5. Il contratto part-time

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. Il contratto part-time"

Transcript

1 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste un peso decisamente inferiore rispetto alla media europea 1. L obiettivo di una maggiore diffusione dei contratti part-time viene ribadito (in recepimento delle raccomandazioni comunitarie) dai Piani Nazionali per l Occupazione 2001 e 2002, come importante elemento all interno di una strategia di crescita occupazionale complessiva e, soprattutto, femminile. La creazione di opportunità di lavoro part-time si configura infatti come un importante stimolo alla partecipazione femminile al mercato del lavoro e quindi come uno strumento fondamentale ai fini dell innalzamento del tasso di occupazione femminile, in ottemperanza agli obiettivi dell Unione Europea in un contesto in cui le attività di cura e assistenza familiare continuano ad essere principalmente a carico delle donne 2. In questo senso vanno le innovazioni normative intervenute con il D.Lgs. 61/2000 e sue successive integrazioni e modifiche, che puntano a riformare il part-time garantendo alle imprese una maggiore flessibilità nell uso di tale istituto e incentivandone l utilizzo attraverso una riduzione dell aliquota contributiva sulle assunzioni con contratti part-time a tempo indeterminato (DM 12/04/2000). 1 Per un analisi più approfondita dell andamento quantitativo degli occupati a tempo parziale e del profilo dei soggetti avviati con contratto part-time si veda Corsi, E. (2002), Il lavoratore part-time in provincia di Milano, in Provincia di Milano (2002), Le trasformazioni del mercato del lavoro e le politiche per l occupazione in provincia di Milano, FrancoAngeli, Milano, pp I.R.S., Unioncamere Lombardia, C.d.I.E. (2003), Il lavoro part-time. Italia e Lombardia nel contesto europeo, FSE Ob.3 Misura E1. 167

2 Il recente decreto legislativo in attuazione alla legge n. 30/2003 interviene in materia al fine di attenuare quelli che vengono definiti [ ] vincoli legislativi imposti alla introduzione di clausole flessibili, rispetto alla collocazione temporale della prestazione lavorativa a orario ridotto e alla sua estensione nel tempo [ ] restituendo alla contrattazione collettiva e alle pattuizioni individuali piena operatività [ ] 3. L obiettivo della nuova legislazione sembra quindi esplicito, puntando all ampliamento dell offerta attraverso una maggiore flessibilità e un allentamento dei vincoli per le imprese nell utilizzo della forza lavoro. Tuttavia ci sembra di poter segnalare un rischio insito nei recenti provvedimenti legislativi, che possono entrare in conflitto con il forte carattere volontario di tale istituto, ampiamente utilizzato soprattutto dalle donne nel periodo riproduttivo ovvero nella fase in cui si intensificano le attività di cura familiare. Una maggiore discrezionalità nell uso del part-time da parte delle imprese potrebbe quindi produrre effetti indesiderati, quali uno scoraggiamento di una parte di tali lavoratori/lavoratrici, sino a determinarne un uscita dal mercato del lavoro ufficiale. E per questo che si ritiene auspicabile che gli esiti di questa riforma vengano accuratamente monitorati per verificare se e in che misura essa conseguirà gli obiettivi attesi. Mentre a livello nazionale e regionale i dati Istat consentono di trarre indicazioni sull andamento quantitativo di tale tipologia contrattuale e sulle caratteristiche dei lavoratori coinvolti, l analisi a livello provinciale ha scontato in questi anni le difficoltà connesse alla carenza di fonti informative. Solo negli ultimi mesi, grazie alla collaborazione avviata dall Osservatorio del Mercato del Lavoro con l Ufficio Regionale dell Istat, si sono resi disponibili dati comparabili con quelli noti a live llo nazionale e regionale. È per questo che nella scorsa edizione del Rapporto si è deciso di mettere a frutto la grande mole di informazioni registrata dagli archivi dei Centri per l Impiego, che, pur con gli evidenti limiti connessi alla natura amministrativa dei dati, ha consentito di delineare il profilo dei lavoratori avviati con contratto part-time in provincia di Milano. Oltre all analisi delle caratteristiche dei lavoratori si evidenziava come, pur nell ambito di una positiva dinamica di lungo periodo, nel 2001 i contratti a tempo parziale registrassero una lieve battuta d arresto, il cui significato non poteva comunque essere interpretato come l inizio di una fase discendente nell impiego di questa forma flessibile. La doppia fonte sulla quale da quest anno possiamo lavorare consente di cogliere invece dinamiche che risultano in parte divergenti, ma che 3 Relazione di accompagnamento al decreto di attuazione della Riforma Biagi, 168

3 forniscono ugualmente interessanti indicazioni sui processi in atto per quanto riguarda l utilizzo di questo istituto. Prendendo in esame i dati ISTAT sulle forze di lavoro emerge infatti come, nel corso di quest ultimo anno, l occupazione part-time presenti dinamiche non omogenee (cfr. Fig. 1). A livello italiano la quota di parttimer sul totale degli occupati passa dall 8,4% all 8,6%, mentre a live llo regionale la crescita appare decisamente più rilevante e la percentuale di occupati con contratto part-time passa dall 8,8% dello scorso anno al 9,3% di quest anno; per contro a livello provinciale l incidenza dei lavoratori a tempo parziale rimane sostanzialmente stazionaria, pur registrando un lieve incremento in valori assoluti (+1,4%). In Lombardia l utilizzo del part-time sembra collocarsi a metà strada fra il modello italiano e quelli europei. La diffusione del tempo parziale è leggermente più elevata rispetto alla media nazionale e sembra rispondere maggiormente a esigenze di conciliazione. Rispetto al resto del paese si tratta infatti della forma di impiego più femminilizzata, più stabile, caratterizzata da un minore grado di involontarietà e meno segregante, cioè contraddistinta da un maggior numero di passaggi tra full-time e part-time 4. Fig. 1 - Incidenza del part-time su totale occupati. Anni 2001, ,0 9,6 9,2 8,8 8,4 8,0 7,6 9,7 9,6 9,3 8,8 8,4 8,6 Italia Lombardia Milano Fonte: Dati Istat Forze di lavoro, medie annuali Come già sottolineato, sino a poco tempo fa mancavano dati che consentissero di sviluppare un analisi dello stock occupazionale a livello provinciale. Le informazioni a cui abbiamo avuto accesso quest anno non ci consentono comunque di disporre di un quadro sufficientemente 4 Cfr. Samek Lodovici, M. e Semenza, R. (2001), Le forme del lavoro. L occupazione non standard: Italia e Lombardia nel contesto europeo, FrancoAngeli, Milano. 169

4 dettagliato da un punto di vista qualitativo, per cui, oltre a utilizzare una serie di fonti accessorie, il grosso dell analisi qui presentata verrà condotta utilizzando i dati sugli avviamenti ottenuti dai Centri per l Impiego della provincia Riteniamo però utile segnalare, in via preliminare, come l indagine annuale realizzata da Assolombarda 5 su un campione di imprese manifatturiere indichi che nel contesto milanese, in controtendenza rispetto a quanto evidenziato dai dati Istat a livello regionale, si assiste a una diminuzione del peso percentuale dei lavoratori a tempo parziale, anche se accompagnata da una crescita del tasso di diffusione, che passa dal 51,5% nel 2001 al 56,4% nel È comunque da sottolineare come l indagine, circoscritta all industria manifatturiera, sia in grado di rilevare solo una componente minoritaria dell occupazione part-time, una tipologia contrattuale che trova applicazione prevalentemente nel settore terziario. L analisi dei dati amministrativi dei Centri per l Impiego, relativi al complesso dei settori di attività, conferma però l ipotesi di un ridimensionamento nell utilizzo del contratto part-time in provincia di Milano. Il numero di avviamenti a tempo parziale è passato infatti da nel 2001 a nel 2002, registrando un calo del 15%. Alla flessione dell incidenza degli avviamenti 6 con contratto part-time corrisponde in realtà un aumento della quota percentuale di lavoratori avviati con tale modalità, che passa dal 16,6% al 17% (cfr. Fig.2), ma la maggiore incidenza in termini percentuali non si traduce in un aumento del numero di lavoratori, che, in linea con la generale flessione registrata nel 2002, scendono da a nel Va segnalato come l apparente contraddizione tra il numero degli avviamenti e la tenuta dello stock registrata dall Istat, oltre che al diverso universo di riferimento, sia in questo caso spiegabile con il fatto che i dati dei Centri per l Impiego non consentono ancora di leggere appieno il fenomeno delle trasformazioni di altre modalità di rapporto di lavoro in contratti part-time, un fenomeno che ha avuto anche quest anno una grande rilevanza 7. 5 Fioni, A. (2003), L occupazione nell industria manifatturiera nell area milanese, Assolombarda, Milano. 6 Si ricorda che ciascun soggetto può essere avviato più volte nel corso dell anno e quindi il numero di avviamenti registrati non corrisponde al numero di lavoratori coinvolti. 7 Basti ricordare che in base ai dati dei Centri per l Impiego, nel corso del 2002 i contratti trasformati in part-time sono stati 7.903, di cui a tempo indeterminato. 170

5 Fig.2 - Incidenza del part-time sul totale avviamenti/avviati. Provincia di Milano Anno ,7 14,0 16,6 17, Avviamenti Lavoratori avviati Si registra, inoltre, una significativa riduzione nel numero di imprese che, nel corso del 2002, hanno fatto ricorso a questo strumento (si passa dalle circa imprese del 2001 alle del 2002). Tale dato, nonostante le innovazioni normative intervenute in questi ultimi anni, sembra segnalare una persistente diffidenza nell utilizzo di questa modalità contrattuale da parte di molte imprese. È d altra parte plausibile che nel corso del 2002 la stipula di contratti part-time, così come quella di altre forme di lavoro flessibile, sia stata frenata dal clima di attesa in vista della nuova riforma del mercato del lavoro, nell ambito della quale era prevista una revisione di questa tipologia contrattuale. L andamento divergente fra la quota di avviamenti e quella di avviaticome evidenziato dalla figura 2 - segnala la tendenza a una maggiore stabilizzazione dei contratti a tempo parziale, in linea con quanto già sottolineato in riferimento al lavoro standard (cfr. cap. 2). Si riducono i contratti iper-flessibili, nei quali il part-time si accompagna a rapporti di breve durata ripetuti più volte nel tempo, mentre aumenta la quota di lavoratori part-time che, una volta assunti, mantengono rapporti di lavoro a orario ridotto, ma stabili nel tempo 8. Tale tendenza trova conferma dall analisi delle tipologie contrattuali con cui sono stati avviati i lavoratori a tempo parziale. Nel 2002 si segnala infatti una crescita, in termini percentuali, dei contratti a tempo 8 La quota di soggetti che nel corso dell anno viene avviata un unica volta passa infatti dall 87,3% al 90,5%. 171

6 indeterminato, che passano dal 44,8% al 47,9%, mentre diminuiscono tutte le altre forme di lavoro (cfr. Fig. 3). Fig.3 - Avviamenti part-time per tipologia contrattuale. Anni 2001 e ,1 37,1 44,8 47, ,9 9,4 5,7 1,5 1,3 4,3 Appr. Cfl T.D. T.I. Inter Caratteristiche dei part-timer in provincia di Milano Prendendo in esame le caratteristiche dei lavoratori avviati con contratto part-time, si conferma sostanzialmente il profilo già delineato nell ambito della scorsa edizione del Rapporto 9, anche se emergono alcune importanti differenze. Emerge con evidenza la forte prevalenza della componente femminile (66,6%), elemento caratterizzante tale modalità contrattuale. Le donne prevalgono in modo ancora più marcato (82,4%) fra i lavoratori che nel corso del 2002 hanno registrato una trasformazione del rapporto di lavoro, sfociato in un contratto a tempo indeterminato part-time, a testimonianza di come tale modalità contrattuale si configuri principalmente come strumento di conciliazione per la forza lavoro femminile. I lavoratori avviati presentano un età media di 33 anni, ma la distribuzione per età si differenzia nettamente in base al genere. Le donne prevalgono nelle classi di età comprese fra i 35 e i 59 anni, mentre gli uomini presentano quote superiori alla media fra i soggetti più giovani e fra quelli più anziani. Rispetto al profilo tracciato lo scorso anno si evidenzia un significativo aumento dei soggetti con più di 30 anni, che passano dal 9 Di seguito verrà riproposto un sintetico profilo del lavoratore part-time sulla base dei dati 2002, mentre per un analisi più approfondita cfr. Corsi, E. (2002), Il lavoratore part-time in provincia di Milano, in Provincia di Milano (2002), Le trasformazioni del mercato del lavoro e le politiche per l occupazione in provincia di Milano, cit. 172

7 50,7% del 2001 al 57,7% del Nella crescita degli over-30, che coinvolge sia gli uomini che le donne, entrano in gioco elementi di carattere generale, quali il ritardato ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, ma anche un utilizzo del contratto part-time il quale, più che come strumento di inserimento per i soggetti più giovani, si configura sempre più come una modalità in grado di rispondere alle esigenze di flessibilità nell orario e nelle modalità di lavoro che caratterizzano particolari settori di attività o come una modalità di reingresso nel mercato del lavoro, specie per le donne. In base al genere e all età dei lavoratori avviati è dunque possibile individuare diverse tipologie di part-timer, che si distinguono per le caratteristiche socio-anagrafiche ma, come vedremo, anche per la diversa modalità di utilizzo del contratto part-time. Il gruppo di soggetti più numeroso è rappresentato dalle donne con più di 30 anni (39,3%), seguito dalle donne giovani (26,8%), dagli uomini over-30 (17,6%) e dagli uomini giovani (16,3%). Fig.4 - Una tipologia di part-timer in provincia di Milano Uomini giovani 16,3% Donne over 30 39,3% Uomini over 30 17,6% Donne giovani 26,8% Fra le qualifiche di avviamento si segnala la forte prevalenza delle Professioni relative alle vendite (44,6%), seguite dal Personale non qualificato (26,8%) e dagli Impiegati (15,2%), mentre, in relazione ai settori di attività, si conferma l utilizzo privilegiato di questa forma contrattuale nell ambito del terziario (89,2%) e in particolare delle Altre attività professionali (27,6%), del Commercio (22%) e del comparto Alberghi e ristoranti (18,9%). Il crescente peso dei Servizi e, soprattutto, delle Professioni relative alle vendite, che passano dal 36% del 2001 al 44,6% del 2002, conferma una progressiva concentrazione dell utilizzo del contratto part-time in quei settori e in quelle mansioni in cui l orario ridotto risponde a esigenze organizzative delle imprese. 173

8 Come è già stato sottolineato, il 47,9% dei lavoratori part-time è stato avviato con un contratto a tempo indeterminato, evidenziando come, per quasi la metà degli avviamenti, l impiego del lavoratore a tempo parziale si configuri comunque come un rapporto di lavoro stabile. Emerge una correlazione diretta tra la stabilità del rapporto di lavoro e l età dei soggetti coinvolti. Indipendentemente dalla qualifica di avviamento e dal genere, i soggetti over-30 sono avviati in misura superiore alla media con contratto a tempo indeterminato, mentre nel caso dei più giovani l orario ridotto si accompagna ad altre forme di flessibilità. In particolare, le donne giovani si distinguono per il minor grado di inserimento con contratto a tempo indeterminato e gli uomini over-30, al contrario, per il maggior livello di stabilità dei rapporti di lavoro. Nelle figure successive si prenderà quindi in esame come i diversi gruppi di part-timer individuati si posizionano rispetto alla stabilità del rapporto e alla qualifica di avviamento (cfr. Figg ) 10, aspetti che consentono di individuare diverse possibili modalità di utilizzo di questa forma contrattuale. Fig. 5 - Posizionamento dei part-timer tra qualifica di avviamento e rapporto di lavoro Professioni relat. vendite donne giovani uomini giovani donne over 30 uomini over 30 Tempo indeterminato Per quanto riguarda le Professioni relative alle vendite, che coinvolgono il 44,6% dei lavoratori, si evidenzia una percentuale superiore alla media 10 Nelle figure 5,6 e 7 i gruppi di part-timer individuati si collocano nei diversi quadranti a seconda che, rispetto alle due dimensioni considerate, registrino valori superiori o inferiori al dato medio. 174

9 nel caso dei giovani e, in particolare, delle donne. I part-timer over-30, soprattutto nel caso degli uomini, risultano invece caratterizzati, oltre che da una maggiore stabilità del rapporto di lavoro, da un inserimento in Professioni relative alle vendite inferiore alla media. Questo spaccato dei lavoratori a tempo parziale che svolgono mansioni relative alle vendite evidenzia come già oggi le imprese trovino nel parttime la possibilità di soddisfare esigenze di flessibilità connesse alla gestione degli orari tipiche delle aziende del commercio e del settore della ristorazione, che rappresentano la quota più rilevante di questi lavoratori. La figura successiva (cfr. Fig.6) evidenzia il posizionamento dei diversi gruppi di part-timer rispetto all assunzione con contratto a tempo indeterminato e all avviamento con qualifiche medio-alte 11. Le donne si distinguono per il maggior livello di inserimento nelle posizioni professionali medio-alte e la percentuale risulta particolarmente elevata nel caso delle donne giovani. Quote di avviamento decisamente inferiori caratterizzano la componente maschile, ma, mentre gli uomini giovani presentano percentuali di inserimento di poco inferiori alla media, la differenza emerge con evidenza nel caso degli over-30. Fig.6 - Posizionamento dei part-timer tra qualifica di avviamento e rapporto di lavoro Qualifiche medio-alte donne giovani uomini giovani donne over 30 Tempo indeterminato uomini over Con qualifiche medio-alte intendiamo le figure impiegatizie, i tecnici, le professioni intellettuali e ad elevata specializzazione e i dirigenti. 175

10 È proprio il gruppo dei part-timer uomini over-30 che presenta invece il maggior livello di inserimento nelle figure operaie 12 (cfr. Fig. 7). Gli uomini giovani e le donne over-30 presentano valori vicini alla media, mentre le donne giovani risultano caratterizzate da percentuali molto basse. In realtà questo dato è la sommatoria di addetti occupati in realtà produttive molto diverse, che presentano anche livelli di segregazione molto difformi. Rientrano tra la figure operaie sia gli addetti alle attività connesse ai trasporti e alla logistica (prevalentemente maschili) sia quelle femminili occupate nelle aziende di pulizia, che rappresentano il grosso degli occupati nel settore; è anche chiaro come in questo caso il diverso grado di stabilità dei rapporti di lavoro sia anche la risultante di una convergenza tra le esigenze delle imprese e le aspirazioni dei lavoratori. Fig. 7 - Posizionamento dei part-timer tra qualifica di avviamento e rapporto di lavoro uomini over 30 Figure operaie uomini giovani donne giovani donne over 30 Tempo indeterminato 3. Conclusioni Il contratto part-time, pur interessando prevalentemente l universo femminile, coinvolge, come abbiamo visto, soggetti contraddistinti da caratteristiche socio-anagrafiche differenti e per i quali si può dunque presumere che la modalità contrattuale a orario ridotto assuma una diversa valenza. 12 Con figure operaie intendiamo gli operai specializzati, i conduttori di impianti e il personale non qualificato. 176

11 Nel caso delle donne il part-time rappresenta un importante strumento di conciliazione fra vita familiare e vita lavorativa e, in questo senso, la sua diffusione viene considerata come uno dei principali elementi in grado di favorire l occupazione femminile. In particolare, il part-time si configura come strumento di conciliazione per le donne over-30, delineandosi principalmente come trasformazione dei rapporti di lavoro per esigenze familiari o come reinserimento lavorativo successivo alla maternità e all attività di cura dei figli. Per questo gruppo di lavoratrici il part-time si presenta sostanzialmente come un rapporto di lavoro stabile e garantito è infatti molto elevata la quota di contratti a tempo indeterminato associato anche a mansioni medio-alte. Diverso è il caso delle donne giovani, per le quali, così come per i coetanei uomini, il contratto a tempo parziale può rappresentare un primo contatto con il mondo del lavoro, molte volte funzionale al proseguimento del proprio ciclo di studi o comunque compatibile con altre occupazioni e interessi. Per i giovani in particolare per le donne il part-time risulta caratterizzato da un basso livello di stabilità; i contratti a tempo indeterminato sono infatti inferiori alla media, mentre assumono rilevanza i contratti a causa mista soprattutto i Cfl e i rapporti a tempo determinato. Le donne giovani si distinguono dagli uomini per un maggior livello di inserimento con qualifiche medio-alte e nelle Professioni relative alle vendite. Per una parte delle lavoratrici sembra dunque emergere il profilo di giovani donne, che, inserite con contratti flessibili in posizioni professionali medio-alte, sperimentano un primo contatto con il mondo del lavoro, in vista di una possibile stabilizzazione del rapporto o, comunque, in condizione di maturare esperienze lavorative utili per la futura crescita professionale. Diversa è la situazione delle giovani under-30 inserite con contratti atipici come addette alle vendite. In questo caso il contratto parttime, più che incontrare le esigenze delle lavoratric i, sembra essere funzionale ai modelli organizzativi di molte imprese, che necessitano di personale per coprire determinate fasce orarie o particolari giorni della settimana. È probabilmente questo il segmento di lavoratrici maggiormente interessato da una modalità di utilizzo del lavoro part-time definito secondario 13, che si configura come una forma di sottoccupazione, associata a bassi salari e qualifiche, e che offre scarse prospettive di sviluppo professionale. Il part-time sembra assumere una valenza simile anche per gli uomini over-30, che però, a differenza dei giovani, godono di una maggiore 13 I.R.S., Unioncamere Lombardia, C.d.I.E. (2003), Il lavoro part-time. Italia e Lombardia nel contesto europeo, cit., pag

12 stabilità del rapporto di lavoro. Si tratta comunque di personale non qualificato, di addetti alle pulizie, alla ristorazione e ai pubblici esercizi e, in genere, di soggetti a bassa qualifica, per i quali il part-time rischia di rappresentare una forma di sottoccupazione, una scelta obbligata in mancanza di alternative più strutturate e remunerative 14. In Italia la scarsa diffusione del part-time viene in genere ricondotta alla diffidenza delle imprese nei confronti di tale strumento, a fronte, invece, di una sempre più ampia richiesta da parte dei lavoratori, e soprattutto delle lavoratrici, che vedono nell orario ridotto la possibilità di conciliare il lavoro con gli impegni familiari o con altre occupazioni e interessi 15. I dati dei Centri per l Impiego evidenziano come la diffusione di tale modalità contrattuale tenda a concentrarsi sempre più nel terziario e, in particolare, in quei settori in cui contratti a orario ridotto risultano funzionali al modello organizzativo dell impresa. Si pensi ad esempio alla grande distribuzione e, in generale, al settore commerciale, ambito nel quale la possibilità di utilizzare i lavoratori in alcune fasce orarie o in alcuni giorni della settimana incontra pienamente le esigenze delle imprese. È però proprio in questi settori che sembra trovare sempre maggiore diffusione un utilizzo del part-time associato a basse qualifiche e bassi livelli salariali, caratterizzato da scarse prospettive di sviluppo professionale e da un alto rischio di segregazione occupazionale. In questo senso, pur nell ambito della sentita necessità di incentivare la diffusione del contratto a tempo parziale - anche e soprattutto favorendo il superamento delle resistenze da parte delle imprese - si pone l attenzione sul pericolo che un eccessiva possibilità di ridefinire gli orari e le modalità di lavoro in relazione alle esigenze organizzative delle imprese rischi di ridimensionare le potenzialità dello strumento in termini di conciliazione e stimolo all occupazione femminile. 14 È significativo che all interno di questo gruppo oltre il 50% dei lavoratori sia rappresentato da cittadini stranieri. 15 I.R.S., Unioncamere Lombardia, C.d.I.E. (2003), Il lavoro part-time. Italia e Lombardia nel contesto europeo, cit., pag

13 Box - Part-time Avviati % Avviamenti % , , , ,0 2002: i dati più significativi % Uomini 33,3 % Donne 66,6 Età media (anni) 33,0 % Stranieri 26,7 Qualifiche di avviamento Dirigenti 0,3 Professioni intellettuali 0,4 Tecnici 8,4 Impiegati 15,2 Prof. relative alle vendite 44,6 Operai specializzati 2,6 Conduttori di impianti 1,7 Personale non qualificato 26,8 Settori di attività 0,2 7,8 2,9 89,2 Agricoltura Industria Costruzioni Servizi 179

4. Il lavoro interinale

4. Il lavoro interinale 4. Il lavoro interinale di Elisa Lorenzi 1. Premessa Ormai da diversi anni nell ambito del Rapporto sul mercato del lavoro in provincia di Milano il tema del lavoro interinale costituisce oggetto di particolare

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Settembre 213 In breve Il recente rafforzamento del ciclo internazionale ha portato qualche primo debole segnale di inversione di tendenza

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Campania 2 2015 Tra aprile e giugno 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare 282.000 nuovi contratti di lavoro,

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- SPECIALE OTTO MARZO 2014 GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA Realizzato in collaborazione tra il Dipartimento

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA V a Edizione dell Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA RAPPORTO 2011 a cura della Commissione Centri Studi Confindustria Lombardia e di Edoardo Della Torre Università

Dettagli

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 A cura di: Flavio Necchi, Paolo Mariani, Biancamaria Zavanella, Paolo Pavanati Elaborazioni

Dettagli

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano Settore Formazione e Lavoro LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano 24 giugno 2013 a cura dell Osservatorio Mercato del Lavoro 1 Ringraziamenti Ermes Cavicchini per la stesura

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Aggiornamento 2011 Indice 1 - Le dinamiche generali e la crisi economica pag. 2 2 - Una prospettiva settoriale pag. 5 3 - I lavoratori stranieri pag. 7

Dettagli

2. Il mercato del lavoro milanese: un analisi di genere

2. Il mercato del lavoro milanese: un analisi di genere 2. Il mercato del lavoro milanese: un analisi di genere di Marialuisa Di Bella 1. Premessa I Rapporti sul mercato del lavoro e le politiche del lavoro realizzati in questi anni dalla Provincia di Milano,

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi

Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi Ires Lucia Morosini - Fondazione Vera Nocentini - Enfap Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Piacenza 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO. Revisione di metà periodo

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO. Revisione di metà periodo UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO Regiione Callabrriia Fondii Sttrrutttturrallii 2000 -- 2006 POR Calabria NN 11 99 99 99 I TT 11 66 11 PP OO 00 00 66 A L L E G A T O 3 A n a ll ii s

Dettagli

Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani

Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani Il sistema dell apprendistato in Italia (Scheda di presentazione rivolta

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Il Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova rende

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 Il Collocamento Obbligatorio: I

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Stabile (19%), a termine (18%), stage (12%), impresa (12%) Grazie al Jobs Act

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE Sintesi dei dati 26 IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE S i n t e s i d e i d a t

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti.

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. 3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. Per meglio esaminare i caratteri che contraddistinguono la piccola impresa come soggetto economico si sono prese in esame due

Dettagli

Approfondimenti e tendenze

Approfondimenti e tendenze Provincia di Verona OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Approfondimenti e tendenze IL FLUSSO DEGLI AVVIAMENTI NELLA BASSA VERONESE E A VERONA NEL 2002 Servizi per l Impiego N. 1 Anno 2004 Marzo 2004 A cura

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Flessibilità dell'orario e organizzazione del lavoro

Flessibilità dell'orario e organizzazione del lavoro 29 dicembre 2005 Flessibilità dell'orario e organizzazione del lavoro Il modulo ad hoc della Rilevazione sulle forze di lavoro del II trimestre 2004 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 46732244-2243

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

TESTO della PETIZIONE al GOVERNO e al PARLAMENTO e FOGLI FIRMA

TESTO della PETIZIONE al GOVERNO e al PARLAMENTO e FOGLI FIRMA TESTO della PETIZIONE al GOVERNO e al PARLAMENTO e FOGLI FIRMA Il lavoro è un bene di ogni persona su cui è necessario costruire più tutela, più partecipazione e cittadinanza. Per le Acli è quindi fondamentale

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Giugno 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Rapporto di ricerca: L occupazione femminile e maschile nelle imprese altoatesine con oltre 100 dipendenti

Rapporto di ricerca: L occupazione femminile e maschile nelle imprese altoatesine con oltre 100 dipendenti Seminario finale del progetto FSE «Gender pay gap: buone prassi e modelli di sperimentazione (Progetto 2/240/2010) Rapporto di ricerca: L occupazione femminile e maschile nelle imprese altoatesine con

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI

VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI La Valle d Aosta, costituita in regione autonoma a statuto speciale con legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 4, realizza la singolare condizione, unica nel territorio

Dettagli

Le criticità del mercato del lavoro e della struttura produttiva milanese

Le criticità del mercato del lavoro e della struttura produttiva milanese Le criticità del mercato del lavoro e della struttura produttiva milanese Ermes Cavicchini Cdrl - Centro Documentazione Ricerche per la Lombardia Milano 6 luglio 2013 Questa presentazione / 1 Il lavoro

Dettagli

I I I programmi occupazionali delle imprese rilevati da da da Unioncamere. Parte I Le Imprese e la domanda di lavoro aggregata nel 2013

I I I programmi occupazionali delle imprese rilevati da da da Unioncamere. Parte I Le Imprese e la domanda di lavoro aggregata nel 2013 Excelsior Informa I I I programmi occupazionali delle imprese rilevati da da da Unioncamere I fabbisogni occupazionali delle imprese dell industria e dei servizi Anno 213 Sistema Informativo Excelsior

Dettagli

2. La diffusione del lavoro interinale in provincia di Milano

2. La diffusione del lavoro interinale in provincia di Milano 2. La diffusione del lavoro interinale in provincia di Milano Ad oltre tre anni dall'introduzione del "pacchetto Treu", che conteneva le norme per l'introduzione nel nostro Paese dell'istituto del lavoro

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE GLI ESITI OCCUPAZIONALI DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Piacenza ha condotto nei mesi scorsi un indagine sugli esiti occupazionali dei corsi

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA In questa analisi vengono presi in esame i dati relativi alle comunicazioni obbligatorie pervenute al Sistema Informativo Lavoro

Dettagli

Excelsior Informa. Provincia di Varese. I programmi occupazionali delle imprese rilevati da Unioncamere

Excelsior Informa. Provincia di Varese. I programmi occupazionali delle imprese rilevati da Unioncamere Excelsior Informa I programmi occupazionali delle imprese rilevati da Unioncamere Varese Anno 2015 Nel 2015 le imprese con dipendenti che operano in prevedono di attivare 910300 contratti di lavoro, il

Dettagli

LA DOMANDA DI LAVORO IN PROVINCIA DI TREVISO

LA DOMANDA DI LAVORO IN PROVINCIA DI TREVISO LA DOMANDA DI LAVORO IN PROVINCIA DI TREVISO Previsioni occupazionali e fabbisogni professionali per il 2010 Elaborazioni Ufficio Studi e Statistica Camera di Commercio di Treviso Novembre 2010 SETTORE

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Veneto 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di lavoro sia dipendente

Dettagli

1. I PRINCIPALI RISULTATI DELL INDAGINE DI PLACEMENT

1. I PRINCIPALI RISULTATI DELL INDAGINE DI PLACEMENT Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza. Focus di genere e politiche attive del lavoro. Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva

Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza. Focus di genere e politiche attive del lavoro. Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza Focus di genere e politiche attive del lavoro Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva Chi siamo L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro

Dettagli

OPERATORE DI CONTROLLO DI GESTIONE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

OPERATORE DI CONTROLLO DI GESTIONE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? OPERATORE DI CONTROLLO DI GESTIONE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara gli OPERATORI DI CONTROLLO DI

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto

Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto Il Post 08/07/2015 I contratti di lavoro col Jobs Act Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto È entrato in

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

LE PREVISIONI DI ASSUNZIONE DI GIOVANI NEL NORDEST PER IL 2011

LE PREVISIONI DI ASSUNZIONE DI GIOVANI NEL NORDEST PER IL 2011 LE PREVISIONI DI ASSUNZIONE DI GIOVANI NEL NORDEST PER IL Caratteristiche ed evoluzione rispetto al 2010 ed al pre-crisi P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Modelli di monitoraggio e valutazione delle. sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta.

Modelli di monitoraggio e valutazione delle. sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta. Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta. Coordinatore: Prof. Massimo Zanetti

Dettagli

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA: PRIMO MONITORAGGIO SU COSA CAMBIA PER LE AGENZIE PER IL LAVORO E PER LE IMPRESE UTILIZZATRICI. Febbraio 2006 A cura di Giovanna Altieri, Cristina

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati Le principali facoltà che prepara gli ADDETTI ALLA GESTIONE

Dettagli

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384 Dossier Statistico ti ti Immigrazione 2009 Focus: i lavoratori stranieri in Veneto 28 ottobre 2009 Assicurati nati all'estero 2008 per provincia INAIL serie storica occupati netti PROVINCIA 2000 2001 2002

Dettagli