REACH. (a cura di Sergio Benedetti) CONTENUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REACH. (a cura di Sergio Benedetti) CONTENUTI"

Transcript

1 REACH (a cura di Sergio Benedetti) CONTENUTI Scadenziario pag. 26 Il Progetto Sherper pag. 26 Commission Working Group on Reach pag. 27 Attività AssICC pag. 28 Azelis Reach seminar di Shangai pag giugno 2007: Assemblea AssICC & Progetto Reach pag. 29 Seminario Il Regolamento Reach: due giornate per prepararsi operativamente pag. 30 Le Circolari n. 3/2007 Pag. 25

2 SCADENZIARIO REACH 18 dicembre 2006 Regolamento 1907/2006 approvato dal Consiglio 30 dicembre 2006 pubblicato su GUE L 396/2006 termine obbligazione art 1 giugno 2007 entrata in vigore 141 da 1 giugno 2008 registrazione nuove sostanze 141 entro 1 giugno 2008 revisione delle esenzioni (all. I/ IV/V) 138 entro 1 giugno 2008 pubblicazione delle tariffe per la registrazione, 74 aggiornamento della registrazione, autorizzazione e ricorso contro le decisioni dell Agenzia centrale inizio 1 giugno 2008 pre-registrazione sostanze phase-in 28 termine 1 dicembre 2008 entro 1 gennaio 2009 disponibilità della lista SIEF 28 entro 1 dicembre 2008 revisione criteri PBT e vpvb (all. XIII) 138 entro 1 dicembre 2010 registrazione CMR 1, 2 [1] ( 1 t/a) 23 N, R50-53 [2] ( 100 t/a) t/a entro 1 giugno 2012 revisione ECHA e scopi del REACH 138 entro 1 giugno 2013 registrazione 100 t/a 23 entro 1 giugno 2013 revisione criteri CMR 138 entro 1 giugno 2014 revisione obbligo CSR per CMR < 10 t. 138 entro 1 giugno 2018 registrazione 1 t/a 23 entro 1 giugno 2019 revisione requisiti CSR < 10 t. e requisiti di test 138 [1] Sostanze cancerogene, mutagene e tossiche per il sistema riproduttivo, Categorie 1 e 2 in accordo alla Dir.67/548/CEE [2] Classificato quale altamente tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico (frase R50-53) in accordo alla direttiva 67/548/CEE il PROGETTO SHERPER (SME Helpdesk Expert Roundtable Planning their Establishment for REACH) Le PMI hanno limitate risorse da dedicare all implementazione della nuova legislazione e pertanto i Technical Guidance Documents (TGD) preparati per l industria (progetto RIP 3) devono tener conto specialmente di questa necessità. Inoltre alcuni Stati Membri (SM) e parlamentari europei hanno chiesto che fossero disponibili Help Desk (HD) che possano dare aiuto specifico ed individuale a complemento dei TGD. Il progetto Sherper è stato creato con il proposito di elaborare suggerimenti sul modo di impostare gli HD in modo che siano in grado di soddisfare l obiettivo di aiutare le PMI ad osservare gli obblighi derivanti dal REACH Gli obiettivi specifici del progetto sono: identificare i migliori criteri per creare ed implementare gli HD basandosi sulle necessità delle PMI a complemento dei TGD identificare la più adatta rete di supporto necessaria per le PMI e spingere gli esistenti supporti facilitare le decisioni sui modi migliori per aiutare le PMI Le Circolari n. 3/2007 Pag. 26

3 Perciò il progetto è stato promosso per favorire un approfondito scambio di pareri degli esperti, per una loro analisi e per la preparazione di un documento di raccomandazione. Al progetto partecipa un gruppo di più di trenta esperti, nominati dalla Commissione con il coordinamento di un contrattista (Management Partners Europe sprl.). Il gruppo degli esperti è composto da: SM: esperti governativi già coinvolti nella creazione di HD nazionali rappresentanti degli Euro Info Centres delle regioni con una forte presenza chimica organizzazioni settoriali e rappresentanti delle PMI Commission Working Group on REACH - riunione del Marzo 2007 Il CWG si è riunito per aggiornarsi sullo stato della preparazione al REACH; a questa riunione ha partecipato la FECC che ci ha relazionato sui principali argomenti trattati: RIP Registrazione e guida in generale o le Linee Guida per la Registrazione sono state preparate in bozza dalla Commissione: l'industria considera tali LG di primaria importanza o la Commissione sta anche provvedendo alla preparazione di un sito web dove verranno poste tutte le Linee Guida; la navigazione sul sito sarà facilitata in modo da semplificare l'accesso alle informazioni più importanti o un prototipo in via di completamento è accessibile all'indirizzo: RIP Chemical Safety Assessment and Report: o si prevede di sviluppare uno strumento IT per il CSR o il progetto è attualmente in via di discussione sulle modalità di realizzazione o il rapporto finale sarà presentato al CWG in novembre RIP Obblighi degli utilizzatori finali o questo progetto prevede un capitolo specifico per i distributori o i consulenti lavoro in stretto contatto con l'associazione danese e con la FECC o un documento aggiornato sarà fatto circolare a metà aprile RIP Identificazione delle sostanze o sembra che ci sia un accordo tra la Commissione e gli Stati Membri per un "approccio flessibile" per la registrazione dei composti La definizione delle tariffe da applicare per la registrazione è prevista per marzo Si prevede che verrà presa nei prossimi mesi una serie di iniziative informative per la sensibilizzazione al REACH con particolare riguardo per le PMI; vi terremo informati di queste iniziative La messa a disposizione di IUCLID 5 (European Chemical Information Database) è stata spostata ma si prevede che il sistema sarà operativo prima dell EIF (Entry Into Force); verrà istituito un help-desk per risolvere i problemi relativi al suo download ed alla sua installazione. E stato presentato il programma relativo all Agenzia: il primo nucleo partirà per Helsinki nei prossimi mesi e sarà formato da personale incaricato di installare il Sistema Informativo; nell attesa di nominare il responsabile dell Agenzia, è stato incaricato quale direttore operativo ad interim l attuale capo della REACH Unit della Commissione (Geert Dancet). Si prevede che l Help Desk dell Agenzia sia operativo all EIF, come pure anche quelli degli Stati Membri. Le Circolari n. 3/2007 Pag. 27

4 L attuale Working Group della Commissione sarà sostituito dalle riunioni delle Autorità Competenti degli Stati Membri (MSCA) alle quali potrà far parte un limitato numero di rappresentanti dell industria ATTIVITA AssICC riunione del Comitato REACH AssICC - durante la riunione sono stati esaminati I seguenti punti e prese le seguenti decisioni: in apertura viene presentata dal dr.r.canofari la nuova stagista (dr.ssa Nicoletta De Luca) che collaborerà con AssICC, particolarmente per il REACH. confronto programma/realizzazione: viene evidenziato che la gran parte del programma di lavoro approvato alla costituzione del Comitato, è già stata concretizzata o è in corso di attuazione; non è stato ancora possibile realizzare una Task Force di esperti (2/3 persone) che sia sempre disponibile per interventi urgenti per rispondere a quesiti posti da FECC o per presentare agli Enti competenti i quesiti posti dai soci. documento di pre-registrazione: è stato inviato a tutti i soci il documento di informazione ed ausilio al lavoro di preparazione alla pre-registrazione, predisposto a cura del GdL Tecnico. presentazione REACH ad uso aziendale: sono stati illustrati i criteri con i quali si sta realizzando una presentazione REACH utilizzabile come strumento di formazione all interno delle aziende; si prevede una presentazione modulare in modo da soddisfare le diverse esigenze dei soci. al fine di poter predisporre un progetto di formazione specifico viene chiesta collaborazione ai soci per fornire informazioni riguardanti i prevedibili cambiamenti operativi a seguito dell implementazione del REACH lettera a potenziali soci: è stata preparata una lettera indicante le implicazioni del REACH a potenziali soci con allegata la Nota Informativa (già inviata) web AssICC: si sta provvedendo, all interno della revisione generale del sito AssICC, alla creazione di una sezione dedicata al REACH, che dovrà rappresentare il veicolo prioritario di informazione per gli associati. aggiornamento RIP 3.4: è stata inviata da FECC una nota relativamente ai criteri di suddivisione delle quote di registrazione in ambito Consorzi; S.Benedetti e R.Canofari hanno analizzato il documento e inoltrato a FECC le proprie considerazioni. programma di azioni future organizzazione di Seminari/ Convegni.è stata presentata la bozza del programma del convegno del 3-4 aprile ; per questa occasione è stato predisposto un pieghevole al fine di acquisire nuovi soci; inoltre si è preparato anche un questionario per individuare più dettagliatamente le necessità dei nostri associati workshop: si propone di svolgere a metà Maggio un incontro, della durata da definire, dedicato all aggiornamento della situazione, alla descrizione delle attività AssICC attuate ed in progetto e, soprattutto, dedicato in larga parte a rispondere a domande, chiarimenti, dubbi.(organizzato per il 19 giugno) iniziative CampoVerde: F.Gianni, in supporto alle conoscenze e agli strumenti già realizzati dall associazione, illustra la possibilità di fornire servizi di consulenza, volti a facilitare le aziende soprattutto nella fase di pre-registrazione. Tra questi si sottolinea la possibilità di fornire un servizio di audit, di creare una banca dati prodotti, etc.; S.Romani propone la creazione di un blog dove le aziende si possano incontrare per scambiarsi le informazioni. Le Circolari n. 3/2007 Pag. 28

5 AZELIS - REACH SEMINAR di SHANGHAI Azelis ha organizzato a Shanghai un Seminario sul REACH per informare e formare i loro fornitori cinesi. L'evento, che ha riscosso un notevole interesse, ha avuto luogo lo scorso 23 marzo presso lo Shanghai International Convention Center. Si è avuta la partecipazione di oltre 70 persone da più di 50 società e, nonostante la sua complessità, la tematica REACH ha suscitato l'interesse del pubblico. Il Chief Operating Officer (COO) di Azelis, Dr. Peter Fields ha aperto la giornata presentando Azelis e il suo interesse per la Cina come pure il suo impegno nella gestione della Product Stewardship. Il workshop è stato seguito da una sessione di Question & Answer di oltre 90 minuti! Partecipanti al seminario Azelis sul Reach Azelis ha in previsione di tenere un evento simile in India a Mumbai nella prima settimana di Maggio e sta valutando anche la possibilità di organizzarne più avanti uno in Korea 19 giugno ASSEMBLEA AssICC & Progetto REACH L Assemblea annuale AssICC avrà luogo presso la nostra sede martedì 19 giugno 2007 e si è pensato di approfittare di questa occasione per approfondire la tematica del Regolamento REACH, le problematiche ad esso correlate e per fare il punto della situazione sul progresso dei lavori in corso (RIP) per l implementazione del Regolamento. Desideriamo sottolineare che tale incontro privilegerà il dibattito A DOMANDA AssICC RISPONDE, dedicando così la gran parte del tempo a rispondere alle domande ed a chiarire i dubbi dei soci. La vostra partecipazione sarà molto importante non solo per una vostra miglior conoscenza del Regolamento ma anche e specialmente per definire ed impostare le azioni che AssICC potrebbe attuare per aiutare concretamente i propri associati. Questo spazio è aperto a tutti i soci AssICC per comunicare le loro iniziative, necessità, problemi, e sono invitati a collaborare con informazioni, segnalazioni, richieste che possono eventualmente essere utili anche agli altri soci. Si invitano le aziende a distribuire questo foglio alle persone direttamente interessate e coinvolte con il Regolamento. Le Circolari n. 3/2007 Pag. 29

6 Seminario Il Regolamento REACH: due giornate per prepararsi operativamente - 3 e 4 Aprile 2007 Organizzato da FederChimica, AssoLombarda, CentroReach ed AssICC, si è tenuto nella sede dell Unione di Milano con la presenza di quasi 800 partecipanti e numerosi relatori italiani ed esteri. Apre il convegno, Giorgio Bonetti: (Presidente dell AssICC), associazione ospitante che rappresenta le aziende italiane della distribuzione chimica. Data proprio l importanza del ruolo dei distributori all interno del REACH, la sede dell AssICC a Milano non poteva che essere il luogo ideale per lo svolgimento di questo convegno che, a detta del relatore CEFIC, è risultato il più intenso di partecipazioni e di scambio di conoscenze che si sia svolto fino ad ora in Europa. Durante il suo intervento il presidente Bonetti annuncia che l AssICC aderirà presto al Centro REACH e sottolinea come la distribuzione, data la grande quantità e numero di prodotti trattati, sia pesantemente coinvolta nel Regolamento. Per questo AssICC, grazie alla sue numerose iniziative già realizzate (aggiornamento e distribuzione tempestiva e costante di informazioni, realizzazione di documenti e strumenti operativi, assistenza telefonica, ecc ) e che effettuerà in futuro (workshop, aggiornamento materiale, creazione di una rete di consulenza esterna formata da esperti, ecc ), aiuta i suoi soci a garantire la continuità delle forniture ai settori produttivi a valle, a ottemperare con regolarità, nei tempi previsti e a costi sostenibili, agli obblighi del Reach. Ad avvalorare l importanza del lavoro svolto da AssICC, è stato proprio il ripetuto riconoscimento, durante il corso del seminario, del ruolo ricoperto dalle associazioni che sono state dichiarate essenziali per la corretta partecipazione al Regolamento da parte delle aziende coinvolte. Diana Bracco, (presidente di Assolombarda e vice presidente del Centro REACH), illustra il Centro e le sue finalità ( Il Centro si porrà come interlocutore delle aziende italiane, informandole, assistendole e affiancandole lungo l'intero processo ) e la logica che ha reso possibile la sua nascita : fare squadra tra i diversi attori coinvolti e valorizzare le opportunità che il Regolamento europeo farà emergere. Ha inoltre espresso il suo convincimento che anche AssICC debba partecipare all iniziativa. Gian Paolo Patta, (sottosegretario di Stato del Ministero della Salute), ha annunciato durante il suo intervento che l autorità nazionale di gestione del regolamento REACH sarà il suo ministero ed ha promesso il massimo aiuto da parte della Pubblica Amministrazione. Adriano De Maio, (delegato del Presidente della Regione Lombardia per l Alta Formazione, Ricerca e Innovazione), sottolineando la necessità, data l importanza dell impatto del REACH anche sulla competitività delle industrie, ha annunciato che la Regione Lombardia interverrà con un consistente aiuto economico al progetto del Centro REACH al fine di creare un sistema di aiuto efficace per l applicazione del Regolamento. Sono state presentate 23 relazioni di cui vi diamo breve, sintetico riassunto; maggiori dettagli si possono avere dalle relazioni stesse che sono scaricabili dal sito AssICC (www.assicconline.it): Ilaria Malerba (Servizio Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale, FEDERCHIMICA) I punti ancora da chiarire nel Regolamento REACH ricorda gli elementi essenziali del Regolamento: campo di applicazione e tempistica; Le Circolari n. 3/2007 Pag. 30

7 sottolinea le principali aree di criticità (RIP:non ancora completati; AGENZIA: ancora ad uno stato latente; CAMPO di APPLICAZIONE: delimitazione non del tutto chiara; CONTROLLI: non è precisato da chi saranno fatti; SOSTANZE negli ARTICOLI: indeterminazione sull efficienza dei controlli; OSOR: condivisione dei dati; SIEF: modalità di partecipazione; CONSORZI: non chiare le modalità di partecipazione ) Graziella Chiodini (Regulatory Affairs, SOLVAY SOLEXIS SPA) Alcuni casi da approfondire: intermedi, polimeri e altre sostanze esentate dalla Registrazione gli intermedi sono considerati come sostanze phase-in, possono perciò essere pre-registrati e godere del periodo di transizione; la valutazione dell uso di una sostanza come intermedio deve essere documentata e il documento reso disponibile; gli intermedi isolati e quelli isolati e trasportati, se vengono utilizzati in condizioni rigorosamente controllate, possono godere di una procedura di registrazione semplificata. i polimeri sono esentati da Registrazione e Valutazione ma sono soggetti ad Autorizzazione se rispondono ai criteri riportati in art. 57 e all Inventario della classificazione e della etichettatura polimeri non devono essere registrati ma i monomeri e le altre sostanze devono essere registrate. Casi particolari: -No Longer Polymers (NLP); granulati plastici, masterbatches e polimeri formulati sono considerati un preparato contenente un polimero miscelato con additivi; questi ultimi, se presenti, devono essere registrati. le sostanze prodotte o importate a fini di attività di ricerca e sviluppo orientate ai prodotti e ai processi (PPORD), sono esentate da Valutazione, da Autorizzazione e da restrizione ma sono soggette a Classificazione ed Etichettatura. Antonella Bernardi (Sicurezza Prodotti, POLIMERI EUROPA SPA) L identificazione delle sostanze e le fasi di Pre-registrazione e Registrazione approfondimento di alcuni aspetti della Pre-Registrazione e Registrazione: la raccolta dei dati, la tempistica, le modalità e la formazione di gruppi di lavoro con livelli di competenze diversificate (tecniche, legali, commerciali, informatiche e di ricerca); sottolineata la necessità di IDENTIFICARE correttamente le sostanze durante la fase di Pre-Registrazione; tra le modalità di identificazione segnala l approccio READ ACROSS (le informazioni sulle proprietà intrinseche delle sostanze possono essere derivate, per similitudine, dai test di altre sostanze strutturalmente affini) e (Q)SAR. Maurizio Colombo (Health & Product Safety, LAMBERTI SPA) Come elaborare la Relazione sulla Sicurezza Chimica secondo il REACH per la valutazione della sicurezza chimica della sostanza nella registrazione sono previste: -un analisi dei dati che hanno costituito il dossier della sostanze; -questa analisi determina una valutazione della pericolosità (hazard); -segue la valutazione dei dati di esposizione della sostanza negli scenari di uso e di emissione; -in base alla pericolosità ed esposizione si definisce il RISCHIO relativo all impiego della sostanza. nel REACH questo processo determina due momenti formali: -CHEMICAL SAFETY ASSESSMENT -CHEMICAL SAFETY REPORT Le Circolari n. 3/2007 Pag. 31

8 i produttori devono effettuare un CSA per ogni sostanza, in quanto tale o componente di un preparato e dovranno presentare un CSR per sostanze e preparati prodotti/importati > 10 t/a. le imprese utilizzatrici dovranno fornire ai produttori/importatori, gli elementi per definire gli scenari espositivi e quindi fare un proprio downstream user chemical safety assessment. Nel caso gli usi non siano compresi tra quelli forniti dal produttore/importatore, gli utilizzatori dovranno preparare un CSR. i punti critici: -scenari espositivi: mancano le linee guida attuative; -scambio informativo; -competenze: la valutazione di rischio e l insieme delle attività REACH richiede una serie di competenze diverse, perciò è opportuno prevedere un pool di esperti con competenze diverse. Sonia Khandjian (Product Integrity Manager, ROHM and HAAS ITALIA SRL) Gli aspetti critici per le sostanze soggette ad Autorizzazione e Restrizione l autorizzazione si applica per le sostanze elencate in Allegato XIV, in particolare CMR cat.1&2, PBT, vpvb e distruttori endocrini. l autorizzazione viene rilasciata per un uso specifico di una sostanza e per un periodo di tempo limitato. Una volta pubblicata l autorizzazione ogni altro uso della sostanza è da considerare vietato. aspetti critici: -non sono ancora disponibili i criteri per definire le sostanze di preoccupazione equivalente; -il concetto di adeguatamente controllato -anche le sostanze a basso volume (<1 t/a) dovranno essere autorizzate; -revisione dell autorizzazione -piano di sostituzione: Stefano Colicchia (Head of Safety, Health, Environment and Quality, AZELIS SPA) I compiti operativi del Distributore e Importatore e le sue responsabilità sottolinea che la Pre-Registrazione è vitale e suggerisce come prepararsi soprattutto dando indicazioni ai distributori: -comunicazione: è necessario uno scambio di informazioni - senza precedenti - con tutti gli attori della supply chain; -dialogo: la complessità della legislazione non rende facile la comprensione immediata di tutti i dettagli. I problemi di linguaggio e i diversi punti di vista possono portare a fraintendimenti. È quindi necessaria una maggiore cooperazione tra tutti i soggetti; -fiducia: i distributori riceveranno informazioni sensibili sia dai Produttori che dai Downstream Users; -informare i fornitori: spiegare loro se necessario i punti chiave della nuova legislazione, concordando una strategia ed essendo proattivi; -dialogare con i clienti: preparare una risposta realistica, positiva e chiara alle loro domande, confrontarsi con gli strumenti messi a disposizione dalle autorità/associazioni di categoria e fare in modo che le persone del vostro front office siano a conoscenza di quanto state facendo; -raccogliere i dati necessari alla pre-registrazione: nome sostanza, CAS/EINECS, persona da contattare, soglia tonnellaggio, scadenza prevista per la registrazione; -pensare anche ai prodotti di origine europea: indagare se saranno supportati dal produttore o se esiste una eventuale alternativa a quel prodotto; Le Circolari n. 3/2007 Pag. 32

9 -SIEF (Substance Information Exchange Forum): iniziare una prima verifica dei dati disponibili (gap analysis); -laboratori & test: verificare se sono attrezzati per le analisi necessarie e informarsi sui costi; -consorzi: prepararsi a sedersi ad un tavolo di negoziazione; -appoggiarsi alle associazioni di categoria. Giorgio Chierico (Responsabile Sicurezza Prodotti, BASF ITALIA SPA) Come cambiano con il REACH le Schede Dati di Sicurezza l impatto del REACH sulle SDS sarà immediato in quanto entrerà in vigore dal 1 giugno le prime modifiche da fare sono: -inversione dela sezione 2 con la 3; -PBT e vpvb e sostanze contenute nella Condidate list for Authorisation: non ancora applicabile; -inserimento dell indirizzo e dell del tecnico competente. l adozione di queste modifiche è subordinata al momento in cui debbano essere effettuate delle modifiche rilevanti comunque prima della 1 scadenza per la Registrazione (1 Dicembre 2010) la SDS va aggiornata tempestivamente nelle situazioni previste. nelle nuove SDS vanno indicati: -il numero di registrazione; -gli scenari espositivi; -il nome e i dati della persona competente responsabile della SDS; -le nuove classificazioni, etichettature e pericoli aggiuntivi della sostanza; -l eventuale presenza della Valutazione sulla Sicurezza Chimica (CSA) per la sostanza (o per una sostanza in quanto componente di un preparato), se esiste; -l eventuale presenza di autorizzazione o restrizioni. quando è richiesto un CSR allora le informazioni delle sezioni 8, 11 e12, devono essere in linea con le informazioni per gli usi identificati e per gli scenari di esposizione considerati e analizzati nel CSR, che poi confluiscono nell allegato alla SDS. Daniela Tolentino (Sicurezza Prodotti, POLIMERI EUROPA SPA) Le connessioni tra il Regolamento REACH e il futuro Regolamento GHS UE vuole adottare il Regolamento GHS (Globally Harmonized System of Classification and Labelling of Chemicals) in contemporanea all implementazione del REACH. il REACH non include i criteri di classificazione ed etichettatura ma fa riferimento alla Direttiva 67/548/CEE per le sostanze e alla Direttiva 1999/45/CE per i preparati. Queste quando entrerà in vigore il GHS (presumibilmente allo scadere dei tempi di transizione) verranno abrogate modifiche sostanziali: (solo in alcuni casi) -determinazione di una diversa C&L in fase di Registrazione REACH; -approccio di determinazione del pericolo più modifiche documentali: su tutti i prodotti -allineamento di tutto il sistema di comunicazione del rischio Le Circolari n. 3/2007 Pag. 33

10 Roberto Binetti (Direttore Reparto Sostanze Chimiche e Preparati Pericolosi, ISS) I ruoli dell Autorità nazionale nell operatività del REACH L Autorità nazionale dovrà riorganizzare le strutture operative e rifocalizzare l attività in corso in funzione delle date di entrata in vigore dei vari Titoli del REACH, inoltre dovrà dare il suo contributo alla gestione della fase di transizione graduale dal vecchio al nuovo sistema. Compiti dell Autorità nazionale: -istituisce un sistema di ispezioni e controlli; -stabilisce sanzioni in caso di infrazione al regolamento; -presenta all Agenzia relazioni sui risultati dei controlli; -assume iniziative per informare il pubblico sui rischi legati all uso di sostanze chimiche; -istituisce un servizio nazionale di Help Desk per le imprese; -esprime parere sulle richieste di R&D; -riceve informazioni dall Agenzia sulle sostanze prodotte o importate nel proprio territorio; -partecipa alla definizione del Rolling Plan, effettua la valutazione delle sostanze assegnate e richiede informazioni supplementari per completare la valutazione; -predispone, se del caso, un fascicolo secondo l Allegato XV per le sostanze da candidare alla procedura di autorizzazione o alla procedura di restrizione o per una proposta armonizzata di classificazione; -partecipa con propri rappresentanti ed esperti ai Comitati dell Agenzia; -presenta ogni 5 anni una relazione sullo stato di applicazione del regolamento; -partecipazione attiva alle fasi di revisione previste per alcuni Titoli e Allegati. Lena Perenius (directoo REACH/ Chemical Policy, CEFIC) The REACH Expert Network la Commissione organizza una Help-NET per coordinare le attività degli Helpdesks nazionali. La rete è costituita dagli esperti dalle associazioni nazionali e da CEFIC e avrà il compito di raccogliere un database delle risposte alle domande frequentemente fatte (FAQ) dalle industrie. gli scopi della rete sono quelli di: -fornire risposte armonizzate alle FAQ in un modo coordinato fra le associazioni nazionali ed evitare la duplicazione delle risposte; -fornire il supporto alle associazioni nazionali che non hanno sufficienti esperienze e capacità per adempiere alla propria funzione di sostegno; -avere un interpretazione comune del testo legale; nel caso ci siano differenze devono essere discusse con l'agenzia centrale o la Commissione; -coordinare le diverse azioni che deve compiere l industria nelle molte sfaccettature dell'implementazione del REACH. verranno fornite risposte solo relativamente all interpretazione legale del testo, delle linee guida fornite dai RIP e della applicazione di queste ultime. Christel Musset (Action Leader, EUROPEAN CHEMICALS BUREAU-JRC) Information Systems: IUCLID5 e REACH-IT attualmente sono in corso di sviluppo 2 sistemi IT principali: -REACH-IT: sistema IT centrale dell'agenzia accessibile agli Stati membri UE. -IUCLID 5: strumento chiave per l industria Le Circolari n. 3/2007 Pag. 34

11 IUCLID V è un software progettato per preparare i dossier di registrazione da sottoporre all Agenzia e sarà disponibile in forma gratuita Sarà fornito un servizio di Helpdesk che avrà il compito di rispondere (via mail) alle domande degli utenti riguardanti solo l installazione e il funzionamento del software. IUCLID V non sarà attivo per la procedura di pre-registrazione che potrà però essere fatta attraverso il sistema REACH-IT. REACH-IT: è lo strumento studiato per la raccolta e la gestione dei dati da parte dell Agenzia e degli Stati membri, anche se sarà comunque consentito l accesso e la consultazione dei dati all industria e ai downstream users. REACH-IT servirà in prima istanza alla pre-registrazione. Ogni azienda potrà avere più accessi per più persone diverse. Un primo vantaggio del sistema sarà quello di facilitare la nascita dei SIEF e dei Consorzi: si prevede infatti che, se nello stesso giorno in cui si effettua la pre-registrazione di una sostanza un altra azienda pre-registra la stessa sostanza, il sistema lo segnala e si viene messi in contatto. Bruno Brianzoli (CENTRO REACH SRL) I servizi offerti dal Centro Reach e la collaborazione con il ReachCentrum del CEFIC le attività di supporto previste del Centro Reach sono: -realizzazione dei Dossier di Registrazione; -partecipazione alla formazione dei Consorzi Europei; -negoziazione con l Agenzia Chimica Europea e con le Autorità Nazionali; -gestione ed archiviazione dei Dati e dei Dossier; -selezione dei Laboratori censiti in Italia; -attività di R&S per la messa a punto di metodi alternativi. Jean-Claude Lahaut (Executive Director - Legal Affairs, CEFIC) First recommendations for Consortia management descrive alcune regole per la raccolta dati delle sostanze phase-in e le modalità di presentazione di questi dati per la partecipazione ai SIEF. I consorzi non sono descritti nel REACH; sono governati da leggi proprie e lasciate all iniziativa privata dell'industria. In molti casi, però, sono la risposta più adatta alle richieste del REACH. Attualmente non sono ancora disponibili informazioni sulle modalità di partecipazione e di gestione dei Consorzi, sull effettiva tutela delle informazioni confidenziali e sui criteri di ripartizione dei costi vantaggi: -costi di registrazione ridotti: risparmio di sforzi ripartendo le mansioni, le spese amministrative e beneficiando di tasse di registrazione ridotte; -vantaggi tecnici e scientifici: ottimizzazione della qualità del dossier di registrazione, evitando anche le contraddizioni e ripetizioni nei dati presentati all'agenzia, cooperazione tra le aziende e migliore valutazione di rischio, copertura degli aspetti legali e scambio protetto delle informazioni confidenziali; -posizione più forte di fronte all'agenzia. svantaggi: -maggiore investimento di tempo; -minor controllo sulla condotta degli studi; -spese amministrative. Le Circolari n. 3/2007 Pag. 35

12 si ribadisce il ruolo chiave che rivestono le Associazioni di categoria nazionali. Esse devono fungere da interfaccia tra normative nazionali ed europea e tra associati e normative. Stefano Arpisella (Ufficio Sicurezza Prodotti - Progetti Chimici, FEDERCHIMICA) Gli strumenti per l implementazione del REACH predisposti da Federchimica descrive gli strumenti a supporto delle aziende sviluppati dal Gruppo di Lavoro creato da FEDERCHIMICA tra cui spicca QUICK-REACH 3.0. (Un Applicazione informatica che consente all Impresa di: -identificare le disposizioni di legge che la riguardano; -posizionare il proprio Portafoglio Prodotti, rispetto al REACH; -stimare orientativamente i costi di gestione del Regolamento. Maurizio Colombo (Health & Product Safety, LAMBERTI SPA) Scenari di esposizione: due modelli operativi per la Valutazione del Rischio predisposti da Federchimica e Aispec Esempio pratico all interno dell azienda utilizzando il modello di notifica EUSES, che è basato sui dati conservativi che simulano la situazione peggiore. EUSES per valutare la stima dei DU utilizza i modelli EASE, CONSEXPO, Mackay e metodi QSAR. Giuseppe Malinverno - Public and Regulatory Affairs Manager, SOLVAY SPA Il work-flow operativo: dalla Pre-registrazione alla Registrazione i SIEF partiranno da dopo il 1 Gennaio 2009, quando l Agenzia pubblicherà sul suo sito web la lista delle sostanze pre-registrate e rimarranno operativi fino al 1 giugno 2018; al SIEF possono partecipare tutti i dichiaranti potenziali, gli utilizzatori a valle e i terzi che hanno volontariamente trasmesso all'agenzia informazioni relative a una stessa sostanza soggetta a un regime transitorio; la formazione di un SIEF viene discussa e concordata tra i possibili partecipanti per quanto riguarda modalità di data sharing, accordi su classificazione ed etichettatura nonché la possibilità di estendere la collaborazione anche per la presentazione congiunta dei dossier di registrazione oppure per altri obiettivi previsti dal REACH; quanto sopra può essere realizzato con la formazione di consorzi o altre forme di cooperazione, oppure nominando quale trustee un esperto in materia; per quanto riguarda la trasmissione congiunta di dati è difficile pensare che possa essere fatta al di fuori di un consorzio, mentre si rinnova ancora l importanza del ruolo che può essere svolto anche in questo caso delle associazioni. Alessandro Fantoni (Product Safety Manager, CLARIANT MASTERBATCHES (ITALIA) SPA) Come il Gruppo si sta preparando al REACH: una simulazione pratica Pier Giorgio Dalzero (Presidente Gruppo Manutenzione e Biocidi, ASSOCASA) Il ciclo sostanza formulato prodotto chimico nell Industria della Detergenza vengono presentati esempi pratici di preparazione al REACH Alla tavola rotonda finale hanno preso parte: G. Fabi -Vice Direttore Vicario IL SOLE 24 ORE-, R. Binetti -Istituto Superiore di Sanità-, B. Brianzoli -Centro REACH Srl-, Di Masi -Ministero dello Sviluppo Economico-, P. Pistolese -Ministero della Salute- e C. Zaghi -Ministero dell Ambiente-, Le Circolari n. 3/2007 Pag. 36

13 che hanno ribadito all unanimità l importanza dell entrata in vigore del Regolamento REACH e hanno assicurato che si impegneranno affinché la normativa non si trasformi per le imprese solo in burocrazia. Giorgio Squinzi, (presidente di Federchimica e del Centro), in chiusura di lavori, ha dichiarato che il Reach è una nuova sfida per le imprese italiane (oltre 100mila ne saranno coinvolte) e per l'intero Sistema Paese, che tocca direttamente il cuore delle PMI e che la competitività di queste potrà essere messa a rischio. Il presidente di Federchimica ha poi ribadito che il Centro Reach rappresenta una risposta concreta del Sistema di Impresa all'impegno che le aziende si troveranno ad affrontare nei prossimi mesi e che la normativa deve essere un opportunità non un ostacolo. Le Circolari n. 3/2007 Pag. 37

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia INDICE 1. Premessa... pag. 2 2. Finalità... pag. 2 3. Campo di applicazione... pag. 2 4. Aggiornamento...

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle Rev. 01 - Novembre 2012 Documento elaborato dall ASL di MONZA e BRIANZA in collaborazione con Confindustria Monza, APA Confartigianato,

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul regolamento REACH, che spiegano gli obblighi

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Seminario Formativo di approfondimento: REACH e i settori della carta e della stampa L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Udine, 9-10 Luglio 2008 FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro 2 DESC Versione 2010 Guida alla consultazione del sito web Realizzato da IRSA-CNR A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro Indice GUIDA ALLA CONSULTAZIONE

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Guida per l identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH e CLP

Guida per l identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH e CLP Guida per l identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH e CLP Versione: 1.3 Febbraio 2014 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di informazioni sugli obblighi derivanti

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 47 emanati dalla: Conferenza delle presidenze delle commissioni e delegazioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Diritto all accesso alle informazioni

Diritto all accesso alle informazioni Diritto all accesso alle informazioni Susanna Lupi Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali lupi.susanna@minambiente.it

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli