REGOLAMENTO URBANISTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO URBANISTICO"

Transcript

1 <Lora COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO Norme Tecniche di Attuazione MODIFICATO A SEGUITO ACCOGLIMENTO DELLE OSSERVAZIONI e EMENDA- MENTI APPROVATO CON DELIBERA C.C. n. 84 del 29/09/2012

2

3 TITOLO I CONTENUTI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Art. 1 Finalità del Regolamento Urbanistico 6 Art. 2 Elaborati del RU 7 Art. 3 (Soppresso) 10 Art. 4 Disciplina generale degli insediamenti 10 Art. 4 bis Interventi soggetti a valutazione integrata 13 TITOLO II DEFINIZIONI E PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Art. 5 (Soppresso) 13 TITOLO III DESTINAZIONI D USO Art.6 Destinazioni d'uso degli immobili e standard per parcheggi 14 Art.7 Variazioni della destinazione d'uso e del carico urbanistico 20 TITOLO IV DEFINIZIONI DELLE TRASFORMAZIONI FISICHE DEGLI IMMOBILI Art. 8 Manutenzione qualitativa 22 Art. 9 Ristrutturazione edilizia 26 Art. 10 Trasformazioni urbanistiche ed edilizie 29 Art. 11 Nuova costruzione 32 Art. 11/bis Interventi di prima casa 36 Art. 12 Interventi di recupero a fini turistici e ricettivi 39 TITOLO V DISCIPLINA PER LA GESTIONE DEGLI INSEDIAMENTI ESISTENTI Art. 13 Ambiti di riqualificazione insediativa 43 Art. 14 Ambiti di riqualificazione produttiva 49 Art. 15 Zone per servizi pubblici e privati 56 Art. 16 Infrastrutture 64 Art. 17 Zone "H" - Verde privato 66 Art. 18 Zone "I" di tutela dell'ambiente 68 Art. 19 Salvaguardia del verde e delle alberature 70 Art. 20 Pertinenze 72 Art. 21 Vincoli 75 TITOLO VI DISCIPLINA DELLE TRASFORMAZIONI Art. 22 Criteri generali d'intervento per le zone di trasformazione 78 Art. 23 Piani attuativi 81 3

4 TITOLO VII DISCIPLINA DEL TERRITORIO RURALE PARTE I Ambiti con prevalente funzione ambientale Art. 24 Area umida 82 Art. 25 Boschi 84 Art. 26 Oliveti 85 PARTE II Aree di produzione agricola Art. 27 Area agricola 87 Art. 28 Area ad economia agricola debole 89 PARTE III Nuova costruzione e recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente Art. 29 Costruzione di nuovi edifici rurali 90 Art. 30 Interventi sul patrimonio edilizio esistente con destinazione d'uso agrico la non soggetto a PMAA 99 Art. 31 Interventi sul patrimonio edilizio esistente con destinazione d'uso non agricola 100 Art. 32 Modalità di intervento sugli edifici esistenti nelle aree esterne al perimetro del centro edificato 104 Art. 33 Viabilità rurale e sentieristica 105 Art. 34 Programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo ambientale e di riqualificazione 107 Art. 35 Frantoi 109 Art. 36 Limiti all'attività edilizia nei sub sistemi collinari e di pianura 111 Art. 37 Strutture turistico ricettive e complementari turistiche all interno del territorio rurale 112 Art. 38 Interventi nei nuclei abitati all'interno del territorio rurale 115 TITOLO VIII PROGRAMMA PER L'ABBATTIMENTO DELLE BARRIERRE ARCHITETTONICHE Art. 39 Opere finalizzate all'eliminazione delle barriere architettoniche realizzate in deroga 117 Art. 40 Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico 118 Art. 41 Disciplina degli strumenti di integrazione per disabili 119 TITOLO IX REQUISITI DI CONFORT AMBIENTALE E DI RISPARMIO DELLE RISORSE Art. 42 (Soppresso) 122 4

5 Art. 43 (Soppresso) 122 Art. 44 (Soppresso) 122 Art. 45 (Soppresso) 122 TITOLO X DISCIPLINA RELATIVA ALLE CONDIZIONI DI FRAGILITA' AMBIENTALE Art. 46 Campo di applicazione 123 Art. 47 Condizioni di fragilità del territorio: carta e norme di fattibilità 124 Art. 48 La carta e le norme di fattibilità 125 Art. 49 La fattibilità geologica e geomorfologica ai sensi del P.T.C. 128 Art. 50 La fattibilità geotecnica ai sensi del P.T.C. 130 Art. 51 La fattibilità da subsidenza ai sensi del P.T.C. 131 Art. 52 La fattibilità da colate detritiche torrentizie ai sensi del P.T.C. 133 Art. 53 La fattibilità idraulica ai sensi del P.T.C. 134 Art. 54 La fattibilità sismica ai sensi del P.T.C. 138 Art. 55 Disposizioni generali per le classi di fattibilità ai sensi del P.T.C. 139 Art. 56 Disposizioni particolari per le aree alluvionate 140 Art. 57 Livello di approfondimento delle indagini sismiche 141 Art. 58 Contenimento della impermeabilizzazione del suolo 143 Art. 59 Salvaguardia degli acquiferi 145 Art. 60 Aree vulnerate dal fenomeno di insalinimento dell'acquifero superiore 150 Art. 61 Prescrizioni correlate agli ambiti idraulici 152 Art. 62 Ulteriori prescrizioni relative alle aree correlate di pertinenza dei corsi d'acqua di rilevanza ambientale 155 Art. 63 Norme specifiche per le aree a fattibilità 4 e a pericolosità elevata e molto elevata del PAI Bacino fiume Serchio 159 Art. 64 Alvei lacuali 165 Art. 65 Attività di escavazione 166 Art. 66 Le emergenze geologiche 169 Art. 67 Salvaguardie per sorgenti e pozzi 170 Art. 68 Matrice per la valutazione della fattibilità 172 TITOLO XI DISPOSIZIONI GENERALI Art. 69 Stazioni ed impianti fissi per le telecomunicazioni e impianti assimilabili 173 Art. 70 (Soppresso) 174 TITOLO XII DISPOSIZIONI FINALI Art. 71 Conferma della disciplina dello strumento urbanistico vigente 174 Art. 72 Dimensionamento ammesso dal RU 176 ELENCO DEGLI IMMOBILI A1 178 ELENCO DEGLI IMMOBILI A

6 ALLEGATO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CESSIONE DI AREA 180 ALLEGATO PARTE 1 Allegato A - DISCIPLINA DELLE ZONA DI TRASFORMAZIONE ALLEGATO PARTE 2 Allegato B - INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE CONVENZIONATA Allegato C - INTERVENTI DI RILOCALIZZAZIONE Allegato D - PIANI ATTUATIVI Allegato E - NUCLEI ABITATI ALL'INTERNO DEL TERRITORIO RURALE ALLEGATO PARTE 3 Allegato F - NORME E CARTOGRAFIA RELATIVA AL TERRITORIO DI MASSAROSA DEL PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO AUTORITA DI BACINO PILOTA FIUME SERCHIO Allegato G - NORME E CARTOGRAFIA RELATIVA AL TERRITORIO DI MASSAROSA DEL BACINO REGIONALE TOSCANA NORD PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO 6

7 TITOLO I CONTENUTI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Art. 1 Finalità del Regolamento Urbanistico 1. Il Regolamento Urbanistico (RU) disciplina l attività urbanistica ed edilizia per l intero territorio comunale in coerenza al Piano Strutturale e alla legge regionale sul governo del territorio, ad esclusione delle aree comprese all interno del Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli per le quali si applicano le norme del Piano di gestione del parco; in tali aree si devono comunque utilizzare le disposizioni previste dagli Art.li 4, 5 e 6, nonché quelle del Titolo IX e X del presente regolamento urbanistico se più restrittive. Il R.U. disciplina: a) gli insediamenti esistenti; b) le trasformazioni degli assetti insediativi, infrastrutturali ed edilizi; c) il territorio rurale. 2. Per la disciplina relativa agli insediamenti esistenti il R.U. si avvale del quadro delle conoscenze dell ambito comunale eseguito ai fini della formazione del PS e, all interno delle Utoe, dell analisi del sistema insediativo realizzato attraverso il completo accertamento dello stato di fatto eseguito a sostegno dell'elaborazione progettuale tesa a garantire azioni di recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente compresa la tutela e la valorizzazione degli edifici e dei manufatti di valore storico e artistico. 3. La disciplina delle trasformazioni degli assetti insediativi comprende gli ambiti urbani per i quali sono previsti un sistema complesso di interventi destinati ad innovare l assetto fisico e funzionale. Tale disciplina si attua, di norma, attraverso piani complessi di riqualificazione insediativa applicando i meccanismi della perequazione urbanistica. 4 Le previsioni del R.U. sono in ogni caso subordinate alla legislazione statale e regionale in materia e al PS, alla disciplina geologico e idraulica, alle norme del PAI e al piano di classificazione acustica. 5. Dovranno inoltre essere rispettate le norme prestazionali e progettuali indicate nel Regolamento Edilizio Comunale, nonché le ulteriori normative in materia di edilizia e di igiene. 7

8 Art. 2 Elaborati del RU 1. Il Regolamento Urbanistico è costituito dai seguenti elaborati: - Relazione generale aggiornata; - Quadro conoscitivo - Analisi Conoscitive del tessuto urbano ; - Relazione geologica, geomorfologia e geotecnica con allegata Tav. sezioni geologico-stratigrafiche relative all utoe con pericolosità subsidenza elevata (4s); -Relazioni geologiche recepite quali aggiornamento del Quadro Conoscitivo; - Valutazione della vulnerabilità sismica; - Relazione sull analisi idrologiche idrauliche con allegate tav. grafiche; - Programma per l abbattimento delle barriere architettoniche; -Valutazione degli effetti ambientali; - Studio per la valutazioni di incidenza; - Norme Tecniche di Attuazione con allegati (A - B - C - D - E); - Tavola 1a Utoe 1 Piano di Mommio scala 1:2.000; - Tavola 1b Utoe 1 Piano di Mommio scala 1:2.000; - Tavola 2 Utoe 2 Bocchette scala 1:2.000; - Tavola 3 Utoe 3 Piano di Conca scala 1:2.000; - Tavola 4 Utoe 4 Bargecchia e Corsanico scala 1:2.000; - Tavola 5 Utoe 5 Stiava scala 1:2.000; - Tavola 6a Utoe 6 Montramito scala 2.000; - Tavola 6b Utoe 6 Montramito scala 2.000; - Tavola 7 Utoe 7 Piano del Quercione scala 1:2.000; - Tavola 8 Utoe 8 Pieve a Elici scala 1: 2.000; - Tavola 9a Utoe 9 Massarosa scala 1: 2.000; - Tavola 9b Utoe 9 Massarosa scala 1: 2.000; - Tavola 9c Utoe 9 Massarosa scala 1: 2.000; - Tavola 10a Utoe 10 Bozzano Quiesa scala 1:2.000; - Tavola 10b Utoe 10 Bozzano Quiesa scala 1:2.000; - Tavola 11 Utoe 11 Massaciuccoli scala 1:2.000; - Tavola 12a Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12b Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12c Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12d Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12e Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12f Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12g Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12h Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 12i Territorio Aperto scala 1:5.000; - Tavola 13a Utoe 1 Piano di Mommio - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13b Utoe 1 Piano di Mommio - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13c Utoe 2 Bocchette - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13d Utoe 3 Piano di Conca - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13e Utoe 4 Bargecchia e Corsanico - Carta della Fattibilità-scala 1:2.000; - Tavola 13f Utoe 5 Stiava - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13g Utoe 6 Montramito - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13h Utoe 6 Montramito - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; 8

9 - Tavola 13i Utoe 7 Piano del Quercione - Carta della Fattibilità -scala 1:2.000; - Tavola 13l Utoe 8 Pieve a Elici - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13m Utoe 9 Massarosa - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13n Utoe 9 Massarosa - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13o Utoe 9 Massarosa - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13p Utoe 10 Bozzano e Quiesa - Carta della Fattibilità scala 1:2.000; - Tavola 13q Utoe 10 Bozzano e Quiesa - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 13r Utoe 11 Massaciuccoli - Carta della Fattibilità - scala 1:2.000; - Tavola 14a Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14b Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14c Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14d Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14e Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14f Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14g Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14h Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 14i Carta della pericolosità geologica geomorfologia e geotecnica - scala 1:5.000; - Tavola 15a Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15b Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15c Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15d Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15e Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15f Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15g Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15h Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 15i Carta della pericolosità idraulica, dei canali e dei corsi d'acqua - scala 1:5.000; - Tavola 16a Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; - Tavola 16b Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; 9

10 - Tavola 16c Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; - Tavola 16d Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; - Tavola 16e Carta della pericolosità sismica - scala 1: Tavola 16f Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; - Tavola 16g Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; - Tavola 16h Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; - Tavola 16i Carta della pericolosità sismica - scala 1:5.000; - Tavola 17a Carta dei fenomeni franosi (PAI Serchio) - scala 1: ; - Tavola 17b Carta dei fenomeni franosi (PAI Serchio) - scala 1: ; - Tavola 18a Carta del rischio idraulico (PAI Serchio) - scala 1: ; - Tavola 18b Carta del rischio idraulico (PAI Serchio) - scala 1: ; - Allegato F Norme di riferimento del PAI Serchio; - Allegato G Carta dei fenomeni franosi e della pericolosità idraulica (PAI Toscana Nord) - scala 1: ; - Allegato G Norme di riferimento del PAI Toscana Nord; - Tavola 19a Carta delle zone percorse dal fuoco - scala 1: ; - Tavola 19b Carta delle zone percorse dal fuoco - scala 1: ; - Tavola 20a Perimetro centri abitati - scala 1:10.000; - Tavola 20b Perimetro centri abitati - scala 1:10.000; - Tavola 21a - Carta dei siti per l installazione delle stazioni radio base sul territorio comunale e degli impianti radiotelevisivi esistenti scala 1:10.000; - Tavola 21b - Carta dei siti per l installazione delle stazioni radio base sul territorio comunale e degli impianti radiotelevisivi esistenti scala 1:

11 ART. 3 (Soppresso) Art. 4 Disciplina generale degli insediamenti 1. Le presenti norme disciplinano l attività urbanistica ed edilizia secondo le disposizioni contenute nel piano strutturale e le leggi nazionali e regionali in materia. In caso di contrasto tra le norme di legge e la presente disciplina si applicheranno esclusivamente le prime. 2. Sugli edifici esistenti in contrasto con le destinazioni urbanistiche del R.U., sono ammessi interventi, fino alla ristrutturazione edilizia non comportante né aumento di superficie coperta, né di volume e né mutamento dell originaria destinazione, nelle zone soggette a piano attuativo gli interventi edilizi attuabili tramite intervento edilizio diretto, in assenza di pianificazione attuativa approvata, sono quelli fino alla ristrutturazione r2, non comportanti né aumento di volume, né carico urbanistico, né unità immobiliari, fatta salva eventuale specifica indicazione contenuta all interno della normativa che disciplina le relative sottozone. 3. Ogni intervento urbanistico ed edilizio si attua avendo come riferimento l unità minima di intervento (U.M.I.) che corrisponde alla superficie fondiaria all interno della quale ogni trasformazione edilizia, a partire dagli interventi di ristrutturazione edilizia di cui al successivo Art. 9 delle presenti norme, deve essere definita con progetto unitario: a) nell ambito dei nuclei storici (fatta salva specifica indicazione grafica nella tavola del R.U.) e negli ambiti b), f) di cui al successivo art. 13, la Umi coincide con la unità tipologica (Ut), intesa come un organismo edilizio completo, dalle fondazioni alla copertura o, comunque, una costruzione realizzata o trasformata con interventi unitari, comprendente tutti gli elementi costruttivi, distributivi e funzionali necessari alla sua utilizzazione. Nella tavola del RU, ad esclusione degli immobili compresi all interno degli ambiti di riqualificazione insediativa di tipo a) b) f) di cui al successivo Art. 13, l unità tipologica coincide con i fabbricati classificati B1, B2, B3, B4, B7, B8, B9 che sono stati raffigurati con apposita colorazione. La rappresentazione grafica di tali edifici deve intendersi indicativa in quanto la CTR usata come base per il RU può non comprendere l intero fabbricato, per cui si deve sempre tenere conto, ai fini della valutazione degli interventi urbanistici ed edilizi, dell organismo edilizio completo come sopra definito; b) negli ambiti c), d), e), g), di cui al successivo art. 13, la Umi coincide con la proprietà del lotto comprendente l edificio (Ut)) e la sua area pertinenziale alla data di adozione del regolamento urbanistico ( ), eventualmente costituita anche da più particelle catastali adiacenti e contigue appartenenti alla stessa proprietà, che sia delimitata da elementi fisici ben definiti (quali recinzioni, canali e strade di confine, ecc.). Ai fini del raggiungimento dei lotti minimi edificabili di cui all art.11 comma1 lettera a) è ammessa la fusione di UMI appartenenti a proprietà diverse. In tal caso per la capacità edificatoria è 11

12 fatto riferimento alla somma delle due superfici delle due U.M.I. Sono considerati lotti liberi, ai fini della realizzazione degli interventi di nuova costruzione nc1 di cui alla lettera a) del successivo Art. 11 e Art. 11/bis comma 5, le Umi autonome che dispongono dei requisiti sopra descritti su cui non insistono fabbricati schedati, manufatti o pertinenze di altri edifici. E considerato lotto libero anche quello su cui sono presenti manufatti autonomi non pertinenziali che non sono stati rappresentati nella cartografia del regolamento urbanistico; c) le Umi relative agli interventi di sostituzione vincolata ru4 (Art. 10) e di nuova costruzione convenzionata nc2 di cui al primo comma, lettera b) del successivo Art. 11 sono individuate con apposito perimetro/simbolo nella tavola del RU; d) nel territorio rurale negli interventi sul patrimonio edilizio esistente con destinazione d uso non agricola di cui al successivo Art. 31, la Umi è rappresentata dall area catastale e/o proprietà, comprensiva di tutti gli edifici racchiusi al suo interno per i quali ogni progetto di recupero deve essere definito attraverso un progetto unitario. Ai fini del calcolo della potenzialità edificatoria all interno delle unità minime di intervento valgono i valori delle superfici catastali. 4. In caso di crollo parziale o totale avvenuto dopo l adozione del piano strutturale di un fabbricato regolarmente autorizzato, esso potrà essere ricostruito a parità di Sul, Volume, numero dei piani e tipologia edilizia preesistente, mantenendo la destinazione d uso originaria o quella ammessa dal RU per la relativa zona/ambito di appartenenza. 5. L utilizzazione totale dell indice territoriale o fondiario in epoca successiva all approvazione del primo RU (Del. C.C. n 103 del 10/10/08) su una determinata superficie, esclude ogni successivo rilascio di altri permessi ad edificare sulle superfici stesse tesi ad utilizzare nuovamente detto indice, salvo il caso di demolizione e ricostruzione, indipendentemente da qualsiasi frazionamento o passaggio di proprietà. 6 E vietata l utilizzazione a scopo edificatorio dei terreni per i quali è prevista l applicazione dell indice di Uf che sono stati oggetto di frazionamento catastale avvenuto successivamente alla data di adozione del regolamento urbanistico ( ), solo nel caso in cui dal frazionamento discenda un aumento della Sul edificabile. 7. Gli atti di sottomissione, asservimento e/o le convenzioni stipulati antecedentemente alla data di adozione del RU conservano la loro efficacia limitatamente ai vincoli per le aree di urbanizzazione, quelli per standards, parcheggi privati e quelli stipulati ai fini del rispetto delle distanze. Nella zona agricola mantengono la loro validità gli atti di sottomissione e/o asservimento connessi a costruzioni realizzate con gli strumenti urbanistici precedenti. 8. Le serre agricole possono essere recuperate solo per attività agricole o utilizzate come depositi di materiali e attrezzature compatibili con il territorio agricolo, in aree già urbanizzate in relazione agli interventi agricoli già effettuati, che non necessitano di ulteriori opere. La loro superficie non concorre al calcolo degli indici di edificabilità. 12

13 9. Ai fini della classificazione in zone territoriali omogenee ai sensi del secondo comma del DM 1444/68 sono considerate: - zona A i nuclei storici di cui alla lettera a) del successivo Art. 13 e secondo comma Art. 38; - zona B le aree residenziali di cui alle lettere b), c), d), e), f), g) del successivo Art. 13, le zone nc2 qualora sia stata approvata dal Consiglio Comunale la proposta di frazionamento e l impegno alla stipula della convenzione ai sensi del successivo Art. 11, c1, lettera b) e i nuclei di recente formazione del successivo Art. 13, terzo comma Art. 38; - zona C le Zone di Trasformazione di cui al successivo Art. 22 e 23; - zona D gli Ambiti di riqualificazione produttiva di cui al successivo Art. 14; - zone E il territorio rurale di cui al successivo Titolo VII, Art.li 24, 25, 26, 27, 28 e le zone I del successivo Art. 18; - zone F le aree per attrezzature ed impianti di interesse generale e quelle per servizi pubblici di cui al successivo Art. 15, nonché le zone nc2, qualora si intervenga con esproprio diretto da parte dell amministrazione. Qualora per effetto della diversa rappresentazione grafica tra catasto e CRT 2000, limitatamente ai margini di confine comunale, quando piccole aree non risultassero pianificate, queste ultime saranno considerate urbanisticamente individuate dalla destinazione prevalente dei lotti contigui. 10. Costituiscono parte integrante delle presenti norme gli allegati A, B, C, D, E, F, G. 11. Salvo diversa disposizione prevista dalle presenti norme di attuazione, per edificio esistente si intende un edificio/manufatto esistente e/o legittimato alla data di adozione del piano strutturale (20/06/2003). 12. Gli interventi di nuova costruzione e la ristrutturazione degli edifici esistenti devono garantire i requisiti di confort ambientale e di risparmio delle risorse in quanto sono un obiettivo primario ai fini della qualità urbana, ambientale ed edilizia. 13. Ai fini della tutela del paesaggio gli interventi urbanistici ed edilizi non devono modificare il profilo visuale dei crinali. A tale scopo le nuove costruzioni e le sopraelevazioni di fabbricati esistenti devono essere collocati sul lotto in modo da evitare che la sagoma dell edificio fuoriesca dal profilo del crinale. 14. Ai fini del dimensionamento massimo sostenibile di cui al comma secondo e terzo dell Art. 22 del piano strutturale, il regolamento urbanistico stabilisce, per ogni funzione prevista, parametri urbanistici ed edilizi in termini di Sul edificabile e, per la destinazione residenziale, il numero degli alloggi che non potranno superare, nel complesso delle previsioni del RU, quanto stabilito dall Art. 22, secondo comma, lettera a) e dall Allegato A (Utoe) del piano strutturale. 15. Fino all adozione della variante generale al regolamento urbanistico per l adeguamento al piano strutturale approvato con delibera C.C. n 59/2010, si applicano le salvaguardie geologiche e idrauliche di cui all Art. 42 del sopra. 8citato piano strutturale. 13

14 ART. 4 bis Interventi soggetti a valutazione integrata (soppresso) Art. 5 (Soppresso) 14

15 TITOLO III DESTINAZIONI D USO Art. 6 Destinazioni d uso degli immobili e standards per parcheggi 1. Le destinazioni d uso degli immobili, nel rispetto della L.R. N. 01/05 ed in formazione del piano delle funzioni, sono state raggruppate in sette categorie alle quali sono state associate diverse funzioni per ognuna delle quali sono previste una dotazione minima di standards di parcheggio e di posti auto, fatte salve le verifiche di cui alla L. 122/89 ed alla DCR 21/07/99 e s.m.. Ai fini del calcolo del volume per la verifica della L. 122/89 per i fabbricati industriali e/o artigianali di cui alla lettera b) si utilizza una altezza virtuale di 3,50 ml. per la Sul totale. Nel caso la tabella preveda di soddisfare più di una tipologia di standard per parcheggio, essi devono essere sommati: a) Residenziale SOTTOCATE GORIE CATEGORIA D USO FUNZIONI MQ PARCHEGGIO OGNI 100 a/1 RESIDENZIALE - unità immobiliari destinate ad abitazioni di ogni tipo; - dimore permanenti o temporanee di famiglie o persone, aventi caratteristiche tali da essere adibite a tale scopo; - attività professionali esercitate da persone residenti nell abitazione purché non nocive e moleste; a/2 ATTIVITÀ DI TIPO DIFFUSIVO ai fini del piano della distribuzione e delle funzioni sono ammesse le categorie d uso rientranti nei codici c1, e1, e2, e3 (solo per l artigianato di servizio), f2, f6 purché occupino una Sul non superiore al 50% della Sul dell unità minima di intervento e, comunque, una Sul minore o uguale a mq. 80; b) Industriale - Artigianale b/1 INDUSTRIALE E ARTIGIANALE - tutti i tipi di attività industriale e artigianale non nociva e molesta; - sono compresi nell uso gli spazi produttivi veri e propri, gli uffici, i magazzini, le mostre, gli spazi di servizio, di supporto e tecnici; b/2 MAGAZZINI E LOCALI PER - sono compresi anche i relativi spazi tecnici e di servizio; DEPOSITI b/3 COMMERCIALE ALL INGROSSO - le attività di vendita all ingrosso; - sono compresi nell uso eventuali spazi di lavorazione, gli uffici, i magazzini, gli spazi di vendita ed esposizione, gli spazi di servizio, di supporto e tecnici; MQ DI SUL / N POSTI AUTO - non inferiore a 2 p.a. per alloggio; - non inferiore a 2 p.a. per attività; - per le attività commerciali come da Art. 10 della D.C.R. 26/07/99 n. 233 e s.m.; - 30 mq/100 di Sul oltre a 2 p.a. per attività; - 30 mq/100 di Sul oltre a 2 p.a. per attività; - 30 mq/100 di Sul; b/4 INDUSTRIALE E ARTIGIANALE attività di trasformazione e - 30 mq/100 di Sul oltre 15

16 c) Commerciale SPECIALE produzione di materiali per l edilizia; a 2 p.a. per attività; c/1 ESERCIZI DI VICINATO ALIMENTARE E NON ALIMENTARI c/2 MEDIA STRUTTURA DI VENDITA ALIMENTARE c/3 MEDIA STRUTTURA DI VENDITA NON ALIMENTARE c/4 GRANDE STRUTTURA DI VENDITA NON ALIMENTARE d) Turistico ricettiva d/1 ALBERGHI E RESIDENZE TURISTICHE ALBERGHIERE d/2 STRUTTURE RICETTIVE ALL ARIA APERTA d/3 STRUTTURE RICETTIVE PER L OSPITALITA COLLETTIVA d/4 STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE CON CARATTERISTICHE DI CIVI-LE - gli spazi di vendita, esposizione e di servizio di attività commerciali al dettaglio con Superficie di vendita fino a mq. 250; - nell uso sono compresi gli spazi di servizio; - sono escluse le attività di cui alla successiva destinazione e/4; - gli spazi di vendita, esposizione e di servizio di attività commerciali con Superficie di vendita compresa tra mq. 250 e mq *; - nell uso sono compresi gli spazi di servizio; - sono escluse le attività di cui alla successiva destinazione e/4; * vedi delibera G.M. n. 158 del 23/05/2012 e successiva Determina Dirigenziale n. 4 del 25/05/ gli spazi di vendita, esposizione e di servizio di attività commerciali con Superficie di vendita compresa tra mq. 250 e mq. 1500; - nell uso sono compresi gli spazi di servizio; - sono escluse le attività di cui alla successiva destinazione e/4; - gli spazi di vendita, esposizione e di servizio di attività commerciali con Superficie di vendita maggiore di mq. 1500; - sono escluse le attività di cui alla successiva destinazione e/4; Alberghi come definiti agli Art.li 26, 27 e 28 Titolo II, Capo I, Sezione II del T.U. delle Leggi Regionali in materia di turismo (n 42/2000); - Comprende le strutture ricettive di cui agli Art.li 29, 30, 31 e 32 così come definite al Titolo II, Capo I, sezione II, del T.U. delle Leggi Regionali in materia di turismo (n 42/2000); - Comprende le strutture ricettive di cui agli Art.li 47, 48 e 50 così come definite al Titolo II, Capo II, sezione II, del T.U. delle Leggi Regionali in materia di turismo (n 42/2000); - Comprende le strutture ricettive di cui agli Art.li 55, 56, 57 e 58 così come definite al Titolo II, Capo I, - come da Art. 27 del DPGR n. 15/R del 1/4/09 e s.m., con annullamento delle superfici di relazione nei casi di cui all Art. 28 del citato Reg. 15/R; - Come da Art. 27 e 29 del DPGR n. 15/R del 1/4/09 e s.m.; - Come da Art. 27 e 29 del DPGR n. 15/R del 1/4/09 e s.m.; - Come da D.C.R. 99 n. 233 e 21/07/ s.m.; - 50 mq/100 di Sul e un p.a. ogni camera; - 60 mq/100 di Sul e un p.a. ogni posto letto; - 50 mq/100 di Sul e un p.a. ogni camera; - 50 mq/100 di Sul e un p.a. ogni camera; 16

17 ABITAZIONE e) Direzionale sezione III, del T.U. delle Leggi Regionali in materia di turismo (n 42/2000); e/1 ATTIVITÀ DIREZIONALI - le attività amministrative, finanziarie, bancarie, assicurative; Fanno parte di tale uso anche gli spazi di servizio e gli spazi tecnici; e/2 ATTIVITÀ DI SERVIZIO PRIVATE - le attività di informatica, le attività servizio per l industria, la ricerca e il terziario, uffici e studi professionali; e/3 LABORATORI PER ARTI E MESTIERI E ATTIVITÀ DI SERVIZIO ALLA PERSONA e/4 ATTIVITÀ ESPOSITIVE A CIELO APERTO e/5 SERVIZI PER L AUTOTRASPORTO e/6 STAZIONI DI SERVIZIO E DISTRIBUTORI DI CARBU-RANTI f) Servizi pubblici e privati f/1 ATTREZZATURE SOCIOSA- NITARIE PUBBLICHE - gli spazi per attività artigianali di servizio e laboratori artigiani non molesti o nocivi; - rientrano in questa categoria anche le piccole palestre private per la cura della persona (danza, sollevamento pesi, aerobica ecc.) aventi una sul max di 80; - sono compresi nell uso gli spazi produttivi veri e propri, gli uffici, i magazzini, gli spazi espositivi ed i servizi; - le attività di esposizione e vendita svolte prevalentemente in aree a cielo aperto quali: di prodotti per l edilizia, di arredo per la casa e il giardino, materiali termoidraulici, attrezzature a macchine per l agricoltura e il giardinaggio, vendita autoveicoli; - nell uso sono compresi gli spazi chiusi destinati a uffici, vendita, servizi e magazzino; - le attrezzature di assistenza all autotrasporto, ivi comprese le attività di servizio con i relativi spazi tecnici; - le attrezzature di distribuzione del carburante; assistenza automobilistica; lavaggio auto. Sono comprese le attività commerciali e di servizio per la sola utenza automobilistica con i relativi spazi tecnici. Sono escluse le attività di esposizione e vendita di mezzi di trasporto; - edifici ospedalieri, ambulatori, day hospital, centri sanitari per riabilitazione e specializzati, case parcheggio, con relativi spazi tecnici e di supporto (mense, bar e alloggi per il personale); - 60 mq/100 di Sul e un p.a. per attività; - 30 mq/100 di Sul e, comunque, almeno due p.a. per attività; - 30 mq/100 di Sul e, comunque, almeno due p.a. per attività; - Come da Art. 24 del DPGR n. 15/R del 1/4/09 e s.m.; - 60 mq/100 di Sul; f/2 UFFICI PUBBLICI - gli uffici, gli ambulatori, le sedi di - 60 mq/100 di Sul;

18 f/3 ATTREZZATURE CULTURALI PUBBLICHE quartiere, sedi per il volontariato, attività culturali, sociali, ricreative e simili, eventualmente associati anche ad altri usi; - le biblioteche, le pinacoteche, i musei e gallerie, i teatri; f/4 EDIFICI PER IL CULTO - chiese e attrezzature religiose in genere con relative attività integrative; f/5 IMPIANTI SPORTIVI PUBBLICI O D USO PUBBLICO - attrezzature sportive coperte, scoperte fisse e smontabili come: palestre, palazzetti dello sport, piscine coperte ed ogni tipo di impianto sportivo e/o per il divertimento; f/6 PUBBLICI ESERCIZI - i ristoranti, pizzerie, osterie, trattorie, gelaterie, bar, pub, circoli privati che effettuano somministrazione di alimenti e bevande, comprensive degli spazi destinati al pubblico, delle attività accessorie e degli spazi di servizio e tecnici; f/7 ATTREZZATURE SOCIALI E SERVIZI PRIVATI DI INTERESSE PUBBLICO f/8 ATTREZZATURE SOCIOSANITARIE PRIVATE f/9 ATTREZZATURE SCOLASTICHE PUBBLICHE f/10 ATTREZZATURE PER LO SPETTACOLO E CULTURALI PRIVATE f/11 ATTREZZATURE SPORTIVE PRIVATE - edifici destinati a collegi, colonie, case di riposo, istituti religiosi, scuole private, conventi, seminari, caserme, case protette per anziani, case parcheggio, con i relativi spazi tecnici e di supporto (mense, bar, alloggio per il personale); - edifici ospedalieri, ambulatori, day hospital, centri sanitari per riabilitazione e specializzati, con relativi spazi tecnici e di supporto (mense, bar e, in rapporto agli insediamenti, di alloggi per il personale); a) le scuole pubbliche per l istruzione (asilo nido, scuole materne ed il ciclo della scuola dell obbligo) comprese di ogni attrezzatura complementare e le relative aree scoperte destinate a verde, al gioco ed allo sport; b) le scuole pubbliche per l istruzione superiore (licei, istituti tecnici, ecc.) comprese di ogni attrezzatura complementare e le relative aree scoperte destinate a verde, al gioco ed allo sport; - teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli, locali da ballo, discoteche, sale per convegni, con i relativi spazi di servizio, di supporto e tecnici; - attrezzature sportive coperte e scoperte, fisse e smontabili - 60 mq/100 di Sul; - 60 mq/100 di Sul; - due p.a. ogni 100 mq. di Sul per gli impianti coperti più 1 p.a. ogni tre persone di capacità dell impianto; - quattro p.a. ogni 100 mq. di Sul; - 60 mq/100 di Sul; - 60 mq/100 di Sul; - 60 mq/100 di Sul; un p.a. ogni 3 posti di capacità della struttura; - due p.a. ogni 100 mq. di Sul per gli impianti 18

19 g) Agricola g/1 ATTIVITÀ AGRICOLE O CONNESSE L AGRICOLTURA CON (palestre, palazzetti dello sport, piscine, impianti sportivi in genere e/o per il divertimento); - aree attrezzate per il rimessaggio natanti con strutture per lo stazionamento delle imbarcazioni a terra, dotate dei servizi necessari alla corretta gestione del parco barche; - edifici destinati all alloggio per conduzione del fondo agricolo, annessi agricoli per ricovero animali o attrezzi; - rientrano in questa categoria anche gli edifici da destinare ad agriturismo e le relative pertinenze. coperti più 1 p.a. ogni tre persone di capacità dell impianto; - non inferiore ad un posto auto per edificio /unità immobiliare; - in aggiunta a quanto sopra per l agriturismo un p.a. ogni posto letto. 2. Le aree di parcheggio pertinenziale, salvo le limitazioni previste per le singole sottocategorie di intervento, potranno essere ricavate al piano terra delle costruzioni, in locali interrati anche fuori sagoma delle stesse, o nell'area scoperta di pertinenza dell'intervento. La superficie di un posto macchina, al netto degli spazi di manovra, non può essere inferiore a mq. 12,50 (5,00x2,50). Il conteggio non esime comunque dalla verifica stabilita dalla L. 122/89 e dalle specifiche norme. In questi casi lo spazio di manovra non può essere superiore al 50% della superficie complessiva destinata a parcheggio. Nel caso il numero degli stalli sia una frazione di numero intero maggiore o uguale a 0,45 si approssima per eccesso alla cifra superiore. 3. Negli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente non sussiste l obbligo per il reperimento di nuove aree per parcheggio quando non vengono aumentate le unità immobiliari e nel rispetto del successivo sesto comma. Nel caso in cui l intervento di recupero urbanistico ed edilizio comporti un incremento dello standards per parcheggio, ad esclusione delle destinazioni Commerciali c/2, c/3, c/4, ove sia dimostrata l impossibilità di assolvere all obbligo di reperire nuove aree di parcheggio, è prevista la monetizzazione dello standards, attraverso il pagamento in denaro di una somma corrispondente al costo dell area e delle relative sistemazioni a parcheggio da definire con apposita determina dirigenziale da aggiornare con cadenza annuale in relazione alla variazione dei prezzi di esproprio e dei costi di costruzione. 4. In alternativa alla monetizzazione di cui al precedente terzo comma, è prevista la possibilità di concedere deroghe alla dotazione di parcheggio privato a seguito di verifica della disponibilità d uso di spazi di sosta su area pubblica (strade, piazze, parcheggi pubblici) previo parere da parte dell Ufficio Comunale competente, da reperire comunque nel raggio di ml. 300, può essere valutata dal Comune e concessa con convenzione. La richiesta dovrà essere formalizzata previa presentazione di idonea documentazione riguardante la valutazione del fabbisogno di superficie a parcheggio che indichi: - le Sul delle varie attività interessate; - la superficie a parcheggio reperibile su area privata; - la superficie a parcheggio da reperire in area pubblica; 19

20 - l individuazione degli spazi di sosta in area pubblica da destinare al soddisfacimento della dotazione a parcheggio; - le valutazioni delle condizioni di traffico in funzione del tipo di strada, disciplina della circolazione, caratteristiche del traffico (veicolare, ciclabile, pedonale ecc.); - le caratteristiche geometriche delle strade interessate o degli spazi di sosta individuati. 5. Le aree private non di pertinenza dell'unità minima di intervento destinate e/o da destinare alla sosta, potranno essere prese in considerazione per il calcolo della dotazione di spazi a parcheggio all aperto, purché poste nel raggio di ml Tale uso dovrà essere dimostrato mediante apposito atto di vincolo, debitamente trascritto a cura e spese del richiedente, dal quale risulti che tali aree non potranno essere oggetto di atti di disposizione o di costituzione di diritti reali separatamente dalla struttura principale, alla quale sono legati da vincolo pertinenziale. 6. I mutamenti di destinazione d uso tra le diverse sottocategorie, se ammessi nel relativo ambito di appartenenza, sono consentiti solo con il reperimento della dotazione minima differenziale di aree a parcheggio secondo le indicazioni di quanto previsto al precedente primo comma. Nel caso di frazionamento le aree a parcheggio dovranno essere verificate limitatamente alle nuove unità. 7. Ai fini del pagamento dei contributi concessori dovuti per legge, è considerato mutamento della destinazione d uso il passaggio da una sottocategoria all altra ad esclusione dei passaggi all interno delle seguenti sottocategorie: - b/1, b/2, b/4; - c/1, c/2, c/3, c/4; - a/1, d/4; - d/1, d/3; - da a/2 in c/1, e/1, e/3 (solo per artigianato di servizio), f/2, f/6; - e/1, e/2; - c/1, f/6; - f/1, f/2, f7. 8. Per le nuove costruzioni ove sono previste diverse destinazioni d uso, la dotazione minima di parcheggi dovrà essere prevista proporzionalmente alle varie destinazioni. 9. Nel caso di utilizzo a destinazioni non prevista nelle tabelle sopra indicate si opererà per analogia. 20

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE ALLEGATO 5 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE ALLE NTA DEL RU PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I TITOLO I CARATTERI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO 1 RU 2 RU PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE 1

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO EDILIZIO (Testo Unico dei Comuni della Bassa Val di Cecina) ANNO 2013 Bibbona, Gennaio 2013 Visto: Il Sindaco Fiorella Marini Il Responsabile Area Edilizia

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PECETTO TORINESE VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI SINDACO SEGRETARIO PROGETTISTI arch. R. Gambino

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia)

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO (art. 4 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 articoli 28 e 29 legge regionale 11 marzo 2005, n. 12) Adottato con D.C.C. n. 33 del

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli