori più vasti della provincia di Como, che si intersecano

Dettagli

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI TURRIACO ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE Indice

Dettagli