I servizi dei Centri per l impiego

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I servizi dei Centri per l impiego"

Transcript

1 CENTRI PER L IMPIEGO Provincia di Livorno: Livorno Via G. Galilei 40 Tel Fax Cecina Via Roma 1 Tel , Fax progetto grafico e realizzazione Conform srl Rosignano Via Amendola 9 - Tel Fax Piombino Largo Caduti sul Lavoro 17 - Tel Fax Portoferraio Via V. Hugo 1 Tel Fax PROVINCIA DI LIVORNO I servizi dei Centri per l impiego

2 I servizi dei Centri per l impiego

3 Sommario Premessa Premessa 03 Servizio incontro domanda offerta di lavoro 05 Servizio di sostegno all autoimprenditorialità 07 Sportello scuola 09 Progetti speciali 11 Progetto re-impiego mobilità 15 Progetto PARI 17 Carta ILA 19 Tirocini formativi e di orientamento 21 Incentivi al lavoro 23 I Centri per l impiego (Cpi) sono il principale punto di incontro, informazione, consulenza, assistenza per chi cerca e offre lavoro ed esperienze professionali e per l attivazione delle procedure di iscrizione allo stato di disoccupazione, alle liste di mobilità e alla legge 68/99 (disabili e categorie protette). Sul territorio della Provincia di Livorno sono cinque le sedi del Centro per l impiego: Livorno, Rosignano, Cecina, Piombino e Portoferraio. Presso gli uffici dei Cpi è possibile usufruire di servizi e informazioni utili alle persone e alle imprese su formazione professionale e politiche attive del lavoro, progettazione e gestione di tirocini, orientamento all autoimprenditorialità, obbligo formativo, intermediazione tra domanda e offerta di lavoro, apprendistato e supporto all inserimento lavorativo delle fasce più deboli. Cpi Livorno Via Galilei 40 Cpi Rosignano Via Amendola 9 ARCIPELAGO TOSCANO Livorno Cpi Portoferraio Via Hugo 1 Rosignano AREA LIVORNESE Cecina Cpi Cecina Via Roma 1 Cpi Piombino Largo caduti sul Lavoro 17 Portoferraio Piombino VAL DI CORNIA 03

4 Servizio incontro domanda offerta di lavoro Il servizio offerto dai Cpi ha lo scopo di facilitare l incontro tra la richiesta di professionalità espressa dalle aziende e le competenze di coloro che cercano occupazione. Gli operatori addetti accolgono le richieste di personale formulate dalle aziende e offrono loro tre tipi di servizi: pubblicazione su stampa locale, sito provinciale e Banca lavoro Toscana del profilo professionale richiesto preselezione dei curricula presenti nella banca dati dei Cpi e di quelli pervenuti a seguito della pubblicazione delle richieste delle aziende e invio dei nominativi per i colloqui finali selezione, in collaborazione con l azienda, del candidato da inserire L azienda usufruisce così della gratuità del servizio e della visibilità dell offerta attraverso la pubblicazione sui vari canali a disposizione. I Cpi inoltre garantiscono la riservatezza e la personalizzazione del servizio con la definizione delle modalità e dei tempi di fruizione. 05

5 Servizio di sostegno all autoimprenditorialità È un servizio dei Centri per l impiego rivolto a chi intende avviare un attività autonoma. Lo sportello offre consulenza per lo start-up d impresa, partendo dall analisi dell idea imprenditoriale e assistendo gli aspiranti lavoratori autonomi sia sul versante delle propensioni personali di imprenditorialità (come la definizione delle proprie potenzialità, attitudini e motivazioni), sia su quello degli aspetti tecnici legati alla creazione di impresa (adempimenti, procedure, metodologie, sviluppi di mercato etc). L obiettivo è quello di fornire un servizio integrato, mirato a incentivare la creazione di impresa, attraverso i seguenti supporti: assistenza e orientamento nella definizione di potenziali aree di business consulenza su analisi di mercato e di fattibilità dell idea imprenditoriale predisposizione e redazione del business plan informazioni sui finanziamenti disponibili e assistenza nella presentazione delle domande di finanziamento informazioni sulle normative che regolano i vari settori delle attività economiche consulenza allo start-up e affiancamento all impresa Lo sportello organizza inoltre seminari tematici sulla finanza d impresa, sul marketing, sull organizzazione interna e la gestione delle risorse umane, sulle forme e le tipologie di società. 07

6 Sportello scuola I Centri per l impiego forniscono un servizio di informazione e orientamento sulle opportunità a disposizione di chi sceglie di assolvere l obbligo formativo al di fuori del sistema scolastico. Una volta superato l obbligo scolastico (fissato a 16 anni e con almeno 10 anni di permanenza nel sistema scolastico) il personale esperto dello sportello scuola offre loro assistenza nella scelta del percorso di istruzione e/o formazione, con l obiettivo di rendere i giovani capaci di definire consapevolmente il proprio progetto di vita e di muoversi nel mondo del lavoro. La legge 144/1999 prevede tre opzioni per assolvere l obbligo formativo: proseguire l iter all interno del sistema di istruzione scolastica frequentare le attività formative del sistema di formazione professionale regionale per il raggiungimento di una qualifica (sono previsti anche percorsi integrati tra scuola e formazione al fine di arricchire il percorso individuale) iniziare un contratto di apprendistato che prevede l inserimento nel mondo del lavoro e l obbligo di frequentare le attività formative esterne all impresa È prevista la possibilità di passare da un opzione all altra: dai licei alla formazione professionale o all apprendistato e viceversa o da un percorso all altro, all interno dello stesso canale (es. da un liceo a un altro liceo), attraverso il riconoscimento dei crediti formativi. Lo sportello scuola aiuta i giovani nel proprio percorso di crescita affinché, innalzando il livello di istruzione e formazione individuale, possano meglio accedere al mondo del lavoro e acquisire fiducia nelle proprie capacità. 09

7 Progetti speciali Parola chiave > APPRENDISTATO È un particolare contratto di lavoro nel quale il datore di lavoro, oltre a versare il corrispettivo per l attività svolta, deve impartire all apprendista assunto alle sue dipendenze l insegnamento necessario per conseguire la capacità tecnica per diventare lavoratore qualificato. Esistono tre tipologie di apprendistato (Dlgs 276/03): apprendistato per l espletamento del diritto dovere di istruzione e formazione Destinatari: giovani tra i 16 e i 18 anni non compiuti Durata: massimo 3 anni Obiettivo: conseguimento di una qualifica professionale apprendistato professionalizzante Destinatari: giovani tra i 18 e i 29 anni (la soglia si riduce a 17 anni compiuti per coloro che sono in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi della L. 53/2003) Durata: minimo 2 anni, massimo 6 anni Obiettivo: conseguimento di una qualifica professionale, attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnico-professionale apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Destinatari: giovani tra i 18 e i 29 anni Durata: minimo 18 mesi, massimo 4 anni Obiettivo: conseguimento di un titolo di studio di secondo livello o universitario, compresi i dottorati di ricerca I Centri per l impiego seguono con particolare attenzione le problematiche relative agli inserimenti lavorativi delle fasce deboli, ovvero di soggetti che rientrano nelle categorie protette (legge 68/1999) e/o di soggetti/lavoratori svantaggiati. Per quanto riguarda le categorie protette, è operativo un servizio esclusivamente dedicato alle forme di accompagnamento e all inserimento lavorativo di tali utenti che, attraverso attività di orientamento individualizzato, rafforzamento delle competenze, ricerca di occasioni di lavoro adatte alle problematiche individuali e tutoraggio durante l inserimento nell attività, agevola la conoscenza delle proprie capacità, la stima in se stessi e contribuisce ad appianare le difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro, cautelando il diritto al lavoro di tali soggetti. Per i soggetti svantaggiati i Cpi della Provincia di Livorno hanno in corso progetti in accordo con le Istituzioni pubbliche o private che operano in ambito sociale o sanitario (Comune- Servizi alla persona, ASL, Ser.T, Casa circondariale) per la riattivazione e il reinserimento lavorativo di tali soggetti. L attività, prevalentemente organizzata in percorsi di gruppo, è mirata a favorire il re-ingresso nel mercato del lavoro e nei meccanismi produttivi della società, di persone che necessitano di sostegno e di strumenti specifici

8 Lo sviluppo delle risorse professionali, l analisi delle competenze e delle abilità personali in riferimento anche alle figure richieste dal mercato locale, la riqualificazione e la ricollocazione occupazionale sono promossi tramite colloqui e azioni di counseling individuale e di gruppo, seminari, servizio di incontro domanda offerta, borse lavoro e tirocini e aiuti alle assunzioni a favore delle imprese. I progetti sono sostenuti anche da idonei servizi di tutoraggio. Parola chiave > COUNSELING Il termine (counselling, secondo l inglese britannico) indica un attività professionale che tende a orientare, sostenere e sviluppare le potenzialità dell utente, promuovendo gli atteggiamenti propositivi e stimolando le capacità di scelta. L operatore di counseling si occupa di metodologie generali (prendere decisioni, migliorare le relazioni interpersonali) e di temi specifici (famiglia, lavoro, scuola). Parola chiave > FASCE DEBOLI Rientrano nella definizione di fasce deboli le persone che appartengono alle categorie protette e i lavoratori svantaggiati. Categorie protette Secondo l Art. 1 della legge 68/99, sono definite appartenenti alle categorie protette le persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e i portatori di handicap intellettivo con una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%; le persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%; le persone non vedenti o sordomute; le persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio. Soggetto/lavoratore svantaggiato È definito svantaggiato qualsiasi soggetto che ha difficoltà a inserirsi nel mercato del lavoro senza specifica assistenza; si tratta di tutte le persone che rientrano nei criteri individuati dall Art. 2 (lett. f) del regolamento CE 2204/2002. Ne fanno parte, per esempio, i giovani sotto i 25 anni ancora in cerca del primo impiego, i disoccupati di lungo periodo, le minoranze etniche, gli over 50 disoccupati o a rischio di disoccupazione, donne residenti in aree geografiche con un alto tasso di disoccupazione, ex detenuti, tossicodipendenti etc

9 Progetto re-impiego mobilità Le azioni attraverso le quali il progetto si sostanzia sono finalizzate a sostenere e facilitare la ricollocazione dei dipendenti di aziende in situazioni di crisi, individuati con adesione volontaria, tra gli utenti iscritti alle liste di mobilità. In particolare, questo progetto tende a delineare percorsi individualizzati che possano facilitare la ricollocazione di lavoratori e lavoratrici di aziende destinatarie e non di ammortizzatori sociali (approccio curativo), e quello di dipendenti di aziende a rischio di espulsione dal mercato del lavoro a seguito di processi di crisi (approccio preventivo). 15

10 Progetto PARI Il progetto PARI (Programma di Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati) ha l obiettivo di favorire l occupazione femminile sul territorio provinciale; è finanziato dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, d intesa con la Regione Toscana e la Provincia di Livorno ed è gestito dai Cpi della Provincia di Livorno. PARI assunzioni - interessa le aziende ubicate nei territori della Val di Cecina, Val di Cornia e dell Elba e riguarda le assunzioni a tempo indeterminato di donne tra i 40 e i 55 anni iscritte alle liste di mobilità o disoccupate di lungo periodo. Per ogni assunzione è previsto un premio per l azienda di euro al quale potrà sommarsi una dote formativa per un importo massimo di euro per azioni di adattamento delle competenze della lavoratrice assunta; PARI tirocini - riguarda tutto il territorio della provincia di Livorno e sostiene l attivazione di tirocini formativi della durata massima di 3 mesi rivolti a donne tra i 30 e i 55 anni, disoccupate di lungo periodo o in mobilità, iscritte ai Centri per l impiego. Per ogni tirocinante è previsto un rimborso spese mensile di 450 euro. Con PARI le offerte di impiego/tirocinio dei datori di lavoro che aderiscono al progetto (imprese, fondazioni, associazioni, studi professionali) sono incrociate dal Centro per l impiego con le candidature delle donne in possesso dei requisiti previsti, attivate attraverso bando. La scelta della candidata è a sola discrezione del datore di lavoro. 17

11 Carta ILA La Carta ILA (Individual Learning Account) è una Carta di credito formativo individuale prepagata che permette ai soggetti individuati dai Centri per l impiego (tra i disoccupati iscritti ai sensi del Dlgs 181/2000) di ricevere un contributo economico per i costi sostenuti nel realizzare un progetto formativo. La Carta, messa a punto sulla base dell esperienza già avviata negli anni passati, è finalizzata a sperimentare, incentivare e promuovere misure di politica attiva del lavoro capaci di agire su persone prive di un proprio progetto formativo. La Provincia di Livorno, al fine di stimolare un offerta formativa differenziata e di qualità, capace di rispondere ai fabbisogni formativi individuali e alle priorità territoriali, ha istituito l Albo Provinciale dell offerta formativa personalizzata. L Albo costituisce il riferimento in termini di offerta formativa per il Progetto ILA. I percorsi, finalizzati all aggiornamento delle competenze, in particolare di quelle tecnicoprofessionali, hanno una durata variabile e sono descritti mediante unità di competenza (conoscenze + capacità) presenti nel repertorio delle figure professionali della Regione Toscana, al fine di facilitare la certificazione delle competenze acquisite dai partecipanti, anche a conclusione di singoli moduli formativi. 19

12 Tirocini formativi e di orientamento Parola chiave > POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Le politiche attive del lavoro sono l insieme di tutte le iniziative messe in atto dalle istituzioni per promuovere l occupazione e l inserimento lavorativo, quest ultimo inteso sia come lavoro dipendente sia come auto-impiego e quindi creazione di nuova imprenditorialità. Le politiche attive del lavoro mirano a raggiungere la piena occupazione, migliorare la qualità e produttività del lavoro, rafforzare la coesione e l inclusione sociale. Il tirocinio è uno strumento di formazione realizzato presso un azienda, che gli operatori dei Cpi offrono ai soggetti in cerca di occupazione per favorire una conoscenza diretta del mondo del lavoro e agevolare le future scelte professionali. Si configura come un periodo di formazione on the job che permette un esperienza pratico-professionale efficace sia per le imprese, perché dà loro l opportunità di formare al proprio interno persone in prospettiva di un inserimento lavorativo, sia per il beneficiario, perché gli consente di conoscere l ambiente di lavoro, il processo lavorativo concreto e le caratteristiche del profilo professionale di riferimento. La realizzazione di un tirocinio prevede tre modalità attuative: tirocini tramite Cpi i tirocinanti sono individuati dai Centri per l impiego anche nell ambito dei progetti speciali della Provincia, attraverso colloqui individuali finalizzati alla valuzione del possesso delle competenze di base e tecnico-professionali, nonché della motivazione al lavoro; tirocini tramite soggetto attuatore il soggetto attuatore che ha il compito di organizzare il tirocinio e garantire la riuscita del percorso, individua sia i tirocinanti sia le aziende ospitanti scelte secondo criteri oggettivi e condivisi con i Cpi quali l analisi dei fabbisogni professionali e dell andamento del mercato del lavoro; 20 21

13 tirocinanti individuati direttamente dalle aziende l azienda interessata individua il candidato tirocinante. Il soggetto attuatore promuove, progetta e gestisce le pratiche amministrative dei tirocini e il servizio di tutoraggio. La figura del tutor è prevista per affiancare il tirocinante e agevolare il suo ingresso/percorso in azienda. Il tirocinio si realizza sulla base di un apposita convenzione tra l azienda ospitante e l ente promotore, da individuarsi fra quelli autorizzati dalla normativa (Centri per l impiego, Università, Istituzioni scolastiche statali e non, Cooperative sociali, etc). Alla convenzione deve essere allegato il progetto formativo e di orientamento che indica gli obiettivi, i tempi e le modalità di svolgimento del tirocinio. Parola chiave > TUTORAGGIO Incentivi al lavoro I Centri per l impiego contribuiscono all attuazione delle politiche provinciali di sostegno alle imprese e di incentivo alle assunzioni, attraverso la gestione del pacchetto anticrisi. Il pacchetto sostiene le piccole e medie imprese con unità operative localizzate sul territorio provinciale, che intendono procedere all assunzione di personale a tempo pieno e indeterminato, attraverso la concessione di un contributo all assunzione (6.000 euro) al quale si aggiungono: un voucher formativo (fino a euro) finalizzato alla professionalizzazione del neo assunto, dell imprenditore, dirigente o quadro aziendale; un contributo per consulenze aziendali e/o partecipazione a fiere (fino a euro) dedicato allo sviluppo di politiche e servizi per l anticipazione e gestione dei cambiamenti, oltre che alla promozione della competitività e imprenditorialità. In pratica il pacchetto mette a disposizione delle Pmi che rispondono ai requisiti del bando fino a euro per ogni nuovo assunto. Il bando integrale, con le condizioni e le modalità per richiedere il contributo, è consultabile e scaricabile dal sito della Provincia nella sezione lavoro e formazione professionale. Attività di supporto e accompagnamento nel processo formativo e di apprendimento dei soggetti impegnati nei tirocini (tirocinanti)

14 Il presente opuscolo è parte del progetto di comunicazione Fse per la Provincia di Livorno ed è realizzato a cura della Unità servizio lavoro e formazione professionale. Assessore lavoro e formazione professionale Ringo Anselmi Unità servizio lavoro e formazione professionale Diego Teloni Coordinamento Vincenzina Abbate (Unità servizio lavoro e formazione professionale, Provincia di Livorno) Francesca Scorsino (Conform srl) Progetto editoriale Francesca Scorsino (Conform srl) Redazione Ketty Bonaldi, Vincenzina Abbate (Unità servizio lavoro e formazione professionale, Provincia di Livorno) Manuela Cenciarelli, Francesca Scorsino (Conform srl) Progetto grafico e realizzazione Valeria Faella (Conform srl) Stampa Benvenuti & Cavaciocchi Viale Carducci 15/19, Livorno Per informazioni: Provincia di Livorno, Unità servizio lavoro e formazione professionale Via G. Galilei Livorno Maggio 2009 distribuzione gratuita

I servizi per i cittadini

I servizi per i cittadini CENTRI PER L IMPIEGO Provincia di Livorno: Livorno Via G. Galilei 40 Tel. 0586.257519 Fax 0586.449623 ci.livorno@provincia.livorno.it Rosignano Via Amendola 9 - Tel. 0586.760169 - Fax. 0586.760234 ci.rosignano@provincia.livorno.it

Dettagli

I servizi per le imprese

I servizi per le imprese CENTRI PER L IMPIEGO Provincia di Livorno: Livorno Via G. Galilei 40 Tel. 0586.257519 Fax 0586.449623 domoff.livorno@provincia.livorno.it Cecina Via Roma 1 Tel. 0586.688022, 0586.688021 Fax 0586.688023

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Servizio Politiche del Lavoro e Formazione Professionale Venerdì 4 Luglio 2008

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO

GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO MISURE UMBRIA MARCHE ABRUZZO Misura 1A Accoglienza e informazioni sul Obiettivo minimo: Circa 25.000 giovani tra i 15-29 anni Informazioni disponibili presso

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

Regione Siciliana ALLEGATO

Regione Siciliana ALLEGATO Regione Siciliana ALLEGATO alla domanda di accesso al fondo europeo FEG, presentata dal Ministero del Lavoro il 29 dicembre 2011, per interventi sui lavoratori in esubero dell azienda AGILE con sede di

Dettagli

GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ

GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ di Lucia ROSSI APPROFONDIMENTI Nell articolo sono presentate le principali iniziative volte alla promozione dell occupazione giovanile. La crisi economica

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani Palermo lì 1 LE RAGIONI DEL PIANO I numeri ² la Sicilia è oggi la regione

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE luglio 2014 n 19 Livorno, 24 luglio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Roma, 28 marzo 2012 Modello di Servizio per il Collocamento Mirato Finalità del Collocamento mirato Promozione di politiche attive per accrescere

Dettagli

Lavoriamo insieme per il vostro business

Lavoriamo insieme per il vostro business AGENZIA PER IL LAVORO CONSULENZA AZIENDALE SISTEMI DI GESTIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE Lavoriamo insieme per il vostro business Lavoriamo insieme per il vostro business Nata nel 2003 dalla collaborazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Regione Piemonte ALLEGATO

Regione Piemonte ALLEGATO Regione Piemonte ALLEGATO alla domanda di accesso al fondo europeo FEG, presentata dal Ministero del Lavoro il 29 dicembre 2011, per interventi sui lavoratori in esubero dell azienda AGILE con sede di

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 ALLEGATO 1 SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 1 Sevizi per il lavoro generali obbligatori (Art. 4 co. 1) Area funzionale I coinvolte negli SPI - Illustrare i servizi offerti; - Informare sulla rete dei

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE. Antonella Chiusole

DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE. Antonella Chiusole DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE Antonella Chiusole 1 II) FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E OCCUPATI Intervento 3: FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E A RISCHIO DISOCCUPAZIONE

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

Iniziativa Garanzia Giovani

Iniziativa Garanzia Giovani Le opportunità da cogliere al volo Evento annuale POR FSE della Regione Toscana Iniziativa Garanzia Giovani Paolo Baldi Direttore Istruzione e Formazione Firenze, 20 Novembre 2015 Quadro comunitario di

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE maggio 2014 n 18 Livorno, 16 maggio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro INCENTIVI OCCUPAZIONALI - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro JOBS ACT Nuove assunzioni a tempo indeterminato con CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: - sgravio contributivo

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

In Abruzzo. Opportunità per le imprese. http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it

In Abruzzo. Opportunità per le imprese. http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it In Abruzzo Opportunità per le imprese http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it LA GARANZIA GIOVANI PARTE. CON LE IMPRESE. L Unione Europea promuove Garanzia Giovani per rafforzare le opportunità occupazionali

Dettagli

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa CONSORZIO Spinner - Bologna Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa PREMESSA La Sovvenzione Globale Interventi per la qualificazione delle risorse

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

Accesso al lavoro delle persone disabili

Accesso al lavoro delle persone disabili Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Seduta del 4 ottobre 2012 Accesso al lavoro delle persone disabili Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA " " CONTINUIAMO A DOTARCI CONTRO LA CRISI Per il quarto anno consecutivo La Regione del Veneto ha promosso attraverso lo strumento della Dote Lavoro, percorsi

Dettagli

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI AdIM News testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sala Consilina (SA) al R.G. N. 3/05 del 14.12.05 Finalità Destinatari Attuatori/Beneficiari Scadenza 31 dicembre 2015 La Regione Campania

Dettagli

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione ALLEGATO A AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione 1. IL CONTESTO NORMATIVO La politica d'inserimento lavorativo e sostegno all occupazione

Dettagli

TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI. di cui all art. 6

TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI. di cui all art. 6 TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI di cui all art. 6 1 Tabella D: ESPERIENZA SERVIZI PER IL LAVORO GENERALI OBBIGATORI Aree Funzionali I, II, III e IV (i contenuti indicati

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo.

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Sonia Di Naccio Coordinatrice Impresa Donna Roma, 8 ottobre 2014 Garanzia Giovani in Abruzzo La Regione Abruzzo dispone di

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014 Maggio 2014 La strategia è rivolta a: prevenire e contrastare la dispersione scolastica e formativa; rafforzare le competenze dei giovani a vantaggio dell occupabilità; favorire le occasioni di efficace

Dettagli

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO Pacchetto di interventi, finanziato con risorse del FSE e del Ministero del Lavoro, per superare le difficoltà di accesso al credito - Avviso Pubblico "Microcredito

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

REGIONE BASILICATA Dipartimento Formazione Lavoro Cultura Sport MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

REGIONE BASILICATA Dipartimento Formazione Lavoro Cultura Sport MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE BASILICATA Dipartimento Formazione Lavoro Cultura Sport MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LINEE DI INTERVENTO PER L INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA DI SOGGETTI, ADULTI E MINORI, SOTTOPOSTI A PROVVEDIMENTO

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Azioni finalizzate all inserimento lavorativo delle persone disabili ai sensi della legge

Dettagli

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6 TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO di cui all art. 6 1 Tabella D: ESPERIENZA - SERVIZI PER IL LAVORO GENERALI OBBIGATORI Aree Funzionali I, II, III e IV Documenti da presentare

Dettagli

IMPRESE OSPITANTI DESTINATARIE DELLA MANIFESTAZIONE D INTERESSE

IMPRESE OSPITANTI DESTINATARIE DELLA MANIFESTAZIONE D INTERESSE BANDO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO LAV ORA PROGETTI PER L INCLUSIONE SOCIALE POR FSE 2007-2013 REGIONE SARDEGNA

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IDEE IMPRENDITORIALI

AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IDEE IMPRENDITORIALI CITTÀ DI RAGUSA CENTRO RISORSE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE INCUBATORE D IMPRESA 2011 AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IDEE IMPRENDITORIALI RIVOLTO AD ASPIRANTI IMPRENDITORI/IMPRENDITRICI PER ESSERE AMMESSI

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

Dentro il mondo del lavoro. I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili

Dentro il mondo del lavoro. I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili Dentro il mondo del lavoro I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili 1 2 Il Collocamento Mirato - (L.68/99) Il Collocamento delle persone disabili è una delle competenze attribuite alle

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA Il giorno 31 Marzo 2015 presso la sede dell Assessorato Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali della Regione Calabria sito a Catanzaro in Viale Lucrezia della Valle

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa PROVINCIA DI MANTOVA Area Istruzione, Lavoro e Formazione Servizio Provinciale del Lavoro PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005 Premessa

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B Provincia di Como Assessorato Politiche Attive del Lavoro Servizio provinciale collocamento mirato disabili rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per

Dettagli

SCHEDA 1-A. Accoglienza, presa in carico, orientamento

SCHEDA 1-A. Accoglienza, presa in carico, orientamento SCHEDA 1-A Accoglienza, presa in carico, orientamento ACCOGLIENZA E INFORMAZIONI SUL PROGRAMMA Facilitare e sostenere l'utente nell'acquisizione di informazioni, anche in auto consultazione, utili a valutare

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

I. Il progetto Andiamo a Lavorare!

I. Il progetto Andiamo a Lavorare! Andiamo a Lavorare! I. Il progetto Andiamo a Lavorare! I. Come è nato Il progetto Andiamo a lavorare! nasce dall incontro tra una Amministrazione Comunale di Canale Monterano,, gli Operatori del Servizio

Dettagli

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati Giovanisì è il progetto della Regione Toscana per l autonomia dei giovani, per ridare loro un futuro sulla base del merito nello studio e nell attività lavorativa. Un pacchetto di opportunità di livello

Dettagli