Indice RCS LIBRI EDUCATION SPA INDICE. Guida alla lettura... II di copertina Presentazione... p. II SINTESI VERIFICA IMMEDIATA...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice RCS LIBRI EDUCATION SPA INDICE. Guida alla lettura... II di copertina Presentazione... p. II SINTESI... 51 VERIFICA IMMEDIATA..."

Transcript

1 Indice Guida alla lettura... II di copertina Presentazione... p. II SINTESI VERIFICA IMMEDIATA MODULO 1 La gestione delle banche... 1 CAPITOLO 1 Il sistema finanziario e le banche 2 1 Gli intermediari finanziari L attività bancaria Le funzioni dell impresa bancaria Il Testo Unico su banche e credito Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale Europea Le autorità creditizie nazionali La vigilanza della Banca d Italia Gli strumenti e gli interventi di politica monetaria comune Il Comitato di Basilea e i suoi accordi SINTESI VERIFICA IMMEDIATA CAPITOLO 2 L organizzazione e la gestione strategica delle banche L evoluzione del sistema bancario Gli aspetti organizzativi delle banche La veste giuridica e l espansione territoriale delle imprese bancarie La gestione bancaria Le norme tecniche di gestione bancaria I rischi nell attività bancaria L orientamento strategico delle imprese bancarie Il self-service bancario La banca virtuale Il servizio Bankpass Web L automazione nell attività bancaria Il marketing bancario e la qualità totale La compliance nell impresa bancaria La collaborazione tra banche e imprese di altri settori CAPITOLO 3 I caratteri generali delle operazioni bancarie Le fonti giuridiche delle operazioni bancarie 57 2 La classificazione delle operazioni bancarie ll pricing dei prodotti bancari L aspetto computistico delle operazioni bancarie 63 5 L aspetto fiscale delle operazioni bancarie La tutela del cliente La disciplina della trasparenza bancaria Il consorzio PattiChiari Il segreto bancario e le norme antiriciclaggio 77 SINTESI VERIFICA IMMEDIATA RCS LIBRI EDUCATION SPA CAPITOLO 4 Le operazioni di raccolta fondi 84 1 Il sistema informativo I conti del bilancio Caratteri e classificazione dei depositi bancari 91 4 II deposito a risparmio libero I depositi bancari vincolati Le obbligazioni bancarie I conti correnti di corrispondenza I servizi collegati ai conti correnti SINTESI VERIFICA IMMEDIATA CAPITOLO 5 Le operazioni di impiego fondi La concessione di fido L apertura di credito Il portafoglio sconti Il portafoglio salvo buon fine (s.b.f.) Gli anticipi su fatture Il factoring Le operazioni di cartolarizzazione Il forfaiting e il confirming Le anticipazioni garantite I riporti INDICE 437

2 11 I mutui ipotecari SINTESI VERIFICA IMMEDIATA CAPITOLO 6 Le operazioni e i servizi di investimento I servizi e le attività d investimento Le sedi di negoziazione e gli obblighi degli intermediari L operatività in titoli delle banche Il risparmio gestito Le Gestioni di Patrimoni Mobiliari (GPM) Le Gestioni Patrimoniali in Fondi (GPF) I c/c con gestione della liquidità L amministrazione di titoli L operatività in cambi delle banche La neutralizzazione del rischio di cambio SINTESI VERIFICA IMMEDIATA CAPITOLO 7 Il bilancio delle banche Il bilancio d esercizio Lo Stato patrimoniale Il Conto economico Il Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Il Rendiconto finanziario La Nota integrativa I criteri di valutazione La relazione sulla gestione Gli indici di bilancio Il patrimonio di vigilanza delle banche SINTESI VERIFICA IMMEDIATA VERIFICA DI FINE MODULO MODULO 2 Le aziende di erogazione CAPITOLO 1 Le aziende non orientate al lucro Attività, finalità e classificazioni delle aziende di erogazione Le aziende non profit Il patrimonio Il sistema informativo delle aziende non profit L aspetto finanziario ed economico della gestione Le previsioni e i rendiconti Esercitazione: Preventivi finanziari e preventivo economico di un azienda di erogazione 316 Esercitazione: Rendiconto finanziario - partitario spese - mandato di pagamento Documentazione: La gestione amministrativocontabile delle istituzioni scolastiche SINTESI VERIFICA IMMEDIATA CAPITOLO 2 Le aziende degli enti territoriali Funzioni dello Stato e degli altri enti territoriali Aspetti organizzativi dello Stato e degli enti locali L organizzazione degli uffici e del personale I caratteri generali del processo gestionale degli enti territoriali La gestione L aspetto patrimoniale della gestione L aspetto finanziario della gestione La programmazione finanziaria dello Stato Gli strumenti di programmazione e di gestione degli enti locali I principi del bilancio di previsione L aspetto economico della gestione I rendiconti I servizi pubblici locali L informatizzazione del settore pubblico SINTESI VERIFICA IMMEDIATA VERIFICA DI FINE MODULO ESERCIZI DA SVOLGERE Le banche e la loro disciplina Organizzazione e gestione delle banche Caratteri generali delle operazioni bancarie Depositi a risparmio libero Certificati di deposito Depositi vincolati Moneta bancaria Conti correnti di corrispondenza Concessioni di fido Aperture di credito Portafoglio sconti Portafoglio s.b.f Anticipi su fatture Servizi bancari Bilancio di esercizio Le aziende di erogazione INDICE

3 MODULO 1 La gestione delle banche Banche Organizzazione e gestione Operazioni Operazioni di raccolta fondi Operazioni di impiego fondi Operazioni e servizi d investimento Bilancio OBIETTIVI Le funzioni delle imprese bancarie nel sistema economico e finanziario La disciplina del sistema bancario europeo e italiano L organizzazione delle imprese bancarie Gli aspetti strategici e gestionali delle imprese bancarie Gli aspetti economici, giuridici, fiscali, tecnici e contabili delle operazioni d intermediazione creditizia e dei servizi d investimento bancari Il contenuto del bilancio d esercizio delle banche e dei documenti accompagnatori Riconoscere le caratteristiche dei modelli organizzativi delle imprese bancarie Individuare, in situazioni semplici, gli elementi distintivi della pianificazione strategica delle imprese bancarie Effettuare i calcoli relativi alle operazioni bancarie Compilare e analizzare i documenti bancari Rilevare in contabilità le operazioni di gestione compiute dalle imprese bancarie Leggere e interpretare, anche avvalendosi di indici, il bilancio d esercizio delle banche

4 CAPITOLO 1 Il sistema finanziario e le banche Da una relazione del Governatore della Banca d'italia all'assemblea generale ordinaria emerge che nell ultimo anno il risparmio delle famiglie italiane è diminuito rispetto all anno precedente sia per la riduzione del risparmio complessivo sia per i consistenti investimenti in nuove abitazioni. Durante l anno le aspettative di aumento dei tassi di interesse hanno spinto le famiglie ad acquistare prevalentemente strumenti finanziari a breve termine e a cedere quote rilevanti di fondi comuni. L investimento netto in azioni e partecipazioni è rimasto basso. Risulta cresciuto l indebitamento delle famiglie con un ritmo elevato anche se più contenuto dell anno precedente. I debiti contratti dalle famiglie in rapporto al reddito disponibile sono aumentati del 4% ma risultano ancora contenuti rispetto all indebitamento delle famiglie europee. I prestiti bancari hanno registrato un aumento per la forte domanda di fondi da parte delle imprese alimentata dalla ripresa dell attività produttiva. L espansione di prestiti bancari è stata pari all 11,8%, quasi 3 punti percentuali in più rispetto all anno precedente. L aumento ha riguardato esclusivamente i finanziamenti a breve termine che, dopo aver ristagnato, hanno ripreso a crescere a un ritmo sostenuto. Il credito bancario ha registrato un aumento in tutti i principali settori produttivi. Quasi 2/3 dell aumento sono attribuibili al settore dei servizi, dove la dinamica più sostenuta ha riguardato il trasporto, il commercio e i servizi immobiliari. I prestiti bancari a breve scadenza, in particolare, hanno registrato una forte accelerazione, riflettendo l accresciuta domanda di fattori della produzione a breve termine dovuta alla ripresa dell attività economica. La composizione dei debiti finanziari delle imprese italiane si differenzia rispetto agli altri Paesi industriali soprattutto per il ridotto ricorso ai prestiti obbligazionari. I debiti commerciali delle imprese italiane risultano, alla fine dell anno, pari all 11% del totale delle passività finanziarie. La redditività delle banche è aumentata per effetto dei guadagni originati da efficienza e dalla concessione di finanziamenti. RCS LIBRI EDUCATION SPA? 1. Perché è diminuita la propensione al risparmio degli italiani? 2. Perché è aumentato il credito concesso dalle banche alle imprese e alle famiglie? 3. Quale ruolo svolgono le banche nel sistema economico? 2 La gestione delle banche MODULO 1

5 01 Gli intermediari finanziari Gli scambi che avvengono sul mercato sono regolati in parte immediatamente e in parte attraverso operazioni di credito, nelle quali una prestazione attuale si contrappone a una prestazione futura. Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. Ogni operazione di credito è caratterizzata dalla fiducia tra le parti e dal rischio. La fiducia è il presupposto di ogni operazione di credito; dalla fiducia deriva il fido che indica l importo massimo di credito che un soggetto è disposto ad accordare a un altro soggetto al fine di contenere il rischio entro un limite tollerabile. Le operazioni di credito possono essere suddivise: a seconda che avvengano direttamente tra le parti (credito diretto) oppure con l intervento di intermediari finanziari (credito indiretto); a seconda della categoria economica a cui appartiene il debitore, distinguendo così il credito alla produzione, in cui il debitore è un impresa che necessita di finanziamenti, dal credito al consumo, in cui il debitore è una famiglia. Il diffondersi del credito indiretto ha favorito la nascita d intermediari finanziari che possono avere un origine bancaria e non bancaria. raccolta fondi INTERMEDIARI FINANZIARI credito indiretto impiego fondi soggetti in avanzo finanziario credito diretto soggetti in disavanzo finanziario INTERMEDIARI FINANZIARI BANCARI Le banche sono i più diffusi intermediari finanziari che si interpongono tra i soggetti che dispongono di capitali o che accantonano risparmi (soggetti in avanzo finanziario) e coloro che hanno bisogno di capitali per la loro attività (soggetti in disavanzo finanziario). Le banche sono enti ai quali è riservato l esercizio dell attività bancaria, che secondo la legge ha carattere d impresa ed è costituita dalla raccolta di risparmio tra il pubblico e dall esercizio del credito. Operando come intermediari, le banche fanno della fiducia l elemento essenziale per l esercizio della loro attività; infatti ricevono depositi solo se suscitano fiducia nei risparmiatori e concedono prestiti solo se ripongono fiducia nei soggetti da finanziare. L attività d intermediazione esercitata dalle banche presenta i seguenti vantaggi: permette di raccogliere anche i risparmi d entità modesta, formando capitali e convogliandoli verso le attività produttive; offre ai risparmiatori un elevato grado di sicurezza, sia per la tradizionale solidità delle banche, sia per il controllo pubblico su di esse esercitato, sia per le forme di protezione istituite (fondo interbancario di garanzia); opera una trasformazione qualitativa del credito, in modo da appagare le differenti esigenze dei risparmiatori e dei soggetti finanziati; presenta una organizzazione territoriale, capacità operative e conoscenze tecniche che permettono di effettuare una massa notevole di operazioni attuando una limitazione dei rischi connessi all esercizio del credito. CAPITOLO 1 Il sistema finanziario e le banche 3

6 INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI L intermediazione non bancaria è esercitata da numerosi organismi, spesso inseriti in gruppi creditizi attraverso partecipazioni azionarie: 1) imprese d assicurazione e istituti di previdenza: gestiscono una quota dei risparmi della collettività acquistando strumenti finanziari e concedendo mutui; 2) Società d Intermediazione Mobiliare (SIM): negoziano strumenti finanziari per conto proprio e di terzi, collocano e distribuiscono valori mobiliari, raccolgono ordini di acquisto e di vendita, gestiscono patrimoni mobiliari, offrono consulenza in materia d investimenti in strumenti finanziari e sollecitano il pubblico risparmio; 3) Società di Gestione del Risparmio (SGR): prestano il servizio di gestione collettiva del risparmio mediante i fondi comuni d investimento; tali società possono inoltre offrire il servizio di gestione su base individuale di portafogli d investimento per conto dei risparmiatori, nonché istituire e gestire fondi pensione; 4) Società d Investimento a Capitale Variabile (SICAV): si dedicano all investimento collettivo in strumenti finanziari del proprio patrimonio, raccolto mediante offerta al pubblico delle proprie azioni; 5) società per la gestione fiduciaria di patrimoni mobiliari: raccolgono capitali non inferiori a importi minimi prefissati e ne gestiscono l investimento in strumenti finanziari, sulla base d istruzioni riguardanti ogni singola posizione; 6) società di leasing e di factoring: organismi collaterali all attività bancaria che si dedicano alla concessione di forme speciali di credito; 7) banche d affari: svolgono attività di investment banking o di merchant banking fornendo alle imprese servizi di finanza innovativa ed effettuando interventi finanziari rivolti principalmente alla sottoscrizione di titoli di capitale e di debito da collocare in seguito presso il pubblico; 8) Poste italiane spa: attraverso la divisione finanziaria BancoPosta le poste italiane sono diventate intermediari finanziari che, grazie ai numerosi uffici postali distribuiti capillarmente sul territorio, offrono al pubblico la possibilità di aprire conti correnti e libretti di risparmio, di trasferire e ricevere denaro in tempo reale verso/da molti Paesi del mondo (servizio MoneyGram), di inviare in tutto il mondo somme di denaro, di effettuare investimenti in titoli e fondi comuni di investimento, di disporre delle carte di debito per effettuare pagamenti e per prelevare banconote dagli sportelli automatici Postamat, di ottenere finanziamenti sotto forma di prestiti personali, scoperti di conto corrente e mutui, di stipulare polizze assicurative che rispondono alle esigenze di protezione, risparmio e previdenza integrativa, di ottenere il cambio delle banconote straniere, di usufruire di carte di credito e di tessere magnetiche ricaricabili e così via. La divisione finanziaria BancoPosta è soggetta ai poteri di vigilanza della Banca d Italia e della CONSOB e alle disposizioni del Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria (TUF); 9) Istituti di Moneta Elettronica (IMEL): imprese che emettono moneta elettronica, introdotte nel nostro ordinamento giuridico con legge 1/3/2002 n. 39; 10) Cassa Depositi e Prestiti spa (CDP spa): è una società controllata dal Ministero dell economia e delle finanze e possiede pacchetti azionari di società il cui capitale è prevalentemente in mani pubbliche (Poste italiane, Enel spa, Eni spa, Infrastrutture spa ecc.). Raccoglie fondi emettendo buoni fruttiferi postali (ordinari e indicizzati) e obbligazioni garantite da attività segregate in speciali patrimoni di enti pubblici e quindi dotati di un rating elevato (covered bond). Utilizza i fondi raccolti concedendo finanziamenti a enti territoriali a condizioni di favore per l esecuzione di opere di interesse generale (gestione separata) e anche per finanziare imprese private a condizioni di mercato (gestione ordinaria); 11) fondi pensione: strumenti di previdenza complementare istituiti per raccogliere versamenti periodici dai lavoratori dipendenti al fine di affidarli a gestori specializzati (banche, SIM, Società di Gestione del Risparmio) che li investono in attività finanziarie per fornire agli iscritti una pensione integrativa da aggiungere a quella corrisposta dagli enti del sistema previdenziale pubblico. 4 La gestione delle banche MODULO 1

7 02 L attività bancaria La banca è un impresa che opera nel settore del credito e dei regolamenti monetari, esercitando attività d intermediazione e attività finanziarie che si affiancano e si intrecciano con la prestazione di numerosi servizi. La banca svolge la sua attività nel settore terziario dell economia attuando un processo di produzione indiretta. Le operatività nel campo del credito e nei regolamenti monetari sono strettamente interdipendenti, come risulta evidente pensando che molti prestiti bancari vengono erogati concedendo disponibilità in conti correnti dai quali gli affidati prelevano emettendo assegni. Le attività d intermediazione vengono svolte nel settore creditizio e nel settore degli strumenti finanziari. Sono strumenti finanziari in base all art. 1 del TUF (Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria): A B C Mercato dei capitali Rete di mercati nei quali si incontrano la domanda e l offerta dei capitali. La domanda è alimentata dai soggetti che cercano finanziamenti; l offerta proviene dai risparmiatori (famiglie) e da enti o imprese che desiderano investire le loro eccedenze monetarie. I prezzi che si formano su tale mercato prendono il nome di tassi d interesse. 1) titoli di capitale proprio (azioni) o convertibili in capitale proprio; 2) titoli di debito (obbligazioni emesse da società private e da enti pubblici); 3) quote o azioni di organismi di investimento collettivo (fondi comuni); 4) strumenti finanziari derivati (futures, options, swaps su tassi, merci e indici azionari). RCS LIBRI EDUCATION SPA Le prestazioni di servizi sono oggi così ampie e articolate da far apparire la banca come una vera e propria impresa di servizi. Per svolgere la loro attività, le banche devono acquisire risorse finanziarie a titolo di capitale proprio e di capitale di debito. Inoltre devono gestire l utilizzo delle risorse conservate in forma liquida o di quelle impiegate per la concessione di crediti a famiglie, imprese ed enti pubblici, oppure in investimenti più o meno durevoli di tipo mobiliare o immobiliare. Il processo di acquisizione delle risorse finanziarie viene realizzato sul mercato dei capitali ABC interno e internazionale attraverso: la raccolta di fondi con natura di capitale proprio, ottenuta con l emissione di azioni ordinarie o di risparmio; la raccolta di fondi con natura di capitale di debito, per mezzo di depositi ottenuti da operatori non bancari (famiglie, imprese, enti pubblici) e da altri enti creditizi, emettendo obbligazioni e ricevendo depositi in valuta europea ed estera. Nell esercizio della loro attività le banche combinano, in modo mutevole nel tempo, le diverse forme di acquisizione delle risorse finanziarie; al primo posto figura la raccolta di capitale di debito, ottenuto rastrellando risparmio dalle famiglie e mezzi momentaneamente inutilizzati dalle imprese e dagli enti pubblici; infatti, il capitale proprio delle banche costituisce solo una parte minoritaria delle risorse finanziarie utilizzate. L attività bancaria può essere considerata, assieme ai mercati regolamentati, come uno dei motori della pompa che aspira il risparmio per farlo affluire alle imprese private e agli enti pubblici, finanziando così gli investimenti produttivi. pagamenti di stipendi, salari, interessi FAMIGLIE risparmio banche IMPRESE ED ENTI PUBBLICI mercati regolamentati spese per acquisto di beni e servizi CAPITOLO 1 Il sistema finanziario e le banche 5

8 Per tutelare il pubblico risparmio è vietata ogni forma di abusivismo di tipo bancario e finanziario e sono previste sanzioni per i soggetti che svolgono tali attività senza l autorizzazione della Banca d Italia. È inoltre vietato e sanzionato l uso illegittimo, nella denominazione o in qualsiasi segno distintivo, delle parole banca, banco, credito, risparmio e di altre espressioni idonee a trarre in inganno il pubblico. 03 Le funzioni dell impresa bancaria Le funzioni esercitate dalle banche si possono sintetizzare in: funzione creditizia; funzione monetaria; funzione di trasmissione degli impulsi di politica monetaria; funzione di servizi; funzione di supporto allo sviluppo delle imprese. FUNZIONE CREDITIZIA FUNZIONE MONETARIA FUNZIONE DI TRASMISSIONE DEGLI IMPULSI DI POLITICA MONETARIA FUNZIONE DI SERVIZI FUNZIONE DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO Con la funzione creditizia le banche operano come intermediari tra coloro che offrono capitale e coloro che lo richiedono. In tal modo le banche svolgono anche una importante funzione economico-sociale in quanto stimolano la formazione del risparmio e lo indirizzano verso le attività produttive, favorendo l espansione dell intero sistema economico con l offerta di credito sia alla produzione sia al consumo. Il sistema bancario è il cardine del sistema dei pagamenti sia interni sia internazionali. Tali regolamenti sono compiuti solo in minima parte con moneta legale, mentre la quota maggiore è operata con moneta bancaria che circola mediante strumenti di tipo cartolare (assegni) o di tipo elettronico (trasferimento di fondi mediante reti telematiche). La funzione creditizia e la funzione monetaria sono strettamente interdipendenti. Infatti le banche conferiscono ai depositi una particolare attitudine a fungere da moneta; con la concessione di prestiti, poi, danno vita a un meccanismo di espansione degli stessi depositi, accrescendo la quantità di moneta a disposizione del mercato (si tratta del cosiddetto moltiplicatore dei depositi). Le banche influenzano il processo di produzione e di distribuzione del reddito nazionale attraverso la concessione del credito. Infatti le autorità creditizie, per incidere sulle variabili del sistema economico (risparmio, consumi e investimenti), adottano provvedimenti che raggiungono gli operatori economici tramite il sistema bancario, modificandone il comportamento. Per esempio, riducendo la percentuale di depositi da versare presso la banca centrale come riserva obbligatoria, le autorità monetarie favoriscono i finanziamenti concessi dalle banche alle imprese imprimendo così una spinta agli investimenti e alle attività produttive. La funzione di servizi è svolta proponendo alla clientela una gamma sempre più vasta di servizi d investimento e di prestazioni complementari e collaterali. I servizi d investimento consistono nella negoziazione per conto terzi di strumenti finanziari, nella gestione individualizzata di portafogli e in alcune prestazioni accessorie legate agli strumenti finanziari. Le prestazioni complementari, come gli incassi di effetti e i pagamenti di utenze, sono a carattere tradizionalmente bancario. Le prestazioni collaterali sono offerte alla clientela soltanto attraverso società controllate o collegate alle banche caratterizzate da una forte specializzazione operativa e da un accentuata professionalità del personale. Alle funzioni descritte le banche hanno recentemente affiancato una funzione di supporto allo sviluppo delle imprese svolta mediante interventi di finanza innovativa rivolti principalmente alle imprese che intendono dare impulso alla ricerca e rinnovare i loro 6 La gestione delle banche MODULO 1

9 processi produttivi. Tale supporto è fornito attraverso particolari interventi finanziari e servizi, concepiti per rispondere alle attuali esigenze delle imprese. Si tratta dunque di interventi e servizi di finanza innovativa per lo sviluppo con cui le banche si spostano dalla tradizionale logica di credito a una moderna logica di intervento, ricoprendo il ruolo di advisor (consulenti) o partecipando direttamente al capitale sociale e attuando così un collegamento tra il settore della finanza e quello dell economia reale. Questi interventi non vengono effettuati solo da banche specializzate in alta finanza (merchant bank e investment bank), ma anche da banche tradizionali che affiancano al tradizionale ruolo di intermediarie creditizie i servizi di investment banking o di merchant banking. 04 Il Testo Unico su banche e credito Il Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TUB) raccoglie in modo organico le norme che disciplinano il settore del credito, adeguandolo alla nuova realtà in cui operano le banche e alle direttive europee. Il TUB ha subìto nel tempo una serie di aggiunte e di modifiche rivolte a recepire la Direttiva UE sui servizi di investimento, a imporre la stessa periodicità nel conteggio degli interessi debitori e creditori nei c/c bancari, a garantire trasparenza al mercato e correttezza degli operatori e, infine, a impedire che nuovi scandali finanziari gettino ombre sull attività svolta dalle banche e sull esercizio dei poteri da parte delle autorità di controllo. Con il TUB le banche, autorizzate dalla Banca d Italia a esercitare il credito, sono tutte assimilate tra loro sul piano giuridico, possono svolgere tutte le operazioni e offrire tutti i servizi. Viene così favorito nel sistema bancario un clima competitivo, strutturando un ordinamento fondato sull imprenditorialità e sul libero mercato. Il TUB si articola in nove titoli. TITOLO I - AUTORITÀ CREDITIZIE TITOLO II - BANCHE ART. 10 ART. 11 La prima parte è dedicata agli organi di vertice del sistema creditizio (CICR, Ministero dell economia e delle finanze, Banca d Italia). Tutte le notizie e le informazioni in possesso della Banca d Italia per l attività di vigilanza sono sottoposte al segreto d ufficio. È la parte più ampia del TUB e si suddivide in sette capi riguardanti: la nozione di attività bancaria e di raccolta del risparmio; l autorizzazione all attività bancaria concessa dalla Banca d Italia; la partecipazione al capitale delle banche; i requisiti di professionalità e di onorabilità richiesti ai partecipanti al capitale delle banche e ai soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo; le banche cooperative; le operazioni particolari di credito; le autorizzazioni rilasciate dalla Banca d Italia per l emissione di assegni circolari. Il capo I, relativo alla nozione di attività bancaria e di raccolta del risparmio, è composto da tre articoli. L attività bancaria ha carattere d impresa ed è costituita dalla raccolta di risparmio tra il pubblico e dall esercizio del credito. L attività bancaria è riservata alle banche che devono ottenere l autorizzazione della Banca d Italia, a seguito della quale vengono iscritte in un albo tenuto dalla stessa banca centrale nazionale. Le banche possono inoltre svolgere ogni altra attività finanziaria, secondo la disciplina propria di ciascuna, nonché le attività connesse e strumentali. La raccolta del risparmio si configura come acquisizione di fondi con obbligo di rimborso, sotto forma di depositi o sotto altra forma. Il principio del riconoscimento reciproco ammette che l autorizzazione ottenuta dalle autorità competenti di un Paese dell Unione Europea è valida in tutti gli altri Paesi membri, per l esercizio delle seguenti attività: raccolta di depositi o di altri fondi con obbligo di restituzione; operazioni di prestito; leasing finanziario; servizi di pagamento; emissione e gestione di mezzi di pagamento; rilascio di garanzie e di impegni di firma; operazioni per conto proprio o per conto della clientela in strumenti di mercato monetario, cambi, strumenti finanziari; partecipazione alle emissioni di titoli CAPITOLO 1 Il sistema finanziario e le banche 7

10 A B C IRB Advanced (International Rating Based Advanced) Versione avanzata del rating interno previsto da Basilea 2 utilizzabile solo dalle banche che soddisfano requisiti minimi più stringenti rispetto all approccio di base. Merchant bank Banche d affari la cui attività consiste nel fornire assistenza e consulenza nelle operazioni di alta finanza (fusioni, scorpori e acquisizioni di imprese), nella partecipazione a pool bancari per la concessione di ingenti finanziamenti, nel finanziare gli acquisti di società e soprattutto nell organizzare le emissioni di strumenti finanziari, nella loro acquisizione temporanea e nel successivo classamento presso investitori istituzionali e risparmiatori, anche mediante la partecipazione a sindacati di collocamento. Over The Counter (OTC) Operazioni concluse direttamente tra le parti, senza utilizzo del mercato regolamentato. Retail banking Banca che intrattiene rapporti con una clientela eterogenea e vasta. Raccoglie fondi attraverso una rete di sportelli e li impiega finanziando principalmente imprese medio-piccole e famiglie. TARGET 2 Il nuovo sistema TARGET 2 si basa sui seguenti principi: utilizzo di più piattaforme; servizi assoggettati a un unica tariffa che consentirà il recupero dei costi; regolamento delle transazioni in euro di importo elevato. Wholesale banking Banca che intrattiene rapporti con una clientela ristretta e altamente qualificata. Raccoglie fondi prevalentemente dal mercato interbancario e li impiega finanziando principalmente grandi imprese, Stati e organismi statali. A B C SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI Il credito rappresenta il diritto del creditore di ottenere una controprestazione futura. Può essere classificato in credito diretto, credito indiretto, credito alla produzione e credito al consumo. Gli intermediari finanziari possono essere CAPITOLO 1 di tipo bancario di tipo non bancario imprese di assicurazione società di leasing e di factoring istituti previdenziali banche d affari SIM Poste italiane spa Società di Gestione del Risparmio istituti di moneta elettronica SICAV Cassa Depositi e Prestiti spa società per la gestione fiduciaria fondi pensione di patrimoni mobiliari I tassi di interesse sono i prezzi che si formano sul mercato dei capitali alimentato dalla domanda e dall offerta di fondi con natura di capitale proprio e di capitale di debito. Le banche sono imprese che operano nel settore del credito e dei regolamenti monetari esercitando attività di intermediazione creditizia, attività finanziarie e attività di servizi. L attività bancaria ha carattere d impresa ed è costituita dalla raccolta di risparmio tra il pubblico e dall esercizio del credito. Il sistema finanziario e le banche 19 SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI

11 SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI La raccolta di risparmio, sotto forma di depositi o in altra forma, si configura come acquisizione di fondi con obbligo di rimborso. Le funzioni esercitate dalle banche sono: funzione creditizia, funzione di supporto allo sviluppo delle imprese, funzione monetaria, funzione di servizi, funzione di trasmissione degli impulsi di politica monetaria. Il Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TUB) raccoglie in modo organico le norme che attualmente disciplinano il settore del credito e che sono state rese conformi alle indicazioni europee. Il Sistema Europeo di Banche Centrali (SEBC) è un organizzazione formata dalla Banca Centrale Europea (BCE) e dalle banche centrali nazionali dei Paesi dell Unione Europea. La politica monetaria comune dei Paesi dell area euro è decisa dalla BCE (Banca Centrale Europea) ma è attuata in forma decentrata dalle banche centrali nazionali. Le autorità creditizie sono il SEBC, la BCE, il CICR, il Ministro dell economia e delle finanze e la Banca d Italia. La Banca d Italia, banca centrale nazionale, agisce secondo gli indirizzi e le istruzioni della Banca Centrale Europea svolgendo compiti operativi. La Banca d Italia rilascia le autorizzazioni all esercizio dell attività bancaria ed esercita funzioni di vigilanza sul sistema bancario per assicurarne la stabilità. L Antitrust esercita la vigilanza sulla concorrenza bancaria per impedire gli accordi, le intese, le concentrazioni e gli abusi di posizione dominante che ostacolano lo svolgimento del libero mercato. Le banche centrali nazionali dei 10 principali Paesi industriali (G 10) hanno costituito il comitato di Basilea per la vigilanza, che ha formulato delle linee guida per la stabilità delle banche mediante i seguenti strumenti requisiti patrimoniali minimi controllo prudenziale disciplina del mercato Gli strumenti e gli interventi attuati per realizzare la politica monetaria comune sono le operazioni di mercato aperto la riserva obbligatoria le operazioni su iniziativa delle controparti 20 La gestione delle banche MODULO 1 RCS LIBRI EDUCATION SPA SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI

12 VERIFICA IMMEDIATA CAPITOLO 1 CONOSCENZE 1 Indica la risposta corretta (alcuni quesiti possono avere più risposte esatte). a) Per raccolta del risparmio si intende: 1. l erogazione di fondi con obbligo di restituzione 2. l acquisizione di fondi con obbligo di rimborso 3. l acquisizione di fondi senza obbligo di rimborso 4. l erogazione di fondi senza obbligo di rimborso b) Quando in un rapporto bancario di credito il debitore è un impresa si parla di: 1. credito al consumo 3. credito familiare 2. credito diretto 4. credito alla produzione c) Quando in un rapporto bancario di credito il debitore è un azienda di erogazione si parla di: 1. credito alla produzione 3. credito familiare 2. credito diretto 4. credito al consumo d) Obiettivo del SEBC è: 1. stabilire i prezzi reciproci 2. stabilire le valute 3. mantenere la stabilità dei prezzi 4. mantenere la stabilità valutaria e) L aumento della percentuale dei depositi da versare in contanti come riserva obbligatoria provoca: 1. un aumento della moneta in circolazione 2. una variazione dei prezzi al consumo 3. una variazione della domanda di beni di consumo 4. una diminuzione della moneta in circolazione f) Nell ambito della politica monetaria realizzata dal SEBC, le operazioni di mercato aperto: 1. determinano le condizioni di liquidità del mercato 2. stabiliscono il tasso di cambio dell euro nei confronti delle altre valute 3. consentono di contenere i deficit di bilancio dei Paesi membri dell Unione Economica e Monetaria 4. sono effettuate su iniziativa delle singole banche g) L esecuzione di pagamenti elettronici da parte delle banche rientra nella: 1. funzione creditizia 2. funzione monetaria 3. funzione di trasmissione degli impulsi di politica monetaria 4. funzione di servizi h) Il Consiglio direttivo della BCE esercita un ruolo: 1. statistico 3. decisionale 2. informativo 4. consultivo i) Il sistema bancario si prefigge come scopo principale: 1. la vendita di strumenti finanziari 2. l assunzione del rischio nella gestione delle imprese 3. l intermediazione tra risparmiatori e imprese 4. l acquisto di strumenti finanziari Verifica Immediata Capitolo 1 CAPITOLO 1 Il sistema finanziario e le banche 21

13 l) La funzione di trasmissione degli impulsi di politica monetaria realizzata dalle banche consiste: 1. nel raccogliere risparmio dalle famiglie per metterlo a disposizione delle imprese 2. nell emissione di moneta bancaria 3. nel coadiuvare l amministrazione pubblica nello svolgimento di alcuni compiti 4. nel trasferire agli operatori economici i provvedimenti adottati dalle autorità monetarie m) L intermediazione finanziaria è esercitata da: 1. istituti di previdenza 3. società d intermediazione mobiliare 2. istituti di diritto pubblico 4. poste italiane n) La nozione di attività bancaria è contenuta: 1. nel TUF Titolo II 3. nel TUB Titolo II 2. nel TUF Titolo I 4. nel TUB Titolo I o) Le autorità creditizie nazionali sono: 1. il Ministero degli affari esteri 2. il Ministero dell economia e delle finanze 3. il Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio 4. la Banca d Italia p) La Banca d Italia svolge i seguenti compiti: 1. vigila sul sistema bancario 2. fornisce l indirizzo generale e politico del credito 3. gestisce la tesoreria centrale dello Stato 4. gestisce il debito pubblico q) Gli interventi di politica monetaria vengono attuati attraverso: 1. la manovra della riserva legale 3. la manovra delle riserve obbligatorie 2. le operazioni di mercato chiuso 4. le operazioni di mercato aperto r) Mediante l acquisto di titoli con regolamento a contanti e la contemporanea vendita a scadenza a un prezzo maggiore la Banca Centrale Europea si prefigge l obiettivo di: 1. ritirare liquidità dal sistema 3. rifinanziare le banche 2. immettere liquidità nel sistema 4. definanziare le banche Verifica Immediata Capitolo 1 2 s) L attività di vigilanza sulle banche italiane è svolta: 1. dal Ministero dell economia e delle finanze 2. dal Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio 3. dalla CONSOB 4. dalla Banca d Italia e dall Antitrust t) Le banche rivolgono la domanda di autorizzazione all attività bancaria: 1. alla Banca Centrale Europea 3. alla CONSOB 2. alla Banca d Italia 4. al Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio COMPETENZE Leggi il brano di Roberto Del Giudice, tratto da Il Sole 24 ORE, e rispondi alle domande che seguono. L eccessiva dipendenza delle imprese italiane nei confronti del tradizionale credito bancario, viene attribuita ad atteggiamenti provenienti sia dal fronte della domanda (le imprese stesse), che da quello dell offerta (gli intermediari finanziari), nonché al nostro contesto normativo e fiscale. 22 La gestione delle banche MODULO 1

14 3 4 Grazie all evoluzione dei mercati finanziari, esiste oggi a disposizione dell impresa una vasta gamma di alternative di finanziamento, che va dall emissione diretta sul mercato di titoli di debito di varia natura (dalle obbligazioni alle cambiali finanziarie), al finanziamento a titolo di capitale di rischio, fino per arrivare a strumenti che si pongono a cavallo tra le due categorie quali, ad esempio, i prestiti partecipativi. Tali strumenti di finanza alternativa risultano nel nostro Paese ancora largamente sottoutilizzati. Sul versante della domanda la ritrosia delle imprese italiane, in particolar modo di media e piccola dimensione, a ricercare fonti di finanziamento alternative al credito bancario viene prevalentemente ricondotta a motivazioni culturali. In realtà sono sempre di più le aziende che hanno superato o che stanno superando tale limite, grazie anche a una professionalizzazione della gestione finanziaria. Da una indagine condotta dall Istituto per la ricerca sociale sul settore dell investment banking in Italia è emerso che, su un campione di circa 50 imprese di media dimensione il 56% ha dichiarato di essere intenzionato a finanziarsi anche attraverso l emissione diretta di titoli sul mercato nazionale. Un altro 40% prevede di utilizzare strumenti o intermediari innovativi. Sul fronte dell offerta, invece, è sicuramente da segnalare la crescita, sia qualitativa che quantitativa, degli intermediari e degli strumenti finanziari in grado di migliorare l innovatività del nostro mercato dei capitali. Le stesse banche tradizionali giocheranno un ruolo sempre più importante, potendo sfruttare un vantaggio competitivo in termini di rapporto con l impresa-cliente. 1. Perché i mercati finanziari si sono evoluti? 2. Perché in questi ultimi anni si è assistito a un evoluzione dell offerta? Effettua un indagine nel quartiere in cui abiti al fine d individuare le banche e gli altri intermediari finanziari che vi operano. Presenta quindi un quadro riassuntivo e le eventuali osservazioni personali sulla loro distribuzione territoriale. Associa le seguenti attività alle funzioni svolte dall impresa bancaria: 1. funzione creditizia 2. funzione monetaria 3. funzione di trasmissione degli impulsi di politica monetaria 4. funzione di servizi 5. funzione di supporto allo sviluppo delle imprese Attività Offre consulenze di vario genere alle imprese Consente di realizzare bonifici e giroconti Concede l'utilizzo di cassette di sicurezza Concede prestiti alle imprese e ai privati Rilascia strumenti di pagamento elettronico Emette assegni circolari Offre consulenze ai privati Provvede alla tassazione delle rendite finanziarie Varia i tassi di interesse secondo l'orientamento della BCE Concede l'autorizzazione per l'emissione di assegni bancari Finanzia investimenti innovativi per lo sviluppo Funzione RCS LIBRI EDUCATION SPA Verifica Immediata Capitolo 1 CAPITOLO 1 Il sistema finanziario e le banche 23

15 VERIFICA DI FINE MODULO 1 1 Affronta i seguenti argomenti utilizzando al massimo 30 righe per argomento. 1. Dopo aver classificato le operazioni bancarie presenta esempi significativi di ogni tipologia. 2. Individua e spiega le operazioni bancarie che incidono sul margine d interesse. 3. Individua e spiega le operazioni bancarie che incidono sul margine d intermediazione. 4. Spiega le differenze tra il bilancio delle imprese industriali e quello delle imprese bancarie. 2 3 Rispondi ai seguenti quesiti utilizzando al massimo 10 righe per risposta. 1. Che cosa si intende per banca universale e quali sono le sue caratteristiche? 2. In che cosa si caratterizza il modello organizzativo federale? 3. Quali sono le differenze tra top rate e prime rate? 4. Definisci e presenta il metodo di calcolo della giacenza media. Indica la risposta corretta (alcuni quesiti possono avere più risposte esatte). a) La Banca d Italia: 1. è rappresentata dal Governatore che dura in carica dieci anni 2. opera seguendo gli indirizzi e le istruzioni impartite dalla BCE 3. esercita la vigilanza sulle banche e sugli altri intermediari finanziari 4. è una società per azioni controllata dal Ministero dell economia e finanze b) Attraverso le operazioni passive la banca: 1. diventa creditrice nei confronti dei propri clienti 2. si procura i mezzi necessari per svolgere la propria attività 3. concede finanziamenti alla clientela 4. aumenta il proprio rischio d impresa c) Il TAEG rappresenta: 1. il costo degli oneri a carico della banca 2. il costo totale degli interessi a carico della banca 3. il costo totale del credito a carico del consumatore 4. il costo degli interessi passivi a carico del consumatore d) Il saldo disponibile sul c/c di corrispondenza è quello che risulta in un dato momento: 1. tenendo presente tutte le operazioni registrate 2. tenendo presente le sole operazioni maturate 3. tenendo presente le sole operazioni di cui la banca conosce l esito 4. tenendo presente le sole operazioni di accredito e) Il fido rappresenta: 1. l importo massimo di scoperto riconosciuto a un cliente 2. l importo minimo di scoperto riconosciuto a un cliente 3. l importo massimo di credito accordato a un cliente 4. l importo massimo di debito riconosciuto a un cliente f) L apertura di credito è un contratto: 1. consensuale, orale, bilaterale e oneroso 3. consensuale, unilaterale e oneroso 2. consensuale, bilaterale e oneroso 4. consensuale, bilaterale e gratuito g) Con la cartolarizzazione i crediti vengono trasformati in: 1. cambiali garantite 3. assegni circolari 2. assegni bancari 4. titoli di debito Verifica di Fine Modulo 1 MODULO 1 Verifica di fine modulo 289

16 Verifica di Fine Modulo 1 4 h) Le passività finanziarie originate dalla banca devono essere valutate: 1. al costo ammortizzato 2. al fair value 3. al valore nominale 4. al valore di rimborso i) Il saldo liquido si ottiene considerando: 1. tutte le operazioni registrate 2. solo le operazioni maturate 3. tutte le operazioni di cui si conosce l esito 4. solo le operazioni accreditate l) La normativa emanata per contrastare il riciclaggio stabilisce che: 1. il saldo dei libretti di deposito al portatore non può superare l importo di euro 2. gli assegni bancari circolari e postali di importo da euro in avanti devono recare la clausola non trasferibile 3. per ogni assegno in forma libera il cliente della banca deve pagare l imposta di bollo di 3 euro 4. ogni girata di assegno in forma libera deve recare la firma e il codice fiscale del girante m) I crediti a medio e lungo termine acquisiti da terzi devono essere rilevati: 1. al presunto valore di realizzo 2. al fair value 3. al costo ammortizzato 4. al valore nominale n) La tutela dei depositanti è realizzata in modo indiretto: 1. quando la banca stipula contratti di assicurazione a favore dei depositanti 2. quando l ABI stipula contratti di assicurazione a favore dei depositanti 3. quando la banca centrale nazionale promuove l intervento di banche per fronteggiare l insolvenza di una banca 4. quando l ABI promuove l intervento di banche per fronteggiare l insolvenza di una banca Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false e, in quest ultimo caso, suggerisci una corretta formulazione. a) La Banca Centrale Europea è dipendente dal potere politico. V F b) I libretti di risparmio nominativi sono titoli di credito letterali e autonomi. V F c) Il contratto pronti contro termine rappresenta un finanziamento concesso al cliente quando la banca acquista titoli a contanti per rivenderli a termine. V F d) I conti correnti passivi rientrano tra le operazioni di impiego fondi. V F e) Il saldo contabile di un c/c di corrispondenza è quello che risulta in un dato momento considerando le operazioni maturate. V F f) Le partite antergate sono quelle che hanno una valuta anteriore alla chiusura del c/c. V F g) Quando più fidi sono accordati a un solo soggetto si dicono fidi multipli. V F h) L apertura di credito per firma è un prestito non monetario. V F i) La redazione del bilancio di una banca deve privilegiare la forma sulla sostanza. V F l) La Nota integrativa è strutturata in parti e sezioni. V F RCS LIBRI EDUCATION SPA 290 La gestione delle banche MODULO 1

17 ESERCIZI DA SVOLGERE Esercizi Esercizi NOTE PRELIMINARI ALLO SVOLGIMENTO DEGLI ESERCIZI Nello svolgimento degli esercizi lo studente tenga conto di quanto sotto indicato. A. Gli importi in euro presentano di regola due decimali perché la moneta europea si divide in cento eurocent. Quando i calcoli danno risultati con più di due decimali si deve fare l arrotondamento del secondo decimale per eccesso se il terzo è pari o superiore a 5, per difetto se è pari o inferiore a 4. B. Nei bilanci di esercizio lo Stato patrimoniale e il Conto economico sono redatti in unità di euro, senza decimali; i bilanci consolidati dei gruppi societari possono essere redatti in migliaia di euro. C. L aliquota IVA, quando non è specificata, è quella ordinaria. D. Per la tenuta dei conti correnti si applica il metodo scalare con procedimento amburghese, che richiede la registrazione delle operazioni in ordine di data nell estratto conto e in ordine di valuta nel riassunto scalare determinando i saldi per valuta e i numeri da utilizzare per il calcolo degli interessi (i numeri si ottengono moltiplicando ogni saldo per i rispettivi giorni e conservando due decimali). E. Il calcolo degli interessi, quando il tempo è espresso in giorni, si effettua in base al procedimento dell anno civile che è applicato anche dalle banche sia nelle operazioni di raccolta sia nelle operazioni di impiego. In relazione alle norme per l omogeneizzazione dei mercati finanziari dell area UEM, anche il calcolo degli interessi su titoli avviene considerando i giorni effettivi del calendario, escludendo il giorno di inizio di maturazione della cedola e includendo il giorno di valuta dell operazione; i ratei di interessi maturati, se sono indicati in percentuale, devono presentare 5 cifre decimali dopo il valore intero, arrotondando la quinta cifra per eccesso se la sesta è pari o superiore a 5, per difetto se è pari o inferiore a 4. F. Le fatture di vendita entrano a far parte della liquidazione IVA del mese in cui le merci sono state consegnate o spedite. Le fatture di acquisto si considerano registrate nel giorno in cui si ricevono. G. Gli esercizi sono stati raggruppati per argomento e graduati per difficoltà mediante l utilizzo di contrassegni grafici ( ). In particolare: sono esercizi che non presentano particolari difficoltà; sono esercizi che richiedono conoscenze e livelli di abilità medi; sono esercizi impegnativi che richiedono una buona conoscenza degli argomenti e abilità specifiche (collegamento, analisi dei problemi, deduzione logica). H. Se gli esercizi di intreccio riguardano argomenti trattati in tomi diversi, sotto il titolo dell esercizio è indicato il modulo dell altro tomo collegato. Esercizi Esercizi

18 1. LE BANCHE E LA LORO DISCIPLINA Esercizi Esercizi 1.1 problematiche del sistema bancario 1.2 intermediari non bancari 1.3 problematiche del sistema bancario 1.4 compiti delle banche 1.5 problemi del management bancario 1.6 gestione delle liquidità 1.7 concorrenza interna ed esterna La deregolamentazione, la despecializzazione e la privatizzazione ieri, il mercato unico europeo e le fusioni e aggregazioni oggi sono gli avvenimenti che hanno inciso in modo più significativo sul nostro sistema bancario. Analizza tali avvenimenti avvalendoti di adeguate esemplificazioni. Un numero sempre più rilevante di intermediari non bancari offre alle famiglie prodotti e servizi diversi. Si assiste così a un rallentamento della crescita dei depositi bancari e a una parallela espansione dei servizi di investimento offerti da altri operatori. Dopo aver elencato gli intermediari non bancari, soffermati sulle azioni messe in atto dalle banche per contrastare la concorrenza e fidelizzare la clientela. Il sistema bancario italiano ha vissuto negli ultimi anni profonde trasformazioni causate dall evoluzione dello scenario competitivo e dalla concorrenza messa in atto da nuovi intermediari finanziari. Prendi in esame tali problematiche, supportando le tue considerazioni con adeguate esemplificazioni. RCS LIBRI EDUCATION SPA L evoluzione del contesto economico e competitivo nel quale si muovono le banche e le imprese clienti ridefinisce i termini del loro rapporto. Il nuovo scenario spinge le imprese a considerare le banche secondo una diversa prospettiva: la banca diventa un partner con funzioni non solo finanziarie ma anche informative, un consulente di servizi nuovi e diversi. Prendi in esame tali problematiche corredando le tue considerazioni con esempi tratti dalla realtà. La banca si presenta oggi con peculiari caratteristiche a seguito di un lento processo di trasformazione che, iniziato intorno agli anni 1970, continua ancora oggi per riuscire a tenere il passo con l evoluzione finanziaria, economica, sociale e politica dell ambiente in cui essa opera. La banca moderna deve affrontare, tra gli altri, due grandi problemi: 1. l incessante aumento della concorrenza, dovuto anche alla liberalizzazione dell attività bancaria in un ottica d integrazione europea; 2. il ristagno dell intermediazione bancaria a causa della presenza di nuovi intermediari finanziari. Per risolvere detti problemi la banca ha elaborato adeguate strategie, per riacquistare la centralità nel mercato dei capitali. Sviluppa tali problematiche, portando esemplificazioni a supporto delle tue considerazioni. La banca deve organizzare la propria gestione in modo che il flusso delle entrate assicuri, tempestivamente ed economicamente, i mezzi necessari a soddisfare i flussi in uscita. Tra le varie combinazioni possibili, la banca deve ricercare quella che permetta di raggiungere anche il più alto grado di redditività. Sviluppa tali problematiche, mettendo in luce come siano affrontate in modo diverso dalle imprese di produzione. Esamina le problematiche relative alla concorrenza interna ed esterna al sistema creditizio, descrivendo le azioni intraprese dalle banche per affrontare il fenomeno. Predisponi una relazione sulla tematica proposta, dopo aver raccolto informazioni dai quotidiani economici oppure direttamente dalle banche della zona in cui vivi. Esercizi Esercizi 380

19 2. ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLE BANCHE Esercizi Esercizi 2.1 caratteristiche organizzative e gestionali delle banche 2.2 strategie e sviluppo 2.3 evoluzione delle strategie organizzative e operative delle banche 2.4 assetto organizzativo della rete distributiva 2.5 marketing bancario 2.6 concentrazioni con banche estere Facendo riferimento a una banca di medie dimensioni: illustra le caratteristiche dell organizzazione; illustra le problematiche operative della gestione; evidenzia le finalità assegnate alle contabilità sezionali e alla contabilità gestionale; esamina il significato dei risultati intermedi che permettono d interpretare l andamento reddituale. Le banche italiane operano in un contesto competitivo che richiede un continuo rinnovamento delle strategie e la realizzazione di prodotti innovativi rivolti a target sempre più mirati ed esigenti. Dopo aver preso in esame tali problemi, tratta delle principali innovazioni di prodotto e di processo introdotte dalle banche italiane per operare sul mercato unico europeo. Analizza infine l outsourcing, strumento a disposizione delle banche di medie dimensioni per diventare competitive sul mercato europeo. La gestione delle banche è condizionata da diversi fattori, tra cui: informatizzazione; accentuata concorrenza; competizione sul mercato degli strumenti finanziari attuata dagli altri investitori istituzionali. Soffermati su queste problematiche, mettendo in luce in particolare come tali fattori abbiano inciso sui processi organizzativi e gestionali degli enti creditizi. L attuale processo di ridefinizione dell assetto organizzativo della rete distributiva delle banche risulta influenzato da due fattori fondamentali: le nuove tecnologie informatiche, che rendono meno necessaria la vicinanza al cliente, soprattutto per le attività che non richiedono consulenze; i cambiamenti del quadro normativo, che consentono alle banche di collocare i propri prodotti direttamente al domicilio del cliente con dipendenti o promotori finanziari. Le indagini di mercato evidenziano che la clientela considera comunque importante il rapporto personale e non è propensa a instaurare contatti con la banca unicamente in via telematica. Prendi in esame tali problematiche, supportando le tue considerazioni con adeguati esempi. Il marketing bancario, filosofia di gestione aziendale, comporta l adozione di strategie dirette a soddisfare le esigenze della clientela attuale e futura: «Il cliente è l origine e il centro di ogni decisione aziendale». La banca orientata al cliente considera quest ultimo come un soggetto attivo al centro del suo interesse e predispone, quindi, una gamma di prodotti e servizi in funzione delle esigenze che ogni fascia di clientela manifesta. Analizza le affermazioni sopra riportate, avvalendoti di adeguate esemplificazioni. Il processo di aggregazione tra le banche riceve impulso dalla ricerca di dimensioni maggiori, che consentano di ridurre i costi e migliorare l efficienza per competere con i colossi stranieri del credito. Questo processo di aggregazione si è svolto in una prima fase all interno dei confini nazionali, ma da alcuni anni coinvolge banche di Paesi diversi. Ciò consente alle banche di realizzare progetti di espansione all estero, entrando in nuove aree geografiche, conquistando nuove quote di mercato e servendo adeguatamente le grandi imprese clienti multinazionali. Dopo aver commentato il significato di quanto sopra, raccogli informazioni su alcuni casi di fusioni e acquisizioni bancarie transfrontaliere e spiega se hanno rappresentato un evoluzione naturale del sistema creditizio che ne migliora l efficienza e sviluppa le potenziali sinergie. Esercizi Esercizi

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli